RIPARAZIONE PER IL SINODO DELL’AMAZZONIA. FSSPX ITALIA, DIGIUNO E MESSE.

8 Novembre 2019 Pubblicato da 34 Commenti --

 

Marco Tosatti

Cari amici e nemici di Stilum Curiae, abbia ricevuto, e volentieri rilanciamo questo comunicato della Fraternità Sacerdotale San Pio X, relativo al Sinodo dell’Amazzonia, e soprattutto agli eventi ad esso collegati che hanno creato – per dire poco – perplessità, sconcerto e dubbi in molti cattolici. Ci riferiamo al rito nei Giardini Vaticani, con prosternazioni di religiosi durante rituali indigeni, le cerimonie che si sono svolte a Santa Maria in Traspontina, dove si sono viste le statue della “Pachamama” al centro della chiesa, circondate da candele, come se si trattasse di una qualche immagine sacra. Ecco il comunicato:

 

Comunicato del Superiore generale in occasione del sinodo dell’Amazzonia

  1. Sabato 9 novembre: giornata di digiuno;
  2. Domenica 10 novembre: Messa di riparazione seguita dal canto/recitazione delle Litanie dei Santi.

Cari membri della Fraternità,

Il recente sinodo dell’Amazzonia è stato teatro di spettacoli esecrabili in cui l’abominazione di riti idolatrici è entrata nel santuario di Dio in modo inedito e impensabile. Dal canto suo, il documento finale di questa assemblea turbolenta attacca la santità del sacerdozio cattolico, spingendo all’abolizione del celibato ecclesiastico e al diaconato femminile. In verità, i germi dell’apostasia, che il nostro venerato Fondatore, mons. Marcel Lefebvre, aveva sin da subito visto all’opera nel Concilio, continuano a portare i loro frutti con una efficacia rinnovata.

In nome dell’inculturazione, degli elementi pagani s’integrano sempre di più nel culto divino e si constata, ancora una volta, come la liturgia del Vaticano II vi si presti perfettamente.

Di fronte a tale situazione, noi chiamiamo tutti i membri della Fraternità ed i terziari ad una giornata di preghiera e di penitenza riparatrice, perché non possiamo rimanere indifferenti davanti a simili assalti contro la santità della Chiesa nostra Madre. Chiediamo che sia osservato il digiuno in tutte le nostre case sabato 9 novembre prossimo. Invitiamo tutti i fedeli a fare altrettanto ed incoraggiamo i bambini ad offrire preghiere e sacrifici.

Domenica 10 novembre 2019 ogni sacerdote della Fraternità offrirà una Messa di riparazione, e in ogni cappella saranno cantate, o recitate, le litanie dei Santi, tratte dalla liturgia delle Rogazioni, per chiedere a Dio di proteggere la sua Chiesa e di risparmiarle i castighi che simili atti non possono mancare di attirare. Invitiamo caldamente tutti i sacerdoti amici e tutti i cattolici che amano la Chiesa a fare altrettanto.

Ne va dell’onore della Chiesa romana, fondata da Nostro Signore Gesù Cristo, che non è una fiera idolatra e panteista.

Don Davide Pagliarani Superiore generale

Menzingen, 28 ottobre 2019 Festa dei Santi Simone e Giuda

 

Messe celebrate dalla Fraternità San Pio X domenica 10 novembre 2019

Piemonte

www.fsspx.it – www.fsspx.news

  • MONTALENGHE (TO): Priorato San Carlo Borromeo – Via Mazzini, 19. Domenica e festivi alle 8.30 (per informazioni: 011.983.92.72 – montalenghe@sanpiox.it).
  • TORINO: Cappella Regina del S. Rosario – Via San Quintino 21/G. Domenica e festivi alle 11.00

Veneto

  • LANZAGO DI SILEA (Treviso): Priorato San Marco – Via Matteotti, 24 (Capella al n° civico 16). Domenica e festivi alle 10.30 (per informazioni: 0422.17.810.17 – silea@sanpiox.it).

Emilia Romagna

  • FERRARA: Oratorio Sant’Ignazio di Loyola – Via Carlo Mayr, 211. Domenica ore 10.30 (per informazioni: 0422.17.810.17 – silea@sanpiox.it).
  • RIMINI (fraz. Spadarolo): Priorato Madonna di Loreto – Via Mavoncello, 25. Domenica ore 8.00 e 10.30 (per informazioni: 0541.72.77.67 – rimini@sanpiox.it).

Toscana

  • LUCCA: Cappella San Giuseppe – Via Angelo Custode, 18. Domenica ore 10.00 (per informazioni: 06.930.68.16 – albano@sanpiox.it).

Umbria

  • VIGNE DI NARNI (TR): Consolatrici del Sacro Cuore – Via Flaminia Vecchia, 20. Domenica ore 8.00 e 10.30 (per informazioni: 0744.79.64.06 – albano@sanpiox.it).

Lazio

  • ALBANO LAZIALE (Roma): Fraternità San Pio X – Via Trilussa, 45. Domenica ore 10.30 e 17.30 (per informazioni: 06.930.68.16 – albano@sanpiox.it).
  • ROMA: Cappella Santa Caterina da Siena – Via Urbana, 85. Domenica ore 11.00 (per informazioni: 06.930.68.16 – albano@sanpiox.it).

Campania

  • NAPOLI: Cappella dell’Immacolata – Vico S. Maria a Lanzati, 21. Domenica ore 11.00 (per informazioni: 06.930.68.16 – albano@sanpiox.it)

 

§§§




 

 

SE PENSATE CHE

  STILUM CURIAE SIA UTILE

SE PENSATE CHE

SENZA STILUM CURIAE 

 L’INFORMAZIONE NON SAREBBE LA STESSA

 AIUTATE STILUM CURIAE!

ANDATE ALLA HOME PAGE

SOTTO LA BIOGRAFIA 

OPPURE CLICKATE QUI 




Questo blog è il seguito naturale di San Pietro e Dintorni, presente su “La Stampa” fino a quando non fu troppo molesto.  Per chi fosse interessato al lavoro già svolto, ecco il link a San Pietro e Dintorni.

Se volete ricevere i nuovi articoli del blog, scrivete la vostra mail nella finestra a fianco.

L’articolo vi ha interessato? Condividetelo, se volete, sui social network, usando gli strumenti qui sotto.

Se invece volete aiutare sacerdoti “scomodi” in difficoltà, qui trovate il sito della Società di San Martino di Tours e di San Pio di Pietrelcina


 LIBRI DI MARCO TOSATTI

Se siete interessati a un libro, cliccate sul titolo….


Viganò e il Papa


FATIMA, IL SEGRETO NON SVELATO E IL FUTURO DELLA CHIESA

Fatima El segreto no desvelado

  SANTI INDEMONIATI: CASI STRAORDINARI DI POSSESSIONE

  PADRE PIO CONTRO SATANA. LA BATTAGLIA FINALE

  Padre Pío contra Satanás

La vera storia del Mussa Dagh

Mussa Dagh. Gli eroi traditi

Padre Amorth. Memorie di un esorcista.

Tag: , , ,

Categoria:

Questo articolo è stato scritto da wp_7512482

34 commenti

  • Gederson Falcometa ha detto:

    “Atei erano dunque anche questi, perchè con una certa sapienza che non è sapienza adorarono la materia e, se anche non onorarono le pietre o il legno, divinizzarono tuttavia la terra che è la madre di questi, e, se anche non inventano Poseidone adorano tuttavia l’acqua stessa”. Protreptico ai greci, Clemente Alessandrino

  • deutero.amedeo ha detto:

    La cosa oscena non è tanto il baciare la terra, quanto il rivolgere il sedere al cielo. 🙂

  • deutero.amedeo ha detto:

    Non sono lefebriano nè antilefebriano . Sono cristiano.
    —Il recente sinodo dell’Amazzonia è stato teatro di spettacoli esecrabili in cui l’abominazione di riti idolatrici è entrata nel santuario di Dio in modo inedito e impensabile. Dal canto suo, il documento finale di questa assemblea turbolenta attacca la santità del sacerdozio cattolico, spingendo all’abolizione del celibato ecclesiastico e al diaconato femminile.—
    Fin qui approvo e sottoscrivo.

  • anonimo verace ha detto:

    non è affermando l’un l’altro : tu sei eretico, che si raggiunge la pienezza della verità. Promuovendo l’ecumenismo, il Concilio Vaticano II non ha tolto le barriere ideologiche presenti tra le varie confessioni cristiane, ma, purtroppo, ha solo aumentato la confusione.
    Sicché, oggi, ho potuto ascoltare, da parte di un sacerdote, relatore ad un convegno ecumenico , che la Verità uno non ce l’ha in tasca. E questo contraddice tutta la sacra Scrittura, per chiunque, cioè a qualsiasi gruppo cristiano appartenga. Per me dire che la Verità uno non ce l’ha in tasca è , questa sì, un’affermazione eretica.

  • Rafael Brotero ha detto:

    Importante: alla fine della messa, un filiale Tu es Petrus nel più ortodosso gregoriano in onore al nostro Povero Santo Padre Francesco.

  • Pacha pacha ha detto:

    Continuate a sbagliare. Non era un culto idolatrico. Buon divertimento.

  • Donna ha detto:

    Mah….qui tutti continuano a dire che nel cesto c’è il marcio, ma le mele marce nel cesto rimangono, e così continuano a contaminare le poche buone rimaste.
    Nei giardini vaticani con la Pachamama non c’era un religioso qualsiasi , ma un papà, lo stesso che si è scusato per il gesto del Tevere, ecc. Ecc. …. di cosa stiamo parlando.!
    Permettete un minimo di perplessità, per non dire altro.

  • Astore da Cerquapalmata ha detto:

    Non sono un “tradizionalista” e reputo che il Concilio Vaticano II non solo non abbia determinato la degenerazione dottrinale modernista, ma abbia fatto da argine, almeno finché ha potuto.
    Il mio ritorno alla Chiesa dopo vari anni di abbandono totale, verso la fine degli anni settanta, è avvenuta infatti per mezzo di un gruppo sorto dopo il Vaticano II e che dal Concilio ha ricevuto molto.
    E’ stato un gruppo di riscoperta della PREGHIERA in un periodo dove sembrava contare solo l’attivismo nel sociale.
    Preghiere comunitarie spontanee, ma anche preghiera privata, adorazione, Rosario, e Messa quotidiana. Una vera scuola di preghiera.
    E ricordo benissimo che fin da allora i respoinsabili parlavano di degenerazione dottrinale, di teologi che non credevano più nell’inferno, di peccati tollerati da tanti sacerdoti.
    Ricordo che durante il corso prematrimoniale a cui ho partecipato con la mia futura moglie, ho “combattuto” pubblicamente contro il sacerdote che teneva il corso perché era favorevole agli anti concezionali e critico verso Paolo VI.
    La degenerazione attuale, perciò, ha radici lontane.
    Certamente è cresciuta e l’attuale Pontefice sembra voler abbattere tutti gli argini.
    Per cui, sebbene non condivida la Fraternità Pio X, non posso che prendere atto che molti Pastori della Chiesa, pur formalmente cattolici, in realtà sono veri eretici e anche se a loro non si può applicare la pena canonica della scomunica, Dio forse li ha già “scomunicati” di fatto.

    • Claudio ha detto:

      Si ma anche i lefevriano sono eretici, purtroppo. Se dici che un Concilio e 6 papi sono eretici è evidente che hai un problema di fede cattolica. Ci sono tradizionalisti migliori. Questi sono lupi travestiti da agnelli.

      • anonimo ha detto:

        Caro Claudio, credo che il problema di fede cattiva (quella vera, rinnegata dal 1958 ad oggi dalla pseudichiesa conciliare, papi inclusi) ce lo abbia lei. Si legga Lamendola, Pranzetti, Belvecchio ( tutti su UnaVox) e si accorgerà quale è la vera fede cattiva. Pace e bene

        • Catholicus ha detto:

          Smartphone venduti al demonio: sabotano le parole, cambiando “fede cattolica” in “fede cattiva”. Tecnologia in mani a Satana?

      • anonimo ha detto:

        Caro Claudio, credo che il problema di fede cattiva (quella vera, rinnegata dal 1958 ad oggi dalla pseudichiesa conciliare, papi inclusi) ce lo abbia lei. Si legga Lamendola, Pranzetti, Belvecchio ( tutti su UnaVox) e si accorgerà quale è la vera fede cattolica. Pace e bene

      • Maria Grazia ha detto:

        @CLAUDIO – Lei lancia delle accuse pesanti ai Lefebvriani definendoli “eretici” e “lupi travestiti da agnelli” ma non ci informa sui motivi che l’hanno indotta a tali definizioni. Ce li può illustrare? Ne ha mai discusso con un Lefbvriano? Ha mai seguito le loro funzioni? Le loro Omelie? Se l’avesse fatto, senz’altro, sarebbe meno sarcastico e intollerante.

  • Giulio ha detto:

    A proposito di richieste di riparazione ho appena letto di un nuovo messaggio di nostra signora di Akita a suor Agnese Sasagawa, dopo ben 46 anni dall’ultimo.
    Lei ne sa niente? C’è qualche conferma al riguardo?

  • Maria Grazia ha detto:

    La Fraternità Sacerdotale Pio X è un pilastro della fede cattolica, un faro luminoso che brilla nell’oscurità del Vaticano, un punto di riferimento sicuro. Spero che altre Comunità religiose seguano il suo esempio nel dichiarare, senza alcun timore, la propria fedeltà al Primo Comandamento.

  • Giuan ha detto:

    A SEREGNO messa della fsspx tutte le domeniche ore 8 S messa letta ore 10 S messa cantata .

  • TITTOTAT ha detto:

    E poi non si deve dire che la città di Roma si sta chiamando addosso tutte le piaghe possibili
    https://www.infowars.com/a-giant-statue-of-molech-has-been-put-up-right-at-the-entrance-to-the-colosseum-in-rome/

    e certe cose si devono venire a sapere da un tizio come A. Jones?

    • Chianino ha detto:

      Al di là delle opinioni sulla opportunità di esporre la statua in questione al Colosseo, il sito citato riporta una buona dose di inesattezze e amenità. Il Colosseo non è di proprietà del Vaticano (manco del comune…) e la scossa di terremoto dell’altro giorno aveva epicentro in Abruzzo.
      Non infarciamo quello che accade sull’altra sponda del Tevere con stupidaggini varie.

      • TITTOTAT ha detto:

        Un idolo paciaimmondo nella sponda santa del potere religioso, un idolo moloch demone nella sponda del potere temporale. Le due staffe del colosso di Rodi, e quasi contemporaneamente e contemporaneamente la Raggi fa uscire la notizia che è guidata spiritualmente dal Bergoglio. Al di là delle farciture di A.J. Volevo solo far presente che hanno messo un Moloch al Colosseo, una pachamana in vaticano…
        Se questo non è un disegno di qualcuno…

  • TITTOTAT ha detto:

    Allora… ! questi sedevacantisti hanno accesso a cappelle, chiese e meritano pubblicità? Per loro chi è il Papa? Loro non hanno Papa, e stanno approfittando della situazione per riderci in faccia. Sono superbi, meglio Bergoglio.

    • Il veritiero ha detto:

      Non é così, benedetto xvi li aveva riammessi alla comunione con la chiesa cattolica. Aveva lavorato duramente.
      Considerate che loro non hanno tutti i torti. Il concilio vaticano II é un concilio eretico. Chi conosce i dogmi lo sa.
      Molte cose sono contro i dogmi della chiesa cattolica e infallibilità del papa.
      Bergoglio invece, ha pensato bene di interrompere il loro rientro nella chiesa cattolica.
      Però invece incentiva quello dei luterani.
      Questo dovrebbe dirla lunga…vuol dire che loro, sono veri cristiani.

      • TITTOTAT ha detto:

        Colto nel segno: Considerano il CVII eretico e sono sedevacantisti. Loro non non riconoscono la successione di Pietro nemmeno fino a B16, non sono in comunione col Papa, però loro sono un pilastro della fede cattolica, invece don Minutella è un appestato eccentrico pur avendo tante evidenze a sostegno sua predicazione.
        La vera chiesa è quella in comunione con B16.

        • Fabrizio Giudici ha detto:

          Io non so chi sia questo signore che scrive fesserie con lo pseudonimo Tittotat, ma o è un ignorante sesquipedale – e allora dovrebbe pensare dieci volte prime di scrivere scemenze – oppure è un calunniatore.

          La FSSPX non è affatto sedevacantista e considera papi PVI, GPI, GPII e Francesco. Coloro che tra le fila della FSSPX hanno con il tempo sviluppato posizioni semivacantiste “hard” o “soft” ne sono sempre stati espulsi. Le messe FSSPX sono “una cum”. Lo sanno anche i muri, lo saprebbe chiunque si documentasse per cinque minuti.

          Ignoranza presuntusa e/o calunnia sono i tipici frutti delle sette.

    • Sherden ha detto:

      Chi ci sta facendo ridere dietro, con tutte le corbellerie che sta infilando una dietro l’altra, mi pare che sia il pampero (con corredo di pachamame e statuette col piffero in su…)

    • Adriana ha detto:

      Oddio , allora anche lei è d’accordo nel censurare la preghiera dell’Alpino per non offendere gli immigrati ? Io non penso che nessuno ci rida in faccia . C’è solo da piangere .

    • Valeria Fusetti ha detto:

      TITTOTAT@ L’ accusa di sedevacantismo che lei indirizza con tanta disinvoltura alla fsspx ha, purtroppo, origine in campagne di calunnie e disinformazione ai danni della Fraternità, portate avanti, per anni, con la solerte complicità di una stampa meno incline all’ informazione e più al gossip. Sarebbe più utile, prima di spargerne ancora fare la fatica di informarsi meglio, tutta la documentazione necessaria a questo scopo è in rete, a disposizione di chiunque preferisca la verità alla menzogna ed ai pregiudizi. Confido che lei sia tra chi preferisce la verità.

      • dottor bellotti ha detto:

        Però è divertente vedere come i calunniatori seriali, quando qualcuno calunnia i loro idoli, si affannino a ricordare che bisognerebbe documentarsi prima di parlare. Lo faceste voi per 1/50 degli argomenti che commentate qui, sembrereste gente seria :-)))

Lascia un commento