BESTIARIO OKKUPAZIONE. SERVILISMO ROBOANTE E UNA PAROLA DI LEGALITÀ DA DON DI NOTO. PER FORTUNA.

16 Maggio 2019 Pubblicato da 33 Commenti --

 

Marco Tosatti

Cari amici e soprattutto nemici di Stilum Curiae, mi permetto un velocissimo Bestiario dedicato alla sceneggiata dell’elemosiniere del Pontefice. Un Bestiario in positivo, per quanto riguarda il commento di un sacerdote serio, che combatte da decenni l’llegalità, don Fortunato Di Noto. Ecco due messaggi che ha postato su Facebook.

“Mi allaccia, padre, abusivamente la luce? Almeno una decina di telefonate e contatti, famiglie piene di bollette evase. Tanti i bambini. Queste le situazioni di ogni giorno in una parrocchia, di periferia o del centro città. A voi sembra provocatorio questo post, ma è la realtà. Ogni giorno. Non ho mai consigliato l’allaccio abusivo, non è mai prevalsa la carità furibonda, è prevalso il buon senso di un pastore che vive nel mondo, ma non è del mondo. I ricchi diano ai poveri, e i poveri condividano, e lo fanno, il pane anche se duro.Nelle regole e oltre le regole partendo dai propri soldi e dalla reale carità di chi possiede uno spicciolo. E chi poi riceve, doni a sua volta …. ” (Don Fortunato Di Noto)

 

“Sono un semplice cane pastore. Ho incontrato dei giovani, in un convegno, sulla legalità e dottrina sociale della Chiesa. Presentando, con profezia evangelica, a: tendere non solo la mano ma trasformare le strutture – o brutture umane della città (frase del Sindaco Giorgio La Pira), nella giustizia e nella legalità. Mi hanno detto che sono un fariseo, la illegalità è cosa umana, dicevano. Senza neanche conoscermi… giudizi gratuiti e fake news, come al solito: tutto da bruciare…. tutto. Io non lo so, eppure ci metto sempre la vita e la faccia… sempre. Un semplice cane pastore ….” (Don Fortunato Di Noto)

 

Poi abbiamo i dannunzi redivivi, dal linguaggio a zìmpani e zirlecchi, un linguaggio carmidioso e prodigiero di fronte all’Eroe, che ci ricorda la Battaglia del Grano…

Alcuni esempi – ma ne avrete letti quantità – di colleghi entusiasti e adoranti di fronte alla Trasgressione.

E poi c’è qualcuno che risponde:

Per fortuna ci sono alcuni colleghi del Messaggero, che raccontano la realtà di una storia di illegalità in cui donne e bambini vengono usati come scudi umani da chi fa soldi illegalmente. Ma il Comune di Roma, e il Primo Municipio, che solo fino a qualche settimana fa punivano severamente locali e localetti se si azzardavano a mettere un tavolino di troppo, e la Guarda di Finanza e le ASL non hanno nulla da dire su un locale da rave a pagamento e su un ristorante che non si sa se abbia  le carte in regola dal punto di vista sanitario?

Leggete l’articolo del Messaggero…

Affari in nero da 250mila euro l’anno e zero regole in

via Santa Croce di Gerusalemme a Roma: gli

occupanti hanno rifiutato le case-famiglia

 

L’impressione, triste, è che di fronte uno stato d cose, nella Chiesa, sempre più problematico, come è prassi di molti regimi, ci si affidi sempre di più agli effetti speciali, alle mosse grandiose, per coprire la povertà e l’insufficienza della gestione quotidiana. Povera Chiesa. 



Oggi è il 257° giorno in cui il pontefice regnante non ha, ancora, risposto.

Quando ha saputo che McCarrick era un un uomo perverso, un predatore omosessuale seriale?

È vero o non è vero che mons. Viganò l’ha avvertita il 23 giugno 2013?

Joseph Fessio, sj: “Sia un uomo. Si alzi in piedi, e risponda”.


Questo blog è il seguito naturale di San Pietro e Dintorni, presente su “La Stampa” fino a quando non fu troppo molesto.  Per chi fosse interessato al lavoro già svolto, ecco il link a San Pietro e Dintorni.

Se volete ricevere i nuovi articoli del blog, scrivete la vostra mail nella finestra a fianco.

L’articolo vi ha interessato? Condividetelo, se volete, sui social network, usando gli strumenti qui sotto.

Se invece volete aiutare sacerdoti “scomodi” in difficoltà, qui trovate il sito della Società di San Martino di Tours e di San Pio di Pietrelcina


 LIBRI DI MARCO TOSATTI

Se siete interessati a un libro, cliccate sul titolo….


Viganò e il Papa


FATIMA, IL SEGRETO NON SVELATO E IL FUTURO DELLA CHIESA

  SANTI INDEMONIATI: CASI STRAORDINARI DI POSSESSIONE

  PADRE PIO CONTRO SATANA. LA BATTAGLIA FINALE

  Padre Pío contra Satanás

La vera storia del Mussa Dagh

Mussa Dagh. Gli eroi traditi

Padre Amorth. Memorie di un esorcista.

Inchiesta sul demonio.

Tag: , , ,

Categoria:

Questo articolo è stato scritto da wp_7512482

33 commenti

  • Giorgio ha detto:

    Caro Marco, non ti riconosco più, perché tanto livore verso il Pastore della Chiesa ( cum Petro semper). Questo Santo Padre che vuole indirizzare alle Beatitudini evangeliche clero e fedeli dobbiamo appoggiarlo e pregare per lui e stargli vicino.
    Un caro saluto don Giorgio

    • wp_7512482 ha detto:

      Livore non è la parola giusta, caro don Giorgio. Delusione, sconforto, apprensione, angoscia per i gesti, i silenzi, le omissioni, le ossessioni e le scelte sono i termini più appropriati. Non si può non vedere, non sentire, non capire che cosa sta succedendo. E che è sotto gli occhi di tutti: confusione, divisione, smarrimento di molti. Pregare certamente: è l’unica speranza che ci resta. La speranza di una conversione.

  • Astore da Cerquapalmata ha detto:

    Che il mondo chiami male il bene e bene il male, non va bene ma lo posso concepire. Ma che uomini di Chiesa, Monsignori come semplici fedeli, tradiscano la morale della Chiesa e senza rimetterci nulla chiamano bene il male e male il bene, è grottesco.
    Che io, che sono sempre stato esterofilo, solo perché non rinnego ma rivendico le mie radici cristiane e nazionali, secondo i criteri di certi ALIENATI potrei risultare xenofobo, è grottesco.
    Che io, che vorrei aiutare di cuore i più lontani, anche omosessuali, avere una speranza, e vorrei fare qualcosa per aiutarli nelle loro sofferenze, solo perché non rinnego la VERITA’, secondo i criteri di certi RELITTI AMORALI, sarei uno che non ha misericordia, è grottesco.
    Gente malsana, aborti viventi, cialtroni che chiamano il loro razzismo “solidarietà” e la loro empietà “misericordia”.

    • Astore da Cerquapalmata ha detto:

      Senza giudicare nessuno, sia chiaro, ma giudicando i comportamenti e il modo come si presentano.
      In ogni caso fossi in loro starei preoccupato

  • michael ha detto:

    la vicenda del cardinale elettricista è tutta una bufala orchestrata dal Vaticano di Bergoglio in combutta coi media progressisiti: a parte il fatto che lo stesso cardinale ha detto che non c’era nessun sigillo da violare, infatti la corrente oggidì coi contatori elettronici la staccano da remoto, (ma dire che il prelato ha spezzato i sigilli fa più figo in tv), quindi casomai ha fatto un allaccio abusivo, ma il mio dubbio è un altro: possibile che, ciò che ha fatto il cardinale, non potesse farlo qualcun altro dei presenti in quello stabile, magari il capo Tarzan in persona, o farlo fare da qualche elettricista compiacente? Sono stati una settimana senza luce, possibile che tra quei quattrocento non ci fosse uno capace di fare un allaccio abusivo o non potessero trovare qualcuno che non fosse un cardinale capace di farlo? A quella gente non mancano i mezzi e le conoscenze per fare ciò che vogliono e nemmeno hanno paura delle conseguenze giudiziarie, tanto più che in quel famoso tombino potevano calarsi in totale anonimato… dunque perché tirare in ballo il cardinale e fare tutto ‘sto casino? è una operazione biecamente politica, frutto della megalomania e della mitomania di Bergoglio e dei suoi sodali.

    • Adriana ha detto:

      Michael ,
      infatti a rafforzare il messaggio politico , Bergoglio ha ” imbarcato ” sulla sua ” Papamobile ” otto ragazzini del colore d’ordinanza per
      mostrare a chi non avesse capito , senza equivoci possibili ,la sua linea politica .

  • Adriana ha detto:

    Haha ! Dal linguaggio si evince che Il buon Spadaro si nutre di letture laicamente raffinate e
    storicamente datate – lui , così sprezzante delle anticaglie – !
    Dai ” Sotterranei del Vaticano ” ( romanzo iconoclasta e beffardo di André Gide ) al ” Ventre di Parigi ” di E. Zola , ( naturalismo alla Gracco- cuoco- senza se e senza ma ) . Il tutto calato in una atmosfera romano-felliniana – Trimalcionesca . ( Da Cena di Trimalcione ).
    Bravo , bravo…strano che ignori del tutto l’esistenza dei chemsex che negli ambientini Rave , e spazio-danza senza controlli proliferano a Roma con grande sollievo per la salute fisica e spirituale degli entusiasti frequentatori a pagamento . Eh , si , è un uomo di ampie vedute e grande kultur padre Spadaro . Merita un premio dall’UAAR , quello delle saune e degli spazi black-hole kulturali .

  • TITTOTAT ha detto:

    Spadaro, guarda che di principi e plebei della chiesa che s’immergono nel ventre di qualcosa o qualcuno siamo assuefatti.
    Le tue sono parole rivelatrici di tendenza

  • TITTOTAT ha detto:

    Vogliono farci diventare come il sud America.
    Don Minutella l’ unico vero profeta.
    Tutti gli altri vili.

  • Nicola B. ha detto:

    Sempre più affettuoso e ….mortale l’abbraccio suicida del clero italiano verso l’Islam. Qui non è questione soltanto di vertici della Chiesa confusi in materia di Fede, c’è anche soprattutto la base, le Diocesi. Detto questo , posto anche gli scritti di un Santo e Dottore della Chiesa sull’Islam che ci è andato giù durissimo negli scritti. Ma oggi se qualcuno attribuisce a Sant’Alfonso una linea dura verso l’Islam è considerato blasfemo ( oggi prevale la linea del ” volemmose bene” nel Cattolicesimo).

    Il fascino del “Ramadan cattolico”, diocesi in campo – La Nuova Bussola Quotidiana
    http://www.lanuovabq.it/it/il-fascino-del-ramadan-cattolico-diocesi-in-campo

    https://gloria.tv/article/q4DFHqxFGk6614R7wGNK9YtKt

    https://www.sursumcorda.cloud/articoli/centro-studi-vincenzo-ludovico-gotti/1066-breve-storia-dell-islam-raccontata-dal-dottore-della-chiesa-sant-alfonso.html

    Sant’Alfonso urla «Basta Islam», il raid sacrilego di Forza Nuova | Il Mattino
    https://www.ilmattino.it/salerno/sant_alfonso_urla_basta_islam_forza_nuova_pagani-4363400.html

  • Adele Magnanini ha detto:

    Questo Vaticano , non leggendo piu’ il Vangelo da tempo, – chissa’ a cosa pensano quando celebrano la messa- non puo’ ricordare le sapienti parole di Gesu’ che danno andare oltre il tempo da duemila anni: ‘ date a Cesare cio’ che e’ di Cesare, date a Dio cio’ che e’ di Dio’. Bastava pagare la bolletta, per essere generosi.

  • Anima smarrita ha detto:

    Correggo, nel caso abbia scritto: tre miliardi e passa, nel precedente commento che non ho riletto nell’anteprima, data l’ora. Non miliardi, ma: milioni quelli erogati dall’Elemosineria.
    Scusate.

  • Nicola B. ha detto:

    Non c’entra niente quello che posto adesso e sono fuori tema lo so…..ma visto che siamo prossimi alle elezioni europee del 26 maggio e visto che la neo Chiesa spara ad altezza d’uomo sui sovranisti e populisti ” colpevoli” di spargere, secondo i nostri prelati, fake news a tutto spiano, ecco a voi ( da il Primato Nazionale che ha fatto un po’ le pulci a tutti) come stanno le cose riguardo quelli duri e puri de sinistra…..

    https://www.ilprimatonazionale.it/primo-piano/piu-della-meta-degli-account-twitter-che-seguono-boldrini-e-saviano-sono-falsi-118244/

  • Nicola B. ha detto:

    Dopo la Teologia della Liberazione, dopo la Teologia del Mediterraneo, ecco a voi la Teologia dell’elettricità…..

    • Stanlo ha detto:

      Bisogna aggiungere la teologia del ricevere senza dare, propria della chiesa.Riceve da tutte le parti,dallo stato,dai cittadini,in ogni evenienza .Ha il monopolio della istruzione,della sanità, ha un patrimonio edilizio ingente.Organizza eventi per fare soldi.Sfrutta l’Italia come nessun altra impresa,ma non dà,non ricambia.Promette soltanto un immaginario paradiso

  • Anima smarrita ha detto:

    Infinita tristezza, dott. Tosatti! Tanta da bloccare la volontà di continuare a commentare una realtà degenerata a tal punto da soffocare ogni speranza di rinascita. Dinanzi alle ormai note conseguenze di un gesto che definire sconsiderato è un eufemismo e che ha contribuito ad elevare il livello di un disagio sociale e morale già fin troppo preoccupante, non ci si risparmia nemmeno l’osceno spettacolo messo in atto da attori che con sfrontatezza inaudita permangono nell’attestare e difendere un “protagonismo” patologico, oggi come non mai fuori luogo, con scambi di accuse e controaccuse tanto più deprecabili in quanto impostati sulla strumentalizzazione di principi evangelici, tralasciando di ricordare oltretutto quel “date a Cesare…” e quell’ imperativo alla riservatezza nel fare la carità. Perseverando sulla falsariga dell’abitudine difficile da scardinare di una malintesa difesa dell’immagine di una Chiesa, ridotta a figurina.
    Voci come quella di don Di Noto – che pure si sono levate – si perdono nel frastuono di repliche da parte di ecclesiastici e supporter a riprova di un nervosismo che con le medesime si intenderebbe nascondere. Caos completo! Non mi sembra abbia contribuito alla buona causa, come il card. Parolin ha tentato maldestramente di legittimare, quell’ “abbaglio” di luce che non riesce a fare piena luce su una situazione sfuggita di mano e a riaccendere il lume dell’intelletto di chi dovrebbe sentirsi chiamato ad assumersene ogni responsabilità… e non mi riferisco solo a quella materiale del pagamento delle bollette.
    Pure su questo manca una conferma; pare l’Elemosiniere si sia dichiarato disponibile a pagare il consumo dell’elettricità dal momento in cui ha riattivato il contatore. E i tre miliardi e mezzo di aiuti erogati ai bisognosi? Non è chiaro, dalle cronache, se siano stati destinati solo agli italiani o – come pure si è scritto – a poveri di ogni nazionalità e provenienza; e non soltanto nell’ultimo anno, ma “negli ultimi anni”.
    La strenua difesa del cardinale elettricista è stata accreditata anche con il richiamo alla discriminante dello stato di necessità prevista dall’art. 54 del codice di diritto penale.
    La risposta agli organismi competenti! Intanto sono andata a “curiosare” fra gli articoli del “Trattato fra la Santa Sede e l’Italia” (11 febbraio 1929):
    Art. 21: Tutti i Cardinali godono in Italia degli onori dovuti ai Principi del sangue; quelli residenti in Roma, anche fuori della Città del Vaticano, sono a tutti gli effetti cittadini della medesima. …
    Art. 22: A richiesta della Santa Sede e per delegazione che potrà essere data dalla medesima o nei singoli casi o in modo permanente, l’Italia provvederà nel suo territorio alla punizione dei delitti che venissero commessi nella Città del Vaticano, salvo quando l’autore del delitto si sia rifugiato nel territorio italiano, nel qual caso si procederà senz’altro contro di lui a norma delle leggi italiane.
    La Santa Sede consegnerà allo Stato italiano le persone, che si fossero rifugiate nella Città del Vaticano, imputate di atti, commessi nel territorio italiano, che siano ritenuti delittuosi dalle leggi di ambedue gli Stati.
    Analogamente si provvederà per le persone imputate di delitti, che si fossero rifugiate negli immobili dichiarati immuni nell’art. 15, a meno che i preposti ai detti immobili preferiscano invitare gli agenti italiani ad entrarvi per arrestarle.
    Questo è quanto! Resta da vedere se il cardinale, che comunque non si nasconde e gode dell’immunità, sarà imputato di un atto che – stando a quanto recita il secondo capoverso dell’art. 22 del Trattato su citato – dovrebbe comunque essere ritenuto delittuoso “dalle leggi di ambedue gli Stati”… A conoscerle le norme previste in merito dal Vaticano! Finora abbiamo sentito interpretazioni soggettive del gesto… “in un certo senso”. La relativizzazione della questione è servita!

    • Adriana ha detto:

      Anima smarrita ,
      se ben ricordo , gli amministratori laici dell’IOR ( italiani ) si sottrassero agli interrogatori dello Stato Italiano ” rifugiandosi ”
      nello stato Vaticano ! Nonostante tante belle parole concordatarie.

      • Anima smarrita ha detto:

        Adriana,
        soltanto a conclusione di questa vicenda “cardinalizia” dagli effetti speciali, con un finale auspicabilmente inequivocabile, potremo constatare se vi saranno stati riscontri oggettivi a quella promessa di “cambio verso” al solito andazzo e a quella serie infinita di errori (solo ante 2013?) che avevano acceso (termine non casuale: tanto per restare sul pezzo!) – speranze messianiche… finora: tante occasioni perse.
        Alle porte un’altra, in arrivo dall’Argentina:

        https://gloria.tv/article/QEGS3h1BqqxK1q3QRTqmdxuJv

        • Adriana ha detto:

          Anima Smarrita ,
          tutta questa serie di episodi – disgustosi – sai che mi ricorda ?
          Mi ricorda l’episodio dell'” Apprendista Stregone ” nel film
          ” Fantasia ” della Walt Disney . Un apprendista di un potente mago
          è relegato all’umile incarico di lavare e scopare i pavimenti , ma approfittando dell’assenza del padrone che è andato a dormire
          si impadronisce del cappello magico – a punta – e riesce ad animare la scopa , convinto che lavorerà per lui . Ma , la scopa anche se con gambe improvvisate e braccia magiche NON ha testa e ripete all’infinito il gesto di raccogliere l’acqua dal pozzo . Allora l’apprendista la fa a pezzi e si addormenta , credendo di aver risolto il problema . Ma , ogni scheggia della scopa si anima e diventa un’altra scopa ….un esercito implacabile senza testa che finisce coll’inondare la cripta del Grande Mago . E mentre il disastro avviene l’apprendista sogna di dare ordini alle stelle e alle comete del cielo che si muovono al suo comando . Sogna…e ridestatosi rischia di affogare . Ma il Grande Mago interviene…e lo salva dandogli il benservito con una scopata che lo fa ruzzolare via con disdoro . Tutto ciò per dire che , secondo me ,questo Bergoglio occupa un ruolo che non è in grado di gestire ,ma accecato dall’ideologia e dalla vanità ,crede che la sua bassa furbizia sia in grado di toglierlo dai guai , mantenedogli il plauso delle folle tenute nell’ignoranza e prive di quel discernimento cui tanto spesso si appella . Penso che sia alla fine del gioco , anche se – nel suo sogno di grandezza – non se ne rende conto .

  • Il veritiero ha detto:

    Hanno detto una cosa importante nell’articolo, il comune di Roma ha fatto e fa’ ancora una guerra selvaggia per un tavolino messo fuori posto o per una sedia in più E ora magicamente non chiudono solo un occhio su una cosa così grave… E nemmeno 2 di occhi chiudono…. si mettono proprio un cappuccio su tutta la testa per non vedere….
    Io conosco un signore che ha un piccolo chiosco bar di 30 metri su suolo pubblico. QUESTO POVERO SIGNORE PER 30 METRI PAGA 850,00 EURO AL MESE ( quanto un negozio con le mura
    E invece il Comune a quel prezzo gli ha dato un pezzo di asfalto in periferia, solo terreno, il fabbricato è del signore )
    Praticamente questo signore paga 850,00 euro al mese che gia’ è tantissimo per 30 metri di asfalto, MA LA COSA PIU’ GRAVE È CGE SE RITARDA IL PAGAMENTO DELL’AFFETTO ANCHE DI UNA SOLA SETTIMANA , IL COMUNE DI ROMA GLI APPLICA UNA MORA DEL 33% SULL’EFFETTO, SE RITARDA 1 SETTIMANA PER PAGARE L’AFFITTO INVECE DI 850,00 EURO NE DEVE PAGARE 1.200,00 EURO. MA VI RENDETE CONTO? INFORMATEVI E VEDETE SE DICO BUGIE, IL COMUNE DI ROMA IN CASO DI RITARDO DI PAGAMENTO DI SUOLO PUBBLICO TI APPLICA UNA MORA DEL 33% ” E POI A QUESTI INVEVE LI FA STARE GRATIS DA 5 ANNI ”
    SONO QUESTE LE COSE CHE TRASFORMANO LE BRAVE PERSONE IN GIUSTIZIERI CHE COMPIONO PAZZIE.
    E nell’ultimo anno la polizia municipale è andata 3 volte a fare controlli per i tavoli e le sedie, praticamente questo signore aveva i classici tavolini e sedie di plastica, quelli dei gelati dell’algida, avete presente? Li hanno piu o meno tutti bar. Praticamente i vigili sono andati 3 volte in 1 anno Perché doveva cambiare tutti i tavoli con le sedie, perché ” a norma di legge i tavoli e le sedie devono avere le gambe di acciaio ” E lui aveva tavoli e sedie tutte di plastica, anche con le gambe di plastica. Praticamente gli hanno fatto la multa per questi tavoli e sedie perché non erano a norma, erano interamente di plastica invece di avere le gambe di acciaio.

  • FRANCESCO ha detto:

    Cari amici e nemici di Stilum Curiae, senza togliere alcunchè ai commenti sulla giustizia, la vera o presunta povertà ed ELETTRICITA’ CARDINALIZIA, non vi sembra che ci stiano trattando come allocchi? Tutti a commentare le gesta del Cardinale Krajewski e a tralasciare e trascurare la lettera di richiesta ai Vescovi di valutare se Papa Francesco sia eretico o meno. Non vi sembra che questa commedia stia coprendo una tragedia?

  • Adriana ha detto:

    Non basta il ” beau geste ” da centrosocialaro dell’Elemosiniere
    ( sic ! sic ! ) polacco per nettare l’immagine della neo-chiesa .
    Ad Amalfi centro per diabetici ( 500 pazienti ) sfrattato perchè
    appartiene al Vaticano .
    A Isola di Capo Rizzuto scoperti i guadagni di don
    Edoardo Scordio ,parroco della chiesa di Maria Assunta . Nel 2017
    132.000 Euri per ” servizi di assistenza spirituale agli immigrati
    del Cara di Sant’Anna “. Immigrati islamici .
    Poi , per caso fortunato , c’è anche don Noto , non amatissimo dai Vertici della Piramide .

  • Deus Caritas est ha detto:

    “vangelo e tuta da operaio”. A me da un fastidio incredibile quest’affermazione come cristiano in primis e come lavoratore (anche se sono solo agli inizi mi sto introducendo nell’agricoltura e nel lavoro del boscaiolo) in secondo luogo.

  • Lucis ha detto:

    Io non so se il cardinale abbia agito in buona fede mosso dalla compassione per delle famiglie indigenti. Resta il fatto che il male del nostro secolo è aver ridotto l’uomo alla sua sola componente emotiva. Via il livello razionale, via il livello spirituale. Si agisce di pancia, usando solo sentimenti ed emozioni e scambiando questo per carità cristiana.
    Bisognerebbe tornare ad una sana spiritualità che torni a far funzionare la componente spirituale, che sola può dirigere e governare ragione e sentimenti.
    Ma di ‘sta roba la chiesa attuale sembra non saperne nulla…

  • deutero.amedeo ha detto:

    L’energia elettrica non è un bene naturale a cui tutti hanno diritto. E’ un prodotto industriale, frutto di lavoro che va retribuito, prodotto col consumo di materiali che vanno acquistati e pagati, generata e distribuita a mezzo di macchinari e impianti che valgono un patrimonio e richiedono manutenzione e rinnovamento. Non la dona la Parola. Perciò consumarla senza pagarla è un FURTO ( SETTIMO: NON RUBARE). Checché ne dicano i preti. Fortunato di nome e di fatto (chi ha cervello e ragiona è un fortunato) questo don Di Noto.

  • Enrico66 ha detto:

    Pare che in Vaticano sia in preparazione l’istruzione “usque ad effusionem electricitatis” indirizzata ai seminari ed alle facoltà teologiche per adeguare la formazione dei nuovi presbiteri (futuri vescovi e cardinali) alle moderne necessità pastorali.
    Meno dottrina, teologia e morale e più corsi di formazione per elettricisti ed idraulici.
    😄

  • Maria Cristina ha detto:

    La differenza fra il gesto di questo cardinale e il messaggio evangelico e’ semplice: Gesu’ ha predicato la carita’ verso i fratelli non l’ illegalita’ e la prepotenza di chi si sente superiore alle leggi civili.
    Se Gesu’ avesse voluto che i suoi discepoli si ribellassero anche illegalmente alle leggi , come al fisco romano, non avrebbe detto Date a Cesare quel che e’ di Cesare.
    La Chiesa cattolica ha sempre, ragionevolmente , predica che il buon cristiano si deve attenere alle leggi dell’ autorita’ .
    Oggi si predica un Gesu’ rivoluzionario, disobbediente, antagonista, marxista.
    Ma questa e’ una menzogna . Basta leggere i vangeli per capire che Gesu’ non era un agitatore sociale, non era uno “ zelota” , e neppure un marxista ange litteram.
    Gli attuali vertici della Chiesa cattolica sono colpevoli di MISTIFICAZIONE e volontario fraintendimento del messaggio di Gesu’ . Sono colpevoli di aver letto in modo assolutamente materialista -sociologico-immanentista il Vangelo,
    La Teologi della Liberazione e’ una eresia.
    Gesu’ non ha detto di rubare ai ricchi per dare ai poveri.
    Ha detto di salvare la propria anima, e per salvarla credere il Lui e amare Dio e il prossimo.

    • Lucia ha detto:

      Cara Maria Cristina hai perfettamente RAGIONE .Su Aleteia mi sono permessa di dare ragione a una persona che esprimeva le sue perplessita davanti all ‘ operato del cardinale elettricista raccontando di come alcune persone che avevano avuto il distacco dell ‘ elettricita siano stati sei mesi senza e non abbiano mai pensato di risolvere in modo illegale e di come ci sia chi ha aiutato di tasca sua famiglie a pagare le utenze , adesso entrambi si sentono IDIOTI .Ebbene a darmi contro e arrivato un certo RINO MONTI che fa l ‘ esperto teologo e difensore del vaticano dandomi della bugiarda e nei commenti di questo tizio si racconta dei miracoli di Gesu del sabato , ha dato addosso ovviamente a Salvini e al comune di Roma e definito in un altro suo commento i cattolici che criticano il vaticano degli PSEUDO- cattolici .Io non ho mai votato Salvini anche se probabilmente a questo punto credo che a me a tanti non resti che votare per lui o per la Meloni e dire che fino a qualche anno fa ero molto lontana dal pensiero sovranista come si dice adesso , perche fino a qualche anno fa solo l ‘ estrema sinistra predicava l ‘ insubordinazione allo Stato adesso praticamente tranne i 2 politici che ho appena elencato su la predicano e la celebrano tutti compreso la chiesa cattolica che del dare a cesare quel che e di cesare se ne sono completamente dimenticati.Aspettiamo 2 settimane con i risultati delle europee e del 730 per vedere se qualcosa in vaticano cambiera .Io spero di SI , sinceramente di ridicolaggini vaticanoidi NON ne posso PIU.Ciao

  • GMZ ha detto:

    C’è un termine che ben definisce questi prepotenti vestiti da papa, cardinali e preti: bulli.
    E pusillanimi tutti i nostri rappresentanti istituzionali che non difendono quel poco di legalità che ancora ci resta… Gesù non è morto invano, Falcone sì.

Lascia un commento