PADRE LEOPOLDO ALL’ALTARE. UN KIT STILE LEGO PER I BAMBINI PER FARLI GIOCARE ALLA MESSA

 

Marco Tosatti

Abituati come siamo ai temi seri, ci concediamo una piccola digressione più leggera, per parlare dell’iniziativa di un’azienda a carattere familiare, di Saint Paul (Minnesota), la Domestic Church Supply Company. Ha creato sullo stile del Lego, una scatola di gioco a costruzioni per fornire ai bambini il materiale per “giocare alla messa”.

La scatola si intitola: “Padre Leopoldo celebra messa”, e contiene 171 mattoncini, di stile Lego, di tre mattoncini modificati e di un libretto di istruzioni di 28 pagine a colori, per guidare i bambini nell’assemblaggio dei vari pezzi.

“Padre Leopoldo è in missione per annunciare la buona novella di Gesù Cristo con minipersonaggi ovunque”, recita la pubblicità del sito. I tre pezzi modificati sono il collare romano del sacerdote, il sacramentario e il lezionario. Inoltre la scatola comprende quattro vesti litugiche (una casula verde per il Tempo ordinario, rossa a bianca per i giorni di festa e viola per l’Avvento e la Quaresima).

Con l’aiuto delle 28 pagine di istruzioni i piccoli utenti possono costruire l’altare, l’ambone, il tavolo di servizio, la cattedra e il tabernacolo. L’azienda chiede due settimane di tempo dall’ordine per consegnare la scatola: “Stiamo lavorando sodo per ridurre i tempi delle consegne, ma questi set sono preparati a mano e ci vuole un po’ di tempo per metterli insieme”.

Spiega il sito che la famiglia è detta spesso la “Chiesa domestica” , e che i genitori, “con l’aiuto essenziale della parrocchia e della Chiesa universale, sono responsabili per le prime impressioni e le più frequenti esperienze di fede” dei bambini.

Per questo è stato inventato “Padre leopoldo”; “cominciamo con un prodotto e speriamo di aggiungere gradualmente altri oggetti che aiutino a sostenere la vostra chiesa domestica”.

Se volete, potete curiosare sul sito della Domestic Church Supply Company.

 



Questo blog è il seguito naturale di San Pietro e Dintorni, presente su “La Stampa”.  Per chi fosse interessato al lavoro già svolto, ecco il link a San Pietro e Dintorni.

Se volete ricevere i nuovi articoli del blog, scrivete la vostra mail nella finestra a fianco. 

L’articolo vi ha interessato? Condividetelo, se volete, sui social network, usando gli strumenti qui sotto.

Se invece volete aiutare sacerdoti “scomodi” in difficoltà, qui trovate il sito della Società di San Martino di Tours e di San Pio di Pietrelcina.