NOBILE: L’ISLAM È CONTRO LA COSTITUZIONE ITALIANA. NON RASSEGNIAMOCI.

26 Febbraio 2019 Pubblicato da --

Marco Tosatti

Cari amici di Stilum Curiae, Agostino Nobile ci ha inviato una riflessione assolutamente scorretta dal punto di vista del politically correct, ma altrettanto realistica e lungimirante. E se osserviamo quello che sta accadendo in Paesi come Svezia, Francia, Belgio e Germania, per non citarne che alcuni non si può che essere obbligati a riflettere seriamente su quanto scrive Nobile, e trarne le conseguenze logiche e necessarie.

                                        Vade retro rassegnazione. Agiamo.

Tra i commenti ricevuti nel mio precedente articolo sull’islam che sta cambiando il tessuto sociale europeo, alcuni lettori hanno manifestano una certa rassegnazione, certamente causata dall’arrendevolezza della Chiesa e dei nostri governanti. È vero, comunque, che per un breve periodo, quando ancora Oriana Fallaci e Magdi Cristiano Allam erano da venire, anch’io sentivo la mia totale inadeguatezza nel diffondere l’allarme sul pericolo islam. Ingenuamente, nel 1991 inviai quattro pagine A4 ai maggiori quotidiani nazionali riportando alcuni versetti del Corano e passi degli Hadith, riassumendo la vita di Maometto e il trattamento che ricevono i cristiani nel mondo musulmano. Risultato? Avrei avuto più fortuna se avessi spedito una lettera a Babbo Natale.

Apro una parentesi. La psicologia distingue due principali tipi di rassegnazione. Per farla molto breve possiamo dire che la rassegnazione negativa rappresenta una zavorra che può annullare un progetto di vita, mentre quella positiva permette di rimettere a posto i cocci attraverso una profonda riflessione per poi ripartire a passi lenti o razzo. Due aspetti già presenti nel cristianesimo, il quale va oltre proponendo la serenità interiore e la speranza: la rassegnazione a Dio davanti alla morte. Chiusa parentesi.

I numerosi attacchi terroristici, il terribile massacro alle due torri del World Trade Center nel 2001 e le nefandezze compiute dall’Isis hanno svegliato buona parte degli occidentali. Ma milioni di ingenui credono ancora alle favole che raccontano i governi filo islamici e il Vaticano. Se a questo sommiamo i libri di testo e i mezzi di comunicazione che diffondono una storia della Chiesa e dell’islam falsificata, la rassegnazione diventa patologica. Basta un’affermazione di qualche famoso intellettuale per affossare il buon senso. Umberto Eco, uno dei tanti intellettuali infarciti di cultura marxista e odiatore professionista della Chiesa, nel 2015 affermò che “i fanatici musulmani esistono per colpa degli occidentali che li confinano nelle bidonville”. Si sentiva così intelligente che se qualche temerario gli avesse fatto notare che i cinesi, gli indiani o i giapponesi emarginati non mettono le bombe, il Tronfio avrebbe fatto spallucce. Tanto, lui sapeva bene che con quella frase avrebbe inchiodato nel meaculpismo milioni di ammiratori sprovveduti, i quali si saranno detti: se lo dice un intellettuale della sua caratura, significa che le cose stanno proprio così. 

Uno dei pochi, se non l’unico, tra i giornalisti/scrittori ad occuparsi in tempi non sospetti dell’islam in modo oggettivo e documentato è stato Vittorio Messori, già bistrattato dai preti e giornalisti saturi di ideologia sessantottina. 

Chiedo venia se descrivo alcune esperienze personali, ma penso che per il lettore i fatti vissuti in prima persona siano più convincenti del sentito dire. 

Durante il mio primo viaggio nella laica Turchia, nel 1991, lavorando ad Ankara, visitai alcuni piccoli villaggi dell’Anatolia. Le prime cose che mi saltarono agli occhi furono gli uomini seduti ai bar a sorseggiare çay (tè), mentre a lavorare nei campi vedevo solo donne, anziane o meno, con le gonne lunghe e un largo fazzoletto legato in testa. Ma la cosa che più mi colpì fu senz’altro la festa della circoncisione. In una piazza della capitale trovai lunghe file di lettini per i ragazzini che dopo poche ore sarebbero stati circoncisi. Per allietare l’attesa gli altoparlanti diffondevano marcette intonate da fanciulli che, mi tradusse un’amica, inneggiavano alla conquista islamica del mondo. Cosa che mi fece alzare le antenne. All’epoca ero un cattolico per modo di dire, mi ricordavo della Chiesa solo quando accadevano fatti eclatanti, come il tentato assassinio di Giovanni Paolo II, guarda caso, per mano di un musulmano. Questi fatti e molto altro mi spinsero a leggere il Corano, la vita di Maometto e, in seguito, il Bhagavadgītā e i testi delle quattro principali scuole buddiste. Non scrivo questo perché il lettore mi consideri un petulante saputello, ma affermare che queste letture mi hanno aiutato a tornare nella casa cattolica. Sono convinto, infatti, che non si potrà mai apprezzare abbastanza il Vangelo senza confrontarlo con i frutti che hanno dato il paganesimo, le religioni viventi e l’ateismo. 

Tornando al mio precedente articolo, condivido solo in parte il commento del lettore, che scrive :”i musulmani apprezzano i nostri missionari solo perchè portano un miglioramento materiale”. In realtà, i musulmani non si convertono per due semplici motivi: ignorano la propria e le altre religioni, e perché la sharia, oltre a seminare odio verso i miscredenti, condanna l’apostata alla pena capitale. 

In Europa, almeno per ora, non abbiamo la sharia, ma dobbiamo avere un progetto e impegnarci per la sua attuazione. 

In Italia e nel resto dell’occidente non dovrebbe esserci spazio per

1) chi perseguita i musulmani convertiti. 

2) chi infibula le proprie bambine.

3) chi offende la religione cristiana.

4) chi costringe a seguire l’islam per conformarsi a una sharia che predica la violenza e la          sottomissione dei non musulmani.

5) Dato che la sharia, considerata la Costituzione imprescindibile dell’islam, è incompatibile con i diritti umani stabiliti dalle costituzioni occidentali, dovrebbe essere vietata come sono vietate le ideologie che mettono a repentaglio la democrazia.

Utopia? No, realismo. Come abbiamo visto, in questi cinque punti non c’è niente di nuovo. Sono già presenti nella nostra Costituzione, e se non viene fatta rispettare non resta che la volontà popolare. La stessa che deve porre in cima alla scala dei valori la dignità umana. Quando i governi azzerano metodicamente i valori cristiani, i laici, credenti o meno, sono chiamati a reagire. Non è per niente salutare lottare unicamente per il lavoro e i diritti salariali quando nel frattempo cancellano la famiglia, la figura del padre e della madre, uccidono bambini prima di nascere e gli anziani attraverso l’eutanasia. Tutti valori intrinsecamente cristiani che rappresentano la dignità umana e il bene comune. Ovvero il futuro. A meno che – perdonate la boutade – non si vuole fare la fine dei maiali che dopo averli ingrassati vengono macellati. 

Attraverso il voto dobbiamo sostenere quei partiti che s’impegnano a rispettare la Costituzione e l’unica fede in grado di opporsi all’imbarbarimento sociale. Se si continuerà a vedere la politica colorata di nero, di rosso, blu, verde, giallo, arcobaleno o, peggio, si cede alla rassegnazione, la spada dell’islam e le nuove ideologie occidentali ci seppelliranno. 

Agostino Nobile


Foto di Lorenzo Paruccini



Oggi è il 175° giorno in cui il pontefice regnante non ha, ancora, risposto.

Quando ha saputo che McCarrick era un un uomo perverso, un predatore omosessuale seriale?

È vero o non è vero che mons. Viganò l’ha avvertita il 23 giugno 2013?

Joseph Fessio, sj: “Sia un uomo. Si alzi in piedi, e risponda”.


Questo blog è il seguito naturale di San Pietro e Dintorni, presente su “La Stampa” fino a quando non fu troppo molesto.  Per chi fosse interessato al lavoro già svolto, ecco il link a San Pietro e Dintorni.

Se volete ricevere i nuovi articoli del blog, scrivete la vostra mail nella finestra a fianco.

L’articolo vi ha interessato? Condividetelo, se volete, sui social network, usando gli strumenti qui sotto.

Se invece volete aiutare sacerdoti “scomodi” in difficoltà, qui trovate il sito della Società di San Martino di Tours e di San Pio di Pietrelcina


Libri di Marco Tosatti

Se siete interessati a un libro, cliccate sul titolo….


Viganò e il Papa




UNO STILUM NELLA CARNE. 2017: DIARIO IMPIETOSO DI UNA CHIESA IN USCITA (E CADUTA) LIBERA

FATIMA, IL SEGRETO NON SVELATO E IL FUTURO DELLA CHIESA

  SANTI INDEMONIATI: CASI STRAORDINARI DI POSSESSIONE

  PADRE PIO CONTRO SATANA. LA BATTAGLIA FINALE

  Padre Pío contra Satanás

La vera storia del Mussa Dagh

Mussa Dagh. Gli eroi traditi

Padre Amorth. Memorie di un esorcista.

Inchiesta sul demonio.


Tag: , , , , ,

Categoria:

Questo articolo è stato scritto da wp_7512482

47 commenti

  • Carmela Mastrangelo ha detto:

    Ha perfettamente ragione.. Condivido e propongo raccolte firme ed un documento da inviare a dei politici che si dicono cristiani e cattolici.

  • EquesFidus ha detto:

    “Non è finita perché arrivano gli italiani, arrivano gli italiani perché è finita.” – “In nome del Papa Re”, 1977.

    Perché cito la battuta di un noto film anticlericale e, in definitiva, fasullo ed anticattolico? Perché questa si adatta mirabilmente alla situazione attuale: arrivano gli islamici, con la loro ideologia mortifera e satanista, perché siamo una società già morta, defunta. Non è rassegnazione, è realismo: quando abbiamo una società che odia (non “non sopporta”, proprio odia) il cattolicesimo e le proprie radici, imbevuta di ideali liberalisti e post-comunisti e radicali, con tutto ciò che ne consegue (maggiore povertà, tracollo delle nascite, crisi morale e religiosa a livelli assurdi), la conseguenza è che si diventa terra di conquista. Gli islamici trovano conferma, paradossalmente, del loro fanatismo nella debolezza e nello sdegnoso ripudio del cattolicesimo (vera pietra d’inciampo, non le già moribonde sette eretiche), del vero cattolicesimo che non teme ed a sua volta schifa ma abbraccia e si unisce alla Dottrina ed alla Divina Liturgia, da parte delle società occidentali. Anche per colpa di un modo irenista di condurre la Chiesa da sessant’anni a questa parte, per cui tutte le religioni sono uguali (stupidaggine illogica e condannata dal Magistero di svariati Pontefici), l’Islam ormai è arrivato da noi, e si accinge a conquistare il mondo. Prima avevo letto il commento di un utente, Nicola B, che si chiedeva cosa avrebbero potuto fare le poche guardie presenti in piazza San Pietro contro l’orda di maomettani all’assalto: niente, anzi saranno loro stessi a mettersi alla testa di quell’orda, perché musulmani o perché liberal-radicali. La colpa, e questo deve essere chiarissimo, è anzitutto nostra e non degli islamici (e so già bene che, da qui a qualche anno, queste parole che scrivo potrebbero causarmi la morte): non ci siamo opposti al modernismo, alla rivoluzione di Bugnini, non abbiamo pregato, non abbiamo trasmesso la fede, non ci siamo accostati ai Sacramenti, non abbiamo evangelizzato (“fatto proseliti”) gli infedeli, insomma abbiamo cercato di convertire Cristo a noi e non noi a Cristo ed infine siamo riusciti (in apparenza) ad uccidere il Corpo mistico di Cristo militante su questa terra. Ora ne paghiamo le conseguenze: non abbiamo diritto di lamentarci se l’Occidente è diventato ormai da decenni (se non secoli, dalla maledetta rivoluzione luterana) il campo da gioco di Satana tra aborto, unioni contro-natura, divorzio, ingegneria genetica, ogni perversione accettata e normalizzata, esperimenti contro l’uomo di natura tecnica e sociale, perdita della Vera Fede anche da parte di coloro che avrebbero dovuto tutelarla. Dove eravamo? Dove siamo noi oggi, che ci lamentiamo dell’arrivo dell’altro cavaliere, della bestia da guerra grottesca ed ideologizzata travestita da religione che è promanazione della Bestia, del Serpente maledetto che è “ladro ed omicida sin da principio” (e nessuno riconosce alle fondamenta di una ideologia di rapina e di conquista a mano armata), la quale non trova niente e nessuno ad opporsi, in primis la Cattolica che ha fatto la storia dell’Occidente per quasi 1800 anni. Riposa in pezzi, società liberal-agnostica! Riposa in pezzi, società di sperperi, di inutilità, di perdita di vista dell’Essenziale, dell’orizzontalità di un orizzonte solo umano, malato del peccato originale e che non riesce ad alzare lo sguardo su Cristo! Ma che sia chiaro: i maomettani avranno ancor meno pietà di coloro che gli hanno fatti entrare rispetto a coloro che si sono opposti all’invasione, che altro non era che opporsi al Male in una delle sue molteplici forme. Noi, forse, saremo martiri, voi sarete solo morti.

  • informatore ha detto:

    Sulla Stampa di oggi a pag. 15 due articoli sui possibili ampliamenti dell’Unione Europea. Il primo a firma di Francesco Grignetti afferma che il Ministro Paolo savona, prima di lasciare il suo attuale incarico per passare alla guida della Consob ha depositato in parlamento una corposa relazione in cui si auspica non solo l’allargamento dell’Unione ai Balcani Occidentali, ma anche alla Turchia. Se questa è la posizione ufficiale del governo Conte. non sembra però essere quella di Matteo Salvini che, in una intervista ad una rivista francese ha affermato che “aprire le porte dell’Europa alla Turchia è escluso . Abbiamo già abbastanza problemi di integrazione per far entrare a casa nostra questo cavallo di Troia”.

  • Iginio ha detto:

    Mah, veramente Messori anni fa scriveva di non preoccuparsi dell’immigrazione islamica perché tanto i musulmani, a contatto col nostro modo di vita edonista, si sarebbero liberati della zavorra islamica per passare alla società consumista…
    Ragionamento un po’ alla carlona, secondo me, ma siccome veniva da Messori…

    • agostino nobile ha detto:

      Iginio. Confermo quanto lei scrive. Io stesso, leggendo l’intervista cui lei fa riferimento, gli feci notare il suo abbaglio. Anche i grandi possono sbagliare, soprattutto quando, in questo caso, non hanno mai vissuto nei paesi musulmani. Nel mio articolo mi riferivo ai suoi numerosi articoli sull’islam riportati in seguito nel libro Pensare la storia. Sufficienti per capire la pericolosità islamista.

  • Cosmo ha detto:

    Ma siamo sicuri che il cattolicesimo abbia UN UNICO E SOLO NEMICO? E se così non fosse, siamo sicuri che il PIU’ PERICOLOSO SIA L’ISLAM?
    Alle due domande rispondo:
    a) il cattolicesimo NON DEVE DIFENDERSI DA UN UNICO NEMICO!!!
    b) ben più pericolosi dell’Islam, che almeno lo vediamo e possiamo riconoscere, sono quelli che invece, senza troppa appariscenza, COVANO GIA’DA TEMPO E LAVORANO NEL SENO STESSO DELL’OCCIDENTE: MASSONERIA E SIONISMO!!!
    Non per nulla entrambi posseggono il medesimo punto di riferimento: il Tempio!
    Peraltro nessuno pare minimamente porre in evidenza che proprio in questi ultimi mesi in Israele si stia cercando di ricostruirlo! Questa è HYBRIS che non potrà non essere punita dal vero Dio.
    Dott. Nobile, e se fosse vero che le Torri Gemelle siano state solo una grande montatura e che l’Isis sia foraggiata da Usa, Arabia Saudita ed Israele?
    Lei è disposto a correre il rischio di non tenerne conto?

    • agostino nobile ha detto:

      Cosmo. Quello che scrivo nei miei articoli relativi a islam, massoneria e laicismo sono chiari, come per esempio su questo sito: https://www.marcotosatti.com/2018/12/08/cosi-lontani-cosi-vicini-sharia-e-laicismo-sempre-ostili-ai-cristiani-un-articolo-di-agostino-nobile/
      Certo, le massonerie ebraiche hanno le proprie resonsabilità e sono pericolose (se vuole può leggere il mio libro Quello che i cattolici devono sapere – Ed. Segno) ma stiamo attenti a colpevolizzare tout court gli ebrei. I governi israeliani avranno molti peccati da farsi perdonare, ma è anche vero che l’ONU e l’intero occidente punta troppo spesso il dito contro Israele, mentre e assolve migliaia di crimini attuati dagli islamisti. Per quanto riguarda il coinvolgimento diretto dei governi da lei citati con i criminali dell’Isis, probabilmente sono stato il primo a scriverne in Italia, proprio nei giorni in cui decapitarono e filmarono i primi cristiani costretti nelle tute arancioni. Non condivido la teoria sull’abbattimento del World Trade Center, perché le prove addotte fanno acqua da tutte le parti.

      • Cosmo ha detto:

        Dott. Nobile,
        mi spiace ma io non leggo mai alcun riferimento esplicito da parte Sua alla Massoneria (quella internazionale, oltre che quella di casa nostra, che detiene il potere economico e politico mondiale) nè alle intemperanze sioniste: nemmeno nell’articolo da Lei citato ad esempio con il link qui suggeritomi.
        Concentrandosi in maniera esclusiva sull’Islam Lei sta in verità minimizzando il pericolo giudaico-sionista per la nostra fede, trasmettendo l’idea di una sua secondaria incidenza. Non andrebbe invece mai dimenticato che il giudaismo, per la propria ‘irriconoscenza’, ha già una volta ‘CROCIFISSO NOSTRO SIGNORE’, né si perita di continuare a rifarlo secondo metodi più sottili e meno appariscienti. Volendo ricostruire ad esempio il Tempio, per accelerare la venuta del loro pseudo-Messia (che altri non sarà se non l’Anticristo’), ben peggiori pericoli e danni sono in procinto di procurare a tutti i GOYM, quali non solo gli islamici, ma anche tutti noi cattolici siamo ai loro occhi!
        Grazie.

  • IMMATURO IRRESPONSIBLE ha detto:

    Urge un recupero “cattolico” di G.B. Vico. Altare, tribunale, matrimonio segnano la civilta’,perche’ rivelano l’azione della Divina Provvidenza nella storia, Provvidenza ,e qui sta il punto, che non annulla la liberta’ dell’uomo,ma, anzi la salva.. Ora , e’ possibile, anzi probabile, che queste istituzioni subiscano l’attacco simultaneo del nichilismo che distrugge, e dell’Islam che instaura (un credo elementare al servizio della legge religiosa, e un conseguente diritto familiare che apparira’ sempre piu’ una “protezione” della famiglia, contro il disfacimento causato dall’individualismo occidentale). Il Vico, che la storiografia non cattolica (liberale e marxista) ha opposto alla filosofia medievale, nei suoi scritti giuridici si dimostra invece un campione del diritto naturale, erede in cio’ del piu’ schietto tomismo. E’ stato, e’ , e sara’ il diritto naturale il fondamento e la giustificazione della civilta’ occidentale. La teologia cattolica, finche’ riconosce il non annullamento del piano naturale, sul quale opera la Grazia, conserva il suo primato su ogni altra interpretazione della realta’ umana (cosi’ del singolo come della societa’). Se al contrario anche il pensiero cattolico si “suicida”, in nome dello spontaneismo, dell’esistenzialismo estremo, dell’ odio per ogni essenzialismo, allora il rischio sara’ che le comunita’ islamiche , fondate sulla sola legge divina,giacche’ per esse lo stesso concetto di diritto naturale e’ impensabile, si autogiustifichino nel proprio integralismo, piu’ di quanto gia’ oggi accade, nel centro dell’Europa.

  • Astore da Cerquapalmata ha detto:

    ELISA:
    il partito degli angeli non esiste, purtroppo.
    Per essere governati in modo assolutamente cristiano occorrerebbe concentrare tutto il potere in una persona santa.
    Un san Francesco come monarca assoluto farebbe le fortune dell’Italia.
    Ma se ci sbagliassimo e invece di un santo venisse dato il potere a un lupo travestito da agnello?
    Di fatto in politica c’è qualche cristiano che, per pesare, deve a volte mediare perché da solo non può fare nulla.
    Per cui partiti totalmente buoni non esistono. Esistono partiti con aspetti buoni e aspetti cattivi, ma NON in uguale proporzione e con aspetti di eguale peso.
    Ci sono partitini con tanti bei principi, certo, come il popolo della famiglia, ma che contano meno del 2 di coppe.
    Votare non è semplice, sono d’accordo, ma occorre scegliere il male minore e, nello stesso tempo, il bene maggiore, in modo pragmatico.
    Personalmente penso che, REALISTICAMENTE, cioè al di là dei sogni che piacciono tanto anche a me, l’alternativa all’attuale governo sarebbe stata un governo a guida PD-FI. Una specie di governo monti.
    Il risultati: 150.000 migranti islamici di più (inUN SOLO ANNO), ideologia gender galoppante, asservimento all’UE e chissà cos’altro.
    Va male, anzi, malissimo. Eppure potrebbe andare peggio.
    Detto ciò, sono certo che la vera crisi è spirituale, per cui occorre innanzi tutto CONVERSIONE, che però non esclude l’IMPEGNO sociale. Anzi, lo richiede.

  • Antonella ha detto:

    Il nostro voto potrà sicuramente contribuire a una politica che garantisca sulla difesa dei diritti costituzionali,mimetizzati da un po’ di tempo a questa parte tra i colori sgargianti delle bandiere arcobaleno, credo però che un tale discorso non debba semplicemente limitarsi all’impegno politico, perché è nel suo specifico un problema soprattutto religioso.
    Come cattolici non possiamo fare finta di niente, dobbiamo invece apertamente affrontarlo, perché una religione monolitica e teocratica come l’Islam genera la sua politica e decide inevitabilmente la sua cultura. Abbiamo un Umanesimo da salvaguardare, nutrito da oltre duemila anni di Cristianesimo, dovremo per questo ripensare il suo annuncio e prima che sia troppo tardi, quando nel nome del dialogo interculturale si lascerà avanzare con la libertà di fede quel sistema legislativo che si radicalizza sui dettami del Corano. Sarà allora necessario riformulare le condizioni stesse del dialogo scegliendo i nostri interlocutori, come incoraggiava a fare Giovanni Paolo ll, non subendo passivamente le condizioni scellerate di Babele, ma coinvolgendo l’Europa sulle tracce della via Francigena.

  • Nicola B ha detto:

    P.S. preghiere e Santo Rosario per la salvezza dell’Italia, per la Chiesa e…..per le nascite….

    • deutero.amedeo ha detto:

      E che il Papa, i Cardinali e i Vescovi, tutti insieme, dicano un Miserere (Salmo 50 (51)) al plurale:

      Pietà di noi, o Dio, secondo la tua misericordia;
      nella tua grande bontà cancella i nostri peccati.
      Lavaci da tutte le nostre colpe,
      mondaci dai nostri peccati.

      Riconosciamo le nostre colpe,
      il nostro peccato ci sta sempre dinanzi.
      Contro di te, contro te solo abbiamo peccato,
      quello che è male ai tuoi occhi noi l’abbiamo fatto.

      E così sia.

  • Lucy ha detto:

    Vorrei aggiungere al discorso di Agostino Nobile tre testimonianze .La prima del 2016 è di Bruce Thornton docente di studi classici alla California State University.
    ” Gli jihadisti vogliono tornare alla gloria dell’Islam quando l’Europa tremava di fronte agli eserciti di Allah . Il loro obiettivo è il discorso d’addio di Msometto – “Bisogna combattere gli infedeli finchè non diranno :” non c’è altro Dio che Allah “.
    A questo imperativo il vero musulmano ovunque si trovi deve obbedire.
    La seconda , sempre del 2016 , è di George Weigel.
    ” La mancanza di volontà di nominare questa minaccia per quello che è va considerata parte del problema dell’incapacità dell’occidente di affrontare la minaccia con successo .Quando ho provato a discuterne con gli europarlamentari a Bruxelles mi è stato detto – ” Non venire qui a provocare, sappiamo che siamo finiti ma preferiamo morire in pace “.
    Questa risposta degli europarlamentari è l’esempio di quella che Nobile chiama ” rassegnazione negativa ” che annulla un progetto di vita , cioè il futuro.
    La terza è la realistica previsione di questo futuro ed è di mons Camillo Ballin , del 4/2/2019 , vicario apostolico dell’Arabia.
    L’Europa tra 50 anni sarà quasi completamente musulmana perchè non fa figli e per la mancanza di quegli ideali che possono rifarsi alle radici cristiane È come se si fosse creato un vuoto e questo vuoto viene pian piano colmato I musulmani che arrivano in Europa fanno tanti figli e MANTENGONO SALDE LE LORO RADICI .L ‘ Europa non riconosce più le radici valoriali , in questo vuoto si posiziona la fede islamica , LORO HANNO VALORI E SONO SALDI .Prima interesserà il Nord Europa poi tutto il resto “.

    • Paolo Giuseppe ha detto:

      @ Lucy
      Come sempre, condivido il tuo intervento e mi dispiace che l’ottimo Agostino Nobile ritenga possibile una “riscossa cristiana”.
      Per motivi che per brevità non posso elencare, ma che il tuo commento riassume con chiarezza, siamo una civiltà morta. Si tratta solo di capire chi ci seppellirà e quando.
      Del resto la chiesa attuale rappresenta in pieno la nostra situazione di non ritorno: relativismo dottrinale conclamato, vago ambientalismo, occhiolino (non dichiarato, ma evidente) all’omosessualità, sostegno delirante all’immigrazionismo selvaggio, liturgia da varietà, ecc., ecc.
      Per fortuna che il buon Dio mi ha fatto nascere nel ’43 così fra poco leverò le tende.

    • Adriana ha detto:

      ” Rassegnazione negativa “…..In questo paese le Forze dell’ Ordine sono diventate lo zimbello delle situazioni più scabrose innescate dalle “risorse “. La Magistratura difende chi delinque e mortifica chi ci protegge . Il Clero , quasi umanime , sfila dietro don Biancalani . Le Eminenze dell’Entità tagliano le Radici dell’ albero di 2000 anni , su cui stanno appollaiati .
      Un albero che con la sua chioma raggiungeva il Cielo…
      Un albero a forma di Croce .

      • deutero.amedeo ha detto:

        La vera rassegnazione — sul piano della lotta umana per sopravvivere alle frustrazioni — dovrebbe essere l’ultima risposta.
        La prima risposta di fronte a qualcuno che si pone di traverso sulla tua strada normalmente dovrebbe essere un aumento dell’aggressività che porta al combattimento.
        La seconda risposta è la regressione: un tentativo di mettere in atto risposte che in passato, in situazioni analoghe, hanno avuto successo.
        Se nemmeno questo risolve il problema, subentra la rassegnazione: non c’è più nulla da fare.

        La rassegnazione negativa di cui parla Nobili forse sarebbe più giusto chiamarla viltà, ignavia, mollezza.

  • Nicola B. ha detto:

    Riguardo il problema dei mussulmani, tutti puntano l’indice contro quelli che arrivano sui barconi. Problema grave che Salvini sta affrontando nella maniera giusta. Ma poi non capisco come si FACCIANO ENTRARE DECINE E DECINE DI MIGLIAIA DI MUSULMANI ALL’ ANNO REGOLARMENTE CON I PERMESSI DI SOGGIORNO A VARIO TITOLO CHE CONCEDIAMO LORO. Questo per me è il VERO PROBLEMA. NON DOVREBBE ENTRARNE NEANCHE UNO CON IL PERMESSO DI SOGGIORNO. PUNTO. Senza dare ai paesi richiedenti spiegazioni oppure dire loro cose tipo ” per adesso come ingressi siamo a posto ripassare tra 5 anni..” o altre scuse. Altrimenti é tutto inutile. Poi ovviamente ci saranno delle regole ferree per quelli che vivono in Italia. Ma prima bisogna impedire gli ingressi legali in Italia da tutti i paesi musulmani. Senza ovviamente annunciarlo al Mondo Intero. Come si diceva una volta, SI FA MA NON SI DICE. Riguardo poi la benevolenza che il Vaticano mostra verso gli Islamici, i nostri Pastori si sveglieranno quando sarà troppo tardi. Bruno Cornacchiola il veggente delle Tre Fontane ricevette la visione da parte della Madonna di Piazza San Pietro e della Basilica attaccate e distrutta da un’orda di adoratori della Religione della Pace Eterna. La Madonna inoltre in ripetuti messaggi nelle Sue Apparizioni a Zaro ( Ischia) ed Anguera ( Brasile) , ha parlato di e fatto vedere ai diversi veggenti, orde di uomini con il turbante e la barba lunga , attaccare e distruggere San Pietro. Tre coincidenze per me fanno una PROVA. Inoltre, a proposito di ODIO nei confronti dei nostri ” fratelli extracomunitari ” che viene sempre rinfacciato dalla Sinistra e dalla Chiesa a noi che amiamo il nostro Paese, ricordiamoci che il vero ODIO viene da SEMPRE dall’ Islam che voleva occupare Roma con i Turchi e trasformare San Pietro in una Moschea e adesso dai seguaci dell’ ISIS e da tutte le ramificazioni terroristiche islamiche. Ricordiamoci che hanno attaccato TUTTE LE PIÙ IMPORTANTI CAPITALI EUROPEE TRANNE ROMA. STANNO PREPARANDO IL GRAN BOTTO. Tanto più che il grosso e i migliori reparti dell’ esercito italiano stanno all’estero in missioni di pace . Sic ! Preghiamo il Santo Rosario Per l’italia, per Roma e per la Chiesa. P.S. leggetevi IL VEGGENTE- IL SEGRETO DELLE TRE FONTANE DI SAVERIO GAETA.

    • Alessandro ha detto:

      L’italia l’hanno lasciata stare perché e’ da qui che entrano, ed è qui che fanno i documenti falsi per poi girare in Europa, gli ha fatto comodo non smuovere troppi le acque in Italia, é come un ladro che la notte quando va’ a rubare si allontana dalla sua zona, il ladro non ruba mai casa sua, stessa cosa loro, il pericolo viene adesso che questo gioco lo abbiamo fermato… salvino e di Ma io ci stanno mettendo in pericolo sotto un altro punto di vista. Se l’Italia si isola politicamente in Europa, il giorno che qualcuno attacchera’ l’Italia nessuno verrà in nostro soccorso, come in siria, che e’ stata occupata senza che nessuno alzasse un dito. O qualcuno crede che l’Italia militarmente vale qualcosa? Se ci isoliamo in Europa siamo un facile bersaglio.

      • Nicola B ha detto:

        Io penso caro Alessandro che se anche ci fosse un governo gradito alla UE, in caso venissimo attaccanti la stessa UE non muoverebbe un dito in nostro favore. Piuttosto il vero problema e’ il movimento cinque stelle che da quel che mi sembra di capire non è né per gli Usa ne per la Russia al contrario delle Lega che sarebbe favorevole a rapporti molto buoni e stretti con entrambi gli Stati ma non può con questi alleati del piffero…l

      • Fabrizio Giudici ha detto:

        O qualcuno crede che l’Italia militarmente vale qualcosa?

        Questo si chiama autorazzismo. Le nostre forze armate valgono e non è giusto calunniarle come stai facendo: lo hanno dimostrato su tutti i teatri di guerra recenti. Comunque sarebbero più che sufficienti se dovessimo difenderci dai nostri vicini islamici in una guerra convenzionale, senza bisogno di grandi aiuti di terze parti. In una fase storica in cui gli eserciti di terra valgono solo con opportuna copertura aerea e marittima (poi per attaccarci dovrebbero passare il Mediterraneo) non dobbiamo certamente temere certi eserciti stranieri che non possono fare un gran che senza una superpotenza che dia appoggio logistico. Francamente non ce li vedo né gli USA né la Russia a dargli manforte.

        Invece il problema sarà la guerriglia e la guerra civile, con la lenta ma progressiva infiltrazione, che è proprio quello che subiamo per non aver voluto “isolarci” dall’Europa.

        • Alessandro ha detto:

          Io non discuto le forze armate come “uomini” io discuto l’arsenale degli armamenti, facciamo ridere anche i polli , abbiamo ancora i fucili della seconda guerra mondiale, se abbiamo qualche aereo è perché gli accordi europei ci hanno costretti a comprarne un Po negli anni, l’unica cosa che abbiamo è qualche nave, ma abbiamo pochissime unità di tutto, sia di aerei che di navi, gli armamenti da terra sono obsoleti e malandati, oltre che gli uomini che abbiamo sono pochissimi da quando il servizio di leva non è più obbligatorio, anzi le forze armate si sono trasformate in una succursale dei disoccupati, che si sono buttati tutti dentro le forze armate per avere uno stipendio, una grande percentuale dei nostri soldati ha scelto quella strada per vis della disoccupazione, ma dove vogliamo andare? A noi ci fanno il sedere viola pure i beduini sui cammelli😂😂

          • Fabrizio Giudici ha detto:

            Non ha senso parlare di cose serie con chi discute come se fosse al bar. Hai scritto pettegolezzi senza fonte e persino contraddittori.

        • Nicola B ha detto:

          ” poi per attaccarci dovrebbero attraversare il Mediterraneo….” Magari…Io penso purtroppo, e spero di essere smentito, che li abbiamo già tutti dentro casa e pure con le armi. Non devono attaccare tutta l’italia ma SOLO il Vaticano che odiano da morire ed a cui l’hanno giurata a morte. È sarà all’improvviso . E cosa potranno fare quei pochi poliziotti, carabinieri e militari li presenti in piazza San Pietro allora ? Comunque concordo con il fatto che la vera conquista dell’ Italia e dell’ Europa avverrà SOLO con la demografia cioè con le nascite. Anzi il
          Terrorismo da fastidio ai musulmani perche rischia di ” svegliare” italiani ed europei……

          • Alessandro ha detto:

            Sentiamo i tuoi dati e forniscici la tua fonte, visto che tu sai tutto, evidentemente sei uno che fa’ parte delle forze armate e allora ti senti toccato dal discorso, ma la realtà e’ che gli armamenti italiani e larsenale fanno pietà, non guardare che una piccola parte delle nostre forze hanno armamenti leggermente più recenti (30 anni fa) se entri nelle arterie delle caserme ( E io ci sono entrato) hanno ancora i fucili della seconda guerra mondiale, e hanno anche tutti la canna storta anche, sono quei fucili che hanno anche i 2 piedi incorporati per usarli anche da sdraiati e hanno la levetta che lo trasforma da semiautomatico a automatico, mi sembra si chiami F.A.L. Ma non sono sicuro sul nome preciso, se entri nelle arterie delle caserme ci trovi questi fucili vecchissimi e anche storti, poi quelle poche centinaia di militari che vedi in strada hanno armamenti più recenti, e anche quelli che vanno in missione, ma quelli li abbiamo a motivo della comunità europea che ci ha costretto a comprarli per accordo.

  • Astore da Cerquapalmata ha detto:

    Chi non conosce un senegalese?
    Ce ne sono di lavoratori, che non spacciano, che non rubano, brave persone.
    Ebbene, sua moglie se è sposato, le sue figlie se ha figlie, sua sorella, sua madre… sono certamente INFIBULATE. Al 100%.
    E così in Somalia. In Egitto al 70%, e così via.
    Questo non rende cattivo il buon senegalese, del resto se penso che da noi c’è l’aborto, davanti a Dio forse è proprio l’Occidente apostata a essere messo peggio, ma sta a ricordare che sotto certi aspetti i musulmani, quelli veri, per noi sono degli ALIENI.
    Non li capiamo e non capiamo il disprezzo di molti di loro verso di noi. Un disprezzo che c’è anche quando non dimostrato e che affiora ad ogni attentato islamico, mai condannato neppure dagli islamici moderati (a parte qualche caso).
    Una prova della loro diversità? Non esiste un solo Paese a maggioranza islamica che approvi i la carta dei diritti dell’uomo, perché la persona per l’Islam non ha diritti, ma li ha la comunità islamica e ne gode chi è sotto il suo ombrello.
    La cosa che a volte mi fa disprezzare più gli occidentali (da occidentale che non rinnega l’Occidente) sono le femministe che tacciono sull’infibulazione e più ancora i preti immigrazionisti, che magari “amano” così tanto gli immagrati da condividerne il letto (ci sono casi reali) ma non amano affatto le DONNE MUSULMANE, tra le più povere tra i poveri, tacendone la condizione per vigliacco opportunismo.
    Ma se la Chiesa non difende le donne musulmane (con tutta la prudenza necessaria affinché i cristiani in zone musulmane non subiscano ritorsioni), chi si occuperà di loro?

  • deutero.amedeo ha detto:

    Dò ragione a Papa Francesco, quando dice che la calunnia è un male sociale ed un peccato gravissimo per chi se ne rende colpevole. Non posso però a questo punto evitare di dire al Santo Padre che anche lui pecca gravemente di calunnia quando dà del calunniatore a chi dice la verità, come nel caso Viganò e come nei tanti casi di persone che , vuoi per effetto di uno studio approfondito, vuoi per effetto di esperienze personali, vuoi per semplice buon senso e spirito di osservazione riguardo a fatti realmente avvenuti, affermano che l’Islam è tutt’altro che una religione di pace. In questo senso farebbe bene a rivedere certe sue posizioni adeguandosi alla realtà, come quella chiaramente esposta nella riflessione di Agostino Nobile, che non sarà Sant’Agostino, ma non è neanche persona da disprezzare.

  • Adriana ha detto:

    Per le ” anime belle ” , e anche per quelle “bellissime “,
    riassumo i punti salienti di una conferenza tenuta in Egitto dal coraggioso intellettuale ” laico ” : Sayyd Al -Quemany .
    ( la trovate in rete -youtube- della serie ” Islamicando ” ) .
    L’argomento è il Ramadan ( quel periodo che venne definito – di
    grande spiritualità – dal nostro Biancovestito .
    Ora : ” Quando gli outhaya ( i gioielli ) dell’uomo in astinenza sono pieni , egli può farsi ” manibus turbare ” da una bimba dai 2 ai 3 anni , perchè questo non interrompe la sua astinenza ( e conseguente stato di purezza ) . Infatti il fluido dell’uomo NON è mai impuro . Impuro è quello della donna durante l’accoppiamento .
    Perciò l’uomo – durante il Ramadan – può avere soddisfazione
    ” pura “perfino avendo rapporti con una scimmia MASCHIO . Invece deve provvedere da sé – autonomamente – , qualora abbia sottomano SOLTANTO una scimmia femmina , perchè essa ha il fluido femminile che , al contatto con l’uomo , rende costui impuro e , in tal modo , egli ” interrompe ” il digiuno .
    Stuprare le bimbe non è proibito nell’Islam . Non c’è pena per colui che si accoppia con una bimba che NON abbia compiuto 9
    anni , purchè sia l’unica con cui lo faccia . ( Hadit di Ibn Qayym-Al-Jawziyya ( 1292-1360 ) ” Fatwa .id. vol. IV ,pag. 905 .”
    In ” Islamicando ” trovate anche una chiara …e autentica intervista a quel prof di Al .Ahzar che il Biancovestito ama sbaciucchiare ” interreligiosamente “. Sentite cosa dice sugli apostati dell’ Islamismo …e sulla loro ” giusta ” e ” unica ” sorte .

    • deutero.amedeo ha detto:

      E poi noi abbiamo un papa contrario alla casuistica….. a cui piace l’islam, religione sorella. Che ridere!

      Ma c’era proprio bisogno per la Chiesa di importare un peon dall’America latina?

      • Adriana ha detto:

        DEUTERO ,
        infatti , anche riconoscendo che in Italia , finora , è abbastanza difficile trovare scimmie a disposizione per la bisogna , non è difficile riconoscere negli hadit citati una concezione della
        ” purezza ” e dell’astinenza alquanto ” limitata “, come pure una concezione ” limitatissima ” della donna ( per esser 3 x buoni ) .
        Quanto alla utopia ( e menzogna ) delle religioni sorelle , risponde a sufficienza l’Imam dell’ Al- Ahzar .

        • Adriana ha detto:

          Bisogna regalare a Jorge-Mario e ai suoi Papaboys il ” Manuale delle giovani Marmotte ” perchè si informi meglio , altrimenti fa tutto
          un QUI -QUO -QUA ( delle religioni ).

          • Anima smarrita ha detto:

            In tutt’altre faccende affaccendato, non lo leggerebbe. Anche perché è superiore a tutti e a tutto, tanto che può anche permettersi di “divertirsi abitualmente” a fare il papa (come da sua confessione, 1 agosto 2018).

  • Ángel Manuel González Fernández ha detto:

    “Perché il Papa non parla di noi? Noi, ex islamici convertiti che viviamo in Occidente, in Italia, non contiamo nulla?”:
    http://www.lanuovabq.it/it/noi-ex-islamici-quanto-ci-costa-nascondere-la-croce

    • deutero.amedeo ha detto:

      Perché questo Papa non è un pastore mercenario ma è un vero pastore .
      E un vero pastore è anche proprietario dell’ovile e del gregge. Quindi, se vuole, può vendere l’ovile, può vendere e comprare le pecore, le può mungere e tosare e far rendere gravide dai montoni per produrre agnelli da vendere ad altri pastori o anche ai macellai.
      Vi rendete conto che sono più le pecore uccise dai pastori che quelle uccise dai lupi?

    • virro ha detto:

      Forse per lui non contate nulla, ma nel cuore di Gesù e della vera Chiesa, contate molto, siete stati battezzati con il Sangue di Cristo e con ciò siete diventati FIGLI DI DIO, non solo creature, ma FIGLI

  • Elisa ha detto:

    Quali sono i partiti che rispettano la costituzione, e i valori cristiani? Io non credo più nella politica, di nessun colore o ideologia, tutti anche la lega si sono inchinati al Qatar. Sono suoi amici. Perciò confido solo nell’Eterno come dice il salmo 118 e in nessun altro.

    • Valeria Fusetti ha detto:

      Infatti nella politica non si deve credere, la politica è solo uno strumento umano da gestire secondo il bene comune. Scambiare la politica con la Fede fa male e alla politica stessa e alla fede.

      • Gaetano2 ha detto:

        Ottimo Valeria!

      • Elisa ha detto:

        Sono d’accordo. Ma io mi riferivo quando nell’articolo dice che dobbiamo sostenere partiti che rispettano la costituzione e la nostra fede. Per questo mi chiedo quali sarebbero i partiti che rispettano costituzione e fede visto che tutti, da destra a sinistra si sono piegati a 90 gradi al Qatar? Anzi sono diventati i zerbini dei musulmani, a loro non servono più i tappeti per pregare, bastano i politici italiani ed europei.

  • Rafael Brotero ha detto:

    OT: Gentile Dott. Tosatti, per favore, una intervista a McCarrick, urgente. Questo potrebbe salvare la Chiesa. Lui sa e forse sarebbe disposto a parlare…

  • Klaus B ha detto:

    Quando Fallaci e Allam erano ancora di là da venire, c’era Ida Magli che evidenziava i pericoli dell’Islam.
    Parlo del 1977-78. Posso darne testimonianza diretta perché ricordo quello che mi diceva una mia amica che si laureò con lei.
    Prevedeva anche che il bubbone sarebbe scoppiato sotto forma di terrorismo a partire dal passaggio di millennio.
    A me non è mai stata simpatica e certamente era lontana dall’essere cattolica.
    Ma quello che è vero è vero, e gliene va dato atto.

  • Gene ha detto:

    Riflessioni giuste e da condividere, ma se quando spiego queste cose a mia moglie, mi dice che esagero, vuol dire che ci stiamo rassegnando implicitamente. Tutti o quasi i giornali, non fanno altro che invogliarci all’accoglienza senza se e senza ma. Senza dimenticare questo cialtrone di ” papa”.

  • Alessandro2 ha detto:

    Un altro intervento splendido e del tutto condivisibile di Agostino Nobile. Ricordiamoci delle sue parole e di questi pericoli reali, concreti, imminenti, quando andremo alle urne per elezioni europee e regionali. E’ poco, una goccia nell’oceano, ma con le crocette sulle schede e col un nostro comportamento certamente civile ma fermamente opposto all’islam si può fare molto.