GUERRA A GPII. SESTO GIORNO DELLA NOVENA. IN QUATTRO LINGUE.

11 Agosto 2019 Pubblicato da --

GPII

Marco Tosatti

Carissimi Stilumcuriali, oggi è il sesto giorno della Novena indetta dagli Studenti dell’Istituto Giovanni Paolo II. Come ci ricordano, “La domenica il Signore concede grazie speciali. Chiediamogli oggi a messa per l’Istituto Giovanni Paolo II”.E poi un avviso: domani pubblicheremo i testi del settimo giorno, ma da martedì saremo in viaggio e lontani dal computer. Perciò per l’ottavo e il nono giorno dovreste fare riferimento al sito https://www.appellostudentigp2.com/ . Buona lettura e preghiera.

 

Sesto giorno (11 di agosto)

Parte dell’omelia di Card. Ratzinger nella messa esequiale di Giovanni Paolo II:

Divina Misericordia: Il Santo Padre ha trovato il riflesso più puro della misericordia di Dio nella Madre di Dio. Lui, che aveva perso in tenera età la mamma, tanto più ha amato la Madre divina. Ha sentito le parole del Signore crocifisso come dette proprio a lui personalmente: “Ecco tua madre!”. Ed ha fatto come il discepolo prediletto: l’ha accolta nell’intimo del suo essere (eis ta idia: Gv 19, 27) – Totus tuus. E dalla madre ha imparato a conformarsi a Cristo.

Per tutti noi rimane indimenticabile come in questa ultima domenica di Pasqua della sua vita, il Santo Padre, segnato dalla sofferenza, si è affacciato ancora una volta alla finestra del Palazzo Apostolico ed un’ultima volta ha dato la benedizione “Urbi et orbi”. Possiamo essere sicuri che il nostro amato Papa sta adesso alla finestra della casa del Padre, ci vede e ci benedice. Sì, ci benedica, Santo Padre. Noi affidiamo la tua cara anima alla Madre di Dio, tua Madre, che ti ha guidato ogni giorno e ti guiderà adesso alla gloria eterna del Suo Figlio, Gesù Cristo nostro Signore. Amen.

Preghiera a San Giovanni Paolo II:

Beato te, caro Papa Giovanni Paolo II, perché hai creduto!

Continua, ti imploriamo, a sostenere dal cielo la fede del popolo di Dio e continua a vegliare sull’Istituto Giovanni Paolo II.

Carissimo San Giovanni Paolo II, ti ringraziamo per tutto quello che ci hai dato e per tutto quello che continuiamo a ricevere per la tua intercessione. Ti ringraziamo per essere testimone della misericordia del nostro Padre celeste. Ti ringraziamo per essere un vero amico e discepolo di Gesù che rivela pienamente l’uomo all’uomo stesso e per essere un eloquente strumento dello Spirito Santo, avendo affidato tutto a Maria, la sposa del Santo Spirito: Totus Tuus.

Finiamo con una preghiera di abbandono a nostra madre:

O Madre, che conosci le sofferenze

e le speranze della Chiesa e del mondo,

assisti i tuoi figli nelle quotidiane prove

che la vita riserva a ciascuno

e fa’ che, grazie all’impegno di tutti,

le tenebre non prevalgano sulla luce.

A Te, aurora della salvezza, consegniamo

tutti gli uomini scoprano Cristo,

il nostro cammino nel nuovo Millennio,

perché sotto la tua guida

luce del mondo ed unico Salvatore,

che regna col Padre e lo Spirito Santo

nei secoli dei secoli. Amen.

 

Sixth Day (10th August)

Beloved John Paul II, in his homily at your funeral, your dear friend and fellow bishop, Cardinal Ratzinger said:

Divine Mercy: the Holy Father found the purest reflection of God’s mercy in the Mother of God. He, who at an early age had lost his own mother, loved his divine mother all the more. He heard the words of the crucified Lord as addressed personally to him: “Behold your Mother.” And so he did as the beloved disciple did: he took her into his own home” (eis ta idia: Jn 19:27)

– Totus tuus. And from the mother he learned to conform himself to Christ.

None of us can ever forget how in that last Easter Sunday of his life, the Holy Father, marked by suffering, came once more to the window of the Apostolic Palace and one last time gave his blessing urbi et orbi. We can be sure that our beloved Pope is standing today at the window of the Father’s house, that he sees us and blesses us. Yes, bless us, Holy Father. We entrust your dear soul to the Mother of God, your Mother, who guided you each day and who will guide you now to the eternal glory of her Son, our Lord Jesus Christ. Amen.

Pray to Saint John Paul II:

over the John Paul II Institute.

, and continue to watch

Blessed are you, beloved Pope John Paul II, because you believed! Continue, we

implore you, to sustain from heaven the faith of God’s people

Beloved Saint John Paul II, we thank you for all that you gave us and for all that we continue to receive through your intercession. We thank you for being a witness to the mercy of our heavenly Father, for being a true friend and disciple of Jesus who fully reveals man to man himself, and for being such an eloquent instrument of the Holy Spirit, having entrusted everything to Mary, the spouse of the Holy Spirit – Totus Tuus.

With you, we pray your act of entrustment to Mary…

O Mother, you know the suferings and hopes of the Church and the world:

come to the aid of your children in the daily trials which life brings to each one,

and grant that, thanks to the eforts of all, the darkness will not prevail over the light.

To you, Dawn of Salvation, we commit our journey through the new Millennium,

so that with you as guide all people may know Christ, the light of the world and its only Savior, who reigns with the Father and the Holy Spirit for ever and ever. Amen.”

 

Sexto día de la Novena (11 de agosto)

Fragmento de la homilía del Card. Joseph Ratzinger en la misa funeral de Juan Pablo II:

Divina Misericordia: El Santo Padre encontró el reflejo más puro de la misericordia de Dios en la Madre de Dios. El, que había perdido a su madre cuando era muy joven, amó todavía más a la Madre de Dios. Escuchó las palabras del Señor crucificado como si estuvieran dirigidas a él personalmente: «¡Aquí tienes a tu madre!». E hizo como el discípulo predilecto: la acogió en lo íntimo de su ser (eis ta idia: Jn 19,27)-Totus tuus. Y de la madre aprendió a conformarse con Cristo.

Ninguno de nosotros podrá olvidar como en el último domingo de Pascua de su vida, el Santo Padre, marcado por el sufrimiento, se asomó una vez más a la ventana del Palacio Apostólico Vaticano y dio la bendición Urbi et Orbi por última vez. Podemos estar seguros de que nuestro amado Papa está ahora en la ventana de la casa del Padre, nos ve y nos bendice. Sí, bendíganos, Santo Padre. Confiamos tu querida alma a la Madre de Dios, tu Madre, que te ha guiado cada día y te guiará ahora a la gloria eterna de su Hijo, Jesucristo Señor nuestro. Amén.

Oración a Juan Pablo II

¡Bendito seas, querido San Juan Pablo II, porque has creído! Te pedimos que continúes sosteniendo desde el cielo la fe del pueblo de Dios, y continúes velando por el Instituto Juan Pablo II.

Querido San Juan Pablo II, te damos gracias por todo lo que nos diste y por todo lo que seguimos recibiendo por tu intercesión. Te damos gracias por ser testigo de la misericordia de nuestro Padre celestial, porque ser un verdadero amigo y discípulo de Jesús que revela plenamente el hombre al hombre mismo, y por ser un verdadero amigo y discípulo de Jesús e instrumento elocuente del Espíritu Santo, habiéndolo confiado todo a María, la esposa del Santo Espíritu – Totus Tuus.

Se termina con la oración de ofrecimiento a la Virgen María

Oh Madre, que conoces los sufrimientos y las esperanzas de la Iglesia y del mundo, ayuda a tus hijos en las pruebas cotidianas que la vida reserva a cada uno

y haz que, por el esfuerzo de todos,

las tinieblas no prevalezcan sobre la luz.

A ti, aurora de la salvación, confiamos

nuestro camino en el nuevo Milenio, para que bajo tu guía

todos los hombres descubran a Cristo, luz del mundo y único Salvador,

que reina con el Padre y el Espíritu Santo por los siglos de los siglos. Amén.

 

Sixième jour, neuvaine à Saint Jean Paul II. (11 Août)

Obsèques du souverain Pontife Jean Paul II. Homélie du Card. J. Ratzinger:

Divine miséricorde : le Saint-Père a trouvé le reflet le plus pur de la miséricorde de Dieu dans la Mère de Dieu. Lui, qui tout jeune avait perdu sa mère, en a d’autant plus aimé la Mère de Dieu. Il a entendu les paroles du Seigneur crucifié comme si elles lui étaient personnellement adressées: «Voici ta Mère». Et il a fait comme le disciple bien-aimé : il l’a accueillie au plus profond de son être (eis ta idia : Jn 19, 27) – Totus tuus. Et de cette Mère il a appris à se conformer au Christ.

Pour nous tous demeure inoubliable la manière dont en ce dernier dimanche de Pâques de son existence, le Saint-Père, marqué par la souffrance, s’est montré encore une fois à la fenêtre du Palais apostolique et a donné une dernière fois la Bénédiction Urbi et Orbi. Nous pouvons être sûrs que notre Pape bien-aimé est maintenant à la fenêtre de la maison du Père, qu’il nous voit et qu’il nous bénit. Oui, puisses-tu nous bénir, Très Saint Père, nous confions ta chère âme à la Mère de Dieu, ta Mère, qui t’a conduit chaque jour et te conduira maintenant à la gloire éternelle de son Fils, Jésus Christ, notre Seigneur. Amen.

Prière à saint Jean Paul II

Béni sois-tu, bien-aimé Pape Jean-Paul II, car tu as cru ! Nous te demandons de continuer à soutenir du ciel la foi du peuple de Dieu et à veiller sur l’Institut Jean-Paul II.

Cher Saint Jean Paul II, nous te remercions pour tout ce que tu nous as donné et pour tout ce que nous continuons à recevoir par ton intercession. Nous te remercions d’être témoin de la miséricorde de notre Père céleste, d’être un véritable ami et disciple de Jésus qui révèle pleinement l’homme à l’homme lui-même, et d’être un véritable ami et disciple de Jésus et un instrument éloquent de l’Esprit Saint, ayant tout confié à Marie, épouse du Saint Esprit – Totus Tuus.

Chaque jour de la neuvaine se termine par cette prière de Jean-Paul II qui offre tout à Marie:

Ô Mère, Toi qui connais les souffrances et les espérances de l’Église et du monde, assiste tes enfants dans les épreuves quotidiennes que la vie réserve à chacun

et fais que, grâce aux efforts de tous, les ténèbres ne l’emportent pas sur la lumière. À toi, aurore du salut, nous confions notre marche dans le nouveau millénaire,

afin que, sous ta conduite, tous les hommes découvrent le Christ,

lumière du monde et unique Sauveur, qui règne avec le Père et l’Esprit Saint pour les siècles des siècles. Amen.

GPII




SE PENSATE CHE STILUM CURIAE FACCIA UN BUON LAVORO,

 AIUTATELO.

ANDATE ALLA HOME PAGE.

SOTTO LA BIOGRAFIA. 

OPPURE CLICKATE QUI




Questo blog è il seguito naturale di San Pietro e Dintorni, presente su “La Stampa” fino a quando non fu troppo molesto.  Per chi fosse interessato al lavoro già svolto, ecco il link a San Pietro e Dintorni.

Se volete ricevere i nuovi articoli del blog, scrivete la vostra mail nella finestra a fianco.

L’articolo vi ha interessato? Condividetelo, se volete, sui social network, usando gli strumenti qui sotto.

Se invece volete aiutare sacerdoti “scomodi” in difficoltà, qui trovate il sito della Società di San Martino di Tours e di San Pio di Pietrelcina


 LIBRI DI MARCO TOSATTI

Se siete interessati a un libro, cliccate sul titolo….


Viganò e il Papa


FATIMA, IL SEGRETO NON SVELATO E IL FUTURO DELLA CHIESA

Fatima El segreto no desvelado

  SANTI INDEMONIATI: CASI STRAORDINARI DI POSSESSIONE

  PADRE PIO CONTRO SATANA. LA BATTAGLIA FINALE

  Padre Pío contra Satanás

La vera storia del Mussa Dagh

Mussa Dagh. Gli eroi traditi

Padre Amorth. Memorie di un esorcista.

Inchiesta sul demonio.

Tag: , ,

Categoria:

Questo articolo è stato scritto da wp_7512482

10 commenti

  • Il veritiero ha detto:

    Guardi, se quello che lei ha detto avesse un senso logico e fosse una frase di senso compiuto, quasi quasi avrei potuto prenderlo come un attacco. Ma quello che ha detto è talmente senza senso e sconnesso che ancora sto cercando di capire dove é l’offesa 😂😂
    Comunque se vuole paraginare 10 euro di offerta di telefono contro 3000 circa euro di retta annuale dell’istituo GPII ( se non di più) e + altri 2000-3000 euro diblibri ogni anno….senza aver msi lavorato un giorno in vita loro….senza essersi mai comprati un paio di scarpe con il sudore della loro fronte e sensa essersi pagati mai l’affitto con il sudore della loro fronte…forse inizierà a capire di cosa sto parlando….
    Tanto per la cronaca, non voto da 10 anni, e andassi a votare allora voterei sicuramente Salvini.

  • Marco ha detto:

    Righe invertite ancora!

  • Davide.S ha detto:

    Richiesta fuori tema: ho un video su Medjugorie. Durante la consacrazione si nota una luce che secondo me è “strana”. E’ possibile inviarla a Lei e, se a Lei sembrerà opportuno, condividerla con quanti seguono questo sito?
    In caso affermativo mi potrebbe spiegare come comportarmi?

  • Il veritiero ha detto:

    Non voglio attaccare nessuno, ma é proprio grazie agli “intellettuali che parlano di antropologia e menate del genere” che siamo arrivati alla rovina piu totale. É proprio grazie alle tante parole e ai tanti falsi maestri che siamo arrivati al baratro e i nemici della chiesa e la gente iniqua ha trovato terreno fertile per appestare con il loro veleno la santa chiesa di Dio.
    San Pietro apostolo era un ignotante, Elia profeta era un ignorante, ma spesso e volentieri “LA VERITÀ E LA GIUSTIZIA SI PALESANO E SI MANIFESTANO RAMITE I SEMPLICI E GLI IGNORANTI”
    ELIA profeta quando ha dovuto difendere la “vera dottrina di Dio” ha sfidato apertamente i “falsi profeti” con lo scontro frontale, uccidendoli anche….non é rimasto sul monte a scrivere novene e poesie divudendo la sua mensa e il suo tempo indieme agli stessi “falsi profeti” che doveva combattere.
    San Pietro, San Giovanni, san Giacomo si sono fatti “ARRESTARE” “LAPIDARE” “TORTURARE” “UCCIDERE”….
    San Nicola vescovo ha preso a schiaffi in faccia il vescovo Ario…. Ma di cosa stiamo parlando? Quando si parla di difendere Dio e con le parole non si riesce a un certo punto bisogna usare “i fatti e le azioni”….. altrimenti il demonio e i nemici della chiesa ci sguazzano allegri nella totale mancanza di contrasti alle loro opere di distruzione della fede. Che gli importa a loro. Parlate parlate, tanto noi facciamo finta di non sentirvi e continuiamo a fare i nostri porci comodi fino a quando per voi sarà troppo tardi per intervenire…così ragionano.

  • TITTOTAT ha detto:

    Siete al sesto giorno, la grazia che chiedete si avvicina sempre più, al decimo giorno festeggerete perché il vostro orticello è salvo, voi giusti continuerete ad emanare opinioni non vincolanti, nel mentre la foresta amazzonica incomberà su tutti i fedeli ma voi continuerete impertubabili a fare ricerca autoreferenziale su famiglia e matrimonio.
    Il bello è che poi a me si chiede di sviscerare tutte le mie mancanze in pensieri, parole, opere e OMISSIONI.

    • IMMATURO IRRESPONSABILE ha detto:

      Mi scusi, Tittotat, se Le dico che le sue critiche mi sembrano ingenerose. L’ istituto GPII, dopotutto, non e’ il S.Uffizio ( il vero delitto e’ stato, piuttosto, smantellare quello!), ma una sede di studio. Pensi a quanti fedeli, a quante coppie titubanti o perplessi, in un panorama, da anni, privo, o quasi di autorita’ morali cattoliche, hanno trovato conforto e certezza grazie a quei docenti teste’ congedati. Secondo me, chi si ritrova responsabile anche di una piccola fonte d’ acqua potabile, in tempi di generale inquinamento, fa bene a difendere il proprio compito.
      P.S. Le dico cio’ pur non essendo, diciamo cosi’, un entusiasta discepolo dello stile filosofico (antropologia personalista) dell’ Istituto, per altro, considerato ortodosso per l’ insegnamento, di assoluto livello, teologico morale.

      • TITTOTAT ha detto:

        Se c’è una grave crisi che incombe su tutta la chiesa perché fanno la novena solo per il loro orticello? Forse che se la preghiera da formulare non è: Proteggi tutto il gregge ? Ma in tal caso si svelerebbe che il lupo che minaccia è la gerarchia stessa, per non dire lo stesso pastore e allora si che ci sarebbero epurazioni in massa, ma hanno paura, il martirio non è per gli accademici, Ratsinger docet.

        • Davide.S ha detto:

          Sig. Tittotat non condivido le sue opinioni per i seguenti motivi:
          1) La Famiglia non è un orticello per alcuni, ma è una realtà antropologica che riguarda “tutti” in qualità di Figli, di Padri o persone desiderose di creare una Famiglia, o infine di pastori aventi il compito di custodire quell’Unione.
          2) A Ciascuno la sua missione. Se ciascuno difende il proprio orticello, come cristianamente siamo comandati a fare, allora la guerra è vinta. Umanamente è necessario concentrare gli sforzi dove maggiori sono i propri interessi e competenze.
          3) Il metodo utilizzato. Gli Studenti hanno scelto di lottare con la preghiera e non con la polemica politica. Credo che la difesa dell’ortodossia cristiana possa esser svolta più efficacemente in altre sedi.

      • Il veritiero ha detto:

        Non chiamateli ragazzi…. di questi studenti 80% ha 40 anni curca…e hanno tutti i soldi che gli escono dalle orecchie…altrimento non sarebbero al GPII… chissà la retta annia al GPII qusnyo costa, sicuramente non é da poveri…e non stiamo psrlado di ragazzi di 20 anni….

        • Iginio ha detto:

          Premesso che a studiare lontano si va anche con borse di studio e finanziamenti appositi, osservo: invece lei i soldi che escono dalle orecchie non li ha? Si collega a internet grazie alla Caritas?
          O magari al PD, che lei sicuramente venera…