CHILDREN RAISED BY HOMO PARENTS: HOW UNSERIOUS (AND UNRELIABLE) THE STUDIES ON THE ISSUE

22 Giugno 2019 Pubblicato da --

Marco Tosatti

Cari amici e nemici di Stilum Curiae, vogliamo segnalarvi un articolo interessantissimo trovato sul sito “Nelle Note“, che tratta di una ricerca compiuta da un professore americano Walter R. Schumm, sugli studi che vorrebbero dimostrare che i figli cresciuti in coppie omosessuali non differiscono in nulla rispetto a quelli cresciuti da un uomo e una donna. È l’ipotesi della “non differenza”, sostenuta ovviamente dalla lobby LGBT e acriticamente ingoiata e propalata dai mass media. Nel sito troverete i collegamenti al testo, che ovviamente viene poco diffuso perché contrario al politically correct. Qui offriamo una nostra traduzione della presentazione di Nelle Note.

Ψ

Dear friends and enemies of Stilum Curiae, we want to talk about  a very interesting article found on the “Nelle Note” website, which deals with a research carried out by an American professor Walter R. Schumm, on the studies meaning to show that children raised in homosexual couples do not differ in anything compared to those raised by a man and a woman. It is the hypothesis of “no difference”, obviously supported by the LGBT lobby and uncritically swallowed and propagated by the mass media. On the site you will find links to the text, which obviously is not widespread because it is contrary to political correctness. Here we offer our translation of the presentation of Nelle Notes.

 

 HOW UNSERIOUS IS THE RESEARCH ON CHILDREN GROWING IN GAY COUPLES

RESEARCH ON “HOMO-GENITAL” – A CRITICAL ANALYSIS

It is widely believed that there is “no difference” between how the children of homosexual parents and those of parents of the opposite sex grow. Professor Schumm, a distinguished social science expert, has conducted the most comprehensive research study to date, and in this book shows that this conclusion is false.

In this extremely valuable and in-depth volume, you will find everything you could want to know about the research of social sciences on the subject of homosexual parenting. Research on this topic is relatively new, for the simple reason that having many children raised in same-sex families is a fairly recent innovation.

But for several decades now, many people have been trying to argue that children in homosexual families grow just as well as in heterosexual families – perhaps even better. A number of studies have appeared on this topic, and many of them follow the idea that children raised by two homosexuals or two lesbians are fine, even more than fine. This is the  “no difference” hypothesis.

Schumm, a professor of family studies at Kansas State University, examines these researches in great detail and shows that most of them are incomplete, distorted, selective or politicized. Schumm says: “In this book I will examine and report these results in more detail than most scholars have done. The results will show, at the very least, that the situation is more complicated than many have conceded or, at worst, that the way in which the research has been interpreted has been largely aimed at favoring progressive values​​”.

This truly indispensable volume is divided into six parts.

In part 1 Schumm offers a very accurate and in-depth explanation and assessment of how research in the social sciences is done – or should be done -. In fact, one of the main themes of this volume is just how research in the field of social sciences is in fact biased, corrupted and politicized.

He proceeds with an in-depth reflection and asks in conclusion what kind of research is conducted and what it involves. For example: “Have all relevant variables been measured and tested? Have all the subpopulations been studied? Have the best statistical models been tested appropriately? ”

Part 2 examines what we know about same-sex parents. It makes clear how so many numbers are blatantly denied. Some have even suggested that there are 6 to 28 million children raised in these homes in America!

After a careful and thorough look at the data and the methodology used, Schumm claims that the numbers are much closer to 300,000. So some of these estimates should be reduced by a factor of 50! Once again, politics and ideology seem to prevail over the facts.

Other chapters focus on family stability in various types of families and on the issue of sexual abuse. Regarding the latter, he concludes: “Insufficient high quality studies have been conducted in this area to draw definitive conclusions about homosexual parents who abuse their children, while there is much evidence that in the LGBT adults pasta life there have been frequently child sexual abuse”.

Parts 3 and 4 give a very careful look at the children of these families and how they live. The various statements made about positive outcomes for children raised in same-sex families are meticulously examined, and most of them are found to be lacking.

For example, consider the frequent claim that having homosexual parents makes no difference in the way children develop in terms of sexual preference. Schumm says: “There are now dozens of studies that seem to disprove the “no difference” hypothesis and only a few that substantially (in terms of the size of the effect, if not of statistical significance) do not reject it”.

As regards the results on the various aspects of children’s mental health, once again, the “no difference” statements do not stand up well to a more thorough examination.  These conclusions are often and simply drawn by asking parents of the same sex questions about the mental health of their children. This is certainly not a scientific or objective method to determine such arguments.

“Until the studies systematically check the pre-existing differences between the two groups, that of the parents and the control group with regard to “social desirability”(the tendency of some interviewees to report a response in a way that they consider more socially acceptable than their “real” answer would be), I doubt we will get light on this issue. From a scientific point of view, it is not correct to take a group of highly educated and wealthy people, mentally healthy homosexual parents, and compare their children to the children of uneducated, poor, mentally ill heterosexual parents and think they have made a fair comparison “.

Part 5 examines the consequences of same-sex marriage. It is argued that same-sex marriage does not lead to negative repercussions for heterosexuals. Anecdotal evidence alone should refute this. But a lot of real evidence is examined, including how fertility rates are negatively affected.

Finally, part 6 offers some conclusive thoughts, such as the following:

“I regret the fact that many US courts have been deceived into accepting a distorted, incomplete research focused on significance levels rather than effect sizes as valid. Numerous studies have been neglected whose results would have caused problems to the   “no difference” hypothesis. Parenting research in same-sex couples has often been cited because it has reached politically correct conclusions, not because it was of the highest quality: in a sense, this book is an attempt to correct this imbalance”.

He reminds us that much of the pro-homosexual research of the “no difference” type is full of phrases like “not a single study” and “no evidence” and “irrefutable scientific evidence” and the like. Schumm calls this dogma, not science.

All this is due to the politicization and the lowering of the level of social science quality in the interest of promoting an agenda – in this case the radical homosexual agenda. As a result, “it appears that significant amounts of ‘facts’ have been ignored or suppressed in the process of promoting this agenda.”

Schumm has made clear in this book the result of in-depth research that “scientific consensus” can often be wrong. And he provided us with a great deal of examples of social science to support this. In fact, he states that it is striking that “90% of the over 70 literature reviews have drawn wrong conclusions on some aspects of same-sex parenting”.

And after this exhaustive examination of about 400 studies on the parenting of same-sex couples, the fundamental truth is this: “There seem to be significant and substantial differences between same-sex and heterosexual parents and in the long-term results of their children, contrary to many, many conclusions of numerous scholars of social sciences in recent decades”.





Questo blog è il seguito naturale di San Pietro e Dintorni, presente su “La Stampa” fino a quando non fu troppo molesto.  Per chi fosse interessato al lavoro già svolto, ecco il link a San Pietro e Dintorni.

Se volete ricevere i nuovi articoli del blog, scrivete la vostra mail nella finestra a fianco.

L’articolo vi ha interessato? Condividetelo, se volete, sui social network, usando gli strumenti qui sotto.

Se invece volete aiutare sacerdoti “scomodi” in difficoltà, qui trovate il sito della Società di San Martino di Tours e di San Pio di Pietrelcina


 LIBRI DI MARCO TOSATTI

Se siete interessati a un libro, cliccate sul titolo….


Viganò e il Papa


FATIMA, IL SEGRETO NON SVELATO E IL FUTURO DELLA CHIESA

  SANTI INDEMONIATI: CASI STRAORDINARI DI POSSESSIONE

  PADRE PIO CONTRO SATANA. LA BATTAGLIA FINALE

  Padre Pío contra Satanás

La vera storia del Mussa Dagh

Mussa Dagh. Gli eroi traditi

Padre Amorth. Memorie di un esorcista.

Inchiesta sul demonio.

Tag: , , ,

Categoria:

Questo articolo è stato scritto da wp_7512482

17 commenti

  • Adriana ha detto:

    Ehilà ! , Cristiani zelanti schizzinosi , tradizionalisti , intellettualisti ,amareggiati , pomposi farisei , ipocriti tenebrosi dal cuore impietrito …leggete che cosa dovete pensare e dire sul gender , le suore pretesse , l’Instrumentum Laboris -secondo la praxis della
    neo-cattolica chiesa –
    Fatevi almeno due risate – di disperazione e di esasperazione – dopo tanti pianti…
    https://www.aldomariavalli.it/2019/06/22/uomini-giusti-al-posto-giusto
    e non solo uomini ( e donne ) , ma anche Istituzioni .

  • Rafael Brotero ha detto:

    Purtroppo, da molto tempo i departamenti di scienza sociale, di filosofia e di psicologia della maggioranza delle grandi universita’ non sono luoghi dove si possa svolgere un lavoro scientifico serio.

  • Lia ha detto:

    Ma perché tutti questi articoli in inglese? Mi fa fatica tradurli e quindi non li leggo. E me ne dispiace

    • wp_7512482 ha detto:

      Cara Lia, sono una traduzione di quello che è pubblicato anche in italiano. Per aiutare persone che mi avevano chiesto di offrire anche i testi nella loro lingua. Non si perde nulla: anche in questo caso l’originale è in Nelle Note.

    • Davide ha detto:

      Google Translate…, offre un servizio gratuito di traduzione anche delle pagine web, come questa; e il risultato, pur con qualche piccola slegatura è perfettamente comprensibile

  • Monica ha detto:

    Un ricercatore avveduto é in grado di capire le “falle” di una ricerca dal punto di vista metodologico. Come mai i rewiever della rivista scientifica hanno dato l’ok alla pubblicazione di tali ricerche? Laddove vi sia discordanza decide l editore. Come mai l editore ha deciso di pubblicare tali ricerche nel caso in cui un rewiever abbia eventualmente sollevato problemi metodologici?

    • wp_7512482 ha detto:

      Temo non sia la prima volta che accade, in particolare su temi “politici”.

      • deutero.amedeo ha detto:

        Amico Tosatti, lei ha detto una verità sacrosanta.
        La ricerca scientifica non è un gioco da bambini. Già è facile cadere in errori facendo ricerche su cose materiali, ma su cose che riguardano la mente e la sensibilità umana in tutti i suoi aspetti, sia cognitivi, sia affettivi giungere a qualcosa di verificabile richiede onestà intellettuale, competenza e conoscenze approfondite riguardanti la metodologia e l’uso della statistica ( che non è la media del pollo di Trilussa, è molto ma molto di più). Purtroppo di gabbamondo è pieno il mondo. E’ gente che conta sull’ignoranza altrui per far passare per verità le più incredibili fandonie.

        • LucioR ha detto:

          «Già è facile cadere in errori facendo ricerche su cose materiali»

          Vero, e oltre che negli errori, nella propria malafede per motivi ideologici. Basti pensare alle balle che ci propinano sul “riscaldamento globale”, sul “buco dell’ozono”, sulla “deforestazione”, ecc.

          Per dirne solo una: negli anni ’80-’90 i giornali erano pieni di fotografie che mostravano un territorio costituito da nuda terra arida attraversata da profonde spaccature dovute alla siccità. Questa era la visione degli “scienziati” di allora, i quali vaticinavano, in base ai loro “rigorosi studi scientifici”, essere quello il destino dell’italia negli anni ’20 del secolo successivo, cioè quello attuale: l’Italia sarebbe diventata un deserto peggio del Sahara. Agli anni ’20 ci siamo arrivati; ma siamo periodicamente assillati dagli allarmi per nubifragi e allagamenti che fanno scivolare a valle mezzi paesi alla volta.

      • Monica ha detto:

        No, accade in molti campi di ricerca. Recentemente il metodo etnografico, spesso utilizzato nelle ricerche sociali, domanda la presa in conto della riflessività del ricercatore, cioé una esplicita autovalutazione della sua posizione culturale, delle sue credenze ecc. che possano influenzare la sua analisi e la ricerca in generale. Ma ho visto diverse ricerche dove ciò non é esplicitato nel protocollo di ricerca. Chi lavora nel mondo della ricerca accademica, nel suo proprio campo conosce la posizione di tale o tal altro ricercatore. Per posizione non intendo i temi di ricerca ma la sua visione della realtà. In Francia un ricercatore aveva pubblicato certe evidenze trovate con le sue ricerche , e dei ricercatori oltre oceano hanno fatto le pulci al suo metodo trovando impossibile che con un metodo rigoroso si arrivasse a tali conclusioni. Andando a fondo si sono trovate lacune grosse ed anche falsificazioni delle interviste. Questa persona ha perso credibilità, aspetto principe per un ricercatore. Ma, ripeto, se ha pubblicato su riviste, o in atti di congressi, chi e come ha valutato il suo lavoro prima?
        Non é questo il luogo per discuterne ma il mio commento puntava a sollecitare uno sguardo critico, e se possibile un approfondimento, quando ci si trova di fronte alle evidenze di una ricerca.

  • Anima smarrita ha detto:

    Le scienze sociali muovono e ruotano intorno all’intento di conoscere la società in tutti i suoi aspetti sottoposti a costanti mutamenti ed evoluzioni, si basano su metodi di ricerca plurali ed oggettivi e sono influenzati dalle ideologie e dalle correnti di pensiero. Pertanto – come sostiene il prof. Schumm a conclusione della sua corposa ricerca – i risultati degli studi non dovrebbero essere presentati né intesi come “dogma”, ma restare appunto “scienza”, conoscenza, tanto più che spesso – sottoposti al vaglio di ulteriori verifiche e più accurati approfondimenti – si rivelano sbagliati, imprecisi e suscettibili di correzioni.
    Il professore denuncia i frequenti errori commessi dal “consesso scientifico”- per l’influenza di “agende” di parte – ed ha scoperto «che il 90% delle oltre 70 recensioni di letteratura hanno tratto conclusioni errate su alcuni aspetti della genitorialità di coppie dello stesso sesso».
    Il bello della ricerca scientifica che consente di mettere a confronto tesi contrapposte e all’opinione pubblica di valutare la reale consistenza delle diverse conclusioni! Quello che è meno bello, dal mio punto di vista, è che dalla Chiesa non si senta su tale problematica una voce forte, chiara e insistente, come su altri temi affrontati e sostenuti con meticolosità maniacale.
    Permettetemi una digressione. Della notizia al link seguente qualcosa non mi torna. Al vescovo Zanchetta, sotto processo in Argentina, viene concesso il “permesso” di tornare in Vaticano, per motivi di lavoro; anche se nello stesso articolo si ricorda che è stato sospeso dal servizio. Ma non è stato avviato un “processo” anche in Vaticano, come lo stesso papa ha confermato nell’intervista a Televisa, dedicando a questo “caso” una dettagliata spiegazione? Bah!

    https://www.eltribuno.com/salta/nota/2019-6-21-15-53-0–en-medio-de-la-investigacion-autorizaron-al-obispo-zanchetta-a-volver-al-vaticano

  • Ángel Manuel González Fernández ha detto:

    Caro Direttore:
    “Pedofilia, la tolleranza zero di Papa Francesco manca di trasparenza ed è ricca di casi ingombranti”:
    https://www.ilmessaggero.it/vaticano/pedofilia_delpini_sepe_papa_francesco_abusi_vittime_insabbiamento-4573602.html
    Saluti.

  • Adriana ha detto:

    Coraggioso questo professore ! Dal rapporto Kinsey ( 1948 ) alle
    ” scoperte ” del dott. Money ( 1967 ) le dottrine scientifico- statistico- americane sulla sessualità si sono rette su basi fasulle , ma sono servite a far guadagnare un sacco di soldi a biologi e medici tanto privi di scrupoli quanto pieni di sé .
    Ancora più coraggioso in una America odierna dove il politicamente corretto sta diventando una censura totale !
    Dove gli Editor censurano perfino la parola ” pet “( offensiva per cani e gatti ) e impongono di sostituirla con
    ” animal companion “. Magari più adatta ai bimbi ” acquistati “-
    Interessante intervista alla scrittrice Francesca Marciano , la quale rivela come i giovani non si sorprendono della censura
    del “politicamente corretto ” perchè : ” Ci sono nati dentro ” .
    https://www.dagospia.com/rubrica-2media_e_tv/sapete-che-in-america-il-politicamente-corretto-sta-diventando-una-censura-totale

  • TITTOTAT ha detto:

    E certo che non differiscono, anche il più duro tra i giovani l’avete fatto diventare fru-fru!