IL DIO MERCATO, LA CHIESA E L’ANTICRISTO: DI ANTONIO SOCCI. DA LEGGERE.

3 Dicembre 2019 Pubblicato da 104 Commenti --

Marco Tosatti

Cari Stilumcuriali, è con grande piacere che vi presentiamo oggi l’ultima opera di Antonio Socci, destinata ad uscire in questi giorni per i tipi della Rizzoli,  “Il Dio Mercato, la Chiesa e l’Anticristo”. Una lunga ricchissima e in più di un punto provocatoria – almeno per quanti si dicono cristiani e cattolici – sui tempi in cui viviamo.

Non è un mistero per nessuno che segua con una certa attenzione l’universo della fede che in molti sta crescendo la sensazione di vivere in tempi apocalittici. In particolare per quanto sta accadendo nella Chiesa, ed è accaduto durante il Sinodo dell’Amazzonia. Voi sapete che Stilum Curiae interagisce molto sui social: Facebook, Twitter, Telegram, LinkedIn, Vk.com. E in queste settimane passate durante il Sinodo, la saga della Pachamama (che alcuni prelati, non sapremmo dire se più modaioli, superficiali o stupidi hanno rinnovato in altre forme anche in Italia…) e del Priapo scomparso dopo la fugace apparizione davanti al Pontefice nei Giardini Vaticani, durante le prostrazioni di frati e laici verso non si sa quale rito, le reazione sconcertate di semplici fedeli sono state numerose. Quella che mi ha colpito di più è stata la testimonianza di una donna, che su Facebook, se non ricordo male, ha scritto: “Quando mia mamma, che è anziana, ha visto in televisione le immagini della cerimonia nei Giardini Vaticani si è messa a piangere”. Credo che qualcuno dovrà rispondere di quelle lacrime in debito loco e in debito momento.

Già, il punto può essere questo: quando sarà il debito momento? Stiamo avvicinandoci allo svelamento dell’Anticristo, e quindi ai tempi della Rivelazione? Antonio Socci ci porta a una lettura degli ultimi anni con il suo stile fluido e irruente, che non lascia riposo al lettore, come un torrente in piena e lo trascina verso la foce.

Leggendo il libro abbiamo preso tutta una serie di appunti, forse troppi, che però vi offriamo, come una piccola mappa di lettura. A partire dall’affermazione, così evidente a chi voglia giudicare persone e cose con equanimità, secondo cui la Chiesa si è arresa. Vi riportiamo qui alcuni paragrafi, che sono una fotografia lucida e impietosa della situazione:

“Dal 2013, dopo l’uscita di scena di Benedetto XVI, anche la Chiesa si è arresa. Non solo si è arresa e ha abbandonato i temi del magistero di Giovanni Paolo II e di Benedetto XVI, ma sembra che sia addirittura passata dall’altra parte: ha abbracciato l’«Agenda Obama» (che è l’Agenda Ue e l’Agenda Onu) arruolandosi così nel Nuovo ordine.

Lo confessa candidamente nell’agosto 2016 padre Antonio Spadaro, braccio destro di Bergoglio: «Il Papa ha rilasciato un’intervista, tre giorni dopo aver ricevuto il premio Carlo Magno, […] e ha detto il suo disagio a parlare di valori non negoziabili, soprattutto di radici cristiane dell’Europa».

Nel maggio 2019 il filosofo francese Alain Finkielkraut ha osservato: «Papa Francesco chiede più immigrazione, non gli importa che i cristiani, in Europa, restino maggioranza. Questo papa, senza battere ciglio, ha firmato la morte dell’Europa come la conosciamo».

La nuova agenda di Bergoglio ha queste priorità̀: eco-catastrofismo, abbraccio ecumenico all’Islam (ma anche a regimi comunisti come Cina e Cuba), sostegno alle migrazioni di massa e lotta al cosiddetto sovranismo in favore del governo globale.

Forse non è a tutti chiaro l’enormità̀ di quello che sta avvenendo. Nel 1969 Raymond Aron affermava che la secolarizzazione della Chiesa cattolica era un fenomeno molto più

grave, per il destino della civiltà̀, delle chiassose agitazioni di quei mesi.

Adesso quella secolarizzazione sembra arrivata al suo compimento. Sappiamo dalla Sacra Scrittura (e ce lo ricorda il Catechismo della Chiesa cattolica) che l’ora dell’Anticristo è accompagnata proprio dalla «grande apostasia».

Oggi la devastazione spirituale appare in tutta la sua enormità. Nei Paesi di più antica fede cristiana, cioè in quell’Europa che è stata plasmata dalla Chiesa e che ha portato l’annuncio di Cristo nel mondo intero, sembra si sia voluta (e si voglia) sradicare anche la memoria del cristianesimo. Un’apostasia di tali dimensioni che mai si sarebbe immaginata in duemila anni”.

Ed eccovi la mappa degli appunti:

Chiesa si è arresa 38

Parole che la Chiesa non dice più 48

Bergoglio Stampa mai Cristo 50 vedi anche sopra libro anticristo

Brasile scomparsa cristiani 61

Apollonio vescovo popolare 78

Chi ricorda? Imperatore “benefattore”; Amoris laetitia

Ratzinger vero Gesù, ira di Dio 81

Proteste AL 81  Bergoglio fatto ciò che nessun papa mai osato   82

Ed ecco un’altra citazione importante:

“Ora, nei pochi anni del pontificato di Papa Francesco, lo spirito ammuffito e stantio degli anni Settanta è risorto, portando con sé sette altri demoni. E qualora al principio lo dubitassimo, lo scorso anno l’Amoris laetitia e i suoi postumi hanno reso perfettamente chiaro che questa è la nostra crisi. Il fatto che quello spirito estraneo sem- bri aver alla fine ingoiato il Soglio di Pietro, trascinando coorti sempre più estese di una compiacente gerarchia ecclesiastica all’interno della sua rete, è l’aspetto più in- quietante e veramente scioccante per molti di noi fedeli cattolici laici”.

Rinuncia di BXVI e Apocalisse 86
Cacciari Chiesa non riesce più a contenere AntiCristo 91
Cacciari rischio Chiesa non più segno contraddizione 93
Ideale Lenin e Occidente eguali Schmitt 100
Cina disastro Italia 101
Unità del mondo incubo 101
Deregulation finanziaria deregulation antropologica 114
In chiesa su legge naturale archiviato da B. 115
Obbedire all’Onu. ..116 anche
Chiesa con Bergoglio agenzia Onu religioni 117
Obama Ratzinger Bergoglio 125
La nuova Trinità 129
Sarah su migranti 135

Aborto Pasolini  Bobbio Sciascia 157
Bergoglio liquidati principi non negoziabili 161
Finkielkraut 165
Camille Paglia sinistra polizia del pensiero 167
Punto centrale rifiuto radici cristiane 170
Bergoglio realizza sogno Bonaiuti 172
Apocalisse presente 195
Profezia Fulton Sheen 223
Solo Chiesa attuale non riconosce apostasia 229
Bergoglio non anticristo, tramite goffo  236

I nostri appunti terminano con una domanda: chi è in questo affresco, Jorge Mario Bergoglio? La pagina che lo descrive è inquietante, e illuminante al tempo stesso:

“Perché́ questa era l’ultima, vera resistenza: la Chiesa che professa Gesù̀ Cristo come unico salvatore. Come lo starets Giovanni davanti all’Imperatore nel racconto di Solov’ëv.

Invece non rende più questa testimonianza coraggiosa, purtroppo, la Chiesa di papa Bergoglio. Anzi, come abbiamo visto, va nella direzione opposta.

Si può̀ per questo sospettare – come fanno alcuni – papa Bergoglio di essere un anticristo? No, per molti motivi; oltretutto l’Anticristo biblico è una figura titanica e non mi pare proprio che sia il caso del papa argentino, nonostante le sue velleità̀ rivoluzionarie. Un noto scrittore ed economista, Geminello Alvi, lo ha definito «uomo di parte, tramite goffo di un disastro altrove voluto».

Il filosofo tedesco Robert Spaemann, amico di Benedetto XVI, sostiene che con Bergoglio si ha «il caos eretto a principio» così da «spaccare la Chiesa» e «portarla a uno scisma».

Il professor Marcello Pera, già presidente del Senato, ha dichiarato che quello di Bergoglio «non è Vangelo, ma è solo politica». Anche lui ritiene che «è in atto uno scisma nascosto nel mondo cattolico e che esso è perseguito da Bergoglio con ostinazione e determinazione».

Giuliano Ferrara ha scritto: «Francesco è un Papa che ha sbroccato, non necessariamente un Anticristo»”.

Allora tutto è perduto? No, tutt’altro; anche se umanamente sembra che non vi siano speranze di un riscatto, Antonio Socci ci offre la via per il domani con le parole di Gandalf, il personaggio di Tolkien, nella lettura di alcuni acuti commentatori contemporanei:

“«Le nostre forze sono state appena sufficienti a respingere il primo assalto. Il prossimo sarà̀ più̀ massiccio. Questa guerra è quindi senza speranza, come Denethor aveva intuito. La vittoria non può raggiungersi con le armi».

Sembrerebbe un’affermazione disperata, ma poi Gandalf precisa: «Ho detto che la vittoria non si potrà̀ raggiungere con le armi. Spero ancora nella vittoria, ma non nelle armi»”.

Ecco, a voi scoprire come, leggendo questo bel libro sui Tempi del Nostro Disordine.

§§§




 

STILUM CURIAE HA UN CANALE SU TELEGRAM

 @marcotosatti

E ANCHE SU VK.COM

stilumcuriae

SU FACEBOOK C’È LA PAGINA

stilumcuriae




SE PENSATE CHE

  STILUM CURIAE SIA UTILE

SE PENSATE CHE

SENZA STILUM CURIAE 

 L’INFORMAZIONE NON SAREBBE LA STESSA

 AIUTATE STILUM CURIAE!

ANDATE ALLA HOME PAGE

SOTTO LA BIOGRAFIA 

OPPURE CLICKATE QUI 




Questo blog è il seguito naturale di San Pietro e Dintorni, presente su “La Stampa” fino a quando non fu troppo molesto.  Per chi fosse interessato al lavoro già svolto, ecco il link a San Pietro e Dintorni.

Se volete ricevere i nuovi articoli del blog, scrivete la vostra mail nella finestra a fianco.

L’articolo vi ha interessato? Condividetelo, se volete, sui social network, usando gli strumenti qui sotto.

Se invece volete aiutare sacerdoti “scomodi” in difficoltà, qui trovate il sito della Società di San Martino di Tours e di San Pio di Pietrelcina


 LIBRI DI MARCO TOSATTI

Se siete interessati a un libro, cliccate sul titolo….


Viganò e il Papa


FATIMA, IL SEGRETO NON SVELATO E IL FUTURO DELLA CHIESA

Fatima El segreto no desvelado

  SANTI INDEMONIATI: CASI STRAORDINARI DI POSSESSIONE

  PADRE PIO CONTRO SATANA. LA BATTAGLIA FINALE

  Padre Pío contra Satanás

La vera storia del Mussa Dagh

Mussa Dagh. Gli eroi traditi

Padre Amorth. Memorie di un esorcista.

Tag: ,

Categoria:

Questo articolo è stato scritto da wp_7512482

104 commenti

  • Nicola Buono ha detto:

    Sempre per Turi e Mario allego foto di vecchio articolo di Stilum Curiae. GUARDATEVI BENE LA FOTO. L’evidenza di UN IDOLO PAGANO CON PARTE SESSUALE MASCHILE MOOLTO PRONUNCIATA È EVIDENTE A TUTTI . TRANNE CHE A VOI. Duro il vostro compito di difendere l’indifendibile, negare l’evidenza e difendere il Gran Capo eh ? E poi l’articolo manco lo avete letto , ci scommetto. A me queste cose non è che interessino , quello per cui mi batto è non essere preso per i fondelli da seguaci della Chiesa 2.0 come voi e che manco di fronte alla pistola fumante della prova di una FOTO COSÌ CHIARA HANNO L’ONESTÀ INTELLETTUALE DI AMMETTERE LA VERITÀ DELLO SCANDALO DATO A TUTTO IL MONDO.

    https://www.marcotosatti.com/2019/10/23/amazzoni-il-ratto-del-priapo-vatican-news-ammette-erano-idoli-badilla-li-sgrida/

  • Nicola Buono ha detto:

    Per TURI 1:37pm@ 6 Dicembre e per MARIO. Evidentemente non leggete Stilum Curiae o leggete quello che vi pare. Eccovi una lettera ed un video dal Sudamerica pubblicati e postati da Stilum Curiae tempo fa, che dimostrano INEQUIVOCABILMENTE che la PACHAMAMA è un IDOLO PAGANO. Che ovviamente il Gran Capo ha difeso a spada tratta SENZA CORREGGERE chi ha sbagliato a portarla. Ma evidentemente su questo sito non si vuole sentire la verità e soprattutto non si vuole vederla.

    https://www.marcotosatti.com/2019/10/30/pachamama-ci-scrivono-dal-peru-con-video-e-idolatria-punto/

  • Alessandro ds ha detto:

    Io dico che è spettacolare il fatto che ormai sono diventati tutti esperti biblisti ed esperti teologi, anche chi non ha mai aperto una bibbia.
    2000 anni di studi e tutti i dottori, i padri e i santi della chiesa non possono dire se l’anticristo è “un singolo uomo, oppure, un istituzione intera” ( come a stessa chiesa pervertita nel tempo ), e invece vedo che la gente quasi quasi da anche nome e cognome dell’anticristo.

    E la donna cavalcava la bestia….ed era ubriaca del sangue dei martiri…..vestiva di rossa porpora.
    La donna è la chiesa e la bestia e l’antico impero romano che è rinato sotto il nome di comunità europea.
    Poi a salette ( riconsciuta dalla chiesa )
    Roma pagana perderà la fede e diventerà la sede dall’anticristo.
    Quindi chi è l’anticristo, se non lo stesso papa o se non addirittura la stessa chiesa cattolica che si è pervertita?

    La falsa chiesa è l’anticristo. L’anticristo non è un singolo uomo, è un istituzione. Nel caso dovesse essere un singolo uomo, allora sarebbe il rappresentante dell’istituzione.
    È la donna (chiesa), che cavalca la bestia, e non la bestia che cavalca la donna.

    Però ormai anche chi non ha mai aperto una bibbia si eleva a maestro.

    • Guglielmo da Baskerville ha detto:

      @Alessandro ds
      Scusi ma chi sarebbero questi “tutti” che si professerebbero esperti biblisti e teologi senza avere mai aperto una Bibbia ?

      • Alessandro ds ha detto:

        Non parlo di commentatori del blog. I commenti non li ho letti.
        Poi i commenti sono opinioni, non sono insegnamenti.
        Ormai momti si elevano a maestri delle sacre scritture.
        Giornalisti, laici, mezzi atei che non conoscono memmeno i dogmi. E non dicono opinioni, ma fanno insegnamenti, in maniera di fuorviare dalla verità chi per caso si imbatte nelle loro parole e pensieri.
        Come Socci, l’anticristo sarà un europeista e ecologista…. fra poco dice anche nome e cognome

  • Nicola Buono ha detto:

    Per Mario 1.30@AM Il Papa difronte a comportamenti così gravi e sotto gli occhi del mondi intero o TACE o PROMUOVE e comunque NON CORREGGE . Di che stai parlando dunque ? Per il Priapo o Priamo la cosa comunque sia NON CAMBIA riguardo la gravità perché la statua aveva un ENORME…….ci siamo capiti .,O,forse a te ti conviene sorvolare su certi dettagli …..perché anche il Gran Capo NON HA VISTO, ANZI HA PREGATO RIVOLTO ALL’IDOLO PAGANO….

    • MARIO ha detto:

      Suggerimento: la prossima volta rispondi a te stesso (se sotto il mio commento non compare “Rispondi”) e la tua risposta verrà incolonnata sotto la mia…

      Il Papa non ha mai promosso o difeso l’errore.
      Sulla correzione dell’errore altrui:
      – in alcuni casi il Papa interviene pubblicamente (secondo qualcuno, anche troppo…);
      – in altri casi non sappiamo (potrebbe essere in maniera riservata, come faceva Gesù con Giuda…);
      – mirando principalmente all’annuncio e alla testimonianza del Vangelo nella sua integrità (che è la miglior medicina contro l’errore), e alla salvaguardia dell’unità della Chiesa (perlomeno della stragrande maggioranza dei fedeli).
      Fermo restando che vale sempre il discorso del grano e della zizzania.

      Riguardo al Piapo/Priamo, vedo che non hai capito, e allora ti linko il post chiarificatore, in fondo al quale troverai la risposta:
      https://www.marcotosatti.com/2019/11/13/porfiri-il-concilio-vaticano-ii-e-la-musica-sacra-un-tesoro-da-conservare/

      • ciro ha detto:

        Salve Mario, questa storia del Priapo è ormai stucchevole: perfino Michael Voris di Church Militant (uno dei nemici n. 1 del Papa) ha diramato via twitter un comunicato per dire di finirla, che non è un Priapo e che quella cosa “enorme” è un braccio piegato e non un altro organo. Basta andare avanti col filmato, quando lo riprendono di lato e non di tre quarti, e si vede benissimo che non è un pene e non è collocato certo in prossimità dell’inguine. Tra l’altro, si vede benissimo che il “Priapo” ha una mutanda!
        Detto ciò, temo che ci sia qualcuno che, a prescidere dalla realtà, abbia qualche strana fissazione e non voglia prendere atto della cantonta. Ma che ci vuol fare? Ognuno ha i suoi gusti e non tutti apprezzano la Pachamama nuda.

        • Alessandro ds ha detto:

          No guarda, ti sbagli fratello, è un bel peme bello grosso.
          A un glande molto ben definito, un lsvoro da esperto, un bel glande enorme, ci mancava solo che gli faceva anche le vene con i nervi ed era perfetto.
          Ho capito di quale immagine parli, c’è un immagine dove sembra più in alto, na l’immagine prima si vede inequivocabilmente che è un pene , con un bel glande..se vuoi ti mando una foto del glande.

          • MARIO ha detto:

            Caro Alessandruccio, sei proprio duro di cervice !
            Vai a vederti il post che ho linkato sopra per Nicola Buono, in cui il chiarimento (in fondo alla pagina) è proprio in risposta a un tuo commento (13.11.2019-ore 9:58 am), quando ti chiamavi ancora Veritiero.
            Mettiti il cuore in pace e mi raccomando: butta via le foto, che non ti caccino dal Seminario (con l’aria che tira di questi tempi…).

          • drago ha detto:

            Alessandro….mi preoccupi un po’….

        • Claudius ha detto:

          @Mario, quindi insomma aveva solo il braccio destro teso e alzato. Praticamente, stava facendo il saluto fascista. Quindi il Priapo e’ un idolo fascista, proditoriamente entrato in Vaticano per scombinare l’ambiente politicamente corretto bergoglionico. Caspita. Per quelli come voi una roba del genere e’ pure peggio di un povero idolo pagano con il pisello alzato, mi sa.

          • wp_7512482 ha detto:

            La domanda però è: se era un oggettino così innocente, perché è scomparso, da quel giorno, dalla mostra di questo e quello spampanata a Santa Maria in Traspontina? Strano, no? Non lo si è più visto. Che problema ci sarebbe stato, se fosse stato un agricoltore amazzonico con vanga e braccio alzato?

          • Claudius ha detto:

            @Tosatti: in effetti, scherzi e battute a parte, non solo non e’ chiaro perché quell’oggetto sia sparito, ma neanche perché nessuno si sia degnato, mentre infuriava la polemica, di dire con chiarezza e una volta per tutte che cosa fosse realmente quell’oggetto, e soprattutto a che titolo stava li’. A questo punto, l’unica spiegazione e’ la coda di paglia di chi ce l’ha fatto entrare, sapendo benissimo che cos’era. Per me questa e’ l’ennesima dimostrazione di malafede e di prevaricazione della chiesa bergoglionica.

          • wp_7512482 ha detto:

            Anche a me sembra plausibile ed evidente che se non fosse stato quello che appariva l’avrebbero tenuto insieme agli altri oggetti. La scomparsa è segno evidente di cattiva coscienza.

      • Nicola Buono ha detto:

        Alessandro DS ti ha risposto bene in merito ed altro non c’è da aggiungere se non che era talmente compromettente per la Chiesa 2.0 che lo hanno fatto sparire. Se sì ritorna spesso su questa storia è perché è di una gravità mostruosa. Inoltre ti viene assegnato caro Mario il premio Messner per l’arrampicata sugli specchi per difendere l’indifendibile ovvero il Gran Capo che NON CORREGGE ANZI PROMUOVE TUTTI COLORO CHE SONO STATI BECCATI DA GRANDI SCANDALI O CHE SCRIVONO LIBRI PRO FAMIGLIE LGBT ( SJ Martin) . Ed è talmente vero che il Gran Capo NON CORREGGE che il SUO AMICO GESUITA SOSA HA DETTO PER LA SECONDA AL MEETING DI RIMINI CHE IL DIAVOLO NON ESISTE. QUESTO PERCHÉ IL GRAN CAPO NON LO HA CORRETTO LA PRIMA VOLTA. Ma non c’è più gran ceco di te che NON VUOI VEDERE. Buon premio Messner , e grazie per le ore di ilarità che fai passare a tutti noi .

        P

        • drago ha detto:

          A dire il vero sono spariti tutti gli oggetti, tranne le Pachamame, che erano comunque “scandalose” anche se per motivi diversi dal presunto Priapo. La domanda quindi dovrebbe essere: visto che il Priapo era scabdaloso e lo hanno fatto sparire, come mai non hanno fatto sparire le Pachamame, visto che erano altrettanto scandalose?
          E poi che fine hanno fatto gli altri oggetti?

        • MARIO ha detto:

          Caro Nicola, o non hai letto quello che ho scritto o fai finta di non capire (sul priapo).
          Se ti intestardisci su cose così evidenti e banali, immaginiamoci sul resto…

          • Nicola Buono ha detto:

            Per la PACHAMAMA c’è ancora in buona fede tanta gente che non segue i siti blog cattolici , non è a conoscenza delle polemiche e scandali e pensa si tratti di una mamma amazzononici e non sa che si tratta di un idolo. Per il Priapo invece è evidente a tutti che sia una divinità pagana oscena tranne al Sig. Mario….

          • turi ha detto:

            Scusa caro, ma che si tratta di un idolo lo avete stabilito voi. In realtà, se un oggetto è un idolo, lo decide chi lo usa perché é lui che gli da quel significato.

          • Claudius ha detto:

            @Turiddu, hai ragione! Finalmente uno che dice la verita’!! Infatti per me e’ evidente che non era un idolo ma con quel braccio destro alzato e teso era chiaramente un fasssista della prima ora, poteva essere forse un Sansepolcrista o forse addirittura una ssiarpa littorio! Eia, eia, alala’!

  • Antonella ha detto:

    Antonio Socci entra nel vivo della Battaglia con la consapevolezza di una storia diversa rispetto a quella di ieri, perché impegnata sulla militanza di schieramenti opposti: non è più tempo di ragionevole, dialogico confronto in rapporto a prospettive diverse, sono cambiate infatti le regole, ed è l’affronto che siamo chiamati a sostenere su un campo di lotta estremo, fatto irrimediabilmente per vinti o vincitori.
    Un tempo apocalittico che sta concretamente compiendo la sua profezia per chi vuole vederla fino in fondo e senza paraventi di pregiudizio o d’interpretazione, spesso formulati per mitigare la severità del richiamo divino, quasi facesse parte di un mondo platonico idealmente distante dalla nostra realtà.
    Dopo l’elezione di Bergoglio, ancora in preda a facili entusiasmi, si faceva fatica a credere nelle parole di Socci “Non è Francesco “, ma poi i fatti hanno urlato più delle parole stesse, mettendo a nudo ciò che mai avremmo lontanamente pensato potesse accadere.
    L’Apostasia si è fatta riconoscere un pò alla volta, attraverso dichiarazioni, prostrazioni, Accordi…. , lasciando scorgere col mercato una progressione dissacrante fino all’ idolatria, ultimo schiaffo al volto di Cristo nel silenzio tombale dei suoi sacerdoti.
    Ora siamo come ad un bivio, e la decisione chiede il coraggio di intraprendere nuove strade, mentre “le bergoglionate asfaltano la strada dell’Anticristo” si versano lacrime amare come efficacemente scrive Graziella, ma sarà lo stesso asfalto a far scivolare, anticipando la sua caduta. Cristus Vincit!

    • Antonella ha detto:

      Correggo: Christus Vincit. (Il Latino è Latino)

    • newman ha detto:

      La difficoltá consiste nell’identificare tali “vie nuove”, una volta visto che le lacrime ed i pianti servono a poco. Ormai la problematica é cosí diffusa e capillare, non solo ai vertici del governo della chiesa ma nelle singole parrocchie e tra i singoli preti, diaconi, catechisti, ripercuotentesi nei gruppi di fedeli che si stentono a volte di Paolo, o di Apollo, o di Bergoglio o di chicchessia, che realisticamente bisogna riconoscere che solo un’azione divina possa essere in qualche modo risolutiva. Lo “Zeitgeist”, cui la chiesa bergogliana si é donata corpo ed anima, é come uno tsunami che investe e distrugge con una potenza inaudita ed a cui il singolo o gruppetti di singoli hanno poco o nulla da contrapporre.
      Quí é Lucifero spiegato a pieno campo, nel mondo e nella chiesa di Cristo stessa, che solus il Dominus omnipotens e la sua Madre Immacolata possono fermare.

      • Antonella ha detto:

        Condivido: siamo nel disorientamento più totale della Babele che ci provoca sfidando la fede, nell’isolamento poi della della gran parte di Chiesa, ma certi di confidare su Colei che aprirà La Strada nel vento della Nuova Pentecoste.

  • Nicola Buono ha detto:

    Per Maria Cristina 10:19am@ Anche io ci sarò. Capelli bianchi corti , occhiali neri e fossetta sul mento come Kirk Douglas ( ma lui è più bello….) e Rosario da una posta con grani grossi. . A sabato.

  • Gene ha detto:

    La zanzara, hai centrato il discorso. Ma siamo sicuri che Bergoglio si sia fatto influenzare da altri?
    Io penso proprio di no,lo si è capito fin da quando si affacciò e disse buonasera, come una annunciatrice della Rai.
    Berrgoglio ha una mentalità contorta e diabolica, altrimenti non si spiegherebbero tutte quelle esternazioni scandalose, non si sarebbe circondato da prelati coinvolti in scandali di diverso tipo.
    Io conierei per lui il diversamente papa…..

  • Nicola Buono ha detto:

    Per Equesfidus 11:29@ am Non credo ci siamo già arrivati ma non credo che ne siamo molto lontani…

    • Giobbe ha detto:

      Io l’avevo già detto, qualche secolo a.C.

      [11] E perché non sono morto fin dal seno di mia madre
      e non spirai appena uscito dal grembo?

      [12] Perché due ginocchia mi hanno accolto,
      e perché due mammelle, per allattarmi?

      [13] Sì, ora giacerei tranquillo,
      dormirei e avrei pace

      [14] con i re e i governanti della terra,
      che si sono costruiti mausolei,

      [15] o con i principi, che hanno oro
      e riempiono le case d’argento.

      [16] Oppure, come aborto nascosto, più non sarei,
      o come i bimbi che non hanno visto la luce.

      [17] Laggiù i malvagi cessano d’agitarsi,
      laggiù riposano gli sfiniti di forze.

      [18] I prigionieri hanno pace insieme,
      non sentono più la voce dell’aguzzino.

      [19] Laggiù è il piccolo e il grande,
      e lo schiavo è libero dal suo padrone.

      [20] Perché dare la luce a un infelice
      e la vita a chi ha l’amarezza nel cuore,

      [21] a quelli che aspettano la morte e non viene,
      che la cercano più di un tesoro,

      [22] che godono alla vista di un tumulo,
      gioiscono se possono trovare una tomba…

      [23] a un uomo, la cui via è nascosta
      e che Dio da ogni parte ha sbarrato?

      Lo sapevate?

  • stilumcuriale emerito ha detto:

    Ma chi è l’Anticristo?
    Chiediamolo alle Sacre Scritture.
    Prima lettera di Giovanni:
    Figlioli, questa è l’ultima ora. Come avete udito che deve venire l’anticristo, di fatto ora molti anticristi sono apparsi. Da questo conosciamo che è l’ultima ora.
    Chi è il menzognero se non colui che nega che Gesù è il Cristo? L’anticristo è colui che nega il Padre e il Figlio.
    Da questo potete riconoscere lo spirito di Dio: ogni spirito che riconosce che Gesù Cristo è venuto nella carne, è da Dio;ogni spirito che non riconosce Gesù, non è da Dio. Questo è lo spirito dell’anticristo che, come avete udito, viene, anzi è già nel mondo.
    Seconda lettera di Giovanni:
    molti sono i seduttori che sono apparsi nel mondo, i quali non riconoscono Gesù venuto nella carne. Ecco il seduttore e l’anticristo!

    NB. Non facciamoci sedurre neppure noi: nelle Sacre Scritture riguardo all’Anticristo non vi è altro. Ma è più che sufficiente questo.

    • stilumcuriale emerito ha detto:

      Per chi volesse verificare, questi sono i riferimenti:

      1 1Gv 2: 18| udito che deve venire l’anticristo, di fatto ora molti anticristi
      2 1Gv 2: 22| che Gesù è il Cristo? L’anticristo è colui che nega il Padre
      3 1Gv 4: 3| Questo è lo spirito dell’anticristo che, come avete udito, viene,
      4 2Gv 1: 7| carne. Ecco il seduttore e l’anticristo! ~

    • Guglielmo da Baskerville ha detto:

      Scusi, ma a prescindere dal caso specifico, a lei non
      e’ mai capitato di rivedere le sue posizioni ?

      • MARIO ha detto:

        No, se quelle di partenza erano giuste.

        • newman ha detto:

          @ Mario (03.12.19/07:37 pm)
          Quindi le ha riviste. E allora, perché rimprovera Socci per averlo fatto anche lui, come qualsiasi persona intelligente e fallibile lo fá quotidianamente? Mi spiego. Il “No, se …” implica logicamente il suo pendant “Si, se …”. Ci si chiede, allora, perché Lei non risponda, tout court, con un “No” secco. “Respondeo” supponendo che non l’abbia fatto perché il No secco l’avrebbe esposta al sospetto di ritenersi infallibile (o per merito suo [infallibilitá di fatto] o per natura/physei [infallibilitá di diritto]). Tale sospetto, peró, non é del tutto eliminato dal Suo “No, se…” che pur escludendo tutte le ragioni possibili di revisione tranne l’errore (oggettivo), non puó logicamente escluderne fattori soggettivi come il pregiudizio, la cocciutaggine, l’imbecillitá, o altro, in quanto possibili contenuti del “Si,se…” che é, come detto all’inizio, l’altro polo dell’alternativa introdotta dal Suo “No,se …”.
          Cordialitá.

        • newman ha detto:

          @ Mario (13.12.19/7:37pm)
          Anche dal punto di vista logicamente formale la Sua risposta puó finire in un non sequitur. Prenda il sillogismo elementare dato in questi casi, nel quale la maggiore (“il punto di partenza”) é giusta, ma la consequenza é sbagliata:
          (1) Tutti gli uomini sono mortali (maggiore).
          (2) Ma x é mortale (minore)
          (3) Quindi x é uomo (conclusione)
          e metta al posto di x il noto cagnolino Bobby….,
          applicando il tutto alla Sua risposta.

        • Boanerghes ha detto:

          No, se quelle di partenza erano giuste. @Mario

          Il tempo, appunto, è galantuomo.
          Perché il tempo è dono di Dio.
          Come pure la razionalità

          • newman ha detto:

            @ Boanerghes (04.12.19/09:22 am)
            Purtroppo non é cosí. Mi ripeto:
            (1) Tutti gli uomini sono mortali (maggiore) – corretto
            (2) Ma il cagnolino Bobby é mortale (minore) – corretto
            (3) Quindi il cagnolino Bobby é un uomo (conclusione) – falso.
            La logica elementare insegna che se il punto di partenza é corretto, la conclusione non é necessariamente corretta, anzi, puó essere falsa. E’ il caso deplorevole di Mario (ex-Quanta Cura ritornato in forza su questo blog?).

          • MARIO ha detto:

            @ Newman
            Guardi che la risposta di Boanerghes era rivolta a me, non a lei.

    • La zanzara ha detto:

      Per MARIO. “Giudicate voi…”. E il mio giudizio è questo.
      Le suddette valutazioni di Socci, che sono dell’AGOSTO 2013, stanno a dire, senza tema di smentita, due cose: 1) Che Socci non era affatto prevenuto nei confronti di Bergoglio: se poi ha cambiato completamente parere è perché i fatti lo hanno convinto degli sbandamenti dottrinali dell’Argentino. 2) Che l’eventuale ispirazione mistica di Benedetto XVI a dimettersi, rende ancora più significativa – e drammatica – la sua decisione di dimettersi “solo a metà” (cioè solo “nell’esercizio attivo” del papato, e non dal papato stesso).
      Tutto ciò significa che la situazione attuale con due Vescovi vestiti di bianco è una pura permissione del Signore, il quale non ha consentito a Benedetto XVI di ritirarsi per completo, per il semplice fatto che il Signore sapeva perfettamente che il SOSTITUTO di Benedetto XVI avrebbe poi tradito la Chiesa.
      MARIO, adesso hai capito? O anche questa volta ho sprecato il mio tempo?

      • La zanzara ha detto:

        MARIO, vedo che giri a largo dal mio commento.
        Deo gratias! Era ora!

      • MARIO ha detto:

        Cara Zanzara, non ti ho capito e anche questa volta hai sprecato il tuo tempo.
        Le mie valutazioni riguardo ai due punti del tuo ragionamento:

        1) Antonio Socci, che ho sempre seguito e apprezzato fino al 2013, ancora da quando scriveva sul settimanale “il Sabato”, secondo me è rimasto vittima della sua ricerca spasmodica del sensazionalismo e scandalismo a tutti i costi, piegando ad essa ogni cosa.
        Lui, da esperto della comunicazione, sa benissimo che questo è lo strumento più efficace per ottenere l’audience, diventato il suo idolo.
        Le prime avvisaglie della sua metamorfosi, che mi avevano insospettito a suo tempo, le avevo notate nel suo libro “Il quarto segreto di Fatima”, dove, per sostenere le sue tesi, arriva a criticare duramente anche due Papa santi come Giovanni XXIII e Paolo VI.

        2) Benedetto XVI non si è dimesso a metà, perché lui stesso ha riconosciuto Papa Francesco come Papa legittimo. Punto. Tutto il resto sono fantasie, che offendono lo stesso Papa emerito.

        • La zanzara ha detto:

          MARIO, la tua ignoranza è pari soltanto alla tua ottusità.
          Vatti a rileggere l’ultima catechesi di BXVI in Piazza San Pietro, del 27 febbraio 2013, e capirai in quali termini e in quali limiti BXVI si è dimesso. Naturalmente, se sei in grado di leggere…
          http://w2.vatican.va/content/benedict-xvi/it/audiences/2013/documents/hf_ben-xvi_aud_20130227.html

        • newman ha detto:

          @ Mario. Ma certo che Benedetto si é dimesso a metá, distinguendo tra l’esercizio attivo e l’esercizio passivo (il munus) del papato, ritenendo quest’ultimo “expressis verbis”, lasciando l’esercizio attivo a Bergoglio, e insistendo a farsi chiamare papa (se pur emerito) e non cardinale di SRC Joseph Ratzinger, che sarebbe stato logico se si fosse dimesso del tutto dal papato.
          Questa fú anche la tesi sostenuta da Mons. Ganswein nella sua prolusione alla Gregoriana, invocando la “situazione straordinaria” in cui si trova la chiesa.
          Bergoglio, poi, non puó essere considerato come fenomeno singolo, apparso in terre lontane e disceso sfortunatamente a San Pietro a Roma, ma dev’essere visto come colui che stá attuando in pieno il Concilio Vaticano II, portandolo alle sue conclusioni radicali e prevaricatrici. Non si puó accettare il Vat2 ed allo stesso tempo dannare Bergoglio che lo attua in tutta la sua non-cattolicitá, come ben vide il Cardinale Ottaviani, deriso dall’assemblea conciliare.

          • La zanzara ha detto:

            Io sono certo che, se una noce di cocco cade da dieci metri di altezza sulla testa di MARIO, la noce di cocco si spacca in due.
            Ognuno tragga le sue conclusioni…

          • MARIO ha detto:

            Cara Zanzara, vedi che fortunato che sono… Vuol dire che Dio mi protegge.
            Pensa se cadesse sulla testa di una zanzara…

          • La zanzara ha detto:

            Per MARIO.
            Non riuscirebbe a centrarla.

        • Guglielmo da Baskerville ha detto:

          @Mario
          Il fatto che BXVI abbia riconosciuto Francesco non esclude
          che lui si sia dimesso a meta’… potrebbe averlo si’ riconosciuto,
          come lei dice, ma solo per ….,l’altra meta’.

          Come ampiamente dibattuto, del resto, anche esteriormente
          ci sono cose che BXVI continua ad indossare, e in teoria
          non dovrebbe, e luoghi dove Francesco dovrebbe dimorare,
          e invece non ci va.

    • Nicola Buono ha detto:

      Per Mario. Anche io ho cambiato opinione personale su Bergoglio e ci ho messo del tempo. Esattamente 3 anni circa. Cioè per i primi 3 anni di Pontificato ho giustificato SEMPRE Bergoglio tra me e me oppure con gli altri , pensando o dicendo :” Si è sbagliato non voleva dire questo ma…” oppure ” siete voi che lo interpretate male ” oppure ” è stato un infortunio nel discorso che può capitare a tutti …ecc ecc …” poi dopo 3 anni e la reiterazione degli ” infortuni ” non solo discorsivi ma anche SOPRATUTTO nei provvedimenti Pontifici ….MI SONO ARRESO ALL’EVIDENZA……Ed allora ho capito che quel brivido che ho provato nel sentirlo in quel fatidico “Buonasera…. ” era un campanello d’allarme corretto che mi metteva giustamente sull’avviso….

      • MARIO ha detto:

        Ti sei arreso alla TUA evidenza, non a quella di moltissime altre persone, consacrate e non, sicuramente più preparate di me e te, per le quali l’evidenza è del tutto opposta alla tua e a quella della gran parte dei frequentatori di questo blog.
        Comunque, il tempo è galantuomo.

        • Luca Antonio ha detto:

          Il tempo ha gia’ dato Mario,
          meno fedeli, 8 per mille in picchiata, confusione e dissidi crescenti nella chiesa e tra i fedeli ecc…
          di cosa ancora vuole parlare ?
          Quale orizzonte meraviglioso intravede o sogna ?
          Faccia qualche esempio e ne riparliamo.

        • Nicola Buono ha detto:

          L’evidenza di chi Mario ? Di James Martin SJ ? Di Mc Carrick ?
          Di Mons Paglia quello dell’affresco omoeretico di Terni ? L’evidenza del Priapo davanti al quale il Gran Capo ha pregato ? L’evidenza dell’amico Padre Sosa che ha negato l’esistenza del demonio e che Gesù abbia mai parlato contro il divorzio perché all’epoca non esistevano i REGISTRATORI e che IL GRAN CAPO NON HA MAI CORRETTO ? Sai perché Bergoglio piace tanto a te ed a quelli come te ? E perché viene accolto all’università La Sapienza di Roma mentre Ratzinger ne viene escluso a furor di studenti di Sinistra ? Perché sta demolendo 2000 anni di cattolicesimo. Ecco perché piace tanto al suo amico Barbapapa’-Scalfari ed a te. Niente più unica vera religione e Via di Salvezza e niente più dogmi. Relativismo allo stato puro.

          • MARIO ha detto:

            Nicola, tiri in ballo errori di altri (che posso condividere), che ci sono sempre stati peraltro nella Chiesa (adesso magari in misura più preoccupante), ma che non c’entrano col Papa.
            Su una cosa specifica invece ti correggo: non ti sei ancora accorto che il fantomatico Priapo è stato smascherato dalla Sig.ra MILLI (nel post del 13.11.2019 – Porfiri… – in fondo ai commenti) e che il suo nuovo nome è Priamo ?

          • Sherden ha detto:

            NON C’ENTRANO CON IL PAPA?
            A che punto ti sei ridotto, pure a cercare di negare l’evidenza.
            “si, no, non so, fate voi”
            Lo riconosci? E’ il vostro stemma.

        • newman ha detto:

          @ Mario Nella storia della chiesa purtroppo non é raro che la maggioranza dei consacrati e abbia torto ed una esigua minoranza abbia ragione. St. Atanasio si é opposto a gerarchia e a papa ormai intaccati dall’arianesimo e fú addirittura scomunicato. Eppure aveva ragione lui, come sappiamo.
          Oggi, la maggioranza di cardinali, vescovi e sacerdoti é del tutto silente ed acquiescente di fronte alle prevaricazioni dottrinali e pratiche del Bergoglio. E’ un fenomeno che stupisce, che pochissime voci della gerarchia cattolica abbiano il coraggio di criticare il pontefice infelicemente regnante a viso aperto e senza paura: in prima fila tra questi eroi il Vescovo Schneider ed i cardinali Burke, Brandmüller e Müller.
          L’ex Nunzio Apostolico Viganó lo fa da un nascondiglio temendo per la sua vita. E gli altri gerarchi ben pasciuti o meno? Tacciono. Per complicitá? Per viltà? Per opportunismo? Un giorno, “quidquid latet …” e non sará piacevole per gli interessati: ne sono certo.

      • Corrado Bassanese ha detto:

        Io mi sono arreso il giorno del discorso (?) di Lampedusa.

        • Gian ha detto:

          Per me il discorso di Lampedusa è stata la prova del nove!

        • Nicola Buono ha detto:

          Io mi sono arreso il 13 maggio 2016 con l’intronizzazione della statua di Lutero in Vaticano ( senza nessun accenno in quel giorno dell’anniversario della Apparizione di Maria Santissima a Fatima ed il giorno della emissione filatelica Vaticana in favore dello Scismatico ed Eretico.

          https://images.app.goo.gl/knu3vspsGp49Nj4Y7

          • Gian ha detto:

            E poco dopo l’intronizzazione ci fu la gita privata del nostro a Lund, senza la carovana dei giornalisti al seguito, per la concelebrazione con la vescova lesbica luterana. Impossibile passarci sopra come fosse acqua di rose… A Lund un piccolo gruppo di cattolici in contemporanea organizzò una processione in riparazione dell’atto osceno fatto “quasi di nascosto” come un ladro, commesso dal presunto capo della chiesa cattolica venuto dalla fine del mondo. Questo il fatto.

        • Nicola Buono ha detto:

          Errata Corrige. L’entrata della statua di Lutero è avvenuta il 13 ottobre e non il 13 maggio. Mi scuso per l’errore.

  • Alessandro ds ha detto:

    Consiglio mio a socci: sai, si può vincere snche iniziando a proclamare la verità ad alta voce. Ma la verità intera, non solo la parte di verità che fa comodo ai nostri amici prelati.
    La verità è universale, non diventa verità solo quando la dice un nostro amico prelato. La verita è verità anche se la dice un laico o un barbone.

  • Giobbe ha detto:

    Il problema della Chiesa oggi trascende la dimensione umana.
    E’ talmente grave e profonda la crisi, che va ben al di là dell’uomo BERGOGLIO piuttosto che PAROLIN O FISICHELLA.
    Il problema è teologico: PERCHE’ DIO PERMETTE TUTTO QUESTO?. Socci è un uomo che conosce il soffrire, come me
    -Giobbe-. A questo doverebbe contribuire a dare una risposta: perchè Dio permette tutto questo? E magari lo farà, spero e me lo auguro..

    • Luca Antonio ha detto:

      Ma Dio Le ha gia’ risposto nella parabola della zizzania, la rilegga.

      • Giobbe ha detto:

        La parabola della zizzania non c’entra perchè riguarda il Regno di Dio, non la sofferenza umana , morale o fisica, che colpisce anche chi non ha alcuna colpa e non ha fatto alcun male. Gli esempi sono infiniti. Quello di cui parliamo è il male, la corruzione, l’eresia, che stanno rovinando la sua Chiesa e affliggendo, scandalizzando e disorientando i fedeli. Il problema è : perchè Dio non interviene per impedire questo degrado? Non puo’ o non vuole? Se può perchè non vuole? E se vuole perchè non puo? E’,ripeto, un problema teologico,non umano.

        • Luca Antonio ha detto:

          Forse per forgiare la sua fede ?
          Lei commette lo stesso errore di coloro che stavano sotto la croce ” se e’ veramente il figlio di Dio scenda dalla croce…”.
          Mi creda, come lo imposta lei il problema e’ senza soluzione, non a caso ha scelto il nome che ha scelto.

          • Giobbe ha detto:

            Comunque non è un problema umano ma teologico e come tale va affrontato . Sui miei errori il suo giudizio non è stato richiesto.

  • marco ha detto:

    Aron 1969! Quando la situazione era chiara a tutti.Ci voleva un Papa che avesse tempo e volontà di “rivoluzionare” la Chiesa e farla tornare all’ortodossia.Un Papa questi mezzi li ha.E GPII aveva tutto il tempo.Socci,che stimo,ama GPII e Benedetto.Sono anche nel mio cuore.Ma vorrei chiedere:perchè hanno fatto nulla?Anzi sotto di loro gli eretici hanno fatto carriera.Un tizio come Bergoglio,che il suo Superiore gesuita aveva ben giudicato,è stato fatto vescovo, arcivescovo e cardinale.La chiesa sudamericana,condannata a parole,ha continuato tranquillamente con i suoi vescovi “falce e martello”.Perché?

    • Barbara ha detto:

      Questa è una domanda molto interessante a cui prima o poi sarà necessario dare una risposta. Credo però che dovremo attendere la fine di questa dura prova…

  • Faramir ha detto:

    La citazione di Gandalf mi ha fatto molto piacere.
    Sono, con tutta evidenza, un grande appassionato del capolavoro di Tolkien. Un capolavoro cattolico al 100 x 100.
    Mi permetto un’altra bella citazione.
    Eomer chiede ad Aragorn (nel capitolo: I cavalieri di Rohan): “Come può un uomo in tempi come questi decidere quel che deve fare?”
    Ed ecco la risposta:
    “Come ha sempre fatto! Il bene e il male sono rimasti immutati da sempre e il loro significato é il medesimo per gli Elfi, per i Nani e per gli uomini…”
    Chiaro, no?!

    • FARAMIR ha detto:

      Correzione: anche “Uomini” maiuscolo.!!
      Tolkien cura molto il minuscolo-maiuscolo

    • EquesFidus ha detto:

      Notevole anche questa citazione del grande cattolico inglese (sulla cui tardiva pubblicazione in Italia, senza ristampe per decenni, ci sarebbe molto da dire), in cui a parlare è sempre Gandalf (figura assimilabile ad un angelo custode): “Non tocca a noi dominare tutte le maree del mondo; il nostro compito è di fare il possibile per la salvezza degli anni nei quali viviamo, sradicando il male dai campi che conosciamo, al fine di lasciare a coloro che verranno dopo terra sana e pulita da coltivare.”

  • Lucy ha detto:

    Ogni tanto escono libri per lo piů di laici ,oasi di libertà ,in genere giornalisti , che mettono a fuoco in modo circostanziato e preciso gli anni di questo pontificato .Sono libri utilissimi perchè servono a inquadrare cronologicamente e fissare fatti ( e misfatti) che diversamente rimarrebbero confusi nella memoria salvo per chi li ha annotati nella propria agenda personale ma non può farli conoscere al grande pubblico.Che cosa li ha spinti a scrivere? L’inizio di questo pontificato fu salutato da entrambi con favore e speranza , poi ci fu una rottura nel loro giudizio.La causa per Socci non la so , so che cambiò nell’estate 2013 .Di Valli sappiamo perchè lo ha rivelato lui stesso : ” A.L. mi fece cadere il velo dagli occhi “.Da qui l’uscita del suo libro “266 ” .Per molti fedeli anonimi come me la negatività distruttiva di Bergoglio si è manifestata da subito , dal ” buonasera “(pare consigliatogli da Austin Ivereigh) , ma fu allora come un sinistro , oscuro senso di inquietudine non ancora razionale.La presa di coscienza razionale è avvenuta giorno dopo giorno , tassello dopo tassello , ma il suo inizio fu la prima intervista a Scalfari dell’ottobre 2013 .Il resto non è stato che una lunga e dolorosa conferma .Ora il recente libro di Valli”L’ultima battaglia ” e questo di Socci che esce oggi saranno una splendida occasione di strenne natalizie tra parenti , amici e sacerdoti fedeli alla Chiesa di sempre .

  • La zanzara ha detto:

    Bergoglio?
    E’ un Giuda travestito da Pietro.
    E’ un vescovo penoso che prende ordini da altri.
    E’ il più grande bluff della Storia della Chiesa.
    E’ la vergogna e la rovina dell’Ordine dei Gesuiti.
    E’ uno strumento ignaro nelle mani dell’Onnipotente, per la purificazione della Chiesa.
    Può bastare?

    • MARIO ha detto:

      Basta! Sai tutto tu…

      • La zanzara ha detto:

        Grazie del complimento! Fatto da te, poi, vale cento volte tanto!

      • Sherden ha detto:

        Ah Mariu’, pachamàmate…

        • MARIO ha detto:

          Caro Sherden-uccio (o Sardin-uccio ?), guarda che qua l’idolo in questione è il “DIO MERCATO” (vedi titolo del post), non la povera Pachamama. Penso che non ci sia confronto !
          Non hai ancora capito che i veri idoli da combattere, davanti ai quali siamo tutti (o quasi) proni, mani a terra e c…o in aria, siano questi: denaro, sesso e potere.
          Questi sì che distruggono il mondo, altro che la Pachamama contornata da quattro gatti.
          Su quest’ultima mi sono già espresso, ma adesso finalmente riassumo anche per te, visto che me l’hai chiesto per ben 6 volte:
          – secondo me i cosiddetti riti idolatrici dovevano essere, nelle intenzioni, preghiere a Dio per l’Amazzonia, simbolicamente rappresentata da elementi figurativi ed espressioni rituali, formalmente (!) tipiche della tradizione locale;
          – potendo tuttavia dare adito a interpretazioni ambigue o distorte, come purtroppo è successo, personalmente le avrei evitate.

          • Sherden ha detto:

            alla buon’ora, sei finalmente riuscito a mettere la classica pezza peggiore del buco:
            1) non ci si inchina faccia a terra davanti a simboli generici della tradizione locale (che neppure erano tali visto che la pachamama è andina); i cattolici non lo fanno neppure per i santi, figuriamoci per i legnetti;
            2) che non fossero semplici manufatti artigianali ma vere e proprie rappresentazioni di dei pagani l’ha detto proprio il papa, visto che l’ha espressamente chiamata “Pachamama” (quando s’è dispiaciuto perché qualcuno l’ha tolta da una chiesa cattolica…);
            3) i quattro gatti (in saio e in talare) erano davanti a lui ma non gli ha fatto neppure una tiratina d’orecchie per la confusione evidentemente generata fra i fedeli;
            4) il giochetto del benaltrismo è vecchio come il cucco: serve per sviare l’attenzione dall’emergenza vera e principale, dalla quale tutto il resto deriva in conseguenza: la perdita della fede nell’Unico Signore e Salvatore del mondo. Sesso, denaro, potere sono solo alcuni dei mezzi del Mentitore, e neanche fra i più subdoli. I peggiori sono quelli che vorrebbero far credere che lui non esiste, che in fondo Gesù Cristo non è poi fondamentale e che – per salvarsi l’anima – la cosa più importante sia la lotta per l’eguaglianza economica, per l’immigrazionismo selvaggio, contro il riscaldamento globale e per la raccolta differenziata. Come in una ONG qualsiasi.

      • Corrado Bassanese ha detto:

        Mi saprebbe dire QUANDO è stata cambiata la regola dei Gesuiti (voluta da Sant’Ignazio credo) per cui gli appartenenti alla congregazione NON potevano essere nominati Vescovi?
        Sono molto ignorante in materia (ma la prego di non insultarmi per questo).

        • Corrado Bassanese ha detto:

          e.c.
          la domanda è rivolta naturalmente @Mario

          • MARIO ha detto:

            Sarò molto gentile con lei: cerchi su Google, che è fatto apposta per le persone ignoranti come me.
            A me piace rispondere solo alle zanzare, perché quelle non ci riescono. Sono troppo piccole…

  • roth ha detto:

    Bravo Tosatti , ha ben fatto a parlare del libro di Socci. Socci non può piacere a tutti , non è una moneta d’oro, è un toscanaccio che non fa nulla per apparire simpatico. Ma è un genio, ha fede incrollabile , ed è un cavaliere solitario . Sosteniamolo così come è.

  • Maria Grazia ha detto:

    Vi allego l’articolo sulla risposta imbarazzata di Bergoglio sulla situazione di Hong Kong attaccata dalla Cina: “non so valutare”.
    https://gloria.tv/post/SLZmB3atNkaP4p2B4ArBaqv4E

  • Maria Cristina ha detto:

    Possiamo solo pregare:ma come visto nel caso documentati oggi dalla Nbq delle Clarisse commussariate, e del caso ancora dolente dei Francescani de’Immacolata, se preghiamo troppo diamo fastidio ai padroni del vapore, se preghiamo in latino diamo fastidio, se poi preghiamo pubblicamente, come I pro-life fuori dalle cliniche abortiste, diamo doppiamente fastidio.
    E allora vuol.dire che e’proprio quello che dobbiamo fare! Ricordatevi.il 7 dicembre a Milano in Puazza Duomo! Io ci saro’! Sarebbe bello che coloro che scrivono su questo nlig se presenti si potessero riconoscere da un piccolo segmo di riconoscimento,
    Che so.una sciarpa bianca, bianca come la Milizia dell’Immacolata.

    • Zuzzerellone ha detto:

      Ho letto l’articolo della nuova bussola quotidiana. Ho avuto una curiosa sensazione. Ovvero che il caso di Madre Ravagnan sia in qualche modo simile a quello di Monsignor Viganò. A me quel cognome ricorda una famiglia piuttosto ricca. Ho cercato con Google e ho trovato due ditte che hanno anche succursali in Brasile, Messico e Stati Uniti. E’ altrettanto evidente che può trattarsi solo di un caso di omonimia. Ma il fatto che le monache abbiano potuto trasferirsi nella villetta di cui si parla nell’articolo mi conferma nella mia ipotesi

      • MARIO ha detto:

        Non capisco poi chi fonda le proprie certezze, dopo aver sentito una sola campana. E per di più quando la campana è la diretta interessata…
        E’ come se, per farci l’idea su un procedimento giudiziario, ascoltassimo solo l’accusato.

  • Angelo ha detto:

    Ho studiato molto l’apocalisse. Ho letto. Mi sono appassionato all’idea di una “fede sepolta”, di una “sconfitta di Dio”. La fede non sarebbe stata una nuova sinagoga con una nuova etica. L’apocalisse dice che la prostituta siede sui 7 colli. Il cesaropapismo fece entrare con Costantino, l’impero romano nella chiesa. San Paolo oggi cosa direbbe? Con le scritture, pur se vietata la libera interpretazione, si può dire tutto e il contrario di tutto.
    Il contemporaneo , ha cercato di stabilire la cronologia delle scritture. Forse e’ un caso? Ma la scrittura cristiana più antica (e originale, la seconda e’ storicamente dubbia) e’ 1 TS. San Paolo, ispirato dallo spirito Santo scrive che sarà ancora in vita alla venuta del Signore e cita UNA PAROLA DEL SIGNORE (che i vangeli, vergati susseguentemente non citano). Il fatto di vivere l ultima ora della storia e’ presente pure in molti Vangeli. Verso il 150 d.C. un autore , che non può essere Pietro, scrisse la 2 lettera di Pietro cercando di dare spiegazioni (alla testimoni di Geova) sul ritardo della Parusia “dove e quello che doveva tornare presto? Tutto e’ come prima”.
    Lungi dal consolare la ragione. Dopo 2000 anni siamo ancora come nel 150 d.C.
    Nella storia il ritorno di Cristo, ATTESO, dai primi cristiani come liberazione e’ stato tacciato pure da papi legittimamente nella successione apostolica: come sciagura. Ciò mi sembra TRADIRE la fede delle origini. Giovanni XXIII disse: “basta ai profeti di sventura”! Per cui questo mondo e’ GIA e non ancora il Regno di Dio (splendido relativismo). E’ sparita l attesa, il maranatha. E la fede. La morte che in Francesco era comunque ancora il Dies Natali, diventa sciagura. Rimane l etica. Tale e quale quella comunista: però senza Dio. Fare il bene ai poveri, fare la giustizia. Ma l uomo si redime DA SE. E’ il disconoscimento del peccato originale, del limite, del valore del sacrificio di Cristo. La chiesa e’ come la sinagoga. Se tutti riuscissimo a osservare un solo sabato il messia verra’. Detto così….non verra’ mai! (Paolo De Benedetti). Intanto la sete di redenzione dopo essersi secolarizzata (aver perso il riferimento al “sacro”) e’ caduta nel nichilismo. Dio e’ morto! Non e’ più tornato, e tutto e’ come prima.

    Spero che l anticristo non sia un uomo, sia un sistema. Il 777 e’ il Regno di Dio, il 666 e’ la simia Dei, la falsa salvezza.

    Io non credo più a tutte queste speculazioni. Cioe’ non mi importano. Porterebbero all’ ateismo. Il Deuteronomio e’ chiaro: se la profezia non si adempie, il profeta non veniva da Dio.

    E’ per questo che gli Ebrei non si sono convertiti. Noi possiamo dirgli dov e’ il vs messia? Loro: e quello che doveva tornare presto? (Apocalisse, ultime parole, ECCE, VENIO CITO). Idem gli islamici dove e il mahdi?
    Il califfo a Dabiq doveva fare la loro Armageddon ma…..e’ morto, i crociati (meno male!) non sono intervenuti.

    Budda sa’ che nulla può cambiare. La salvezza e’ nell’ astrarsi, nel finire di reincarnarsi.

    Alla fine della fiera io credo, per Dono, nel Dio di Gesù Cristo. Se fosse con la ragione farei come i greci nell’ areopago: della resurrezione, parlaci un altra volta…..va!

    • Pierina ha detto:

      L’Apocalisse è un libro ricco di simbologia. È pacifico che ci stiamo avvicinando ai tempi previsti per l’Apocalisse. Basta a ricordarcelo il codice a barre presente su ciascun oggetto acquistato al supermercato. Ma se vuoi coltivare in te la speranza perché non provi a leggere qualche salmo o qualche brano biblico ? E poi potresti cercare di tradurre in pratica quanto ti viene suggerito da queste letture .

      • Corrado Bassanese ha detto:

        Scusi, lei ha veramente CAPITO quello che il sig. Angelo ha scritto?
        Io non ci ho capito un acca. O sono dislessico, oppure è un ragionamento che il mio babbo tacciava “come un libro strazzà” (stracciato).

        • Pierina ha detto:

          Voler cercare di capire libri come l’Apocalisse ad alto contenuto simbolico può condurre a una certa confusione e quindi ad una forma di disperazione proprio nel senso vero della parola . Io cercavo di dire che nel leggere la Bibbia ci si può limitare alle parti che vengono lette nella Liturgia oppure alle preghiere dei Salmi. Tutto questo può dare conforto e gioia.

  • Donna ha detto:

    Bravo Socci, un libro che , da ciò che anticipa, sembra molto interessante e a tratti illuminante.
    Sulla domanda ,Chi è Bergoglio?
    Per come la vedo, è colui che sta preparando la via all’anticristo;il precursore che semina confusione, dubbi, ambiguità, relativismo, sincretismo; silenzi colpevoli e omissioni che alimentano sempre più sbandamenti dottrinali, dove Cristo non è più l’unica Via Verità e Vita,ma….
    Quanto di tutto questo disastro che ha prodotto, ne sia consapevole, lo sa solo Dio, Gesù Cristo; anche se viene perfino il dubbio che ancora vi creda!

    • Anonimo verace ha detto:

      Ho l’impressione che cominci a capire quanto la realtà italiana sia diversa da quella che qualche fidato consigliere gli avesse prospettato. Un esempio è la rivalutazione del presepe di cui si parla nell’articolo precedente. Ho visto la trasmissione televisiva da Greccio. Bergoglio
      non sembrava perfettamente convinto di quello che stava facendo, ma sembrava che stesse cercando di compiacere ai desiderata di qualcuno. Era come se si stesse domandando : ma è questo che credono gli italiani?

  • Nicola Buono ha detto:

    Fuori Tema, O.T. rispetto all’articolo,ma…in un certo senso anche in tema perché se non é una vicenda da tempi dell’AntiCristo…poco ci manca ….giudicate voi….Ed è la nuova Chiesa della Miserikordia 2.0 verso i Cattolici ortodossi…..Se la proposta del M5S di poter devolvere l’ 8×1000 allo Stato per le scuole, per la loro ristrutturazione e messa in sicurezza e risparmio energetico verrà approvata, prevedo un grande crollo dell’8 x 1000 per la Chiesa( ex Cattolica ) in favore delle scuole italiane……

    https://lanuovabq.it/it/quelle-clarisse-pregano-troppo-cacciate-dal-monastero

    P.S. un altro caso simile mi sembra di ricordare sia accaduto in un monastero francese, il tutto riportato sempre da la Nuova Bussola Quotidiana.

  • Rafael Brotero ha detto:

    Parla, parla, ma quando arriva l’ora di dire l’ ovvio e necessario “NON È PAPA”, silenzio assoluto. Ancora un codardo.

    • Raffaella ha detto:

      Io non sono nessuno ma mi permetto di difendere Socci che sin dal suo primo libro su Bergoglio, “Non è Francesco”, ha sostenuto e documentato la tesi per cui l’elezione di questo papa è “nulla e invalida “.
      Cosa altro dovrebbe fare? Gridarlo in Piazza San Pietro?

      • Rafael Brotero ha detto:

        In quel bello libro ha proposto l’ ipotesi dell’ invalidità dell’ elezione, ma non ha mai affermato con tutte le lettere : NON È PAPA, il Papa è Benedetto XVI. Quando ha ricevuto una telefonata di Berggy si è eroicamente prostrato davanti a Sua Santità, con sacro terrore.

    • Dubia ha detto:

      Ci sono cose che non possono essere cambiate e questa e’
      la storia: Socci HA per davvero scritto un libro sul tema, lo puo’ toccare con mano in libreria. Il titolo era a mio avviso anche
      geniale : “Non e’ Francesco”.

      Sulla correttezza di quelle tesi, ovviamente, continuo a lasciare
      che chi e’ competente si esprima.

  • graziella raneri ha detto:

    Ho scritto un altro commento in un altra pubblcazione e non uguale a questo ma a proposito del cardinal Kaspar

    Grande Socci! Se tutti avessero la sua chiarezza di idee e la sua capacita di mostrarle, la Chiesa sarebbe già salva.
    Ho 85 anni e godo nel pensare che presto mi sara risparmiato il castigo di dover continuare ad assistere alle bergoglionate che asfaltano la strada per l’Anticristo. Io posso solo pregare e come quella mamma anziana, anche io piango e le nostre lacrime avranno un grande peso agli occhi di Dio e renderanno scivoloso quell’asfalto bergogliano perchè, non dimentichiamolo mai: CHRISTUS VINCIT!!

  • graziella raneri ha detto:

    Grande Socci! Se tutti avessero la sua chiarezza di idee e la sua capacita di mostrarle, la Chiesa sarebbe già salva.
    Ho 85 anni e godo nel pensare che presto mi sara risparmiato il castigo di dover continuare ad assistere alle bergoglionate che asfaltano la strada per l’Anticristo. Io posso solo pregare e come quella mamma anziana, anche io piango e le nostre lacrime avranno un grande peso agli occhi di Dio e renderanno scivoloso quell’asfalto bergogliano perchè, non dimentichiamolo mai: CHRISTUS VINCIT!!

    • Antonella ha detto:

      Voglio ringraziare Graziella per la fotografia che ha reso in poche rapide battute sulla “strada” da molti indicata come salvifica e che invece tradisce il vero cammino di fede.
      La Via è un’altra e c’è da combattere per mantenere il passo senza timori….
      Nella chiarezza rendi tutta la visione attuale e con altrettanta saggezza ne intravedi le svolte.

Lascia un commento