JUSTICIA PARA EUGENIO HASLER, EXPULSADO POR EL PAPA SIN RAZÓN.

27 Aprile 2020 Pubblicato da --

 

Marco Tosatti

Queridos amigos y enemigos de Stilum Curiæ, nos parece justo difundir un apelo y una batalla de un blog del que hemos hablado en otras ocasiones, Korazym.org, que ha vuelto a proponer desde hace días. Korazym dedica al tema un largo artículo, que les recomendamos. Solo reportamos aqui una parte, aquella que refiere a la increíble historia de cómo despidieron a una persona honesta y competente, Eugenio Hasler, sin motivaciones, del cargo -importante- que ejercía en el Gobernatorato, es decir el “Municipio” del Vaticano; pero no solo, porque desde el Gobernatorato (a través los Museos, Filatelia, Mercados -abastos-) es que el Estado obtiene sus entradas, las que sirven para mantener al Estado de la Ciudad del Vaticano y sus servicios. Desde hace tres años Eugenio Hasler pide que se abra una investigación sobre su persona, para entender por qué fue eliminado, y cuáles los reproches o las acusaciones que determinaron tal decisión. Hasta ahora ha chocado contra un muro de silencio. Tememos que se trate de otro caso de un laico honesto, profesionalmente preparado, generoso en su servicio, puesto fuera porque su trabajo daba fastidio a algun -o a varios- intereses oscuros, inconfesables, de algun prelado. Como los casos de Ettore Gotti Tedeschi, del Revisor general Milone, de Matthew Festing, del general Domenico Giani…de Mattietti, de Greg Burke, de Paloma Ovejero y probablemente nos olvidamos de algun otro.

No nos habíamos ocupado hasta ahora de este caso, porque nos parecía que el interesado -que no conocemos personalmente- quería mantener silencio, con gran decoro y confianza al confrontar la suprema autoridad vaticana. Eugenio Hasler es hijo de un Mayor de la Guardia Suiza, y ha trabajado en la Secretaría del Governatorato ante varios Secretarios, como veran.

Decíamos que no nos habíamos ocupado de la cuestión. Pero ayer, después del artículo publicado en Korazym.org hemos hablado con un alto prelado, que ha ejercido diversas funciones importantes, por varios años, al interno del Gobernatorato.

Este es el caso de Hasler como no los ha contado el alto prelado.

***

Eugenio Hasler ha sido jefe de la secretaría general del Gobernatorato por varios años, antes del nombramiento de mgr. Viganò en el mismo. Nuestro interlocutor juzga se trata de una persona de altísima calidad. Aparte del conocimiento de varios idiomas, es honesto y dotado de una gran capacidad organizativa.

En el 2011 fue nombrado presidente del Gobernatorato Giuseppe Bertello, a instancias del entonces secretario de Estado Bertone. De Bertello se decía antes de este nombramiento, que sería el prefecto de Propaganda Fide; y no es un misterio que no se encontraba a gusto en el  Gobernatorato. Después que mons. Viganò fue enviado a Washington, porque su trabajo de transparencia fastidiaba a alguno, fue nombrado Secretario General mons. Sciacca, y despues el padre Vérgez, luego hecho obispo. Muy bueno en los servicios de comunicación, pero sin grandes capacidades de gobierno ni de mando. Eugenio Hasler permaneció como su secretario siendo el único que se orientaba bien en aquel complejo mundo, incluso económicamente, puesto que el Secretario adjunto que fue nombrado después de un sacerdote del Opus, al parecer además ingeniero, no intervenía en el gobierno.

Hasler, siendo el único dotado de experiencia, buscaba ayudar a sus superiores, Bertello y Vérgez; sobre todo a éste último. Pero quizás daba fastidio al hombre fuerte, que siempre estuvo allí, y de quien mgr. Viganò escribió varias cartas de forma negativa en su tentativo de hacer limpieza, mgr. Paolo Nicolini, que tenía en mano toda la administración de los Museos Vaticanos (las entradas económicas más fuertes). Nuestro interlocutor piensa que Hasler por defender a su directo superior, Vérgez, se interpusiera al hecho que Nicolini tomara en mano la gestión del Gobernatorato.

Un día de marzo 2017 sin mínimo conocimiento -así ha sido dicho- de su superior directo, el papa convocó directamente a Eugenio Hasler. Motivo de la audiencia no especificado: se podía pensar en una promoción, para colmo.

***

Nuestro prelado nos cuenta como se desarrolló la conversación entre el Pontífice reinante y Eugenio Hasler. Y no nos resulta difícil reconocer en este formato de conversaciones análogas, todas terminadas con decapitaciones.

“Dicen que Ud. tiene un mal carácter, huraño, prepotente…”.

Busco ayudar a mis superiores a realizar sus tareas…

“También tiene un puesto reservado para aparcar su coche en el Gobernatorato…”.

Si, pero lo tenemos todos los empleados…

(Eugenio era siempre el primero en llegar a las 7.30 ya estaba allí, veinte minutos antes que los demás).

“¿Pero Ud. cambia con frecuencia de coche?”.

Son coches usados. Los guardias suizos que compran autos sin impuestos aduanales, con placas Ciudad del Vaticano, después de año y medio de servicio regresan a Suiza, y esos coches los ceden…

Y al final, la conclusión:

“Ud. no se preocupe por sus superiores, yo hablaré con ellos”. Y luego el ex abrupto: “pero desde mañana no mete más un pie en su oficina”.

Transfierame a otro dicasterio…

“No, no, está bien así”.

***

Aquí hay algunos extractos del artículo de Korazym 

Al día siguiente el papa recibió a mgr. Paolo Nicolini, confiándole además del resto, la responsabilidad de las visitas turísticas en Castelgandolfo.

Abajo encontraran los pasajes tomados de Korazym.org. Una consideración final. Pienso que si todas las bellas palabras que el pontífice pronuncia en temas de igualdad, justicia, solidaridad, si no fueran de mero ejercicio retórico, debería tener la honestidad de abrir una investigación transparente a la luz del sol, acerca de una persona a la cual le ha devastado la vida digno del más vil despotismo.

§§§

 

«Spes contra spem. Il post coronavirus “ci trovi con gli anticorpi necessari della giustizia, della carità e della solidarietà”. È l’esortazione-auspicio che Papa Francesco ha formulato in un articolo scritto per la rivista spagnola “Vida Nueva” e tradotto da “L’Osservatore Romano”, con il quale delinea quello che definisce “plan para resuscitar”. “Un piano per risorgere”.

“In questo caso la lista dei laici “cacciati” da Papa Francesco si allunga. Ne citiamo solo alcuni illustri personalità di altissimo rango, “cacciati su due piedi” in modo irrituale e inconsueto, senza un regolare procedimenti: l’ex Comandante del Corpo della Guardia Svizzera Pontifica, Colonello Daniel Rudolf Anrig (31 gennaio 2015); l’ex Revisore Generale della Santa Sede e dello Stato della Città del Vaticano, Dott. Libero Milone (21 giugno 2017); l’ex Direttore dei Servizi di Sicurezza e Protezione Civile dello Stato della Città del Vaticano e Comandante del Corpo della Gendarmeria dello Stato della Città del Vaticano, Dott. Domenico Giani (14 ottobre 2019). Poniamo questo modus operandi sotto la nostra lente, poiché tutto ciò evidenzia che la riforma di questo pontificato appare essere di fatto “la cacciata” (insieme a “rottamazione” e “asfaltazione”).

Infine, abbiamo rilevato, che dentro il Palazzo del Governatorato S.C.V. va approfondita un’inchiesta. Pensiamo che lì dentro la situazione si sta facendo molto calda, perché qualcuno ha fatto uscire prima che siano state diramate ufficialmente due lettere, del numero uno e del numero due del Governatorato S.C.V. E questo è un fatto gravissimo. Ripetiamo nostro suggerimento che questa inchiesta potrebbe essere condotta con molto profitto, magari con il supporto di chi ha già diretto tale ufficio, cioè l’Arcivescovo Carlo Maria Viganò, “allontanato a Washington” il 19 ottobre 2011 e di un suo sottoposto, “cacciato” il 31 marzo 2017, cioè il Segretario particolare del Segretario Generale del Governatorato S.C.V., Eugenio Hassler, sempre rimasto in silenzio da allora.

Rispetto per un uomo, e una carezza alla dignità sua e della sua famiglia

 Oggi, trattando questo uomo con rispetto, gli vogliamo regalare una carezza alla dignità sua, della sua madre e del suo padre.

 È prassi consolidata – e posso testimoniarlo ex professo (diversi furono le lettere anonime contro di me, stilate dai vaticanisti di turno, recapitate in Segreteria di Stato e ritualmente destinate all’oblio – che nelle amministrazioni pontificie lettere anonime vengono cestinate, sempre. Invece, nel caso della prima lettera anonima ci fu una decisione di portarla all’attenzione del Papa e di far fare accertamenti dalla Gendarmeria S.C.V. sul conto di Eugenio Hassler. Prendere queste decisioni non possono farlo coloro che governano lo Stato della Città del Vaticano, ma è competenza della Segreteria di Stato. Il risultato fu un Casellario penale con “NULLA”… e “la cacciata”.

 Oggi vogliamo essere voce di chi è rimasto in silenzio per tre anni. Vogliamo dare voce a chi la voce è stata tolta in maniera inconfessabile e inqualificabile, piuttosto che inspiegabile, in un’operazione altrettanto inqualificabile e inconfessabile, sotto tutti gli aspetti, senza un minimo di regolare provvedimento disciplinare, dai quali ogni essere umano dovrebbe poter difendersi. Ma si sa come funziona uno Stato di regime. E a questo punto fa paura.

Eugenio Hassler ha chiesto più volte, anche per iscritto, di poter aver un regolare processo disciplinare o penale. Non ha mai ricevuto risposte. Sono state inviate anche lettere a firma di ex colleghi, di parenti, di amici e della mamma al Papa regnante. Nessuno ha mai ricevuto una risposta.

 Non è difficile immaginare perché Eugenio Hassler non ha parlato con nessuno in questi tre anni, sia per delle “velate” minacce ricevute “da chi conta”, sia perché non avrebbe avuto alcuna possibilità di trovare giustizia.

Da un giorno all’altro, la sua vita – e quella della sua famiglia – sono state letteralmente distrutte. Senza un minimo di giustizia, di misericordia, di pietà. La sua cacciata per ordine del Papa regnante fu del tutto inusuale, irrituale ed arbitraria, senza alcun preavviso e senza alcuna lettera di licenziamento (a tutt’oggi non ne è traccia), senza che gli sia stata accordata la possibilità di difendersi da infondate accuse. Queste infamanti accuse furono fatte filtrare tramite una vaticanista senza scrupoli e persino aggravate rispetto a quelle gli furono elencate verbalmente dal Papa regnante al suo funzionario e cittadino. Questo filtraggio fu senza ombra di dubbio diramata ad arte da corvi dall’interno, gestiti da una mente raffinatissima.

Nessun rispetto della privacy, nome e cognome sbandierato ai quattro venti, in una “notizia” confezionata ad arte per suscitare sensazionalismo mediatico, con le pesantissime conseguenze facilmente immaginabili sul suo futuro umano e professionale.

 Chi “toglie il lavoro agli uomini, fa un peccato gravissimo”, ha detto Papa Francesco rivolto ai lavoratori di Sky Italia nell’Udienza generale del 15 marzo 2017.

 “Nessun lavoratore senza diritti”, ha scritto Papa Francesco nella “Lettera ai Movimenti Popolari” del 12 aprile 2020.

Cosa avrebbe potuto fare questo giovane e brillante funzionario, cittadino vaticano, figlio di una famiglia rispettabilissima nello Stato, di cui si fidavano e a cui si affidavano quattro successivi Segretari Generali del Governatorato S.C.V., suoi diretti superiori?

La sua dignità fu calpestata e sul suo conto sono state diffuse ad arte notizie diffamanti, infamanti, calunniose, mai verificate. E questo dopo aver prestato il suo altissimo servizio nel Governatorato S.C.V. con dedizione, generosità e passione, fino a quel terribile 27 marzo 2017. Consapevole dell’onore e del privilegio di cui si sentiva destinatario e depositario. Fedele al giuramento che aveva prestato. Cercando di dare il meglio di sé, così come si era comportato nello svolgimento del suo precedente lavoro in Roma, con tutti i limiti della sua natura e di qualche difetto caratteriale, che lui non nega e che lui non nasconde.

 La sua disponibilità di chiedere scusa non fu presa in considerazione, perché il motivo per la sua “cacciata” era altro.

Tante le vicissitudini, che Eugenio Hassler ha affrontato nei suoi circa dodici anni di servizio nel Governatorato, duranti i quali ha accumulato molti nemici influenti, perché non era corrotto e non si fece corrompere. E ne so qualcosa ex professo, perché ho avuto non poche occasioni di conoscere l’ambiente – e dei personaggi “influenti” – dall’interno del Governatorato, in quasi 30 anni di servizio alla Santa Sede.

Il silenzio non ha pagato e dopo tre anni…

 Dopo tre anni esatti, il 28 marzo 2020 Eugenio Hassler ha deciso di parlare, con un post sul suo diario Facebook:

 «Con oggi si compiono tre anni dal “fatto” o dal “caso”: insomma chiamatelo come volete. Il 27 marzo 2017 ricevevo un biglietto di convocazione, freddo, impersonale, nel quale venivo appellato come a tutti dicevo di non volere: cavaliere. E so benissimo chi e perché invece ha dichiarato ai giornalisti che amavo farmi chiamare cavaliere, anzi lo avrei addirittura preteso.

Il tutto però parte parecchi mesi prima con l’invio di lettere “anonime” a vari personaggi di spicco in Vaticano. Quasi tutti destinatari pilotati. Di fatti, in dieci anni di lavoro in una Segreteria Generale ne ho viste di lettere anonime: tutte, puntualmente cestinate senza dare alcun credito. Era la regola. Alcune erano molto dettagliate e precise, oserei dire, ipoteticamente veritiere. Quella di cui ho pubblicato alcuni stralci e seguirà il completamento, è stata presa come spunto per addebitarmi colpe nel colloquio del 28 marzo 2017, esattamente tre anni fa.

Ora, non è difficile comprendere la dinamica di chi e come possa aver fatto passare per veritiere cose assolutamente non vere o delle quali esistono prove inconfutabili del contrario (ovviamente mai prese in considerazione).

Come pure è estremamente facile capire e sapere chi ha dettagliatamente prodotto i numeri delle ore straordinarie da me effettuate, tralasciando di dire però che non era il sottoscritto a decidere di farle e a disporre a piacimento. Chi ha disposto il pagamento tassativo delle ferie arretrate (una persona che ha voluto farlo per tutti i dipendenti e non solo per me) e di conseguenza chi era a conoscenza della cifra esatta che fu calcolata per definire l’importo da me rifiutato ma che fui obbligato ad accettare perché bonificato in modo coatto.

Chi si è recato personalmente presso la filiale della banca?

Infine chi ha inventato che la copertura in vetroresina di un terrazzo fosse stata realizzata in amianto e avesse messo a rischio l’incolumità di chissà chi…

Ben inteso, si tratta di persone ben distinte tra loro, che hanno ben volentieri promosso ed eseguito ordini di una mente.

Dopo tre anni alcune cose vengono a galla, altre necessiteranno di qualche tempo in più. Ma è giusto che si sappia. Poiché quasi tutte queste persone, sottolineo quasi tutte, sono ai loro posti di comando ed in parte ricoprono posti di maggior rilievo (ovvero promozioni)… Non si tratta di solo laici.

A tre anni di distanza non si può dire che Hassler ha scelto la via del silenzio. Tuttavia, Hassler non è un mercenario e non parla per soldi. Hassler parla solo ed esclusivamente perché vuole la verità, ben conscio che è un termine sconosciuto ad alcuni. Hassler è stato preso per troppo tempo in giro, perché “tanto non parla”… I ricatti striscianti e meno striscianti sono stati moltissimi. Le voci messe in giro altrettante.

Tre anni sono tanti… Il silenzio non ha pagato. Il caso risulta archiviato senza alcune se ed alcun ma…

Nessuno ha voluto verificare nulla. E soprattutto nessuno ha voluto interpellare me. Solo scansarmi, cambiare marciapiede, ecc. E fornire numeri di cellulare e nomi ai giornalisti.

Voci su interessamenti al caso, su aiuti a me ad alla mia famiglia… Tutte voci messe in giro come “chiacchiere da lavandaia”. Sappiamo da parte di chi ed il perché. Del resto la lavanderia ha molti addetti. Addetti che vantano anche una credibilità.

Il ricordo, come una ricorrenza annuale delle ferite che ancor sanguinano in abbondanza.

Per chi vorrà leggere e continuare a seguire il “caso”.

A tutti voi, a tutti noi, un abbraccio (a distanza) e l’auspicio che questo periodo di difficoltà collettivo e comunitario possa essere presto superato!»

(Eugenio Hassler – Facebook, 28 marzo 2020 – III Anniversario).

§§§




 

STILUM CURIAE HA UN CANALE SU TELEGRAM

 @marcotosatti

E ANCHE SU VK.COM

stilumcuriae

SU FACEBOOK C’È LA PAGINA

stilumcuriae




SE PENSATE CHE

  STILUM CURIAE SIA UTILE

SE PENSATE CHE

SENZA STILUM CURIAE 

 L’INFORMAZIONE NON SAREBBE LA STESSA

 AIUTATE STILUM CURIAE!

ANDATE ALLA HOME PAGE

SOTTO LA BIOGRAFIA 

OPPURE CLICKATE QUI 




Questo blog è il seguito naturale di San Pietro e Dintorni, presente su “La Stampa” fino a quando non fu troppo molesto.  Per chi fosse interessato al lavoro già svolto, ecco il link a San Pietro e Dintorni.

Se volete ricevere i nuovi articoli del blog, scrivete la vostra mail nella finestra a fianco.

L’articolo vi ha interessato? Condividetelo, se volete, sui social network, usando gli strumenti qui sotto.

Se invece volete aiutare sacerdoti “scomodi” in difficoltà, qui trovate il sito della Società di San Martino di Tours e di San Pio di Pietrelcina


LIBRI DI MARCO TOSATTI

Se siete interessati a un libro, cliccate sul titolo….


Viganò e il Papa


FATIMA, IL SEGRETO NON SVELATO E IL FUTURO DELLA CHIESA

Fatima El segreto no desvelado

  SANTI INDEMONIATI: CASI STRAORDINARI DI POSSESSIONE

  PADRE PIO CONTRO SATANA. LA BATTAGLIA FINALE

  Padre Pío contra Satanás

La vera storia del Mussa Dagh

Mussa Dagh. Gli eroi traditi

Inchiesta sul demonio

Tag: , , , ,

Categoria:

Questo articolo è stato scritto da Marco Tosatti

1 commento