EUTANASIA, LA CEI DICE “OHIBÒ”! PUCCETTI DOMANI A NAPOLI, UN CONVEGNO.

26 Settembre 2019 Pubblicato da --

Marco Tosatti

“Sconcerto”, “preoccupazione” e presa di “distanza” da parte dei Vescovi dopo la decisione della Consulta che ha aperto al suicidio assistito in determinate condizioni. “Si può e si deve respingere – scrive la presidenza Cei facendo proprie le parole del Papa – la tentazione- indotta anche da mutamenti legislativi – di usare la medicina per assecondare una possibile volontà di morte del malato, fornendo assistenza al suicidio o causandone direttamente la morte con l’eutanasia”.I Vescovi italiani si ritrovano, dunque, “unanimi nel rilanciare queste parole di Papa Francesco. In questa luce esprimono il loro sconcerto e la loro distanza da quanto comunicato dalla Corte Costituzionale”.

Questo è quanto riportato dall’ADN Kronos sulla reazione dei vescovi italiani alla decisione che in pratica apre la strada al suicidio assistito, e all’eutanasia libera nel nostro Paese. Meno male che c’è una “presa di distanza”; con questa Conferenza Episcopale, che ha fatto del suo meglio per favorire i partiti che appoggiano i progetti di eutanasia, avremmo potuto aspettarci ben di peggio.

Vogliamo solo sommessamente osservare con quanta flemma i vescovi italiani e il Pontefice si accostino a questo dramma, e con quanto ardore invece si spendano se ci sono di mezzo i migranti, con tutto il traffico di affari ad esso connesso. Fra pochi giorni si celebrerà in Vaticano una messa per migranti e rifugiati. Aspettiamo analoghe sante iniziative per la giornata del morto ammazzato di eutanasia, o per la giornata dei piccoli morti ammazzati con l’aborto.

E nel frattempo vi diamo notizia di un incontro che si svolgerà a Napoli, avendo per protagonista Renzo Puccetti, domani, venerdì 27 settembre. Un convegno certamente di grande interesse.




SE PENSATE CHE

  STILUM CURIAE SIA UTILE

SE PENSATE CHE

SENZA STILUM CURIAE 

 L’INFORMAZIONE NON SAREBBE LA STESSA

 AIUTATE STILUM CURIAE!

ANDATE ALLA HOME PAGE

SOTTO LA BIOGRAFIA 

OPPURE CLICKATE QUI 




Questo blog è il seguito naturale di San Pietro e Dintorni, presente su “La Stampa” fino a quando non fu troppo molesto.  Per chi fosse interessato al lavoro già svolto, ecco il link a San Pietro e Dintorni.

Se volete ricevere i nuovi articoli del blog, scrivete la vostra mail nella finestra a fianco.

L’articolo vi ha interessato? Condividetelo, se volete, sui social network, usando gli strumenti qui sotto.

Se invece volete aiutare sacerdoti “scomodi” in difficoltà, qui trovate il sito della Società di San Martino di Tours e di San Pio di Pietrelcina


 LIBRI DI MARCO TOSATTI

Se siete interessati a un libro, cliccate sul titolo….


Viganò e il Papa


FATIMA, IL SEGRETO NON SVELATO E IL FUTURO DELLA CHIESA

Fatima El segreto no desvelado

  SANTI INDEMONIATI: CASI STRAORDINARI DI POSSESSIONE

  PADRE PIO CONTRO SATANA. LA BATTAGLIA FINALE

  Padre Pío contra Satanás

La vera storia del Mussa Dagh

Mussa Dagh. Gli eroi traditi

Padre Amorth. Memorie di un esorcista.

Tag: , ,

Categoria:

Questo articolo è stato scritto da wp_7512482

89 commenti

  • Diana ha detto:

    La scorsa primavera ho assistito agli ultimi giorni di una persona amata, gravemente ammalata, ricoverata in un’apposita ed eccellente struttura pubblica. Una delle mie preoccupazioni più pressanti era proprio l’eventualità che il personale sanitario ricorresse alla sedazione palliativa, già in vigore a causa della legge sul biotestamento. Mi chiesi già allora che cosa avrei dovuto fare e che cosa farei in futuro se qualcuno dei miei cari si trovasse in una situazione simile. Oggi uno Stato che non è più nazione ha diritto di vita e di morte sui suoi infelici sudditi. Mi chiedo se basterebbe portare con sé nel portafogli una dichiarazione sostitutiva di atto notorio in cui ci si oppone a queste pratiche, giusto per non farsi ammazzare nel caso servisse. E conservando altrove, al sicuro, una copia.

  • La zanzara ha detto:

    Siamo arrivati alla moltiplicazione dei MARIO !!!
    Come su uno solo non bastasse !!!
    Poveri noi !!!

  • Paolo Pagliaro ha detto:

    Ma che bel paese democratico!
    Un governo non votato dagli italiani e ora una decisione sull’eutanasia presa da un manipolo di persone, al di fuori di ogni dibattito parlamentare e sociale.
    Siamo nelle mani dell’avanguardia del popolo, come una volta piaceva definirsi ai dittatori comunisti.

    Grazie CEI, ottimo lavoro. Ancora una volta viene da pensare alle parle del Signore: “dai loro frutti li riconoscerete”.

  • Antonella ha detto:

    Il suicidio assistito non è reato. l’Eutanasia viene legiferata nella fredda determinazione di poter autonomamente sopprimere la vita che rimane, facendo del “consenso” il garante di un sistema che potrà così in futuro arbitrare il “fine vita” come la soluzione indispensabile per quella estrema, dolorosa condizione umana della malattia, considerata da molti insostenibile, eppure da tanti altri preziosa fino all’ultimo respiro.
    Non è tanto la formula sentenziata che giustifica il suicidio assistito in determinate condizioni ad allarmarci, quanto le conseguenze che comportera’ sul piano delle scelte sia per i poveri cristi che le subiranno nel vuoto drammatico di ogni possibile sollievo e calore umano, sia per coloro che l’applicheranno come il protocollo medico giusto per ogni evenienza, in funzione di casi per i quali non saranno impiegate le migliori cure nel tentativo di alleviarne il dolore, ma dopo averne calcolato i tempi residui e i vantaggi si procederà all’esecuzione di una morte inflitta nel cosiddetto rispetto della dignità umana, di cui si cancellerà la vita e la sofferenza.
    Un’opera di misericordia, se la consideriamo secondo l’Umanesimo della Chiesa in Uscita, che mentre esordisce con il principio del “non accanimento terapetico” per cui non trova raccapricciante la sottrazione dolorosa di alimenti vitali come l’acqua, poi si rimangia tutto lasciando credere che contrasti ogni forma di eutanasia. La bioetica dovrà continuare a compiere i suoi percorsi e indipendentemente da tutto con coloro che la scelgono perché hanno ancora una coscienza da interpellare.
    Sarebbe per noi cattolici mostruoso uniformarci a questi crimini.

  • deutero.amedeo ha detto:

    E’ un caso di omonimia o il Papa Francesco che oggi lamenta di essere un povero Papa assediato è lo stesso Papa Francesco che giorni fa ha detto che apprezza le critiche e che le diversità di vedute anche all’interno della Chiesa sono una ricchezza?
    Pota! Qui Scarpe Grosse comincia a non capirci più un fico secco, ma il suo parroco gli ha detto di stare tranquillo perché il dovere dei cristiani e di obbedire al Papa senza fare critiche.

  • MARIO ha detto:

    Sono il MARIO (troller) che è intervenuto su questo blog negli ultimi tre mesi.
    Oggi vedo che ho un omonimo agguerrito e su posizioni analoghe alle mie (così almeno mi sembra…). Mi fa molto piacere.
    Chiedo al mio omonimo se ritiene comunque opportuno che ci differenziamo nel nome…
    Saluti e auguri all’alter MARIO.

  • Il veritiero ha detto:

    Perdonatemi non voglio essere petulante.
    Però stando al documento “cum ex apostolatos officios” almeno il 20% dei cardinali presenti dentro stanza del conclave in verità non erano affatto cardinali. Come ad esempio il card. Kasper che ha scritto il libro eretico “Gesù il Cristo” dove nega la divinità di Gesù con parole chiare e palesi.
    Quindi le regole del conclave sono state violate anche se 1 sola persona che non é un cardinale votante entra in conclave, quindi il conclave é nullo in base a questo e Bergoglio non é mai stato papa. ( in base alla bolla “Cum Ex” e al libro di Kasper “Gesù il cristo”, che invalida la legittimità del cardinale Kasper ne al voto nel conclave e nemneno della sua presenza nella stanza” il vonclave é nulla e invalido ed é scritto tutto nero su bianco, kasper non può rimangiarsi il libro scritto 30 anni fa, le copie le hanno tutti ) ho trovato la legge e il modo di mandare via Bergoglio.
    Ecco le parole eretiche incriminate del libro di kasper:
    http://www.unavox.it/ArtDiversi/DIV463_Don_Villa_card-Kasper.html

    • Latore di dritte ha detto:

      Ti do una dritta: l’autore dell’articolo era totalmente matto e scriveva che Ratzinger era un satanista. Quindi anche Ratzinger non era cardinale e nemmeno papà. Se non può un eretico figuriamoci in satanista.

      • Il veritiero ha detto:

        Devo trovare il libro di kasper e vedere se le frasi citate sono scritte nello stesso modo che le ha scritte quel sacerdote “matto” , se sono scritte allo stesso modo e il senso non é stato distorto il card. Kasper non aveva diritto di voto al conclave, ne tanto meno ad entrare in conclave; il che renderebbe invalido il conclave stesso. Devo approfondire se kasper ha svritto qjelle cose nella stessa maniera che sono riportate, se veramente lo ha fatto , la legge parla chiaro.

  • bruciateleretico ha detto:

    Finalmente una legge che permetta alle persone in sofferenza di finire la propria vita con decisione personale,, contro l’ideologia della vita sofferente, di chi vuole imporre le proprie credenze anche agli altri. Qualsiasi legge sui diritti civili tutela anche chi è contrario alla loro applicazione, perché li Lascia liberi di scegliere come meglio credono in base ai loro convincimenti religiosi. Egregio Tosatti invece dovrebbe vergognarsi per quel titolo altamente offensivo contro i gay, definiti gaystapo, che furono massicciamente internati nei campi di sterminio ed uccisi da quella stessa polizia a cui lei imputa la loro appartenenza. Alla vergogna dell’ideologia Cattolica non c’è mai fine.

    • wp_7512482 ha detto:

      Si vergogni lei, se può, di difendere una norma che come vediamo dove è in vigore porta alla fine prematura persone che magari, se seguite e accompagnate con amore, non vorrebbero terminare la propria vita; e ne uccide altre senza che vogliano. Gaystapo non è una mia invenzione; è stata usata in Gran Bretagna, per definire il tipo di dittatura del pensiero che vorreste applicare anche qui, e che costituisce una limitazione della libertà. Di altamente offensivo c’è solo il tentativo di imporre la propria visione ricorrendo a una vera e propria polizia del pensiero e delle opinioni, usando ogni mezzo, e spesso la menzogna, come si vede nel caso di Silvana De Mari. Si vergogni, e continui a vergognarsi.

    • giandreoli ha detto:

      A 26 settembre 2019 ore 7.03 pm. Non c’entra la fede (che, pur avendo motivazioni validissime, nessuno vuole né può imporre) ma, per non ammettere il suicidio assistito (due termini che fanno a pugni tra loro…) è sufficiente la sola ragione. Affermare una verità e contemporaneamente affermare il suo contrario è irrazionale. Così, affermare che la vita umana possiede il diritto inalienabile di essere difesa e promossa, e contemporaneamente affermare il diritto di sopprimerla su richiesta è irrazionale (una sorta di… suicidio della ragione). Con rispetto.

    • giandreoli ha detto:

      A 26 Settembre 2019 alle 7:03 pm . Non c’entra la fede (che, pur avendo motivazioni validissime, nessuno vuole né può imporre) ma, per non ammettere il suicidio assistito (due termini che fanno a pugni tra loro…) è sufficiente la sola ragione. Affermare una verità e contemporaneamente affermare il suo contrario è irrazionale. Così, affermare che la vita umana possiede il diritto inalienabile di essere difesa e promossa, e contemporaneamente affermare il diritto di sopprimerla su richiesta è irrazionale (una sorta di suicidio della ragione). Con rispetto.

    • Paolo Pagliaro ha detto:

      Le camicie brune di Hitler furono un movimento a larghissima partecipazione omosessuale, a partire dal loro capo Ernst Röhm – può consultare in proposito una copia del classico “Storia del terzo Reich” di Shirer.
      Anche storicamente, quindi, la questione è ambivalente. Del resto, solo a Dachau furono deportati 2.579 preti e religiosi cattolici (cfr. ” La Baraque des prêtres” Guillaume Zeller).

    • LucioR ha detto:

      Il cosiddetto “suicidio assistito”, che è una formula solo leggermente meno ipocrita di “dolce morte” (eutanasia), è quanto di più infame l’odierna società, ormai avviata senza freni sulla china della barbarie, stia per attuare per legge.

      1 – Innanzi tutto non è detto che colui che abbia autorizzato a farsi uccidere, all’ultimo momento non lo voglia più; e qualora ciò succeda non è più in grado di fermare la macchina infernale che lo sta travolgendo. E’ come se uno che voglia suicidarsi si punta la pistola alla tempia, ma all’ultimo momento non spara, cambia idea. In questo caso può farlo, nel caso auspicato da «chi vuole imporre le proprie credenze anche agli altri», cioè dell’amabile brucialeretico, no!

      2 – questa opera “umanitaria” che si sta per legalizzare comporta, per ogni caso di suicidio/omicidio (ma forse è più corretto chiamarlo omicidio tout court) l’attività di almeno un omicida in senso materiale e di un numero notevole di fiancheggiatori dell’omicida, che saranno tutti coloro coinvolti nell’organizzare questi delitti; nonché di istigatori a tutti gli omicidi che si realizzeranno con l’approvazione di questa Legge, intendendo per istigatori i parlamentari che l’approveranno.

      Un’ultima considerazione. Chi praticherà questo genere di omicidio non potrà certamente chiamarsi “medico”, perchè il “medico”, è colui che medica, non che uccide. Chi uccide in modo legale è appropriatamente chiamato “boia”.

      Il “boia” infatti era colui che uccideva “legalmente” coloro che in base alle leggi di allora era riconosciuto colpevole di delitti efferati che contemplavano tale estrema pena.

      Tale sistema legislativo (cioè l’applicazione della pena capitale per chi si è macchiato di efferati delitti) oggi viene visto con raccapriccio e considerata una manifestazione barbara da coloro che si stanno accingendo ad autorizzare la stessa pena capitale a persone che non si saranno macchiate di alcun delitto ma semplicemente avrà espresso in qualche momento della propria vita (ammesso che fossero state nel pieno possesso delle proprie facoltà di decidere senza essere stati da altri plagiati) il desiderio di farsi uccidere, senza alcuna possibilità di ricredersi al momento dell’atto finale.finale.

    • Iginio ha detto:

      I “gay” (termine anacronistico) non furono affatto sterminati (un campo di concentramento non è la stessa cosa di un campo di sterminio) dai nazisti, tra le cui file c’erano parecchi omosessuali. Negli anni Sessanta andava di moda a Sinistra accusare Hitler di essere stato egli stesso omosessuale.

  • Il veritiero ha detto:

    ECCOLA LA LEGGE DIBDIRITTO CANONICO CHE SERVE PER DIMETTERE BERGOGLIO DA PAPA, L’HO TROVATA.
    Paolo VI bollo “Cum ex” perpetua e non cancellabile o cambiabile.

    in base alla bolla pontificia Cum ex apostolatus officio sostiene che un eretico non è suscettibile di ricevere autorità nemmeno se eletto Papa: Paolo IV intendeva aggiungere al diritto canonico la clausola che nessun eretico manifesto può legittimamente sedere sulla cattedra di San Pietro: “Se mai, in qualunque epoca, avvenga che… il Romano Pontefice abbia deviato dalla Fede Cattolica o sia caduto in qualche eresia prima di assumere il papato, tale assunzione, anche compiuta coll’unanime consenso di tutti i Cardinali, è nulla, invalida e senza effetto; né può dirsi divenire valida, o esser tenuta per legittima in qualsivoglia modo, o esser ritenuta dare a costoro alcun potere di amministrare delle materie sia spirituali che temporali; ma qualsiasi cosa sia detta, fatta o stabilita da costoro è priva di ogni forza e non conferisce assolutamente alcuna autorità o diritto a chicchessia; e costoro per il fatto stesso (eo ipso) e senza che sia richiesta alcuna dichiarazione siano privati di ogni dignità, posto, onore, titolo, autorità, ufficio, e potere”;[1]

  • La zanzara ha detto:

    Amici (e nemici), rifatevi la bocca con questo pezzo di Aldo Maria Valli. Grandissimo !!!
    https://www.aldomariavalli.it/2019/09/26/fino-a-quando/

    • Lucy ha detto:

      Abbiamo letto ; sempre peggio .È proprio vero : ostile verso i cattolici , di più sprezzante e brutale. Non so voi ma preti col cappello -saturno non ne conosciamo nè vediamo in giro , uno però l’abbiamo visto , la foto del giovane Rolando Rivi ucciso dalla furia comunista.

      • LucioR ha detto:

        In realtà ancora oggi i preti hanno l’obbligo d’indossare il “cappelleo-saturno”, cioè l’abito talare, oppure il “clergyman”:

        1 – Dal Codice di Diritto Canonico, Can. 284: «I chierici portino un abito ecclesiastico decoroso secondo le norme emanate dalla Conferenza Episcopale e secondo le legittime consuetudini locali». Il CDC rimanda quindi alle norme della C. E.;

        2 – Dalla Conferenza Episcopale Italiana, Decreto n. 1038/83 del 23/12/1983, Delibera n. 2: « Salve le prescrizioni per le celebrazioni liturgiche, il clero in pubblico deve indossare l’abito talare o il clergyman. Cfr. can. 284»

        3 – Dalla Congregazione per il Clero, «Direttorio per il ministero e la vita dei presbiteri», 31/1/1994, n. 66: «Obbligo dell’abito ecclesiastico – […] il chierico deve portare “un abito ecclesiastico decoroso, secondo le norme emanate dalla Conferenza episcopale e secondo le legittime consuetudini locali”. Ciò significa che tale abito, quando non è quello talare, deve essere diverso dalla maniera di vestire dei laici, e conforme alla dignità e alla sacralità del ministero. La foggia e il colore debbono essere stabiliti dalla Conferenza dei Vescovi, sempre in armonia con le disposizioni del diritto universale»

        Obblighi analoghi sono prescritti per i religiosi (Can. 669 del CDC).

  • Il veritiero ha detto:

    Ho cercato di ripassare il diritto canonico velocemente.
    Ciò che dici Mario non è proprio esatto. Il diritto canonico dice che ” una persona che é fuori dalla comunione “scomunicato” non può ricoprire ruoli nella chiesa”. Più cgiaro di cosi.
    Poi c’è anche un altro modo, esiste un procedimento, in caso di manifesta eresia pubblica ” come il trattato di abu dhabi e il documento sull’amazzonia” i vescovi prima di mettere in stato d’accusa il papa devono correggerlo e richiamarlo a pentirsi di ciò che ha affermato per 3 volte. Se dopo le 3 volte che è stato choamato alla correzzione lui non si pente oppure non risponde può essere rimosso per manifesta eresia…. mi sembra che già 1-2 volte é stato richiamato dal vescovo schneider, quindi in teoria gliene manca 1. Se al prossimo richiamo di pentimento non si ravvede puo essere cacciato.
    E poi é stato dimostrato con dei libri e documenti scritti da Bergoglio gia nel 2004, che lui era eretico già prima di diventare papa, perché affermava le stesse cose che dice oggi già nei suoi libri del 2004. Era già eretico prima di essere papa.
    Il materiale per cacciarlo a norma di diritto canonico ce ne è in abbondanza.

  • Enrico66 ha detto:

    Una presa di distanza…
    La Chiesa dovrebbe alzare grida di dolore per questa ennesima nuova barbarie falsamente spacciata x libertà individuale e pietismo.

  • Milli ha detto:

    Il problema è che di questo passo, una volta normalizzata l’eutanasia , questa possa essere imposta ai soggetti più deboli, ai bimbi disabili, ai malati terminali, agli anziani.
    I casi di Alfie Evans e Vincent Lambert potrebbero diventare la norma.
    Oltre a i tutte le giuste considerazioni etiche e religiose, bidogna ricordare che queste persone sono state uccise privandole di acqua e cibo, contro la volontà dei loro cari nonché tutori legali.
    Se si trattasse in questo modo un cane, vedreste che sdegno le associazioni animaliste.

  • La zanzara ha detto:

    http://www.rainews.it/dl/rainews/articoli/Papa-Francesco-Sono-un-pontefice-assediato-e-tentato-pregate-per-me-dd09c547-727b-4f73-9267-6f2094f5783b.html
    Bergoglio: da carnefice della Chiesa, a vittima non si sa di chi !!!
    Ma quegli ecclesiastici e quei fedeli che lo contestano sempre più apertamente non sono forse anch’essi “Popolo di Dio” ???

  • Il veritiero ha detto:

    Dott. Tosatti, mi perdoni. Un informazione da lei che mastica momto meglio di me le infoemazioni.
    Per caso sa a mente con quale preciso articolo del diritto canonico era stata chiesto “lo stato di messa in accusa per eresia di Bergoglio dopo il trattato sulla fratellanza umana di abu dhabi?”
    Perché io stavo dando una ripassata veloce, e da quel che ho capito Bergoglio è già decaduto da papa anche senza essere messo in stato d’accusa. Nel senso, non serve convocare un concilio per dimetterlo da papa, lui ha già perso la potestà di paps perché é stato “spogliato da cristo” sa quale È l’articolo di diritto canonico che è stato contestato dai teologi e studiosi che hanno chiesto la messa in stato di accusa di Bergoglio?

    CHI CONVOCA IL CONCILIO
    In Verità della Fede [vol. I, Marietti, 1826, p. 142] si leggono le parole del santo «Dottore utilissimo» (sant’Alfonso): «La seconda cosa certa si è, che quando in tempo di scisma si dubita, chi fosse il vero Papa, in tal caso il concilio può esser convocato da’ cardinali, e da’ vescovi; ed allora ciascuno degli eletti è tenuto di stare alla definizione del concilio, perché allora si tiene come vacante la sede apostolica. E lo stesso sarebbe nel caso, che il Papa cadesse notoriamente e pertinacemente in qualche eresia. Benché allora, come meglio dicono altri, non sarebbe il Papa privato del pontificato dal concilio come suo superiore, ma ne sarebbe spogliato immediatamente da Cristo, divenendo allora soggetto affatto inabile, e caduto dal suo officio».

    • wp_7512482 ha detto:

      Mi spiace, non lo so.

    • mario ha detto:

      Salve Veritiero,
      l’argomento viene sollevato ciclicamente in questo blog, ma la risposta è sempre la stessa: non esiste alcuna norma canonica che autorizzi a mettere in stato d’accusa il Papa – anzi, ne esiste una che dice che non si può – neppure con riferimento al delitto di eresia oppure a considerarlo automaticamente deposto. Non troverà nemmeno una riga di Magistero sul punto, pur sfogliando tutto il Denzinger, neppure sulla possibilità che un Papa possa essere eretico, ipotesi mai riconosciuta dalla Chiesa.
      Vi è unicamente una norma antica che riguarda l’invalidità dell’elezione pontificale nel caso in cui il votato fosse eretico già da prima dell’elezione (il che significa: già riconosciuto e dichiarato tale dalla Chiesa, perché diversamente occorrerebbe processare un soggetto che fino alla prova contraria è il Papa, il che è impossibile).
      S. Alfonso, come altri teologi importanti prima di lui, ha concluso l’esposizione delle sue teorie presentandole come puramente ipoteiche e negando in linea di principio la possibilità del “papa eretico”. Anche la tesi della deposizione automatica è una semplice teoria.
      Tenga comunque conto che:
      a) quando sente alcune personalità importanti, inclusi alcuni ecclesiastici, discettare di mezzi per incriminare o deporre il Papa, ciò viene fatto con argomenti desunti dal cd. “conciliarismo”, eresia già condannata;
      b) quando legge di precedenti storici riguardanti papi eretici, deposti o condannati anche post mortem, sono puramente imposture o volgarizzazioni di vincende ben più complesse e gravate da molti margini di incertezza. Anche questi temi sono stati cavallo di battaglia di eretici gallicani e antinfallibilisti, liquidati definitivamente nel corso dei dibattiti del Concilio Vaticano I. La Chiesa non ha mai condannato alcun Papa per eresia.
      Spero di esserLe stato di qualche utilità. Cordiali saluti.

      • Il veritiero ha detto:

        Tempo fa’ ho sentito dal card. Burke in un intervista che un papa può essere deposto in caso di “manifesta eresia”, il collogio dei cardinali si può riunire e far decadere/licenziare il papa per “manifesta eresia”
        Cosa che anche tutti quegli esperti di diritto canonico, studiosi,teologi, docenti che hanno chiesto “al collegio dei cardinali la messa in accusa di Bergoglio per eresia dopo il trattato di Abu dhabi si sono appellati al diritto canonico”
        Ma il collegio dei bescovi ha fatto finta di jon aver mai ricevuto quella petizione.
        Quindi non è proprio come dice lei. Io non sono ferrato in materia, ma se ci sono fior di cardinali e vescovi che dicono che é una possibile ( sempre se di loro é sufficente per farlo ) penso che loro sappuano meglio di noi.

        • mario ha detto:

          Veritiero, non è che non sia come dico io; e come dice quel Cardinale che non va bene. Ero stato vago perché non mi piace fare nomi.
          Comunque approfondisca pure e verificherà da sé che è esattamente come dico io. Oppure prenda il famoso appello ai vescovi e controlli se vi è citata qualche norma o qualche principio magisteriale.
          Cordiali saluti.

        • Latore di dritte ha detto:

          Ha ragione Mario. Si informi bene consultando un esperto e possibilmente evitando la spazzatura che trova su internet, da chiunque scritta.

          • Valeria Fusetti ha detto:

            Non vi preoccupate, Latore di dritte e Mario 1 e 2, prima o poi quel che è oscuro verrà alla Luce, e ciò che sembra insormontabile si scioglierà come neve al sole. Quel Sole invincibile e mai vinto che È Cristo il Signore. È cari trollini : È.

  • Non Metuens Verbum ha detto:

    Dove si sono buttati a pesce lorsignori monsignori ? Dove ci sonno da spartire i quattrini dell’assistenza ai “migranti”.

    Dove prossimamente si butteranno a pesce ? Dove ci saranno da spartire i quattrini dell’aiuto e assistenza agli aspiranti (consapevoli o no, trascurabile differenza) suicidi.

    Altro che presa di distanza, codesti stanno solo prendendo lo slancio per saltare più lungo.

  • Esculapio ha detto:

    Eutanasia o suicidio assistito… in un’ottica politica potrebbero pesare di più le pressioni delle lobby mediche per l’introduzione di questa nuova terapia più che le opinioni di qualche prelato.
    Ogni cristiano dovrà cercare di difendersi e di difendere i suoi cari con le sue sole forze.

    • Il veritiero ha detto:

      Però lo stato Italiano può mettere tutte le leggi sull’eutanasia che vuole, l’importante é che non si azzardi a toccare la legge sull’obiezione di coscienza.
      Perché se un dottore é obiettore nessuno può costringerlo a farlo. Diciamo che alla fine tutto dipende da noi. Non possono costringerci a farlo se la legge sull’obiezione di coscienza rimane. Preghiano che nessuno osi msi toccare quella di legge.

  • Maria Cristina ha detto:

    Che bello: cosi in Italia, sede del Vaticano, oltre ad aborto e divorzio ( che ormai paiono essere accettati, almeno il divorzio, con rassegnazione anche dei preti) ci sara’ anche l’ eutanasia. E fra breve matrimonio gay e utero in affitto.
    Quando si dice essere il sale della terra!
    Non pare che la presenza massiccia di preti vescovi conventi suore e frati parrocchie e chiese , nonche’ dei cattolici della domenica, sia di alcun lievito e sale per la societa’ italiana.
    Fico secco che non da’ piu’ frutti la cattolicita’ in Italia e’ morta , almeno a livello appunto di lievito vitale nella societa’.
    Cari preti, vescovi, cardinale e caro papa ma non vi pare che invece dello scioglimento dei ghiacciai, fareste meglio ad occuparvi dello scioglimento del cattolicesimo e della liquefazione della dottrina sociale della Chiesa?
    Un sale che non sala piu’ dice Gesu’ e’ buono solo ad essere calpestato.

    • mario ha detto:

      L’analisi è senza dubbio corretta. Qual è la soluzione che Lei propone?

      • deutero.amedeo-il dilettante ha detto:

        Un buon diagnosta non necessariamente deve essere anche un terapeuta. O no?

        • Maria Cristina ha detto:

          L’ unica soluzione mi sembra quella di una testimonianza vera della fede cattolica e senza compromessi col “ mondo” Magari pochi, il piccolo resto, ma quei pochi senza inciuci, senza connivenze, senza strizzare l’ occhio alle mode, senza annacquare la dottrina, e quei pochi con la FIEREZZAnon la vergogna di mostrarsi anche esteriormente cattolici: i preti con la talare e che si occupano del culto di Dio e non fanno gli operatori sociali e i politici, i fedeli che si inginocchiano all’ Eucarestii e cercano di seguire i comandamenti di Dio , compreso il sesto, senza attenuanti e autoassoluzioni. Le virtu’ teologali fede , speranza, carita’ , come unico faro nella vita, lasciando perdere politica, tatticismi, marketing, il cosiddetto “ Cristianesimo secondario”. Basterebbe una manciata di veri cattolici, di veri preti e vescovi, e il sale tornerebbe ad avere il suo sapore, e molti giovani sarebbero di nuovo attirati dalla bellezza della vera fede cristiana.

  • IMMATURO IRRESPONSABILE ha detto:

    Io credo che i vescovi siano sinceramente avverßi a questa sentenza; gli errori (e gli orrori) in campo politico della CEI non bastano a far pensare il contrario. Cio’ che, invece, va corretto e’ la debolezza delle argomentazioni. La Chiesa ha due opzioni per denunciare un atto civile; il primo consiste nell’ affermazione della Legge di Dio , vincolante per il legislatore, anche in uno Stato che si dichiari (come il nistro) neutrale (Della Torre direbbe “ma non indifferente”), accettando cosi’ un conflitto presso che’ perpetuo. E’ grosso modo l’opinione espressa dalla Fraternita’ San Pio X pochi giorni fa. Sappiamo tutti che la CEI non seguira’ questa via. L’ altra possibilita’ e’ quella percorsa da meta’ ‘8oo all’ altroieri. Essa fu utilizzata contro aborto e divorzio (Cotta, Lombardi, Concetti…), il Diritto Naturale. Eutanasia e suicidio si dimostrano NELLA LORO ESSENZA illeciti gia’ alla semplice ragione umana; anche da parte del non credente. Si spera che qualcuno alla CEI si studi qualche manuale di bioetica. (p.es. quello di Sgreccia).

    • Lucia ha detto:

      Immaturo irresponsabile purtroppo io non sarei cosi sicura che la cei sia avversa grandemente a questa sentenza .Le risulta che ci sia stato OGNI giorno qualche prete o vescovo o cardinale , Avvenire , Osservatore romano che abbiano urlato : VADE RETRO come hanno fatto con Salvini e cosa ancora piu grave con noi ITALIANI che esprimevamo qualche dubbio sui porti spalancati.Giusto l ‘ altro giorno il vescovo di Cefalu ha invitato gli italiani per l ‘ ennesima volta ad aprire porti e CASE proprie dimostrando una mancanza totale di prudenza .Da quando al giorno d ‘ oggi ci si puo permettere di fare entrare sconosciuti in casa? Che consiglio sarebbe ? Io le mie piccole offerte le affido ad Acs per soccorrere i cristiani e i poveri africani e non ma non e che un giorno uno di loro si presenta a casa mia e io lo faccio entrare SENZA assicurarmi che non abbia brutte intenzioni.Puo immaginare il prelato che cosa si e visto rispondere sul web .Bene , perche non si e esposto dicendo : i malati e i disabili che i parenti volessero sopprimere in Italia come nel resto del mondo perche magari esasperati e stanch i o che i giudici come nel caso della piccola Tafida li ospito IO e invito tanti a fare altrettanto ? Io non dico che i vescovi siano cattivi e assetati di potere e soldi , sono anzi sicura che molti siano delle brave persone ma che siano INGENUI ignoranti del mondo pro- death non lo credo .Non sono io ad aver incontrato la Bonino , la Ploumen e la cirinna!!! Siano sinceri e ammettano che per loro questi tizi siano migliori di Salvini e Meloni e che li considerano amici a difcerenza di questi ultimi che sono appunto SATANA .Arrivederci .

      • IMMATURO IRRESPONSABILE ha detto:

        Si’, anch’ io penso che questa svolta politica dei vescovi, soprattutto in Italia, oltre che sbagliata in se’, danneggi l’ impegno nella difesa del diritto naturale (che e’ legge di Dio). Penso anche che molti di loro non sono disposti al conflitto coi politici “progressisti”, e in cio’ li considero cattivi “milites”, e maggiormente perche’ essi sanno che queste leggi non sono lecite.

  • Il veritiero ha detto:

    Ma Bergoglio ha insultato volontariamente San Pietro dicendo che era un “ipocrita” in più occasioni o sbaglio? Leggete voi le dichiarazioni di Bergoglio.
    Pietro non me lo doveva toccare, io il 5 Ottobre vado in piazza San Pietro con uno striscione lungo 10 km con su scritto “impostore vattene”. Ora ha esagerato veramente.
    https://roma.corriere.it/notizie/cronaca/19_settembre_26/papa-francesco-io-pontefice-tentato-molto-assediato-importante-pregare-me-04a2b07a-e044-11e9-88f1-6c41e75d9585.shtml

    • mario ha detto:

      Sì ma non ti agitare, che S. Pietro fosse un po’ ipocrita lo disse San Paolo prima del Papa. Tranquillo.

      Se vai con lo scriscione, mettiti in favore delle telecamere che ti voglio vedere al TG1 🙂

      • Il veritiero ha detto:

        Mi vedrai, promesso. È arrivata ora che qualcuno tiri fuori gli attributi, altrimenti qui non si muove una foglia.
        Ni cacciassero via, facessero come vogliono. Sticavoli.
        É arriva l’ora di dare l’esempio.l, specialmente a quei burattini dell’istituto giovanni Paolo II.

  • Pier Luigi Tossani ha detto:

    e’ bene che io segnali il commento di Mario Adinolfi (Pdf):
    https://www.facebook.com/photo.php?fbid=10157385701630428&set=a.431546520427&type=3

    Affidare la battaglia sui principi non negoziabili a partiti che sventolano il rosario ma nei fatti non hanno alcun interesse a difenderli, perché sono principi divisivi, è l’errore storico compiuto dai cattolici italiani. O si torna al soggetto politico autonomo o saremo sempre sconfitti. Marco Cappato ha vinto facilmente perché la sua idea libertaria non ha subito alcuna opposizione. Mi fa ridere Paola Binetti che oggi dice che la sentenza è “follia” e ieri ha votato la fiducia al governo M5S-Pd, due partiti che esultano. Fossi in Exit aprirei subito una “clinica” per il suicidio assitito in Italia. Troverebbe solo il PdF a opporsi e noi siamo poca cosa. Siamo solo noi (e ci vediamo da domani alla festa nazionale).”

  • maurizio rastello ha detto:

    Ma caro Tosatti, non Le va mai bene nulla; anche quando si dicono le cose che Lei pensa ha da sindacare sul tono e gli accenti. Provi a vedere le cose in positivo, ogni tanto!

    • wp_7512482 ha detto:

      No, caro PorRastello, è l’ipocrisia che odio. Dovrebbe averlo capito, no?

    • Davide Scarano ha detto:

      Per “Carlone”: non è la “mancanza di una legge”, la legge c’era e puniva chi induce al suicidio. Credo sia da censurare -ma non è la prima volta- la cosiddetta giurisprudenza “addittiva”della Corte Costituzionale, con la quale la stessa chiede al Parlamento di realizzare una legge secondo certi orientamenti; a me sembra una forzatura. Di certo è più legittimato a legiferare il Parlamento piuttosto che la Corte. Se la legge non è stata emanata significa che non vi è un accordo in Parlamento, quindi non PUO’ e pertanto non DEVE essere emanata.

  • Astore da Cerquapalmata ha detto:

    Francesco di Assisi sarebbe rimasto inorridito.
    Ma il Papa che si ispira a lui tace. E se dovesse parlare non penso che lo farebbe come contro Salvini, e non penso che si rifiuterebbe di incontrare il ministro delle pari opportunità come fece con Salvini.
    Il Papa che incontra i rappresentanti dei centri sociali e delle OGN, tutti figli di ricche famiglie, non doveva chiamarsi Francesco!
    Un Papa che arringa abortisti, e genderisti, doveva chiamarsi Massaniello (nonostante Massaniello fosse davvero dalla parte dei poveri)

    • mario ha detto:

      Ma se ha parlato per l’ennesima volta contro l’eutanasia non più di 4 giorni fa… per piasè

      • Astore da Cerquapalmata ha detto:

        Ha parlato contro l’eutanasia. Poteva parlarne a favore forse?
        Però ha parlato s favore della Bonino. E questo viene percepito come da molti come un’apertura. Contano i fatti

        • Lucia ha detto:

          Non c ‘ e stata solo la bonino ma anche l’ olandese ploumen , la cirinna e amica di mons paglia , in vaticano sono stati ricevuti oscar camps & co che a quanto pare sulle loro navi con tutti i rischi del caso fanno abortire le schiave che portano qui , la colau e le sue amiche pro- aborto , pro- eutanasia e gender da imporre nelle scuole senza se e senza ma e questi solo solo alcuni degli invitati eccellenti.Invece Salvini , Meloni i loro omologhi stranieri un bel Vade retro ….Buona serata

          • Latore di dritte ha detto:

            Quella della Ploumen era una bufala. Prese l’omaggio perché faceva parte della delegazione governativa.

      • Paolo Pagliaro ha detto:

        C’è parlare e parlare; in molti hanno capito la differenza e agiscono di conseguenza.

        Chiarisco: c’è parlare seguito da conseguenze (allontanamento di chi non si allinea, chiusura di istituti, non risposte, ecc.) e parlare non seguito da alcuna conseguenza.

  • Donna ha detto:

    Beh dopo tutto il lavoro che si sono dati, con interventi di Bergoglio,convegni, articoli, interviste, catechesi,prediche , appoggio politico, sull’argomento ?ora sono basiti,incerti, increduli, dispiaciuti….ma vah… Chi semina raccoglie

    • mario ha detto:

      Quindi adesso la fake news da far girare è che Bergoglio fa i convegni dove sostiene l’eutanasia?

      • Donna ha detto:

        Non ha compreso l’ironia, è l’esatto contrario, sono stati volontariamente politjcally correct silenziosi, o sono intervenuti in maniera soft per non disturbare troppo i poteri forti che in realtà sostengono, D’altra parte se si incensa la Bonino come una delle donne più grandi d’Italia (la quale è pro aborto, eutanasia ,ecc. come noto), e poi sostieni il contrario di questo,si perde di credibilità. Un colpo al cerchio e un colpo alla botte, mostra un volto ben distante dalla verità, e risulta non più credibile.

  • Nicola B. ha detto:

    Appena finito di ascoltare Rainews24. Ha detto che ” la CEI ha chiesto ALMENO di garantire l’obiezione di coscienza ai medici ” Ahahah Ahahah ecco la” coraggiosa” presa di posizione della CEI. Contro Salvini che difendeva l’italia dall l’INVASIONE di migliaia di clandestini disperati e delinquenti, tutti a fare i leoni. Adesso invece zitti e Mosca e
    la questione finira’ qui ,non andranno oltre questa difesa di ufficio. Ma si vede che questa decisione è stata presa SAPENDO di contare su un governo amico di sinistra ed anche di un Pontificato che di certo per queste faccende non ha il cuore di leone. Diventano TUTTI LEONI PER FAVORIRE L’INVASIONE E LA SOSTITUZIONE ETNICA. Si aspettano castighi. Ah già, qualcuno ha detto che Dio non castiga e qualcun altro invece che Sodoma e Gomorra si sono salvate…

    • mario ha detto:

      Salvini ha avuto un anno di tempo per intervenire sull’eutanasia e non l’ha fatto. La Consulta non aveva richiesto l’intervento legislativo due giorni fa…
      In ogni caso, alla faccia dei rosari che bacia, Salvini ha dichiarato pubblicamente di essere per la libertà di scelta sia per l’eutanasia, sia per l’aborto (sull’aborto si è pronunciato così subito dopo il convegno di Verone, dove era intervenuto a recitare la parte del super-cattolico intransigente).

  • Astore da Cerquapalmata ha detto:

    E’ passata l’eutanasia.
    La colpa? Dei politici, della magistratura e, sembra impossibile, del Vaticano e della CEI.
    Si sapeva benissimo che il PRIMO atto del nuovo governo sarebbe stata la legalizzazione dell’eutanasia.
    Ma poichè il nuovo governo pare nato con la regia di Vaticano e CEI, l’iniziativa non poteva venire dal governo, ma dalla magistratura.
    Se il Vaticano e la CEI avrebbero potuto evitare e non l’hanno fatto, è cosa gravissima.
    Si parla tanto di peccati di omissione e di girarsi dall’altra parte.
    Se così hanno fatto i nostri Pastori hanno commesso peccato MORTALE. E la loro prossima Comunione senza un’adeguata confessione si configura come SACRILEGIO.
    Con tutto il rispetto, ma è così.
    Questa non è calunnia, ma VERITA’.

    • carlone ha detto:

      Guardi che è la mancanza di una legge chiara che ha permesso questo. Nessun governo degli ultimi dieci anni ha mai preso in mano la situazione. Non sparate sempre minchiate sulle responsabilità della Chiesa. Tra l altro non avevate sempre ricordato di essere assuefatti dalle Bergogliate? E la principale non è quella sulla cultura dello scarto ?

      • Astore da Cerquapalmata ha detto:

        Se c’era Salvini non sarebbe accaduto lei lo sa molto bene….

        • Carlone ha detto:

          Quando c’ era Salvini la gente si suicidva lo stesso .
          Pure quando c’ erano Papa Benedetto e GPll la gente non smetteva di suicidarsi. Pure al tempo di Gesù e anche coloro i quali lo hanno visto e sentito si sono suicidati.

        • mario ha detto:

          SDcusi sig. Astore, Salvini c’è stato fino a meno di un mese fa e la Consulta ha iniziato ad avvisare un anno fa. Come fa a dire “se c’era salvini non succedeva”?

        • carlone ha detto:

          Se non sbaglio questa era la proposta di legge della Lega

          PROPOSTA DI LEGGE
          D’INIZIATIVA POPOLARE
          __ ART. 1.
          1. Ogni cittadino può rifiutare l’inizio o
          la prosecuzione di trattamenti sanitari, non-
          ché ogni tipo di trattamento di sostegno
          vitale o di terapia nutrizionale. Il personale
          medico e sanitario è tenuto a rispettare la
          volontà del paziente ove essa:
          a) provenga da un soggetto maggio-
          renne;
          b) provenga da un soggetto che non si
          trova in condizioni, anche temporanee, di
          incapacità di intendere e di volere, salvo
          quanto previsto dall’articolo 3;
          c) sia manifestata inequivocabilmente
          dall’interessato o, in caso di incapacità so-
          pravvenuta, anche temporanea, dello stesso,
          da persona precedentemente nominata, con
          atto scritto con firma autenticata dall’uffi-
          ciale di anagrafe del comune di residenza o
          domicilio, fiduciario per la manifestazione
          delle volontà di cura.
          ART. 2.
          1. Il personale medico e sanitario che
          non rispetta la volontà manifestata dai sog-
          getti e nei modi indicati nell’articolo 1 è
          tenuto, in aggiunta ad ogni altra conse-
          guenza penale o civile ravvisabile nei fatti,
          al risarcimento del danno, morale e mate-
          riale, provocato dal suo comportamento.
          ART. 3.
          1. Le disposizioni degli articoli 575, 579,
          580 e 593 del codice penale non si appli-
          cano al medico e al personale sanitario che
          hanno praticato trattamenti eutanasici, provocando la morte del paziente, qualora
          ricorrano le seguenti condizioni:………

      • Enrico66 ha detto:

        @Carlone
        Mi spiace contraddirla ma non è vero che la legge non fosse chiara; è che da 30 anni la magistratura di stampo progressista interpreta a suo uso e consumo le leggi, dichiarandole incostituzionali in nome di una presunta.evoluzione del sentire sociale. In pratica, ha esautorato il parlamento scrivendo lei le leggi, a suon di sentenze, come gli pare e piace.