È DOMENICA E RITORNA ROMANA VULNERATUS CURIA. RVC PER GLI AMICI. CON NUOVE INDISCREZIONI SUI GESUITI.

Marco Tosatti

Cari amici, è tornato a scrivermi il misterioso informatore delle cose vaticane più segrete, Romana Vulneratus Curia. Il buon RVC ha mantenuto la sua promessa. Come ricorderete aveva scritto domenica scorsa:

“Mi è stato confidato da un ‘insider’ che un gruppetto di teologi gesuiti sta studiando i grandi cambiamenti necessari al nuovo Catechismo. Per ora mi ha solo fatto sapere quelli riferiti ai Precetti generali della Chiesa, ma si è impegnato a anticiparmi le proposte che verranno sottoposte al Vertice nei prossimi tempi”.

Ieri abbiamo ricevuto altre indiscrezioni sul futuro dei credenti cattolici. Eccole.

“Fino a poco tempo fa il Catechismo della dottrina cristiana spiegava che i quattro peccati che” gridano vendetta a Dio “ erano: 1°-Omicidio volontario.2°-Peccato impuro contro natura- 3°-Oppressione dei poveri. 4°-Frode nella mercede agli operai.

Ora , le nuove direttive della chiesa rahneriana imperante vedono nella dottrina una astrattezza ,se non persino un abuso. Ciò perché   la chiesa non deve più sentire il diritto/dovere di influenzare moralmente come costruire la società , essendo stato eliminato il diritto naturale e la legge morale. In più ,poiché la chiesa sembra aver deciso di prescindere dalla dottrina ( che l’aveva allontanata dal mondo) ed occuparsi solo di prassi ( che la riconcilia con il mondo) , si deve interrompere l’attitudine a giudicare e condannare , si deve solo comprendere, scusare , accogliere .Soprattutto si deve smettere di occuparsi di peccati contro natura e di purezza. Perciò il nostro team di studiosi evoluzionisti sta probabilmente proponendo al Santo Padre la seguente proposta di revisione dei peccati che “gridano vendetta a Dio” :

1°- omicidio volontario di insetti , anche se infastidenti ( incluse le zanzare con lo zampirone ) e inquinamento delle fognature   con troppo frequenti abluzioni.

2°-peccato impuro contro natura è avere un rapporto sessuale con la propria moglie orientato a generare figli , se la coppia ne ha già due.

3°-temere gli immigrati e non contribuire con le proprie risorse personali alla loro accoglienza.

4°-frode alla CEI negandole l’8per mille indispensabile per sostenere l’accoglienza immigrati e ripulire le fognature .

Nella prossima puntata vi racconterò quelli che mi dicono essere i cambiamenti previsti per i sei peccati contro lo Spirito Santo. “


Potite leggere l’articolo in spagnolo a questo link:  http://comovaradealmendro.es/2017/06/nuevos-rumores-sobre-los-jesuitas-este-domingo-regresa-informando-rvc-para-los-amigos/

 

 


Questo blog è il seguito naturale di San Pietro e Dintorni, presente su “La Stampa”.  Per chi fosse interessato al lavoro già svolto, ecco il link a San Pietro e Dintorni.

Se volete ricevere i nuovi articoli del blog, scrivete la vostra mail nella finestra a fianco.

L’articolo vi ha interessato? Condividetelo, se volete, sui social network, usando gli strumenti qui sotto.

Se invece volete aiutare sacerdoti “scomodi” in difficoltà, qui trovate il sito della Società di San Martino di Tours e di San Pio di Pietrelcina.

65 pensieri su “È DOMENICA E RITORNA ROMANA VULNERATUS CURIA. RVC PER GLI AMICI. CON NUOVE INDISCREZIONI SUI GESUITI.”

  1. @Acchiappaladri

    #Mi sfugge la logica di ritenere che Tizio abbia davvero parlato con Maria, o Gesù o un suo santo inviato, ritenendo però che in linea di principio non sia vero quello che Tizio riferisce come messaggio soprannaturale ricevuto 😉
    Sembra quasi che il criterio di scelta dei veggenti usato dall’Onnipotente sia di selezionare degli smemorati contaballe, che però sono sinceri quando dicono di avere avuto un’esperienza soprannaturale.
    Chissà, prima o poi qualche altissimo prelato riuscirà a farmi capire perché i miracoli che sono stati ritenuti dalla Chiesa veri e utili a provare la realtà della apparizione al veggente Tizio, non siano anche ritenuti sufficienti a provare la verità dei messaggi trasmessi tramite il veggente Tizio (sopratutto quando sono messaggi di rimprovero al clero)#

    Questo è un problema che si è presentato più volte nella Chiesa, in duemila anni: da un lato abbiamo mistici di cui la Chiesa ha riconosciuto la santità, e dall’altro lato quella stessa Chiesa ha rifiutato – se non sbeffeggiato – gli insegnamenti di questi Santi e Sante. Prima li hanno perseguitati e dopo, anche a “santità riconosciuta”, hanno continuato a perseguitarli, cioè a boicottarli.

    Il motivo di questa apparente schizofrenia è ben chiaro, e sta proprio nel fatto che Iddio, nelle vere rivelazioni private, non può certo tacere circa le magagne che deturpano il volto della Santa Chiesa.

    Dio non tace… ma molti prelati e prelatoni non vogliono essere richiamati: peccano e continuano a peccare, perché amano il peccato. Di qui la persecuzione – più o meno esplicita – verso le vere anime mistiche.

    E così i profondi insegnamenti che Iddio ha elargito a tali anime, a pro di tutta la Chiesa, vengono silenziati: è meglio, è molto più comodo seguire le elucubrazioni dei teologoni di turno i quali, a furia di spostare i paletti della verità oggettiva e della Dottrina, arrivano nella pratica a giustificare ogni peccato.

    I grandi mistici (Giovanni della Croce, Teresa d’Avila, Caterina da Siena, Padre Pio, Faustina…) sono stati invariabilmente perseguitati, così come, prima di Cristo, vennero perseguitati i Profeti, che richiamavano il popolo e la casta sacerdotale alla verità e alla giustizia e all’espiazione delle proprie colpe. E li richiamavano proprio tramite quegli “annunci di sventura” che la Chiesa attuale (specie dal Vaticano II in poi) vede come il fumo negli occhi.

    Ma fin dall’antichità i veri Profeti _non_ erano coloro che annunciavano cose piacevoli: anzi, chi annunciava tali cose, lo faceva per piacere agli uomini, e trarne vantaggio.

    Un vero profeta, un vero mistico, che “vede” nella Luce di Dio, non può certo tacere in merito alle magagne della Chiesa, e fa propria la “spada santa della Verità”, quella stessa spada che Cristo disse chiaramente essere venuto a portare sulla terra: “Non sono venuto a portare la pace, bensì la spada”.

    La spada di Cristo è divisiva, perché la Verità è divisiva: Cristo annuncia la Verità, ossia Sé stesso, e da ciò consegue la divisione: fra chi in Lui crede e chi Lo rifiuta.

    “Egli è qui per la rovina e la risurrezione di molti in Israele, segno di contraddizione perché siano svelati i pensieri di molti cuori” [Lc 2,34-35].

    La parte marcia della Chiesa, che più o meno apertamente rifiuta Cristo, mai potrà accogliere ed accettare gli insegnamenti delle vere anime mistiche: è molto più comodo continuare a seguire la via larga del Male.

    ***
    Mt 10,34
    Non crediate che Io sia venuto a portare pace sulla terra; non sono venuto a portare pace, ma una spada.

    Eb 4,12
    Infatti la Parola di Dio è viva, efficace e più tagliente di ogni spada a doppio taglio; essa penetra fino al punto di divisione dell’anima e dello spirito, delle giunture e delle midolla e scruta i sentimenti e i pensieri del cuore.

    Ap 1,16
    Nella destra teneva sette stelle, dalla bocca gli usciva una spada affilata a doppio taglio e il suo volto somigliava al sole quando splende in tutta la sua forza.

    Ap 2,16
    Ravvediti dunque; altrimenti verrò presto da te e combatterò contro di loro con la spada della mia bocca.

    Ap 19,15
    Dalla bocca gli esce una spada affilata per colpire con essa le genti. Egli le governerà con scettro di ferro e pigerà nel tino il vino dell’ira furiosa del Dio onnipotente.

    ***
    Ohibò! “… ira furiosa del Dio onnipotente”!

    Ma Dio non è forse “misericordia che tutto comprende e tutto perdona”?

    Magari Galantino, dopo aver “salvato” Sodoma e Gomorra, potrà applicarsi a cancellare i passi della Bibbia che, come quello di cui sopra, mostrano che Dio non è solo Misericordia infinita, ma anche perfetta Giustizia.

    1. Infatti: nel nuovo corso della chiesa bergogliana, si vuol più realista del re, ovvero più cristiana di Cristo, più​ misericordiosa di Dio..

      Quanta umiltà questa Chiesa bergogliana.
      Talmente tanta che vien quasi da chiedersi:
      non sarà troppa?

  2. Non mi impegno formalmente sui primi 3, ma quanto al quarto, Galantino stia sicuro, l’ho commesso e intendo commetterlo: niente più 8 per mille.

  3. Quando parlo di dottrina mi riferisco a quella che S. Paolo chiama sana dottrina, quindi non a idee ma a fatti.
    L’Incarnazione , Dio che è entrato nel tempo è un fatto.
    La Comunione dei Santi che professiamo nel Credo Apostolico è un fatto, come sono un fatto le parole di Gesù predicate nella sana dottrina sulla necessaria unità dei figli di Dio perché il mondo creda.
    Come è un fatto il dono del Santo Spirito per condurci alla Verità tutta intera.
    Come dice lo stesso Muller, la Congrgazione per la (sana) dottrina della Fede era garanzia di unità, sminuirne il compito, come mi sembra stia avvenendo, è uno dei moltissimi esempi dello smantellamento in atto che sta portando nella Chiesa il relativismo.

  4. Dogmi, cioè verità non dimostrabili a cui si crede per fede in Dio e rivelate da Dio stesso alla sua Chiesa, cioè la Chiesa Una, Santa, Cattolica, Apostolica.

    DOGMA: Dio è uno e trino.

    DOGMA: Gesù Cristo è il Figlio unigenito di Dio, generato ma non creato consustanziale al Padre.

    DOGMA: Maria è Madre di Dio.

    DOGMA: Gesù Cristo è vero Dio e vero uomo.

    DOGMA: Maria è sempre vergine.

    DOGMA: Il purgatorio esiste.

    DOGMA: Transustanziazione
    E’ la conversione del pane e del vino nel corpo e nel sangue di Cristo.

    DOGMA: Immacolata concezione.

    DOGMA: Infallibilità papale quando parla ex cathedra.

    DOGMA: Assunzione di Maria.

    Dogmi Francescani, cioè postulati non dimostrabili a cui si crede per fede in Francesco e rivelati da Francesco stesso alla sua Chiesa, cioè la Chiesa Fatta a Pezzi, Credibile, Protestante, Ecumenica.

    – il tempo è superiore allo spazio;
    – l’unità prevale sul conflitto;
    – la realtà è più importante dell’idea;
    – il tutto è superiore alla parte.

  5. Mi scuso ma il commento avrebbe dovuto andare sul post dell’intervista a Don Nicola Bux.
    Rispetto a questo post, il problema è sempre quello che la prassi vale più della dottrina, che punto su punto viene smantellata, e anche le ultime dichiarazioni del Card. Muller, intervista che ho letto nel suo resoconto Tosatti, purtroppo sono da annoverare come uno dei punti di vista personali di un Cardinale.
    La Congregazione per la Dottrina della Fede non conta più nulla o quasi, almeno fino alle prossime nomine che porteranno anche lì finalmente aria di ” primavera ” in ” linea” con il nuovo governo della S. Chiesa.

  6. Dogmi, cioè verità non dimostrabili a cui si crede per fede in Dio e rivelate da Dio stesso alla sua Chiesa, cioè la Chiesa Una, Santa, Cattolica, Apostolica.

    DOGMA: Dio è uno e trino.

    DOGMA: Gesù Cristo è il Figlio unigenito di Dio, generato ma non creato consustanziale al Padre.

    DOGMA: Maria è Madre di Dio.

    DOGMA: Gesù Cristo è vero Dio e vero uomo.

    DOGMA: Maria è sempre vergine.

    DOGMA: Il purgatorio esiste.

    DOGMA: Transustanziazione
    E’ la conversione del pane e del vino nel corpo e nel sangue di Cristo.

    DOGMA: Immacolata concezione.

    DOGMA: Infallibilità papale quando parla ex cathedra.

    DOGMA: Assunzione di Maria.

    Dogmi Francescani, cioè postulati non dimostrabili a cui si crede per fede in Francesco e rivelatei da Francesco stesso alla sua Chiesa, cioè la Chiesa Fatta a Pezzi, Credibile, Protestante, Ecumenica.

    – il tempo è superiore allo spazio;
    – l’unità prevale sul conflitto;
    – la realtà è più importante dell’idea;
    – il tutto è superiore alla parte.

    1. Se non erro, il contrario di ‘conflitto’ è ‘pace’, non unità, il cui contrario è, invece ‘molteplicità’ o ‘pluralità’. E poi, come si fa a dire che la realtà è superiore all’idea? Forse che Jorge Mario Bergoglio si è fatto gesuita prima di pensarci?
      Ormai parliamo anche lingue diverse. Come si può comunicare in questo modo?

      1. Infatti non si comunica,
        questa è una dittatura guidata da postulati filosofici,
        non la Chiesa di Dio, guidata dai suoi Comandamenti!

      2. Beh, c’è un po’ di confusione….
        ….è stato Cartesio il primo a fare danni in questo senso, col suo “Cogito ergo sum”… è proprio da questo assioma che nasce l’ideologia… il primato dell’idea sulla realtà.
        Il cristianesimo ha sempre privilegiato la realtà: un sano realismo (che non vuol dire che tutto quello che si fa (quindi è reale) è necessariamente giusto) è sempre stato un punto di forza del pensiero cristiano. Ora che siamo in tempi “ideologici” (purtroppo anche per la chiesa), ovvero di prevalenza dell’idea sulla realtà, lo strapotere del relativismo (dicasi dittatura del relativismo, vedi pp. BXVI) è evidente a tutti…

        1. Non c’è nessuna confusione, la Chiesa è teologica, cioè segue con la mente, il cuore e le gambe, il suo Signore, ciò che Egli ha rivelato nella sua persona, nella sua parola, nella creazione.
          Invece Francesco è salito al soglio Pontificio con dei postulati filosofici, quindi non rivelati, e ad essi adatta il Vangelo.
          È un ideologia, non una sequela di Cristo.

          1. Antonio, non mi riferivo a quanto detto da lei, ma volevo fare una precisazione su quanto scritto da Nemo, perchè mi sembrava che involontariamente stesse dando ragione all’ideologia: (“…come si fa a dire che la realtà è superiore all’idea?…”).
            Bisogna innanzitutto intendersi su cosa si vuole dire: il concetto che l’idea sia superiore alla realtà è alla base dell’ideologia, tutto qui.
            E che Francesco faccia quello che lei ha scritto sopra, è un dato fuori discussione.

          2. @Antonio Radeghieri

            Io ci andrei molto prudente ad usare il termine “filosofia”, almeno nella accezione classica di disciplina SCIENTIFICA (mica ci sono solo le scienze naturali!).

            In tanti degli sproloqui sparsi urbi ed orbi ci si possono trovare un sacco di buone intenzioni, tanta propaganda, tanta politica, tanta ideologia per interpretare l’universo secondo la moda del momento:
            di rigore logico di una ricerca del sapere che parta da pochi postulati chiaramente definiti se ne trova pochino 😉

  7. Quindi, non so se ho capito bene , ma coloro che si scagliano con veemenza contro il peccato della corruzione e poi redigono o fanno redigere un questionario dove si parla di difesa della vita fin dalla nascita, omettendo di dire che la S.Chiesa difende la vita fin dal concepimento, come se l’aborto non fosse più peccato, sono da annoverare tra i moralisti, però loro con l’attenuante che sono al passo con i tempi, perché pastoralmente misericordiosi in quanto la prassi vale più che la dottrina.

  8. Le ultime di RVC, possono suscitare , seppure a denti stretti, una certa ilarità; ma i tempi sono quelli che sono: vissuti in un crescente disagio e smarrimento , in conseguenza dell’assordante silenzio dei tanti episcopati nazionali e mondiali . Si è tentati di pensare che quanto riporta RVC, possa trattarsi di un oscuro messaggio cifrato, per i più illuminati, di difficile chiave di lettura. Certamente, il lavoro propedeico di questo “gruppo di teologi gesuiti”, si presenta in perfetta linea con l’attuale pensiero rahneriano- bergogliano. C’è tanta ideologia di ispirazione post new age, grazie agli stretti rapporti con Green Peace, e dove : l’ideologia di”Planet earth first” gode di buona stampa oltre le mure vaticane. Le Sacre Scritture e il vero Magistero Ecclesiale, sono ormai: “out of date”. Cioè non più in linea con i tempi. Miserere nos Domine!
    SIA LODATO GESÙ CRISTO!

          1. Grazie Nemo per la precisazione, non fidandomi dei miei ricordi scolastici ho solo riportato dal commento precedente. Buona giornata e Sia Lodato Gesù Cristo.

    1. @SULCITANO : dotta disquisizione, peccato se è scivolato su ….propedeico qualche scherzetto ci può stare se la tastiera ogni tanto lo fa ! Non me ne abbia perché l’inglese non le fa difetto e qualcosa di tale lingua è sempre meglio infarcirla per darlo ad intendere.

  9. Però siamo ancora lì a guardare il dito anziché la luna, non c’è niente da sottoporre a nessuno. RVC “essendo stato eliminato il diritto naturale e la legge morale”;
    AL 305 “«La legge naturale non può dunque essere presentata come un insieme già costituito di regole che si impongono a priori al soggetto morale, ma è una FONTE DI ISPIRAZIONE oggettiva per il suo processo, EMINENTEMENTE PERSONALE, di presa di decisione». Capito? Non mi va di fare lenzuolate ma il resto consegue, come la promozione del pensiero femminista gender al 286 per chi sa leggere. E le premesse stavano già in Evangelii Gaudium TUTTE, a partire dalla rinuncia ad un linguaggio ORTODOSSO sennò, diceva sua santità, le gente non ci capisce. Scritto nero su bianco. Non un linguaggio che ne so io tecnico ? Complicato? No no proprio ortodosso. Quello adatto a farci stare dentro contenuti con un costrutto logico. Vabbè ho fatto la lenzuolata, scusate. Buona domenica.

    1. @Diana

      scusi, non mi è chiaro dove vuole arrivare… vuole forse dire che è inutile che stiamo tanto a piangere, o a fare della fanta-ironia, perchè il programma di Francesco (vedi Evangelii Gaudium) proprio qui vuole arrivare ?
      Se cosi’ è, cio’ è esattamente quello che tutti noi (rigidi + altri 200 epiteti vari), nei modi e nelle circostanze piu’ diverse, stiamo cercando di dire da quattro anni a questa parte.

      1. Io nn ho mai dato del rigido a nessuno, è nell’articolo che si dice che certe idee andrebbero sottoposte al papa quando sono già farina del suo sacco.

        1. @ Diana
          ho capito dunque il suo commento, assolutamente condivisibile.
          … con “rigidi” o altro, intendevo solo la categoria di fedeli (io e lei inclusi) refrattari al “nuovo corso” …

  10. «Nel cattolicesimo c’è un pensiero non cattolico che potrà divenire il più forte, ma non sarà mai quello della Chiesa»

    Papa Paolo VI

    Detto questo, detto tutto….

  11. QUANTO CATASTROFISMO SOMMERGE LE POCHE MA CONFUSE IDEE DI MOLTI PARTECIPANTI A QUESTI COMMENTI.
    NEMMENO IL NOTO E CELEBRATISSIMO SOCCI ARRIVA A TANTO ED È TUTTO DIRE.

    1. Anche la Santissima Vergine, sia a La salette che a Fatima, ha avuto espressioni di ‘catastrofismo’….avrà avuto sicuramente poche idee ma confuse Lei pure!

      1. @M.G.
        vedo solo ora: efficace!

        Vero che molte delle rivelazioni private (in apparizioni o locuzioni riconosciute soprannaturali) sono enormemente più catastrofiche di quello che scrivono qui i lettori più pessimisti 😉

        Ma almeno da un paio di secoli in Vaticano va molto di moda RICONOSCERE LE APPARIZIONI (un po’ meno dalla II GM in poi) e DISCONOSCERE LE RIVELAZIONI fornite alla Chiesa Militante in quelle apparizioni.

        Mi sfugge la logica di ritenere che Tizio abbia davvero parlato con Maria, o Gesù o un suo santo inviato, ritenendo però che in linea di principio non sia vero quello che Tizio riferisce come messaggio soprannaturale ricevuto 😉
        Sembra quasi che il criterio di scelta dei veggenti usato dall’Onnipotente sia di selezionare degli smemorati contaballe, che però sono sinceri quando dicono di avere avuto un’esperienza soprannaturale.

        Chissà, prima o poi qualche altissimo prelato riuscirà a farmi capire perché i miracoli che sono stati ritenuti dalla Chiesa veri e utili a provare la realtà della apparizione al veggente Tizio, non siano anche ritenuti sufficienti a provare la verità dei messaggi trasmessi tramite il veggente Tizio (sopratutto quando sono messaggi di rimprovero al clero).

        Anche papi santi, anche nel XIX secolo, hanno ritenuto di saperne più loro della Madonna … tanto non c’erano i registratori e come si fa a sapere che la Madonna abbia detto proprio quello al veggente??? 😉 😀

    2. Klaus caro.. idee confuse le avrai tu.. mi chiedo: preghi tu?quando vai a messa? Ascolti veramente quello che dicono? .. rifletti e leggi la bibbia?.. ciao e buon proseguimento

      1. Grazie carissima Maria Luisa, per la chiarezza E il garbo e….hai ragione, non nuova chiesa ma NON chiesa…..al massimo una ong o peggio og…..Sia Lodato Gesù Cristo.

  12. Già, noi stiamo qui a scherzare ma il pericolo serio c’è, e non solo che vengano cambiati i pilastri dottrinali del Cattolicesimo (che, ricordiamolo ad usum Raphaeli et Francisci, è l’unica vera religione); ma anche l’essenza stessa, ossia l’eucaristia, se è vero che stanno segretamente studiando il modo di eliminare la Presenza Reale. Gesù stesso ci verrebbe negato. Tutto crollerebbe. Scusate, ma è domenica e non ho voglia di scherzare.

    1. Caro Alessandro 2 chi ha a cuore la Santa Chiesa e ha fatto un Percorso difficile doloroso e profondo non ha davvero voglia di scherzare. A chi della Santa Chiesa non gliene frega niente oppure addirittura la combatte e la avversa è ovvio che sembriamo catastrofisti e fuori dal mondo….siamo solo coerenti e attenti invece. Non farmi incantare dalle sirene del mondo è il mio impegno quotidiano. Comunque posso capire commenti un po’ ironici o saccenti su di noi, una volta da agnostica ero così è ringrazio solo lo Spirito Santo che mi ha Mostrato un’Altra Strada.

  13. Ignorando i maleducati di cui purtroppo causa sono i genitori, di fatto ciò che il buon RVC scrive con amara ironia è esattamente quello che, con ambigua inquietante subdola ambiguità la nuova “chiesa”, astutamente invasa da anni e anni con nomine di provenienza massonica arrivate ora al vertice, sta preparando per i suoi fedeli meno attenti o distratti. Ci è stato però promesso che”non prevarranno” Preghiamo per questo. Sia Lodato Gesù Cristo.

    1. Un banalissimo traduttore on-line è più che sufficiente (copia-incolla), visto il tempo che dedica a questo blog e chissà che altro, basterebbe x non essere superficiali

      1. Grazie per l’ sua “dolcezza” Lidia, lasciamo perdere sul copia in colla, le prometto che la prima Domenica libera mi impegnerò…… anche ad imparare da lei e dalle sue notevoli abilità ad ottimizzare il tempo…… peccato che ognuno sa del suo. Sia Lodato Gesù Cristo.

      2. @Lidia

        solo per ricordare che il nostro amico spagnolo ci aveva provato con buona volontà ma il risultato era un italiano che non riusciva a rendere con chiarezza quello che lui voleva dire.

        Mi permisi di farglielo presente e allora lasciò i commenti in lingua originale.
        Qualche cosina qualunque italiano riesce a capirlo in un testo spagnolo: chi pensa di essere interessato potrà approfondire con i traduttori, se no si passa ad altro.

  14. Sr. Marco Tosatti, como le aprecio, le pido abandone el camino de los rumores y cotilleos, a no ser que quiera confundir a los lectores o esté pensando en cerrar su blog.
    Hoy más que nunca necesitamos de la información basada en la verdad con pruebas y todo lo restante sobra para no confundir al personal, que para confusión ya está Francisco el profetizado “pastor necio y falso profeta” Zacarías y Apocalipsis.
    Saluti.

    1. Sono d’accordissimo con il sig. Angel Manuel. E’ già più che sufficiente il gran caos vigente e insinuare informazioni tanto inverosimili fa solo un gran male a tutti. Non voglio mettere in dubbio l’onestà della sua “talpa”, ma chi come tutti noi non la conosce direttamente… Sembra fantascienza o fantateologia.

        1. María Luisa:
          1º. San Ignacio de Loyola fue un presbítero que no quería que los miembros de su Compañía -como san Francisco de Asís, santo Domingo de Guzmán, etc.,.- aspirasen a obispados.
          2º. El jesuita Jorge Mario Bergoglio Sívori ese aviso se lo pasó por su mundana entrepierna, porque él se cree más que su Santo fundador.
          3º. Sabemos que este tal Jorge Mario nunca quiso ser bombero, porque ni le gustaba ni se preparó para ello ni se presentó a ninguna oposición; pero si sabemos que quiso ser obispo auxiliar, arzobispo, cardenal, y presentarse dos veces para Papa, en la primera quedó segundo destacado y en la segunda primero; luego cuando afirmó, “yo no quería ser Papa”… ¡mintió!
          4º. El 13 de octubre del 2013 cometió una impostura religiosa, porque no hizo ninguna “consagración al Mundo”, como se había anunciado a los cuatro vientos.
          5º. Se ha pasado por su mundana entrepierna lo dicho por el Señor: “vete y no peques más”. Pero como Jorge Mario es más bueno, misericordioso y discierne más que el Señor y ordena y permite a los que están en pecado mortal: “vete a comulgar”.
          6º. El Evangelio nos dice que “María guardaba todas las cosas en su corazón”, pero tuvo que venir este Jorge Mario que sabe más que nadie a decirnos que él si sabía lo que pensaba y decía la Madre de Dios, y con dos herejías nos presentó a la Madre de Dios como una mujerzuela histérica llamando mentiroso a Dios:
          20 de diciembre del 2013 y 29 de mayo del 2015.
          7º. Este Jorge Mario nunca se arrodilla ni 8 escasos segundos -4 más 4- durante la Consagración: no sé si es debido a un pacto con Satanás -“todo esto te daré si no le adoras”-, pero lo que si creo es que el no querer arrodillarse no se lo inspira el Espíritu Santo.
          8º. Jorge Mario es cínico, hipócrita, falso, mentiroso y engañador:
          Dijo que no hay que insultar: llevo anotados por el momento 172 insultos al personal, y no están todos los que ha dicho.
          Dijo que no le gustaban las entrevistas: por el momento llevo anotadas 67, y si por él fuera daría una semanal.
          9º. En Zacarías se nos profetiza que al final del Mundo vendría el “pastor necio”, y en el Apocalipsis ese “pastor necio” es también un “falso profeta”: Jorge Mario convertido en Francisco es el hombre.
          Y por último dos aclaraciones:
          a). Dejé de estar en comunión con el jesuita Jorge Mario Bergoglio Sívori desde el mismo momento que ese sujeto pensó en ser obispo auxiliar. Que después ese jesuita colgara el hábito, se casase con un hombre o una mujer, o llegase a obispo cardenal o Papa: es su problema.
          b). Y no juzgo, porque sencillamente no tengo poder para juzgar, si tuviera poder para juzgar ese jesuita jamás habría sido ordenado obispo auxiliar. El que juzga es él, que se creyó más listo y digno que su santo fundador Ignacio.

        2. Non si tratta di non voler sentire e vedere, ma di discernere con un po’ di buon senso evitando le carnevalate. I tempi sono talmente seri e preoccupanti che non è proprio il caso.
          Traducetevi gli interventi del sig. Angel Manuel, piuttosto,
          invece di sparlare a vanvera.
          Con tutto il rispetto

          1. Angelo Manuel scriva in italiano, molti di noi lavorano tutto il giorno e non hanno tempo per traduzioni, se lui lo fa dall’italiano forse ha più tempo di noi. Per il resto di tiepidi e accomodanti è già troppo piena ormai la Chiesa e L’ATTENZIONE va mantenuta ALTISSIMA per non finire bolliti senza accorgersene, con qualunque mezzo, anche provocazioni e amara ironia (purtroppo coincidente con la realtà), almeno, come si vede, le persone cominciano comunque a fermarsi e riflettere. Sia Lodato Gesù Cristo.

  15. Il misterioso informatore sará pure “informato” ma ignora il catechismo della Chiesa Cattolica che parla di peccati “che gridano verso il cielo” (1867) e non piú di “peccati che gridano vendetta a Dio”. Caro Tosatti capisco che il momento sia grave ma possiamo tornare ogni tanto ad edificarci vicendevolmente nella fede?

    1. Anche mantenere ATTENTI e VIGILI con qualunque mezzo, anche l’amara ironia non distante dalla realtà purtroppo, è un modo per confermare gli autentici CATTOLICI nella FEDE. GRAZIE di cuore dottor Tosatti, chi ha il coraggio di dire verità scomode è, come lei, anche duramente attaccato. Che Dio la sostenga.

    2. dal Catechismo di San Pio X:
      966. Quali sono i peccati che si dicono gridare vendetta nel cospetto di Dio?

      I peccati che diconsi gridar vendetta nel cospetto di Dio sono quattro:

      omicidio volontario;

      peccato impuro contro l’ordine della natura;

      oppressione dei poveri;

      fraudare la mercede agli operai.

      Per servirla…

      1. Che Dio vi benedica per la vostra purezza di pensiero carissimi Kosmo, Luigi9, M.G., Alessandro 2 e tanti altri che non si lasciano incantare dalle sirene mondane. Grazie😇😇

      2. Se non si riconosce nel Catechismo della Chiesa Cattolica ogni ulteriore discussione é inutile.

        1867 La tradizione catechistica ricorda pure che esistono « peccati che gridano verso il cielo ». Gridano verso il cielo: il sangue di Abele; 124 il peccato dei Sodomiti; 125 il lamento del popolo oppresso in Egitto; 126 il lamento del forestiero, della vedova e dell’orfano; 127 l’ingiustizia verso il salariato. 128

        Distinti saluti

          1. Ha citato il catechismo di san Pio X ma nel frattempo é stato promulgato il Catechismo della Chiesa Cattolica che non parla di peccati che gridano vendetta al cospetto di Dio ma gridano al cielo. Tutto qui è qui mi fermo,

    3. Spientissimo Roberto.. verso il cielo, cioè verso le nuvole secondo te.. è possibile?.. è ovvio che, verso il cielo sono verso DIO.. questo è un modo subdolo per confondere, ma chi si sente istruito dovrebbe arrivarci…

I commenti sono chiusi.