LA GUERRA A GPII. MELINA DA BENEDETTO, GLI STUDENTI APRONO UN SITO WEB.

5 Agosto 2019 Pubblicato da --

Marco Tosatti

Cari amici e nemici di Stilum Curiae, abbiamo ricevuto un messaggio che ben volentieri trasmettiamo. Si tratta della guerra scatenata contro Giovanni Paolo II e la sua eredità forse più preziosa, cioè la battaglia per la difesa della famiglia e della vita: una battaglia contro la cultura prevalente nel mondo occidentale, dove ogni giorno grazie ai Poteri politici ed economici si sviluppano nuovi attacchi proprio contro questa cellula fondamentale dell’umano universo. Ecco il testo:

“Vi scrivo perché, come molti già sapete, abbiamo deciso di creare un sito web per tenere informati gli studenti e gli ex studenti sulla situazione dell’Istituto, oltre a rendere pubblica la nostra lettera (scritta il 24 luglio) al preside, Mons. Sequeri, dove esprimiamo le nostre fondate paure, reclami e richieste.

Ecco il link: https://www.appellostudentigp2.com/

Lì potete trovare la lettera completa in 5 lingue, un link per poter aggiungere le vostre firme nel caso in cui non lo l’abbiate già fatto, l’ elenco dei firmatari che ogni giorno cresce!, i vecchi e nuovi statuti in modo da poterli confrontare, e un blog con articoli scritti dai nostri professori che chiariscono molto la situazione, così come articoli di alcuni studenti.

Colgo questa occasione anche per:

  1. proporre che coloro che desiderano ringraziare pubblicamente i nostri professori, in particolare i licenziati, nonché di fornire una breve testimonianza di come è stato per voi studiare presso il GP2, inviatemi un’email (con la foto che volete allegare) con una testimonianza (non troppo lunga) da pubblicare sul nostro blog: https://www.appellostudentigp2.com/blog
  2. invitare quegli studenti che non hanno ancora firmato la lettera, a farlo; e per coloro che l’hanno già firmata a condividerla con tutti coloro che pensate che vorrebbero sostenere la nostra iniziativa: la lettera è aperta a tutti:

https://docs.google.com/forms/d/1xdi03IRS94BLaI7eGt4-zMrmA__EAJk9moEPIboEcis/edit

Infine, chiedo in modo speciale a quelli di voi che siete sacerdoti, di offrire messe, adorazione e sacrifici per il futuro del nostro Istituto e di tenerci uniti nella preghiera, chiedendo la speciale intercessione di San Giovanni Paolo II e la Madonna di Fatima.

Un caro saluto,

Gli studenti di Giovanni Paolo II

Email del sito web: Appello Studenti GP2

Θ

Come forse saprete oggi sono state diffuse le fotografie della visita che mons. Melina ha compiuto a Benedetto XVI.

Su ACI Stampa trovate un ampio e documentato servizio, sia in italiano che in inglese.

“The pope emeritus “wanted to receive Prof. Mons. Livio Melina at a private audience. After a long discussion of the recent events at the Pontifical Institute John Paul II, he granted his blessing, expressing his personal solidarity and assuring him of his closeness in prayer.”

Il papa emerito “voleva ricevere il prof. Mons. Livio Melina in udenza privata. Dopo una lunga discussione degli eventi recenti al Pontificio Istituto Giovanni Paolo II, gli ha garantito la sua benedizione, esprimendo la sua personale solidarietà e assicurandolo della sua vicinanza nella preghiera”.

Naturalmente questa visita ha fatto infuriare i botoli da guardia della Nuova Era, che si sono scagliati contro Benedetto, con la consueta abituale maramalderia. Non stiamo neanche a nominarli, tanto li conoscete, di qua e di là delle Acque Nere. Ci ha colpito però la finezza di un sito – che non vogliamo neanche nominare – che ha pensato bene di prendere in giro la memoria di un morto, che non si può perciò difendere, il card. Carlo Caffarra. Quando si è signori. È finalmente la Nuova Chiesa, bellezza, quella della Misericordia. Consiglio: tapparsi il naso.

Θ


SE PENSATE CHE STILUM CURIAE FACCIA UN BUON LAVORO,

POTETE AIUTARLO.

ANDATE ALLA HOME PAGE.

SOTTO LA BIOGRAFIA. 

OPPURE CLICKATE QUI




Questo blog è il seguito naturale di San Pietro e Dintorni, presente su “La Stampa” fino a quando non fu troppo molesto.  Per chi fosse interessato al lavoro già svolto, ecco il link a San Pietro e Dintorni.

Se volete ricevere i nuovi articoli del blog, scrivete la vostra mail nella finestra a fianco.

L’articolo vi ha interessato? Condividetelo, se volete, sui social network, usando gli strumenti qui sotto.

Se invece volete aiutare sacerdoti “scomodi” in difficoltà, qui trovate il sito della Società di San Martino di Tours e di San Pio di Pietrelcina


 LIBRI DI MARCO TOSATTI

Se siete interessati a un libro, cliccate sul titolo….


Viganò e il Papa


FATIMA, IL SEGRETO NON SVELATO E IL FUTURO DELLA CHIESA

Fatima El segreto no desvelado

  SANTI INDEMONIATI: CASI STRAORDINARI DI POSSESSIONE

  PADRE PIO CONTRO SATANA. LA BATTAGLIA FINALE

  Padre Pío contra Satanás

La vera storia del Mussa Dagh

Mussa Dagh. Gli eroi traditi

Padre Amorth. Memorie di un esorcista.

Inchiesta sul demonio.

 

Tag: , , , ,

Categoria:

Questo articolo è stato scritto da wp_7512482

46 commenti

  • Donna ha detto:

    Il punto importante secondo me è che ancora una volta , da come si evince dall’articolo, papa Benedetto XVI ha dato un altra importante indicazione; con la sua benedizione, ha confermato (al di là di diatribe e ricriminazioni su orti e orticelli) la giusta via, la parte sana, ….”Simone, Simone, ecco satana vi ha cercato per vagliarvi come il grano; ma io ho pregato per te, che non venga meno la tua fede; e tu, una volta ravveduto, conferma i tuoi fratelli».
    Papa Benedetto XVI, vero Pietro, ossigeno per i polmoni ormai anneriti di una Chiesa moribonda.

  • carlone ha detto:

    Buongiorno Sig. WP le vorrei postare la parte centrale di un intervista al prof.Melina che ho letto in un sito nel quale viene citata la fonte con data 3 agosto 2019 .
    Credo che a molti non faccia piacere

    ……………..Ma il paradigma di questa “ristrutturazione” sopprimendo l’orizzonte prioritario della teologia morale fondamentale e speciale con l’antropologia cristiana, l’ontologia della teologia del corpo coniugando tra loro scienze fisiche, psicologiche, sociali nella consapevolezza dell’unità che le tiene insieme, cela un problema importante già profetizzato da Suor Lucia nella lettera a Caffarra. “Infatti – continua Melina – crediamo che la difesa dell’Istituto Giovanni Paolo II tocca tutti, e la sorte dell’Istituto è decisiva per la Chiesa. Se non si revocano le decisioni prese da Paglia, allora si sta dicendo: “E’ intollerabile nella Chiesa quell’interpretazione del Magistero di papa Francesco che è in continuità con il Magistero anteriore”. Anzi, chi fa questa interpretazione perde perfino il diritto a difendersi in un processo, è semplicemente allontanato, secondo una particolare versione di quella “cultura dello scarto”, tante volte condannata dallo stesso Papa Francesco”…………

  • Lucy ha detto:

    Bergoglio scripsit ” potranno esistere (circa A.L. ) DIVERSI MODI di interpretare alcuni aspetti della dottrina e alcune conseguenze che ne derivano ” .Affermazione del tutto falsa .”Diversi modi ?”.L’unico modo di ” interpretare “A.L. è stato il “suo ” come si evince dalla lettera ai vescovi argentini fatta diventare con mossa astuta ” magisterium autenticum “.Dunque non c’è possibilità di interpretare A.L. in sintonia con il resto dei testi magisteriali perchè ci si mette fuori da quell’unico modo e dunque…via alle purghe. In tutto ciò c’è una logica .Quello che sta succedendo al Giovanni Paolo II non è solo un fatto di ” normale” epurazione, come succede da sei anni a questa parte, perchè nella sorte dell’Istituto è in gioco la sorte della Chiesa stessa. Questo l’hanno capito benissimo i nuovi giacobini testardi e spietati agli ordini del novello Robespierre e perciò non si fermeranno davanti a nulla fino a che la rivoluzione non avrà trionfato e ogni sacca di resistenza sarà repressa. Con pessimismo infatti George Weigel dice che le proteste , ormai di dominio pubblico , le firme hanno le stesse possibilità di essere ascoltate di quante ne ebbe il maresciallo Tukhacevskj durante le purghe di Mosca nel 1937/8 anche se conclude con una nota di speranza ” La Verità vincerà sempre anche se ci vorrà del tempo, perchè l’errore è senza vita ” .

  • Lucis ha detto:

    Ricordando chi è mons. Paglia la storia ha del surreale.
    Ma come può tale istituto vantare ancora di un minimo d’autorità, ora che è nelle mani di questo noto e palese esponente della lobby gay, che si augura scenda su tutti lo ‘spirito di Marco’ (Pannella), che commissiona affreschi osceni, e così via?
    Ma come può il papa pensare che l’istituto nelle mani di tale personaggio possa ancora godere di un minimo di credibilità?

  • Astore da Cerquapalmata ha detto:

    Il virus dell’ipocrisia nel voler stare in due staffe, pare abbia contagiato anche AVVENIRE.
    E’ vero, ogni tanto parla di famiglia e di vita, ma senza denunce, senza attacchi verso i politici e senza “grinta”.
    Per i migranti, invece, ogni giorno inchieste, accuse, prese di posizione dure…
    Se fossero coerenti con quello che voglio dare a intendere, e cioè che sono al di sopra delle parti politiche, dovrebbero attaccare i politici abortisti e genderisti, aggiornare le cifre degli aborti, mettere in guardia contro quegli anticoncezionali che non si limitano a essere tali, ma sono anche abortivi, mandare inviati d’assalto in certe cliniche… Parlerebbero della gran massa di donne musulmane infibulate, delle tante donne migranti che sono arrivate non certo con l’ambizione di prostituirsi ma sono state costrette, vittime dell’immigrazionismo. Parlerebbe dei tanti aborti a cui tante donne africane si sottopongono per disperazione, perché l’aborto non è nella loro cultura, vittime anche queste che ricadono sul groppone dei buonisti immigrazionisti, Papa compreso, che col viaggio ha Lampedusa ha (involontariamente) ammazzato più africani del generale Graziani.

  • monsignore ha detto:

    Comunicato del dicastero della comunicazione nordcoreano
    I cattivi nemici del nostro Caro Leader Santo Papa Francesco (cuoricini cuoricini) hanno confezionato una fake news sul fatto che si sono visti mons. Melina e joseph ratzinger – no papa emerito, c’è solo un Papa, il nostro Caro Leader Santo Papa Francesco (cuoricini cuoricini).
    Mons. Melina era andato a ringraziare S.E. Rev.ma Ill.ma Vincenzo Paglia Gran Cancelliere della Pontificia Accademia nordcoreana per averlo sollevato dall’insegnamento, e naturalmente andava in bicicletta, per rispettare l’ambiente in perfetta obbedienza con la bellissima enciclica Laudato Si’ del nostro Caro Leader Santo Papa Francesco (cuoricini cuoricini). Fuori dall’ingresso Pontificia Accademia nordcoreana i cattivi cardinali Burke, Sarah e Muller avevano sparso dei chiodi a tre punte, per sabotare il laborioso andare dei collaboratori di S.E. Mons. Paglia, cui si deve il bellissimo affresco omoerotico che fece fà alla cattedrale di Terni quando ci faceva il Vescovo.
    Mentre mons. Melina stà cambiando il pneumatico della bici, casualmente ecco che di lì ce passa joseph ratzinger, che stà andando allo spaccio a prendere i 20 litri di birra che beve ogni giorno, anche lui a piedi per rispettare l’ambiente in perfetta obbedienza con la bellissima enciclica Laudato Si’ del nostro Caro Leader Santo Papa Francesco (cuoricini cuoricini). Vedendo mons. Melina tutto sudato per il pneumatico cambiato, joseph ratzinger, che ha imparato dal Caro Leader Santo Papa Francesco a essere gentile, invita mons. Melina a casa a bere qualcosa di fresco, sempre a piedi per rispettare l’ambiente in perfetta obbedienza con la bellissima enciclica Laudato Si’ del nostro Caro Leader Santo Papa Francesco (cuoricini cuoricini). Mentre che stanno seduti, chi faceva le pulizie, a mano per non usare detergenti chimici e senza aspirapolveri per rispettare l’ambiente in perfetta obbedienza con la bellissima enciclica Laudato Si’ del nostro Caro Leader Santo Papa Francesco (cuoricini cuoricini), inavvertitamente preme sul suo cellulare e scatta una foto, cercando di cancellarla si sbaglia, preme il bottone sbagliato e la invia, e gira e gira finisce nelle mani di bannon e viganò che montano la fake news.

  • Astore da Cerquapalmata ha detto:

    Papa Francesco mi ricorda un anziano signore di mia conoscenza, molto gentile, ma capace di atti di collera incontrollati. Questo signore allevava canarini. Li amava, parlava sempre di canarini. Ma un giorno un canarino fuggì dalla gabbia e, non riuscendo a catturalo, fu preso da un raptus e fece una strage di canarini.
    Così sembra agire Papa Francesco: dice di credere agli articoli del Catechismo della Chiesa, dice che non si discosta dalla Tradizione, ma OPERA perché il popolo di Dio se ne discosti e perché, al di là della lettera del catechismo, si abbia un’altra “fede”.
    Il Catechismo rimane valido, ma come il Vecchio Testamento: per essere interpretato nel modo giusto, occorre una nuova teologia… modernista.

  • Pier Luigi Tossani ha detto:

    firmato. Non praevalebunt.

  • Il veritiero ha detto:

    Ora dirò una cosa impopolare, ma la devo dire affinché questi studenti e questi docenti dell’istituto GPII faccia Ho un “MEA CULPA” e chiedano scusa ai loro fratello della Santa Madre Chiesa che invece sono anni che soffrono e invocano l’aiuto dei fratelli fedeli alle leggi di Dio e che sono anni “Che denunciano” queste situazioni intolleranti nella chiesa.
    Ora piangete ma fino a oggi vi siete fatti i vostri affari. Dove eravate quando i cardinali o i sacerdoti denunciavano queste situazioni insostenibili? Dove eravate quando sono stato sollevati i DUBIA? Dove eravate quando il cardinale Burke e Muller ci hanno messo la faccia per tentare di salvare la chiesa? Dove eravate quando Mons. Viganò serviva il sostegno dei fratelli della chiesa per far salire il marcio nascosto E la corruzione e la depravazione? Dove eravate voi studenti e voi docenti del GPII?
    E ora che vi toccano 2 cattedre piangete e implorare aiuto ai fratelli, qua do voi invece avete voltato le spalle a tutti nel momento del bisogno. VERGOGNATEVI E CHIEDETE PERDONO !!! EGOISTI !!! E confidate nella misericordia dei vostri fratelli della chiesa “quella non corrotta e depravata”

    • Il veritiero ha detto:

      La chiesa ormai è al collasso, una crisi così profonda non l’ha mai vissuta in 2000 anni. Sacerdoti scomunicati, trattati di eretici che contraddicono il vangelo e il catechismo, scandali di abusi e pedofilia. Questo “falso magistero” in ogni sua affermazione contraddice il vangelo e il catechismo è voi siete stati tutti zitti, stanno distruggendo la chiesa e voi siete stati tutti zitti. Certo che vi importa a voi…a voi importa solo del vostro istituto, a voi importa solo del vostro orticello, gli altri possono anche morire che vi importa a voi.
      CHIEDETE PERDONO E PENTITEVI, E INCOMINCIATE UNA VERA LOTTA IN COMUNIONE CON I FRATELLI DELLA “CHIESA BUONA” PER CERCARE DI SALVARE QUELLO XHE RESTA DELLA CHIESA CATTOLICA E DEL SUO “VERO MAGISTERO” PRIMA CHE CROLLI TUTTO. PENYITEVI E FATE “PENITENZA!” “PENITENZA!” “PENITENZA!”
      E non riempirei la bocca con il nome della Madonna di Fatima, prima convertitevi.

      • Catholicus ha detto:

        Caxxo Veritiero ! questo si chiama parlar chiaro, senza peli sulla lingua.. Quando ce vo’ ce vo’, come si dice a Roma. Tutti don Abbondio, pronti a guaire solo quando diventano anch’essi oggetto della delenda Cartago.
        Alla chiamata alle armi, alla buona battaglia, nessuna risposta, manco a parlarne; e così come loro, vedrete a quanti succederà la stessa cosa. Ormai Bergoglio & C, hanno gettato la maschera, si sono rivelati per quello che sono: la quinta colonna della massoneria, il suo braccio ecclesiastico, protagonista di un novello cesaropapismo, stavolta però di origine e ispirazione satanica. Dopo il mese di ottobre ne vedremo delle belle, anche per il fatto che sicuramente entrerà- in vigore il nuovo messale, con le modifiche al Pater ed al Gloria; avete letto la paginata di domenica scorsa su Avvenire, a firma di Riccardo Maccioni? “Bisognerà vincere abitudini consolidate nel tempo”, si legge nell’intervista. Bè, vedremo se per il clero le parole di Cristo e degli Angeli della Santa Capanna di Betlemme sono solo “abitudini consolidate nel tempo”, cioè aria fritta, vedremo se se la faranno sotto tutti quanti o se ci sarà un nuovo S. Anastasio, una nuova Giovanna d’Arco. Satana non è ancora del tutto padrone del mondo, laico e falso religioso, possiamo e dobbiamo ancora combatterlo, sotto qualsiasi spoglia si presenti. Christus Vincit. ora e sempre !!!

      • Giuseppe ha detto:

        Penitentiagite!

    • Anima smarrita ha detto:

      Vige la regola: ognuno per sè e Dio per tutti. Non mi sembra qualcun altro abbia mai manifestato solidarietà a chi si sia trovato in difficoltà, specie se in situazioni conflittuali ai massimi livelli. Di questi tempi poi! E, comunque, come i vari appelli con migliaia di firme hanno dimostrato, ogni voce “a difesa” di persone e/o posizioni contrarie alle decisioni adottate è rimasta ed è destinata a rimanere inascoltata.

    • Schifato e nauseato ha detto:

      Caro Amico, purtroppo sono in gran parte della tua stessa idea. Moriva il piccolo Alfie, muore Vincent Lambert, viene approvato il maledetto aborto anche in Irlanda: non una voce, un segno di dissenso. Adesso, si disquisisce di presidi, vicepresidi, relatori delle tesi, ecc. Mi sembra che si parli , purtroppo ripeto, solo del proprio orto. Del resto, ritengo che le “lotte per le investiture” nelle università cattoliche e/o vaticane siano identiche a quelle che accadono nelle università laiche di tutto il mondo. Ciò non toglie che l’ultimo gesto del Peròn de’ noialtri sia di una
      brutalità sconvolgente. La distruzione della memoria perseguita e ricercata sena pudore. In molti aspetti questo personaggio mi ricorda Nerone.

    • Luigi ha detto:

      Non concordo con il tuo giudizio.
      L’istituto era già nel mirino dei misericordiosi al tempo del sinodo della famiglia perché si espresse chiaramente contro il Kasper/Bergoglio pensiero.
      Ti invito a leggere questo intervento del professore Fontana
      http://www.lanuovabq.it/it/paglia-figlio-di-kasper-la-guerra-cattolica-al-matrimonio
      Ti ricordo che il cardinal Caffarra che si espresse con coraggio nei famosi Dubia, è lo stesso esponente di spicco dell’istituto che tu dici silente.

  • deutero.amedeo ha detto:

    Premesso che non sono, nella Chiesa, niente di più di un semplice fedele, io ho sempre creduto che l’Etica Cristiana fosse il più grande patrimonio lasciato da Cristo all’Umanità da Lui Redenta.
    Ho anche sempre creduto e affermato, anche pubblicamente, che per fondare un’etica è necessaria la conoscenza del fine ultimo, in quanto solo le azioni che sono coerenti col raggiungimento del fine ultimo sono moralmente corrette. Ora, il fine ultimo a cui è ispirata la teologia morale cattolica è la Salvezza Eterna, non il paradiso LGBT sulla terra. E la morale relativa alla famiglia è un capitolo specifico che discende da quella morale generale. A questo punto, i casi sono due: o è cambiato il fine ultimo, o la nuova morale che si vuole instaurare è tutta sbagliata.

    • Milli ha detto:

      La seconda che hai detto. La parola di Dio è ETERNA e nessuno può cambiarla a seconda delle mode, dei gusti e dei tempi che cambiano.
      Se lei crede in questo concetto immutabile capisce anche tutto ciò che sta succedendo.

  • carlone ha detto:

    Caro sig.WP ho letto quell’ articolo vergognoso e ho preso l occasione per leggerne altri .
    Meglio stare lontani , usare certe bassezze per giustificare le proprie opinioni (?) non meritano ascolto.

  • Anima smarrita ha detto:

    Abominevole lo spettacolo che va in scena nella – chiamiamola ancora – Chiesa, ogni giorno che Dio ci regala di vivere. Ed è una lotta quotidiana – condotta in modi e con reazioni diverse – per sopravvivere ai contraccolpi di una guerra intestina che rende palese la nostra impotenza a fronte dello strabordante esercizio di un ministero non più così vistosamente evidente dalla fine del potere temporale.
    Ecclesia belligerante… un ossimoro che dovrebbe essere letto solo metaforicamente e…invece è triste realtà!
    E si è costretti pure a leggere e a sentire appelli all’ “unità della Chiesa”, che si accompagnano a condanne sempre più virulente, e come ormai invalsi attraverso i vari strumenti della comunicazione, all’indirizzo di chi tenta in qualche modo di segnalare qualche stortura. Soltanto chi ha occhi bendati e persiste nell’ottica ottusa e deformata di una difesa dell’istituzione senza se e senza ma non riesce a rendersi conto dell’attualità in tutta la sua gravità: una comunità di fazioni in guerra fra loro nella comune convinzione di superiorità dell’una rispetto all’altra e, quindi, nella determinazione di affermare la propria supremazia. Il tutto mentre chi dovrebbe avvertire il peso del proprio mandato ed assumersene tutte le responsabilità, anziché adoperarsi per ristabilire un clima di concordia e di pace – a parole pure predicato e invocato – si abbandona al facile vittimismo, ora chiamando in causa il grande Accusatore, ora additando, anzi abitualmente lasciando scrivere – sempre dagli operatori dell’informazione– di facili, presunti o ipotetici nemici e complotti.
    Si tuona contro la rigidità che sarebbe sintomo di “doppia vita” – di doppiezza- ma: sarebbe indice di tenerezza, delicatezza, comprensione, compassione e via discorrendo quell’atteggiamento di chiusura nel silenzio, quel rifiutare le risposte a domande avanzate su questioni di vitale importanza per la Chiesa e per il bene di soggetti offesi nella propria dignità da atti d’imperio, e negare l’incontro a persone non gradite, perché non allineate, se non addirittura allontanate?
    «Cercate…, anzitutto, il regno di Dio e la sua giustizia….Non preoccupatevi dunque del domani, perché il domani si preoccuperà di se stesso. A ciascun giorno basta la sua pena» (Mt 6, 33-34).
    Siamo esseri umani: non bastano (almeno a me), anche se sono di un certo conforto, benedizioni di Benedetto XVI, dichiarazioni e interviste varie… Dalle opere – ci è stato detto – li avremmo riconosciuti…
    Se le opere sono quelle raccontate tutti i santi giorni e che vede chi non si ostina a non voler vedere non saprei come si possa dormire sonni tranquilli.

  • Iginio ha detto:

    Caro Tosatti, qualche suo collega di Vatican News crede che esista ancora la “Repubblica Popolare d’Ungheria”, evidentemente ignorando che era la denominazione dello Stato comunista ungherese:
    https://www.vaticannews.va/it/mondo/news/2019-08/parolin-alla-cerimonia-della-madonna-di-cima-grappa.html

  • Borghese pasciuto ha detto:

    Dimenticavo …
    Sarei curioso di conoscere le teorie dei fondamentalisti cattolici su Israele e 11 settembre (dell’anticristo anche no).
    Ammetto che non ho studiato.

    • Borghese pasciuto ha detto:

      Mi riferivo a Massimiliano 1.51 pm.

    • Iginio ha detto:

      Che significa “anche no”?
      Trovo dappertutto questo curioso sintagma, che va di moda da qualche anno, ma non me ne è chiaro il significato. E non credo per mia colpa. Però tutti a usarlo, da bravi pecoroni. Ah, già, il Progresso.

      • Borghese pasciuto ha detto:

        Vuol dire che mi interessa conoscere l’idea dei fondamentalisti cattolici su 11 settembre e Israele, mentre dell’anticristo non mi importa proprio nulla (anche no, mi pare chiaro), chiunque ne parli.

        • Altro Giuseppe ha detto:

          A giuseppe rigorosamente minuscolo, nell’occasione borghese pasciuto, dici: “…fondamentalisti cattolici…”

          E tu da fondamentalista co…one, di loro cosa ne pensi.

        • Iginio ha detto:

          Quindi soltanto “NO”, non “anche no”, che è una contraddizione in termini (un po’ come uno che si fa chiamare Borghese pasciuto e poi fa il comunista: i comunisti li odiavano, i cosiddetti “borghesi pasciuti”). O sì o No. Punto.
          C’è gente che crede seriamente che le leggi della logica e della grammatica siano un sopruso fascista. Mah. Difficile discutere con costoro.

    • Altro Giuseppe ha detto:

      A giuseppe rigorosamente minuscolo, nell’occasione borghese pasciuto, dici: “…ammetto che non ho studiato”.

      Non hai bisogno di specificarlo, si vede benissimo.

  • Grog ha detto:

    A me invece piacerebbe sapere il nome di questo sito che si permette di infangare la memoria del grande Cardinal Caffarra.
    Certa gente é bene che venga esposta alla gogna e all’infamia eterna.

    • wp_7512482 ha detto:

      Farò di Roma

      • Iginio ha detto:

        Quello che inneggia a Chavez? 🙂 🙂 🙂
        Non ho visto l’articolo che insulta Caffarra, certo però che preferire Chavez a Caffarra…. Urgono ripetizioni scolastiche o magari qualche bel campo di rieducazione in salsa maoista, però con insegnamenti opposti 🙂 Anzi, no, in versione originale, maoista o polpottiana, così forse cominciano a ragionare davvero.

  • TITTOTAT ha detto:

    Però anche voi ambigui: È una guerra contro il GPII o contro l’insegnamento del vangelo, perché a me non importa l’ eredità di GPII, magari potrebbe spiegarsi la guerra perché i nuovi sono più ortodossi dei vecchi, chi lo sa? Dai titoli, dagli articoli, dagli editoriali non si capisce, si capisce solo che c’è una lotta intestina tra Woitylatri e Bergoliolatri,, se poi questo influisce sull’insegnamento dottrinale questo va detto sottovoce, in modo che nessuno lo senta, che nessuno si debba caricare la responsabilità di dichiarare fuori dalla chiesa coloro che la stanno tradendo. Dai, continuate così, il nostro è. Il Dio uno, trino e con più sfumature.
    Davvero i miei più sinceri complimenti.

  • a mano e in lavatrice ha detto:

    adesso ratzinger compincia a rompere parecchio i piani della mafia di san gallo e della lobby gay che fecero il golpe per costringerlo a dimettersi e mettere lì pol pot bianco. Se non stà attento lo avvelenano come i due cardinali tedeschi dei dubia, del resto è molto anziano, gli danno qualcosa che provochi una crisi cardiaca

  • GMZ ha detto:

    Suvvia, lasci stare Don Ezio: tempo addietro si arrabbiò così tanto sulla questione 8 per mille, da minacciare l’anatema per tutti gli sgranarosari che non firmavano per la Chiesa di Don Ciccio… Meglio non farlo arrabbiare! Tra l’altro adesso starà contando i soldi delle offerte: ci sono 20 centesimi di ammanco e non ci sverna – gli serve un po’ di tranquillità.

  • Il veritiero ha detto:

    Dobbiamo dire la verità, la colpa é di voi studenti dell’istituto! Se avevate fatto un affresco omoerotico nell’aula adesso i vostri professori erano cardinali, inveve voi non l’avete fatto e hanno deciso di riformare tutto. Già lo vedo l’ufficio della presidenza con un bell”affresco omoerotico in stile cattedrale di Terni , e le lezioni di teologia morale sostituite dai maestri di balletto della cattedrale di Montreal.
    Io voto a favore dei 2 Ballerini omosessuali di Montreal come nuovi docenti dell’istituto 😂

  • MASSIMILIANO ha detto:

    http://lanuovabq.it/it/i-gesti-anticristici-in-mezzo-a-noi-e-la-nostra-indifferenza. Se anche La Bussola apre gli occhi e smette di girarci intorno (La Bussola per me è un ottimo sito Cattolico, ma su anticristo, Israele e 11 settembre pare abbia qualche fettina di prosciutto sugli occhi) allora forse non siamo poi così lontani. I fatti sono stto gli occhi di tutti. Vogliamo ancora continuare a prenderci in giro? E il bello è che i suoi adepti sono i Mario gli Eloisa i Carloni i don Ezio e i borghesi pasciutelli… Vaglielo a spegare…! In ogni caso applausi a Silvana de Mari. Finalmente si parla chiaro! Saluti.
    Massimiliano.

    • carlone ha detto:

      😅😅😅😅😅 nell’ è l’elenco ha dimenticato Gesù Cristo ,che se eliminasse tutti suoi difetti potrebbe essere uno dei suoi !

    • Borghese pasciuto ha detto:

      Sentiamo: di chi sarei adepto, io?
      Di quale chiesa o contro-chiesa? Di quale bottega controcorrente?
      Di quale divinità sarei diventato adoratore?
      “Ah, che compagnie infelici” (cit.) che mi attribuisce…
      Quando leggo le vostre querelle per stabilire chi sia il più cattolico del reame, l’unica immagine che mi viene tristemente agli occhi è quella del bue che dà del cornuto all’asino.
      L’unica mia speranza per la vecchiaia è di non rimbambire, di non diventare mai complice di questo profondo sonno della ragione.

      • Borghese pasciuto ha detto:

        E poi la smetto, giuro: chi è don Ezio?

      • Altro Giuseppe ha detto:

        A giuseppe rigorosamente minuscolo, nell’occasione borghese pasciuto, dici: “L’unica mia speranza per la vecchiaia è di non rimbambire…”

        Lo sei già, rimbambito, lo si vede chiaramente da quello che scrivi. Su questo puoi stare tranquillo è difficilissimo peggiorare per te.

      • Monica ha detto:

        Credere nell esistenza del trascendente é ragionevole e logico. La ragione é offesa dall applicare il materialismo alla metafisica. Illogico.
        “La negazione della metafisica viene a coincidere col trionfo della banalità” (Schopenhauer).
        Quello che verifichiamo talvolta da alcuni commenti su questo blog.

    • Antonio Cafazzo ha detto:

      Bene. Bravo.
      Per Lei e per i frequentatori di questo blog (gli amici, gli “increduli”, i “trollers”, e gli interessati negazionisti) ho tradotto un brano di un vecchissimo libro del più intelligente e “azzeccato” interprete dell’Apocalissi perché come egli scrive, “il tempo è il migliore interprete delle profezie”). Notate la data del libro.
      “Secondo tutti i segni e le parole d’ordine che ci danno le Sacre Scritture, e altre cose non equivoche che ci offre il tempo, che di solito è il miglior interprete delle profezie, l’Anticristo o il contro-Cristo, del quale saremo minacciati nei tempi che precedono immediatamente l’avvento della Signore, non è altro che un corpo morale, composto da innumerevoli individui, diversi e lontani l’uno dall’altro: ma tutti uniti moralmente e animati dalla stesso spirito contro il Signore e contro il suo Cristo”. (da “Manuel Lacunza, La venida del Mesias en Gloria y Magestad”, Londres, 1826, pag. 361)

    • MARIO ha detto:

      Non so con quale autorità o per quale dono celeste di veggenza (visto che non sa assolutamente niente di me), lei abbia l’ardire o l’ardore sacro di catalogarmi tra gli adepti dell’……….(mi vergogno per lei persino a scriverlo).
      Io invece le auguro un’infinità di bene, ma lei si ricordi ogni tanto, dopo aver dato sfogo a tutta la sua aggressività (che non ha nulla a che fare con la difesa della verità), che col metro con cui giudichiamo saremo giudicati. Amen.
      Pace e bene.