MICHAEL VORIS: TUTTI I DISASTRI DEL SINODO. MA È BENE CHE EMERGA IL MALE.

24 Ottobre 2019 Pubblicato da --

 

Marco Tosatti

Cari Stilumcuriali, oggi vi presentiamo la traduzione di un intervento apparso su Church Militant fatto da Michael Voris. Church Militant è un sito americano, molto coraggioso e critico della situazione della Chiesa, che nei mesi passati ha compiuto ottimi reportage sugli abusi e sulle coperture nelle diocesi americane. Chi padroneggia l’inglese può leggere l’originale, e sentire la voce di Michael Voris. Si tratta di una disamina molto severa, ma che può aiutare a capire quali siano i sentimenti di molti cattolici d’oltreoceano; e che certamente aiuta a spiegare anche il calo brutale nel sostegno economico alla Santa Sede dagli USA. Buona lettura.

§§§

Il sinodo del sole

Sta diventando più evidente che questi vari sinodi tenuti a Roma non sono affatto dei sinodi, non nel senso autentico di come dovrebbe essere un sinodo. Nel mondo reale dei sinodi, alcune questioni urgenti che necessitano di deliberazione, pensiero, discussione e preghiera sono portate davanti a un numero piuttosto elevato di vescovi e, dopo qualche tempo, forniscono al Santo Padre una consultazione su come trattare o affrontare il problema presentato. Questo sinodo attuale, insieme a quelli passati, ha solo l’apparenza di di quei sinodi; quando, in realtà, la maggior parte di ciò che verrà stabilito è già stato predeterminato.

Cominciamo subito con l’argomento in corso a Roma: una carenza di sacerdoti in Amazzonia. Sul serio? Questo argomento ha a disposizione un mese – un mese intero – mentre il problema che scuote la Chiesa fino in fondo – l’abuso sessuale, in gran parte omosessuale – è durato tre giorni lo scorso febbraio. E non era nemmeno un sinodo. Diamine, dopo il vino, le cene e il limoncello, saresti fortunato se più di qualche ora fosse effettivamente dedicata all’argomento. Ma qui abbiamo il caso di qualcosa che si adatta bene all’agenda della Sinistra, rivestito da un vocabolario dal suono spirituale, e siamo partiti per le razze.

Ma è successa una cosa divertente sulla strada per il Forum: una serie di catastrofi nelle PR per gli organizzatori del Sinodo, non ultimo il rapimento di Pachamama da parte di Commandos cattolici, cha ha provocato una risposta ipocrita da parte del Vaticano sul “furto” – proprio nel bel mezzo di uno scandalo da mezzo milione di dollari da parte di cardinali corrotti.

Mesi fa, il documento di lavoro – una sorta di guida all’ordine del giorno chiamato Instrumentum Laboris – è stato reso pubblico, ed è stato immediatamente contestato e demonizzato per le quantità di eresie e apostasie contenute in esso. Ciò ha causato un contraccolpo così forte che che alla prima riunione della stampa sinodale, nientemeno che il segretario del Sinodo, il card. Lorenzo Baldiserri ha dovuto minimizzare l’importanza del documento davanti ai giornalisti riuniti.

Poi, anche prima che il vero sinodo iniziasse, ci fu lo spettacolo della cerimonia della piantagione di alberi per adorare la Madre Terra nei giardini Vaticani, completa di una statua di una dea nuda incinta, o di una donna, o altro; nessuno sembra disposto a dire cosa o chi è in maniera ufficiale.

Quindi, all’interno delle mura vaticane, gli uffici della Segretaria di Stato sono stati perquisiti segretamente – segreto, cioè fino a quando qualcuno non ha fatto filtrare le informazioni ai media italiani e il Capo della sicurezza vaticana ha finito per cadere sulla sua spada per l’intera faccenda.

Il motivo del raid, almeno in parte? Arrivare in fondo a un furto di mezzo miliardo di dollari dal fondo dell’obolo di san Pietro (Peter Pence) da parte di prelati di alto rango che sono tutti vicini a Peter (il papa), che hanno usato i soldi, in parte, per acquistare proprietà incredibilmente costose a Londra, apparentemente a scopo di investimento.

Quindi viene fuori che Papa Francesco, quando viene interrogato, ha detto agli intimi che vuole tutta questa confusione perché si adatta a un modello di riallineamento, che porta a esistere una nuova comprensione della Chiesa.

Sfide crescenti da parte di fedeli giornalisti cattolici nella sala stampa sulle anomalie temporali e spirituali, prelati che vengono inseguiti per strada e si rifiutano di rispondere alle domande più elementari. Niente di ciò buono.

Quindi la notizia della bomba pubblicata da ungiornalista ateo amico del papa, e cioè che Francesco non crede davvero che Gesù fosse divino mentre camminava sulla terra – un’accusa che inizialmente il Vaticano non ha negato, ma poi ha dovuto assumere una posizione più forte, a causa della copertura calamitosa.

Quindi si apre un problema che gli organizzatori del Sinodo non avrebbero potuto pianificare – infanticidio (fra le tribù amazzoniche, N.d.R.) – e hanno perso la testa nella sala stampa, negando tutto, solo per  trovarsi davanti al rivelazione che non solo questa è una realtà reale, ma che la Conferenza dei vescovi brasiliani lo sapeva e aveva pubblicato dei link sul suo sito Web, solo per cercare di nasconderlo il giorno successivo, eliminando tutti i collegamenti, dopo che un intrepido giornalista italiano ne aveva scritto, ed erano usciti titoli sulla stampa internazionale.

Quindi, pochi giorni dopo, veniamo a sapere che uno dei principali gruppi organizzativi dietro il Sinodo ha ricevuto milioni di dollari in sovvenzioni dalla Ford Foundation, con sede negli Stati Uniti, uno dei maggiori sostenitori internazionali di aborto e agenda omosessuale al mondo.

Quindi apprendiamo che veri comunisti sono stati invitati sotto l’ombrello del teologo della liberazione di lunga data card. Cláudio Hummes, che poi nega di avere qualcosa a che fare con loro, anche dopo che i comunisti lo ringraziano pubblicamente per averli portati.

 

E, quasi come contorno, l’idea che un elenco di cosiddetti “peccati ecologici” fosse presa in considerazione ha portato una reazione di ridicolo quasi immediato da tutto il mondo.

Poi sono state lanciate, sottilmente, accuse velate di imperialismo o di colonialismo contro fedeli cattolici che vorrebbero intensificare lo sforzo di evangelizzazione e non solo l’inculturazione.

Per quanto riguarda le pubbliche relazioni, questi sono stati un disastro senza riserve per il Vaticano.

In effetti, l’assalto di una copertura giornalistica critica (e veritiera) ha così sconvolto e fatto infuriare i marxisti all’interno del Vaticano, che nientemeno che lo speciale pitbull papale Antonio Spadaro ha ritenuto necessario scatenarsi da dietro le mura lo scorso venerdì, attaccando i fedeli cattolici che riportano tutto questo. Ha twittato che tutto ciò è in qualche modo politicamente motivato: “dalla fede alla politica tutto è collegato”.

Apparentemente Spadaro non si è fermato a considerare che quella porta oscilla in entrambi i sensi, ed è evidente in questo sinodo. Sì, si tratta di politica.

Guarda l’elenco di tutto ciò che ha rivelato: adorazione della dea, rubare centinaia di milioni da Peter’s Pence, infanticidio, finanziamenti da parte dei giganti dell’aborto, domande sulla mancanza di fiducia del papa nella divinità di Nostro Signore, partecipazione attiva dei comunisti, un elenco di peccati mai sentiti prima: questi non sono gli ingredienti di un sinodo vaticano di successo. Aggiungete a ciò il sospetto dilagante che, come i sinodi precedenti, il risultato sia già predeterminato perché il mazzo dei partecipanti è stato raggruppato scegliendo in gran parte solo membri liberali o radicali, e abbiamo quello che viene chiamato uno spettacolo di “cani e pony”.

Non poche persone pensano che il documento finale sia già stato scritto, con forse solo alcune piccole modifiche da fare. Quindi il Sinodo stesso, tutte le discussioni, le conferenze stampa quotidiane, persino il voto finale non sono altro che un grande lavoro di immagine. Il documento finale, anche prima che sia stato scritto, è tranquillamente già nascosto nel cassetto di un cardinale, pronto per essere estratto al momento giusto. Che questo pensiero possa persino esistere, e quindi essere apertamente discusso, e tanto meno essere più o meno creduto, dice molto sull’attuale situazione in Vaticano.

Roma è sempre più vista come una raccolta di bugiardi, omosessuali, ladri, artisti dell’inganno, eretici e marxisti. Quindi, se questa è l’immagine che questo sinodo mette a fuoco – se è quello che ha rivelato tutto questo raggio di sole – allora forse non è stata una totale perdita di tempo dopo tutto. La chiarezza è sempre buona. Capire esattamente cosa stia succedendo non è mai una cosa negativa. Aiutare le persone a vedere e comprendere facilmente il disordine – è sempre utile.

Qualunque sia il dissenso radicale, teologico, battezzato che emerge da questo, una volta che tutta la polvere si è depositata, il Sinodo dell’Amazzonia potrebbe benissimo essere ricordato non per aver creato un piccolo spazio per il clero sposato o per aver sognato una “teologia ecologica integrale” – qualunque cosa sia – ma per essere il Sinodo del Sole, dove tutta la corruzione è stata finalmente portata alla luce del giorno per essere vista da tutti.

Pachamama non può essere contenta di questo risultato.

§§§




 

 

SE PENSATE CHE

  STILUM CURIAE SIA UTILE

SE PENSATE CHE

SENZA STILUM CURIAE 

 L’INFORMAZIONE NON SAREBBE LA STESSA

 AIUTATE STILUM CURIAE!

ANDATE ALLA HOME PAGE

SOTTO LA BIOGRAFIA 

OPPURE CLICKATE QUI 




Questo blog è il seguito naturale di San Pietro e Dintorni, presente su “La Stampa” fino a quando non fu troppo molesto.  Per chi fosse interessato al lavoro già svolto, ecco il link a San Pietro e Dintorni.

Se volete ricevere i nuovi articoli del blog, scrivete la vostra mail nella finestra a fianco.

L’articolo vi ha interessato? Condividetelo, se volete, sui social network, usando gli strumenti qui sotto.

Se invece volete aiutare sacerdoti “scomodi” in difficoltà, qui trovate il sito della Società di San Martino di Tours e di San Pio di Pietrelcina


 LIBRI DI MARCO TOSATTI

Se siete interessati a un libro, cliccate sul titolo….


Viganò e il Papa


FATIMA, IL SEGRETO NON SVELATO E IL FUTURO DELLA CHIESA

Fatima El segreto no desvelado

  SANTI INDEMONIATI: CASI STRAORDINARI DI POSSESSIONE

  PADRE PIO CONTRO SATANA. LA BATTAGLIA FINALE

  Padre Pío contra Satanás

La vera storia del Mussa Dagh

Mussa Dagh. Gli eroi traditi

Padre Amorth. Memorie di un esorcista.

Tag: , , ,

Categoria:

Questo articolo è stato scritto da wp_7512482

15 commenti

  • Benson ha detto:

    E’ bene che il marcio venga fuori.
    Ma una sequenza di castronerie così incredibili e impensabili un tempo mi porta a sospettare che questo spettacolo sgomentevole sia voluto. E se si ammette che la Chiesa possa essere stata infiltrata dai suoi nemici, allora tutto questo circo serve a deturpare e ridicolizzare il Papato e la Chiesa.

  • virro ha detto:

    Giusta analisi.
    Bergoglio = l’uomo in maschera
    Bergoglio: forse il suo pensiero è dominato da uno spirito di GRANDE confusione, non sa, o, non può comunicare la verità? meglio dire la lealtà?
    In quel giorno (come per ogni essere vivente – che ci si creda o no) quanto dovrà restituire per la GRANDE responsabilità avuta o presa!?

  • Sulcitano ha detto:

    I frequentatori di questo ulteriore sinodo di ispirazione bergogliana, hanno mostrato in pensieri ed opere di essere in piena confusione mentale e spirituale. Il tutto ha realmente dell’incredibile e porta a pensare che i suddetti prelati, nella loro supponente superbia , abbiano pensato di poter fare a meno della guida di Dio Spirito Santo, forse perché anche distratti dalle panciute dee amazzoniche o dall’idolo super dotato. Di fede e di Gesù, non hanno considerato utile discettarne dal momento che dal 13 febbraio 2013 è compito esclusivo riservato a papa Bergoglio con la preziosa collaborazione di Eugenio Scalfari, mitico “Barbapapà”, noto ateo e mangiapreti. I brillanti risultati sono conosciuti e plauditi “Urbi et orbi”. Pietà di noi Signore, liberaci da tali afflizioni.

  • TITTOTAT ha detto:

    E volete ancora prove di quale razza di persone esce dagli istituti teologici? dovevano essere questi a difendere la sana dottrina?
    Ora hanno il lasciapassare amazzonico.
    http://www.ilgiornale.it/news/cronache/riti-esoterici-circuire-anziani-e-disabili-arrestata-1774408.html

  • TITTOTAT ha detto:

    Capire esattamente cosa stia succedendo non è mai una cosa negativa…
    il problema è che alla maggior parte dei fedeli è tenuto nascosto tutto questo male, questi seguono rai, mediaset, la7, tv2000, pptv, radio maria, che nessuna informazione danno al riguardo e così anche parroci e vescovi, muti, muti, muti.

    • Gian Piero ha detto:

      E’ proprio vero: quasi tutti i miei conoscenti cattolici o non sapevano neanche di cosa si trattasse , non essendo affatto interessati al Sinodo amazzonico, o hanno letto imprecise notizie di “integralisti cattolici” che rubano delle statuette indios in una chiesa e le buttano nel tevere così, senza senso.
      La maggioranza dei cattolici si è anche bevuta ai suoi tempi la versione che il dossier di ‘accusa del Nunzio Vigano’ al papa, era una oscura manovra degli ultraconservatori americani contro il buon Francesco.
      e’ difficile penetrare la corazza dei padroni dei media e dei “padroni del discorso”

  • non sono die nostri ha detto:

    Non ne possiamo più: menzogne al vertice della Chiesa! Sono peggio delle multinazionali quando ristrutturano (“distruggono”) le aziende. Via da questa gentaglia e niente soldi.

  • antonio cafazzo ha detto:

    Stimato Dr. Tosatti, dal sito “https://radiocristiandad.wordpress.com/2019/10/23/nada-como-comenzar-el-dia-con-un-gran-plato-de-adoctrinamiento-lgbt/” le ho tradotto questo articolo sulla dissoluzione del mondo attuale (E’ comunque una traduzione dall’inglese di un articolo apparso sul sito che appare in calce). La disgregazione è galoppante (a parte il feticismo dell’Alto-clero) e sembrano avverarsi le parole dell’Apocalissi (”Faceva sì che tutti, piccoli e grandi, ricchi e poveri, liberi e schiavi ricevessero un marchio sulla mano destra e sulla fronte; e che nessuno potesse comprare o vendere senza avere tale marchio, cioè il nome della bestia o il numero del suo nome”).

    Consideri lei se pubblicarlo. Con stima.
    ****

    «Kellogg annuncia un cereale speciale per la colazione pro gay, lo scopo è quello di raccogliere fondi per il ‘lavoro di difesa LGBTQ’.

    L’iconica marca di cereali Kellogg si sta imbarcando nella sua più alta incursione nel mondo della politica d’identità con l’annuncio di un cereale confezionato appositamente destinato a sostenere il gruppo di lobbying di sinistra LGBT GLAAD.
    All Together Cereal è un pacchetto di varietà di fiocchi di mais, Froot Loops, Frosted Flakes, Frosted Mini Wheats, Raisin Bran e Rice Krispies in edizione limitata, con animali di ogni marca che appaiono insieme nella stessa scatola. È stato creato in riconoscimento della Giornata dello Spirito 2019 di GLAAD (https://www.glaad.org/spiritday), che l’organizzazione considera come un “mezzo per parlare contro l’intimidazione LGBTQ e sostenere i giovani LGBTQ”.
    Il pacchetto è un “simbolo di accettazione indipendentemente da come lo si guarda, da dove o da chi si ama”, dice Kellogg, e aggiunge che sta donando $ 50,000 a GLAAD per sostenere il suo lavoro di difesa contro il bullismo LGBTQ”.
    “Uno dei più grandi produttori di cereali del paese vuole che tu abbia una conversazione con i tuoi figli al momento della colazione su sesso e genere”, ha deplorato l’esperto conservatore Todd Starnes. “Non c’è niente come iniziare la giornata con un grande piatto di indottrinamento LGBTQIA + (se ho omesso una lettera, non era intenzionale)”.
    Questo è ben lungi dall’essere il primo esempio delle inclinazioni aziendali pro-LGBT di Kellogg. La società promuove diversi premi per la “diversità” e la “inclusione”, e la rete di istruzione per gay e lesbiche (GLSEN) ha precedentemente riconosciuto Kellogg come uno dei suoi “partner più rispettosi”.
    I consumatori interessati a saperne di più sui pregiudizi ideologici dietro le principali marche del mondo possono visitare “2nd Vote” (https://www.2ndvote.com/company-scores/) per ottenere informazioni complete sui contributi di numerose aziende a numerose cause politiche e sociali.

    Fonte
    https://www.lifesitenews.com/news/kellogg-announces-special-cereal-to-raise-money-for-glaads-lgbtq-advocacy-work

  • Pier Luigi Tossani ha detto:

    sì, è bene che il marcio venga a galla.

    “che certamente aiuta a spiegare anche il calo brutale nel sostegno economico alla Santa Sede dagli USA”.

    Io sarà cinque anni minimo che ho dirottato l’otto per mille sugli Ortodossi.

  • pezzogrosso ha detto:

    bella analisi , ma non concordo con la conclusione. TUTTA LA CORRUZIONE VERRA’ PORTATA ALLA LUCE DEL SOLE ? Temo che la vera corruzione,, quella della fede , sia quella da portare alla luce del sole .E quella invece verrà oscurata .

  • Maria Grazia ha detto:

    Certamente era già stato tutto deciso prima, anzi già deliberato prima. Bergoglio, del resto, non è senz’altro il Papa dell’ascolto e del dialogo: sei anni di Pontificato lo dimostrano. Bergoglio ha deciso l’indizione di un Sinodo per confermare quello che aveva già deciso: si capisce bene anche dagli invitati a tale consesso.
    Del resto “non tutto il male vien per nuocere”, concordo con l’analisi condotta da “Church militant”: è bene che tutto il marcio che c’è nel governo della Chiesa cattolica venga fuori alla luce del sole. C’è bisogno di rifondare la Chiesa sulle solide basi del Vangelo e questo non si può fare accettando di convivere con l’ipocrisia, la pedofilia, l’eresia, l’idolatria e il potere finanziario. Occorre spazzare via tutto ciò che nella Chiesa ha preso il posto di Cristo , senza voler continuare a chiudere gli occhi e le orecchie per ….. il quieto vivere.

  • Luigi ha detto:

    Aggiungerei un fatto apparentemente marginale: avete notato che in questo periodo il panzer “sinodo vincolante teutonico” ha fermato i motori, dopo aver sparato colpi nei mesi passati? È come se aspettasse qualcosa… un qualcosa che si chiama documento finale del sinodo amazzonico, se non esortazione apostolica. E cosa si aspettano di leggere su quei documenti i nostri allegri panzergrenadier? Il via libera ai preti sposati e alle donne prete. Per i matrimoni gay ci penseranno loro o il concilio australiano.
    E poi un povero cattolico detto dispregiativamente “paolotto sgranarosari” si chiede sommessamente: “Ma in tutto questo, lo Spirito Santo cosa c’entra?”
    Preghiamo, preghiamo e ancora preghiamo.

    • Davide ha detto:

      Ecco… il Sinodo dei Vescovi tedeschi…. quello dal quale Bergoglio affermò (a mio modesto avviso, dissimulando) uno scisma.
      Che fine ha fatto ?
      Ha qualche notizia da darci, dott. Tosatti ?

      • Luigi ha detto:

        Finito il sinodo fantamazzonico si faranno vivi. È questione di tempo. Hanno pianificato tutto, tranne il giudizio di Dio…