RVC: LE SETTE OPERE DI MISERICORDIA CORPORALE DIVENTERANNO CINQUE. E MOLTO ECOLOGICHE E MIGRANTISTE.

Marco Tosatti

Attenti, Stilumcuriali, si avvicina una settimana di vacanza per il vostro anfitrione. Che comincerà più o meno da martedì prossimo; e vi avverto che lascerò il computer a casa, per cercare di staccare veramente. Nel frattempo, posto che le notizie vere sono tutte piuttosto brutte, vi invito a fare se non una risata almeno un sorriso leggendo quello che Romana Vulneratus Curia ha saputo nei suoi colloqui riservati con gli spioni virtuali delle ipotesi di revisione della dottrina cattolica ….

Le sette opere di misericordia corporale erano:

– dar da mangiare agli affamati

– dar da bere agli assetati

– vestire gli ignudi

– alloggiare i pellegrini

– curare gli infermi

– visitare i carcerati

– seppellire i defunti

Le nuove sette opere di misericordia corporale potrebbero ridursi a solo cinque:

– dar da mangiare, bere   e fare l’elemosina agli zingari

– alloggiare, vestire e far lavorare gli immigrati

– curare gli infermi, immigrati giovani e forti. Abbandonare le cure per gli “incurabili” vecchi o neonati.

– liberare i carcerati, tranne quelli detenuti per reati contro l’ambiente e ostacolo alla immigrazione

– cremare i defunti anziché seppellirli, affinché non si inquini il sottosuolo.



Questo blog è il seguito naturale di San Pietro e Dintorni, presente su “La Stampa”.  Per chi fosse interessato al lavoro già svolto, ecco il link a San Pietro e Dintorni.

Se volete ricevere i nuovi articoli del blog, scrivete la vostra mail nella finestra a fianco.

L’articolo vi ha interessato? Condividetelo, se volete, sui social network, usando gli strumenti qui sotto.

Se invece volete aiutare sacerdoti “scomodi” in difficoltà, qui trovate il sito della Società di San Martino di Tours e di San Pio di Pietrelcina.

43 pensieri su “RVC: LE SETTE OPERE DI MISERICORDIA CORPORALE DIVENTERANNO CINQUE. E MOLTO ECOLOGICHE E MIGRANTISTE.”

  1. (si Nonprevalebunt: tutto chiaro, grazie!)

    Aggiornamento sulla vicenda di Paravati: come era prevedibile ora alla guida della Fondazione Natuzza c’è un massone (ed il Vescovo, facendo leva sullo stranissimo Motu Proprio dell’11 luglio, ha proibito tutto e fatto fuiori due Sacerdoti già direttori spirituali della Serva di Dio).

    Applausi alla “nuova chiesa”.
    Ma arriva il Giudizio di Dio.
    Ed il castigo.

    1. Gentilissimo Cosimo, il diavolo fa le pentole ma non i coperchi e i nodi vengono sempre al pettine, sempre più persone si stanno SVEGLIANDO, perfino nella mia regione, parecchio modernista e bergogliOna, in alcuni incontri di Preghiera in Chiesa, collaboratori e diaconi da cui mai l’avrei immaginato, stanno distribuendo fotocopie di brani del libro ” non è Francesco” a sostegno del Santo Padre Benedetto XVI e della Sua preoccupazione per la barca della Santa Chiesa che sta vacillando. Le forze cupe, oscure, ambigue non possono resistere a lungo, la Verità viene sempre a galla….NON PREVARRANNO!!!!

  2. Caro “Nonprevalebunt” è vero ciò che scrivi:
    personalmente ho sentito il bisogno di intervenire poichè mi è parso grave quanto è accaduto in una Diocesi del sud.

    Sennò avrei continuato ad osservare il silenzio e rispettare le ferie tosattiane (che però, MI PARE, non ha “proibito” di scrivere).

    Ad ogni modo: http://cosimodematteis.over-blog.it/2017/08/attacco-a-natuzza-la-nuova-chiesa-fa-le-prove-generali-di-regime.noi-rassicuriamo-i-preti-anziani-e-un-nostro-dovere.html

  3. Penosi miseri falsi bergogliosi, vigliacchi come il vostro kapo argentino, approfittate per infangare in assenza del “padrone di casa” proprio come i ladri e come colui che con la falsità e traffici oscuri ha okkupato il fortino di santa Marta, non potendo stare in vaticano perché non è papa. Vigliacchi bergogliosi.

  4. In una Diocesi italiana viene ampiamente citato e vengono riportati passi del recente Motu Proprio:
    “Faccio rilevare, infine, l’obbligo di attenersi “sub gravi” alle disposizioni emanate da Papa
    Francesco nel recente Motu proprio “Maiorem ac dilectionem” (11 luglio 2017) in cui, all’art. 36, è
    stabilito quanto appresso: “Sono proibite nelle chiese le celebrazioni di qualunque genere o i
    panegirici sui Servi di Dio, la cui santità di vita è tuttora soggetta a legittimo esame. Ma anche fuori
    della chiesa bisogna astenersi da quegli atti che potrebbero indurre i fedeli a ritenere a torto che
    l’inchiesta, fatta dal vescovo sulla vita e sulle virtù, sul martirio o sull’offerta della vita del Servo di
    Dio, comporti certezza della futura canonizzazione dello stesso Servo di Dio”.

    Quel Motu Proprio, parso sospetto a molti (o, quanto meno, “inutile”) e che ha destato perplessità anche agli specialisti, ora svela la sua “essenza” ed i suoi reali obiettivi?

    Non lo sappiamo.
    Di certo in Calabria (e non solo) sono furiosi.

  5. La questione della cremazione (oramai diffusa anche tra i cattolici praticanti!) non è da trascurare.
    Ricordo che in un messalino festivo (credo il piu diffuso nelle chiese italiane) c’era un vero e proprio “spot” per questa orrenda pratica.
    Orrenda.

  6. Sante Vacanze a tutti, ma con una proposta, nata, dopo aver ascoltato il Vangelo di stamattina e l’omelia del Sacerdote.
    Il Vangelo di Gesù Cristo secondo Matteo 13,31-35, di oggi:
    In quel tempo, Gesù espose alla folla un’altra parabola: «Il regno dei cieli si può paragonare a un granellino di senapa, che un uomo prende e semina nel suo campo.
    Esso è il più piccolo di tutti i semi ma, una volta cresciuto, è più grande degli altri legumi e diventa un albero, tanto che vengono gli uccelli del cielo e si annidano fra i suoi rami». In quel seme, in ogni buon seme, dice il Sacerdote, c’è l’inizio potente, in un piccolo seme c’è tutta la potenza di vita che lo farà germogliare. Piccolo seme, come piccolo resto,ma per piccolo che sia, può produrre tanto bene, se cade nel terreno buono. Qui, in questo blog, penso ci sia quel terreno. Ecco la proposta, se la riterrete degna di attenzione: ognuno conosce dei buoni Sacerdoti, dei luoghi dove si celebra una S.Messa N.O. o V.O. Valida, ma molti fratelli sono soli.
    Qualcuno, di questo blog, potrebbe raccogliere i dati, di chi interessato vorrà fornirli e poi, col tempo, organizzare anche incontri di preghiera, di formazione spirituale e ………tutto ciò che ancora di buono potremo fare? Potrei così incontrarvi e conoscerci personalmente e ringraziarvi Tutti!

  7. La pace nel cuore a tutti, a chi va in vacanza e a chi rimane. Ringraziamo Dio per ogni giorno che ci dona, cercando di camminare secondo la Sua Parola, come ci è stato insegnato.

  8. Ci sono anch’io per augurarle di cuore buon riposo, davvero meritato! Stacchi la spina e si goda ciò che il Signore ha preparato per lei, anche se tutti credono di essere loro stessi a programmarsi le vacanze, noi credenti invece sappiamo bene che se viviamo il riposo con la fede in Gesù, questo riposo sarà assicurato.
    Dio la benedica e le dia serenità e gioia con chi ama. Saluti a dopo le vacanze! 🙂

  9. Buone vacanze al “padrone di casa” ed ai suoi “ospiti” che vacanza faranno.
    Ed ancora: i miei più cari saluti per coloro che tra i frequentatori del blog, purtroppo, in vacanza non possono andarci.
    Per voi, tutta la mia solidarietà.

  10. Consiglio a tutti di trascorrere qualche giorno presso qualche eremo, o presso qualche comunità monastica benedettina francese.
    Qualche anno fa ho trascorso una settimana presso l’Abbazia benedettina di Solesmes.
    Mi sono ritemprato spiritualmente: silenzio, preghiera, ascolto dei canti gregoriani!
    A tutti buone vacanze!

  11. Un cordiale grazie e a presto, gentile dott. Tosatti. Ritemprati nel corpo e nello spirito, ci ritroveremo pronti e ancor più forti ai nostri posti di combattimento contro il Male che imperversa nel mondo attaccando perfino la Chiesa di Cristo Signore. Non affonderemo, Gesù non dorme, la tempesta sarà presto sedata e la gioia sarà nei nostri cuori di fedeli vincitori figli di Dio.
    SIA LODATO GESÙ CRISTO!

  12. Che razza di opera di misericordia è “far lavorare” ? Ma scherziamo ? Lavorare stanca.

  13. Grazie di tutto e buona vacanza Direttore. Si ritempri in vista delle prossime battaglie che noi avremo l’onore di combattere con Lei quali strenui difensori della Verità.
    Cristo regni!

  14. Don Francesco Maria Putti Fondatore della rivista “Si si, no no” ebbe a dire, a proposito della gerarchia cattolica neomodernista “sono tutti delinquenti”

    «Una sinistra commedia di tremila buoni a niente». Di cui la maggior parte, sebbene porti la croce d’oro sul petto non crede né alla Trinità né alla Vergine: il “pesante” e profetico j’accuse del 1964 di monsignor Romeo, riferito all’assise del C.V. II allora in corso.

    1. Grazie per la segnalazione di un altro giusto che ha lottato per il bene della Chiesa. Non conoscevo don Francesco Maria Putti e la sua storia, oggi mi sono documentato. Tra i suoi meriti è riuscito a far condannare in Tribunale per la prima (e forse finora unica) volta l’Osservatore Romano per “aggressione scritta, immotivata e animosa, esercitata soltanto per ferire la reputazione” della rivista SìSiNoNo.

      http://www.lepaginedidoncamillo.blogspot.it/p/quando-losservatore-romano-venne.html

    2. Nella politica esistono i colpi di stato, il CVII ha portato come conseguenza un colpo di mano, ad opera di pochi manigoldi i quali, passando sulla testa dell’assemblea conciliare, e di tutti i fedeli che in concomitanza con i lavori del Concilio avevano pregato e invocato l’intervento dello Spirito Santo, ha manomesso la Liturgia per rendere la Santa Messa il più possibile “protestant-friendly”. Un lavoro da carbonari che non è ancora arrivato a conclusione. Questo sta emergendo in modo sempre più chiaro. I risultati disastrosi sono sotto gli occhi di tutti.

  15. Buone vacanze carissimo padrone di casa! Spero che vecchi e nuovi bergogliosi non ne approfittino per affossare nuovamente il blog. Piuttosto che lasciar loro mano libera per sette giorni, suggerirei di chiudere i commenti per questo periodo.

  16. Non si preoccupi se la assalgono, un esercito ben equipaggiato ed agguerrito come il suo non ce l’ha nessuno, vero ragazzi?
    Buone vacanze anche da parte mia.

    1. Buone Vacanze davvero di cuore a lei e Famiglia. Oggi ho ricordato anche lei nell’intensissima Santa Messa in Rito “ultra Antico” a cui ho avuto la Grazia di partecipare. Grazie di tutto Direttore, Torni presto e che La Vergine Maria vi Protegga!

  17. caro tosatti buone ferie, con tutta la fatica sovrumana ke stà di sicuro facendo x tenere in piedi questo sito contro l’odio e la rabbia dei misericordiosi. ha visto ke i turiferarionzi leccacalzinazzari oggi se la sono presa con la bussola quotidiana, attakkeranno anke lei, le voci libere ke non si vendono danno sempre fastidio.
    se va in makkina la faccia controllare da un’autofficina di sua fiducia, ke le guardie della rivoluzione potrebbero staccarle i freni ma sono tanto misericordiosi
    e attento se in vacanza qualke sconosciuto le offre un caffè potrebbero voler avvelenare anke lei
    baciozzi ke Dio la benedica e la protegga

  18. Una nuova opera di misericordia “corporale”:
    far cambiare sesso o gender a chi lo desideri,compresi minorenni.

        1. Ma io vorrei non lenzuolare, è che su certi argomenti è difficile.

          E comunque non mi ritengo buono, per il semplice motivo che “nessuno è buono, se non uno solo, Dio” (Lc 18,19).

          P.s: comunque “questa è cattiva” era riferito alla battuta, qualora non fosse chiaro, non alla persona Maria Cristina.

  19. Quante e quali che siano tali opere di misericordia corporale, una piccola notaa margine dovrebbe specificare che esse si intendano come assolutamente ineseguibili entro le mura vaticane.
    Costruire ponti ma lasciando ben alte e solide le “sacre” mura vaticane!

I commenti sono chiusi.