AVVENIRE ESULTA PER IL RITORNO DELLA TRATTA DEI CLANDESTINI.

16 Settembre 2019 Pubblicato da --

Marco Tosatti

Cari amici e nemici di Stilum Curiae, vi invito a leggere – non dopo pranzo, se volete starmi a sentire – l’editoriale che Avvenire ha dedicato alla riapertura delle rotte della tratta dei neo-schiavi, e cioè allo sbarco dei clandestini della Ocean Viking, avvenuto in maniera tale che la nave della ONG non potesse essere fatta oggetto di quello che è un decreto a difesa della legalità, e dei confini dello Stato, e teso a combattere il mercato dei migranti clandestini.

Leggetelo. E nel contempo prendete nota della notizia – che non ho trovato nelle prime pagine di nessuno dei grandi giornali collegati al Partito del Governucolo. E cioè che da un giorno all’altro lo Stato, cioè voi ed io, spenderemo ogni giorno non più 21 euro, per finanziare il business dell’accoglienza, ma 42 euro. Quarantadue euro. In un Paese in cui sempre più persone inseguono il miraggio di un lavoro, anche se mal pagato, anche se precario, e in cui curarsi diventa sempre più costoso, per tutti.

Leggete il fondo di Tarquinio, e non dimenticate che questa Chiesa ha un interesse nel giochino, Altroché. Leggete e capite come l’ipocrisia clericale talvolta sia più forte, evidente e manifesta nei laici clericalizzati. Ormai chiunque sappia leggere e abbia voglia di documentarsi sa che cosa si nasconda dietro lo slogan di “Salvare vite”: un gigantesco giro di interessi, ideologie che mirano alla sostituzione etnica, la connivenza delle ONG con gli scafisti. Lo sanno tutti quelli che vogliono sapere. E il gigantesco giro di affari anche da noi. Che adesso, grazie alla decisione del Governucolo, si può rimettere in moto a pieno ritmo. A 42 euro al giorno, e con la benedizione della Chiesa e di Avvenire. Una presa in ostaggio, anzi più di una, però c’è, ci sono, Avvenire: quello di un intero Paese che a questi giochi luridi nella sua grande maggioranza è contrario, e quello della ragione e del buon senso, e dell’onestà. Anche per Avvenire, evidentemente, Pecunia non olet.

§§§

Nessuna presa in ostaggio, finalmente. Esitazioni, calcoli, trattative romane e inter-europee dietro le quinte, sì. E questo ci sta pure. Ma niente più giochi di parole e di (pre)potenza sulle teste di esseri umani in fuga dalla Libia e salvati in mare da una nave della nostra Guardia costiera o dall’imbarcazione di un’organizzazione umanitaria. E niente avvisi di garanzia e notifiche di sequestro del mezzo a chi si è adoperato perché nessun altro perdesse la vita. Era ora.

Sabato la “Ocean Viking” ha potuto far approdare a Lampedusa il suo dolente piccolo-grande carico di umanità: 82 uomini, donne e bambini. Con un volontario e volenteroso anticipo di revisione delle sballate regole di Dublino (quelle che inchioderebbero nel Paese di primo approdo tutti i richiedenti asilo), soltanto un quarto di loro resterà in Italia, le domande di asilo dei tre quarti restanti saranno invece valutate in pochi altri Stati dell’Unione Europea, in prima fila Germania e Francia, i due Paesi che già ci precedono nella classifica dell’accoglienza dei rifugiati (1.100.000 in terra tedesca, quasi 460mila in terra francese, circa 300mila nel Bel Paese). Infuria, però, la solita guerra di parole. E anche questo ci sta. Ognuno può dire la sua, possibilmente con rispetto per persone e fatti. L’importante è che le parole d’ora in poi la smettano di far male alla gente, e soprattutto ai più deboli e ai più manipolabili. Perché anche in tempi come questo, quando ci si vorrebbe far credere a tutto e al contrario di tutto, il male esiste così come esiste il bene. E ci sono cose che sono certamente bene e cose che sono altrettanto certamente male. Per tutte quelli che hanno coscienza e cuore, credenti e non credenti, di sinistra o di destra, moderati o radicali. È da questa consapevolezza del bene e del male che discendono i princìpi. E in Italia, si spera, ora i princìpi tornano a valere tutti. Anche quel principio per cui a nessuna persona in pericolo un Paese civile nega soccorso e un luogo sicuro di prima accoglienza. Un principio solare, che ha come conseguenza diretta, ma anche in qualche modo come premessa essenziale, il fatto che il colore della pelle delle persone in pericolo, la loro condizione economica, il loro status giuridico non possono influire su questa umana dedizione e non devono mai vanificarla.

Il principio del soccorso e dell’accoglienza, secondo umanità e ragionevolezza, è un principio così elementare che a qualcuno è sembrato superfluo, a qualcun altro superato e qualcun altro ancora, proprio qui in Italia, degno di essere “sporcato” (cioè criminalizzato) da norme senza luce e senza alta legalità, norme scritte con la stessa cattiva intenzione di certi scarabocchi sui muri e sui monumenti che marcano in modo quasi animalesco il territorio e insudiciano le nostre città. Le hanno inserite in decreti chiamati “sicurezza”. Non finiremo mai di vergognarcene. E non verrà mai troppo presto il giorno in cui le cancelleremo, ripulendo idealmente i muri d’Italia. E le porte e le finestre che ogni muro deve avere.

§§§




SE PENSATE

CHE STILUM CURIAE SIA UTILE

SE PENSATE

CHE SENZA STILUM CURIAE 

 L’INFORMAZIONE NON SAREBBE LA STESSA

 AIUTATE STILUM CURIAE!

ANDATE ALLA HOME PAGE

SOTTO LA BIOGRAFIA 

OPPURE CLICKATE QUI 




Questo blog è il seguito naturale di San Pietro e Dintorni, presente su “La Stampa” fino a quando non fu troppo molesto.  Per chi fosse interessato al lavoro già svolto, ecco il link a San Pietro e Dintorni.

Se volete ricevere i nuovi articoli del blog, scrivete la vostra mail nella finestra a fianco.

L’articolo vi ha interessato? Condividetelo, se volete, sui social network, usando gli strumenti qui sotto.

Se invece volete aiutare sacerdoti “scomodi” in difficoltà, qui trovate il sito della Società di San Martino di Tours e di San Pio di Pietrelcina


 LIBRI DI MARCO TOSATTI

Se siete interessati a un libro, cliccate sul titolo….


Viganò e il Papa


FATIMA, IL SEGRETO NON SVELATO E IL FUTURO DELLA CHIESA

Fatima El segreto no desvelado

  SANTI INDEMONIATI: CASI STRAORDINARI DI POSSESSIONE

  PADRE PIO CONTRO SATANA. LA BATTAGLIA FINALE

  Padre Pío contra Satanás

La vera storia del Mussa Dagh

Mussa Dagh. Gli eroi traditi

Padre Amorth. Memorie di un esorcista.

Tag: , , , ,

Categoria:

Questo articolo è stato scritto da wp_7512482

103 commenti

  • MASSIMILIANO ha detto:

    Ciao e Bye Bye non sono altro che emanazioni di Carlone Hp Mario etc. Se non la stessa identica cosa. Per questo motivo ho ritenuto il post di Ciao sulla Pascendi una presa per i fondelli, scritto con il solito modo insopportabile di argomentare del maestrino di turno. Saluti.
    Massimiliano

  • Marco Matteucci ha detto:

    E FRANCESCO FOLGORATO I SULLA VIA DI LIONE
    “Voi festeggiate quest’anno il primo decennio dell’Alta Velocità, un’opera pubblica di importanza strategica, che realizza un collegamento essenziale lungo gli assi principali del Paese e ogni giorno offre a migliaia di passeggeri un servizio di notevole qualità”.
    Quando a dirlo era Salvini era bollato di eresia!
    A QUANDO LA CONVERSIONE DI GRILLO
    ? (Beppe, ma anche Andrea può andar bene)
    .
    Questa è la prova inoppugnabile che il diavolo c’è, checché ne dica padre Sosa …e da un po’ di tempo, lui che è il padre della menzogna, sta facendo gli straordinari.

    • TITTOTAT ha detto:

      E un bel treno dentro l’ Amazzonia non ci sta bene?
      Gli amazzoni possono essere particolaristi-sovranisti e gli altri no? Bergoglio, ti ordino di uscire fuori dal Tempio.

  • PG ha detto:

    Ma chi lo legge ancora Avvenire?

  • Pier Luigi Tossani ha detto:

    grazie. D’altronde, era logico. Speriamo che il prossimo papa faccia un po’ di pulizia. A fondo….

    • Alessandro2 ha detto:

      Con la maggioranza dei cardinali elettori nominata da Bergoglio tra i suoi fan più accaniti, alcuni dei quali più realisti del re? Mah…

  • Il veritiero ha detto:

    Padre SOSA il generale dei Gesuiti ha detto un altra caxxata delle sue. Ora quelli che taroccano i voclavi sono gli altri…che faccia di bronzo. Leggete:
    https://www.ilmessaggero.it/vaticano/papa_francesco_dimissioni_complotto_gesuiti_vaticano_amazzonia_conclave-4738373.html

  • La redistribuzione ha detto:

    La redistribuzione prevista dal trattato internazionale potrà avvenire solo dopo 30 giorni dallo sbarco. Così mi è sembrato di capire. ma 30 giorni sono decisamente troppi.
    Lo scorso anno, dopo lunga trattativa un consistente gruppo di migranti fu inviato a Rocca di papa. Ma quando qualche giorno dopo, un alto papavero vaticano andò a Rocca di papa per incontrarli , portando adeguata dose di gelato , non trovò nessuno, perchè tutti si erano immediatamente dati alla fuga.

  • ALBERTO ha detto:

    Questa, Signori, quanto cioè scritto dal tizio di “Avvenire”, si chiama “Falsa Coscienza”: direi si tratti di un esempio purissimo di Falsa Coscienza.
    I Paesi del Golfo di Guinea e segnatamente Ghana, Nigeria, Guinea Equatoriale (Paesi dai quali giunge il grosso della nostra immigrazione) e giu’ fino all’Angola, sono Paesi il cui PIL cresce in media di circa un 8% su base annua. Sia il loro territorio che la loro piattaforma continentale nell’oceano sono ricchissime di petrolio e gas. Petrolio e gas che si estraggono già quasi in superficie, senza cioè andare a profondità che richiedano grandi investimenti (ciò significa che i profitti sono alti, molto alti). Petrolio e gas peraltro di ottima qualità.

    Si tratta in buona sostanza di Paesi potenzialmente ricchissimi,ove già ora non esiste disoccupazione, anzi, sono Paesi che offrono occupazione a chi ci vuole andare. Chi rimane, infatti, ha ottime possibilità di crearsi un discreto benessere ed un buon avvenire: basterebbe studiare un pochino, neanche tanto per la verità e accettare di impiegarsi. Già, accettare di impiegarsi: posso tranquillamente assicurare che coloro che lavorano possono raggiungere senza sforzo un buon tenore di vita. Di certo un tenore molto migliore di quel che potrebbero avere qui da noi.

    Questa è la realtà delle cose, la semplice realtà sotto gli occhi di chi vuole vederla. E allora perchè questi scrivono quelle cose sui nostri giornali? Perchè raccontano panzane sesquipedali del tipo riportato? Già, perchè?

    E che nessuno venga a raccontare palle perchè c’è anche chi, pur non essendoci nato, quei paesi li conosce molto bene. Il tizio di Avvenire, il Tarquinio, prenda il primo volo per Lagos e vada a vedere di persona, a parlare con i Vescovi. Potrebbe essere un’esperienza … oh si’ … proprio un’esperienza …

    E allora capirebbe anche perchè i Vescovi africani denunciano cosi’ accoratamente la partenza in massa dei loro giovani.

  • Il veritiero ha detto:

    MIRACOLO A SAN PIETRO; 2 MENDICANTI INVALIDE CHE RIUSCIVANO MALAPENA CAMMINARE A STENTO RICURVE E TREMANTI “ALL’IMPROVVISO GUARISCONO E SI METTONO ERETTE IN PIEDI…. E INIZIANO A SUONARSELE DI SANTA RAGIONE” , quella vestita in grigio aveva anche la gobba finta. Guardatelo é esilerante…È dovuta arrivare la gendarmeria a porre fine alle bastonete fra le 2 mendicanti. CHE MIRACOLI SUCCEDONO A SAN PIETRO !!!! 😂😂😂
    https://youtu.be/ERVg1iRMaDw

    • Luigi ha detto:

      Ora ho capito perché papa Francesco ha deciso di andare a vivere a Santa Marta. Dallo storico appartamento avrebbe dovuto vedere una scena inconcepibile per le sue idee… Qualcuno riesce a fargliela vedere, che ne so uno Spadaro a caso? 🤣

  • Astore da Cerquapalmata ha detto:

    Chi crede nei valori della FAMIGLIA, può essere considerato RAZZISTA?
    Ovvio che no. A questo ci arriva anche Mons. Bassetti!
    E’ evidente che se Dio ha impresso alla natura umana la necessità della famiglia, significa che un modo privilegiato di esprimere l’amore in modo concreto avviene attraverso i “vicini”, attraverso delle comunità formate per “affinità”.
    Non è l’unico modo, ma è un modo privilegiato.
    L’amore poi si deve espandere, ma ciò non toglie che, se non esiste all’interno della famiglia, non può espandersi.
    Il principio di sussidiarietà, affermato dalla dottrina della Chiesa, rientra un po’ in questa logica e nessuno che lo evoca può essere definito razzista.
    Ma Dio ha detto di predicare il vangelo a tutte le GENTI, ovvero: ai POPOLI e alle NAZIONI. Che, perciò, rientrano nel piano provvidenziale di Dio, tanto che la Chiesa non ha MAI condannato tali entità come immorali.
    Risulta perciò chiaro che parlare di sovranità popolare, cioè di LIBERTA’ dei popoli, è conforme al Vangelo, mentre l’internazionalismo che fa a meno dei popoli, non esiste nel Catechismo della Chiesa. E questo è un dato di fatto.
    Che poi culture e popoli non sono entità chiuse ma dinamiche, proprio come la famiglia, lo dò così per scontato che non ne parlo.
    Dico solo che la MADONNA ha confidato a suor Lucia di Fatima che la lotta decisiva sarebbe avvenuta sulla FAMIGLIA.
    Chiaro? Non sui migranti, ma sulla FAMIGLIA!

  • Astore da Cerquapalmata ha detto:

    L’immigrazionismo fa parte del PACCHETTO dell’ideologia MODERNISTA.
    Infatto non credo nella bontà dei Pastori che non indicono una CROCIATA per la vita e per la famiglia, mentre lo hanno fatto contro Salvini. Sono falsi.
    Ormai tutti sanno che nella maggior parte dei Paesi di arrivo dei migranti (non quelli in Italia da anni e che hanno un lavoro onesto, ma dei nuovi, che per lo più non lavoreranno MAI), non c’è né guerra, né fame.
    Coi soldi per l’accoglienza ci sarebbe da dare sviluppo a tutta l’Africa, eppure di sviluppo NON SE NE PARLA.
    E’ chiaro che ci si vuole arricchire sfruttando gli africani rendendoli veramente poveri, ma c’è di più, molto di più: l’immigrazionismo fa parte del “pacchetto” modernista perché attraverso l’Islam (i nuovi arrivati sono quasi tutti islamici) si vuole scardinare l’ordine sociale che ancora un po’ risente dell’ordine che Dio ha impresso nella natura.
    Per i modernisti non basta cancellare il concetto di Dio dalla società, ma, sarà perché sono dei perversi sotto ogni aspetto, da quello sessuale a quello mentale, devono cancellare anche l’opera di Dio, cioè la natura e soprattutto la natura dell’uomo, che è ordinata da leggi inderogabili.
    Ma ben presto se la vedranno con la Madonna…

    • deutero.amedeo ha detto:

      Citazione: L’immigrazionismo fa parte del PACCHETTO dell’ideologia MODERNISTA.
      Domanda: dove posso trovare una chiara e completa esposizione dell’ideologia MODERNISTA?

      • GUSTAVO ÓSCAR ZANCHETTA ha detto:

        Enciclica Pascendi, San Pio X.

      • ciao ha detto:

        Nei due documenti Pascendi Dominici Gregis e Lacrimabili Sane Exitu di San Pio X (il secondo non a sua diretta firma). A mente, non si parla di immigrati.

        • MASSIMILIANO ha detto:

          No via, siete proprio una massa di ciechi. Tra l’altro cechi ottusi, perchè a volte basterebbe usare appena appena la capoccia per comprendere, ma niente nulla. Non vedete e volete fare i furbi. Ma davvero pensate di essere “ganzi”? Ma non vi rendete conto della pochezza del vostro modo di argomentare? No, non ve ne rendete conto… Saluti.
          Massimiliano.

          • MASSIMILIANO ha detto:

            Commento rivolto a Ciao naturalmente.

          • Bye bye ha detto:

            Cos’ha scritto di male mio fratello Ciao?

          • Alessandro2 ha detto:

            Questa non l’ho capita Massimiliano.. voleva essere ironica? Cosa c’è che non va nel magistero di un grande e santo Papa come Pio X?

          • MASSIMILIANO ha detto:

            Assolutamente nulla. Nel Magistero di Pio X c’è tutto ciò che serve. E la Pascendi è musica per le orecchie di un credente. Ma il signor Ciao e il sio amichetto By By non erano dello stesso avviso. Poi se ho sbagliato interpretazione del messaggio di Ciao chiedo scusa. Ma non penso… Saluti.
            Massimiliano.

      • Astore da Cerquapalmata ha detto:

        Wikipedia ne parla ma si riferisce al modetnismo del secolo scorso. Il neo modernismo è difficile da definire e ingloba parecchi elementi, dalla teologia della liberazione all’immigrazionusmo, ecologismo, ecc.
        Non si configuri configura come una corrente di pensiero precisa anche perché nessuno ammette di essare modernista.
        Si assimilano al modernismo tutte quelle tendenze teologiche attuali che poco hanno a che fare con la grazia e molto con un umanesimo ayeo e perciò poco umano.
        Almeno credo o, meglio, almeno questo è ciò che io intendo quando parlo di modernismo

        • LucioR ha detto:

          Wikipedia? Ma dài!…

          Ha ragione Zanchetta. Si legga L’Enciclica di Pio X: Pascendi Dominicis Gregis. E’ di una chiarezza assoluta. La definisce tra l’altro «la sintesi di tutte le eresie».

          http://w2.vatican.va/content/pius-x/it/encyclicals/documents/hf_p-x_enc_19070908_pascendi-dominici-gregis.html

          • LucioR ha detto:

            Mi riferisco al Modernismo, ovviamente, che Pio X definisce «la sintesi di tutte le eresie».

          • Astore da Cerquapalmata ha detto:

            Già letta.
            Ma non demonizziamo wikipedia, prendiamo tutto e riteniamo ciò che è buono.
            Wikipedia fa un riassunto del modernismo inteso come pensiero teologico. Come potrebbe fare un testo di storia.
            Se wikipedia è all’indice, tanto meno dovremmo leggere i quotidiani

          • LucioR ha detto:

            Farsi spiegare il Modernismo «inteso come pensiero teologico» da Wikipedia anziché da Pio X è come apprendere la Dottrina cattolica da “Repubblica” anziché dal “Catechismo della Chiesa Cattolica” (quello emanato da Giovanni Paolo II).

            Non dico di non leggere Wikipedia, e ormai all’indice non si mette più niente; diverso è suggerirlo per sapere qualcosa sul Cattolicesimo: non mi sembra la fonte più obiettiva, anzi…

            Per quanto riguarda altre materie Wikipedia potrà anche essere utile, ma per tutto ciò che riguarda religione (cattolica), filosofia, Storia (soprattutto d’Italia), ecc… è meglio seguire i corsi di studio alle Frattocchie (se esiste ancora, cosa che non credo).

  • Grog ha detto:

    Non prendiamocela tanto con Avvenire (ma c’ é ancora qualcuno che lo legge?) e con i suoi pennivendoli ma puntiamo più in alto. A me sembra pacifico che gli ordini partano dall’impostore di S.Marta e dalla sua cricca di pederasti e modernisti.

  • Iginio ha detto:

    Tutto questo cianciare di “salvare vite” mi fa venire in mente un vecchio film dove un tizio fingeva di essere stato investito da una macchina per farsi pagare i danni dal guidatore.
    Non credo che il meccanismo di questi cosiddetti salvataggi sia molto diverso.
    Sarebbe ora di gridarlo apertamente, anziché farci prendere in giro.

  • Luigi ha detto:

    Dopo un periodo di vacanza sono tornato a casa. Passando ieri dal Carrefour ho rivisto il giovanotto di colore (si può dire ancora o Avvenire si offende?) che ormai da un anno chiede l’elemosina e al quale do spesso da mangiare. Rivederlo mi ha fatto una pena, ma allo stesso tempo ho detto: ma è giusto che un individuo si sradichi dalla sua terra con l’illusione di trovare un paradiso e poi si ritrovi a vivere di stenti, sfruttato da qualche mafia nigeriana o da qualche caporale nostrano? È giusto tutto ciò? È questa la tanto decantata accoglienza?
    Ps. per non parlare del ragazzotto che mi voleva vendere 2 accendini incontrato al mare e al quale ho invece offerto un pezzo di focaccia appena comprata (la stavo dando a mio figlio..), e per tutta risposta mi ha detto che lui avrebbe voluto del kebab… (mi sono venute in mente le foto delle confezioni di cibo gettate nei rifiuti dei centri di accoglienza, alla faccia dei nostri 42 euro)

    • deutero.amedeo ha detto:

      E pensa che all’Esselunga di Curno c’è uno che dal 1980 chiede l’elemosina… Una vera professione. E pensare che io ho lavorato dal 20/8/1956 al 31/12 /2006 . Che scemo!

    • Davide ha detto:

      per non parlare del ragazzotto che mi voleva vendere 2 accendini incontrato al mare e al quale ho invece offerto un pezzo di focaccia appena comprata (la stavo dando a mio figlio..), e per tutta risposta mi ha detto che lui avrebbe voluto del kebab…
      Mia moglie mi ricorda sempre che è preciso dovere cristiano offrire la carità; ma personalmente darla a queste persone mi sembra di gettare le perle ai porci.
      Mi creda, l’episodio da lei riportato, mi induce a pensare che queste persone (almeno la stragrande maggioranza di loro)
      non merita affatto nulla.

      • Luigi ha detto:

        Infatti io non avevo sentito la risposta, ma l’ha sentita mia moglie che è restata senza parole. E lui mica voleva la focaccia, voleva i soldi e il kebab! 😲

  • MARCELLINO PANE E VINO ha detto:

    Non avendo avuto tempo stamattina, ho scaricato la “Lettura Cristiana della sronaca e della storia” di Padre Livio, e l’ho or ora riascoltata.
    Cosa dire?
    Tecnica in puro stile Bergogliano : quando qualcuno ti becca in castagna e si attende da te una risposta su temi ineludibili, e di una gravità addirittura escatologica, tu fai lo gnorri e vai avanti nel tuo cerchiobottismo…
    Complimenti!
    Una grande ed eroica testimonianza di Fede, che salverà certamente la radio, ma delle anime immortali, lasciate così in balia dell’apostasia e dell’Apostata, che ne sarà?

    • Iginio ha detto:

      Senta, si calmi, non so che cosa abbia detto padre Livio stamattina ma so che nei giorni scorsi è stato molto chiaro circa le porcherie che stanno dietro la formazione di questo governo. Così come è stato chiaro sul pericolo rappresentato dal modernismo oggi. Non sono pareri che si ascoltino frequentemente, oggi, da parte clericale.

      Nella Chiesa ci sono tutti e di tutti bisogna tenere conto. Non è che noi siamo i perfetti solo perché critichiamo Bergoglio e l’immigrazione illegale e gli altri sono dannati.
      Non si può dirsi cattolici e poi sbertucciare il papa, a maggior ragione se si è sacerdoti. Quello che si può e si deve fare e ragionare con la propria testa e proporre agli altri ragionamento e conclusioni.
      Il problema di Bergoglio è che è divenuto papa in seguito a slealtà nei confronti di Benedetto XVI da parte di molti che avrebbero dovuto aiutarlo e comprenderlo; ma questo non vuol dire che non sia davvero papa, a meno di non dire che le dimissioni di Benedetto siano invalide o, peggio ancora, di delirare su sedi vacanti e altre amenità. Bergoglio inoltre non ha chiaro che cosa voglia dire essere papa e non ha conoscenza approfondita di tanti ambiti su cui interviene, in primis quelli storico-culturali. Ma non è che con questo possiamo pretendere di nominare un antipapa. Di papi disastrosi ce ne sono stati a bizzeffe nella storia della Chiesa.

      • deutero.amedeo ha detto:

        Di papi disastrosi ce ne sono stati a bizzeffe nella storia della Chiesa.

        Cita nomi, date e fatti, per favore! Altrimenti ci confondi le idee e basta!

        • ciao ha detto:

          Puoi prendere come riferimento i papi della cosiddetta “pornocrazia” o “seculum obscurum” (X secolo). Naturalmente bisogna vedere cosa si intende con “disastrosi”: in punto di fede, nessun papa, per quanto pessimo, potrà mai fare disastri. In punto di governo può farne e di gravi.

          • deutero.amedeo ha detto:

            Dunque… fammi pensare . Decimo secolo vuol dire dal 900 al 1000, cioè più o meno a cominciare da Giovanni IX . Adesso vado a informarmi bene poi magari ti rispondo. Ma intanto magari Tosatti apre un altro argomento e non c’è più tempo. Ciao Ciao!

          • ciao ha detto:

            Ciao Amedeo e buon approfondimento! …ne scoprirà delle belle!! :-)))

          • e ciao a te ha detto:

            “della cosiddetta “pornocrazia” o “seculum obscurum” (X secolo)”.
            Sicuramente non hanno fatto nulla di talmente grave come il PartitoDibibbiano o come quelli del caso Epstein e simili, di cui non si vuole parlare, senza bisogno di andare al X secolo. Inoltre quei Papi non hanno cercato di cambiare la dottrina…

      • Intelligenti pauca ha detto:

        BENEDETTO XVI
        « La mia decisione di rinunciare all’esercizio attivo del ministero [petrino], non revoca questo [cioè, il ministero petrino] » (BXVI, Ultima catechesi in Piazza San Pietro, 27 febbraio 2013).
        http://w2.vatican.va/content/benedict-xvi/it/audiences/2013/documents/hf_ben-xvi_aud_20130227.html
        Con buona pace di tutti i lecca-calzini del “supplente bergoglioso” di Sua Santità BENEDETTO XVI.

      • MARCELLINO PANE E VINO ha detto:

        Padre Livio afferma con veemenza che la barca imbarca acqua e contemporaneamente incita i passeggeri a svuotarla con i secchi, ma questo non è sufficiente per la portata dell’acqua è troppo superiore.
        Alla domanda:
        Dove si trova la falla e, soprattutto, chi ne è il responstabile?
        Egli tace, pur sapendo che il colpevole è il Capitano che, insieme ai suoi collaboratori, allarga via via sempre di più il buco…

      • Grog ha detto:

        Certo, se le minchiate le dice Conte sono solenni porcherie, se invece le stesse identiche minchiate le dice Bergoglio…ah bé, é il papa e non si può sbertucciare anche se butta al cesso duemila anni di magistero.
        Ma i magazzini di ventose per arrampicarsi sugli specchi non si esauriscono mai?

      • Gian ha detto:

        Senta Igino, si calmi anche lei, calmiamoci tutti. E’ evidente ormai dove va a parare la politica di bergoglio, questo lo abbiamo capito tutti, anche i più tardi di comprendonio. Tenuto conto del modo come è avvenuta la sua elezione, del fatto che è un gesuita e in quanto tale non avrebbe nemmeno dovuto essere nominato vescovo per voto di congregazione; considerati i frutti abbondanti e sempre più tossici della sua opera dovremmo oramai essere arrivati tutti ad una inevitabile conclusione: costui non è un Papa! E conseguentemente dovremmo anche sapere come agire, non continuare a discutere inutilmente, mentre la città brucia. Chi avrebbe dovuto parlare apertamente e denunciare davanti a tutti che bergoglio non è papa non l’ha ancora fatto. Cosa aspettano a farlo?

    • IMMATURO IRRESPONSIBLE ha detto:

      Del commento ai giornali gia’ posso far a meno ma, invito tutti a riflettervi, se chiude radioMaria ci scordiamo.Gaeta, Benetollo, Coggi, Fiorito, Bux, e lo stesso padre Livio, che fa una eccellente catechesi giovanile. E non si parla delle S.Messe e dei Rosari.
      Qualche piccolo compromesso (che non e’ mai compromesso con la Fede), diciamo, “politico” si puo’ accettare.
      Se poi, quando alle ore 23, sbaglio giorno e invece di Biffi, mi arriva la voce di Ravasi, sono molto meno accomodante!!!

      • LUCIA DI FATIMA ha detto:

        @Immaturo

        Questi sono calcoli umani.
        Anche Gesù, quando il Padre lo ha chiamato ad andare in Croce, ha cessato di fare catechesi, ma quello che è successo dopo è stato assai più di ogni catechesi e ad ogni catechesi ha dato il suo senso definitivo

  • Nicola B. ha detto:

    Cari ragazzi ma questa è la morale cattocomunista. I muri dei paesi europei ed occidentali ( stati uniti d’America) sono brutti sporchi e cattivi perché eretti da quei delinquenti dei populisti e sovranisti. I muri eretti dai ” boveri negri ” ( ed i conseguenti rimpatri) invece nei loro paesi africani vanno bene e si tace . Come si tace sulla muraglia eretta da Israele ( anche se per altri motivi) , e come si tace sui muri eretti in alcuni paesi sudamericani . In fondo gli unici da bastonare e manganellare sono i paesi dell’Occidente che versano il 70% degli aiuti umanitari ai profughi.

    https://www.ilprimatonazionale.it/esteri/controlli-frontiere-muri-confini-africa-ribella-immigrazione-130123/

    P.S. l’articolo politicamente scorretto mostra l’aumento drammatico di criminalità nei paesi africani raggiunti dell’immigrazione clandestina nera interna.

    http://www.famigliacristiana.it/articolo/venezuela_176021.aspx

    P.S. l’articolo di Famiglia Cristiana è totalmente “asettico e neutro” nei confronti dei paesi sudamericani “non accoglienti ” ma sappiamo bene di quale altro tenore siano i suoi articoli verso gli europei ed americani ” non accoglienti ” ( manganellate ed esorcismi contro i ” senza misericordia “)

    • Iginio ha detto:

      Beh, no, del famoso muro israeliano si parla e riparla in continuazione…
      L’altro mese nella mia parrocchia sono venuti degli scout palestinesi che per saluto hanno suonato “Bella ciao” mentre un nostro prete ci riferiva che avevano raccontato di inenarrabili vessazioni subite da parte israeliana…

      • Par condicio ha detto:

        Per par condicio il parroco in questione dovrebbe ospitare anche un gruppo di scout israeliani e farsi raccontare da loro come si vive sotto la costante minaccia dei razzi di Hamas

        • TITTOTAT ha detto:

          Seguirei con piacere una conferenza su come strappare un terreno agricolo al mio vicino, costruirgli una villetta, rimanere impunito e far mandare al manicomio la vittima angosciata per l’nigiustizia subita.
          Solo che i palestinesi al manicomio non ci vogliono andare e i razzi li lanciano per catarsi.

        • Sherden ha detto:

          In alternativa, avrebbe potuto chiedere loro come vengono trattati i cristiani sotto la dittatura di Hamas (magari ricordando che in Israele, al contrario, si vota), o cosa c’è scritto sui libri che vengono imposti nelle scuole, a proposito della Shoah e del Cristianesimo.
          Avrebbe potuto trovare un sacco di materiale per organizzare un raduno di barzellettieri…

          • TITTOTAT ha detto:

            I cristiani di Palestina devono schivare i proiettili dei nostri fratelli maggiori proprio come i musulmani. A voi non indigna che cristiani cattolici palestinesi (nostri fratelli nella fede) sono stati derubati delle terre? vivevano anche cattolici prima del grande furto, le cose s’erano stabilizzate finché non arrivarono…

          • Sherden ha detto:

            A me e a parecchi altri, esimio tittotat, fa veramente specie osservare le persone come te, che si ostinano a chiudere occhi e orecchie di fronte alla realtà.
            Chiediti quanti erano (prima) i cristiani nella zona controllata da Hamas, o quelli in Libano. Dopodiché puoi raccontarti la barzelletta che li hanno fatti scappare gli israeliani. Anzi, ti consiglio di inviarla all’editore dei libri di testo in uso nelle scuole di Hamas (o quelle arabe in generale), dove assieme alle solite denigrazioni e falsità solari sui cristiani e sugli ebrei e all’incitamento all’odio verso di loro, la tua ci farebbe un figurone.

      • Gian ha detto:

        Che poi in verità il famoso “muro” è in gran parte una rete… Si potrebbe anche aggiungere che grazie al “muro” non ci sono più state stragi di civili (con donne e bambini) ad opera di terroristi kamikaze che si facevano esplodere imbottiti di chiodi e bulloni per fare più vittime. Posso immaginare le drammatiche storie raccontate dagli scout palestinesi, va ricordato che sono l’unico popolo (al mondo) che ha facoltà di ereditare la qualifica di profugo oltre ai beni di famiglia.

        • TITTOTAT ha detto:

          Legittimamente perché lo sono OGGETTIVAMENTE profughi! E non possono ereditare i beni di famiglia perché gli hanno sottratto il suolo patrio dove erano ubicati.
          Poi su come millantare eredità spirituali nessuno li supera quelli lì…propagatori di menzogne.

          • Gian ha detto:

            I figli degli italiani costretti a lasciare l’Istria e la Dalmazia con la valigia, abbandonando case e terre dove vivevano da secoli, non hanno la medesima qualifica. E come loro tutti gli altri popoli costretti all’esodo dopo una guerra perduta.

          • TITTOTAT ha detto:

            @Gian, cosa posso farci io se gli Italiani si divorano a vicenda?
            Io nel mio piccolo reclamo giustizia per tutti. Se l’ argomento avesse riguardato gli Istriani di istriani avrei parlato.

          • Sherden ha detto:

            tittotat, allora reclamala anche per i cristiani di palestina, del pakistan, della turchia, del libano, dell’egitto, dell’arabia saudita, dell’iran, ecc. ecc.
            O ti fa troppo schifo?

  • Carla ha detto:

    Cosaaaa???
    E io che con ben 45 anni di contributi versati mi ritrovo con una pensione di 32€ al giorno…
    Mi vien da piangere

  • Mac ha detto:

    “Metteremo fine al business dell’immigrazione cresciuto a dismisura sotto il mantello della finta solidarietà”
    Conte G. – 2018

    “Tarapia tapioco! Prematurata la supercazzola o scherziamo?
    No, mi permetta, no io… Scusi, noi siamo in quattro, come se fosse antani anche per lei soltanto in due oppure in quattro anche scribai con cofandina, come antifurto, per esempio”
    Conte M. 1975

    Uguale uguale!

    Saluti.

  • Giovanni Cerbai ha detto:

    Non capisce (?) Tarquinio che editoriali di tal fatta, confrontati con la durissima realtà, porteranno ancor più acqua al mulino dell’odiato (da loro) Salvini?

  • Gian ha detto:

    Esultano per la prepotenza ideologica imposta e, soprattutto per l’odore dei soldi. Pensando ai terremotati e a tutti gli italiani dimenticati, di cui nessuna istituzione si prende attivamente lo stesso impegno dedicato a “salvare vite” di chi si mette apposta in mare “per essere salvato e mantenuto”, questi sepolcri imbiancati dall’anima putrida fanno ancora più schifo dei politici di professione, perché usano il Vangelo per darsi un’immagine di veri discepoli di Gesù, mentre pensano ai 42 euro pro capite, tutti i giorni che il Signore ci dona.

  • deutero.amedeo ha detto:

    Mi spiego con un esempio (come faceva Gesù con le parabole).
    Imprudentemente il titolare di un’azienda ha permesso l’installazione di macchinette distributrici di caffè in tutti gli uffici e reparti e poi si è accorto che i dipendenti perdevano troppo tempo attorno a quelle macchinette. A questo punto il titolare dell’azienda può prendere diversi provvedimenti.
    A) -Applicare ad ogni macchinetta un avviso in cui dice che è vietato durante l’orario di lavoro sostare alla macchinetta;
    B) – Applicare ad ogni macchinetta un avviso in cui dice che chiunque verrà sorpreso a prendere un caffè durante l’orario di lavoro subirà una punizione;
    C) -Far programmare le macchinette in modo che durante l’orario di lavoro ricevano e incamerino le monete , ma non diano il caffè;
    D) – Far spegnere le macchinette durante l’orario di lavoro;
    E) -Far togliere per sempre le macchinette.
    Domanda: quale di questi provvedimenti vi sembra essere il più efficace? E per analogia cosa si dovrebbe fare per far finire l’emigrazione-immigrazione selvaggia?

    • ciao ha detto:

      Ti spiego: nel quadro della morale cristiana, che non si ispira a criteri aziendalistici ma può ispirarli, l’efficacia di una misura (= efficacia della misura nella realizzazione di un giusto fine) può servire a qualificare positivamente l’azione, a condizione che tale misura non sia in sé immorale. Infatti, per noi cattolici il fine giusto NON giustifica MAI il mezzo ingiusto.
      Spostando il tuo esempio al campo dell’immigrazione, nella rosa delle possibili alternative occorrerebbe selezionare senz’altro quelle più efficaci a condizione che in sé considerate non siano un male.
      Dunque si apre il problema di comprendere se il rifiuto di recuperare dei naufraghi o lasciarli a tempo indeterminato su un’imbarcazione sia o meno un mezzo lecito per ottenere un buon risultato (che può essere quello di obbligare altri stati a intervenire, scoraggiare partenze avventate e simili).
      Nella valutazione si pongono alcuni problemi: anzitutto, tutto ciò che lede vita e/o salute e/o dignità personale è considerato dalla Chiesa un intrinsece malum (cfr. Veritatis Splendor); rientra inoltre nel catalogo dei principi non negoziabili la tutela della vita dall’inizio alla fine, quindi anche “durante” e per “tutela” non si intende semplicemente l’astensione dall’omicidio, ma anche la predisposizione di mezzi positivi, attivi, per salvaguardarla.
      Come vedi la questione non è affatto semplice e non può essere risolta sulla base del mero efficientismo (con cui si potrebbero giustificare aberrazioni come le eutanasie degli anziani e dei disabili, ad esempio, per ridurre efficientemente il carico previdenziale e assistenziale).
      L’esempio della macchinetta del caffè quindi è solo in parte calzante. Certo, se il CCNL prevedesse il diritto del lavoratore di bere il caffè in azienda, le soluzioni più drastiche (tipo eliminare la possibilità di berlo) sarebbero inaccettabili perché, per quanto efficaci, comporterebbero un atto in violazione di un diritto contrattuale e quindi immorale. Se invece il caffè fosse una semplice concessione del datore di lavoro e se non si sviluppasse una prassi tale da consolidare di fatto un diritto al caffè, probabilmente il datore di lavoro potrebbe revocare la concessione.Invece, qualora la macchinetta accettasse soldi e non erogasse caffè probabilmente il datore di lavoro commetterebbe un furto, il che, per quanto efficace, non sarebbe moralmente accettabile.

      • LucioR ha detto:

        «Dunque si apre il problema di comprendere se il rifiuto di recuperare dei naufraghi […]».

        Naufraghi? Quali naufraghi?…

        • Bye bye ha detto:

          Se sei su un gommone alla deriva sei un naufrago. Capisco l’ideologia, ma l’italiano è italiano.

          • wp_7512482 ha detto:

            Per favore, cerchiamo di evitare di prenderci per i fondelli. Non offendiamo l’intelligenza di nessuno.

          • LucioR ha detto:

            Il dott. Tosatti mi ha preceduto,.

            Ciao e Bye o sono col ciuccetto in bocca ancora da adulti (se lo sono) oppure sono in malafede. Siccome per principio non penso male del prossimo, opto per il primo caso.

          • ciao ha detto:

            x Lucior, Bye bye e Wp

            Non so bene la ragione dell’intervento di Lucior a commento del mio messaggio. Credo vi fossero estesi concetti più meritevoli di approfondimento che non la parola “naufraghi” e riterrei che leggendo il messaggio del sig. Amedeo, che esalta l’efficientismo a discapito dei principi della morale cristiana, il sig. Lucior avrebbe potuto fare commenti più penetranti.
            Comunque, visto che interessa, specifico meglio quanto già detto da tal Bye Bye e non approvato da Wp. Il naufrago è un soggetto che si trova in mare in istato di abbandono e di pericolo. La ragione per cui si trova in siffatto istato non rileva ai fini della sua qualificazione come naufrago: si può essere messo nei guai suo malgrado, può averlo fatto deliberatamente, per avventatezza e quant’altro. Può anche essere un delinquente come una brava persona, cristiano, ateo o musulmano. Tuttavia, ciò che lo qualifica come “naufrago” è la situazione contingente: nel mare in istato di pericolo ed abbandono.
            Da qui l’interrogativo morale: può un cattolico rifiutare di adoperarsi per prestare soccorso ad un soggetto che trovasi in mezzo al mare in istato di abbandono e di pericolo? E’ chiaro?
            Ora, se un alpinista decide di scalare la parete nord delle Grand Jorasses e si ritrova bloccato a metà, senza poter più scendere e a rischio di congelamento, il sig. Lucior riterrebbe necessario mandargli il Soccorso Alpino o negherebbe il soccorso perché l’alpinista si è messo nei guai per propria scelta?

          • wp_7512482 ha detto:

            Forse la questione è un po’ più complessa. Si parla di organizzazioni che organizzano scientemente le situazioni di presunto pericolo e di altre che scientemente si prestano a essere utilizzate dalle prima con cui forse sono persino in contatto, e le une e le altre ci guadagnano e ci speculano mentre altre ancora nel nostro bel Paese fanno da ricettacolo, sempre guadagnandoci…È questo il quadro, e tirarci dentro il Vangelo…beh lasciamo perdere.

          • ciao ha detto:

            Salve Wp, comprendo bene il suo punto di vista. Il tema però a mio parere è un altro. Pur accertato che vi sono speculatori che organizzano i viaggi della speranza ed essendo verosimile che vi siano ONG che ne profittano, il punto è: nel momento in cui i “passeggeri” si trovano in situazione di pericolo, posso esimermi dal prestare soccorso sulla base delle possibili circostanze da Lei segnalate o sono tenuto a prestare soccorso prescindendone?
            Passo successivo: Lei parla di situazioni di “apparente pericolo”; ora, considerato che vi sono casi in cui il pericolo è reale (ci sono stati casi di gente morta) ed escludendo i casi in cui sia certo che non vi è pericolo, in una logica tuzioristica l’apparenza del pericolo esime dall’intervento o lo impone comunque? Cioè: se Lei vede uno che sembra che stia cadendo da un balcone, lo trattiene o non interviene?

          • wp_7512482 ha detto:

            Sono tenuti, forse, a prestare soccorso, e a rimandare i passeggeri nei Paesi di provenienza. E lei sa bene che non è “vi siano” speculatori: è un business organizzato. E come lei ben sa, questa tipologia di invasione in Paesi che hanno scelto una linea razionale e seria – come l’Australia – non accade. Perché?

          • ciao ha detto:

            Soccorso e rispedizione del pacco a casa sono due fasi distinte e noi parlavamo della prima. Possiamo aggiungere altre due fasi: la prevenzione e la repressione degli speculatori, su cui al momento mi sembra si sia un po’ debolini, come sulla fase della rispedizione e delle procedure per verificare chi debba essere rispedito e chi no e per allocare chi è in attesa della verifica.

      • e ciao a te ha detto:

        “il sig. Lucior riterrebbe necessario mandargli il Soccorso Alpino o negherebbe il soccorso perché l’alpinista si è messo nei guai per propria scelta?”

        Non so che direbbe il sig. Lucior. Comunque il Soccorso Alpino lo soccorre, quindi gli presenta il conto e lo RISPEDISCE a casa sua. Come ben sai.

        • ciao ha detto:

          Ottimo. Infatti il tema era soccorre sì/soccorre no. Sul rispedire a casa, questa è una fase successiva. Presumo che se l’alpinista presenta segni di congelamento, prima di rispedirlo a casa lo si manda in ospedale, con cure, soggiorno e vitto pagati dal SSN, giusto?

          • LucioR ha detto:

            Mi faccia il favore pulisca bene il biberon che può venirle un’infezione. Che cosa ciancia di soccorsi alpini per sviare il discorso, ci crede tutti mentecatti?

            Lei ha parlato di naufraghi. Naufraghi? Quelli che, grazie ad un’efficientissima organizzazione diffusa in tutto il Mediterraneo Italia compresa, completa di appositi call center, ONG, associazioni di “volontariato”, ecc. vengono messi in un gommone, poi giunti ad un punto ben preciso segnalano ad una ONG già messa in preallarme: “veniteci a prendere, tra un’ora sgonfiamo il gommone”, e la ONG – o meraviglia! – si trova “per caso” proprio da quelle parti, ecc. ecc.? E la ONG non vuole andare a Malta, non vuole andare in Spagna , non vuole andare in Francia, ma solo in Italia perché l’Italia e bella, è il paese d’ ‘o sole?
            Cosa c’entra il soccorso alpino: Cos’è, forse l’escursionista si mette preventivamente d’accordo col soccorso alpino: “Tra sei ore io ti chiamo e tu mi vieni a salvare”?

            Ma veramente Lei crede che gl’Italiani, non solo quelli che frequentano questo blog, siano così beoti?

          • Mh ha detto:

            Lucior la civiltà l’hai imparata in una scuola nigeriana per caso? Non penso che dovresti farti una calmata e insultare un po’ meno? Classico leone da tastiera…

          • LucioR ha detto:

            A MH.

            Se tutto ciò che la sua inciviltà le ha suggerito per obiettare ai fatti da me indicati (fatti non opinioni), evidentemente Lei è un microbo da tastiera

          • LucioR ha detto:

            Mah! Veramente sorprendente questo Signor MH, Il buon samaritano dei ciao feriti, il quale sparge accuse di essere offensivi senza dire in cosa consiste l’offesa. Ma è un loro metodo: quando non sanno come replicare si sentono offesi, poverini! Ma non sanno neanche loro perché.

            Di cosa si tratta, della faccenda del biberon? Beh… Speravo che riuscissero a capire che si tratta di una figura allegorica per accennare all’ingenuità di Ciao (cosa non certo offensiva) onde salvare la sua buonafede nell’affermare cose che ormai il più distratto degl’Italiani (non sinistri o borgogliosi) ha capito da tempo. Che cioè c’è un’organizzazione internazionale ben ramificata in Italia rispetto alla quale la Mafia si pone al livello di un circolo bocciofilo, la quale “crea” dei “naufraghi”, con garanzia di salvataggio (magari i veri naufraghi avessero questa garanzia…).

            Cosa si può dire: che alle volte si passa dalla finta alla realtà e succedono delle disgrazie per non aver calcolato bene l’appuntamento o per altri inconvenienti di cui quella cosca non ha previsto l’accadimento? Beh! nessuno nega che in quei casi bisogna andare a soccorrere, ma se ci si riferisse solo a quelli il problema sarebbe ben lontano da quello in essere; e in ogni caso si dovrebbe direttamente riportare quei “naufraghi” nel luogo da cui provengono. Non si tratta di una settimana di navigazione.

  • Il veritiero ha detto:

    È da inizio settembre che il Vaticano sta cercando di bloccare il sinodo dei vescovi in Germania e wuasi nessuno ne parla.
    Il vaticano cerca fi bloccarlo perché in verità è un “Concilio vincolante” e non un “sinodo”, in quanto é stato stabilito che la decisione del sinodo sarà “vincolante” e cioè diventerà una regola. Gli argomenti del concilio sono “il celibato”, “l’ordinazione delle donne”, “il ruolo dei laici paragonati quasi a sacerdoti”. Ovviamente la conferenza episcopale di Germania non ha assolutamente questo potere, di rendere vincolante quello xhe loro decideranno, perché sono cose che riguardano la chiesa universale di tutto il mondo. E il Vaticano sta cercando di bloccare la loro iniziativa. Tuttavia la confetenza episcopale Tedesca ha risposto “mentendo spudoratamente” per guadahnare tempo, affermando che il Vaticano si sbaglia e xhe gli argomenti che verranno trattati sono stati cambiati ” grande menzogna, al giorno 31 agosto non c’era stato nessun cambiamento”. Stanno cercando di prendere tempo con l’inganno per poter fare il “Conclio di germania” cosa che non posdono fare e che è al di sopra dei loro poteri”. Ecco l’articolo:
    https://www.vietatoparlare.it/la-conferenza-episcopale-tedesca-risponde-alle-preoccupazioni-del-vaticano-ma-qualcosa-sembra-non-quadrare/

    • Iginio ha detto:

      è vero, non se ne parla abbastanza.
      Questi tedeschi hanno francamente scocciato: dopo tutti i disastri combinati nel Novecento, ancora hanno la pretesa di essere lo Spirito che guida la Storia…
      Urge disintossicazione da Hegel (e da Heidegger, che piace tanto per es. ai salesiani nostrani). Quella da Rahner lo sappiamo già che urge.

  • Pensierominimo ha detto:

    Grazie, Avvenire e grazie leccatonache di varie condizioni per questo sfogo liberatorio mirante a resettare fanatici entusiasmi di ipocriti sgranarosari, di infami costruttori di muri, di mummie con odio incallito verso diversamente pigmentati.
    Grazie tante per questo grido straziato, affinché nessuno perda la vita e prevalga “il principio del soccorso e dell’accoglienza, secondo umanità e ragionevolezza”.
    Grazie a nome di tutti i milioni di bimbi squartati e fatti a pezzi senza soccorso, senza umanità e ragionevolezza nelle acque tranquille del seno materno.
    Grazie, malefici costruttori di (in)giustizia, luridi ipocriti sodali e complici di promotori e sostenitori di leggi nefande.
    Grazie, che Dio ve ne renda merito.

  • maurizio rastello ha detto:

    Una sofferenza indicibile per il povero dr. Tosatti, al quale mi preme ricordare che il “Governucolo” è nato da un’ardita azione del suo amato “Capitano”. Spassosissimo il riferimento alle “ideologie che mirano alla sostituzione etnica”. La seguo con piacere.

    • wp_7512482 ha detto:

      Spassosissimo? Studi un po’ di commenti Onu e il buon Kalergi e senta che cosa dicono certi come la Bonino e vedrà che forse smetterà di ridere. Ma quanto le fa piacere PorRastello il ritorno a quota 42 euro? Su, confessi, ce lo dica…la sento euforico al rumore di quei dobloni…

      • Grog ha detto:

        Che ci vuol fare caro Tosatti? I PDofili si divertono con poco.

        • LucioR ha detto:

          Beh! L’aumento a € 42 pro capite non è poco. E’ questo che rallegra il bergoglioso.

          • Grog ha detto:

            Ah certo, se il pidiota di cui sopra ha le mani in pasta nella tratta dei negri ha di che rallegrarsene. Lo farei anch’io al posto suo 🙂

      • Anonimo verace ha detto:

        Ricordo al dottore Tosatti che all’ONU c’è una robusta maggioranza costituita da stati islamici. Come si possa sostituire codesta maggioranza con una nuova maggioranza più equilibrata verso le altrui opinioni fino ad oggi non è stato possibile .

  • Milly ha detto:

    ..a proposito del “business migranti” basterebbe togliere i 42 euro pro capite per ogni clandestino per spurgare i c.d. giornali, giornaloni e giornaletti da tutte le ipocrisie che propagano senza pudore!

  • TO'S ha detto:

    CARO TOSATTI , IO VALUTEREI L’IPOTESI DI DENUNCIARE AVVENIRE PER UNA SERIE DI Atti , che vanno dalla menzogna mezzo stampa , alla indiretta ISTIGAZIONE alla violenza , alla indiretta generazione di danno economico per lo stato e per i singoli cittadini. Poi la denuncerei per concorso in traffico di esseri umani e nuova schiavitù. Poi la denuncerei per turbativa di mercato del lavoro . Poi per facilitare l’arricchimento illecito delle ONG , legate o no a strutture della chiesa. Poi ancora la denunceri per apologia delle eresie contenute nella sua mistificatrice apologetica .

    • Il veritiero ha detto:

      In teoria la sua é una tesi che in uno stato democratico ha buon ragione di esiatere e di essere valutata von serietà.
      Ma sappiamo bene che in Italia la giustizia e l’onestà sono divenute miraggi. Troppi conflitti di interessi fra i stessi giudici e magistrati che si intrecciano con la politica della sinistra e con la chiesa.
      A salvini lo hanno indagato per una moto d’acqua usata per 1 ora, nemmeno l’avesse rubata e portata a casa.
      A salvini lo hanno indagato per qualche volo aereo a loro dire non giustificato …
      Voglio ricordare che Matteo Renzi ha fatto comprare con i soldi dello stato Italiano un aereo privato in stile “air force one” come quello del presodente degli USA , spendendo circa 300 Milioni di euro di soldi delle tasse Italiane, e non lo ha nemmeno mai usato!!! un aereo equipaggiato con “letti matrimoniali”, “bagni di lusso” e tanti altri optional di lusso. Costato circa 300 Milioni di euro e mai Usato.
      A Renzi però non lo ha indagato nessuno…..
      Tanto per fare un paragone……

    • wisteria ha detto:

      Io raccoglierei le firme di tutti coloro che sono stati danneggiati dagli immigrati per una grande causa allo stato. Considerate che per le vittime non fa differenza se lo straniero è profugo, regolare, clandestino, con cittadinanza, di prima, seconda o terza generazione.
      Non ci sono limiti all’ insolenza e alla protervia di costoro.
      Non hanno rispetto nemmeno per le donne anziane, se capite quello che intendo.

  • roth ha detto:

    Ma Avvenire realmente sostiene ancora la tesi di aiuti umanitari per il tema immigrazione ? ancora non ha deciso di leggere tutti giornali internazionali che ormai parlano di migrazione voluta e pianificata da almeno trenta anni , per ragioni economiche di gap popolazione e soluzione sincretistica al problema religioso ? ,

    • Milli ha detto:

      Non è che non capiscono o non vogliono vedere, costoro sono complici e operano per modificare l’opinione pubblica credulona.
      Basta stupirsi dei loro comportamenti, hanno tradito la loro missione per abbracciarne una molto meno solidale e umanitaria di quanto vogliono farci credere.
      Bisogna solo prenderne atto .

  • ottone di B. ha detto:

    Avvenire potrebbe esser preso sul serio se il Papa desse per primo il buon esempio . Metta a SantaMarta e negli edifici adibiti ad abitazione ed uffici gli immigrati auspicati . Poi , se il Governo è d’accordo per ragioni di sicurezza, li metta nei mille edifici dell’APSA a Roma. Poi dia loro da lavorare .