SUPER EX SI CHIEDE: LA FRATELLANZA INDICATA DA PAPA BERGOGLIO È QUELLA CRISTIANA O QUELLA MASSONICA?

6 Giugno 2019 Pubblicato da --

Marco Tosatti

Cari amici e nemici di Stilum Curiae, Super Ex (ex del Movimento per la Vita, ex di Avvenire, ex di varie altre cose cattoliche ma non ex cattolico, anzi…) ci ha mandato una riflessione sulla fratellanza; quella cristiana e quella di cui abbiamo sentito tanto parlare in questi ultimi tempi, in particolare dopo il discusso e discutibile documento firmato dal Pontefice regnante ad Abu Dhabi. Ci sembra opportuno ricordare i complimenti di George Soros dopo il discorso sui Rom in Romania, e quello che Stilum Curiae ha pubblicato qualche tempo fa, sullo straordinario amore dei massoni per papa Bergoglio, uno studio e che certamente ora si è arricchito di altri episodi. Buona lettura. 

 

Quella additata da Bergoglio è la fratellanza cristiana o quella massonica? E’ una domanda che sorge spontanea, quantomeno per il rumore e la provenienza degli applausi che accompagnano i discorsi del prelato argentino sull’immigrazione, l’Europa ecc.

Ci fu chi parlò al mondo di fratellanza, e venne crocifisso.

Anche Pietro, il capo degli apostoli, non è stato ben accolto dal mondo. I giornaloni e i poteri che crocifissero Benedetto XVI, acclamano oggi il suo successore.

Perchè? Non hanno sempre parlato, tutti i pontefici, dlela fratellanza, dell’amore, della misericordia? Non hanno sempre incoraggiato, i pontefici, progetti di unità politica nella diversità, battezzando prima il Sacro Romano Impero, multinazionale e multietnico, di Carlo Magno, poi quello degli Asburgo, ed infine, con Pio XII, la stessa Europa unita e cristiana dei padri fondatori?

Allora cosa è cambiato? Molto semplice: la fratellanza cristiana si fonda su di un concetto molto chiaro: siamo fratelli in quanto figli dello stesso Padre; in quanto riconoscenti lo stesso Padre!

Il cristianesimo è sin dalle sue origini, universalista, cioè cattolico: non importa se si è bianchi o neri, liberi o schiavi, ricchi o poveri… Tutti i fedeli sono fratelli, perchè hanno lo stesso Padre e la stessa madre, la Chiesa cattolica. Questo permette loro di avere una pelle diversa, di mangiare, vestire, parlare in modo diverso, e di potersi sentire ugualmente fratelli. Quando, in occasione di qualche incontro internazionale, ho occasione di stare con cristiani egiziani, ucraini, americani, africani, cinesi, immediatamente mi viene da notare che l’essenziale ci unisce: abbiamo lo stesso Dio, la stessa visione dell’uomo e del mondo, e tutto il resto diventa secondario.

Ciò non significa che io rinneghi la pizza o gli spaghetti, o la bellissima lingua del “sì”, per i piatti e gli idiomi di altri popoli. Significa soltanto che cibi, vestiario, linguaggi e colori diversi sono una ricchezza che caratterizza i medesimi fratelli e che non canecla affatto l’unità di fondo.

Questa è la fratellanza cristiana.

Poi ci sono le fratellanze pagane: nei secoli scorsi si è cercato di fondare la fratellanza soltanto sul colore della pelle (di qui i razzismi, creazioni tipiche della modernità), o sulla comune lingua, storia e volontà di potenza (di qui i nazionalismi). Tutti sappiamo come è andata a finire.

Oppure si è voluta fondare la fratellanza sull’appartenenza alla medesima classe sociale: di qui il “proletari di tutto il mondo unitevi” di Karl Marx. Cosa ci rende fratelli, dicevano i comunisti? Non lo stesso Dio, ma l’appartenere alla classe del proletariato, l’avere un comune nemico, la borghesia. Anche questa idea fasulla di fratellanza ha prodotto soltanto morte.

E la fratellanza bergogliana? Assomiglia a quella massonica; al cosmopolitismo ateo illuminista; è un altro tipo di fratellanza pagana.

Si diceva prima che ciò che ci rende fratelli, per un credente, è l’avere lo stesso Padre e la stessa Madre.

Bergoglio, invece, esalta la divisione!

Esalta la divisione religiosa, promuovendo la bontà dell’Islam e delle altre religioni, confondendo Cristo con Maometto ecc.

Esalta la divisione ecclesiastica: basti rammentare la sua celebrazione di Lutero, l’uomo che staccò dalla Madre Chiesa cattolica popoli di antica tradizione cristiana.

Ma se non abbiamo né lo stesso Padre nè la stessa Madre, lo ribadisco, non possiamo sentirci fratelli!

Tanto più che a dividerci si aggiungono anche le diverse morali, lingue, tradizioni ecc…

Su cosa si fonda allora la fratellanza bergogliana?

Sul relativismo assoluto: Bergoglio nega che abbia davvero importanza tutto ciò che invece, per un cattolico, è decisivo. A Lesbo, alcuni anni orsono, caricò sull’aereo 12 immigrati, tutti rigidamente, volutamente, unicamente islamici. E ogni volta che parla di accoglienza, mai ricorda che accanto al pane, dovremmo dare a chi viene da noi ciò che di meglio abbiamo ricevuto: la Fede cristiana!

Bergoglio, messi da parte i valori fondanti, la Fede, la Chiesa, la patria… propone una fratellanza simil-comunista, simil-massonica, che altro non è che il regno del caos e della divisione: una Babele di religioni, chiese, lingue, usi e costumi non diversi, ma confliggenti!

Lottare per l’identità cristiana, allora, non significa essere divisivi, ma ricordare che non esiste unità vera fuori dalla Verità.

Che tutti gli altri sognino di un mondo di fratelli (di “cittadini” modello rivoluzione francese; di “confratelli frammassoni”; di “camerati”, di “compagni”) è solo una falsificazione della fratellanza che Cristo ci ha indicato. L’uomo secondo Bergoglio più che non avere nulla che lo divide e separa dagli altri, non ha più nulla che possa davvero unirlo.







Questo blog è il seguito naturale di San Pietro e Dintorni, presente su “La Stampa” fino a quando non fu troppo molesto.  Per chi fosse interessato al lavoro già svolto, ecco il link a San Pietro e Dintorni.

Se volete ricevere i nuovi articoli del blog, scrivete la vostra mail nella finestra a fianco.

L’articolo vi ha interessato? Condividetelo, se volete, sui social network, usando gli strumenti qui sotto.

Se invece volete aiutare sacerdoti “scomodi” in difficoltà, qui trovate il sito della Società di San Martino di Tours e di San Pio di Pietrelcina


 LIBRI DI MARCO TOSATTI

Se siete interessati a un libro, cliccate sul titolo….


Viganò e il Papa


FATIMA, IL SEGRETO NON SVELATO E IL FUTURO DELLA CHIESA

  SANTI INDEMONIATI: CASI STRAORDINARI DI POSSESSIONE

  PADRE PIO CONTRO SATANA. LA BATTAGLIA FINALE

  Padre Pío contra Satanás

La vera storia del Mussa Dagh

Mussa Dagh. Gli eroi traditi

Padre Amorth. Memorie di un esorcista.

Inchiesta sul demonio.

Tag: , , , ,

Categoria:

Questo articolo è stato scritto da wp_7512482

71 commenti

  • Eloisa ha detto:

    Resto allibita quando leggo certi discorsi come questo sulla fratellanza, di un tale a nome “Super Ex”.
    Già mi ero illusa di aver trovato in questo blog pensieri di vera cristianità, quando mi sono ritrovata a dover fare marcia indietro per la piega contradditoria che aveva assunto il discorso in questione.
    Della serie: io, Super Ex, ho una confusione mentale da sballo.
    E infatti fa sballare, in altro senso, chi lo legge. Per esempio me.
    L’ articolista, che ha uno spazio privilegiato nel blog dell’esimio Tosatti, si chiede a un certo punto: “Non hanno sempre parlato, tutti i pontefici, della fratellanza, dell’amore, della misericordia?”
    Rispondo subito: sì certo, ma generalmente più in linea teoretica che in pratica. Tanto teoretica da non incidere quasi per nulla su coloro che li ascoltavano. Vero o no?
    Ne hanno parlato, infatti, stando seduti sul trono pontificio da cui emanavano lezioni moraleggianti o moralistiche, senza muoversi di un centimetro da quel trono imperiale.
    Poi, andando a volo d’uccello sul discorso, ci si trova a leggere l’ovvietà più ovvia che mai: “Il cristianesimo è sin dalle sue origini, universalista, cioè cattolico: non importa se si è bianchi o neri, liberi o schiavi, ricchi o poveri… Tutti i fedeli sono fratelli, perchè hanno lo stesso Padre e la stessa madre, la Chiesa cattolica.Etc…etc…”
    Davvero bellissimo!!
    E si arriva al dunque, cioè a parlare di “fratellanza bergogliana” in contrapposizione a quella cristiana.
    Della serie: adesso ti stendo al suolo, pope Frankie. Vuoi vedere che lo faccio?
    Ecco qua: “Bergoglio, invece, esalta la divisione!” Come, perbacco?
    E la risposta la trovo qui: “Esalta la divisione religiosa, promuovendo la bontà dell’Islam e delle altre religioni, confondendo Cristo con Maometto ecc….Bergoglio, messi da parte i valori fondanti, la Fede, la Chiesa, la patria… propone una fratellanza simil-comunista, simil-massonica, che altro non è che… una Babele di religioni, chiese, lingue, usi e costumi non diversi, ma confliggenti! Lottare per l’identità cristiana, allora, non significa essere divisivi, ma ricordare che non esiste unità vera fuori dalla Verità.”
    Caspita!! Apprendo che Bergoglio è un papa comunista e massone e che confonde Cristo con Maometto. Mica uno scherzo!
    Eppure, tutto il mondo ha potuto vedere che questo papa la fratellanza la persegue sul serio. Va ad abbracciare gli ultimi della Terra, come insegnava Gesù Cristo; li accoglie in Vaticano; vuole stendere ponti di amicizia fra i cristiani e le altre religioni( per la pace); si considera ultimo fra gli ultimi, fratello tra fratelli; e altre belle cosette mai viste prima.Perfettamente in linea col Vangelo, per chi lo conosce davvero. E non confonde manco per niente Cristo con Maometto e simili. Solo chi è in malafede può dirlo.
    Mi viene da pensare ad una parabola evangelica che il “Super ex” sembra ignorare. Ed è quella del buon samaritano, dove si vede in azione un personaggio della Samaria che vedendo sulla strada un poveraccio malconcio, si prende cura di lui senza chiedergli a quale religione appartenga.
    Vale la pena ricordare anche la bella parabola della samaritana (una prostituta) al pozzo di Giacobbe, dove si vede un giudeo, Gesù, che dialoga con una donna di regione e religione diverse dalla sua. Tanto che anche i discepoli hanno da mormorare.
    Questa è FRATELLANZA, caro Super Ex, ed è quella insegnataci dal Cristo personalmente.
    Anche nelle altre religioni c’è bontà, signor mio, che a lei piaccia oppure no. Attraverso la VIA dell’AMORE si può arrivare a sfiorare la VERITÀ di cui parla Gesù. Non altrimenti.
    A parte il fatto che nessuno possiede la Verità, ma è la Verità a possederci tutti.

    Mi scuso per la lenzuolata, dott. Tosatti, ma quando ce vo’…
    Spero che pubblichi.

    • EquesFidus ha detto:

      Resta il fatto che sono un mucchio di sciocchezze e di giochi di parole buone per gli allocchi (“nessuno possiede la verità”: invece sì, la Chiesa nella persona e secondo la promessa di Gesù Cristo, il quale ha fondato un’unica religione). Lei non è cattolica, quindi la smetta di scrivere e si converta, in nome di Dio!

  • Marco Matteucci ha detto:

    Certamente non si può pretendere più di tanto da una chiesa che – a bocca del suo capo supremo – è stata concepita dalla mente perversa di un “povero illuso”, uno che spesso “faceva un po’ scemo”, uno che “si è fatto diavolo e serpente”, probabilmente anche affetto da sintomi di alterazione delle funzioni cognitive e percettive, del comportamento e dell’affettività a causa di una grave forma di schizofrenica
    Praticamente …da TSO!

  • Nicola B. ha detto:

    A proposito di Fratellanza Massonica e del suo attacco alla Chiesa Cattolica ed alla Verità, consiglio assolutamente il bellissimo LA GNOSI AL POTERE- PERCHÉ LA STORIA SEMBRA UNA CONGIURA CONTRO LA VERITÀ. EDIZIONE AGGIORNATA. FEDE & CULTURA.
    L’ho appena comprato, è interessantissimo e ben documentato e parte dalla Rivoluzione Francese e con la Nuova Edizione arriva ai giorni nostri cioè fino a Macron. Consigliatissimo.

    https://www.amazon.in/gnosi-potere-Perch%C3%A9-congiura-Italian-ebook/dp/B07QM29H3G

    • Lucidator ha detto:

      Alla faccia del bicarbonato di sodio! Sarà anche un libro importantissimo, ma costa 449 euro!!!

  • Natan ha detto:

    Commissariata Lourdes. Il “cerchoi magico” ha tolto di mezzo il vescovo Brouvet ( a detto di Tornielli , Tradizionalista) Cadono ad una ad una le teste: Di Nardo, Brouvet,

    • Gian Piero ha detto:

      Se Bergoglio commissaria vuol dire che c’ e’ ancora un po’ di cattolicesimo vero nella realta’ che commissaria. Prima i Francescani dell’ Immacolata, poi l’ Ordine dei Cavalieri di Malta,
      poi i santuari Mariani Medjugorje e Lourdes…Guardate chi commissaria e saprete dove c’ e’ ancora la fede cattolica….

  • virro ha detto:

    il 23 dicembre 2016 Papa Francesco disse: “Potrei passare alla storia come colui che ha diviso la Chiesa” (naturalmente quella cattolica)
    Questa affermazione programmata /detta ieri e realizzata oggi, certamente appare una delle mete bergogliane che si sono quasi completamente realizzate, altre si stanno realizzando.
    L’omogenizzazione dei popoli lui la vuole realizzare ad ogni costo.
    Dalla sua pastoralità ha voluto eliminare la parola “peccato” sostituendola con la parola “misericordina”
    Gesù si preoccupa che nessuno dei “piccoli” si scandalizzi,
    Bergoglio se ne frega. E’ accanito contro chi non gli dice “bravo!”, ” che uomo di fede!”…
    Basta pensare alla guerra che fa’ agli Ordini Religiosi
    Basta vedere chi sono i suoi amici che protegge

    • Anonima ha detto:

      Gli amici che protegge sono in realtà gli eterni nemici, mentre quelli che lui disapprova e pervicacemente detesta sono in realtà i veri amici. Stranezze di un pontificato al rovescio.

  • Leo ha detto:

    Dio esiste grazie all’uomo …Cosa è il Vangelo di Gesù ? Gesù non scrisse alcun Vangelo . O forse Bergoglio intendeva : il vangelo di Bergoglio ?
    https://www.facebook.com/10

    • deutero.amedeo ha detto:

      Già detto mille volte: il Vangelo è il messaggio di Cristo, i Vangeli sono i libri che ce lo hanno trasmesso.

    • Giuseppe M ha detto:

      Questa dichiarazione per me è professione di ateismo.

      In estrema sintesi, se Dio esiste perchè ci sono io, quando muoio uccido Dio, o io sono come Dio.

      Puro ateismo luciferino

      https://www.facebook.com/100009688506646/videos/891783967821212/

      (il link che Leo ha messo non funziona)

      • Giuseppe M ha detto:

        Dio mi perdoni se mi sono preso questo ardire sul successore di San Pietro.

        Non so nemmeno perchè ho messo le mie generalità. Sono andato di corsa e non me ne sono accorto.
        Mi fa un pò paura averlo fatto

      • Leo ha detto:

        Giuseppe M. , è esattamente quanto volevo segnalare . Siamo
        vicinissimi al dichiarare che Dio è soltanto un prodotto
        ” automatico ” della psiche umana . Psiche che si può aggiustare con discernimento
        in modo da disegnare una umanità moderna senza sbavature e senza scomodi sensi di colpa .
        Grazie , saluti

  • Marco Matteucci ha detto:

    Come ha fatto giustamente rilevare Papa Benedetto XVI° nei suoi recenti appunti, è a partire dai lontani anni ’60 che la Chiesa si sta tragicamente dibattendo sull’orlo del burrone.
    Tuttavia oggi tutti sono concordi nell’affermare, che con l’avvento di quest’ultimo pontificato siamo finalmente riusciti a fare un deciso passo in avanti!

  • IMMATURO IRRESPONSABILE ha detto:

    Adesso, comprensibilmente, l’ attenzione e’ tutta concentrata sui vertici della Chiesa ma, mi chiedo, quand’anche questa “dirigenza” dovesse emendarsi, non resterebbe l’ enorme questione dei seminari e delle universita’ pontificie? che teologia e’ insegnata ai futuri preti? chi ha in mano, oggi, la formazione dòttrinale dei teologi? che cosa s’ insegna negli istituti di “scienze religiose”? (prego, notare il vezzo del plurale, scienze, come per quelle “motorie”, “sociali”, “della terra”….. naturalmente la Chiesa che si rinnova arriva buona ultima ad adottare tali stilemi !)

  • Silvia Paletta ha detto:

    Mille grazie per l’articolo in inglese!
    God bless you

  • Paolo Giuseppe ha detto:

    La mia posizione riguardo questo pontificato è diversa da quella di molti commentatori di questo sito e mi spiego.
    In questi sei anni mi sono convinto che il magistero (?) di papa Francesco non mi appartiene. Rispetto la persona del papa, ma non è la mia guida, Le sue continue oscillazioni tra la tradizione (vedi la condanna dell’aborto) e la teologia “creativa” non le seguo più. Le sue invasioni di campo nella politica sono insopportabili: quando il papa parla di immigrazione, fonda i suoi interventi sul nulla teologico fino alla tragicomica affermazione “chi non accoglie non è cristiano”.
    Vedere il papa disteso a pelle di leone mentre bacia i piedi ai leaders del Sud Sudan è un gesto che mi dà la nausea perchè, al di là delle sue buone intenzioni, massacra la dignità della sua stessa persona, oltrechè la dignità del suo ruolo.
    La fratellanza universale (vedi Abu Dhabi) è una cosa bellissima, ma tradurla in pratica significa dimenticare i limiti umani che, dopo infiniti tentativi di interagire con sette miliardi di abitanti della terra, dopo il pur sacrosanto ripudio della guerra, e nonostante il mio amore infinito per ogni essere umano, mi convincono ogni sera, verso le ventitrè, a chiudere a chiave la mia porta blindata.
    La mia conclusione è la seguente: ascolto il papa per svago, per diletto, a volte per divertimento, ma nulla più, e resto in attesa di tempi migliori.

    • Silvia Paletta ha detto:

      Sono perfettamente d’accordo. Qui in America siamo completamente confusi. Storicamente parlando, abbiamo dovuto difendere la nostra religione contro 40,000 denominazioni protestanti senza parlare poi delle altre varie religioni. Ma adesso, come possiamo difendere tutte le contraddizioni che ci presenta Papa Francesco?

    • Lucidator ha detto:

      Mi congratulo, Paolo Giuseppe, per questo bel commento, intelligente e chiarissimo.
      Rispecchia anche il mio atteggiamento nei confronti del biancovestito argentino che ogni giorno sempre più riesce a convincermi della sua perfetta, quasi totale estraneità rispetto al ruolo di vero capo della Chiesa Cattolica e mi pare anche rispetto al Cattolicesimo stesso.

  • Astore da Cerquapalmata ha detto:

    Una fratellanza sospetta, perché non tiene conto che l’amore per l’uomo è conseguenza dell’amore di Dio.
    Come l’amore per Dio richiede corrispondenza pratica nell’amore per il prossimo, così non può esserci amore per il prossimo se non c’è la preghiera e l’impegno a seguire tutti e 10 i comandamenti.
    La filantropia può avere aspetti positivi ma non è frutto della GRAZIA.
    Il problema della Chiesa di oggi è la confusione.
    Anche quando i Pastori non fossero formalmente eretici, possono però PROMUOVERE l’eresia.
    Ad esempio, promuovendo partiti abortisti e genderisti pur dichiarandosi (stando attenti ad non urtare nessuno) contro l’aborto e il gender.
    Oppure parlando SOLO di giustizia sociale (cosa doverosa) ma trascurando la morale famigliare che non si limita al non commettere “femminicidi”.
    O promuovere una misericordia tacendo sulla necessità della conversione e della confessione…
    Basta fare in modo che, al di là di ciò che ufficialmente si dichiara, la gente PERCEPISCA ciò che non si dichiara ma che EMERGE quasi spontaneamente

  • Anima smarrita ha detto:

    Non mi sembra si intravedano segnali che ci consentano di attenderci qualche chiarimento. Tante le voci critiche, rimaste inascoltate, cui si aggiunge l’intervento (informa S. Magister) del teologo americano Thomas G. Weinandy, membro della Commissione teologica internazionale, parte integrante della Congregazione della Dottrina della Fede, che – come anticipato da notizie di stampa – non rappresenterà più l’avamposto dell’assetto curiale, con la firma del papa alla riforma annunciata.
    http://magister.blogautore.espresso.repubblica.it/2019/06/06/%e2%80%9cambiguo-al-di-la-di-ogni-misura%e2%80%9d-un-teologo-della-congregazione-per-la-dottrina-della-fede-boccia-il-papa/

  • Marco Matteucci ha detto:

    Ho appena letto un articolo sul “fogliaccio” della CEI “ADAVVENIRE (BAFFONE)” un articolo a firma di don Ermes Ronchi, presbitero e teologo italiano dell’Ordine dei Servi di Maria che già dal titolo:
    “Lo Spirito Santo? È Dio in libertà” mi è parso alquanto sibillino.
    Tuttavia il resoconto finale mi è sembrato veramente da URLO:
    “Che cos’è lo Spirito santo? È Dio in libertà. Che inventa, apre, fa cose che non t’aspetti. Che dà a Maria un figlio fuorilegge, a Elisabetta unnfiglio profeta. E a noi dona, per sempre, tutto ciò di cui abbiamo bisogno per diventare, come madri, dentro la vita donatori di vita.”


    Sarei curioso di sapere cosa ne pensa il “nostro” Super EX, io non essendo teologo lo trovo ripugnante.
    https://www.avvenire.it/rubriche/pagine/lo-spiritosanto-e-dioin-liberta

    • deutero.amedeo ha detto:

      Premesso che siamo tutti teologi, persino gli atei, perché tutti abbiamo un’idea di chi sia Dio e di quale rapporto abbiamo personalmente con lui, direi che il discorso di quel don Ermes Ronchi usa il, per me, famigerato metodo delle tre parole inventato da J.M. Bergoglio per le sue omelie e catechesi. Prendi da un testo tre parole e su quelle ci fai il ragionamento che vuoi senza riferimento al contesto, facendo credere che stai commentando il testo. Sarebbe come prendere tre parole dalla Divina Commedia o dai Promessi Sposi, farci sopra una del tutto personale elucubrazione e dire che si sta facendo una lezione di letteratura italiana. E’ chiaro che si tratta di un inganno satanico e intenzionale. Pensa, se io per commentare l’Ave Maria prendessi Ave, Grazia, Morte oppure Signore, Donne, Frutto. Uscirebbero autentici discorsi a vanvera che farei passare come profonde riflessioni per gli allocchi. Come ai tempi in cui i mangiapreti dicevano: – suonano i sacri bronzi, chiamando a raccolta i gonzi- . Ma questa non è Chiesa.

    • Adriana ha detto:

      Ah ! Sicuramente Madonna ( la cantante ) è piena di spirito di generoso Ammore per gli Americani che NON votavano Trump – , e non solo lei : anche Rhyanna – che piace tanto a Ravasi perchè è unica nel saper valorizzare i paramenti vescovili con la forza dello spirito…Poi arrivano tutti gli altri in fila . Specialmente quei Cardinali e quei Vescovoni dagli
      abbigliamenti avveniristici , dai lineamenti contraffatti , che sembrano tolti da un ” bestiario ” medievale . Quanto è bello e pieno di sorprese Il Circo dello Spirito … roba da perdercisi !
      oh , sisi .

    • Marco Matteucci ha detto:

      Da notare che questo cialtrone che a tre giorni dalla celebrazione della Pentecoste, scrive la parola “santo” riferita alla Terza Persona della Santissima Trinità in minuscolo. …o forse egli si riferisce, più semplicemente, al vinsanto che sicuramente trangugia in dosi massicce prima di scrivere questi articoli demenziali.

    • Gian ha detto:

      A me dà l’idea di un esaltato, ubriaco di vanità e di parole insulse. Un altro teologo (ma quanti sono?) civilmente impegnato alla riedificazione della torre di Babele. Dei Servi di Maria? Mah…!

    • Eloisa ha detto:

      Io lo trovo divinamente vero.

      • Abelardo ha detto:

        Etteparèva!

      • MASSIMILIANO ha detto:

        Si, come no! Certo! Brava! Grande! E’ così! A me, carissima Eloisa, sa cos’è l’unica cosa che sembra che si donino davvero…? Lasciamo perdere che poi giustamente il dottor Tosatti mi censura… Saluti.
        Massimiliano.

      • GIORGIO VIGNI ha detto:

        Sì,sì è senz’altro pieno di spirito di vino, rutilante, lambrusco di risulta.

        G.Vigni

    • Marco Matteucci ha detto:

      Ho riflettuto a lungo anche sulla frase criptica “Dio in libertà” e alla fine sono giunto ad una conclusione che reputo assai probabile:
      Visto che Gesù Cristo, il figlio di Maria, che una fede medievale crede Figlio di Dio, è un “fuorilegge”, il bravo don Ermes forse si meraviglia che Dio stesso, essendo suo Padre e in combutta con Lui e con lo Spirito Santo per via della questione della Trinità, possa essere ancora a piede libero.
      NON FA UNA PIEGA! …NON VI PARE?

  • MASSIMILIANO ha detto:

    https://gloria.tv/article/EcrCBVRuFsBq21LBtRmbyB6xW. Questo è un contributo molto interessante…! A volte penso che la confusione sia ormai definitiva, ma poi mi rendo conto che per me è diventata di grande aiuto. Cerco di pensare e di fare sempre la cosa opposta che mi viene indicata… E se dovessi sbagliare pazienza. Preferisco morire “eretico” che seguire questi pastori, ma nessuno mi potrà mai togliere l’idea che l’unica Vera Chiesa sia quella Cattolica Apostolica Romana. Saluti.
    Massimiliano.

    • MASSIMILIANO ha detto:

      PS. A saperlo prima che mi sarei salvato divertendomi tra festini di sesso sfrenato, indifferenza religiosa e relatività delle idee, probabilmente mi avrebbero tolto la “fatica” della conversione!!! Incredibile! Ero gia salvissimo e non lo sapevo… Mannaggia! Saluti.
      Massimiliano.

  • deutero.amedeo ha detto:

    Papa Francesco
    @Pontifex_it
    Oggi, con gratitudine a Dio, ricordiamo che il nostro corpo contiene gli elementi del pianeta, la sua aria è quella che ci dà il respiro e la sua acqua ci vivifica e ristora. #BeatAirPollution
    #LaudatoSì
    Che scoperta! Guarda caso non è vero solo per l’uomo ma per tutti gli essere viventi. E’ scritto nel Vangelo neh! Noi, se non ce lo diceva il grande, grandissimo beato (futuro) J.M. Bergoglio mica lo sapevamo. Maestro, dove andrà l’umanità senza di te?

    • Adriana ha detto:

      DEUTERO ,
      è evidente che dopo Greta è diventato un pozzo di sapienza scientifica che si premura di condividere coi frateeeli .
      P.S. Ma dell’Anima non parla mai ???

  • Rafael Brotero ha detto:

    Articolo perfetto, coraggioso, intelligente, chiaro, ponderato, opportuno. Chapeau.
    Non dimenticare che Benedetto XVI, prima di essere costretto a rinunciare spontaneamente, é stato l’ último a firmare una condanna della massoneria in Vaticano. Non l’ ha voluta firmare Giovanni Paolo II. Guarda caso.

  • CARMELO ha detto:

    Siamo tutti figli di Dio e fratelli? La risposta del Vangelo è semplicemente No.
    Ecco cosa dice il Vangelo sulla filiazione divina: ”Veniva nel mondo la Luce vera…..ma i suoi non l’hanno accolto. A quanti però l’hanno accolto, ha dato il potere di diventare figli di Dio” (Gv 1, 9-12).
    Ecco cosa dice Gesù nel Vangelo sulla fratellanza: “Chi è mia madre e chi sono i miei fratelli? Girando lo sguardo su quelli che gli stavano seduti attorno, disse: ecco mia madre e i miei fratelli. Chi compie la volontà del Padre mio, costui è mio fratello, sorella e madre”.
    In estrema sintesi, si è fratelli solo in Gesù Cristo e figli di Dio se si accoglie Gesù nella propria via, cioè i battezzati nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Tutti gli altri sono creature di Dio.
    Assai meglio di me, Mons. Athanasius Sneider ha chiarito i concetti di filiazione divina e fratellanza in un magistrale intervento scritto dopo la spaventosa eresia firmata da Bergoglio dopo l’incontro di Abu Dhabi e riportato su questo stesso blog in data 8 febbraio 2019.

    • Eloisa ha detto:

      Sbagliato! In estrema sintesi si è figli di Dio e fratelli di Gesù Cristo se si accoglie l’ Amore di Gesù Cristo. Chiaro come la luce del sole. E l’ amore di Gesù non è una prerogativa dei cristiani.
      Avete bisogno di ricatechizzarvi, cari signori. Siete rimasti indietro nella vostra religione esclusivista.

      • EquesFidus ha detto:

        Meglio indietro che avanti all’Inferno: la pianti di trollare e di recitare come mantra questi stolti inviti, quando è Lei ad avere gravi lacune, dottrinali e morali.

  • deutero.amedeo ha detto:

    E’ vero che la nostra religione non è la religione del libro. Ciò non toglie che le Sacre Scritture debbano sempre essere il riferimento primo per ogni affermazione di verità da credere.

    Che gli uomini e i popoli siano tutti fratelli è frutto di una inferenza induttiva dal fatto che Dio viene chiamato “PADRE”.

    Ma nelle Sacre Scritture mai è detto (per quanto ne so) che i popoli sono tutti fratelli benché la parola “fratelli” sia presente 500 volte e “fratello” 454 volte, ma sempre col significato che tali parole hanno nel linguaggio comune o con riferimento ai “discepoli”.

    “Fratellanza” (la famosa fraternité) c’è una volta sola in Zc11,14 ma si riferisce alla fraternità tra Giuda e Israele.

    E’ pertanto falso dire che non sei cristiano se non vedi in ogni uomo un fratello. Forse l’avrà detto qualche mistico, qualche santo, qualche papa , non so, ma la fratellanza di tutti i popoli non è linguaggio biblico.

    • Gian Piero ha detto:

      Il linguaggio biblico non viene frequentemente usato dalla predicazione di questo papa. Nelle sue omelie e nei suoi discorsi le citazioni della Bibbia , soprattutto dell’ Antico Testamento e dei Salmi, sono rarissime. Non credo che sia solo per poca assonanza caratteriale fra i profeti dell’ Antico Testamento, il Salmista, e Bergoglio. Credo sia proprio ignoranza.
      Persino Stana , l’ Avversario, e’ un fine biblista ( ricordate il dialogo delle tentazioni di Cristo, con Satana e il Signore che disputano a suon di citazioni bibliche?) Secondo me ( e se sbaglio da colpa) l’ attuale papa sa poco, molto poco, diciamo il minimo sindacale per un prete, di Sacra Scrittura, e i suoi discorsi non risuonano mai di espressioni bibliche.

      • deutero.amedeo ha detto:

        Ma almeno la Liturgia delle Ore e le Letture del Messale le conoscerà , no?
        Io a volte, pregando con i Salm, mi chiedo: che cosa penserà papa Francesco leggendo queste parole? L’ho pensato anche stamattina leggendo il Salmo35(36):

        [2] Nel cuore dell’empio parla il peccato,
        davanti ai suoi occhi non c’è timor di Dio.

        [3] Poiché egli si illude con se stesso
        nel ricercare la sua colpa e detestarla.

        [4] Inique e fallaci sono le sue parole,
        rifiuta di capire, di compiere il bene.

        [5] Iniquità trama sul suo giaciglio,
        si ostina su vie non buone,
        via da sé non respinge il male.

        Possibile che non abbia il timor di Dio? E che non gli venga mai un po’ di tremarella?

  • Adriana ha detto:

    Un uomo onesto fu Giuseppe Parini , tra le altre opere autore
    del sonetto : ” Predàro i Filistei l’Arca di Dio “.
    Visse a Milano in tempi calamitosi . Quando i Francesi Rivoluzionari di Bonaparte occuparono Milano , invitarono – energicamente –
    l’abate Parini a partecipare alla Municipalità , (sarebbe stato un must avere dalla loro parte un uomo così illustre ). Egli finì con l’accettare per un po’ – giusto per moderare le iniziative improvvide del governo rivoluzionario – . Però , subito , entrando
    nel Municipio e fissando la parete da cui era stato tolto il Crocifisso , si fermò e disse : ” Dove non c’è posto per il ” cittadino ” Cristo , non c’è posto per il ” cittadino ” Parini “.
    Piccolo episodio ma grande esempio che la attuale neo-chiesa dimostra , in tutte le occasioni , di schifare .

  • Giorgio LECCESE ha detto:

    Ma è ovvio….la fratellanza massonica, che altro? Resto senza parole e sempre più sconcertato dalle parole eretiche di questo falso papa, che in nome di uno pseudo-ecumenismo sta svendendo i valori fondanti del cattolicesimo. Sembra sempre più un politico socialista, vicinissimo al credo massonico, di cui probabilmente fa parte, come ne faceva parte il suo principale sponsor, il defunto ma non compianto card. Carlo Maria Martini. Non riesco proprio a capire come si possano nutrire ancora dubbi sul reale ruolo del falso profeta, il precursore dell’anticristo, cioè Bergoglio….

    • Eloisa ha detto:

      Che il card. Martini fosse un massone lo dice lei, e mente sapendo di mentire. La menzogna è una colpa grave.
      Martini era un GRANDE della Chiesa, rimasto fino ad ora ineguagliato. Di massima intelligenza e umanità. Non fosse stato malato, lo avrebbero eletto papa.
      Se a lei piace parlarne in questi termini, vada prima a studiarne bene la pastorale, per evitare di dire sciocchezze di enorme gravità generata da una ignoranza senza pari. Non è lecito spargere menzogne per il mondo. È diabolico. Molti ancora non l’hanno capito.
      Altro che essere o dirsi cristiani! Cristiani de che?…

  • Gaetano2 ha detto:

    Domanda : “LA FRATELLANZA INDICATA DA PAPA BERGOGLIO È QUELLA CRISTIANA O QUELLA MASSONICA?”

    Risposta: Quella massonica!

  • Andrea ha detto:

    Stanotte un altro sogno premonitore (del fatto che sto impazzendo :D)
    Mi arrampico nel muretto laterale del mio cortile, fino alla finestrella interna della casa adiacente della mia vicina. Da lì improvvisamente compare suadente Bergoglio, che si affaccia come a S.Pietro. Siamo proprio vicini, mezzo metro di distanza e, se non ricordo male, gli afferrò la mano e qui mi commuovo fino a lacrimare (è la parte più viva del sogno): gli dico che sto male perchè non riesco più a capire dove è la verità, non comprendo il suo agire, ricordo di avergli detto che non capivo il senso di farci invadere anche se le parole usate mi sfuggono. Devo avergli detto anche altro ma mi sfugge cosa. Lui inizialmente era sorridente ma dopo avermi ascoltato e visto così abbattuto si è rattristato, forse in pena per me. Purtroppo (o per fortuna?) qui il sogno si fa ancora più opaco: mi par di percepire che abbia cercato di giustificare il suo operato ed allo stesso tempo di consolarmi. Non avevo odio per lui, ero solo sfinito a furia di pensare dove stava la veritá… lui non aveva un’aurea massonica, non era sprezzante nè ironico, pareva sincero e sicuro di sè. Non ricordo altro. Un sogno strano: da un lato, non so davvero spiegare in che modo, era bello. D’altra parte, invece di schiarirmi un po’ le idee, mi ha ancora più gettato nel dubbio…

  • Nuccio Viglietti ha detto:

    Frankie…un muratore (che vuole abbattere muri!) in stato confusionale…!…https://ilgattomattoquotidiano.wordpress.com/

  • alessandro ha detto:

    Gentile dott. Tosatti, l’altroieri ho rivisto “The Passion of the Christ” di Mel Gibson: sarà la millesima volta che lo guardo. Eppure, anche questa volta, ho pianto copiosamente. La cosa che più faceva male era vedere negli anziani del sinedrio che sputavano addosso a Gesù, lo schiaffeggiavano, lo insultavano e mentivano su di lui per condannarlo a morte, i fieri esponenti della chiesa di oggi, con bergoglio alla testa del gruppo, come Caifa. Oh, com’è possibile che “la terra non si apra per inghiottirli!” per citare la Maddalena nelle visioni della Emmerich! Ma almeno a Caifa si può dare il beneficio del dubbio, la chiesa di oggi SA BENE CHI E’ GESU’, anzi PROPRIO PERCHE’ LO SA LO VUOLE DISTRUGGERE. Ah, non ci sarà inferno troppo crudele per loro. E non posso non piangere anche su di noi: che amore proviamo per Gesù, noi che rimaniamo a guardare mentre lo crocifiggono di nuovo? Senza aver alzato un solo dito per difenderlo, ci siamo arresi di fronte a questa gente in nome di chissà quale obbedienza. Sono finite anche le parole: resta solo una grande, grande amarezza ed un profondo senso di colpa.

  • Pierluigi ha detto:

    Papa Francesco, l’uomo delle mezze verità e delle ambiguità che dividono.
    Un frate cappuccino, ora al cospetto del Padre, affermava che una mezza verità è più pericolosa di una falsità intera.

  • Nat ha detto:

    L’uomo moderno vuole di nuovo ricostruire l’antica Torre di Babele a partire da un suo progetto su cosa sono l’uomo, il bene e il male ecc. ed arrivare fino a cielo così da costituirsi dio di se stesso.
    Finì male allora, finirà altrettanto male ancora una volta, anche se, purtroppo, non mancheranno sofferenze e tragedie immani – già se ne intravedono alcuni eloquenti segnali- ad accompagnare questa nuova prova di hubris.
    Spero davvero che la Chiesa non voglia farsi parte di tale impresa, ma anzi la contrasti vigorosamente come è nella sua natura e nel suo scopo.

  • Milli ha detto:

    La festa di fine ramadan per la prima volta è stata dedicata a papa Francesco.
    https://www.vaticannews.va/it/mondo/news/2019-06/festa-ramadan-islam-musulmani-papa-francesco-italia-digiuno.html

  • Antonio ha detto:

    Semplicemente sublime

  • Ángel Manuel González Fernández ha detto:

    Caro Direttore:
    Dall’anno 2013 porto raccogliendo prove ed indizi di prova che dimostrano che Francesco è il profetizzato “Pastore stolto e Falso profeta” Zaccaria 11:15-17 e Apocalisse 13:11. 16:13. 19:20. 20:10.
    Ora si capisce tutto e si sa dove stiamo e dove andiamo.
    Saluti.