EPURAZIONI DISCRETE ALLA CATTOLICA. SEMPRE IN NOME DI AMORIS LAETITIA, CON TANTISSIMA MISERICORDIA…

Marco Tosatti

La misericordia in azione, anche da noi. Vi ricordate di quando leggevamo che nelle università americane e di altri Paesi teologi e professori venivano licenziati perché avevano espresso opinioni in disaccordo con il Pontefice regnante in materia di Amoris Laetitia, eucarestia, divorziati risposati e sacramenti? Beh non preoccupatevi, ci siamo aggiornati, succede anche da noi, qui in Italia.

Profetico è stato un pensiero di Pezzo Grosso di qualche giorno fa. Non l’avete letto perché me lo ha mandato il 26 dicembre, giorno di Santo Stefano protomartire, e Stilum Curiae era in vacanza, lontano da computer, ma non dalla moderazione. (Questo giusto per sottolineare quanto voglio bene agli stilumcurialisti, troll e disturbatore compresi…). Leggetelo adesso, seguito da una storia vera che sta accadendo in questi giorni.

“Oggi 26 dicembre si festeggia Santo Stefano, Protomartire. La festa di santo Stefano è importante per il suo valore simbolico sulle persecuzioni che in tutti i tempi son state inflitte a chi segue Cristo. Sant’Agostino dice che <tutti i tempi sono di martirio>. Lo disse il Signore stesso: <Se il mondo vi odia sappiate che prima di voi ha odiato me..>. Ma le persecuzioni non son sempre state dello stesso tipo. Nei primi tempi si tentò di distruggere la fede dei primi cristiani con la violenza fisica, come accadde a Santo Stefano, (e come accade ancora adesso, soprattutto in terra di islam, con buona pace di chi dice che si tratta di una religione di pace. Vedi Egitto, Palestina, Siria jihadista, Iraq, Nigeria). poi la persecuzione si trasformò in “esclusione” del cristiano dai posti di potere, poi privandolo dei molti diritti anche elementari, poi ridicolizzando i suoi valori, poi intimorendolo, poi negandoglieli per non turbare quelli di altre religioni di immigrati, poi facendo negare all’interno della stessa chiesa che detti valori fossero valori, perseguitando chi li praticava (si pensi alla messa tridentina). Ma oggi si è arrivati al paradosso finale. Oggi si perseguita chi mette in discussione ciò che dice il papa, non Cristo; un papa che non parla ex cathedra e parla di povertà, immigrati, ambiente…Arriveremo presto a veder perseguitato, sempre dalla Chiesa, chi critica satana, la gnosi, ecc.?”.

Rileggete: “Ma oggi si perseguita…”. Ecco. Quando sono tornato in attività ho ricevuto una mail, con questo racconto:

“Caro Tosatti, grazie per avermi risposto. In novembre ho ricevuto una diffida dalla Cattolica di Milano, in cui si citava la mia adesione alla Correctio. Sia a me che a XXXX (che l’ha ricevuta qualche giorno dopo) si obiettava non la firma al documento in sé (peraltro esplicitamente citato), ma l’uso improprio di titoli didattico-accademici in contesto extra accademico, posti accanto ai nostri nomi nell’adesione alla Correctio.    Ovvio che la motivazione è gesuiticamente pretestuosa: voglio vederli fare il giro di tutti gli studi legali di Milano in cui insigni avvocati citano sulle loro targhe le loro collaborazioni con la Cattolica!!!

Ai primi di dicembre ho anche scoperto di essere stato depennato dall’elenco dei collaboratori, il che significa che, contrariamente a quanto mi era stato detto a voce, non avremoalcun contratto per i prossimi mesi. Giusto per amore del vero Ti allego l’e_mail, con cui la Cattolica mi attribuisce il titolo di “ricercatore esterno” (che, dunque, non mi sono inventato) e lo screenshot dell’elenco dei collaboratori, alla data della Raccomandata ricevuta dalla Cattolica.  Né con me né con XXX si sono degnati di un contatto personale. Da me interpellato, in via strettamente privata, uno dei responsabili del dipartimento mi ha risposto che è normale prassi, visto che negli ultimi mesi le mie collaborazioni si erano ridotte. Sono stato all’estero per due anni e questo spiega il “declassamento” di cui all’E_mail del dipartimento, ma ho mantenuto forme di collaborazione dimostrabili ora ampiamente negate.

 Stanno addirittura cancellando dalla pagina WEB, sia per me che per XXX, le testimonianze della passate attività!

 Ho affidato la tutela dei miei interessi e della mia onorabilità a uno Studio Legale e lo stesso ha fatto XXX. Ho diffidato, a mia volta, la Cattolica, allegando il documento in cui i loro uffici mi attribuivano il titolo di “collaboratore esterno di ricerca”. Lo stesso sta facendo XXX, tramite il medesimo studio legale.

Un mio canale, da ambienti vaticani, mi ha suggerito che tutta l’iniziativa  potrebbe essere partita non tanto e direttamente dal rettorato, ma addirittura da un certo, noto cardinale della Curia Romana , dal cui dicastero, ultimamente, dipenderebbero le università cattoliche. 

 Oppure, per parafrasare la corte cesarea così come la descrive Tacito,  in certe istituzioni cattoliche è tutto un correre ad adulare, anche senza esserne richiesti?

Se ne avrai la pazienza, potrai facilmente verificare che non sono l’ultimo arrivato: per più di vent’anni redattore di Communio, ultimo segretario di redazione, prima della chiusura dell’edizione italiana, traduttore di testi di Cordes, Kasper (!), Ratzinger, Schönborn …

Lettera firmata”.

Ecco. Non credo ci sia bisogno di commenti. Come dice genialmente il collega Valli? Gronda misericordia da tutti gli artigli….



Questo blog è il seguito naturale di San Pietro e Dintorni, presente su “La Stampa”.  Per chi fosse interessato al lavoro già svolto, ecco il link a San Pietro e Dintorni.

Se volete ricevere i nuovi articoli del blog, scrivete la vostra mail nella finestra a fianco.

L’articolo vi ha interessato? Condividetelo, se volete, sui social network, usando gli strumenti qui sotto.

Se invece volete aiutare sacerdoti “scomodi” in difficoltà, qui trovate il sito della Società di San Martino di Tours e di San Pio di Pietrelcina.