GOTTI TEDESCHI: CHI PRIVILEGIARE NELLA CARITÀ? LEGGETE LEONE MAGNO, DOTTORE DELLA CHIESA.

2 Settembre 2019 Pubblicato da 172 Commenti --

Marco Tosatti

Cari amici e nemici di Stilum Curiae, ci ha scritto il dott. Ettore Gotti Tedeschi, un nome che non ha certo bisogno di presentazioni. Vi invitiamo a leggere il testo della breve lettera, e poi un altrettanto breve commento nostro in calce. Buona lettura, e a dopo.

§§§

Caro dottor Tosatti, ho trovato una considerazione fatta da un grande Papa Santo, San Leone Magno (390-461), che vorrei condividere con i suoi lettori, data l’importanza e l’attualità della sua affermazione dottrinale.

Il pontificato di San Leone Magno coincide con la caduta dell’Impero Romano d’Occidente, l’inizio delle invasioni barbariche (fu Leone a fermare Attila, ed in parte, i vandali di Genserico); avversò il manicheismo e il pelagianesimo.

Benedetto XIV (nel 1754) lo nominò “Dottore della chiesa” (doctor ecclesiae), titolo assegnato a santi o teologi il cui Magistero dovrebbe esser fondamentale .

Bene, questa premessa mi è sembrata indispensabile per riportare un’osservazione, che mi pare piuttosto attuale, fatta da San Leone Magno (Omelie, CXXXIX), e riferita alle attenzioni, accoglienza, cure e misericordia, etc. da praticare verso il prossimo. Scrive il santo Dottore della Chiesa :

“Dovete certo provvedere, mossi da un sentimento di universale benevolenza, a tutti gli individui, ma in modo speciale dovete ricordarvi di coloro che, come membra del Corpo di Cristo, sono a noi strettamente congiunti nell’unità della fede cattolica. Dobbiamo infatti molto più ai nostri fratelli per la comunione di grazia, di quel che dobbiamo agli altri per la compartecipazione di natura”.

Questa affermazione merita oggi soprattutto, una certa attenzione, credo.

Suo, Ettore Gotti Tedeschi

§§§

Cari Stilumcuriali, mi sembra di poter interpretare – e porre nel contesto – quello che scrive Gotti Tedeschi. Il riferimento è a un periodo in cui l’Italia veniva sottoposta a invasioni e incursioni da parte di popoli e culture non solo differenti, ma certamente ostili. Difficile non vedere che, mutatis mutandis, è quanto sta avvenendo adesso; i numeri, l’arroganza, e gli interessi dentro e fuori il Paese autorizzano a nostro avviso giustamente molti a parlare di invasione, e di un progetto di sostituzione etnica, di giorno in giorno sempre meno mascherato.

Ma al tempo di San Leone Magno la Chiesa nella sua saggezza sapeva quale era il suo compito: difendere la cultura minacciata. Oggi invece vediamo che per ideologia o interessi concreti la Chiesa (o almeno la sua parte al potere) sembra considerare i confini aperti senza se e senza ma ai migranti come l’unico elemento di peso etico nel discernimento politico. Personalmente, insieme a scrittori di valore come Laurent Dandrieu, penso che la Chiesa dovrà rendere conto di fronte alla storia di questo tradimento verso il gregge che le è stato affidato.

Come sappiamo e ci sentiamo dire quasi quotidianamente questa posizione è giustificata dalla doverosa attenzione verso gli ultimi. Ma cercare di far passare come rifugiati in fuga da guerre e chissà che persone che arrivano dotate di smartphone e che pagano per quel viaggio cifre che se usate nel loro Paese di origine consentirebbero ben altro, e trascurare il problema di milioni di italiani sempre più poveri va esattamente nella direzione opposta a quella indicata da San Leone Magno. Che era, a quanto mi risulta, cattolico, e un grande Pontefice. Ma sulle invasioni barbariche, allora, non c’era nessun ritorno economico.

§§§




SE PENSATE

CHE STILUM CURIAE SIA UTILE;

SE PENSATE

CHE SENZA STILUM CURIAE 

 L’INFORMAZIONE NON SAREBBE LA STESSA;

 AIUTATELO.

ANDATE ALLA HOME PAGE.

SOTTO LA BIOGRAFIA. 

OPPURE CLICKATE QUI




Questo blog è il seguito naturale di San Pietro e Dintorni, presente su “La Stampa” fino a quando non fu troppo molesto.  Per chi fosse interessato al lavoro già svolto, ecco il link a San Pietro e Dintorni.

Se volete ricevere i nuovi articoli del blog, scrivete la vostra mail nella finestra a fianco.

L’articolo vi ha interessato? Condividetelo, se volete, sui social network, usando gli strumenti qui sotto.

Se invece volete aiutare sacerdoti “scomodi” in difficoltà, qui trovate il sito della Società di San Martino di Tours e di San Pio di Pietrelcina


 LIBRI DI MARCO TOSATTI

Se siete interessati a un libro, cliccate sul titolo….


Viganò e il Papa


FATIMA, IL SEGRETO NON SVELATO E IL FUTURO DELLA CHIESA

Fatima El segreto no desvelado

  SANTI INDEMONIATI: CASI STRAORDINARI DI POSSESSIONE

  PADRE PIO CONTRO SATANA. LA BATTAGLIA FINALE

  Padre Pío contra Satanás

La vera storia del Mussa Dagh

Mussa Dagh. Gli eroi traditi

Padre Amorth. Memorie di un esorcista.

Tag: , , ,

Categoria:

Questo articolo è stato scritto da wp_7512482

172 commenti

  • Il veritiero ha detto:

    RISP. A 20 LUGLIO delle 3,29
    Guardi su questo la contraddico, l’opus dei ha politici dichiarati, alcuni ex ministri di forza italia erano dell’opus dei ( ora non ricordo il nome )
    E sopratutto l’opus dei ha uomini ovunque: CARABINIERI, AVVOCATI, DOTTORI…. e le persone dell’opus dei fra dinloro si chiamano “LA FAMIGLIA”, e discriminano fortemente chiunque non appartiene all’opus dei.
    Se sei della “FAMIGLIA” diventi presidente di società oppure direttore sanitario anche se sei analfabeta, se non sei dell’opus dei ti stroncano la carriera. Agli analfabeti che fanno solo danni fanno i contratti buoni e a chi non é dell’opus dei nemmeno il contratto decente ti fanno, anzi ti mandano proprio via.
    Al Campus Biomedico di proprietà dell’opus dei ho visto cose da pazzi…cose vergognose… meglio che sto zitto altrimenti volano le denuncie.
    Ci sono libri dove si parla di tecniche di “lavaggio del cervello” da parte dell’opus dei. Io vi posso confermare che chi entra nell’opus dei cambia senza un motivo apparente….

  • Eloisa ha detto:

    Mi dispiace, Milli (3sett.@10:57),non la penso come lei, che appartiene alla cerchia di coloro che continuano a pensare Dio come ad una Entità fuori dalla Terra, sopra le nuvole.
    Le leggi date a Mosè sarebbero un codice da incorniciare ed incollare, cui attenersi senza fare riferimento alle condizioni in cui l’ umanità viene a trovarsi nel divenire della Storia. Gesù Cristo è Dio e Uomo. Proprio la sua umanità ci fa capire che Dio è fra noi, in questo mondo terreno; Egli, ebreo, ha ampliato quel primo “codice” dato a Mosè, e lo ha fatto parlando dell’ Amore, che vede un percorso che, attraverso l’ amore per i fratelli, porta a Dio. Ovvero, se si ama il prossimo vicino e lontano, si ama Dio stesso. Dio è Vita.
    La Vita è sempre in fieri; la certezza assoluta è che la linfa della Vita è l’ Amore. Dove non c’è amore, non c’è Vita, e dunque non c’è Dio, ma prevale il Male. Infatti, ogni peccato è mancanza d’ amore ed è un ostacolo al realizzarsi del Regno di Dio.
    Poi, ognuno è libero di seguire la propria idea di Dio.
    Ciò che io dico non è frutto della mia immaginazione. Seguo le riflessioni profonde di molti teologi-biblisti che approfondiscono nel tempo i loro studi.

    • Milli ha detto:

      Certamente Dio è Amore.
      Si ama il creato, gli animali, le persone, il nostro paese, si ama Dio..
      Per amare Dio si seguono anche i suoi comandamenti, anche se costa fatica, anche se non sempre ci riusciamo.

    • Milli ha detto:

      “Mi dispiace, Milli (3sett.@10:57),non la penso come lei, che appartiene alla cerchia di coloro che continuano a pensare Dio come ad una Entità fuori dalla Terra, sopra le nuvole.”
      Cara Eliosa,non esattamente, Dio c’è e non è semplicemente “Love is in the air” , è una PERSONA.
      Quei tremendi 10 comandamenti se li legge bene, non chiedono cose assurde, in fondo. Solo bisogna essere padroni di se stessi e non in balìa delle proprie voglie ed egoismi, ma per esserlo bisogna intraprendere un cammino di conversione.
      Pensi se tutti provassimo un po’ ad avere rispetto per questi 10 comandamenti non pensa che sarebbe un mondo migliore? Meno furti, meno omocidi, meno invidie, meno corna, meno aborti …
      E Satana (che è una persona pure lui) riuscirebbe a entrare molto meno nelle nostre vite, perché lui riesce a entrare dove c’è il peccato.
      D’altra parte se Dio ha dato i Comandamenti solo per Mosè , significa che Dio è limitato e non sa bene cosa sia l’umanità? Lei pensa di poterlo correggere? “Ehi Dio, guarda che ti sei sbagliato. Adesso noi siamo diversi e tu questo all’epoca di Mosè non lo sapevi. Mo’ dacci dei Comandamenti più moderni “.

  • Eloisa ha detto:

    Dott. Tosatti, perché ha tolto l’immagine e la canzone dell’impareggiabile G. Gaber?
    A lei non piaceva? La trovava fuori luogo? Ma perché?!…
    A me piacciono tutte le sue canzoni. È un fuoriclasse, non trova?

  • Luca ha detto:

    Il problema è che la Chiesa non insegna più quale è lo scopo di questa vita terrena, che è solo uno strumento per guadagnarci quella vera, quella eterna. Questa esistenza terrena, non va goduta, e non va migliorata agli altri per farlo loro godere meglio, perché è solo una prova, un esame per dimostrare a Dio, che siamo suoi e che scegliamo Lui al posto del mondo, il cui principe, guarda caso, è il diavolo. Siamo su questa palla persa nell’universo infinito per superare le prove (tentazioni) con cui Nostro Signore misura il nostro amore per Lui. (Ecco perché nel Padre Nostro si recita correttamente:”non indurci in tentazione”). Ciò premesso, oltre alle meravigliose riflessioni del Dr. Gotti Tedeschi, mi permetto di aggiungere che Gesù non dice genericamente:”ama indistintamente tutti”, ma:”ama il PROSSIMO TUO”. Il PROSSIMO , se le parole hanno un senso, è colui che sta accanto in questo percorso terreno, è colui che Dio ci fa incontrare per provarci. Scegliersi il “prossimo” a nostro piacimento è come pretendere, in un esame, di scegliere il problema da svolgere ed indice di superbia verso Dio. È come dire:”Lo sappiamo da noi chi è giusto amare è chi no”. E va a finire che mettiamo in un ospizio nostro padre vecchio e malato.

  • MARIO ha detto:

    A proposito di distinzione tra Politica e Vangelo, a mio modesto parere questo tipo di articoli rischia di giustificare e incrementare i sentimenti di ostilità e discriminazione (come si vede palesemente in molti commenti), servendosi per di più di testi religiosi in maniera tendenziosa o ideologica.

    Credo che l’impegno di un intellettuale cattolico (come in questo caso il dott. Gotti Tedeschi) dovrebbe essere quello di proporre soluzioni politiche realistiche e in linea con la Dottrina sociale della Chiesa, per risolvere o almeno arginare il problema reale dell’immigrazione clandestina incontrollata. Soluzioni sicuramente non facili da individuare.

    In caso contrario si finisce per scaricare le colpe della politica, unica deputata a garantire una immigrazione controllata e compatibile con la capacità di accoglienza (come giusto che sia) sulla generosità di quella parte di popolazione cattolica (e non solo) che si presta ad aiutare chi è nel bisogno, senza fare distinzioni e con la prudenza dovuta, operando unicamente sulla base del Vangelo (esclusi naturalmente coloro che lucrano sul bisogno, reale o presunto tale).

    E così facendo si rischia di alimentare sempre più la divisione esistente tra i cosiddetti “buoni” e i cosiddetti “cattivi”, creando due fazioni in lotta tra loro, e quando si è in lotta il ragionamento sereno si trasforma in ripicca. Col risultato di allontanare ancor più la soluzione del problema.

    Pace e bene.

    • editor ha detto:

      La informo che Gotti Tedeschi , oltre a innumerevoli articoli su quotidiani e riviste specializzate, ha scritto una serie di libri di morale in economia e riferiti alla dottrina sociale della Chiesa . Editi da Fede e Cultuta; Giubilei Regnani, Piemme, Lindau .

    • LucioR ha detto:

      «Credo che l’impegno di un intellettuale cattolico (come in questo caso il dott. Gotti Tedeschi) dovrebbe essere quello di proporre soluzioni politiche realistiche e in linea con la Dottrina sociale della Chiesa, per risolvere o almeno arginare il problema reale dell’immigrazione clandestina incontrollata. Soluzioni sicuramente non facili da individuare»

      Credo che l’impegno di un Papa cattolico sia quello di parlare di Cristo e non appoggiare soluzioni politiche infami che favoriscono l’immigrazione clandestina incontrollata, senza delle quali le soluzioni al problema reale dell’immigrazione sono facilissimamente individuabili.

    • MASSIMILIANO ha detto:

      Cavolo! Forse ho capito! Mario è Bergoglio! Che onore dott. Tosatti… Saluti.
      Massimiliano

  • Adriana ha detto:

    Stipendi lordi ONG :
    Volontario : 10.000 E ./mese
    Infermiere : 12.529 E ./mese
    Medico : 23.750 E ./mese ( compresa aspettativa retribuita ) .
    Inoltre…guadagni degli studi legali specializzati nell’indirizzare le risorse e nel difenderle …
    Gli accoglioni buonisti non mi facciano ridere : mi si screpolano le labbra !

  • Milli ha detto:

    Scusate, mi stanno venendo dei dubbi, leggendo questa discussione: ma si può dire ” leggo questo vangelo e quello no”?, “credo al Vangelo, ma quello che dice il Dottore della Chiesa è sbagliato”?
    Io pensavo che un Dottore della Chiesa, in quanto tale, fosse in unione alla Chiesa, che le sue parole servissero quanto mai a completare e/o a spiegare il Vangelo, di certo senza esserne difforme.
    Tutti sono santi che hanno ricevuto lumi particolari dal Santo Spirito.
    Come si fa a dire “questo sì e questo no”? Sono tutti insegnamenti della Chiesa Cattolica, non siamo tenuti a scegliere solo ciò che ci piace.
    Qualche giorno fa un sacerdote spiegava che se l’uomo non comprende la Parola non per questo deve cambiarla, ma deve con umiltà sforzarsi di capire e applicarla nella sua vita.

    • Eloisa ha detto:

      Cara Milli, santi e dottori della Chiesa erano uomini che, anche loro, potevano sbagliare. Credere che avessero la verità infusa e che tutto ciò che ci è giunto di loro sia ancora oggi condivisibile, è da ingenui. Molto era giusto ma non tutto.
      Inoltre, bisogna considerare che la vita, nel suo divenire continuo, fa apparire diverse molte “verità” che tali potevano sembrare agli uomini del passato (anche santi e dottori della Chiesa) , ma che oggi, nelle attuali circostanze, disvelano la loro inconsistenza. È necessario saper leggere “i segni dei tempi” con mente sgombra da pregiudizi e da apparenze fuorvianti. Per chi è cristiano il riferimento fondamentale è il Vangelo, che però va saputo interpretare andando oltre il primo livello letteralistico. In questo ci aiutano i biblisti più preparati.

      • Adriana ha detto:

        Eloisa ,
        cara , scriva almeno ” letterale ” – Oppure anche questo è un portato del grande biblista ” più mgliore ” Enzo Bianchi ?

      • MASSIMILIANO ha detto:

        Ecco sono proprio i segni dei tempi che lei don Eloisa non riuscirà mai a vedere…
        PS. Personalmente mi faccio fuorviare più volentieri da un dottore della Chiesa che dalle sue interpretazioni… Saluti.
        Massimiliano.

      • Milli ha detto:

        La sua risposta è totalmente relativista, ovvero piega la dottrina ai tempi attuali, a ciò che sta bene alle mode e ai costumi attuali.
        E questo non va bene.
        Ed è ciò che la Chiesa, fino a Benedetto XVI ha sempre cercato di evitare.
        I Dottori della Chiesa sono stati proclamati tali dopo una lunga e attentissima valutazione, non sono signori che, passando , hanno detto qualcosa.
        Certo, quello che hanno scritto non è il Vangelo, ma spiegano e completano , grazie all’intervento dello Spirito Santo, il messaggio di Cristo.
        Se noi non li comprendiamo, siamo noi ad essere in difetto, non loro.

        • Eloisa ha detto:

          Ma scusi, allora a che cosa sono dovuti i suoi dubbi se ha già le risposte preconfezionate?
          Veramente non riesco a capire.

          • Milli ha detto:

            Non riuscivo a comprendere come dei credenti possa sentirsi in diritto di scegliere a cosa credere, all’interno della dottrina di fede. Scelgo un Vangelo, l’altro no, quel Santo non mi piace e quindi decido che non capisce niente… e non mi riferisco solo a lei.
            Vede Eloisa, lei dimostra di pensare in maniera totalmente umana, non riesce a sollevarsi oltre a questo, a capire che c’è chi riesce a vedere la storia dell’umanità per intero , dall’origine alla fine, e che questo è Dio , il quale ci ha dato un insegnamento universale per il nostro bene, valido sempre.
            Se Dio ha dato i 10 comandamenti, questi sono validi in eterno, sì ci sarà discernimento e aggiornamento, per es. ai tempi di Mosè non c’era la tv e i cellulari, ma la sostanza non cambia. Il peccato rimane peccato e per fortuna c’è la Misericordia, ma unita al pentimento.
            Se i pastori non fanno comprendere al gregge che sta sbagliando, come fanno i fedeli a pentirsi, a volersi migliorare, ad accedere alla sorgente di Misericordia? Continueranno allegramente a sbagliare, sempre più., sempre più in basso..

  • Flavia ha detto:

    Francamente ritengo giusta l’osservazione di Gotti Tedeschi semplicemente perché è lampante la differenza di comportamento tra S. Leone Magno e il cardinale Bergoglio ; il primo aveva a cuore i Cristiani, quest’altro assiste passivo al loro eccidio nel più assoluto silenzio difendendo e spendendo parole inutili solo per i migranti e per gli islamici uccisi. Inoltre invece di legiferare nello stato del Vaticano si permette ingerenze nella politica di uno stato che non gli spetta “ fregandosene” altamente se ci sono poveri e se gli Italiano col voto abbiamo espresso un parere diverso. Mentre gli altri Papi affrontavano in generale il problema povertà, questo lo affronta a senso unico. A chi figli e a chi figliastri tristemente direi. Ciò rivela la sua missione che non ha a vedere nulla con la carica che ricopre, ma molto con la massoneria di cui è portavoce, ci si rifaccia alla confessione di Danneels, con la quale ha stabilito un piano di sostituzione etnica e religiosa. Il patto è con gli Arabi e lo sta dimostrando ampiamente e chiaramente . Poi il peggior sordo, a mio avviso, è chi non vuol sentire.

  • Antonella ha detto:

    Ci voleva un Papa come Leone Magno per affrontare con la decadenza imperiale le invasioni barbariche di allora insieme alle eresie che serpeggiavano, ma questo è il Papato quando esercita il mandato nella pienezza della Grazia e compie il suo coraggioso annuncio andando incontro all’uomo, anche se incarna il terrore di Attila. Il perfetto connubio tra Fede e Ragione non è solo il riflesso di un elevato grado di umanesimo espresso nel pieno del suo splendore, quanto la maturazione di un tempo spiritualmente inciso nella storia di uomini che fanno del Battesimo in Cristo un cammino salvifico, non sfuggendo gli ostacoli ma affrontandoli con una sapienza tutta speciale, che interviene in ogni campo, scongiurando ulteriori danni agli eventi ed introducendo alla Pace.
    Ogni Papa fedelmente al suo incarico è chiamato a lasciare orme di Grazia nella storia degli uomini; basti pensare ai muri caduti con Giovanni Paolo ll in un contesto politicamente incandescente per cui pochi avrebbero scommesso qualcosa di così imprevedibile, o alla sofferenza di un Paolo VI negli anni di piombo…..
    Può fare degli errori un Papa quando ispirato umanamente, ma infallibile nella Grazia, questo il mistero del suo vicariato, che non risparmia i chiodi nel conformarlo a Cristo.
    E ciò è avvenuto anche per il nostro Papa Benedetto, ha scritto pagine intrise di sapienza insieme al suo mai dimenticato Woityla, rispondendo a un mondo imbevuto di neomodernismo, pianificatore della sacralità del creato di cui oggi con gli allarmi rivendica gli equilibri, come se potesse in pieno delirio decidere sulle rovine delle stesse catastrofi che ha generato ….
    Un Papa in esilio, che qualcuno ha osato rivedere nell’Apostolo Pietro recluso in solitudine tra le mura di un carcere dal quale solo Dio saprà come è quando liberarlo.
    Questo il suo tempo, la sua missione, malgrado le nostre incomprensioni.
    Grazie a Ettore Tedeschi per questi spunti storici che fanno luce sulla Vera Chiesa di cui sentiamo il bisogno pur facendone parte.

  • anna maria ha detto:

    ” La Chiesa dovrà rendere conto di fronte alla storia di questo tradimento verso il gregge che le è stato affidato”.
    Approvo pienamente questa affermazione sig. Tosatti e la sottoscrivo.

    https://annamariadematteis.wordpress.com/2018/10/12/la-vocazione-missionaria-e-un-dono-di-dio-alla-sua-chiesa-egli-desidera-che-ogni-uomo-conosca-il-suo-amore/

  • deutero.amedeo ha detto:

    Per Eloisa. Esempio di libera interpretazione del vangelo Matteo 25,31-40.
    i capri sono i cornuti e le pecore sono le loro mogli. Basta un po’ di fantasia e sui vangeli si può dire di tutto e il contrario di tutto. Capito?

  • Il veritiero ha detto:

    Io sarò un po sciocco, ma mi é venuta in mente una cosa. Ma quanto costa costruore una piccola cittadina per 1 milione di persone? Ma se con tutti i miliardi e miliardi di euro spesi in questi anni, l’unione europea costruova una bella città e mandava o profughi in quella città non aveva risparmiato? Cosi possono anche lavorare, perché poi come innogni città la gente ha bisogno dei servizi e del cibo. Quanto può costare fare un monolocale a prezzo industriale in africa? 1000 euro? Con tutti i miliardi e miliardi che sono stati spesi costruivano una metropoli, altra che città di 1 milione di persone.

    • Milli ha detto:

      Anche mi sono chiesta una cosa del genere, però mi chiedevo come mai tutti questi profughi islamici non preferiscano andare a Dubai, per es. , una città ricca e mussulmana . Lì, se lo volessero, potrebbero costruire tutti gli alloggi che vogliono, lavoro e moschee non mancano.
      Invece preferiscono venire tutti in Italia, un paese in recessione da anni, pieno di infedeli. Mah!

      • Il veritiero ha detto:

        Sarà il fascino della femmima meridionale che li attira, bella pelosa con le basette e i baffi. Cosi possono immahinare un uomo mentre l’accarezzano al buio

      • Milli ha detto:

        Veritiero, dovrebbe chiedere scusa a tutte le meravigliose donne del sud. Io non sono del sud ma ho i capelli scuri e mi sento un po’ offesa pure io.

    • LucioR ha detto:

      Caro Veritiero,
      Lei finge di essere “un po’ sciocco”, perché sa certamente che lo scopo della Mafia mondiale (rispetto alla quale quella nostrana è una compagnia di educande pudibonde e timide) non è quello di risolvere il problema in modo razionale (si contraddirebbe dal momento che tale fenomeno, che non è spontaneo, è stato creato artificiosamente proprio da lei Mafia), bensì quello di realizzare una sostituzione di razze nel continente europeo (la chiamano “sostituzione etnica”, ma siccome io sono politicamente scorretto uso il termine corretto), La controprova è questa: perché quelle masse non vengono convogliate in Asia, dove c’è molto più spazio per riceverle a differenza della sovraffollata Europa?

  • giandreoli ha detto:

    Al riferimento di san Leone Magno aggiungo una citazione dalla Didaché, una Catechesi, primo e più antico scritto cristiano, detto anche “Dottrina dei dodici Apostoli”:
    “5. A chiunque ti chiede, da’ senza pretendere la restituzione, perché il Padre vuole che tutti siano fatti partecipi dei suoi doni. Beato colui che dà secondo il comandamento, perché è irreprensibile. Stia in guardia colui che riceve, perché se uno riceve per bisogno sarà senza colpa, ma se non ha bisogno dovrà rendere conto del motivo e dello scopo per cui ha ricevuto. Trattenuto in carcere, dovrà rispondere delle proprie azioni e non sarà liberato di lì fino a quando non avrà restituito fino all’ultimo centesimo. 6. E a questo riguardo è pure stato detto: Si bagni di sudore l’elemosina nelle tue mani, finché tu sappia a chi la devi fare.”
    Quanta saggia e realistica prudenza, ben diversa dalla generosità superficiale e vanitosa (sempre pronta ad accusare gli altri di mancanza di carità) di moda oggi nella Chiesa!

  • Mac ha detto:

    per non fare lenzuolate inutili:

  • Michelangelo ha detto:

    Il bell’affresco che fa da sfondo alla foto di Gotti Tedeschi non c’è più… era nell’atrio della Pontificia Università lateranense ed è stato sostituito da un monitor che manda immagini insulse.
    Autore dello scempio non è l’attuale rettore ma mons. Dal Cavolo
    Che fine ha fatto ? Di lui si sono perse le tracce ma il danno rimane

  • GMZ ha detto:

    La palilalia del papa s’è locupletata: non più solo migranti migranti migranti, ma anche clima clima clima.
    Sentirlo biascicare tutte ‘ste scemenze è una tortura quotidiana.

  • Adriana ha detto:

    Eloisa è impagabile ! Ha scambiato le parole del Nazzareno per
    il Patto del Nazareno … :-)) ( nuovamente alla ribalta ) .

    • Anonimo ha detto:

      Eloisa è di una ignoranza crassa e supina, oltre a fare dello spirito di bassa lega quando meno è opportuno (vedi l’infelice riferimento , nel commento ad un altro post, alla triste vicenda della morte di Papa Luciani). Cattivo gusto misto ad ignoranza: la tipica ricetta radical-piddina (ma neanche chic)…

      • Eloisa ha detto:

        Mi chiedo perché certe persone, per di più nascoste nell’anonimato, quando non hanno argomentazioni da contrapporre a chi ha idee diverse dalle loro, non trovino di meglio che aggredire con insulti rabbiosi gli avversari.
        La qual cosa indica piccineria mentale e morale.
        Questa grettezza non ottiene nessuno scopo.
        Io, per esempio, non mi sento toccata neanche un po’ dagli insulti, anzi mi viene perfino da ridere.
        Dunque, Anonimo, chiunque lei sia risparmi le sue sbavate di rabbia nei miei confronti.
        La mia libertà di pensiero e di parola resta immutata.

  • gualtiero ha detto:

    Gentile Eloisa, il ragionamento di Gotti Tedeschi è chiaramente fallace perché innesta sul problema della carità verso i migranti e verso i connazionali il tema religioso (che San Leone Magno sollevava in un contesto storico radicalmente diverso dal nostro).
    A seguire il ragionamento di Gotti Tedeschi bisognerebbe concludere che lo Stato Italiano, nel trattare due cittadini italiani, dovrebbe far differenza a seconda che uno sia cristiano o meno. In altre parole, se due italiani chiedono l’alloggio popolare, in graduatoria dovrebbe essere privilegiato quello che presenti il certificato di battesimo (e magari è miscredente) rispetto all’italiano non battezzato. Ancor più: l’immigrato battezzato dovrebbe essere preferito all’italiano non battezzato.
    Di più ancora: il certificato di battesimo dovrebbe servire per decidere chi può scendere da un barcone e chi no!
    E’ chiaro dalle sue conseguenze logiche che il pensiero di Gotti Tedeschi non ha alcun pregio e rappresenta il solito incoerente tentativo di alterare una lettura dei problemi più equilibrata con frasette di facile effetto. Pensi che il suo è uno dei migliori cervelli espressi dall’antibergoglianesimo militante.

    • Anonimo verace ha detto:

      La Chiesa è stata fondata il giorno della Pentecostè e con molti prodigi da parte dello Spirito Santo. Quanto più il messaggio è vicino alla sua origine tanto più è autentico. Per questo ci rivolgiamo alla Bibbia e alla Patristica. Per questo è giusto ricordare quanto detto da San Paolo e da Leone Magno.

      • Bastian contrario ha detto:

        Forse chi è intervenuto per denigrare Leone Magno non ha mai letto EURABIA e non ha capito che con i suoi ragionamenti fa il gioco degli islamici che si rifanno a pseudo valori incompatibili con il cristianesimo nonostante gli atti di Bergoglio .

      • gualtiero ha detto:

        Sì certo, ma se il risultato sono conclusioni aberranti, allora c’è qualcosina che non va. Non trova?

        • Mac ha detto:

          La citazione di Gotti Tedeschi è per conttrastare l’uso truffaldino del Vangelo e delle parole di NSGC per influenzare politiche di accoglienza, modifiche di leggi, e addirittura di violazioni di leggi.

          Pertanto il suo ragionamento per quanto giusto va rovesciato sulla controparte.

          Saluti.

        • Fabrizio Giudici ha detto:

          Mi sembra ovvio che se i Padri della Chiesa dicono una cosa che il sig. Gualtiero trova aberrante secondo il proprio giudizio, i Padri della Chiesa hanno torto.

    • MASSIMILIANO ha detto:

      A posto siamo… Ora siamo al completo. Mancava l’intelligentone. Signor Gualtiero, saranno sempre contesti diversi. Lo sono dopo pochi anni, figurarsi dopo 16 secoli. Questo non toglie che ci possono essere, e ci sono, eventi che si ripetono in maniera simile nel corso della storia. Vede, come detto in altro post, anche la Chiesa è destinata a seguire le sorti del Suo unico capo, che non è Bergoglio. I fatti anche in questo caso si ripeteranno. I contesti sono diversi, ma ontologicamente saranno molto simili, se non identici. Oltretutto il compianto cardinal Biffi (uno che oltre ad essere intelligente aveva anche la fede) caldeggiò un immigrazione di simili, ovvero di cristiani verso paesi cristiani. Per la precisione disse queste parole:”…se volete il vero bene dell’Italia e risparmiare tante sofferenze non potete lasciare entrare tutti gli immigrati. Dovrete privilegiare l’afflusso dei cattolici. Noi vescovi poi vi criticheremo, vi diremo ‘dovete essere più aperti!’. Ma voi, se siete laici, dovrete infischiarvene”. Basterebbe questo, ma aggiungo che il suo modo di argomentare è semplicemente falso. Come false le sue conclusioni. Oltretutto oltraggiose nei confronti di una persona che le potrebbe “mangiare la pappa in capo” Non comprende il problema. Non comprende le conseguenze del problema. Non comprende cosa sia davvero uno stato e cosa sia una nazione per un cattolico. E con il solito noiso e disgustoso modo di argomentare liquida il tutto offendendo coloro che non la pensano come Bergoglio, nuovo idolo contrastato della sinistra tout court, dei radical chic, dei cattocomunisti e di tutta quella accozzaglia di persone che per sentirsi più buona è arrivata ad accantonare persino Cristo in persona. Troppo divisivo vero? Studi un pochino di storia mi dia retta. Le servirà. In ultimo le dico anche che come cittadino italiano non sono obbligato ad accogliere nessuno mentre lo stato italiano farebbe bene ad occuparsi dei suoi cittadini invece di sostenere il traffico di esseri umani, arricchendo alcuni suoi protetti a discapito delle vite di disperati comprati dalle antenne paraboliche a suon di spettacoli indecenti trasmessi dalle nostre televisioni… Mi stia bene. Saluti.
      Massimiliano

    • Corrado Bassanese ha detto:

      “A seguire il ragionamento di Gotti Tedeschi bisognerebbe concludere che….: il certificato di battesimo dovrebbe servire per decidere chi può scendere da un barcone e chi no!”
      Esattamente, si! Perché sono i cristiani quelli perseguitati.

    • LucioR ha detto:

      Ho una vaga impressione che San Leone Magno non si rivolgesse ad uno Stato ma a dei credenti in Cristo, a cui stava dando delle indicazioni di carattere morale. Uno Stato è per necessità a-morale: procede seguendo norme codificate con la quale amministra la cosa comune per il bene dell’intera comunità senza fare discriminazioni tra singoli cittadini.

      Ho detto “per il bene dell’intera comunità”, non di chi è esterno alla comunità. Ovviamente questo non esclude la solidarietà verso gli esterni e quando necessario l’accoglienza (non l’invasione), ma sempre subordinate al “bene della comunità”, altrimenti lo Stato finisce di essere uno Stato legittimo. E per provvedere al bene della comunità lo Stato dovrebbe preoccuparsi di evitare che queste azioni “umanitarie” non abbiano come conseguenza l’aumento della delinquenza (omicidi, furti, stupri, droga, pratiche di riti tribali che si spingono fino all’antropofagia, più diffuse di quanto si pensi ed altrettanto tacitate nei media), il peggiorare della moralità pubblica e privata (corruzione nelle associazioni cosiddette umanitarie, ONG, ecc. coinvolte nel business dell’immigrazione), il danneggiamento di strutture e mezzi pubblici, un grande dispendio di denaro cavato fuori dalle tasche, non dei reggitori dello Stato, ma del misero impiegatuccio che non ha più di un figlio perché non ne può mantenere un altro, e se è una figlia deve scortarla durante le ore serali.

      Se – cosa di tutti i giorni – avvengono questi inconvenienti e sperperi di denaro col quale si potrebbero finanziare opere pubbliche “per il bene della comunità”, beh, allora è giusto dire che lo Stato non è più uno Stato legittimo, perché non garantisce la sicurezza e il bene alla comunità che amministra.

    • Vito ha detto:

      Caro Gualtiero,
      lei non ha capito nulla di quello che ha scritto Ettore Gotti Tedeschi e di quello che aveva scritto San Leone Magno.
      Nessuno dei due parlava dell’atteggiamento e del ruolo dello Stato, ma della benevolenza e della carità del cristiano.

    • Adriana ha detto:

      GUALTIERO…Bassetti o Sigismondi ?

  • Eloisa ha detto:

    Mi permetto di replicare al dott. Gotti Tedeschi come ho replicato altre volte, anche pubblicamente, a coloro che adducevano, più o meno, le stesse considerazioni circa il primato della carità da rivolgere innanzi tutto ai vicini.
    Il discorso è assai chiaro. In questi tempi di immigrazioni abnormi ( “esodi biblici”) i residenti in Italia e quelli di altri paesi pretendono a gran voce che gli aiuti vadano indirizzati innanzitutto ai più bisognosi fra i residenti stessi.
    Il sig. Gotti Tedeschi a tal proposito propone una forte considerazione di san Leone Magno a sostegno delle rivendicazioni di costoro.
    Ebbene, io non condivido per niente le parole omiletiche di quel Santo dottore della Chiesa. Né condivido le convinte asserzioni del dott. Tosatti.
    Preferisco aderire al Gesù Cristo del Vangelo, piuttosto che a un personaggio, sia pur canonizzato e illustre, come il summenzionato san Leone Magno.
    Nel Vangelo non si vedono in alcun modo, da parte del Cristo, né in atti né in parole, privilegi di sorta verso qualche categoria di persone. Caso mai potrebbero scorgersi preferenze verso i più emarginati dalla società dei benpensanti. Ed è proprio questa la RIVOLUZIONE gesuana non compresa, ancora oggi, da molti cristiani. E ciò è assai grave.
    Inoltre, forse molti hanno dimenticato quell’ emblematico passo evangelico (Mc 3,31-35) in cui Gesù, mandato a chiamare da sua Madre e dai fratelli che Lo aspettavano ritenendolo fuori di senno, perentoriamente indica nelle persone davanti a Lui e NON appartenenti alla sua famiglia, tutti i suoi fratelli e la Madre stessa. E non si muove dal luogo in cui si trova.
    Chiaro il messaggio: Gesù non faceva differenze fra i famigliari stretti e quelli della grande famiglia umana. Nel momento in cui si fa la volontà di Dio, facciamo parte TUTTI, infatti, di una grande famiglia umana; e se si fanno degli sgradevoli distinguo fra noi e loro, ovvero “prima noi e poi gli altri”, siamo al di fuori del Regno della Carità, che è poi il Regno di Dio. Dove non deve esserci timore per “culture minacciate” o altre amenità del genere, che passano in secondo piano rispetto ai bisogni concreti della gente.
    Mai sentito dire che nel dopo morte saremo giudicati sulla base delle culture, minacciate o meno che siano.Ci sarà un solo criterio di giudizio e si chiama AMORE, senza distinzioni.
    Con buona pace di san Leone Magno.

    Spero che il dott. Tosatti, anche malvolentieri, faccia sentire la mia voce. E spero che anche il dott. Gotti Tedeschi la ascolti.

    • Il veritiero ha detto:

      Ci sono 10 navi ONG nel Mediterraneo che stanno puntando l’Italia in questo momento. Poi non so se hai jotato che come é stato fatto fuori Salvini le barche che arrivavano avevano 50 immigrati e ora in questi giorni ne stanno portando 300 alla volta…. Devi sapere eloisa che nessuno vieta a queste persone di venire in Italia, tu non hai capito la truffa che c’è dietro. Se hai pazienza te la spiego, però devi essere imparziale.
      Secondo te perché queste persone vengono in mare su barche e senza documenti di provenienza rischiando la vita? invece di venire in aereo o a piedi o in treno o in macchina senza rischiare la vita? Se loro vengono in aereo o in treno nessuno li respinge, visto turistico valido 6 mesi ed entri in Italia tranquillamente, e una volta dentro ci rimani. Dove sta il trucco secondo te?
      Il trucco sta che se arrivano in barca senza documenti come profughi di territori dove c’è guerra possono avere ” casa – cibo ,- e famoso sussidio di 35 euro al giorno” , se inveve entrano con aereo e treno con i documenti non possono più accedere al sussidio, prima di tutto perche veramente pochi vengono veramente dai paesi di guerra, e quindi quasi nessuno di loro ha diritto al sussidio, abitazione e cibo. Quindi loro rischiano la vita in mare per poter avere i soldi una volta arrivato. Rischiano la vita per truffare lo stato italiano. É tutta una truffa. Se vengono in aereo e treno nessuno li respinge, ma pero non accedono al sussidio. Svegliatevi.

    • MASSIMILIANO ha detto:

      Se il livello è questo cara don Eloisa siamo fritti! Non me ne voglia ma rasenta il ridicolo nelle sue argomentazioni. Ma si rende conto di quello che dice almeno? No, non se ne rende conto… Mi rassegno. Aveva cominciato con i cattolici nazisti, ora è passata agli esodi biblici (riguarda il popolo ebraico ndr). No caro don Eloisa non ci siamo. Mi spaice molto per i suoi parrocchiani che devono sorbirsi le sue omelie. Saluti.
      Massimiliano

    • Ester ha detto:

      Quando Gesù fu chiamato da sua madre e da quelli che noi oggi chiamiamo fratellastri o cugini e rispose come sappiamo , stava proprio dicendo che quelli che lo stavano ascoltando erano proprio quelli che condividevano quanto lui diceva ovvero erano esattamente quelli che Leone Magno indica nei suoi discorsi
      Trattasi dei fratelli nella fede.

    • deutero.amedeo ha detto:

      “Ebbene, io non condivido per niente le parole omiletiche di quel Santo dottore della Chiesa. ” (Eloisa).
      Caspita che modello di cattolica credente e fedele.
      Ma almeno quelle di San Paolo le condivide o no?
      —Poiché dunque ne abbiamo l’occasione, operiamo il bene verso tutti, soprattutto verso i fratelli nella fede.—
      (Galati 6,10)
      Capito? SOPRATTUTTO VERSO I FRATELLI NELLA FEDE .

      • Boanerghes ha detto:

        Che è come dire: iniziamo dalle persone della nostra famiglia, perché se non sappiamo amare i più vicini, come potremo amare i lontani?
        Nessuno discute che la carità è universale.

    • Cris ha detto:

      Ho già espresso queste considerazioni altrove ma le ripeto per lei. Premetto che faccio volontariato proprio aiutando le persone (molte delle quali straniere) a orientarsi con i moduli di varie pratiche burocratiche, la compilazione di cv e form online. Per esperienza, le dico che la stragrande maggioranza degli immigrati che arrivano in Italia, senza particolari competenze e senza nemmeno saper la lingua, hanno di fatto adesso 3 futuri davanti a loro: 1) entrare nei ranghi della criminalità organizzata, italiana e non, 2) mendicare a vita per strada o, se va bene, sfruttando il welfare 3) lavorare per pochi spiccioli nei campi, in edilizia o per altri lavori pesanti e poi essere scartati, disoccupati e senza requisiti di pensione tra i quaranta e cinquant’anni d’età, perché tanto la mano d’opera più giovane a più basso prezzo non manca. E molti di questi, giunti ormai venti anni fa, adesso devono scegliere tra l’opzione 1) e 2) con magari anche una famiglia a carico.

      Questo lei lo chiama carità cristiana? Io la chiamo schiavitù. Infatti questo serve, mano d’opera a basso costo che non ponga problemi a datori di lavoro rapaci e porti soldi a chi ci specula sopra. Avallare questa immigrazione forzata è un avallare la schiavitù e coloro che ci lucrano. E La riduzione in schiavitù è un peccato che grida vendetta al Cielo.

      Non interessa dire che dovrebbe essere diverso e dare la colpa a questo o quello. Lo stato economico sociale in Italia oggigiorno non consente altro che questo, inutile stracciarsi le vesti facendo proclami buonisti.

    • Milli ha detto:

      Ma non ha ancora capito che tutti questi poveri africani sono oggetto di mercimomio , che vengono buttati in mare, donne e bambini piccoli su gommoni che poi vengono bucati, a scopo politico?
      Non sa che pagano migliaia di euro per il viaggio?
      Non legge gli appelli dei vescovi africani a non partire?
      Non legge che Germania e Francia ce li rispediscono indietro anche con metodi incivili?
      Infine, lei è l’unica che non vede questi giovani tutti con smartphone e cuffiette in giro a bighellonare?
      Certo che si devono aiutare le persone in difficoltà, ma non mantenerle a vita !

    • Il veritiero ha detto:

      Ah, ho scordato un particolare importante, ovviamente i soldi che spettano ai migranti finiscono tutti in mano alle associazioni che li ospitano, quelle associazioni che dicono che lo fanno per carità ma che invece poi si fanno dare 100 euro al giornp dallo stato per ogni migrante. Perche i 35 euro sono i contanti cash, ma a queste associazioni vengono pagati anche l’alloggio e il cibo che passano ai migranti, a prezzo di un hotel 4 stelle.
      Non ti é mai venuto in mente di capire perché lo stato paga gli hotel 4 stelle ai migranti? Perché più o meno siamo sulle stesse cifre che danno a queste associazioni, fel quale il 50% appartengono alla CEI quindi al Vaticano e il restante sono amichetti di merende del PD come la casa famiglia di Bibbiano che si faceva dare 200 euro al giorno per ogni bambino. Ora hai capito perché il PD e la CEI spingono per l’immigrazione selvaggia? Hai capito perche vengono in barcaninvece che connl’aereo? Ti ricordi il Mafioso di “MAFIA CAPITALE” che ha affermato dalle intercettaziono “SI GUADAGNA PIÙ CON GLI IMMIGRATI CHE CON LA DROGA” ?

    • Anonimo ha detto:

      Guardi caro, se vuole facciamo una colletta, affittiamo un aereo, gli attacchiamo.uno striscione con le sue banali e desuete parole (cinquant’anni che sentiamo sempre questa zuppa rancida…) e lo facciamo volare nel cielo affinché tutto il mondo ascolti non Cristo, non i migliori fra i Padri della Chiesa, ma solo il suo irrinunciabile Verbo. Mi scusi, ma le consiglio un buon dottore.

  • Il veritiero ha detto:

    Novità su uno dei neo Cardinali nominati da Bergoglio, oltre ai 2 Gesuiti, al card. Zuppi e all’esperto islamologia. C’è una nuova ciliegina sulla torta. A quanto pare il neo cardinale mons. Fitzgerald che è stato promosso era un “esiliato di Benetto XVI” cioè é un vescovo che doveva essere nominato cardinale, ma improvvisamente Benedetto XVI non solo non lo nominò più, ma addirittura lo ha “retrocesso e lo ha mandato in Egitto a fare il nunzio apostolico”….. un nuovo caso Maccarrick? Esiliato per una punizione per una grave colpa che noi non conosciamo? Ecco l’articolo che spiega.
    https://www.radiospada.org/2019/09/13-cardinali-in-arrivo-tra-loro-un-retrocesso-da-ratzinger-e-solo-un-italiano-il-progressista-zuppi/

    • Zuzzerellone ha detto:

      Non dobbiamo sempre pensare male. Ovvero non è detto che in un caso come questo c’entri SODOMA. Se il Fitzgerald è stato mandato come nunzio in Egitto la sua autentica colpa potrebbe essere quella di aver intrattenuti rapporti stretti ed amichevoli con l’università di Al Azar, cioè l’università islamica per eccellenza , nemica dei cristiani egiziani detti copti ma sempre cristiani , separati da Roma. I Copti costituiscono cieca il 10 % della popolazione. Ma se Bergoglio ha firmato quel patto di cui sappiamo è possibile che l’attività di Fitzgerald in Egitto sia aumentata anziché diminuita.

      • Ambra ha detto:

        Quando Bergoglio è andato in Egitto , qualche tempo prima della visita ad Abu Dhabi, mi ha sinceramente stupito il fatto che abbia incontrato prima l’imam di Al Azhar e solo dopo sia entrato nella cattedrale copta dove lo stava aspettando il papa copto che credo si chiami Tawadros (scusate se il nome non è corretto).

      • wp_7512482 ha detto:

        Quando accadde, le voci in Vaticano erano in quel senso.

  • IMMATURO IRRESPONSABILE ha detto:

    Oggi io pronostico neo-cardinal Zuppi come prossimo “vescovo di Roma”

  • Adriana ha detto:

    E giusto per stare in continuità con la Tradizione ecco qua un
    Biffi Cardinale . Il più proclive alle aperture e all’accoglienza di ogni essere colorato (sia pure un mandrillo , un camaleonte o un’anatra mandarina ) .
    La Cirinnà cinguetta la sua approvazione – con un po’ di degnazione ma con molta solerzia – .
    Padre Martin gracchia tutto il proprio entusiasmo arcobalenico .
    Dolci creature deliziate…

    • Adriana ha detto:

      Personate : un Zuppi ,non un Biffi . Era questione di ” ristorazione ”
      Dal Biffi -Scala al Zuppi – Chiesa .

    • Andrea ha detto:

      Ciao Adriana. avevo visto la proiezione della scimmia in piazza s.Pietro ma mi era sfuggita quella del coccodrillo… Nel momento in cui l’ho vista per un attimo ho pensato: ma cosa ancora stiamo aspettando a capire???

      • Adriana ha detto:

        Infatti : era tutto squadernato sotto i nostri stessi occhi . Io amo e rispetto gli animali ma proiettarne l’immagine , accompagnata da paurosi versi selvaggi sulla facciata di S. Pietro -trasformata in una giungla pericolosa e mortale – equivale , per me , a una beffarda
        dichiarazione di intenti , di progetti malvagi relativi ai corpi e alle anime . Il grosso rettile anfibio è , probabilmente identico al Leviathan della Bibbia . Una delle creature del caos primigenio .
        Nel mondoi egizio Sobek , il coccodrillo , era uno dei seguaci del dio del Caos , Seth . Nel Fisiologo , con le sue enormi fauci , è il simbolo delle fauci dell’Inferno . Nell’Amazzonia solamente era simbolo di ricchezza e fertilità ma in quanto correlato ai poteri della Terra Primigenia …Ti ricorda qualcosa ???

  • MARIO ha detto:

    Le parole di Gesù, nel Vangelo (citato molto raramente), valgono più di qualsiasi altra loro interpretazione, anche se si trattasse, con tutto il rispetto, del più illustre degli antichi Dottori della Chiesa (come San Leone Magno), e sicuramente molto di più delle sub-interpretazioni ideologizzate degli odierni presunti “dottori della chiesa” (come il dott. Ettore Gotti Tedeschi) e molto più ancora delle sub-sub-interpretazioni degli attuali titolari di blog vari (come il dott. Marco Tosatti).

    E questo non per sostenere le immigrazioni selvagge, cui sono assolutamente contrario, ma per fare la debita distinzione tra Politica e Vangelo.

    Riporto, per opportuna conoscenza, le parole di Gesù sul Giudizio Finale (Matteo 25,31-40), dalle quali non si deducono distinzioni di sorta.

    “[31]Quando il Figlio dell’uomo verrà nella sua gloria con tutti i suoi angeli, si siederà sul trono della sua gloria. [32]E saranno riunite davanti a lui tutte le genti, ed egli separerà gli uni dagli altri, come il pastore separa le pecore dai capri, [33]e porrà le pecore alla sua destra e i capri alla sinistra. [34]Allora il re dirà a quelli che stanno alla sua destra: Venite, benedetti del Padre mio, ricevete in eredità il regno preparato per voi fin dalla fondazione del mondo. [35]Perché io ho avuto fame e mi avete dato da mangiare, ho avuto sete e mi avete dato da bere; ero forestiero e mi avete ospitato, [36]nudo e mi avete vestito, malato e mi avete visitato, carcerato e siete venuti a trovarmi. [37]Allora i giusti gli risponderanno: Signore, quando mai ti abbiamo veduto affamato e ti abbiamo dato da mangiare, assetato e ti abbiamo dato da bere? [38]Quando ti abbiamo visto forestiero e ti abbiamo ospitato, o nudo e ti abbiamo vestito? [39]E quando ti abbiamo visto ammalato o in carcere e siamo venuti a visitarti? [40]Rispondendo, il re dirà loro: In verità vi dico: ogni volta che avete fatto queste cose a uno solo di questi miei fratelli più piccoli, l’avete fatto a me.”

    Pace e bene.

    • deutero.amedeo ha detto:

      Da appartenente all’Ordo Parrochianorum Ignorantorum domando al Sedes Sapientiae MARIO: come mai negli altri tre vangeli (Marco, Luca, Giovanni) di questo oggi ritenuto fondamentale discorso di Gesù NON VI E’ ALCUN CENNO?
      Che per caso solo Matteo avesse il registratore e gli altri tre no?
      Attendo documentata risposta.

      • Milli ha detto:

        Non ci mettiamo a contestare anche i Vangeli, vero?
        Però si può sfamare e vestire le persone a casa loro, senza fagli attraversare il sahara e il mediterraneo a suon di dollari, per poi mandarli nei centri di accoglienza . Magari pensare, perché no?, allo sviluppo dei paesi africani.
        Gesù non ha detto che una nazione debba accogliere e mantenere tutti quelli che vogliono venire, in barba alle sue leggi.

    • MASSIMILIANO ha detto:

      Cavolo! Che bel passo del Vangelo! Non lo conoscevo! La ringrazio davvero per avermi trasmesso queste bellissime emozioni. Non si finisce mai di imparare. Grazie grazie e ancora grazie signor Mario. Oh se non ci fosse lei e il suo confratello Carlone brancoleremmo nel buio… Quando si dice la provvidenza. Grazie ancora… Saluti.
      Massimiliano.

    • CHIARA ha detto:

      Faccia attenzione al “fratelli”……………. siamo “fratelli in Cristo”, pertanto non siamo fratelli dei musulmani, i nuovi barbari di Leone Magno. Il passo del Vangelo che lei riporta non contraddice affatto il grande papa.

      • Ester ha detto:

        Concordo. Osservo però che mi sembra che Leone Magno sia contemporaneo delle invasioni vandaliche e quindi antecedente alle conquiste islamiche.

    • Andrea ha detto:

      Gesù ha detto però una cosa superiore a tutto quello che lei ha scritto:”non preoccupatevi di ciò che uccide il corpo ma piuttosto di ciò che uccide l’anima”. Gesù elogia inoltre nel vangelo proprio la ricerca della povertà terrena come segno di perfezione davanti a Lui. Questo per manifestarci che il ruolo di Cristo e della Chiesa da Lui fondata è “la salvezza delle anime”. E per potersi salvare l’anima non basta la solidarietà terrena ma occorre l’adesione a Cristo come unico Dio e la difesa della verità. La fonte della carità è quella spirituale che si manifesta quando predichiamo Cristo al nostro prossimo affinché questo si converta e si salvi. Tutte le carità terrene, per essere nella volontà di Dio devono discendere dalla prima che mai deve essere offuscata. Ed è invece quello che sta esattamente accadendo con questa operazione massonica. Il principale messaggio del Vangelo passa in secondo piano o viene completamente cancellato in favore di una carità sociale fine a sè stessa. Anzi è peggio. Perché questa operazione (invasione) è progettata proprio per andare contro la verità rivelata, per dissolverà il primato del cattolicesimo (e quindi di Dio) e stabilire una nuova religione mondana che come paradiso offre l’esistenza terrena stessa in cui tutti sono fisicamente in pace, ma solo perché conniventi con il peccato e spiritualmente morti. Nessun vero cattolico, se vede una persona vicino al suo giardino che sta morendo di sete, guarda il suo colore o le sue idee prima di dargli da bere. Ma Dio parla all’individuo non alle masse. Bisogna saper separare l’opera individuale da processi globali che vanno a destabilizzare nazioni intere. Il suo è il classico pensiero falsamente cristiano e impermeato di ideologia politica umanista in cui interi popoli e comunità dovrebbero essere costretti a partecipare a gare di solidarietà. Mentre la solidarietà, il sacrificio sono sempre atti personali e volontari che non devono pesare sugli altri. Poi ad ognuno Dio darà ciò che merita certamente, Ma giudicherà anche e forse più severamente chi vuole far portare ad altri pesi che magari non sfiorerebbe con un dito. Se lei è davvero sacerdote, se lo è davvero… io le chiedo umilmente perdono per il rispetto che ho della sua dignità sacerdotale. Ma ritorni alla fede e abbandoni l’ideologia, altrimenti cadrà definitivamente in apostasia. A lei la scelta. Può anche ribattere se vuole ma io non risponderò più. Non c’è altro da aggiungere. Se anche lei si vuole aggiungere alla schiera dei manipolatori della verità è libero, saluti.

      • giesse ha detto:

        La lettera uccide! Se la sua interpretazione, sig.ra Eloisa, fosse quella giusta, dovremmo dedurre che tutti/e i/le claustrali sono destinati/e all’inferno, perché mai operano nel sociale, sia per vocazione, che per voti solennemente pronunciati.

    • I love Anguera ha detto:

      Vedo con piacere che non sono l’unico ad avercela con questo fantomatico MARIO-CARLONE. Ma, francamente parlando, non se ne può più, per il semplice fatto che ragionare e argomentare con lui è l’azione più insulsa e inconcludente che ci possa essere sull’intero orbe terracqueo. Amen. Amen. Amen.

    • Paolo Giuseppe ha detto:

      @ Mario
      E’ proprio la distinzione tra politica e Vangelo che risolve il problema.
      Il buon Samaritano è il perfetto cristiano perchè ha soccorso come poteva il suo PROSSIMO. Non si è impancato in discussioni sulla pericolosità della strada da Gerusalemma a Gerico e sulla necessità di installare “telecamere” sul percorso. Questo è esattamente il compito della politica.
      Allo stesso modo “ero forestiero e mi avete ospitato” non significa raccogliere tutti quelli che PER CASO si trovano nel Mediterraneo.
      Significa soccorrere IL MIO PROSSIMO che si trova in stato di bisogno: chiamare l’ambulanza se sta male, pagargli un panino e poi indirizzarlo alla mensa della Caritas se ha fame. Se è forestiero e non conosce nessuno, accompagnarlo alla Caritas dove trova anche un dormitorio. NON significa raccogliere gente in mare perchè NAUFRAGHI e mantenerli a tempo indeterminato: ma va a ciapà i ratt va!
      Ma i preti, quasi tutti, queste cose FANNO FINTA di non capirle perchè ci sono di mezzo i dané, molti dané.

    • Corrado Bassanese ha detto:

      non mi sembra che siano fratelli “più piccoli”, anzi, sono talmente arroganti che non si possono annoverare tra quelli citati nel Vangalo. Sono invasori 2.0 e non altro.

    • Anonimo ha detto:

      Appunto per questo, è buon senso comune pensare che il Signore punirà gli schiavisti.

    • Gian ha detto:

      Anche Frottolo Renzi da Rignano, che fa rima con Bibbiano, in Senato ha citato lo stesso passo dal Vangelo nel suo intervento dello scorso 20 agosto. Peccato che la coerenza sia qualcosa che si può tirare secondo convenienza. Quelli che ormai per tutti sono i “migranti” in realtà sono clandestini, in grado di potersi pagare il passaggio, che si mettono in mare, pagando, su ridicoli gommoni al di fuori di ogni ragionevole regola di sicurezza, in piena consapevolezza del rischio calcolato, per diventare “naufraghi” e farsi salvare per poi godere del soggiorno a tempo indeterminato a nostro carico. Non sono affatto gli ultimi, quindi, bensì i privilegiati rispetto a tutti coloro che non possono imitarli, come ben spiegano i vescovi africani e come personalmente ho verificato di persona. Un po’ l’Africa la conosco e ci ho vissuto, so di cosa parlo. Bergoglio ha l’ossessione ideologica e in Africa ci ha messo piede nell’unico viaggio finora fatto in quel continente. Punto. Sta di fatto che i 5 miliardi/anno che costa l’operazione accoglienza sono soldi sottratti agli ultimi di nazionalità italiana, a cominciare dai terremotati che da tre anni stanno ancora aspettando. Chiaro? Questo vale per tutti i generosi con i soldi degli altri. Se Bergoglio si sente tanto oppresso nel cuore cominci a scucire qualche miliardo di euro dallo IOR, che tanto lui e la banca dello Stato su cui regna non devono sottostare alla tirannia dello spread e dei ricatti dalla UE. Per non parlare del problema islamico: bella vigliaccata riempirci di maomettani senza tener conto dei problemi di ordine sociale che si vanno ad innescare e di cui al momento siamo solo all’inizio, potendo ben immaginare con le prossime generazioni come andrà a finire.

      • Gian ha detto:

        Ovviamente il mio commento è in risposta a MARIO che cita il passo dal Vangelo di Marco, al quale ha risposto molto appropriatamente con altri argomenti ben più pertinenti anche ANDREA (3:05 pm) e molti altri.

  • Nicola B. ha detto:

    Ed ecco a voi siori e siore il risultato del ” dialogo ” cattolico (quello si và bene..) ai popoli da evangelizzare dell’Amazzonia ( evangelizzazione: orrore,orrore,orrore!) , ed i risultati dell’annuncio “cattolico” ambientalista ecologista ai popoli dell’Amazzonia non ancora raggiunti dal messaggio evangelico. Vedendo poi la foto con lo stregone che “dà la benedizione a sacerdoti e suore cattolici ” si capisce perché da quelle parti siano arrivati a questi risultati…..

    http://www.rinocammilleri.com/2019/08/amazzonia2/

    • deutero.amedeo ha detto:

      Ma tra le tante stranezze di questo pontificato anomalo c’è anche questa: mentre per “evangelizzare ” l’Amazzonia si pensa di utilizzare “viri probati” con tanto di moglie e figli, per formare il top management dello IOR (banca, n.b.) si sprecano cinque eminenti cardinali. Non sarebbe stato meglio fare il contrario?

      • Bastian contrario ha detto:

        Non si tratta di un anomalia di questo pontificato. Già nella prima metà degli anni 80 un monsignore celibe e dichiaratamente omosessuale era stato incaricato di occuparsi dei sacerdoti che avevano lasciato il sacerdozio per potersi sposare. Lui era vescovo e quindi gerarchicamente superiore a loro. Era alle dipendenze di qualcuno che viveva in Vaticano.

      • LucioR ha detto:

        In effetti, siccome i Cardinali ed i Vescovi sono preti, per dare il buon esempio si potrebbero mandarne un certo numero a reggere le parrocchie di missione nelle foreste amazzoniche. A turno: cinquanta o cento alla volta (tra cardinali e vescovi non diocesani), per uno o due anni prima di ricevere il cambio.

  • Gene ha detto:

    Non abbiamo un papa,ma un politico scaltro,vendicativo,falso e opportunista,peggio di un politico …non per altro, in Argentina lo chiamavano Machiavelli….
    Sono ripresi gli sbarchi di musulmani nullafacenti, che impoveriranno la nostra società, visto che hanno un basso livello culturale e scolastico. La nuova classe proletaria che piace al partito di Bibbiano,con l’aggravante di amare il”corano”e considerarci degli infedeli.
    Ma il codazzo di Bergoglio un giorno pagheranno per il male fatto all’Italia?

  • maurizio rastello ha detto:

    “Dobbiamo infatti molto più ai nostri fratelli per la comunione di grazia, di quel che dobbiamo agli altri per la compartecipazione di natura”. L’uno non esclude l’altro. “Ma cercare di far passare come rifugiati in fuga da guerre e chissà che persone che arrivano dotate di smartphone e che pagano per quel viaggio cifre che se usate nel loro Paese di origine consentirebbero ben altro….”. Qui c’è tutto il Tosatti-pensiero, non necessitano altre parole, grazie.

    • wp_7512482 ha detto:

      Perché, non è vero? Le vede le fotografie all’arrivo sul molo? Li vede in giro per le città?

      • maurizio rastello ha detto:

        E’ una domanda che rigiro a lei: li guardi con attenzione, e poi rifletta.

          • Sherden ha detto:

            Ah Tosa’, mo’ ti risponde che quel video l’ha fatto l’ufficio stampa di Salvini per conto dell’internazionale fascista e del KuKluxKan

          • Il veritiero ha detto:

            Tutti con il telefono in mano a scattarsi foto, mi sa che ce l’hanno anche migliore del mio 🤔 sono un morto di fame , devo andare in africa 😫 e che belle camice bianche stirate, senza una macchis, senza una piega, non sembra nemneno che sono stati 1 settimana in balia del mare sopra un gommone….io come salgo in macchina 3 minuti e la camicia stirata gia è puena di pieghe . Ma siamo sicuri che stavano su un hommone questi? Ma non è che la ong li è andati a prendere proprio sulla terra ferma tipo traghetto?

        • Milli ha detto:

          Non ha visto la foto col profugo maltrattato dai libici a cui hanno lasciato la collana d’oro?
          Ma da voi in Canavese non li mandano? Forse fa troppo freddo per loro.

    • Nicola B. ha detto:

      No, non è solo il Tosatti pensiero. È anche il pensiero della stragrande maggioranza degli italiani i quali dopo i primi anni che si sono ” bevuti ” le frottole sinistroidi in materia ,adesso hanno aperto gli occhi davanti alla realtà quotidiana che non ha bisogno di spiegazioni tanto è evidente.

      • LucioR ha detto:

        … di tutti quelli – destra sinistra e centro – che non siano interessati a vario titolo nel “business” dell’immigrato, bergogliani compresi.

  • Donna ha detto:

    La situazione è ben più grave, noi non abbiamo San Leone Magno, ma Bergoglio.
    Per questa “chiesa”non esistono i cristiani, siamo tutti figli di Dio, poi di quale Dio volete essere ognuno scelga, Cristo,Budda, Allah,Jehowa,uno nessuno centomila…. tenendo presente , per chi ancora fosse duro di comprendonio, il nuovo corso:
    che non esiste un Dio cattolico, che il diavolo è un simbolo, che Lutero dalla vita dissoluta e discutibile morto suicida è stato un benefattore , che Sodoma di è salvata, che in fondo quello che ha detto Gesù non è certo perché non è stato registrato, ecc.ecc.
    Ergo….
    Ergo…

  • MASSIMILIANO ha detto:

    La parola “ultimi” è talmente abusata e contraffatta, che mi verrebbe voglia di aiutare i “primi”… Ed è per via delle contraffazioni delle parole, apostatando dal loro reale significato, che in Italia le cose andranno sempre peggio… Qualcuno disse “… in Italia le cose vanno selvaggiamente…” Ma di questo i nostri amici di Santa Marta e dintorni non vogliono parlare. Non vedono più in la del loro naso, travolti dalla passione per le loro ideologie.Non ascoltano i Santi, non ascoltano Maria come e se potessero li silenzierebbero per sempre in quanto fastidiosi. Come Israele uccise i suoi profeti. Tutto si ripete. Fino alla morte e resurrezione della Chiesa. Il risveglio sarà brusco. E i fiocchetti di neve avranno tanta paura. Urleranno come checche isteriche e scapperanno in tutte le direzioni, cercando di salvare se stessi dalla furia devastatrice, ma sarà troppo tardi. Le Eloise i Mario e i Carloni di questo mondo non avendo ancora capito niente (ma proprio niente) di ciò che sta accadendo nella Chiesa purtroppo continueranno a non capire… Saluti.
    Massimiliano

  • Raffaello ha detto:

    Vedi anche il film 11 settembre 1683 ( storia vera ).

  • Adrea ha detto:

    E’ la più grande manipolazione commerciale e teologica mai ideata.
    L’elite mondialista non ha nessuna moralità e sfrutta questa gente solo per creare la società liquida del nuovo ordine mondiale. La Chiesa apostata è dieci volte più colpevole perché sta collaborando a tutto questo per creare una falsa, comoda e depravata giustizia terrena che è in realtà abominio agli occhi di Dio. Si va oltre l’interesse economico (comunque deprorevole). E’ un atto disgustoso di sottomissione al mondo ed elevazione dell’uomo a dio. I sacerdoti non dovrebbero più ubbidire e partecipare a questa operazione anticristica. Chiunque lo fa sta aiutando la creazione del regno dell’antiCristo. qua l’obbedienza non c’entra più niente… l’obbedienza prima di tutto va a Dio. Io già da ora non ubbidirò a nessun sacerdote, vescovo, cardinale o presunto, molto presunto papa che voglia farmi remare contro il cristianesimo. Si costruiscano la loro Babele da soli. Impostori calzati e vestiti. La misura è colma.

  • anonimus ha detto:

    rispondo alla domanda – considerazione de Il Veritiero , rivolta al dottor Gotti Tedeschi . Complessità di argomenti, che lei evidenzia, a parte , temo che lei abbia sbagliato destinatario per avere informazioni. Ho saputo che Gotti Tedeschi è stato opportunamente punito , non so con quale procedura, per aver firmato la Correctio a Papa Francesco , a seguito della non risposta ai DUBIA.

  • Astore da Cerquapalmata ha detto:

    L’attacco alla dottrina che sta avvernendo oggi da parte dei MODERNISTI, anche attraverso il buonismo, è diverso dagli attacchi degli eretici di una volta, come Lutero, perché Lutero non ha fatto altro che staccarsi dalla Chiesa. Qui, invece, si vuole far CAMBIARE la Chiesa stessa. Per questo tanta doppiezza e falsità.
    E’ vero, anche i tradizionalisti come LEFEBVRE, non sono con la Chiesa, ma la loro posizione è chiara. Dicono quello che pensano.
    I MODERNISTI invece, manifestano falsità. Dicono che, naturalmente, sono per la famiglia tradizionale, per poi appoggiare le politiche gender sia col SILENZIO, che favorendondo i PARTITI genderisti.
    Per lo più mentono sapendo di mentire.
    Con questo non li giudico, perché si può essere falsi in buona fede, cioè per un fine che a loro sembra giusto, evidenziando così come la morale per loro è soggettiva e, perciò, la loro ERESIA.
    Eresia che non ammetteranno mai per via del loro modo di fare falso, ma che appare come evidente dai fatti.

    • EquesFidus ha detto:

      Attenzione, però: Lefebvre era scismatico, non “tradizionalista” (termine dispregiativo coniato proprio dai modernisti per indicare coloro che sono fedeli alla Tradizione, liturgica e dottrinale, della Chiesa). Essere cattolici “tradizionalisti” (termine che aborro) vuol dire essere semplicemente cattolici; il “tradizionalismo” distruttivo (cioè l’adesione alle eresie scismatiche e sedevecantiste) vuol dire semplicemente non essere cattolici.

      • Catholicus ha detto:

        Questa poi non mi rtrova d’accordo. Riengo infatti che la FSSPX sia rimasta l’unica parte della Chiesa d Cristo ad essere cattolica, dopo il nefasto e diabolico CV II, con il quale la Chiesa Cattolica è divenuta una setta protestante, ecumenista suicida (rinnegamento del 1° comandamento), comusnitsa (scomunica di Pio XII), massonica. I suoi papi, quindi, sono stati sì papi, ma non della Chiesa Cattolica, ma di una controchiesa gnsotica e massonica, che adesso si rivela in tutta la sua natura anticattolica. non sono il solo aa pensarla ed a scriverne in tal modo, Pensano e scrivono così, ad ex i professori Francesco Lamendola (dell’ accademia Adriatica di Filosofia Nuova Italia) ed il professor Luciano Pranzetti, letterato, poeta, pittore, grande difensore della fede cattolica.
        Del resto non ci ha profetizzato la Madonna a La Salette che la Chiesa sarebbe stata eclissata (non distrutta, però) e che Roma avrebbe perduto la fede e sarebbe divenuta la sede dell’Anticristo? Anche la beata Katharina Emmerick ci ha informati sulla falsa chiesa attuale, dove non c’era niente di santo, dove tutti venivano accolti (peccatori impenitenti, eretici, idolatri, seguaci di false religioni, ecc.), tranne i pochi cattolici rimanenti, emarginati, dileggiati e perseguitati. Poi c’è la parte nascosta del 3° segreto di Fatima, che parlerebbe stando alle indiscrezioni di chi lo lesse) di un cattivo concilio, una cattiva messa, l’apostasia che parte dal vertice e dalla gerarchia e lo stesso papa sotto il controllo del diavolo.
        A me non serve altro per affermare che questa non è più la Chiesa di Cristo, ovviamente riferendomi al clreo, alto e basso, traditore, eretico ed apostata. Lo stesso Pio XII ebbe a profetizzare di ritenersi l’ultimo papa cattolico e che si sarebbe giunti a cancellare il Santo Sacrificio della Messa, la transustansazione, realtà alla quale siamo molto prossimi ; ci sarà così ufficialmente l’intercomunione, la comunione ai divorziati risposati, ai diversamente sessuati, anche uniti in matrimonio, laico e religioso; impossibile considerare Chiesa Cattolica questa Sinagoga di Satana, quindi.

        • Gian ha detto:

          Sono molto d’accordo con quanto dici Catholicus.

        • 20 luglio ha detto:

          Lei potrà non essere d’accordo, ma la sua fantasiosa opinione è solo una fantasiosa opinione e, dunque, assolutamente irrilevante.

          • Catholicus ha detto:

            Fantasioso sarà lei, caro amico,a anzi, direi piuttosto arrogante e presuntuoso; io infatti non do’ dell’irrilevante a nessuno, esprimo solo la mia opinione, basata su anni di studi e riflessioni (migliaia di pagine all’attivo, anni e anni di studi e ricerche, mica sparate da bar dello sport, sa?) ragion per cui rimando al mittente l’appellativo da lei usato Pace e bene

          • 20 luglio ha detto:

            Caro Catholicus,
            Non so dove lei sia informato. Spero non sui vari blog di ogni risma che ogni giorno sorgono in rete e su autori poco qualificati come quelli da lei citati.
            Vorrei farle osservare che lei sta avanzando accuse estremamente gravi. Sto accusando la Chiesa post CV II di essere spostata, scismatica, protestante, comunista e massonica. Quando si avanzano accuse di questo genere, occorre circonstanziarle con precisione. Non si lanciano in margine ad un blog, ma si redige un memorandum.
            Tuttavia lei stesso si è riferito a quanti espresso come ad una sua “opinione”. Stiamo parlando della Chiesa di Cristo, Catholicus. La sua “opinione”, le ripeto, è irrilevante. Lei avanza accuse senza citare fonti (e come fonti non intendo due autori sconosciuti, ma documenti e prove fattuali), portando a proprio sostegno profezie e visioni di tutto rispetto, ma che mal si prestano a suffragare la tesi da lei avanzata. Certamente si tratta di visioni drammatiche sull’apostasia, in atto ormai da molto tempo, all’interno della Chiesa. Su questi ci siamo. Ma lei non può affermare che l’intera Chiesa, salvo la FSSPX (Che nemmeno è in comunione con Roma!), sia ciò che ha detto. Non può affermarlo sulla base di:
            A) il magistero di tre Papi successivi al CVII, che non ha nulla di eretico, scismatico, protestante;
            B) gli atti del CVII, i quali non hanno nulla di eretico, scismatico, protestante, massonico;
            C) l’esempio ampiamente fornito da centinaia di migliaia tra cardinali, vescovi e presbiteri in comunione con Roma e fedeli a Cristo.
            Se lei intende affermare che vi siano stati errori pratici, anche gravissimi, da parte dei Sommi Pontefici che hanno preceduto Francesco, la risposta è senz’altro affermativa.
            Se lei intende affermare che il modernismo è sopravvissuto ed è oggi a alla ribalta, la risposta sarà affermativa.
            Se lei intende affermare che vi siano state e vi siano infiltrazioni massoniche o comuniste o protestanti all’interno delle gerarchie, la risposta sarà probabilmente affermativa.
            Altra cosa è affermare ciò che lei dice. Si vergogni. Stiamo parlando del Corpo Mistico di Cristo, il quale non si presta ad essere ideologicamente piegato alle sue umoralità, anche se più o meno giustificate. Stiamo parlando della Chiesa, non di una squadra di calcio invece che perdere tempo a fare letture che non le competono, lasci l’esegesi del mistero dell’iniquità a chi compete, cioè non a lei, che non è né un sacerdote né un teologo.
            Vede, alla radice dell’odierna crisi v’è il soggettivismo. Lei ne ha fornito un fulgido esempio, benché tentando di combatterne i fritti. “Io penso”, “secondo me” accompagnati da dichiarazioni come le sue non possono essere affiancati al Corpo Mistico di Cristo. Lo chieda ai suoi amici lefebvriani, e vedrà che daranno ragione a me persino loro.

          • Anonimo ha detto:

            20 luglio è un depistatore opusiano (un sovrannumerario o addirittura un incardinato?) che, con indicibile arroganza, vuole mettere il bavaglio a tutti. Secondo lui noi ci inventiamo tutto; l’ha detto a Catholicus e lo dice a me, che ho parlato dei sovrannumerari dell’Opus (che credono di agire sotto copertura) che sono professionisti ben inseriti nel tessuto sociale. Inoltre ho detto che, come da tradizione, l’Opus è da sempre con la destra e in questo anni in particolare con Forza Italia. Ma io lo dico e lo ripeto, perché è quanto mi consta direttamente. Parlo con piena cognizione di causa e, al contrario di 20 luglio, non ho nessun altarino da coprire.

          • 20 luglio ha detto:

            Caro il mio anonimo,
            Io non voglio e, soprattutto, non posso mettere il bavaglio a nessuno né ho “altarini” da coprire. Tengo semplicemente ad affermare, dinnanzi a tanta confusione imperante, un minimo di rispetto per la verità.
            “Depistare” rispetto a cosa, mi dica?
            Il fatto che alcuni membri dell’Opera ricoprano posizioni di rilievo sociale e politico, a livello locale, non permette di attribuire all’Opus Dei – che, dal punto di vista canonico, è una Prelatira personale, non una fondazione o un’associazione di laici, di diritto pontificio o meno, sperando che le sua chiara la distinzione tra le fattispecie – alcuna particolare simpatia politica, per Forza Italia o per altri soggetti politici. Ho conosciuto membri dell’Opera simpatizzanti per Alleanza Nazionale, ai tempi, o per la Lega, altri per Forza Italia, altri addirittura per la Margherita o per il Pd. Non esistono direttive calate dall’alto in materia politica. Questo non significa che l’Opera non svolga un ruolo in termini di “politica ecclesiastica”, ma certamente non ne svolge uno in termini di politica secolare, tantomeno in Italia, dove non è neppure particolarmente radicata. Anzi, il fatto che venga percepita come qualcosa di “elitario” è un fenomeno prettamente italiano: non è così in Spagna, in Sud America o negli USA, che si segnalano per una maggiore trasversalità sociale.
            Posto che l’Opus Dei è una Prematura personale, essa si rivolge a fedeli cattolici i quali, in quanto cattolici, terranno a voler salvaguardare i principi fondamentali della morale in ambito pubblico al pari di qualsiasi altro cattolico e, dunque, a rivolgersi o a partecipare ai soggetti politici che più li ritengono rappresentativi. Ciò è ancor più vero con riguardo al carisma dell’Opus Dei, che è prettamente sociale.
            Il fatto che voi teniate a leggere l’Opera- al pari di alcuni settori di CL – come una creatura politica, oltre ad indicare una certa ignoranza sul tema, è ben esplicativo della tendenza a ridurre il discorso ecclesiale a questioni di politica mondana. Cerchiamo di non mischiare i piani più del dovuto, per favore.

            P.s : qualcuno si domanda perché l’opera non reagisca e non prenda posizione. Benissimo. Guardate ai Francescani dell’Immacolata. Guardate alla sorte di alcuni ordini religiosi tradizionali. Questo è quello che accadrebbe, ma con risultati ancor più devastanti, visto l’intento patrimonio intellettuale, spirituale e economico di cui si dispone. Si cerca di andare avanti, sopravvivere e curare le proprie anime. Una scelta miope? Non spetta a me giudicarlo.

      • Gian ha detto:

        Infatti Mons. Lefebvre sfidava i suoi inquisitori di Roma interrogandoli e invitandoli ad elencare quali colpe gli fossero addossate, dato che lui mai si era allontanato dalla Verità, nemmeno di una virgola. Per fortuna, garantendo così continuità alla congregazione da lui fondata, che altrimenti alla sua morte si sarebbe inevitabilmente avviata verso il dissolvimento. Oggi la FSSPX è fiorente, come pure la FSSP, sia per numero di seminaristi che di presbiteri, a differenza dei seminari e delle chiese vuote della Chiesa post CVII. La bontà dell’albero si vede dai frutti che dà, è inoppugnabile.

        • 20 luglio ha detto:

          Allora sulla bontà dei frutti della FSSPX potremmo assai discutere.

          • Adriana ha detto:

            Che significa : ” Potremmo assai discutere ” ? Discuta ! , se ne ha la capacità . Altrimenti taccia .

          • 20 luglio ha detto:

            Benissimo, allora discutiamo. Non metto in dubbio le lodevoli intenzioni di monsignor Lefebvre, il quale aveva ragione su molte questioni e che venne trattato ingiustamente mentre i suoi detrattori, alcuni dei quali in mala fede, venivano elevati ad alte cariche, e, soprattutto, mentre a pericolosi eretici veniva concesso di perpetuare il proprio insegnamento dalle cattedre accademiche e episcopali. Non sto mettendo in dubbio tutto questo.
            Non bisogna però dimenticare che, purtroppo, la FSSPX si è saldata, soprattutto in Francia, su un cattolicesimo politico si destra che non è di destra perché cattolico, bensì il contrario. Sui nipotini di Maurras, per intenderci. Quindi non c’è da stupirsi se ogni tanto spuntano fuori dalla FSSPX elementi poco raccomandabili, quali i negazionisti Williamson e Abramowicz. Mi risponderà che le vedute storiche e politiche di un sacerdote non incidono sulla fede e non lo rendono necessariamente un cattivo sacerdote. Ciò è parzialmente falso, perché il sacerdozio si fonda dell’adesione alla Verità, e non si può combattere per la Verità senza aver accettato la verità storica.
            Altro punto: la teologia studiata nei seminari della FSSPX non è sicuramente inficiare dal modernismo – e questo è un bene- ma non per questo si tratta di “buona teologia”, in quanto si rifà alla scolastica decadente, ampiamente screditata.
            In terzo luogo la FSSPX è scismatica e non è in comunione con il Papa. Da una creatura dello scisma non possono derivare ipso facto frutti interamente positivi. Terrei a ricordare che l’obbedienza e la comunione con il Santo Padre non possono essere messe in discussione da chi si professa cattolico. Questo in ogni caso, finché non venisse dimostrato che il Papa (Non mi riferisco necessariamente al Papà felicemente regnante, ma ad ogni Sommo Pontefice considerato nella successione petrina)
            non è stato validamente eletto o non cada in eresia manifesta, casi nei quali i suoi atti magisteriali e legislativi sarebbero privi di obbligatorietà. Il vero martirio e la vera fedeltà alla Chiesa si estrinsecano nel restare, nel subire in silenzio o anche vociando, ma senza mettere in discussione ciò che non può essere messo in discussione, cioè la definitiva autorità petrina. È molto facile lodare la FSSPX, lautamente sovvenzionata e libera dai vincoli romani, e non considerare invece le moltitudini di vescovi e di sacerdoti che, anche se magari non celebrano in VO e non tengono conferenze a tema “Roma nuova Babilonia”, soffrono, privi di ogni difesa rispetto alle offese loro arrecare dalle gerarchie romane e non solo, talvolta addirittura privi di assistenza economica. Sono questi i sacerdoti cui guardare con rispetto.

        • Catholicus ha detto:

          Bravo Gian, mi commuove il suo endorsment, ma sa, i nemici della FSSPX e di Mons. Léfèbvre agiscono come i bergogliani (forse sono le stesse persone), accusano, demonizzano, estromettono, senza però rispondere punto su punto, totalmente accecati dakll’ideologia, che li spinge a vedere nemici ovunque.. Lasciamoli perdere, teniamoci stretti tra noi, non abbiamo alcun bisogno di loro. LJC

  • Lukak-one ha detto:

    Qualcuno ha fatto notare che Bergoglio è rimasto imprigionato in “ascenSOROS”… Adesso commentate voi.

    • anonimo ha detto:

      Fortissimum, come Petrus Booneamp, l’amarissimo che fa benissimo, come recitava quel vecchio spot pubblicitario. Ma in questo caso l’amarissimo Bergoglio non fa affatto bene, ma molto male, poiché ti spedisce dritto dritto all’inferno, dal suo nuovo datore di lavoro, il diavolo. Occchio quindi, non guardatelo nemmeno negli occhi (oltre a non ascoltarlo, non leggerlo, non guardarlo in TV), perché potrebbe ipnotizzarvi, come il famoso basilisco.

    • Alessandro2 ha detto:

      Purtroppo, per ora l’ascenSOROS porta in alto, molto in alto… Al piano più alto, in effetti.

    • Mac ha detto:

      Ecco il mio commento:
      il suo nickname le è venuto di getto?
      ha studiato lungamente prima di sceglierlo ?
      Qualche spin-doctor l’ha indirizzato ?

      Saluti.

    • deutero.amedeo ha detto:

      Niente altro e di più che uno spiritoso gioco di parole.

  • Astore da Cerquapalmata ha detto:

    Naturalmete occorre aiutare tutti ma, come dei buoni genitori cominciano dai figli, così occorre iniziare dai più prossimi in tutti tutti i sensi: quelli intorno a noi, ma anche quelli vicini per fede.
    Questa, più che una scelta, si configura come una esigenza della legge naturale. Una cosa così “naturale” che non porta a chiudersi ma, piuttosto, ad aprirsi.
    In una famiglia sana, infatti, il cominciare dai figli non esclude i figli degli altri, anzi…
    Naturalmente contano anche le URGENZE: una cosa più urgente, come il salvare una vita in pericolo, ha la precedenza rispetto a una poco urgente, anche se si tratta del proprio figlio.
    Ma il problema coi MIGRANTI è che, da quando Papa Francesco ha detto che non sono un’emergenza (come se imbarcarsi nei canotti fosse normale), c’è una grande confusione tra le emergenze e le politiche.
    Così qualcuno vuole che le emrgenze diventino POLITICA, a discapito delle politiche di sviluppo dei Paesi africani.
    Invece dovrebbe avvenire l’esatto contrario: sono le politiche di sviluppo che dovrebbero diventare un’emergenza!

    • Gian ha detto:

      Queste cose Bergoglio le sa benissimo, ma diciamo che “fa un po’ lo scemo”, il finto tonto, per appoggiare la politica del suo amico Soros. Non c’è nulla di misericordioso in tutto questo.

  • Rafael Brotero ha detto:

    Ad domesticos fidei, non ai pornomaniaci, omofiliaci, ateisti, occultisti, illuminati, bergogliani, satanisti, gesuiti, ecologisti e tifosi del Barcelona che popolano l’ex cristianità.

  • Il veritiero ha detto:

    Dott. Ettore Gotti Tedeschi premetto che riconosco in lei le sue doti e intelletto, anche se ho il personale prurito e allergia ai banchieri ; e devo anche dire che per molto tempo non ho visto di buon occhio l’OPUS DEI, e ancora non lo vedo di buon occhio per il modo in cui gestisce l’economia e per la sua promiscuità con il mondo della politica e delle banche. Vabbè lei conosce meglio di me le banche di proprietà dell’Opus Dei….
    Però devo dire che negli ultimo 2 anni ho conosciuto e parlato spesso con il Card. HERRANZ JULIAN dell’Opus Dei, persona molto umile e di animo buono, nonostante il suo devastante peso di importanza nella chiesa ( Uomo fidato di Benedetto XVI ), il card. HERRANZ mi ha fatto ricredere molto sull’Opus Dei, in fondo npn sono tutti “brutti, sporchi e cattivi” ( mi permetta l’ironia ).
    Lei sig. Gotti Tedeschi é uomo molto ben ammanicato con l’Opus Dei, vorrei farle una domanda da impertinente maleducato quale sono… ma con la palese guerra di potere che i Gesuiti hanno aperto contro l’Opus Dei da quando Bergoglio è pontefice ( indebitamente ) e con tutto il potere che vi é stato espropriato per indebolievi politicamente all’interno della chiesa con il chiaro intento di mettervi impotenti all’angolo….ma quando é che l’Opus Dei finalmente reagirà?
    Dico questo perché anche se non condivido la mondanità dell’Opus Dei, almeno non siete eretici, sarete anche dei peccatori però almeno difendete la sana dottrina, mentre il vostro alterego Gesuiti sono eretici fino al midollo, il che è momto più grave che essere peccatori di cupidigia…quando reagirete? O aspetterete la totale distruzione prima di reagire? Non vi sentite un po’ come la famiglia Colonna contro Bonifacio VIII?

    • exex ha detto:

      le rispondo ,non a nome di Gotti Tedeschi, che conosco pochissimo, solo per informarla che dopo la apposizione della firma di Gotti Tedeschi sulla Correctio Filialis a Papa Bergoglio del 2017 , lo stesso è stato pubblicamente ( in una intervista su un giornale argentino) rimproverato dal Vice Prelato ( mons. Fazio) . Non so molto di più ,ma credo sia stato anche persino espulso o almeno messo in quarantena , “congelato” .

      • Il veritiero ha detto:

        Mons. Fazio é vescovo ausiliare di Buenos Aires quindi era un sottoposto diretto di Bergoglio? Che coincidenza.
        Ora per esempio, anche sulle nomine dei cardinali…ma possibile xhe l’arcivescovo Geor Gainswein, il braccio destro di Benedetto ancora non sia stato nominato cardinale? C’è una palese guerra contro l’opus Dei. Hanno rimosso tutti i loro uomini dai posti di potere, anche dal più insignificante potere, li hanno estromessi da ogni avanzamento di grado o di ruolo…. Lo stanno indebolendo talmente tanto che fra altri 5 anni l’opus Dei avrà meno importanza di mio nonbo che gioca briscola e tresette al circolo anziani.

        • Anonimo ha detto:

          Caro Veritiero, ha ragione, anche se, da cattolico non ammanicato con niente e nessuno, il declino dell’Opus non mi dispiace affatto; quello che mi dispiace, casomai, è la contemporanea nuova ascesa della subdolissima CL. Perché è successo ciò? Perché l’Opus è di destra e ha puntato su Forza Italia, un partito in agonia. Nella mia città, un importante assessore comunale dell’Opus è in fibrillazione e per la disperazione ha aderito alla patetica scissione Toti perché ha capito che, tempo sei mesi, Forza Italia non esisterà più. Nella mia città corre voce addirittura che, nel Liceo più austero, prestigioso ed elitario, ormai valga solo la spintarella ciellina….associata a CL, naturalmente, la neoschiavista Sant’Egidio. Le mogli dei notabili Opus, imoellicciate ed ingioiellate come cocottes negli anni Ottanta, sono quasi ormai solo un pallido ricordo.

          • 20 luglio ha detto:

            Signori, temo che dell’Opus Dei abbiate un’idea terribilmente falsata. L’Opus Dei non è una congrega politica al pari di CL. Non esistono “politici dell’Opus”, “avvocati dell’Opus” e via dicendo. Non si può sentire che l’Opus Dei abbia “puntato su Forza Italia”. Per favore, non cadiamo nel ridicolo e cerchiamo di conoscere un minimo l’oggetto delle nostre discussioni.
            Aggiungo: mons. Fazio non è vescovo ausiliare di Buenos Aires.

  • Nicola B. ha detto:

    Un piccolo episodio ( che la dice lunga) su quelli che scappano dalle guerre e che ci pagheranno le pensioni. Ieri a Milano sul bus di mattina , sono saliti 5 forse 6 di quesi africani ben pasciuti come manzi e con smartphone e cuffiette e cuffione ( ovviamente senza pagare il biglietto, , era sottinteso). Bene sono scesi dopo………. una fermata di bus. Troppa fatica fare una fermata a piedi per tutti. Ecco questi ” volenterosi ed ardimentosi ” ci pagheranno le pensioni….dice chi vuole la sostituzione etnica. Ormai li vedo per Milano vestiti elegantemente casual chic con il loro bello smartphone dotato di auricolari e SOPRATUTTO CON ANDATURA LENTA, RILASSATA , NULLAFACENTE SAPENDO DI POTER ESSERE MANTENUTO A SBAFO DALLA COMUNITÀ IMPUNEMENTE ( GRAZIE ALLE PREGRESSE LEGGI PRO WELFARE E DIRITTI CONCESSE LORO DEL PD).

  • Anima smarrita ha detto:

    L’attuale “classe dirigente” che ha in mano le sorti della Chiesa (?) – e in pugno la vita e la dignità delle creature di Dio, in una sorta di auto investitura a supremo garante del bene(ssere) dell’umanità tutta – è impegnata a scrivere, nei fatti, alla sua principesca maniera, altre pagine di “teologia” sociologica e, obnubilata dall’incenso dei mezzi di comunicazione, sembra non preoccuparsi del giudizio della Storia.
    San Leone Magno? Un dottore di tempi… preistorici… per loro!
    «Il cielo e la terra passeranno, ma le mie parole non passeranno» (Mt 24, 35). Registratore o non registratore, fra quelle “parole” mi consola il ricordo di quella promessa di “giudizio” non manipolabile e non influenzabile: nella misura in cui «… avrete giudicato…nella misura in cui avrete condannato…».
    L’ Italia esposta alle incursioni? «Ahi serva Italia, di dolore ostello»! Sì: esposta ad attacchi, a rischio schiavitù, ricettacolo di sofferenze, perché in mano a servi e servitori di vari “pretendenti”, nemmeno tanto sotto mentite spoglie. Se fosse confermato il messaggio pervenuto via telefono a Gentiloni “a fermare i sovranisti” dalla Merkel – sul viale del tramonto in Patria sua (?), anche se forse riceverà una lauta “ricompensa” in futuro per tutto il lavoro svolto… – ad oggi si prende atto che a casa sua, per il momento, non è riuscita a frenare “i populisti” dell’ Alternative für Deutschland.
    Ci sarà mai un’alternativa anche per noi, italiani, non ancora in toto “perduta gente”?

  • Gian ha detto:

    Si potrebbe obiettare che al tempo del buon Samaritano non esistevano i “migranti” con cuffiette e smartphone, non c’erano le Onlus avide più di denaro che di altruismo evangelico.
    Allo stesso tempo non si può ignorare che non tanto stranamente TUTTI i protagonisti promotori di questa invasione, programmata e imposta, fanno parte della medesima parrocchia con a capo l’alto rappresentante, il capo della nuova chiesa universale signor bergoglio, che sforna cardinali in serie con lo stampino. TUTTI insieme appassionatamente: dal malefico Soros con le sue bande prezzolate (le Onlus cosiddette umanitarie, compresa la confraternita di andrea riccardi, fu ministro di mortimer monti di insana memoria) ai politici traditori, i veri democratici antifassisti e antisovranisti, che quando perdono le elezioni, con la complicità dei compari nella magistratura militante e nei media asserviti (rai-mediaset-la7-corriere-repubblica-stampa-avvenire-osservatore romano-familia cristiana-civiltà gesuita-bollettini parrocchiali) organizzano il colpo di mano che porta al ribaltone. Tutto “per il bene comune” e in nome dell’ammore vero, quello dell’arcobaleno. E del vangelo secondo traduzione concordata&ecumenica con l’imprimatur della cei di bassetti.

    • Enrico66 ha detto:

      Riprendo la sua citazione del Buon Samaritano solo per ricordare che Il Samaritano spendeva del suo per la cura del prossimo; non pretendeva dallo Stato 35 euro al giorno per assistere sedicenti profughi e naufraghi, come fanno ONG, Coop, Caritas e sant’Egidio. Del loro non tiran fuori nulla, anzi ci lucrano.

      • Gian ha detto:

        Infatti.
        La carità pelosa delle ONG è uguale all’ipocrisia dei parassiti del Parlamento. In questi giorni concitati l’incessante menzogna che i politici antepongono (Lo facciamo per il bene del Paese) a qualsiasi dichiarazione per giustificare le proprie azioni è una dichiarata ammissione di colpevolezza. Sanno bene infatti che la ragione unica delle loro azioni è ben altra e personale. Per un politico la menzogna è strumento del suo lavoro, chi invece abusa del Vangelo per motivare le proprie malefatte come Caritas & Co. è ancora più esecrabile del politico ladro.

  • Marco Matteucci ha detto:

    AMBIENTE: IL PAPA: “PREGHIAMO PER GLI OCEANI”
    Vaticano – sabato 31 agosto 2019

    Messaggio video di Bergoglio con l’intenzione di preghiera per settembre: politici, scienziati ed economisti lavorino insieme per tutelare le acque del pianeta.

    E fulminea parte l’inchiesta di “AdAVVENIRE” (baffone)

    “Preghiamo in questo mese perché i politici, gli scienziati e gli economisti lavorino insieme per la protezione dei mari e degli oceani”.

    Questa è l’esortazione di papa Francesco nel videomesssaggio per le intenzioni di preghiera di settembre.

    “La creazione è un progetto dell’amore di Dio all’umanità – ricorda Francesco – Ma oggi gli oceani, che custodiscono la maggior parte dell’acqua del pianeta e anche la maggior varietà di esseri viventi, sono minacciati da diverse cause». «La nostra solidarietà con la “casa comune” – aggiunge il Papa – nasce dalla nostra fede”.

    Queste infatti sono le priorità del momento: GLI OCEANI! …e tutti quei cristiani che vengono decimati nel mondo, dalla Cina al Vietnam?

    Passando per il Kenya, dove nelle prime ore di martedì scorso un giovane sacerdote è stato barbaramente trucidato, aggiungendo un’altra vittima innocente alle diverse decine di pastori cristiani massacrati nel continente africano dall’inizio dell’anno da fondamentalisti islamici.

    MA QUESTA È TUTT’ALTRA STORIA! …creature trasparenti … difficili da individuare … impossibili da proteggere, ma che attendano pure con fiducia!

    È pronto a salpare FRANCESCO L’AFRICANO: L’EROE DEI DUE MONDI (inferno e purgatorio), con la sua nuova ciurma, intonando l’inno di guerra al proselitismo e allo scarto:
    “BERRETTA ROSSA LA TRIONFERÀ!”. Greta e il principino lo seguono con la “fregata” d’appoggio.

  • creazionista ha detto:

    Oramai sono talmente nauseato che non mando più un solo euro a nessun organismo benefico, anche perché molti apparentemente laici sono in fondo legati alla Chiesa. A Messa non più di un euro, salvo quella in latino, finché i misericordiosi non la sopprimeranno. Ovviamente l’8 per mille allo stato.

  • Alessandro Boselli ha detto:

    Vedi Gal. 6,10

  • Tergestinus ha detto:

    Del resto san Leone Magno non fa che sviluppare san Paolo, ad Galatas, 6,10: “Ergo dum tempus habemus operemur bonum ad omnes, maxime autem ad domesticos fidei”.

  • Pensierominimo ha detto:

    Esatto, caro Tosatti: all’epoca non c’era un ritorno economico, ma un ritorno spirituale, aggettivo, quest’ultimo, mancante dal vocabolario bergogliano e dei suoi donabbondeschi sottoposti. Ma le vie del Signore sono infinite, così come i famigerati “segni dei tempi”; e chissà che, vie e segni non possano passare anche attraverso una piccola prigionia “ascensoria” onde indurre il soggetto relegato al chiuso a qualche minimo elevato pensiero…

  • gg ha detto:

    scusate , il Papa rismasto chiuso in ascensore grazie a un calo di tensione ? Quello dovuto alla riduzione del carico di KWh in Vaticano per risparmiare energia ? Ma il Papa usa ancora l’ascensore che usa energia elettrica e inquina l’ambiente ? Non fa le scale a piedi ? Ma da Greta non ha imparato nulla ? Greta non è stata fatta cardinale vedo. ahi ! ahi !

    • Enrico66 ha detto:

      Suvvia, è anziano, Già fatica ad inginocchiarsi (davanti al SS. Sacramento), salire i gradini poi…
      Parlando d’altro, da ieri, oltre al cardinale elettricista, abbiamo anche il cardinal cameriere, il noto ristoratore di San Petronio.

    • Monica ha detto:

      L elemosiniere elettricista non era in Vaticano.

  • Fabio ha detto:

    Fosse solo il ritorno economico….
    È sempre più chiara l’apostasia di Immigroglio e dei suoi prediletti

  • anima candidamanontroppo ha detto:

    Mi immagiono i teologi alla Spadaro come contesteranno questa considerazione di SanLeone . Troveranno mille ragioni per dire il contrario riferendosi ai Vangeli reinterpretati : per esempio : non son venuto a salvare i sani ,ma i malati …In pratica dobbiamo fare meno per i nostri fratelli di fede ( con cui facciamo comunione di grazie ) e di più con coloro che vorebbero distruggere la nostra fede .Ma gli Spadaro sosterranno che dobbiamo con loro inchinarci, umiliarci, dialogare , per convertirli . Vabbè , ma convertirli a che ? alla fede di Spadaro ?

  • fra-Toni ha detto:

    – Dobbiamo di più ai nostri fratelli di grazia , cioè di comunione dei santi , che a quelli con cui compartecipiamo la natura umana . – CHE BELLA ESPRESSIONE ! non ci avevo mai pansato e nessun prete lo ha mai ribadito. Grazie Tosatti per questo memento.

  • renato. B ha detto:

    INTERESSANTISSIMO e importantissimo. Da DIVULGARE . Caro Tosatti , lo mandi ad Avvenire, Civiltà Cattolica e Osservatore Romano ( non a Vatican Insider, perchè sanno solo scrivene ,ma non sanno leggere e capire ) . Scommetto che diranno che SanLeone Magno appartiene ad un epoca estinta , che le migrazioni di oggi non sono quelle di Attila e dei Vandali, ma sono opportune e utili. Magari diranno che SanLeone Magno è anche stato depennato dal calendario … ( ma non è vero, è stato Paolo VI a riconfermarlo cambiando solo data di calendario)

Lascia un commento