CINA. UN PRETE: LA CONFUSIONE NELLA CHIESA È PEGGIO DELLA PERSECUZIONE.

16 Dicembre 2019 Pubblicato da --

 

Marco Tosatti

Carissimi Stilumcuriali, un tweet del collega Damian Thompson mi ha incuriosito, e ho cercando di risalire all’origine ho trovato un’intervista interessantissima di un sacerdote cinese. L’ha pubblicata Paix liturgique, e l’ha ripresa e tradotta Messa in latino, da cui rilanciamo il testo.

§§§

Lettera 710, 3-9-19

Pubblichiamo  questa settimana l’intervista del nostro amico Massimo Battaglia condotta con padre John Song, un sacerdote cinese che sta completando gli studi teologici in Germania, la cui testimonianza illumina sulla situazione dei cattolici Cina e sulle motivazioni sottostanti l’attaccamento dei fedeli cinesi alla liturgia tradizionale. Questa lettera le informazioni completa quello  che abbiamo pubblicato nelle nostre lettere 641 (Intervista con un prete di Shanghai) e 667 (Intervista con il cardinale Zen)

Massimo Battaglia – Come diventare un sacerdote oggi in Cina?

Padre John Song – direi che essere un vero prete, santo e cattolico non è mai facile. Ma a mio parere, non c’è differenza tra il sacerdozio per un cinese, per un italiano o francese

. Tuttavia, è vero che per diventare un prete in Cina presenta particolari difficoltà, soprattutto a causa della persecuzione religiosa che affligge il nostro paese. Tuttavia sono convinto che la persecuzioni comuniste sono meno gravi per noi cattolici che la confusione diffusa all’interno della Chiesa cattolica, in seguito a rinunce alla autentica fede autentica e  alla profanazione della liturgia.

Massimo Battaglia – Ci sono  i nuovi convertiti in Cina oggi?

Padre John Song – Sì, grazie a Dio, ci sono molte conversioni al cattolicesimo in Cina di oggi e anche se i neofiti in genere non sono abbastanza preparati per il loro battesimo, lo Spirito Santo opera sempre nella sua Chiesa li protegge e li guida nel loro viaggio verso l’unica verità.

Massimo Battaglia – La Chiesa in Cina ha qualche somiglianza con la Chiesa perseguitata i primi tre secoli?

Padre John Song – Penso di sì, v’è una certa somiglianza con la Chiesa dei primi tre secoli dell’Impero Romano. Ma se sotto  Mao Tse Tung, la Chiesa è stata esposta alla persecuzione violenta simile a quello che era stato il primo cristianesimo, oggi ci troviamo di fronte a persecuzione più insidiosa che mira a trasformare la Chiesa in una Chiesa che non sarebbe la vera Chiesa di Cristo. Questo è molto più pericoloso per i fedeli che sono disorientati e possono a volte lasciare la vera fede senza nemmeno rendersene conto.

Massimo Battaglia – Come sei venuto a conoscenza della Messa tradizionale?

Padre John Song – Sono nato in una famiglia cattolica che ha conservato la fede per oltre 150 anni. Come sapete, la Chiesa in Cina è stato isolata dal resto del mondo, e così Roma per quasi trent’anni dal 1949 al 1978. Così, anche negli anni ’90, i sacerdoti che erano appena stati rilasciati dalla prigione hanno continuato a celebrare la messa secondo l’antico rito, perché non conoscevano in quel momento né il Concilio né la riforma liturgica. Ma dopo il 1990, essi sono posti nel flusso delle riforme conciliari e seguito le stesse tendenze come in altre parti del mondo. Sono nato nel 1986, quindi non ho avuto esperienza personale del vecchio rito, che aveva cessato di essere celebrato dagli anni ’90, ma quando ero un ragazzino, i miei nonni m hanno sempre parlato della bellezza e la profondità teologica del vecchio rito. Ricordo che per alcuni anni, mio ​​nonno avevano cessato di partecipare alla Messa, perché diceva  che la Messa moderna non era un sacrificio, ma sembrava di essere un mero ricordo dell’ultima Cena del Signore. Egli credeva,  senza aver studiato la teologia o la liturgia, ma la sua fede era così forte che distingueva molto bene le differenze tra la nuova liturgia e il vecchio rito che aveva nutrito la sua fede fin dall’infanzia.

Massimo Battaglia – I valori della cultura orientale attribuiscono molta importanza ai riti, il sacro e il rispetto.

Padre John Song – Hai ragione,  la cultura e le tradizioni cinesi, basati sulla dottrina confuciana hanno dato un grande posto per rituali e rispetto per gli anziani, ma dopo la rivoluzione culturale che ha scompigliato la Cina tra il 1966 e il 1976, i valori tradizionali mondo cinese sono stati quasi del tutto eliminati.

Massimo Battaglia – C’è una “resistenza” alla riforma liturgica del 1970 tra i cattolici cinesi?

Padre John Song – non so se c’è una “resistenza” alle innovazioni liturgiche in Cina, come la maggior parte dei cinesi non si rendono conto dei cambiamenti, ma quando torno in Cina, i vecchi  mi chiedono sempre a celebrare la Messa tradizionale, perché si sentono un vero e proprio bisogno spirituale rispetto a ciò che sono oggi, durante le celebrazioni rispetto a quello che potevano sapere una volta, ma molti giovani che vivono in un mondo vuoto sentono  questa esigenza, anche se essi non hanno sperimentato la liturgia come è stata celebrata in tempi antichi …

Massimo Battaglia – Va bene la celebrazione  della Messa tradizionale in Cina?

Padre John Song – Sì, e non solo tra gli anziani, ma anche tra i tanti giovani che mi chiedono di celebrare. Questo desiderio è probabilmente in parte la nostalgia di un’epoca passata in Cina, ma è soprattutto l’affermazione di un desiderio di pregare in armonia con la sua fede cattolica.

Massimo Battaglia – Come hai imparato a celebrare la Messa tradizionale?

Padre John Song – Ho sempre avuto un interesse per l’apprendimento, soprattutto per l’amore che mio nonno aveva per la Messa tradizionale.  Così mi sono allenato con un amico prete.

Massimo Battaglia – Pensi che la Messa tradizionale è sempre importante per i tempi a venire?

Padre John Song – credo che abbia un ruolo importante. Non solo a causa della bellezza esteriore, ma soprattutto a causa della lex  orandi, lex credendi: la Messa tradizionale rivela la sana dottrina della Chiesa cattolica, ed è un modo molto forte per combattere l’eresia del neo luteranesimo e neo-modernismo che ci assalgono. D’altra parte, da parte dei fedeli, c’è la domanda per la loro santificazione e la santificazione del mondo. Come Pastori, abbiamo il dovere di contribuire alla diffusione della grazia attraverso i sacramenti.

Massimo Battaglia – Perché pensi che questa Messa attrae tanti giovani, molti dei quali avevano abbandonato la pratica religiosa?

Padre John Song – non ho avuto esperienza pastorale dei giovani nel mio paese, e non posso dire perché la Messa tradizionale attrae molto. Ma so che in Cina ci sono molti giovani che desiderano vivere sul serio la propria fede, nonostante l’ignoranza e la secolarizzazione. A causa delle carenze e gli errori di pastori, i giovani perdono la loro identità cattolica. Mentre alcuni si rendono conto che dobbiamo tornare alla tradizione della Chiesa e alla spiritualità cattolica.

 

Testo in inglese

Massimo Battaglia – How does one become a priest in China nowadays?

Fr John Song – I would say that being a true priest, i.e. Catholic and holy, is never easy. But in my opinion there is no difference in becoming a priest whether one is Chinese, Italian, or French. Yet it is true that becoming a priest in China presents particular difficulties, especially because of the current religious persecutions in our country. Nevertheless, I remain convinced that the Communist persecutions are less serious for us Catholics than is the widespread confusion within the Catholic Church herself, both because of the renunciation of the authentic Catholic faith and because of profanations in the liturgy.

Massimo Battaglia – Are there new conversions in China these days?

Fr John Song – Yes, Deo gratias, there are many conversions to Catholicism in China today. Although neophytes are generally not sufficiently well prepared for their baptism, the Holy Ghost is ever at work in His Church; He protects and guides them in their path towards the truth, sole and entire.

 

Massimo Battaglia – Does the Church in China share characteristics with the persecuted Church of the first three centuries?

Fr John Song – I think so, yes, there is a certain resemblance with the Church of the first three centuries within the Roman Empire. Now, granted that in Mao Tse Tung’s day the Church was faced with a violent persecution close to that which the early Christians had known, today we face an insidious persecution whose goal is to transform the Church into a church that is no longer the true Church of Christ. It is far more dangerous for the faithful, who are disorientated and sometimes may leave the true faith, unawares.

Massimo Battaglia – How did you discover the traditional Mass?

Fr. John Song – I was born in a Catholic family that had kept the faith for over 150 years. As you know, the Church in China was isolated from the rest of the world, and so from Rome, for about thirty years from 1949 to 1978. Therefore, well into the 1990s, recently liberated priests kept celebrating Mass according to the older rite, since at the time they were aware of neither Council nor liturgical reform. After 1990, however, they joined the mainstream of the Council reforms and went down the same path as the other regions of the world. As I was born in 1986, I had no personal experience of the older rite, which had stopped being celebrated in the 1990s. I remember that, for a few years, my grandfather had stopped attending Mass; he would say that the modern Mass is no longer a sacrifice but seems merely to be a memorial of the Lord’s Last Supper. He thought this without having ever studied theology or liturgy, but his faith was so strong that he was quite able to make out the differences between the new liturgy and the ancient rite that had nourished his faith from childhood.

 

Massimo Battaglia – Oriental culture attaches much importance to rituals, to the sacred, and to respect, doesn’t it?

Fr John Song – You are right to say that Chinese culture and traditions, founded as they are upon the teaching of Confucius, placed a premium on rituals and on respect for elders. But since the Cultural Revolution, which turned China upside down from 1966 to 1976, the traditional values of the Chinese world have been nearly totally eliminated. This may seem like an exaggeration, but from a cultural point of view, the modern Chinese are ignorant barbarians . . . .

Massimo Battaglia – Is there a “resistance” to the liturgical reform of 1970 among Chinese Catholics?

Fr John Song – I don’t know that there is a “resistance” to the liturgical innovations in China, because most Chinese are unaware of the changes. But whenever I go home to China, older people always ask me to celebrate the traditional Mass, as they feel a real spiritual need for it, as opposed to what they find in contemporary celebrations in contrast to what they knew in the old days. Yet many young people, who live in an empty world, also feel this need even though they never knew the liturgy as it was celebrated in the olden times . . . .

Massimo Battaglia – So there is a real demand for the celebration of the traditional Mass in China?

Fr John Song – Yes, and not only among older people but also among many youngsters who ask me to celebrate it. This wish doubtless expresses a certain nostalgia for a long-gone past in China, but it is above all the affirmation of a desire to pray in perfect harmony with one’s Catholic faith.

Massimo Battaglia – How did you learn to celebrate the traditional Mass?

Fr John Song – I have always had an interest in learning it, especially because of the love my grandfather had for the traditional Mass. It was the many requests for the celebration of this Mass that convinced me to celebrate it. And so I underwent training with a priest friend.

Massimo Battaglia – Do you think that the traditional Mass will remain important in the future?

Fr John Song – I am convinced that it does have an important future role. Not only because of its external beauty, but especially by reason of the saying lex orandi lex credendi: the traditional Mass reveals the Catholic Church’s sound doctrine, and is a vigorous means to fight the heresy of neo-Lutheranism and neo-Modernism currently assailing us. Furthermore, the demand on the part of the faithful is just and fitting for their own sanctification and that of the world. It is our duty as pastors to contribute to the spread of grace through the sacraments.

Massimo Battaglia – Why, do you think, does this Mass attract so many young people, many of whom had abandoned religious practice?

Fr John Song – I haven’t had any pastoral experience with youth in my own country, and I cannot tell why the traditional Mass attracts them so. But I do know that in China there are many young people who wish to live their faith seriously in spite of ignorance and secularization. Because of the failings and mistakes of the shepherds, the young are losing their Catholic identity. Some, therefore, realize there must be a return to the tradition of the Church and to Catholic spirituality.

§§§




 

STILUM CURIAE HA UN CANALE SU TELEGRAM

 @marcotosatti

E ANCHE SU VK.COM

stilumcuriae

SU FACEBOOK C’È LA PAGINA

stilumcuriae




SE PENSATE CHE

  STILUM CURIAE SIA UTILE

SE PENSATE CHE

SENZA STILUM CURIAE 

 L’INFORMAZIONE NON SAREBBE LA STESSA

 AIUTATE STILUM CURIAE!

ANDATE ALLA HOME PAGE

SOTTO LA BIOGRAFIA 

OPPURE CLICKATE QUI 




Questo blog è il seguito naturale di San Pietro e Dintorni, presente su “La Stampa” fino a quando non fu troppo molesto.  Per chi fosse interessato al lavoro già svolto, ecco il link a San Pietro e Dintorni.

Se volete ricevere i nuovi articoli del blog, scrivete la vostra mail nella finestra a fianco.

L’articolo vi ha interessato? Condividetelo, se volete, sui social network, usando gli strumenti qui sotto.

Se invece volete aiutare sacerdoti “scomodi” in difficoltà, qui trovate il sito della Società di San Martino di Tours e di San Pio di Pietrelcina


 LIBRI DI MARCO TOSATTI

Se siete interessati a un libro, cliccate sul titolo….


Viganò e il Papa


FATIMA, IL SEGRETO NON SVELATO E IL FUTURO DELLA CHIESA

Fatima El segreto no desvelado

  SANTI INDEMONIATI: CASI STRAORDINARI DI POSSESSIONE

  PADRE PIO CONTRO SATANA. LA BATTAGLIA FINALE

  Padre Pío contra Satanás

La vera storia del Mussa Dagh

Mussa Dagh. Gli eroi traditi

Padre Amorth. Memorie di un esorcista.

Tag: , , ,

Categoria:

Questo articolo è stato scritto da Marco Tosatti

25 commenti

  • Avatar Don Ettore Barbieri ha detto:

    Rispondo al troll Mario non perché meriti risposta, ma perché le sciocchezze che dice non intacchino altri: dopo il Vaticano II abbiamo avuto il miracolo del doppio altare maggiore in quasi tutte le chiese, vero scempio liturgico e artistico. Il problema della posizione del celebrante è in gran parte un falso problema: il Canone romano parla di persone che stanno intorno e, infatti, nelle basiliche paleocristiane, che il nostro maestrino cita, l’altare è tale che i fedeli possono essere indifferentemente ai lati, dietro o davanti il celebrante. Di per sé l’altare è sempre coram Deum, che sia o meno orientato verso il popolo. Il protagonista della Messa, infatti, non è né il popolo, né il celebrante né entrambi, ma Cristo. Nell’antichità la questione non si poneva, probabilmente perché i primi cristiani avevano un po’ più di sale in zucca di noi.. È stato il movimento liturgico a sostenere che non fosse giusta la posizione del celebrante “spalle al popolo” e l’idea dell’altare versus populum era legata all’auspicio che i fedeli vedendo i gesti del sacerdote comprendessero meglio l’azione. Fin qui poteva anche andare bene, se il tutto fosse stato condito da prudenza e buon senso: invece ne è venuta fuori un’ideologia: il popolo finalmente liberato dall’oppressione clericale e amenità del genere. Tutto il postconcilio è stato vissuto dal progressismo ecclesiale come rivoluzione, ripicca e/o supposto ritorno alle origini. Montini non fu abbastanza forte dal bloccare queste derive, quando ciò forse era ancora pienamente possibile e molti vescovi contribuirono alla demolizione della fede e della liturgia, soprattutto in Europa.

  • Avatar maurizio rastello ha detto:

    Auguri al nostro Pontefice, Papa Francesco, che oggi compie 83 anni e che venerdì 13 ha raggiunto i 50 anni di sacerdozio!

    • Avatar MARIO ha detto:

      Mi associo volentieri agli Auguri a Papa Francesco.

      • Avatar deutero.amedeo ha detto:

        Ignoranti! Il compleanno non si festeggia. Non sapete che un anno in più vissuto è uno in meno che rimane da vivere? A me va benissimo ma a Papa Francesco non credo vada bene, visto quello che crede di essere.

  • Avatar Elisa ha detto:

    Vorrei fare una domanda: nella messa di rito latino, al venerdì santo ,viene ancora detta la frase perfidi ebrei? Perchè sarebbe l’unico ostacolo che mi impedirebbe di frequentarla nonostante mi piaccia molto.

    • Avatar IMMATURO IRRESPONSIBLE ha detto:

      Fu eliminata da Roncalli. (ricordiamo tuttavia che in latino perfidus non ha lo stesso significato assunto in seguito da “perfido”.)

    • Avatar EquesFidus ha detto:

      Sì, giustamente, dato che “perfidos” vuol dire “senza fede” [nel Signore].

  • Avatar Diana ha detto:

    “Oggi ci troviamo di fronte a persecuzione più insidiosa che mira a trasformare la Chiesa in una Chiesa che non sarebbe la vera Chiesa di Cristo. Questo è molto più pericoloso per i fedeli che sono disorientati e possono a volte lasciare la vera fede senza nemmeno rendersene conto”. Questa è la situazione della Chiesa universale, non solo della Chiesa cinese.

  • Avatar Gian ha detto:

    Ho la fortuna di poter assistere alla Messa Tridentina tutte le feste di precetto. Vorrei abitare a Venezia solo per poter assistere quotidianamente a San Simeon Piccolo.
    Non c’è possibilità di confronto, solo dopo aver ritrovato la Messa Tridentina, che ricordavo vagamente, ho capito la vastità di quanto abbiamo perduto con l’introduzione del Novus Ordo nel 1969.
    Un atto di imperdonabile superbia da parte di chi ha deciso la riforma d’imperio, che ha svalutato la liturgia per compiacere l’ecumenismo (in particolare i luterani).
    Un frutto avvelenato del CVII che tra l’altro ha svalutato anche la grandezza dell’Ordine sacerdotale.

  • Avatar TITTOTAT ha detto:

    Una volta a messa in un santuario famoso un cinese mi ha stupefatto. Era la messa patronale due ore di messa cantata dal coro provinciale RNS, tutta tamburi, chitarre e un poco do pianola, tutto il tempo a dimenarsi al suon di canzonette e tutti i fedeli ad osservare la loro performance e siccome c’erano pure ragazze carine e ben vestite lo sguardo da quel coro non lo si poteva distogliere e quando c’era una canzone più ritmica chi muoveva un dito, chi un braccio, chi entrambi, chi la testa, chi teneva il ritmo coi piedi, ecc. ecc. ecc. Ma io osservavo quel cinese messo lateralmente, accanto ad una colonna che per tutta la messa rimase ritto in piedi, immobile a fissare l’altare, sembrava cristallizzato, s’è mosso solo per inginocchiarsi a terra e per fare la comunione.
    Come far capire a questi carismatici semoventi che non offrono nulla di sacro?

    • Avatar Boanerghes ha detto:

      È impossibile, perché fa parte del loro DNA una musica prorompente, simbolo della potenza dello Spirito.
      Trascurano che il soffio dello Spirito è spesso molto leggero se non impercettibile, non sempre boato come nella Pentecoste, anzi.

  • Avatar deutero.amedeo ha detto:

    Purtroppo nella gerarchia ecclesiastica odierna la confusione appare sempre più essere un metodo piuttosto che un punto debole. Più c’è confusione, più hai mano libera di fare e disfare, dire e disdire, distruggere anzichè costruire.
    Alla fine il grande riformatore – J. M. Bergoglio- non lascierà dietro di sè null’altro che uno scafo bruciato.
    Esattamente come accade nel mondo aziendale e politico.

  • Avatar Maria Grazia ha detto:

    Condivido le dichiarazioni di questo sacerdote cinese. Quando vado in vacanza a Venezia (abbastanza spesso – già 15 volte) ogni giorno alle h. 8,00 del mattino vado alla Messa tridentina che si celebra nella Chiesa di San Simeon Piccolo ( di fronte alla Stazione ferroviaria Santa Lucia, oltrepassato il Ponte dei Frari) adiacente all’albergo ove alloggio; tale messa viene celebrata anche alla domenica alle h. 11 (Messa cantata).
    Il suono della lingua latina è come se mi portasse al dialetto di casa, è la lingua di famiglia, la mia lingua: per gli Italiani, poi, non è così difficile da capire anche perchè spesso, nell’omelia, viene tradotto e spiegato dal celebrante.
    Il fatto, poi, che, durante la Celebrazione, il Sacerdote dia le spalle ai fedeli, non lo considero così privo di rispetto per i partecipanti, come lo voglia giustificare il Concilio , in quanto, tale variazione, ha portato il Sacerdote a dare le spalle al Santissimo.
    Poi, come spiegava bene, il nostro ex Cardinale Siri, il fatto che nel Vetus Ordo la posizione del Celebrante sia frontale rispetto al Santissimo ed in testa ai fedeli significa che il Pastore precede le pecore per guidarle verso Dio e difenderle , in prima persona, dal Maligno.

    • Avatar IMMATURO IRRESPONSIBLE ha detto:

      Si’, e’ cosi’; nel VO il sacerdote guida, ma il fine non e’ lui, ma e’ “oltre” lui , cosi’ la gerarchia ha un senso, e noi la accettiamo volentieri ( la “personalita’ ” del celebrante NON e’ significativa).
      Nel NO c’e’ un’ ambigua “parificazione”, una volonta’ di eliminare la gerarchia (residuo “feudale”o per i piu’ raffinati “barocco”…) col risultato che il prete, piu’ che sacerdote (“tutti i battezzati lo sono”) e’ presidente, e diventa il protagonista del rito!
      Comunque, per restaurare il primato del VO, c’e’ prima un lungo lavoro da fare: restaurare l’ insegnamento esatto su cio’ che la Messa e’, nella Sua essenza.

    • Avatar Gian ha detto:

      Ho la fortuna di poter assistere alla Messa Tridentina tutte le feste di precetto. Vorrei abitare a Venezia solo per poter assistere quotidianamente a San Simeon Piccolo.
      Non c’è possibilità di confronto, solo dopo aver ritrovato la Messa Tridentina, che ricordavo vagamente, ho capito la vastità di quanto abbiamo perduto con l’introduzione del Novus Ordo nel 1969. Un atto di imperdonabile superbia da parte di chi ha deciso d’imperio la riforma che ha svalutato una liturgia secolare per compiacere l’ecumenismo (in particolare i luterani).
      Un frutto avvelenato del CVII, che tra l’altro ha svalutato anche la grandezza dell’Ordine sacerdotale, dando la stura ad un drammatico abbandono a livello mondiale.

      • Avatar Maria Grazia ha detto:

        @ GIAN – Infatti, nel seguire il rito tridentino si recupera il senso del “mistero” che ha perso quello del NOVO ORDUS, si riesce meglio a partecipare alla liturgia e con maggior senso del divino, la distrazione trova meno spazio.

    • Avatar Don Ettore Barbieri ha detto:

      In realtà, il Concilio non impone la celebrazione verso il popolo e nemmeno la riforma, quantomeno nelle chiese antiche, dove c’è l’altare a muro. Anzi, vi furono due pronunciamenti della Santa Sede contro i cosiddetti “altari posticci”, naturalmente inascoltati. Si tratta, perciò, di uno di quegli usi, come l’andare in borghese o in clergyman da parte dei preti, che si sono diffusi di fatto, per la complicità e/o la debolezza dell’autorità. Mi pare fosse Voltaire a dire che più è antico il sopruso più esso è sacro.

      • Avatar Claudius ha detto:

        Don Ettore, quindi lei mi conferma che la colpa e’ di chi doveva vigilare e non ha vigilato.
        Resta pero’ il fatto che il concilio, con la sua ambiugita’ e i suoi documenti tutti a base di “si faccia cosi’… ma anche” ha aperto bene le porte a tutte le “interpretazioni” possibili e immaginabili per cui forse il vero problema e’ l’ambiguita’ del concilio e dei suoi documenti.

        PS a ogni modo, il latino fu eliminato dalla cosiddetta riforma di Montini.

        • Avatar IMMATURO IRRESPONSIBLE ha detto:

          E’ un grande paradosso: la NO venne imposta d’autorita’ , inflessibilmente (se mi passate un’analogia politica, quella riforma di “sinistra” venne imposta con stile di “destra”). Una volta adottata, al di la’ dei suoi limiti intrinsechi, la nuova liturgia divenne occasione per ogni abuso possibile e immaginabile; l’ autorita’ , efficace al suo massimo grado nel vietare almeno il bi-ritualismo, da quel momento frano’ inesorabilmente. E mentre accusavano di autoritarismo il povero GPII, i neomodernisti trasformavano, di fatto, la Messa Cattolica in cena , molto molto vicina a quella protestante. Da un punto di vista squisitamente strategico bisogna riconoscere ai novatori una grande abilita’.
          (che si svuotassero le chiese, pero’ non l’ avevano previsto, anzi, non lo VEDONO neppure!)

        • Avatar Don Ettore Barbieri ha detto:

          È un problema complesso: si sono mescolate le volontà di chi cercava sinceramente e onestamente di avvicinare il popolo al Mistero dell’Eucaristia alle follie di chi, per far questo, correva dietro alle novità mondane o anche di chi cercava qualcosa di “più antico” (archeologisti) e, secondo loro, più autentico. Ci sono pagine gustose nelle “Memoires” di Louis Bouyer a proposito di questi ultimi e di certi elementi della Commissione liturgica. Diciamo che il diavolo ci ha messo la coda e la debolezza di Paolo VI, unita all’insipienza e al tradimento di altri hanno fatto il resto. A Genova, Siri aveva proibito gli altari posticci e ancora oggi in molte chiese genovesi non ci sono. Ma lui era uno.. Gli altri cosa facevano?

          • Avatar MARIO ha detto:

            Don Ettore, mi sa che i veri “altari posticci” siano in realtà quelli che lei definisce “altari a muro”, generalmente barocchi e quindi piuttosto recenti, rispetto ai 2000 anni di storia della Chiesa.
            Infatti nelle chiese paleocristiane, romaniche, ecc. e nelle basiliche e cattedrali, l’altare maggiore non è quasi mai a muro, ma rivolto verso il popolo. Immaginate San Pietro con l’altare maggiore “a muro”…

            Non capisco poi, al riguardo, come si possa parlare di “debolezza(?) di Paolo VI” e di “insipienza e tradimento di altri”. Credo che un po’ più di prudenza e discrezione non guasterebbero.

  • Avatar Viva Anguera ha detto:

    Per MARIO e CARLONE; ZANCHETTA e GALANTINO; PAGLIA, CARBALLO e PADREPASQUALE;
    e per quelli che negano l’evidenza, in quanto ignari, ottusi, allocchi, succubi, collusi o leccapiedi.
    Una dedica speciale per il SOMMO MISERANDO e i suoi MISEREVOLI PASDARAN,
    in particolare quelli che – lautamente stipendiati – operano presso la CIVC-SVA.
    https://cronicasdepapafrancisco.files.wordpress.com/2019/09/08-bergoglio-ombra-2.jpg
    http://www.congregazionevitaconsacrata.va/content/vitaconsacrata/it/congregazione/organigramma.html
    La vostra “rivoluzione della tenerezza” altro non è che una “dittatura dell’arroganza”:
    VERGOGNATEVI, se ancora ne siete capaci! VERGOGNATEVI davanti a Dio e davanti agli uomini!

    DAI MESSAGGI MARIANI di ANGUERA:
    https://www.apelosurgentes.com.br/it-it/mensagens/
    https://gloria.tv/video/s6UVTaQQhfGY3Du7ixyPKvpPc
    «La vostra vittoria è nell’Eucaristia. Non pemettete che i nemici tolgano dai vostri cuori la luce della verità» (Messaggio, 15 dic. 2019).

    Nessuno più del Concilio di Trento ha difeso la dottrina cattolica sull’Eucaristia. E la Messa di San Pio V – o Messa Tridentina – ne è l’espressione più completa e significativa. Visti i continui abusi legati all’applicazione pratica della riforma di Paolo VI, come si fa a non tornare alla sostanza teologica e alle forme esteriori del Rito antico?

  • Avatar Pier Luigi Tossani ha detto:

    ottimo contributo.

    “Ricordo che per alcuni anni, mio ​​nonno avevano cessato di partecipare alla Messa, perché diceva che la Messa moderna non era un sacrificio, ma sembrava di essere un mero ricordo dell’ultima Cena del Signore. Egli credeva, senza aver studiato la teologia o la liturgia, ma la sua fede era così forte che distingueva molto bene le differenze tra la nuova liturgia e il vecchio rito che aveva nutrito la sua fede fin dall’infanzia”.

    Ormai, la questione centrale è questa. Speriamo e preghiamo perché un nuovo papa, un giorno che non sappiamo, vi metta mano.

    • Avatar Diana ha detto:

      Ha ragione, la questione centrale è esattamente questa. Ma temo che dovremo ancora soffrire lungamente, perché anche i pochi pastori autorevoli che levano la voce contro il regime attuale non hanno ancora il coraggio di inquadrarla.