FARIA: IMMIGRAZIONE, CHIESA E IL “CRISTIANESIMO” SENZA CRISTO

24 Dicembre 2019 Pubblicato da --

 

Marco Tosatti

Carissimi Stilumcuriali, finalmente, dopo mesi e mesi di silenzio, il nostro buona Abate Faria si è fatto vivo. Credo che abbia volutamente scelto un periodo di silenzio per staccarsi dalle voci di questo mondo convulso e frammentato, e anche per creare uno spazio mentale fra se stesso e questa Chiesa così immersa negli interessi mondani. Ci ha inviato una sua riflessione su quanto ha sentito dai suoi parrocchiani. Leggiamo.

§§§

Fa freddo in questi giorni, un freddo che agghiaccia anche l’anima. Me ne sto nella mia piccola canonica, cercando di prepararmi degnamente alla santa letizia del Natale. I miei cari parrocchiani mi fanno visita, mi portano con loro gli affanni e le pene. Oggi ad esempio, ne è venuto uno accompagnato dal mio sacrista, il pio Pio. Mi raccontava di essere stato molestato da vagabondi in cerca di soldi per tre volte in quattro giorni, perfino durante la santa Messa. Molti erano stranieri, ma lui non ne fa una questione di nazionalità.

Cosa pensare? Ho detto al mio parrocchiano che i primi a lamentarsi dovrebbero essere proprio questi poveracci che vanno in giro a chiedere i soldi. Sembra una provocazione? Non lo è. Questi poveracci, sono stati attirati qui o tenuti qui con la promessa di chissà quale lavoro o di chissà quale vita migliore.

Purtroppo, il nostro è un paese in grande difficoltà, che già a malapena riesce a provvedere per i suoi cittadini. Quindi, questi poveracci che vanno in giro cercando di barcamenarsi, sono in fondo le prime vittime di tutta questa situazione.

Certo, non meno vittime sono i cittadini che vengono presi di mira. Se si va in una città medio grande, si può veramente notare come oramai specialmente i centri storici siano come abbandonati, sono il regno del bivacco di anime perse che cercano un futuro migliore, ma purtroppo lo cercano nel posto sbagliato.

Non dovrebbe essere dovere di uno Stato civile quello di proteggere i suoi cittadini e anche di proteggere questi poveracci da possibili ritorsioni? Come prete cattolico, devo dire chiaramente che questa non è certamente la vera misericordia.

La vera misericordia, non è far trovare delle persone in situazione di difficoltà ancora peggiore di quella da cui fuggono. Certo, le persone che fuggono da una guerra devono essere accolte ed aiutate, ma non messe nelle condizioni di trovarsi in un luogo che non può offrirgli un futuro migliore.

La vera misericordia è essere onesti su quello che si può fare e quello che non si può fare.  Purtroppo, quando la misericordia perde il contatto con la realtà e quindi con la vera giustizia, diviene un concetto pericoloso, un po’ come i concetti di libertà, uguaglianza, fraternità, sbandierati dalla rivoluzione francese ma depurati del loro fondamento nell’umanesimo cristiano.

Il vero problema, è il “cristianesimo” senza Cristo, una vaga religiosità mondana. Il vero problema è non riconoscere che una religione che si nutre di irrealtà diviene prima o poi irrealistica e irrealizzabile.

§§§



STILUM CURIAE HA UN CANALE SU TELEGRAM

 @marcotosatti

E ANCHE SU VK.COM

stilumcuriae

SU FACEBOOK C’È LA PAGINA

stilumcuriae




SE PENSATE CHE

  STILUM CURIAE SIA UTILE

SE PENSATE CHE

SENZA STILUM CURIAE 

 L’INFORMAZIONE NON SAREBBE LA STESSA

 AIUTATE STILUM CURIAE!

ANDATE ALLA HOME PAGE

SOTTO LA BIOGRAFIA 

OPPURE CLICKATE QUI 




Questo blog è il seguito naturale di San Pietro e Dintorni, presente su “La Stampa” fino a quando non fu troppo molesto.  Per chi fosse interessato al lavoro già svolto, ecco il link a San Pietro e Dintorni.

Se volete ricevere i nuovi articoli del blog, scrivete la vostra mail nella finestra a fianco.

L’articolo vi ha interessato? Condividetelo, se volete, sui social network, usando gli strumenti qui sotto.

Se invece volete aiutare sacerdoti “scomodi” in difficoltà, qui trovate il sito della Società di San Martino di Tours e di San Pio di Pietrelcina


LIBRI DI MARCO TOSATTI

Se siete interessati a un libro, cliccate sul titolo….


Viganò e il Papa


FATIMA, IL SEGRETO NON SVELATO E IL FUTURO DELLA CHIESA

Fatima El segreto no desvelado

  SANTI INDEMONIATI: CASI STRAORDINARI DI POSSESSIONE

  PADRE PIO CONTRO SATANA. LA BATTAGLIA FINALE

  Padre Pío contra Satanás

La vera storia del Mussa Dagh

Mussa Dagh. Gli eroi traditi

Inchiesta sul demonio

Tag: ,

Categoria:

Questo articolo è stato scritto da wp_7512482

34 commenti

  • LAUDETUR JESUS CHRISTUS ha detto:

    GRAZIE ABATE FARIA , PER CIO’ CHE HA SCRITTO

  • maurizio rastello ha detto:

    Gentile Tosatti, i suoi ultimi articoli – e quelli dei pavidi anonimi – hanno perso consistenza (stanchezza di fine anno?). Che cosa ci offre – dopo molti mesi – il parroco infreddolito? Uno dei mantra anti-immigrazione cari a Salvini e l’osservazione che “il cristianesimo senza Cristo è una vaga religiosità mondana”. Attendevo una piccola traccia – spirituale e operativa – da realizzare nel periodo natalizio, ma deve essergli rimasta nella penna; un po’ pochino, non Le sembra?

    • wp_7512482 ha detto:

      A me? Parli con i suoi referenti, che si riferiscono a Gesù Cristo come al “festeggiato” per tacere dei giubbotti di salvataggio e di altre amenità…Ecco, glielo do la piccola traccia: veda se tutto questo è degno di quelli che dovrebbero essere pastori di anime. Ci rifletta bene. Buona Natale, Por TrollRastrello.

    • Nicola Buono ha detto:

      Se qui siamo COSTRETTI a lanciare un mantra anti INVASIONE SELVAGGIA ( di centinaia di migliaia di clandestini) è perché quasi quotidianamente i suoi idoli preferiti ( Francesco I , UE , Ong ecc) quasi quotidianamente lanciano appelli pro invasione da parte di tutta l’Africa, il Medio Oriente, il Sud America e tutto il resto del mondo. E l’Europa ( non solo l’italia quindi) si è letteralmente rotta di questa INVASIONE che sta DISTRUGGENDO L’EUROPA. Inoltre ci siamo rotti di questi discorsi/omelie dove Cristo è stato espulso da una vita , discorsi che potrebbe fare chiunque.

  • associazione mi dispiace per gli altri ma dio è cattolico ha detto:

    il vero problema è il cattolicesimo senza GESU!abate faria. molto presto invece di carneade, si dirà:GESU….chi era costui?

  • Nicola Buono ha detto:

    A proposito della citazione del Bouhmedienne riportata dal Sig Marino Danielis, la riporto per esteso in tutta la sua drammaticità da un sito internet dove sono riportate altre previsioni e timori di questo genere , da parte di europei e musulmani tra i quali c’è anche Gheddafi.

    https://giuseppemerlino.wordpress.com/2015/06/28/frasi-e-giudizi-sullimmigrazione-in-europa/

    • Qui sta la scommessa? ha detto:

      Nel 1976 il PCI stava per salire al governo. I cosacchi dovevano abbeverarsi nel fontanone di San Pietro. Oggi il comunismo e’ morto. Caso? Oppure Dio vivente? Purtroppo molti questa vittoria non l’hanno vista (quante vittime!) eppure Dio non agirebbe NELLA storia. Le porte degli inferi non prevarranno sulla chiesa. Comunque e’ giusto combattere cristianamente perché ciò non accada. Il tempo….e’ il nostro grosso limite? Noi ci saremo? Quando Gesù vincera’? Auguri, anche se a me il Natale…..

    • Qui sta la scommessa? Err.corr. ha detto:

      Nel 1976 il PCI stava per salire al governo. I cosacchi dovevano abbeverarsi nel fontanone di San Pietro. Oggi il comunismo e’ morto. Caso? Oppure Dio vivente? Purtroppo molti questa vittoria non l’hanno vista (quante vittime!) eppure Dio non agirebbe NELLA storia? Le porte degli inferi non prevarranno sulla chiesa. Comunque e’ giusto combattere cristianamente perché ciò non accada. Il tempo….e’ il nostro grosso limite? Noi ci saremo? Quando Gesù vincera’? Auguri, anche se a me il Natale…..

  • Andrea ha detto:

    Ama il prossimo tuo come te stesso. Ma se questo prossimo ti costringe a scegliere tra lui e Dio… devi inequivocabilmente scegliere Dio. Ormai la societá, specie nella fascia media-giovane, è a maggioranza non cristiana. Viene da sè che sia proiettata verso un’esistenza senza Dio. E per cancellare definitivamente Cristo o la sua vera natura non ci sará altra opzione che una “persecuzione legale” sempre più articolata ed incisiva nei confronti dei cittadini ostinati nella fede. Persecuzione che si concentrerá in modo particolare sui (e tramite i) figli di questi ultimi e sui piccoli in generale. Se ci fermiamo un secondo possiamo renderci conto che, spiritualmente, l’occidente è già molto simile all’inferno. Sorretto da una sapienza depravata e depravatrice che pone tutte le sue attenzioni sul soddisfacimento dei sensi ma che sta uccidendo lo spirito. Non solo non bisogna aderire a questa ideologia ma non bisogna neanche dialogare con essa. Se la Chiesa si ritrova in questa situazione è perchè ha scelto di discutere smettendo di predicare. Se si fa un giro in generale sui social si può constatare come tanti cristiani finiscano nelle grinfie degli oppositori intessendo discorsi inutili alla conversione, la maggior parte delle volte dannosi perchè volti definitivamente al reciproco insulto. Gesù predicava e si spostava, predicava e si spostava.
    Questo dovrebbe ritornare a fare la Chiesa. La predica deve servire a spostare, che metaforicamente significa allontanare sempre più l’uomo dalle cose terrene e avvicinarlo a quelle celesti. Invece la Chiesa attuale sta ferma a dialogare. E lo fa perchè non credendo più nel regno dei Cieli cerca un compromesso con il mondo per costruire un falso paradiso in terra: il globalismo da l’illusione di muoversi ma è in realtá solo un’estenuante spostamento orizzontale senza scale verso l’alto. Un recinto senza speranza e che sfocerá, (già un po’ lo fa) nel nichilismo. Superata la curiosità dell’incontro con le differenti culture, una volta mescolato il tutto, sarà la morte dell’uomo senza Dio.

  • Astore da Cerquapalmata ha detto:

    In questa fregola immigrazionista si sente odore di ERESIA.
    Mi spiego: MAI la Chiesa, e mai un Papa ha STIMOLATO l’immigrazione e sempre ha vissuto con dolore chi partiva a causa della miseria per andare a LAVORARE in altra terra.
    L’IMMIGRAZIONISMO, perciò NON fa parte di 2000 anni di storia della Chiesa. E’ una novità.
    Mai prima si era vista una Chiesa che, PRIMA che stimolare lo sviluppo delle popolazioni, invitasse queste a emigrare!

    Un po’ come il non rispondere ai dubbi di molti credenti da parte del Papa, o il parlare di QUESTIONI DI FEDE in modo confuso: non è un’eresia, ma se ne sente l’odore.
    La tradizione di 2000 anni, infatti, manifesta come la Chiesa abbia sempre risposto ai dubbi e sempre abbia parlato con CHIAREZZA su questioni di fede.
    E se ancora c’erano questioni non risolte, ha sempre detto con CHIAREZZA che non lo erano e spesso lasciava liberi.
    La CONFUSIONE non fa parte della Tradizione, è una novità.
    Non è un’eresia perché è solo un modo di fare?
    Chiamiamola, allora, “mezza eresia”.
    E un po’ come il suono che emette una moderna cucina quando c’è una perdita di gas.

    • 🤣 ha detto:

      Essere pro o contro le migrazioni è questione di fede? Mi sembra si esageri un po’………….

      • wp_7512482 ha detto:

        A quello che appare dalla predicazione di chi predica pare di sì…Ma sono d’accordo: c’è qualcuno che esagera.

    • Lucia ha detto:

      Signor Astore lei ha ragione , ad un certo punto si e cominciato ad esaltare l ‘ emigrazione che prima era considerata forse come qualcosa di necessario ma sempre dolorosa e quindi negativa .E stato ovviamente il capitalismo globalista a volere cio per cio che lei conosce meglio di me , la creazione dell ‘ esercito proletario di riserva di memoria marxiana , cio che non mi spiego tanto e perche la Chiesa ha fatto anche essa la stessa cosa .Anzi peggio , da cio che abbiamo saputo grazie alla vicenda della pachamama e che ha smesso quasi di evangelizzare nei Paesi poveri persino nel cercare di trascinare fuori dalla miseria estrema i poveri del terzo mondo.Le grandi congregazioni missionarie costruivano scuole , pozzi , strade ad un certo punto si e usato anche il microcredito per far sviluppare villaggi , citta e poi ? Cos ‘ e successo , come mai adesso pare che tutto si sia risolto nel far sbarcare in Italia giovanotti di 30 anni e ospitarli a spese degli stupidi italiani in hotel per 2- 3 anni? Ho letto un reportage di ” Internazionale” del 26 novembre 2016 , mi pare , ebbene ad un certo punto parla il responsabile nigeriano del piano governativo anti- tratta che per far capire quale sia la condizione socio- culturale di quel Paese racconta che una donna con 8 figli gli chiese: Ma per lei c ‘ e differenza che mia figlia si sposi e a 17 faccia un figlio con un nigeriano con il fatto che invece emigri in Italia a fare la prostituta e ci mandi i soldi con i quali tutta la mia famiglia vivra nelle comodita? Per me NO ….Questa la risposta della donna .E il funzionario disse che ormai anche i bambini sanno che cio che aspetta giovani e ragazze e delinquere .E un articolo di Nuova bussola quotidiana di un paio di settimane fa a cura dell ‘ africanista Anna Bono informava che in Africa adesso l ‘ Oim sta rimpatriando( con i nostri soldi , ovvio) centinaia di giovani , soprattutto dall ” Italia che pero i congiunti si rifiutano di riaccogliere .Il motivo? Perche parecchi di loro avevano RUBATO in casa per inseguire l ‘ eldorado europeo lasciando nella miseria piu nera il resto della famiglia .Ad un certo punto c ‘ e un giovane che urla per telefono alla sorella fuggita in Europa dove ovviamente si era prostituita : Sarebbe stato meglio fossi morta in Europa …….Ecco per anni nelle chiese cosi come le riviste religiose hanno raccolto fondi per costruire scuole , assumere insegnanti , acquistare libri ecc ma incomincio a chiedermi ma a questi ragazzi questi insegnanti spesso preti e suore a che cosa indirizzavano , a crearsi un futuro imparando un mestiere , una professione e provare a restare li lavorando onestamente o gli hanno fatto balenare l ‘ idea che male sarebbe andata avrebbero potuto venire in Europa a spacciare o a prostituirsi ? Dico questo perche non so se qui ho letto che per es in Amazzonia i missionari non battezzano nessuno da decenni e se non hanno fatto questo mi posso anche aspettare altro.Sia chiaro io non penso che tutti i missionari siano soggetti dei centri sociali altrimenti non darei piu neanche un cent alle missioni , cosa che invece continuo a fare .E non credo di essere malpensante perche ci sono i vari Iwobi , Kohare o quel regista italoghanese che fece una specie di lettera- denuncia pubblicata tempo fa su parecchi media che si sono lamentati delle onlus e caritas in loco perche secondo loro hanno fatto sviluppare uno spirito assistenzialista deleterio in quelle popolazioni.E la mia domanda ritorna : Perche la Chiesa sta assecondando questa politica di sradicamento di intere popolazioni? Chissa se avremo mai una risposta .Buon Natale a lei e famiglia

  • Marino Danielis ha detto:

    Abate Faria, questa gente non scappa da nessuna guerra, pagano 10 mila e passa euro per venire in Europa, quindi non sono dei poveretti. Certo sono ammaliati dalle sirene della bella vita ma ricordiamoci che questi sono invasori che vogliono conquistare il paese con le nascite e con la violenza. Non sono qui per lavorare, tranne qualche rara eccezione, ma per portare l’islam nelle nostre case, anche con la forza. Li abbiamo respinti a Poitiers, a Lepanto, a Vienna, adesso hanno capito che l’invasione deve avvenire in altro modo come nel 1962 disse Boumedhienne: vi conquisteremo con le vostre leggi e con le pance delle nostre donne

    • Nicola Buono ha detto:

      Per il Sig Marino. Ha fatto bene a citare la ” previsione ” di Boumedienne che è nient’altro che un piano pianificato da parecchio tempo dai poteri forti in collaborazione con gli arabi. Ha fatto bene perché molti si sono dimenticati di questa ” profezia ” che , guarda caso, si sta realizzando……Ed è, guarda caso, una ” profezia contestatissima dalle sinistre , che la bocciano come bufala. Purtroppo lo ha detto veramente. Grazie ancora dunque per aver riportato la frase.

    • Mary ha detto:

      ..o la pancia delle nostre di donne…nel mio piccolo paese di 300 anime ci sono già due nascite di bambini di immigrati..fa pensare…sono figli di padri che passano la loro giornata a fare niente e a farsi mantenere nei centri gestiti dalle cooperative e ovviamente tocca alla madre pensare e mantenere il figlio.
      Non so se siano più irresponsabili lui o lei o tutte quelle teste di cavolo, preti compresi, che predicano l’immigrazionismo sfrenato..

  • ROTH ha detto:

    Faria, lei ha capito che il peccato di SODOMIA per Bergoglio è quello di rifiutare l’immigrazione ? Sarà per questo che quasi tutta la Curia vaticana è PRO IMMIGRAZIONE ?
    ( le risulta che una altra parte ha proposto di ribattezzare Vaticano in Vaticebasta ?)

  • Astore da Cerquapalmata ha detto:

    Ha ragione l’abate.
    L’immigrazionismo, cosa diversa dall’accogliere i profughi veri, che se sono tali tendono, più che a emigrare, a rifugiarsi nei territori subito adiacenti alle zone di conflitto, non fa diventare ricchi chi non lo è, ma lo impoverisce e umilia.
    E se uno stato è come l’Italia che, come dice l’abate, fa già fatica a provvere per i suoi cittadini (a quelli meno abbienti perché gli speculatori, che sono tutti immigrazionisti, vengono invece favoriti) la povertà si moltiplica.
    Infatti l’accoglienza si fa con le risorse dello STATO SOCIALE , che vanno soprattutto alle cooperative dell’accoglienza, dove lavorano in tanti casi i figli falliti di chi gestisce il potere vero, anche se non sta in Parlamento.

  • Angelo cattivo ha detto:

    Io non riesco a capire. Ma ci fosse stato papa Ratzinger avrebbe spiegato le guardie svizzere a Lampedusa? E CIO’ sarebbe stato cristiano?

    La guerra in Libia non l ha fatta Bergoglio ma Cameron Obama e Sarkozy . L ultimo era tanto misericordioso da bloccarli poi a Ventimiglia. In quanto a Salvini, sicuri che non ci marci politicamente?

    Di fatto noi siamo i nuovi Gheddafi. Però lui era pagato. Salvini vuol salvare dall’ immigrazione Francia, Germania ecc. e fare dell’ Italia la diga di Gheddafi?

    http://amp.ilsole24ore.com/pagina/ACMeuiV

    • Marino Danielis ha detto:

      la guerra in Libia l’hanno fatto francesi, americani e inglesi, ma purtroppo abbiamo partecipato anche noi grazie al comunista Napolitano e al servizievole Berlusconi che non si ‘ opposto alla nostra entrata in guerra. E il risultato lo vediamo tutti: invasione da parte di africani che nulla hanno a che fare con la guerra. Gheddafi era l’unico capace di fermare questo scempio ma noi abbiamo partecipato alla sua morte lasciando la Libia in una guerra civile che dura da anni mentre i mercanti di schiavi si fanno i miliardi spalleggiati dall’Italia e dall’Europa che si guardano bene dal porre fine a questo iniquo mercato

      • Angelo cattivo ha detto:

        Lungi da me difendere il mio nemico Berlusconi e anche Napolitano, ma l’Italia faceva parte della NATO e contava come il 2 di picche. E’ dopo, come in Iraq, che non si e’ fatto UN ORDINE. E l’ordine non penso possa farlo Salvini o l’Italia DA SOLI. Bergoglio ha sbagliato quando LI HA INVITATI (non e’ il suo errore maggiore, teologicamente!!) e sbaglia a non rendersi conto che tra un po’ all’ Italia converra’ unirsi alla nuova moneta Africana. In fondo la Francia e’ cattolica e anche altri paesi. Siamo in un bel pasticcio. So’ che non siete d’accordo, liberissimi di farlo, ma in Africa andrebbe fatta educazione sessuale anche contro malattie come Aids ecc. Non so’ se il club di Roma proponeva l aborto, l aborto no! Ma per un laico usare e consigliare un preservativo può essere buonsenso oltre che linea dell’Oms. Ma questi, mi rendo conto, son discorsi ormai superato. Ora siamo nei guai. La mia paura e’ questa: non che l Europa diventi ECONOMICAMENTE africana, ma l’Italia! E’ una nazione economicamente africana non può reggere l Euro.

    • Milli ha detto:

      Salvini vuol salvare dall’immigrazione Francia e Germania? Forse ha le idee un po’ confuse o legge troppi giornali di sinistra.

  • Break pubblicitario ha detto:

    È già partito sulle reti RAI il break pubblicitario per una trasmissione del 13 gennaio prossimo dal titolo eloquente (??? qualcuno ne avrebbe dubitato???) “Il papa della misericordia”.
    Le immagini di repertorio sono illustrate – tra l’ altro – dalla seguente affermazione… : sempre vicino agli ultimi, anche per questo viene attaccato…
    Null’altro da aggiungere, se non l’augurio più sincero di Buon Natale alla riscoperta del suo significato autentico.

    • Nicola Buono ha detto:

      Il vero Papa della Misericordia è stato ed è Giovanni Paolo II il quale ha riconosciuto le Rivelazioni di Suor Faustina Kowalska riguardo la richiesta di una Festa della Divina Misericordia, la richiesta dell’approvazione della Coroncina della Divina Misericordia ( e le Grazie connesse alla recita della Coroncina ) e la richiesta dell’approvazione del quadro di Gesù Misericordioso. Richieste fatte tutte da Gesù a Suor Faustina e che Giovanni Paolo II ha approvato. Misericordia vera che richiede una vera conversione e non rimanere tali e quali nel peccato mortale. E questa vera Misericordia, come attuarla, la ha spiegata Gesù a Suor Faustina ,che l’ha riportato il tutto nel suo Diario.

    • Boanerghes ha detto:

      Perché non sta vicino al card.Pell , in isolamento e senza poter celebrare la S. Messa?

      • Gian Piero ha detto:

        Perche’ Il card. Pell non e’ iscritto all’ Albo Professionale degli Ultimi:
        non e’ uno straniero, non e’ un musulmano, non e’ un migrante, non e’ un barbone, non e’ un occupante case abusivamente, non e’ un protetto di Sant’ Egidio, non e’ un gay discriminato, non e’ dunque non e’ un Ultimo di professione . Papa Bergoglio si occupa solo degli Ultimi di professione, e solo se c’ e’ una telecamera vicino a trasmettere in mondovisione la sua “ buona azione” in modo che il popolo possa esclamare Anvedi come e’ buono Francesco!

        Inoltre il card. Pell e’ pure cattolico, aggravante non da poco per rientrare nel novero delle persone a cui Bergoglio “ e’ vicino” .
        Infatti Asia Bibi e tutti i perseguitati dagli islamisti oppure i migranti cattolici e non musulmani non sono “ ultimi” di cui occuparsi per Bergoglio.

  • Adriana ha detto:

    La rivista ” Concilium ” ci invita a diventare il ” corpo queer ” di Cristo . Date queste premesse , mi pare che ogni trasformismo sull’accoglienza sia possibile .