FARIA: CONTE, IL ROSARIO, E L’IPOCRISIA DEI LAUDATORES DI PAOLO VI. CHE ELOGIAVA LA DC…

21 Agosto 2019 Pubblicato da --

Marco Tosatti

Cari amici e nemici di Stilum Curiae, l’abate Faria per caso ieri era davanti alla televisione, nel luogo di riposo in cui è ospite in questi giorni, e ha assistito alla sceneggiata grillina dell’ex Presidente del Consiglio. Poi gli hanno raccontato dei gongolii dei vari Spadaro & C. per le parole di Conte sulla religione…gli è saltata la mosca al naso e ci ha scritto. A me sembra totalmente condivisibile, per sottolineare una volta di più l’ipocrisia congenita di un certo ceto clericale dominante. Buona lettura.

Ho seguito l’intemerata del presidente del consiglio uscente Giuseppe Conte contro Matteo Salvini, specie la parte sull’accostamento di simboli religiosi con simboli politici. Questo ha causato l’approvazione unanime di tutto quel mondo che passeggia dalle parti di Civiltà Cattolica, un mondo che naturalmente si raccomanda die ac nocte a san Paolo VI.

Santo a cui bisognerebbe fare qualche domanda sull’accostamento di simboli religiosi a simboli politici, perché le risposte sarebbero quanto mai interessanti.

Infatti possiamo ricordare che la Chiesa era “pappa e ciccia” proprio con un partito politico che si chiamava DEMOCRAZIA CRISTIANA e che la croce la portava nel simbolo!

Ora, avete mai sentito Paolo VI aver qualcosa da ridire su questo? All’ufficio politico dell’unione Europea dei Democratici Cristiani, nel 1973, diceva: “Non occorre che lo sottolinei, la Chiesa cattolica non è legata ad alcun sistema o ad alcun partito politico. Sul terreno loro proprio la comunità politica e la Chiesa sono indipendenti l’una dall’altra e autonome. Ma le due comunità sono a diverso titolo al servizio degli stessi uomini. E la Chiesa tiene in grande considerazione e stima l’attività di quanti si consacrano al bene della cosa pubblica ed assolvono ai carichi per il servizio di tutti. Esorta anzi i cattolici competenti a prendere coscienziosamente parte a questo servizio; e riconosce il concorso positivo che possono apportare ed anche il ruolo che tutti i cristiani sono chiamati ad avere nel campo politico. L’attività che voi dispiegate all’interno di formazioni politiche si colloca in una prospettiva di umanesimo cristiano; e – come affermano i vostri Statuti – deve trovare la sua sorgente di ispirazione e la sua guida nella vostra competenza in materia politica, economica, amministrativa e sociale; e nel giudizio morale della vostra coscienza. Per parte sua la Chiesa, se non deve dare garanzie su questi programmi o suggerire la adozione di tali mezzi tecnici, mette al servizio dei cittadini e degli uomini politici, davanti alla loro coscienza un certo numero di criteri che essa giudica indispensabili per la realizzazione di una politica giusta, feconda e durevole, favorendo il pieno sviluppo delle persone e delle comunità”.

Insomma, dove Paolo VI afferma che il cattolico deve nascondere la sua appartenenza? Ma diranno che Matteo Salvini usa la religione per prendere voti.

E perché non si diceva dei democristiani, quando tutti ben sappiamo la profonda ingerenza che la DC permetteva alla Chiesa nella politica italiana?

Quando Umberto Bossi paganeggiava e se la prendeva con i vescovoni alla Chiesa non andava bene, se ora si usano simboli cattolici non va bene.

E se il rosario lo avesse usato Zingaretti qualcuno avrebbe fiatato?

E poi non è che la Chiesa abbia il monopolio sul modo in cui le persone esprimono la propria religiosità.

Nelle chiese permettono di tutto in nome della “libertà”, e, fatalità se la prendono con qualcuno che gli rompe le uova nel paniere sui soliti temi della narrativa dominante terzomondista/migratoria/ecologista.

A me sembra che sia la Chiesa, o una parte di essa, che usa i simboli religiosi per lanciare messaggi politici.

Abate Faria




PENSATE CHE STILUM CURIAE SIA UTILE?

CHE SENZA STILUM CURIAE  

 L’INFORMAZIONE NON SAREBBE LA STESSA?

 AIUTATELO.

ANDATE ALLA HOME PAGE.

SOTTO LA BIOGRAFIA. 

OPPURE CLICKATE QUI




Questo blog è il seguito naturale di San Pietro e Dintorni, presente su “La Stampa” fino a quando non fu troppo molesto.  Per chi fosse interessato al lavoro già svolto, ecco il link a San Pietro e Dintorni.

Se volete ricevere i nuovi articoli del blog, scrivete la vostra mail nella finestra a fianco.

L’articolo vi ha interessato? Condividetelo, se volete, sui social network, usando gli strumenti qui sotto.

Se invece volete aiutare sacerdoti “scomodi” in difficoltà, qui trovate il sito della Società di San Martino di Tours e di San Pio di Pietrelcina


 LIBRI DI MARCO TOSATTI

Se siete interessati a un libro, cliccate sul titolo….


Viganò e il Papa


FATIMA, IL SEGRETO NON SVELATO E IL FUTURO DELLA CHIESA

Fatima El segreto no desvelado

  SANTI INDEMONIATI: CASI STRAORDINARI DI POSSESSIONE

  PADRE PIO CONTRO SATANA. LA BATTAGLIA FINALE

  Padre Pío contra Satanás

La vera storia del Mussa Dagh

Mussa Dagh. Gli eroi traditi

Padre Amorth. Memorie di un esorcista.

Inchiesta sul demonio.

Tag: , , , , , ,

Categoria:

Questo articolo è stato scritto da wp_7512482

52 commenti

  • MARIO ha detto:

    Caro Abate Faria, credo ci sia una bella differenza tra i simboli di partito, che servono a identificare una formazione politica (come era lo scudo crociato per la DC), e l’ostentazione di oggetti sacri in campagna elettorale (permanente nel caso di Salvini).
    Io onestamente non ricordo alcun politico DC che facesse questo, anche perché probabilmente se ne vergognavano, quasi fosse segno di ostentazione di una qualche superiorità morale, che il più delle volte probabilmente non c’era e, anche ci fosse stata, che non si dovesse esibire.
    Adesso invece la vergogna sembra sparita del tutto e nonostante tutto…

    A proposito poi di Salvini e di simboli religiosi, forse è anche opportuno ricordare il significato originario del 2° Comandamento (“Non nominare il Nome di Dio invano”), che normalmente viene associato al peccato di bestemmia.
    In realtà gli ebrei non sapevano nemmeno cosa fosse la bestemmia (come da noi intesa), perché non potevano nemmeno pronunciarlo il Nome di Dio.
    Il 2° Comandamento, in origine (per Mosè e per Gesù) imponeva di non utilizzare il Nome di Dio per i propri interessi, di qualunque tipo fossero; ed era considerato un peccato gravissimo.
    Salvini quindi, che usa il Nome di Dio e della Madonna (con annessi Rosari, Vangeli e altro) unicamente per il proprio tornaconto elettorale, dovrebbe andarci un po’ più cauto probabilmente.

    Pace e bene.

    • wp_7512482 ha detto:

      Scusi Mario, ma a Lei glielo ha detto Salvini che lo fa per puro interesse elettorale? Non è che potrebbe crederci, magari più du alcuni dei Professionisti di Dio di cui ci occupiamo? Giudica le intenzioni?

      • MARIO ha detto:

        Egregio dott. Tosatti, affermare che Salvini ostenti oggetti sacri per puro tornaconto elettorale non è certo frutto di ragionamenti raffinati o di particolari poteri paranormali del sottoscritto o di altri, che anche qui fanno le stesse valutazioni. E’ solo questione di fiuto, di intuito, non a prima vista ma alla vista di tutto il percorso politico e umano di Salvini, detto non a caso “il Truce” (e non per es. “il Mistico”).
        Non posso certo giudicare la sua coscienza o le sue intenzioni (né quella di altri “Professionisti di Dio”), ci mancherebbe… ma non credo ci voglia la sapienza di Salomone per percepire come stanno le cose in queste faccende così tanto terrene e così poco soprannaturali.
        A meno che non sia capitato anche a lui di cadere da cavallo sulla via di Damasco, ma mi sa che ultimamente abbia avuto qualche altro tipo di caduta (o forse no, perché potrebbe anche tornare repentinamente in sella, chi lo sa…).
        In ogni caso non ho nulla di personale contro Salvini e non sono un detrattore aprioristico della sua politica, ma un conto è fare politica e un conto è baciare rosari in pubblico.
        Comunque grazie e saluti.

        • wp_7512482 ha detto:

          Mah. In buona sostanza e con tante parole Lei mi conferma che quello che ha espresso è un suo pregiudizio. E che sta giudicando le intenzioni di qualcuno.

          • maurizio rastello ha detto:

            Dr. Tosatti, la sua ostinata difesa – basata su ipotesi personali e non documentata – è una bellissima arrampicata sugli specchi: cui prodest?

          • wp_7512482 ha detto:

            PorRastello, sta bene? La sua assenza mi aveva preoccupato, e la sua presenza così enigmatica non mi rassicura. Sta bene?

        • Gaetano2 ha detto:

          Il fatto che tu ti possa vergognare di baciare il santo Rosario in pubblico non vuol dire che altri non possano farlo. (Comunque in generale fai bene a vergognarti).
          Ari-ari-ecc ecc Amen

    • Sherden ha detto:

      Scusi sig, Mario, ma nel suo elenco di bestemmiatori, rientrano anche quelli (probabilmente suoi amicuzzi), del “sono cattolic*, ho partecipato pure alle GMG e/o sono stato nell’AGESCI, ma…”?
      (laddove il “ma…” prosegue con:
      a) voto per i matrimoni gay;
      b) difendo la libertà di aborto;
      c) appoggio progetti di legge per l’eutanasia;
      d) non mi esprimo (o sono favorevole) all’utero in affitto
      etc. etc.
      Sa, se questi si proclamano pure cattolici ma sostengono ciò che ne è l’esatto contrario, non mi pare che – dal suo punto di vista, sig. Mario – siano tanto diversi da Salvini. E, d’altro canto, non mi pare che lei (né tantomeno i suoi amicuzzi scandalizzati) vi siate stracciati non dico le vesti ma neppure un fazzolettino di carta.

      • MARIO ha detto:

        Sig. SHERDEN, non ho assolutamente gli “amicuzzi” cui lei si riferisce e condivido personalmente la difesa e la promozione dei principi non negoziabili a cui lei fa accenno e in cui credo fermamente.
        Non sono né ateo, né modernista, né sinistrorso; vorrei solo essere un bravo cattolico. Chiarito questo, non capisco cosa c’entrino i miei ragionamenti con le sue osservazioni.
        Pace e bene.

        • Sherden ha detto:

          Molto semplice:
          il suo ragionamento è che Salvini è un “bestemmiatore di fatto”, in quanto si appropria del nome di Dio per “il proprio tornaconto personale”.
          E gli altri invece? Il Conte che si dice devotissimo di Padre Pio? Il Giggino che va a baciare la teca di San Gennaro? La Boschi che si vanta di essere “cattolica ma…” e di aver partecipato alle GMG?
          Ma Salvini è più peccatore solo perché ha mostrato pubblicamente il rosario?

  • Pily ha detto:

    Con il caldo estivo è arrivato anche il culto a San Salvini , con tanto di crociata di digiuno nei giorni 19 e 20 (proposta dal signor Danilo Quinto con gran dispiego di tastiera e social,per asigurare al capitano Salvini di portare la nave Italia in salvezza ) peccato che a Danilo Quinto, questo caldo agostano li ha fatto indebolire la memoria di quando Salvini ha votato a favore,per non chiudere Radio Radicale. Un paio di mesi fa ,Danilo Quinto,ha perso in via definitiva,la causa legale con Radio Radicale.
    Italia è una Repubblica parlamentare con un presidente che è Mattarella.
    Il presidente HA IL OBBLIGO di sentire prima il parlamento e di esplorare se ci sono altre soluzioni per evitare elezioni anticipate,, visto che , la Costituzione italiana dice che è ogni 4 anni che avvengono le elezioni.
    Salvini ha vinto le elezioni europee ( vittoria pirrica perche su programma per l’Europa è talmente minoritario, che anche li,il popolo italiano non otterrà quello che Salvini ha promesso.
    Le tifoserie sono sopportate allo stadio ma nessuno, né meno Salvini può sostituirsi alle regole parlamentarie.
    La pazienza è una grande virtù, il “cattolicissimo Salvini ” dovrebbe sapere.

    • Sergio Russo ha detto:

      Gentile Signora Pily, non è il caldo agostano che ha portato Danilo Quinto ad invitare tutte le persone di buona volontà a pregare e digiunare, durante due giorni, per la situazione, critica e ingarbugliata, dell’attuale momento politico italiano, (tra parentesi, Danilo ha fatto sua una proposta di un santo sacerdote eremita) quanto piuttosto gli incendi (del tutto spirituali) che un governo, di estrema sinistra, potrebbe provocare in Italia!
      Nessuno vuole pregare per “San Salvini”, il quale si è sempre professato un peccatore, poiché attualmente, gli unici politici “canonizzati”, sono Napolitano e la Bonino, da parte di Bergoglio, e Pannella, di cui si è evocato il suo spirito, da parte di Mons. Paglia…
      Il “cattolicissimo” Salvini per adesso ha l’appoggio di una parte considerevole del popolo italiano (che, fino a prova contraria, non è fra i più stupidi) e questo fa tremare tutto l’establishment che si rifà ai poteri forti e al pensiero unico dominante!
      Mi dispiace per lei, signora, questa è una guerra di spiriti, e si può vincere unicamente con le armi dello Spirito, d’altronde lo dovrebbe sapere molto bene: porti molta, ma molta pazienza!

      • Pily ha detto:

        Sig. Russo ,concesso che lei abbia ragione su la proposta del santo eremita , cioè digiuno e preghiera contro l’incendio “rosso”,nulla toglie alla stupidità del sig. Danilo Quinto , che con il suo appello scorda quello che vuoi dire , non chiudere radio Radicale, solo per opportunismo politico .
        Salvini ,così facendo difende indirettamente la sua radio Padania,dove fiumi di nefandezze scorrono e ahimé le sono dette tante , troppe.
        Per fortuna Italia è un paese laico e una preghiera non guasta mai,ma sopratutto , non guasta un parlamento e le sue decisioni.
        Nel suo discorso intravedo l’appello allo Spiritu Santo,ma per fortuna, ripeto, in Italia la res pubblica e la religione cattolica,sono due cose separate.
        La politica italiana è il riflesso degli italiani,bianchi,rossi,gialli e verdi.
        La religione è un’ atto di fede, nel intimo di ogni uno.Pretendere di accostare politica e religione,chiamando alle armi è una cosa assurda e pericolosa.Rifletta ,sig.Russo,su quale disgrazia ha portato ai musulmani e non , questo tipo dl’inciucio.
        RISPETTO PER LE CONVINZIONI SPIRITUALI DI OGNI PERSONA ,ma la politica libera di simboli religiosi .Salvini tenga il rosario in tasca e soprattutto nel suo intimo,sperando che prima abbia fatto mia colpa, per quando dichiarava che temi como il divorzio o el aborto, non dovevano interessare la Lega (magari erano peccati di gioventù, come quelli del Sig.Danilo Quinto quando lavorava per i radicali) ma propio loro devono farsi questi grandi insegnamenti di fede?.
        Io penso che l’insegnamento , per un vero cattolico , venga dal Vangelo (amore al prossimo, carità, povertà ,preghiera non ostentata. Gesu mal sopportava i farisei ,e non ha lasciato libri pieni di dogmi).
        Il popolo italiano si fascia scudo di San Francesco.No lo sento mai citato da questi personaggi che definisco “fondamentalisti cattolici “.

  • Eloisa ha detto:

    Strani discorsi quelli dell’abate Faria.
    Si possono fare confronti fra i nostri tempi e quelli di Paolo VI? I tempi, cioè, della morta e sepolta DC? Confronti assurdi.
    Quel partito era stato fondato da don Sturzo ( con altro nome) con l’intento di promuovere un partito specificatamente cattolico, con autentici valori cattolici desunti dal Vangelo di Gesù.
    Naturalmente con l’andar del tempo quei valori furono annacquati abbondantemente, e anche allora gli esponenti del partito pian piano si inebriarono dell’attaccamento alle poltrone. Basti pensare all’ indignazione e alle invettive di don Mazzolari. Non sto qui a parlare delle varie conseguenze politiche fino all’impaludamento della DC ( non rimpianta, peraltro).
    Oggi abbiamo un esponente della Lega che neppure conosce il Vangelo e che vuol fare palesemente populismo adoperando un simbolo religioso che nelle sue mani sembra ribellarsi e gridare: “aiuto…aiuto! Liberatemi dall’impostore”
    E poi, egregio abate Faria, ha provato a riflettere che gli italiani di oggi sono più svegli di quelli di allora? E che non tutti si lasciano mettere l’anello al naso? Alcuni sì, purtroppo, ma non tutti, grazie a Dio.

    • Sherden ha detto:

      Non so se Salvini conosca il Vangelo (e credo che neppure tu lo sappia, nonostante cotanta sicumera nel giudicarlo).
      So per certo, invece, cosa affermano quelli dell’altra sponda (i tuoi compagni di merenda): sono quelli del “sono cattolico ma…”, tutti belli allineati a promuovere e far approvare leggi totalmente contrarie alla dottrina cattolica, dall’aborto ai matrimoni omosessuali, passando per l’eutanasia et alia.
      Sarebbe anche interessante sapere cosa ne pensa tale Eloisa…

      • Eloisa ha detto:

        Mai avuti “compagni di merenda”, io.
        Autonoma sempre con il mio pensiero libero.

        • Sherden ha detto:

          Ce li hai, tranquilla: parli esattamente come loro.
          E come loro, come in questo caso, svicoli davanti alle domande fastidiose. Tipico marchio di fabbrica.

    • Gaetano2 ha detto:

      “…autentici valori cattolici…”,
      “… il Vangelo…”
      “… populismo…”
      Oh, predica da pretessa.

    • Boanerghes ha detto:

      un simbolo religioso che nelle sue mani sembra ribellarsi e gridare: “aiuto…aiuto! Liberatemi dall’impostore”

      Semmai quel simbolo religioso si ribella a tutti quei consacrati e chierici che dovrebbero dare l’esempio di una vita a servizio di Dio e che invece altro non sono che pastori idoli.

      Il Signore non giudica mai impostore chi crede in lui e prega.

      Lei sta parlando con rancore.

  • Nuccio Viglietti ha detto:

    Francamente no comprendiamo pelose preoccupazioni di soggetti manifestamente atei per supposta blasfemia di chicchesia…!!…https://ilgattomattoquotidiano.wordpress.com/

  • Andrea ha detto:

    Quella di Salvini non è fede ma ideologia… e lo dico da estremo oppositore di tutto l’apparato globalista, anti-italiano e politicamente corretto, La fede sincera parte sempre dall’esame su sè stessi e, prima di poter sbandierare rosari, bisognerebbe per lo meno dimostrare di voler esser sulla via della riconciliazione con Dio. Io questo in Salvini non lo vedo, poi se altri lo vedono alzo le mani. Ma la fede di facciata o parziale è qualcosa che proprio non riesco ad accettare, perchè è a tutti gli effetti un’eresia. Cosa pensereste di qualcuno che vi rinfaccia un vostro peccato mentre nel frattempo è bello seduto sul suo, ignorandolo? La Madonna non può esser contenta di un comportamento simile… ma non certo per le motivazioni doppiamente ideologiche di politici e religiosi apostati. Magari un giorno Salvini diventerà santo, vero difensore della Patria. Non possiamo mai sapere chi sceglie Dio. Ma finchè sfrutta mediaticamente la religiosità farà solo un gran servizio al nemico che avrà più facilità nel demolirlo. Comunque, anche se dovessimo scampare ad un governo rosso (io tempo fa scommisi su un’alleanza M5S-PD-LEU con appoggio di parte di FI) non illudiamoci che cambi molto. Magari qualche rallentamento ma la strada è segnata ormai e prima di risorgere dovremo attraversare grandi tribolazioni. Non ce la scamperemo con una X su una scheda.

    • Borghese pasciuto ha detto:

      M5S-PD-LEU un governo rosso???
      Lei/voi non ha/avete la più pallida idea di cosa sia un governo rosso, di quali dovrebbero essere i programmi di un governo rosso.

      • MASSIMILIANO ha detto:

        Caro Pasciutello, mi sa che qualche ideina di governo rosso io ce l’avrei… Le devo fare qualche esempio, o fa lei una ricerchina veloce su google? Saluti.
        Massimiliano.

        • Borghese pasciuto ha detto:

          Scommette che, valutato da uno a 100 il grado aderenza fra modello di governo rosso che io ho in mente e un ipotetico governo egemonizzato da M5S-PD, non si arriva a 25/30?

          • Massimiliano ha detto:

            Allora le chiedo scusa… Non avevo capito… Lei parlava di un governo rosso pensato direttamente da Giuseppe, cioè da lei stesso… questo ovviamente cambia tutto! Mi scuso. Saluti.
            Massimiliano

      • Altro Giuseppe ha detto:

        A giuseppe rigorosamente minuscolo, nell’occasione borghese pasciuto.
        Evita di fare figuracce parlando anche di politica. Hai già dato palesi indicazioni sulla preparazione che hai parlando di storia e di altro.
        Non entrare in dettagli perché su questo blog ci sono anche persone preparate e soprattutto evita di fare vedere quanto sei bigotto, per fortuna che non sei prete. Con la tua preparazione avresti fatto carriera e concorrenza perfino a Paglia.

      • Andrea ha detto:

        Qualsiasi ideologia, ha in sè un germe corrotto. Può nascere nelle migliori intenzioni e condizioni ma poi, non essendo guidata divinamente, finisce col tempo per deformarsi e creare disastri. Perchè “non quello che entra ma quello che esce dall’uomo” è corrotto. Non nelle cose, ma nell’uomo nasce il male. E non c’è nulla che possa guarire questa ferita tranne Dio. Dio che rimane dalla parte dell’uomo sempre, sia quando questo lo ama sia quando lo odia. I suoi amici comunisti, come qualsiasi altra ideologia anti-divina, fingono di volerle bene fino a quando se ne sta zitto e accondiscendente. Il giorno che dovesse rendersi conto e non essere più dalla loro parte scoprirà tutto l’amore e il rispetto che hanno per lei…

        • Borghese pasciuto ha detto:

          Con rispetto parlando, le conviene guardare in casa sua.

          • Andrea ha detto:

            Conosco l’ideologia tanto quanto lei non conosce la fede. E per questa ragione non comprende che la Chiesa commette il male proprio quando abbandona la fede in Dio per seguire segretamente la stessa ideologia umana che lei idolatra alla luce del sole per appagare sé stesso. Non le entra in testa che è inutile… E’ Dio che comanda. E’ Lui che regna. Lei è come me, solo una creatura. Se vuole esser grande deve farsi piccolo. Vuole continuare ad inveire contro i cattolici e fare il grandone? E continui… peggio per lei.

          • Gaetano2 ha detto:

            Andrea, lei gli dice: “. Vuole continuare ad inveire contro i cattolici e fare il grandone?…”
            Ma quello fa solo figure da co..ione, eppure c’è chi lo mette sull’avviso.

  • Antonio Cafazzo ha detto:

    Se fossi il “democristiano” Mattarella risolverei la crisi in un baleno: chiamerei Bergoglio a formar governo. L’uomo giusto e voluto da quelli che contano. Europeista (o meglio mondialista). Esperto di migrazione ed ecologia. Competente di Investimenti finanziari. Attento alle nuove esigenze familiari. Comunicatore popolare e vigile curatore dei mezzi di comunicazione. Abile gestore di risorse umane. Pacificante e Dialogante con tutti i settori della società culturale, religiosa e atea. Quanto basta Autoritario con le “correnti” del suo partito per non provocare crisi di governo. Ordunque perché indugiare?

  • Astore da Cerquapalmata ha detto:

    Non so se Salvini abbia strumentalizzato il Rosario o no. So, però, che nessuno critica i partiti islamici che in tanti Paesi dell’Europa sono una realtà (a parte in Francia).
    Ma dire con ipocrita certezza che Salvini l’abbia mostrato il Rosario fatto per i voti, è un giudizio e, perciò, da un punto di vista cristiano, è un PECCATO.
    Certi valori di riferimento dell’azione politica si Salvini erano conosciute da tempo!
    E’ come dire che il comunista Rizzo vuole salari più alti per i lavoratori, per prendere voti e non perché quella è la sua idea!
    L’uomo è religioso per natura, per cui è NATURALE che faccia riferimento ai simboli religiosi. Crede in un’azione laica “asettica” da influenza religiose è utopia, e, perciò, ideologia. E ideologia atea.
    Personalmente ho sempre visto l’oblio nel quale è caduta la pia pratica dei PRIMI 9 VENERDi’ DE MESE (forse la più approvata dalla Chiesa) come un PROVA del fatto che delle anime se ne infischiano perfino molti sacerdoti.
    Forse perché, proprio come tanto loro fedeli, hanno perso la fede. Quella, almeno, soprannaturale, animata dalla GRAZIA

  • Bede ha detto:

    Perché il mio commento è stato tolto? Forse perché era un po’ critico? Evviva la libertà di espressione! Proprio tutti uguali eh.

    Comunque, farò conoscere il fatto anche se mi censurate ancora
    Allora è proprio censura e ingenerosa poi .

  • Bede ha detto:

    Perché il mio commento è stato tolto? Forse perché era un po’ critico? Evviva la libertà di espressione! Proprio tutti uguali eh.

    Comunque, farò conoscere il fatto anche se mi censurate ancora

  • I love Anguera and you? ha detto:

    Per tutti coloro che sono disposti a distinguere Pietro da Giuda.
    https://www.apelosurgentes.com.br/it-it/mensagens/

  • Luce Bede ha detto:

    Mi dispiace, ma stavolta non posso essere d’accordo. E dov’’è mai la coerenza ai valori cristiani di Salvini? A cominciare dalla sua vita familiare e tutto il resto?
    Vivo all’estero e francamente, come italiana e come cristiana, mi vergogno profondamente.

    • Gaetano2 ha detto:

      E chi ti impedisce di vergognarti?

    • Sherden ha detto:

      A parte il fatto che questo tuo commento è stato pubblicato (al contrario della tua reazione isterica di sopra e al contrario di quello che fanno gli amici tuoi “democratici” nel loro siti piacioni), sarebbe interessante capire di chi non ti vergogni fra i politici italiani (e, en passant, di molti prelati che ho in mente…).

      • Gian ha detto:

        Magari non si vergogna del mortadellone Prodi che ha avuto l’impudenza di tornare per suggerire la formula “orsola”, quella insediata con i voti determinanti dei grullini. Il Prodi, cattolico, delle sedute spiritiche, quello che dopo aver svenduto l’Italia agli amici ci ha fatto entrare nell’euro, promettendo che avremmo lavorato 4 giorni a settimana e guadagnato come se ne lavorassimo 6 (testuale!). O non si vergogna del bullo di Rignano che fa rima con Bibbiano.

    • Boanerghes ha detto:

      E dov’è mai la coerenza dottrinale evangelica di Bergoglio?

    • Andrea ha detto:

      Comprendo l’opinione sull’incoerenza di Salvini… ma siamo tutti peccatori, formiche. Se Dio rendesse visibile in noi il confronto fra quello che saremo dovuti essere e come siamo ridotti, nessuno soprravviverebbe alla vergogna. Il vergognarsi l’un l’altro è qualcosa da lasciare alle cose terrene. Tra cristiani ci si corregge senza prendersi troppo sul serio perchè siamo tutti ugualmente piccoli davanti al Padre.

  • Mikhael ha detto:

    Salvini crede a ciò che dice quando invoca per la nostra Nazione la protezione di Maria Santissima e non lo fa per accaparrarsi più voti visto lo stato di psico-reato orwelliano di cui è intrisa la nostra società su certi temi.
    La sua fede appare sinceramente genuina e ben ispirata.
    I misericordisti da strapazzo dispensano assoluzioni per tutti tranne che per chi difende la propria identità religiosa e culturale, ponendosi peraltro in ridicolo nel porre l’accento sui presunti n’dranghetisti mariani di cui nessuno conosce un eventuale percorso di conversione.
    O il “chi sono io per giudicare?” di mantra bergoglista vale solo per i compagni di letto degli amici?!

  • TITTOTAT ha detto:

    Bergoglio usa i simboli religiosi per traghettarvi dritto agli inferi.

  • Nicola B. ha detto:

    Dal sito Antidoti dello scrittore cattolico Rino Cammilleri.

    http://www.rinocammilleri.com/2019/08/farinotti/

  • Nicola B. ha detto:

    Ed al solo pronunciare il Santissimo Nome di Maria in Parlamento….così come durante gli esorcismi….P.S. è successo per davvero…..

    http://www.lanuovabq.it/it/e-al-sentir-di-maria-dal-pd-schiumarono-di-rabbia

  • Pasqualino ha detto:

    La polemica sui simboli religiosi usati da Salvini è semplicemente penosa. Ma dietro a questa lotta ideologica e politica c’è lo scontro, che tutti ben conosciamo, tra quelli che considerano Bergoglio come un Pietro, e quelli che lo considerano come un Giuda. Se politica e religione si stanno confondendo e sovrapponendo, la colpa non è certo di Salvini, ma di colui che sta trasformando la Chiesa Cattolica da strumento di salvezza eterna in strumento di salvataggio marittimo!

  • Gaetano2 ha detto:

    Tanto possono fare e fanno quello che vogliono. Sanno che gli italiani sono succubi e, pur essendo un numero enorme, non scenderanno in piazza decisi a difendere i propri diritti e la propria dignità. La forza dei tristi si è sempre imposta sulla viltà dei molti.

  • Gian ha detto:

    Penso che Padre Pio prenderebbe il suo “apostolino” avvocato Giuseppe Conte per un orecchio e lo manderebbe a compiere qualche atto concreto di penitenza prima di accoglierlo per concedergli l’assoluzione.
    Anche il presidente Donald Trump avrebbe qualche ripensamento e difficilmente direbbe ancora “my friend Ciusseppi”. Costui si è rivelato per quello che veramente è, uno che tiene famiglia.

  • Valeria Fusetti ha detto:

    Concordo con quanto scritto dal nostro buon Abate. Aggiungo una nota demenzial- folkloristica. Un esponente del M5S, membro della Commissione Antimafia, tal Morra, ha dichiarato che essendo Matteo Salvini andato in Calabria con il Rosario, ed essendoci in Calabria un famoso santuario Mariano che, a quanto pare, è frequentato da membri della n’drangheta, è a questi delinquenti che Salvini manda messaggi segreti usando il Rosario ! Delirio determinato dal caldo o da altro ? Non so, inizio a pensare che, viste le reazioni di grillini e piddini ( e anche di un po’ di uomini di Chiesa) davanti a Salvini con il santo Rosario sarebbe prudente che il capo della Lega si portasse dietro pure un esorcista. Mi pare che qualcuno dovrebbe suggerirglielo. E che non molli il suo santo Rosario, perché è evidente che la protezione di Maria Santissima gli è necessaria.