ANCORA SUL CARD. SARAH. IL MESSAGGIO DI UN ANZIANO LETTORE.

12 Ottobre 2019 Pubblicato da --

Marco Tosatti

Cari Stilumcuriali, l’intervista del cardinale Robert Sarah continua a suscitare reazioni nel pubblico. Ci è giunta la lettera di un anziano lettore di Stilum Curiae, che ci sembra interessante condividere con voi. Buona lettura. 

§§§

Gentile dottor Tosatti, ho novant’anni e poco davanti a me, negli ultimi 7 anni ho vissuto avvenimenti inimmaginabili che stanno facendo vacillare fede, e speranza. Certo io potrò resistere, ma sono angosciato per i miei figli e i miei nipoti.

Sapranno i miei figli ancora vivere la fede che ho loro insegnato e i nipoti conosceranno la Verità. Una Verità che in questi ultimi tempi vedo trattare come fece Pilato, cui la Verità non interessava affatto.

Negli ultimi 7 anni ho visto tradire il mandato da parte di un Papa che io amavo e apprezzavo moltissimo.

Ho visto confondere la missione della Chiesa da parte del suo successore.

Ho letto l’intervista di un Cardinale di cui avevo letto tutti i consolanti libri, che mi confortava solo guardandolo, il card. Sarah, un uomo santo. In questa intervista però non si esprime dicendo : – sì sì, no no -; dice chiaramente “ni ni, so so”, sprofondandomi in riflessioni e considerazioni che ormai fatico ad affrontare da solo.

Ho letto sul suo blog un commento scritto da tal Osservatore Marziano, che mi ha confermato quello che avevo percepito con le mie modeste facoltà.

Alla mia età è tremendo pensare di non potersi più abbandonare nelle braccia del Signore, perdere la speranza della vita eterna, perdere la pace nei tempi di malattie sempre meno curabili (lo so, sono un medico).

In questi ultimi tempi sembra tutto esser messo in discussione, tutto: cosa è Verità, misericordia, peccato, valore dei sacramenti, evangelizzazione, liturgia della Messa.

Nel Papa io ho sempre visto Pietro, e dove Pietro li è la Sua Chiesa. Ma Pietro quando Gesù gli chiese chi Lui fosse, rispose “Tu sei il Cristo, figlio del Dio vivente”, confessando la sua divinità, riconoscendo che solo Lui è Via, Verità, Vita.

Diventando Pietro la roccia, fondamento fermo della Chiesa. Perciò mi preoccupo quando sento o leggo che, di fatto, devo obbedire al Papa qualsiasi cosa comandi; come faccio se il Papa sembra esser disunito da Cristo?

Senza Cristo la nostra vita non è nulla, una illusione menzognera, un tradimento. Nell’intervista, quel Santo Cardinale Sarah, dice che il Papa parla ogni giorno di Gesù ed ogni sua azione è originata in Cristo; dice che il Papa è un pastore che scende a recuperare la pecorelle smarrite e e cercare quelle fuori dal gregge. Ma io, che non ho la grazia del card. Sarah, osservo un comportamento esattamente opposto. Forse il card. Sarah ha adottato una strategia soprannaturale che io vecchio – testardo nella fede- non capisco.

Ma il Cardinale con questa intervista mi ha confuso, togliendomi un po’ di speranza. Grazie per l’eventuale ospitalità.

(lettera firmata )

§§§



SE PENSATE CHE

  STILUM CURIAE SIA UTILE

SE PENSATE CHE

SENZA STILUM CURIAE 

 L’INFORMAZIONE NON SAREBBE LA STESSA

 AIUTATE STILUM CURIAE!

ANDATE ALLA HOME PAGE

SOTTO LA BIOGRAFIA 

OPPURE CLICKATE QUI 




Questo blog è il seguito naturale di San Pietro e Dintorni, presente su “La Stampa” fino a quando non fu troppo molesto.  Per chi fosse interessato al lavoro già svolto, ecco il link a San Pietro e Dintorni.

Se volete ricevere i nuovi articoli del blog, scrivete la vostra mail nella finestra a fianco.

L’articolo vi ha interessato? Condividetelo, se volete, sui social network, usando gli strumenti qui sotto.

Se invece volete aiutare sacerdoti “scomodi” in difficoltà, qui trovate il sito della Società di San Martino di Tours e di San Pio di Pietrelcina


 LIBRI DI MARCO TOSATTI

Se siete interessati a un libro, cliccate sul titolo….


Viganò e il Papa


FATIMA, IL SEGRETO NON SVELATO E IL FUTURO DELLA CHIESA

Fatima El segreto no desvelado

  SANTI INDEMONIATI: CASI STRAORDINARI DI POSSESSIONE

  PADRE PIO CONTRO SATANA. LA BATTAGLIA FINALE

  Padre Pío contra Satanás

La vera storia del Mussa Dagh

Mussa Dagh. Gli eroi traditi

Padre Amorth. Memorie di un esorcista.

Tag: , ,

Categoria:

Questo articolo è stato scritto da wp_7512482

115 commenti

  • Fabio ha detto:

    Dice Gesù a santa Caterina: “A chi lascio le chiavi di questo Sangue? Al glorioso apostolo Pietro e a tutti gli altri, che sono venuti o verranno, di qui all’ultimo dì del giudizio, cosicché tutti hanno ed avranno quella medesima autorità che ebbe Pietro. Per nessun loro difetto diminuisce questa autorità. (…) Così il Cristo in terra, che è il sommo Pontefice, tiene le chiavi del Sangue… (Essi sono i miei unti (sacerdoti), e perciò dissi per mezzo della Scrittura: Non vogliate toccare i miei cristi. L’uomo che se ne fa punitore, non potrebbe cadere in una rovina maggiore”.

  • Massimo ha detto:

    Spiace, ma l’atteggiamento del Cardinale Sarah si è allineato a quelli che “sperano” di poter cambiare le cose alla successione di Bergoglio; non hanno capito che anche quella è già stabilita e che non cambierà nulla, al contrario la chiesa (falsa) sarà ancora più “stravagante” (parole di C.Emmerich) ma…. è corretto quello che ha scritto i’anziato lettore: alla fine, ALLA FINE (quindi tutto deve accadere come è scritto), il Cuore Immacolato di Maria trionferà !!

  • 10 agosto ha detto:

    Gentilissima utenza,

    Nonostante mi limiti a commentare di rado e a farlo talvolta in maniera piccata, sono da quasi due anni un assiduo lettore di questo blog. Apprezzo grandemente l’opera di divulgazione svolta dal vaticanista Tosatti, così come la vis polemica dei vostri commenti.
    Vorrei però in quest’occasione manifestarvi brevemente il mio disappunto, anzi, la mia profonda tristezza nel leggere alcuni commenti supponenti ed ingiuriosi nei confronti di Papa Benedetto XVI, del cardinale Robert Sarah e di altri. Mi permetto di rammentarvi che nessuno di noi conosce o può pretendere di conoscere le cause della rinuncia del Papa Emerito, né nelle circostanze nelle quali questa è avvenuta, né esprimere giudizi di merito sul percorso intellettuale che ha condotto l’allora padre Ratzinger dalla teologia neomodernista all’ortodissia, né ancora giudicare le affermazioni del cardinale Sarah in tono tanto sprezzante, svolgendo un vero e proprio processo alle intenzioni. Il mondo della Curia romana, per colore che un minimo lo conoscono (e non dai libri di Nuzzi o di Socci), è alquanto complicato, ed eviterei di esprimermi senza cognizione di causa, come alcuni fanno. Questo non significa privarsi di ogni facoltà di critica, ma occorrerebbe almeno esercitarla con prudenza.
    Certo, anche io sono smarrito, al pari di voi. Anche io sono addolorato, profondamente. E proprio per questo, vi prego, non unite dolore al dolore. Sono un peccatore, così come lo siete voi. Forse sono troppo peccatore e troppo giovaneper apprezzare – foto tra gli altri – un’espressione come “ho lottato tutta la vita contro il peccato” da parte di un utente tra i commenti di un blog. Sono lieto che l’autore lo faccia e, ne sono certo, che lo faccia più e meglio di me. Ebbene, esorto lui ed esorto tutti voi a continuare questa lotta, senza superbia, con umiltà, cercando di tacere laddove vi sono ragioni che non ci è dato conoscere.
    Vi ringrazio.

  • Fran ha detto:

    Il Cardinale Sarah per me è un punto di riferimento. Uomo molto saggio e che ha responsabilità delle conseguenze delle proprie dichiarazioni. Credo che voglia evitare un scisma nella chiesa, evento che sarebbe devastante.
    A me non piace Papa Francesco, ma preti bravi che affermano la dottrina della Chiesa e che parlano con chiarezza e coraggio ci sono.
    Bisogna pregare per la Chiesa e per i sacerdoti. È quello che fa Papà Benedetto come Papà emerito.

  • Rafael Brotero ha detto:

    Il Papa va obbedito.
    Berggy non è Papa.
    E il falso problema svanisce nell’aria. Come tutti gli altri che fanno questa ridicola crisi il cui protagonista è la codardia generale del clero.

  • Luca Checcucci ha detto:

    Questa storia dell’obbedienza cieca al papa comincia ad essere stantia. Si deve obbedire al Papa quando si comporta come tale e cioè da Vicario di Cristo, ruolo al quale proprio Gesù lo ha designato. La domanda però è:”ma il papa regnante sempre e sicuramente il Vicario di Cristo?”. Se leggiamo la II lettera di San Paolo ai Tessalonicesi direi di no, perché parla in modo esplicito di apostasia della Chiesa, che non si può realizzare senza l’apostasia del papa. Il concetto è ribadito nel Catechismo della Chiesa Cattolica di San Giovanni Paolo II, il quale tra l’altro, nella costituzione apostolica Universe Dominici Gregis scomunica quei cardinali che al momento del conclave, invece di ascoltare la voce dello Spirito Santo ascoltano e privilegiano interessi di parte. Con tutto ciò voglio dire che la Sacra Scrittura e la Chiesa ammettono in modo chiaro che possa essere eletto un papa estraneo alle indicazioni dello Spirito Santo. Allora la domanda vera che ci dobbiamo porre è:”Anche a questo papa che sicuramente non è Vicario di Cristo, dobbiamo obbedienza ?”. A mio modo di vedere la domanda è spudoratamente
    retorica. Se poi ci domandiamo perché Dio consente che possano essere eletti simili papi, la risposta la troviamo nel modo di predicare di Gesù che al popolo parlava solo per parabole, mentre ai suoi in modo chiaro. Evidentemente perché voleva e vuole (il Vangelo è sempre attuale) che ci mettiamo del nostro.

    • Rafael Brotero ha detto:

      Se puoi scegliere quello a che obbedisci, obbedisci solo a te stesso. Questo è disobbedienza, il contrario della obbedienza. Figuriamoci un esercito in una battaglia dove ogni soldato obbedisce solo agli ordini che approva!
      Il Papa va obbedito. 60 anni di sedevacantismo pratico da parte dei tradizionalisti ha obnubilato questa verità di fede. I neolefebvriani s’inginocchiano davanti a Berggy ma non solo non leggono quello che scrive, come credono pericolosa la lettura dei testi papali dai laici. Se questo è cattolico, viva San Lutero! E pensare che chi dice che il Papa non va obbedito sono i presunti tradizionalisti, i difensori della fede!! E non si tratta di una disobbedienza puntuale, ma sistematica e totale.
      Questa questione è un ottimo metro per misurare la profondità dell’abisso dov’è caduta la Chiesa. Una discussione impensabile 100 anni fa. Joseph de Maistre, pensatore dell’ obbedienza, diceva che l’ idea di un Papa eretico è ridicola.
      Questi sono falsi problemi che si risolvono con la constatazione di questa verità lapalissiana che tutti conoscono ma nessuno ha il coraggio di proclamare: Berggy non è Papa.

      • Luca Antonio ha detto:

        Qui ragiona bene:
        B. non e’ papa.

      • Sherden ha detto:

        “Se puoi scegliere quello a che obbedisci, obbedisci solo a te stesso. Questo è disobbedienza, il contrario della obbedienza. Figuriamoci un esercito in una battaglia dove ogni soldato obbedisce solo agli ordini che approva!”

        Uno obbedisce a qualcosa che riconosce superiore a sé, altrimenti si attorciglia solo su se stesso.
        Noi dobbiamo obbedienza a Gesù Cristo e a tutto ciò che lo rappresenta degnamente, mentre dobbiamo disobbedienza al Maligno, in tutte le sue forme (comprese quelle Amassoniche).
        Riguardo all’esercito, se lei ha fatto il servizio militare dovrebbe ricordare che fra gli insegnamenti alle reclute ce n’era uno significativo: non è dovuta obbedienza al superiore in grado quando i suoi ordini sono manifestamente contrari al Codice Militare e alla Costituzione Italiana. Se un superiore mi ordinasse di fucilare senza processo civili innocenti e inermi HO IL DOVERE DI NON OBBEDIRE.

        Non è che, per obbedienza, dobbiamo portare il cervello all’ammasso.

  • Francesco Grisorio ha detto:

    Questi giorni l’intervista del Card. Sarah e le parole dette o non dette da Papa Francesco e riferite da Scalfari si sono intrecciate creando un certo cortocircuito di allarme, indignazione e delusione. Ci siamo lasciati prendere dalla foga di esigere smentite nette dalla sala stampa della Santa Sede sulle parole del Papa. Smentita arrivata e assolutamente non convincente! Poi ci siamo aggrappati alle parole del Cardinale per ricevere sostegno e sicurezza e non l’abbiamo ricevuti! Sembra di essere in un vicolo cieco e disperante. Come credenti non abbiamo bisogno delle smentite della sala stampa. Al contrario abbiamo l’esigenza di ascoltare dalla sala stampa e da tutta la Curia papale una professione di fede sincera e convinta: “CRISTO E’ VERO DIO E VERO UOMO”. Il problema è di fede, non di ragionamenti sulle parole del Papa. In questa situazione ci viene incontro San Paolo: “Fratelli, anche quando uno sia sorpreso a commettere una colpa, voi, che siete guidati dallo Spirito, correggete costui con spirito di mitezza; e tu abbi cura di te stesso, perché non abbia a soccombere tu pure nella tentazione. Portate vicendevolmente i vostri pesi, così compirete la legge di Cristo” (Gal. 6, 1-3). San Paolo ci invita non solo ad avere pazienza, comprensione, benevolenza, ecc., ci chiede di usare tutta la nostra forza attiva a sostenere chi vacilla. Qui viene richiesta una fede forte da mettere a disposizione di chi ne ha più bisogno. Alla luce delle parole di San Paolo anche le parole del Cardinale risultano comprensibili e con molta fatica accettabili. E’ per la professione di fede in Cristo vero Dio e vero Uomo che accetteremo e sosterremo nella fede il Papa che abbiamo e ci ricorderemo che Cristo ci ha già detto che Pietro lo avrebbe rinnegato tre volte prima del canto del gallo. Ribadisco è tutta una questione di fede. Preghiamo intanto perché il Signore invii al Papa il suo Angelo: “PETRE, QUO VADIS?”.

  • Luca Antonio ha detto:

    “Una missione agli ebrei non è prevista e non è nemmeno necessaria”

    Ma Lei ha contezza o no di questa affermazione?
    Ma, esiste ancora una lingua intelleggibile?
    Un significante e un significato?
    O e’ solo torre di babele?

    • Rafael Brotero ha detto:

      Basta capire cos’è missione, dal latino mitto, spedire. Le missioni sono sempre verso qualcosa di esterno, ma, secondo il Papa, gli ebrei non sono esterni al cristianesimo, appartengono le due religioni diciamo a uno stesso spazio spirituale, diviso proprio dalla interpretazione di chi è il Cristo.
      Questo non vuole assolutamente dire che la fede in Cristo non sia necessaria alla salvezza. Anzi, individua con chiarezza che tutto il “dialogo” con gli ebrei gira intorno alla divinità di Cristo, da loro respinta. Cf ad esempio il dialogo tra il Salvatore e Caifa nel sinedrio.
      Se questo è eresia, mettiamo i Vangeli nell’ Index.

      • Luca Antonio ha detto:

        Lei ha un futuro come alpinista.
        Le sue arrampicate sugli specchi sono da commoventi ma non convincono nessuno.
        Ci si salva solo riconoscendo che Cristo e’ Dio incarnato – necessariamente incarnato per la salvezza di tutti gli uomini- , non facendoLo crocifiggere.
        Se e’ vero il contrario, che disprezzando, calunniando e uccidendo Dio si rimane comunque in comunione con Lui, allora non e’ da mettere all’ indice solo i vangeli ,
        che sono pieni di ammonimenti e tragiche profezie di Cristo sul destino eterno di coloro che non lo riconoscono come figlio di Dio (si legga anche quelli invece di distorcere artatamente un dialogo di per se chiarissimo) ,
        ma tutta la storia della Chiesa
        e la stessa ragione umana.

  • Anna ha detto:

    Per quanto riguarda il fatto che il papa Bergoglio non si inginocchia mai davanti all’Eucarestia,: solo oggi ho trovato finalmente la risposta. Se vi documentate sulla riforma gesuitica che ha, di fatto, cambiato radicalmente lo spirito del fondatore san Ignazio di Loyola, vedrete che in questo nuovo corso hanno abolito la genuflessione in presenza dell’Eucatestia. È un fatto. Ma le ginocchia di Bergoglio si rigenerano quando deve inginnocchiarsi davanti a qualsiasi altra “entità”. Amen.

  • Giuseppe ha detto:

    Non sono d accordo su quello che è stato scritto,molto provocatorio e conforme alla maggioranza di persone che si creano una religione a propria immagine e somiglianza. In quanto a lei sign Tosatti mi piacerebbe essere un andelo per poter vedere quanto nasce da quello che dice e sostiene, se tutto ciò nasce prima ancora da una intima preghiera. Impari a piegare le ginocchia e ubbedire, non agli uomini né alla sua logica intellettuale ma a Dio.

    • wp_7512482 ha detto:

      Forse lo faccio già, sg. Giuseppe. E mi sognerei di consigliare a Lei di fare altrettanto, o di pensare, pensare e pensare. Con la Sua testa. Di quello verrà chiesto conto.

    • luciam ha detto:

      ma Giuseppe non è Lei che si definiva ateo?

    • Vito ha detto:

      @Giuseppe.
      Evidentemente hai sbagliato persona.
      Quello che non si inginocchia e si crea una religione a sua immagine e somiglianza è il tuo amico Bergoglio.
      Vai a dare a lui i tuoi consigli…

  • Lucy ha detto:

    La questione della “obbedienza” al Papa è per noi semplici fedeli cattolici un ” non- problema”.Per un cattolico l’obbedienza è a Dio, a Gesù Cristo , al suo Vangelo e alla Chiesa che lo ha tramandato e custodito nei secoli quindi obbedienza alls Tradizione e al Magistero della Chiesa stessa .Quando ci siamo sposati in Chiesa e abbiamo battezzato i nostri figli abbiamo ” obbedito ” a Dio, a Gesù Cristo e ai suoi comandamenti riversati e custoditi poi nelle norme della Chiesa , non al Papa dell’epoca che ne era semplicemente il garante e il custode.Non abbiamo “obbedito ” a Papa Wojtyla e a Papa Benedetto , li abbiamo ” amati ” e molto perchè hanno rafforzato la nostra fede facendola diventate adulta e consapevole , perchè ci hanno aiutati ” pastoralmente ” con le loro omelie , catechesi del mercoledì , encicliche a capire la bellezza , anche ai fini della nostra felicità terrena,di quelle norme oggi a ogni piè sospinto definite brutalmente ” rigide, ossessive , opprimenti “.Se oggi restiamo nella Chiesa è perchè ” obbedismo ” tramite bravi e santi sacerdoti alla Chiesa Cattolica di sempre , cioè quella ante 2013 .Perciò dico all’ “anziano lettore ” :-” Non si scoraggi , cerchi una chiesa , un parroco , un sacerdote ” cattolico ” che la aiuti a continuare a vivere in quella fede in cui ha vissuto finora.Bergoglio ? Lo ignori e vivrà più sereno “.

  • Donna ha detto:

    Sottoscrivo tutto ciò che ha scritto, i suoi dibbi,delusioni, paure e speranze sono anche le mie.
    Il cardinal Sarah ,a cui guardavo come ad un faro nella notte, mi ha profondamente deluso e rattristato, incomprensibile la sua nuova posizione, dal sapore bergogliano e pilatesco.

  • Iginio ha detto:

    Due cose.
    1. Il papetto (papa Bergoglio, lo preciso per attirare l’attenzione del motore di ricerca dei sorveglianti vaticani) si contraddice. Ai vescovi tedeschi ha scritto:

    […] Nella mia terra natale, esiste un suggestivo e potente detto che può illuminare: «I fratelli siano uniti perché questa è la prima legge; siano uniti veramente in ogni momento perché se lottano tra di loro li divoreranno quelli di fuori»

    In pratica è un elogio dei muri che difendono dagli estranei. Clamoroso autogol. O forse i muri vanno bene quando difendono l’Argentina, chissà…

    2. Ai “vecchietti” che scrivono qui sentenziando – spesso a vanvera, come quando insultano Sarah – di eresie e catastrofi, chiedo con fermezza: dove eravate trenta, quaranta, cinquanta anni fa, quando il disastro era cominciato ed era già visibile? Verosimilmente pensavate agli affari vostri e credevate che la sorte della Chiesa fosse roba da preti. E’ un po’ tardi per strillare, non trovate? Io, che ho la metà dei vostri anni, ho ereditato una Chiesa disastrata che ormai cade in pezzi, ma il disastro incombente era già intuibile decenni fa, quando ero bambino e vedevo che della religione non importava niente a nessuno. Non vi sono grato per questo e gradirei che evitaste di sputare sentenze col senno di poi.

    • deutero.amedeo ha detto:

      Iginio, queste sciocchezze sui vecchietti potevi evitarle, però . Che ne sai di come stavano le cose quando i vecchietti avevano la tua età? Te le ha raccontate qualche vecchietto, magari tuo nonno, le hai lette nei libri o te le ha raccontate qualche giovane che ne sa meno di te?

    • LucioR ha detto:

      Ammettiamo che Lei abbia 15 anni (mi auguro che questa sia la sua vera età: sarebbe tutto comprensibile). Fra 50 anni i suoi nipoti le chiederanno: “nonno dove stavi 50 anni fa, quando la Chiesa era in pieno disastro alla luce del sole, non come 50 anni prima quando le trame degli anticristi per distruggerla erano nascoste al popolo dei credenti, e tu ti sollazzavi a prendertela con i “vecchietti” anziché salvare da par tuo la barca di Pietro? Pensavi agli sporchi affaracci tuoi, è vero? [sono i suoi nipoti che parlano, eh?]. Non ti siamo per niente grato, e cerca di non sputare sentenze senza senno”.

      • Iginio ha detto:

        Eh già, capisco, devo andare a lezione da uno che si fa chiamare con un nome inesistente…
        Astenersi lefebvriani e sedevacantisti, grazie.
        Quando io avevo meno di 15 anni mi prendevo le beffe da preti che mi sfottevano perché stavo a studiare anziché andare a giocare per strada o perché dicevo che era stato un peccato abbandonare il latino. Il tutto condito con coetanei che non volevano uscire con me perché li portavo a visitare le chiese e con adulti che si vantavano di essere “spiriti liberi” o mi beffeggiavano perché secondo loro sembravo “un prete” (solamente perché ero educato e vestivo ordinatamente e non secondo la moda).
        Il risultato è quello di oggi. Ma dire che è tutta colpa di Bergoglio è semplicemente stupido. Bergoglio non fa altro che tentare di portare a compimento quello che decenni fa veniva manifestato. Mentre i bempensanti si limitavano nel migliore dei casi ad andare a messa la domenica e a mandare i figli a scuola dalle suore.

        • LucioR ha detto:

          Il mio è un nome inesistente quanto il suo.

          La seconda frase non l’ho capita.

          Per quanto riguarda il resto: e allora? Avendo fatto Lei ciò che dice di aver fatto, ha fatto molto meno di molti dei suoi “vecchietti”, verso il quale Lei «non è grato» e ai quali intima di evitare di «sputare sentenze col senno di poi». O conosce tutti i «vecchietti» oggi esistenti in Italia, e in particolare quelli che leggono o scrivono in questo blog?

          • Iginio ha detto:

            “Iginio” è un nome vero. “Lucior” sembra un nome da detersivo, più che altro.
            Sul resto: excusatio non petita, accusatio manifesta. E’ latino, anche se non quello di Lefebvre e anche se i vescovi e preti di oggi il latino non lo sanno più, grazie anche ai giovanotti che decenni fa sentenziavano che il latino era roba morta e da fascistoni (come se i fascisti sapessero tutti il latino, bah… Misteri delle idiozie degli anni Sessanta e Settanta).

          • LucioR ha detto:

            Anche LucioR è un nome vero. L’ultima lettera maiuscola è l’iniziale del secondo nome e, avendolo convertito in un nickname (dove ci si potrebbe chiamare anche “X”) l’ho contratto in quel modo . E’ il sistema del blog che trasforma tutte le lettere da minuscole in maiuscole.

            Ma queste sono sciocchezze. Stia tranquillo che anche se il nick fosse Federico II chi può farle del male , conoscerebbe vita morte e miracoli di qualunque, più ancora del soggetto stesso.

            Cominque queste sciocchezze colossali.

            «Sul resto», non vedo dove sia la Excusatio non petita, a meno che non si riferisca a se stesso quando ci ha raccontato: «mi prendevo le beffe da preti che mi sfottevano perché stavo a studiare anziché andare a giocare per strada», ecc.

            E’ Lei che pontifica sugli altri a prescindere ed in blocco, non io, come ha fatto anche nel suo ultimo intervento.

    • Gaetano2 ha detto:

      Io non c’entro, all’epoca, conforme all’età, facevo bene il mio dovere di peccatore. Poi, accortomi della situazione, tento di fare, più o meno (forse meno) quello che posso… ma almeno mi pare di poter distinguere un papa vero da una copia malfatta. Non voglio polemizzare ma mi pare che coloro che abbiano mancata di più siano stati quelli del mestiere. Ma non intendo polemizzare, su questo è difficile giudicare…

  • paola ha detto:

    Cardinal Sarah, un esorcismo no?

  • Rafael Brotero ha detto:

    Chi è contro il Papa è ipso facto fuori dalla Chiesa. (V)
    Chi è contro Berggy è ipso facto fuori dalla Chiesa. (F)
    Chi è per Berggy è ipso facto fuori dalla Chiesa. (V)

  • Raffaello ha detto:

    Caro dottore, stai sereno la fede è dentro di te, Gesù ,il figlio del Dio vivente è dentro il tuo cuore, cosa ti può preoccupare, un papà eretico o i suoi scugnizzi? Alza lo sguardo al cielo e ringrazia Dio per la tua fede sincera . Con affetto.

  • deutero.amedeo ha detto:

    Caro novantenne, da coetaneo ti comprendo perfettamente.
    Posso darti un suggerimento?
    Inizia ogni giorno pregando con fervore il Salmo 11(12). Poi se vuoi e hai tempo aggiungine qualcun altro a seconda del tuo stato d’animo. Per esempio il10 (11) o il 35 (36). Sono autentiche medicine, veri “ricostituenti” dello spirito.
    Auguri

  • Stefano ha detto:

    Carissimo anziano lettore concordo in pieno con quanto hai scritto e lo sottoscrivo di cuore. Il card. Sarah, che ammiravo e seguivo e di cui ho letto lo splendido libro sul silenzio, mi ha profondamente deluso. Si è assunto davanti a Dio la gravissima responsabilità di accreditare la bontà dell’insegnamento di bergoglio, che non fa altro che distruggere quotidianamente la Dottrina perenne della Chiesa e la Parola di Dio. Solo un cieco o un fazioso o un profondo ignorante può negarlo! Ha contribuito a confondere e scandalizzare i fedeli e a deprimerne la Fede e la Speranza.
    Siamo abbandonati ad una accolita di pavidi e di corrotti che pensano solo a salvarsi l’impego: vergognoso. Sant’Atanasio, che ha lottato come un leone per difendere il dogma della Divinità di Cristo e a cui dobbiamo di non essere tutti ariani, si sta rivoltando nella tomba!

    • Il veritiero ha detto:

      Eh già, a roma si dice “la paura fa 90”

    • Catholicus ha detto:

      Caro Stefano, anche a me Sarah ha profondamente deluso, come dicevo nel mio post precedente. Questi prelati tengono più alla carega che a NSGC, sono disposti a seguire un eretico, portandosi dietro i fedeli ignoranti ( la tetta dottrina) e creduloni), ma non ricordano più che la salvezza eterna viene da Cristo e non da Bergoglio? Lo sanno che dovranno comparire dinanzi a Cristo Giudice? Temo proprio che nessun prelato prenderà posizione apertamente contro Bergoglio. La Madonna ci ha avvisati più volte di endo che questa volta la Chiesa la salveranno i laici. Forza e coraggio, quindi, ché il Signore non ci abbandonerà , non ci lascerà da soli nella battaglia per la Sua causa.

      • Stefano ha detto:

        @Catholicus
        Grazie per le tue parole. Mi sono di grande conforto in questo momento: sono parecchio abbattuto e deluso. Una vita passata a combattere il peccato, a crescere nella Fede e a cercare di confutare chi aggrediva la Chiesa, per poi ritrovarmi con un “papa” come bergogliolo e una gerarchia allo sfascio. Si, è l’ora dei laici, ma che pena e che vergogna vedere la Sposa di Cristo trasformarsi nella ruffiana del mondo!

  • giovanni ha detto:

    Sottoscrivo al 100% quanto scritto dal Medico 90enne.
    Ho 73 anni e posso solo confermare di avere lo stesso modo di pensare,gli stessi sentimenti,dubbi,amarezze,soprattutto guardando ai miei 4 figli e ai nipoti di cui temo grandi e pesanti prove.La scelt che ho fatto,oggi è di aumentare,migliorare assai la preghiera e la preghiera,mirata per la CHiesa Cattolica.
    Poi cerco la “compagnia” dei Cattolici che tali rimangono ancora,nel cammino di Fede quotidiano……Grazie.Cordiali saluti.

    • Raffaella ha detto:

      Concordo e sottoscrivo anch’io al 100%.
      Siamo alla fine di una settimana che ha visto una accelerazione degli eventi: riti pagani con adorazione di osceni feticci nei giardini vaticani e in Basilica, le parole di Scalfari, l’intervista del Card. Sarah che ha lasciato sgomenti noi tutti.
      Signore da chi andremo? Pensaci Tu!!

  • Massimiliano ha detto:

    https://www.avvenire.it/opinioni/pagine/prendiamoli-sul-serio
    Questo per far comprendere ai vari Paoli, Carloni e si anche padri Cavalcoli con annessa compagnia danzante, che stanno seguendo una altra fede… Non servirà a niente, ma almeno per quanto mi riguarda mi sento con la coscienza a posto. Io il mio l’ho fatto… Ah, quasi dimenticavo, gira in rete una foto di un uomo vestito di bianco in ginocchio davanti a un albero rinsecchito… sapete dirmi chi è..? Spero non sia chi penso io e se lo fosse spero sia un fotomontaggio… perché se fosse lui e se la foto fosse vera i fedeli della nuova religione avrebbero trovato anche il loro papa… saluti. Massimiliano.

    • Gian Piero ha detto:

      Davvero un uomo vestito di bianco si e’inginocchiato davanti ad un albero rinsecchito? MA no, non puo’essere Bergoglio:ci hanno spiegato infatti fino alla nausea che se lui non si inginocchia alla Consacrazione e’perche’non puo’,ha l’artrosi alleginocchia, solo per questo non si inginocchia alla Consacrazione.
      Dunque se ha l’artrosi invaludante non puo’inginocchiarsi neppure davanti all’albero, o no ? Giusto Mario, Carlone, Giovane lettore?

      • carlone ha detto:

        Tutorial su come vivere felici anche se il Papa non si inginocchia davanti al Santissimo ma davanti a piante o musulmani.

        Per chi gode di ottima salute o non ha mai lavorato molto stando in ginocchio , spiego come ci si inginocchia ( nel mio caso ed altri da me conosciuti )
        1 roteare il sedere verso destra
        2 appoggiare la mano destra sul banco
        3 piegare il ginocchio sinistro allungando all indietro la gamba destra
        4 appoggiare il ginocchio
        5 recuperare la gamba allungata sperando non si inceppi nella gamba del banco

        Tempo 5/10 secondi altrettanti per risalita
        Richiesta di coordinazione cervello ( per chi ce l ‘ha) e corpo

        Uguale
        20 secondi rubati all ‘ adorazione.
        Il gioco vale la candela ?
        Per il Papa no.
        Per piante , animali etc . c’è in gioco l adorazione ? No , posso offrire il gesto della mia pena.
        Seguitemi numerosi e arrivederci al prossimo Tutorial !

    • Nada ha detto:

      Eccolo, il vestito di bianco è andato a far visita agli Anglicani Africani

  • Astore da Cerquapalmata ha detto:

    Sebbene è ingiusto dire che il Papa è eretico, perché non ha mai insegnato eresie (per essere definiti eretici occorre che l’errore sia CHIARO e OSTINATO), lui è comunque il RESPONSABILE della Chiesa e, come tale, certi errori pastorali li deve evitare.
    La la sua azione pastore appare in tutta la gravità solo se la consideriamo nell’insieme: questo non vuol dire disconoscere la cose buone che ha fatto, che ci sono, ma evidenziare gli errori che si possono e devono evitare.
    Nella sua azione pastorale spesso NON DIFENDE LA FEDE: vedi Sosa, Bianchi, Martin col suo matrimonio omosessuale, ecc.
    Appoggia i partiti di sinistra, che sono i più laicisti di tutti e che da sempre sono contro la Chiesa istituzionale e gerarchica.
    Ha lodato la BONINO in quanto politica!
    Ha nominato a posti importantissimi omosessuali impenitenti, abusatori e omertosi.
    Si è fatto curare con la medicina tradizionale cinese, che si basa su principi pagani e non scientifici.
    Ha riabilitato dei teologi della liberazione senza che questi abbiano rinunciato alle loro eresie.
    Ha sposato le idee di Soros e Greta.
    Ha involontariamente contribuito alla morte di decine di migliaia di africani (nel deserto, in Libia, in mare…) con le sue squilibrate idee immigrazioniste.
    Parla contro il dogmatismo senza spiegare cosa intende….
    Non è un Papa eretico, è sempre il Papa, ma NON si deve seguire nei suoi errori politici e nelle sue iniziative non cristiane e, forse, anti cristiane e demoniache, se è vero che ha partecipato a riti tribali in cui si venerava la madre terra sotto forma di un’immagine di donna incinta (ma su questo è bene avere notizie sicure).
    Insomma, anche se il Papa non è eretico, la sua azione sembra indurre all’eresia.

  • Maria Grazia ha detto:

    PER SUOR LUCE – Lei ha un nome bellissimo, anche Gesù ha raccomandato ai suoi discepoli di essere LUCE.
    Non si scoraggi: anche nei consacrati a Dio può subentrare la tristezza e il disorientamento quando “il faro papale” non emana più luce, quando la “Roccia” si è disgregata in “sabbia”. Gesù aveva detto che qualora i suoi seguaci non l’avrebbero più proclamato,i suoi testimoni sarebbero sorti “DALLE PIETRE”. Nonostante ciò che appare, le redini della Storia sono nelle mani di Dio!!! Continui a credere in Dio nonostante la meschinità di chi dovrebbe rappresentarlo, nonostante i Pastori stiano massacrando le loro pecore: presto la Sua fede darà i suoi frutti migliori. CORAGGIO !!!

  • Astore da Cerquapalmata ha detto:

    Al nostro anziano amico posso solo dire di ubbidire sempre al Papa, TRANNE quando dovesse ordinare o invitare a commettere peccato.
    Perché la fede non la fa il Papa, ma già c’é ed è mirabilmente riassunta sul Catechismo della Chiesa Cattolica.
    Il Papa ha il compito di DIFENDERLA e spiegarla. Me non di contraddirla.
    Perciò se il Papa dovesse anche ordinare di votare PD, che è un partito genderista e abortista, il PIU’ genderista e abortista di tutti, si farebbe peccato a votarlo. Per cui NON si deve votare.
    Per il resto, dice san Paolo, nessuno ci separerà dall’amore di Cristo, nessuna potenza del Cielo, se fosse possibile, o della della Terra e degli inferi. Perché la Chiesa non appartiene a nessuno, nemmeno al Papa, ma solo a GESU’.

    • Luca Monforte ha detto:

      Saggia risposta. Il problema è che stanno cominciando a modificare anche il Catechismo…
      E lo fanno giustificandolo con parole molto convincenti tipo: “Stiamo attuando il Concilio…”.
      Oppure: “Tutto è Misericordia, peccate pure…”.
      L’inganno è estremamente sottile e per di più proviene dalla massima autorità…

  • VADE RETRO PACHAMAMA ha detto:

    APPELLO AI VESCOVI CATTOLICI
    Il sinodo per l’Amazzonia non è un sinodo cattolico, ma un sinodo pagano-satanico, con esito eretico già scritto, consacrato ai falsi dei con rituali pagani dentro il Vaticano.

    Per questo i vescovi cattolici devono:
    -Interrompere il sinodo, bloccarlo, porvi termine, con azioni concrete.
    -Impedire concretamente, fisicamente e spiritualmente i rituali pagani che si stanno svolgendo. Interromperli, bloccarli, ostacolarli.
    -Riparare pubblicamente all’offesa a Dio e allo scandalo.
    -Purificare spiritualmente i luoghi dove si sono svolti i rituali.
    -Ritirarsi dal sinodo, abbandonarlo per evitare di contaminarsi ulteriormente e di essere complici dell’abominio.
    -Invocare l’anatema sul sinodo, sui riti pagani e sui falsi dei, come la Pachamama e gli spiriti delle religioni tribali.

  • Gian ha detto:

    Se per effetto di Amoris Laetitia, la “sua” creatura non convenzionale, quello che in Germania, Argentina e Malta non è peccato mentre lo è in Polonia e altri Paesi, allora costui non può essere papa ma un impostore. Dai frutti li riconoscerete, senza fare tante dotte disquisizioni. No?

  • Il veritiero ha detto:

    Sarah é attaccato alla poltrona, è un buffone, gli unici veri uomini sono schnaider e burke

    • Rafael Brotero ha detto:

      Vero. Le loro Suppliche Filiali al Povero Santo Padre sono eroiche.

      • Il veritiero ha detto:

        Almeno hanno parlato per contraddirlo, gli altri nemneno quello hanno datto. Gli altri hanno ancora la lingua consumata per quanti sedere hanno leccato, se vedi che é sporca, sappi che non é nutella 😂

        • Franco baresi ha detto:

          Per me sei solo un volgare diffamatore. Invece di parlare del card. Sarah prova a pensare al coraggio che dimostri insultando nell’anonimato.

    • TITTOTAT ha detto:

      L’unico ‘ccu ‘i cu…..na è don Alessandro Minutella

  • Rafael Brotero ha detto:

    Questa lettera è una prova di più che la tesi della legittimità di questo antipontificato distrugge la fede e la speranza e minaccia la salvezza delle anime. Delenda est.

  • Catholicus ha detto:

    Dice il cardinal Sarah “Chi è contro il Papa è ipso facto fuori dalla Chiesa… bisogna sempre interpretare le parole di Papa Francesco con l’ermeneutica della continuità. Così come vi era tra Giovanni Paolo II e Paolo VI ….l e idee sulle riforme della società, su come indirizzare l’uomo a migliorare lo stile di vita o la cura del Creato, lasciamole al Papa, che le esprime benissimo … ogni Papa è “giusto” per il suo tempo, la provvidenza ci vede benissimo.. le impareggiabili analisi di pensiero di Benedetto .. la grande e solare operosità di Francesco”
    Dove le vede Sarah queste “impareggiabili analisi di pensiero di Ratzinger”? Forse nella sua appartenenza, all’epoca del CV II, al partito modernista, ai minimalisti (della devozione mariana), alla sua opposizione alla proclamazione del 5° dogma mariano (Maria Corredentrice) per non pregiudicare il riavvicinamento a Lutero, alla manipolazione del 3° segreto di Fatima (col cd “partito di Sodano”), o all’affermazione che gli ebrei si salvano anche non credendo in Cristo vero Dio e vero uomo? (anzi, considerandolo figlio illegittimo avuto da Maria con un ufficiale romano, e considerando Sua Madre poco più di una prostituta?). Ma di cosa sta parlando Sarah, ce ne rendiamo conto?
    Dove la vede, poi, sempre il caro cardinale, la “grande e solare operosità di Francesco”? nella persecuzione dei Francescani/e dell’Immacolata? Nel commissariamento di Famila Christi? Nella scomunica a don Minutella? Nella blasfema dichiarazione di Abu Dhabi? O, infine, nella recente sacrilega cerimonia pagana, tribale, stregonesca, all’interno dei giardini vaticani?
    Per questo se “chi è contro il Papa è fuori dalla Chiesa”, così avrebbero dovuto esserlo anche i cardinali della mafia di San Gallo, che hanno eletto, o meglio imposto, Bergoglio alla cristianità, perché anche loro si sono messi contro il papa, all’epoca papa Ratzinger; o forse questo vale solo per questo papa, il grande riformatore (in realtà grande rivoluzionario anticattolico, grande dittatore intollerante di ogni minima critica), secondo la nota tattica rivoluzionaria: prima libertà di critica, di ribellione, di violenza, poi guai a chi osa criticare i nuovi padroni del vapore (è sempre stato così, dalla rivoluzione francese a quella bolscevica, a quella maoista, e poi a quella dei prelati massoni vaticani).

    • Rafael Brotero ha detto:

      …affermazione che gli ebrei si salvano anche non credendo in Cristo vero Dio e vero uomo…

      Per piacere, posso sapere dove il Papa Benedetto XVI ha detto questa eresia? Non cose apparentemente simili, ma questa eresia citata da lei?

      • Luca Antonio ha detto:

        https://agensir.it/quotidiano/2018/11/26/benedetto-xvi-con-gli-ebrei-non-si-tratta-di-missione-ma-di-dialogo/
        Penso possa bastare , altrimenti cerchi in rete e tra i documento pontifici, le prolusioni, gli atti concludenti, le scuse a capo chino, ecc… di Benedetto e co dal 1960 a seguire.
        Ha da leggere per prossimi 2 anni.

        • Rafael Brotero ha detto:

          Ovviamente non basta. Anzi.
          Una cosa è dire che con gli ebrei non ci sono missioni perché il cristianesimo è a casa sua in Israele, anzi, la Chiesa è Israele. De fide. Altra cosa è dire che gli ebrei si salvano senza la fede
          Il punto di discordia è proprio il riconoscimento, o come dice il Papa nella page che citi, la “comprensione” di Gesù come Figlio di Dio e Logos. Cito:

          Per quanto riguarda Israele, quindi – spiega Benedetto XVI – non si tratta di missione ma di dialogo sulla comprensione di Gesù di Nazareth: è “il Figlio di Dio, il Logos”, atteso – secondo le promesse fatte al suo stesso popolo – da Israele e, inconsapevolmente, da tutta l’umanità? Riprendere questo dialogo è “il compito che ci pone l’ora presente”.

          Infatti, dialogo inaugurato dallo stesso Salvatore con i farisei, del quale puoi trovare qualche esempio nei Vangeli. Sono sicuro che se lo cerchi bene lo troverai.
          Dunque, il Papa dice l’esatto opposto di quello che Catholicus lo accusa di dire.

          • Luca Antonio ha detto:

            E saltato il pezzo finale
            :
            E non mi dica che il suo:
            ” cosa è dire che gli ebrei si salvano senza la fede”
            sia un’argomentazione.
            Dimentica una parolina, anzi il soggetto principale di questo blog , della storia occidentale – di un Papa che voglia chiamarsi tale- e del mondo, da 2000 anni a questa parte: Gesu’ Cristo.
            I Papi, la Chiesa sono stati sempre e solo chiamati a ribadire questo:
            gli ebrei ( chi siano veramente poi gli ebrei questo spazio e’ troppo piccolo per delinearlo)
            non si salveranno senza la fede in Cristo.

    • Luca Antonio ha detto:

      Ottimo. Concordo con ogni parola di questo intervento.
      Sarah , che pure ha scritto molte cose pregevoli , e’ qui caduto vittima della mentalita’ del mondo.
      Ha avuto paura, come Benedetto.
      Spero per lui non paura per il proprio ruolo – in questo caso, se pensa che possa bastare una cosi’ misera serenata per fargli conservare il posto si sbaglia di grosso, B. non fa prigionieri-
      ma paura per l’unita’ della Chiesa.
      E’ un altro che, gratta gratta, non ha abbastanza fede che Cristo sia piu’ forte ed che possa risorgere ovunque e in ogni momento.
      Ma Cristo puo’ manifestarsi solo nella Verita’ e non nei calcoletti utilitaristici, seppur a fin di bene, degli uomini.
      Lo scontro e’ all’ultimo sangue ed e’ tutto soprannaturale.
      Chi vi assiste con la calcolatrice in mano sara’ spazzato via.

  • Graziella Raneri ha detto:

    che dire? Quelle che sembravano roccie si sgretolano , forse per tentare di salvare interessi personali? Oppure , e qui il dubbio, l’intervistatore ci ha messo di suo? E se ciò fosse, perchè il Cardinal Sarah non smentisce? Mancano troppo le necessarie smentite in questo tempo dove la dignità del papato viene spesso oltraggiata dal papa attuale….. è poi papa? Un dubbio che ho da quando Benedetto XVI ha rinuciato al servizio attivo ma non al papato….chissà.. forse i posteri troveranno risposte. Io seguo il Gesù del Vangelo…

  • Elena Maria ha detto:

    Il gesuita sarebbe ispirato da Gesù?
    Ma mi sa che Sarah si è venduto l’anima al diavolo!
    Che sia sotto pressione?

  • Milly ha detto:

    È esattamente quello che penso anch’io, carissimo lettore “anziano di età” ma non certo di ponderatezza, equilibrio, amore e delicatezza verso la Chiesa. Siamo in una situazione mai verificatasi prima, nonostante i tradimenti e le apostasie varie che si sono sviluppate fin dai primi secoli nella Chiesa di Cristo. Apostasie e tradimenti che hanno riguardato semplici pastori e sommi pontefici che si sono succeduti alla cattedra di Pietro. Ma nessuno di loro è mai andato contro i dogmi della Chiesa, i capisaldi della nostra Fede, nessuno di loro ha fatto esortazioni apostoliche contrarie ai Comandamenti che il Signore ci ha lasciato per poter vivere una vita spirituale e materiale dignitosa nonostante le nostre fragilità e imperfezioni.
    Nessuno di loro ha posto dubbi sulla veridicità della Parola, sulla unicità della nostra religione come sola fonte di salvezza eterna.
    Siamo entrati, quasi senza accorgercene , in una situazione inedita e terribile, dove il Capo supremo sembra andare (e condurci) in una direzione al termine della quale si intravede solo un grande baratro.

  • TITTOTAT ha detto:

    Il papa è Benedetto XVI, stia tranquillo.

    • Luca Antonio ha detto:

      Benedetto XVI non si e’ comportato nella maniera dovuta.
      E’ fuggito e ha lasciato la nave a Baalzeboglio ( mi convince questo nomignolo).
      Le sembra un comportamento all’altezza del compito?
      Il capitano muore con la nave.
      Ogni scelta difforme e’ alto tradimento.
      Specie in questo caso, dove era noto chi gli sarebbe succeduto e
      oltretutto non denunciando il ricatto cui e’ stato sottoposto.
      Il silenzio qui equivale a menzogna.
      Imperdonabie.

      • TITTOTAT ha detto:

        Intanto è il papa legittimo, e credo che un giorno verrà un angelo lo afferrerà per i capelli e lo rinchiuderà nel suo legittimo ufficio a lavorare per annulare i concistori degli ultimi anni, riaprire i vecchi palazzi dell’ Sant’Uffizio, condannare la banda sudamericana, gettarli nelle vecchi carceri umide e brulicanti di ragni amazzonici ( quelli sì che sono cattivi rispetto ai nostri), togliere la sede vescovile a Marx.

  • Roberto Strani ha detto:

    Questo articolo è autore di molte speranze e delusioni, nel cardinale avevo riposto molte speranze e puntuali delusioni, questo papa ha distrutto la vera Santa Chiesa dopo il tradimento del suo predecessore, che al martirio ha preferito la fuga.

  • Milli ha detto:

    Dio solo sa se vorremmo amare incondizionatamente il papa, abbandonarci come bimbi alla sua guida, trarre ispirazione dalle sue parole. Purtroppo non può essere così, siamo come pecore che si aspettano di essere prese a calci da un pastore che pare preferire i cinghiali e i lupi.

  • Agostino ha detto:

    Il card. Sarah è in scadenza al “Culto Divino” ma vuole conservare la sua carica. Sa che, nonostante non abbia mai detto esplicitamente mezza parola contro la linea Bergoglio (a differenza di altri che si sono molto esposti) ma solo scritto libri perfettamente in linea con il Magistero perenne della Chiesa, corre perciò il rischio di essere sostituito. Lui crede di poterlo evitare e con questa ultima intervista in pratica si schiera, perché teme Bergoglio, che in passato lo ha sconfessato personalmente su una questione liturgica. Il card. Sarah dunque si sbaglia di grosso perché la sua presenza al Culto Divino costituisce un problema al progetto di intercomunione nell’ottica ecumenica e a tutto quello che hanno in mente di fare i bergogliani. Si metta il cuore in pace il card. Sarah perché sarà licenziato esattamente come accaduto al card. Muller, che sebbene come lui non si fosse esposto (sbagliando) dovette prima sopportare situazioni imbarazzanti, per non dire umilianti e poi essere licenziato sbrigativamente in pochi minuti da un signore che, stando a quanto trapelato trasudava non soltanto vendetta.

    • Gian Piero ha detto:

      Intanto pare, secondo il Corriere, che il Papa licenzi Giani il capo della Gendarmeria Vaticana. Perche? Perche’ cosi piace al monarca assoluto. Non valgono con questo papa lealta’ e obbedienza, a chi tocca tocca.

  • Giovane lettore ha detto:

    Anziano lettore: devo obbedire al Papa qualsiasi cosa comandi?

    Giovane lettore: ma chi te l’ha mai detto?

    ###

    Consiglio del giovane lettore all’anziano lettore: leggi il Papa quotidianamente, direttamente e non per interposti blogger, e vedrai che Sarah ha ragione al 100%.

    • La zanzara ha detto:

      Per il GIOVANE LETTORE.
      Vedo con piacere che la lettura del Papa “quotidianamente e direttamente” ti ha annacquato completamente il cervello! Complimenti!

      • Gian Piero ha detto:

        SE il GIOVANE LETTORE’ vuol dire che le parole dirette e non mediate pronunciate da Papa Francesco in persona debbano essere di conforto all’ Anziano lettore , lo invito a ripassarsi le varie interviste ad alta quota , sull’ aereo al ritorno dai viaggi papali in cui rispondendo a braccio Papa Francesco ci ha dato la cifra della sua vera personalita’ :
        Chi sono io per giudicare un gay?
        Non fate figli come conigli
        Se qualcuno offende mia madre gli do’ un pugno
        Ed altre baggianate simili. Ipse dixit e senza mediatori. Non credo che Anziano lettore ne possa essere confortato.

    • giesse ha detto:

      @Giovane lettore

      Non sono d’accordo sulla differenza che passa tra quello che dice il papa e quello che scrivono i blog. Certamente, a volte, ci può essere qualche discrasia. Ma, se lei ascolta quello che il papa dice la mattina a Santa Marta o alle udienze generali, quindi senza alcuna mediazione, si accorgerà che i blog non hanno sempre torto. Ricordo di aver ascoltato una catechesi, durante l’Anno Santo straordinario, in cui il nostro ha letteralmente distrutto San Giovanni Battista per la sua rigidità, nonostante quello che Gesù stesso disse di lui e nonostante il fatto che il suo amore per la Verità gli costò il martirio. Mi dispiace dirglielo, ma un di un papa che manipola il significato del Vangelo a suo uso e consumo non so che farmene. E’ fuorviante, inganna i fedeli più semplici e sprovveduti e io non lo ascolto più
      Per quanto riguarda il cardinale Sarah, non vedevo l’ora che uscisse il suo nuovo libro in versione italiana per comperarlo, come avevo fatto per i precedenti due. Ma, dopo aver letto i controversi stralci in questione, vi ho rinunciato.
      Può darsi che noi europei non siamo in grado di capire la mentalità degli africani, ma da un ministro di Dio che non ha esitato, nel suo paese d’origine, a tenere il seminario chiuso per un anno perché durante l’anno scolastico precedente il seminarista responsabile di un grave incidente avvenuto nel seminario non aveva avuto il coraggio di confessare pubblicamente la sua colpevolezza, mi sarei aspettato maggiore obiettività, o quanto meno il silenzio.
      E’ proprio vero, e qui mi rivolgo ai troppi pastori che chiudono gli occhi, che alla nostra crescita nella fede, alla nostra pace e serenità interiore ben pochi sono interessati.

      • Giovane lettore ha detto:

        Grazie. Penso che il suo messaggio confermi il mio: seguendo sempre quello che dice il Papa sul Battista io so che ne ha parlato molte volte e in termini assolutamente positivi e decisivi per la salvezza. Leggendo i blog polemici invece saprei solo di quel passaggio che dice lei.
        Stessa cosa per la natura divina di Gesù: se leggo i papà so che la sua cristologia è normale, se leggo i blog che continuano a rilanciare Scalfari ho un’informazione distorta.
        Critiche e commenti vanno letti, ma sempre dopo avere informazioni complete.
        Buona giornata.

        • Massimiliano ha detto:

          Il giovane lettore é un altro fedele della nuova religione… crescono come funghi! Saluti. Massimiliano.

        • Marzio ha detto:

          Quindi si tratta di un papa “per intenditori”? Per cultori appassionati delle sue parole, che sanno interpretare al di là del loro significato letterale? Per abbonati alle omelie di Santa Marta, per esigenti lettori di Repubblica e Avvenire? O di una chiesa di gente normale?

  • Pier Luigi Tossani ha detto:

    Già. Concordo in tutto. Peccato, ma pazienza. Restano pastori affidabili come Schneider e Burke.

  • Gaetano2 ha detto:

    Piani di infiltrazione di adepti per corrompere e distruggere la Chiesa dall’interno sono noti da secoli . Inutile meravigliarsi di questo, ci si dovrebbe meravigliare che gli interessati, clero e non, non dsi siano opposti a suo tempo. Hanno permesso senza alcuna reazione la distruzione della propria lingua sacra, della propria liturgia ecc, ecc. Sicuramente, qui, ci sono coloro che possono elencare tutti i misfatti che ci sono stati imposti.

  • Gaetano2 nj inconveniente ha detto:

    Piani di infiltrazione di adepti per corrompere e distruggere la Chiesa dall’interno sono noti da secoli . Inutile meravigliarsi di questo, ci si dovrebbe meravigliare che gli interessati, clero e non, non dsi siano opposti a suo tempo. Hanno permesso senza alcuna reazione la distruzione della propria lingua sacra, della propria liturgia ecc, ecc. Sicuramente, qui, ci sono coloro che possono elencare tutti i misfatti che ci sono stati imposti.

    • Luca Monforte ha detto:

      Proprio così. Infiltrazione della Chiesa Cattolica di falsi fedeli al fine di corromperla dall’interno.

  • Sr. Luce ha detto:

    Cato fratello, la tua lettera mi ha toccato. Io sono più giovane, ma la, questione della fede me la pongo continuamente. Sono consacrata, ho giocato la mia vita per la Chiesa e per il Cristo non posso fare a meno di fare della fede il centro della mia vita, giorno dopo giorno.
    Per questo, in questi ultimi anni, la batraglia della fede è stata ed è sempre di più la battaglia più dura.
    So solo dirti che condivido ogni tua amarezza. Proprio stamani pensavo alle mie nipoti e al fatto che per la maggior parte di queste nuove generaxioni la mia, la nostra fede è roba strana e vecchia e obsoleta.
    Talvolta mi chiedo se il cristianesimo sia una religione alla fine, destinato ad essere divorato dai secoli e dalle civiltà che si susseguono.
    Se nella divinità di Gesù non crede più nemmeno il papa….. allora, mi dico, è la fine.
    Ma allora cosa è stata la mia vocazione? Chi mi ha chiamato a questa vita, a lasciare le cose del mondo, a dedicarmi toralmente a Lui? È stato un sogno? È stata un’illusione? Attualmente non so nulla, non sono certa di nulla.
    Ma poi mi dico: ci son più cose in cielo e in terra….
    La luce della fede è cosa grande. Eppure più grande è il Misteto a noi sconosciuto.
    È indubbio che mistero è la nostra vita, mistero la morte, misteto tempo e spazio in cui siamo immersi e mistero l’eternità che sola può dar senso all’esistere.
    Ciò che è stato rimane , perché l”oltre’ è solo un velo che cade e svela pienamente ciò che già viviamo.
    E allora mi risuonano nel cuore e nella mente le semplicissime parole imparate da bambina dal babbo: “Male non fare, paura non avere”
    E forse, in tempi così oscuri, Dio vuole siano la sola certezza che ci aiuta a camminare.
    Con sincera vicinanza,
    Sr. Luce

    • Milli ha detto:

      Sr.Luce, lei è davvero una consacrata? Perché a leggere alcune sue frasi non si direbbe.
      Davvero pensa che il Cristianesimo può finire? E allora Gesù Cristo per lei chi è, quando riceve l’Eucarestia cosa sta facendo?
      Se posso permettermi di darle un suggerimento, legga il diario di S.Faustina Kowalska, nutra la sua spirito con cibo soprannaturale.
      Ultima cosa, forse per un consacrato non è sufficiente “non fare male” , in un periodo di crisi come questo forse il vostro Sposo, Gesù Cristo vuole di più: amore, fede, preghiera, sacrificio, testimonianza.

      • Boanerghes ha detto:

        @ milli
        Quando si è nella prova, e questo vale specialmente per un consacrato, è del tutto inutile dare quei consigli che lei ha citato, perché in genere un religioso ha a disposizione tutto il materiale necessario alla vita spirituale e in primis la vita sacramentale.
        In determinate prove ci si attacca a tutto ciò che aiuti ad andare avanti contro lo scoramento e l’aridità interiore.
        Ma l’arma migliore rimane la pura e nuda Fede, la speranza contro ogni speranza, il totale affidamento a Dio pur rimanendo da soli.
        La prova che la Chiesa oggi sta passando è senza precedenti e per arrivare al trionfo del Cuore Immacolato di Maria dobbiamo ancora giungere al suo culmine e passare in mezzo alla grande tribolazione.
        Dopo, e solo dopo, ci sarà un solo gregge, un solo battesimo, una sola fede, una sola Chiesa, una santa, cattolica, romana, in tutto il mondo (sr. Lucia)

      • Sr. Luce ha detto:

        Sig.ra Milli, davvero io sono una consacrata? E davvero il papa è papa? Su chi fondiamo la nostra fede? Chi le ha annunciato Gesù?
        Cari cristiani, abbiamo un po’ di compassione reciproca in questi tempi di tenebre. I consacrati sono forse tra i più provati. Quale bene è possibile? Già non farci del male tra noi sarebbe tanto.

        • Milli ha detto:

          Mi perdoni, qua passa tanta gente che si spaccia per altro.
          Comunque sia, nel mio piccolo la lettura di Santa Faustina ha giovato molto, si sente il rapporto personale tra una consacrata con tutti i suoi limiti e la persona reale di Gesù con la sua potenza e il suo amore.Tutti quanti passiamo o siamo passati per la notte, in momenti di aridità e voi più che mai dovete fortificarvi , perché con le vostre preghiere potete salvare il mondo. Non si accontenti di sopravvivere, voi potete molto. Che Dio vi benedica a tutti voi.

    • Un amico ha detto:

      Rev.ma Suor Luce, la soluzione dell’attuale enigma sta tutto nel bel nome che lei porta (non so se è il suo nome di battesimo o da religiosa): il problema è che l’appartamento del Papa è totalmente immerso nella tenebra, mentre tutto il resto luccica e abbaglia. Guardi con attenzione questa FOTO e vi rifletta sopra:
      https://blogclaudiogazzoli.blogspot.com/2019/10/notte-della-chiesa-sarah-e-oltre.html
      Ci vorrebbe “un Cardinale-elettricista”, ma sembra che non ve ne siano molti in circolazione; e quei pochi che ci sono vanno a riallacciare la luce in altri palazzi.
      Ciò nonostante, stia tranquilla: questa situazione passerà; e la Chiesa, purificata e rigenerata, tornerà ad essere “la luce del mondo”. A partire dal Palazzo apostolico, naturalmente…

    • Stazione Alpha ha detto:

      R.ma Sr Luce, se fosse vero che Francesco pensa che Gesu’ Cristo sia solo un uomo, noi possiamo proclamare che lui non e’ Papa.

      Allora forse il “passo di lato” di Benedetto XVI non e’ stato una fuga dai lupi, ma ha fatto si’ che i lupi uscissero dal bosco. Ora si sono radunati in cima al monte, rendendosi ben visibili.

      Non si faccia intimorire dagli ululati che rieccheggiano, a noi restano le Sue parole “ecco Io sono con voi tutti i giorni, fino alla fine del mondo”. Quindi non si penta della scelta di essersi fatta suora, questa e’ semmai l’ora di intensificare la nostra vocazione.

    • deutero.amedeo ha detto:

      Una santa donna di mia conoscenza, anziana oblata di Santa Grata, in chiesa, poco tempo fa, indicando col dito il grande crocifisso che pende dall’alto del presbiterio mi ha detto: – se non ci salva lui, non ci salva nessuno… certamente non i preti!– Pensa un po’!

    • Sac. Claudio B. ha detto:

      Sorella nella divinità di Gesù lei è la prima a non credere se solo pensa che il cristianesimo potrebbe essere finito. Ne parli con la sua Superiora perché la questione è molto grave. LJC

      • Sr. Luce ha detto:

        Caro sacerdote E il papa con chi ne parlerà?
        Ha in mente la situazione della vita religiosa? Che ne sa di me, della mia situazione per giudicare? Certo è una Chiesa messa proprio bene: da una parte eretici e apostati, dall’altra intrepidi inquisitori aggrappati alle loro presunte certezze.
        Ormai non mi turbo più. Talvolta però mi illudo ancora di trovare anime comprensive. Che Dio ci perdoni.

        • Stazione Alpha ha detto:

          Sorella Luce,
          il papa (questo, come altri passati e futuri), puo’ ben cercare in se stesso la chiarezza, se ha percorso un santo cammino.
          Le offro due fonti di riflessione, che saranno senz’altro
          disponibili nella biblioteca del suo convento.

          1. Imitazione di Cristo, L III, cap 1
          “Daro’ ascolto a quello che stia per dire dentro di me il Signore”
          Beata l’anima che le ascolta il Signore che le parla dentro, e accoglie dalla Sua bocca la Parola di consolazione”.
          Basterebbe questo trafiletto a mio avviso.

          2. Il Castello Interiore, S. Teresa d’Avila

        • frank22 ha detto:

          Si dice giustamente che le profezie vanno prese con le molle; ma come possiamo confutare quelle che già son divenute realtà ?
          Faccio riferimento ad Auricchia di Avola e ai messaggi di Gesu’ a Maria della Misericordia nella sezione FALSO PROFETA.
          Già dal 2006 questi messaggi vertevano sulla cacciata di Benedetto e il suo posto preso dall’ “Impostore”. Manovra operata fin dal 1996 da quelli che si sono poi rivelati come quelli della Mafia di S.Gallo: i vari Danneels, Martini che ne era il capo, Kasper, Leman, il nostro Silvestrini ed altri.
          Bergoglio è stato a disposizione di questi signori x diciassette anni. Ne è conferma che al Conclave del 2005 arrivò dopo Ratzinger. Per cui se esiste una Costituzione Apostolica di Giovanni Paolo II intitolata “Universi Dominici Gregis” dove si proibisce di fare cordate di cardinali prima del conclave (pena la nullità), ebbene questi son partiti per questo scopo diciassette anni prima !
          In questi messaggi si dice che chi avrebbe preso il posto di Benedetto, sarebbe stato l’Usurpatore del Soglio di Pietro, addirittura il “Falso Profeta” quello che lastricherà la strada all’Anticristo…
          Questo è ancora al di là da venire, ma tutto quello che è successo dal 2013 ad oggi è scritto in questi messaggi, primo fra tutti Gesu’ dice l’8 marrzo 2013 (non si sapeva ancora chi fosse il papa):
          …”egli è stato inviato x smantellare la mia Chiesa e ridurla in frantumi”…
          “il Mio Corpo, è la Mia Chiesa, ma non sarà a Me che egli darà il pegno della sua fedeltà, perchè egli non ha nessun amore per Me, la sua lealtà è per la bestia”…
          “colui che osa sedersi nel Mio Tempio e che è stato inviato dal maligno non può dire la verità, poichè egli non viene da Me”…
          “il Falso Profeta o Piccolo Corno (presente nel Libro dell’Apocalisse) colui che si pone come capo della Mia Chiesa è pronto ad indossare le vesti che non sono state fatte per lui”…
          Messaggio del 12.04.2012 …”questo Papa può essere eletto dai membri all’interno della Chiesa, ma sarà il Falso Profeta. I suoi elettori sono lupi travestiti da agnelli e sono membri del gruppo massonico segreto del male guidato da Satana”… (che poi si è rivelato essere la Mafia di S.Gallo)
          …”Coloro che si opporranno a lui saranno perseguitati”…
          …I gruppi massonici che hanno fatto del vizio la loro morsa all’interno del Vaticano vogliono il Mio amato Papa fuori…

          I messaggi della Madonna di Avola dice cose simili, tre x tutti:
          Avola 15 aprile 2008
          A Roma esiste una cospirazioni di malvagi che cerca di rimuovere il Mio Vicario dal posto di Pietro…
          Avola 28 marzo 2010
          Madonna
          Coloro che si sono allontanati seguiranno l’impostore. Fate attenzione ! Non seguitelo ! Non obbedite alle sue parole, seguite in questi tempi il Mio Figlio Papa Benedetto XVI, circondato da nemici e traditori…
          Avola, 30 Maggio 2010
          Madonna:
          “Il Mio resto fedele segue il Papa attuale, Benedetto XVI, che vogliono eliminare. Continuate a seguirlo e a rimanere fedeli a Lui e all’insegnamento della Mia Chiesa, stabilito dagli Apostoli. Non fatevi sviare dall’apostasia e dalle eresie. Vi dico che il prossimo Papa sarà l’impostore e le forze maligne stanno dietro a questo scisma.
          Avola 26 febbraio 2012
          Madonna
          “Gli uomini che governano si sentono sapienti, non riconoscono che sono guidati da Satana. Tra di loro esiste un gruppo di pianificatori che vuole costruire una repubblica universale. il loro piano è quello di eliminare la vera Chiesa di Dio. Essi la otterrebbero celermente se il Seggio di Pietro fosse abbandonato”
          Avola 12 marzo 2012
          Signore Gesù:
          “Figlio Mio, è tempo che sia rivelato a Roma il capovolgimento politico che vivete e la lotta interna degli uomini, ma più importante è stata una cospirazione dell’errore e dell’inganno, che satana e i principi delle tenebre ordineranno un giorno per distruggere la Mia Casa, per stabilire un’unione sotto un governo mondiale unico, una sola chiesa di Dio che sarà senza Dio. Vorranno togliere di mezzo il Mio Vicario per farsi comandare da chi odia il Figlio di Dio. Pietro è intrappolato in mezzo a loro e privo di speranza. Morto il Papa (Benedetto), subito dopo verrà l’anticristo a Roma, egli trascenderà le leggi della chimica e della fisica”.
          E alcuni ancora si chiedono chi è costui ? andiamo, siamo seri…

        • Francesco ha detto:

          Credo di capirla. E anch’io mi sento come lei. L’evidente ateismo di colui che attualmente siede sulla cattedra di Pietro e di gran parte della gerarchia farebbero vacillare la fede di San Francesco d’Assisi…
          Mi permetto di darle un consiglio spassionato: per resistere nella fede, non faccia affidamento su nessuno, non si aspetti un aiuto, un sostegno reale da nessuno. Non arriverà. L’uomo, ogni uomo, e quindi ogni cattolico, è mediamente indegno, di per sé non merita nulla, né mediamente è in grado di dare nulla.
          Vada avanti cercando la forza dentro di sé. E se vuole realmente arrivare in fondo alla sua scelta, si prepari ad essere disposta ad esser fatta a pezzi.

        • Lucia ha detto:

          Cara Sr Luce le sue parole sono commoventi e posso solo immaginare la sua apprensione per la sopravvivenza della fede nelle nuove generazioni.Anch ‘ io mi chiedo adesso se per caso il cristianesimo come religione non e destinato a scomparire , di certo si e liquefatta la gerarchia .Forse capitera cio che e capitato negli attuali Paesi arabi all ‘ arrivo dell ‘ islam , le comunita cristiane furono distrutte , dei piccoli nuclei , singoli individui , famiglie trasmisero la fede ancora per qualche secolo ebbene dopo mille anni molti loro disc endenti sono diventati cristiani senza aver mai conosciuto un prete , una suora semplicente leggendo un Vangelo capitato tra le mani e addirittura in seguito a dei sogni o visioni.Se e interessata trovera articoli al riguardo .Mi viene in mente anche l ‘ esempio del Giappone dove il cristianesimo per ben 150 anni e stato vissuto nella clandestinita e senza preti e vescovi.Sara cosi anche adesso sia pure piu per un tradimento della gerarchia e del vaticano incantati dalle ideologie globaliste e genderiste che per persecuzione del potere statale ? E quanti decenni , secoli durera tutto cio ? Sono questioni che mi pongo anch’ io .Posso chiederle se tra consorelle affrontate questi argomenti? Buona giornata

          • Stazione Alpha ha detto:

            Buongiorno Lucia. No, il cristianesimo non puo’ sparire e nemmeno la Chiesa “E io ti dico: Tu sei Pietro e su questa pietra edificherò la mia Chiesa e le porte degli inferi non prevarranno contro di essa” (Mt 16,:18).

            Sono, queste, Parole di Gesu’, e Lui e’ Verita’.

  • CLAUDIO GAZZOLI ha detto:

    BRAVO ! Concordo in pieno.

  • Gaetano2 ha detto:

    Tutti i dubbi, tutte le perplessità svaniscono e tutto si spiega se si tiene presente che Bergoglio non è un vero Papa.

  • Nonno Asdrubale ha detto:

    Non sempre leggo per completo i post di questo blog. Questa volta invece l’ho letto tutto, parola per parola: e lo condivido per completo. Grazie al suo autore e a chi l’ha pubblicato. Ci sono situazioni nelle quali – e mi riferisco al santo Cardinale Sarah – è meglio dire una parola in meno che una parola in più. E questa volta di parole in più ne ha detto diverse. Sempre che il giornalista che lo ha intervistato non ci abbia messo del suo… Cordiali saluti.