IL COVID 19 CI HA DATO IL SOCIALISMO REALE. NON ERA NECESSARIO.

21 Maggio 2020 Pubblicato da 10 Commenti --

 

Marco Tosatti

Carissimi Stilumcuriali, abbiamo pubblicato un articolo dell’avvocato Giovanni Formicola, in cui si parlava dei numeri mondiali dei decessi per cause diverse. Giovanni Formicola torna sull’argomento, analizzando quelle cifre, di per sé molto eloquenti, in rapporto ai decessi – a livello planetario – per Covid 19. E viste da vicino, e analizzati, questi dati sono ancora più interessanti. Buona lettura. 

§§§

La tabella pubblicata ieri, e che riproduco per comodità del lettore, con il numero dei decessi nel mondo per le varie cause, tra l’1 gennaio e il 1°  maggio di quest’anno, merita qualche altra breve riflessione, articolata in quattro punti.

 

  1. Anzitutto colpisce – almeno me – il ridimensionamento oggettivo (quello soggettivo, cioè per chi ci è passato e lo ha sofferto, sia come propria malattia, sia per i lutti arrecati, sia come clima sociale locale, è impossibile) dei morti per Covid19, se comparati con quelli per altre cause. Fermo restando quello che ho già ricordato: la “bestia” sa essere assai maligna; ogni morto è un morto e non un numero, qualche che ne siano la causa e l’età; però la valutazione d’un fenomeno che ha sconvolto il mondo si fa con i numeri.

I morti per tutte le altre malattie infettive sono quasi venti volte di più, e quelli per suicidio il 50% in più, circa tremila al giorno, misura del tendenziale fallimento esistenziale del nostro tempo, che pretende invece d’aver scoperto il segreto della felicità nella “liberazione” dell’io e delle sue voglie. Ognuno potrà farsi un’idea, alla stregua dei dati, dell’effettivo impatto – certo doloroso e dolorosissimo per tanti – del coronavirus. Ma il numero degli aborti – le cui vittime non sono registrate all’anagrafe e non entrano in alcuna statistica di mortalità -, cioè dei bambini uccisi nel grembo della madre e da esso strappati via, è sessanta volte maggiore. Un’autentica “pandemia morale”.

 

  1. Parlo solo di ciò di cui posso fornire le evidenze. Così per i numeri – in mancanza di prove e documentazione di numeri diversi – mi attengo a quelli ufficiali; così per le vicende socio-politiche, non parlo di “complotti” – e chi mi conosce sa che non l’ho mai fatto – perché non ne ho le prove (ma non ho neppure le prove che non esistano), e perciò mi attengo a quello che si vede e si sa ufficialmente. Però conservo un pregiudizio di dubbio su tutto quanto viene dalla Cina, certo intenzionata a restaurare il proprio storico impero con strumenti finanziari più che militari, e quel che è peggio in salsa capital-marxista.

Ciò detto, e in coerenza ad esso senza immaginare un disegno retrostante sin dalla comparsa del virus, abbiamo vissuto scenari oggettivamente da socialismo reale.

Chiusura delle chiese, sospensione del culto pubblico, quindi relegazione tendenziale della religione nella dimensione intimo-privata, culto che viene regolamentato in via amministrativa (anche contro le tradizionali teologia e disciplina cattoliche); riduzione anch’essa amministrativa della decisione pubblica (i famigerati DPCM, sottratti ad ogni controllo parlamentare e quindi politico), come vagheggiato da Lenin con la nota parabola delle cuoche al governo (certo, per noi sarebbe meglio se fossero davvero delle cuoche a governare); desolazione urbana; micro, piccola e media impresa commerciale, artigianale, professionale, turistica e di servizi, etc., messa in ginocchio, in molti casi forse in modo irreversibile; proprietà aggredita da provvedimenti che ne sterilizzano l’uso; incremento esponenziale della povertà globale. Questo, ripeto, oggettivamente.

Al di là d’ogni ipotesi ideologica-dietrologica – che non affermo e neppure escludo, come detto -, è evidente che lo stato moderno, cioè l’uomo politico moderno, miri per propria incoercibile tendenza ad un potere totale, nella convinzione che la sua regolamentazione della vita sociale e persino di quella individuale funzioni infinitamente meglio della libertà e delle scelte dei singoli e dei gruppi sociali, a cominciare dalla famiglia. E quindi non è parso vero ai politici d’aver un’occasione come questa per regolamentare, regolamentare, regolamentare, proibire, comandare, fino a mettere in detenzione domiciliare quasi tutta la nazione. Naturalmente per il suo bene. Non senza la gratificazione d’ogni possibile vanità soggettiva, con il “balcone” quotidiano a disposizione, non in muratura, ma molto più diffusivum sui a reti unificate, nazionali, locali, private. Il balconazo già denunciato da Stilum Curiae (https://www.marcotosatti.com/2020/03/23/lo-scandaloso-balconazo-di-conte-mattarella-tace/).

 

Era necessario? Era indispensabile? Mi sento di dire di no, sia quanto all’intensità, sia quanto all’estensione sull’intero territorio nazionale, sia quanto alla durata. Il che non vuol dire che non doveva essere fatto niente, soprattutto nei luoghi (Lombardia, Piemonte ed Emilia Romagna) in cui è concentrato il 50% circa dei contagi e dei morti in Italia: non sono don Ferrante. Ma condivido quanto asserito dal professor Giulio Tarro: chiudere la gente in casa ovunque e per tanto tempo non è stata una buona idea. E ciò può essere serenamente sostenuto alla stregua d’una obiettiva osservazione dei numeri (mai oltre la soglia dello zero virgola o addirittura dello zero virgola zero qualche unità per cento della popolazione, sia regionale che nazionale); della sostanziale invarianza della curva del contagio prima e durante la segregazione forzata, il cui calo adesso è evidentemente da attribuire al progressivo e inevitabile indebolimento del virus e alla sua scomparsa dovuta al caldo (anche qui, Tarro dixit); degli scenari diversi in larga parte d’Italia (ad oggi, in Campania, risulta contagiato lo 0,08% della popolazione); e soprattutto dell’esperienza di altri e importanti stati, da alcuni di quelli dell’Unione alla Svezia, dove le misure come quelle adottate in Italia o non ci sono state o sono state di molto più leggere, senza che l’epidemia si sia implementata quanto o più che in Italia (rectius, nelle tre regioni su menzionate), e quindi le misure di contenimento da loro adottate o non adottate, pur non avendo favorito l’epidemia, non rischiano d’essere completamente peggiori del male in corso, con conseguenze di fatto disastrose, e non solo sul piano socio-economico, ma anche su quello antropologico e sanitario.

 

Non sono stato breve quanto sperassi, anzi. Riservo perciò, se Stilum Curiae me ne dà il permesso, un altro intervento per concludere questo punto, e sviluppare gli altri due, dedicati rispettivamente alla “Grande Paura” e all’atteggiamento degli uomini di Chiesa al cospetto di questo fenomeno ch’è sanitario, e poi politico, ma anche se non soprattutto psico-sociale, e che avrebbe potuto essere per loro una grande occasione nel senso buono del termine, e invece sembra essere stato occasione di fuga e abdicazione.

 

  1. Panico sociale: la grande paura, sottomissione e delazione, perché si temono solo morte e malattia.

 

  1. La Chiesa dice “pandemia” e prima diceva “cambiamento climatico”, ma non dice aborto, non dice i novissimi.

§§§




 

STILUM CURIAE HA UN CANALE SU TELEGRAM

 @marcotosatti

E ANCHE SU VK.COM

stilumcuriae

SU FACEBOOK C’È LA PAGINA

stilumcuriae




SE PENSATE CHE

  STILUM CURIAE SIA UTILE

SE PENSATE CHE

SENZA STILUM CURIAE 

 L’INFORMAZIONE NON SAREBBE LA STESSA

 AIUTATE STILUM CURIAE!

ANDATE ALLA HOME PAGE

SOTTO LA BIOGRAFIA 

OPPURE CLICKATE QUI 




Questo blog è il seguito naturale di San Pietro e Dintorni, presente su “La Stampa” fino a quando non fu troppo molesto.  Per chi fosse interessato al lavoro già svolto, ecco il link a San Pietro e Dintorni.

Se volete ricevere i nuovi articoli del blog, scrivete la vostra mail nella finestra a fianco.

L’articolo vi ha interessato? Condividetelo, se volete, sui social network, usando gli strumenti qui sotto.

Se invece volete aiutare sacerdoti “scomodi” in difficoltà, qui trovate il sito della Società di San Martino di Tours e di San Pio di Pietrelcina


LIBRI DI MARCO TOSATTI

Se siete interessati a un libro, cliccate sul titolo….


Viganò e il Papa


FATIMA, IL SEGRETO NON SVELATO E IL FUTURO DELLA CHIESA

Fatima El segreto no desvelado

  SANTI INDEMONIATI: CASI STRAORDINARI DI POSSESSIONE

  PADRE PIO CONTRO SATANA. LA BATTAGLIA FINALE

  Padre Pío contra Satanás

La vera storia del Mussa Dagh

Mussa Dagh. Gli eroi traditi

Inchiesta sul demonio

Tag: , , ,

Categoria:

Questo articolo è stato scritto da Marco Tosatti

10 commenti

  • Avatar creazionista ha detto:

    1) “nella convinzione che la sua regolamentazione della vita sociale e persino di quella individuale funzioni infinitamente meglio…”
    Questo è particolarmente vero nel terzo mondo Italia, infestato dagli azzeccagarbugli: mi dite in quale altro Paese si fa l’autocertificazione? Ma gl’itaglioni sono abituati a queste follie e non s’accorgono nemmeno di quanto siano assurde
    2) a chi dice che non sappiamo come sarebbe andata senza il lock-down all’italiana consiglio questo articolo https://wattsupwiththat.com/2020/05/13/attention-citizens-the-covid19-emergency-is-over/

  • Avatar Alfredo Grande ha detto:

    Questo è l’elenco dei comuni in cui l’incremento di mortalità al 21 marzo 2020 è stato superiore o uguale al 400% rispetto all’anno 2019. Da aggiungere che, secondo quanto riporta l’Istat, i morti pre epidemia nel 2020 erano inferiori al 2019:
    NOME_PROVINCIA NOME_COMUNE incremento %
    Torino Banchette 500
    Torino Frossasco 400
    Torino San Giusto Canavese 700
    Cuneo Pianfei 400
    Alessandria Castellazzo Bormida 600
    Alessandria Pontecurone 700
    Savona Andora 500
    Genova Carasco 400
    La Spezia Riccò del Golfo di Spezia 400
    Varese Gorla Minore 900
    Varese Porto Ceresio 400
    Milano Mediglia 556
    Milano Noviglio 500
    Milano Rosate 400
    Milano Tribiano 400
    Bergamo Albano Sant’Alessandro 600
    Bergamo Albino 725
    Bergamo Almenno San Bartolomeo 500
    Bergamo Alzano Lombardo 938
    Bergamo Bagnatica 1300
    Bergamo Bolgare 900
    Bergamo Brembate 950
    Bergamo Brembate di Sopra 1000
    Bergamo Caravaggio 567
    Bergamo Carvico 700
    Bergamo Casnigo 800
    Bergamo Castelli Calepio 467
    Bergamo Cene 533
    Bergamo Chiuduno 467
    Bergamo Cisano Bergamasco 600
    Bergamo Clusone 638
    Bergamo Comun Nuovo 800
    Bergamo Costa Volpino 400
    Bergamo Foresto Sparso 900
    Bergamo Gandino 800
    Bergamo Gazzaniga 1200
    Bergamo Ghisalba 550
    Bergamo Gorle 2200
    Bergamo Gorno 500
    Bergamo Leffe 800
    Bergamo Madone 600
    Bergamo Montello 650
    Bergamo Nembro 1000
    Bergamo Ponteranica 1800
    Bergamo Ponte San Pietro 1367
    Bergamo Predore 400
    Bergamo Ranica 1700
    Bergamo Romano di Lombardia 530
    Bergamo San Giovanni Bianco 1600
    Bergamo San Pellegrino Terme 1400
    Bergamo Sarnico 533
    Bergamo Scanzorosciate 622
    Bergamo Selvino 1500
    Bergamo Sorisole 700
    Bergamo Sovere 533
    Bergamo Stezzano 414
    Bergamo Trescore Balneario 1350
    Bergamo Verdello 467
    Bergamo Villa d’Adda 667
    Bergamo Villa di Serio 1500
    Bergamo Villa d’Ogna 600
    Bergamo Villongo 433
    Bergamo Zanica 900
    Brescia Bovezzo 1000
    Brescia Calcinato 560
    Brescia Castrezzato 600
    Brescia Coccaglio 1150
    Brescia Corte Franca 1100
    Brescia Gianico 900
    Brescia Isorella 400
    Brescia Mairano 600
    Brescia Manerbio 575
    Brescia Orzinuovi 578
    Brescia Passirano 1500
    Brescia San Paolo 500
    Brescia Poncarale 900
    Brescia Quinzano d’Oglio 1133
    Brescia Roccafranca 1000
    Brescia Sale Marasino 400
    Brescia Trenzano 400
    Pavia Cura Carpignano 400
    Pavia Gambolò 433
    Pavia Miradolo Terme 1200
    Pavia Montù Beccaria 600
    Pavia Mortara 400
    Pavia Ottobiano 600
    Pavia Romagnese 500
    Pavia Varzi 400
    Pavia Zavattarello 900
    Cremona Acquanegra Cremonese 450
    Cremona Casalmorano 1150
    Cremona Madignano 800
    Cremona Offanengo 1300
    Cremona Ostiano 400
    Cremona Pandino 2600
    Cremona Romanengo 1000
    Cremona Sesto ed Uniti 400
    Cremona Soncino 600
    Cremona Stagno Lombardo 700
    Cremona Vailate 550
    Cremona Piadena Drizzona 400
    Mantova Rivarolo Mantovano 700
    Trento Pinzolo 400
    Verona Albaredo d’Adige 400
    Treviso Casale sul Sile 433
    Treviso Istrana 700
    Venezia Vigonovo 400
    Padova Casalserugo 400
    Padova Maserà di Padova 500
    Rovigo Fiesso Umbertiano 500
    Udine Povoletto 400
    Gorizia Romans d’Isonzo 400
    Piacenza Cortemaggiore 700
    Piacenza Fiorenzuola d’Arda 657
    Parma Calestano 700
    Parma Medesano 460
    Parma Sissa Trecasali 967
    Reggio nell’Emilia Baiso 400
    Reggio nell’Emilia Poviglio 400
    Pisa Calci 800
    Pisa Capannoli 600
    Frosinone Serrone 400
    Caltanissetta Butera 400
    Biella Cossato 443
    Biella Lessona 800
    Lecco Robbiate 700
    Lecco Verderio 800
    Lodi Borghetto Lodigiano 433
    Lodi Brembio 700
    Lodi Castelnuovo Bocca d’Adda 600
    Lodi Castiglione d’Adda 1333
    Lodi Codogno 480
    Lodi Crespiatica 600
    Lodi Fombio 900
    Lodi Livraga 450
    Lodi Maleo 475
    Lodi San Martino in Strada 900
    Lodi San Rocco al Porto 500
    Lodi Sordio 600
    Monza e della Brianza Veduggio con Colzano 400
    Sud Sardegna Monastir 400

    L’incremento dei morti globale italiano è stato del 100%. Questi sono dati reali incontrovertibili.

    • Avatar stilumcuriale emerito ha detto:

      Prendiamo ad esempio Albano Sant’Alessandro.
      I dati di base sono questi :
      Provincia Bergamo (BG)

      Regione Lombardia

      Popolazione 8.294 abitanti(01/01/2019 – Istat)
      Superficie 5,35 km²
      Densità 1.549,47 ab./km²
      E’ presumibile che su 8294 abitanti, in tempi normali, muoiano mediamente dalle 6 alle 7 persone al mese (una ogni 4-5 giorni). Lo spaventoso incremento del 600% comporta la morte, in un mese, dalle 36 alle 42 persone (più di una al giorno). Una cosa enorme per la popolazione del Paese, ma si tratta di un campione piccolo e localizzato. Che senso ha chiudere bar,ristoranti, fioristi, cimiteri, chiese, scuole, oratori in tutta Italia, in località a 1000 km di distanza da Albano Sant’Alessandro perché ad Albano Sant’Alessandro è successo ‘sto fatto?

      • Avatar Alfredo Grande ha detto:

        La somma di tutti i morti nei comuni suddetti più i comuni che nel 2019 non avevano avuto decessi è pari a 3116 morti, mentre nel 2019 erano stati 354 con un incremento pari al 780 per cento. Questo solamente alla data del 21 marzo nella zona di maggiore crisi. La somma di tutti i morti 2019 in tutte le provincie di Milano-Bergamo-Brescia-Lodi è di 2755 mentre nel 2020 è di 7130 con incremento netto del 159 per cento. Consideriamo, inoltre, che l’epidemia che a colpito Milano risulta sfasata rispetto a Bergamo e Brescia: al 21 marzo Milano era al terzo posto, mentre ora è la provincia più colpita.
        E’ evidente che il rischio di propagazione dell’epidemia era elevatissimo e che qualche misura andasse presa.
        Morale. Dire che il covid-19 è una bufala è una bufala…

    • Avatar Blas ha detto:

      Ormai coi numeri non riesco a capire niente. Mi ha dato nell´occhio il comune di Povoletto UD perche lo conosco e deguo y numeri della pandemia,
      Nel FVG fino a ieri si contavano 322 morti su una popolazione di 1,2 milioni. Quella proporzione applicata ai 5500 abitanti di Povoletto fa meno di una morte. Come possa aver moltiplicato per tre i morti fino al 21 marzo non lo capisco.

      • Avatar stilumcuriale emerito ha detto:

        Tutto si spiega col fatto che un dato regionale e un dato locale per 1001 ragioni possono differire fra loro anche di molto. Se la media nazionale degli inquilini che non pagano l’affitto è, supponiamo, di 1/10 e io ho tre inquilini su tre che non pagano l’affitto, per me le media sale al 100/100.

        • Avatar Corrado Bassanese ha detto:

          Certo. E in una famiglia composta da padre, madre, nonno e figlio, quando muore il nonno (magari per “vecchiaia”) l’incremento rispetto all’anno precedente è infinito (0 morti anno precedente diviso 1 per 100 uguale infinito). Attenzione con le statistiche.

  • Avatar Francesco ha detto:

    Il vescovone di santa Marta è i vescovi ormai in partibus infidelium procedono alle sanificazione delle chiese con ammoniaca e quant’altro, son partiti dall’ avvelenamento spirituale.

  • Avatar stilumcuriale emerito ha detto:

    Mi sono permesso di completare il suo discorso compilando la seguente tabella, che riporta le percentuali dei morti per le singole cause sul totale dei morti (escludendo quelli stimati per aborto).
    Causa Quantità Percento
    Coronavirus 237469 1,95
    Malaria 327267 2,69
    Suicidio 357785 2,94
    Incidenti stradali 450388 3,70
    Cancro 2740193 22,51
    Fame 3731427 30,65
    Malattie infettive 4331251 35,57
    Totale 12175780 100,00

    Pur ammettendo (come avevo scritto nel precedente commento) che vi siano anche consistenti margini di errore, è evidente l’enorme sproporzione tra l’oggettiva rilevanza del coronavirus e la gravità delle conseguenze delle misure restrittive adottate dal governo. Non abbiamo prove di che cosa sarebbe accaduto se tali misure non fossero state adottate. E’ probabile che la percentuale dei decessi per coronavirus sul totale dei decessi sarebbe stata più alta, ma, dato l’ordine di grandezza, a buon senso è lecito supporre che non sarebbe stata catastrofica.

    • Avatar stilumcuriale emerito ha detto:

      Purtroppo vedo dall’anteprima che l’word processor del blog si è mangiato gli spazi tra i numeri. Mi sembra però che anche col mancato allineamento i dati siano leggibili.
      Altrimenti … amen. Non è la fine del mondo!

Lascia un commento