IL VERO NATALE. UN RACCONTO BREVE PER STILUM CURIAE.

25 Dicembre 2019 Pubblicato da --

 

Marco Tosatti

Cari amici e nemici di Stilum Curiae, e troll e tutti voi che capitate su questo sito, Buon Natale. Stilum Curiae vuole augurarvelo con un racconto che ci ha inviato un amico di Stilum, Claudio Gazzoli, che ringraziamo di cuore per il regalo. Buona lettura, e di nuovo, Buon Natale. 

§§§

IL VERO NATALE

IL VERO NATALE

Lo scorso anno, proprio in quel periodo, aveva preso la varicella e non aveva potuto partecipare alla feste natalizie, l’anno addietro era troppo piccolo per poter ricordare.

Aveva sentito mamma e papà parlare della festa del sole ma non capiva, a scuola si parlava di festa dell’inverno e del sole che riprendeva a salire, avevano preparato una tavolo con molto muschio, una culla con dentro Topolino, poi c’erano molti pupazzetti strani, due maschietti che si baciavano, due femminucce che si accarezzavano, maschietti vestiti da femminucce, famiglie strane con due uomini o due donne, pupazzetti con lo smartphone che chattavano e una grande scritta «W la pace W il mondo nuovo».

La sera di Natale a casa c’erano molti invitati per il cenone con lo scambio dei doni, l’inno alla gioia e altre canzoni. Poi lo zio aveva intonato “imagine” con la chitarra. Si erano sentiti tanto uniti e buoni, calorosi, cordiali, festosi ed erano stati tutti felici. Poi tutti piatti succulenti, con tanti cereali colorati, cucinati in vari modi.  La cena era iniziata con una poesia dedicata alla “madre terra”: «madre terra ti ringraziamo per aver offerto questi doni della vite e del grano, perfezionati dal lavoro dell’uomo, che stasera appagheranno i nostri sensi inebriati dall’amore cosmico».

C’erano tanti cartellini colorati, sull’albero di Natale, con su scritto “W la dichiarazione universale dei diritti dell’uomo”, “tutti diritti per tutti”, “libera la tua energia”, “sei il tuo Dio”, “lasciati pervadere dal Cosmo”, ”lgbt è bello”, “W la magnifica Trinità: Liberté, Égalité, Fraternité ”, ma questi non li aveva proprio capiti… non capiva nulla… Le palle colorate però erano belle, emettevano una luce che a guardarla si rimaneva incantati, quasi ci si addormentava.

Aveva sentito dire che a Natale si rievoca la nascita di Gesù, ma lui questo Gesù non lo conosceva proprio. Gli sembrava che una volta ne avesse parlato la maestra di religione, ma poi lo aveva dimenticato perché, piuttosto, preferiva dedicare tanto spazio a personaggi molto più importanti, assieme ad un nome che non sapeva pronunciare, paciamama, ma di questo Gesù, sì forse… Solo un suo compagno di classe gli aveva detto che andava tutte le domeniche in chiesa, con sua madre e suo padre a pregare Gesù, ma lui queste chiese non le aveva mai viste. Gli dava da fare i disegni a casa con tutti profili panciuti di uno che dicevano santo e i mille turbanti di un grande profeta, ma non gli aveva mai dato da disegnare Gesù. Diceva ai bambini che dovevano imparare a conoscere tutte le religioni del mondo così che, da grandi, come avrebbero scelto la professione, avrebbero scelto anche la religione.

Poi la mamma gli aveva spiegato che sì, diverse persone festeggiano il Natale in quel modo, ma noi siamo gente per bene e moderna, per noi il Natale è la festa del ciclo cosmico della vita planetaria che ritorna con la risalita del sole.

A scuola avevano organizzato una festa di Natale. Gli avevano messo un vestito bianco con una coccarda color argento sul colletto e, all’ingresso della sala, davanti ai genitori e parenti, avevano intonato l’Alleluia. Le maestre avevano spiegato a loro che si trattava di un canto gioioso di lode per acclamare il dio dell’universo e della fratellanza universale, la madre terra, il sole che permette il rinnovarsi della vita e il ciclo dell’acqua. Alla fine della festa avevano cantato “Aggiungi un posto a tavola”. Gli era piaciuta molto quella canzone, il suo ritmo, la sua dolcissima melodia a ricordare l’ospitalità verso il diverso da noi, in tutti i modi e sensi che, gli avevano spiegato, lui non poteva ancora capire.

Ma non vedeva l’ora di uscire, con mamma e papà, per tuffarsi nella festa e nelle luminarie della sua città. Ma, in mezzo a quella folla festosa e quei bambini vivaci, sentiva che gli mancava qualcosa. Non era la cioccolata calda o le giravolte sulla pista del ghiaccio, ma neanche il giro sulla giostra e i regali dei babbi natale tutti uguali che dicevano le stesse cose, che avevano le stesse barbe finte. In fondo le mille luci erano simili a quelle del grande centro commerciale, i travestimenti di babbi natale e befane, come a carnevale, gli effetti fantasmagorici di luci e proiezioni, come al cinema e le giostre proprio le stesse del luna park. Lui si guardava intorno a cercare questo Gesù di cui aveva sentito parlare.

Poi, nell’istante in cui la mamma si apprestava a stendere la mano per prendere un pacco dono dalla bancarella, sentì un leggero tocco sulla spalla, si girò e vide un bambino biondo bellissimo, più o meno della sua età, che gli si era avvicinato e lo guardava con un sorriso dolce. Lo prese per mano e lo condusse verso una chiesa, che era proprio dall’altra parte della strada affollata. Il portone era socchiuso e, una volta dentro, si ritrovò a camminare al buio, accompagnato dalla mano calda del bambino. Vide da lontano una luce e, mentre si avvicinava, riconobbe un presepio, molto più grande di quello della scuola con Topolino. Ma questo era diverso, aveva pupazzetti che erano quasi veri, vestiti in modo strano, antico, che facevano mille mestieri.  C’era una grotta che sembrava vera, illuminata dall’interno da una luce dorata con mille riflessi che sfavillavano sul viso di una mamma bellissima, inginocchiata davanti al suo pargoletto, che assomigliava incredibilmente al bimbo che lo teneva per mano. Pareva nevicare, ma non era neve. Sembravano coriandoli dai mille colori che sfavillavano come lucciole e, invorticandosi, componevano un’iscrizione che lui sapeva benissimo leggere: “Gloria all’Unico Vero Dio”. Si sentì tirare la mano verso un sentiero che saliva attorno alla grotta, fino ad una spianata, da dove poteva ammirare un prato meraviglioso con fiori dai mille colori sfolgoranti, come non aveva mai visto prima, parecchi di più di quelli dell’arcobaleno. Sentiva un senso di pace e di compiacimento, molto più di quando lo portavano a gustare la tazza di cioccolata calda, molto più di quando, la sera, la mamma lo abbracciava forte e gli dava la buona notte. Poi all’improvviso si sentì tirare più forte e si ritrovò a volare, non sapeva come, con il bambino biondo che ora aveva riconosciuto come Gesù. Dovevano volare ad una velocità vertiginosa e, cosa strana, non sentiva il vento a premergli sugli occhi come quando filava in bicicletta. Vedeva un’infinità di luci venirgli incontro, degli stessi innumerevoli colori dei fiori, che formavano un lungo tunnel variopinto. Poi d’un tratto sentì la mano del bambino biondo che lo stava lasciando e si ritrovò di nuovo con i piedi per terra a salutarlo, mentre si allontanava con un sorriso complice e dolcissimo. La mamma stava riponendo la scatola nella borsa quando si era voltata per dirgli: «Per un attimo mi era sembrato di averti perso, ma dov’eri ?» e il bambino, ancora disorientato ma luminoso:  «Mamma, ho visto il Vero Natale ! ».

Claudio Gazzoli

§§§




STILUM CURIAE HA UN CANALE SU TELEGRAM

 @marcotosatti

E ANCHE SU VK.COM

stilumcuriae

SU FACEBOOK C’È LA PAGINA

stilumcuriae




SE PENSATE CHE

  STILUM CURIAE SIA UTILE

SE PENSATE CHE

SENZA STILUM CURIAE 

 L’INFORMAZIONE NON SAREBBE LA STESSA

 AIUTATE STILUM CURIAE!

ANDATE ALLA HOME PAGE

SOTTO LA BIOGRAFIA 

OPPURE CLICKATE QUI 




Questo blog è il seguito naturale di San Pietro e Dintorni, presente su “La Stampa” fino a quando non fu troppo molesto.  Per chi fosse interessato al lavoro già svolto, ecco il link a San Pietro e Dintorni.

Se volete ricevere i nuovi articoli del blog, scrivete la vostra mail nella finestra a fianco.

L’articolo vi ha interessato? Condividetelo, se volete, sui social network, usando gli strumenti qui sotto.

Se invece volete aiutare sacerdoti “scomodi” in difficoltà, qui trovate il sito della Società di San Martino di Tours e di San Pio di Pietrelcina


LIBRI DI MARCO TOSATTI

Se siete interessati a un libro, cliccate sul titolo….


Viganò e il Papa


FATIMA, IL SEGRETO NON SVELATO E IL FUTURO DELLA CHIESA

Fatima El segreto no desvelado

  SANTI INDEMONIATI: CASI STRAORDINARI DI POSSESSIONE

  PADRE PIO CONTRO SATANA. LA BATTAGLIA FINALE

  Padre Pío contra Satanás

La vera storia del Mussa Dagh

Mussa Dagh. Gli eroi traditi

Inchiesta sul demonio

Tag:

Categoria:

Questo articolo è stato scritto da Marco Tosatti

10 commenti

  • Avatar maurizio rastello ha detto:

    mieloso, immaginifico, tosattiano.

    • wp_7512482 wp_7512482 ha detto:

      Peccato che non sia mio, Por TrollRastrello. Non ha visto che la firma è diversa? Offuscato come al solito dai fumi?

  • Avatar Mary ha detto:

    👏👏👏 bella storia..Buon Natale a tutti! Grazie di cuore

  • Avatar Milli ha detto:

    Buon Natale a lei, sig .Tosatti e a tutti i frequentatori del blog.

  • Avatar rosanna ha detto:

    grazie e Buon Natale a Lei

  • Avatar Nonno Asdrubale ha detto:

    O Bambino Gesù della foto, che sprigioni una tenerezza infinita in quanto “il più bello tra i figli dell’uomo”, e una fiducia sconfinata verso il tuo Padre Celeste – che è anche il Padre nostro -, ti prego in ginocchio e con le mani giunte: intercedi per la tua Chiesa Cattolica che è in balia di una tempesta spaventosa; intercedi e intervieni, con il tuo potere divino di vero Re, nato per noi e per la nostra salvezza.
    Riporta al più presto la serenità! Donaci un Sommo Pastore che sia davvero “secondo il tuo cuore”! Fa che i “piccoli nella fede” (che sono poi i più grandi nel tuo Regno) non abbiano a sentirsi smarriti davanti agli attuali “lupi vestiti da agnelli”, che seminano strage nel tuo Santo Gregge!
    Ascoltami, o Bambino Gesù della foto, tu che sei così dolce e così forte! Amen.

  • Avatar Paola ha detto:

    Buon Santo Natale a tutti. Paola

  • Avatar Presepe vivente ha detto:

    Un fervido augurio di BUON NATALE con le immagini
    del Presepe Vivente più bello d’Italia (e quindi del mondo).
    https://abruzzoturismo.it/it/presepe-vivente-brecciarola-di-chieti

  • Avatar Pensierominimo ha detto:

    Bravo, Claudio Gazzoli! Felice di esserle assai vicino: in pensieri e, mi pare di capire, anche di zona.
    Santo Natale a lei!