MCCARRICK CONDANNATO. MA LE DOMANDE RESTANO SENZA UNA RISPOSTA CREDIBILE.

16 Febbraio 2019 Pubblicato da --

Marco Tosatti

L’ex cardinale statunitense Theodore Edgar McCarrick, 88 anni, è stato dimesso dallo stato clericale. Lo ha reso noto oggi un Comunicato della Congregazione per la Dottrina della Fede. Di seguito il testo:

“In data 11 gennaio 2019, il Congresso della Congregazione per la Dottrina della Fede ha emanato il decreto conclusivo del processo penale a carico di Theodore Edgar McCarrick, Arcivescovo emerito di Washington, D.C., con il quale l’accusato è stato dichiarato colpevole dei seguenti delitti perpetrati da chierico: sollecitazione in Confessione e violazioni del Sesto Comandamento del Decalogo con minori e adulti, con l’aggravante dell’abuso di potere, pertanto gli è stata imposta la pena della dimissione dallo stato clericale. Il 13 febbraio 2019 la Sessione Ordinaria (Feria IV) della Congregazione per la Dottrina della Fede ha esaminato gli argomenti presentati nel ricorso del ricorrente e ha deciso di confermare il decreto del Congresso. Questa decisione è stata notificata a Theodore McCarrick in data 15 febbraio 2019. Il Santo Padre ha riconosciuto la natura definitiva, a norma di legge, di questa decisione, la quale rende il caso res iudicata, cioè non soggetta ad ulteriore ricorso”.

Era noto la volontà del Pontefice di giungere al prossimo, imminente vertice in Vaticano sulla protezione dei minori con una condanna eccellente. L’inchiesta – amministrative – della Congregazione per la Dottrina della Fede è stata estremamente rapida, anche se non se ne sa praticamente nulla; se l’accusato abbia avuto possibilità di difendersi, se ci sia stato un patteggiamento e in quale forma. 

La dimissione dallo stato clericale dell’ex cardinale di 88 anni se offre una vittima di grande livello alla richiesta di giustizia emersa negli ultimi mesi non risponde a quelle che sono, per il presente e per il futuro, le questioni più importanti. In base a quali complicità e appoggi McCarrick ha potuto fare carriera, nonostante le denunce presenti nei suoi confronti da molti anni, e nonostante – la testimonianza Viganò è chiara in questo senso – i suggerimenti scritti tesi a punirlo presentati da Viganò stesso ai suoi superiori quando lavorava in Segreteria di Stato. (Scriveva Viganò: Papa Benedetto aveva comminato al Card. McCarrick sanzioni simili a quelle ora inflittegli da Papa Francesco: il cardinale doveva lasciare il seminario in cui abitava, gli veniva proibito di celebrare in pubblico, di partecipare a pubbliche riunioni, di dare conferenze, di viaggiare, con obbligo di dedicarsi ad una vita di preghiera e di penitenza).

Complicità che sono evidentemente continuate anche dopo che Benedetto XVI avesse imposto delle restrizioni all’attività pubblica di McCarrick, e sulla cui applicazione avrebbe dovuto vigilare – come è prassi in questi casi – l’arcivescovo della diocesi interessate, cioé Donald Wuerl, che però di McCarrick era amico.

E naturalmente e tristemente restano senza risposta le domande nate dalla testimonianza Viganò in relazione al Pontefice regnante. E cioè se è vero che nel giugno 2013, in un’udienza privata, sia accaduto questo, nella testimonianza di mons. Viganò:

<Subito dopo il papa mi chiese con tono accattivante: “Il card. McCarrick com’è?” Io gli risposi con tutta franchezza e se volete con tanta ingenuità: “Santo Padre, non so se lei conosce il card. McCarrick, ma se chiede alla Congregazione per i Vescovi c’è un dossier grande così su di lui. Ha corrotto generazioni di seminaristi e di sacerdoti e papa Benedetto gli ha imposto di ritirarsi ad una vita di preghiera e di penitenza”. Il papa non fece il minimo commento a quelle mie parole tanto gravi e non mostrò sul suo volto alcuna espressione di sorpresa, come se la cosa gli fosse già nota da tempo, e cambiò subito di argomento. Ma allora, con quale finalità il papa mi aveva posto quella domanda: “Il card. McCarrick com’è?”. Evidentemente voleva accertarsi se ero alleato di McCarrick o no>.

Le domande rimaste senza risposta, da parte del Pontefice, e stranamente mai più poste da nessun giornalista, dopo i tentativi frustrati compiuti dalle colleghe Anna Matranga e Cindy Wooden, si possono riassumere facilmente “Quando ha saputo che McCarrick era un uomo perverso, un predatore omosessuale seriale?”.

“È vero o non è vero che mons. Viganò l’ha avvertita il 23 giugno 2013?”.

E se è così, perché ha usato McCarrick come suo rappresentante non ufficiale in USA e all’estero, e come “suggeritore” delle nomine in USA e altrove?

Una noticina: quando è esploso il caso McCarrick i giornalisti del cerchio magico del Pontefice hanno cercato di mettere in dubbio che Benedetto XVI avesse imposto restrizioni su McCarrick. La lettera del card. Ouellet, un sostanziale autogoal, li ha smentiti clamorosamente. Adesso, assurti nell’empireo, cercano di far dire al portale Vaticano che in realtà si trattava di suggerimenti…Tipo: “eminenza stia buono se può…si tenga”. Tanto i buoni cattolici ingoiano qualunque materia.

Sul fatto che decapitato McCarrick il mccarrickismo continua, vi consiglio a leggere questo articolo su La Nuova Bussola Quotidiana.

E qui se volete c’è un breve video di commento.



Oggi è il 167° giorno in cui il pontefice regnante non ha, ancora, risposto.

Quando ha saputo che McCarrick era un un uomo perverso, un predatore omosessuale seriale?

È vero o non è vero che mons. Viganò l’ha avvertita il 23 giugno 2013?

Joseph Fessio, sj: “Sia un uomo. Si alzi in piedi, e risponda”.


Questo blog è il seguito naturale di San Pietro e Dintorni, presente su “La Stampa” fino a quando non fu troppo molesto.  Per chi fosse interessato al lavoro già svolto, ecco il link a San Pietro e Dintorni.

Se volete ricevere i nuovi articoli del blog, scrivete la vostra mail nella finestra a fianco.

L’articolo vi ha interessato? Condividetelo, se volete, sui social network, usando gli strumenti qui sotto.

Se invece volete aiutare sacerdoti “scomodi” in difficoltà, qui trovate il sito della Società di San Martino di Tours e di San Pio di Pietrelcina


Libri di Marco Tosatti

Se siete interessati a un libro, cliccate sul titolo….




UNO STILUM NELLA CARNE. 2017: DIARIO IMPIETOSO DI UNA CHIESA IN USCITA (E CADUTA) LIBERA

FATIMA, IL SEGRETO NON SVELATO E IL FUTURO DELLA CHIESA

  SANTI INDEMONIATI: CASI STRAORDINARI DI POSSESSIONE

  PADRE PIO CONTRO SATANA. LA BATTAGLIA FINALE

  Padre Pío contra Satanás

Tag: , , ,

Categoria:

Questo articolo è stato scritto da wp_7512482

98 commenti

  • A volte tornano ha detto:

    Chissà come mai i trolloni zerbini di bergolio, quando si pubblicano articoli o foto scomode, vedi Dannels, ammutoliscono forse nel tentativo di non attirare troppo l’attenzione dove non comoda e dove non avrebbero argomenti, salvo qualche stridente arrampicata sugli specchi😎😎!

  • Io ci vedo ha detto:

    Prego per tutti, pure per MACIEL, questo e’ secondo me il DOVERE di un vero cristiano. Il giudizio ultimo spetta a Dio.
    Non penso uno si danni per punizione ma se e perche’ lo sceglie. Altrimenti Dio non sarebbe buono e non avrebbe mandato Suo Figlio a morire per salvarci dai nostri peccati e dal peccato originale. Questo e’ il bello del cattolicesimo . Di può canonizzare santi ma dannare nessuno. Su quello SOLO Dio conosce il cuore.

    https://youtu.be/VdePHukr9kk

  • Astore da Cerquapalmata ha detto:

    Sono quasi certo che il Papa SAPESSE di McCarrick, sia perché Benedetto XVI gli ha lasciato il fascicolo sul tavolo, sia perché non vedo un motivo serio per cui Mons. Viganò debba averlo calunniato (perché di calunnia si tratterebbe).
    Sono state frustrate delle sue ambizioni? Ma di quanti si potrebbe dire in Vaticano?
    Del resto credo che se Viganò non si fosse tutelato con delle PROVE, sarebbe stato smentito SUBITO.
    Forse il Papa non ha agito contro McCarrick perché, pur sapendo che era un omosessuale “seriale”, ha rivolto le sue attenzioni solo verso dei ragazzi maggiorenni?
    Ma, se così fosse, visto che il Papa non solo non ha agito contro McCarrick, ma ne ha fatto un suo speciale consigliere,
    si è volontariamente avvalso della collaborazione di chi sapeva essere un “immaturo” a livello affettivo?
    O, più precisamente, di chi poteva supporre in STATO DI PECCATO MORTALE a causa di un vizio tra i più gravi?
    Inquietante

    • Gian ha detto:

      Di un principe della Chiesa cattolica “in stato di peccato mortale” che ogni giorno con le sue mani sozze si accostava all’altare e compiva sacrilegio… Bell’esempio! A proposito di non giudicare… e lo scandalo? Non sarebbe meglio piuttosto che… la macina al collo e inabissarsi.

  • Ángel Manuel González Fernández ha detto:

    Stimato Direttore::
    4 anni fa fu eliminato il mio tema:
    https://lossegadoresdelfindelmundo.blogspot.com/2014/05/2029-2031-fine-del-papato-in-ottuso-e-fine.html
    2 anni fa hanno preso la password il conto e dati che
    aveva in Yahoo e-mail.
    Subito Microsoft è intervenuto mia password e-mail.
    Ho affermato sempre che non ho niente da occultare che tutto quello che devo dire lo scrivo nel mio blogs e che è la stessa cosa che dico ai miei amici, conosciuti ed a tutti che mi vogliano ascoltare e leggere.
    Saluti.

    Estimado Director::
    Hace 4 años fue eliminado mi tema:
    https://lossegadoresdelfindelmundo.blogspot.com/2014/05/2029-2031-fin-del-papado-en-roma-y-fin.html
    Hace 2 años se llevaron la contraseña la cuenta y datos que tenía en Yahoo mail.
    Ahora mismo Microsoft ha intervenido en mi contraseña de emeil.
    Siempre he afirmado que no tengo nada que ocultar, que todo lo que tengo que decir lo escribo en mis blogs y que es lo mismo que digo a mis amigos, conocidos y a todos que me quieran escuchar y leer.
    Saludos.

  • Io ci vedo ha detto:

    OT

    Mi domandavo leggendo questo articolo e le parole di Ratzinger…..Dio ha saputo trarre il bene dal male? Io una risposta ce l’ ho ……Dio e’ amore….e chi e’ con Dio dovrebbe irradiare il suo amore…..non possiamo giudicare il destino di un anima ma abbiamo la possibilita’ di pregare….

    https://www.ilfoglio.it/articoli/2010/12/15/news/la-damnatio-memoriae-di-maciel-per-salvare-i-suoi-legionari-66698/

  • Alessandro ha detto:

    È straordinario oggi quanto gli emissari bergogliani si sono scatenati su questo blog, leggo diverse persone difendere l’indifendibile in mala fede, e mentire spudoratamente consapevoli di mentire, sig. Tosatti oggi le hanno scagliato contro la cavalleria 😂 una riflessione , all’inizio non capirete ma alla fine del ragionamento capirete il collegamento. Un poliziotto si comporta da poliziotto e non si comporta come un criminale, non ruba ma arresta quelli xhe rubano giusto? Un dottore si comporta come un dottore e non come uno che uccide la gente ma la salva giusto? Loro fanno.un giuramento solenne e se rompono quel giuramento vengono arrestati per “falso ideologico”, ora i vari bergoglio, kasper e compagnia bella quando sono stati ordinati hanno fatto giuramenti solenni che ora non stanno mantenendo e stanno facendo l’esatto contrario, questo si chiama “falso ideologico” , per entrare nella chiesa Hanno fatto finta di credere al “vero magistero” e alla “vera dottrina” e appena sono arrivati a livelli dove nessuno li poteva punire hanno rinnegato tutto, una specie di raggiro, e adesso vado anche oltre “UN RELIGIOSO NON DOVREBBE COMPORTARSI COME UN SATANISTA” GIUSTO? Cosa fanno i satanisti nei loro riti? Fanno orgie e accoppiamenti contro natura, violentano bambini e bambine, sodomia, fanno esattamente le stesse identiche cose che fanno i satanisti durante i loro riti molti uomini di chiesa che sono già stati e condannati ” quindi lo dicono i giudici” quindi questi uomini di chiesa fanno le stesse cose che fanno i satanisti durante i loro riti, ci manca solo che li troviamo nudi nei boschi ad accoppiarsi con i caproni ” e non è detto che se li seguiamo non li becchiamo davvero a farlo” ma che cosa vogliono ancora difendere questi qui? Vogliono difendere i satanisti? Gesu cristo ha combattuto Satana o lo ha difeso? Ma che hanno le crisi di identità dentro la chiesa?

    • Rafael Brotero ha detto:

      Chi segue le vicende di Berggy and his Berggyboys dal principio e ha letto Windswept house fino alla fine dei dubbi in questo mérito non ne ha.

  • Dorotea ha detto:

    Dott. Tosatti le segnalo questo articolo che riporta come già dagli Anni ’50-60 i Gesuiti si erano “aperti” all’etica della situazione “neocasuistica”….
    Gesuiti in prima fila…. sapevate che??
    https://cooperatores-veritatis.org/2018/09/07/gesuiti-in-prima-fila-sapevate-che/

  • deutero.amedeo ha detto:

    No perché, cioè nella misura in cui anche McCarrick è figlio dell’unico Padre e nostro fratello, né più né meno di un talebano o di un islamico dinamitico e dinamitardo, immigrato abusivamente, ma comunque volto, per noi cristiani, di Gesù Cristo in persona, non si capisce perché dovrebbe essere escluso dalla misericordia di Dio. E’ questo che il mio cervello di gallina brembana, tirata su a stenti da Scarpe Grosse, pota, io non riesco a capire. Sperriamo che il Spirito Santo mi faccia capire. Intanto vado a dormire e buona notte a tutti i amici di stilium cure. E mi scusi il moderatore. Se vuole mi metta sul blog e se de no faccia senza. Come vuole lui.

    🙂 🙂 🙂

  • Alessandro ha detto:

    Il problema , da quello che mi è stato spiegato da formatori religiosi è che loro devono dividere il “peccato” dal “reato” l’omosessualità la classificano come peccato, la classificano uno sbaglio da correggere, come se io faccio a pugni con il mio fratello oppure dico una parolaccia, o in un momento di debolezza vado con una donna,per loro l’omosessualità è peccato e la trattano come peccato. Invece l’abuso è un reato penale, ed è per questo che loro parlano solo di abusi e non mettono e non menzionano il fattore omosessuale. Loro fanno questa distinzione , io non sono d’accordo. Però volevo solo esporre quello che è stato spiegato a me da un formatore religioso di futuri frati.

  • Anima smarrita ha detto:

    «Ci sono stati dei casi, ad esempio, in cui si sono poste delle difficoltà di tipo dogmatico, e io non mi sento di rispondere solo con la ragione, mi viene spontaneo agire in un altro modo».
    Così Bergoglio ai giornalisti durante il volo di ritorno da Panama il 28 gennaio scorso ed ancora una volta, nella vicenda McCarrick, ha inteso “agire” a modo suo.
    Dopo aver approvato (obtorto collo? a seguito della pubblicità, non certo positiva che il caso aveva suscitato?) la riduzione allo stato laicale dell’ex cardinale, gratificato il giorno prima della sentenza con la nomina a Camerlengo del suo ex ausiliare ed ex coinquilino, « le domande – insiste il dott. Tosatti – restano senza una risposta credibile».
    Cosa comporta tale sentenza? Va per gli 89 anni e già da luglio – almeno! -gli era stato imposto il divieto di celebrare, restando a vivere in un convento… Ah! la misericordia, per la quale nel discorso alla Curia per gli auguri di Natale 2017, dopo aver giustificato l’ “allontanamento” di dipendenti e collaboratori, perché – a suo dire – traditori della fiducia loro accordata, aveva aggiunto che, ad altri lasciati al loro posto di servizio «si dà tutto il tempo per riprendere la giusta via, nella speranza che trovino nella pazienza della Chiesa un’opportunità per convertirsi e non per approfittarsene». Ecco … è fatto così …e forse avrebbe preferito… restare in attesa della “conversione” del cardinale spretato…
    Non sarà la decisione adottata nei confronti di McCarrick “la risposta” attesa al Memorandum di mons. Viganò, né un depotenziamento della medesima testimonianza. L’ arcivescovo, infatti, rilancia con domande precise e circostanziate, che interpellano direttamente la coscienza dei partecipanti all’ Incontro che prenderà avvio giovedì prossimo. E mons. Viganò in quel consesso non sarà il convitato di pietra, la sua presenza si è imposta con l’intervento al Simposio organizzato dal National Catholic Register, richiamando alle proprie responsabilità i confratelli nell’episcopato.

  • MASSIMILIANO ha detto:

    A quanto sembra si fanno sempre più numerose le sacerdotesse incipriate (magari anche vescovesse e cardinalesse) che difendono fino in fondo il loro sederino dagli attacchi “omofobi”… Dovreste difenderlo da qualcosaltro! Fate comunque pena oltre al ribrezzo di cui sotto. Saluti.
    Massimiliano.

  • franco ha detto:

    http://espresso.repubblica.it/attualita/2019/02/14/news/sodoma-gay-in-vaticano-cosi-il-libro-racconta-la-mia-storia-1.331621

    Non è omosessualità, contrariamente alle prove, ma clericalismo, come vuole la vulgata.
    Che Dio ci aiuti!

  • Maria Cristina ha detto:

    Se pensano di aver risolto le cose di fronte all’ indignazione montante e al disgusto dei fedeli cattolici con la punizione di McCarrick, si sbagliano di grosso , si prospetta subito all’ orizzonte un altro caso clamoroso , l’ affare Zanchetta, argentino, e sul quale il Papa avra’ piu’ difficolta’ a far credere che non sapeva nulla.
    Se vediamo come sono andata le cose dal viaggio in Cile e dal cado Karadima/Barros, e’ un susseguirsi affannoso da parte di Bergoglio di ritirate strategiche per non perdere la faccia, su Barros passo’ dal dire Sono tutte calunnie, e’ chiaro? ad ammettere pubblicamente di essersi sbagliato. Su McCarrick non ha ammesso nulla, per non dare ragione a Vigano’ , ma i fatti venuti a lla luce sono cosi’ gravi da non poter agire altrimenti che col processo canonico. Vedremo cosa escogitera’ con Zanchetta. Non puo’ dire “Io non lo conosco” essendo stato suo direttore spirituale e confessore in Argentina. E anche in Italia prima o poi la congiura del silenzio saltera’ e tanti vescovi oggi in auge saranno chiamati a rispondere dei loro insabbiamenti e coperture …
    E poi dopo Zanchetta, magari ne spuntera’ un altro e poi un altro ancora..si e’ scoperchiato Il vaso di Pandora, cio’ che era segreto e’ venuto alla luce, difficile ora recuperare credibilita’ per quanto si sforzino , lui e i suoi pretoriani, a minimizzare.

    • Rettifica ha detto:

      ”Su McCarrick non ha ammesso nulla, per non dare ragione a Vigano’ , ma i fatti venuti a lla luce sono cosi’ gravi da non poter agire altrimenti che col processo canonico.”

      Il processo é iniziato prima di Viganò e la testimonianza di Viganò non riguarda i fatti del processo.
      Un consiglio: scriva di meno e si informi di più.

      • Maria Cristina ha detto:

        Cosa c’ entra quello che dice? Il Papa su MCCarrick non ha mai ammesso , come ha fatto su Barros, che era stato mal informato e che si era sbagliato. Questo volevo dire. Non c’ e’ stata alcuna ammissione .Se ci fosse stata avrebbe ovviamente dato ragione a Vigano’ cosa che non poteva essere .
        Poi certo c’ e’ stato il processo, non ho detto che sia stato in conseguenza di quel che ha rivelato Vigano’ .
        Dico solo che l’ atteggiamento del Papa e’ stato diverso nel caso McCarrick che nel caso Barros. Di mezzo c’ e’ stato il dossier di Vigano’ . Impossibile per Bergoglio ammettere che quel che diceva Vigano’ era vero. Impossibile forse anche dimostrare che Vigano’ ha detto il falso. Da qui la salomonica sentenza : su questo io non parlo, data ai giornalisti.
        Non parlo, forse sì forse no, fate voi. No comment.

  • pucci ha detto:

    LA DOMANDA DI TOSATTI
    “Quando ha saputo che McCarrick era un uomo perverso, un predatore omosessuale seriale?”

    LA RISPOSTA DEL PAPA
    “Nel settembre 2017” (Comunicato Sala Stampa 6.10.2018)

    SPIEGAZIONE A TOSATTI
    Prima di quella data, al massimo, “ha saputo che qualcuno diceva qualcosa”, non che “McCarrick era” o “McCarrick ha fatto”. L’importanza del verbo “sapere” e del relativo complemento oggetto, su cui è giocata la falsa testimonianza del monsignor Viganò.
    Saluti vivissimi.

    • wp_7512482 ha detto:

      Credo che di falso ci sia quello che lei scrive, Pucci. Se il colloquio Papa Viganò è stato come riportato da Viganò (e il Papà non ha smentito) dal giugno 2013 sapeva ben più di quello che lei dice. E se non sapeva dopo le accuse di Viganò avrebbe potuto/dovuto informarsi. Quindi lei scrive cose non vere. Buonasera.

      • Adriana ha detto:

        Gentile Tosatti ,
        Pucci non ha fatto altro che difendere il Papa migrante con tutte le sue ( poche ) risorse grammaticali e morfologiche . Deve trattarsi di un avvocato pro risorse , di quelli segnati nei manuali Feltrinelli .

    • pussipussi ha detto:

      “vittima” consenziente o ben ricompensata ?

    • GMZ ha detto:

      Il papa lo sapeva almeno (e sottolineo: almeno) dalla sua elezione, quando ricevette 300 pagine con l’elenco di busi e abusi da Benedetto XVI.
      È anche vero che Bergoglio quel dossier non l’ha mai letto: sapeva già a menadito quali nomi vi fossero elencati.

    • robinhood ha detto:

      Falsa testimonianza di Viganò ? lo ha deciso lei o lo dice per conto di qualcuno ? Lei non sa neppure di che , e di chi, sta parlando .

  • Ángel Manuel González Fernández ha detto:

    Omelia 15 febbraio 2019:
    “La paura è l’origine della schiavitù. È anche l’origine di ogni dittatura, perché sulla paura del popolo cresce la violenza dei dittatori”: Bene lo sa il profetizzato “Pastore stolto e Falso profeta” Francesco!

  • Ángel Manuel González Fernández ha detto:

    Caro Direttore:
    L’unica risposta credibile è che, il profetizzato “Pastore stolto e Falso profeta” Francesco continuerà minimo 10 anni più, facendo e disfando la Chiesa cattolica fino all’arrivo del suo padrone e signore l’Anticristo.
    Saluti.

    • Vittorio ha detto:

      @ Fernandez

      Dato che ho capito che ritiene che la anticristo sia Macron ora dice pure che per 10 anni non si manifesta. Allora le dico a voi spagnoli non rompe le scatole agli italiani si. ORA 😘

  • Antonio Cafazzo ha detto:

    … si entra e si esce, si sfila sotto i riflettori e si applaude… ma prima o poi qualcuno griderà “IL RE E’ NUDO”…
    “Aquello inquietó al emperador, pues barruntaba que el pueblo tenía razón; mas pensó: «Hay que aguantar hasta el fin». Y siguió más altivo que antes; y las ayudas de cámara continuaron sosteniendo la inexistente cola”.

    • Adriana ha detto:

      Antonio Cafazzo ,
      ben detto ! Peccato che qui non si tratti di un Re , solo ,-nudo -, ma di una pletora di individui che , messi assieme somigliano a una discarica di immondizia il cui fetore , ormai , ammorba le città . Non intendono svuotarla , ma fare finta di svuotarla .
      Cercano di mantenere in vigore il loro potere , senza rendersi conto di star attuando un accanimento terapeutico .

  • deutero.amedeo ha detto:

    Fratelli e sorelle, questo è per il nostro Santo Padre il sesto comandamento.
    UDIENZA GENERALE
    Piazza San Pietro
    Mercoledì, 24 ottobre 2018
    Cari fratelli e sorelle, buongiorno!
    Nel nostro itinerario di catechesi sui Comandamenti arriviamo oggi alla Sesta Parola, che riguarda la dimensione affettiva e sessuale, e recita: «Non commettere adulterio».
    Il richiamo immediato è alla fedeltà, e in effetti nessun rapporto umano è autentico senza fedeltà e lealtà.
    Piazza San Pietro
    Mercoledì, 31 ottobre 2018
    Cari fratelli e sorelle, buongiorno!
    Oggi vorrei completare la catechesi sulla Sesta Parola del Decalogo – “Non commettere adulterio” –, evidenziando che l’amore fedele di Cristo è la luce per vivere la bellezza dell’affettività umana. Infatti, la nostra dimensione affettiva è una chiamata all’amore, che si manifesta nella fedeltà, nell’accoglienza e nella misericordia. Questo è molto importante. L’amore come si manifesta? Nella fedeltà, nell’accoglienza e nella misericordia.
    Non va, però, dimenticato che questo comandamento si riferisce esplicitamente alla fedeltà matrimoniale, e dunque è bene riflettere più a fondo sul suo significato sponsale.
    _________________
    Sono completamente spariti gli “atti impuri”.
    E adesso spreta un cardinale per aver peccato contro il sesto comandamento!
    E io dovrei giocarmi la vita eterna per un ciarlatano del genere? No eh!

    • Mari ha detto:

      E’ da diversi anni che mi ero resa conto che la catechesi “moderna” non presentava più il sesto comandamento come “Non commettere atti impuri” (che per secoli i piccoli studenti di dottrina cattolica mandavano a memoria senza conoscerne le più recondite implicazioni) ma con il biblico “Non commettere adulterio”.

      La cosa mi disturbava, non capivo bene perché… c’era qualcosa che non mi tornava.

      Forse ora ho capito meglio questo comandamento, comandamento che sembra essere svanito dalla predicazione… e dalla vita dei cattolici.

      Ora ho capito che quei non ben specificati “atti” sono quelli che le creature umane devono mettere in atto quando, per il loro stato, sono chiamati alla generazione di altre creature umane, situazione che li rende (più di qualsiasi altra azione che possano compiere), collaboratori di Dio nella creazione di altro “beneficiari” di quell’immenso dono di Dio che è la Vita Eterna, dono costato a Nostro Signore sofferenze terribili e la sua morte.

      “…il Signore avrebbe potuto creare continuamente uomini e donne, come aveva fatto con Adamo ed Eva.
      Si è spogliato di questa prerogativa dando mandato all’uomo e alla donna di crescere e moltiplicarsi”( Padre Pio da Pietrelcina)

      Ci rendiamo ancora conto dell’immensa dignità di questi “atti”? Quando ci è concesso di viverli come “continuazione della creazione”, noi collaboriamo con la potenza creatrice di Dio!

      Ma noi, noi cattolici, queste ragioni di saper attuare “atti puri” non le conosciamo più… non sappiamo neppure più cosa sono gli atti impuri, che certo comprendono l’adulterio, ma che non possono limitarsi a esso, considerata la delicatezza e l’importanza della trasmissione della vita.

      Ci limitiamo allora al divieto di mettere le corna al legittimo coniuge…

      … come nei comandamenti del Vecchio Testamento (che tra l’altro ammetteva il divorzio: faccenda che nostro Signore provvide a chiarire con poche, irreformabili, parole che ripristinarono un ordine voluto fin da principio e che era stato disatteso “per la durezza dei … cuori” ma che l’avvento del Redendore rendeva nuovamente possibile a chi si apriva alla sua Grazia).

      • carlone ha detto:

        Complimenti, intervento da applausi ! Non solo è vero tutto ciò che lei dice ,ma si può aggiungere che nel comandamento contro l’ adulterio è implicita la condanna di tutti gli atti impuri.Adulterio viene da adulterato, quindi falsificato , è quindi non commettere falsificazioni sull’amore ,fede ,è quindi anche per i motivi che lei ha scritto , anche sulla sessualità . In teoria anche un prete od una suora sposi della Chiesa e di Gesù , possono commettere adulterio .

        • deutero.amedeo ha detto:

          Dal Vocabolario Treccani.
          adultèrio (ant. adultèro, avoltèrio e avoltèro) s. m. [dal lat. adulterium, der. di adulterare: v. adulterare]. – 1. Colpa o, sotto l’aspetto giuridico, delitto contro l’istituto del matrimonio, consistente nell’unione sessuale di uno dei coniugi con persona diversa dal proprio coniuge: commettere a.; moglie accusata di a.; a. duplice, nella morale cattolica, quando tutti e due i colpevoli sono coniugati (semplice in caso diverso). Con la riforma del diritto di famiglia, l’adulterio (così come il concubinato) non costituisce reato, ma soltanto, nel diritto civile, causa di separazione personale dei coniugi. 2. Nel linguaggio letter., qualsiasi contaminazione o accoppiamento illegittimo: Vaticano e l’altre parti elette Di Roma … Tosto libere fien de l’avoltero (Dante); certi a. tra i termini propri e le metafore (Carducci).

          • carlone ha detto:

            Strano che lei sia della val Brembana, capisce sempre tone per bidone. È anche scritto , guardi da dove deriva il termine adulterio .

          • deutero.amedeo ha detto:

            @Carlone.
            Dal Vocabolario Treccani:
            ADULTERARE
            adulterare (ant. avolterare) v. tr. [dal lat. adulterare, comp. di ad- e alterare «alterare»] (io adùltero, ecc.). – 1. Alterare, falsificare: a. vini, medicinali, alimenti (v. adulterazione). Fig., guastare, corrompere: non si curando … di a. e imbastardire una lingua (Gelli). 2. ant. a. tr. Indurre all’adulterio, mettere in condizione di commettere adulterio, prostituire: gli rinfacciò aver con danari e lussurie adulterato Poppea (B. Davanzati); fig.: le cose di Dio, … voi rapaci Per oro e per argento avolterate (Dante). b. intr. Commettere adulterio: se uno in vita sua ruba e adultera (Segneri); fig.: li prelati che vanno drieto all’avarizia, adulterano, perocché lassano la fede data a Cristo, e vanno dirieto al fiorino, che è esca del dimonio (Buti). ◆ Part. pres. adulterante, anche come agg. e s. m., riferito a sostanza di prezzo o qualità inferiore, e non sempre innocua, che venga aggiunta a un alimento o ad altro per abbassarne il prezzo o modificarne, per es., le proprietà organolettiche. ◆ Part. pass. adulterato, anche come agg., alterato, contraffatto: vino, latte adulterato, merce adulterata.

    • pussipussi ha detto:

      è indispensabile che lei chieda spiegazioni a PUCCI …altrimenti rischia di andare in Paradiso.

    • virro ha detto:

      ….tanta manipolazione per arrivare al 21 febbraio 2019?….
      Ma, mi domando: quando confermerà i suoi fratelli nella fede?
      quando si sentirà una sua parola di rassicurazione?

  • Valeria Fusetti ha detto:

    Caro Matteucci: SI, sottolineato più volte ! È sconcertante quello che si vede nel video in cui il card Daaneels presenta la sua biografia: È in Chiesa, mentre lui ed il giornalista se la contano felici e contenti, dal racconto emerge un consesso di porporati che hanno impiegato il tempo a trasgredire un buon numero di Comandamenti, il tutto sotto il Crocifisso. Il pubblico intanto partecipa come può: alla parola “Mafia” ridacchiano ed in fine, fragorosamente, applaudono ! Sono scandalizzata ? Si. Sono un’ insopportabile farisea ? Se essere scandalizzati, inorriditi, dispiaciuti significa essere farisei, be’ lo sono e ne ringrazio Dio !

  • Marco Matteucci ha detto:

    Giusto per dovere di cronaca:
    Nel 2014 Francesco con un atto di clemenza dovuto all’intercessione del cardinale pro-gay Coccopalmerio, riabilitò don Mauro “Mercedes” Inzoli, il quale era stato rimosso dalla sua funzione sacerdotale da Papa Benedetto XVI° già nel 2012, concedendogli di tornare al sacerdozio. Salvo poi, come fa oggi con McCarrick, ridurlo allo stato laicale nel 2017 sotto le fortissime pressioni dell’oligarchia mediatica non esclusivamente vaticana.
    Un nodo di procedere che per cronologia è modalità di esecuzione è purtroppo solo un’altra squallida fotocopia delle tristissime vicende attuali!

  • Rafael Brotero ha detto:

    Povero McCarrick, un cardinale cosi in uscita, ecologico, omofilico, il primo tra i piu fedeli bergogliani! La riduzione allo stato laicale sara un colpo troppo duro. Niente piu feste coi seminaristi in cattedrale! Ridotto aí volgari club gay di Times Square! Orrore.

  • Pier Luigi Tossani ha detto:

    è chiaro che ci voleva un capro espiatorio che salvasse il resto della banda. Elementare.
    D’altronde, è altrettanto chiaro che in Vaticano si continua a stendere la cortina fumogena della pedofilia, o del clericalismo invece di dire la verità, cioè che si tratta di omosessualità.
    Il popolo, fra l’altro un po’ rinco, ha altro a cui pensare, i media stanno dalla parte di chi stanno, e le cose vanno avanti così, fino al Giorno del Giudizio, come dice il Monsignore, e lì saranno caxxi amari per qualcuno.

    • Domanda ha detto:

      Siamo arrivati al punto che McCarrick è diventato un ”capro espiatorio”. Perchè non anche un ”agnello sacrificale” giá che ci siamo?

      • deutero.amedeo ha detto:

        Non fraintendete, per favore! non sono pro McCarrick, ma questa vicenda fra un papa di 82 anni e un cardinale di 89 mi ricorda molto la vicenda Maramaldo-Ferrucci :Vile, tu uccidi un uomo morto!

        • pucci ha detto:

          Vergogna! Vallo a dire alle vittime che hanno avuto giustizia dopo tanti anni e, forse, potranno adesso ottenere un congruo risarcimento.

          • deutero.amedeo ha detto:

            Tananai! Il risarcimento lo hanno avuto o lo avranno indipendentemente dal fatto che McCarrick venga maltrattato dal papa o meno.

          • pussipussi ha detto:

            Sono contento per le vere vittime e mi compiaccio che possano avere un riconoscimento, giustizia e risarcimento . Ma mi viene detto da amici americani coinvolti in queste vicende professionalemnte , che un pò di queste vittime si sono curiosamente ricordate degli abusi qualche decennio dopo. Curioso no ? Non sarà che ora il risarcimento andrà anche pagare gli avvocati americani che li hanno scovati dopo tanto tempo e hanno fatto intendere loro che sarebbero diventati ricchi denunciando . O no ?

          • robinhood ha detto:

            con questa sua considerazione ,mi sono convinto . Lei è uso rispondere alle domande, prima di aver sentito la domanda stessa . Vero ? glielo diceva anche la sua maestra alle elementari ?

          • Vittorio ha detto:

            @ Pucci

            Le vittime hanno DIRITTO alla giustizia. Ma certe vite possono essere rovinate per sempre, soprattutto se si rinfocolare le ferite. Esiste un libro “la perdono, padre” dove un padre di famiglia dopo anni cerca e trova il suo vecchio seviziatore. E’ lui a fare coraggio al vecchio religioso che RICONOSCE E DICE MI DANNERO’. L’ autore non sa, il vecchio non risponde, se anche lui fu violentato da piccolo. Forse lo immagina. Il peccato porta altro peccato. Ma dopo aver cercato giustizia perche’ non cercare di dimenticare? Dio può tutto. E pure la ns psiche puo’ molto. Lo sanno pure gli islamici (e qui aggravio la mia posizione 🙂) chi fa giustizia e’ grande chi perdona DI PIU’.

  • MASSIMILIANO ha detto:

    La cosa che mi fa capire quale sia il livello della fede cattolica nell’anno 2019 è leggere commenti nei quali di parla di castità per i cattolici distinti tra cattolici etero e cattolici omo. A quando i cattolici trans, queer, intersessuali, pansessuali, genderfluid, kinki o BDSM…? E’ proprio vero, l’intelligenza di Satana è straordinaria, ma la stupidità umana purtruppo lo è ancora di più. Ci sarebbe da perdere la speranza osservando di come si parla tranquillamente di questioni che gridano vendetta davanti a Dio. Personalmente mi fanno ribrezzo, mi provocano conati di vomito solo a vederli e sentirli parlare. Così come mi fa ribrezzo un Farrell che ha vissuto per decenni tra chiappe allegre ma ovviamente non si è mai accorto di nulla… E ancor di più mi fa ribrezzo un papa che mi fa la morale sulla raccolta differenziata, sulla madre terra, sul non buttare la carta per terra e poi si circonda e protegge centinaia di checche isteriche, con una chiesa che scomunica chi non paga ma non chi esulta per l’infanticidio approvato. Ma mi facciano il piacere! Ormai però non si scandalizza più nessuno… Sodoma evidentemente fu risparmiata e probabilmente Noè costruì l’arca per un viaggio di piacere…… Saluti.
    Massimiliano.

    • Gian Piero ha detto:

      Della coppia di fatto cardinalizia dei gai conviventi McCarrick -Farrell, un membro della coppia viene punito e l’ altro messo in sicurezza con la nomina a Camerlengo.
      Schizofrenia o tattica?
      Intanto trapela che il card. o’ Malley si e’ scontrato con la linea adottata da Papa Francesco e dai vertici del prossimo summit sugli abusi ( all’ inizio non era neanche stato invitato)
      Ci sara’ ancora qualche coraggioso che osa chieder ragione di questo bailamme o saranno tutti cortigianamenti pronti a laudare le magnifiche sorti e progressive della Chiesa bergogliana?

      • Natan ha detto:

        21-24 febbraio 2019 Incontro dei Lecca -lecca. Con distribuzione a cura del Sovrano Ordine di Malta di chaget . Alla fine nel cortile della Pigna verrà offerto un buffè, con passaggio di mato argentino. I canti saranno eseguiti dai Queen. Ospite Lady GaGa, gli onori di casa verranno da “Milva” ( nome in codice di un Eminentissimo)già conosciuto oltreoceano per aver portato a New York il Coro della Sistina. Per l’occasione è stato provato dal coro “Vola colomba bianca vola”una canzone che riscosse molto successo nella tradizione canterina italiana nel festival di Sanremo, allora a cantare tale inno fu Nilla Pizzi , sicuramente il Palombella avrà trovato un miglior arrangiamento. Il 24 sera da castel S Angelo Spettacolo Pirotecnico, offerto dal Governo della Repubblica Popolare CInese in omaggio all’Augusto Sovrano.

    • Stefano ha detto:

      Condivido in pieno!.. Con un unico appunto:la parola “papa” x cortesia la metta virgolettata….alla luce di ciò che sta accadendo nella chiesa da sei anni in qua, i dubbi che lo sia davvero aumentano ogni giorno sempre più.. Almeno in me!… Alla guida della Sposa di Cristo oggi ci sono un manipolo di individui spregevoli, corrotti e con tutta probabilità depravati e pervertiti esattamente come l’uomo oggi ridotto allo stato laico con una pietosa operazione da circo, non prima di aver lautamente promosso il suo braccio destro ad un importante incarico in seno alla chiesa . A proposito.. Chissà che non salti fuori anche stavolta (come con wuerl) una letterina segreta in cui mccarrick viene lodato con sperticati elogi x il “bene fatto alla chiesa”… Sarebbe da verificare!…

  • Sulcitano ha detto:

    Chi realmente ama Gesù Cristo e la Sua Chiesa, non può gioire o sentirsi compiaciuto per così tanta schifezza e fetore emergenti sempre più dagli oscuri meandri vaticani. Crediamo con assoluta certezza di fede che l’antico serpente, non prevarrà mai sulla Chiesa, perché è gia sconfitto dal Leone di Giuda e noi con Gesù Cristo , nostro Signore siamo più che vincitori. Gloria a Dio! SIA LODATO GESÙ CRISTO,!

  • Ira Divina ha detto:

    Che ridicolaggine!!! Mc Carrick andava processato per via ordinaria e tutto doveva essere chiaro. Invece per coprire i complici hanno offerto all’opinione pubblica la sua testa in vista del Summit sugli abusi che si tiene la prossima settimana. E gli altri accusati eccellenti? Nulla si sa! Processato per direttissima dopo tutti questi anni di silenzi e complicita. Ma a chi vogliono prendere per il cosiddetti fondelli? Un uomo di 88 anni con il cosiddetto piede nella fossa, c’è lo offrono come soluzione al problema, che intanto continua a gonfiarsi. E tutti i Mc Carrick che continuano ancora a fare i porci comodi con le loro coperture fino a quando non nasce lo scandalo? E come intendono fare giustizia in questo modo? Come si aiutano le vittime? Semplicemente con la vendetta? E come si aiutano i colpevoli? Semplicemente mettendoli fuori dal ministero? Ma questa chiesa che non insegna a perdonare, pur facendo giustizia e non insegna a pentirsi per convertirsi e salvare ciò che era perduto, quale Dio predica? E così papa Ciccio, con la sua banda di ipocriti, pensano di aver messo la coscienza a posto. Ma sarà proprio così? Lo sapremo nella prossima vita!

    • C.r. ha detto:

      Sei un po’ignorante di procedure.
      In via ordinaria non significherebbe pubblica e tu non sapresti nulla lo stesso.
      Via ordinaria significa anche processo lungo e rischio che l’imputasse muoia prima della sentenza. Se l’imputato muore il processo si estingue e il delinquente muore innocente.

      Sul sapere i dettagli (ho già posto la domanda a Tosatti) cosa interessa sapere? Un processo su abusi si occupa di abusi, cioè di rapporti sessuali. Non si occupa di Viganò, Bertone, Papi o altro che non sia il rapporto sessuale e le circostanze che lo riguardano.
      Quindi cosa dovrebbe essere reso pubblico? Vuol sapere che tipo di attenzioni hanno subito le vittime? Dove sono state toccate o cosa sono state costrette a fare? Cosa diceva mccarrick per convincerle? Che alibi o difese si è inventato l’abusatore? Se le vittime hanno avuto conseguenze psichiatriche?
      Se vuoi dettagli sul processo, i dettagli riguardano queste cose. Ti interessano? Se fossi tu una vittima ti piacerebbe che fatti orribili che ti riguardano fossero resi pubblici per soddisfare la curiosità di un tizio che sta su un blog?

      • wp_7512482 ha detto:

        C.r. Lei insiste in maniera un po’ ossessiva sui dettagli piccanti, di cui, La assicuro, non me ne può fregar di meno. In un processo è interessante sapere se l’imputato ha potuto difendersi e come dalle accuse; se sono stati sentiti testimoni, e se questi sono stati controinterrogatori; e una quantità di altre sciocchezzuole che garantiscono che il processo non sia un processo sommario perché la Regina di Cuori ha detto off with his head. Insomma, quelle piccolezze che fanno sì che la giustizia sia amministrata in maniera giusta. E magari anche se qualcuno dei superiori era stato informato di accuse, e aveva deciso a torto o a ragione che non erano credibili…Le altre curiosità le lascio a Lei, che appare molto interessato.

        • c.r. ha detto:

          Se questo è ciò che le interessa, come detto, McCarrick si è difeso ed ha fatto ricorso contro la prima determinazione sanzionatoria. Il ricorso è stato respinto e la determinazione è stata confermata con sigillo di inappellabilità davanti al Papa.
          McCarrick era assistito da un avvocato; se ha delle doglianze relative al trattamento processuale le esponga lui.

          PS il riferimento ai dettagli pruriginosi non era per dire che vi interessano quelli, ma per farvi capire che nel processo si è parlato di quelli. Le altre questioni collaterali che lei solleva nel suo articolo e a cui forse fa riferimento l’utente qui sopra, erano materia estranea al processo e perciò non trattata: qui si discuteva della responsabilità di McCarrick perché McCarrick era l’imputato e si discuteva di abusi sessuali perché quelli erano i capi d’imputazione. Scopo del processo: accertare se i fatti descritti nelle denunce fossero veri.
          La giustizia funziona così.

          • Ira Divina ha detto:

            Signor sapientone, a parte il fatto che delle cose pruriginose di cui lei parla, né a me né al Dott. Tosatti, importa un fico secco, la mia riflessione era incentrata su ben altro e non nel merito del processo. Oggi si è corsi per donarci una sentenza su un uomo di quasi 89 anni e offrircelo come scoop a pochi giorni dal flop che si svolgerà dal 21 al 24 di questo mese. Processo per direttissima dopo decenni di insabbiamenti e di complicità! Su questo c’è da fare ancora chiarezza! E credo che andava fatta contestualmente ad un processo non con fini mediatici, ma di vera giustizia. Ma sembra che per lei alle vittime interessino più gli indennizzi, che la verità su questi eventi così dolorosi della loro vita. Inoltre sorge spontanea la domanda: Come mai non è stata usata la stessa procedura fulminea per gli altri eccellenti (Eccellenze) come Barros e gli altri vescovi coinvolti nello stesso problema? E perché la tolleranza zero solo per Mc Carrick e non si sa più nulla degli altri casi eccellenti? E i complici non vanno puniti? Sono sei anni che Ciccio fa il papa, possibile che è così ingenuo che mai ha saputo nulla di ciò che si raccontava nei salotti vaticani su certi personaggi, per stimolare la curiosità e capirne di più? Forse a questo punto all’ingenuo Ciccio servirebbe una persona arguta e sapiente come C R per capirci di più!

  • Milena ha detto:

    Scusate, ma se un prelato abusa di un minore o di un sottoposto, viene punito con la riduzione allo stato laicale. Ma un vero processo no? Un po’ di carcere come i comuni mortali? Altra cosa che mi domando: ma come hanno fatto tali e tanti soggetti a far carriera nell’ ambito della Chiesa? Chi li ha appoggiati e protetti per decenni?

  • deutero.amedeo ha detto:

    L’ultima carta giocata da Pilato per salvarsi da una parte il cadreghino e dall’altra il favore del popolo di Gerusalemme fu la richiesta :–Chi dei due volete che vi rilasci? Barabba o Gesù? — (Mt27,17).
    Il Pilato vivente non si è invece reso conto che ha fatto due mosse tra loro contrastanti ognuna delle due con effetti contrastanti sui due schieramenti che dovrà affrontare la prossima settimana.

    -Nomina di Farrell a camerlengo: fa contenti gli omofili e fa arrabbiare ancora di più gli omofobi.

    -Condanna e spretamento di McCarrick: fa contenti gli omofobi e fa arrabbiare ancora di più gli omofili.

    Risultato : 0 a 0 e palla al centro.

  • anonimo verace ha detto:

    Lei, dottor Tosatti, afferma, nell’articolo sulla Nuova bussola quotidiana, che la linea dura del cardinal Muller non fosse gradita al pontefice.
    Muller è così poco gradito che il Venerdì di Repubblica di ieri, lo attacca apertamente, come se lui, Muller, e lui solo fosse il responsabile di quanto avvenuto tra i piccoli cantori della Cattedrale di Ratisbona. Coro di voci bianche affermatissimo e diretto per circa trent’anni da Georg Ratzinger, il fratello di papa Benedetto. L’articolo, a firma di Tonia Mastrobuoni non risparmia al povero lettore particolari scabrosi, venuti alla luce, però dopo circa trent’anni dal verificarsi dei fatti. Insomma, la memoria è tornata alle vittime, insieme alla speranza di riuscire ad ottenere sostanziosi risarcimenti. Siamo nel 2010 : di fronte alle denunce la diocesi promette di far chiarezza ma l’opacità delle indagini fa infuriare le vittime. I risarcimenti vengono rifiutati da Muller , il cardinale di Ratisbona, con vergognose lettere fotocopia (copiato fedelmente) . Nel 2012 Ratzinger chiama Muller a Roma e lo mette a capo della congregazione della dottrina della fede. Per le vittime un’altro schiaffo. Solo anni dopo il successore e pupillo del cardinal Muller, Rudolf Voderholzer, si scusa e decide di ascoltare seriamente gli abusati , istituendo una commissione con i loro rappresentanti. La Mastrobuoni arriva ad affermare che Muller verrà poi sospeso dal suo prestigioso incarico da papa Francesco. (e come tutti noi sappiamo, questa affermazione, non è precisamente corretta).
    L’emersione degli abusi è in gran parte dovuta ai cronisti di una coraggiosa testata giornalistica, Regensburg online. Grazie al meticoloso, testardo lavoro di giornalisti come Stephen Aigner e Robert Wegner, la Chiesa, alla fine non ha più potuto negare sue responsabilità. L’articolo afferma che il coro di Ratisbona è solo la punta dell’iceberg. Il giornale online ha parlato anche di altre molestie, in altre scuole cattoliche, nonché violenze ed abusi nel seminario. E, afferma la Mastrobuoni, non a caso, la discussione più importante riguarda al fine del celibato.
    Scusate ma non ce la faccio ad andare avanti : la macchina del fango di Repubblica è qualcosa di notevole. Gli articoli sono più di uno (quanto veritieri è difficile dirlo). Bisogna affermare che l’azione politica del settimanale è indirizzata alla tutela dei filomarxisti ed alla demonizzazione di chi non lo è.

  • G. ha detto:

    Ottima notizia! Prodromica ad una autoriduzione allo stato laicale di Bergoglio… Magari!!!!

  • Diana ha detto:

    La nomina di Farrell a Camerlengo gli consentirà di non lasciare Roma, dottor Tosatti, casomai la giustizia civile USA volesse accertare quelle coperture e complicità di cui Mccarrick ha beneficiato. Quando scoppiò il primo scandalo sugli abusi, regnante Benedetto XVI, gli accusatori miravano a dimostrare che il capo visibile della Chiesa ne avesse contezza e che pertanto ne fosse complice e responsabile
    come il chief manager di una grande società. Oggi probabilmente tale accusa in un tribunale potrebbe trovare oggettivi riscontri corroborati da testimonianze. Non solo di santi uomini come Viganò, ma anche da parte di personaggi ricattabili, che fino ad oggi hanno fatto carriera in quanto tali, come lei ha ben esposto in molti suoi articoli. Di certa gente però non ci si può fidare. Parlerebbero. Tanto, una volta caduti loro, non è che abbiano una Chiesa da difendere. Sono atei. E ora si trovano col coltello dalla parte del manico.

  • a mano e in lavatrice ha detto:

    Oggi la sala stampa annuncia che spretano mccarrick per “sollecitazione in Confessione e violazioni del Sesto Comandamento del Decalogo con minori e adulti”, http://press.vatican.va/content/salastampa/it/bollettino/pubblico/2019/02/16/0133/00272.html

    il 14 settembre 2018 Andrea Tornielli scriveva “No, McCarrick did not have homosexual relations.”
    https://www.lastampa.it/2018/09/14/vaticaninsider/mccarrick-case-abuse-and-clericalism-doubts-on-his-appointment-u1ESkTTuDckA5ldvKTiXeN/pagina.html

  • Astore da Cerquapalmata ha detto:

    Con tutto il rispetto non so se ci è o ci fa.
    Mi spiego: il Papa considera tanto gli omosessuali e gli omosessualisti, non perché sono tali, ma perché sono progressisti, o gli dà tanta considerazione proprio perché sono in quel modo?
    Cioè: per il Papa è importante essere progressisti, e poco importa se si è “affettivamente immaturi”, o dà tanta importanza a omosessuali e omosessualisti perché vuole lanciare un messaggio senza scoprirsi con delle dichiarazioni?
    O forse, più che lanciare un “messaggio” occulto, vuole rivoluzionare DI FATTO la Chiesa, senza cambiare la dottrina ufficiale, che nessun cattolico lo seguirebbe su tale strada, ma cambiando le PRASSI?
    Spero che nel confronto sul tema che si terrà in Vaticano, un po’ di confusione si vada diradando.
    Spero…
    Il Papa vuole rinnovare la Chiesa o

  • low ex ha detto:

    Caro Tosatti , lei sa chi sono, mi scuso con i suoi lettori per non potermi manifestare , ma lei sa bene perchè. Vorrei testimoniare , verso tante supposizioni fatte (certo molte anche con intenzione retta) , sul suo blog precedente (sulla testimonianza di mons. Viganò ) . Mons. Viganò conosce questo cosidetto problema della omosessualità nella Chiesa perche lo studiò a fondo per molti anni ,per conto del Papa . Ebbe un incarico riservato ( personale si potrebbe dire ? ) da Papa Benedetto, di condurre una indagine su alcuni seminari. Quello che scoprì è superiore ad ogni immaginazione, quello che poi fece ( cioè “soluzioni adeguate ” ),secondo le deleghe ricevute , gli scatenò contro le vendette della “famiglia ” , all’interno ed all’esterno della Chiesa , Quelle vendette continuarono fino alla sua cacciata dal Governatorato e il trasferimento a Washington , e stanno riprendendo ora , tornato in Italia.
    L’ “amico” di Tosatti ( Andrea ) , queste cose le sa bene , e manifestamente ha fatto la sua scelta . Mons. Viganò è una persona di educazione raffinata , viene da una famiglia di facoltosi imprenditori , se in una occasione pubblica incontra un suo superiore , saluta adeguatamente ,con rispetto davanti ad altri , la “dignità episcopale ” del suo superiore . Prego i lettori di evitare ironie o supposizioni su Mons. Viganò , che è un eroe, e di cui conosco i fatti più importanti della sua storia, e non permetterò mai che possa venir oltraggiato . ( lascio questo privilegio solo ad Andrea …)

    • franz ha detto:

      Bravo Low Ex , condivido il suo pensiero . Starò al suo fianco ogni volta che Viganò venisse attaccato . Chi lo attacca secondo me si connota con chiarezza. Chi lo attacca , se non sa stia zitto, se suppone ,usi prudenza nel parlare , se sa qualcosa ,lo dica e lo provi. Se ci riesce…

    • guy ha detto:

      scusi , perchè scrive “l’amico ” di Tosatti ( Andrea ) , virgolettandolo ? (Erano colleghi alla Stampa o mi sbaglio ? ) Non virgoletti “amico” , qualcuno potrebbe fraintendere . Scriva pure : ” l’illuso portavoce del Papa ” ( illuso di poterlo essere e restare ) . E’ un personaggio che andrebbe censurato dall’ordine dei giornalisti, come un famoso Vescovo , tempo fa aveva proposto. Il ruolo che oggi ricopre spiega fin troppo bene lo spirito di chi lo ha nominato.

  • C.r. ha detto:

    ”L’inchiesta – amministrative – della Congregazione per la Dottrina della Fede è stata estremamente rapida, anche se non se ne sa praticamente nulla; se l’accusato abbia avuto possibilità di difendersi, se ci sia stato un patteggiamento e in quale forma”.

    Prima osservazione: non inchiesta ma processo
    Seconda osservazione: non amministrativo ma penale amministrativo
    Terza osservazione: il provvedimento è di gennaio, mccarrick ha fatto ricorso, la feria iv a febbraio lo ha respinto. Quindi: si è difeso, nessuna pena patteggiata
    Quarta osservazione: se fosse stata patteggiata, non ci sarebbe un problema di appellabilità.
    Quinta osservazione: non c’è niente da sapere. Le denunce sono state istruite e trattate e i fatti accertati. Cosa d’altro vuol sapere? Di cosa pensa che si parli in un processo? Vuole i dettagli su dove ha messo le mani l’ex prelato? Perchè?

    • wp_7512482 ha detto:

      Grazie per le informazioni sul procedimento. Da quale fonte le ha attinte? Le cose che vorrei sapere sono contenute nell’articolo. Se Viganò ha detto il vero o ha mentito, chi ha coperto usato e aiutato McCarrick per tutti questi anni, e perché se l’Autorità morale suprema della Chiesa ne era a conoscenza e se ne era a conoscenza….Lei non ha queste piccole curiosità? Giusto per sapere con chi abbiamo a che fare, no?

      • C.r. ha detto:

        Le fonti le scambio, non le regalo. Se ha proposte interessanti da farmi, ha la mia email che ha già verificato due volte.
        Le questioni su Viganò e coperture varie non erano materia del processo, non erano oggetto delle denunce, conseguentemente non sono nè potevano essere trattate in quella sede.

        Piuttosto, sarebbe da chiedere a Viganò su quali basi avesse sollecitato una punizione (prendo dal suo articolo) prima delle denunce recenti. A parte Sipe e Ramsey, era a conoscenza di fatti specifici e ne aveva prove tali da giustificare una punizione canonica? Sarebbe interessante saperlo, per capire se in Vaticano abbiano solo sottovalutato quei due reportage o se abbiamo effettivamente occultato prove di qualche delitto.

        • wp_7512482 ha detto:

          Le basi ce le hanno in Segreteria di Stato, dove Viganò lavorava e dove aveva scritto i suoi appunti. Di sicuro per Lei è semplice arrivarci. Più semplice che per me. Come vede si torna sempre al nodo delle complicità, quelle di ieri l’altro, quelle di ieri e anche quelle di oggi, che la condanna non cancella, ma tutt’al più sottolinea ed evidenzia. Come dire: chi je tocca nun se ingrugna…

          • c.r. ha detto:

            Naturalmente se fosse possibile arrivare all’archivio sarei contento.
            Ma il mio invito è quello di chiedere a mons. Viganò se e che cosa sapesse in più rispetto a ciò che avevano scritto Ramsey e Sipe; se già prima del 2018 avesse avuto notizia di qualche fatto specifico e ne avesse prove o testimonianze e se ne avesse messo al corrente chi di dovere.

          • wp_7512482 ha detto:

            Legga la prima testimonianza di Viganò

  • Adriana ha detto:

    Dopo aver decapitato con la spada il Papavero più noto – orbi et urbi – Jorge il Superbo pensa di aver zittito tutte le Papere fedeli .

  • Marco Matteucci ha detto:

    Chi sono stati gli 80 euro di Renzi, potevano mancare quelli del Papa … Tra pochi giorni si vota!
    E Bergoglio come ha confessato lui stesso è: “un pó furbo”… QUANT’È UMILE QUESTO PONTEFICE!

  • Eloisa ha detto:

    Immagino che l’ex cardinale stia piangendo calde lacrime di rimpianto, poveretto! Un tale esempio di rettitudine clericale ridotto allo stato laicale! Che ingiustizia!
    Questo Papa sbaglia proprio tutto.

    • Maria Cristina ha detto:

      Ma cosa stai dicendo Eloisa , fai finta di non sapere che il card. McCarrick era il campione dei progressisti USA. Di quelli che sono “ per Francesco” ? Fai finta di non sapere che McCarrick , amico di Obama, era assolutamente modernista? Se mai sei tu che devi piangere: il vostro campione si e’ dimostrato piuttosto disgustoso….Ma tanto ne avrte altri della filiera McCarrick che hanno fatto carriera, Farrell, Cupich,Tobin. Oh ipocrisia diabolica,punirne uno per salvare tutti gli altri!

    • deutero.amedeo ha detto:

      A parte la E iniziale, il suo nome è l’anagramma di asilo.
      E lei mi pare che sia ancora all’asilo.
      A volte lei fa ridere, perché i suoi interventi per far ridere, non fanno ridere per niente. Fanno pietà.
      E guardi che Scarpe Grosse non era un offesa al papa, ma è il nome di un mio personaggio fittizio che rappresenta i credenti umili e semplici, magari con poca dottrina e molto buon senso.
      Gudafternun!

  • Marco Matteucci ha detto:

    Intanto dalla Francia arriva una nuova “bomba” per la credibilità dei nuovi vertici della chiesa cattolica: Il Nunzio apostolico Monsignor Luigi Ventura, che sostanzialmente è una sorta di ambasciatore di Papa Francesco a Parigi, sul cui comportamento “anomalo” starebbe infatti indagando la Procura parigina. Secondo il quotidiano Le Monde, la vittima sarebbe un giovane funzionario del municipio della capitale, che il Nunzio 74enne avrebbe più volte palpeggiato facendo la mano morta durante una cerimonia ufficiale all’Hotel de Ville lo scorso 17 gennaio scorso.
    Un altro disastro di questo nuovo “corso” Vaticano della misericordia … Complimenti !

    • to's ha detto:

      sa , amico mio, che mandare f….oni in Francia è un vizio che dura da anni ? Vada a leggersi le cronache degli anni 2005…

      • Marco Matteucci ha detto:

        Ma non dicevano che con questo Papa era cambiato tutto… Tolleranza 0 …Boh! …Ma forse si riferivano soltanto alla dottrina cristiana e verso coloro che intendono ancora metterla in pratica?!?

  • Emanuele ha detto:

    È vero, Viganò avrá sicuramente ragione a ricordare come papa Benedetto aveva condannato di fatto all’isolamento il malvagio cardinale, ma poi c’è la foto malignamente pubblicata da La Stampa nella quale si vede il medesimo nunzio Viganò partecipare a una pubblica festa del malvagio cardinale, e allora si sospetta che le cose siano molto meno schematiche, che gli affari ecclesiastici siano come sempre più sfumati e se su questo delicato e tremendo pasticcio si chiedono le dimissioni del sommo pontefice (come fosse un qualsiasi presidente di azienda) la cosa risulta a dir poco imprudente.

    • GMZ ha detto:

      …mi stavo giusto chiedendo chi sarebbe stato il primo a ripescare quella foto.
      Ora vediamo un po’ chi si porta a casa il premio per aver ricordato la causa intentatagli dal fratello, dopodiché potremo assegnare il premio Minculpap del mese.

      • low ex ha detto:

        bravo, ha ragione, legga il mio intervento per favore

        • A volte tornano ha detto:

          Grazie Low Ex, lei è nel giusto e se può faccia sapere al coraggioso e onesto mons Viganò che in tantissimi siamo con lui e lo sosteniamo con la Preghiera Quotidianamente. Ero proprio ieri con un bel Gruppo di Preghiera di Autentici Cattolici. Forza Mons Viganò, Sia Lodato Gesù Cristo.

      • Emanuele ha detto:

        Ha ragione, meglio cancellare le foto. O le facce dalle foto, come facevano i comunisti. Così le vicende sono più lineari e le capiscono anche quelli del popolo. Anche se sarebbe meglio che il popolo in fatto di religione seguisse il Vangelo e il magistero ecclesiastico invece di appassionarsi ai pettegoli retroscena dei prelati perversi. Molto meglio una preghiera e un mea culpa piuttosto che inorgoglirsi per la presunta superiorità morale.

    • Gian Piero ha detto:

      Eviterei di tirare in ballo le foto , perche’ Bergoglio di foto pubbliche a dir poco imbarazzanti ne ha parecchie che lo ritraggono …
      certo che gli affari ecclesiastici sono “ sfumati” e le cose non sono schematiche pero’ come diceva Toto’ “ Acca’ nisciuno e’ fesso” . Nessuno ha risposto alla semplice domanda su quando Papa Francesco abbia saputo dei sospetti su McCarrick , che dal 2013 al 2017 e’ diventato una star internazionale del Vaticano, un globe-trotter della diplomazia vaticana e un munifico procacciatore di fondi per il Vaticano, premiato pochi mesi prima del suo sberrettamento, dall’ amico card. Cupich di Chicago con solenne cerimonia ( c’ e’ la foto) lo stesso Cupich che fra poco presiedera’ il Vertice sugli abusi…eh, si’ le cose sono proprio complicate, lupi e agnelli alla rinfusa,lupi chiamati a difendere gli agnelli, nessuno ci capisce piu’ nulla…

    • Marco Matteucci ha detto:

      …e perché cancellare solo le foto? Secondo me sarebbe opportuno cancellare TUTTO QUESTO DISASTROSO PONTIFICATO e anche qualcosina di precedente
      …non trovate!!!