UN ROSARIO DI STILUM CURIAE. È L’OPERA DI SERGIO RUSSO.

8 Giugno 2020 Pubblicato da

 

Marco Tosatti

Cari amici e nemici di Stilum Curiae, mi permetto un piccolo spot pubblicitario a favore di un amico, mio e dei lettori di Stilum Curiae, Sergio Russo, l’artigiano scrittore, che avete letto varie volte su queste pagine.

E premetto che non ho nessuna partecipazione, se non spirituale, nel lavoro di Sergio Russo. Che però tempo fa mi ha fatto omaggio di un rosario, creato da lui, con il simbolo di Stilum Curiae (San Miche arcangelo). Mi è piaciuto talmente che gli ho chiesto di scrivere qualche riga per illustrare questa sua attività. Eccole.

§§§

In questi tempi di corona virus c’è chi invece, in assoluta controtendenza, propone corone… del Rosario!

La particolarità di tali corone è quella di poterle personalizzare a proprio piacimento – scegliendo prima un’immagine religiosa, alla quale siete particolarmente legati, che dovrete poi inviare (oppure semplicemente segnalarla) – per ricevere quindi un rosario che vi caratterizzerà personalmente…

Tali corone si presentano dunque in cinque modelli differenti, i cui grani sovente sono intercalati da pietre dure semipreziose, e comunque tutti avranno la crociera recante l’immagine da voi scelta, accompagnati da un grazioso “cartoncino-ricordo”, sempre con la medesima immagine.

Queste corone del rosario inoltre, sono tutti “pezzi unici” (cioè ciascuno è differente dall’altro), singolarmente numerati e firmati, ed infine, a seconda del tipo di rosario scelto, ognuno di essi è posto all’interno di una raffinata scatola trasparente, oppure inserito in un’elegante bustina trasparente.

   Potrete comunque esaminare tutto nei dettagli visitando il sito: www.pergamene.net

§§§




 

STILUM CURIAE HA UN CANALE SU TELEGRAM

 @marcotosatti

(su TELEGRAM c’è anche un gruppo Stilum Curiae…)

E ANCHE SU VK.COM

stilumcuriae

SU FACEBOOK C’È LA PAGINA

stilumcuriae




SE PENSATE CHE

  STILUM CURIAE SIA UTILE

SE PENSATE CHE

SENZA STILUM CURIAE 

 L’INFORMAZIONE NON SAREBBE LA STESSA

 AIUTATE STILUM CURIAE!

ANDATE ALLA HOME PAGE

SOTTO LA BIOGRAFIA 

OPPURE CLICKATE QUI 




Questo blog è il seguito naturale di San Pietro e Dintorni, presente su “La Stampa” fino a quando non fu troppo molesto.  Per chi fosse interessato al lavoro già svolto, ecco il link a San Pietro e Dintorni.

Se volete ricevere i nuovi articoli del blog, scrivete la vostra mail nella finestra a fianco.

L’articolo vi ha interessato? Condividetelo, se volete, sui social network, usando gli strumenti qui sotto.

Se invece volete aiutare sacerdoti “scomodi” in difficoltà, qui trovate il sito della Società di San Martino di Tours e di San Pio di Pietrelcina


LIBRI DI MARCO TOSATTI

Se siete interessati a un libro, cliccate sul titolo….


Viganò e il Papa


FATIMA, IL SEGRETO NON SVELATO E IL FUTURO DELLA CHIESA

Fatima El segreto no desvelado

  SANTI INDEMONIATI: CASI STRAORDINARI DI POSSESSIONE

  PADRE PIO CONTRO SATANA. LA BATTAGLIA FINALE

  Padre Pío contra Satanás

La vera storia del Mussa Dagh

Mussa Dagh. Gli eroi traditi

Inchiesta sul demonio

Condividi i miei articoli:

Libri Marco Tosatti

Tag: , ,

Categoria:

28 commenti

  • Enrico ha detto:

    Per Anonimo Verace.

    Perfettamente d’accordo. San Paolo non si discute.

    Però ho la netta sensazione di interloquire con persone sorde al pensiero altrui.

    Allora ripeto: mi riferisco a popoli e religioni (o anche filosofie) non DOPO Cristo ma PRIMA di Cristo. Allora che diciamo? Che sono tutte generazioni perdute? E che facciamo? Ci dimentichiamo che se oggi la nostra generazione sta qui a discutere lo deve alle generazioni e generazioni e generazioni che l’hanno preceduta sin da migliaia di anni prima di Cristo?

    Questo atteggiamento verso i Popoli Antichi che NON CONOBBERO CRISTO e quindi avevano l’anello al naso ed erano immersi nelle tenebre è davvero sprezzante e presuntuoso, e a ben vedere ha poco di cristiano. Anzi è una bestemmia contro la Divina Provvidenza che secondo un diffuso bigottismo si sarebbe svegliata appena 2000 anni fa (strano il pensiero di certi cristiani che scambiano 2000 anni con l’eternità e le decine di migliaia di anni precedenti come un tempo brevissimo di … perdizione).

    La Rivelazione Cristiana COMPIE in modo definitivo e completo la Legge e i Miti dell’Orbe terracqueo, e se li compie vuol dire che in un modo o nell’altro essi ne erano un abbozzo, imperfetto quanto si vuole ma un abbozzo cui non era del tutto estranea la Verità. Il tutto senza dire del senso del Sacro che informava la vita dei Popoli Antichi e che oggi noi non possiamo nemmeno immaginare.

    Se poi parliamo di Roma il discorso si fa gigantesco. Ci sarà qualcuno che verrà a dire che la sacralità di Roma comincia con Pietro e Paolo? O forse Pietro e Paolo vengono a Roma perché GIÀ sacra? Se no perché proprio Roma? Spero non ci sia qualcuno che risponda “per caso”!

    • anonimo verace ha detto:

      Seguendo il tuo ragionamento si arriva dritti dritti alla teoria di Auguste Comte che voleva costruire una sola religione a partire dalle molteplici presenti nel mondo.
      Se si vuole seguire Cristo, si dovrebbe seguire Paolo, quel Paolo che, prima della conversione sulla via di Damasco perseguitava con cura i primi seguaci di Gesù. Paolo , più degli altri Apostoli, era colui che era addentro alle dottrine ebraiche che, come afferma lui stesso aveva seguito con scrupolo fin dalla sua infanzia.
      Se ci rifacciamo quindi alla storia di Israele, non troviamo un Dio accomodante con gli altri Dei. Il primo esempio che mi viene in mente è quello del Profeta Elia, e la strage, da lui compiuta, per mandato del Signore dei 400 (quattrocento, non due o tre) profeti di Baal, introdotti in Israele dalla regina Gezabele. La storia è bella : se cerchi nell’indice biblico Profeta Elia, forse riesci a trovarla. Per me questo è un racconto che illustra il rapporto tra il Dio di israele e gli dei dei paesi circonvicini.

      • Enrico ha detto:

        Scusa, ma perché mi fai dire cose che non ho detto? Anzi, perché mi fai dire cose contrarie a ciò che ho detto? Dove ho parlato di “costruzione di una sola religione a partire dalle molteplici esistenti nel mondo”?

        Il termine “costruire” implica un mettere insieme, un accumulare, e richiama immediatamente il “sincretismo” che significa fondere insieme (e che è esattamente quello che da decenni sta avvenendo con l’ecumenismo e la “nuova evangelizzazione”!).

        Gesù ha parlato di “compimento” della Legge e “compiere, compire” significa condurre a fine una cosa già cominciata, perfezionarla.

        Tu dici “se ci rifacciamo quindi alla storia di Israele …”, beh, non c’è soltanto Israele che ha fatto la storia e, almeno a mio parere, che l’Onnipotente Iddio si sia “occupato” di un solo popolo infischiandosene degli numerosissimi altri sparsi sulla faccia della terra non è credibile neanche un po’.

        Per finire, non è da dimenticare una figura dirimente la faccenda dell’esclusività del “popolo eletto”, e cioè Melchisedech “senza padre e senza madre”, quindi di nessuna razza, che offrì pane e vino e al quale Abramo (non ebreo ma semita) pagò la decima riconoscendone così la superiorità.

        E così Gesù Cristo “essendo stato proclamato da Dio sommo sacerdote alla maniera di Melchìsedek” (Ebrei 5, 10), risulta il Fulcro della storia a cui tutti i popoli sono chiamati.

        «Non c’è più giudeo né greco; non c’è più schiavo né libero; non c’è più uomo né donna, poiché tutti voi siete uno in Cristo Gesù» (Galati 3,28).

        Unità che è stata possibile grazie a Roma! Il Cristianesimo è Cattolico (Universale) perché Romano!

  • anonimo verace ha detto:

    Per Enrico.
    Dalla lettera di San Paolo Apostolo ai Romani . Cap. I, versetti 18-25 ;

    Poiché l’ira di Dio si rivela dal cielo sopra ogni empietà e ingiustizia degli uomini, che soffocano la verità nell’ingiustizia,
    poiché ciò che si può conoscere di Dio è manifesto in loro perché Dio lo ha loro manifestato .
    Infatti le sue qualità invisibili, la sua eterna potenza e divinità, essendo evidenti per mezzo delle sue opere , fin dalla creazione del mondo, si vedono chiaramente, affinché siano inescusabili.
    Poiché, pur avendo conosciuto Dio, non l’hanno però glorificato , né l’hanno ringraziato come Dio , anzi sono divenuti insensati nei loro ragionamenti e il loro cuore senza intendimento si è ottenebrato.
    Dichiarando se stessi savi, sono diventati stolti,
    e hanno mutato la gloria dell’incorruttibile Dio , in un immagine simile a quella di un uomo corruttibile, di uccelli, di bestie quadrupedi e di rettili.
    Perciò Dio li ha abbandonati all’impurità nelle concupiscenze dei loro cuori, sì da vituperare i loro corpi tra loro stessi.
    Essi che hanno cambiato la verità di Dio in menzogna e hanno adorato e servito la creatura al posto del Creatore,, che è benedetto in eterno, Amen.

  • Nicola Buono ha detto:

    Fuori Tema ma è una bellissima notizia. Da una parte The Donald per la vita dall’altra i democratici pro assassinio.

    https://databaseitalia.altervista.org/trump-irremovibile-no-all-utilizzo-di-tessuti-fetali-abortivi-per-la-ricerca-il-congresso-lo-sostiene/

  • I.c. ha detto:

    A proposito di s rosario ….vorrei fare un sentito ringraziamento al cardinal Comastri per i rosari tenuti durante questi mesi. Quanta grazia e saggezza….

  • MARIO ha detto:

    A dire il vero la corona del Rosario con il San Michele di S.C. mi fa un po’ soggezione, perché quella spada… se qualche volta faccio il monello… non si sa mai che sbagli bersaglio.

    • Giov ha detto:

      Da quando ho letto la lettera di Viganò, dormo con la corona di San Michele Arcangelo sotto il cuscino (prima era sul comodino). S.Michele è il santo del mio cuore, mi fa piacere sapere che condivido questa cosa con Tosatti.
      E’ vero che fa un po’ paura, ma è perché Michele è un severo maestro. E’ uno dei motivi per cui l’ho scelto… avevo ed ho bisogno di disciplina (oltre che di un protettore ben agguerrito, di questi tempi!)
      Ma stai tranquillo: malgrado la severità, quella spada non è certo per te! 😉

  • Nicola Buono ha detto:

    ” prendi l’arma ” ” ma qui c’è solo il Rosario..” ” Ecco il Rosario è l’arma…” Padre Pio dixit …

  • Elisa ha detto:

    Secondo voi, che risposta potrei dare a chi accusa i cattolici di essere pagani, perchè venerano la Madonna.? Praticamente sostengono che nel cattolicesimo si adora Maria allo stesso modo di come gli egizi adoravano la dea Iside. Insomma sarebbe Iside trasformata in Maria. Ci accusano di essere pagani e di aver inalzato a divinità la Madonna. Voi cosa rispondereste?

    • Nicola Buono ha detto:

      Ricorda loro che nel Vangelo di Giovanni, Gesù affida a Maria gli Apostoli ( quindi la Chiesa Cattolica) e tutta l’umanità. Ovviamente la sua Missione non è finita con la sua vita terrena ma prosegue in Cielo e continua ancora con i suoi messaggi ed Apparizioni , messaggi che guarda caso sono sono stati confermati dall’avverarsi di ciò che profetizzava. Inoltre i luoghi di apparizioni mariane sono luoghi di grazie ( per le guarigioni miracolose) ma soprattutto per le strepitose conversioni. Comunque questi increduli protestanti affidali a Maria nelle tue preghiere. Ciao, Nicola.

    • mariano ha detto:

      giustamente “venerazione” nei confronti di Maria, non adorazione. Veramente verso Maria SS esprimiamo la nostra devozione con il termine di “IPERDULIA” , mentre per gli altri santi si parla di DULIA. Adorazione compete solo a Dio e nel Rosario contempliamo i misteri della nostra fede.Qui sta il punto o la difficoltà nella recita del Rosario. E’ una recita che presuppone una contemplazione della Divinità attraverso la contemplazione dei Suoi interventi di SALVEZZA DELL’UOMO. Mi scuso se non sono in grado di essere più chiaro, ma spero mi perdonerai.

      • Valeria Fusetti ha detto:

        Cara Elisa, oltre agli ottimi argomenti di cui sopra puoi citare anche a il Vangelo di San Luca. Quando Maria si reca da Elisabetta come è descritta la scena ? Cito ” Appena Elisabetta ebbe udito il saluto di Maria, il bambino le sussulto nel grembo. Elisabetta fu piena di Spirito Santo ed esclamò a gran voce ‘ Benedetta tu fra le donne e benedetto il frutto del tuo grembo ! A che debbo che la madre del mio Signore venga a me ? Ecco, appena la voce del tuo saluto è giunta ai miei orecchi, il bambino ha esultato di gioia nel mio grembo. E beata è colei che ha creduto nell’ adempimento delle parole del Signore.” S. Luca ci dice che Elisabetta parla su ispirazione dello Spirito Santo,non è una sua ” intuizione femminile” o altre cose umane. Umanamente parlando Elisabetta non può sapere che Maria è incinta e, anche lo avesse saputo la “carne”, la sua umanità, le avrebbe suggerito che il padre non poteva che essere Giuseppe ! E attraverso lei lo S. S. dichiara Maria ” benedetta “, e “benedetto” il bambino. Anche il sesso del bimbo è una soprannaturale rivelazione. E qui Elisabetta fa due sorprendenti dichiarazioni: il bimbo che Maria porta in grembo è riconosciuto come ” il mio Kurios” ,cioè il mio Signore ! E Maria è la madre del Kurios. In altre parole Elisabetta riconosce, per rivelazione divina, che Maria porta in grembo il Dio che si è incarnato. Attraverso le parole di Elisabetta Maria è già riconosciuta come la Theotokos, la Madre di Dio. Qui riposano sino alla fine dell’ età presente sia il Concilio di Nicea che quello di Efeso. L’ Incarnazione di Nostro Signore e Maria Theotokos sono strettamente unite, e come Maria è Madre del Capo della Chiesa non può non esserne anche Madre del Corpo. È per il Fiat di Maria che Dio si è fatto carne. L’ubbidienza di Maria, il suo totale ed incondizionato affidarsi a Dio, lasciare che ogni cosa venga decisa e gestita dal Padre, ci confermano che anche l’ ultima frase di Elisabetta è di soprannaturale ispirazione: Beata. Perché, appunto, ha creduto che il Signore portava a compimento le sue promesse. Maria è la nuova Eva, colei che è intimamente unita a Dio, in modo tale da fare naturalmente la Sua volontà. Maria è l’ unico essere umano dalla caduta che ha già la “perfetta statura di Cristo”,come San Paolo afferma che ogni Cristiano deve raggiungere. Maria non la deve raggiungere, per grazia divina essa è nata senza il peccato originale. Tutti i dogmi mariani hanno la loro legittima origine da questo stupendo racconto evangelico. E quello che rivela il Signore è verità.

    • Enrico ha detto:

      “Iside trasformata in Maria” è detto male ma non è del tutto campato in aria. La Verità è Una e attraverso il tempo Si esprime in indefinite forme.

      L’Iside egizia, quindi, non poteva essere che una prefigurazione mitica della Vergine Maria (senza pretendere una “matematica” corrispondenza).

      Possiamo dire così: dal mito alla storia. Gli Egizi adoravano un figura mitica (che non significa necessariamente falsa), noi veneriamo la Vergine Maria scesa nella storia.

      Iside ha un figlio mitico che è Horus, Maria ha un figlio umano (e divino ) che è Gesù.

      Gesù è sceso nella storia per compiere non solo la Legge mosaica ma anche tutti i miti. Egli è il Redentore Universale cioè Cattolico.

      Lo studio dei miti pagani non è privo di interesse, ed anzi può far comprendere meglio l’incommensurabile portata dell’Incarnazione del Verbo.

      • Valeria Fusetti ha detto:

        La Verità è unica e si è espressa nella Rivelazione che il Dio Trinità ha ispirato perché lo conoscessimo, e conoscessimo noi stessi ed il mondo.Pensare, e dire, che nel tempo si sia espressa in forme diverse, ed evidentemente contraddittorie è una bestemmia. È la tipica bestemmia modernista, quella contro lo Spirito Santo. La pianti di diffondere veleno spirituale travestito da apertura mentale.

        • Enrico ha detto:

          “Il vento soffia dove vuole e ne senti la voce, ma non sai di dove viene e dove va: così è di chiunque è nato dallo Spirito».

          Il veleno è solo nei suoi occhi e le ha impedito di leggere bene quel che ho scritto, come credo le impedirà di intendere il Vangelo di cui sopra.

          Ritenere, come fa lei , che la Verità se ne sia rimasta segregata in un cantuccio nascosto per migliaia e migliaia di anni per poi palesarsi appena 2000 anni addietro (praticamente l’altro ieri) è blasfemo nei confronti della Verità prima che irragionevole.

          Lo Verità, lo Spirito, non si sa di dove viene e dove va. Quindi promana dal’Infinito che, evidentemente, non può essere costretto da alcun limite temporale e spaziale.

          Invece di sparare anatemi, lei dovrebbe considerare che lo Spirito Eterno, cioè senza alcun inizio, ha sempre accompagnato la vita umana su questa terra. Diversamente, la terra e il genere umano si sarebbero frantumati nel nulla.

        • Enrico ha detto:

          “[…] Infatti l’oracolo di Delfo, rinomatissimo in tutta l’antichità, era cattolico presso i Greci, perché da tutti venerato, e da tutte le parti andavano a visitarlo e consultarlo; ma affinché fosse libero i Greci vollero che la città ed il contado di Delfo fossero indipendenti dagli Stati della Grecia, e per conseguenza l’oracolo risiedesse in paese suo. Per ottenere meglio il loro intento vari Stati greci mantenevano a Delfo ambasciatori, che formavano il cosiddetto Consiglio amfizionico, incaricato di tutelare l’indipendenza e il dominio dell’oracolo e della città contro le usurpazioni e gli insulti sì dei privati, sì delle repubbliche. Avvenendo un’usurpazione, il consiglio giudicava e condannava il reo; se questi ricusava di ubbidire, era scomunicato, e tutti lo potevano ammazzare. Ove poi contro al reo bisognasse venire alle armi, il Consiglio invitava gli Stati federali, si faceva la guerra, e la guerra si chiamava sacra.
          Come l’oracolo religioso era cosa cattolica, ossia universale per tutti i Greci, così la città, il contado, il tempio e le ricchezze di Delfo non appartenevano punto ai cittadini di Delfo; e così voi, giovani, dovete rispetto all’oracolo cattolico del Vicario di Cristo”.

          San Giovanni Bosco, Storia d’Italia.

          • Zuzzerellone ha detto:

            Mi dispiace, ma ricordo di aver letto che non vi è nulla di soprannaturale dell’oracolo di Delfo. Trattasi di una specie di intossicazione prodotta da fumi che inondavano la grotta in cui avveniva il presunto fatto spirituale. Poiché la cosa si è capita di recente, Giovanni Bosco non poteva saperlo.
            Nicola e Valeria hanno ragione al 100%.

          • Enrico ha detto:

            Forse Lei non ha inteso il senso della citazione. Che Giovanni Bosco “non poteva saperlo”, vista la statura carismatica del personaggio, ci andrei cauto nell’affermarlo.

        • Nicola Buono ha detto:

          Cara amica, hai perfettamente ragione, ma il maligno in questo periodo storico è scatenato e tanti allocchi ci cascano…Guarda un po’ dopo duemila anni salta fuori la presunta verità su Iside Maria…..si vede che per duemila anni i Santi , Beati , Venerabili cattolici insieme ai più grandi Papi della storia non ci avevano capito niente…ed ora oplà ecco il nostro amico che ci presenta la Verità su un piatto d’argento….. Questa è un po’ come la storia di Gesù sposato con la Maddalena nel libro di Dan Brown….È tanti ci sono cascati…..chissà quante ancora di stro…… ci toccherà di sentire ancora nei prossimi anni…

          • Enrico ha detto:

            Certo che ce n’è di gente bacchettona e col paraocchi che non vede a un palmo dal proprio naso!

  • Alfredo ha detto:

    Magari passiamo il rosario anche a Trump! Anche lui mi sa che lo apprezzerebbe!!! Magari con un’immagine di mons. Viganò!!

  • Nicola Buono ha detto:

    Valdese e fan che stravede per la sostituzione etnica, e per la UE ( La bandiera UE in particolare). Oltre sputare continuamente fiele non ha altro da fare.

  • Cactus ha detto:

    In Vaticano ne è stata già probita la vendita e anche esibirlo.

  • maurizio rastello ha detto:

    Da regalare subito a Salvini con dedica, così quando lo bacia Lei ne beneficia immediatamente.

    • Marco Tosatti ha detto:

      Ma che si occupa di rosari, lei che è Valdese, PorRastello? Pensi alle cose sue. Mi dica: le capita mai di scendere dalle natie valli e giungere fino a Roma? Se capitasse, potremmo vederci? Sono curiosissimo di conoscerla di persona, sono certo che mi darebbe materiale per un libro divertente, tipo Bouvard e Pécuchet…

    • Valentina ha detto:

      @Maurizio Rastello: Commento delirante!
      Aspettiamo il suo libro, Tosatti, abbiamo bisogno di farci 4 risate!