NOBILE E IL SILENZIO, VOLUTO E INTERESSATO, SUI MASSACRI DI CRISTIANI.

19 Novembre 2019 Pubblicato da --

 

Marco Tosatti

Carissimi Stilumcuriali, Agostino Nobile ci ha inviato un articolo estremamente interessante su una forma di discriminazione particolarmente odiosa nei confronti dei cattolici: e cioè l’assoluto oblio che circonda i genocidi che hanno come vittime i cristiani, Se in qualche caso – quello della Turchia, e degli Armeni – è la ragion di Stato, a condurre al negazionismo, perché si vedrebbe troppo chiaramente che le fondamenta della Turchia attuale sono macchiate di quel sangue – altrove è una diversa ragion di Stato, ideologica, della guerra che da due secoli vede come bersaglio la Chiesa cattolica in particolare. Buona lettura. 

§§§

 

 Perché non vengono commemorati gli eccidi e i genocidi di cattolici?

 La famosa frase “Calunniate, calunniate; qualcosa resterà”, attribuita a Jean-Jacques Rousseau o a Voltaire, sembra che sia stata coniata dal politico e filosofo inglese Francis Bacon. Tutt’e tre anticattolici di razza. Bacon (1561-1626)  visse alla corte inglese sotto il regno dell’anglicana Elisabetta I Tudor, detta “la sanguinaria” per aver instaurato un sistema totalitario tra i più violenti della storia contro i cattolici. Bacon (come  fecero il secolo seguente Voltaire e il suo mentore John Locke) entrò in affari con la compagnia schiavista Virginia Company. Nel 1625 il filosofo inglese costrinse alla deportazione nelle colonie americane 165 bambini poveri, prevalentemente cattolici irlandesi e britannici tra gli otto e i sedici anni. Di seguito riporto brevissimi estratti dai miei libri “Quello che i cattolici devono sapere – Almeno per evitare una fine ridicola” e “Moloch – La fine dell’Europa – Viltà e menzogne”.

Dal 1641 al 1652, oltre 500.000 irlandesi furono massacrati (gli storici parlano di sventramenti) dagli inglesi e 300.000 venduti come schiavi. A partire dal 1650 più di 100.000 bambini irlandesi tra i dieci e i quattordici anni furono strappati alle loro famiglie e venduti nelle Indie Occidentali, in Virginia e nel New England. Nello stesso periodo 52.000, soprattutto donne e bambini, furono venduti nelle Barbados e  in Virginia.

Dello schiavismo islamico, su questo sito ho pubblicato un estratto del mio libro “Moloch”   https://www.marcotosatti.com/2019/08/11/nobile-lo-schiavismo-islamico-oscurato-dalla-massoneria/  Ricordiamo solo che in tredici secoli i musulmani hanno eliminato oltre 100 milioni di esseri umani, prevalentemente cristiani e africani.

Con lo scopo proclamato di sterminare la popolazione della regione della Vandea, in diciotto mesi, fino al 27 luglio 1794, data in cui fu decapitato Robespierre, i soldati della Rivoluzione massacrarono oltre 117 mila persone (su 800mila), incluso non combattenti, donne e bambini. Bruciarono e distrussero sistematicamente case, terre coltivabili, bestiame, boschi. Non si salvarono nemmeno chi era  ridotto all’impotenza e i feriti. Era un disegno chiaro: genocidio.                                          Il popolo della Vandea era insorto in difesa della fede e dei sacerdoti. Decine di vandeani furono uccisi, scorticati dalla cintola in giù e la loro pelle conciata usata per farne pantaloni per i soldati. La stessa tecnica disumana fu utilizzata nei campi di concentramento di Auschwitz, dove con la pelle umana producevano  paralumi. A Clisson, nella Bretagna, 150 cadaveri di donne furono bolliti per estrarne “10 barili di grasso”. Nel piccolo comune di Chaux, un testimone depone di aver visto “fucilare da 400 a 500 bambini, di cui i maggiori avevano forse 14 anni”. racconta lo storico francese Reynald Secher:  «Ci fu perfino la volontà di creare camere a gas, ma i mezzi tecnici mancarono. Un farmacista rivoluzionario di nome Proust fece un esperimento con gas velenosi, ma non funzionò. Come metodo di sterminio, perciò, si ricorse ai barconi, fatti affondare nella Loira col loro carico di donne e uomini denudati. Un secolo e mezzo dopo, i nazisti avrebbero trovato mezzi più efficaci».

Il generale dell’esercito repubblicano François Joseph Westermann, ricordato come “il macellaio della Vandea”, nel suo rapporto tenuto davanti a tutta la Convenzione, dichiara: «Non esiste più la Vandea! È morta sotto le nostre libere sciabole, con le sue donne e i suoi bambini. Ho schiacciato i bambini sotto gli zoccoli dei miei cavalli, massacrato tutte le donne, che non genereranno più dei banditi. Non ho da rimproverarmi di aver fatto prigionieri. Ho sterminato tutti (…) Le strade sono disseminate di cadaveri. Ce ne sono così tanti che in parecchi luoghi formano delle piramidi».

La stampa laicista francese rifiuta la definizione “genocidio”, perché non si può applicare questo termine per i crimini del XVIII secolo, ma solo per quelli del XX secolo.

I turchi si sono macchiati del primo genocidio scientifico dell’800/900.  Circa un milione e mezzo di cristiani armeni, donne uomini e bambini, sono stati massacrati o costretti a quello che i turchi definirono “marce di trasferimento” , dove centinaia di migliaia tra donne, uomini e bambini morirono per fame, malattia o sfinimento. È necessario chiarire che lo sterminio di innocenti armeni non è iniziato, come vorrebbe la vulgata, nel 1915, ma alla fine dell’800 su ordine del sultano Abdül-Hamit. Dunque uno sterminio voluto sia dai musulmani che, nel 1915, dai i Giovani Turchi laicisti massoni (del genocidio turco parlerò in un prossimo articolo su questo sito).

I massoni messicani del governo Plutarco Elías Calles, sostenuti economicamente dal Ku Klux Klan e dai ricchi protestanti americani, solo tra il 1926 e il 1929, giustiziano 70 / 85 mila cristiani ed oltre 4.000 religiosi.  I fedeli venivano attaccati all’uscita della messa e durante le processioni. Chi faceva battezzare il proprio figlio, si confessava o si sposava in chiesa era fucilato. Tutte le proprietà della Chiesa furono confiscate, gli ordini religiosi vennero sciolti, le organizzazioni cattoliche dichiarate fuorilegge. Ai preti fu proibito d’indossare l’abito talare, si proibirono pellegrinaggi e processioni. Milioni di bisognosi restarono senza l’aiuto caritativo delle istituzioni cattoliche, l’istruzione cattolica fu sostituita da quella laicista.

Padre Davide Uribe,  rinchiuso in un campo di concentramento, riuscì  ad evadere e tornò alla sua parrocchia di Iguala, continuando ad esercitare, in forma clandestina, il suo ministero. Lo scrittore e saggista Paolo Gulisano, scrive: «Il generale governativo Castrejon propose ai parrocchiani di riscattare il sacerdote consegnando tremila pesos. Furono raccolti immediatamente, a costo anche di enormi sacrifici, ma il parroco non fu rilasciato: si pretendeva da lui un pubblico atto di apostasia e di adesione alla scismatica Chiesa Patriottica. Pabre Uribe rifiutò decisamente e fu allora sottoposto a lunghe torture, tra le quali il supplizio della graticola. La Domenica delle Palme del 1927 spirò dopo i terribili tormenti subiti».

I cristiani massacrati dai macellai dell’Isis, creato dai governi laicisti occidentali, dalle monarchie musulmane e da Israele, saranno ricordati? Promuoveranno una giornata alla memoria per i milioni di cristiani persegutati e massacrati nella storia? Chissà. Nel frattempo, miglia di rifugiati cristiani perseguitati dagli islamisti che bussano alla porta dell’occidente sono stati respinti per accogliere il 99% di musulmani.

Attualmente in Cile giovani comunisti e Lgbt bruciano le chiese, i crocifissi e i seminari. L’informazione non vede, non sente, non parla.

Nonostante queste evidenze documentate dalla storia si tende a denigrare la Chiesa e il suo passato. Oggi abbiamo cattolici impegnati a difendere, anche con colpi bassi, l’islam per accusare gli ebrei o viceversa. I quotidiani ricordano la Shoah ogni anno, e quando qualche imbecille spara frasi antisemite. Così come quando un altro idiota colpisce con un uovo l’occhio di una ragazza di colore.

Potrei continuare, ma dovrebbe essere sufficiente per capire che i media preferiscono diffondere veleno sui cattolici. I primi responsabili di questo masochismo indotto, è da ricercare nella scuola e nella disinformazione occidentale massonico-marxista.

Un altro motivo per cui oscurano metodicamente i crimini e i genocidi su citati è dovuto al fatto che gli ebrei, musulmani, Lgbt, comunisti, femministe, ecc. devono avere il copyright vittimista. Se dovessero raccontare la verità  sulle stragi continue di cristiani potrebbero, per esempio, oscurare quello degli ebrei. Si dice che per non indisporre la Turchia, Israele si rifiuta di riconoscere come genocidio il massacro degli armeni. Ma dato che oggi il feeling turco-israeliano sembra essere venuto meno, le cose dovrebbero cambiare. O no?

La seconda metà di ottobre di quest’anno è stato pubblicato il nuovo rapporto di Aiuto alla Chiesa che soffre: i cristiani perseguitati tra il 2017 e il 2019 sono circa 300milioni. E Bergoglio che fa? Al XX congresso mondiale dell’Associazione internazionale di diritto penale, ha detto di vigilare contro le nuove “persecuzioni degli ebrei, degli zingari e delle persone di orientamento omosessuale”.

Agostino Nobile

§§§

 




 

STILUM CURIAE È ANCHE SU TELEGRAM

 @marcotosatti

e

ANCHE SU VK.COM – CERCATE:

stilumcuriae




SE PENSATE CHE

  STILUM CURIAE SIA UTILE

SE PENSATE CHE

SENZA STILUM CURIAE 

 L’INFORMAZIONE NON SAREBBE LA STESSA

 AIUTATE STILUM CURIAE!

ANDATE ALLA HOME PAGE

SOTTO LA BIOGRAFIA 

OPPURE CLICKATE QUI 




Questo blog è il seguito naturale di San Pietro e Dintorni, presente su “La Stampa” fino a quando non fu troppo molesto.  Per chi fosse interessato al lavoro già svolto, ecco il link a San Pietro e Dintorni.

Se volete ricevere i nuovi articoli del blog, scrivete la vostra mail nella finestra a fianco.

L’articolo vi ha interessato? Condividetelo, se volete, sui social network, usando gli strumenti qui sotto.

Se invece volete aiutare sacerdoti “scomodi” in difficoltà, qui trovate il sito della Società di San Martino di Tours e di San Pio di Pietrelcina


 LIBRI DI MARCO TOSATTI

Se siete interessati a un libro, cliccate sul titolo….


Viganò e il Papa


FATIMA, IL SEGRETO NON SVELATO E IL FUTURO DELLA CHIESA

Fatima El segreto no desvelado

  SANTI INDEMONIATI: CASI STRAORDINARI DI POSSESSIONE

  PADRE PIO CONTRO SATANA. LA BATTAGLIA FINALE

  Padre Pío contra Satanás

La vera storia del Mussa Dagh

Mussa Dagh. Gli eroi traditi

Padre Amorth. Memorie di un esorcista.

 

Tag: , , , , ,

Categoria:

Questo articolo è stato scritto da wp_7512482

42 commenti

  • Giov ha detto:

    Nobile ha dimenticato il massacro e il genocidio degli scozzesi (erano cattolici, e volevano restaurare una monarchia cattolica) alla fine del ‘700 ad opera degli inglesi. Una persecuzione brutale che ha cambiato il volto della Scozia, e ha creato una diaspora in tutto il mondo.
    Vederlo con i proprio occhi, in Scozia, è scioccante: fu spopolata mezza nazione, che ancora è rimasta così.

    • Agostino Nobile ha detto:

      Caro Giov. Non l’ho dimenticato, infatti scivo ” potrei continuare”. Oltre alla Scozia, abbiamo i massacri di cristiani attuati nel XVII secolo dai giapponesi, di Lenin e Stalin nel ‘900 in Russia e in Ucraina, ecc,

  • Maria Grazia ha detto:

    Bergoglio si preoccupa di compiacere i Musulmani, per quanto concerne le persecuzioni attuali dei Cattolici non se ne preoccupa più di tanto in quanto il suo obiettivo è eliminare le distinzioni religiose in nome dell’ecumenismo e del Dio unico per tutte le professioni di fede.

    • dal venerdì di Repubblica dell8/11 2019 ha detto:

      vediamo di riassumere l’articolo di Filippo di Giacomo dell’8/11/2019.
      Ad oggi bergoglio ha visitato 5 paesi africani : Kenia, Uganda, Repubblica centrafricana, Mozambico e Madagascar.
      Ora corre voce che voglia recarsi in Etiopia ed Eritrea.
      I rapporti col primo ministro etiope, già ricevuto in Vaticano nel gennaio scorso sono molto buoni. Il premier, premio Nobel per la pace 2019, ha molti numeri per piacere a Bergoglio : figlio di una coppia mista islamo-copta è cristiano protestante, pacifista, ecologista e ben indirizzato verso i temi sociali.
      Ma la chiesa copta etiope potrebbe essere uno scoglio alla visita. Filippo di Giacomo afferma che la chiesa forse è ancora carica del dolore provocato dall’occupazione italiana con le cruente persecuzioni contro i suoi monaci e i suoi fedeli. Ma qui non sono d’accordo con Filippo di Giacomo : l’errore fu la conquista italiana in sè, perchè l’Etiopia era uno stato cristiano, appunto, con i suoi monaci, le sue chiese ed i suoi sacramenti. Chiesa cristiana indipendente da Roma, sia ben chiaro .
      Ma oggi, ritornando alle notizie che ci offre Filippo di Giacomo, questa Chiesa, già perseguitata dalla chiesa di Roma, è perseguitata da funzionari e manutengoli islamisti (parole di Di Giacomo) con chiese incendiate e morti (67 solo ad Ottobre) e la visita del pontefice renderebbe udibile la voce della Chiesa Etiope, sino ad ora censurata dalla diplomazia e dai media.
      Povera chiesa etiope !

  • deutero.amedeo ha detto:

    Però, riflettendo a mente fredda e bocce ferme mi domando e domando a chi volesse rispondermi: quante e quali alternative ha la Chiesa ? Quali sono le risposte possibili?
    Non limitiamoci a criticare, ma facciamo proposte, proposte concrete. E, per favore, non ditemi inizia tu. Io non saprei da che parte iniziare.

    • Agostino Nobile ha detto:

      Caro DEUTERO.AMEDEO. Basterebbero i preti. Durante l’omelia, per esempio, potrebbero ricordare che in quel giorno iniziarono le mattanze di cristiani in quel paese o in quell’altro. I fedeli conoscerebbero la storia e il coraggio dei nostri antenati. Lei dirà, ma dove sono questi preti? Ecco, il problema sono i preti e, ovviamente, i seminari gestiti da filomassoni e filoprotestanti o atei. Quindi bisogna partire da lì. Cacciare gli infiltrati e mettere al loro posto gente di fede e preparata. Tocca al prossimo papa (se non sarà bergogliano), degno di Cristo.

      • manfredi ha detto:

        “mettere al loro posto gente di fede e preparata”

        Dottor Nobile, qui c’è il punto di caduta del suo discorso. Dove la trova questa gente e chi la seleziona? E chi controlla che, alla prova dei fatti, soddisfi le aspettative? Fede e preparazione bastano? E l’attitudine morale dove la mettiamo? E chi può farne uno screening preventivo e come?

        C’è un’unica soluzione al problema: pregare. Gesù ha detto di pregare per avere operai. O no?
        Il resto sono solo opzioni pratiche, ciascuna coi propri difetti, ciascuna discutibile.

        • Agostino Nobile ha detto:

          MANFREDI. Conosco ottimi servitori di Cristo. Ma capisco il suo scoramento, I bergogliani stanno aumentando di numero ed possibile, tranne l’aiuto di Dio, che, come ho scritto in un articolo di due anni fa, il prossimo papa sia peggio di Bergy. Preghiamo e passiamo all’azione.

      • Alessandro2 ha detto:

        Il prossimo Papa sarà scelto da (e tra) cardinali nominati da Bergoglio. Questo mette la parola FINE alla Chiesa Cattolica in quanto istituzione, con nuovi scenari che per ora temo saranno bruttissimi.

      • luca antonio ha detto:

        Giusto, rimettere al centro la verità delle cose,
        teologica e storica, compresa, stim.mo Nobile, quella dei martiri , gli eroi in Cristo , venerandoli nella memoria come dovuto ma anche ricordando che questi questi muoiono pure , in qualche misura, a causa di criminali politiche occidentali.
        Il problema dei preti pavidi deriva anche dal fatto che sono intimiditi , costretti sulla difensiva da vertici ecclesiastici che prima hanno porto delle scuse non dovute su menzogne passate e adesso tacciono delle verità su orrori presenti.

        • Adriana ha detto:

          Luca Antonio ,
          a proposito di martiri e di sacerdoti pavidi mi pare opportuno offrire alcune considerazioni dall’ultima omelia di un sacerdote
          non pavido ( che celebra secondo il V.O ) . ” E’ giusto che preghiamo per la loro salvezza ( di coloro che hanno esaltato l’idolo Pachamama ) . Ma preghiamo anzitutto per noi , per non perdere la nostra Fede ; e non è egoismo questo , ma carità ben ordinata . Sapete : siamo tanto abituati a vivere in ambiente non cattolico…ce l’abbiamo nelle vene il comportarsi non cattolico , il muoversi , il gesticolare non cattolico , il pensare e il sentire non cattolico…E’ una fatica incredibile – oggi – custodire una mentalità
          un pensare , un vivere cattolico in sé , in una famiglia . Questo è il sacrificio della Croce che è chiesto oggi a noi , questa è la grandissima battaglia . ”
          Saluti

          • Luca Antonio ha detto:

            Grazie Adriana, mi ha ricordato la cosa piu’ difficile da far capire oggi ad un cattlolico “adulto” : la vita , questa vita, e’ milizia non gioia, quest’ ultima, vera in modo inconoscibile qui ,
            verra’ dopo.

  • alessandro ha detto:

    Sono d’accordo. Ogni genocidio. Ogni singola vita umana, così, nella storia. Ma il criterio vale per tutti: per gli armeni e per i palestinesi di Sabra e Chatila massacrati dai cristiani; per i vandeani e per gli americani (cristiani) che cancellano tutti i pellerossa. E poi se questo è il criterio (e io non sono d’accordo) allora si può dire che i tedeschi “cristiani” sono responsabili dello sterminio degli ebrei nella Shoah. Non sono d’accordo perchè lungo la storia dell’homo sapiens, questi massacri, questo agire sono riconducibili sia a motivi di religione, sia a motivi razziali ed etnici e quindi in sostanza, in tutte e due i casi, di potere e di conquista. Nessuno é esente da ciò.

    • agostino nobile ha detto:

      Gli americani che massacrarono gli indiani non erano cattolici, ma masso-protestanti. I cattolici erano nell’America Latina, dove gli indios continuano a vivere e, in alcuni paesi, a governare,

      • manfredi ha detto:

        Sì ma di indios ne hanno ammazzati tanti, abbia pazienza. Non facciamo i negazionisti inutilmente, sennò facciamo ridere i polli.

        • Agostino Nobile ha detto:

          MANFREDI. Un po’ di storia non farebbe male. Non nego atti criminali (non esistono colonizzazioni indolori) Ma gli Aztechi, per esempio, erano grati per averli liberati da governi cannibali che sacrificavano migliaia di esseri umani agli dei. Le consiglio l’ultimo libro della storica Angela Pellicciari UNA STORIA UNICA
          Da Saragozza a Guadalupe (edizioni Cantagalli, 2019).

    • Alessandro2 ha detto:

      Caro omonimo, studi meglio la storia, quella vera, non quella scritta ad usum delphini.

      • alessandro ha detto:

        Non negherà mica le uccisioni degli ebrei da parte delle popolazioni cattoliche e protestanti dell’Europa lungo tutto il Medioevo e anche dopo. Si chiamano massacri.

  • Rafael Brotero ha detto:

    Attribuire la frase “Calunniate, calunniate; qualcosa resterà” a Rousseau è una calunnia. Purtroppo qualcosa è restata.

    • Agostino Nobile ha detto:

      RAFAEL BROTERO. Non si sa con certezza chi l’abbia menzionata, infatti scrivo “sembra”. A parte questo, sembra che lei nutra ammirazione per un deista il cui pensiero fu alla base della Rivoluzione francese del 1789.

      • Rafael Brotero ha detto:

        Il mio è stato solo un gioco di parole.
        E si, sono ammiratore di Rousseau scrittore, a mio avviso uno dei più grandi prosatori della letteratura francese, anche se protestante liberale. O il valore artistico dipende dall’ ortodossia cattolica?

        • agostino nobile ha detto:

          Il valore artistico inganna. E’ attraverso l’abilità artistica descrittiva che Voltaire & c hanno trascinato milioni di fans a dimenticare icontenuti di tali opere.

  • Maria Cristina ha detto:

    Avendo vissuto da bambina in Libia, proprio prima della rivoluzione di Gheddafi nel 1968, mi ricordo che nell’ ancien regime libico, con il vecchio Re Idris, la tolleranza religiosa e la buona convivenza Cristiani-musulmani era una cosa normale. Da allora invece di progredire abbiamo avuto un regresso. A parole oggi sono tutti tolleranti ed ecumenici, nei fatti poi…
    Il contrario di un tempo dove i principi erano sacri, non vi era alcun cedimento sulla propria identita’ , ma poi nei fatti l’ umanita’ e la bonta’ e la carita’ facevano si’ che le Suore del Sacro Cuore di Gesu’ di Bengasi, di cui ero un ‘allieva, prendessero anche fanciulle musulmane fra le alunne trattandole ne’ piu’meno delle cristiane.. e che il nostro padrone di casa musulmano a Natale venisse a trovarci amabilmente facendoci dono di un bell’ Albero di Natale..
    Quello che voglio dire e’ che un tempo i rapporti fra cristiani e musulmani , almeno in paesi quali Marocco, Libia, Egitto, non erano estremistici come oggi. Oggi siamo alla persecuzione religiosa ( e infatti le buone Suore del Sacro Cuore in Libia sono state cacciate via)
    Oggi siamo da una parte all’ odio reciproco, dall’ altra all’ ipocrisia del progetto delle tre chiese della Abramitica religione, una sinagoga unamoschea una Chiesa Cristina ( senza croce) secondo il progetto prospettato al papa dall’ Imam del Cairo. Ma non sarebbe meglio invece di tale progetto sincretistico, dallo stile massonico, che per esempio in Arabia Saudita fosse possibile erigere chiese cattoliche? Ma non sarebbe meglio lavorare sul fatto che i cristiani possano essere presenti anche in nazioni musulmane e farvi del bene, come le buone Suore Del Sacro Cuore in Libia?
    Abbiamo perso ogni senso di umanità e ci aggrappiamo ad un irenismo ed ecumenismo DI MANIERA, FALSO, IPOCRITA.
    Basti dire che l’ Imam oggi pappa e ciccia con Bergoglio e’ stato quello che si e’ strappato le vesti per il discorso di Ratisbona
    di Benedetto. Discorso che esortava alla ragione e al rifiuto della violenza.
    Le buone Suore della mia infanzia, ne sono sicura, amavano le loro piccole allieve musulmane, senza per questo fare confusione fra la fede cattolica e quella musulmana .
    Oggi si fa una gran confusione e alla fine non si amano affatto.

    • deutero.amedeo ha detto:

      Queste testimonianze valgono più di mille articoli di giornale e di mille libri pseudostorici. Grazie M.Cristina

      • agostino nobile ha detto:

        Deuterio. Queste testimonianze dimostrano solo che certi cattolici non sono in grado di distinguere la dottrina dai comportamenti umani.

    • Adriana ha detto:

      Testimonianza veramente interessante , cara Maria Cristina .
      Anche perchè vi è inserito il “discrimen “del ’68 e da allora una
      nuova ” Imagine ” è comparsa sullo schermo della storia .
      J. Lennon – da qualche parte – se la ride , assieme a tanti altri , e i professionisti dell’Ammore incassano…

    • luca antonio ha detto:

      Anche in Palestina ebrei, cristiani e musulmani vivevano in pace
      Poi adesso siamo al disastro che vediamo.
      Come si è giunti a questo, non solo nei paesi citati ma ovunque ?
      Si è giunti a questo con l’esplosione dei mezzi tecnologici che hanno messo in mano a pochissime persone un potere immenso, potere ovviamente sfruttato non per fare fare il bene ma acquisire ancora altro potere , per giungere , nella mente malata di questi dott. stranamore, ad un unico governo mondiale guidato dagli eletti massoni . Per arrivare a questo però occorrono alcuni passi indispensabili (tra cui guardare, prima di proseguire la lettura, i 4 minuti piu’ politicamente illuminanti della storia del cinema qui: https://www.youtube.com/watch?v=cMxpetcxDrA ) , quali : accentramento dei mezzi d’informazione in pochissime mani – i giornali e le tv sono tutti uguali, la reuters detta la linea e gli altri seguono- ; diminuzione dell’autonomia degli stati nazionali con intromissione dei “mercati “nelle decisioni politiche – i mercati ci puniranno !!! – passando per l’ abolizione della possibilità di stampare moneta. Una volta che il debito pubblico è esternalizzato e la nazione deve dipendere da denaro che si stampa altrove, le politiche si fanno nella stanza dei bottoni e procedono rapide, cominciando dalla disarticolazione delle società, famiglia in primis – immoralità senza freni, femminismo , divorzio , aborto , matrimoni omosessuali , precariato che rende impossibile la costruzione di un nido, insicurezza sociale – ;
      per poi arrivare alla inutilità dei parlamenti nazionali – aiutati da riforme, o tentate riforme, quali, solo qui da noi, abolizione del senato, diminuzione dei parlamentari, bipartitismo, candidature fatte dalle segreterie dei partiti e non più dal territorio, abolizione dell’ immunità parlamentare per lo screditamento della politica attraverso continue indagini e scandali , scellerati accordi internazionali, “fratellanza universale” / immigrazione selvaggia – .
      Questo qui, in occidente , per altri paesi più recalcitranti al progetto vari gradi d’intervento , dalle primavere colorate al colpo di stato ( qualora i colori non dovessero piacere ), financo all’invasione e alla guerra per quelli proprio “cattivi” , vedi Saddam Hussein, Gheddafi, Assad e domani, speriamo di no, Iran e Putin. Per fare ciò , e arrivo al dunque , occorreva ed occorre , visto che viviamo in un mondo binario, un “nemico” comune che fungesse da catalizzatore , per non far esplodere i malesseri sociali contro i manovratori, ed è stato individuato, una volta caduto il muro di Berlino, nel mondo islamico. Saggi innumerevoli sullo scontro di civiltà sono stati pubblicati, falsi attentati sono stati realizzati, paesi sono stati invasi e disintegrati, al Quaida, Isis e califfati islamici sono stati creati, embarghi assassini sono stati implementati, milioni di morti si sono accatastati, bambini deformi per armi sataniche sono nati , il tutto tra gli ululati di approvazione degli umanitari nostrali e nel silenzio della Chiesa che questi piani perfettamente conosce e , ultimamente, approva e incoraggia .
      Ma, imprevedibilmente, qualcosa non ha funzionato ( gli islamici si sono un po’ arrabbiati ma non abbastanza ) e ,inoltre, questa demonizzazione islamica è entrata in conflitto con un pezzo importante del progetto ( l’immigrazione , per poter pagare a due euro all’ora immigrati, perlopiù musulmani, e autoctoni ) , e allora il nemico è diventato Putin e domani un altro ma la spinta sembra essersi indebolita. Quello che tuttavia non si è esaurita è l’avidità e l’arroganza dei padroni che non rinunceranno mai al tentativo di porre il mondo sotto il tallone del loro denaro.

  • Astore da Cerquapalmata ha detto:

    Condivido pienamente.
    Ieri ho seguito un pezzo di programma sulla vita della senatrice Segre che mi ha colpito commosso e ho apprezzato questa donna amante della pace.
    Poi tutto è stato strumentalizzato e ho spento.
    Questo lo stile stile della sinistra: strumentalizza tutto.
    Se gli importasse dei migranti li aiuterebbe in Africa e non li condannerebbe a fare gli accattoni a vita.
    Ha voluto l’aborto e ora dice che mancano giovani.
    Hanno tolto il lavoro e fanno fuggire i giovani, e li vogliono sostituire con poveri senza speranza perché lavoro non c’è.
    Favoriscono una pèulizia etnica, ma si dicono da soli bravi e buoni.
    Dicono che non bisogna alimentare la paura dell’altro, e sono i primi ad alimentare la paura di Salvini.
    Dicono che non bisogna alimentare l’odio e personaggi famosi manifestano pubblicamente odio contro Salvini.
    Dicono che bisogna costruire ponti, e coi leghisti scavano fossati non ascoltandone nemmeno le loro ragioni.
    I cristiani si dicono depositari del messaggio del Vangelo, ma ammettono l’adorazione della Pachamama.
    Non è stata la Chiesa ad aver convertito i comunisti, sono i comunisti arricchiti (e perciò ex) ad aver convertito e pervertito tanti cristiani

  • Юлія ha detto:

    Quasi nessuno si ricorda di genocidio di popolo ucraino . Holodomor 1932-1933,voluto da Stalin è fatto con stragrande maggioranza di aiuto di russi. Questo genocidio ha causato stimando quasi 7 milioni di morti.Solo 19 stati hanno riconosciuto come genocidio, altri per non urtare Federazione Russa non si esprimono.

  • giulia anna meloni ha detto:

    siamo veramente in tempi apocalittici,il Cielo sembra chiuso su di noi ma non è così.L’umanità peccatrice viene lavata con il sangue degli innocenti…per Grazia del Cielo siamo vivi per poter raccontare , imparare ,pregare e cospargere la cenere sul capo come ha chiesto l’angelo a suor Agnes,ad akita, il 6 ottobre 2019.Se dal Cielo arrivano ancora messaggi dobbiamo avere la certezza assoluta che DIO Padre non abbandona i suoi figli e allora …forza con la preghiera e la penitenza.

  • EquesFidus ha detto:

    https://lanuovabq.it/it/la-battaglia-di-hong-kong-appello-dei-cattolici-per-evitare-il-disastro
    Mi dispiace, ma credo che questo appello rimarrà inascoltato o, peggio ancora, la “mediazione” sarà a favore, direttamente od indirettamente, della Cina, vista l’incapacità e l’ideologia di cui sono imbevuti troppi ecclesiastici ai vertici della Chiesa. Se Hong Kong vuole resistere al Drago (in tutti i sensi), deve convertirsi alla Vera Fede e brandire le armi del Rosario e della spada contro di lui, non c’è altra via; invocare l’aiuto di questo Papa, mi addolora dirlo, secondo me porterebbe appoggio e sostegno ai servi del demonio cinesi.

    • IMMATURO IRRESPONSABILE ha detto:

      A costo di spiacere a qualcuno, mi sento di dire che le manifestazioni di Hong Kong , giustificabili quanto si vuole, rischiano di dare a Pechino l’ occasione di “normalizzare” la ex colonia. La strada, eroica!, che sul medio periodo puo’ incidere nel cuore del sistema cinese, e’ quella intrapresa 70 anni fa dalla Chiesa “soterranea”. Certo e’ una strada di sacrificio e di martirio; al di la’ dell’ ultimo accordo, piu’ o meno segreto, piu’ o meno provvisorio……

  • Luca Antonio ha detto:

    La responsabilita’ e’ anche della Chiesa che non ha saputo difendere con grinta la Verita’.
    Il Polacco, seppur coraggioso su diverse cose, vigliaccamente, ha chiesto scusa urbi et orbi per qualsiasi idiozia propagandistica, Galileo, il ruolo della chiesa nella shoa, le crociate, le sofferenze degli indios, l’inquisizione, la caccia alle streghe, il medioevo come periodo di oscurita’, il riconoscimento della favoletta dell’evoluzionismo.
    Il raduno di Assisi e’ piu’ frutto di un senso di colpa per lle mancanze dei cristiani nella storia che vero sincretismo.
    Attaccata da piu’ punti la Chiesa ha rinunciato alle battaglie che pensava essere di retroguardia (mentre erano bastioni indispensabili) per difendere la “fede”, non rendendosi conto che quei cedimenti “erano gia’ ” mancanza di fede.
    Voleva far segno di umilta’ , ma la rinuncia alla verita non e’ umilta’ , e’ il tradimento contro lo Spirito di verita’ che non sara’ perdonato.
    Una piccola annotazione che puo’ essere istruttiva: i cristeros avevano guadagnato una posizione di vantaggio , ma furono convinti dai propri vescovi a venire ad un compromesso con il governo, si fidarono, deposero le armi e furono massacrati; Franco non fece lo stesso errore.
    I compromessi col diavolo si pagano.

  • emma ha detto:

    La storia è reinterpretata dagli storici asserviti al potere del vincitore , caro Nobile . Lei giustamente appella Elisabetta I -la sanguinaria – ma in realtà bloody Mary – o Maria la Sanguinaria – era stata definita la sorella , figlia di Enrico VIII e Caterina d’Aragona , moglie di Filippo II di Spagna . Mary Tudor .- da non confondere con la cugina Maria Stuarda – era detta -la cattolica e la sanguinaria. Ciò perchè , al fine di stroncare l’eresia protestante in Inghilterra , aveva fatto ardere persino tre vescovi anglicani ….

    • agostino nobile ha detto:

      Per chi dubita o fa confusione, consiglio “Elisabetta la sanguinaria” (ed. Ares) della storica Elisabetta Sala.

  • Raffaella ha detto:

    “.. e Bergoglio che fa?”Bergoglio tace o parla a vanvera.
    In queste ore parte per il Giappone, DOVREBBE incontrare suor Agnes e coprirsi il capo di cenere e chiedere perdono.
    Ma non lo farà; ovviamente ci aspettano ramanzine buoniste contro le divisioni , l’odio e la guerra.
    Tutte cose già sentite,infatti non lo ascolterò.

  • creazionista ha detto:

    Nel promemoria dell’otto novembre scorso sui crimini dell’islam mancano gli 800 martiri di Otranto nel 1480: parte delle ossa sono nelle teche della cattedrale, il resto è in una chiesa di Napoli

  • Pier Luigi Tossani ha detto:

    “Potrei continuare, ma dovrebbe essere sufficiente per capire che i media preferiscono diffondere veleno sui cattolici. I primi responsabili di questo masochismo indotto, è da ricercare nella scuola e nella disinformazione occidentale massonico-marxista”.

    Appunto, per invertire il trend, ci vuole il buono-scuola a costo standard… quello che solo “il Popolo della Famiglia” propone: http://ilpopolodellafamiglia.net/programma/, Tutti gli altri partiti, invece no, perché giustappunto sono laicisti.

  • Non Metuens Verbum ha detto:

    le è sfuggita una delle calunnie. Non è la regina Elisabetta la cosiddetta Sanguinaria (anche se lo meriterebbe), ma è così detta la sorellastra preceditrice, Maria Tudor la Cattolica.

    • giesse ha detto:

      Osservazione corretta. Elisabetta prima era detta ‘the Virgin’, perché non volle mai sposarsi. Da questo appellativo deriva il nome di uno degli stati americani , la Virginia, così chiamata da da sir Walter Raleigh, uno dei cortigiani navigatori favoriti dalla regina.

    • agostino nobile ha detto:

      Lei conferma il mio articolo. Gli storici degni di questo nome confermano che “la sanguinaria” è Elisabetta I. Se vuole saperne di più può leggere l’ultima ricerca della storica Sala: “Elisabetta la sanguinaria” ed. Ares.