VATICANO, SALA STAMPA. FACEBOOK CENSURA L’EX N. 2. PERCHÈ? MISTERO.

9 Novembre 2019 Pubblicato da --

Marco Tosatti

Facebook si conferma ancora una volta, e sempre di più, come un luogo di censura – non solo politica, ma anche oggettivamente stravagante – e di illibertà. Ora, nessuno contesta a un sito “privato”, anche se la funzione pubblica ne è ormai evidente, di applicare criteri anche arbitrari al suo interno. Però in questo caso la gestione deve essere chiara, per onestà verso se stessi e gli altri; indicare un minimo di limiti e margini per gli utenti.

Diciamo tutto questo perché abbiamo ricevuto una comunicato, che vi riportiamo, da un vecchio amico e collega, Vik van Brantegem.

§§§

Comunicato

Per l’ennesima volta Facebook blocca il mio profilo personale (e il mio accesso alle Pagine e Gruppi che gestisco), senza darmi alcuna informazione sui motivi e senza rispondere alla mia rimostranza,  e senza che i miei contatti vengono a saperlo.

Vik van Brantegem

 

Ma chi è Vik van Brantegem? È un signore di una certa età, che ha lavorato per diversi lustri come assistente della Sala Stampa della Santa Sede. Ha avuto per un lungo periodo il compito di organizzare e gestire i giornalisti e i fotografi accreditati che seguivano i viaggi di Giovanni Paolo II e Benedetto XVI. Era l’uomo di contatto con i responsabili della gestione dell’informazione dei governi dei Paesi visitati. Insomma, tutt’altro che una testa calda, un estremista, un personaggio turbolento e pericoloso.

Però, misteriosamente, i gestori di Facebook decidono di bloccare il suo profilo personale senza uno straccio di spiegazione – e se non di trasparenza e democrazia, mr. Zuckerberg e suoi scagnozzi, qui si tratta di buona educazione.

Ma forse il problema sta nei gruppi di cui è amministratore, o in cui è coinvolto, ci si può chiedere. Così abbiamo chiesto a Vik van Brantegem di dirci quali sono. Eccoli:

 

Korazym.org

https://www.facebook.com/korazym.org/

 

Pagine di cui sono uno degli amministratori

 

La Real Casa di Borbone delle Due Sicilie

https://www.facebook.com/La-Real-Casa-di-Borbone-delle-Due-Sicilie-2359905850717521/

 

Sacro Militare Ordine Costantiniano di San Giorgio – Duca di Calabria https://www.facebook.com/ordinecostantinianoitalia/

 

Gruppi di cui sono uno degli amministratori

Amici Sacro Militare Ordine Costantiniano di San Giorgio – Duca di Calabria https://www.facebook.com/groups/281832679007669/

 

Sacro Militare Ordine Costantiniano di San Giorgio – Ramo Spagna https://www.facebook.com/groups/68255518697/

 

Non ci sembra che da questi gruppi emergano problemi. E se consideriamo che su Facebook sono presenti spesso e volentieri messaggi violenti, insultanti, blasfemi e volgari, il punto interrogativo si fa sempre più grosso.

Personalmente, credo che sia l’ora di trovare delle forme alternative di comunicazione, tramite altri canali meno totalitari e ideologicamente orientati e oppressivi. Ma nel frattempo, posto che Facebook si presenta come uno spazio di libera condivisione delle idee speriamo che qualcuno abbia la decenza di rispondere a Vik van Brantegem.

§§§




 

STILUM CURIAE È ANCHE SU TELEGRAM: @marcotosatti




SE PENSATE CHE

  STILUM CURIAE SIA UTILE

SE PENSATE CHE

SENZA STILUM CURIAE 

 L’INFORMAZIONE NON SAREBBE LA STESSA

 AIUTATE STILUM CURIAE!

ANDATE ALLA HOME PAGE

SOTTO LA BIOGRAFIA 

OPPURE CLICKATE QUI 




Questo blog è il seguito naturale di San Pietro e Dintorni, presente su “La Stampa” fino a quando non fu troppo molesto.  Per chi fosse interessato al lavoro già svolto, ecco il link a San Pietro e Dintorni.

Se volete ricevere i nuovi articoli del blog, scrivete la vostra mail nella finestra a fianco.

L’articolo vi ha interessato? Condividetelo, se volete, sui social network, usando gli strumenti qui sotto.

Se invece volete aiutare sacerdoti “scomodi” in difficoltà, qui trovate il sito della Società di San Martino di Tours e di San Pio di Pietrelcina


 LIBRI DI MARCO TOSATTI

Se siete interessati a un libro, cliccate sul titolo….


Viganò e il Papa


FATIMA, IL SEGRETO NON SVELATO E IL FUTURO DELLA CHIESA

Fatima El segreto no desvelado

  SANTI INDEMONIATI: CASI STRAORDINARI DI POSSESSIONE

  PADRE PIO CONTRO SATANA. LA BATTAGLIA FINALE

  Padre Pío contra Satanás

La vera storia del Mussa Dagh

Mussa Dagh. Gli eroi traditi

Padre Amorth. Memorie di un esorcista.

Tag: , ,

Categoria:

Questo articolo è stato scritto da wp_7512482

27 commenti

  • Nicola Buono ha detto:

    O.T. Fuori Tema ma fino ad un certo punto in quanto si tratta sempre di censura. Sul muro di Berlino. Ed il grande Dott Tosatti ci spiega il mistero. Applausi a scena aperta al Dott Tosatti.

    https://mobile.twitter.com/MarcoTosatti/status/1193534190429622272?ref_src=twsrc%5Egoogle%7Ctwcamp%5Eserp%7Ctwgr%5Etweet

  • Luca Monforte ha detto:

    Tutto quello che è Cattolico e non la Nuova Religione Massonica è visto come impedimento alla pace ed alla concordia tra gli uomini.
    Pertanto viene etichettato come “linguaggio di odio”, al pari del “sovranismo” (razzismo, fascismo, omofobia e qualunque cosa inventeranno secondo il loro arbitrio e le loro necessità).
    Facebook, Google, Twitter obbediscono a chi c’è dietro tutto questo, il NWO, che avendo tolto la leadership alla Chiesa Cattolica (hanno messo finalmente il loro Papa), ora hanno la loro “inquisizione” che decide ciò che è giusto e sanziona ciò che è iniquo. Secondo loro.
    Con una sostanziale differenza: la Chiesa ci metteva la faccia.
    Loro no.

  • Milli ha detto:

    In questo mondo globalista chi decide qual è la morale da seguire? Chi può decidere quali sono i valori da non calpestare, cosa si può dire e cosa no?
    Non dobbiamo essere per forza su FB, si può vivere bene lo stesso.
    Abbandonate questa nave , piuttosto apritevi un sito indipendente.

  • anonimo verace ha detto:

    Dopo aver letto la sua introduzione ho cercato di dare un’occhiata al sito Korazim da lei citato. Ma di lì, clik dopo clik mi sono ritrovato sul sito monasterium.org, organo di un monastero benedettino, gemmazione dell’antica Abbazia di Praglia, attualmente dislocato nella provincia di Varese. Hanno una casa editrice che ha pubblicato diversi libri su come il monachesimo delle origini è vissuto (cioè interpretato) oggi sul Monte Athos. Tutti testi importanti.
    Ed è bene che, oggi , si inizi a capire la profonda differenza che esiste tra il celibato ecclesiastico e l’autentico monachesimo.
    I testi dei monaci benedettini di monasterium.org possono essere di aiuto.

  • creazionista ha detto:

    Se volete un’alternativa valida vi consiglio vk.com, il facebook russo

  • Marco Matteucci ha detto:

    Questa è una prassi abituale del social network di Mark Elliot Zuckerberg.
    Infatti anch’io sono da tempo impedito a pubblicare post che facciano riferimento al mio blog: Regina del Cielo
    che tratta di argomenti unicamente a carattere Mariano, con questa assurda motivazione:
    “Non è stato possibile inviare il tuo messaggio per la presenza di contenuti segnalati come offensivi da altri utenti di Facebook.”

    Ora io vi prego di veificare cosa ci sia di offensivo in quello che pubblico nei miei post su questo blog
    https://reginadelcielo.blogspot.com visto che me lo hanno bloccato, mentre invece permettono a pagine come questa https://www.facebook.com/dioscotto/ zeppa di contenuti palesemente blasfemi e infamanti di continuare a esistere.

    …CHE IL PROBLEMA SIA PROPRIO LA SANTA VERGINE A CUI VOGLIONO METTERE IL BAVAGLIO!?!

  • Adri ha detto:

    Mi scusi dott. Tosatti se vado fuori tema. E’ un po’ di tempo che non vedo più post di Ángel Manuel González Fernández, colui che diceva che Bergoglio è il ‘servo sciocco che precede l’anticristo’. E’ stato bannato o è sparito di sua volontà?

    • wp_7512482 ha detto:

      non è stato bannato.

      • zaccaria ha detto:

        si, ma se non è stato bannato, c’è da temere qualcosa di peggio. Ho pensato talvolta di avere un hacker personale, o meglio dedicato che mi perseguitasse, all’insaputa di Tosatti, sul blog. Piccoli disturbi, cancellazioni totali mentre scrivevo, e così via. Raggiungere poi i link di Deutero, praticamente impossibile. Anche Deutero afferma appunto di avere disturbi simili (o vogliamo chiamarle azioni di hackeraggio ?). Se il forumista di cui sopra è stato anche lui perseguitato individualmente, non c’è da gioirne.

    • MARIO ha detto:

      Come mai tutto questo interesse per una nenia ripetuta ogni giorno, o più volte al giorno, immutata e immutabile come il Padre Eterno, fino allo sfinimento, per di più in un idioma sconosciuto ?

  • Giov ha detto:

    Il futuro sono i canali di messaggistica, come Telegram. Tutti i social sono pesantemente e sempre più censurati (Facebook, Twitter, Youtube ecc), e cercare social alternativi serve solo a spezzare la possibilità di parlare a tanta gente.

    I canali Telegram, invece, consentono a chi li segue di inviare la singola notizia che ha letto a tutti i suoi contatti telefonici: in questo modo si raggiungono migliaia di persone, e all’insaputa di chi “controlla”.

  • deutero.amedeo ha detto:

    Lettere dal manicomio.
    A parer mio potrebbe essere il titolo di un libro eclatante, per chi volesse scriverlo, che raccolga tutto quello che è stato detto e scritto in questi ultimi anni nei documenti ufficiali della Santa Sede, iniziando dalle omelie e dai discorsi del Papa regnante. Come quello di oggi:
    https://press.vatican.va/content/salastampa/it/bollettino/pubblico/2019/11/09/0857/01784.html
    Intanto qui nel supermercato della Foresta Orobica è arrivato il libro di Nuzzi. Ieri l’ho acquistato e ho iniziato a leggerlo. Poi vi dirò. Un’incornata a tutti (meno che agli amici di Stilum Curiae) da una più che furiosa Capra Orobica.

    • deutero.amedeo ha detto:

      Come prima impressione è che sono 16,15 euro spesi bene anche per un pensionato con risorse limititate come me.

  • virro ha detto:

    Sig. Antonio Cafazzo,
    non dimentichiamolo MAI: chi ruba è anche bugiardo, ed è per questo che ESSI, NON amano la VERITA’
    La VERITA’ ci fa LIBERI.
    SIGNORE GESU’ SEI TU IL RE DELL’UNIVERSO.
    🙏⛪🙏

  • Il veritiero ha detto:

    Bergoglio ha tutti altri progetti. Bergoglio deve distruggere il primato della chiesa di roma e di Pietro su tutta la chiesa universale. Per dare alla germania la scissione da roma che loro vogliono, e per il quale hanno messo bergoglio come papa.
    Nelle ultime settimane, leggendo alcuni libri di Walter kasper, ho avuto modo di notare che Bergoglio sta portando avanti il piano di kasper. Sui matrimoni. Sui dogmi. Sulla dottrina.
    Verrebbe quasi da chiedersi se il vero papa, non sia kasper.
    In quanto bergoglio sta seguendo alla lettera, tutto ciò che kasper voleva già attuare 30 anni fa.
    Bergoglio quando é stato eletto si è dichiarato “vescovo di roma” e non Papa. Perche sarebbe stata un offesa a quelli che lo hanno fatto eleggere, in quanto lo hanno fatto eleggere proprio per togliere il primato del papa su tutta la chiesa.
    Alla germania non va giù, il fatto di essere sotto l’autorità di Roma.

    • Mazzarino ha detto:

      Concordo. Infatti Kasper convinse Bergoglio ad accettare di essere Vescovo di Roma, così da ottenere i poteri papali, senza accettare di essere Sommo Pontefice di Santa Romana Chiesa, figura che l’argentino odia e combatte con tutto il suo cuore. Proprio come Lutero. Ma tutto questo è un regalo di Nostra Signora di Fatima che in questi anni di spontificato ha consentito alla Cristianità intera di capire che la rotta degli ultimi sessant’anni porta le anime dei religiosi e con esse anche quelle dei fedeli all’inferno. Ho combattuto e combatto quotidianamente Bergoglio dalle ore 20 del 13.3.2013. Credo oggi di potermi permettere di dire. Lunga vita all’impostore Bergoglio. Mostruoso ma cristallinio risultato dei 5 papi che lo hanno preceduto. Ogni giorno che passa, Bergoglio regnante, molte anime ritrovano la rotta della retta dottrina. Ci sono voluti sessant’anni per distruggere tutto, bastano altri 3-4 anni con Bergoglio e la sua folle cricca tedesco/sudamericana per aprire gli occhi di tutti i cattolici del pianeta ed obbligare la Chiesa cattolica a riprendere la rotta che Ratzinger, attraverso le sue dimissioni ha rifiutato di riprendere.

  • antonio cafazzo ha detto:

    Stimato Dr. Tosatti, ieri ho letto questa “interpretazione” degli attuali “misteri del Vaticano” e mi piacerebbe sapere la sua opinione al riguardo. Questa è la sua traduzione dal sito https://caminante-wanderer.blogspot.com/. Auguri di fecondo lavoro.

    «Venerdì, 8 novembre 2019 – Dominus conservet eum.
    Nella residenza papale di Castelgandolfo c’è un osservatorio astronomico, uno dei più antichi al mondo, chiamato Specola Vaticana. Molto opportunamente qualcuno ha usato lo stesso nome -Specola – per intitolare un blog ospitato in Infovaticana [https://infovaticana.com/blogs/specola/] da due anni e mezzo, e che ogni giorno diventa più interessante ed essenziale leggere (ho lasciato il suo link nella colonna di destra). È, in linea di principio, un servizio quotidiano di raccolta, analisi e commento delle informazioni sulla Chiesa, la Santa Sede e il Vaticano che appaiono sulla stampa italiana. Il suo autore, però, inizia con un’introduzione o un commento che dimostra che egli è una persona che conosce molto bene i corridoi e i vicoli vaticani, e anche molti monsignorini che li percorrono quotidianamente e che, con discrezione, gli danno informazioni sull’aria che si respira nei sacri palazzi. Il commento apparso solo due giorni fa è inquietante. Lo riproduco perché penso che meriti una riflessione:

    “È in corso l’operazione di sostituzione di Papa Francesco. Oggi è già una notizia e quella che fino ad ora era una voce è balzata in prima pagina. Prima di commentare le notizie di oggi, dobbiamo chiarire che per capire cosa sta succedendo dobbiamo mettere da parte la guerra tra “progressisti” e “conservatori” perché ha poco o niente a che fare con la realtà. Il vuoto delle recenti morti cardinali sembra essere riempito e si entra in uno scenario in cui tutte le armi sono necessarie nella battaglia finale del pontificato di papa Francesco che è già in azione.
    L’ultimo libro di Gianluigi Nuzzi, “Giudizio Universale”, ha fatto scattare tutti gli allarmi non proprio per il contenuto, ma per la sua stessa esistenza. Non è tollerabile che si assista a periodiche e massicce fughe di documentazione interna di alto livello. Questo indica un’istituzione in decadenza che si sta dirigendo verso il precipizio e lascia così mettere in evidenza tante vergogne. Papa Francesco non è un uomo di curia, nella sua vita ha avuto pochissima esperienza dei meandri romani, il suo consigliere Maradiaga è con i pastori di Betlemme, ed il coro dei gesuiti s’interessa di altro (LGBT, riscaldamento globale e peccati ecologici). La notizia di oggi è che il progetto di sostituire Francesco con Parolin, che è lodato per le sue molte virtù e si presenta come l’uomo giusto che può riparare la tanta distruzione e confusione causata da questo pontificato, è già in corso. Papa Francesco non può non sapere e ha visto i movimenti. Parolin cerca di rimanere al di fuori di tutto; la voce interessata alla sua partenza per Venezia pretende far capire che con Francesco non si capisce e che non ha nulla a che fare con tutto ciò che sta accadendo. E’ stato ignorato nello strano incidente accaduto nella Segreteria di Stato. Papa Francesco, da buon stratega, ha notato e offerto, per ora, la testa di Gianni su un piatto perché non ha molto da offrire. Questo non ha soddisfatto nessuno e la diga è caduta. In questo contesto dobbiamo capire la misurata, lunga e calcolata intervista di Ruini. Non si tratta di un argomento minore, come abbiamo indicato fin dall’inizio, e non per il contenuto, ma per il fatto che esiste. È evidente che Ruini parla alla suocera perché capisca la nuora. Il suo stile tipicamente curiale fatto di sorrisi, abbracci, parole morbide e tono basso fanno di Ruini un elemento molto più pericoloso di altri presunti attacchi diretti a Papa Francesco. Ha navigato nel pontificato del “Re di Polonia” e del “Pastore tedesco” con grande facilità. È stato chiamato il ‘Machiavelli’, il ‘dottor sottile’, sempre sorridente e sottomesso ma un macchinatore senza limiti. Ruini è vendicativo e si muove con dinamiche molto diverse da quelle chiamate, sprezzantemente, dei “quattro dell’Ave Maria” o del cardinale Sarah. Quello che stiamo vivendo è qualcos’altro e hanno deciso che è giunto il momento di lasciare fuori papa Francesco. Questi non sono tempi di avvelenamenti, ma vedremo l’uso di tutte le armi a disposizione affinché Papa Francesco, in qualsiasi forma, termini il suo pontificato. Ruini, come testa visibile, e tutti gli altri dietro di lui, stanno pulendo il vassoio d’argento per raccogliere la sua testa. Papa Francesco sta affrontando il momento peggiore del suo pontificato, cosa che molti penseranno che se l’è cercata. Siamo in un mondo in cui la fede è scomparsa, si è persa da tempo nei labirinti della piramide, e non esistono scrupoli. Silvestrini è morto ma vediamo che ora entra in scena il latitante Ruini. Non dimentichiamo che costoro si credono gli unici dirigenti del papato e che il papa regnante è solo un passeggero temporaneo. Il tradizionale detto vaticano: “il papa cambia, la curia rimane” è di nuovo in azione. A proposito del Parolin come un successore pensiamo che è come gettare un’esca in modo che ci si possa intrattenere mentre si cambia il palcoscenico per il prossimo atto.”

    E il 5 novembre lo stesso Specola scriveva:

    “Oggi ci sono molte notizie che sono emanazioni di tutto questo cancro interno che sta abbattendo la Chiesa cattolica come l’abbiamo conosciuta finora. Il cancro non è altro che l’apostasia generale così annunciata e così incredibile. Ci confrontiamo con persone che hanno avuto fede, o almeno hanno vissuto come se avessero fede. C’è un’enorme mancanza di pace in molte persone che vivono amaramente di fronte ad una situazione personale bipolare. Devono vivere come se avessero fede, hanno trasformato il loro ministero in un’opera del quale campano ma in cui non credono e non possono stare al fianco di chi ricorda loro, pur da lontano, la fede che avevano una volta. Non sono indifferenti, non possono essere indifferenti, perché hanno cacciato Dio dalle loro anime e pretendono di cacciarlo dalla Chiesa affinché si sentano a loro agio. Preferiscono pensare che la loro situazione è ideale e ridicolizzare il proprio passato. La mancanza di fede porta alla disperazione e viene molto notata. Tutto questo è alla base di una decomposizione annunciata e di un caos perpetuo da cui possiamo fuggire solo se rimettiamo Gesù Cristo al centro della nostra anima e, per estensione, al centro della vita della Chiesa e della società.”

    Alcune conclusioni:
    1) Come abbiamo detto in questo blog dal 13 marzo 2013, Bergoglio è uno scalpello argentino che pensava che la curia romana sarebbe stata presa per il solo fatto di essere argentino e di BuenosAires. E’ impossibile. L’unica cosa che ha fatto è distruggere a mansalva, anche nella fede, e non è riuscìto nemmeno a porre il primo mattone della tanto decantata riforma curiale.
    2. I veri nemici di papa Francesco, ed egli lo sa, non sono i conservatori ed i tradizionalisti. I “quattro dell’Ave Maria” o il cardinale Müller sono, nel peggiore dei casi, fastidiose zanzare, e nel migliore dei casi, oggetti di scherno, soprattutto quando li vede vestiti con i loro lunghi strascichi e cappelli cardinalizi.
    I loro veri nemici sono i curiali, che non sono né progressisti, né conservatori, né cattolici. Sono funzionari che, se mai hanno avuto la fede, l’hanno persa da tempo, e che vogliono continuare a vivere tra i lussi, i piaceri, il denaro e il potere muovendosi nei vicoli della Città del Vaticano. E non sono disposti a rinunciare a questi privilegi; anche se devono cadere teste, la storia ha già fornito loro molta esperienza in questo campo.
    3. Nel 1999 è stato pubblicato in Italia un libro intitolato “Via col vento in Vaticano”. L’ho letto subito quando vivevo a Roma. Fu scritto, sotto uno pseudonimo, da un ufficiale di curia in pensione, che decise di far sapere qualcosa di quello che stava accadendo dietro le mura sacre. Rispetto a ciò che conosciamo oggi, la storia è innocente come una storia dei Grimm. Ma ricordo che aveva scritto molto del cardinale Silvestrini, che indicava come capo di una delle cordate, o mafie, che si trasferirono all’interno della Santa Sede, con il compito di promuoverne i protetti, aumentarne il potere e ingrassare le loro casse. In quel momento mi sembrava un dettaglio noioso e insignificante. Ora capisco cos’era veramente. Giovanni Paolo II li ha lasciati tranquilli. Non si mise contro la curia e giocò il suo gioco di istrionismo planetario. Ma non sarebbe strano che furono proprio queste cordate che, con più forza del club di San Gallo, costrinsero alle dimissioni papa Benedetto XVI, dopo che gli fu consegnato l’enorme dossier con le relazioni dei cardinali Herranz, Tomko e De Giorgi, misteriosamente scomparsi dopo che furono consegnate pubblicamente a Francesco.
    4. Infine, mi chiedo se non sarebbe meglio avere Francesco come papa e nessuno di questi demoni strozzati da ambizioni molto più sottili di quanto possa nutrire il Pontefice di Buenos Aires. Insomma, Bergoglio non è altro che un macaco che cerca di imitare con le sue abilità comiche i delicati movimenti dei veri e pericolosi trapezisti. Forse sarebbe preferibile avere come Papa un funambolo di un circo di quartiere che un artista del Cirque du Soleil. Ecco perché sarebbe bene che noi tradizionalisti, quando cantiamo il Christus vincit, includessimo di nuovo la strofa che dice Dominus conservet eum.
    E come dice la mia amica “Virgencita, Virgencita, fa che rimanga cosí come sono.”

    • wp_7512482 ha detto:

      La mia opinione è che nemmeno i carri armati nel Cortile del Belvedere convincerebbero papa Bergoglio ad andarsene…:-)))

      • Luca Antonio ha detto:

        Per il suo carattere , dott. Tosatti, no, ma se sono vere le indiscrezioni recenti, Bergoglio nel tentativo di abolire Gesu’ Cristo, Dio, rischia anche di abolire l’altro dio adorato da lorsignori romani , Money.
        L’ 8% e’ in picchiata, le chiese ricche , mi sembra di aver capito, non trasferiscono piu’ volentieri e il disperato tentativo di riempire, a 35 euro al giorno, i milioni di mq vuoti si sta rivelando un buco nell’acqua.
        Vuoi vedere che ci salva il Nemico?

  • Eowin ha detto:

    Mi sono tolta da Facebook ormai da tre anni e, credetemi, non mi manca. Per 14 giorni hanno continuato a tempestarmi di domande tipo..sei sicura di non voler sapere cosa fanno i tuoi amici? Ecc. Le notizie le ricavo da siti come questi, parenti e amici si contattano via Telefono…non lamentatevi di Facebook sperando che cambi qualcosa. Toglietevi e basta.

    • Milli ha detto:

      Sono d’accordo, non iscrivetevi a FB. Perché devo far sapere a tutti chi sono, cosa faccio, i miei gusti, dove vado in vacanza e pure cosa mangio?
      Da questo punto di vista non mi ritengo una persona interessante e gli affari miei li tengo per me.
      Per non parlare del cyberbullismo imperante e che a quanto pare non viene efficacemente contrastata.
      Sono moderatrice in un forum legato alla mia professione e anche qui ho notato la crescente maleducazione della gente, come se fosse in generale più rabbiosa e meno propensa ad accettare una qualsiasi correzione.
      Una ragione in più per non esporsi più del necessario.

  • Nicola Buono ha detto:

    Facebook è schierato con il mondo è tutto ciò che sa di Tradizione gli dà fastidio….Gli altri possono scrivere o postare( foto) le peggio porcate che non gli dà fastidio. A quelli del Mondo il buio non dà fastidio, gli dà fastidio la Luce.