NOBILE: IL PAPA E DIVENTATO AMICO DEI NEMICI DELLA CHIESA, E NEMICO DI CHI LA DIFENDE.

18 Giugno 2019 Pubblicato da --

Marco Tosatti

Cari Stilumcuriali, Agostino Nobile ci ha inviato una riflessione estremamente dura sulla situazione attuale della Chiesa. E, come è sua abitudine, l’ha corredata con ragionamenti stringenti per logica e realtà. È una riflessione estremamente triste, ma d’altronde quello che vediamo ogni giorno la rende credibile. Che Dio abbia pietà della Sua Chiesa.

 

Gli amici e i nemici di Bergoglio

Il 31 di maggio alla Mecca 139 rappresentanti dei Paesi musulmani sottoscrivono la Dichiarazione “No all’islamofobia”. Il documento è definito sotto la direzione del Mufti dell’Arabia Saudita a conclusione della XIV sessione ordinaria della Organizzazione della Cooperazione islamica. Nella dichiarazione si afferma la necessità di tutelare le differenze culturali e religiose per contrastare discorsi e comportamenti islamofobici. Nella Dichiarazione si sottolinea, tra l’altro, di «stare al fianco di quei musulmani che nei Paesi non islamici soffrono persecuzione, ingiustizia, coercizione e aggressioni» (…) «sostenerli e farsi carico della loro causa nei forum internazionali, per tutelare il loro pieno esercizio dei diritti politici (diritto di costituire partiti d’impronta islamica) e sociali nei loro Paesi, e sviluppare programmi e meccanismi che garantiscano la loro piena integrazione nelle loro società, lontano da ogni discriminazione.»

Cosa che l’ONU, Bruxelles e non pochi governi occidentali hanno già accolto da anni istituendo il reato di islamofobia. Il fatto che i maggiori persecutori di cristiani siano musulmani non lo prendono nemmeno in considerazione. In Arabia Saudita, come in altri paesi musulmani, ancora oggi è vietato erigere o restaurare chiese, è vietata la pubblicazione di testi sacri non musulmani, vietato mostrare il crocefisso in pubblico, vietato pregare anche tra le mura domestiche. In occidente i musulmani pregano per le strade e, grazie a Bergoglio, anche nelle chiese. I cristiani sono considerati cittadini di serie b. In non pochi paesi musulmani le donne non musulmane, prevalentemente cristiane, sono rapite, violentate e costrette a convertirsi all’islam. Ai pochi missionari presenti nel mondo musulmano (in Arabia Saudita non esistono) è vietato indossare oggetti e vesti religiose, nonché convertire i musulmani. Chi non ottempera alle leggi della sharia rischia la galera, le frustate, la decollazione.

Lo stesso giorno in cui i quotidiani pubblicavano la notizia sulla Dichiarazione “No all’islamofobia” c’era un’altra notizia sul quotidiano dei vescovi Avvenire, che titola: “Udienza. Papa Francesco ai nunzi: no a lussi e pettegolezzi”. Leggendo l’articolo ci si rende conto che l’intestazione è la classica polpetta per ingenui. Dispiace sottolinearlo, ma come spesso accade i commenti del vescovo di Roma tendono più confondere che a chiarire. Soprattutto perché il Catechismo è spesso infarcito di personalismi. Nei “comandamenti” che il Papa ha indirizzato ai 103 rappresentanti pontifici che hanno partecipato alla terza riunione voluta dal vescovo di Roma, che si è svolta in Vaticano dal 12 al 15 giugno, Bergoglio dice che il Nunzio ha il compito di interpretare «la sollecitudine del Romano Pontefice per il bene del Paese in cui esercita la sua missione; in particolare deve interessarsi con zelo dei problemi della pace, del progresso e della collaborazione dei popoli, in vista del bene spirituale, morale e materiale dell’intera famiglia umana»”. L’opposto di quello che affermano i mufti musulmani, i quali, come abbiamo visto, non parlano di famiglia umana ma solo di rispetto per i musulmani ovunque essi si trovino.

Per Bergoglio il Nunzio «è uomo del Papa» (…) «in quanto Rappresentante Pontificio il Nunzio non rappresenta sé stesso ma il Successore di Pietro e agisce per suo conto presso la Chiesa e i Governi, cioè concretizza, attua e simboleggia la presenza del Papa tra i fedeli e le popolazioni.» Essendo rappresentante «il Nunzio deve continuamente aggiornarsi e studiare, in modo da conoscere bene il pensiero e le istruzioni di chi rappresenta [non la Sana Dottrina, ma il papa]. Ha anche il dovere di aggiornare e informare continuamente il Papa sulle diverse situazioni e sui mutamenti ecclesiastici e sociopolitici del Paese a cui inviato.» (…) «È inconciliabile, quindi, l’essere Rappresentante Pontificio con il criticare alle spalle il Papa, avere dei blog o addirittura unirsi a gruppi ostili a Lui, alla Curia e alla Chiesa di Roma.»

Certo, le continue critiche possono sembrare eccessive, ma il vescovo di Roma sembra faccia di tutto per provocarle. Come abbiamo appena visto, mentre i rappresentati musulmani s’incontrano alla Mecca per difendere e promuovere l’Islam, Bergoglio incontra i nunzi per difendere sé stesso.

Non è necessario essere maliziosi o, come lui li definisce, “pessimisti queruli e disillusi” per rilevare la politica autorefenziale del papa. Quando Pietro è redarguito pubblicamente da Paolo non si defila dietro il silenzio, né lo copre d’improperi. Pietro si comporta come vero capo della Chiesa, umilmente: “Allora Pietro raccontò per ordine come erano andate le cose, dicendo…” (Atti 11-4)

Oggi i Paolo sono trattati come “Vecchie comari, Specialisti del Logos, Mummie da museo” ecc. Bergoglio non risponde alle domande e alle preoccupazioni dei cattolici. Si nasconde. E al momento opportuno insulta e umilia chi non si piega al suo neo-vangelo. È arrivato a dire che è “meglio vivere come un ateo anziché dare una contro-testimonianza dell’essere cristiani“. Come se l’ateo testimoniasse il bene e la rettitudine evangelica. Non parliamo poi degli atei comunisti che hanno macellato milioni di esseri umani. Cosa che anche i credenti cattolici “pettegoli”, “cavillatori moralistici” e “cristiani con la faccia da sottaceto” non farebbero mai, poiché temono il Giudizio Divino. Siamo convinti che Bergoglio non si è mai chiesto il perché viene sollecitato o criticato dai cattolici, mentre è ossequiato dai laicisti, musulmani e comunisti. Da come si comporta pare proprio che sia  consapevole del suo verbo acattolico. I ripetuti “Dubia” che ormai gli arrivano da tutte le parti lo snervano, per questo non dialoga e innalza le bandiere dell’insulto e del vittimismo. Non sarebbe più onesto seguire l’esempio di Cefa? “Allora Pietro raccontò per ordine come erano andate le cose, dicendo…”. Perché non lo imita? Elementare Watson!

I risultati li abbiamo davanti agli occhi. Mentre il papa cerca di annichilire l’identità dei cattolici fedeli alla Dottrina dei Santi, la roccia che ha sostenuto la Chiesa per duemila anni, i mufti armano di orgoglio, pur opinabile, i musulmani. Qualcosa non va. Siamo troppo sospettosi se pensiamo che in tutto questo c’è un disegno ben preciso? È un programma che coinvolge la Sinistra mondialista, la massoneria, il Vaticano, l’ONU, Bruxelles e i ricchi paesi musulmani? Chi pensa di saperla lunga parlerà di teoria della cospirazione. Ma i fatti dicono che dal 13 marzo 2013 il papa è diventato amico dei nemici della Chiesa e nemico di chi la sostiene. Non elenco i nomi e cognomi degli amici di Bergoglio, la lista gronda spesso di Sangue, ricordo solo alcuni nemici, i più conosciuti dai cattolici: gli evangelisti San Matteo, San Marco, San Luca, San Giovanni. San Pietro, San Paolo, Sant’Agostino d’Ippona, San Francesco d’Assisi, San Tommaso d’Aquino, San Bernardo di Chiaravalle, Santa Caterina da Siena.

Agostino Nobile





Questo blog è il seguito naturale di San Pietro e Dintorni, presente su “La Stampa” fino a quando non fu troppo molesto.  Per chi fosse interessato al lavoro già svolto, ecco il link a San Pietro e Dintorni.

Se volete ricevere i nuovi articoli del blog, scrivete la vostra mail nella finestra a fianco.

L’articolo vi ha interessato? Condividetelo, se volete, sui social network, usando gli strumenti qui sotto.

Se invece volete aiutare sacerdoti “scomodi” in difficoltà, qui trovate il sito della Società di San Martino di Tours e di San Pio di Pietrelcina


 LIBRI DI MARCO TOSATTI

Se siete interessati a un libro, cliccate sul titolo….


Viganò e il Papa


FATIMA, IL SEGRETO NON SVELATO E IL FUTURO DELLA CHIESA

  SANTI INDEMONIATI: CASI STRAORDINARI DI POSSESSIONE

  PADRE PIO CONTRO SATANA. LA BATTAGLIA FINALE

  Padre Pío contra Satanás

La vera storia del Mussa Dagh

Mussa Dagh. Gli eroi traditi

Padre Amorth. Memorie di un esorcista.

Inchiesta sul demonio.

Tag: , , ,

Categoria:

Questo articolo è stato scritto da wp_7512482

51 commenti

  • Gene ha detto:

    Vi consiglio di leggere un articolo di Matteo Matzuzzi su il Foglio. Ci chiarisce dell’improvvisazione e della incapacità di gestire la situazione della Chiesa cilena.
    Tra le altre cose il giornalista mette in rilievo dell’indifferenza dei cileni verso Bergoglio.
    Quest’ultimo è talmente preso dalla sua scriteriata idea immigrazionista, che non si accorge o fa finta, che i fedeli soffrono e sono disorientati dalle sue strampalate affermazioni. A lui non importa che duemila anni di cristianesimo stanno diventando delle semplici cose folcloristiche….

  • angy ha detto:

    La chiesa cattolica non è la vera chiesa di Cristo perché Gesù non ha delegato nessuno a prendere il suo posto. Gesù è Capo della chiesa poiché “è diventato per sempre sommo sacerdote alla maniera di Melchisedec” (Ebrei 6:20). Quindi l’apostolo Pietro non è mai stato papa.

  • Marino ha detto:

    La chiesa di Dio non è la chiesa cattolica……e nemmeno tutte le altre organizzazioni…….
    Dio parla all’individuo non ai gruppi.
    Gesù disse: chi crede in Me ha vita eterna.
    Non serve altro.
    Cercate la Verità e sarete liberi.

  • Gaetano2 ha detto:

    Se anche fosse stato eletto legalmente, ma come fate a definire “Papa” uno che tra l’altro si comporta così:

    https://m.youtube.com/watch?v=-ef3KBr_RAw

    Nemmeno in un film comico si avrebbe la fantasia di girare una simile scena….

  • Lucy ha detto:

    @ Fabrizio Giudici
    Hai scritto ” l’emorragia delle vocazioni non è generalizzata e certe realtà se la cavano molto bene finchè non arriva lui a distruggerle “.
    Notizione da Brive-la -Gaillarde diocesi di Tulle (Francia).
    Notiziona 1 : i sacerdoti della Comunità di san Martino chiedono di eliminare i canti profani da un concerto di corali in chiesa perchè ” non consoni a un luogo sacro”.Apriti cielo !!!.
    Notiziona 2 .Nel divampare delle polemiche il vescovo di Tulle , il cattolico Francis Bestio , difende la scelta perchè anche per lui ” le chiese sono destinate solo al culto cattolico “.
    Notiziona 3. Il vescovo Bestion in presenza di una situazione drammatica per carenza di vocazioni ha chiamato nella propria diocesi alcuni giovani sacerdoti, quelli della Comunità di san Martino che funziona egregiamente per la fioritura incessante di vocazioni .Al di lá del canto gregoriano , del latino , della talare,il fatto è che le vocazioni crescono dove c’è la grande Tradizione della Chiesa Cattolica , una seria formazione umana,spirituale , intellettuale e pastorale. Adesso non c’è che da sperare che la Comunitá di san Martino non finisca sotto l’occhiuto interesse dei giannizzeri di santa Marta per riportarne al Gran Capo.

  • wisteria ha detto:

    Continuo a pensare alle critiche smodato e livorose che sono state riversate su Salvini a proposito del Rosario che ha mostrato in campagna elettorale. Ieri mi sembra ne parlasse ancora il card. Ravasi. Sulle prime ho pensato che il Rosario fosse una scusa per colpire Salvini, ma ora propendo a credere che si voglia colpire proprio il Rosario, quindi il culto della Santa Madre di Dio. I giornalisti e i politici, ma acquisto punto anche taluni uomini di chiesa, mi sono apparsi quasi indemoniati e con la bava alla bocca. Voi che ne pensate? Prima o poi anche dure il Rosario sarà pericoloso?

    • Diana ha detto:

      Il rosario è già pericoloso: per i nostri vizi, per i nemici della Chiesa, per i peccatori indurito. Abbiamo una bomba di Grazia tra le mani.

  • Gaetano2 ha detto:

    Cito: ” IL PAPA E DIVENTATO AMICO DEI NEMICI DELLA CHIESA, E NEMICO DI CHI LA DIFENDE”

    Il “PAPA” chi? Ah, don Ciccio…

  • Astore da Cerquapalmata ha detto:

    Qualcuno che non ha parlato alle spalle c’è stato: Viganò, e per il Papa sarebbe stato meglio gli avesse parlato alle spalle.
    Vigano è assolutamente credibile, perché da quanto detto ha avuto solo da perdere e perché NESSUNO lo ha smentito.
    Nemmeno il Papa: i “non ricordo”, infatti, sembrano più una conferma non voluta che una smentita.
    E Vigano è stato devastante per il Papa.
    In linea di principio il Papa ha ragione: i Nunzi devono rappresentare il Papa, ma non il Papa fine a se stesso o l’azione politica del Papa, ma il Papa garante della FEDE e l’azione pastorale del Papa a vantaggio della fede.
    Anche i soldati devono ubbidire ai propri comandanti, ma se questi fanno gli interessi di un paese nemico, l’obbligo dell’ubbidienza decade.
    C’è la coscienza e la ragione.
    Se il Papa difende i Vescovi filo abusatori, non difende la fede e io, fossi nunzio, non difenderei il Papa.
    Difendere il Papa istituzione, non il Papa che opera sganciato dall’istituzione (il Papa che fa politica non usa del suo ufficio di successore di Pietro).
    Il Papa inizi a mandare a casa Mariadiaga, Cupich e altri suoi amici omosessualisti…

  • Astore da Cerquapalmata ha detto:

    Come chi si preoccupa tanto per l’omofobia in realtà è filo omosessuale, se non omosessuale lui stesso, così chi si preoccupa tanto dell’islamofobia: in realtà è filo islamico. Nel senso che tra cristianesimo e islam “tifa” per l’Islam.
    Perché in Occidente nessuno odia gli islamici perché islamici. Al massimo qualcuno li odia (ma NON dovrebbe farlo) perché molti islamici sono irrispettosi di chi li ospita, proprio in quanto islamici intolleranti degli altri.
    Perché chi conosce solo un po’ l’Islam, sa benissimo che gli islamici ( in genere!) si credono SUPERIORI.
    Non a caso nessun paese islamico, neanche il Marocco, riconosce la carta dei diritti umani.
    La dignità, nell’Islam, è data soprattutto dall’appartenenza alla comunità islamica e non è inerente alla persona

  • Catholicus ha detto:

    Amico dei nemici e nemico degli amici di Cristo : è lo stesso pensiero espresso dal giovane sacerdote che ha scritto ad Aldo Maria Valli, su Duc in Altum (e poi, in una successiva lettera, ha rivelato l’anticattolicesimo infernale che viene insegnato nei seminari, già in altre occasioni denunciati come postriboli, centri di sodomia, con i seminaristi ridotti al ruolo di fidanzatine di professori sporcaccioni schifosi). Ma forse la risposta ce la fornisce l’ultimo articoli di Francesco Lamendola “http://www.accademianuovaitalia.it/index.php/cultura-e-filosofia/la-contro-chiesa/7666-sono-creature-del-male”. Già in altra occasione, in un precedente articlo Lamendola ebbe a definire il clan bergogliano “una banda di delinquenti”, dizionario Treccani alla mano. Come conclude Lamendola “La Chiesa, da anni, è stata presa in ostaggio da una banda di massoni e satanisti … L’eresia al vertice della Chiesa non nasce con Bergoglio, ma già con Roncalli; e lo strumento per la sua instaurazione è stato il Concilio Vaticano II. Chi non ha compreso questo, non ha compreso nulla!” Affermazioni perentorie, apodittiche, che provengono da lunghi anni di studi e di riflessioni

  • ALBERTO ha detto:

    Esiste un Islam diverso da quello che che ci è dato conoscere qui in Italia e in Europa: la prossimità dei paesi arabi, segnatamente Nord Africa, Africa, Turchia e penisola Arabica, ci ha portato in casa una sua versione integralista e violenta. Persino la Libya era di molto cambiata al tempo di Gadaffi e non sembri esagerato il ricordarla con grande nostalgia e amore.

    In Oriente esistono diversi paesi islamici, retti da governi islamici, ove convivono in grande libertà e sicurezza tanti, tantissimi cattolici: in molti di questi paesi esistono pure Vescovi cattolici, che reggono Chiese anche fiorenti ed importanti. La convivenza tra mussulmani e cristiani è qui cosa del tutto quotidiana, anche se a volte messa in discussione da frange integraliste, di un integralismo di importazione e di natura eminentemente politica. Se mi è concesso, non di rado mi trovo a ritenere la qualità di vita laggiu’ di gran lunga superiore alla nostra attuale e per motivi che si possono facilmente riconoscere o immaginare: rispetto della legge naturale, degli stessi principi e valori che hanno caratterizzato per lungo tempo la nostra società e che ora sono derisi e calpestati dal modernismo.

    Guardate che non sto parlando di paesi poveri, ancora intrisi dei valori delle società contadine: sto parlando di pesi ricchi e industrializzati, città modernissime e vivibilissime.

    Il problema islamista non nasce certo in quelle realtà: nasce qui da noi, nell’area del Mediterraneo, in Turchia (in parte solamente) e in Africa.
    Siria, Iraq, Iran e, in larga parte, l’Egitto stesso, sono (erano) paesi meravigliosi, con popolazioni di grande cultura, molto ospitali ed amiche.
    Persino l’Iran: il suo problema non è la religione islamica, il suo problema è eminentemente politico. Un potere politico che si serve della religione per fini politici.

    Qualcuno sta fomentando un problema Islam e lo fa ben consapevole e con precisi interessi, stiamo attenti a non caderci pure noi. A parte le corbellerie di Bergoglio (ruffiane e false), l’immigrazionismo sfrenato e senza controllo sembra fatto apposta per far sorgere un conflitto tra cristiani e mussulmani e per farlo va a pescare in quei paesi di scarsa cultura e tradizione come il Nord Africa e l’Africa stessa.
    Se leggo bene gli accadimenti, il fine dell’immigrazionismo non consiste tanto nella destabilizzazione dell’Europa, quanto nella destabilizzazione dell’Italia e basta. L’Italia continua ad avere un ruolo strategico di enorme valore, legato
    proprio alla sua posizione geografica e qualcuno sta minando la sua religione, la sua cultura, la sua economia, la convivenza tra i cittadini al fine renderla del tutto ininfluente e preda delle piu’ varie scorrerie.

    • Iginio ha detto:

      Beh, però in Egitto non è che i cristiani vengano trattati proprio coi guanti…

      • ALBERTO ha detto:

        Per lunghissimo tempo copti e maomettani in Egitto hanno convissuto in piena pace e ancor oggi in larga parte lo fanno: solo di recente, e proprio grazie alle varie formazioni di Islam politico, peraltro di origine ancora assai oscura e dibattuta, i rapporti sono messi a dura prova. Non dimentichiamo che siamo in un quadrante di grandi tensioni politiche e dove esistono paesi che hanno grande interesse a mantenere viva una contrapposizione apparentemente religiosa ma dai contenuti fortemente politicizzati e legati appunto a politiche di potenza. Ad anni di distanza ancora non si sa nulla di quanto realmente accaduto al povero Regeni: quel che si sa è che qualcuno, non ben identificato ancora ma dai connotati forse assai chiari , ha tentato piu’ e piu’ volte di soffiare sulle braci ancora accese di quella vicenda.

        Non dimentichiamo che siamo, in quella Regione, al crocevia di tensioni che forse mai verranno assorbite e che, anzi, qualcuno ha interesse a tener ben vive. Il fatto che ancora, tutto sommato, l’Italia riesca a godere di una posizione che la vede come un vicino amico e non ostile, ha un che di miracoloso.

        • agostino nobile ha detto:

          Alberto, mi dispiace contraddirla. L’Islam non è rappresentato dai governi transitori tolleranti o meno, ma dalla dottrina coranica, considerata divina, dettata da Allah. In qualsiasi momento un paese musulmano laicissimo (come erano per esempio la Turchia e l’Iran) possono mutare in poche settimane. Così come accade in Medio Oriente, dove i cristiani in 50anni sono passati dal 25% al 5% circa di oggi. Non è il momento di fare valutazioni avventate mentre i cristiani rappresentano la comunità più perseguitata del pianeta, guarda caso quasi tutti nei paesi musulmani. Che poi ci siano gruppi massonici e ebraici interessati a dividere, non ci piove. Ma questo è possibile solo perché esiste una ideologia violenta come l’islam.

        • Iginio ha detto:

          Purtroppo le cose non sono così semplici. I cristiani copti sono sempre stati minacciati, per esempio anche ai tempi del Saladino lo erano. Anche nel corso del Novecento la loro situazione subì alti e bassi. Semplicemente, mentre nella seconda metà del Novecento anche in Egitto prevaleva il secolarismo di stampo occidentale nazionalista e socialista, attualmente prevale l’Islam.

        • Iginio ha detto:

          Il mio commento precedente era in risposta ad Alberto. Aggiungo: in ogni caso i cristiani egiziani erano e sono sempre in posizione di inferiorità di fronte ai musulmani, dato che non possono certo aspirare a cariche politiche o amministrative che li porrebbero in posizione di superiorità rispetto ai musulmani.

  • virro ha detto:

    quanto è falso il diavolo!!!!!

  • Pier Luigi Tossani ha detto:

    “«È inconciliabile, quindi, l’essere Rappresentante Pontificio con il criticare alle spalle il Papa, avere dei blog o addirittura unirsi a gruppi ostili a Lui, alla Curia e alla Chiesa di Roma.»

    sì, l’avevo notato anch’io, è penosissimo… anche perché lui manco risponde, da uomo, alle correzioni documentate fattegli pubblicamente – altro che di spalle. Pazienza, ha scelto la sua strada, se la vedrà nel Giorno del Giudizio, come tutti noi, con l’aggravante che a lui erano stati affidati moooolti talenti.

  • associazione mi dispiace per gli altri ma dio è cattolico ha detto:

    ha dimenticato il più grande di tutti: SANT’AMBROGIO

  • deutero.amedeo ha detto:

    Ieri il Santo Padre rivolgendosi ai Partecipanti al Capitolo Generale dell’Ordine dei Frati Minori Conventuali, dopo aver a lungo parlato di argomenti quali la formazione, l’interculturalità, la condivisione e la trasparenza nella gestione economica, ha fatto una dichiarazione che a me è parsa come la palese ammissione di una disfatta:
    –Solo così potremo contenere, almeno in parte, l’emorragia degli abbandoni che colpisce la vita sacerdotale e consacrata.–
    Poi non dicano che certe situazioni ce le stiamo inventando noi per denigrarlo.

    • Fabrizio Giudici ha detto:

      Che poi quello che dice è una falsità, e lo sa. Sa benissimo che l’emorragia delle vocazioni non è generalizzata e certe realtà se la cavano molto bene; finché non arriva lui a distruggerle, come i Francescani dell’Immacolata. Sono semmai i più progressisti e svalvolati che hanno problemi (e meno male)

    • Anima smarrita ha detto:

      A: deutero.amedeo @ 9:54 am
      La chiave di volta per “contenere… l’emorragia degli abbandoni” – si badi: fa riferimento a“abbandoni”! non a crisi di vocazioni – è nei «formatori che conoscano l’arte del discernimento e dell’accompagnamento».
      Che abbiano imparato veramente alla perfezione tale “arte” e la traducano in risultati concreti! per non ritrovarsi magari nella situazione che un candidato al sacerdozio “abbandoni” qualche giorno prima della data fissata per l’ordinazione, come è successo col “nominato” ad essere vescovo ausiliare a Santiago del Cile, costretto a dimettersi prima di essere consacrato, a seguito di sconsiderate dichiarazioni rilasciate alla stampa.
      Ah! il discernimento … parolina magica che torna e ritorna ad ogni buon (?) conto… anche nell’Instrumentum Laboris per il prossimo Sinodo per l’Amazzonia… discernimento, ma: “caso per caso” nella scelta dei viri probati e dei ministeri da affidare alle donne.

    • TITTOTAT ha detto:

      Facciamo il punto sulle apparizioni Mariane e i suoi frutti.
      Padre Tognetti ha avuto la chiamata Medjugoriana, ed è pro Francesco, a sua volta la madonna di Medjugorie ha convalidato l’ elezione di Papa FRancesco. Quindi non può essere Francesco secondo Tognetti l’ anticristo. A suo volta anche don Minutella è un medjugoriano che però è litigato con mezzo mondo tradizionalista di Medjugorie e non crede che la madonna per bocca di Maria la slava abbia più volte detto che papa Francesco è un suo fedele servitore, quindi don Minutella sostiene che la veggente è una bugiarda. Don Minutella crede anche nelle apparizioni a Pedro regia, e sua volta quest’ultimo afferma che la Madonna non appare a Madjugorie e quelli di Medjugorie affermano che la madonna non appare a nessun altro perché queste loro sono le ultime in assoluto. Poi c’è Socci che è Medjugoriano ma non ne vuole sapere della benedizione delle veggenti a Francesco ed insulta don Minutella. Socci è Ratzingeriano e quest’ultimo si guardava bene dal riconoscere quella zingarata, mi immagino quale obbedienza avrebbe avuto Socci nei confronti del suo Papa preferito!

  • Elia ha detto:

    Solo un assaggio delle visioni avute dalla Beata Anna Caterina Emmerich.
    “Vidi una strana chiesa che veniva costruita contro ogni regola… Non c’erano angeli a vigilare sulle operazioni di costruzione. In quella chiesa non c’era niente che venisse dall’alto… C’erano solo divisioni e caos. Si tratta probabilmente di una chiesa di umana creazione, che segue l’ultima moda, così come la nuova chiesa eterodossa di Roma, che sembra dello stesso tipo…”. (12 settembre 1820)
    “Ho visto di nuovo la strana grande chiesa che veniva costruita là [a Roma]. Non c’era niente di santo in essa. Ho visto questo proprio come ho visto un movimento guidato da ecclesiastici a cui contribuivano angeli, santi ed altri cristiani. Ma là [nella strana chiesa] tutto il lavoro veniva fatto meccanicamente. Tutto veniva fatto secondo la ragione umana… Ho visto ogni genere di persone, cose, dottrine ed opinioni.
    C’era qualcosa di orgoglioso, presuntuoso e violento in tutto ciò, ed essi sembravano avere molto successo. Io non vedevo un solo angelo o un santo che aiutasse nel lavoro. Ma sullo sfondo, in lontananza, vidi la sede di un popolo crudele armato di lance, e vidi una figura che rideva, che disse: “Costruitela pure quanto più solida potete; tanto noi la butteremo a terra””. (12 settembre 1820)
    “Vedo il Santo Padre in grande angoscia. Egli vive in un palazzo diverso da quello di prima e vi ammette solo un numero limitato di amici a lui vicini. Temo che il Santo Padre soffrirà molte altre prove prima di morire. Vedo che la falsa chiesa delle tenebre sta facendo progressi, e vedo la tremenda influenza che essa ha sulla gente. Il Santo Padre e la Chiesa sono veramente in una così grande afflizione che bisognerebbe implorare Dio giorno e notte”. (10 agosto 1820)
    Poi vidi un’apparizione della Madre di Dio, che disse che la tribolazione sarebbe stata molto grande. Aggiunse che queste persone devono pregare ferventemente… Devono pregare soprattutto perché la chiesa delle tenebre abbandoni Roma”. (25 agosto 1820)

  • Angelo Lamberto ha detto:

    Una dolorosa, ma reale sintesi dell’attuale stato in cui si trova la chiesa cattolica, guidata con la precisa intenzione di distruggerne i valori fondanti.
    Quello che più sconcerta è il quietismo se non la connivenza verso tutto ciò , da parte delle istituzioni ecclesiali , e dei suoi ministri consacrati…………questo non lo capisco e non lo so accettare.
    Grazie sig. Tosatti per il suo costante impegno a tenere alta la bandiera della nostra cristianità
    Buon lavoro 👋👌🤗👋

    • Maria Cristina ha detto:

      La fede semplice ma autentica dei cattolici semplici, umili, non adulti, ma fanciulli sotto il Manto della Santa Vergine oggi si erge come baluardo e diga ad arginare una luciferina superbia che sembra possedere le gerarchie ecclesiastiche. Talmente luciferine da non poter neppure piu’ sopportare l’ ostensione di simboli religiosi quale la croce il Rosario, e di saltar su come tarantolati se un politico italiano ha osato affidare l’ Italia al Cuore Immacolato di Maria.
      La lotta finale sara’ fra la Donna incoronata di stelle e il Serpente Antico. I semplici, gli umili i poveri in ispirito ( che non sono semplicemente i privi di soldi come oggi si travisa ) sono i portatori della fede in questa epoca travagliata. Come profetizzo’ San Guignon De Montfort nel 1700, gli apostoli degli ultimi tempi saranno i consacrati a Maria, il suo esercito, un esercito di poveri sconosciuti, umili semplici puri casti ,che procederanno con la Croce nella mano destra e il Rosario nella sinistra.
      Non guardiamo piu’ come centro della nostra fede a Roma, perche’ la Madonna ha profetizzato a La Salette che Roma diventera’ la sede dell’ Anticristo. Guardiamo piuttosto al Golgota, alla Croce, al Santo Sepolcro, ai luoghi Mariani dove la Vergine e’ apparsa, La Salette, Lourdes, Fatima, Akita, e tanti altri. Guardiamo a Gesu’ e alla Vergine come nostre guide . Preghiamo per il Papa e per i cardinali, ma non dobbiamo per forza ritenerli nostre guide se si discostano dalla retta fede cattolica.

  • Mazzarino ha detto:

    Siamo nel 2019. Finalmente i cattolici, quelli veri, si accorgono di ciò che era evidente fin dal marzo 2013. Lo sgomento palpabile di piazza S. Pietro all’udire quel nome si ormai è esteso in tutta la terra. Ci sono voluti però ben 7 anni. E la cosa è stata possibile grazie al popolo cristiano italiano che con nella mano un Rosario ha urlato il “vaffa” a Bergoglio in cabina elettorale. I vescovi sono finalmente groggy e allo sbando, sono incattiviti e nervosi e temono la fine che tocca ai servi regime quando il regime tirannico crolla. Il fantasma Bergogliesku, nominato fin dal marzo 2013, turba i sonni viola. I sacerdoti invece, se ne impipano di Bergoglio ed attendono che tiri le cuoia pregando per questo. L’alto tradimento di un’accettazione infingarda, fatta allo scopo di distruggere l’istituzione elettrice, non ha nel diritto canonico una via d’uscita di sicurezza. Lo seppe la sinistra americana partecipando alle merende sangalline organizzate con la Clinton dalle suore abortiste d’oltreoceano. Per cui il massocomunista infiltrato porterà inevitabilmente a termine (lo ha già fatto per il 95%) la distruzione dell’Istituzione. Certo la Chiesa non morirà ma i sacerdoti che hanno cura delle anime ed i religiosi che sostengono la Chiesa di Cristo con le loro preghiere, vero un cancro da sterminare per la Falsa chiesa bergogliana, dovranno soffrire. Ad uscirne purtroppo non basterà la fine di Bergoglio. In sette anni le metastasi del sinistrismo ambientalista abortista eutanasista americano sono giunte col PD e Bergoglio fino all’ultimo pasdaran parrocchiale italiano. Cari veri giovani sacerdoti se non obbedite un Kapò vi segnalerà alla polizia segreta e resterete in mezzo alla strada come i FdI come Familia Cristi, come tanti religiosi colpevoli di pregare troppo e di non partecipare alle primarie PD o ai Gay Pride. Con buona pace di Parolin, si chiude bottega! Ma la novità, rispetto ad un anno fa, è che il popolo cristiano (TUTTO) è pronto ad aprirne un’altra, anzi riaprirà la stessa che i traditori di Cristo hanno chiuso. Un comunista infiltrato non si può canonicamente eliminare? Vuol dire che l’Istituzione, come l’abbiamo conosciuta negli ultimi cento anni salterà. Evidentemente così Provvidenza ha disposto. E’ in fondo l’unico modo per liberarla dal potere dei movimenti (embrionali sette simil protestanti fiorite col CVII) che da sessant’anni la fagocitano e, in suo nome, fanno affari. E per riprendere la Via abbandonata.

    • Rafael Brotero ha detto:

      Un comunista infiltrato non si può canonicamente eliminare? …

      Si, si può. Canone 332.2.
      Per lo meno questo infiltrato argentino invalidamente eletto.
      Da un vero Papa eretico e apostata, legittimamente eletto, ci protegge lo stesso Signore: non praevalebunt.

  • Adriana ha detto:

    Le ” Guerre stellari ” di Biglino e il ” Vangelo hyppie ” di Staino gareggiano a Shangai per l’Oscar della Nuova Fede . E intanto ,
    alla Mecca , organizzano un contro-festival… Tranquilli :
    Bergoglio non benedirà nessuno ! Visto che non ci crede…

  • TITTOTAT ha detto:

    A’ Francé si tu fussi davveru Francé, diresti ai petteguli e vittime:

    Laudato si’, mi’ Signore,
    per quelli ke perdonano per lo Tuo amore
    e sostengo infirmitate e tribulazione.
    Beati quelli ke ‘l sosterrano in pace,
    ka da Te, Altissimo, sirano incoronati.

    Stai mattina e sera a difenderti, mi puzza, mi puzza.

    • Maria Cristina ha detto:

      Come il diavolo e’ capace di travestirsi da “ Angelo di luce” , come l’ Anticristo sara’ capace di scimmiottare in tutto e per tutto Cristo, cosi il nostro “ Francesco” crede di ingannare col suo imitare il Santo poverello di Assisi quando e’ evidente che ne e’ l’ esatto contrario .

  • Anima smarrita ha detto:

    «Per arrivare all’alba non c’è altra via che la notte» (Kahlil Gibran). E che Dio ci sorregga nel percorso!

  • Amico di sè ha detto:

    Questo papa aveva suggellato e unto la peggior dittatura al mondo rappresentata dalla Cina al costo di mettere a tacere ogni ingiustizia e persecuzione pur di rendere omaggio al proprio simile e alleato . A causa di ció , invece di pregare per l’Europa affinchè non rimanesse nei peccati di svendita dei cristiani e delle proprie radici , dando seguito con la Testimonianza che dovrebbe dar compimento a un ritorno e ad una crescita dell’intero universo cristiano , non ha fatto altro che andare a colpire con i suoi anatemi proprio quell’universo fatto di uomini piccoli e grandi che Lui è sempre pronto e impenitente a distruggere ovunque emerga questo seme . Cristo è invece venuto a salvare e a beneficiare ció che rischiava di andare perduto . Dice di non pregare per i potenti cristiani che Lui reputa nemici numero uno , affinchè venga meno la Testimonianza comune che riporta ordine, comunione , principio e fine nel mondo intero . Il rimanere saldi nella fede , dando sempre testimonianza alla verità , anche con la semplice preghiera , come la donna che nel far ció compí cose che avvengono dove il nome di Dio è invocato e non calpestato e rinnegato da Giuda e dai falsi amici dei poveri. Questa unità nel Figlio e una voce unanime come di un’Unica offerta gradita a Dio che dispensa ovunque il profumo della carità e i beni di Cristo , volti addirittura anche alla conversione di questo complotto islameuropeocomunista anti cristico. Nonostante Gesú Cristo elogi i Vescovi e le loro virtú che non potranno mai avere un pensiero unico, come la follia di questo pontefice vorrebbe scervellare ovunque, Egli li perseguita , li declassa, costringendo non solo il popolo di Dio , piccoli e grandi , ma l’intera gerarchia dei ministri Signore inducendo a compiere peccati su peccati di ogni genere e tenore . Tuttavia l’Europa avendo ancora determinate radici potrà e saprà superare questa tentazione e fare il bene rimuovendo i legami con l’inutilità scegliendo il la giustizia e la verità.

  • to's ha detto:

    Il titolo scelto da Tosatti per il pezzo di Nobile mi pare piuttosto chiaro . Lui è amico di chi combatte la chiesa ed è nemico di chi la difende . -raccomandiamoci anzitutto a santa Giovanna d’Arco , che ha esperienza specifica in questi casi. – Ma riflettiamo , se Lui è mio nemico e amico dei miei nemici , io che posso fare ? dargli ragione ? pregare per lui ?

  • fabio.g ha detto:

    IO CREDO CHE IL PRINCIPIO ISPIRATORE DEL MALE, QUELLO PROFETIZZATO E VISTO DA PAPA LEONE XIII STIA CREDENDO DI VINCERE . VORREI FAR NOTARE AI LETTORI DI STILUM CURIAE CHE IN QUESTI GIORNI RICORRE IL TRENTENNALE DELLA CADUTA DEL MURO DI BERLINO , LA CADUTA DEL COMUNISMO , -1989- NESSUNO LO RICORDA , NESSUNO VUOLE RICORDARLO . PERCHE’ ? PERCHE’ NON E’ PER NULLA MORTO, SI E’ TRASFORMATO ED HA PERSINO OCCUPATO IL POSTO DI COMANDO DI CHI HA SEMPRE COMBATTUTO ED HA CONSIDERATO OPPIO DEI POPOLI .

  • Lizuz ha detto:

    La nostra bontà ci sommergerà.
    E dovremo dar conto dei talenti che abbiamo sotterrato.

    • Giuseppe ha detto:

      La vostra bontà???
      Se un marziano arrivasse sulla terra (o perché no? se Gesù….) e leggesse la gran parte dei vostri commenti …

      • tito ha detto:

        a GIUSEPPE ( La vostra bontà ?) – se un marziano leggesse i suoi commenti perderebbe ogni voglia di frequentare la terra . Se poi venisse Gesù persaonalmente invece credo proprio che la miracolerebbe , come fece con l’indemoniato. Ma son quasi certo che Giuseppe è lo pseudonimo di…

      • Rafael Brotero ha detto:

        … direbbe forse: la fede c’e’ ancora, puo mancare un po’ l’intelligenza o il coraggio nella fede, ma la fede c’e’.

  • HK ha detto:

    mi rivolgo a voi santi sacerdoti di Cristo, Vescovi, Cardinali, semplici parroci : ma come fate a celebrare la santa messa e poi insegnare quello che questo papa scrive e dice ? come fate a obbedire a Dio e a Bergoglio ? come fate ??

  • Franz ha detto:

    riporto un pensiero di san Josemaria Escrivà , Solco , 115 : – A volte penso che i nemici di Dio e della Chiesa , che sono in pochi , vivono della paura di molti buoni , e mi riempio di vergogna. – Credo proprio che san Josemaria avesse inteso tutto e fosse stato profeta . Bastà viltà ! siate uomini di Dio !

  • Ángel Manuel González Fernández ha detto:

    Caro Direttore una volta:
    IL PROBLEMA E LA CHIESA CATTOLICA, LA CHIESA CATTOLICA E IL PROBLEMA
    Francesco: Papa della misericordia. Papa dei poveri. Papa del perdono. Papa degli disprezzati del dogma. Papa del discernimento. Papa delle periferie. Papa eretico. Papa scismatico. Papa peronista. Papa dittatore. Papa despota. anti-Papa …: “Pastore stolto e Falso profeta” Zaccaria e Apocalisse. Punto!
    GRUPPI:
    Tra i battezzati della Chiesa cattolica ci sono tre gruppi:
    Il più numeroso è quello di coloro che non sanno né vogliono sapere cosa sta succedendo e cosa sta per accadere e rimangono in silenzio.
    Meno del precedente ma ce ne sono anche molti è il gruppo di “chupamedias” e quelli che sono contenti del loro Francesco.
    L’ultimo gruppo è inferiore al precedente ma ogni giorno che passa è in aumento, e sono quelli come il ricordato Mario Palmaro: “Questo Papa non ci piace”. Sono quelli che dicono di essere un cattivo Papa, un dittatore, un despota, un anti-Papa; ma questo è vero solo per metà, perché quelle affermazioni sul Papa non sono nuove e si sono verificate prima e in molte occasioni in tutta la storia della Chiesa.
    “Tutti sono contati”, ma per ingannare molti o quasi tutti questi ultimi gruppi Francesco ha un’ultima lettera: il suo attentato, che sarà considerato morto e “miracolosamente” tornerà in vita dopo tre ore o ai dopo tre giorni.
    E poi non c’è un gruppo ma un pazzo che sostiene di avere provi e indizi di prova che Francesco è il profetizzato “Pastore stolto e Falso profeta” di Zaccaria e Apocalisse, e che tre dei quattro segni che annunciano il “Fine del Mondo” profetizzato dal Signore, e che manca solo l’aspetto dell’Anticristo, che è il quarto e ultimo segno.
    SEGNI DEL FINE DEI TEMPI:
    È curioso il comprovare che la gente di buona volontà non è capace di vedere “i segni dei tempi” “degli Ultimi Tempi.” Il primo, l’assassinio annuale di 40 a 60 milioni di non nati Salmi 22:11. 139: 13, 15, 16: il male come “un bene e un diritto” e Apocalisse 6:10-11
    http://www.worldometers.info/abortions/
    Il secondo, la profetizzata “apostasia” Luca18:8. 2Tessalonicesi 2:1-12. 1Tmoteo 4:1; ma come è una “apostasia silenziosa”…
    Il terzo, il volere confondere Francesco come un cattivo Papa o un Papa dittatore, invece del profetizzato “Pastore stolto e Falso profeta” Zaccaria 11: 15-17 e Apocalisse 13:11. 16:13. 19:20. 20:10 .
    Il quarto e ultimo segno è l’Anticristo, l’Infedele, il Seduttore che ancora non è conosciuto perché Satana non gli ha dato tutto suo Potere.
    SEI ANNI…Prove:
    13 ottobre 2013 inganno religioso: non c’era consacrazione.
    Eresie contro Dio e la Madre di Dios: 20 dicembre 2013 e 29 maggio 2015.
    15 agosto 2015 divorzio cattolico per “ecc”.
    18 aprile 2016 correge a Dio in Giovanni 8:11, Amoris laetitia, nota 351.
    8 ottobre 2018: Maria Piena di Grazia “una ragazza normale…”.
    252 insulti e offese.
    112 ego interviste, libro intraviste intraviste libro; film, “ecc…”: https://lossegadoresdelfindelmundo.blogspot.com/2019/02/ego-entrevistas-e-insultos-y-desprecios.html
    E così minimo 10 anni più del profetizzato “Pastore stolto e Falso profeta” Francesco.
    Saluti.

    Estimado Director una vez más:
    EL PROBLEMA Y LA IGLESIA CATÓLICA, LA IGLESIA CATÓLICA Y EL PROBLEMA: Papa de la misericordia. Papa de los pobres. Papa del perdón. Papa de los despreciados del dogma. Papa del discernimiento. Papa de las periferias. Papa hereje. Papa cismático. Papa peronista. Papa dictador. Papa déspota. Antipapa…: “Pastor necio y Falso profeta” Zacarías y Apocalipsis. ¡Punto!
    GRUPOS: Entre los bautizados de la Iglesia católica existen tres grupos:
    El más numeroso es el de los que ni saben ni quieren saber lo que está pasando y lo que va a pasar y guardan silencio.
    Menos que el anterior pero también son muchos es el grupo de los “chupamedias” y los que están contentos con su Francisco.
    El último grupo son menos que el anterior pero que cada día que pasa va en aumento, y son los que como el recordado Mario Palmaro: “Este Papa no nos gusta”. Son los que dicen que es un mal Papa, un dictador, un déspota, un antiPapa; pero eso es solo media verdad, porque esas afirmaciones sobre el Papa no son nuevas y se han producido antes y en muchas ocasiones a lo largo de la Historia de la Iglesia.
    “Todos están contados”, pero para engañar a muchos o a casi todos los de este último grupo Francisco tiene una última carta: su atentado, del que se le dará por muerto y “milagrosamente” volverá a la vida a las tres horas o a los tres días.
    Y luego hay no un grupo sino un loco que va afirmando que tiene pruebas e indicios de prueba que Francisco es el profetizado “Pastor necio y Falso profeta” de Zacarías y Apocalipsis, y que ya han aparecido tres de los cuatro signos que anuncian el “Fin del Mundo” profetizado por el Señor, y que solo falta la aparición del Anticristo que es el cuarto y último signo.
    SIGNOS DEL FIN DE LOS TIEMPOS: Resulta curioso el comprobar que la gente de buena voluntad no es capaz de ver “los signos de los tiempos” de los Últimos Tiempos”.
    El primero, el asesinato anual entre 40 a 60 millones de no nacidos Salmos 22:11. 139:13,15,16: el mal como “un bien y un derecho” y Apocalipsis 6:10-11.
    http://www.worldometers.info/abortions/
    El segundo, la profetizada “apostasía” Lucas 18:8. 2Tesalonicenses 2:1-12. 1Tmoteoi 4:1; pero como es una “apostasía silenciosa”…
    El tercero, el querer confundir a Francisco como un mal Papa o un Papa dictador, en lugar del profetizado “Pastor necio y Falso profeta” Zacarías 11:15-17 y Apocalipsis 13:11. 16:13. 19:20. 20:10 .
    El cuarto y último signo es el Anticristo, el Impío, el Seductor, que todavía no es conocido porque Satanás no le ha dado todo su Poder.

    SEIS AÑOS… PRUEBAS: 13 octubre 2013 impostura religiosa: no hubo consagración. Herejías contra la Madre de Dios: 20 diciembre 2013 y 29 mayo 2015. 15 agosto 2015 divorcio católico por “etc”. 18 abril 2016 corrige a Dios en Juan 8:11, Amoris leatitia, nota 351. 8 octubre 2018: María Llena de Gracia “una chica normal…”. 252 insultos y desprecios. 112 ego entrevistas -99 en diciembre libro entrevista entrevista libro-; películas, “etc…”: https://lossegadoresdelfindelmundo.blogspot.com/2019/02/ego-entrevistas-e-insultos-y-desprecios.html Y así mínimo 10 años más del profetizado “Pastor necio y Falso profeta” Francisco.
    Saludos.

  • g.mottola ha detto:

    CONDIVIDO IL PENSIERO DI NOBILE,MA LO SCOPRE SOLO ORA ? ORA , FA BENE A CONTINUARE A DENUNCIARLO,MA DOVREBBE ANCHE ANDARE OLTRE . CERCANDO , SE SI SENTE IN GRADO DI FARLO, DI SPIEGARE PERCHR’ BERGOGLIO E’ IL PAPA , CHI LO HA IMPOSTO, DOVE VUOLE PORTARE LA CHIESA, PERCHE’ , A PARTE 4 -TRADIZIONALISTI- INASCOLTATI E SENZA SEGUITO , L’INTERA GERARCHIA DELLA CHIESA, I RESPONSABILI DEI MOVIMENTI ECCLESIALI , QUALI CIELLE , NEOCATECUMENALI, RINNOVAMENTO, OPUSDEI, FOCOLARINI, ECC. TACCIONO E ACCONSENTONO ? COSA C’E’ DI VERO , CHE NOI NON SAPPIAMO O NON CAPIAMO, NEL MESSAGGIO DI BERGOGLIO ? BERGOGLIO CI VUOLE DIRE CHE E’ TUTTO UNA MENZOGNA E CHE ORA DI FINIRLA ? E TUTTI I CAPI DELLA CHIESA E MOVIMENTI LO SAPEVANO E SONO PERTANTO CONSENZIENTI ? E’ POSSIBILE CHE UN UOMO DI DIO , CHE CREDE VERAMENTE NELLA RIVELAZIONE, POSSA ACCETTARE CIO’ CHE DICE E FA BERGOGLIO ? QUALI CONCLUSIONI QUINDI ? L’ANGELO RIBELLE STA VINCENDO ? STA SPEVENTANDO TUTTI, DICO TUTTI , I SANTIUOMINI DELLA CHIESA ? CERTO NON STA SPAVENTANDO ME.!