SUPEREX: MA IL PAPA PENSA CHE “DI SOLO PANE VIVE L’UOMO”? IL SOSPETTO C’È…

29 Marzo 2018 Pubblicato da

Marco Tosatti

SuperEx – ex Movimento per la Vita, ex Avvenire ecc. ecc. ma per grazia di Dio non ex cattolico, anzi, – ci ha mandato a sorpresa un pensiero – triste – per la Quaresima che sta per concludersi, con la Cena del giovedì Santo. E poiché di digiuno e di cena si tratta, non è sbagliato che la riflessione di SuperEx sia centrata sul pane, quello reale, e sull’altro Pane, quello spirituale. Un commento che ci ha colpito, e non possiamo dire che ci abbia arrecato molta gioia. Ma, purtroppo, appare convincente.

Caro Tosatti,

ci vuole un pensierino, piccolino piccolino, per la Quaresima. Sa perché, a mio modo di vedere, Vittorio Sgarbi o Franco Battiato, per citare due tra i molti, dichiarano pubblicamente che Bergoglio “non crede in Dio”?

Perché da troppi suoi discorsi risulta evidente che lui pensa che “di solo pane vive l’uomo”.

I poveri di Bergoglio sono sempre, solo soltanto ed unicamente coloro che hanno pochi soldi nel portafoglio.

Giovanni Paolo II invitava a ricordare che la più importante forma di accoglienza verso gli stranieri, per un credente, è donare “la buona novella”. Per secoli i santi sono partiti missionari per portare Cristo, e portando Cristo, hanno donato anche il pane.

Oggi è rimasto solo il pane. Bergoglio non solo invita sempre ad una accoglienza puramente materiale, ma condanna nel contempo ogni forma di “proselitismo” (parola con cui bolla, di fatto, ogni sana evangelizzazione). Se il marxismo è l’egualitarismo cristiano senza Dio, il pauperismo di Bergoglio gli assomiglia tremendamente.

Ma se la Chiesa, che ha sempre e giustamente compiuto “opere di misericordia corporale”, donasse solo pane di frumento, e non “il pane di vita”, non servirebbe a nulla: perché non aprirebbe a nessuno le porte della Vita vera, ritardando al massimo di qualche ora l’inevitabile sopraggiungere di “sorella morte corporale”

Benedetto XVI nel suo Gesù di Nazareth ricorda una tentazione quaresimale di Gesù nel deserto: il diavolo lo invita a trasformare le pietre in pane.

In effetti, si chiede Benedetto, “il primo criterio di identificazione del redentore davanti al mondo e per il mondo non dovrebbe essere quello di dare il pane e mettere fine alla fame dell’uomo?… Il marxismo ha fatto proprio di questo ideale – in modo comprensibilissimo- il cuore della sua promessa di salvezza: avrebbe fatto sì che ogni fame fosse placata e che ‘il deserto diventasse pane’ “.

Ma Cristo non ha scelto, per la Chiesa, questa strada: ha dato da mangiare, ha moltiplicato i pani, ma non ha cancellato la fame e non ha invitato gli apostoli ad altro che ad “annunciare la buona novella”. Li ha invitati a mettere Dio davanti a tutto, per avere poi tutto il resto, “in sovrappiù”.

Questo perché, scrive Benedetto, “è in gioco il primato di Dio. Si tratta di riconoscerlo come realtà, una realtà senza la quale nient’altro può essere buono. Non si può governare la storia con mere strutture materiali, prescindendo da Dio. Se il cuore dell’uomo non è buono, allora nessuna altra cosa può diventare buona. E la bontà di cuore può venire solo da Colui che è Egli stesso la Bontà, il Bene… In questo mondo dobbiamo opporci alle illusioni di false filosofie e riconoscere che non viviamo di solo pane, ma anzitutto dell’obbedienza alla parola di Dio. E solo dove si vive questa obbedienza nascono e crescono quei sentimenti che permettono di procurare anche pane per tutti.”.

Per questo coloro che si sono incaricati di far sparire la fame da soli, senza Dio, hanno sempre fallito.

I marxisti, scrive Benedetto, “credevano di poter trasformare le pietre in pane, ma hanno dato pietre al posto del pane”. Così “gli aiuti dell’Occidente in paesi in via di sviluppo, basati su principi puramente tecnico-materiali, che non solo hanno lasciato da parte Dio, ma hanno anche allontanato gli uomini da Lui con l’orgoglio della loro saccenteria, hanno fatto del Terzo Mondo, il Terzo Mondo in senso moderno”, mettendo da parte “strutture morali, religiose, sociali esistenti” per introdurre la loro “mentalità tecnicistica nel vuoto”. Senza esito, anzi peggio.

E Bergoglio? Sembra evidente che se potesse trasformerebbe le pietre in pane, la Chiesa in una onlus di filantropi, lo farebbe subito. Lo dimostrano non solo i suoi discorsi, come già si diceva, ma anche la sua smaccata simpatia per regimi come quello cinese o per politici più o meno comunisti, da Morales a Castro, passando per Sanders, il Pd italiano ed Emma Bonino.

Come non ricordare che questa “grande italiana” – che Bergoglio ha elogiato pubblicamente più volte, che oggi vuole offrire pane a milioni di immigrati visti come impersonale forza lavoro per risolvere un deficit demografico-, promuoveva droga libera, aborto, divorzio, eutanasia, matrimoni gay, e, nel contempo, inutili marce contro la fame nel Terzo Mondo?


Questo blog è il seguito naturale di San Pietro e Dintorni, presente su “La Stampa”.  Per chi fosse interessato al lavoro già svolto, ecco il link a San Pietro e Dintorni.

Se volete ricevere i nuovi articoli del blog, scrivete la vostra mail nella finestra a fianco.

L’articolo vi ha interessato? Condividetelo, se volete, sui social network, usando gli strumenti qui sotto.

Se invece volete aiutare sacerdoti “scomodi” in difficoltà, qui trovate il sito della Società di San Martino di Tours e di San Pio di Pietrelcina.

LIBRI DI MARCO TOSATTI SU AMAZON

Se siete interessati a un libro, cliccate sul titolo.

FATIMA, IL SEGRETO NON SVELATO E IL FUTURO DELLA CHIESA

SANTI INDEMONIATI: CASI STRAORDINARI DI POSSESSIONE

PADRE PIO CONTRO SATANA. LA BATTAGLIA FINALE

Condividi i miei articoli:

Libri Marco Tosatti

Tag: , , ,

Categoria:

320 commenti

  • anonimo ha detto:

    L’ERETICO MODERNISTA: «se lo conosci lo eviti, se lo conosci non ti uccide»
    La quasi totalità dei fedeli laici non sa praticamente nulla circa l’«eresia modernista» e, non sapendo nulla, è del tutto priva di «difese immunitarie» e come logica conseguenza segue sempre nell’errore, senza rendersene conto, l’eretico di turno. L’eresia modernista fu definitivamente condannata come «sintesi di tutte le eresie» da San Pio X nell’enciclica «Pascendi Dominici Gregis» nel 1907. Oggi è riesplosa più che mai.
    Ma come si fa a capire se un «sacerdote» od un «vescovo» sono eretici modernisti? Ciò risulta comprensibile, sia dal loro personale insegnamento, che dai loro comportamenti rituali e ordinari. Costoro distruggono il concetto di Rivelazione, affermando che non è parola di Dio o di Gesù Cristo, ma il prodotto del subconscio dell’uomo; sostengono che «non esiste un Dio Cattolico», ma esiste un Dio che contraddice se stesso, padre di tutte le religioni. Sostengono che «non si può tenere in naftalina» la dottrina (cioè la Parola di Dio) «senza farla progredire», per cui ciò che ci ha lasciato detto Gesù si evolve nel suo esatto contrario. Di conseguenza, non credono nei dogmi, i quali anch’essi si evolvono e non credono neanche nell’autorità del Magistero ecclesiastico. Sminuiscono l’importanza della Bibbia affermando che non è un libro ispirato da Dio; sminuiscono la figura di Gesù affermando che: «si è fatto peccato, si è fatto diavolo, serpente, per noi»; «che fa un po’ lo scemo»; «ha mancato verso la morale»; «non era uno pulito». Gli eretici modernisti non credono neanche nei miracoli, i quali sono frutto di elaborazioni interiori e non hanno una particolare simpatia pei i Santi; sminuiscono la figura della Santa Vergine derubricandola a «madonna postina», «meticcia». Non credono nella presenza reale e sostanziale di Cristo nei sacramenti, in particolare nell’Eucaristia, al cui cospetto neanche s’inginocchiano; per gli stessi motivi tendono ad eliminare gli inginocchiatoi dai banchi riservati ai fedeli. Nei presbiteri delle loro chiese tolgono centralità al tabernacolo, dandola al seggio del sacerdote. Si astengono dall’assumere posture o espressioni che potrebbero, anche lontanamente, richiamare il volto della Beata Imelda. Sono allergici al crocifisso ed al suo posto preferiscono croci stile Renzo Piano; se vescovi, prediligono l’utilizzo di Pastorali alla Moira Orfei; amano agghindarsi durante le celebrazioni con stole circensi arcobaleno. Amano girare in bicicletta nei presbiteri delle cattedrali, le quali all’occorrenza vengono trasformate in osterie con menu a base di carne. Detestano tutto ciò che è tradizionale ed al solo pensiero di indossare una talare nera vengono colti da orticaria.
    Daniele Badalamenti su Fb

    • Gentiluomo dell' otto per mille ha detto:

      Si definifivamente condnnata come 1000 altre cose. A partire dallo stato italiano. Tosatti continua a censurarmi ma e’ storia: “Garibaldi appellava Pio IX: UN METRO CUBO DI. LETAME.

      • wp_7512482 ha detto:

        Vittorio, come faccio a non censurarla? A parte il numero spropositato dei commenti, spesso OT, poi non di rado è diciamo così un po’ volgare. Buona Pasqua.

  • Pasquino ha detto:

    Li luminari laico e religioso
    Pe’ di’ li due migliori capoccioni
    Il grande papa e detto Barbapapa
    Se riuniscono a pensa’ du’ volte l’ Anno

    Pensa che pensa i due che te inventano?
    L’ Inferno nun c’ e’
    E li cristiani pure se peccatori
    In cielo vanno.

    E li dannati? Ndove li Mettiamo?
    Le animucce dei peccatori impenitenti
    Svaporano negli cieli come fumo.

    Spariscono nel nulla, caro Eugenio.
    Come io e te che fra cent’ anni
    Di noi non s’ aricorda piu’ nisciuno!

  • Lucy ha detto:

    @ Andrea P.
    Solo ora ho letto il suo post per cui anche se con ritardo le dico che è un’analisi perfetta con cui concordo al100×1000.
    Nessuno ha parlato di inferno come luogo fisico ma Bergoglio ha messo in discussione l’inferno come PENA ETERNA PER LE ANIME NON PENTITE” cioè ” LA SCOMPARSA DELLE ANIME PECCATRICI”.
    Questo è il punto , non nuovo peraltro, di cui Bergoglio ha spesso parlato con Scalfari , l’ultima appena cinque mesi fa (9/10/2017).
    La smentita del vaticano è della forma non della sostanza , infatti parla di ” ricostruzione ” del pensiero di Bergoglio.
    Se il vaticano non smentisce questo punto in maniera chiara e decisa una volta per tutte così che questa farsa abbia fine abbiamo tutto il diritto di pensare che Bergoglio ě eretico.Punto.

    • Andrea P. ha detto:

      Lucy,
      In teoria avremmo tutto il diritto di pensare Bergoglio eretico.
      In pratica Bergoglio se ne frega e, noi insistendo, otterremmo di esser noi, non lui, trattati e considerati eretici.

      Bergoglio ha capito fin troppo bene come funziona il meccanismo e com’è il clero.
      Ed anche se avesse avuto dubbi, con l’episodio dei 4 dubia ossequiosi e già nati morti, un caso dove la montagna ha partorito un topo morto, Bergoglio sa che può portare avanti il suo programma senza troppi ostacoli, basta qualche furbizia nel metodo in cui è sempre più consumato attore protagonista.

      Chi dovrebbe ufficializzare il fatto che è decaduto, nel caso di eresia, nel clero?
      Non oserà nessuno, non rischierà alcuno di esser schiacciato dallo strapotere che lo condanna come eretico.

      Preghiamo e confidiamo nel divino che, a puntare sugli uomini, la delusione è certa.

      Buon Lunedì dell’Angelo!

      Mi è sempre piaciuto tanto sentirlo chiamare in questo modo tradizionale e popolare, gli altri modi son freddi, a mio avviso.

  • Catholicus ha detto:

    Segnalo una breve riflessione in materia di vera e falsa Chiesa, sempre utile in questo periodo di grande confusione. buona Pasqua al direttore Tosatti ed a tutti gli amici del blog :

    http://www.unavox.it/ArtDiversi/DIV2421_Catholicus_Riflessioni_antimodernista.html

  • Vittorio ha detto:

    In ultimo non posso negare che molti agiscono in coscienza. La comunione non e’ una barzelletta. La crisi di fede c e. La divisione. Non so di relativismo e non so digitare. Ne ho tempo (lavoro, oggi!).

    Pensi che non si debba disperare della salvezza di nessuno. E pregare per le anime. Molti, oggi non fanno la comunione. Altri non son nemmeno cristiani. Altri atei.

    Discorso complesso 😱

  • Austrolopithecus captolicensis ha detto:

    L anticristo verita’ dalla tribù di Dan. In Provenza c erano molti ebrei. Garibaldi aveva ascendenze di Chiavari ma e’ nato in Provenza (Nizza). Ritengo una parte ebraica si sia trasferita in val fontana suona, la famiglia Sivori. Da essa venne un profeta del goal chiamato Omar, e uno storto chiamato Giorgio.

  • Lo Spettro dello Spettro di QC ha detto:

    Comunque divertente (si fa per dire) che Bergoglio viene (secondo alcuni) sistematicamente frainteso da Scalfari e pur continua sistematicamente a farsi intervistare da lui.

    Bergoglionides, nulla da dire su questo piccolo, curioso fatto?

    • Ermeneutica Papale in Pillole ha detto:

      A supplemento della lectio magitralis ermeneutica esposta sotto, si rileva che ogni volta che il Papa si fa fraintendere da Scalfari, i cattotromboni (tra cui voi) da bravi collaboratori inconsapevolmente eterodiretti, animano il dibattito sul tema controverso, facendo quel lavoro che il Papa non vuole fare per sue insindacabili scelte di politica evangelizzatrice.
      Non so i bergoglionides cosa pensino, ma è sicuro che gli antibergoglionides sono tra le migliori pedine nelle mani del grande giuocatore di scacchi Bergoglio.

      • Maria Cristina ha detto:

        “Ogni volta che il Papa si fa fraintendere da Scalfari”
        Sembra uno sport molto praticato e amato dal papa
        Farsi-fraintendere-da-Scalfari e’ una buona pratica mensile che il Papa non manca mai di praticare per la sua maggior sofddisfazione.
        “Farsi-fraintendere-da Scalfari “e naturalmente in seguito “smentire-Scalfari “e’ lo sport preferito da Papa Francesco!
        Non puo’ proprio rinunciarci!

      • Paolo Pagliaro ha detto:

        Ermeneutica ecc., con questo suo intervento si è guadagnato il titolo di trombone supremo.
        Altro che giocatore di scacchi: Bergoglio è un “furbo” che poi si incazza terribilmente quando gli svelano i penosi trucchetti – come questo di usare Scalfari per far passare le proprie idee, o le relazioni posticce al sinodo sulla famiglia.
        Si svegli.

        Buona Pasqua

      • Lo Spettro dello Spettro di QC ha detto:

        @pillola del giorno dopo: Uno che usa la parola “giuocatore” puo’ essere solo un Bergoglionide Scalfarotico. Mi spiace molto per lei.

    • alice ha detto:

      Il nostro Bergoglio è furbo, molto furbo. A parole condanna il proselitismo, come cosa vecchia ed antiquata, in realtà quello che sta facendo nei confronti di Scalfari è autentico proselitismo.
      Sa bene che per molti il fondatore di Repubblica è considerato una guida intellettuale e quindi pensa giustamente che se conquista Scalfari alla chiesa di Roma molti altri atei lo seguiranno e l’opposizione alla chiesa dell’intellighenzia anticattolica verrà meno. Ovvero l’ateismo si dissolverà come neve al sole.
      Quello di cui JMB non si rende conto è che le pecore che lui considera fedeli, non credono alla buona fede di Scalfari, e quindi non pensano che l’operazione di Bergoglio possa avere successo. Anzi non arrivano a capire che questo modo di procedere è autentico proselitismo.
      In tempi lontani nella Chiesa si pensava che, al momento del giudizio, la coerenza nel bene di una vita contasse parecchio di fronte al Signore. Ovvero non si credeva che ci fosse una qualche potenza dispettosa che facesse precipitare nel peccato qualcuno negli istanti precedenti alla morte. Certo il concetto di perseverare nel bene è presente ovunque nella Scrittura…
      Scalfari ha sempre professato l’ateismo, ma nel Vangelo ci viene ricordato che esistono anche gli operai dell’ultima ora…

    • Ermeneutica Papale in Pillole ha detto:

      LETTO: COME MAI DON ARIEL DICE DI NON VOLERSI INTRATTENERE SULLA QUESTIONE DELLA LAVANDA DEI PIEDI E POI NE PARLA PER LE SOLITE 25 PAGINE? OCCORRERA’ PRIMA O POI SOTTOPORRE A CRITICA TESTUALE LE COSE CHE SCRIVE QUESTO VANAGLORIOSO E LOGORROICO PRETINO TELEMATICO.

      • Ermeneutica Papale in Pillole ha detto:

        scusate il maiuscolo. è stato involontario.

        • alice ha detto:

          mi sono limitata a leggere qualche riga. Il “pretino” , mi è sembrato di capire, è già Vescovo ( ma potrei aver capito male) e qualcuno sembra avergli promesso nientepopodimenochè la Diocesi Napoli… ma forse non so leggere…
          anche il nome del blog è così biblico, così modesto…

    • Vittorio ha detto:

      Letto solo il titolo. E concordo.

    • Francisca ha detto:

      Grazie!!! Grandioso Padre Ariel!!

  • Marco 2 ha detto:

    “E sento che non posso finire senza dire una parola ai grandi assenti, oggi, ai protagonisti assenti: agli uomini e alle donne mafiosi. Per favore, cambiate vita, convertitevi, fermatevi, smettete di fare il male! E noi preghiamo per voi. Convertitevi, lo chiedo in ginocchio; è per il vostro bene. Questa vita che vivete adesso, non vi darà piacere, non vi darà gioia, non vi darà felicità. Il potere, il denaro che voi avete adesso da tanti affari sporchi, da tanti crimini mafiosi, è denaro insanguinato, è potere insanguinato, e non potrete portarlo nell’altra vita. Convertitevi, ancora c’è tempo, per non finire all’inferno. E’ quello che vi aspetta se continuate su questa strada. Voi avete avuto un papà e una mamma: pensate a loro. Piangete un po’ e convertitevi.
    Preghiamo insieme la nostra Madre Maria che ci aiuti: Ave Maria…”
    Papa Francesco (venerdì 21 marzo 2014)

    Per favore, dottor Tosatti, basta con tutto questo odio. Che il Signore ci aiuti, Buona Pasqua a tutti.

    • Sempliciotto ha detto:

      @marco 2

      Il 25 marzo, dopo la faccenda Viganò con la promozione di quest’ultimo ad Assessore, in piazza San Pietro, nell’omelia della messa della domenica delle Palme, papa Francesco ha impartito questa lezione a chi costruisce una falsa notizia “nel passaggio dal fatto al resoconto”:

      “È la voce di chi manipola la realtà e crea una versione a proprio vantaggio e non ha problemi a ‘incastrare’ altri per cavarsela. È il grido di chi non ha scrupoli a cercare i mezzi per rafforzare sé stesso e mettere a tacere le voci dissonanti. È il grido che nasce dal ‘truccare’ la realtà”.

      Il papa ha detto ciò senza arrossire, come dimentico di ciò che è stato fatto pochi giorni prima in casa sua, col “resoconto” della lettera di Benedetto XVI.

      Buona Pasqua

    • Vittorio ha detto:

      Ricordo che Quinzio diceva che l anticristo e’ la tecnica. L unica che poteva illudere di salvare il mondo. Per ora la tecnologia serve solo a calunniare. Condivido con lei, ma e’ dura tacere, per me. Per il sangue di Gesu’ Cristo Padre buono aiutami a smettere di fare il male.

    • deutero.amedeo ha detto:

      Io, modestamente, da umile parrocchiano ignorante, vorrei far osservare che parole simili, e magari anche più dure, il Santo Padre avrebbe dovuto pronunciarle anche contro quello Scalfari e quei giornalisti che riferendo di incontri con lui gli “attribuiscono” pronunciamenti eretici di inaudita gravità. Invece non lo fa ! Si affida ad un laconico comunicato stilato da un suo dipendente. Ma S.S. si rende conto che infangare la sua immagine e trascinare pesantemente fuori dalle verità della Fede milioni di fedeli, è (se mai così fosse) un reato, un delitto ben più grave che togliere la vita ad una o anche a qualche decina di persone per questioni, tutte terrene, di soldi e di potere mafioso.
      Reponse s.v.p.

      • deutero.amedeo ha detto:

        L’ultima frase è una domanda. Per favore togliere il puntino e mettere punto di domanda. Grande come una casa

    • Lo Spettro dello Spettro di QC ha detto:

      Chissa’ se veramente ci crede alle cose che dice. A questo punto il dubbio e’ piu’ che legittimo.
      A meno che la spiegazione sia molto piu’ semplice: il Bianconiglio crede nell’esistenza dell’Inferno per tutti quelli che non gli piacciono, mentre per i suoi amici (Scalfari, Bonino, Pannella…) raccomanda semplicemente l’annichilamento dell’anima, cosi’ non devono penare e i suoi amici sono contenti, perche’ non vogliono bruciare all’Inferno ma d’altra parte non gliene frega neanche niente di passare un’eternita’ in mezzo a Santi e Beati. Ma ce lo vedete Scalfari con San Bernardino da Siena? O la Bonino con Santa Maria Goretti?
      La verita’ e’ che gli amici di Bergoglio temono il Paradiso tanto quanto l’Inferno e non vogliono andare né dall’una né dall’altra parte. E il Bianconiglio li rassicura.

      • alice ha detto:

        Li rassicura perchè appunto vuole farseli amici e quindi fare proselitismo nei loro confronti.

    • Maria Cristina ha detto:

      Basta con tutto questo odio: hai ragione Marco 2!
      Basta contro tutto questo odio verso Gesu’ Cristo e la Dottrina della fede cattolica da parte di chi dovrebbe essere il custode della fede, basta con un papa che invece di confermare nella fede i suoi fratelli li conferma nell’ eresia!
      Basta lo dicono i cattolici fedeli: basta con l’ inganno sistematico, vasta con l’ eresia spacciata per verita’, basta con un papa che si discosta platealmente dalla dottrina cattolica !

      • Lo spettro del Mascetti ha detto:

        ”Basta lo dicono i cattolici fedeli”
        Appunto…lascia che lo dicano loro.

    • Mazzarino ha detto:

      Grazie a lei Marco 2 per averci dato dei mafiosi. E per aver risolto il problema ! Ma lo sapevamo già. Scalfari, Che Guevara, Bonino, Castro, Napolitano, Hitler, Stalin, Mustafà Pascià, Jack lo squartatore non rischiano. Al massimo una spada laser li volatilizza istantaneamente e li ritrasforma in quell’energia da cui provengono. Ma come facciamo con fascisti e mafiosi? Loro non meritano la spada laser.

    • Isabella ha detto:

      Chissà cosa ne pensa la “Mafia di San Gallo”.

    • Ira Divina ha detto:

      Lei non immagina l’odio e la cattiveria che alimenta nella gerarchia il suo Papa misericordioso!

  • Stimato Direttore:
    Come non voglio né ho vocazione di santo né di martire, per quel motivo per me è sempre rapidamente di Natale per la Resurrezione e scappo della Croce come Satana, mi permetto in queste date di dargli due idee per se ha problemi economici per mantenere il suo altoparlante libero, suo sito web.
    1ª: Ci sono individui che affermano con video in mano che Jorge Mario si inginocchia nella Consacrazione e davanti ad immagini del Signore e della Madre di Dio. Perché bene, lei dia un euro per ogni video dove Jorge Mario si inginocchia, e che l’individuo dargli un euro per ogni video dove Jorge Mario non si inginocchia e doveva inginocchiare.
    Ignoro le leggi italiane, ma credo che nessun giudice l’accusasse di truffa.
    2ª: Se la prima è insufficiente perché la gente non è stupida per quello che vuole, ha per il momento blog gratuiti, fino a che Jorge Mario dia l’ordine a qualche seguace dell’Anticristo, o sperare fino a che venga in Anticristo in persona che allora andiamo a sapere.
    Saluti.
    Estimado Director:
    Como no quiero ni tengo vocación de santo ni de mártir, por eso para mí siempre es Navidad y Resurrección y huyo de la Cruz como Satanás, me permito en estas fechas darle dos ideas por si tiene problemas económicos para mantener su altavoz libre, su página web.
    1ª: Hay individuos que afirman con vídeo en mano que Jorge Mario se arrodilla en la Consagración y delante de imágenes del Señor y de la Madre de Dios. Pues bien, usted dé un euro por cada vídeo donde Jorge Mario se arrodilla, y que el individuo le dé un euro por cada vídeo donde Jorge Mario no se arrodilla y se tenía que arrodillar.
    Desconozco las leyes italianas, pero creo que ningún juez le acusase de estafa.
    2ª: Si la primera falla porque la gente no es tonta para lo que quiere, tiene por el momento blogs gratuitos, hasta que Jorge Mario dé la orden a algún secuaz del Anticristo, o esperar hasta que venga en Anticristo en persona, que entonces nos vamos a enterar.
    Saludos.

  • Lo Spettro dello Spettro di QC ha detto:

    Esiste un solo Bergoglio e Scalfari e’ il suo profeta.

  • Andrea P. ha detto:

    La metodologia di questo pontificato è ancora impostata (ed impastata) nell’ambiguità, sul movimento obliquo o serpentino: le spire del serpente ondeggiano, strisciando, ora a destra ed ora anche sinistra, sinuosamente muovendo tra un se ed un nì che distrae e quasi ipnotizza mentre, intanto, la serpe è andata avanti proprio dove voleva.

    Anche in questo caso: non già per la prima volta (le finestre di Overton..) esce da qualcuno (Scalfari), intorno a Bergoglio, questa faccenda che, neppure il papa crede che esista l’inferno, etc..

    L’affermazione concettuale proposta genera reazioni che, così, vengono allarmate (e se si aspetta un po’, reazioni armate con dubia, confutazioni od altre iniziative).

    Segue intervento di altri, sempre funzionali al processo avviato da Bergoglio che assicurano che sia tutto a posto, tranquilli!

    Ed anzi, sarebbe in perfetta continuità col Vangeli ed in sintonia con i pontificati post-conciliari precedenti. Altri si aggiungono e respingono critiche alla novità (se si aspetta un po’, delegittimano direttamente, denigrandolo, chi osa criticare Bergoglio e che non può che essere, in malanimo giå sol per questo ardire di non ammettere quanto fortunato lui, la Chiesa e il mondo tutto, ad aver per papa una persona così umile, buona d’animo, sincera e illuminata. Chi potrebbe negarlo se non un cristiano non-cristiano, tanto brutto e cattivo?

    Più avanti, Bergoglio, provvederà a denigrare pesantemente chi critica lui ed i suoi coinvolti nell’ennesimo passaggio in avanzamento lavori, facendolo, però, nel suo stile, in modo indiretto ma intuibile nel significato e nei destinatari, come in un messaggio mafioso.

    Tutto questo vien chiamato “avviare processi”: per il bene della Chiesa.
    E dell’umanità tutta, ovvio.
    Ed in particolare: dei migranti, dei ggiovani, dei mussulmani, dei centri sociali, dei giovani, dei migranti (sì, lo so, li avevo già citati ma i migranti gli interessano tanto), dei mussulmani migranti e non (anche i mussulmani gli stanno tanto a cuore).

    Ma nessuno si faccia cruccio di non esser considerato cristiano buono da Bergoglio:
    meglio non buono che più apprezzato da lui come fosse Bonino.

    La smentita non c’è stata, da subito si è detto che, Scalfari, da giornalista di grande esperienza, non ha riportato le parole precise di Bergoglio. Nessuna smentita nel contenuto.

    Che anzi, come previsto fin dall’inizio, procede con movimento serpentino.
    Ed avanza. Tirandisi la Chiesa appresso.
    Verso l’abisso.

    Se non c’è inferno, nemmeno Satana.
    Ed il rischio di entrare nella Geenna con tutti e due gli occhi non è mai esistito.
    Per non dire di apostoli e santi ridotti alla stregua di contaballe, dei peracottari.

    Qualcuno ci ha ingannati, ci ha mentito, parrebbe.
    O forse dovremmo prendercela con Dio che non ha previsto la moviola coi registratori in campo: se ci fossero stati avremmo visto che la distruzione di Sodoma e Gomorra era solo per finta, magari! Forse uno scherzo, ma come anche Gesù che fa un po’ lo scemo con l’adultera, si resta in un ambiente familiare allegro.
    E, per questa sua imprevidenza, questa mancanza, quanti problemi.
    Ma per fortuna rimedia Bergoglio con gesuitico imgegno.
    Per fortuna Bergoglio c’è.

    E chi non è d’accordo, si prepari ad esser cancellato e distrutto, poi,
    dopo questa vita.
    E senza neppure una lavanda dei piedi prima.

  • Ermeneutica Papale in Pillole ha detto:

    BERGOGLIO/SCALFARI

    1. Al Papa non piace parlare dell’inferno, perchè in questo momento storico vuole avvicinare le persone alla fede e a uno che non ha fede è inutile parlare dell’inferno (tanto non ci crede) e controproducente (meglio puntare sulla beatitudine per attrarre alla fede)
    2. Occorre comunque che se ne parli
    3. Chiama Scalfari e gli fa una supercazzola di cui lui capisce solo che l’inferno non c’è
    4. Scalfari pubblica la cosa e per tre giorni tutti parlano dell’inferno e tutti i cattotromboni telematici citano pezzi di vangelo e di catechismo su tutti i social
    5. Arriva la smentita che implicitamente conferma che l’inferno c’è
    6. Scalfari non fa controsmentite perchè sa di aver inventato
    Risultato: il Papa non ha parlato dell’inferno ma è come se lo avesse fatto.
    Morale: ne dovete mangiare fi pastascitta prima di capire il Papa.

    • Maria Cristina ha detto:

      Ermeneutica papale in Pillole mi pare che la tua ermeneutica sia inutilmente complicata
      Ockam ci insegna che conviene attenersi sempre alla soluzione piu’ semplice senza ricorrere ad inutili complicazioni . Usando il Rasoio di Ockam e il buon senso senza perdersi in inutili complicazioni:
      1) la conversazione tra Scalfari e Bergoglio c’ e’ stata , Bergoglio ha detto piu’ o meno le parole riportate da Scalfari
      2) il Papa crede veramente che l’ Inferno non esiste e non le dice solo per “ attrarre alla fede”
      3) Lui butta la’ le sue idee piu’ audaci con l’ Amico in conversazioni private perche’ sa di non poterle dire ufficialmente nelle omelie
      4) Che si parli o no di Inferno a Bergoglio importa poco o nulla, basta che si parli di lui
      5) dunque ognuno tragga le conclusioni semplici: abbiamo un papa con idee bislacche al limite dell’ eretico che ha per amico un vegliardo giornalista con cui parla a cuore aperto.

      • Luigi9 ha detto:

        “…al limite dell’eretico…”
        Bontà sua.

      • Ermeneutica Papale in Pillole ha detto:

        “Ermeneutica papale in Pillole mi pare che la tua ermeneutica sia inutilmente complicata”
        Risposta: l’agire di un Gesuita è sempre complicato e mai lineare.m L’ermeneutica si avvale di mezzi adatti all’oggetto dell’indagine.

        “Ockam ci insegna che conviene attenersi sempre alla soluzione piu’ semplice senza ricorrere ad inutili complicazioni”
        Ockam è all’origine del disastro filosofico e teologico che ha travagliato la modernità. Meglio non additarlo come maestro. Inoltre, occorrerebbe prima stabilire se e quando le complicazioni siano davvero complicazioni e in seconda istanza quando siano inutili.

        “Usando il Rasoio di Ockam e il buon senso senza perdersi in inutili complicazioni”
        Il rasoio si suggerisce di usarlo per l’epilazione. Il buon senso si suggerisce di usarlo quando si risponde alle mie indicazioni.

        “1) la conversazione tra Scalfari e Bergoglio c’ e’ stata” VERO
        “Bergoglio ha detto piu’ o meno le parole riportate da Scalfari” SUA SUPPOSIZIONE NON COMPROVABILE
        “2) il Papa crede veramente che l’ Inferno non esiste” SUA SUPPOSIZIONE NON COMPROVABILE

        “3) Lui butta la’ le sue idee piu’ audaci con l’ Amico in conversazioni private” SUA SUPPOSIZIONE NON COMPROVABILE “perche’ sa di non poterle dire ufficialmente nelle omelie” SUA SUPPOSIZIONE NON COMPROVABILE
        “4) Che si parli o no di Inferno a Bergoglio importa poco o nulla” SUA SUPPOSIZIONE NON COMPROVABILE,
        “basta che si parli di lui” GIUSTO: SI DEVE SEMPRE PARLARE DEL PAPA, PERCHE’ E’ IL VICARIO DI CRISTO

        “5) dunque ognuno tragga le conclusioni semplici” USANDO IL BUON SENSO E IDONEI SOSTEGNI PROBATORI
        “abbiamo un papa con idee bislacche al limite dell’ eretico” SUA SUPPOSIZIONE NON COMPROVABILE
        “che ha per amico un vegliardo giornalista” VERO, NULLA DI MALE
        “con cui parla” VERO, NULLA DI MALE
        “a cuore aperto” SUPPOSIZIONE NON COMPROVABILE; OGGETTO DEL PARLARE A CUORE APERTO: IGNOTO

        • Maria Cristina ha detto:

          Ma se le mie supposizioni non sono comprovabili, non lo sono neppure le sue caro Ermeneutica. Oppure lei e’ dentro le intenzioni e i pensieri del Papa? Dunque opinioni non comprovabili le mie, opinioni non comprovabili le sue. Restano i FATTI: e i fatti ( comprovabili) sono che Bergoglio ha visto è parlato con Scalfari e che Scalfari ha riportato piu’ 9 meno fedelmente le sue parole. Non si vede perche’ la sua “ ermeneutica” dovrebbe essere l’ Unica valida , caro Ermeneutica!

          • Ermeneutica Papale in Pillole ha detto:

            Ma se le mie supposizioni non sono comprovabili, VERO
            non lo sono neppure le sue caro Ermeneutica. LE MIE NON SONO SUPPOSIZIONI MA INTERPRETAZIONI DI FATTI

            Oppure lei e’ dentro le intenzioni e i pensieri del Papa? ANCHE

            Dunque opinioni non comprovabili le mie,VERO
            opinioni non comprovabili le sue. FALSO

            Restano i FATTI: e i fatti ( comprovabili) sono che Bergoglio ha visto è parlato con Scalfari VERO
            e che Scalfari ha riportato piu’ 9 meno fedelmente SUPPOSIZIONE le sue parole.
            Non si vede perche’ la sua “ ermeneutica” dovrebbe essere l’ Unica valida PERCHÈ SI BASA SU FATTI COMPROVABILI: COLLOQUIO, ARTICOLO, SOLLEVAZIONE DEI CATTOTROMBONI, SMENTITA PAPALE.
            caro Ermeneutica! CARA LEI

    • Lo spettro del fegato dello Spettro del Ranzani ha detto:

      1. a uno che non ha fede è inutile parlare dell’inferno (tanto non ci crede) e controproducente (meglio puntare sulla beatitudine per attrarre alla fede)
      Se uno non crede all’inferno, non crederà neppure al paradiso, no?
      2. Occorre comunque che se ne parli
      E perchè “occorre”? Occorre allora che si parli pure dei Novissimi!
      3. Chiama Scalfari e gli fa una supercazzola di cui lui capisce solo che l’inferno non c’è
      Già il fatto che Bergoglio gli ha fatto una “supercazzola” la dice tutta: allora delle due l’una: o non capisce Scalfari, o non sa spiegare Bergoglio.
      4. Scalfari pubblica la cosa e per tre giorni tutti parlano dell’inferno e tutti i cattotromboni telematici citano pezzi di vangelo e di catechismo su tutti i social
      E che dovrebbero fare, i “cattotromboni”? Dire “ha ragione: l’inferno non esiste”? E cosa dovrebbero citare? la “pastorale misericordiosa” (evanescente) di Bergoglio o le parole di Cristo stesso?
      5. Arriva la smentita che implicitamente conferma che l’inferno c’è
      Per citarti: STOC***O! La “smentita” non ha smentito un bel niente: l’unica cosa che ha smentito è che fosse un’intervista e che le parole virgolettate non sarebbero le parole esatte del papa.
      6.Scalfari non fa controsmentite perchè sa di aver inventato
      oppure perchè partecipa a questo ridicolo gioco delle parti.
      Risultato: il Papa non ha parlato dell’inferno ma è come se lo avesse fatto.
      No. Risultato: la congrega per la comunicazione (ridicola) del Vaticano non fa che confermare le parole del papa.
      Morale: ne dovete mangiare fi pastascitta prima di capire il Papa.
      Morale: ai papolatri se la “smentita” avesse detto “Tom è il gatto e Jerry il topo” avreste detto che smentisce l’articolo di Scalfari.
      Il fatto è proprio questo: MA CHI LO CAPISCE? (a parte i papolatri che ovviamente andrebbero in brodo di giuggiole anche se dicesse che la pastasciutta è buona)

      • Ermeneutica Papale in Pillole ha detto:

        “1. a uno che non ha fede è inutile parlare dell’inferno (tanto non ci crede) e controproducente (meglio puntare sulla beatitudine per attrarre alla fede)
        Se uno non crede all’inferno, non crederà neppure al paradiso, no?”
        Infatti si è parlato di inutilità E di non produttività dell’argomento: se a un infedele parli dell’inferno, quello sarà poco propenso ad approfondire (in questa epoca, non in altre), se gli parli di ciò che può guadagnare è più probabile che si interessi. Strategia forse opinabile, ma esattamente speculare a quella per cui un tempo si diceva “memento mori”.

        “2. Occorre comunque che se ne parli
        E perchè “occorre”? Occorre allora che si parli pure dei Novissimi!”
        Infatti: occorre pur sempre che si parli dei Novissimi. Che cavolo avevi capito?

        “3. Chiama Scalfari e gli fa una supercazzola di cui lui capisce solo che l’inferno non c’è
        Già il fatto che Bergoglio gli ha fatto una “supercazzola” la dice tutta: allora delle due l’una: o non capisce Scalfari, o non sa spiegare Bergoglio”.
        No: è sufficiente intrattenere l’interlocutore parlandogli, metà in spagnolo e metà in italiano maccheronico, di teorie escatologiche, Von Balthasar, visioni di santi ecc, per far sì che quello non ci capisca niente. Un po’ come te.

        “4. Scalfari pubblica la cosa e per tre giorni tutti parlano dell’inferno e tutti i cattotromboni telematici citano pezzi di vangelo e di catechismo su tutti i social
        E che dovrebbero fare, i “cattotromboni”? Dire “ha ragione: l’inferno non esiste”? E cosa dovrebbero citare? la “pastorale misericordiosa” (evanescente) di Bergoglio o le parole di Cristo stesso?”
        No: devono fare esattamente quello che hanno fatto. Parlare dell’inferno, evitando che lo debba fare il Papa che vuol far vedere il bicchiere mezzo pieno. I cattotromboni sono i migliori collaboratori di questo Papa e, senza saperlo, fanno il lavoro che lui gli delega.

        “5. Arriva la smentita che implicitamente conferma che l’inferno c’è
        Per citarti: STOC***O! La “smentita” non ha smentito un bel niente: l’unica cosa che ha smentito è che fosse un’intervista e che le parole virgolettate non sarebbero le parole esatte del papa.”
        No: la smentita dice che sono “ricostruzioni” di Scalfari. Ossia ricostruzioni di quello che ha detto il Papa in una supercazzola più ampia. Poi: l’inesattezza delle parole sarebbe comunque dirimente. Basta mettere o non mettere un “non” tra le parole “l’inferno”…”esiste” che cambia tutto il film

        “6.Scalfari non fa controsmentite perchè sa di aver inventato
        oppure perchè partecipa a questo ridicolo gioco delle parti”.
        Possibile: nel gioco delle parti ci ha guadagnato il Papa che vi ha costretti a fare il “lavoro” che non vuole fare lui. Scalfari, se sta al gioco senza preoccuparsi di fare la figura del cialtrone, sono fatti suoi.

        “Risultato: il Papa non ha parlato dell’inferno ma è come se lo avesse fatto”.
        Infatti: è da tre giorni che non si legge altro. In realtà ha fatto di più: ha obbligato voi/noi/essi a parlarne con insistenza. Anche tu hai eseguito l’ordine.

        “No. Risultato: la congrega per la comunicazione (ridicola) del Vaticano non fa che confermare le parole del papa”.
        No: tu, che non sai leggere, ricavi dal comunicato una “conferma delle parole del Papa” che nemmeno sai quali siano. Al massimo puoi trarre la conferma che le parole – singolarmente prese – fossero quelle. E’ come sono state ricostruite – quindi nella loro connessione – che è stato contestato.

        “Morale: ne dovete mangiare fi pastascitta prima di capire il Papa.
        Morale: ai papolatri se la “smentita” avesse detto “Tom è il gatto e Jerry il topo” avreste detto che smentisce l’articolo di Scalfari.
        Il fatto è proprio questo: MA CHI LO CAPISCE? (a parte i papolatri che ovviamente andrebbero in brodo di giuggiole anche se dicesse che la pastasciutta è buona)”
        No: nel tuo caso, oltre alla pastasciutta, serve una dieta ricca di fosforo, ginseng e molti omega-tre. E meno cartoni animati.

        • Luigi9 ha detto:

          Le smentite non è cosi’ che vanno fatte!
          La toppa è ben peggiore del buco che vuole coprire.
          Quando l’argomento è una questione di capitale importanza, esattamente come in questo caso, non bastano i giri di parole (che alla fin fine suonano sempre come dei “NI” o dei “SO”… tale è infatti lo stile comunicativo di questi ultimi 5 anni), ma occore una chiarissima presa di posizione a riguardo, ovvero una smentita della proposizione eretica ed una contestuale riaffermazione di quello in cui la Chiesa crede.
          Qui non si sta a parlar di noccioline… le parole pesano come pietre… e che pietre !!!
          Tutta questa political correctness nella comunicazione vaticana… a che pro ? Per non urtare Scalfari forse ?
          O le anime belle che discernono su tutto (e che inorridiscono al solo sentir nominare la parola “dogma”) ?
          Anche qui, come in tutte le altre pentole scoperchiate in questi tragici 5 anni, vale sempre la regola del “SI, SI, NO, NO”.

        • Maria Cristina ha detto:

          E nel tuo caso caro Ermeneutica basta una cosa sola : la fede in Dio e in Cristo e nella Dottrina nella Chiesa invece che la fede nel Vitello D’ Oro chiamato Papa Francesco.

        • Lo spettro del fegato dello Spettro del Ranzani ha detto:

          Quindi, secondo te, non bisogna parlare dell’Aldilà ad un non credente, perchè non è opportuno e non produttivo, però è necessario parlarne, basta che non sia il Papa (chissà perchè poi, forse perderebbe quell’aura di buonismo?) , e che lo facciano gli altri, però se lo fanno sono “cattotromboni”, però fanno quello che vuole il papa, però sbagliano perchè non dovrebbero parlare dell’Inferno, che però esiste solo per i mafiosi e per quelli che non vogliono i (falsi) “migranti”. E le parole “non riporta le parole esatte” vuol dire che l’inferno c’è, ma solo per i mafiosi e i leghisti.
          Continua con l’ermeneutica di Tom & Jerry, che ti è più congeniale.

          • Lo Spettro dello Spettro di QC ha detto:

            Amico spettro, devi capirlo, poverino. A Ermeneutica di Tom &Jerry piace “giuocare” con le parole.

        • Lo Spettro dello Spettro di QC ha detto:

          @pillola del giorno dopo:

          “se a un infedele parli dell’inferno, quello sarà poco propenso ad approfondire (in questa epoca, non in altre), se gli parli di ciò che può guadagnare è più probabile che si interessi.” SUA SUPPOSIZIONE NON COMPROVABILE.

    • Ecclesia afflicta ha detto:

      A papa non piace parlare dell’inferno perché non ci crede. Non è coerente con la sua visione politica della religione universale di cui lui si ritiene il massimo rappresentante. Lo ha ribadito più volte, non solo in quest’ultima intervista.

      Io penso che Bergoglio dovrebbe lasciare il posto, per il quale è palesemente inadeguato. Se gli fa schifo la chiesa, la fede cattolica e il papato perché non va a fare l’animatore sociale nelle periferie esistenziali di Buenos Aires?
      E’ inutile che vi arrampichiate sugli specchi. Le parole hanno un significato, e ciò che dice Bergoglio è chiarissimo.

      A proposito, anche quando finge di amare i poveri non è credibile. Ha dirottato 25 milioni di euro dal terzo mondo ai bilanci opachi della Clinica Dermatologica Romana, che non mi risulta sia situata in Africa. La sua “riforma” per la trasparenza della curia è una farsa, basti vedere il caso Viganò, e la lotta alla pedofilia e corruzione va bene solo quando non si tratta dei suoi amici ed elettori. Il dialogo la parresia nella chiesa sono solo vuote parole, in bocca al papa dittatore, che non tollera e non risponde ad alcuna critica, se non dicendo che ha coscienza a posto e che dorme tranquillo.

      Gli incubi li fa venire ai cattolici, e non perché predica il Vangelo, ma perché predica un altro vangelo.

      • Adriana ha detto:

        @ ECCLESIA ,
        mamma mia ! Ancora un terzo Papa?
        E una nuova , ancora inedita dottrina?
        Ma è la serie delle Matrioske?

      • Maria Cristina ha detto:

        Non un altro Vangelo ma proprio l’ Anti- Vangelo.
        Questo papa io sono convinta, ha molte caratteristiche
        proprio anti-cristiche.

  • Adriana ha detto:

    Ringrazio l”‘intelligenza del cuore” di Nemo.

    Gli “spettri” mi sembrano complessivamente affetti da “Disforia
    di Genere”. Vivo-morto? Carne-ossa? Tangibile–Lenzuo-labile?
    Sono solo alcuni “maschietti” o supposti tali a divertirsi a queste
    “esercitazioni stellari”. Le signore donne sono molto più serie e
    si firmano col proprio nome : serenamente.
    Non sono partigiana del me-too.
    Ma fateci un pensierino ,ragazzi !

    Non fate come don Diego Castagna ad Arcole ,recentemente
    fattosi
    crocifiggere (per finta) davanti ai suoi migranti ,e filmare ,
    ignorando di far la parodia del grande Gastone Moschin (l’architetto Rambaldo Melandri ) in “Amici miei n.2 “.
    Per non dir peggio…

    Lui dice :”Perchè assomiglio a Gesù” , (Quello dei santini). Contento lui…
    Andate a vedervi nelle sale il prossimo film :” IO c’è “.
    E non adeguatevi.

    • lo Spettro di Paolo ha detto:

      Io il nome lo metto senza problemi. Sono spettro perché nell’evanescenza di internet lo siamo un po’ tutti. 247 commenti a questo post di cui, forse, il 10% inerenti al tema proposto. Il resto? La solita minestra… che tristezza. Comunque buona Pasqua all’Abbė ai colleghi spettri (veri e presunti) ai teologi del mercoledì e a chiunque abbia qualcosa da dire (l’abbė è troppo buono…)

    • Nemo ha detto:

      Per chi volesse prolungare la propria meditazione:

      https://onepeterfive.com/good-friday-catholicism/

      Voce e testo.

    • GMZ ha detto:

      Questa spettrale parata entrerà a far parte della “mitologia” di Stilum Curiae; tra qualche anno ricorderemo con nostalgia la “spettreide”.
      Colgo l’occasione per augurare a tutti di trascorrere serenamente la S. Pasqua!
      Ed ora, il momento della pubblicità: chi ne ha l’occasione, non si lasci sfuggire la veglia e la S. Messa celebrata a Vocogno a partire dalle 20:30 di domani sera.
      Ossequi.

      • Spettrale Congregazione per la Dottrina della Fede - Ufficio Vigilanza Social Networks ha detto:

        La scrivente Congregazione,
        – letto il comunicato del sig. GMZ
        – apprezzatone il contenuto, quanto alla prima parte
        – ritenuto doveroso che sia composto un poema epico in esametri dattilici interamente dedicato agli Spettri,
        NOMINA
        il ridetto GMZ
        “Spettrale ed Ufficiale Cantore della Saga degli Spettri”
        commissionandogli la redazione in latino di un poema in esametri dattilici denominato “Spettreide”, onde consegnare alla posterità la narrazione delle eroiche gesta di questo sacro manipolo di difensori della Fede, del Papa, della Chiesa e di Roma.
        ORDINA
        la pubblicazione del presente decreto nella pagina centrale della prossima edizione dell’album di figurine Panini dedicato ai Vescovi di Santa Romana Chiesa

  • Spettrale Congregazione per la Dottrina della Fede - Ufficio Vigilanza Social Networks ha detto:

    La scrivente Congregazione,
    RILEVATE
    le doglianze della sorella Divina Ira quella vera in merito all’abuso del suo nickname da parte di soggetti non legittimati a utilizzarlo
    ESPRIME
    il proprio cordoglio alla sorella, con la consapevolezza della gravitá di un gesto che mina l’identità virtuale, che nel 2017 AD costituisce per molti oggetto di affezione superiore alla propria identità reale. Tuttavia,
    INVITA
    la sorella a prendere buona nota di quanto segue in relazione alle accuse da lei mosseci:
    1. Gli spettri aderenti a questa Congregazione NON rubano l’identità altrui, nemmeno virtuale
    2. Gli spettri e la Congregazione sono essi stessi vittime di volgari tentativi di imitazione. Non se la prendono e anzi ne ridono. Cosa che potrebbe fare anche la sorella Divina
    3. L’accusa rivoltaci è offensiva e, chiunque dotato di senso critico noterebbe che i fake di questi giorni (fegati et similia) hanno fatto interventi diametralmente opposti a quelli che farebbero gli spettri veri. Questo dovrebbe indurre la sorella a cercare altrove i colpevoli del grave delitto. Fenomeno che di fatto si è scatenato solo in questi giorni e mai prima d’ora, nonostante gli spettri presenzino dal mese di luglio.
    4. Vi sarebbero fondati elementi (uso di espressioni tipiche, caratteri speciali, emoticons e altro) per rivolgere la medesima accusa alla sorella. Noi non lo facciamo, in quanto non parliamo mai per supposizioni e poi perchè non Ce ne frega niente.
    * * *
    Con ciò salutiamo la sorella Divina, sperando che si rimetta presto dallo shock identitario. Salutiamo altresì l’Abbè Tosatti ringraziandolo per lo spazio concessoci. Auguriamo a tutti, spettri e viventi, veri e falsi, una buona Pasqua di Risurrezione.
    Con osservanza.

    • Nemo ha detto:

      Mi permetto: per la meditazione di tutti, spettri, ombre, sospettosi, etc… Una pausa:

    • Ira Divina di sempre ha detto:

      Mi faccio una bella risata!😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😊😂😂.

      • Ira Divina di sempre ha detto:

        E dopo averla fatta, ora penso solo a meditare la passione di Nostro Signore. Gioca quanto vuoi!

        • Spettrale Congregazione per la Dottrina della Fede - Ufficio Vigilanza Social Networks ha detto:

          La Congregazione
          ESPRIME
          Compiacimento per il cambio di umore della sig.ra Divina Di Sempre, che dopo le lagne adesso è tornata allegra come Noi. Speriamo anche con il Nostro aiuto.
          Ciò posto,
          CONFIDA
          Che la smetta di citare spettri a cavolo per incolparli delle proprie sfortune ed inoltre
          LA BENEDICE
          augurandole ogni bene e di trovare un marito che la tenga un po’ lontana dai social network

    • Maria Cristina ha detto:

      Cara Spettrale Congregazione
      Saro’ breve: avete rotto! Se volete essere spiritosi avete toppato, non fate ridere! Siete noiosi! Non vi si sopporta piu’ . E quali che siano i vostri fini reconditi: quelli di tutti i troll di rompere le scatole, sappiate che in questo blog non li raggiungerete, Tanta fatica per nulla.

      • Spettrale Congregazione per la Dottrina della Fede - Ufficio Vigilanza Social Networks ha detto:

        La scrivente Congregazione, in merito al delizioso messaggio della sorella Cristina, sig.ra Maria
        a) con riferimento alla proposizione “avete rotto!” ESPRIME completa indifferenza
        b) con riferimento alla proposizione “Se volete essere spiritosi avete toppato, non fate ridere! Siete noiosi!” ESPRIME completa indifferenza
        c) con riferimento alla proposizione “Non vi si sopporta piu’ ” ESPRIME completa indifferenza
        d) con riferimento alla proposizione “E quali che siano i vostri fini reconditi: quelli di tutti i troll di rompere le scatole” EVIDENZIA (i) che i fini reconditi li vede solo il buon Dio e che la sorella Cristina sig.ra Maria non dovrebbe arrogarsi facoltà a Lui solo riservate; (ii) se i fini sono reconditi, non si capisce come la sorella possa conoscerli ed esprimerli (peraltro sbagliando: il Nostro fine è EDUCARVI; voi, come mocciosi, prendete il percorso educativo come una “rottura di scatole”)
        e) con riferimento alla proposizione “sappiate che in questo blog non li raggiungerete” EVIDENZIA contraddizione con quanto affermato dal combinato disposto delle proposizioni sub a) e d)
        f) con riferimento alla proposizione “Tanta fatica per nulla”, la RASSICURA: almeno ci divertiamo.
        Spettabili auguri di buona Pasqua

  • Flora ha detto:

    La Chiesa da quel 13 marzo di 5 anni fa sta vivendo il suo venerdì di passione. Cristo non può essere schiodato dalla croce e ancora riceve insulti beffardi e strazianti anche per la Sua Santa Madre che soffre ai Suoi piedi. Questa è davvero l’ora delle tenebre per tutti noi. Dovremmo restare a fianco della Madre come Giovanni e contemplare il Maestro che ancora oggi continua a farsi peccato per noi. E pregare per Pietro che ha tradito.
    Buon Santo Venerdì.

  • Maria Luisa ha detto:

    Buongiorno a tutti.. ho appena assistito all’angelus su tv2000 e come ieri ho ascoltato bene, oltre che guardato, e cosa nn hanno sentito le mie orecchie? Che nn hanno detto, dopo la benedizione finale le parole: la benedizione del Signore scenda su di voi e con voi rimanga sempre.. è la seconda volta che noto.. ora ne sono certa.. diciamolo noi.. e scenda su di noi e con noi rimanga sempre.. osservate e notate come stona ed è monca la nostra liturgia presentata così.. cosa ci toglieranno ancora senza che ce ne accorgiamo? Effata!!

  • Adriana ha detto:

    Oggi ,venerdì mattina , a Radio Radicale , Rita Bernardini ha
    rivendicato con orgoglio la presenza dei membri del Partito Radicale alla Lavanda dei piedi fatta da Bergoglio .Per ragioni di “affinità politiche ” con la condotta di questo Papa che visita le
    carceri ,e, soprattutto ,per il ricordo di come Pannella fosse legato al Papa da affetto e autentica affinità . Tanto è vero che Pannella “digiunava ” per “MANCANZA di Fede “.
    Un “Lapsus” ma carino e , forse, ispirato . Buona Pasqua a tutti!

  • Ira Divina di sempre ha detto:

    Mi perdoni Dott. Tosatti ho visto ora che è apparso il mio post di cui parlavo. Non tenga conto della prima parte che ho scritto. Buona giornata!

  • Ira Divina di sempre ha detto:

    Carissimo Dott. Tosatti, avevo scritto un post allo spettro che ha rubato il mio nik, ma ho visto che non è stato pubblicato, pazienza. È anche bello che ci sia qualcuno che renda un po colorito il dibattito, ma spesso c’è chi esagera e in modo ironico anche offende. Penso di essere stato sempre corretto nei miei post e se ho rintuzzato qualcuno di quelli che generano confusione in questo blog, l’ho fatto sempre con rispetto. Ho gridato il mio dissenso verso certi personaggi, ma senza esagerare. Allo spettro che si diverte a fare il camaleonte sul blog dica di usare un altro nik, non il mio. Le confermo il mio apprezzamento per il suo lavoro e la mia stima. Santa Pasqua!

    • Lo spettro di don Ezio ha detto:

      Ira Divina di sempre,
      come appartenente alla categoria degli spettri, mi dissocio dagli spettri disonesti che rubano il nick al prossimo.

      • Ira Divina di sempre ha detto:

        Grazie a Lei per la solidarietà!

        • Padre Ralf ha detto:

          Si è dissociato dagli spettri che si comportano male, magari per puntualizzare di non essere lui lo spettro dispettoso. Non ha espresso solidarietà….
          Ma poi perchè dà la colpa agli spettri?? Anche loro sono sotto attacco dei multinick…

          • Ira Divina di sempre ha detto:

            Caro Ralf de Brevassat, io non ho accusato nessuno in particolare. Di certo chi sta usando il mio nik oltre a essere una persona scorretta è anche uno che si diverte a giocare a fare lo spettro. Mi risulta che chi ha usato nik simili a quelli degli spettri non li hanno usati pari pari a quelli già esistenti. Uno si è chiamato “fegato”, un altro “lo spettro dello spettro”, altro ancora “spirito del rendiamo” e così via. Se uno avesse scritto la spettrale ira divina o simila, ok, ma scrivere pari pari il mio nik non credo che vada bene. Io non l’ho mai fatto! Imitare con variazione è un conto, copiare pari pari no! Comunichi al collaboratore di Vigano’ che le sue precisazioni espresse nel post sopra pubblicato fanno ridere anche i polli. Buona Pasqua!

          • Ira Divina di sempre ha detto:

            Causa T9 corrige “Brecassar “

    • Lo spettro del Ranzani ha detto:

      A quale spettro ti riferisci? A QC, DON EZIO, PAOLO, RANZANI, FEGATO, CERVELLO, CAYENNE DEL RANZANI…

  • Mazzarino ha detto:

    Sono cinque anni che ci somministrano lo stesso veleno e c’è ancora qualcuno che non ha capito? Bergoglio fa parlare gli altri, poi fa alzare un pò di fumo per consentire la mitridatizzazione di quei cattolici che si stupiscono ed evitare la formalizzazione delle sue eresie. Solo così, e col clero sotto minaccia, può distruggere Santa Romana Chiesa. Infatti la prima vittima del suo “pontificato” è stato il Giovedì Santo. L’anticipo del Sacrificio che fonda il Nuovo Testamento, e la Sua Chiesa con mandato sacramentale, UNICO strumento per la salvezza delle anime. A questo Bergoglio e, in verità molti altri sacerdoti e cardinali, non credono.
    Basta prenderne serenamente atto e tutto sarà chiaro e comprensibile. Ma il tempo è scaduto e la formalizzazione dell’eresia c’è. La dichiarazione non è lontana.

    • Lo spettro di don Ezio ha detto:

      Mazzarino,
      l’UNICO strumento per la salvezza delle anime non è il Sacrificio eucaristico, ma il battesimo, che può essere di acqua, di sangue o di desiderio, anche implicito. La salvezza viene dalla Grazia di Dio, in maniera sacramentale e in maniera extra-sacramentale. Questa è la dottrina cattolica cui Papa e cardinali credono. Le altre sono idee sue, di lei Mazzarino, ma non sono dottrina cattolica.

      • Mazzarino ha detto:

        Impari a leggere. Prima della virgola c’è scritto Chiesa. E oggi, 30.3.2018, non è quella in cui crede Bergoglio.

      • Sempliciotto ha detto:

        Diciamo che la lavanda dei piedi dovrebbe rappresentare l’istituzione del Sacerdozio Ministeriale e non il lavare i piedi a comunisti/e e mussulmani/e.

      • Vittorio ha detto:

        Interessante don Ezio. Pero’ se non e’ don Ezio non usi gli assenti. Grazie per questo insegnamento che ignoravo

  • Stimato Direttore:
    L’ispirazione divina e che cosa sa Francesco: “perché io so che questo durerà poco tempo, due o tre anni, e poi… alla casa del Padre…”: 14 ego intervista, 18 agosto 2014: 18 agosto 2014!
    http://w2.vatican.va/content/francesco/it/speeches/2014/august/documents/papa-francesco_20140818_corea-conferenza-stampa.html
    “PERCHÉ IO SO che questo durerà poco tempo due o tre anni” due o tre anni! due o tre anni!
    Francesco è puro bugia inganno e cinismo: falso pastore falso profeta e falso tutto.
    Saluti.

    • Lo spettro di don Ezio ha detto:

      Ángel Manuel González Fernández,

      le frasi si comprendono dal contesto:

      Alla domanda:

      Lei come gestisce questa immensa popolarità? Come la vive?

      (Papa Francesco)

      Ma, non so come dire… Io la vivo ringraziando il Signore che il suo popolo sia felice – questo lo faccio davvero – e augurando al popolo di Dio il meglio. La vivo come generosità del popolo, questo è vero. Interiormente, cerco di pensare ai miei peccati e ai miei sbagli, per non illudermi, perché io so che questo durerà poco tempo, due o tre anni, e poi… alla casa del Padre…

      L’espressione “due o tre anni”, è un calcolo prudenziale, il Papa non ha detto: “so per ispirazione divina che tra due o tre anni andrò alla casa del Padre”.

      Lei non è autorizzato a dire che il Papa è bugiardo perché non è morto allo scadere dei tre anni.

      • @Lo spettro di don Ezio:
        Comprendo que tenga miedo a dar su nombre y apellidos. También comprendo y entiendo perfectamente su italiano, por lo que lea usted que aquí “lei non è autorizzato a dire…” es el Direttore Marco Tosatti.
        DEJÉ DE ESTAR EN COMUNIÓN con el jesuita Jorge Mario desde el mismo momento que juzgó ser digno obispo auxiliar, pasándose por donde termina su espalda, los avisos de su santo fundador Ignacio de Loyola que no quería que ninguno de sus seguidores aspirasen a obispo.
        Tampoco quería que sus seguidores aspirasen a obispo el santo diácono Francesco d’Assisi, bajo cuyo disfraz actúa el tal Jorge Mario.
        Desde el 13 de marzo de 2013 llevo recopilando pruebas e indicios de prueba donde se demuestra que este Jorge Mario es un mentiroso, un cínico y un engañador.
        Este cúmulo de pruebas e indicios de prueba me ha llevado a la conclusión de que este Jorge Mario es el profetizado “Pastor necio y Falso profeta” según Zacarías y Apocalipsis.
        El primer signo que indica que estamos en el “Fin de los Tiempos” es el asesinato de no nacidos como “un bien y un derecho”:
        http://www.worldometers.info/abortions/
        Signo que concuerda con Apocalipsis 6:10-11.
        El segundo signo es la aparición del profetizado “Pastor necio y Falso profeta” que es Jorge Mario, que está dejando y quiere dejar a la Iglesia católica al mismo nivel de división, subdivisión y decadencia que las Iglesias de la Reforma.
        Y ese “trabajo” se lo está haciendo al que es el tercer y último signo: el Anticristo, el Adversario, el Seductor.
        Y como mis padres -que murieron siendo yo un adolescente- me bautizaron en la Iglesia católica sin yo pedirlo ni pedir ahora mi renuncia, soy libre para expresar con pruebas e indicios de pruebas que este Jorge Mario es lo que es.
        Y le repito, porque no he renunciado ni a mi bautismo ni a mi libertad, QUE DEJÉ DE ESTAR EN COMUNIÓN con este jesuita Jorge Mario desde el mismo momento que juzgó ser digno obispo auxiliar; y ese cuento de la obediencia la disponibilidad y el servicio… ¡milongas a otro a mí no! Porque ese cuento no es otra cosa que poder, Poder, PODER
        Y las pruebas y los indicios de pruebas están todas aquí:
        1ª:
        https://lossegadoresdelfindelmundo.blogspot.com.es/2014/05/2029-2031-fin-del-papado-en-roma-y-fin.html
        2ª:
        https://lossegadoresdelfindelmundo.blogspot.com.es/2016/01/2029-2031-fin-del-papado-en-roma-y-fin_12.html
        3ª:
        https://lossegadoresdelfindelmundo.blogspot.com.es/2018/01/2029-2031-fin-del-papado-en-roma-y-fin.html
        4ª, 5ª, 6ª…: Porque si Dios no “acorta los tiempos”, tenemos “Pastor necio y Falso profeta” como mínimo más de 10 años.

  • Lara ha detto:

    Ho un amico non credente,quando parliamo di Dio lui parla di “energia”..io gli parlo di Gesù…ora sarà molto felice nel sapere che il papa da ragione alla sua tesi di energia-amore universale.Purtroppo io con lui faccio proselitismo..cerco di fargli vedere la bellezza del Cristiano convertito da Cristo.Non credo alla smentita del Vaticano..questi anni mi sono sembrati la trama di quel manoscritto scomparso de”La compagnia di Celestino”alla fine la chiesa era un’invenzione e l’energia di Dio era in tutti gli uomini e religioni (se non erro).Quindi ora mi aspetto di sentir dire che la morte in croce di Gesù è una metafora e la risurrezione anche perché non c’erano le telecamere.Me ne frego di quello che farà o dirà in futuro questo papa,nel caos totale nel quale siamo immersi ci voleva un pastore chiaro non nebuloso,io proseguiro’come ho sempre fatto fino a ora seguire Gesù il Magistero e il catechismo..ciò ha prodotto molte grazie nella mia vita quindi..vado avanti cosìViva Gesù! Buona Pasqua di Risurrezione a tutti!

    • Lo spettro di don Ezio ha detto:

      Lara,
      non se ne freghi del Papa, anche se nebuloso, è pur sempre il Vicario di Cristo.
      L’idea dell’energia dell’amore non è propriamente un concetto in uso nella teologia cattolica, è vero, ma – preso con le dovute cautele – può rendere l’idea della Grazia di Dio.
      Per proselitismo s’intende un’azione tendente a convincere qualcuno ad aderire a qualcosa, nel nostro caso al cattolicesimo. Non è esattamente quello che ha fatto Gesù: non ha cercato di “convincere” nessuno, ma ha “predicato” la buona novella. Questo devono fare i cristiani, missionari compresi.

  • L'Informatore Spettrale ha detto:

    «Abbiamo chiesto al Papa se le critiche lo fanno soffrire e lui con molta serenità ci ha detto che è la posizione stessa a far sì che ci siano critiche, che sarebbe strano se non ci fossero ma se uno si affida al Signore e in coscienza fa quello che Dio gli dice di fare, le critiche possono anche aiutare in un certo momento» Fonte ANSA

    • Ecclesia afflicta ha detto:

      Ipocrisia pura. Alle critiche si risponde con argomenti, non con gli insulti e il vittimismo.

      • Lo spettro di don Ezio ha detto:

        Ecclesia afflicta,
        non giudicare e non sarai giudicato.
        Tenga buone le dichiarazioni del Papa, invece di dargli dell’ipocrita. Questo poteva farlo solo il divino Maestro nei confronti dei farisei, non lei nei confronti del Papa.

        • Ecclesia afflicta ha detto:

          @ don Ezio,
          fra il Papa e la Chiesa c’è un patto. Il Papa, come dice il Canone Romano, custodisce la fede cattolica, trasmessa dagli Apostoli. I fedeli in cambio lo rispettano e lo onorano. Finora, anche se ogni Papa è stato criticato dai cattolici che non la pensavano come lui, il rispetto non è mai mancato perché tutti percepivano che c’era almeno l’intezione di custodire la fede. Questo papa invece si vanta di essere un rivoluzionario e usa il papato come mezzo per diffondere le sue idee che derivano da ideologie che, belle o brutte che siano, non sono il vangelo. In più trovo scorrettissimi i metodi che utilizza. Cosa dovremmo dire? Che il male è bene e il bene è male?
          http://ecclesiaafflicta.blogspot.it/2018/03/e-un-onore-essere-chiamato.html

  • Filippo Barboglio ha detto:

    Ci sono due modi molto diversi per reagire alle malefatte del dottor Stranamore di bianco vestito. Uno è viverla come tragedia: nemmeno durante la settimana santa e nel triduo Pasquale il capo della cristianità rinuncia a dare scandalo al suo gregge, a far capire senza dirlo che lui è il più grande uomo del pianeta, e il più grande papa post tridentino, perché tutto sa e dunque tutto può correggere, e tutto, da buon Stranamore, può distruggere. E distruggere gli piace, chiunque abbia avuto a che fare con gli argentini lo sa, è una loro caratteristica, l’Argentina è terra ricchissima che però ogni 10 anni finisce sul lastrico per la presunzione, la superficialità e il “cupio dissolvi” dei suoi gruppi dirigenti. Il nostro eroe della pampas non ama né il suo gregge (la Santa chiesa cattolica apostolica romana) né l’erba (la retta dottrina) di cui questo si nutre. D’altronde, per lui, siamo dei tristi coprofagi depressi e inariditi.
    L’altro modo è viverla con buonumore, come si assiste ad una farsa: la chiesa nella sua lunga storia ha vissuto momenti ben peggiori, ha avuto papi ben più beceri e ne è sempre uscita bene. Insomma, se a questo Stanamore di bianco vestito piace fare il buffone, lasciamolo fare. In fondo la chiesa non è sua, e prima o poi il papa inevitabilmente cambia. E il suo destino è essere ricordato come oggi sono ricordati Callisto II o Sisto IV. Polvere. E poi volete perdere lo spettacolo circense che ci propina da cinque anni? Di cosa parleremmo altrimenti? In fondo…Ci ravviva la fede e ci fa discutere. Di quale altro papa 4 non cristiani come Villaggio, Sgarbi, Ferrara e Battiato avrebbero potuto affermare “Quel tipo non crede in Dio”? Quale altro papa rifiuta di ricevere in udienza 4 cardinali ma ci tiene proprio tanto a incontrare (per gli auguri!) il collega circense Eugenio? E volete dimenticare quel “Gesù fa lo scemo”? Certo, ha una preparazione teologica pari a quella di Wanna Marchi, una cultura politica forgiata sui testi di “Com nuovi tempi – cristiani per il socialismo”, ed una leadership stile Kim Il Sung, ma queste cose contribuiscono a costruire la macchietta che ben conosciamo e che in fondo piace ai contemporanei.
    Avremo qualcosa da raccontare ai nipoti, e non è poco.

    • Lo spettro di don Ezio ha detto:

      Filippo Barboglio,
      se lei ha la dignità di una persona umana non chiama il Papa dottor Stranamore, ammesso e NON CONCESSO che tutto quello che lei scrive sia la verità. Spero che i nipoti si documenticano da fonti autentiche, non da personaggi sedicenti cattolici-sicuri-di-essere-nella-verità.

      • Adriana ha detto:

        @ Don Ezio caleidoscopico,
        non sia tanto rigido , per favore .Provi a supporre che Filippo Barboglio
        abbia scelto il suggestivo nome “Stranamore ” come contrazione
        di ” Strano Amore “. Per assonanza emotiva . Per intimo desiderio di Amore .Non per mancanza di rispetto.
        Infatti è noto che gli uomini scrivono non su ciò che
        conoscono bene , bensì su ciò che non conoscono bene . E l’Amore è il più difficile da definire . E’ :”strano”.
        “Se nessuno me lo chiede, lo so; se voglio spiegarlo a chi me lo chiede , non lo so più”(Agostino). Quello che sant’Agostino
        dice a proposito del tempo,vale ugualmente per l’Amore.
        Talvolta i termini che usiamo sono infelici .Il suo :” Non se ne freghi del Papa “non mi pare molto rispettoso nei confronti del medesimo . Eppure ,sono certa che nasceva dall’Amore.
        Quell’Amore che anela al divino, che fa vibrare l’anima prigioniera del terreno.
        Buona Pasqua.

      • Filippo Barboglio ha detto:

        Caro don Ezio, io non sono affatto sicuro di essere nella verità, ma sin da bambino grazie a Dio ed ai miei genitori so cos’è la verità. Anzi, la Verità.
        Bergoglio mi sembra che assomigli in modo tragicomico al mitico dottor Stranamore, magistralmente descritto in un grande film di Kubrick. Un personaggio inquietante e psicologicamente sbandato, che ama la bomba e che non si fa problemi a godere al pensiero della distruzione e della catastrofe. Il nostro vescovo di Roma mi dà l’impressione di essere come lui, di non amare il suo popolo e la sua chiesa e di godere al pensiero di destabilizzarla e di distruggere ciò che da San Paolo a Benedetto XVI si è fatto per seguire gli insegnamenti del Maestro.
        Le consiglio di andare a rivedere quel grande film e di immaginare Peter (nomen homen?) Sellers vestito di bianco. Noterà strane somiglianze.

  • deutero.amedeo ha detto:

    Scommetto che Tosatti è andato alla messa in coena domini e per questo tarda ad aggiornare i commenti a Stilum curiae.
    Me vo’ in lecc e doma’ edaro’ . Ma me spete nagott de bu. Come semper ormai. Buna nott!

  • Raspail ha detto:

    Peccato che Viganò non sia più responsabile della comunicazione vaticana, altrimenti sarebbe stato divertentissimo sentirlo dire, come severo monito dopo questa contestazione vaticana sull’intervista/non intervista scalfariana, qualcosa come “Non si mettono in bocca a un Pontefice parole che non ha pronunciato” dopo nemmeno un mese dall’episodio della lettera di Ratzinger

  • Vittorio ha detto:

    Nonostante tutto, caro Tosatti, mi son fatto 4 risate. Con i nickname formidabili. Veramente, ci vorrebbe una cena di chat 😊

    Saluti da Vittorio e grazie e scusate ecc. Ecc. PS: pregate per me

  • Francisca ha detto:

    Io ribadisco il concetto. Mai e poi mai con GPII o BXVI, per non andare troppo lontano, ci sono stati fraintendimenti, dubbi, equivoci, smentite, ritrattazioni… ma stiamo impazzendo tutti quanti? Di cosa stiamo parlando? Possibile che la Cattedra di Pietro sia caduta così in basso? C’è un senso a tutto questo? Sicuramente sì, le nostre menti non sono in grado di capirlo, ma Dio non ci abbandona di certo. Dobbiamo affidarci a Lui, non pretendere di capire, e pensare che questo pontificato ci ha permesso di metterci alla prova e approfondire la nostra fede.

  • Virro ha detto:

    Evviva la VERITÀ
    Gridiamo la VERITÀ
    L’amore per la nostra Chiesa alimentiamolo con la VERITÀ
    Il dolore per la nostra Chiesa guariamolo con la VERITÀ
    “….Non c è amore più grande di questo: dare la vota per i propri amici. Voi siete miei amici…”
    Riconosciamoci come amici di Gesù parlando con e nella VERITÀ
    Il vertice della nostra Chiesa sembra sempre più compromesso con il potere e con il denaro. Pazienza, queste sono cose che la tignola e la ruggine li corrodera’ dalla VERITÀ,
    Santa Pasqua a tutti i battezzati

  • Januensis ha detto:

    Mi dispiacerebbe che qualcuno si illudesse che la pratica del marxismo leninismo abbia portato, nei paesi in cui è stata applicata, ricchezza e prosperità.
    I recenti fatti del Venezuela mi confortano in questo pensiero, e mi sembra di aver capito che anche in quel di Cuba le cose non siano poi andate così bene.
    In quel di Savona, da una piccola casa editrice, di nome PENTAGORA è stato pubblicato un romanzo riguardante lo sterminio per fame dei Kulaki in Ucraina, verso gli anni 30 dello scorso secolo. Il titolo è IL PRINCIPE GIALLO.
    Una volta letto si chiarirà, forse, che quella del marxismo leninismo di dare il pane è solo una leggenda metropolitana.

  • Paolo Giuseppe ha detto:

    Con tutto il rispetto per Gabriel Pontello, è prassi di questo Papa quanto segue:
    – il Papa riceve in udienza privata Scalfari (l’avrà già ricevuto alcune decine di volte: sarà un suo consulente)
    – Scalfari scrive un articolo su Repubblica nel quale riporta ciò che gli ha detto il Papa
    – passa circa un minuto e la Sala Stampa Vaticana precisa, lima, aggiusta, smentisce ma non troppo, sì ma però, non è detto, ecc.
    Siccome tutto questo è già successo (vedi “Il Fatto Quotidiano” del 17/7/14; vedi “La Repubblica” dell’1/11/15 con smentita puntuale di padre Lombardi del 3/11/15) dunque Scalfari, che ha 94 anni è rimbambito, lo era anche 4 anni fa nel 2014. Oppure?
    Oppure qualcun’altro è rimbambito. Siccome al colloquio erano in due, chi sarà il rimbambito?
    Non parliamo poi dei presunti contenuti: atomi, energia, esplosioni. Non parliamo poi della “lectio magistralis” sull’inferno.
    Per la Santa Pasqua ho di che meditare. Nel frattempo attendo con ansia di sapere chi sono i dodici fortunati ai quali il Papa ha lavato i piedi.

    • Ira Divina ha detto:

      -Anch’io attendo di vedere i 12 alieni a cui lava i piedi! Su Bergoglio/Scalfari, secondo me si divertono come Don Camillo e Peppone. Tu non faresti lo stesso? Io mi divertirei tantissimo a far impazzire prima i vaticanisti, gli spettri che si scatenano coi loro fegati, poi Succi che gli escono i fumi e poi Burke che non sa più come fare per metterci la pezza. Secondo me i due sono insieme anche adesso e se la stanno ridendo. Magari leggendo questo blog. Un bel modo di affrontare la vecchiaia….io ci mettrei la firma, farei il papa solo per questo 🙂

      • Mary ha detto:

        Che se la ridano pure, tanto ride bene e meglio chi ride ultimo.

      • Isabella ha detto:

        E si scoprì che il nome Francesco in realtà è stato scelto in onore dell’Angiolieri.
        “s’i’ fosse papa, sare’ allor giocondo,
        ché tutti cristïani imbrigherei;”.
        Gli sta riuscendo benissimo…

      • Ira Divina ha detto:

        Non so chi sei, ma questo nik è stato sempre mio! Cortesemente metti Ira Divina2. Spettro, grazie!

      • Lo Spettro dello Spettro di QC ha detto:

        Beh, fa piacere che almeno tu ti diverta. Io non ci trovo granché da ridere. Chissa’ se rideranno alla fine, pero’…

        • Lo Spettro dello Spettro di QC ha detto:

          Poi non so se sia piu’ una bestemmia paragonare Scalfari a Peppone o Bergoglio a Don Camillo. Paragone da chiodi.

      • Maria Cristina ha detto:

        Purtroppo anche Bergoglio fa il Papa solo per questo!
        Per divertirsi alle spalle dei fedeli .

    • lo Spettro di Paolo ha detto:

      Post Scriptum: aggiungere ” rimbambito ” aĺla lista quotidiana di insulti ed epiteti con cui viene definito il Sacro Romano Pontefice.
      (Tanto poi mi confesso…)

    • Francesco ha detto:

      Ma chi crede alle smentite dopo le bugie di Mons. Viganò.

  • Stimato Direttore:
    Omar Bello. El verdadero Francisco. Buenos Aires, 2013, p. 148:
    https://moimunnanblog.files.wordpress.com/2016/08/fran.pdf
    “Una delle cerimonie alla quale Bergoglio gli presta maggiore attenzione è il lavaggio dei piedi durante Pasqua. Per alcuni dei suoi nemici si tratta di una strategia di marketing ben pensato. Perché? Perché sceglie i peggiori posti e lì va, circondato da persone e da telecamere che registrano il momento. Bisogna riconoscerlo: mette coraggio alla questione. Quello che è una formalità per altri sacerdoti, per lui significa il momento più importanti dell’anno”.
    Mina:
    “Teatro
    il tuo è puro teatro
    falsità bene sperimentata
    studiato simulacro…”:
    https://www.youtube.com/watch?v=RQAdUKj1nLc

    Estimado Director:
    Omar Bello. El verdadero Francisco. Buenos Aires, 2013, p. 148:
    https://moimunnanblog.files.wordpress.com/2016/08/fran.pdf
    “Una de las ceremonias a las que Bergoglio le presta mayor atención es el lavado de los pies durante Pascua. Para algunos de sus enemigos se trata de una estrategia de marketing bien pensada ¿Por qué? Porque elige los peores lugares y ahí va, rodeado de gente y cámaras que registran el momento. Hay que reconocerlo: le pone garra al asunto. Lo que para otros sacerdotes es una formalidad, para él significa el momento más importantes del año”.
    Mina:
    https://www.youtube.com/watch?v=RQAdUKj1nLc
    “Teatro
    lo tuyo es puro teatro
    falsedad bien ensayada
    estudiado simulacro…”.

  • Patrizia ha detto:

    “Conversazione privata” , non ne posso piu’ di queste storie!! Una persona in pubblico dice una cosa e in privato dice un’altra? Bella coerenza!

    • claudiusIII ha detto:

      I virgolettati di Scalfari restano. Il Vaticano potrebbe e dovrebbe chiarire con estrema precisione quali siano le esatte parole di Bergoglio e in quali risposte. Il giochino delle interviste a Scalfari è noto e non mi faccio prendere in giro. “L’inferno non esiste”, “le anime scompaiono”. Se avesse detto “l’inferno non c’è” e “le anime spariscono” l’effetto non cambia. Ha invece affermato il contrario ?. Bene, lo dicano. Altrimenti questa è una smentita di rito, che non smentisce nulla. Anzi. Il comunicato dellla Sala Stampa si limita a sostenere che Scalfari non riporta le parole testuali, ma non afferma che le ricostruzioni sono totalmente false e in senso contrario a quanto espresso da Bergoglio. La Sala Stampa non accusa Scalfari di aver frainteso o scritto il falso. Questo è il succo. E, ora, è necessario procedere. Senza drammi. Ad ognuno le proprie responsabilità. Il primo è Ratzinger: si tolga, abito, anello, ecc e, dinanzi ad un notaio, attesti che le dimissioni erano reali e valide. Poi discuteremo del resto

    • Ecclesia afflicta ha detto:

      A mio parere questa ennesima intervista dimostra l’inadeguatezza del papa. Un papa deve conservare e trasmettere la fede apostolica, il papato è un ministero, non un’investituta a potere assoluto per cui si può dire qualunque sciocchezza con il potente di turno, tanto è un semidio e nessuno lo controlla. LA SMENTITA DEL VATICANO è INSUFFICIENTE. Se anche Bergoglio non ha usato le parole esatte che ha riportato Scalfari, ma il senso è quello (come è probabile che sia), dei deliri che potrebbero avere due pensionati al bar dopo qualche bicchiere di troppo sulla creazione o l’immortalità dell’anima, non basta dire che non vanno bene le virgolette. Siamo alla farsa.
      Bergoglio peraltro ha appena dichiarato che le critiche non lo toccano perché ha la coscienza a posto. Ma che arroganza! E il dialogo di cui blatera da 5 anni? La sua coscienza a posto è una totale mancanza di responsabilità. Altro che papa della gente! E’ il papa dittatore.
      Adesso ci toccherà subire il suo vittimismo nelle omelie del triduo sul fatto che nessuno lo capisce perché è troppo avanti, che lui è con il popolo e lo spirito e che le chiacchiere sono peggio del terrorismo.
      Ma bastaaaa

  • Rosario ha detto:

    Alla fine della fiera una sola cosa mi chiedo e mi domando: Ma Bergoglio risponderà ora ai dubia di Scalfari ? Non è cosa da poco perche’ l’incomprensione tra i due giganti della Chiesa in uscita di testa ha generato due domande fondamentali alle quali Scalfari riteneva di aver ricevuto risposta e che ora l’avranno lasciato lui e i di lui lettori più confusi che persuasi. L’anima e’ immortale ? E se è immortale è eternamente dannata in caso di morte in peccato mortale? Si si e no no saranno sufficienti.

    • Maria Cristina ha detto:

      Certo che verrebbe quasi da sperare che queste due anime, Scalfari e Bergoglio, nell’ altra vita scompaiano nel nulla, vengano annichilite come loro stessi propugnano.
      Il nulla ritorna al nulla.

      • Gabriel Pontello ha detto:

        Sperare questo è il modo migliore per fare quella fine (o quella vera che non prevede la sparizione…)

  • Gabriel Pontello ha detto:

    ROMA LOCUTA CAUSA FINITA
    “Il Santo Padre Francesco ha ricevuto recentemente il fondatore del quotidiano La Repubblica in un incontro privato in occasione della Pasqua, senza però rilasciargli alcuna intervista. Quanto riferito dall’autore nell’articolo odierno è frutto della sua ricostruzione, in cui non vengono citate le parole testuali pronunciate dal Papa. Nessun virgolettato del succitato articolo deve essere considerato quindi come una fedele trascrizione delle parole del Santo Padre”.

    Ora scrivete in massa a Socci di cancellare il suo prematuro articolo dove accusava il papa di due eresie: non credere all’inferno; non credere all’immortalità dell’anima. E ditegli che se n’era dimenticata una terza: non credere alla resurrezione dei corpi, impossibile senza anima. E ditegli infine che il Papa è contrario alle discriminazioni e non ammetterebbe mai l’immortalità dell’anima per i buoni e la sparizione dell’anima per i cattivi.

    PS per chi non gli piace come mi chiamo, ribadisco che non so che cosa farci. Mammà mi ha chiamato così e me lo tengo.

    • Ira Divina ha detto:

      Sei sempre stato il mio eroe, ieri come oggi 🙂

      • Gabriel Pontello ha detto:

        Vuole un autografo?

      • lo Spettro di Paolo ha detto:

        Prova a cercare su Google chi è Gabriel Pontello…

        • Gabriel Pontello ha detto:

          Ma è una persecuzione. Hai capito o no che non me lo sono dato da solo il mio nome?

      • Maria Cristina ha detto:

        Il problema Gabriel Mondello e’ che questo papa e’ un ipocrita: privatamente, a tu per tu con Scalfari, dice cose che poi ovviamente non dice ufficialmente.
        Chi puo’ fidarsi di un papa che come dottore privato sostiene tesi in contrasto con la Chiesa cattolica? O tu vuoi sostenere fra le risate generali che Scalfari si e’ inventato tutto di sana pianta? Chissa’ perche’ simili invenzioni giornalistiche non erano neanche pensabili ai tempi di Giovanni Paolo II!

        • Gabriel Pontello ha detto:

          Che Scalfari dice palle è ovvio. Nell’intervista dice una cosa del tipo ”non mi ha mai detto dove vanno/che fine fanno quelli che non si salvano” e poi scrive la ”risposta”. Voi che siete sempre attenti a tutto, non vi siete resi conto che è da tre anni che scrive che il papa gli ha detto che non c’è l’inferno, che nessuno si danna ecc ecc. Ogni anno se ne esce con questa storia. Quindi: ha mentito ieri? Mente oggi? Mente sempre?
          Come fanno a sfuggirvi certi dettagli? Siete un po’ fresconi…

    • Lo spettro del fegato dello Spettro del Ranzani ha detto:

      Uh ha smentito che fosse un’intervista, ma un colloquio privato…
      Che bella smentita!

    • Lo Spettro dello Spettro di QC ha detto:

      Mah. Un po’ scarsina come smentita, non le pare?
      Non si capisce se Scalfari si e’ inventato tutto oppure se ha travisato e se si’ che cosa?
      Una smentita che non e’ una smentita, nello stile del Bianconiglio.

    • Enrico lutman ha detto:

      OK Pontello

      Io invito a casa mia tizio, poi tizio scrive un articolo dicendo che ho detto così e così..e lo pubblica.
      Io smentiscono.
      Allora lo invito di nuovo..idem come sopra..
      Poi di nuovo
      E ancora come prima…
      Poi di nuovo..etc etc
      A te sembra normale?

    • A volte tornano ha detto:

      bergoglio ” santo padre”? 😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂
      la più bella battuta….da 5 anni a questa parte😸😹😸😹😸😹😾😹!

  • Maria Luisa ha detto:

    Buongiorno a tutti.. avete visto la S.Messa del Crisma celebrata dal papa? Ebbene, se nn ricordo male all’inizio benediceva le specie.. questa mattina, ho notato bene, nn ha benedetto, e siccome avevo già notato ciò, ho voluto proprio osservare.. ora Gesù prima di distribuire il pane e il vino lo Benedisse, cioè chiese al PADRE di dire una sua buona e potente parola su quello che LUI voleva ottenete affinché ciò si avverasse.. quindi, nn solo prende le specie come simbolo, ma nn permette la transustanziazione.. quale inganno se io da povera ignorante, capisco!!!

    • deutero.amedeo ha detto:

      “Fare e disfare è tutto lavorare” . Così recitava un vecchio detto del mio amico “scarpe grosse”.
      Oggi direbbe: “Dire e disdire è tutto un far soffrire”.
      E sarebbe ore di smetterla con ‘sto cinema Bergoglio & C. S.p.A!!!

      • Ira Divina ha detto:

        Non avevi smesso con sta fanfaluca di scarpe grosse? Parliamo di cose serie! Il Biancovestito, dopo essersi messo in combutta con Bianconiglio, lo spettro di Pannella e la mummia della Bonino, sta preparando un’invasione di venusiani cresciuti a pane a pillole blu!

        • deutero.amedeo ha detto:

          Caro divino iroso….. Il detto sul fare e disfare non è di Platone o di Aristotele e nemmeno di Seneca, né di Sant’Agostino o di San Tommaso d’Aquino. Io volevo semplicemente dar voce al popolo che non ha studiato, non sentenzia nei blog, ma certe notizie le viene comunque a sapere e domanda e si domanda che cosa sta succedendo. Proprio qualche mese un brav’uomo sulla sessantina, cattolicissimo, ex catechista, mi ha apostrofato dicendomi di non preoccuparmi perché Dio mi ama come sono e l’inferno non esiste. Capisci? Il mondo non è fatto di professori, ma è fatto di tante persone come “scarpe grosse”.
          Dopodiché ti auguro Buona Pasqua e mi ritiro in buon ordine da “commentatore emerito”.

        • Vittorio ha detto:

          E vabbe’ non fare come con il prete brasiliano. In Lombardia vanno in chiesa con gli scarponi. Dopo il CV II.

        • L'accademico della crusca ha detto:

          fanfaluca
          Vocabolario on line

          Condividi
          fanfaluca s. f. [dal lat. mediev. famfaluca, che è dal gr. πομϕόλυξ -υγος «bolla d’aria»]. – 1. ant. Falena, cenere che si leva in aria da cose che bruciano. 2. fig. Ciancia, frottola: non ci credere, sono tutte f.; sciocchezza, cosa da nulla, capriccio: non pensa che alle sue f.; ha troppe f. per la testa.

          • deutero.amedeo ha detto:

            Se questa è la considerazione di cui gode deutero.amedeo, tanto vale che sparisca dal consesso dei saggi .

          • Ira Divina di sempre ha detto:

            Caro Sig. Amedeo non si lasci avvilire da questi atipici esseri quali sono gli spettri. Continui il suo prezioso contributo! È quello che vogliono, farci avvilire ed abbandonare le armi della fede e fedeltà a Cristo. Buona e santa Pasqua!

        • Maria Cristina ha detto:

          Ira divina stai diventando molto spettrale come stile! Non sembri piu’ quello di un tempo…

          • Gianni ha detto:

            @ deutero.amedeo

            Non ci conosciamo. Da quanto ho capito da questo blog lei è una persona anziana della Val Brembana, posto che non ho mai avuto occasione di visitare. Ho qualche anno meno di lei. Ma, penso di avere, come lei, ricevuto un’educazione solida, tipica della civiltà contadina di decenni fa. Mio padre morì improvvisamente (emorragia cerebrale) nel 1960, ma non potrò mai dimenticare il rispetto che mi ha inculcato per gli altri, soprattutto per le persone anziane, portatrici di saggezza e di conoscenze esistenziali che noi ragazzi non avevamo. Per questo mi piange il cuore quando leggo che qualcuno la tratta con ‘sufficienza’, se non, addirittura, con malcelata ‘derisione’.
            Ma, sono sicuro che lei è una persona paziente e che sa perdonare.
            Le auguro una Santa Pasqua e ogni bene nel Nome del Risorto.

          • Ira Divina di sempre ha detto:

            Cara Maria Cristina ho scritto sopra che uno spettro mi ha rubato il nik. È il solito spettro camaleontico giovane burlone, assessore della spettrale congregazione degli spettri nominato da Santa Marta per fare compagnia a Vigano’. Poverino il Vigano’ si sentiva solo ed unico nel suo ruolo!

          • deutero.amedeo ha detto:

            @Gianni.
            Grazie per le sue belle e gentili parole.
            Se vuol conoscere la Val Brembana, almeno virtualmente, può iniziare da questo link.
            Scoprirà, tra l’altro, una cosa che pochi conoscono: il famosissimo Arlecchino (la classica maschera veneziana) era un contadinotto brembano trasferitosi a Venezia a fare il servitore in una nobile famiglia. È proprio in questo personaggio (che ha portato con se’ per tutta la vita, l’arguzia, la sottile sapienza, l’inesauribile capacità di sopportare le vicende della vita, senza mai smettere però di denunciare i soprusi e le ingiustizie) che si identifica il mio amato popolano che parla mezzo italiano e mezzo dialetto ma senza peli sulla lingua “castigat ridendo mores”.
            Grazie e ad meliora.

            http://www.brembana.info/borghi/oneta/oneta.html

    • Isabella ha detto:

      Era troppo grossa per non essere smentita.
      Ora quindi tutto il mondo sa che Scalfari è un mistificatore e un bugiardo.
      Chissà come sarà contento Barbapapà. Qualcosa mi dice che gli incontri con l'”amico Bergoglio” finiscono qui. E che da domani su Repubblica leggeremo raramente articoli adoranti come quelli del passato verso questo papato.
      Dopo la questione della lettera di Benedetto a opera di Viganò, un altro gran colpo mediatico da parte della comunicazione vaticana.

      • Ira Divina ha detto:

        Ci saranno ancora. i due buontemponi si divertono a regalarci qualche momento di suspance almeno una volta ogni anno. Me li immagino: il papa chiama barpapapà e gli dice “che barba che noia facciamo un bello scherzo da prete! dai facciamo una bella intervista così facciamo diventare matti tutti e ce la ridiamo!!

    • Adriana ha detto:

      -“Conversazione privata” – “non intervista “- parole” non” testuali virgolettate o meno .
      Benissimo ; ma il contenuto , il succo dei pensieri espressi nella conversazione privata ( che non è stato smentito) è o non è quello
      di Bergoglio? E gli svolazzi sull’Energia e l’Entropia sono frutto
      di lirismo tropicale del Capo dell’Entità o della fantasia senile ma
      non doma di Scalfari?
      Si deduce che il thè nel distinto salotto di Scalfari è molto ricco di buoni dolcetti e sempre molto ambito da un povero peone .

      • Ira Divina ha detto:

        non erano nel salotto di scalfari, ma a santa marta. certe cose le discutono nell’headquarter

    • Gabriel Pontello ha detto:

      Segnalo un altro comunicato di oggi, che devono leggere tutti quelli che speculavano su presunti accordi cinesi:

      In risposta alle domande dei giornalisti, circa un accordo tra la Santa Sede e la Repubblica Popolare Cinese, il Direttore della Sala Stampa della Santa Sede, Greg Burke, ha rilasciato la seguente dichiarazione:
      Posso affermare che non vi è alcuna firma “imminente” di un accordo tra la Santa Sede e la Repubblica Popolare Cinese. Vorrei anche sottolineare che il Santo Padre Francesco rimane in costante contatto con i Suoi collaboratori sulle questioni cinesi e accompagna i passi del dialogo in corso.

      • Ira Divina ha detto:

        Certo tanto l’accordo sarà scritto in cinese e nessuno lo capirebbe. Nemmeno Magister e Tosatti insieme.

        • serpico ha detto:

          possono sempre assumere un interprete…

        • Isabella ha detto:

          Meglio non si avvicinino a nessun documento cinese.
          Che acuti come sono in questo periodo in Vaticano, son capaci di firmare per poi scoprire che si son comprati Inter e Milan a loro insaputa.

        • Adri ha detto:

          E noi crediamo agli asini che volano. …

        • Alessandro2 ha detto:

          Non ho capito se lei è il solito Ira Divina o uno spettro che si spaccia per tale… Bisognerebbe fare come nei forum dove viene visualizzato anche l’IP, che è univoco. Questo blog soffre di multinickismo.

          • Ira Divina di sempre ha detto:

            Caro Alessandro mi è stato rubato il nik. Già ho scritto al Dott. Tosatti. È lo spettro camaleontico solito! Buona Pasqua!

        • Lo Spettro dello Spettro di QC ha detto:

          @Ira Divina fake: beh, forse io potrei provarci a capirlo. Essendo uno spettro al quadrato, il vecchio Spettro di QC mi fa una pippa.

      • QB ha detto:

        La sala stampa che smentisce è la stessa che perde per strada i paragrafi delle lettere private di BXVI ?
        In questo caso, come dubitare?

        • Ira Divina di sempre ha detto:

          In questo caso Scalfari potrebbe confermare l’intervista. Se non lo fa un motivo c’è.

        • Lo Spettro dello Spettro di QC ha detto:

          In effetti, considerati i precedenti, chi piu’ di loro merita la nostra fiducia?…

    • Anna ha detto:

      In relazione al comunicato stampa, credo ci sia bisogno urgente di andare oltre un breve cominicato stampa, occorre un intervento chiarificatore e di condanna a tutto tondo dalla bocca di Bergoglio e che sia ben pubblicizzato,in modo che chi ha letto l’eresia pubblicata in precedenza, possa conoscere la verità. …sempre riesca a venire a galla !
      In caso contrario, un non intervento lascerebbe seri dubbi sul fatto che quello che è stato scritto sia solo farina del sacco del giornalista.

  • Lucy ha detto:

    Missione,conversione,proselitismo.Veniamo alla fonte : Bergoglio stesso.
    Alla domanda di Scalfari (ottobre2013):” lei vuole convertirmi?” risponde con abile trasbordo linguistico :” il proselitismo è una solenne sciocchezza”.Cioè conversione=proselitismo.Un’altra volta ha detto :”il ptoselitismo è la predazione(sic!) di credenti di altre fedi” cosī il mandato di Gesù di annunciare la verità a tutti i popoli sarebbe ” predare i credenti altre fedi”.Cosī i missionari che convertivano gli Aztechi li predavano della loro fede o San Paolo che nelle varie città tra cui Atene cercava di predare la fede dei pagani nelle loro divinità .
    Tutti gli apostoli e tutti i missionari hanno annunciato cioè PARLATO , non hanno fatto le belle statuine.
    Invece a Cracovia a un giovane che chiedeva a Bergoglio che cosa doveva dire per convertire un amico ateo rispose :” l’ultima cosa che devi fare è dire qualcosa…..il ptoselitismo non è Vangelo”.Anche qui a “conversione ” Bergoglio fa corrispondere ” proselitismo “.Le conversioni non sono amate anzi sono disincentivate.
    Del resto che bisogno c’è di convertire dal momento che “Dio è unico e ci si arriva attraverso le diverse tradizioni”?.Cioè tutte le religioni portano a Dio; inoltre l’inferno non esiste e nell’aldilà tutto viene salvato , dove “tutto “= ” tutti “.
    Allora noi da cinque anni viviamo “velut si Bergolius non daretur ” come se Bergoglio non esistesse.Abbiamo avuto la fortuna , e di ciò ringraziamo ogni giorno il Signore,di impostare e strutturare le nostre vite di fede e matrimoniali durante i pontificati di Papa Wojtyla e Papa Benedetto , per cui tutte le fesserie e le eresie che Bergoglio dice anche in interviste come quelle a Scalfari non vi scalfiscono più di tanto ( ormai peggio di così…) se non per il danno che provoca ai nostri figli , alle loro vite abbandonate a un sociologismo d’accatto( vedasi documento pre-sinodo) e prono alla vulgata laicista del mondo per quanto riguarda i temi “fondanti ” la vita sociale e religiosa.
    Questo no , questo a Bergoglio non glielo perdoneremo mai.

  • Enrico66 ha detto:

    Al di là delle singole parole, mi pare che SuperEx evidenzi una cosa:
    la predicazione di Bergoglio è prevalentemente (se non interamente) orizzontale, materialista.
    In ciò si rivela degno allievo della sua insegnante marxista e della “teologia della liberazione” che tanti guasti ha fatto in sudamerica (e che continua a fare oggi).
    Conseguenze di questa prospettiva solo terrena e legata all’oggi, è l’ossessione per i poveri, migranti e rifugiati, senza distinzione tra essi e senza approfondire le cause né, tantomeno, proporre soluzioni.
    Gli effetti, poi, si manifestano sulla comunità e sui documenti ecclesiali, basta pensare al documento preparatorio del Sinodo dei giovani (basta leggere quel che ne scrive Aldo Maria Valli http://www.aldomariavalli.it/2018/03/28/ma-chi-lha-scritto-il-documento-dei-giovani/ o la cronaca di Giuseppe Rusconi https://www.rossoporpora.org/rubriche/papa-francesco/769-papa-francesco-pre-sinodo-dei-giovani-con-qualche-nota.html ) .
    Il risultato è una predicazione papale confusa, politicamente orientata a favore di una “sinistra” che di poveri e di lavoro non se ne occupa più (solo usando tali termini come chiamata al voto) ma che è invece contigua al grande capitale finanziario ed alla cultura dell’effimero, distratta in tema di “principi non negoziabili”, distruttiva dell’etica e della morale, discordante rispetto la Tradizione cattolica.
    C’è di che essere ben confusi. Io lo sono.

    PS. leggendo altro post, mi permetto di far notare che SuperEx non ha detto che la Bonino è comunista, ma che Bergoglio ha una “.. smaccata simpatia per regimi come quello cinese o per politici più o meno comunisti, da Morales a Castro, passando per Sanders, il Pd italiano ed Emma Bonino.”.
    Quindi, “più o meno comunisti”.
    Anche se, mia opinione, e per quanto concerne la situazione italiana, non è tanto la Bonino ad essere diventata comunista, bensì gli ex PCI-PDS-DS-Sinistra_Democristiana-Margherita-Cattolici_adulti ad essere diventati Radicali.
    La loro proposta politica è quella radicale: diritti individuali (travestiti da diritti civili), individualismo, libertarismo. Falsamente democratici, in quanto convinti che loro, pur in minoranza, rappresentano il meglio delle idee e delle persone e pronti a tacciare fascismo-razzismo-omofobia-ecc.. chi la pensa diversamente da loro.

    • serpico ha detto:

      concordo. Infatti nei paesi con problemi, dove la deindustrializzazione ha fatto più danni hanno votato in massa il movimento 5 stelle. Mentre nei quartieri “bene” delle grandi città il partito democratico ha mantenuto i suoi voti. Ovvero coloro che l’hanno votato sono radicali, o meglio radical-scic, ma non certo proletari per il comunismo.

  • Patrizia ha detto:

    Perché il papa o chi per esso, non interviene a rettificare quanto scritto dall’amico Scalfari? Se il papa è stato frainteso dovrebbe porre rimedio.

    • Enrico66 ha detto:

      Perché a Bergoglio interessa solo avviare processi. Non importa verso che direzione. Non importano i contenuti, non importano le conseguenze.

  • Rosario ha detto:

    Detto fatto.Fare casino serve dunque. Che applichino ora l’insegnamento ai giovani riguardo ai mistificatori e manipolatori della realtà e impediscano a Scalfari Eugenio di avvicinarsi a meno di 100 metri dal pontefice, come per quel “mistificatore” di Magister. Che tristezza assistere a questo teatrino nel triduo pasquale. http://press.vatican.va/content/salastampa/it/bollettino/pubblico/2018/03/29/0236/00512.html

  • Anna ha detto:

    ….”E in verità vi dico, con dolore di Fondatore eccelso, che all’ultima ora tre quarti della mia Chiesa mi rinnegheranno, e li dovrò recidere dal tronco
    come rami morti e corrotti da lebbra immonda…”(Gesù alla mistica Valtorta)
    In questo papa,alla luce soprattutto delle odierne esternazioni sull’inferno ecc.,vedo crescere l’eresia,mi spiace non lo seguo più, ma guarderò agli insegnamenti di Benedetto XVI, G.P.II, Cardinal Sarah e quelli come loro, vera voce di Cristo.
    L’anticristo è in azione, solo così può spiegarsi questa triste e paurosa parabola discendente dell’attuale Chiesa. Preghiamo perché si perdano meno anime possibili a causa di questo sfacelo.

  • deutero.amedeo ha detto:

    Ogni domenica, al termine dell’Angelus , papa francesco recita un Requiem per i defunti. Ma se i defunti sono tutti o in Paradiso o definitivamente defunti a che serve pregare per loro?

    • Lo spettro di don Ezio ha detto:

      deutero.amedeo,
      il Papa crede nella dottrina cattolica, non nella dottrina del Papa secondo Scalfari.

      • Pierluigi ha detto:

        Allora smentisca quelle che Scalfari fa passare come parole del papa. Se non lo fa è complice di questa confusione e per un papa è già una responsabilità grave…

      • Grog ha detto:

        Se é così come scrivi mi attendo una solenne smentita su quel che ha scritto Scalfari. Non pervenendo detta smentita ne deduco semplicemente che l’attuale occupante della Sede di Pietro é un eretico. Tertium non datur.

    • Adriana ha detto:

      @ Deutero ,
      logica implacabile .:-),ma poco “misericordiosa” col Capo 🙁
      Vedrai che padre Sosa gli suggerirà qualche escamotage per
      rispondere a te e ad altri “rivoluzionari”.

      • deutero.amedeo ha detto:

        Adriana, come vedi la teoria del registratore di padre Sosa sta funzionando egregiamente. Adesso da parte di Scalfari ci sarà la smentita della smentita?

        Comunicato della Sala Stampa

        Il Santo Padre Francesco ha ricevuto recentemente il fondatore del quotidiano La Repubblica in un incontro privato in occasione della Pasqua, senza però rilasciargli alcuna intervista. Quanto riferito dall’autore nell’articolo odierno è frutto della sua ricostruzione, in cui non vengono citate le parole testuali pronunciate dal Papa. Nessun virgolettato del succitato articolo deve essere considerato quindi come una fedele trascrizione delle parole del Santo Padre.

        [00512-IT.01] [Testo originale: Italiano]

        [B0236-XX.01]

        • Ira Divina ha detto:

          Scongeliamo Magister che fa saltare fuori il registratorino di Scalfari con le frasi originali e il Sedicente che gli dice che discendiamo dagli alieni.

          • Adriana ha detto:

            @ Ira Divina ,
            acc… mi hai preceduto di poco . Stavo per dare una analoga risposta a DEUTERO a proposito dell’esistenza di un registratore nascosto da Barbapapà .
            Se la registrazione uscisse forse scopriremmo che il Capo dell’Entità ha fatto un corso accelerato di cultura fantareligiosa da Mauro Biglino ( che , infatti, lo cita spesso con gran simpatia). E che sa tutto sugli alieni Annunaki .

        • Adriana ha detto:

          @ Deutero,
          vedi :1) La smentita della Sala Stampa mi pare un po’ troppo “anodina”, come se il “dialogo”avesse avuto per oggetto :”le rose del giardino di mia zia sono rosse e quelle del tuo gialle “.
          Roba che si usava nei vecchi manuali di conversazione inglese.
          Non qualcosa di “fondamentale” per la Fede e la sussistenza stessa della Chiesa.
          2) la parola “ricostruzione” dà a pensare che ci fosse comunque una “costruzione” da parte di Bergoglio.
          Magari ancor più splendidamente avveniristica. O meno.
          Ma comunque tale da ispirare la Vecchia Volpe del giornalismo tanto amata da Bergoglio.
          Oppure bisogna pensare che parlassero drogati delle proprie reciproche genialità.
          O ubriacati di altro ?
          Per me quella smentita rappresenta una toppa troppo sottile per un buco così profondo . Vale ,vale .

  • NonPraevalebunt ha detto:

    Perchè vi stupite? in che modo questo vescovo argentino sarebbe diverso dalla maggior parte dei suoi colleghi? da un collegio di vescovi di tal fatta cosa potremo attenderci? I Ratzinger, i Sarah, i Cafarra somo eccezioni in un gruppo di clerici che hanno scelto la vita ecclesiastica per motivi poco profondi e comunque, per la maggior parte, per continuare indisturbati la loro vita sodomitica. Fatevene una ragione…

    • Lo spettro di don Ezio ha detto:

      NonPraevalebunt,
      non creda che la maggior parte dei vescovi siano sodomiti. E’ vero il contrario.

      • Enza ha detto:

        @don Ezio
        Questo è vero! Quanti bravi sacerdoti e vescovi ci sono nel mondo e danno tutta la loro vita per le pecorelle, anche se oggi siamo davvero in pochi. Però Gesù ha iniziato con 12 persone, e queste dopo aver ricevuto lo spirito Santo in pochi giorni hanno convertito migliaia e migliaia di persone perché Gesù era con loro.

        E perché sono riusciti a convertire tante persone in pochissimo tempo? A parte il martirio, erano credibili perché testimoniavano in verità Gesù Cristo e la gente aveva bisogno di questo : un Dio che li amasse e che seguendolo sarebbero diventati liberi.
        Non c’è da aver paura a proclamare la verità, ma anche ciò che la tradizione dice, sui dogmi e nei vari insegnamenti per la salvezza delle anime.

        Purtroppo il concilio Vaticano II è stato un disastro partendo dalla nuova liturgia, dove si vede che oggi le chiese sono profanate, ma ancor peggio l’Eucarestia saluti

        • Justin ha detto:

          Ci sono riusciti perché erano ricolmi di Spirito Santo. erano quelli che i Padri della Chiesa chiamavano Padri Teofori. Forse qualcuno c’è anche ai giorni nostri…

        • Vittorio ha detto:

          @ spettro di don Ezio

          Lei che e’ sprecato in questo miasma (e comunque Tosatti ci da’ almeno parola), non so quanti vescovi siano sodomiti, omocasti, eterosessuali o eunuchi per il regno dei cieli. Le chiedo l esegesi della scrittura: “IL VESCOVO SIA SPOSATO UNA… SOLA VOLTA…”. Per me e per gli ortodossi e’ così. Se uno è: gay resti PRESBITERO e non pretenda di guidare la casa di Dio (se non sa guidare la sua famiglia!!)!!!

      • Ira Divina ha detto:

        Spettrale Fonio….detta così sembra che ci hai provato con tutti i vescovi per saperlo 🙂

    • Luigi Briganti ha detto:

      mi sa che dici bene

      • lo Spettro di Paolo ha detto:

        Post Scriptum: aggiungere all’elenco anche gli insulti ai sacerdoti.

        • A volte tornano ha detto:

          Non vedo SACERDOTI veri e santi su sto blog, solo ridicoli spettri…..spettri dei sacerdoti che avrebbero dovuto essere e che però non sono e spettri scendiletto del sedicente, che hanno rinunciato alla dignità personale per fare i pagliacci sui blog pensando di fare il lavaggio al cervello ai commentatori oppure semplicemente per stancarli e allontanarli stremati, a causa delle idiozie che loro, spettri, trolls, vittori e vittorie e compagnia trollante scrivono……pensando magari di essere spiritosi! Non c’è che dire, come soldatini obbedienti e acritici sono proprio perfetti!

  • lo Spettro di Paolo ha detto:

    Gent.mo Abbė, vedo che non pubblica i miei commenti. Non importa, però faccia una rapida ricerca su Gabriel Pontello su Google e lo inviti a cambiare nickname altrimenti sembra una presa in giro.
    Saluti.

    • Lo spettro di don Ezio ha detto:

      Caro collega Spettro,
      si vede che anche qui ci sono spettri che “scompaiono” come le anime cattive. Mah…

      • lo Spettro di Paolo ha detto:

        Caro Don Ezio siamo pochi ma buoni. A volte spariamo, ma siamo vigili e torniamo. Tanto per svelare un po’ della mia ex vita terrena sappia che sono un ” figlio di Don Bosco ” anche io.

        • A volte tornano ha detto:

          “Pochi ma buoni ” ? 😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂terza miglior battuta dopo quella su bergoglio “santo padre ” e su fonio “don”! Non siete buoni e non siete pochi, siete un esercito di spie al servizio del residence di lusso di Santa Marta.

  • claudiusIII ha detto:

    Ma bergoglio, per quello che è stato pubblicato oggi, non dovrebbe essere scomunicato? Nega l’inferno e l’immortalità dell’anima! E Cristo che è venuto a fare?

    • Maria Cristina ha detto:

      Bergoglio contraddice sia il Vangelo dove è detto chiaramente da Gesù alla fine del discorso sul Giudizio Universale (MATTEO 25,46)
      ” e se ne andranno questi all’ETERNO supplizio, invece i giusti alla vita ETERNA”
      sia il Catechismo della Chiesa cattolica:
      035 La Chiesa nel suo insegnamento afferma l’esistenza dell’inferno e la sua eternità. Le anime di coloro che muoiono in stato di peccato mortale, dopo la morte discendono immediatamente negli inferi, dove subiscono le pene dell’inferno, « il fuoco eterno ». 631 La pena principale dell’inferno consiste nella separazione eterna da Dio, nel quale soltanto l’uomo può avere la vita e la felicità per le quali è stato creato e alle quali aspira.

      un papa che nega sia il Vangelo sia il Catechismo che cosa è se non eretico?

      • Lo spettro di don Ezio ha detto:

        Maria Cristina,
        mi citi un documento del sito del Vaticano o un discorso registrato di Francesco dove risulta che Francesco abbia negato l’esistenza dell’inferno.

        • M.G. ha detto:

          Mi permetto di rispondere, senza con questo volermi sostituire alla Sua interlocutrice, e Le propongo il testo di un’udienza del mercoledì del 2014, in cui Papa Francesco dice espressamente che andremo TUTTI in Paradiso, ribadendo due volte il concetto (cf. parte finale del paragrafo 1):

          http://m.vatican.va/content/francescomobile/it/audiences/2014/documents/papa-francesco_20141126_udienza-generale.html

          È un’affermazione implicita, ma, se vale ancora il principio di non contraddizione, mi pare equivalga a negare l’esistenza dell’Inferno (e del Purgatorio).
          In ogni caso, se quello presentato nell’articolo odierno di Repubblica non fosse effettivamente il pensiero del Pontefice, basterebbe una netta smentita ufficiale.

          • Gabriel Pontello ha detto:

            Strano, nel 2015 a una bambina scout ha detto: “Va all’Inferno soltanto colui che dice a Dio: “Non ho bisogno di Te, mi arrangio da solo”, come ha fatto il diavolo che è l’unico che noi siamo sicuri che sia all’Inferno”. Al di là della questione demografica, da qui parrebbe che all’inferno ci creda…

          • Gabriel Pontello ha detto:

            Si vede che va ad annate: 2014 non ci crede, 2015 ci crede, 2016 non ci crede, 2017 ci crede, 2018 non ci crede. Attendiamo il 2019…..

          • Ira Divina ha detto:

            Beh ma che si decida…se un giorno mi terrorizza e l’altro mi tranquillizza devo aumentare le dosi di litio per stabilizzarmi l’umore….

    • Enza ha detto:

      @Claudius III
      È per questo che non si deve seguire. Dobbiamo rimanere legati alla tradizione perché verrà un giorno che vivremo la fede nelle catacombe.

  • Catholicus ha detto:

    In un colloquio con l’amico Eugenio Scalfari, il nostro beneamato Santo Padre, Papa Francesco, ha sostenuto che le anime che non si pentono “non vengono punite. non possono essere perdonate” e quindi “scompaiono. Non esiste un inferno, esiste la scomparsa delle anime peccatrici”.
    Nel Catechismo della Chiesa Cattolica (non quello di San Pio X, ma l’attuale) al numero 1035 leggiamo invece che “La Chiesa nel suo insegnamento afferma l’esistenza dell’inferno e la sua eternità. Le anime di coloro che muoiono in stato di peccato mortale, dopo la morte discendono immediatamente negli inferi, dove subiscono le pene dell’inferno, « il fuoco eterno ».
    Quindi Bergoglio appofggia l’affermazione del Superiore dei Gesuiti, padre sosa abascal, il quale afferma che il diavolo non esiste (e quindi nemmeno l’inferno, ovviamente), è solo una figura simbolica inventata dai preti per raffigurare il male …
    Nello scorso mese di agosto, poi, papa Francesco ebbe occasione di affermare che alla fine dei tempi il Signore riunirà tutti (parola ripetuta in maiuscolo) sotto la sua tenda. Anche quella era un’implicita affermazione del’inesistenza dell’inferno, una negazione demi Novissimi, della necessità della Redenzione operata dal Cristo, insomma.
    Ma chi glie le mette in testa queste idee a questi esponenti della gerarchia cattolica? è farina del loro sacco o del sacco del diavolo? in quest’ultima ipotesi, come ben sappiamo la farina del diavolo finisce in crusca; chissà quindi che non avvenga così anche per queste idee strampalate e inaccettabili anche per un allievo del primo anno di catechismo (almeno per quelli della Chiesa preconciliare)

    • alice ha detto:

      Per favore, lasciamo stare il catechismo e pensiamo semplicemente al Vangelo.
      Dice il Vangelo che Gesù andò nel deserto per essere tentato dal Diavolo. Quindi chi dovesse affermare che il Diavolo non esiste negherebbe l’esistenza del Vangelo come Parola di Dio.
      Ora, nel deserto appunto il diavolo dice a Gesù di trasformare le pietre in pani. E qui, tutti noi sappiamo che la risposta di Gesù fu “Non di solo pane vive l’Uomo ma di ogni parola che esce dalla bocca di Dio”.
      Eppure tutti noi sappiamo che, al bisogno, G

    • alice ha detto:

      Per favore, lasciamo stare il catechismo e pensiamo semplicemente al Vangelo.
      Dice il Vangelo che Gesù andò nel deserto per essere tentato dal Diavolo. Quindi chi dovesse affermare che il Diavolo non esiste negherebbe l’esistenza del Vangelo come Parola di Dio.
      Ora, nel deserto appunto il diavolo dice a Gesù di trasformare le pietre in pani. E qui, tutti noi sappiamo che la risposta di Gesù fu “Non di solo pane vive l’Uomo ma di ogni parola che esce dalla bocca di Dio”.
      Eppure tutti noi sappiamo che, al bisogno, Gesù moltiplicò i pani e i pesci e che, per soprammercato trasformò anche l’acqua in vino.
      Sempre il Vangelo ci ricorda che Lazzaro andò nel seno di Abramo e che il ricco epulone si trovò all’inferno, vivo e vegeto se cercò di iniziare una contrattazione.
      I santi spesso aiutano, sono presenti, quasi ti indicassero una strada. Quindi, molti di noi, non tutti ovviamente, sappiamo dell’esistenza in vita dei santi.
      Perchè stare a discutere ?

      • yehohanan ha detto:

        si, come i protestanti: sola scriptura! ma come sarebbe a dire “lasciamo stare il catechismo”? è proprio perchè c’è il catechismo, il più alto documento del magistero, che la Chiesa è quello che è.
        abbia pazienza, Alice, ma tutte quelle cose di cui Cristo non ha parlato, le lasciamo al gusto personale? E’ evidente che la Chiesa ha dovuto, negli anni, trattare tutte quelle cose che non hanno menzione specifica nei Vangeli. Le faccio un esempio, che riportano tutti gli ‘interessati’: Gesù, nei Vangeli, non ha mai parelato di omosessualità…quindi, come afferma anche l’ex priore di Bose, la chiesa taccia sull’aregomento. Le pare plausibile??
        quindi non dica più lasciamo stare il catechismo. Sappia che è solo il Catechismo, ora, nell’anno 2018 e con la Chiesa in questo stato agonico, l’ultimo bastione invalicabile che hanno i veri fedeli del Corpo Mistico.

        • alice ha detto:

          Il caro, vecchio, buon catechismo di Pio X era una stupenda costruzione di domande e risposte. Buone, sante, ottime. Ma è durante la Liturgia che si legge e si spiega il Vangelo. Se il popolo di Dio non va più in chiesa, come farà a sopravvivere senza catechismo, ma sopratutto senza Vangelo?
          Ora Lei mi dice che Gesù non ha parlato di omosessualità. Non ricordo con precisione e non verifico. Non ne ho voglia.
          Quello che so per certo, perché l’ho letto ancora qualche giorno fa, è tutta la vicenda così ben descritta nel primo libro della Bibbia, nella Genesi appunto, dove si parla di Sodoma e di Gomorra.
          E anche san Paolo ha fatto sentire, forte e chiara la sua voce sull’argomento. Come può un sacerdote qualsiasi dimenticare queste parole della Bibbia ?
          O pensa che la Bibbia non sia la parola di Dio, non sia la sua Sapienza, ovvero sia un qualsiasi libro, manipolabile, ovvero relativo (e con ciò nega la tradizione di tutte le chiese cristiane) oppure il suo curriculum studiorum è piccolo, povero, limitato. Nel primo caso non credo che un simile sacerdote possa esser detto cristiano. Nel secondo, bene, incominci a cercare di nutrirsi della parola di Dio.

          • Adriana ha detto:

            @ Alice ,
            guardi che oltre agli entusiasti del club di Bose ,c’è il rev.
            Alberto Maggi -parroco e biblista- che alla televisione ha
            sostenuto proprio che Gesù nei Vangeli non ha parlato di omo e che perciò la “folle dottrina della Chiesa tradizionale ” è stata arbitrariamente :” severa ,spietata,
            disumana” con i medesimi . Ma ,per fortuna ,dottrina (e catechismo)sono in EVOLUZIONE ,perchè Dio -quello vero-
            vuole la FELICITA’ di tutti . In alto i c-uori.

          • Lo spettro di don Ezio ha detto:

            Alice,
            il Catechismo di S. Pio X è certamente valido, ma non affronta tematiche di cui a quel tempo neanche si parlava. Era quindi necessario aggiornarlo. Cosa che è stata fatta. Del resto quel catechismo aggiornava i precedenti e così via.
            E’ vero che nei Vangeli non è trattata l’omosessualità (ne scrive però san Paolo), evidentemente gli interlocutori di Gesù non commettevano i peccati dei sodomiti che però Gesù cita nel discorso apostolico:
            11 In qualunque città o villaggio entriate, fatevi indicare se vi sia qualche persona degna, e lì rimanete fino alla vostra partenza. 12 Entrando nella casa, rivolgetele il saluto. 13 Se quella casa ne sarà degna, la vostra pace scenda sopra di essa; ma se non ne sarà degna, la vostra pace ritorni a voi. 14 Se qualcuno poi non vi accoglierà e non darà ascolto alle vostre parole, uscite da quella casa o da quella città e scuotete la polvere dai vostri piedi. 15 In verità vi dico, nel giorno del giudizio il paese di Sòdoma e Gomorra avrà una sorte più sopportabile di quella città (Mt 10,11-15).

  • Isabella ha detto:

    Insomma, secondo Bergoglio la Madonna a Fatima avrebbe mostrato ai pastorelli un film con effetti speciali fracassoni, giusto per intrattenerli un po’, che si annoiavano.
    Certi sogni di Don Bosco invece saranno stati chiaramente frutto di qualche peperonata.
    Adesso bisogna solo lavorare su quel “discese agli inferi” del Credo, ma sono sicura che i cattolici adulti avranno già una spiegazione del tipo “inferno come luogo dell’anima dove il super ego si trasforma in es e con estremo discernimento si costruiscano ponti e non muri con scappellamento a destra come se fosse antani”

  • Adriana ha detto:

    Quindi Scalfari è divenuto il portavoce ufficiale del Papa per diffondere le novità religiose più “innovative”.
    ” Innovative” ma vecchie come il Cucco. Questa fregnaccia ,ops.!,
    opinione sulle Anime e l’Inferno fu propria dei primi Gnostici.
    ( I-II sec.d.C.). La Gnosi fu corrente sincretistica che mescolava
    cristianesimo , neoplatonismo ,religioni orientali e misteriche ,correnti magico-astrologiche.
    Repertorio da vecchio trovarobato teatrale .Tovagliati tarmati
    per abbellire le tavole da pranzo per i poveri sempre più numerosi .Il pane materiale ci vuole ,si! ,ma ci vuole anche il “Pane degli Angeli” che qua manca.
    Mi sa che questo ciarpame” illustre “, ma rifiutato dalla storia, viene “venduto” adesso alla massa dei Cristianucci ignorantucci
    come l'”ultima novità” .
    Si è aperta l’Asta degli ” Scarti in Saldo”.

  • rita ha detto:

    Anch’io voglio dire la mia in questa “valle di lacrime…cattoliche,-sic!Che ginepraio! Io frequento la S.Messa quotidiana insieme a mio marito, ma devo dire che mi anima solo l’amore per Dio Padre, Dio Figlio e Dio Spirito Santo. I due sacerdoti sono depressi e spenti.Non hanno iniziative, né coinvolgono persone che potrebbero realizzare mille attività, ma con amore, in oratorio. Le liturgie sono fiacche e svilite, senza ardore e senza amore…Fino a quando andrà avanti questa dissolvenza della Chiesa cattolica? S’intuisce chiaramente l’intenzione di “smontare” pian piano il mondo cattolico come fanno i bambini con il Lego. E’ un dolore enorme. Ma, a dire il vero non me la sento di “uscire” perché sarebbe peggio.Sarebbe una battaglia abnorme. Cosa fare? Attendiamo lumi dallo Spirito Santo.

  • Tullio Zanin ha detto:

    Spero proprio che ora TUTTI i vaticanisti si precipitino a tempestare di richieste di conferma delle parole del Papa (scritte sul più diffuso quotidiano italiano) il portavoce vaticano e la Santa Sede ! L’affermazione:” Non esiste un inferno, esiste la scomparsa delle anime peccatrici ” è più eretica di affermare che l’inferno c’è, ma è (forse) vuoto. Per non parlare della negazione dell’immortalità delle anime.

  • Mac ha detto:

    Ma veramente si prende sul serio uno con nick name
    Gabriel Pontello?

    • Isabella ha detto:

      Oltretutto è sempre quello delle lenzuolate. Che è fermo agli anni ’70 in tutto, pure nei nickname. Da vero supergiovane che affronta il governo e i matusa con grinta e simpatica verve (cit.).

    • alice ha detto:

      ho dovuto cercare con google per cercare di capire perchè non vi piacesse quel soprannome….
      ma come siete puritani !!!

  • Maria ha detto:

    Ho letto la “rivelazione ” del papa ( ma è possibile che uno che parla così sia papa?) sulla non esistenza dell’inferno.
    Novità assoluta… evidentemente Gesù ha parlato a vanvera. Gesù non era bene informato su come stanno le cose..
    Sono scandalizzata, letteralmente.
    Non è accettabile questa dichiarazione! Qualcuno faccia qualcosaaaa!!

    • Lo spettro di don Ezio ha detto:

      Maria,
      io, qualcuno, ho fatto qualcosa, citando non Scalfari, ma il Papa che parla dell’inferno. Basta non credere alle calunnie.

      • Eccelsia afflicta ha detto:

        Aspettiamo che il papa smentisca pubblicamente il suo amichetto Scalfari e gli dia del bugiardo e fabbricante di fakenews. Se non lo fa il bugiardo è Bergoglio, e dovrebbe dimettersi al più presto, se ha un minimo di onestà intellettuale e dignità morale. Ma non farà nulla e resterà al suo posto, dato che nessun vescovo o cardinale ha il coraggio di contestarlo, e i laici non contano nulla per il papa dittatore.

        • Maria Cristina ha detto:

          se io caro Don Ezio anche solo su questo blog affermassi: Don Ezio mi ha detto in un colloquio privato che l’Inferno non esiste” lei subito mi smentirebbe dicendo: No, io non l’ho mai detto.
          Il giornale Repubblica vende decine di migliaia di copie non è un semplice blog e colui di cui viene detto che “ha detto questo” non è un semplice prete ma il papa.
          Quanto più c’è bisogno di una smentita chiara !

          • Ecclesia afflicta ha detto:

            La smentita della sala stampa vaticana non smentisce. Dice solo che il virgolettato non è una trascrizione fedele delle parole. Non dice che il senso è sbagliato.

            Doppi sensi. Gesuitismo allo stato puro.

            Basta prendere in giro il popolo di Dio.

  • Rosario ha detto:

    Per quanto faccia fatica a crederlo pare l’abbia detto davvero nell’intervista a Scalfari su Repubblica “L’inferno non esiste”. Internatelo, muratelo , sedatelo, toglietegli il matè, fate quello che vi pare ma vi prego basta. Da quali fonti patristiche spara queste perle di eresia vecchie come il cucco ? “Andate via maledetti dal Padre mio nel fuoco preparato per satana e i suoi angeli ” non vale più? Che sia “In o ex cathedra” non ha più senso, questo qui disconosce i fondamentali del catechismo della Chiesa Cattolica e manda alla perdizione migliaia di anime, si vada a fondare una religione tutta sua ma la smetta di appestarci.Uno che parla così non puo’ essere papa ipso facto.

    • Alessandro2 ha detto:

      Rosario, a meno di invenzioni dell’anziano padre nobile di Rep, temo sia vero. Quando per lui verrà l’ora, sorpresa! Si sbagliava.

    • Lo spettro di don Ezio ha detto:

      Rosario,
      l’inferno non esiste come luogo fisico, in quanto si tratta di uno stato dello spirito. Questo è stato affermato anche dai papi precedenti l’attuale.
      Che l’inferno esiste è stato affermato più volte dallo stesso papa Francesco. E’ Scalfari che travisa il pensiero del Papa e Socci gli va dietro.
      Si veda in proposito il seguente commento sulla questione e poi smettiamola di calunniare il Papa:
      http://www.communitylacroce.it/scalfari-riforma-il-magistero-di-bergoglio-linferno-non-esiste/

      • Maria Cristina ha detto:

        Allora è Scalfari che calunnia il papa! caro don Ezio se Scalfari afferma “il papa ha detto questo” e mente, perchè il papa non smentisce? Coloro che leggono repubblica magari pensano che il papa abbia detto veramete questo! chi è il calunniatore? Può un giornalista permettersi di mettere il bocca al papa parole che non ha detto senza essere smentito?
        Padre Ezio lei da’ dei calunniatori a noi, poveracci, Ma lei avrebbe il coraggio di scrivere una lettera pubblica a Scalfari dicendogli che è un calunniatore?

      • Lo spettro del cervello dello Spettro di QC ha detto:

        @spettro di don Ezio

        curioso che Scalfari continui a travisare (secondo lei) il pensiero di Bergoglio e che Bergoglio continui imperterrito a farsi intervistare da lui. La cosa non le fa sorgere qualche piccola domanda? Proprio piccola piccola, eh…

      • Rosario ha detto:

        Le chiedo scusa Spettro, ma lei il pezzo l’ha letto? Questa precisazione le viene direttamente da santa Marta quale errata corrige o è frutto di una sua personale ermeneutica della circostanza. Io non calunnio proprio nessuno e non mi straccio certo le vesti . Semplicemente ho preso atto che l’attuale pontefice regnante e’ eretico: ha pubblicamente rinnegato delle verità di fede generando scandalo e non poco tra i semplici. Mi saprebbe anche spiegare l’annichilimento delle anime senza ricorrere alle doti di Spiderman? quali dotte fonti patristiche citiamo ? il vangelo apocrifo di Pietro ? cos’e’ Entropia Spirituale ?Collassamento energetico delle anime ? RICOVERATELO !!! Per quanto mi dolga, ho deciso di acquistarmi a un euro e cinquanta una copia del giornale in cui in una sola intervista il pontefice della Santa Romana Chiesa avrebbe stralciato,salvo smentita pubblica, dogmi di fede, spazzato via insegnamenti magisteriali e negato i Novissimi. Le do io ora un consiglio, si vada a comprare una copia della Repubblica (chi l’avrebbe mai detto che sarei arrivato a dire una simile eresia) se la conservi e magari fra qualche anno la vende per trenta denari al mercatino delle pulci.

      • Ecclesia afflicta ha detto:

        Che il papa abbia affermato altre volte che l’inferno esiste (cioè ciò che dice il vangelo) è irrilevante. Il tempo è superiore allo spazio. Il papa per 10 volte dice una cosa ortodossa, poi riformula una novità eterodossa sullo stesso tema. La novità lieviterà da sè e piano piano soppianterà la dottrina ortodossa, che diventerà una mera opinione fra tante altre ammissibili.
        Peraltro che il vangelo sia irrilevante lo ha già affermato Sosa, il suo pupillo messo a presiedere il disgraziato ordine dei gesuiti e nessuno lo ha corretto. Il papa è d’accordo con Sosa. Potrebbe essere diversamente?

        In effetti qualche giorno fa riflettevo sul fatto che, nella Chiesa cattolica, la liturgia è da tempo in stato comatoso. Il magistero, grazie a Bergoglio, è diventato una pagliacciata. Rimaneva la Sacra Scrittura, ma Bergoglio e i gesuiti stanno cominciando a lanciare le loro munizioni contro questo ultimo fondamento della fede.

      • Sacra Congregazione per la tutela della Fede Cattolica e disinfestazione spettrale ha detto:

        A tutti i Cattolici di un Dio Cattolico! Questa Congregazione, visti i continui attacchi alle verità della fede da parte di uomini di chiesa ormai votati a vivere di solo pane e di ogni parola che esce dalla bocca dei vertici corrotti e apostati di una sedicente nuova chiesa, INVITA ogni Cattolico fedele a Cristo: A. Ad utilizzare ogni forma di resistenza agli attacchi della spettrale congregazione presente sui blog e in ogni settore delle comunicazioni. B. A mettere in guardia familiari ed amici dai suddetti attacchi, al fine di proteggersi e proteggere i credenti in Cristo e ogni persona di buona volontà dalle eresie diffuse dagli apostati e difese dalla spettrale congregazione. C. In risposta alle affermazioni, mai smentite dalla neo-chiesa, divulgate da Eugenio Scalfari portavoce di Casa Santa Marta, della non esistenza dell’inferno dichiarate da Bergoglio & C. , a celebrare quotidianamente la preghiera a San Michele Arcangelo e diffonderne la recita per difendersi dagli attacchi dello spettrale Inferno. Infine raccomanda a tutti i Cattolici di un Dio Cattolico di difendere ” usque effusionem sanguinis” ogni verità di fede promulgata nei secoli dall’autentico Magistero Cattolico. Da questa Congregazione il 29. 03. 2018

        • A volte tornano ha detto:

          Grazie, unica Congregazione degna di rispetto e ascolto su questo blog, le altre, quelle di quei 4 spettri sfigatelli, sono senza sostanza e senza spessore, sono vuote e inconsistenti come loro, che se la cantano, se la suonano e ridono da soli, ritenendosi particolarmente acuti e simpatici! Convinti loro!

      • Paolo Giuseppe ha detto:

        @ Lo Spettro di don Ezio
        E se una benedettissima volta il Papa la smettesse di dare interviste a Scalfari, non eviterebbe molti problemi?
        Ma, si capisce, la vanità è una brutta bestia.

        • Acchiappaladri ha detto:

          @Paolo Giuseppe
          😉 Ovvio, il problema “scalfariano” poteva essere facilmente risolto dopo la prima (disastrosa IMHO) conversazione bergoglian-scalfariana e potrebbe immediatamente risolverlo ora e per sempre.

          BASTEREBBE VOLERLO.

          La frequente reiterazione è invece prova della volontà di Papa Francesco di far continuare ad esistere questo problema.
          Lascio all’Onnipotente il giudizio sulle intime motivazioni di questa volontà: quello che possiamo umanamente constatare sono i disastri provocati da questa volontà (se ci c’è anche del bene come conseguenza lo sa solo il Signore).

      • Pierluigi ha detto:

        Caro spettro, credo che l’eretico sia lei giacché tutti risorgeranno con il loro corpo (cd. resurrezione della carne), i giusti con un corpo glorificato e i dannati con un corpo di condanna. Giacché si tratta in entrambi i casi di corpi in carne ed ossa dovranno occupare uno spazio e quindi un luogo. Quindi l’inferno, come il paradiso, è non solo una realtà esistenziale bensì corrispondente ad un luogo.

        • Mari ha detto:

          Grazie Pierluigi:
          razionale, chiaro, coinciso, cattolico.
          Le faccio i miei complimenti

        • Ira Divina ha detto:

          Ma hai dei dettagli su come sarà il nostro corpo? Cioè…quanto spazio occuperà? Per esempio, un obeso risorgerà con tutta la ciccia e occuperà un certo spazio o senza ciccia e ne occuperà meno. E poi cos’é un luogo?

          • Pierluigi Cerbai ha detto:

            Si rilegga quella parte dei vangeli che narrano di Gesù dopo la resurrezione. Aveva un corpo sì glorioso, in quanto poteva attraversare i muri (venne Gesù a porte chiuse, affermano gli evangelisti) ma anche di carne ed ossa giacché poteva essere toccato (stendi la tua mano e mettila nel mio costato e metti le tue dita al posto dei chiodi disse Cristo all’apostolo Tommaso)…
            Il volume non è altro che la misura dello spazio occupato da un corpo di carne ed ossa, e il luogo è la porzione di spazio atto ad accogliere contemporaneamente più corpi.
            Siccome nell’eternità, per definizione, il tempo non esisterà più come misura del cambiamento con il criterio del prima e del dopo, proprio in quanto nessun cambiamento sarà possibile, il destino eterno dei beati e dei dannati, risorti con il loro corpo ma separati gli uni dagli altri (si rilegga a tal proposito -ad esempio- il capitolo 25 del vangelo di san Matteo), implicherà anche la separazione dei luoghi che accomunano lo spazio in cui si troveranno le due categorie di persone.

          • Ira Divina di sempre ha detto:

            Questo non è un problema che coinvolge gli spettri! Quindi che se lo pone a fare spettrale ira che non è Divina?

    • Pierluigi ha detto:

      Aggiungo, tra l’altro, anche la parabola di Lazzaro e il ricco epulone, in cui Abramo dialoga, dopo la morte, con l’anima tormentata di quest’ultimo, affermando che i beati non possono scendere nell’inferno e i dannati salire in paradiso. L’affermazione di Bergoglio conterrebbe -se non smentita- 3 eresie che contraddicono, direttamente o indirettamente, tre verità di Fede: 1) l’immortalità dell’anima (a prescindere dal suo destino eterno); 2) l’esistenza dell’inferno; 3) l’esistenza dei diavoli, perché essendo destinati all’inferno la negazione di quest’ultimo implicherebbe anche quella dei primi.
      A questo punto il pensiero del papa determinerebbe in se un corto circuito poiché diverse volte nelle sue prediche ha fatto riferimento al diavolo, ossia ad una realtà che non sussisterebbe…

  • Vittorio ha detto:

    Il giorno che non vi si rispondera’ piu’ sara’ la vostra fine immanente. Da domani penso di non farlo. Vi leggero’ con nonchalance.

    • Alessandro2 ha detto:

      Ecco, bravo. Ciao.

    • Pierluigi ha detto:

      Bravo, allora segui Bergoglio e le sue eresie non smentite (vedi sopra). Chi si somiglia si piglia… Vedremo chi finirà peggio…

      • Kermit ha detto:

        La notizia è uscita stamattina sul giornale cartaceo. Cosa vuoi che ci sia già la smentita…un attimo di pazienza. Fate un po’ di casino e vedrete che arriva…

        • Pierluigi ha detto:

          Notizie così grosse si smentiscono subito, mi basterebbe anche domani, ma temo che la smentita non arriverà mai…

  • Tullio Zanin ha detto:

    Invito a leggere l’ennesima intervista del Papa al suo grande amico e sodale Scalfari su Repubblica di oggi. Consiglio di prendere una camomilla doppia prima e dei gastro protettori dopo. Se non interviene una SMENTITA UFFICIALE immediatamente, credo ci siano tutti i presupposti, se ancora esistono cardinali cattolici, perché il collegio dei cardinali dichiari il Papa eretico con tutte le conseguenze del caso !

  • Luisa S. ha detto:

    non è per infierire, ma ogni giorno ce n’é una.

    http://www.ilgiornale.it/news/cronache/bergoglio-scalfari-linferno-non-esiste-1510328.html

    per favore qualcuno mi dia un’interpretazione cattolica di questo discorso.

    • Francisca ha detto:

      È finita. Chi andrà più a confessarsi?

    • Claudius ha detto:

      Al di la’ dell’eresia conclamata sull’Inferno (musica per le orecchie del vecchio trombone barbuto, che ha goduto come un maiale in vita e adesso comincia a farsela un po’ addosso – d’altronde anche la prospettiva di passare un’eternita’ in compagnia di gente come Santa Maria Goretti, San Pio X, Santa Teresa d’Avila, San Giovanni di Dio, eccetera non lo alletta particolarmente…) veramente impagabile lo sproloquio sulla cosiddetta “energia dell’universo” in salsa new-age. Il Bianconiglio, quando incontra il Vecchio Trombone, si scatena.

      • Enza ha detto:

        @Claudius
        Il signor Scalfari ha goduto tutta la vita, ha bestemmiato contro Dio e la chiesa, è stato pro aborto, pro a tutto quello che non è evangelico, ma siccome Gesù ama anche lui,….. E sapendo che il nostro Redentore ha voluto la chiesa proprio per portare le anime a Dio, sarebbe stato bello che dopo il primo approccio con questo papa, fosse stato educato a capire come cambiare vita, pregando lo spirito Santo per lui e pure la vergine Maria. Se fosse un vero Papa, ambirebbe a questo, ma perché non lo fa? Semplice, perché è un protestante, ma un protestante un po’ particolare, direi confuso, perché i protestanti all’inferno ci credono!

        Io termino qui perché c’è qualcosa di meglio di andare a fare in chiesa ora che non parlare di chi invece di lavare i piedi ai cristiani (mai una parola di amore verso i martiri dell’isis, ma neppure sui bambini inglesi barbaramente uccisi) anche oggi laverà i piedi ai musulmani. Per la pace e la gioia della Bonino e di Scalfari

        • Enza ha detto:

          Errata corrige:
          Io termino qui perché c’è qualcosa di meglio da fare in chiesa! Ma oggi ancora una volta vedremo lavare i piedi ai musulmani invece che ai cristiani (mai una parola di amore verso i martiri dell’isis, ma neppure sui bambini inglesi barbaramente uccisi) Bene, laviamo i piedi ai musulmani per la pace e la gioia della Bonino e di Scalfari.

      • Adriana ha detto:

        @ Claudius ,
        accanto a Bianconiglio e a Vecchio Trombone , posso aggiungere
        : la Volpe e il Gatto? o ,meglio : il Gatto e la Volpe?

  • Mazzarino ha detto:

    Gli ex ci prendono. Perchè hanno visto le cose da vicino. Hanno capito. Ed hanno deciso, soffrendo, di andarsene. Si super ex ha colpito nel segno. Bergoglio è un comunista. Così è stato formato e cresciuto. Con tutto quello che ne consegue. Chi ha combattuto una vita contro i “cristiani per il socialismo” e la loro eresia, ne riconosce parole, occhi ed atteggiamento. Poveretti, a distanza di quarant’anni sono diventati capiufficio, dirigenti di banche e di cooperative. Hanno i redditi più alti di tutti, sono quasi tutti divorziati e risposati, indagati, e felicemente indebitati, quasi tutti fanno parte dei consigli pastorali parrocchiali e dirigono le diocesi. Non si dicono comunisti, non è “in” ma lo sono nel profondo del cuore. Non sanno neppure cos’è il Santo Sacrificio e non hanno mai fatto un minuto d’Adorazione. Hanno lavorato per la materia (il quattrino) per tutta la loro vita e si avviano rabbiosi e incattiviti alla fine. Bergoglio è uno di loro.

    • Adriana ha detto:

      @ Mazzarino,
      Bergoglio ha detto :”Per me è un onore esser chiamato rivoluzionario”.
      Se fosse stato chiamato Cristiano e/o Cattolico
      era un “disonore”?
      Sempre in ritardo coi tempi questo pobrecito .
      Sempre convinto di esser all’avanguardia.

  • lo spettro di Paolo ha detto:

    Super ex, il “rancore” dei tradizionalisti di cui parlava ieri l’Abate Faria. Battere il martello sempre nello stesso punto evitando accuratamente di non batterlo su altri. Confondere “proselitismo” e “evangelizzazione”. S. Filippo Neri prima distribuiva la minestra a chi aveva fame, poi li confessava.

    • Paolo Giuseppe ha detto:

      @ lo spettro di Paolo
      il Papa invece prima distribuisce la minestra e poi il secondo e poi il dolce. L’Annuncio se viene, viene dopo il caffè.
      Dopo cinque anni c’è ancora chi disquisisce sul significato di alcune parole dette dal Papa. Certo a Bisanzio, ai tempi d’oro stavano a discutere all’infinito sul sesso degli angeli e sappiamo come è finita (anno domini 1453).
      La cifra del magistero (?) di Papa Francesco ormai è arcinota: ambiguità, poi ambiguità, poi superficialità, poi misericordia, poi movimenti popolari, poi com’è brava la Bonino, poi teologia della liberazione (ma solo un pochino), poi per finire la trionfale presentazione della “Teologia (?) di Papa Francesco” del mitico Viganò, della quale il Papa non sapeva niente, no no, proprio non sapeva niente.
      E noi stiamo qui a discutere sul significato di “proselitismo”?

      • Gabriel Pontello ha detto:

        “c’è ancora chi disquisisce sul significato di alcune parole dette dal Papa”

        Sì, voi. Il che è tutto dire….

  • Maria Cristina ha detto:

    Sul modo di.predicare di papa Bergoglio al di la’del significato di espressioni come “proselitismo” chiunque puo’notare questo:manca qualsiasi richiamo a Gesu’Cristo come Centro,come Principio e Fondamento di ogni verita’.Per Bergoglio la religione viene dal “basso”ed e fatta per realizzare in questo mondo le esigenze del “pueblo” non viene dal’alto e non e’ l’adesione dell’uomo ad una Parola divina,che trascende l’uomo stesso,come ci ricorda l’Inizio del Vangelo diGiovanni non e’il riconiscimento del Verbo divino.Bergoglio non ha amore per Cristo, per il Verbo, e questo lo.si nota in ogni sua predica.In una predica addirittura prese in giro apertamente e sbeffeggio gli “adoratori del Logos”
    Per questo si ha l’impressione che la religione “cattolica”o anche cristiana sia per lui solo una sovrastruttura storica. Il.pueblo ha ragione in qualsiasi religione, cristiana, musulmana, budddista ecc., perche’il pueblo e’il portatore della Verita, ‘secondo Bergoglio.
    Da qui il suo tremendo fraintendimento per esempio dell’Islam. Visto dalla parte delle masse di popolazioni musulmane l’Islam puo’ essere ritenuto una religione di pace, perche’certo non tutti gli islamici sono combattenti e la naggioranza di essi desidera vivere pacificamente. Ma Allah come si e’espresso nel Corano non e’un Dio di pace e di fratellanza. Se si l’islamismo una religione rivelata dal suo.libro sacro non si puo’dire che e’una religione di pace.
    Ma le rivalazione del Divino , vere o false che siano, a Bergoglio non interessano, a lui interessa la religione che sorge “dal basso”dal popolo.
    In questo somiglia molto a quelle filosofie di stampo maxista che vedono nelle religioni rivelate “oppio del popolo”mentre vagheggiano la liberazione del popolo grazie alla scienza all’economia all a politica.
    In questo senso secondo ne papa Bergoglio non e’realmente cattolico , poiche trasforma l’Incipit del Vangelo di San Giovanni da “In pricipio era il Verbo e il Verbo era presso Dio”
    In “In principio era il popolo degli uomini e gli uomini si crearono il proprio dio” .
    Da qui anche la sua riluttanza a impartire la benedizione nel Nome del Padre del Figlio e dello Spirito Santo, e invrce la sua d incera ricerca di essere “benedetto”dal popolo. Il popolo per Bergoglio ha preso il posto del Logos.
    Ne vedremo un esempio oggi con la lavanda dei piedi traformata come al solito da Bergoglio in uno show pauperista .

    • Maria Cristina ha detto:

      Volevo scrivere “la sua sincera richiesta di essere benedetto dal popolo”.Ulteriore conferma di quello che doco:oggi per la Santa Messa del Crisma Bergoglio ha raccomandato I preti di “essere vicino alla gente”.
      Essere vicino alla gente e’UNOdei compiti del sacerdote ma non il piu’importante:il sacerdote e’CONSACRATOal servizio di Dio, prima ancora che a quello della “gente”.Ma Bergoglio ribalta tutto questo in ogni sua predica!

    • Gabriel Pontello ha detto:

      Maria Cristina, sotto ho riportato alcuni estratti di discorsi del Papa ai Missionari. Da alcuni di essi si vede benissimo come, invece, Cristo sia messo al centro eccome. Provi a leggerli.
      Buona giornata.

    • Gianni ha detto:

      A proposito della ‘lavanda dei piedi’, ho nel tempo maturato una personale convinzione, che potrebbe benissimo essere errata, ma che non ha certamente nulla a che fare con la spettacolarizzazione che ormai da tempo se ne fa.
      Quando Gesù decise lavare i piedi ai ‘Discepoli’, fuori, per le strade di Gerusalemme c’erano decine di migliaia di persone, moltissime straniere e pagane, andate per la Pasqua ebraica. Mi chiedo, perché non chiese a uno degli Apostoli di uscire in strada ad invitarne alcune per lavare i piedi a loro? Quale esempio di ‘incontro, accoglienza, inclusione’!!!
      Invece no. Li volle lavare ai suoi ‘Discepoli’, nonostante le rimostranze d Pietro. Perché? Non fu forse per insegnare loro ad essere UMILI? Che l’autorità è un servizio? Che nessuno può pretendere di essere superiore agli altri?
      E allora (=ovviamente se questa interpretazione è plausibile), perché il papa non lava i piedi ai successori degli Apostoli? Forse che i vari mons. Galantino, Paglia, Ricca, o i cardinali Ravasi, Coccopalmerio, Marx, Cupich, etc… non avrebbero bisogno di una lezione di questo genere dal loro Maestro visibile?
      Già da giorni si sa che questa sera, tra coloro che avranno i piedi lavati dal papa, ci saranno due mussulmani, un buddhista … Cui prodest? I media, il plauso di tutto l’orbe, o, sia mai, la conversione degli interessati? Ma che ha a che fare tutto questo con il Vangelo e con l’insegnamento che Gesù volle lasciare a Pietro e agli altri Apostoli?

  • Pierluigi ha detto:

    Scrive SUPEREX:
    “Oggi è rimasto solo il pane. Bergoglio non solo invita sempre ad una accoglienza puramente materiale, ma condanna nel contempo ogni forma di “proselitismo” (parola con cui bolla, di fatto, ogni sana evangelizzazione). ”
    Può darsi che questo non sia sempre vero, può darsi che non risponda alle sue intenzioni, certo è che l’espressione ambigua del pensiero da parte del papa (ormai si è capito che la chiarezza non è nelle sue corde e già questo fa molto danno) rende plausibile l’interpretazione di SUPEREX.
    Al contrario, santa Teresa di Calcutta, a chi le chiedeva qual è la povertà più grave dell’India, rispose senza esitazione che è la mancata conoscenza di Gesù Cristo. Siccome credo di poter affermare che costei conoscesse meglio e forse più di chiunque altro la povertà (compreso anche l’attuale pontefice), mi fido della sua parola. C’è casomai da chiedersi come giudicherebbe oggettivamente il papa questa frase. Temo che la classificherebbe come un intollerabile esempio di proselitismo, ma questo lo sa solo lui.

  • Lucidator ha detto:

    Evidentemente il video sull’esibizione del coribante prete brasiliano pubblicato da Stilum Curiae poco tempo fa non è poi un caso tanto raro, ancorché pur sempre strabiliante.
    Oggi ho trovato per puro caso questi altri due:
    https://www.facebook.com/groups/1096395463734742/permalink/1878823008825313/
    https://www.facebook.com/simonetta.baraldo.3/videos/2452952318263904/
    Sensatamente uno dei commenti avverte: “Questi o hanno sbagliato locale o hanno sbagliato bottiglia!”

    • Ira Divina ha detto:

      Due esempi folgoranti di preti invasati da una legione gay! Con un esorcismo e mandando la legione in una mandria di porci, questi ultimi ballerebbero allo stesso modo.😂😂😂😂😂😂😂😁

  • Gian ha detto:

    Secondo me Super Ex ha centrato il punto e fatto BINGO. Con buona pace di spettri e volenterosi, nel senso gesuitico del termine, che si prestano ad una difesa d’ufficio impossibile, stante la realtà impietosa sotto gli occhi di tutti. Un asino che raglia non può comporre un poema, rimane un asino anche se circondato da una claque di illusionisti, maghi e saltimbanchi.

    • Lo spettro del Ranzani ha detto:

      Guarda che qua la parte dell’asino la fa Super Ex. Gli errori sono evidenti e oggettivi…

  • Stimato Direttore:
    84 ego intervista:
    “È un onore essere chiamato rivoluzionario”:
    https://rep.repubblica.it/pwa/esclusiva/2018/03/28/news/il_papa_e_un_onore_essere_chiamato_rivoluzionario_-192479298/?ref=RHPPRB-BH-I0-C4-P1-S1.4-T1
    “L’onore” è essere il profetizzato “Pastore stolto e falso profeta”!
    Saluti.

  • Anonimo ha detto:

    Purtroppo tutto questo era ed è il “senso profetico” del globalismo senza redenzione della Chiesa del Grembiule e delle marce per la pace, che oggi si celebrano più dei martiri laici che hanno versato ettolitri di sangue per non abiurare davanti alle sciabole musulmane.
    Ma per questa “storia” non c’è tempo né benzina nella papa-mobile di aprile.
    Che tristezza!
    Per non dire “che schifezza”.
    Il dramma nel dramma è che questa “peste” ideologica cresce in maniera inversamente proporzionale (non potrebbe essere diversamente perché è pura contraddizione) alla devozione dei Santi Martiri. Perfetti sconosciuti…anche al popolo.
    Meglio “un’ala di riserva” che ricordare che di fede si può morire martiri.
    Amen!

  • Gabriel Pontello ha detto:

    Non so se Super Ex abbia mangiato pesante come Pezzo Grosso, però faccio notare:
    – ”ma condanna nel contempo OGNI forma di “proselitismo” (parola con cui bolla, di fatto, OGNI SANA evangelizzazione)” qui riferisce una sua interpretazione, facendola passare come un dato di fatto oggettivo, peraltro sbagliata. Tutti – con poche eccezioni – hanno capito che con ”proselitismo” il Papa intende indicare un metodo che punta alla quantità e velocità, piuttosto che alla sostanza delle conversioni. Questo è il significato corrente della parola e negli stessi termini si è espresso anche Ratzinger (Super Ex forse non lo sa perchè non lo dice nei volumetti su Gesù). Poi, facendo riferimento all’esempio di vita, il Papa subordina il ”proselitismo” (anche sano) ad una propria concreta e tangibile conversione (elemento da sempre sostenuto dalla Chiesa a partire almeno da San Paolo, senza considerare che Cristo stesso si è proposto in modo esemplare ed ha ”guadagnato credibilità” attraverso condotta e opere). Qui Super Ex fa disinformazione;
    – annoverare la liberale e liberista Emma Bonino tra i ”comunisti” è una solenne sciocchezza. Non serviva questo inganno per trattare il tema Papa-Bonino: l’accoglienza, per quest’ultima, è funzionale a creare forza lavoro a basso costo (come dice lo stesso Ex) e non ad una ripartizione equa delle risorse e dei mezzi di produzione.
    Pessimo articolo, fuorviante e superficiale.

    • Lo spettro del fegato dello Spettro di QC ha detto:

      nnoverare la liberale e liberista Emma Bonino tra i ”comunisti” è una solenne sciocchezza.

      Hai scordato che Augusto del Noce, CATTOLICO, aveva previsto che il Partito Comunista si sarebbe trasformato in un partito radicale di massa, ma questo tu non puoi saperlo perchè non c’era scritto sulla Pravda d’Oltretevere Vatican Insider o su Il Mio Papa.

      • Gabriel Pontello ha detto:

        Rimane l’errore: non é la Bonino ad essere diventata comunista, ma i comunisti ad essere diventati liberali e liberisti. Sciocchezza al quadrato, quindi.

        • Lo spettro del Ranzani ha detto:

          Forse non sanno la differenza tra comunismo e liberismo…gliela spieghi almeno!!!

        • Lo spettro del fegato dello Spettro di QC ha detto:

          si vede che non hai capito niente, essendo affaccendato in tutt’altre faccende:
          sono due aspetti di un’unica cosa… Hai capito adesso?

          • Gabriel Pontello ha detto:

            no amico, sei tu che non hai capito niente. Super Ex dice che Bergoglio è comunista come tizio, caio, sempronio e…la Bonino. La Bonino non è mai stata comunista. Punto. Ricamaci sopra quanto vuoi, che rimane sbagliato uguale. Stattibbun’!

          • Lo spettro del Cayenne del Ranzani ha detto:

            Non sai manco legge… Tié:

            ma anche la sua smaccata simpatia per regimi come quello cinese o per politici più o meno comunisti, da Morales a Castro, passando per Sanders, il Pd italiano ed Emma Bonino.

          • Lo spettro del fegato dello Spettro del Ranzani ha detto:

            Ma figuriamoci se ti parlo di Augusto del Noce, dei liberals, del perchè gli americani e i britannici hanno scelto i comunisti per il loro piano di spoliazione degli altri paesi e per fare le guerre imperialiste, per la diffusione di tutti i vizi per corrompere la società odierna…
            Come dare le perle ai porci…
            Tu continua con le tue pi**e che fai bene

          • Ira Divina ha detto:

            Ma siete rimbambiti? Emma Bonino non è né più né meno comunista.

        • M.G. ha detto:

          In tutto ciò, il vero, enorme, sconcertante e ingiustificabile ‘errore’ è solo aver definito ‘grande’ una persona responsabile di pratiche e ideologie di morte.

        • Enza ha detto:

          La Bonino non è comunista? E cosa sono i radicali?
          La Bonino è solo una grande assassina, fino ad oggi impenitente, legata a Soros grande maiale 🐷 rovina dei popoli insieme ad altri che non sto a nominare. La Bonino non dovrebbe neppure mettere piede in chiesa quella vergognosa, e ancora più vergognosi i sacerdoti che la fanno entrare nascondendo il signore per dare spazio ad un essere così immondo.
          E ora ditemi pure che giudico, ma chi conosce il Vangelo lo sa bene che una persona pagata per uccidere, Gesù stesso dice: sarebbe meglio che non fosse mai nato …..riferendosi a Giuda, ma che ogni persona che porta alla morte i propri fratelli è Giuda.
          Primo, un assassino è sempre scomunicato a meno di un pentimento legato a conversione, secondo perché da forte scandolo a tutta la comunità!
          La Bonino è un Hitler, un hitler moderno, ma sempre uguale: non odia un popolo straniero credente in Dio, ma odia il popolo italiano, cristiano, anche se un po’ dormiente causa il modernismo attuato nella chiesa, e che proprio grazie a questo, lei da grande bestemmiatrice, ora può godere degli altari.

          Io mi auguro che l’Italia dopo essere stata sprofondata sia livello civico che spirituale, possa riprendere vita e godere di aria fresca con un governo più giusto e più umano, più umano in tutti sensi, e che non sia legato alle grandi lobby come piace tanto alla signora Bonino

          Buona Santa Pasqua tutti e Dio vi benedica !

          • Kermit ha detto:

            Signora Enza, creda a un simpatico ranocchio: tutto quello che ha scritto è vero, ma non c’entra nulla con l’essere comunista.

    • Claudius ha detto:

      Anche lei dimostra di non avere capito molto di questo pontificato. Lo scopo di Bergoglio e’ proprio quello di decattolicizzare la Chiesa Cattolica. Renderla una specie di magma caotico “decentralizzato” di marca neoprotestante, per favorire il tanto agognato proselitismo e unita’ dei “cristiani” a cui tanto tiene. Quindi certo che a lui non interessa l’evangelizzazione, e ha perfettamente ragione superEx quando dice che “Francesco” parla a suocera perche’ nuora comprenda cioe’ quando dice che il proselitismo e’ una sciocchezza. Ovvero, parla di proselitismo ma quello che ha in mente e’ proprio l’evangelizzazione. Al contrario, per uno come lui se la Chiesa si restringe e’ meglio, lo ha pure detto in piu’ occasioni. Com’e’ nel suo stile mellifluo e subdolo, non parla mai chiaramente ma dai fatti si capisce cosa ha realmente in testa al di la’ delle tante chiacchiere di circostanza. Per fingere di essere nel solco della tradizione quindi usa la parola “proselitismo” quando invece intende, realmente, “evangelizzazione”. Buona Pasqua. PS: mi saluti la Grande Italiana Bonino.

      • Gabriel Pontello ha detto:

        Le sue sono opinioni. Rispettabilissime, ma sempre opinioni. Apprezzo i suoi poteri telepatici e di lettura del pensiero altrui. Dote non comune!

        • Claudius ha detto:

          Le mie sono opinioni, invece le sue sono chiaramente verità assolute, che stupidi che siamo a non averlo ancora capito qui dentro.

          • Gabriel Pontello ha detto:

            Guardi Claudius, a fronte delle sue opinioni (che ho definito “rispettabilissime pur essendomi sentite dire, da lei, di “non avere capito molto”), i miei sono dati oggettivi:
            – oggettivamente non è vero che il Papa abbia negato OGNI forma SANA di evangelizzazione e non è vero che non abbia chiarito in che modo fare evangelizzazione
            – oggettivamente è vero che in termini del tutto simili ai suoi si è espresso il Predecessore
            – oggettivamente è vero che le modalità indicate sono indicate nel Nuovo testamento in più punti
            – oggettivamente è vero che ci sono forme di proselitismo assolutamente negative e mai fatte proprie dalla Chiesa
            – oggettivamente è vero che non si può ascrivere la Bonino tra i comunisti
            – oggettivamente è vero che se il discorso verte sul presunto “comunismo” del Papa, il riferimento alla Bonino non è consequenziale.
            Non si tratta di “verità assolute” da me dispensate, ma di meri fatti, tutti documentabili. Le opinioni, se vogliono essere serie, devono basarsi sui fatti.
            Tutto chiaro?

          • Isabella ha detto:

            Verità assolute accompagnate dal grido di battaglia Ifix Tchen Tchen.
            Come si fa a dubitare?

      • Ecclesia afflicta ha detto:

        Aggiungiamo che Bergoglio promuove sistematicaemnte a posti di responsabilità vescovi che nelle loro diocesi hanno fatto calare ilnumero dei cattolici. Ad esempio Maradiaga. Per Bergoglio i numeri non contano. Se i fedeli se ne vanno, la colpa è dei fedeli che non accettano la novità dello spirito. Cioè lui.

      • Enza ha detto:

        Bergoglio è solo un attuatore di un progetto massonico denunciato gia da Pio XII.

        https://youtu.be/xbNIPEF6yQE
        Sul mio canale ho messo una serie di video del professor Gnerre da non perdere. Dopo questo video ne seguono 4 sul Catechismo di San Pio X, molto importanti specie per la grande confusione che vive la chiesa da tanti anni.
        Il mio invito è quello che li ascoltiate, anche un po’ alla volta, perché sono davvero molto belli. Saluti

    • Lo spettro del fegato dello Spettro di QC ha detto:

      Quanto alla prima parte, come dite sempre “voi”: è soltanto la tua interpretazione, giacchè non si sente mai, dalla Opportuna Parte, come debba essere inteso “correttamente” il proselitismo, visto che “ognuno ha la sua visione del Bene e del Male“, e “gli islamici devono crescere figli islamici, i cattolici figli cattolici, gli ebrei figli ebrei ecc”

      • Gabriel Pontello ha detto:

        Scusi sig spettro ecc ecc, non c’è bisogno di dire come debba essere inteso. Lo si sa da sempre e comunque lo ha detto. La metodologia è sempre la stessa: vivere da cristiani, operare in modo da rendere visibile la propria ”cifra”, essere esemplari, suscitare interesse in chi ti osserva, poi aprire la bocca e spiegare perché si é così cominciando l’opera di conversione, coi tempi che servono a ciascuno e senza forzature. Se lei non sa che questa è la procedura corretta, vuol dire che non ha letto il Nuovo Testamento, che non ha letto il Vangelo di Marco, e soprattutto le Lettere Paoline, nei passaggi esortativi. Se invece non condivide il metodo, potrebbe rivolgersi ai Testimoni di Geova che sono specializzati in altre forme di proselitismo.

        • Lo spettro del Ranzani ha detto:

          Pontello….ci sono persone a cui va spiegato tutto. Se dice a Fegato che si cammina con le scarpe, lei deve spiegargli di comprarle della sua taglia, di pagarle alla cassa, di prendere il resto, il colore e come allacciare le stringhe, di lucidarle di tanto in tanto, di riporle nella scarpiera e cos’è la scarpiera…

          • Lo spettro del Cayenne del Ranzani ha detto:

            Ma certo che lo sappiamo che non c’è differenza (come abbiamo visto).
            Sennò come te lo fai il Cayenne te?
            E come abbiamo visto che Bergoglio fa il cappellano dell’Ordine Mondiale voluto dal “liberal” (se sai che vuol dire) Obama.

            OOOOOOOOOOO KKKKKKKKKKKKKKKKKKK?

          • Lo spettro del Milanese Imbruttito ha detto:

            Uè ciccio, guarda che il Ranzani ci ha mica bisogno di andare al negozio a comprarsi le scarpe che se le ciapa artigianali. Mica come i barboni!!

        • Lo spettro del fegato dello Spettro di QC ha detto:

          Ah se si dovesse prendere esempio da El Capo, cacciare subito chi non la pensa come Lui, non dando neppure la possibilità di giustificarsi, sovvertire tutto quello che gli è stato dato, ne avremmo di conversioni!!! Eh come no!
          Infatti i “frutti” si vedono: orde di Scalfari, Mancuso, Vladimir Luxuria che si battono il petto chiedendo di tornare! Fiumi e fiumi di persone davanti ai confessionali, gente vestita di sacco e col cilicio…. Eh!

          • Gabriel Pontello ha detto:

            Io al confessionale ci sono tornato e come me altre persone che conosco personalmente. Probabilmente sei tu che frequenti poco e non sai che accade…d’altra parte sei uno spettro e quindi forse non c’è più tempo per la penitenza.

        • lo spettro di Paolo ha detto:

          Scusi sig. Pontello, potrebbe per favore cambiare il Nickname, evoca (non penso solo a me) ricordi giovanili non molto cattolici…

          • Gabriel Pontello ha detto:

            Non so cosa farci signor Paolo. Capisco il problema ma l’anagrafe è l’anagrafe.

        • Acchiappaladri ha detto:

          @Gabriel Pontello
          ho seguito il precedente scambio di bordate dialettiche fra lei e altri che invece, almeno sostanzialmente, apprezzano l’articolo di SUPEREX.
          Trovo utili alcune sue (di @Gabriel Pontello) puntualizzazioni, ad esempio quella sui Testimoni di Geova, anche se andrebbe contestualizzata storicamente (almeno dalle mie parti negli ultimi anni non mi importunano più di persona ma si limitano a lasciare volantini nella cassetta delle lettere), ma trovo che lei sia in sue alcune frasi profetico (inconsapevolmente, come Caifa) andando proprio a sostenere gli argomenti di SUPEREX.

          Gli attuali governanti (Capo compreso) della Chiesa per la loro ideologia politica populista-radical-sessantottarda (un coacervo di filoni ideologici a rigore logico incompatibili ma che nei fatti convivono nelle loro menti per il rigetto del principio di non contraddizione, della realtà metafisica, ecc. ecc.) hanno un’impostazione propagandistica che fa ampio uso della neo-lingua e della Finestra di Overton, con “parole di sempre” utilizzate nella loro prassi con significato diverso da quello che per generazioni avevano nella Chiesa.

          Quindi certo che oggi c’è bisogno di definire come debba essere inteso il “proselitismo”.

          Certo che quella procedura è evangelicamente corretta per ogni discepolo (successore di quei primi undici) di Gesù … come presupposto dell’accettare la durezza della spada:

          ” … Non crediate che io sia venuto a portare pace sulla terra; non sono venuto a portare pace, ma una spada …” [Matteo 10]

          e attivamente eseguire nel mondo l’inequivocabile e MOLTO SCOMODO comandamento di N.S. Gesù il Messia, la perfetta Misericordia incarnata:

          ” … Andate dunque e AMMAESTRATE tutte le nazioni, battezzandole nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito santo, insegnando loro ad osservare TUTTO ciò che vi ho comandato …” [Matteo 28]

          “… Andate in tutto il mondo e PREDICATE il vangelo ad ogni creatura. Chi crederà e sarà BATTEZZATO sarà salvo, ma chi non crederà sarà CONDANNATO. …” [Marco 16]

          Gli attuali governanti della Chiesa non sono certo i primi discepoli che non vogliono accettare la scomodità del vangelo e che dubitano:
          ma questo non significa che il suo (di @Gabriel Pontello , fra i tanti) argomentare da difensore di ufficio sia efficace nell’evitare ai suddetti governanti la condanna per tradimento del comandamento di Gesù se non si ravvederanno.

          Auguriamoci di trarre benefici di conversione a Gesù da questa nuova celebrazione della Passione, Morte e Resurrezione del Signore. Buona Pasqua.

        • Luisa S. ha detto:

          Sig. Pontello, come mai la Chiesa e i suoi Sacerdoti e Missionari hanno lasciato casa, famiglia, affetti per portare Cristo e convertire interi popoli. Migliaia di soldati hanno difeso i cristiani da conversioni, queste si forzate. Bastava secondo lei buoni rapporti di vicinato? Guardi come vengono trattati i cristiani in oriente e nei paesi mussulmani. E guardi cosa sta succedendo oggi, nemmeno i battezzati vanno in chiesa e fanno battezzare i loro figli, cioè i sacerdoti non riescono a portare a Messa nemmeno i loro. E sa perché, perché ognuno a una sua idea di Dio, del bene e del male e la sua idea di uomo religioso se la cucina da solo.

          • Luisa S. ha detto:

            Può darsi che il Papa intenda la parola proselitismo come dice lei, ma le assicuro che per la maggior parte della gente significa : Vivi e lascia vivere.

          • Gabriel Pontello ha detto:

            “La sequela di Gesù, che ha determinato il sorgere della vita consacrata nella Chiesa, risponde alla chiamata a prendere la croce e andare dietro a Lui, ad imitare la sua dedicazione al Padre e i suoi gesti di servizio e di amore, a perdere la vita per ritrovarla. E poiché tutta l’esistenza di Cristo ha carattere missionario, gli uomini e le donne che lo seguono più da vicino assumono pienamente questo medesimo carattere”.

            Come vede, l’essere missionario – che non viene negato – è conseguenza della sequela a Cristo.

            “Quando sostiamo in preghiera davanti a Gesù crocifisso, riconosciamo la grandezza del suo amore che ci dà dignità e ci sostiene; e nello stesso momento percepiamo che quell’amore che parte dal suo cuore trafitto si estende a tutto il popolo di Dio e all’umanità intera; e proprio così sentiamo anche che Lui vuole servirsi di noi per arrivare sempre più vicino al suo popolo amato e a tutti coloro che lo cercano con cuore sincero. Nel comando di Gesù: “andate” sono presenti gli scenari e le sfide sempre nuovi della missione evangelizzatrice della Chiesa. In essa tutti sono chiamati ad annunciare il Vangelo con la testimonianza della vita; e in modo speciale ai consacrati è chiesto di ascoltare la voce dello Spirito che li chiama ad andare verso le grandi periferie della missione, tra le genti a cui non è ancora arrivato il Vangelo”.

            “Proprio per questo è urgente riproporre l’ideale della missione nel suo centro: Gesù Cristo, e nella sua esigenza: il dono totale di sé all’annuncio del Vangelo. Non vi possono essere compromessi su questo: chi, con la grazia di Dio, accoglie la missione, è chiamato a vivere di missione. Per queste persone, l’annuncio di Cristo, nelle molteplici periferie del mondo, diventa il modo di vivere la sequela di Lui e ricompensa di tante fatiche e privazioni. Ogni tendenza a deflettere da questa vocazione, anche se accompagnata da nobili motivazioni legate alle tante necessità pastorali, ecclesiali o umanitarie, non si accorda con la personale chiamata del Signore a servizio del Vangelo”

            “La missione dei servitori della Parola – vescovi, sacerdoti, religiosi e laici – è quella di mettere tutti, nessuno escluso, in rapporto personale con Cristo. Nell’immenso campo dell’azione missionaria della Chiesa, ogni battezzato è chiamato a vivere al meglio il suo impegno, secondo la sua personale situazione”

            Come vede non è vero che il Papa escluda l’impegno missionario/evangelizzatore. In questa luce si capisce bene che quando parla di “proselitismo” lo fa utilizzando il termine nell’accezione corrente di oggi (reclutamento, marketing, plagio, forzatura, ecc ecc). E fa bene, aggiungo io.

        • Lo spettro del fegato dello Spettro di QC ha detto:

          Per la serie…
          fresco fresco dai Santi Colloqui col Papa Laico (oops… intendevo Scalfari eh!):
          http://www.ilgiornale.it/news/cronache/bergoglio-scalfari-linferno-non-esiste-1510328.html

    • Vito ha detto:

      Svegliati gesuita (in senso negativo, peraltro l’unico possibile).
      Gesù ha detto “Andate e predicate il Vangelo”, non ha detto date l’esempio.
      Quanto alla Bonino (comunista o meno) solo un ignorante squilibrato può definire una grande donna quella che è solo una portatrice di morte e di rovina.

    • franco ha detto:

      Però, se zia Emma non avesse succhiato con la pompa migliaia di futuri uomini e donne, oggi avremmo la forza lavoro che la stessa auspica conl’arembaggio degli extra comunitari . In quanto al buon esempio di bergoglio…lasci perdere….
      franco

  • Non Metuens Verbum ha detto:

    O.T. chiedo scusa. Dottor Tosatti, dica al suo webmaster che negli articoli (post) pubblicati, adoperi il Formato Paragrafo “Giustificato” (paragrafi bene incolonnati), anziché l’attuale Formato Paragrafo “Centrato” (adatto solo per i titoli, sgradevole per la lettura corrente). Fine dell’ O.T.