THE 2 POPES. FOR THE AMERICAN CATH (TRAD AND NOT) TO READ.

16 Febbraio 2020 Pubblicato da --

Marco Tosatti

Dear friends and enemies of Stilum Curiae, a previous article has created a lot of discussion on the web especially in the United States. It was an article dedicated to the unique situation we are experiencing. Two popes live together in the Vatican. During the discussion I recommended reading a very interesting article that appeared in Duc in Altum, the blog of Aldo Maria Valli, written by Prof. Silvio Brachetta. I translated it into English for those who could not read Italian. Enjoy reading it.

§§§

Cari amici e nemici di Stilum Curiae, un articolo precedente ha creato molta discussione sui social in particolare negli Stati Uniti. Era un articolo dedicato alla singolare situazione che stiamo vivendo. Due papi coabitano in Vaticano. Durante la discussione ho consigliato la lettura di un articolo molto interessante apparso su Duc in Altum, il blog di Aldo Maria Valli, scritto dal prof. Silvio Brachetta. L’ho tradotto in inglese per quanti non fossero in grado di leggere l’italiano. Buona lettura.

§§§

Massimo Franco, in Corriere della Sera on 8th February, supported the idea of an end of the “era of the two Popes”, in the sense that, in his opinion, something broke between Ratzinger and Bergoglio, after the publication of Robert Sarah’s book together with Benedict XVI. But did there really exist an “era of the two Popes”? You wouldn’t say so. The “era of the two Popes” has always been something refined, artificial, studied at the table. It was and it is an imposed situation, not justified by any reference to apostolic tradition or Scripture or to some theology; not explained, except in a chained and twisted way.

The “era of the two Popes” consists only in a series of photographs, in which the protagonists show affection and goodness. A simple operation of façade, no more than that of the broom that moves the dust under the carpet.

Theology is clarity. If it is not clear, not only is it useless, it is harmful. Theology is that screen of darkened glass that is placed before Scripture – the fathers say somewhere – to soften the too much glow of the Word of God, blinding as the sun at noon. But if the screen, instead of being made of glass, is an opaque body, the light of the Word is extinguished and nothing is seen.

After orthodox theology, after heterodox theology, we have now arrived at incomprehensible theology, which does not need to explain much, because it does not know how to explain and, after all, has nothing to explain, and does not even confess to not knowing.

Archbishop Georg Gänswein, in his time (in 2016), to justify the coexistence of a Pope and an Emeritus Pope, had tried to formulate what could be called the “theory of the enlarged ministry”. According to this theory, the papacy could also envisage the Pope Emeritus, “contemplative member” alongside the “active member”, who would be the elected Pope. On what basis does the theory stand? On what page of Scripture? On what authority of the doctors or fathers of the Church? Gänswein, evidently, does not answer, since he cannot answer. And he can’t answer because there’s nothing to say or to prove, since it’s a hypothesis that has been worked out at the table.

When ancient theologians knew something, they said it openly, without excessive and cloying pirouettes. When they didn’t know how to answer, they said, “I don’t know”. The passage from the normal alternation between two pontiffs to the scene is a moment, because if the frankness is replaced by the maneuver, who notices it is not only the Eternal Father, but also the universe world.

Saint Bonaventure, one of the greatest mystics in history, has never had mystical visions, nor has he ever been tormented by demons. His was a completely ordinary mysticism, but enough to be expressed in an extraordinary way, in the unprecedented pages he left us.

In Saint Bonaventure there is not a single collation, a single speculation that has not been demonstrated and clearly written. His word is clear, always supported by Scripture and the fathers – or even by some pagan authority. The Seraphicus has never allowed himself to express opinions without a reference, although he might even have done so, given the greatness of his thought.

The same can be said of Saint Thomas and many other doctors, who have always interpreted the Sacred Text not from private conviction, but from what had been transmitted to him. And, in case nothing had been transmitted on something, nothing they said or wrote, but they humbly recognized their own limit.

Even the Protestant theologians of the twentieth century overcome, in humility, the new incomprehensible theology. When Karl Barth, for example, tears apart the analogy of being and presents his “totally different” God, the error is immediately recognizable. One can point it out, as one indicates a way. Barth makes himself understood, allows debate, his theses can be catalogued and allow a reply.

Behind the Protestant (and non-protestant) concepts of “Weltanschauung”, “demythization”, “criticism of the sources” or “Sitz im Leben”, there may be something chained or a certain artificial mixture between the biblical disciplines and the sociological and historical ones, but there is always something understandable and, therefore, questionable. There is all a speculative work that, almost always, has tried to take into account, if not the apostolic tradition, at least shared scientific discoveries, in the field of archaeology, philology or psychology.

Today there is no longer any of that. There is no longer even a Protestant heterodox vision, where heterodoxy is the presence of errors. But what errors should be discovered in confusion? In confusion there is no mistake there is only confusion.

Massimo Franco expresses himself only on the functional quality of the situation in progress. In the background of his article we can see the two protagonists who do not know how to manage a real or presumed “equality of rank”. Everything revolves around external, accidental, a-theological terminologies, far from the substance: “book mess”, “clumsy management”, “already delicate balances”, “recalibrating and redefining boundaries”, “shadow of the predecessor”, “double loyalty”, “lost status”, “watershed in the pontificate”. And with these arguments one would like to come to a conclusion, as if the history of salvation were a hare hunt among drunks.

If an epoch is really over, it is certainly not that of the two Popes, but of those who have always refused to admit that there is the coexistence of two Popes. It is not the end, then, but the beginning of the awareness of an artificial and shattered situation.

It has begun, we hope, the era of the lifting of the carpet and the discovery of how much dust has accumulated underneath it.

§§§

Massimo Franco, sul Corriere della Sera dell’8 febbraio scorso, ha sostenuto la fine dell’«era dei due Papi», nel senso che, a suo parere, qualcosa si è rotto tra Ratzinger e Bergoglio, dopo la pubblicazione del libro di Robert Sarah assieme a Benedetto XVI. Ma davvero è esistita un’«era dei due Papi»? Non si direbbe proprio. L’«era dei due Papi» è stata sempre qualcosa di raffazzonato, artificiale, studiato a tavolino. Si è trattato e si tratta di una situazione imposta, non giustificata da nessun richiamo alla tradizione apostolica o alla Scrittura o a una qualche teologia; non spiegata, se non in maniera incatenata e contorta.

L’«era dei due Papi» consiste solo in una serie di fotografie, nelle quali i protagonisti ostentano affetto e bonarietà. Una semplice operazione di facciata, non più di quella della scopa che sposta la polvere sotto il tappeto.

La teologia è chiarezza. Se non è chiara, non solo non serve a nulla, ma è dannosa. La teologia è quello schermo di vetro oscurato che si mette davanti alla Scrittura – dicono i padri da qualche parte – per attenuare il troppo bagliore della Parola di Dio, accecante come il sole a mezzogiorno. Ma se lo schermo, invece che essere di vetro, è un corpo opaco, la luce della Parola si spegne e non si vede più nulla.

Dopo la teologia ortodossa, dopo la teologia eterodossa, siamo ora approdati alla teologia incomprensibile, che non ha bisogno di spiegare granché, perché non sa spiegare e, in fondo, non ha nulla da spiegare, e non confessa nemmeno di non sapere.

L’arcivescovo Georg Gänswein, a suo tempo (nel 2016), per giustificare la coesistenza di un Papa e di un Papa Emerito, aveva tentato di formulare quella che potrebbe essere chiamata la “teoria del ministero allargato”. Secondo questa teoria, il papato potrebbe anche prevedere il Papa Emerito, «membro contemplativo» accanto al «membro attivo», che sarebbe il Papa eletto. Su che base si regge la teoria? Su quale pagina della Scrittura? Su quale autorità dei dottori o dei padri della Chiesa? Gänswein, evidentemente, non risponde, poiché non può rispondere. E non può rispondere perché non c’è nulla da dire o da dimostrare, trattandosi di un’ipotesi partorita a tavolino.

Quando gli antichi teologi sapevano qualcosa, la dicevano apertamente, senza eccessive e stucchevoli piroette. Quando invece non sapevano rispondere, dicevano “non so”. Il passaggio dal normale avvicendamento tra due pontefici alla sceneggiata è un attimo, perché se la schiettezza viene sostituita dalla manovra, chi se ne accorge non è solo il Padreterno, ma anche l’universo mondo.

San Bonaventura, uno dei più grandi mistici della storia, non ha mai avuto visioni mistiche, né mai e stato vessato dai demoni. La sua fu una mistica completamente ordinaria, ma sufficiente per essere espressa in modo straordinario, nelle pagine inaudite che ci ha lasciato.

In san Bonaventura non c’è una sola collazione, una sola speculazione, che non sia stata dimostrata e redatta chiaramente. La sua parola è limpida, sempre sorretta dalla Scrittura e dai padri – o persino da una qualche autorità pagana. Il Serafico non si è mai permesso di esprimere opinioni in batteria, sebbene lo avesse anche potuto fare, vista la grandezza del suo pensiero.

Lo stesso può dirsi di san Tommaso e di molti altri dottori, che da sempre hanno interpretato il Testo sacro non sul privato convincimento, ma da quello che gli era stato trasmesso. E, nel caso nulla fosse stato trasmesso su qualcosa, nulla essi dicevano o scrivevano, ma riconoscevano umilmente il proprio limite.

Persino i teologi protestanti del Novecento superano, in umiltà, la novella teologia incomprensibile. Quando Karl Barth, ad esempio, fa a pezzi l’analogia dell’essere e presenta il suo Dio «totalmente altro», l’errore è subito riconoscibile. Lo si può indicare, come si indica una strada. Barth si fa capire, permette il dibattito, le sue tesi sono catalogabili e permettono una replica.

Dietro i concetti protestanti (e non) di «Weltanschauung», «demitizzazione», «critica delle fonti» o «Sitz im Leben», potrà anche esserci qualcosa d’incatenato o una certa commistione artificiosa tra le discipline bibliche e quelle sociologiche e storiche, ma si giunge sempre a qualcosa di comprensibile e, dunque, di contestabile. C’è tutto un lavoro speculativo che, quasi sempre, ha cercato di tenere conto, se non della tradizione apostolica, almeno di scoperte scientifiche condivise, nel campo dell’archeologia, della filologia o della psicologia.

Oggi non c’è più nulla di tutto questo. Non c’è più nulla nemmeno delle visioni eterodosse protestanti, laddove l’eterodossia è la presenza di errori. Ma che errori si dovrebbero mai scoprire nella confusione? Nella confusione non c’è errore, c’è confusione.

Massimo Franco si esprime solo sulla qualità funzionale della situazione in atto. Sullo sfondo del suo articolo s’intravvedono i due protagonisti che non sanno come gestire una reale o presunta «parità di rango». Tutto ruota attorno a terminologie esteriori, accidentali, a-teologiche, lontanissime dalla sostanza: «pasticcio del libro», «gestione maldestra», «equilibri già delicati», «ricalibrare e ridefinire i confini», «ombra del predecessore», «doppia fedeltà», «status perduto», «spartiacque nel pontificato». E con questi argomenti si vorrebbe arrivare a conclusione, quasi che la storia della salvezza fosse una caccia alla lepre tra ubriachi.

Se davvero è finita un’epoca, non è certo quella dei due Papi, ma di quelli che si sono sempre rifiutati di ammettere che c’è in atto la coesistenza di due Papi. Non fine, dunque, ma inizio della presa di coscienza di una situazione artificiosa e raffazzonata.

È iniziata, speriamo, l’era del sollevamento del tappeto e della scoperta di quanta polvere vi sia accumulata sotto.

Silvio Brachetta

§§§




 

STILUM CURIAE HA UN CANALE SU TELEGRAM

 @marcotosatti

E ANCHE SU VK.COM

stilumcuriae

SU FACEBOOK C’È LA PAGINA

stilumcuriae




SE PENSATE CHE

  STILUM CURIAE SIA UTILE

SE PENSATE CHE

SENZA STILUM CURIAE 

 L’INFORMAZIONE NON SAREBBE LA STESSA

 AIUTATE STILUM CURIAE!

ANDATE ALLA HOME PAGE

SOTTO LA BIOGRAFIA 

OPPURE CLICKATE QUI 




Questo blog è il seguito naturale di San Pietro e Dintorni, presente su “La Stampa” fino a quando non fu troppo molesto.  Per chi fosse interessato al lavoro già svolto, ecco il link a San Pietro e Dintorni.

Se volete ricevere i nuovi articoli del blog, scrivete la vostra mail nella finestra a fianco.

L’articolo vi ha interessato? Condividetelo, se volete, sui social network, usando gli strumenti qui sotto.

Se invece volete aiutare sacerdoti “scomodi” in difficoltà, qui trovate il sito della Società di San Martino di Tours e di San Pio di Pietrelcina


LIBRI DI MARCO TOSATTI

Se siete interessati a un libro, cliccate sul titolo….


Viganò e il Papa


FATIMA, IL SEGRETO NON SVELATO E IL FUTURO DELLA CHIESA

Fatima El segreto no desvelado

  SANTI INDEMONIATI: CASI STRAORDINARI DI POSSESSIONE

  PADRE PIO CONTRO SATANA. LA BATTAGLIA FINALE

  Padre Pío contra Satanás

La vera storia del Mussa Dagh

Mussa Dagh. Gli eroi traditi

Inchiesta sul demonio

Tag: , , ,

Categoria:

Questo articolo è stato scritto da Marco Tosatti

30 commenti

  • Avatar dxv515 ha detto:

    On what page of Scripture?

    If the Church is following Christ in his Passion and since Christ was judged by TWO HIGH PRIESTS Annas & Caiphas then the Church (which is now in Eclipse) is judged by the TWO HIGH PRIESTS – Benedict & Francis

    There is your Scripture.

  • Avatar dxv515 ha detto:

    PROPHECY OF MELANIE ON TWO POPES:

    “I didn’t see, I don’t see any Great Pope or Great Monarch before an extremely great tribulation, horrifying, terrible and general for all Christendom. But before that time, twice there will be a short lived peace; TWO shaky, servile, doubtful popes” Mélanie

  • Avatar Antonella ha detto:

    L’epoca dei due papi è finita perché i fatti chiariscono due diverse identità di fede con lo sdoppiamento di un vicariato inizialmente rappresentato nella sinergia di un pensiero dottrinale che sarebbe poi dovuto diventatare azione sul piano pastorale.
    La contraddizione tra quello che dovrebbe riguardare l’annuncio nello specifico del proprio mandato e la sua ambigua versione adottata in ogni campo, dal sacerdozio alla identità di genere, alla concezione di famiglia, natura, religione, ha inesorabilmente messo a nudo il credo progressista di una gerarchia rispetto a quello che rimane invece ancorato alla verità di fede ereditata per Tradizione.
    Nella chiesa progressista convergono tutte le posizioni assunte dal ceto globalista, anche la teologia è rimaneggiata per propagandare un cristo ad uso e consumo dei propri scopi ed interessi. Non più noi incorporati in Lui, ma il suo corpo modellato sulle nostre debolezze.
    Un Volto sfigurato dalle pretese più estreme santificate come “lecite” e con tutti quei risvolti che ribaltano la morale nei suoi cardini, mettendo in discussione la sacralità dell’esistenza stessa prima ancora della centralità che la Chiesa riceve in Cristo in relazione sponsale.
    Due anime, di cui una conforme al Cristo di cui ci è consegnata la testimonianza, l’altra totalmente opposta, alla luce della condizione attuale sempre più chiaramente anticristica.

    • Avatar stilumcuriale emerito ha detto:

      L’epoca, dice lei, è finita. Ma potrebbe essere l’inizio di una nuova era sulla quale, almeno noi comuni mortali che non siamo veggenti, oggi come oggi non siamo in grado di dire nulla. O sbaglio?

      • Avatar Antonella ha detto:

        Una”svolta” sulla quale possiamo limitarci a dibattere, di cui si intravedono già gli spiragli, ma che non abbiamo di certo la presunzione di conoscere.
        Il bello è proprio questo: l’Inaspettato.
        Possiamo però ritenerci parte in causa del suo Avvento.

  • Avatar Maria Cristina ha detto:

    Direi che su questa questione dovremmo applicare il rasoio di Ockam, nel senso che non serve a nulla postulare l’ esistenza di enti non necessari, di cui non sappiamo se esistono o no, ma dobbiamo tenerci ai fatti, e solo ai protagonisti dei fatti.
    Possiamo arrivare alle ipotesi piu’ stravaganti sulla rinuncia di Benedetto, ma Benedetto e’ ancora vivo e puo’ parlare e scrivere , come ha fatto recentemente sulla questione del celibato dei preti. Non e’ tenuto prigioniero al punto da non poter rivelare al mondo il “ segreto” delle sue dimissioni? E se non ci fosse alcun segreto? Benedetto si ‘ dimesso perche’ per lui , stanco e incapace di far fronte forse per debolezza di carattere a certe situazioni, ha ritenuto che fosse meglio per la Chiesa un nuovo papa, piu’ ’ giovane e forte. Non sapeva che sarebbe stato eletto Bergoglio. Inoltre, chi e’ davvero Bergoglio lo si e’ capito col tempo, e solo dopo anni , dopo l’ AL, molti come Aldo Maria Valli all’ inizio entusiasti, si sono resi conto del pericolo.Col senno di poi, Benedetto forse si sara’ reso conto delle conseguenze nefaste delle sue dimissioni. E’ stato uno sbaglio certo, ma perche’ dobbiamo cadere nelle ipotesi piu’ strane e stravaganti?

  • Avatar P. Brian Paul MAGUIRE,c.p. ha detto:

    Non esiste nessuna spiegazione/giustificazione sia nel Nuovo Testamento che nella Tradizione Apostolica/Ecclesiastica per la coabitazione di due papi nel Corpo Mistico che Cristo Gesù edificò sulla fede messianica di Pietro! E`inconcepibile che un papa cosiddetto “tradizionalista” come Benedetto XVI, sano o infermo che sia, accetti di vivere in un “collegio” di Papi vialidi! E chè facciamo con la VOX PASSIVA fino ai 75 anni per i candidati ad una elezione papale? Benedetto XVI aveva più 78 anni quando fu eletto, e Francesco più di 76!

  • Avatar anonimo lituano ha detto:

    Non c è fare dietrologia, c’è solo da osservare i fatti che si verificano sotto i nostri occhi. Quel che dicono è quel che fanno.

  • Avatar Anna ha detto:

    Un Sacerdote molto stimato, di cui non faccio il nome, scrive testualmente queste parole:” Il Cardinale belga Danneels morto il 14 marzo 2019 aveva pubblicato poco prima un libro autobiografico in cui svelava che faceva parte anche lui della «mafia di San Gallo», e ha scritto nel libro che fin dal 1999 un nutrito gruppo di Prelati si incontravano a San Gallo in Svizzera per spingere Benedetto XVI a dimettersi e sostituirlo con un pontefice più progressista. Ciò si è realizzato con l’elezione di papa Bergoglio il 13 marzo 2013. Anche Bergoglio ne faceva parte, come ha scritto il Cardinale nel libro mai tradotto in italiano…
    Se le cose stanno come ha scritto il Cardinale partecipante insieme a undici Prelati alle riunioni segrete, le dimissioni di Benedetto XVI non sono state frutto di libera scelta, mentre per il Diritto Canonico, canone 332 paragrafo 2, «si richiede per la validità che la rinuncia sia fatta liberamente».
    Qualcuno ha letto il libro di Danneels?

    • Avatar P. Luis Eduardo Rodrìguez Rodríguez ha detto:

      Prima contro Giovanni Paolo II e dopo contro Benedetto XVI. Quindi difatto, fasullo e nullo conclave del 2013. Per favore italiani e sopratutto milanesi, movilitate per fare fuori i resti mortali dello excomunicato Martini, dal Duomo di Milano. E se resta qualche cattolico nel Belgio, fuori pure ovunque si trovino quelli del apostata Danneels.

    • Avatar stilumcuriale emerito ha detto:

      Anna (che bel nome) mi scusi ma non mi tornano le date .
      Giovanni Paolo II è morto il 2 aprile 2005. Benedetto XVI è il suo successore. Come poteva esserci nel 1999 una iniziativa per farlo dimettere da papa, se non era ancora papa?

    • Avatar gaetano2 ha detto:

      E chissà che non ci sia un legame anche con questo, da notare la data dell’articolo, all’epoca non sapevo cosa potesse significare poi dopo quello che è successo è sembrato più chiaro:

      https://www.ilfattoquotidiano.it/2012/02/10/complotto-di-morte-benedetto-xvi/190221/

    • Avatar stefano raimondo ha detto:

      Non è una domanda retorica, non lo dico per polemizzare ma… cosa vuol dire “spingere alle dimissioni”? Se una persona non vuole dimettersi, non si dimette. O sono tutti d’accordo oppure la persona che si dimette è senza spina dorsale. E comunque non si capisce perché Ratzinger non abbia rivelato tutto ai media, se fosse stato vittima di una sorta di violenza psichica. O devo pensare che Ratzinger sia ricattabile?

      • Avatar stilumcuriale emerito ha detto:

        L’unica cosa certa è che se Ratzinger non si fosse dimesso oggi non avremmo papa J. Mario Bergoglio, con tutte le tristi conseguenze che ciò comporta; ammenocchè qualcuno non avesse provveduto ad eliminare fisicamente Ratzinger.

      • Avatar Gaetano2 ha detto:

        Il come lo non lo possiamo sapere, però se avesse voluto rendere manifesta la situazione, approfittando per esempio delle “spinte” a dimettersi, cedendo solo l’esercizio, non avrebbe potuto fare meglio. Le sue dichiarazioni o discorsi non sono stati sufficienti a farci rendere conto della situazione e se avesse parlato ancora di più e più chiaramente non solo avrebbero negato ma lo avrebbero schernito insultandolo ancora più di quanto avessero fatto in precedenza. Chi avrebbe mai creduto o pensato che esistesse una “mafia di San Gallo” o che don Ciccio portasse avanti la sua accolita di rikkiones e pervertiti vari ad ogni livello, pervertiti che già da tempo aveva preso possesso di posti chiave nella gerarchia?

        • Avatar anonimo lituano ha detto:

          Concordo. Più passa il tempo, meglio si può osservare la situazione, più si fa evidente che il modo di “defilarsi” di Benedetto XVI è stato semplicemente geniale, davvero straordinario e al di là di ogni possibile pre-comprensione.
          A mio parere, in un’ottica di fede, che è la meglio adeguata, è stato ispirato.

      • Avatar LucioR ha detto:

        «O sono tutti d’accordo oppure la persona che si dimette è senza spina dorsale»

        Considerando non plausibile che fossero tutti d’accordo, includendo in quel “tutti” Benedetto XVI, mi si consenta di fare un esempio: Se Lei rivestisse una carica suprema… (Va bene! Cambiamo soggetto) Se io rivestissi una carica suprema e mi venisse recapitato il pizzino (mi sembra che nella faccenda a cui ci riferiamo “pizzino” potrebbe essere un termine acconcio, visto che è stata esplicitamente coinvolta una certa mafia): «Se non ti dimetti facciamo fuori i tuoi famigliari», oppure «… buttiamo all’aria la tua organizzazione» o altro, ed io, sapendo che non sono minacce campate in aria, e che non posso far nulla per stornarle e addirittura peggiorerei la situazione, mi dimetto, sarei considerato senza spina dorsale?

        E’ un esempio, l’ho detto, perché, non conosco i motivi precisi (e neanche quelli imprecisi) per cui Benedetto XVI si è dimesso. Se qualcuno li conosce (con prove certe) li riferisca, così possiamo valutare se è questione di spina dorsale o di altro.

        • Avatar stefano raimondo ha detto:

          Buonasera Lucior, capisco quello che lei vuol dire, ma onestamente non posso pensare che ci siano state addirittura delle minacce fisiche, mi parrebbe troppo! Giustamente Stilumcuriale Emerito (che saluto) afferma che se Ratzinger non si fosse dimesso non avremmo avuto Bergoglio: è vero ma consideriamo che in questo modo tutto il marcio è venuto a galla, questo triste pontificato ci fa vedere con chiarezza quali sono i problemi e chi sono gli avversari della Chiesa; non tutto il male viene per nuocere: certo clero, proprio perché arrivista, con Benedetto XVI avrebbe continuato a vivere nell’ombra e ad agire sotto traccia. Concludo dicendo che mi sembra strano che le difficoltà di Benedetto XVI siano state solo di salute. La mancanza di spina dorsale è una cosa che purtroppo è peculiare dei nostri tempi, afferisce alla modernità in quanto tale e ne siamo tutti affetti (ma non dobbiamo mancare di rimarcarla…).

  • Avatar mons.zeta ha detto:

    Negli anni ’70 un santo sacerdote argentino , considerato fra i due o tre maggiori teologi del XX secolo, Padre Julio Mainvielle ( il più grande nemico di carl Rahner ) , scrisse un libro straordinario ( di 500pagine) : -De la Cabala al Progresismo- .Nella conclusione , riferendosi al mysterium iniquitatis , profetizza due chiese che coesistono e due Papi che coesistono in uno . Le due chiesa saranno una chiesa cattolica ( chiesa del silenzio) e una gnostica ( chiesa osannata dalla propaganda ) .La prima chiesa sarà la chiesa della Promessa, avrà un Papa fedele a Cristo ed ai suoi inegnamenti,con pochissimi sacerdoti e vescovi , un vero piccolo gregge ( pusillus grex) .La seconda avrà un papa con attitudini ambigue , che non farà altro che creare equivoci , con dottrina che non può esser accusata di esser eretica, ma generando fatti equivoci , riprovevoli , persino sovversivi . Meinvielle scrive che , attenzione, un medesimo papa presiederà antrambe le due chiese che appariranno esteriormente essere una sola . Commenta questa profezia scrivendo che la ecclesiologia non ha ancora studiato la possibilità di una ipotesi come questa . Però , scrive, la -Pronessa di Assistenza alla Chiesa- ( dello Spirito Santo) , si riduce ad una Assistenza che impedisca all’errore di introdursi nella Cattedra Romana ( di SanPietro) e che la Chiesa non scompaia o sia distrutta dai suoi nemici . ( Mt 16-20 ; 28-20 ; Giov 14-26) ,L’ipotesi proposta da Meinvielle non contrasta con questo , anzi , incorpora proprio la defezione della fede , che sarà totale , coinciderà con la perseveranza fino alla fine di pochi . San Paolo ( 2 Tes 2,3) chiama apostasia universale questa defezione della fede che deve coincidere con la manifestazione dell”- uomo della iniquità , del figlio della perdizione – . Sempre Meinvielle conclude che la sola alternativa all’Anticristo sarà Cristo, ma Cristo non salverà tutti o molti , salverà la sua Chiesa e il piccolo greggie , pusillus grex . ( Luca 2,32)

    • Avatar emma ha detto:

      Perbacco ! potrebbe darci riferimento su questo libro menzionato ? Chi lo ha editato ? c’è in lingua italiana ? dove si può trovare ?

    • Avatar mirella V. ha detto:

      Ricordo che un sacerdote (bravissimo) dell’istituto del Verbo Incarnato, una volta mi parlò di questo teologo e della chiesa della propaganda e quella della promessa che coesistono . Non avevo capito , o non rcordo la spiegazione, riferita ai due papi in uno Pensavo fosse solo simbolico . uno sdoppiamento di personalità. Invece è immaginabile proprio che due papi possano esser un solo papa in due persone diverse e contrastanti. Ma se li abbiamo sotto gli occhi da sette anni ! perchè meravigliarci e voler razionalizzare il mistero a tutti i costi ? il papa non può che essere uno, ma per anticiparci la tantazione finale degli ultimi tempi, come dice Padre Meievielle , si presenta in due sembianze fisiche diverse . che propongono due fedi dverse . o no ?

    • Avatar P. Luis Eduardo Rodrìguez Rodríguez ha detto:

      Tra due Mons. Qui sopra, ZETA, che ringrazio per ricordare lo straordinario argentino P. Meinvielle, di cui ho letto sue diversse opere, come quella che cita tale profezia. Magari s’ ispirò nelle Profezie della Beata Anna Caterina Emmerick, che celebramo Domenica scorsa 9 febbraio.

      E qui giù, ICS, pure ringrazio e ricordo la nona stazione della Via Crucis nel Colosseo 25 marzo 2005…appunto unica non seguita presente il Beato Giovanni Paolo, dalle 26 precedenti, ma dall’ allora cardinale Ratzinger, che pure di precisso magistralmente fecce questa diagnosi. Approffito ricordare che al contempo accade il miracolo straordinario delle Spine della Corona del Nostro Signore nella Parrocchia S. Giovanni in Bianco, Bergamo, che capita solo quando Venerdì Santo cadde il 25 marzo.

      La coincidenza delle due ricorrenze è rarissima. Si realizza tre, quattro volte per secolo. Nel secolo scorso si è verificata nel 1910, nel 1921 e nel 1932. In questo secolo, nel  2005, il 25 marzo, e nell’ ultima nel 2016, ci sono andato.

      Prima incollare la nona stazione, magari a qualcuno servirà, ed ancora avete tempo in Europa, per l’ ora, d’ iniziare oggi 16, la Novena, chiesta dal Signore, per la Festa del Santo Volto, il martedì 25 febbraio, che per i pagani celebrano la festa della carne nel peccato…”carnevale”.

      “MEDITAZIONE
      Che cosa può dirci la terza caduta di Gesù sotto il peso della croce? Forse ci fa pensare alla caduta dell’uomo in generale, all’allontanamento di molti da Cristo, alla deriva verso un secolarismo senza Dio. Ma non dobbiamo pensare anche a quanto Cristo debba soffrire nella sua stessa Chiesa? A quante volte si abusa del santo sacramento della sua presenza, in quale vuoto e cattiveria del cuore spesso egli entra! Quante volte celebriamo soltanto noi stessi senza neanche renderci conto di lui! Quante volte la sua Parola viene distorta e abusata!
      Quanta poca fede c’è in tante teorie, quante parole vuote! Quanta sporcizia c’è nella Chiesa, e proprio anche tra coloro che, nel sacerdozio, dovrebbero appartenere completamente a lui! Quanta superbia, quanta autosufficienza! Quanto poco rispettiamo il sacramento della riconciliazione, nel quale egli ci aspetta, per rialzarci dalle nostre cadute! Tutto ciò è presente nella sua passione. Il tradimento dei discepoli, la ricezione indegna del suo Corpo e del suo Sangue è certamente il più grande dolore del Redentore, quello che gli trafigge il cuore. Non ci rimane altro che rivolgergli, dal più profondo dell’animo, il grido: Kyrie, eleison – Signore, salvaci (cfr. Mt 8, 25).”

      Un mese dopo ed un giorno meno, il 24 aprile 2005, iniziava solenne il pontificato di BENEDETTO XVI, ancora papa, ed unico legittimo, eletto il 19 precedente. La Festa della Corona delle Sacre Spine si festeggiava anticamente il 24 aprile…

  • Avatar Mons.Ics ha detto:

    sorry , sorry , sorry but I have not found any added value to what we Stilum Curiae readers have already understood. Scusi Tosatti ,ma che dice di rilevante questo commento ? La polvere sotto il tappeto c’era prima dell’elezione di Giovanni Paolo II,. C’era prima di Benedetto e anche prima di Bergoglio. Solo che con Bergoglio se ne è accumulata tanta da gonfiare il tappeto. Una interpretazione del pezzo di Massimo Franco poteva essere che Benedetto aveva alzato il tappeto, aveva visto la polvere , aveva deciso che era necessario qualcun altro per pulirla . Ma è stato di guardia . Ha visto che Bergoglio anzichè ripulire metteva sotto il tappeto altra monnezza , stavolta tossica . E ha reagito. Anche perchè , c’è una ipotesi di tal Roth (che interviene spesso su Stilum Curiae di Tosatti) , che dimostra di saperla lunga e di parlare con qualcuno molto in alto. L’ipotesi è che Benedetto XVI si senta sempre Papa . Non emerito,bensì proprio Papa . E’ irrilevante che si intervenga riferendosi al Conclave e spiegando che è valido. Benedetto XVI è Papa , ed ha dimostrato anche di avere autorità . Ha persino fatto saltare una esortazione postsinodale che sarebbe stata rivoluzionaria. Vedrete che il bello deve ancora venire…

    • Avatar roth ha detto:

      Bravissimo mons ICS. Lei ha ben capito . B XVI si sente Papa perchè è Papa . Cosa sia invece il successore non sono in grado di spiegarlo . Il Conclave c’è stato ,non è stato invalidato dai Cardinali che hanno partecipato. Pertanto sffettivamante potremmo supporre che ci siano due papi . Ma poichè è impossibile , devono avere due funzioni diverse ,opposte , contrastanti Il mi -riferimento – molto in alto, come dice lei , è convinto che si tratti della sfida finale . Ugualmente non spiego , e non mi viene spiegata l’inerzia di B XVI in troppe occasioni. La spiegazione che mi viene fornita , troppo complessa per la mie modeste facoltà, starebbe nella visione che ebbe Leone XIII ( i demoni danzare sopra la cupola di SanPietro ) e il famoso colloquio tra satana e Cristo, quando il primo dei due gli chiede altri cento anni per distruggere la chiesa e di potersi servire di membri della Chiesa stessa. Cristo glielo concedette . Lei è un teologo, fa senso questa spiegazione ?

      • Avatar mons ICS ha detto:

        Fa senso e come , è la spiegazione che alcuni si danno ma temono di esplicitarla . Forse perchè in cuor loro sperano non sia così ? . Mi creda io non saprei andare oltre . Credo che ci sia un solo Cardinale in grado di esser più esplicito in proposito. Ma non posso dire il nome. Spero solo che legga questo colloquio fra noi e decida di intervenira , con copertura di pseudonimo naturalmente .
        Peraltro perchè le preghiere cosiddette -leonine – ( cioè di Leone XIII) furono soppresse nel 1964 ? perchè erano esorcismi miranti a cambiare detta prospettiva descritta da Leone XIII . In un paesino della toscana ( che non posso rivelare ) , accompagnando un personaggio importante del paese, sentii alla fine della Santa Messa il celebrante ( un sacerdote dell’Est d’Europa ) recitare a voce altissima la preghiera a san Michele Arcangelo , scritta da Leone XIII . Gli chiesi , congratulandomi ( senza manifestarmi ) il perchè , visto che era stata cancellata . La risposta non mi fa ancora oggi dormire…

        • Avatar Vitmarr ha detto:

          Caro Mons. Ics , io credo che sia meglio sapere e prepararsi al peggio , piuttosto che trovarsi impreparati in una situazione disperata anche se ipotetica. Ci dica , se può, quello che le fa paura.
          Grazie.