SODOMA: UN ASSIST ALLA LOBBY GAY NELLA CHIESA. GLI AIUTINI IN VATICANO.

15 Febbraio 2019 Pubblicato da --

Marco Tosatti

La frase chiave del libro “Sodoma”, di cui ci riserviamo di parlare più avanti, dopo aver compulsato tutte le 600 pagine di quello che appare come una formidabile spallata della lobby gay ecclesiastica e non alla morale della Chiesa, a mio modestissimo parere è la seguente: “Mi sono installato a Roma, una settimana al mese, alloggiando anche regolarmente all’interno del Vaticano grazie all’ospitalità di alti prelati, che, talvolta, si rivelavano essere anche loro della parrocchia”.

Così Frederic Martel, attivista letterario per questioni e diritti LGBT, ha passato una settimana al mese all’interno dell’enclave più custodita, e inaccessibile ai comuni mortali. Senza che gli attenti guardiani delle Mura si accorgessero di nulla, e non facessero, in uno Stato che controlla e-mail e telefoni, debito rapporto ai responsabili? Senza che il Sostituto alla Segreteria di Stato, per non dirne che uno, non si stupisse, incuriosisse della frequente singolare presenza non di uno sconosciuto, ma di un autore specializzato nelle battaglie della homo liberation?

Bisogna ignorare quale sia il clima di controllo attualmente presente in Vaticano e dintorni per immaginare che la presenza mensile, consuetudinaria, all’interno delle Mura di un personaggio pubblico di quel genere sia potuto avvenire senza il beneplacito, o almeno la silenziosa tolleranza del gruppo di governo.

E d’altronde lo ammette anche Martel,quando scrive che mons. Battista Ricca, anfitrione di Santa Marta e nominato dal Pontefice prelato dello IOR, definito da Sandro Magister “il prelato della lobby gay”, che ha visto la sua carriera diplomatica bruscamente troncata per storie collegate all’omosessualità, gli insegna come entrare e muoversi, e gli dà la possibilità di alloggiare una settimana al mese in Vaticano. E incontra anche padre Spadaro, lo spin doctor comunicativo e non solo del Pontefice…C’è bisogno di aggiungere altro per capire che Sodoma fa parte di un’operazione permessa dai vertici? 

Non a caso fra i bersagli troviamo – guarda guarda…- il cardinale Raymond Leo Burke. Su di lui  ahimè per Martel non c’è nulla di concreto, se non le sue illazioni. Ma Spadaro glielo ha presentato come il grande oppositore del Papa, e i nemici dei miei amici sono miei nemici, no? Un’operazione che, a occhio e croce, si potrebbe definire un po’ disgustosa.

Come dicevo all’inizio, cercherò di leggere il libro, prima di giudicarne i contenuti. Fino ad oggi ho letto solo il prologo. E ho preso qualche appunto, che vi condivido; perché è lecito pensare che dal prologo si possa capire la rotta, e il tipo di nave che la percorre.

In larga parte il prologo è una riproposizione dell’armamentario ideologico e comunicativo della lobby omosessuale.

Per cui troviamo che ciascuno di noi o quasi è omosessuale senza saperlo; e allora, (anche in Vaticano) se lo siamo tutti non è mica un problema, esserlo, no? L’uso del termine “omofobia” – ma che cosa è esattamente, l’omofobia, se non uno strumento linguistico nebuloso  e stigmatizzante per bollare chi sostiene tesi diverse dalle sue in campo morale e sessuale? – è diffusissimo nel prologo. E infatti, dice Martel, il suo obiettivo è rivelare il sistema di omofobia presente in Vaticano. Che, detto in termini diversi, è esattamente quello che James Martin sj cerca di fare nella Chiesa. Con l’aiuto e l’appoggio dei suoi amici e protettori, come il neo-Camerlengo Kevin Farrell. 

Ma come è possibile che in un ambiente – secondo Martel – come la Chiesa, dove gli omo sono più fitti dell’uvetta nel panettone, ci sia omofobia? È colpa, ovviamente – indovinate di chi? – dei Tradizionalisti, Ipocriti, Farisei ecc. ecc.

Più un prelato è omofobo, secondo Martel, più alte sono le possibilità che sia omosessuale. Represso o no, a seconda dei casi. Insomma, è veramente un arsenale dialettico stantio, che abbiamo visto dispiegato fino alla noia nel corso degli anni. E che certamente si presta ad analisi psicologiche interessanti. 

Martel sorvola, almeno in quello che abbiamo letto finora, sugli abusi. Perché se in Stati Uniti, Cile, Honduras, Germania, Belgio gli abusi sono in percentuale dal 76 al 90 per cento di maschi  su maschi forse un problemino esiste, no? Alcune tesi sono francamente ridicole. La colpa del celibato: ma gli abusi avvengono soprattutto nelle famiglie…e le centinaia di casi nella Southern Batptist Church, appena emersi, e dove i pastori sono sposati come si spiegano? Martel attribuisce alla liberazione sessuale degli omosessuali la fine delle vocazioni: non avevano più bisogno di infilarsi nella Chiesa per esprimersi…e sostiene che senza tenere conto dell’omosessualità non si capisce la storia dei decenni passati, a cominciare dal no alla contraccezione di Paolo VI. Il che, permettetecelo, ci sembra voler ridurre la storia del mondo al foro di un ago. 

Che senso ha quest’opera, di cui la lobby filo-gay in Vaticano non può che gioire? Una commentatrice del blog ricordava, molto appropriatamente, la finestra di Overton. Il libro esce poi alla vigilia del summit delle Conferenze episcopali sugli abusi. Sarà un caso, ma dallo scandalo in Cile in poi, dove come abbiamo visto gli abusi di maschi su maschi hanno giocato un ruolo preponderante, per passare ai seminaristi dell’Honduras, al caso McCarrick, al Report del Grand Jury della Pennsylvania, alla testimonianza di mons. Viganò, ai rapporti di Germania e Belgio; bene in tutti questi mesi né il Pontefice né qualcuno dei vertici ha mai osato un sia pur tenue collegamento fra abusi e omosessualità pervasiva del clero. Una parola che sembra si abbia paura di pronunciare. Chissà perché. 



Oggi è il 166° giorno in cui il pontefice regnante non ha, ancora, risposto.

Quando ha saputo che McCarrick era un un uomo perverso, un predatore omosessuale seriale?

È vero o non è vero che mons. Viganò l’ha avvertita il 23 giugno 2013?

Joseph Fessio, sj: “Sia un uomo. Si alzi in piedi, e risponda”.


Questo blog è il seguito naturale di San Pietro e Dintorni, presente su “La Stampa” fino a quando non fu troppo molesto.  Per chi fosse interessato al lavoro già svolto, ecco il link a San Pietro e Dintorni.

Se volete ricevere i nuovi articoli del blog, scrivete la vostra mail nella finestra a fianco.

L’articolo vi ha interessato? Condividetelo, se volete, sui social network, usando gli strumenti qui sotto.

Se invece volete aiutare sacerdoti “scomodi” in difficoltà, qui trovate il sito della Società di San Martino di Tours e di San Pio di Pietrelcina


Libri di Marco Tosatti

Se siete interessati a un libro, cliccate sul titolo….




UNO STILUM NELLA CARNE. 2017: DIARIO IMPIETOSO DI UNA CHIESA IN USCITA (E CADUTA) LIBERA

FATIMA, IL SEGRETO NON SVELATO E IL FUTURO DELLA CHIESA

  SANTI INDEMONIATI: CASI STRAORDINARI DI POSSESSIONE

  PADRE PIO CONTRO SATANA. LA BATTAGLIA FINALE

  Padre Pío contra Satanás


Tag: , ,

Categoria:

Questo articolo è stato scritto da wp_7512482

81 commenti

  • Nicola B. ha detto:

    Da la nuova bussola quotidiana di oggi sabato 16 febbraio. Una intervista ad un italiano che risiede in Austria con moglie e figli piccoli. È agghiacciante, è un film dell’ orrore vero e fotografa non solo la situazione di quel paese ma anche della Germania che va di pari passo sul pendio scivoloso . Nei paesi del Nord Europa non credo che siano arrivati a tal punto ma non sono di sicuro molto distanti. Preghiamo il Santo Rosario per la povera Chiesa e per la nostra salvezza.

    http://www.lanuovabq.it/it/quella-tassa-non-la-pago-piu-e-ora-mi-negano-la-comunione

    • Lucy ha detto:

      Circa la ” tassa sui sacramenti ” in Austria documentata dall’art.della Nuova Bussola di oggi ecco cosa scriveva a proposito della “tassa sui sacramenti” in Germania George Weigel in un art.del 7/1/2015 a cavallo tra i due sinodi.
      Scrive Weigel
      “Prima del sinodo avevo chiesto a un ben informato osservatore delle questioni cattoliche tedesche perchè i vertici del cattolicesimo di Germania insistessero nel voler riformare la Santa Comunione per i risposati civilmente in seconde nozze.Come risposta ho ottenuto una sola parola : SOLDI !!!.La chiesa tedesca è finanziata dalla Kirkensteuer , la Church tax ,i fondi sono considetevoli , nel 2011 la kirkensteuer ha fruttato alla chiesa cattolica tedesca ben 6,3 miliardi di dollari .Di recente tuttavia sempre più cattolici tedeschi hanno scelto di rinunciarvi .In un goffo tentativo di far fronte a questa emorragia i vescovi tedeschi hanno emesso un decreto mettendo nero su bianco che chiunque avesse rinunciato avrebbe ” lasciato la chiesa” e che questi apostati di fatto sarebbero stati esclusi dalla vita sacramentale .Il pagamento della Kirkensteuer ha continuato a diminuire .Molti vescovi tedeschi hanno concluso che la defezione dak pagamento della tassa può essere spiegato con la percezione che la gente ha della chiesa come un ente chiuso e crudele…….che la gente abbia smesso di versare la kirkensteuer perchè ha smesso di credere che Gesù sia il Signore e che la Chiesa cattolica sia il suo Corpo Mistico forse è la spiegazione più completa “.
      Fin qui George Weigel .La drammatica testimonianza del giovane padre di famiglia che vive in Austria circa la tassa sui sacramenti che lui pagherebbe volentier se la Chiesa Cattolica fosse la Chiesa di sempre ci dà invece un quadro impietoso di una neo chiesa ormai devastata e allo sbando più completo.

  • Natan ha detto:

    Per il Corriere della Sera c’è solo un grande eroe nel libro: papa Francesco, che “con la sua riforma ha reso la struttura instabile”. A seguire , sull’Espresso un ex prete di Benevento racconta la sua storia…. (chiama in causa la Segreteria di Stato, elogia il comportamento del card Tauran ,parla di una lettera consegnata all’augusto sig. Papa nel 2013 per mezzo del card Farina e poi ancora di una telefonata del papa , cortese e comprensivo) insomma tutto è studiato per far passare che l’omosessualità nei preti è tanto diffusa , dunque questo eccesso di clericalismo porta conseguenze nefaste: Francesco e i suoi guardiani vogliono arrivare alla defenestrazione del celibato nella chiesa latina e quale miglior modo per dire che sposarsi per un prete è meglio che rimanere celibi… Le conseguenze, sono davanti agli occhi di tutti. Ma non finirà…. perchè passerà al diaconato e poi al sacerdozio alle donne. Inutile , dunque strapparsi i capelli , la purificazione della Chiesa passa anche mediante queste infauste riforme. Si richiede molta fede e speranza. Alla fine di questo grande bordello non rimarrà nulla . Forse , si ergeranno statue di bronzo in locali pro gay a favore dell augusto sig. papa Francesco, forse tra due secoli si saranno dimenticati di lui. O gli storici lo chiameranno il liquidatore di Roma e della cattolicità. Ma tutto questo è da venire. A noi , comuni cattolici etero, omo, non interessa è chiesto di avere speranza . E ci è toccato un tempo durissimo da vivere. Lo vivremo nel nascondimento e nelle umiliazioni mentre assisteremo all’impietosa disgregazione della Chiesa di Roma.

    • carlone ha detto:

      Scusi , ma lei sa cosa vuol dire ” contro natura” ?
      Esattamente che non si possono considerare atti sessuali.
      Quindi ,eventualmente avessero a che fare con una donna , continuerebbero ad avere rapporti contro natura, pur sr con una donna ,visto il precedente. È la mercificazione della carne l atto contro natura .

      • LucioR ha detto:

        Ma per cortesia!! Non stravolgiamo il significato delle parole. Non si vuole dire in questa occasione quale dei due peccati è più grave; ma ogni parola ha il suo significato, tranne che nel dizionario della neo-lingua.

  • Domanda per il dottor tosatti ha detto:

    Salve Doc,
    Stavo leggendo un articolo di Lifesite sulle reazioni la Manifesto di Muller. L’articolista Joseph Shaw scrive che nel manifesto
    There is nothing in it about divorce, about receiving Communion in a state of mortal sin

    E che Muller
    didn’t want to say anything directly related to the current doctrinal crisis in the Church

    Lei che li conosce, mi sa dire se a Lifesite alzano il gomito o se circolano due versioni diverse del Manifesto??

    Ecco il link
    https://www.lifesitenews.com/blogs/pope-francis-biographer-accuses-cdl.-mueller-of-pretending-to-be-pope

  • Astore da Cerquapalmata ha detto:

    Io credo che l’omosessualità (non la tendenza ma il vizio), così come la pedofilia, siano prevalentemente fenomeni di “sinistra” e “progressisti”.
    Sono aumentati col Sessantotto.
    Si poggiano su disvalori tipici della sinistra e comunque rivoluzionari e non tradizionali.
    Sono quelli di sinistra che li vivono come diritti e non come vergogna.
    Per chi avranno votato i prelati della lobby gay? Per me per il PD della Cirinna’. Al 99%

    • Rafael Brotero ha detto:

      Appunto. L’omossessualita’ tendenziale puo essere trasversale, ma la rivoluzione sessuale é di sinistra, come la lobby gay, sua avanguardia.

    • carlone ha detto:

      Sa che lei parla come uno di sinistra?
      Non la tendenza ma il vizio (?) , disvalori rivoluzionari (?), ma che sta addì ?

      • Astore da Cerquapalmata ha detto:

        Non ho mai preso 8 in italiano, ma anche un bambino capirebbe ciò che ho scritto.
        La prova che lei ha capito? La sua stizza e la voglia di “pizzicarmi” sullo stile. Magari su qualche congiuntivo.
        Quando scrivo al cellulare mi prendo liberamente delle licenze, purché il concetto risulti chiaro. Le spiego meglio.
        La tendenza omosessuale spesso è indipendente dalle tendenze politiche, ma la “CULTURA” omosessuale è di SINISTRA.
        Tale “cultura”, deflagrata soprattutto col Sessantotto, ha comportato un aumento del fenomeno omosessuale (e di quello pedofilo).
        Uno dei cattivi maestri fu il filosofo sessantottino Mario Mieli.
        Considerare l’omosessualità come normale e, anzi, come un diritto, è un DISVALORE tipico della SINISTRA.
        Nulla ha a che fare coi valori TRADIZIONALI, ma per i rivoluzionari i disvalori diventano valori.
        L’omosessualità, perciò, è un “valore” di sinistra. Per gli altri è piuttosto una disgrazia.
        Per la Chiesa la tendenza omosessuale è un disordine, mentre la PRATICA omosessuale è IMMORALE.
        Perciò la “cultura” di sinistra, che vuole che l’omosessualità sia riconosciuta come un diritto “naturale”, è INCOMPATIBILE con la FEDE. Nonostante gli sforzi di certi prelati.

        • Adriana ha detto:

          ASTORE ,
          per correttezza ,l’Adriana sotto è un’altra Adriana .Io sono quella che chiama Amedeo :Deutero .

        • carlone ha detto:

          La tendenza , non essendo in questo caso una variabile della natura, è una scelta. Il vizio è a sua volta una scelta. Tendenza e vizio sono qui la stessa cosa.
          Da sempre nella storia pur se con nomi o ideologie diverse, si è sempre praticata l omosessualità. Non penso che antichi greci avessero tessere PD .

          • Vito ha detto:

            Senti Carlina,
            vai a disturbare da qualche altra parte, qui non c’è trippa per gatti!
            Capisce a me …

    • Adriana ha detto:

      Astore guarda che uno non si allupa con gli uomini o coi bambini sulla base di valori o disvalori. Sarebbe come dire che gli eterosessuali sono tali perché aderiscono ai principi di destra. Poi ragioniamo…
      Gli omosessualisti sono per lo più di sinistra e nemmeno tutti omosex, perchè la sinistra ha principi rivoluzionari. Ma attenzione: la matrice della sinistra è il liberalismo e i librrali stanno a destra, perchè a sinistra non amano il liberismo economico. Ma i liberisti pensano che i lavoratori devono sempre prenderlo in quel posto, quindi sono omosessualisti pure loro. Ma poi ci sono i destri antiliberali, che non si alleano coi sinistri perchè odiano gay e neri. Così rimangono alleati coi liberali che lo mettono in quel posto pure a loro. Di conseguenza i destri se la prendono ancora di più coi gay perchè questi sono felici e loro no. Poi ci sono i cattocomunisti che aspettano i negroni coi barconi. Infine ci cattodestri che non sono gay ma non amano nemmeno le donne e allora vanno a scrivere scemenze nei blog, cosi chi li legge li prende per il sedere. Come vedi qualunque siano i valori o disvalori, sempre lì si finisce col prenderlo.
      Fai l’anarchico che è meglio.

      • Astore da Cerquapalmata ha detto:

        A me basta essere cattolico.
        Non mi piace stare da una parte e poi vedere dove è la la Chiesa: preferisco stare dove sta la Chiesa (la dottrina della Chiesa: delle indicazioni di voto dei prelati me ne infischio) e poi vedere dove sono gli altri per fare due conti prima di dare il voto.
        Personalmente non odio nessuno, tanto meno i neri, non sono liberista ma anti, non sono di sinistra ma anti, non sono nemmeno anarchico.
        Politicamente sono CONTRO e basta. Ma voto.
        Scegliendo non per simpatia e, spero, per ideologia, ma con le modalità sopra accennate.
        Che l’omosessualità sia un “valore” di sinistra è un dato di fatto. E’ a sinistra che si dice che è un DIRITTO e sono di sinistra i parlamentari che hanno votato la legge Cirinnà.
        Vabbè, fanno rimpiangere i comunisti di una volta, perché questi non credono più a niente e sono diventati più liberisti dei liberisti. Ma la testa è rimasta quella: settaria. E da lì vengono, cioè dalla scuola MATERIALISTA. Liberisti o collettivisti è lo stesso, sempre materialisti sono.

  • Nicola B. ha detto:

    Per Valeria Fusetti. Infatti. Se ben ricordo, Socci ( mi pare fosse lui) disse che secondo uno dei più grandi studiosi di Fatima, un Sacerdote Portoghese, la terza parte del Segreto rivelerebbe l’Apostasia della Chiesa Cattolica. Ciò avrebbe un senso ed una logica. Avvenimenti che sono sotto i nostri occhi ormai da anni ed il timore a rivelare una bomba simile. Se si fosse trattato della Apostasia della societa moderna ( solo Occidentale) non avrebbe fatto rumore come Rivelazione.

  • Nicola B. ha detto:

    Ho visto brevissimamente il filmato dell’Omelia di Papa Francesco alla Santa Messa per il Convegno LIBERI DALLA PAURA organizzato dalla Fondazione Migrantes della CEI. Ovviamente dal brano dell’ Esodo e dal brano del Vangelo ( Gesù sulla barca NON ABBIATE PAURA) si è passati al NON ABBIATE PAURA DEL MIGRANTE. ED OVVIAMENTE SI É PASSATI AL BRANO DEL GIUDIZIO UNIVERSALE ( CHE NON ERA IL VANGELO DEL GIORNO) : ” ERO FORESTIERO……..”.La tv che riprendeva era la tv Vaticana che di tanto in tanto riprendeva le risorse ( che non erano né emaciate, né smunte, né sottopeso, come ha detto il Papa nell’ omelia ma belle IN CARNE). Non ho avuto voglia di vedere il resto. P.S. Sono curioso di sapere quando le letture della Messa saranno la Distruzione di Sodoma e Gomorra per il Vecchio Testamento ed il brano di Paolo ” passioni infami….uomini con uomini…” come faranno a passare all’ esortazione a soccorrere ed accogliere i migranti….Bisogna essere bravi ad arrampicarsi sugli specchi…e mica tutti sono capaci…

    • ubimajor ha detto:

      lei guarda anche siti porno ? no di certo , allora ?

      • Nicola B. ha detto:

        ????? Caro dott Tosatti, alle volte rimango basito per i commenti assurdi e pazzeschi di certi utenti del blog. Questo é uno di quelli. Ma che ha nella testa certa gente ? È poi come come si permette ? Tra l’altro manco ho capito cosa voleva dire nei miei confronti. Ma forse è un troll.

        • fra ha detto:

          temo che lei sia un immaturo per scrivere su questo sito. Non capisce molto le repliche . Ha provato con Vatican Insider ?

          • Adriana ha detto:

            Invece io credo che Nicola B . abbia voluto con parole sue esporre brevemente i medesimi argomenti trattati da Douglas Murray nel recente libro : ” Lo strano suicidio dell’Europa ” , suicidio di cui Bergoglio è uno dei fautori .
            Ne parla nel suo blog Carlo Franza .
            blog.ilgiornale.it/franza/2019/02/14/la-strana-morte-delleuropa…

          • Nicola B. ha detto:

            Ringrazio Adriana per il suo commento. In effetti volevo parlare della Chiesa che non annucia più il Vangelo ( perlomeno nel mondo occidentale) con tutte le conseguenze per la salvezza delle anime. Chiesa che è divenuta una specie di Ong e tratta solo di assistenza corporale ( certo necessaria, certo importate ma il fine della Chiesa è la Gloria della S.S. Trinità e la salvezza delle anime). Per aiutare i deboli e malati ed affamati ci sono le associazioni , le Onlus, le ong ed i programmi assistenziali dei governi. Riguardo il suo intervento Lei è un perfetto maleducato. È intervenuto NON RICHIESTO in modo screanzato attribuendosi la facoltà di assegnare o non assegnare a chicchessia a suo MODESTO parere la patente di maturità o immaturità . Riguardo i giornali da leggere caro Signore , Vatican Insider lo lascio volentieri a lei. il suo commento inoltre mi conferma nella convinzione che molte donne siano più intelligenti ed acute degli uomini che si perdono nella loro arroganza. Si faccia i post suoi che non l’ho interpellata e mi lasci in pace. Saluti.

    • carlone ha detto:

      Bene , ma anche questa discussione non riguarda i migranti.Perchè si arrampica sugli specchi ?

      • Nicola B. ha detto:

        Gentile Sig. Carlone. Io non mi sto arrampicando sugli specchi. Mi riferivo al commento del Sig Deutero Amedeo delle 05:01 pm @ nel quale si parla della Messa del Pontefice oggi al Meeting LIBERI DALLA PAURA . Io mi riferivo a quel commento e notizia che Lei EVIDENTEMENTE NON HA LETTO. Perché ci si può anche riferire e commentare il post di un altro lettore ( commentando in termini civili ovviamente) .

    • deutero.amedeo ha detto:

      Caro mio,
      –l’immaginazione è più importante della conoscenza– (Albert Einstein).

      E così tra un po’ ci racconteranno che Davide si è fatto la fionda per uccidere Golia con l’elastico delle mutande di Betsabea. E qualcuno replicherà indignato che no, ha usato la camera d’aria della bicicletta del parroco che era andato in pensione.

      Ad meliora

      • Gian ha detto:

        Caro Amedeo le sue battute come questa sono impagabili, aiutano ad alleggerire il peso in mezzo a tanta desolazione, dovuta ai tempi grami che ci tocca vivere. Grazie.

  • Lucis ha detto:

    E se l’intento fosse quello di contribuire a sdoganare i preti sposati? Se la Chiesa si è ridotta ad essere un rifugio per checche, allora sarebbe meglio tornino preti che almeno esercitano una sessualità secondo natura e dentro un ambito legittimo… del resto la castità del clero secolare è sempre stata praticata poco…

    • ubimajor ha detto:

      Bravo , esatto ! il prossimo concilio detto “amazzonico ” , in ottobre

      • deutero.amedeo ha detto:

        E poi, dopo la teologia del Mediterraneo, devono ancora arrivare la teologia del Mar Morto, quella del Mar Caspio e quella del Golfo Persico.

        • Adriana ha detto:

          Deutero ,
          per variare , aspetto la Teologia delle Alpi . Motto :
          ” Ma con gran pena le reco giù (le Anime )” .

          • Nicola B. ha detto:

            E per il Gran Finale : la Teologia del 4-3-3 E la Teologia del 3-4-3 . A seconda che si segua Sarri, Ancelotti, Allegri……ma qui c’è da stare poco allegri……

  • questione ha detto:

    Cari tutti,
    non mi pronuncio su un libro che non ho ancora letto; non so fino a che punto sarà una collezione di pettegolezzi o un racconto su fatti, circostanze e personaggi reali. Probabilmente si aggiungerà un tassello alla fantacronaca che si produce sulla Chiesa da qualche annetto a questa parte e che ogni tanto riguarda i progressisti e qualche altra volta riguarda i conservatori.
    Mi permetto solo di fare una considerazione relativa al tema per cui questo libro prenderebbe di mira esponenti conservatori/tradizionalisti, che sarebbero gay occulti.
    Vero o falso che sia – e io credo che i gay siano un fenomeno trasversale, non certo confinato a “sinistra” piuttosto che a “destra”: il sesso attira senza distinzioni, anche quello deviato – faccio notare un piccolo dettaglio che forse ai più è sfuggito.
    L’operazione Viganò – che aveva una chiara matrice destrorsa ed era mirata contro soggetti progressisti – ha tenuto banco sui giornali di tutto il mondo con aggiornamenti praticamente ogni ora (monitoravo io con google, con aggiornamenti all’ultima ora e uscivano notizie e commenti di continuo). Questo fino a un momento molto preciso.
    Questo momento ha coinciso con la pubblicazione, da parte del Fatto Quotidiano, della notizia che erano in possesso l’elenco della “lobby gay” stilata da Herranz, Tomko e l’altro, con la foto di un documento vaticano coi nomi sbianchettati. Qualche dettaglio: il giornalista scrisse di aver esaminato i nominativi e di poter confermare che molti erano già stati rimossi e che però in due specifici uffici ce n’erano ancora (e fece i nomi dei due uffici).
    Tempo che la notizia venisse tradotta in altre lingua – cioè un paio di giorni – e di Viganò non ha più parlato nessuno (tranne Tosatti e pochi altri).
    Incredibilmente, poi, una notizia come quella della lobby gay è scomparsa subito, non appena si è finito di parlare di Viganò. Nessuno ha più detto una parola sulla fuga di quel documento, nessuno ha smentito, nessuno ha confermato.
    Ora, magari è stata una pura coincidenza; ma se tanto mi da tanto, mi viene da pensare che in quella lista ci fosse qualcuno appartenente alla stessa area di riferimento di Viganò e che ha avuto un ruolo nel pompaggio delle notizie che riguardavano la sua testimonianza (che, ribadisco, era diretta contro elementi progressisti). Magari la lista era una “sola”, anzi sicuramente lo era, però qualcuno ha voluto far circolare la voce che sarebbero usciti i nomi della lobby gay e puff su Viganò più niente. Poi più niente nemmeno sulla lista. Nulla dal Vaticano, a cui la lista sarebbe stata evidentemente rubata, nemmeno sotto forma di lamentela.
    Ipotesi, forse un abbaglio: forse l’autore di questo libro non è troppo lontano dalla verità. Che dite?

    • robin ha detto:

      solo una riflessione che lei potrebbe aver fatto solamente se avesse frequentato le sacre stanze dietro le mura . Una volta uno dei massimi esponenti dei “servizi” italiani collegati con la Cia mi disse che avevano appreso in Vaticano ( nei tempi tra la prime e la seconda guerra mondiale , poi per tutto il periodo della guerra fredda ) a fabbricare dossier falsi . Dossier falsificati su temi sessuali in primis . Ciò per controllare chiunque , perchè i “santi” , come lei ben sa son più pericolosi dei peccatori ( che hanno lasciato traccia …) . perciò , nessuna conclusione affrettata .

      • Questione ha detto:

        Sì beh il dossieraggio sessuale specie omo é una prassi antica e consolidata non solo nella chiesa. Infatti bisogna sempre diffidare dai dossier in cui si dice male di altri.
        Di fatto, per sapere se uno è gay e non ha fatto outing pubblico, ci sono solo tre modi:
        1) te lo ha confidato. C’é da chiedersi perchè lo abbia confidato proprio a te.
        2) lo hai visto mentre copulava. Salvo che sia stato casuale – molto difficile – sei un guardone
        3) ci sei andato a letto. Qui non servono spiegazioni.

        • Paola Datodi ha detto:

          Tanto per alleggerire un momentino la tensione: riprendendo quel che avevo già detto in un commento al precedente articolo, da immaginarsi se qualcuno facesse un’operazione simile per il mondo politico… poi, “sbianchettare” in un dossier: mi ricorda qualcosa, e una famosa vignetta…

    • LucioR ha detto:

      Anche Lei ha potuto accedere agli archivi segreti vaticani, vedo!
      Quando uscirà il suo libro? Sono sicuro che avrà più successo di quello di Frederic Martel.

  • Valeria Fusetti ha detto:

    Così fan tutte Nicola, questo è il nome. Lo penso anch’io. Penso che lo sdoganamento della sodomia nel clero e nel pueblo sia solo l’ inizio … Ci sono tanti “semi” velenosi, sotto i nostri occhi, che stanno maturando, e che sembrano portare decisamente nella direzione non di uno scisma ma di una apostasia… Che il Signore non consideri necessaria una prova del genere per la Chiesa… non vedo, per il momento, pastori decisi a difendere la Chiesa di Cristo. Il silenzio di Benedetto XVI è assordante, è vero che è molto anziano, ma risulta ancora in possesso delle sue facoltà. Quando si è trattato di ” difendere” gli ebrei da possibili conversioni la voce l’ ha saputa tirare fuori. Per la Chiesa non ci riesce ? Mi permetto di dubitare … In cordibus Jesus et Mariae.

  • Alessandro ha detto:

    Da pochissime ore al club ” sederi allegri vatican corporation” si è unito anche il nunzio apostolico del vaticano in Francia, a quando dicono le notizie avrebbe molestato un funzionario, se ne è unito un altro al club di Sodoma, cicciano fuori come i funghi uno dietro l’altro, dove ti giri ne trovi uno nuovo

  • Alessandro ha detto:

    Ormai non hanno più pudore e non hanno vergogna di niente, vorrei essere io al posto di uno dei cardinali o vescovi al sinodo, se potevo andare io vedevate i tavolini che volavano in testa alla gente, ricordatevi che Elia profeta ha fatto uccidere 450 sacerdoti di baal, ELIA è secondo solo a Gesù Cristo e a Mosè, ELIA è uscito per 3 volte dal deserto a minacciare il re Acab perché aveva deviato dalla legge di DIO Noi chi abbiamo invece?? Sarah il fantasma? Muller che lancia i sassi e poi nasconde le mani? Chi abbiamo noi? Pagherei oro per essere dentro quella sala e farli saltare tutti a calci nel sedere.

    • Adriana ha detto:

      Alessandro ,
      mi lasci dire : la sua passione per i western mi diverte .
      Però Pedersoli non c’è più – purtroppo – . E comunque non ha mai avuto la ” fortuna ” di scontrarsi con ” Eminenze ” nei suoi Saloons .

      • Alessandro ha detto:

        Questa è la differenza fra un martire e un chiacchierone, che il martire le cose le fa davvero anche se dopo paga fare conseguenze, i chiacchieroni da salotto come voi invece sono il vero cancro di questa chiesa, basterebbe 1000-2000 persone serie e non chiacchieroni da salotto e il problema era già risolto.

  • Marco Matteucci ha detto:

    Purtroppo, caro direttore, siamo costretti giorno dopo giorno ad ingoiare questi bocconi amari, confezionati ad arte da coloro che dovrebbero offrirci solamente il PANE SANTO DELLA VITA!
    Cardinali stimati che da oltre un lustro, prima denunciano il male e subito dopo si dissolvono nel nulla o peggio ancora cercano affannosamente di ritrattare e annacquare le loro accuse precise, forse per paura o per un sentimento controverso di sottomissione supina al sovrano.
    A costoro umilmente ricordo che la Chiesa Cattolica appartiene solamente a Cristo e …A NESSUN ALTRO!
    Di seguito ecco un esempio “classico” di questo continuo procedere “sotto traccia” da parte di esponenti di spicco del clero romano, il famoso metodo Totò: “qui lo dico e qui lo nego!”.
    SE IL “DESAPARECIDO” CARDINALE BELGA GODFRIED DANNELS È ANCORA TRA DI NOI, ABBIA IL CORAGGIO DI AFFERMARE O SMENTIRE LE AFFERMAZIONI DA LUI FATTE IN QUESTA INTERVISTA, IN CASO CONTRARIO CI SENTIAMO AUTORIZZATI A RITENERE CHE DENTRO LA CASA DI DIO AGISCANO FORZE MALIGNE CONTRARIE AL SOFFIO DELLO SPIRITO SANTO.

  • Ángel Manuel González Fernández ha detto:

    Caro Direttore:
    Chiedere al profetizzato “Pastore stolto e Falso profeta” Francesco è come chiedere a Satana: perdere il tempo!
    https://remnantnewspaper.com/web/index.php/articles/item/4334-cosa
    Saluti.

  • Rafael Brotero ha detto:

    Menzogne, mafie, eresie, ipocrisia, sodomia, apostasia, il Vaticano é oggi una fogna. Difficile conservare la fede quando non si vede che questa fogna bergogliana non ha il piu tenue rapporto con la Chiesa Cattolica. Anzi.

  • Anima smarrita ha detto:

    Quali che siano intenzioni e obiettivi di tale operazione “sporca” (ed è un eufemismo!) pari soltanto alla sporcizia che disvela, e chiunque ne sia stato il regista, guardo alla verità di un degrado che dimostra senza ombra di dubbio il tradimento di quella promessa “trasparenza” che avrebbe dovuto basarsi su un programma di azione concreta, basato su linee inequivoche e rispondenti alle urgenze delle criticità emerse da un bel po’!
    Aiutino? Non credo che i fautori di tale “tempesta perfetta” possano raggiungere gli effetti sperati; penso e confido piuttosto si traduca – se scellerati fossero gli intenti sottesi – in una vittoria di Pirro.
    E, ad una prima impressione, non ho motivo per non credere a quanto sostiene l’autore, ricavandolo dalla lettura di un articolo giornalistico: «l’omosessualità in Vaticano e nella Chiesa nel mondo non è un’eccezione, riguarda la grande maggioranza degli uomini di Chiesa ed è per questo uno dei pilastri del sistema. La gerarchia si regge sul potere di ricatto perché tutti sanno ma non vogliono tradire gli altri, perché tradirebbero se stessi. Il sistema di potere si costruisce su una menzogna – la castità dei sacerdoti – e su un’ipocrisia, il no pubblico a un’omosessualità ampiamente praticata in privato».

  • carlone ha detto:

    Quindi l ‘ autore del libro sta dicendo che la morale cattolica è fallace , e per dimostrarlo , racconta che ad attenderlo alla porta in Vaticano vi erano molti di coloro che ancora attendono le risposte dal Papa ? Molti sapevano , ma alcuni hanno preso la palla al balzo per attaccare Chiesa e Papato sfruttando l ‘omosessualità del fratello e non disdegnando talvolta qualche attimo di svago ?

  • Iris ha detto:

    Rimetto il link per l`intervista di Martel, è in francese ma comprensibile:

    https://www.tf1.fr/tmc/quotidien-avec-yann-barthes/videos/invite-frederic-martel-sodoma-enquete-coeur-vatican.html

    Non poco fiero della sua “opera” l`autore dice di essersi sentito in dovere di scrivere il suo libro a causa delle conseguenze disastrose del sistema costruito per difendere un segreto di stato , l`omosessualità , non teme di accusare la Chiesa di essere ( anche se non sola) responsabile dei 37 millioni di morti di AIDS….
    Afferma che cardinali, vescovi e 4 fra i PRINCIPALI COLLABORATORI DEL PAPA lo hanno incoraggiato e che 27 preti che vivono in Vaticano lo hanno informato regolarmente, ha anche incontrato i chierici , compreso il cardinale, presenti all`orgia omosessuale di Capozzi.
    Secondo Martel la Chiesa è in stato di morte cerebrale rinchiusa nel diniego e osa parlare dell`esigenza di verità di papa Bergoglio!

    • ubimajor ha detto:

      attenzione a questo tipo di minaccie pubbliche ! normalmente sono avvertimenti o ricatti , per fini indicibili, visto da chi viene la lesson

  • deutero.amedeo ha detto:

    Ormai manca solo una settimana.
    Il 21 settembre è vicino e il Santo Padre si appresta a dare la picconata sulla bomba inesplosa.
    Qualcosa succederà. Non facciamo pronostici e stiamo a vedere.

    • deutero.amedeo ha detto:

      Scusata il lapsus. Volevo dire 21 febbraio.

      • Nicola B. ha detto:

        Deutero scusi la mia ignoranza. Ma che dovrebbe succedere ? Perché secondo me ci troviamo di fronte ad un muro di gomma dietro al quale moltissimi adottano la strategia del silenzio oppure se rispondono lo fanno tramite amici , sostenitori o guardiani della Rivoluzione che ti ridono in faccia o dicono che sei un nemico del Popolo e del nuovo corso riformatore.

      • Nicola B. ha detto:

        P.S. tacciono tutti tranne VIGANÒ e pochissimi altri.

        • deutero.amedeo ha detto:

          Perché me lo chiede se ho già detto che non lo so?
          Può succedere di tutto: da niente fino al crollo della chiesa di Bergoglio. Su questo punto ci risentiamo il giorno 24.
          Per il momento siamo nel guano fino alle orecchie e ci rimaniamo. Però da una zolla di terra oggi cosparsa di letame domani può spuntare una squisita insalata. Stiamo a vedere.

          • Alessandro ha detto:

            Quella della buona insalata è molto profetica 😂😂😂 è un misto fra poesia e profezia 😂😂😂

  • Alessandro ha detto:

    Direttore tosatti, ma se lei che è uomo serio organizza una un bel sit in di protesta durante un udienza papale del mercoledì mattina, come la vede? Tanto i biglietti per entrare sono gratis e si possono prendere dal pomeriggio prima e anche la mattina stessa, ognuno si prende il suo in gruppi da 4-5 è ci andiamo in 200, poi durante l’ udienza gli alziamo il casino con proteste civili, ma forti, in modo che nessuno può denunciarci, ma il messaggio arriva forte e chiaro e fa il giro di tutti i giornali del mondo, poi se qualcuno vuole anche mostrargli il sedere per protesta può farlo, ma occhio alle checche, Si mormora che da quelle parti e’ pericoloso scoprire il sedere 😂 io spero sempre in Vigano, che in un atto eroico si presenta al sinodo a prendere a schiaffi gli eretici come fece s.Nicola , VIGANO VIENI A SALVARE LA CHIESA, SE PROVANO A TOCCARTI O TI ARRESTANO FACCIAMO UN CASINO CHE SE LO RICORDANO A VITA, CHE SE NON SI SBRIGANO A LASCIARTI GLI TIRIAMO GIÙ SAN PIETRO, VIGANO IMMOLATI PER NOI IN NOME DI DIO E DELLA SUA CHIESA.

  • malibu stacy ha detto:

    che colpo da maestro! un cardinale già ridotto a vescovo per sesso con centinaia di seminaristi ambiziosi accetta di farsi spretare senza fare i nomi dei complici a patto che il suo amante, che ha già fatto diventare cardinale, venga nominato camerlengo, e la nomina c’è proprio il giorno di san valentino.
    sembra un romanzo di dan brown
    con andreonzo lekkalekka piegakukkiai e i suoi compagni di merende di north korea insider a coprire tutto

  • miserere mei ha detto:

    Operazione permessa (voluta) dai vertici…

    I vertici approvano e sponsorizzano la logica del “mal comune mezzo gaudio” e dell’ovile pecoreccio, in cui l’odor di pecora profuma lontano un miglio di effluvi profani poco associabili all’incenso e l’ospedale da campo è invece un gaio camping di compagni di merende.

    L’occupazione quasi manu militari del centro della cristianità da parte della nota lobby è ormai manifesta. Non significa che le percentuali di aderenti siano quelle asserite dai normalisti, ma significa che la maggioranza è silenziosa in attesa del giudizio che spetta a Qualcuno ben più in alto di questo a-buso di potere.

    Quando i due angeli fecero visita alla casa di Lot nella città in riva al Mar Morto (capitolo 19 di Genesi), dopo che Abramo aveva già cercato di salvarne il salvabile, viste le belle intenzioni che la maggioranza nei loro confronti, essi li colpirono con un abbaglio accecante dal più piccolo al più grande, così che non riuscirono a trovare la porta…

    Non sorprende pertanto l’accecamento di chi è talmente compreso nella propria sicumera da dettar legge senza più riconoscere la realtà. Riscrivendo persino la storia, come se Abramo avesse ottenuto che la città non fosse distrutta (così era stato magistralmente insegnato ai giovani istruiti da un certo pastore segretario).

    Non finirà così. E chi si volgerà a guardare incuriosito rischia di diventare una statua di sale. La situazione è seria. Leggiamo nel vangelo di Luca, capitolo 17: Chi cercherà di salvare la propria vita la perderà, chi invece la perde la salverà. Vi dico: in quella notte due si troveranno in un letto: l’uno verrà preso e l’altro lasciato; due donne staranno a macinare nello stesso luogo: l’una verrà presa e l’altra lasciata». Dove? Dove c’è il corpo morto, dove non c’è più alcuna vita spirituale, dove non si vola alti come le aquile, tra gli angeli, ma si è solo orientati al mondo… roba che finisce, che non è eterna.

  • Astore da Cerquapalmata ha detto:

    Se nella nostra società io non mi considero OMOFOBO, nella Chiesa lo sono.
    La Chiesa, infatti, non ammette il VIZIO dell’omosessualità.
    La Chiesa non giudica (solo Cristo lo fa), ma considera la tendenza omosessuale come un disordine e il vizio come peccato.
    Se per affermare questo il prezzo da pagare è essere considerato tradizionalista, lo accetto. Non sapevo di esserlo, oggi lo scopro, e me ne faccio una ragione, visto che l’alternativa è essere omosessualista.
    questo mi fa essere catalogato come un tradizionalista, ebbene, anche se non sapevo di esserlo, ammetto di esserlo.
    Quello che mi stupisce è la posizione del Papa, che non so se dovutà a ingenuità, furbizia o altro.
    E’ vero, lui non si dichiara omosessualista, ma a me pare che il suo “lasciar correre” di fatto favorisce la lobby gay, che pure avrebbe dovuto estirpare.
    Ma a me pare che questo tipo di misericordia ottiene l’effetto contrario: mandare più anime all’inferno (almeno per chi crede nell’inferno non solo come simbolo ma come realtà).

  • Paola Datodi ha detto:

    come ieri ho accennato, più di 60 anni fa ci fu il precedente di Roger Peyrefitte: ma lui era un diplomatico, ciò che probabilmente gli facilitò le cose e i suoi reportage furono presentati come”romanzi”. (E mi sa che almeno scriveva meglio di questo tizio, ma è un altro discorso)

  • Gian ha detto:

    Intanto oggi siamo arrivati al 166° giorno dalla mancata risposta che implicava solo un monosillabo: si oppure no. Il silenzio cocciuto di un personaggio così loquace, specie quando è a tiro dei microfoni e ad alta quota, dice molto più di tanti giri di parole. E poi basta guardarlo in faccia e osservare il suo sguardo per capire.

  • moriarty ha detto:

    caro Tosatti, come le ho scritto nel precedente blog , c’è una strdada da percorrere , ancora percorribile , che consiste nell’interrogare almeno due persone :1° il Card.Comastri , chiedendogli di spiegare a chi fece togliere il diritto di accesso in Vaticano dal periodo 2007 in poi. 2° il comandante Giani , che consosceva tutti i diritti di accesso aperti e chiusi . Mi rendo conto che non sia cosa facile , ma tentare non nuoce . Se qualcuno all’interno ( tipo il card.Parolin ) volesse farlo , avrebbe risolto gran parte del problema ( non ho dubbi ) . Se un esterno ( tipo Nuzzi ) riuscisse solo ad avere queste informazioni si potrebbe avviare una controinformazione molto più credibile del libro di Martel e renderebbe servizio di verità alla Chiesa , che nulla ha a che vedere con quel che Martel vuol far credere . Poche , pochissime ,persone si evedenzierebbe come hanno , e stanno forse ancora, agendo terrorizzando gli altri , Chissà perchè nell’aprile 2013 uno di questinpersonaggi ( mi fu riferito) ebbe l’ardire di dichiarare che. Speriamo che CM Viganò torni presto a spiegare …

    • I cannot ha detto:

      beh ! mi scusi , auspicherei che sia il card. Parolin a occuparsi di questa investigazione ,non un giornalista esterno ,anche se qualificato come Nuzzi. MI auguro che lei Tosatti abbia modo di far arrivare al card.Parolin il suggerimento di chiedere al card. Comastri a chi fece togliere gli accessi , suppongo perchè sospetti di andar a visite galanti , o simile . e non ci si venga a dire che un suggerimento non è stato dato !

      • moriarty ha detto:

        Ne ho sentito parlare alcune volte , se questa informazione è vera , sono d’accordo .Che Parolin si responsabilizzi sta volta . Dia udienza al card. Comastri e gli chieda se è vero che nel periodo bertoniano ,lui ha trovato necessario togliere pass di ingresso in Vaticano a persone che gli parevano esser sospettabili . Non basta esser santitiuomini in privato e troppo prudenti (semi vili) in una circosatanza simile . Comastri parli !

      • youcan ha detto:

        SLGC. Gentile dottor Tosatti, intervengo in modo anonimo ( e chiedo di mantenere l’anonimato per evidenti ragioni) solo per informarvi che all’interno delle sacre mura ,molti sono indigrati e potrebbero parlare . Putroppo finora gli unici che hanno ascoltato certe “confessioni” son stati i giornalisti , che evidentemente han fatto il loro mestiere. Dopo la pubblicazione di estratti e commenti di questo libro di questo francese ( Martel) , fatti girare grazie ad alcuni blog ( io ho letto quello di DeMattei su Stilum Curiae ) , l’indignazione fra noi è cresciuta e sta esplodendo . Affinchè non esploda con lettere anonime o altre confessioni a giornalisti , è assolutamente indispensabile che il Segretario di Stato prenda in mano la situazione e avvii una vera , vera inchiesta . Interroghi il card. Comastri se crede , o altri che ben sono noti perche conoscono molti fatti e fanno discreto silenzio . Propiro stamattina , commentando questo libretto scandalistico che certo mira a giustificare anzichè a rimproverare , un mio “collega ” ,mi ha detto : ” ah ! se sentissero Bertello e Viganò ..” Bertello è Governatore della Città del Vaticano, è un uomo integerrimo ed equilibrato . Più di così non posso fare , caro Tosatti, ed io non voglio scrivere lettere anonime.

        • fox ha detto:

          appoggio questa proposta . Riusciamo a renderla praticabile ?

        • amedeod'aosta ha detto:

          Scusi dottor Tosatti, perchè non esprime la sua opinione su questa ragionevole ed equilibrata proposta ?

        • M ha detto:

          Ancora inchieste? Perché facciano la fine di quella dei tre cardinali?

        • GMZ ha detto:

          Questo intervento puzza di polpetta avvelenata da anni luce di distanza. Come “questione”, roba degna della serpe ammaestrata.
          Ma andate a ciapà i ratt!

      • merrychristmas ha detto:

        si , perche non trasformiamo Stilum Curiae in un blog “di protesta e di proposta ” ? che ne dice Tosatti ??

  • Nicola B. ha detto:

    Sotto sotto questa è un’opera di sdoganamento dell’omosessualità non contro. Mi ricorda l’aria di una celebre opera. Tutte o tutti lo fan o qualcosa del genere….e quindi se lo fan tutti/ e……

    • Em ha detto:

      Così fan tutti?

    • carlone ha detto:

      Forse
      FunFun – Happy Station /scratch version ?

    • Giov ha detto:

      La Chiesa Cattolica è ormai totalmente distrutta. Credo che sia finita, e credo che non si riprenderà più. Non esiste al suo interno neppure una minoranza in grado di reagire, non c’è proprio nessuno. In Vaticano ci sono solo checche, corrotti o bene che va dei codardi.

      Il prossimo conclave sarà in mano a costoro. Non ne uscirà nulla di diverso, non illudiamoci, a meno di un miracolo che è sempre possibile ma non credo avverrà: il nostro non è un deus ex machina. La società è indifferente, la religione non serve più (tranne quella islamica, che invece è utile per piegare i popoli).

      Dispiace anche perché, finita la Chiesa, ci sarà la spartizione delle spoglie: non riesco a pensare a quando il mondo metterà le mani su cattedrali, basiliche, musei, statue, affreschi, palazzi storici e tutto quanto la Chiesa ha custodito nei secoli donandolo alla Storia della cultura umana. Gli spregevoli sporcaccioni che comandano in Vaticano venderanno tutto per pagare debiti o intascarsi quattrini, e assisteremo alla liquidazione di duemila anni di storia. Il dolore è grande perché (atei inclusi) la Chiesa Cattolica siamo noi.

      E’ finita. E non riusciremo a farcene una ragione.