C’È NAZISMO DI RITORNO NELLA PRATICA DELL’UTERO IN AFFITTO.

29 Novembre 2019 Pubblicato da 22 Commenti --

 

Marco Tosatti

Cari Stilumcuriali, vogliamo offrire alla vostra attenzione un’intervista che la scrittrice e studiosa Enrica Perucchietti ha concesso a radioradio.it, in cui mette a nudo l’identità totalitaria e oppressiva della società in cui ci troviamo. Un volto crudele, nascosto dietro la maschera dei diritti (che alla fine si rivelano, come nel caso dell’utero in affitto, i diritti dei soldi e del più forte) della lotta all’odio (che invece viene tollerato a incoraggiato quando è di sinistra…) e della “libertà”, che però è libertà di dire solo le cose omogenee al Pensiero Unico. Ascoltate l’intervista, di cui presentiamo qualche breve stralcio. Buon ascolto e buona lettura.

§§§

“Il sistema odierno in cui viviamo è una forma di totalitarismo ‘dolce’, che rispetto all’immagine dispotica di regime che abbiamo in mente, tende a distrarre l’opinione pubblica e a manipolarla in maniera dolce appunto.
Questo perché ha capito che la manipolazione mentale è più efficace rispetto alla coercizione fisica.

Si cerca praticamente di distrarre l’opinione pubblica somministrando i famosi circensi, l’intrattenimento. L’ideologia apparentemente buonista è in realtà la prima ad essere violenta, perché si scaglia contro chiunque tenti di essere realmente di essere libero e contro qualunque forma di dissenso.

Quest’ideologia che fa leva sul mantra dei diritti, dietro la maschera politicamente corretta è feroce e non permette a nessuno di porsi contro di essa“.

“Utero in affitto, la più grave violenza sulle donne”

§§§

Ci sarebbero più rami in cui l’ideologia buonista si può declinare. Uno di questi è, secondo la Perucchietti, la maternità surrogata.

La pratica dell’utero in affitto rientra perfettamente non solo nel dibattito del pensiero unico, ma anche in quello della violenza contro il gentil sesso secondo la giornalista.

§§§

“Per me la violenza sulle donne non è soltanto l’uomo che stalkerizza in seguito a un abbandono, o le botte, gli abusi e gli stupri che una donna subisce. Non è nemmeno soltanto la competizione con l’uomo sul posto di lavoro, dove la donna tende a lavorare di più per avere lo stesso compenso.

§§§

Una tremenda violenza sulla donna ad esempio è anche la maternità surrogata, che è una forma di ultra-prostituzione. Siamo ormai in una società che reifica persino l’essere umano, che può diventare merce proprio tramite la maternità surrogata.

§§§

Il pensiero unico tenta quindi di legittimare tutto questo, che in realtà dovrebbe essere un reato universale e ci prova ricorrendo alla questione dei diritti di chi non può avere figli e via discorrendo. Questa è per me la violenza massima nei confronti della donna e rientra in un eugenetica da supermercato che riporta al pensiero nazista“.

§§§




 

STILUM CURIAE HA UN CANALE SU TELEGRAM

 @marcotosatti

E ANCHE SU VK.COM 

stilumcuriae

SU FACEBOOK C’È LA PAGINA

stilumcuriae




SE PENSATE CHE

  STILUM CURIAE SIA UTILE

SE PENSATE CHE

SENZA STILUM CURIAE 

 L’INFORMAZIONE NON SAREBBE LA STESSA

 AIUTATE STILUM CURIAE!

ANDATE ALLA HOME PAGE

SOTTO LA BIOGRAFIA 

OPPURE CLICKATE QUI 




Questo blog è il seguito naturale di San Pietro e Dintorni, presente su “La Stampa” fino a quando non fu troppo molesto.  Per chi fosse interessato al lavoro già svolto, ecco il link a San Pietro e Dintorni.

Se volete ricevere i nuovi articoli del blog, scrivete la vostra mail nella finestra a fianco.

L’articolo vi ha interessato? Condividetelo, se volete, sui social network, usando gli strumenti qui sotto.

Se invece volete aiutare sacerdoti “scomodi” in difficoltà, qui trovate il sito della Società di San Martino di Tours e di San Pio di Pietrelcina


 LIBRI DI MARCO TOSATTI

Se siete interessati a un libro, cliccate sul titolo….


Viganò e il Papa


FATIMA, IL SEGRETO NON SVELATO E IL FUTURO DELLA CHIESA

Fatima El segreto no desvelado

  SANTI INDEMONIATI: CASI STRAORDINARI DI POSSESSIONE

  PADRE PIO CONTRO SATANA. LA BATTAGLIA FINALE

  Padre Pío contra Satanás

La vera storia del Mussa Dagh

Mussa Dagh. Gli eroi traditi

Padre Amorth. Memorie di un esorcista.

Tag: , , , ,

Categoria:

Questo articolo è stato scritto da wp_7512482

22 commenti

  • Antonella ha detto:

    La Perucchietti analizza il sistema sociale che ospita la maternità surrogata e la relaziona ai condizionamenti del Pensiero Unico, perché, come giustamente fa notare, non potrebbe dipendere da scelte esclusivamente politiche, rientra infatti in un ben più vasto panorama ideologico, che ovviamente investe l’antropologia come la scienza, la religione e qualsiasi altra cultura o pseudocultura lo sottintenda, rappresentandolo proprio come tasselli del più grande “puzzle globale” oggi in gioco. E sono tanti i meccanismi che plagiano gli individui con le loro coscienze, inducendo ad automatismi sempre più estremi, che non basta però associare all’interno dell’unico grande Totem Socio-Antropologico per capirne lo stato.
    La Liquidità del Pensiero rimanda a ben più corpose riflessioni di matrice storico -filosofica, di cui ci aveva dato un saggio esemplare Alberto Strumia (una voce che sarebbe interessante risentire) quando mette a fuoco in modo del tutto singolare il “sistema 2.0”, ne codifica i principi all’insegna del Pensiero Unico e perciò Liquido, con gli effetti socialmente prodotti in assenza di una percezione critica della realtà e della sua indistinta omologazione a svantaggio purtroppo della persona, non più considerata nella sua specifica individualità. È la sua morale ad essere ingabbiata, piuttosto che rigurgiti nazisti da ricontestualizzare nel grande supermercato dell’eugenetica, perché , come ricorda Maria Grazia, il nazifascismo si è compiuto ed è inimmaginabile storicamente concepirne il ritorno, pertanto potrà essere solo oggetto di una vuota propaganda politica, incapace di proposte e valide alternative.
    Il Totalitarismo, invece, può imporsi in ogni epoca, mascherandosi di nuovi diktat e relativi campi di sterminio.
    Concordo con Maria Grazia : “E’ il sonno della ragione che genera mostri”, ed io aggiungo anche dell’anima.

  • Adriana ha detto:

    Pare proprio che non occorra esser nazisti per adottare questa pratica . Nemmeno criptonazisti . Basta essere ” amorevoli ” Cristiani ( magari Evangelisti ) per diventarne
    entusiasti . Almeno agli inizi , poi …
    https://www.dagospia.com/rubrica-29/cronache/utero-ma-non-dilettevole-ndash-drammatico-racconto-jessica-girado-220372.htm

    • Maria Grazia ha detto:

      Grazie , ADRIANA, per l’articolo molto esaustivo ed illuminante sull’iter per raggiungere una maternità surrogata.
      Si è parlato della partoriente e delle decine di migliaia che ha avuto come compenso per la sua prestazione di “lavoro” (l’articolista ricorda che ha ottenuto $ 10.000 in più del previsto in quanto i bambini erano gemelli).
      Per fare la buonista la madre intervistata cita Dio, per sentirsi la coscienza a posto, come se fosse complice di questo misfatto.
      Si parla della madre naturale e dei genitori adottivi ma non dei figli se non per dire che sono gemelli allo scopo di giustificare l’aumento del compenso finanziario.
      Quando questi due bambini vedranno che l’aspetto del loro viso sarà diverso da quella dei genitori e degli altri abitanti della zona e ne chiederanno il motivo, i due genitori cinesi cosa risponderanno? Saranno in grado di comunicare il costo del loro acquisto? I figli sentiranno il bisogno di conoscere la madre californiana? Di vedere i loro cinque fratelli che vivono in California? Il loro sviluppo psico-fisico sarà normale o svilupperanno turbe comportamentali? Per loro quale sarà il senso dell’esistenza? Queste tematiche, finora, non hanno mai interessato i promotori e sostenitori dell’ “utero in affitto” non sono problemi loro: “PECUNIA NON OLET”.

      • Adriana ha detto:

        Maria Grazia ,
        nessuno si preoccupa nemmeno dei devastanti effetti ormonali in primis sulla ” madre ” . Oggi si usa giocare con gli ormoni e con le
        ” quantità ” . Due neonati costano più di uno anche se con lo sconto…Pare di essere dal salumaio : ” Quanti etti , Signora ? ” .
        Il mio timore è che , crescendo , i gemellini assorbano il medesimo modo di pensare e la storia – orribile – si perpetui e diffonda come
        prassi ” normale “. Molte madri ” povere “, finora , hanno taciuto . Questa , abbastanza benestante , ha parlato .
        Quanto alla Cirinnà che sostiene le famiglie ” speciali ” le auguro di provare l’esperienza ” in corpore vili ” : il suo .

        • Maria Grazia ha detto:

          Purtroppo, cara Adriana, anch’io penso che sia come hai bene descritto tu. Stiamo assistendo ad una deumanizzazione progressiva, alla reificazione dei valori più profondi.
          Penso che la Cirinnà se ne guarderà bene dall’ offrire il suo utero in affitto, la vedo meglio nelle vesti di chi “commissiona” una maternità surrogata.

  • Maria Grazia ha detto:

    Condivido il pensiero della giornalista, ma mi infastidisce il fatto che definisca l’utero in affitto una pratica ” …. che riporta al pensiero nazista”. Non so di che orientamento politico sia la Perucchietti però è solitamente la Sinistra che per evitare di spiegare scelte che non condivide le definisce “nazifasciste”: sarebbe ora che si cominciasse a esprimersi senza orientarsi verso un momento storico ormai concluso, assumendosi la responsabilità delle proprie affermazioni.
    L’utero in affitto penso che sia una delle pratiche peggiori dei nostri tempi: esso prevede lo sfruttamento del ventre femminile. In nome di “pazzie ideologiche” si sta compromettendo il futuro di tanti giovani. Bambini commissionati, comprati e venduti come bambolotti. Donne a disposizione delle esigenze del mercato, agenzie specializzate, catene di montaggio riproduttivo con catalogo e trattamento “all inclusive” che culminano con la firma di un contratto di acquisto davanti ad un notaio ed un bambino in braccio. Profanazione di un processo di vita naturale che dobbiamo avere la lucidità di fermare in nome, se non di Dio, almeno della “coscienza umana”!!!
    “Il sonno della ragione genera mostri”.
    Gli unici soggetti ammutoliti in questo “paese dei balocchi” sono i figli che non possono scegliere in che famiglia andare: potrebbero trovarsi a vivere con omosessuali, alterando la loro percezione della realtà familiare e sociale, comunque il loro sviluppo presenterà implicazione etiche e socio-psicologiche piuttosto importanti di cui, purtroppo, non siamo ancora in grado di valutarne la portata.

  • Nuova educazione sessuale ha detto:

    Maestra: – bambini sapete cosa fanno i vostri genitori di notte a letto?-
    Bambini :- Sìììììììììììììììììììììì
    Maestra:- Ecco anche le farfalle fanno la stessa cosa.

  • Astore da Cerquapalmata ha detto:

    L’ideologia buonista è come il Nazismo perché i buonisti pretendono di essere più buoni di Dio, che è infinitamente buono. Di conseguenza pretendono di cambiare le leggi della MORALE.
    In questo senso i buonisti sono malati del peggior FARISEISMO.

    Per molti la colpa dei farisei è il formalismo, cioè la pratica di una prassi giusta, ma senza sostanza.
    In realtà i farisei, oltre a essere formalisti, pur di non seguire la Legge divina della Tradizione biblica, avevano inventato quelle che Gesù chiama TRADIZIONI DI UOMINI.
    Erano formalisti nel praticare una forma sbagliata (errore e formalismo sono in stretti rapporti).
    Erano zelanti, ma lo zelo non è sinonimo di sana dottrina, né di giustizia.
    Adorano la Pachamama perché sarebbeto buoni e per bontà “aprono” alla “famiglie” omosessuali.
    Ma tanta “bontà” (mi riferisco ai buonisti cattolici) non può essere un pretesto per convivere con le loro perversioni senza confessarsi e senza cambiare vita?

    • Astore da Cerquapalmata ha detto:

      Volevo dire: sono i buonisti ad adorare la Pachamama, non certo i farisei, ma i buonisti, come i farisei, e in modo più grave dei farisei, si stanno inventando nuove leggi.
      Una è proprio quella della possibilità e della convenienza di adorare la Pachamama.
      Quello che è avvenuto a Roma con l’idolo amazzonico, può essere paragonato all’adorazione di Baal degli antichi ebrei.
      Anzi, è come se all’interno del tempio fosse stata eretta una statua di Baal.
      Nulla a che fare con l’inculturazione.
      L’inculturazione degli ebrei può essere rappresentata dal racconto del diluvio universale, simile, in certe espressioni, a quello di altre culture, ma, anche, sostanzialmente diverso e compatibile con la fede nell’unico Dio, quello di Abramo!

  • I love anguera ha detto:

    Per MARIO e CARLONE; ZANCHETTA e GALANTINO; PAGLIA, CARBALLO e PADREPASQUALE;
    e per tutti quelli che negano l’evidenza in quanto ignari, ottusi, allocchi, succubi, collusi o leccapiedi.
    Una dedica speciale per il SOMMO MISERANDO (per nulla affatto ELIGENDO)
    https://cronicasdepapafrancisco.files.wordpress.com/2019/09/08-bergoglio-ombra-2.jpg
    e per gli altri MISERANDI che operano come PASDARAN presso la CIVC-SVA:
    http://www.congregazionevitaconsacrata.va/content/vitaconsacrata/it/congregazione/organigramma.html
    la vostra “rivoluzione della tenerezza” altro non è che una “dittatura dell’arroganza”. VERGOGNATEVI!
    DAI MESSAGGI MARIANI di ANGUERA:
    https://www.apelosurgentes.com.br/it-it/mensagens/
    https://gloria.tv/video/s6UVTaQQhfGY3Du7ixyPKvpPc
    «Dopo tutta la tribolazione, il Signore vi ricompenserà generosamente per la vostra fedeltà. Non tiratevi indietro» (Messaggio, 26 novembre 2019).
    “Fedeltà” a che cosa? Fedeltà a tutto ciò che dall’ALTO viene annacquato e stravolto: a livello di dottrina, di morale e – infine – di liturgia. Per ora la “tribolazione” è per quanti oppongono resistenza alla “rivoluzione” di Bergoglio. Ma forse, tra non molto, la “tribolazione” sarà per tutti, nessuno escluso.

  • stilumcuriale emerito ha detto:

    Se a guidarci anzichè la legge degli uomini fosse la legge di Dio il problema non sussisterebbe. Se nessuna donna fosse disposta, nemmeno per tutto l’oro del mondo, a cedere il proprio utero in affitto non ci sarebbe bisogno nè di leggi che lo permettano nè di leggi che lo vietino. Siamo sempre allo stesso punto con la debolezza dell’uomo : il dare la colpa ad un altro risale ai tempi di Adamo ed Eva (Genesi 3, 12-13).

    • virro ha detto:

      STILUMCURIALE EMERITO, “…se nessuna donna fosse disposta…..”
      questa VIOLENZA, non esisterebbe, se tra i VERI responsabili del diritto CIVILE e del diritto MORALE ci fosse CHI conosce e fa rispettare, il diritto alla VITA, anziché giustificare, anche con il silenzio, questo tipo di prostituzione a grande prezzo economico, si porrebbe a difesa di quelle donne, la cui condizione sociale è POVERTA’.
      Anche questo è sfruttamento della prostituzione (ha una facciata di eleganza e di giustificazione?).
      Ma come dice S.Paolo “…tutto è lecito, ma non tutto giova..” (1Cor 6,12)

      • stilumcuriale emerito ha detto:

        Prostituzione ed utero in affitto non sono, per nessuna donna, l’unica via per uscire dalla povertà.
        Maria Goretti insegna. Anzi insegnava!

        • Adriana ha detto:

          Raccomanderei un po’ di calma , Emerito . Non è intellettualmente corretto sommare ” capre e cavoli ” .
          Quanto alla povera bambina Maria Goretti provi a leggere :
          ” Povera Santa ,povero Assassino ! ” di Giordano Bruno Guerri .

          • stilumcuriale emerito ha detto:

            Cara Signora il darla o non darla rimane sempre una scelta personale della donna, fino al limite del sacrificio della propria vita.

          • Milli ha detto:

            Esiste anche il “non chiederla a pagamento” , che sarebbe una scelta doverosa dell’uomo.
            Troppo facile addossare tutte le colpe alle donne.

  • Angelo ha detto:

    Pero’ Tosatti….la mette sul discorsivo con i troll….poi se citano la Bibbia non fa’ rispondere con argomenti?
    Io sono contrario all utero in affitto. Ho detto che Abramo fece l adulterio eterologo in affitto (con Agar) e che il figlio Ismaele fu Benedetto da Dio e da lui nacquero i mussulmani. Ho detto che la Bibbia era vietata ai cattolici fino agli anni 60 (sconsigliata) e laddove letta nella liturgia, a pezzi e in latino.

    Inutile che riscrivo il testo o ne aggiungo. Ho parlato di Corano. Certo nel Corano esistono matrimoni con bambine di 12 anni, ma dipende dalle culture. Nel sud Italia e nel sud degli Stati Uniti non erano casi isolati. Tanto e’ che la maggiore eta’ cambia tra paesi.
    Rincaro: nella bibbia viene infranto un tabù universale (che la patchmama condannerebbe) l incesto del giusto lot che ingravio’ le figlie dopo essere sfuggito da Sodoma. Non c e nessuna condanna. Non aggiungo altre cose perche’, sebbene aperto alla discussione, a differenza di altri blog, l indirizzo e’ chiaro (a volte anche giusto, a mio parere).
    Solo, se non pubblica il mio precedente intervento, rimarco solo de Sade supera la Bibbia in depravazioni sessuali e non. Voi vi reggete su un castello di carta. Avete avuto il caso del legionario, del seminario, del frate che seppelliva embrioni, del cardinale di Vienna…..c e chi si apprende a Kasper (come non fosse nel conclave che ha eletto Benedetto XVI) perché non capite. Io penso che la verita’ sia semplice papà Benedetto non ce la faceva più.

    • Giobbe ha detto:

      Non tutti i fatti riguardanti storie di uomini raccontati nella Bibbia, a cominciare dal peccato originale, sono raccontati per essere imitati, ma per dare un senso all’opera di Dio che ne consegue. Per esempio
      [28] dicendo all’uomo:
      “Ecco, temere Dio, questo è sapienza
      e schivare il male, questo è intelligenza”.
      Anche questa è Bibbia. (Gb 28,28).

      • Angelo ha detto:

        Concordo. E aggiungo di un libro di Ratzinger mi pare della fine anni 60, che e’ stato rieditato dopo la rinuncia. La chiesa (e la Bibbia n.d.e.) ci scandalizza.
        Ma ci consola pure. Se Dio ha avuto misericordia di tanti “mostri” (Davide era adultero e assassino e pure il messia e’ chiamato figlio di Davide n.d.r.) perché non dovremo sperare anche noi? (Dopo esserci corretti e pentiti)? (Ho cercato di sintetizzare ciò che mi ha colpito n.d.r, cioè che Ratzinger non nascondeva gli orrori INNEGABILI fatti da certi uomini di chiesa e traspariva che anche lui, gia’ all epoca, si sentiva un peccatore. Ma la salvezza , anche dell’ anima, viene dal Signore. A lui l ultimo giudizio sull uomo).

  • Milli ha detto:

    La ringrazio sig.Tosatti per dare spazio a questo argomento. In realtà, dovrebbe essere scontato considerare l’utero in affitto come un furto legalizzato di bambini. Eppure qualcuno tenta di renderlo una cosa normale, perfino trasformandolo in un atto di generosità. Anche le donne di sinistra dovrebbero scagliarsi contro questa pratica, visto che i “ricchi” sfruttano e saccheggiano il corpo delle donne “povere “. Ma la lobby Lgbt è sempre più potente e vuole anche questi balocchi.
    Ma lo sapete o no che esiste um cordone ombelicale invisibile che lega madre e figli per sempre??
    Spero che prossimamente si parlerà anche dei problemi di questi figli, cresciuti in questi ambienti squilibrati.

  • Angelo ha detto:

    C’ e’ anche molto di biblico in questa pratica. Naturalmente 1800 anni A.C. (epoca di Abramo) non c era la tecnica e …..allora ci si arrangiava.

    Allora Abramo si unì alla schiava Agar con il consenso di sua moglie Sara ed egli concepì Ismaele da cui nacque un grande popolo (i mussulmani).

    In quanto alla donazione di sperma fu ciò che uccise ONAN (non il coito interrotto) ma il rifiutarsi di ingravidare la cognata per dare posterità al fratello (senza poter essere “legalmente” padre).

    Insomma la Bibbia e’ seconda solo a De Sade. Dubito che nel Corano ci siano tante “depravazioni” o tabù universali.

    Ma parlarne ai cattolici a cui fu vietata e ove permessa, a pezzi, in latino. : e’ semplicemente inutile.

    PS: io son contro queste pratiche

  • Nicola Buono ha detto:

    http://www.giornalone.it/prima_pagina_avvenire/

    C’è una ideologia totalitaria che E .Perucchietti ormai da tanto tempo denuncia con i suoi meritori libri . E che fa Avvenire quotidiano , che fa ? Prima pagina ed articolo principale sui VENERDÌ PER SALVARE IL PIANETA che ritornano oggi (qualora ce ne fossimo dimenticati) ed i sabato sostenibili ( domani ). AMBIENTALISMO = ARMA DI DISTRAZIONE DI MASSA.

Lascia un commento