THE SYNOD, THE VOTE IN UMBRIA AND THE DEMONIZATION. STRANGE SIMILARITIES.

29 Ottobre 2019 Pubblicato da 1 Commento --

 

Marco Tosatti

Dear friends and enemies of Stilum Curiae, you may be thinking – you are obviously free to do so – that you are dealing with reflections of a free wheeler. But the recent elections in Umbria, and the reactions they have provoked from the losing side – above all the Left – and the closing of the Synod on the Amazon, and the reactions of various people to it are interesting, because they demonstrate an animus and a mentality that is strangely similar.

If the center-right, against the winds and seas and televisions and journals and insults, has swept the region that for half a century has been a solidly red region, for many on the Left it must surely be the fault of the Umbrian people. On Twitter I have read unrepeatable things; others, at a higher level, are for the most part holding their tongues, but if the voters have not understood the goodness of the work of the government (but wasn’t there a local election, for the losers, right on the eve of this one?) they must have let themselves be enchanted, or bewitched by calls to fear, or they must have voted with their bellies, etc., etc. In addition to the elders, there will be those who launch the idea (supported by the elites of the Left) to take away the vote from the Umbria people. Such, to the Italians, have already thought to take away what in theory Montecavallo should be – it is paid for this after all – the guardian of popular sovereignty, not the sovereignty of the palace and the fraudulent and instead…but never mind.

And yet it is the fault of the crass and vulgar people who did not vote the right way…

And what of the Synod? We have seen – I wrote this several days ago – that even in a situation of the greatest manipulation imaginable, there was nevertheless on several themes a resistance that led to only a partial victory (for the “hyper-progressives”) on the question of ordaining viri probati and opening to the theme of women deaconesses. Although as usual we must fear the playing of the three cards from the holder of the deck.

Who however did not hide his disappointment. The same evening of the vote, Saturday night, he said: “This is also why ‘There is always a group of Christians, the elites, who are pleased to make this kind of diagnosis, focusing on these types of very small disciplinary matters as if they were universal.” “No,” declared the Pope with force, “we have conquered everything with the diagnosis we have made and we continue to go forward in the pastoral and inter-ecclesiastical questions. These elites, today, “above all Catholics,” lamented Pope Francis, focus on the little things and forget the big things.” Citing Charles Peguy, Francis said, “Because they don’t have the courage to be with the world, they think they are with God. Because they don’t have the commitment to the choices that people make, they think they are opting for God. Because they don’t love anyone, they think they love God.”

And the next day, after his homily at the concluding Mass, he attacked those who “are in the temple of God, but practice the religion of the ego.” The Pope declared that he sees in this category “many distinguished groups of Christians, Catholics” who “go down this path.” “Overflowing in their self-security, in their own ability to keep the commandments, of their own merits and their own virtues,” and thus “centered only on themselves,” but “without love”: “How many presumed superiorities, that turn into oppression and exploitation, even today.”

It is not the first time that the Pope of “Who am I to judge” has lashed out against Catholics who do not feel and thing exactly as he does.

But here comes the second moment of parallelism with our political life. For years, the Left has done nothing but accuse Salvini and Meloni of all possible ideological iniquities: Fascists, friends of Casapound (which is moreover a political formation accepted in the constitutional panorama), disseminators of hate, with dictatorial aspirations, and so on and so forth. And also the Church, beginning with the Jesuits of Civiltà Cattolica, to say nothing of Sorge, SJ, and finally to CEI and Avvenire that have joyfully participated in the lynching.

With the evident result of carrying their victims to a series of electoral victories; and to the miracle, in Umbria, of returning to office those who had not been there in years.

We may be wrong, but it seems to us that this the same mechanism employed by the reigning Pontiff. On another occasion (but it was two years ago!) we made a list of the insults hurled by the Pope against Catholics. We have not updated it further, but surely it is much longer by now. And probably this behavior (and others far worse) has had the same success as the demonization put in place by the Left against Salvini and Meloni. The problem for us Catholics is that while we can hope to vote in Italy, in the Church we cannot. The Pope is more fortunate than Zingaretti, Di Maio, and than Giuseppi di Villa Nazareth, involved in the London affairs of his friends at the Secretary of State.

Translated by Giuseppe Pellegrino

§§§




 

SE PENSATE CHE

  STILUM CURIAE SIA UTILE

SE PENSATE CHE

SENZA STILUM CURIAE 

 L’INFORMAZIONE NON SAREBBE LA STESSA

 AIUTATE STILUM CURIAE!

ANDATE ALLA HOME PAGE

SOTTO LA BIOGRAFIA 

OPPURE CLICKATE QUI 




Questo blog è il seguito naturale di San Pietro e Dintorni, presente su “La Stampa” fino a quando non fu troppo molesto.  Per chi fosse interessato al lavoro già svolto, ecco il link a San Pietro e Dintorni.

Se volete ricevere i nuovi articoli del blog, scrivete la vostra mail nella finestra a fianco.

L’articolo vi ha interessato? Condividetelo, se volete, sui social network, usando gli strumenti qui sotto.

Se invece volete aiutare sacerdoti “scomodi” in difficoltà, qui trovate il sito della Società di San Martino di Tours e di San Pio di Pietrelcina


 LIBRI DI MARCO TOSATTI

Se siete interessati a un libro, cliccate sul titolo….


Viganò e il Papa


FATIMA, IL SEGRETO NON SVELATO E IL FUTURO DELLA CHIESA

Fatima El segreto no desvelado

  SANTI INDEMONIATI: CASI STRAORDINARI DI POSSESSIONE

  PADRE PIO CONTRO SATANA. LA BATTAGLIA FINALE

  Padre Pío contra Satanás

La vera storia del Mussa Dagh

Mussa Dagh. Gli eroi traditi

Padre Amorth. Memorie di un esorcista.

Tag: , , , ,

Categoria:

Questo articolo è stato scritto da wp_7512482

1 commento

  • amata biagio ha detto:

    MOLTO OBIETTIVO E AGGIUNGEREI: Osservazioni sull’ultimo numero di Civiltà Cattolica
    La rivista diretta dai Gesuiti chiude la stagione della fede-ideologia
    – in verità tenta di chiudere la stagione solo della della fede, per il trionfo solo dell’ideologia marxista allo stato puro
    La rivista attacca l’idea di cristianesimo inteso come “religione civile”, in base alla quale la fede si trasforma in collante culturale, ideologico, etico, istituzionale, anche a prescindere dalla parola del Vangelo
    – in verità attacca la sostanza proprio del Vangelo, unico supporto di chi incarna nelle strutture in cui vive il Regnum Christi, la pace di Cristo nel Regno di Cristo
    La rivista regola i conti con gli atei devoti a cominciare dal loro capostipite: Benito Mussolini
    – proprio dall’unico uomo che riuscì coraggiosamente a regolare i conti aperti dello Stato scomunicato con la Chiesa
    La rivista con prepotenza e artificiosa irruzione nell’attualità politica, montata sui rosari e crocifissi sventolati nelle piazze con doverosi richiami all’identità nazionale cattolica ed europea, diffama i leader politici di destra o populisti o entrambi, come Matteo Salvini, Marine Le Pen, Viktor Orban
    – approvando e dando forza ai codardi e rinnegati cattolici che fanno silenzio e promuovono a fatti un cristianesimo liquido, senza spina dorsale, con la teoria aberrante dei nuovi parametri della fede, unendosi al coro degli atei e persecutori della fede cristiana, favoriscono il dialogo perverso che rinnega la propria identità, e cedono tutto all’avversario, per edificare la nuova religione pagana della madre terra.
    Gli strali della rivista sono diretti con particolare acredine contro Mussolini, ateo devoto, fondatore del fascismo, che nella crisi dei modelli democratici rappresentativi, e ritorno della fascinazione per l’uomo forte in grado di prendere in mano i destini di una nazione, diventa il bersaglio privilegiato da sempre dai marxisti
    – ai quali si associa ora la Chiesa, tenera madre accogliente non solo dei poveri e derelitti umani, animali, territoriali, ma persino delle ideologie morte o fallimentari e in via di estinzione per la loro disumanità
    La rivista rifiuta la concezione ideologica che vede nel capo del fascismo un “male assoluto”
    – La nuova chiesa infatti non crede esista il male assoluto
    Al contrario fa propria l’idea di un Mussolini “male storico”

    – in perfetta sintonia con la concezione marxista della storia
    Elenca quindi il coacervo delle sue azioni ben verificabili e note: violenza politica, disprezzo per la democrazia, la guerra, leggi razziali, l’alleanza con Adolf Hitler, l’accordo con la Chiesa per allargare il proprio consenso e curare la ‘morale’ della popolazione, la sua religiosità vaga, le nozze in chiesa con Donna Rachele, l’educazione religiosa dei figli, inginocchiarsi in un luogo di culto, accordo con la Chiesa per avversare ogni forma di emancipazione femminile, di socialismo e di massoneria
    – a dispetto della saggia affermazione di Agostino: temerariis iudiciis plena sunt omnia, tutto il mondo è pieno di giudizi avventati
    La rivista intende colpire vigliaccamente il quadro politico attuale in Italia, ma incredibile ed empia appare su una rivista portatrice del magistero ecclesiale, l’affermazione che la categoria degli atei devoti, nata nella destra d’Oltreoceano, venne accolta da Silvio Berlusconi e da buona parte del centrodestra con qualche incursione nel centrosinistra, mediata e rielaborata dal Foglio di Giuliano Ferrara, gestita dalla Cei guidata dal cardinale Camillo Ruini, che non perse tempo e approfittò, una volta caduto il comunismo, di un simile colpo di fortuna
    – Una stagione, continua con enfasi trionfalista, che è però finita, anche – ma non solo – grazie a papa Francesco.
    Conclude poi, con vergognoso impiego della storia come un palinsesto teatrale da interpretare a soggetto, che di quel tentativo di definire l’Occidente a colpi di crociate resta un grumo ideologico e identitario dai contorni sempre più inquietanti. Il fondamentalismo politico-religioso cristiano, di marca statunitense, sul quale convergono settori cattolici e evangelicali, usa appunto la religione contro l’altro – lo straniero, l’islamico, il diverso, il povero, l’escluso – come strumento ideologico unificante della destra, spesso xenofoba e razzista nelle sue versioni più estreme, ma quasi sempre aderente alle correnti pro-life più intransigenti.
    – In buona sostanza, la vita va difesa solo se è marxista e serve al marxismo o all’Islam. Ma a magra consolaziome dei cattolici, disorientati da simili strombazzature autorevoli, e degli storici onesti, possiamo affermare senza rischio di essere smentiti, che tutte le scelte politiche o ideologiche della rivista, che usurpa il nome di civiltà cattolica, dalla fondazione fino ad oggi, non ha mai individuato gli sbocchi sociali dei movimenti culturali mondiali e italiani, né ha mai aiutato i cattolici a fare scelte coerenti e autonome.

Lascia un commento