GUARESCHI EROE GLOBALE. UN CONVEGNO A BUSSETO, A NOVEMBRE.

26 Ottobre 2019 Pubblicato da --

Marco Tosatti

Cari amici e nemici di Stilum Curiae, è con particolare piacere personale che vi do notizia di un Convegno che si svolgerà fra meno di un mese a Busseto. Ve ne parlo ora perché Busseto per molti non è certo dietro l’angolo, e così chi avrebbe intenzione di essere presente può organizzarsi con calma. Mi ricordo he quando ero piccolo – ahimè molti anni fa – in casa vedevo libri di Giovannino Guareschi. E mi è stato raccontato che mio padre, che amava molto gli scrittori che sapessero far ridere e sorridere, si deliziava nella lettura del “Corrierino delle famiglie” di Guareschi; ed è una lettura gradevolissima anche oggi. Guareschi è lo scrittore italiano più tradotto al mondo. Anche se l’apparato della cultura marxista e marxisteggiante nel nostro sventurato Paese l’ha sempre sopportato con fastidio. Troppo disincantato, troppo umano, troppo poco irreggimentabile, troppo uomo.

§§§

Comunicato stampa Convegno Guareschi

Il 23 novembre 2019 alle ore 16:00 presso lo splendido e suggestivo Teatro Verdi di Busseto si svolgerà il convegno dal titolo: “Guareschi: Eroe globale. Quando Mondo Piccolo abbraccia Mondo grande.”:

Guareschi: un narratore, scrittore, giornalista e umorista capace di rappresentare trame di provincia,

costumi sociali di uno spaccato del mondo che è attuale in ogni tempo e in ogni luogo.

Il convegno ad ingresso gratuito, terzo appuntamento del Busseto Festival, vuole ricordare l’uomo come non catalogabile in etichette precostituite, uomo “autonomo” che della Verità ha fatto la propria guida non fermandosi mai alla superficie degli eventi.

Penna intelligente e acuta,  che attraverso ironia e sarcasmo tagliente, spesso “mordace” porta in superficie vicende umane anche “scomode” del 900’.

Ne parleranno testimoni d’eccezione: l’Arcivescovo Emerito di Ferrara-Comacchio Sua Eccellenza Mons. Luigi Negri, il Presidente di Lazard Italia Carlo Salvatori e lo scrittore Paolo Gambi. Moderatori e ideatori del convegno Gessica Menichelli e Riccardo Gotti Tedeschi, con il patrocinio del Club dei Ventitré e del Ministero dei Beni Culturali.

La rassegna del “ Busseto Festival Guareschi” avrà inizio il 9 novembre e  terminerà l’8 dicembre: è un progetto realizzato dal comune di Busseto in collaborazione con Ater , November Porc e il contributo di destinazione Turistica Emilia.

Il sindaco Giancarlo Contini  felicemente orgoglioso del Festival dedicato a Guareschi ha più volte ribadito “l’importanza della rassegna non soltanto dal punto di vista culturale poiché  il pubblico potrà conoscere il carattere e la poetica del Guareschi celebre in tutto il mondo attraverso mostre, convegni e proiezioni gratuitamente ma avrà modo di  vivere anche i luoghi dal punto di vista turistico che hanno ispirato questo scrittore letto e tradotto in tutto il mondo.”

§§§





 

SE PENSATE CHE

  STILUM CURIAE SIA UTILE

SE PENSATE CHE

SENZA STILUM CURIAE 

 L’INFORMAZIONE NON SAREBBE LA STESSA

 AIUTATE STILUM CURIAE!

ANDATE ALLA HOME PAGE

SOTTO LA BIOGRAFIA 

OPPURE CLICKATE QUI 




Questo blog è il seguito naturale di San Pietro e Dintorni, presente su “La Stampa” fino a quando non fu troppo molesto.  Per chi fosse interessato al lavoro già svolto, ecco il link a San Pietro e Dintorni.

Se volete ricevere i nuovi articoli del blog, scrivete la vostra mail nella finestra a fianco.

L’articolo vi ha interessato? Condividetelo, se volete, sui social network, usando gli strumenti qui sotto.

Se invece volete aiutare sacerdoti “scomodi” in difficoltà, qui trovate il sito della Società di San Martino di Tours e di San Pio di Pietrelcina


 LIBRI DI MARCO TOSATTI

Se siete interessati a un libro, cliccate sul titolo….


Viganò e il Papa


FATIMA, IL SEGRETO NON SVELATO E IL FUTURO DELLA CHIESA

Fatima El segreto no desvelado

  SANTI INDEMONIATI: CASI STRAORDINARI DI POSSESSIONE

  PADRE PIO CONTRO SATANA. LA BATTAGLIA FINALE

  Padre Pío contra Satanás

La vera storia del Mussa Dagh

Mussa Dagh. Gli eroi traditi

Padre Amorth. Memorie di un esorcista.

Tag: , ,

Categoria:

Questo articolo è stato scritto da wp_7512482

33 commenti

  • LucioR ha detto:

    Al di là della polemica pro o contro Gnocchi che non m’interessa, vedo che viene usato il termine “tradizionalista” in senso offensivo, come se fossimo in un blog – diciamo così – di Spadaro o di Tornielli. E’ vero che nella neo-lingua esso assume un significato che non gli è proprio, ed è usatissimo – a parte dai progressisti – anche da tutti i mezzi d’informazione o per ignoranza o a loro volta per essere offensivi, ma almeno qui penso sia bene intenderlo nel suo vero significato, nel senso cioè che affibbiarlo ad un Cattolico non è altro che un pleonasmo, allo stesso modo che lo è il termine “cristiano”.

  • Milli ha detto:

    Mi fa molto piacere che venga ricordato questo scrittore che, in quanto a valori cristiani, non è certo inferiore a Manzoni. Rivedo volentieri anche i film su Don Camillo e Peppone, anche se si perde parte della ricchezza e profondità dei libri.

  • Mac ha detto:

    Adesso ho capito: c’è scritto “eroe globale” !?!

    Saluti.

  • Mac ha detto:

    Povero Guareschi, salvò l’Italia dal comunismo e finì tradito da chi lo avrebbe dovuto ringraziare.

    Un gigante della letteratura ben superiore alla maggior parte dei Nobel del dopoguerra.

    Non so cosa potrebbe dire Salvatori se non metterci su il cappello.

    Saluti.

  • deutero.amedeo ha detto:

    Per la mia generazione, ormai in via di rapida e definitiva estinzione, Guareschi ha significato molto di più che un piacevole scrittore e giornalista. Per molti di noi ha costituito un punto di riferimento con un peso non indifferente anche da un punto di vista formativo. Mi fa piacere venire a conoscenza di questo convegno: il nostro caro Giovannino lo meritava proprio.

  • Massimiliano ha detto:

    Quasi dimenticavo… probabilmente personaggi piccoli piccoli di quel gruppetto di persone che si fa chiamare comunione e liberazione… Saluti. Massimiliano.

  • Massiliano ha detto:

    Invidia. Solamente invidia di 4 e ripeto 4 gonzi che non sono degni neanche di allacciare le scarpe a Gnocchi. Gente piccola e con poco coraggio che evidentemente non hanno mandato giù qualche boccone amaro, e che per questioni personali lapidano immediatamente il loro nemico. Onore a Gnocchi e un pensiero a Palmaro. Tra i primi se non proprio i primi che sentirono puzza di zolfo nel papa venuto dalla fine del mondo… Saluti.
    Massimiliano.

    • deutero.amedeo ha detto:

      Gnocchi? Ma non si doveva parlare di Guareschi?
      I suna a Palosc – mi ha detto Scarpe Grosse- e i bala a Antegnat. Pota! gh’è nagota de fa.

      • carlone ha detto:

        E i canta indoè?

      • MASSIMILIANO ha detto:

        Guardi Deutero che il nome di Gnocchi non l’ho certo tirato fuori io. Quindi eventualmente risponda agli utenti che per primi ne hanno parlato. In ogni caso sarà il dottor Tosatti a decidere se pubblicare o meno i miei post. Tosatti che ringrazio non solamente per aver pubblicizzato questa iniziativa, ma per tutto quello che sta facendo in questi anni. Ps. purtroppo on conosco il dialetto bergamasco… Saluti.
        Massimiliano.

        • deutero.amedeo ha detto:

          Se non conosce il dialetto bergamasco, vengo in suo aiuto. Letteralmente, il detto significa: suonano (fanno musica) a Palosco e ballano ad Antegnate. Palosco e Antegnate sono due piccoli paesi della pianura bergamasca distanti fra loro di alcuni chilometri. Il detto veniva popolarmente usato quando in una conversazione uno parlava di una cosa e un altro gli rispondeva parlando di tutt’altro. Oggi, più sciccosamente, si direbbe OT (Off Topic, o anche Off Thrade).

  • Lucis ha detto:

    Che cattiveria verso Gnocchi.
    Che succede? Scusate ma io non conosco queste beghe .
    Tra tradizionalisti noto spesso purtroppo tante divisioni

    • Grozio ha detto:

      Nessuna cattiveria, Lucis, ed io non sono affatto tradizionalista, al contrario di Gnocchi. Ma non ha il monopolio su Guareschi e nessuno glielo ha mai conferito di diritto. Ergo, il bravissimo Gnocchi quel giorno ascolterà e forse imparerà qualcosa. In armonia.

      • Massimiliano ha detto:

        Lei non solo non è tradizionalista, ma non è proprio nessuno… Saluti. Massimiliano.

        • Grozio ha detto:

          Caro Massimiliano, temo stia prendendo un bel granchio. Impari lei ad allacciarsi le scarpe. Conosco Gnocchi dal 1995 e sono stato buon amico del grande Palmaro col quale ho collaborato in diverse sedi. Non osi quindi creare divisioni dove non ci sono. Ringrazi semmai Tosatti che diffonde un’ottima iniziativa con eccellenti ospiti, di prestigio internazionale. Si capisce che lei per primo conosce poco Guareschi. Saluti.

    • trovatello ha detto:

      GNOCCHI , SE CI LEGGE , SI STA ARRABBIANDO, PER ESSER DIFESO DA LEI . INADEGUATO A PENSARE DI POTERLO FARE. .FORSE SI , DIVISIONI CI SON GRAZIE A BERGOGLIO CHE CONSIDERA I TRADIZIONALISTI PEGGIO CHE ERETICI , VISTO CHE LA DOTTRINA DEVE EVOLVERE CON LA REALTA’ CHE CAMBIA E I TRADIZIONALISTI , SECONDO BERGOGLIO E PERSONAGGI COME LEI,IMPEDISCONO AI CATTOLICI DI INTENDERE LA VERITA’ .LA QUALE STA MAGARI IN IDOLI PAGANI . IO NON CREDO CHE GNOCCHI SIA CONTENTO DI ESSER DIFESO DA UNO COME LEI.

      • Massimiliano ha detto:

        Non so se si riferisce me, in ogni caso le suggerisco di usare le lettere minuscole in quanto quelle maiuscole presuppongono maleducazione. Poi le faccio una domanda. Ma lei è italiano? Saluti.
        Massimiliano

        • tittarella ha detto:

          le lettere maiuscole presuppongono maleducazione ? perchè ? magari presuppongono solo mancanza di occhiali per veder e scrivere da vicino .

          • MASSIMILIANO ha detto:

            Sul web scrivere in maiuscolo equivale ad urlare. Poi le lascio volentieri credere ciò che vuole. Saluti.
            Massimiliano.

      • Eowin ha detto:

        Come volevasi dimostrare….uno lancia una provocazione…e tanti dietro ad ingrandirla…se siete cristiani dovreste sapere che Satana è il divisore e bugiardo…le provocazioni devono essere ignorate…e OGNUNO dei cristiani che aiuta a conoscere meglio i nostri grandi uomini È il benvenuto, parrocchietta o palazzo vescovile che sia…

  • Clementino ha detto:

    Gnocchi professore di cosa? Grazie Tosatti per la notizia, io e i miei amici del canton Ticino non mancheremo. Finalmente possiamo ascoltare testimoni di mondo fuori dalla solita cerchia di espertini da parrocchia. Guareschi merita di più!

  • paolo contini ha detto:

    Benissimo , noi amici di Guareschi di Parma e Reggio , ci saremo . Benissimo i relatori , anche perchè non sono i soliti che pretendono di parlare solo loro di Guareschi. Complimenti.

  • franz ha detto:

    FINALMENTE UNA NOTIZIA CONSOLANTE , Riscoprire Guareschi , che bella idea! è ingresso liero o ad inviti ?

  • creazionista ha detto:

    Ho trovato bello e d’interesse storico l’ultimo libro
    Guareschi- L’Italia sulla graticola. Scritti e disegni per “il Borghese” 1963-1964- Rizzoli 2019

  • Lucis ha detto:

    Il prof. Gnocchi non ci sarà? È un grande esperto

    • Grozio ha detto:

      A parte il fatto che Gnocchi non è professore,se per caso verrà si siederà tra il pubblico ad ascoltare. Perché quel pomeriggio avrà da ascoltare Negri, Salvatori e pure Gambi.

    • roth ha detto:

      si è vero, ma è convito di essere l’unico esperto. E continua a dire le stesse cose. Condivido che sia bravo ed esperto. ma ogni tanto è bene sentire anche pensieri e voci nuove.

    • gionata ha detto:

      Sarà anche un grande esperto,ma non ha il monopolio di Guareschi . Meglio mons.Negri o questo giovane emergente Gambi che scrive identificandosi con Guareschi. Credo persino disegnando come Guareschi .