CASO PLOUMEN-VATICANO. TROPPE DOMANDE SENZA RISPOSTA. COME SE AL AZHAR DESSE UNA MEDAGLIA AL CONSORZIO PROSCIUTTO SAN DANIELE…

Marco Tosatti

Una nota per riferire due elementi ulteriori, che mi sono stati comunicati questo pomeriggio, e che contribuiscono a rendere ancora più necessario un chiarimento. Il problema delle onorificenze. La tesi secondo uno scambio è frequente o di pragmatica si riferisce però soprattutto alle visite di Stato. E la visita dei reali di Olanda del giugno 2017 non era una visita di Stato. Inoltre secondo indiscrezioni di ottima fonte il nome di Liliana Ploumen sarebbe stato segnalato, in vaticano, come poco consono a ricevere un’onorificenza vaticana, visto il tipo di attività esercitato dalla ex ministro. Ora non sappiamo se la segnalazione sia stata volutamente ignorata, o se semplicemente non se ne sia tenuto conto.

Scusate se torniamo ancora una volta, a bocce ferme, sul caso dell’ex ministro olandese Ploumen insignito di una decorazione pontificia di un Ordine cavalleresco, forse un po’ desueto, ma che comunque decorazione è, e significherà qualche cosa di più di un souvenir adesivo da attaccare al frigorifero.

Per prima cosa ricostruiamo gli elementi. La sera del 12 gennaio un articolo sul sito web del Lepanto Institute dava conto di ciò che sui social stava cominciando a circolare dal pomeriggio. E cioè della consegna del premio San Gregorio Magno da parte del Vaticano a Lilianne Ploumen, già ministro per il commercio estero e la cooperazione del governo olandese. L’articolo veniva corredato da un video nel quale la Ploumen mostrava l’insegna da portare appesa al collo consegnatale dal Papa, così si diceva nel video. Stilum Curiae ha ritenuto che la notizia fosse interessante, a causa soprattutto del video in cui Lilianne Ploumen appariva e parlava.

Il curriculum di Lilianne Ploumen è, da un punto di vista di valori contrastanti con quelli predicati dal papa, impressionante. A gennaio il presidente americano Donald Trump ha varato la Global Gag Rule, versione ampliata della Mexico City Policy varata nel 1984 dal presidente Reagan, che taglia finanziamenti federali per 535 milioni di dollari per le organizzazioni che promuovono, praticano e sostengono l’aborto. Lilianne Ploumen ha risposto varando una ONG chiamata SheDecides (Decide lei), volta a raccogliere fondi per le organizzazioni abortiste danneggiate dal cambio di politica del presidente Trump, mettendo per prima sul piatto la cifra di 10 milioni di euro. All’inizio del 2018 l’organizzazione riporta di avere raccolto fondi per 390 milioni di euro. Per questa sua iniziativa il 9 gennaio sul sito di SheDecides veniva annunciata la consegna alla Ploumen del premio Macchiavelli, conferito alle personalità che si distinguono nella comunicazione pubblica.

La stessa Ploumen è un’aperta sostenitrice della causa LGBT. Nel febbraio 2010 si fece promotrice di una protesta nella Messa celebrata nella Cattedrale di san Giovanni Battista contro l’insegnamento cattolico riguardo gli atti omosessuali, accusandolo di essere discriminatorio.

L’Ordine equestre pontificio di San Gregorio Magno è un ordine cavalleresco della Santa Sede istituito da papa Gregorio XVI il 1° settembre 1831. Nell’istruzione sul conferimento di onorificenze pontificie ecclesiastiche e laiche del 13 maggio 2001 è previsto che la gran croce dell’Ordine di San Gregorio Magno sia conferita a “candidati/e di alto profilo nel servizio della Chiesa, a livello nazionale e internazionale, con almeno 55 anni di età e dopo 10 anni dal conferimento di una onorificenza di grado inferiore”.

Tra i premiati figurano i nomi di Gilbert Keith Chesterton, lo scrittore Louis de Wohl, l’economista Stefano Zamagni, il musicista Riccardo Muti. Nello stesso documento si precisa la procedura prevista per il conferimento delle onorificenze: “I Vescovi diocesani possono proporre il conferimento di una onorificenza pontificia ad ecclesiastici e laici, in segno di apprezzamento e riconoscenza per il servizio prestato. Un Vicario Generale può parimenti richiedere tale conferimento, dichiarando però esplicitamente di procedere in merito con espressa autorizzazione del proprio Vescovo. La richiesta, accompagnata dal curriculum vitae dei candidati (età, professione, condizione familiare e sociale, con descrizione accurata delle benemerenze acquisite nei riguardi della Chiesa), dovrà essere inviata alla Nunziatura Apostolica, che la farà pervenire – corredata dal proprio nulla osta – alla Segreteria di Stato. Le domande provenienti dai territori soggetti alla vigilanza delle Congregazioni per le Chiese Orientali e per l’Evangelizzazione dei Popoli, siano prima inviate al Dicastero competente che provvederà poi a trasmetterle alla Segreteria di Stato”.

In Segreteria di Stato, Prima sezione, quella degli Affari Generali, c’è un ufficio, a dir la verità non molto importante, che si occupa di questo genere di benemerenze. Più volte in passato si è discusso dell’opportunità di mantenere quello che sembra un po’ un costume di altri tempi. Se non vado errato – correggetemi – dell’ufficio si occupano il segretario egiziano del Pontefice e mons. Burgazzi.

Le reazioni alla notizia sono state molto diverse, e interessanti. Alcuni – anche fra i commentatori di Stilum Curiae – hanno gridato alla bufala, alla fakenews e così via. Stessa reazione su social da parte dei tifosi di Bergoglio. E non solo il “popolino” come si usava dire una volta. Fra quelli che cercavano di dimostrare – e accreditare – l’ipotesi di una medaglia comprata per qualche decina di euro su Internet c’era anche un amico che occupa un ruolo importante nella comunicazione di un’università pontificia specializzata in comunicazione…cosa può fare l’amore.

Stranamente, i battaglioni di colleghi vaticanisti hanno mostrato nessun interesse per la notizia. E, se mi permettete, è strano. Sarebbe come se il Gran rabbinato di Gerusalemme, o l’università di Al Azhar elargissero un’onorificenza a Citterio o al Consorzio del Prosciutto San Daniele. Ma forse c’era, c’è, il desiderio di non infastidire l’Istituzione. Così mi è venuto da sorridere quando sull’aereo una collega ha chiesto al papa se non avesse paura di parlare con i giornalisti. E perché mai dovrebbe temer qualche cosa, non so, una domanda imbarazzante?

Pensavo, erroneamente, che qualche collega di agenzia in Sala Stampa, come è consuetudine in questi casi, chiedesse un chiarimento. Così non è stato, e allora ho pensato che fosse opportuno scrivere di persona. Il giorno seguente mi è giunta la risposta della Sala Stampa della Santa Sede per bocca della vicedirettrice, la giornalista Paloma Garcia Ovejero, che ringrazio. Anche perché so che altri colleghi – Steve Skojec di OnePeterFive, di sicuro – non hanno avuto un riscontro alla domanda. “L’onorificenza dell’Ordine Pontificio di San Gregorio Magno ricevuta dalla Signora Lilianne Ploumen, già Ministro dello Sviluppo, nel giugno 2017, durante la visita dei Reali olandesi al Santo Padre, risponde alla prassi diplomatica dello scambio di onorificenze fra Delegazioni in occasione di Visite ufficiali di Capi di Stato o di Governo in Vaticano. Non è quindi minimamente un placet alla politica in favore dell’aborto e del controllo delle nascite di cui si fa promotrice la signora Ploumen”, scriveva Paloma, confermando così la notizia.

Nel frattempo il cardinale Eijc aveva emesso un comunicato, dicendo che non sapeva nulla della questione, e che non era stato consultato. A quanto sembra, forse neanche il presidente della Conferenza episcopale è stato coinvolto. A un chiarimento globale mancano però parecchi elementi. Può essere che il profilo di Lilianne Ploumen sia stato effettivamente vagliato senza che – incredibilmente – sia stato rilevato alcunché da eccepire? Qualche vescovo o cardinale della conferenza episcopale olandese è stato sentito, e ha dato un parere? Dalla risposta della Sala Stampa sembrerebbe che un po’ di queste onorificenze, in alcuni casi, siano messe sul vassoio per essere consegnate nel corso delle visite diplomatiche a chiunque faccia parte della delegazione. Mi faceva notare un amico: “Se così fosse non si potrebbe escludere che un qualsiasi emulo del dr. Menghele ricevuto in Vaticano possa vedersi consegnare una qualche onorificenza senza che ciò debba configurarsi come un avallo delle sperimentazioni sui prigionieri”.

Certo, in teoria queste medaglie vengono date per meriti…che senso ha allora distribuirle a pioggia per prassi diplomatica, senza neanche verificare chi le riceve?

Si chiede il mio amico: “Era necessario e diplomaticamente inevitabile?”. Quando Hitler si recò in Italia il 2 maggio del 1938 egli era il cancelliere della Germania. Certo, si conoscevano le sue idee, ma non si era ancora palesato per il mostro che era; la notte dei cristalli avverrà il 9 novembre e le deportazioni verso i campi di sterminio seguiranno nel tempo, ma già allora Pio XI fu fermissimo: non ricevette il cancelliere del Reich, si oppose all’addobbo di via della Conciliazione, deplorò apertamente che la croce celtica avesse sostituito la croce di Cristo negli addobbi dell’urbe, mostrando anche in questo modo lo zelo pastorale per il popolo. “Ma oggi può davvero un’etichetta diplomatica sostituire il comandamento a non dare scandalo? Cosa c’è di più abietto che il sostegno a politiche di sterminio di bambini innocenti? Non è più l’aborto un “abominevole delitto?”.

Sono interrogativi importanti, specialmente importanti per i milioni di persone, cattolici e non cattolici, che nel mondo si battono contro l’aborto, arrivando fino al carcere, come l’attivista canadese Mary Wagner. Il popolo pro-life e pro-family è rimasto colpito da questo fatto; e la mia opinione è che sarebbe necessaria, da parte della Santa Sede, una risposta ben più approfondita e articolata sul come e perché sia stata possibile questa gaffe colossale. E non trovate sbalorditivo che su settanta colleghi che hanno salutato il papa durante il volo verso il Cile nessuno abbia pensato di fargli una domanda semplice semplice, tipo: Santità, perché date una medaglia a un’abortista?



IL VATICANO SPIEGA PERCHÉ LILIANNE PLOUMEN HA RICEVUTO LA MEDAGLIA DI SAN GREGORIO MAGNO. “NON È UN PLACET AD ABORTO E CONTROLLO DELLE NASCITE”.

Marco Tosatti

Lilianne Ploumen, la leader abortista olandese ha realmente ricevuto l’onorificenza vaticana dell’Ordine di San Gregorio Magno. Qui di seguito pubblichiamo l’intervista , e ringraziamo della cortesia il collega Michale Hichborn del Lepanto Institute, che per primo ha dato la notizia. Per chi conosce l’olandese, questo è il link all’intera intervista, mandata in onda dall’emittente nazionale olandese BNR.

Comunque, ecco il testo, a cui faremo seguire alcune notizie e considerazioni ulteriori.

Lei ha vinto di nuovo un premio…

  • Sì, ho vinto un altro premio. Ho ricevuto un alto riconoscimento dal Papa…

È a causa di ciò che fa per l’aborto?

  • Bene, quello non è menzionato, ma in sé è interessante che sia menzionato quello che è per le risorse per la società…

Quello è vero per molte altre persone…

  • Certo, e il Vaticano sa, io credo, che ho fondato ‘She decides’. Ma ciò non impedisce che mi abbiano dato questo riconoscimento…questo è speciale…

Che tipo di riconoscimento è?

  • È Comandante nell’Ordine di San Gregorio.

Bene, congratulazioni!

Questo è davvero progressista da parte del Papa?

  • Davvero così, e mi fa piacere riceverlo…

Lei lo vede come una conferma di ciò che lei sta facendo per le ragazze e per l’aborto?

  • Sì, anche…e negli anni passati ho investito molto in contatti con il Vaticano…

Un lavoro di lobby?

  • Sì, un lavoro di lobby…vede, lei sa, perché il Vaticano, specialmente sotto i papi precedenti, aveva un atteggiamento piuttosto rigido quando si trattava dei diritti delle ragazze e delle donne…

Assolutamente.

  • E quello non cambierà nel breve periodo, non bisogna fars illusioni su questo.. Ma ci sono alcune aree forse dove possiamo comunque cooperare, e ho cercato questo, per esempio la Chiesa è molto contro i matrimoni di bambine, e questo ha noi può sembrare strano, ma in molti Paesi la Chiesa ha una grande influenza, così quando un vescovo può dire: ‘cara gente, è una cattiva idea arrangiare matrimoni per ragazze di 14 anni’, questo aiuta. Avevamo un vescovo in Uganda che aveva parlato contro l’omosessualità, e allora il Vaticano ha detto: ‘guarda, noi non siamo favorevoli a questa pratica, ma l’uomo è creato come è, e dobbiamo accettarlo in quel modo’.

E allora lei è così pragmatica che se il papa o il Vaticano può essere di aiuto nella sua missione…

  • Certo…

Anche se loro non approvano…

  • Sì, naturalmente. Non sbagliamoci. Hanno una voce molto influente, attraverso i fedeli, ma sono anche parte dei negoziati alle Nazioni Unite, così fa una differenza se si uniscono all’Arabia Saudita o si affiancano all?Olanda…e preferisco averli al nostro fianco…

Al fianco del membro del Parlamento Ploumen?

  • Sì.

Mentre scrivevamo questo articolo ci è giunta la risposta della Sala Stampa della Santa Sede, a cui avevamo chiesto chiarimenti. Ve la riportiamo integralmente:

“L’onorificenza dell’Ordine Pontificio di San Gregorio Magno ricevuta dalla Signora Lilianne Ploumen, già Ministro dello Sviluppo, nel giugno 2017, durante la visita dei Reali olandesi al Santo Padre, risponde alla prassi diplomatica dello scambio di onorificenze fra Delegazioni in occasione di Visite ufficiali di Capi di Stato o di Governo in Vaticano.

Non è quindi minimamente un placet alla politica in favore dell’aborto e del controllo delle nascite di cui si fa promotrice la signora Ploumen”.

Un abbraccio,

Paloma Garcia Ovejero.

Nel frattempo anche il cardinale Ejik aveva preso posizione: “In risposta alle molte domande sia dall’Olanda che dall’estero, il card. Ejik dice di non essere stato coinvolto nell’elargizione del titolo di Comandante nell’Ordine Equestre Pontificio di San Gregorio Magno, che l’ex ministro L.Ploumen ha ricevuto l’anno scorso. Il card. Ejik non era al corrente del fatto che questo riconoscimento papale le era stato conferito”.

Questo lo stato dei fatti. Quindi la notizia era vera, a dispetto dell’incredulità di molti, e anche di alcuni commentatori di questo blog, che hanno forse frettolosamente parlato di “fakenews”.

Un dettaglio però è interessante. Dal momento in cui la prima notizia – corredata da un video dell’interessata – è uscita, e parliamo della sera del 12 gennaio, cioè quattro giorni fa, nessun giornalista dei grandi mezzi di comunicazione o delle agenzie che copre l’informazione vaticana ha pensato di chiedere lumi sulla vicenda. Non si può dire che la notizia di una leader abortista medagliata dal Vaticano non sia una notizia degna di qualche spiegazione. E allora bisogna cercare le ragioni di tale indifferenza altrove. E, purtroppo, non sono ragioni che fanno onore alla categoria.



PLOUMEN, LEADER ABORTISTA OLANDESE, PREMIATA CON LA MEDAGLIA DI SAN GREGORIO MAGNO DALLA SANTA SEDE.

 

 

Marco Tosatti

Secondo notizie rimbalzate sui social media, e un video in cui la protagonista conferma il fatto, Lilianne Ploumen avrebbe ricevuto la medaglia di cavaliere dell’Ordine Pontificio di San Gregorio Magno.

La notizia è stata data ufficialmente prima da questo sito, il LepantoInstitute, e poi rilanciata su altre piattaforme. Lilianne Ploumen, già ministro olandese per il commercio e lo sviluppo alla cooperazione, è particolarmente attiva nella diffusione a livello mondiale dell’aborto, e dei diritti delle associazioni LGBT.  Nel video afferma che la medaglia “è un’alta distinzione dal Vaticano, dal Papa”. Un anno fa, dopo che Donald Trump aveva deciso di sospendere i fondi destinati alle organizzazioni che promuovono l’aborto all’estero, Ploumen ha creato una nuova ONG, chiamata “She decides” (Lei decide) raccogliendo oltre 300 milioni di dollari. Nell’ottobre in un articolo sul Financial Times aveva scritto che “la politica regressiva dell’America sull’aborto è una calamità per i diritti delle donne e delle ragazze che il resto del mondo deve contrastare”.

Ploumen è stata direttrice dei programmi di Cordaid, un’agenzia di aiuti cattolica olandese dal 2004 al 2007, che fu accusata di fornire fondi a Planned Parenthood, la multinazionale americana degli aborti, e fornire contraccettivi.

Nel settembre 2017 Ploumen faceva parte del gruppo centrale LGBTI delle Nazioni Unite. Nel febbraio 2010 aveva incitato attivisti LGBT a intervenire e interreompere una messa nella cattedrale di San Giovanni Battista, recando triangoli rosa e cartelli con la scritta “Gesù non esclude nessuno”. Era contraria all’insegnamento morale della Chiesa sull’omosessualità.

L?ordine equestre di San Gregorio fu stabilito nel settembre 1831, e viene conferito a persone per il loro servizio personale alla Santa Sede e alla Chesa cattolica romana, tramite uno sforzo inusuale, il loro appoggio alla Santa Sede e i loro eccellenti esempi offerti nelle loro comunità e Paesi.



Questo blog è il seguito naturale di San Pietro e Dintorni, presente su “La Stampa”.  Per chi fosse interessato al lavoro già svolto, ecco il link a San Pietro e Dintorni.

Se volete ricevere i nuovi articoli del blog, scrivete la vostra mail nella finestra a fianco.

L’articolo vi ha interessato? Condividetelo, se volete, sui social network, usando gli strumenti qui sotto.

Se invece volete aiutare sacerdoti “scomodi” in difficoltà, qui trovate il sito della Società di San Martino di Tours e di San Pio di Pietrelcina.