LE PAROLE DEL PAPA SULL’AMERICA, OSTILITÀ ANTICA. LE TOPPE PEGGIO DEI BUCHI.

5 Settembre 2019 Pubblicato da --

 

Marco Tosatti

Cari amici e nemici di Stilum Curiae, troll vari e passanti indaffarati, le sconcertanti parole del Pontefice regnante ieri sull’aereo, collegate all’offerta di un libro della servile Bergoglio Press Gang, che alimenta il mito del Grande Complotto contro il Papa (un modello da sempre usato in tutte le dittature di destra e sinistra, per nascondere fallimenti e comportamenti discutibili). Parole che hanno suscitato la curiosità e anche di più di molti. Fra questi, Super Ex e Giovanni Formicola, che ci hanno inviato qualche riflessione. Cominciamo da Super Ex. Quanto al rapporto di Jorge Mario Bergoglio con gli Stati Uniti, trovo incredibile che un uomo di media cultura non provi nella sua vita la curiosità intellettuale di visitare una volta almeno gli USA prima di arrivare alla vecchiaia. Eppure così è stato per lui. Incredibile. 

§§§

Sull’aereo Bergoglio ne ha detta una delle sue. Con l’arroganza che lo contraddistingue, ha attaccato non un governo (quello lo fa tutti i giorni, se non è un governo di sinistra), ma un intero popolo. Il suo scopo è chiaro: presentarsi come vittima di un complotto.

Lui, figlio del complotto della mafia di san Gallo, vittima dei cattivissimi americani!

Qualcosa non torna: anzitutto perché Carlo Maria Viganò, grande accusatore, non è americano e ha passato la gran parte della sua vita in Italia e in Vaticano.

Secondo: perché proprio dai cardinali americani, guidati dall’americano Donald Wuerl, Bergoglio ha preso voti decisivi per la sua elezione.

Terzo, perché i gesuiti americani, tra cui i maestri del suo amato padre James Martin, sono da 50 anni all’avanguardia del complotto modernista: cioè del lavoro sotterraneo volto a distruggere la Chiesa non più da fuori, come facevano i vecchi eretici, ma da dentro (come si fa, appunto, in un complotto).

Ma tralasciamo la vicenda ridicola del “complotto yankee”, e analizziamo brevemente il complesso rapporto tra Bergoglio e i giornalisti.

Ogni volta che sale sull’aereo, Bergoglio spara a zero a destra e a manca, davanti ad una platea di personaggi cui però manca il coraggio di fare, ogni volta, le domande scomode.

Deve esserci un patto: “domande scomode no, altrimenti chiudo tutto e voi rimanete senza ciccia per i vostri giornali!”

E se qualcuno riesce a rompere il muro di silenzio, la risposta dell’argentino è: leggete e giudicate voi! Davanti ad un documento che è stata una bomba mondiale, il dossier Viganò, Bergoglio per una sola volta nella sua vita non ha quasi fiatato: ha solo archiviato!

Accanto a lui, sull’aereo, Bergy si porta un giornalista, con l’incarico di intervenire se la risposta si rivela raffazzonata, ambigua, insultante.

Quello passato, l’americano Burke, ha dato le dimissioni, forse stanco di dover riformulare alcune frasi del loquace argentino, per renderle commestibili. Quello odierno, tale Matteo Bruni, ha già iniziato ad esercitarsi nello sport del salto mortale, arrivando a spiegare che l’attacco di Bergoglio agli “americani” (“per me è un onore se gli americani mi attaccano”) è invece una dichiarazione di simpatia, perché, udite udite sin dove può arrivare la disonestà intellettuale, “in un contesto informale, il Papa ha voluto dire che considera sempre un onore le critiche, particolarmente quando vengono da pensatori autorevoli, e in questo caso da una nazione importante”.

Chissà cosa ne pensano, di questa capacità di ascolto e di autocritica, i duecento professori universitari, certamente “pensatori autorevoli”, che hanno chiesto di fermare la distruzione del Giovanni Paolo II, bellamente ignorati dall’argentino.

Se il Burke o il Bruni di turno non riescono a mettere la toppa in tempo reale, Bergy non si preoccupa: può sempre stilare, ad un altro giornalista, nell’occasione successiva, l’elenco delle volte in cui, poverino, non è stato capito, non si è spiegato, è stato frainteso.

Il che, per carità, avviene davvero qualche volta: Bergoglio, quando parla a braccio, dimostra di avere idee molto confuse, sintassi zoppicante, cultura teologica e filosofica pari allo zero, conoscenza della politica, sua principale passione, da bar…

Forse proprio per questo dei giornalisti acclamanti ha estremo bisogno: devono trasformare in oro il piombo, e si sa che è proprio la specialità di tanti.

Torniamo un attimo all’origine. Eletto da poco, Bergy chiama al telefono Eugenio Scalfari e lo convoca, per dirgli che cambierà la Chiesa

Fa subito capire che lui, il pastore con l’odore delle pecore, preferisce comunicare con dette pecore, tramite i media laici e potenti.

Per farlo sceglie il fondatore del giornale più anticattolico d’Italia; il giornalista che ha attaccato per 8 anni il suo predecessore, Benedetto XVI, e per decine di anni Giovanni Paolo II. Vedi per esempio qui.

Non è proprio una scelta illuminata e rispettosa! Ma è una scelta che oggi capiamo molto bene. Contiene un messaggio: “Caro Scalfari, sono il contrario dei miei predecessori. Aiutami a distruggere la Chiesa che tanto odio”!

E di seguito, ricordiamolo, le frasi ambigue che poi verranno in parte ritrattate, in parte no (“E qui lo ripeto. Ciascuno ha una sua idea del Bene e del Male e deve scegliere di seguire il Bene e combattere il Male come lui li concepisce. Basterebbe questo per migliorare il mondo”); gli attacchi violenti agli altri papi (“I Capi della Chiesa spesso sono stati narcisi, lusingati e malamente eccitati dai loro cortigiani. La corte è la lebbra del papato”); le battute (“Io ho già detto che la Chiesa non si occuperà di politica”); l’autoincensamento (“Io ho l’umiltà e l’ambizione di volerlo fare”)…

§§§

Ed ecco la riflessione, molto più breve ma altrettanto ficcante, di Giovanni Formicola:

“Per me è un onore che mi attacchino gli americani”. Sul volo che lo porta in Mozambico, Francesco sorride mentre soppesa tra le mani un libro dalla copertina a stelle e strisce e il titolo eloquente: Comment l’Amérique veut changer de Pape, ovvero «Come l’America vuole cambiare Papa». Scritto dal giornalista Nicolas Senèze, del quotidiano cattolico La Croix, il libro esce oggi in Francia e ricostruisce le manovre condotte nell’ultimo anno dalla galassia dell’estrema destra cattolica Usa per cercare di spingere il Papa alle dimissioni e orientare un nuovo conclave.

L’autore ne ha regalato una copia a Bergoglio che lo considera con interesse, «ah eccolo, mi dicevano che ancora non si trovava», e poi lo consegna ai collaboratori perché glielo custodiscano, «questa è una bomba!». Quelle di Francesco sono esclamazioni, mentre cammina sereno in fondo all’aereo e saluta uno ad uno i giornalisti che lo seguono nel viaggio.
[…] di lì a un’ora il portavoce vaticano Matteo Bruni precisa: «In un contesto informale, il Papa ha voluto dire che considera sempre un onore le critiche, particolarmente quando vengono da pensatori autorevoli, e in questo caso da una nazione importante» (Corriere della Sera, 4 settembre 2019).
Senza parole.

§§§




SE PENSATE

CHE STILUM CURIAE SIA UTILE

SE PENSATE

CHE SENZA STILUM CURIAE 

 L’INFORMAZIONE NON SAREBBE LA STESSA

 AIUTATE STILUM CURIAE

ANDATE ALLA HOME PAGE

SOTTO LA BIOGRAFIA 

OPPURE CLICKATE QUI 




Questo blog è il seguito naturale di San Pietro e Dintorni, presente su “La Stampa” fino a quando non fu troppo molesto.  Per chi fosse interessato al lavoro già svolto, ecco il link a San Pietro e Dintorni.

Se volete ricevere i nuovi articoli del blog, scrivete la vostra mail nella finestra a fianco.

L’articolo vi ha interessato? Condividetelo, se volete, sui social network, usando gli strumenti qui sotto.

Se invece volete aiutare sacerdoti “scomodi” in difficoltà, qui trovate il sito della Società di San Martino di Tours e di San Pio di Pietrelcina


 LIBRI DI MARCO TOSATTI

Se siete interessati a un libro, cliccate sul titolo….


Viganò e il Papa


FATIMA, IL SEGRETO NON SVELATO E IL FUTURO DELLA CHIESA

Fatima El segreto no desvelado

  SANTI INDEMONIATI: CASI STRAORDINARI DI POSSESSIONE

  PADRE PIO CONTRO SATANA. LA BATTAGLIA FINALE

  Padre Pío contra Satanás

La vera storia del Mussa Dagh

Mussa Dagh. Gli eroi traditi

Padre Amorth. Memorie di un esorcista.

Tag: , , ,

Categoria:

Questo articolo è stato scritto da wp_7512482

60 commenti

  • PG ha detto:

    Se continua così gli onori si moltiplicheranno all’infinito non solo dagli USA. Guardatevi dai falsi profeti – che di solito amano gli onori – ma sono destinati alla perdizione,

  • Andrea ha detto:

    È una frase troppo generica e perciò ancora più infelice… L’America, come Corpo spirituale, per me è il centro di Babilonia e non lo nascondo. Però ogni popolo ha tante sfaccettature. Dire che è un onore essere attaccato dagli americani è un’offesa ad ogni singolo cittadino, compresi magari dei buonissimi cristiani. Come se avesse detto che è un onore non essere apprezzato dagli italiani. Ma tanto non mi stupisco più di niente… Ne ha dette di molto più dolorose per un fedele.

  • Luca Antonio ha detto:

    L’ america e’ la vestizione politica , sociologica ed economica dell’anticristo , vedere sul punto il fondamentale saggio L’americanismo del prete francese Henri de Lassus – de lassu’ , nomen omen – scritto oltre 100 anni fa che individua perfettamente il cancro.
    Non da solo peraltro. Ancora, prima- quando le menti non erano ancora inquinate dai like- un certo Alexis de Touqueville ebbe a scrivere nella Democrazia in America , vado a senso – a quest’ ora non ho voglia di scandagliare la bibioteca- : ” …se debbo trarre un sunto dello spirito di questa grande nazione posso dire che qui ogni attivita’ umana e pensiero umano e’ orientato da una sola domanda: quanto denaro ne potro’ cavare.”
    Mammona e’ il loro Dio – non avete fatto caso , ad es. , che qualsiasi film americano, anche il piu’ intriso di moralismo e “fede”, finisce sempre con il protagonista che diventa ricco?- .
    E’ scritto sul dollaro ” in God we trust”, ma il God, come in un quadro di Magritte , e’ il dollaro stesso.
    Sono costituzionalmente anticristici tanto che la loro costituzione, per la prima volta nella storia, e’ basata ” sul diritto alla felicita’”.
    Non vi sono santi, di seconda generazione, riconosciuti dalla chiesa cattolica negli Usa.
    E’ deserto spirituale completo.
    Bergoglio, giusto per tornare al titolo, non si riferisce ovviamente a nulla di quanto sopra esposto , ma come una velina permalosa risponde piccato a quella che ritiene una provocazione.
    Nulla di nuovo sotto il sole.

    • Gian ha detto:

      Sono in gran parte d’accordo. Una cosa però, a dire il vero: la costituzione americana parla di “diritto al perseguimento della felicità” che non significa semplicemente il diritto alla felicità.

      • LucioR ha detto:

        Non c’è molta differenza se insieme al “diritto” (o meglio, ancor prima che il diritto) non si specifica quali sono i “doveri”. Uno che si sente in “diritto” di perseguire la felicità può intendere di poterla perseguire con ogni mezzo.

        Infatti questa è l’ “etica” di oggi.

    • Rafael Brotero ha detto:

      Non per caso l’americanismo è un’eresia condannata dalla Chiesa. Ma bisogna distinguere il rifiuto dell’eresia dall’antiamericanismo peronista dell’antipapa.

  • MARIO ha detto:

    Le destre estreme, americane e non, laiche e clericali, cattoliche e atee, si permettono con volgare arroganza di attaccare quotidianamente il Papa regnante, senza alcun pudore e il minimo rispetto, né per il Ministero che ricopre né per la persona in quanto tale.
    E si arriva persino a chiedere le sue dimissioni, non solo da parte di gente più o meno ignorante, ma anche da parte di Cardinali di Santa Romana Chiesa.

    Il motivo ? Perché la Verità nuda e cruda del Vangelo, senza fronzoli o facili scappatoie o tranquillanti paraventi, mette in crisi e fa paura a chi si è costruito a fatica o comodamente le sue belle teorie o una religione a proprio uso e consumo, con cui magari fare anche buoni affari e dormire sonni tranquilli.

    E poi questa stessa gente, che si nutre quotidianamente di odio, ha anche la spudoratezza di meravigliarsi se la vittima designata si permette, non di reagire a tono, ma di fare una battuta ironica sulla feccia (per non dire di peggio) che gli viene gettata addosso ogni giorno, per di più da coloro che dovrebbero essere suoi fratelli nella fede.
    Mi sembra il colmo dell’arroganza.

    • Gian ha detto:

      Falso come una banconota da due dollari.

      • MARIO ha detto:

        Lei probabilmente le conosce bene le banconote da 2 dollari false, perché qualcuno le avrà detto che lei vale tanto quanto una di quelle; e allora si sarà messo a studiarle bene per non farsi fregare da solo…
        Stia in pace piuttosto.

    • Gian Piero ha detto:

      caro Mario,
      un vero c omplotto c’e’stato ed e’ stato quello della Mafia di San Gallo per eleggere Bergoglio. Hanno tentato nel con c lave del 2005 ma non ci sono riusciti e allora hanno lavorato per le dimissioni di Benedetto e infine nel 2013 hanno raggiunto il loro scopo. E molti cardinali americani hanno votato Bergoglio. Lo stesso McCarrick, poi caduto in disgrazua, ma che era molto potente allora ha lavorato alacremente per far eleggere Bergoglio.
      L’elezione di questo papa e stata voluta e progettata a tavolino. Non ho le competenza per affermare ch e sua invalida ma certo l’idea che unalobby di cardinali intriganti programmi anni prima i l’elezione del loro uomo non mi piace affatto.
      Caro Mario , il papa dovrebbe guardarsi non da una fantomatica opposizione “americana”,ma dallo scontento , dadperlla delusione, dalla rabbia che suscita nei fedeli di tutto il mondo il suo modo di fare il papa. Secondo padre Ariel Levi di Gualdo, che non e’americano, questo papato finira’fra i fischi, e a fischiare non sara’una cl aque ma la maggioranza del pubblico. Passera’alla s toria come il.papa piu’detestato e non solo dagli americani
      Come disse Mussolini “molti nemici molto onore” e poi fini’a piazzale Loreto. Deus non irridetur. Bergoglio nel suo narcisismo patologico sempre sopra le righe mai a tono .puo’recitare la parte della ;vittima”di oscuri complotti , pu
      puo’paragonarsi a Gesu’Cristo calunniato, quando lui stesso e’andato al potere per un complotto, ma Dio non lo.prende in giro, quel Dio a cui non crede. Verra’il giorno…..

      • Eloisa ha detto:

        Mi sono chiesta spesso il
        perché del radicamento nella testa di qualcuno di un convincimento sbagliato o sballato. In questo caso dell’ elezione del pontefice attuale ad opera di una certa “mafia di san
        Gallo”, che ogni tanto riemerge, disonestamente a mio modesto avviso, per squalificare il pontificato di Bergoglio. Se questo convincimento errato può placare, almeno in parte, il rammarico di chi gli è nemico, non annulla però la falsità di questa affermazione.
        Piaccia o non piaccia, Bergoglio fu eletto per la necessità di porre rimedio all’ autoreferenzialita’ di una Chiesa che aveva sostituito da gran tempo sé stessa a Gesù Cristo. Questo papa, vivendo in un mondo lontano da quello di Roma e dell’ Europa, lo aveva capito bene e lo aveva denunciato a chiare lettere.
        Fu eletto per questo.

        • wp_7512482 ha detto:

          Ne ha parlato il card. Danneels, in un’intervista televisiva. Danneels ne faceva parte, come altri e ha spiegato chi e come. Danneels, copritore di abusi dichiarato, era sulla loggia di S.Pietro vicino a Bergoglio dopo l’elezione. Eloisa lei si fa una realtà tutta sua fantastica e immaginaria e ci crede. Svegliaaaa!

      • MARIO ha detto:

        A proposito di complotti da lei citati, se viene eletto Papa Benedetto XVI va tutto bene, se viene eletto Papa Francesco si tratta di complotto. Ma guarda un po’ che stranezze…
        Lei ricorderà sicuramente, essendo così informato di conclavi, che nelle votazioni del conclave 2005, Ratzinger e Bergoglio a un certo punto erano circa alla pari e che Bergoglio si ritirò in buon ordine per favorire l’elezione di Ratzinger. Altro che complotti…
        Successivamente Bergoglio ebbe a dire una strana frase, il cui significato mi è ancora piuttosto oscuro: “Nel conclave del 2005, tutti sapevano che si doveva votare per Ratzinger.” Cosa vuol dire “si doveva” ?
        Se qualcuno mi potesse illuminare, sarei grato.
        Pace e bene.

        • Eloisa ha detto:

          No, Mario, le cose non stanno esattamente così.
          Nel 2005 fu Bergoglio stesso a ritirarsi, ma non per lasciare spazio a Ratzinger. Lui non se la sentiva di assumere un impegno così gravoso e lo disse. Allora si fece convergere il voto verso Ratzinger. Questo io so.

          • Gian Piero ha detto:

            E invece quello che so io e’ che fu il cardinale Martini, che benche’ gesuita e progressista non amava il confratello Bergoglio ( visto il tipo) , che ordino’ ai suoi di far convergere i voti su Ratzinger .Fu Martini , Bergoglio non si “ ritiro” affatto , ve lo vedete un ambizioso come lui ritirarsi? ,ma fu quel che si dice trombato.
            Il problema e’ un altro : dopo l’ elezione di Ratzinger le manovre e gli intrighi dei sinistri fuori e dentro la Chiesa non finirono. Anche queste documentate: negli USA come documentato dalle mail del segretario e consiglieri della Hillary Clinton, tale Potesta’ , cercarono di suscitare una “ primavera “ progressista all’ interno del,a Chiesa cattolica come avevano suscitato le primavere arabe, dando sovvenzioni e suscitando “ spontanei “ movimenti cattolici pro-aborto, femministi ecc.
            Lo scopo era quello di portare al potere prelati vicini alle idee della Clinton e dei dem americani.
            possiamo dire che anche la Clinton, per Grazia di Dio, fu trombata e con lei cadde Podesta’ , ’ e’ furono rese pubbliche tali losche macchinazioni.
            Ma i trombati spesso in un modo o nell’ altro riescono a riattaccarsi alle poltrone e a riemergere : tale e’ la forza dell’ ambizione (vedi resurrezione del Pd nel governo Conte piu’ rosso che giallo)
            L’ umile Bergoglio privo di ambizioni, mistico e desideroso di solitudine e contemplazione, ” che secondo Eloisa e’ stato eletto per riavvicinare la Chiesa a Gesu’ Cristo ( mentre sta facendo esattamente il contrario tanto che Gesu’ e’ scomparso dai documenti e dai discorsi papali) si ritiro’ forse dall’ agone? Si accontento’ dei sobborghi di Buenos Aires , quella periferia esistenziale tanto amata in cui poteva continuare a occuparsi degli emarginati?
            Ma figuriamoci! A Roma ! A Roma ! Col Conclave del 2013 parti’ alla volta di Roma con un biglietto di sola andata, tanto era sicuro questa volta .

        • Dal Madagascar ha detto:

          Bravo, MARIO: la “mercedes” non te la toglie nessuno!!!

    • Nicola B. ha detto:

      Per il Sig Mario. Ho 67 anni e quindi un po’ di Papi ne ho visti scorrere nella mia vita. Quindi quello che dice lei è assolutamente falso. Il Vero Vangelo l’ho sentito fino a Benedetto XV,I dopodiché…..alé…liberi tutti. Tutti in Paradiso a prescindere dal pentimento e confessione e riparazione dei propri peccati! Ed infatti sotto l’attuale Pontificato da qualche anno non si parla più di dannazione eterna, di confessione, di peccati mortali. Le file ai confessionali sono diminuite drasticamente e drammaticamente rispetto ai Pontificati di Benedetto XVI e Giovanni Paolo II. Lo so per esperienza . E poi gli unici pubblici peccatori sono quelli che danno fastidio erigendo muri per non farci invadere e quindi ci difendono. Oppure peccatori sono SOLO quelli che non sganciano la pecunia per i finti profughi venuti a farsi mantenere in massa da noi. Ma chi sta ” dalla parte giusta ” anche se é NELLA STESSA SITUAZIONE MATRIMONIALE DI SALVINI CIOÈ DIVORZIATO, E HA L’AMICHETTA BIONDA, viene definito cattolico perché va a San Giovanni Rotondo ,perché mostra i santini con Padre Pio in tv e perché viene ricevuto dal Papa …….. Concludo dicendo che sotto questo Pontificato PER LA PRIMA VOLTA NELLA STORIA DELLA CHIESA, UN PAPA HA FIRMATO UN DOCUMENTO CHE METTE SULLO STESSO PIANO IL CATTOLICESIMO CON UN’ALTRA RELIGIONE ( QUELLA CHE PREVEDE L’OMICIDIO PER GLI APOSTATI E LA CONQUISTA CON LA VIOLENZA DI CHI NON SI SOTTOMETTE AL LORO CREDO) . E lei me lo chiama vero Vangelo? Ma mi faccia il piacere….

    • Alda ha detto:

      Caro Mario (parente di Giuseppe aliás borghese pasciuto?) la verità nuda e cruda del Vangelo, é il papa stesso a modificarla per i suoi scopi se non ignorarla addirittura.. Ma di che parli??

      • Borghese pasciuto ha detto:

        Forse le sfugge che io sono ateo e non credo in nessun dio, a differenza di Mario, mi pare.
        Ciò detto, al di là della querelle su chi interpreti meglio il vangelo (argomento che non mi interessa affatto … non ho bisogno del vangelo per cercare di condurre la mia esistenza secondo onestà, generosità e attenzione al prossimo), mi sento idealmente ben più vicino alle posizioni del sig. Mario che non al vostro (della stragrande maggioranza dei commentatori) arido e disumano integralismo o, peggio, alle idee di qualche altro sedicente ateo.

  • IMMATURO IRRESPONSABILE ha detto:

    La leggenda dei cattolici americani intenti a complottare per indurre alle dimissioni il Papa e’ una trovata ingenua quanto truffaldina. Mi chiedo chi possa credere che oggi, nel mondo cattolico, ci sia un’ autorita’, un gruppo, in grado, non dico di attuare, ma nemmeno di immaginare una impresa del genere.
    Se, davanti a un documento abominevole, come quello sul prossimo sinodo, quattro, dico quattro! vescovi, NEL MONDO, fanno esplicita opposizione, cio’ vuol dire che questo papato non ha proprio nulla da temere, riguardo alla propria cattedra. La meta’ del collegio cardinalizio e’ di nomina “bergogliana”, i vertici delle confetenze episcopali nazionali son in gran parte fedeli alla linea, universita’ e mass media, non ne parliamo!
    Questa sceneggiata sembra proprio pensata per deviare l’ attenzione dai veri motivi per cui molti cattolici sono angosciati per le condizioni attuali della Chiesa, motivi che non vengono MAI discussi, MAI affrontati nel merito. Ma non basta; accade che, di fronte alle realta’ incontestabili che segnano questo periodo (in parte, bisogna dirlo onestamente, incominciate prima dell’ attuale pontificato): crollo della partecipazione alla S.Messa e ai Sacramenti tutti e crollo delle vocazioni, per non esser costretti a fare un bilancio sincero, i neomodernisti sono letteralmene COSTRETTI a svilire e disprezzare la devozione popolare degli anni che precedono la “svolta” dei tardi ’60. Bisogna capire che non ci sono alternative:p si dichiara insincera, formalista, “convenzionale”(questa e’ l’ ultima che ho sentito….) la pieta’ tradizionale del popolo cristiano, o si e’ costretti a dichiarare……..bancarotta! (naturalmente solo per quanto riguarda il bilancio “secolare” della Chiesa).
    Questo aspetto della pubblicistica attuale mi e’ particolarmente indigesto; colpisce infatti, strumentalmente, la devozione dei miei genitori e degli altri miei parenti di quella generazionei, dai quali ho ricevuto il dono della Fede. Mi riservo, caro Tosatti, di tornare su questo punto cruciale….

  • Carlone ha detto:

    Quindi le impressioni di Gotti Tedeschi di un inizio di una guerra alla Chiesa.iniziata con le pressioni per far dimettere Ratzinger , sono da ritenersi infondate?

    • Ezechiele ha detto:

      La guerra contro la Chiesa c’è dai tempi di Pilato e ci sarà fino alla fine. È Gotti Tedeschi che pensa che la Chiesa inizi e finisca col Papa che gli aveva dato un ruolo e ora è lui a fare guerra alla Chiesa per personale orgoglio, ovviamente ispirato dal capo dei malvagi. Preghiamo perché si ravveda.

      • Clemente ha detto:

        Curiosa tesi quella di Ezechiele (sarà il nickname di Tornielli o di Carletto Anderson, ah saperlo!). Tuttavia fallace, non conosce e non legge GT, il quale, quanto a citazioni e rimandi dovrebbe aver vissuto 2000 anni e aver collaborato con almeno una ventina di papi. Caro Ezechiele, legga di più e scriva di meno…. Altrimenti usi argomenti convincenti e razionali, senza cadere nell errore del processo alle intenzioni.

  • Astore da Cerquapalmata ha detto:

    Il sistema economico americano non piace neanche a me ma l’antiamericanismo ideologico è ridicolo.
    Anche perché il Papa si sentiva altrettanto onorato dell’amicizia di McCarrick.
    Quando fu eletto Francesco ero entusiasta. Chiesa povera per i poveri. Sembrava una ventata dello Spirito.
    Poi i suoi attacchi alla CASISTICA, ovvero all’impianto della dottrina morale, la sceta di un settore di “poveri”, i migranti, e la non considerazione degli altri, a cominciare dai bambini abusati dai pedofili e da quelli abortiti.
    E poiché non credo nella solidarietà di chi non OPERA contro l’aborto, mon ho più creduto nneanche alla solidarietà del Papa.
    Lodare la Bonino equivale a un segnale precisl. Perché non posso credere che il Papa sia uno svampito

  • anonimo lituano ha detto:

    Non mi si fraintenda, lo scrivo in un contesto evidentemente più che informale: nella mia povera vita, che conta ormai parecchi lustri, mai avrei immaginato di trovarmi ad avere per papa un idiota.

  • Rafael Brotero ha detto:

    Povero Santo Padre… Sempre assorto nella preghiera e nella contemplazione, non capisce le cose del mondo… Celebri intellettuali, aiuto! Una supplica filiale urgente!

  • Sherden ha detto:

    Ma è vero che il nome completo è Matteo Bruni Ventosa?

  • Gian Piero ha detto:

    Mi piacerebbe che icattolici benefattori americani, i Cavalieri di Colombo ed altri benefattori, rispondessero:
    caro Francesco sara’ per noi un onore e un piacere non mandare piu’ fiumi di dollari che in un modo o nell’ altro rimpinguano le casse della Santa Sede e dello IOR. Se poi avete ha qualche debituccio faccia la questua e chieda il contributo agli amici Maduro, a Morales, a Castro, piuttosto che agli odiati yankee capitalisti.
    Hasta la vittoria siempre comandante Che Bergoglio!
    ( e speriamo che finisca comeChe Guevara )

  • Mikhael ha detto:

    Suvvia che sarà mai: Bergoglio fa un po’ lo scemo :))

  • Sulcitano ha detto:

    Ogni qualvolta sono costretto a dover ascoltare gli insipidi discorsi di tale personaggio di bianco vestito, mi vengono in mente, da antico tifoso di calcio, i famosi e fumosi discorsi di un famoso calciatore, anche lui argentino, anche lui filo castrista e convinto anti americano, che tuttavia, ogni tanto ci parlava anche di calcio in maniera appropriata. Ma potremmo mai sperare di sentire finalmente parlare di Cristo Gesù, da chi dovrebbe degnamente rappresentarlo in terra, a discapito della politica, ecologia ecc.? Fino a quando Signore…!

    • deutero.amedeo ha detto:

      Il Santo Padre tace su certi argomenti per rispetto del secondo comandamento….

      • giulia anna meloni ha detto:

        non è il Santo Padre

      • Il veritiero ha detto:

        Hai fatto una giusta osservazione, é meglio cge ne parla o é meglio di no…. potrebbe finire nel nominare il nome di Dio invano, hai fatto un ottima osservazione, quasi quasi é meglio che non lo nomina 😂😂

      • MARIO ha detto:

        Di questi tempi quello che nomina il nome di Dio e della Madonna invano è solo Salvini.
        Ma da qualche giorno sembra aver cambiato registro, perché forse si è accorto che la cosa non porta bene… Chissà.
        Speriamo in bene.

  • TITTOTAT ha detto:

    Io ho in mano un altro libro:
    Come gli Americani, pentiti, cercano di liberare il trono di Pietro dal burattino di Berry Soteoro e Killary.

  • Astore da Cerquapalmata ha detto:

    Gomblotto! Gomblotto! Gomblotto!
    Vabbè, ma VIGANÒ lo smentisce o no?
    No, è? Ci avrei scommesso.
    I fatti paiono dimostrare che il Papa ha coperto McCarrick (un Papa che conosce tutto dei suoi collaboratori non poteva non sapere, giusto?).
    Ma il Papa TACE. Sarà perche se provasse a smentire farebbe la figura non solo di chi ha coperto un omosessuale schifoso abusatore di giovani, ma anche del bugiardo?

  • Luciano Motz ha detto:

    Questo è quello che passa il convento, Bergoglio in Vaticano, Conte a Palazzo Chigi. Sono tempi di miseria, purtroppo!

  • Nicola B. ha detto:

    Ostilità antica ( verso l’italia da parte di M5S e PD) , il complotto è altrove. Ed era già preparato da tempo. Non è stata colpa di Salvini, l’inciucio era pronto da tempo.

    http://www.ilgiornale.it/news/politica/governo-pd-m5s-i-dem-ora-confessano-lavoravamo-gi-patto-1748500.html

    Nuovo Governo: liberi tutti , anche quelli che facevano matrimoni finti tra extracomunitari ed italiani per regolarizzare i clandestini :

    https://www.corriere.it/cronache/19_settembre_05/riace-all-ex-sindaco-mimmo-lucano-revocato-divieto-dimora-519a28a0-cfc7-11e9-b1b2-ea5000c0ac17.shtml

  • Iginio ha detto:

    Non ho capito quale sarebbe il commento di Formicola.
    E poi finiamola con questa lagna sulla presunta “estrema destra cattolica”! Ma che vuol dire? Lasciamo queste scempiaggini agli Ortofrutticoli (Melloni, Mr Beans ecc.) e discutiamo seriamente e razionalmente.

  • PG ha detto:

    Ma visto che i consiglieri del Papa sono americani ( da Jeffrey Sachs , Paul Ehrlich , i gesuiti americani , ecc) mi pare evidente che intendesse riferirsi a taluni americani , quali i trumpiani nemici della Hillary Clinton, I vescovi vicino al card. Burke , i ricchi cattolici che hannno deciso di non mandargli più l’obolo di san Pietro. , gli amici di mons,. Viganò, ecc. In pratica non credo proprio sia stata una gaffe .

    • MASSIMILIANO ha detto:

      Per inciso Bergoglio non fa mai gaffe. Bergoglio misura al millimetro tutto ciò che dice, tutto ciò che fa e tutto ciò che dicono di lui e intorno a lui. Coloro che ancora pensano a un Bergoglio un po sciocchino che parla male l’italiano e che viene frainteso, sono peggio dello stesso Bergoglio. Sveglia…! Saluti.
      Massimiliano.

      • Il veritiero ha detto:

        Eh, eppure c’è ancora chi co cade. Sono riusciti a giustificarlo anche quando ha detto “Gesù fa un po’ lo scemo e Gesù non era un pulito e la morte di Gesù in croce é stato il fallimento di Dio” al convegno ecclesiale del 6-6-16 che già pure la data con tutti quei 6 dà un presagio non buono… sono riusciti a giustificare anche queste parole… “eh ma non parla bene italiano….”
        In un paese mussulmano gli avevano già tagliato la testa dopo 2 giorni, il vaticano era stato preso d’assalto e li avevano decapitati tutti. Ma noi siamo cristiani…peace and love!! E mutande di ferro per le fregature…

        • Anonimo ha detto:

          Eh sì, caro Veritiero, è proprio così. Sotto l’ Islam non sarebbe durato due giorni…al grido di “cane infedele”.

      • Paolo Giuseppe ha detto:

        @ Massimiliano
        Ammetto che sono tra quelli che ritiene Bergoglio un uomo che padroneggia male la lingua italiana e che, a causa di qualche limite culturale, diventa in alcune circostanze un gaffeur.
        Forse fino ad oggi ho sbagliato e forse (vuoi togliere il forse?) hai ragione tu.

    • deutero.amedeo ha detto:

      Non si tratta di una gaffe, certamente, ma piuttosto di una manifestazione di bullismo di uno che crede di poter insegnare a chi sa più di lui. Le critiche servono a correggersi dai propri errori non a pavoneggiarsi. Così almeno mi pare!

  • deutero.amedeo ha detto:

    Ieri, quando ho letto la notizia, la mia mente è ritornata a una celebre frase del capo del governo, duce del fascismo, fondatore dell’impero, il cui nome era Benito :
    “molti nemici, molto onore” .
    Poi sappiamo con quanto onore la sua carriera sia terminata.

    • Paolo ha detto:

      Il Santo Pafre, all’inizio della crisi di governo in Italia, non ebbe remore a dichiarare che Salvini sarebbe stato un nuovo Hitler . . .

      • deutero.amedeo ha detto:

        Con la differenza che Hitler parlava tedesco e Salvini parla italiano, Hitler prima di darsi alla politica faceva l’imbianchino, Salvini ha sempre fatto il politico, Hitler voleva impadronirsi militarmente dell’Europa, Salvini vuole soltanto difenderne i confini dall’invasione islamica, Hitler voleva sterminare gli ebrei, non come popolo ma come razza, Salvini non ha nessuna idea in proposito. Insomma, paragonare Salvini a Hitler è come paragonare Bergoglio a Francesco d’Assisi. Pura demagogia.

  • Gene ha detto:

    Ancora…ma questo vestito di bianco ha capito di essere il capo della Chiesa Cattolica..o il capo di un partito politico di sinistra…
    Ancora ….i suoi viaggi sono inutili…coreografici….privi di valori cristiani…non sociologici….
    Basta, questo personaggio è indescrivibile, insopportabile…in poche parole inammissibile..
    Privo di valenze teologiche, dottrinali…non coerente co i valori del Vangelo.

  • Adriana ha detto:

    Nazione ? Ha detto : ” Nazione importante ” ? Perbacco , quanto
    è Sovranista il Vescovo Sovrano Assoluto !

  • Il veritiero ha detto:

    Speriamo che sia la volta buona che Fatima si compie.
    Siamo a 31 viaggi mi sembra, più o meno.
    Il 35 esimo viaggio non non lo supera

  • Fabrizio Giudici ha detto:

    il Papa ha voluto dire che considera sempre un onore le critiche

    Ma va bene così, prenderemo la cosa alla lettera e la ricorderemo a tutti gli ultra-montani che sono in giro.