GEORGE PELL. IL RINVIO DEL VERDETTO PUÒ NON ESSERE UN MALE…

1 Aprile 2020 Pubblicato da --

Marco Tosatti

Cari amici e nemici di Stilum Curiae, i drammi che stiamo vivendo in questi giorni non devono farci dimenticare la triste – e scandalosa, a nostro avviso – vicenda del cardinale George Pell, condannato per una presunto abuso sulla base della sola parola dell’accusatore, senza prove o testimonianze a favore dell’accusa, e contro testimonianze e evidenze che invece lo scagionerebbero. Pell è rinchiuso in un carcere di alta sicurezza, in attesa che l’Alta Corte di giustizia, che ha esaminato il suo caso e il suo appello si esprima, in una data che non è stata fissata. Il che, vista la situazione, potrebbe essere una buona notizia per il cardinale…Per Radio Roma Libera, il primo podcast cattolico italiano ho fatto una riflessione che potete sentire qui. Buona lettura e buon ascolto…

§§§

La scorsa settimana l’Alta Corte di giustizia australiana ha esaminato il ricorso del cardinale George Pell, e si è riservata di dare una risposta, in una data che non è stata fissata. Volendo essere moderatamente ottimisti, si può dire che questo rinvio potrebbe essere un segnale a favore di Pell. In un processo così evidentemente politico, contro Pell stesso e contro la Chiesa, in un’atmosfera nei mass media e nel pubblico australiano – eccitato dai mass media – molto vicina al linciaggio, l’Alta Corte potrebbe aver avuto paura di emettere una sentenza favorevole al cardinale, scegliendo un momento meno carico di aspettative e tensioni per farlo.

In realtà ci sono quattro possibilità aperte. La prima, la peggiore, e quella che sancirebbe un’ingiustizia massima, sarebbe la conferma della condanna in primo grado e della condanna in appello. Se questo avvenisse, si potrebbe dire che è stato commesso qualche cosa di gravissimo, nella giustizia australiana: la condanna di un uomo sulla sola base dell’accusa della sua presunta vittima, non supportata da prove o testimonianze.

La seconda opzione consiste nel concedere Pell un congedo speciale, per fare ricorso in appello in modo che la sua causa venga rivista, ribaltando la condanna e rendendogli immediatamente la libertà. Attualmente Pell è rinchiuso in un carcere di massima sicurezza, in cui non può celebrare la messa (il vino è proibito).

Giovedì 12 marzo l’accusa, che difendeva la condanna di Pell all’Alta Corte si è trovata più volte in seria difficoltà, di fronte alle domande pressanti dei giudici. Che cercavano di stabilire se in realtà Pell fosse stato condannato al di là di ogni ragionevole dubbio, nonostante la testimonianza incontestata di oltre 20 testimoni che hanno negato la versione dei fatti dell’accusa. E se era stata presa in considerazione la dichiarazione dell’ex assistente di Pell, mons. Charles Portelli. Portelli ha detto che Pell era sulla scalinata della cattedrale di Melbourne al momento del presunto reato, e che la sacrestia della cattedrale – dove Pell avrebbe abusato simultaneamente di due adolescenti mentre era ancora completamente vestito per la messa – era piena di gente. Fra l’altro, l’accusatore ha cambiato varie volte la data del presunto abuso: ha suggerito giorni, mesi e persino anni diversi…

All’inizio della sessione, il giudice Bell ha detto che “mentre è compito della giuria valutare la credibilità sulla base del comportamento del testimone, ci possono essere occasioni in cui le prove del testimone contengono tali incongruenze o improbabilità che si può dire di quella prova: la sua natura e qualità non sono sufficienti a sostenere una conclusione di colpevolezza secondo lo standard criminale”.

Una terza opzione potrebbe essere quella di rinviare l’esame del caso alla Corte di Appello, che aveva giudicato contro Pell, nonostante l’opposizione di uno dei giudici, Mark Weinberg, che ha scritto una memoria di oltre duecento pagine per dimostrare che non era possibile e ragionevole confermare la condanna. Se il caso fosse restituito alla Corte d’Appello di Victoria non è chiaro se sarebbe trattato dagli stessi tre giudici della sessione precedente.

Il quarto possibile risultato per Pell sarebbe che l’Alta Corte ritenesse che sia la giuria che la Corte d’Appello avessero preso decisioni “irragionevoli” contro Pell, ma ordinasse un nuovo processo completo, rimandando di fatto la battaglia legale di tre anni all’inizio. In questo caso Pell tornerebbe libero, e dovrebbe ripercorrere l’iter in tribunale…Ma questo avrebbe un punto vantaggioso: si sposterebbe l’attenzione, finalmente, sulle prove concrete, e sugli elementi che finora sono stati nascosti al grande pubblico. E intanto Pell attende, sempre in prigione…

§§§

 




 

STILUM CURIAE HA UN CANALE SU TELEGRAM

 @marcotosatti

E ANCHE SU VK.COM

stilumcuriae

SU FACEBOOK C’È LA PAGINA

stilumcuriae




SE PENSATE CHE

  STILUM CURIAE SIA UTILE

SE PENSATE CHE

SENZA STILUM CURIAE 

 L’INFORMAZIONE NON SAREBBE LA STESSA

 AIUTATE STILUM CURIAE!

ANDATE ALLA HOME PAGE

SOTTO LA BIOGRAFIA 

OPPURE CLICKATE QUI 




Questo blog è il seguito naturale di San Pietro e Dintorni, presente su “La Stampa” fino a quando non fu troppo molesto.  Per chi fosse interessato al lavoro già svolto, ecco il link a San Pietro e Dintorni.

Se volete ricevere i nuovi articoli del blog, scrivete la vostra mail nella finestra a fianco.

L’articolo vi ha interessato? Condividetelo, se volete, sui social network, usando gli strumenti qui sotto.

Se invece volete aiutare sacerdoti “scomodi” in difficoltà, qui trovate il sito della Società di San Martino di Tours e di San Pio di Pietrelcina


LIBRI DI MARCO TOSATTI

Se siete interessati a un libro, cliccate sul titolo….


Viganò e il Papa


FATIMA, IL SEGRETO NON SVELATO E IL FUTURO DELLA CHIESA

Fatima El segreto no desvelado

  SANTI INDEMONIATI: CASI STRAORDINARI DI POSSESSIONE

  PADRE PIO CONTRO SATANA. LA BATTAGLIA FINALE

  Padre Pío contra Satanás

La vera storia del Mussa Dagh

Mussa Dagh. Gli eroi traditi

Inchiesta sul demonio

Tag: , ,

Categoria:

Questo articolo è stato scritto da Marco Tosatti

7 commenti

  • Avatar Pier Luigi Tossani ha detto:

    Qualcuno ha sentito le vibrate proteste del vaticano, contro il processo-farsa Pell?…
    Penosissimo.
    Pell è un uomo di Dio, starà sul pezzo.
    Poi, Giorno del Giudizio per tutti, altro che questi falsi giudici anticristiani – e non solo in Australia – e lì ci saranno le sentenze giuste.

    • Avatar Rafael Brotero ha detto:

      Vero. L’antipapa è stato un esempio di coraggio e di lealtà nella difesa della giustizia. Dio saprà ricompensarlo.

  • Avatar stilumcuriale emerito ha detto:

    Rashomon un film del 1950 , un capolavoro del regista giapponese Akira Kurosawa, premiato col Leon d’oro al Festival di Venezia e di un Oscar ci aveva fatto molto riflettere…. ma purtroppo non ha fatto scuola. Quello era opera di fantasia, il processo al Card. Pell è realtà.

  • Avatar Sconsolata ha detto:

    Una sola banalissima nota: per lui l’isolamento – e che isolamento! – rispetto al quale si ridimensionano le limitazioni cui abbiamo dovuto assoggettarci, sta avendo una durata ben più lunga e imprecisata dei nostri “domiciliari”.
    Privato di tutto, anche della possibilità di celebrare messa – come viene ricordato ancora una volta – e di ogni contatto di qualsiasi genere.
    «E ora che ne sarà del mio viaggio?
    Troppo accuratamente l’ho studiato
    senza saperne nulla.
    Un imprevisto è la sola speranza.
    Ma mi dicono ch’è una stoltezza dirselo».
    (Eugenio Montale)

  • Avatar Paola ha detto:

    Card Pell martire. Primo di molti fratelli?