RVC E IL DEFICIT VATICANO. BANCAROTTA DOTTRINALE E FINANZIARIA.

21 Settembre 2019 Pubblicato da --

 

Marco Tosatti

Cari Stilumcuriali, Romana Vulneratus Curia, che di queste cose se ne intende, eccome, ci ha mandato ieri una riflessione molto interessante sullo stato delle finanze del Vaticano. E alla fine aggiungeremo due parole…

§§§

Caro Tosatti, il quotidiano Il Giornale di oggi (20settembre, ieri per chi legge, N.d.R. ) ci informa che il Vaticano è “in bolletta per 70 milioni di euro di deficit, su 300 milioni di budget”.

Mons. Carlo Maria Viganò aveva previsto anche questo quando fu costretto a lasciare la guida del Governatorato, cacciato perché aveva proprio scoperto e perseguito le persone e le ragioni di questa mala gestione ! E il card. Pell voleva aprire una inchiesta su alcune origini di questa mala gestione.

Se il Governatorato vaticano fosse una società quotata in borsa qualcuno chiederebbe alla Consob una indagine con conseguenze piuttosto scandalose, temo.

E poiché il numero uno “non poteva non sapere “ rischierebbe una azione di responsabilità con richiesta di dimissioni.

Aprendo la strada ad una ipotesi, accarezzata da molti cardinali, di farlo dimettere (essendo impossibile per bancarotta dottrinale, almeno per bancarotta finanziaria).

Le due bancarotte peraltro vanno insieme.

Quali le responsabilità? Son stati cacciati collaboratori capaci (sia in materia dottrinale che economica), sostituti da personaggi inadeguati, i quali non potevano che far arrivare al collasso dottrinale e finanziario, prodotto da contributi crollati e costi non gestiti.

L’articolo de Il Giornale lascia intendere una gestione Ior semi-fallimentare, accompagnata dal crollo dell’otto per mille.

A cui va aggiunta la riduzione dell’ obolo di San Pietro (soprattutto per ciò che riguarda il denaro proveniente dagli USA).

Ma ciò è avvenuto anche grazie ai costi di gestione mediatica (TV,Radio, Giornali) fuori controllo; ma indispensabili per la gestione dell’immagine.

Possiamo pertanto, en passant, chiedere quali sono i conti del quotidiano Avvenire, della Cei ?

L’apocalisse comincia con le finanze? Ma forse è quello che il numero uno voleva proclamando una Chiesa povera.

L’aspetto un po’ curiosamente ironico della fallimentare gestione finanziaria che prosegue da 6 anni lo si può trovare nel Motto di Papa Francesco <Miserando Atque Eligendo> tratto dalle omelie di San Beda, il quale, commentando la vocazione di San Matteo apostolo ed evangelista, pubblicano, esattore delle tasse, patrono dei banchieri, finanzieri, cambiavalute e contabili, scrive: “Vidit ergo lesus publicanum et quia miserando atque eligendo vidit, ait illi sequere me” (Vide Gesù un pubblicano e siccome lo guardò con sentimento di amore e lo scelse, gli disse: Seguimi).

Nemesi o solo ironia della sorte?

Suo RVC

§§§

La sorte c’entra, ma c’entrano anche parecchie altre cose. E su queste il Pontefice regnante ha responsabilità ben precise; e quella specie di Ufficio Religioso del PD-LEU-5S che passa sotto il nome di Conferenza Episcopale Italiana ne ha anche, e non piccole. Gli USA sono sempre stati, con la Germania e con l’Italia, i principali finanziatori della Santa Sede. Ma il Pontefice ha provveduto a disgustare una larga parte di cattolici americani, prima con richieste incredibilmente esose – milioni e milioni di dollari alla Papal Foundation per coprire i buchi dell’IDI, e poi con scelte episcopali e cardinalizie – Cupich, Farrell, Tobin, il caso Wuerl, il caso McCarrick – che hanno provocato in molti cattolici USA l’impressione che Roma volesse farli fessi, promuovendo gli amici della solita ghenga…In Italia l’8 per mille ha subito un serio calo sia per la posizione della Chiesa sull’immigrazione (e il crescente sospetto che l’accoglienza non sia senza motivi di interesse…) sia per la scelta di vescovi che sembra siano interessati solo alla politica, e a una politica di sinistra. Dunque la sorte forse c’entra. Ma si pagano le conseguenze di scelte non sagge, non equilibrate, e disastrosamente sbilanciate, sia da un punto di vista dottrinale che politico. La gente è stupida, ma solo fino a un certo punto…

§§§




SE PENSATE CHE

  STILUM CURIAE SIA UTILE

SE PENSATE CHE

SENZA STILUM CURIAE 

 L’INFORMAZIONE NON SAREBBE LA STESSA

 AIUTATE STILUM CURIAE!

ANDATE ALLA HOME PAGE

SOTTO LA BIOGRAFIA 

OPPURE CLICKATE QUI 




Questo blog è il seguito naturale di San Pietro e Dintorni, presente su “La Stampa” fino a quando non fu troppo molesto.  Per chi fosse interessato al lavoro già svolto, ecco il link a San Pietro e Dintorni.

Se volete ricevere i nuovi articoli del blog, scrivete la vostra mail nella finestra a fianco.

L’articolo vi ha interessato? Condividetelo, se volete, sui social network, usando gli strumenti qui sotto.

Se invece volete aiutare sacerdoti “scomodi” in difficoltà, qui trovate il sito della Società di San Martino di Tours e di San Pio di Pietrelcina


 LIBRI DI MARCO TOSATTI

Se siete interessati a un libro, cliccate sul titolo….


Viganò e il Papa


FATIMA, IL SEGRETO NON SVELATO E IL FUTURO DELLA CHIESA

Fatima El segreto no desvelado

  SANTI INDEMONIATI: CASI STRAORDINARI DI POSSESSIONE

  PADRE PIO CONTRO SATANA. LA BATTAGLIA FINALE

  Padre Pío contra Satanás

La vera storia del Mussa Dagh

Mussa Dagh. Gli eroi traditi

Padre Amorth. Memorie di un esorcista.

Tag: , , , ,

Categoria:

Questo articolo è stato scritto da wp_7512482

44 commenti

  • Marco Matteucci ha detto:

    ULTIME NOTIZIE

    Risanate le finanze della santa sede con il tesoretto sequestrato all’ex presidente della regione Lombardia Roberto Formigoni.

  • Franco ha detto:

    I sonistrorsi hanno un grande pregio: quello di rendere più poveri tutti e magari pretendere di vivere sulle spalle degli altri la qual cosa non mi pare sia quello che insegna il Vangelo.

  • Rosaria Musso ha detto:

    Bibbia studio dei testimoni di Geova fiducia

    Realtà : la parola ebraico che corrisponde al nome di dio sotto forma di tetragramma ricorre nella bibbia quasi
    7,000 volte la maggior parte della traduzioni elimina arbitrariamente il nome di dio è lo sostituisce con un titolo come signore

    il vero nome e geova creatore

    • LucioR ha detto:

      I testimoni di Genova sono più attendibili.

    • Sherden ha detto:

      “…elimina arbitrariamente il nome di dio lo sostituisce…”
      “…il vero nome geova creatore

      Però, due erroracci infami in tre righe.
      Forse più che da bibbie farlocche le conviene ricominciare dallo studio della lingua italiana.
      E adesso non venga a dire che è colpa del correttore automatico…

  • Adriana ha detto:

    Questo è un papato ” flet et futuit ” , in napoletano :
    ” Chiagn’e f…e “

  • Il veritiero ha detto:

    70 milioni di euro valgono meno di una caccola del naso per il Vaticano. Considerate solo che il più piccolo e insignificante degli ordini religiosi mansa ogni anni in Africa solo per le missioni la stessa cifra in donazione per aiutarli a scopo di beneficenza.
    Invece di preoccuparvi dei 70 milioni del Vaticano sarebbe bene che usaste le stesse energie per preoccuparvi dei “2000 MILIARDI” dello stato Italiano, che ogni anno producono “70 MILIARDI SOLO DI INTERESSI”. Interessi chiesti su dei soldi che non sono mai esistiti veramente ma erano solo numeri su un computer, ma che indietro vogliono soldi veti di carta e non gli stessi numeri sul computer che hanno dato loro ( soldi cartacei xhe in giro per il mondo memmeno esistono perché non sono mai stati stampati, “ci stanno chiedendo di dargli una cosa che non esiste e che non é mai esistita e noi come deficenti ancora stiamo a ragionare sul PIL, sullo SPREED, SullECONOMIA” Svegliatevi!!!

    • Alda ha detto:

      ….. e intanto domenica Messa e “raccolta” per i migranti.
      Tosatti, potrebbe fare un appello ai frequentatori del blog di boicottare le offerte?

  • Astore da Cerquapalmata ha detto:

    In Italia il personalismo in politica non paga.
    Tutti quelli che hanno fatto un partito personale ma hanno abbandonato l’idea o l’ideologia di riferimento, hanno pagato dazio. A cominciare da Segni.
    Come per una squadra di calcio: non sono i nomi a determinare il tifo, ma solo i “colori”.
    Così è per la Chiesa quando fa politica.
    A me un Papa può piacere più o meno del Papa precedente, ma lo seguo perché è il Pastore della Chiesa.
    Di lui, personalmente, me ne frego. Spero per lui e per tutti noi che sia santo, certo, ma morto un Papa se ne fa un altro.
    Lo seguo quando segue la dottrina irreformabile e quando la difende e non quando fa politica.
    Io, di politica, ci capisco più di lui e di tutta la CEI insieme.
    Forse ho un po’ di presunzione, ma sono certo che sono io a poter insegnare al Papa di politica, tanto più che mi sembra un sodale dei poteri forti (in Argentina nessuno lo ricorda come un oppositore alla giunta ma qualcuno lo ricorda come un buon amico di Videla e c.).
    I migranti? Per lui sono tutti poveri. Io per esperienza personale, dico che è falso.
    Per me l’immigrazionismo non aiuta i poveri, ma li ammazza. Ma qui siamo nel campo delle opinioni e non della fede. Peccato che i Vescovi e il Papa quando parlano di politica e di opinioni sembra millantino di essere ispirati.
    Ma se dicono di essere infallibili in campi profani, opinabili, come quello della sociologia delle migrazioni, lo Spirito fugge. E, magari, al suo posto arriva il demonio…

  • Adriana ha detto:

    Costi strabocchevoli per ” la gestione mediatica …” , non dimentichiamo quelli per il filmetto ” dottrinale ” sulla facciata di S. Pietro ( una sgrammaticatura , lo ha definito il Card. Ravasi ) e quello sull’ Uomo Vero e Sincero , con protagonista l’umile Bergoglio .
    Qualcuno è così gentile da spiegarmi chi paga i costi dei viaggi e delle manifestazioni catto – folk oceaniche
    di questo papato ?

  • Alessandro Mirabelli ha detto:

    Il pontificato bergogliano è taroccato dall’inizio alla fine.

  • TITTOTAT ha detto:

    … Essendo impossibile per bancarotta dottrinale, almeno per bancarotta finanziaria.
    Non so se questa frase è detta in modo ironico o serio, ma se davvero capitasse di farlo dimettere in materia finanziaria e tutti i Bergogliani di ferro, che oggi dicono che in quanto papa non lo si può perseguire sul piano dottrinale, si troverebbero d’accordo sulle sue dimissioni, chiederei davvero al Cielo di avere la forza e il coraggio di impugnare una spada per far vendetta tra gli iniqui e gli idolatri.

  • deutero.amedeo ha detto:

    Tutto chiacchiericcio!
    Il Santo padre e’ persona competentissima in materia di economia e finanza.
    Quando gli hanno detto:–Santità, abbiamo ben 70 milioni di deficit– ha risposto:–Bene! Allora spendiamoli subito in propaganda pro immigrazione e Amazzonia—

  • Enrico ha detto:

    Dear Dr. Tosattii,
    boy,did you nail it with your comment, and may I just add two things, what got Americans really pissed off is when Pope Francis used Saint Peter’s Pence (Obolo di San Pietro) to facilitate illegal immigration across the U.S. border, something between 300,000. – 400,000. Euro. Regarding the Papal Foundation, I think it was created by Mr. McCarrick and we know how he ended. American Catholics and I mean the average working class and not some “big you know who” donors are really disgusted with the U.S. and Rome oligarchy. Wound any sane person give his or her money to an religious institution who may and most likely be prosecuted with the “R.I.C.O. laws” ( equivalent to the legge anti-mafia Italiane)? Hell no! That is how you are considered by non Catholics and the secular world in the U.S., you are a member of a crime syndicate and the U.S. Bishops and Cardinals are wondering why the people are leaving the Catholic faith. Well I’ll give them the answer, economic and moral corruption of the faith. They go hand in hand. Am I pessimistic about the future? No. Just have to face the fact that the battle for the Roman Catholic will be long and hard, but hey we are Catholics , we are combatants. One final note, I love your website, I think it’s a great think tank and may be a solution to the crisis in the church may come from here.

  • Nicola B. ha detto:

    Oltre ai conti di AVVENIRE, bisognerebbe chiedere anche i conti di FAMIGLIA CRISTIANA…….Per riassumere il tutto , secondo uno slogan trionfalistico giornalistico di inizio di questo Pontificato, è L’EFFETTO BERGOGLIO. Questo vuol dire che alla fine , i sinistroidi possono pompare all’infinito un personaggio , ma poi alla fine il popolo non è scemo come credonono loro.

  • rosadimaggio ha detto:

    i reati commessi per la bancarotta dottrinale e finanziaria : 1- falsificazione scritture evangeliche e conti di bilancio . 2- ricorso abusivo alla fiducia degli ingenui . 3- distrazione e utilizzo risorse della chiesa per fini diversi . 4 – sostegno al terrorismo psicologico ambientalista . 5- favoreggiamento alla immigrazione clandestina a scopi terroristici e sincretistici . 6 – incoraggiamento all’impoverimento della popolazione locale. 7 . istigazione al paganesimo superstizioso e idolatrico . 8 – incitamento al sostegno politico – e voto- di partiti di morale anticristiana e anti vita umana. 9 . incitamento all’odio di classe. . 10 – incoraggiamento alla costruzione di ponti irrealizzabili perciò non transitabili e a rischio crollo. condannato !

  • donato grossi ha detto:

    son un amante della Divina Commedia di Dante. Da 6 anni mi domando in quale girone del Inferno o Purgatorio, avrebbe Dante messo Papa Bergoglio . Forse avrebbe dovuto inventarne uno solo per lui ? Qualcuno saprebbe immaginarlo ?

    • Gian Piero ha detto:

      Forse sono troppo cattivo ma me lo vedo nel girone in cui i dannati, i traditori degli amici e parenti, sono immersi in un lago di ghiaccio e dove il.conte Ugolino rosicchia la testa del suo nemico.
      Questo per aver tradito la missione di papa .

  • Donna ha detto:

    A Giuda Gesù aveva consegnato la cassa, ben sapendo l’inclinazione dell’apostolo, ma sperando fino all’ultimo che non ne facesse, per così dire, cattivo uso.
    Giuda lo ha tradito su tutti i fronti (in Valtorta emerge molto bene), nella carità, nell’uso della misericordia, nella giustizia, nel tenere la cassa (rubava e ne usava male), in una condotta morale/sociale non limpida e accortosi al fine che Gesù non sarebbe mai stato il Gesù rivoluzionario che mirava al potere “mondano” (e a lui Giuda quindi non ne sarebbero mai venuti vantaggi,onori e gloria) lo ha venduto.
    Credo che oggi, guardando alla Chiesa e alla politica il demone che più soffia nelle orecchie sia quello di Giuda, ma ora non si accontenta di trenta denari, ma vuole anime.

    • Maria Cristina ha detto:

      Giuda e’stato anche il precursore di tutti quei meschini moralisti da strapazzo per i quali ll prezioso unguento in onore di Gesu’ sacrificato dalla pia donna,cioe’il simbolo della pura e generosa ‘adorazione di Dio a cui si deve cio’che abbiamo di piu’prezioso, era “sprecato”e si poteva col ricavato dare i soldi ai poveri (in realta’se li teneva lui) Giuda e’ilcapostipite di tutti quei preti che pensano in termini totalmente orizzontali e materialistici e che rirengono meritorio fare delle chiese dei bivacchi per i barboni e gli immigrati.(e che poi come Giuda si tengono loro i soldi e ci fanno businness ). Giuda con la sua frase sull’unguento sprecato e”l’ispiratore di quei tristi che hanno immiserito il culto e l’adorazione riservata a Dio, la bellezza e la ricchezza delle chiese, dei paramenti, dei vasi sacri, con la scusa che meglio spendere i soldi per i poveri.
      Giuda e’il capo di questa nuova accozzaglia di traditori, incapaci, invidiosi e distruttori di ogni vera spiritualita’.

      • Raffaele Vargetto ha detto:

        Ha ragione Maria Cristina. Le parole di protesta di Giuda Iscariota nei confronti di Maria di Betania per l’unguento prezioso usato per la Persona del Figlio di Dio, sono le stesse nel tono e nella sostanza a quelle solite di chi si mostra scandalizzato per le ricchezze delle chiese monumentali che hanno fatto e fanno la storia religiosa e culturale dell’Italia e di altri paesi, soprattutto, d’Europa. Sono concetti e parole che denotano uno spirito falsamente cristiano, con forti inclinazioni marxiste, dimentichi del primo e fondamentale comandamento della Legge di Dio: “Amerai il Signore Dio tuo con tutto il cuore, con tutta la mente, con tutta la tua anima e con tutte le tue forze”.

  • gattosaggio ha detto:

    A Bergoglio è andata bene che non abbia scelto un motto riferito a SanMichele Arcangelo , altrimenti sai che fine gli avrebbe fatto fare oggi .! Pensate se avesse scelto , che so : qui ut Deus ? oggi sarebbe incorporato in qualche parte dell’Amazzonia ….

  • ubimayor ha detto:

    beh ! san Matteo lo ha punito !!

  • LucioR ha detto:

    Più che stupida la gente è distratta, oggi molto di più, dal momento che i moderni mezzi d’informazione e multimediali assorbono una gran parte della sua giornata allontanandola sempre più dalla concretezza della vita reale (ieri mi è capitato di andare in uno studio medico nella cui sala d’aspetto c’era una quindicina di persone, tutte adulte, alcune anziane, alcune imparentate tra di loro, che dopo il tradizionale ‘buongiorno’ si sono tuffati nel loro smartphone senza dire più una parola neanche al proprio vicino o parente – E poi si condannano i giovani…).

    La gente inizia a reagire solo quando l’acqua incomincia a lambire i piedi, o – secondo il grado di distrazione – le ginocchia, i fianchi, ecc. Solo i rossi e post-rossi resistono fino a quando arriva alla radice del naso, aspettando che l’ “Unità” (simbolica, dal momento che quella vera è fallita) dia il “cotrordine compagni”. Ma poiché questo non arriva finiscono per svegliarsi anche loro, come sta avvenendo in Italia, nonostante non serve più a niente perché neanche loro hanno più il diritto di votare (dovevano svegliarsi prima).

  • TITO ha detto:

    PERBACCO ! E SE AVESSE SCELTO IL MOTTO : IGNEM VENI MITTEREM IN TERRAM- AVREBBE IMPLICITAMANTE AUSPICATO IL -RISCALDAMENTO GLOBALE- E ESALTATO LA GRETINA ? GENIALE !

  • fox ha detto:

    molto interessante . Non sapevo che il Motto di Papa Bergoglio si riferisse alla chiamata di MATTEO . vuoi vedere che -ironia della sorte – vuol dire che Bergoglio ha scelto il patrono dei banchieri per fare bancarotta delle finanze della Santa Sede ? dando così la colpa ai banchieri ???

  • FRANZ II° ha detto:

    CHE TEMPESTIVITA’ , PROPRIO OGGI E’ SAN MATTEO !! PREGHIAMOLO PERCHE’ SI COMPIA UN MIRACOLO ( RISERVATO E PERSONALE )

  • Intelligenti pauca ha detto:

    Santa Sede in profondo rosso ??? Adesso capisco perché il Personaggio sta così inca***to davanti al SS.mo Sacramento solennemente esposto !!!
    https://cronicasdepapafrancisco.files.wordpress.com/2019/09/08-bergoglio-ombra-2.jpg
    “Cercate prima il Regno di Dio e la sua giustizia, e tutte queste cose [materiali] vi saranno date in aggiunta” (Mt 6,33). Se quest’uomo si preoccupasse un po’ meno di politica, economia ed ecologia, e si preoccupasse un po’ di più di dottrina, morale e liturgia, non si troverebbe in queste preoccupazioni. E pensare che si è messo il nome del Poverello di Assisi !!!

  • Pier Luigi Tossani ha detto:

    sono anni che l’otto per mille l’ho deviato sulla Chiesa Ortodossa. Spiace, ma m’hanno costretto.

  • Riccardo ha detto:

    C’è un corollario: il Papa per il risanamento si affida proprio a quel cardinale Marx che lo ha sfidato con il sinodo in odore di scisma della chiesa Tedesca.

  • I love anguera ha detto:

    «Quelli che camminano abbracciando la mezza verità cadranno» (19/09/2019).
    https://www.apelosurgentes.com.br/it-it/mensagens/
    E quelli che abbracciano “la mezza verità” non c’è bisogno neppure di nominarli, perché già li conosciamo perfettamente. Costoro sono destinati a fallire, anche se al momento sembra che tutte le leve del potere stanno saldamente nelle loro mani. Solo la “Verità intera” libera e dona la vita vera.

  • fernando cova ha detto:

    Egregio Tosatti,
    la devo ringraziare perché a me, credente ma anticuriale/anticlericale, ogni giorno regala qualche minuto di puro godimento grazie anche agli autorevoli commenti.
    Buona continuazione

    • La zanzara ha detto:

      Sì, il commento (azzurro) del dott. Tosatti è perfetto.
      Non c’è né da aggiungere né da togliere nulla.
      Alla fine si raccoglie quello che si semina.

  • Gara di epitaffi ha detto:

    (9)
    JORGE MARIO BERGOGLIO
    Qui giace il tuttologo del nulla
    il cui cognome si scrive “Bergoglio”
    ma si legge tranquillamente “Imbroglio”.

    • Boanerghes ha detto:

      Sarebbe meglio dire: qui giaceva, poiché è ancora al suo posto a creare danni incalcolabili.
      Penso ancora per poco, in quanto il Signore tiene alla sua Chiesa e la purificherà.
      E dico pure che ce lo meritiamo.

    • esopo II ha detto:

      senti , fai un epitaffio giocando su BERGOGLIO IL BANCAROTTIERE …