CRISTIANITÀ. DALLA PERIFERIA AL CENTRO. UN LIBRO DI PLINIO CORRÊA DE OLIVEIRA.

27 Maggio 2019 Pubblicato da --

Marco Tosatti

Cari amici e nemici d Stilum Curiae, un amico del nostro blog ha letto un libro appena uscito su Plinio Correa de Oliveira, e ha voluto condividere con noi le sue riflessioni. Buona lettura. 

Il pensatore brasiliano Plinio Corrêa de Oliveira è certamente uno dei più brillanti e interessanti esponenti del pensiero cattolico del secolo passato. I suoi scritti hanno messo in luce le contraddizioni di una cultura moderna che ha di fatto girato le spalle alla tradizione, al diritto naturale, al rispetto per il sacro.

Ecco perché dobbiamo salutare con interesse l’uscita di “Cristianità. Dalla periferia al centro”  edito da Chorabooks con una introduzione di Julio Loredo.

In questo testo lo studioso brasiliano ci mostra i fondamenti della civiltà cristiana. Ecco un passaggio molto chiaro e fondante: “Poiché l’uomo è costituito da due princìpi distinti, corpo e anima, è chiaro che di tutto quanto lo riguarda sarà molto più importante ciò che concerne l’anima di quello che concerne il corpo; quindi ciò che è spirituale e imperituro ha più valore di quanto è materiale e mortale”. Siamo di fronte a un spostamento radicale di quello che è il sentire comune, e ahimè, anche di non pochi cattolici tutti orientati esclusivamente a una visione immanente, orizzontale dell’esistenza.

Tutta la sociologia che procede da questa verità deve dare il meglio della sua sollecitudine e della sua attenzione a quanto dice relazione all’anima umana, al suo equilibrio, al suo benessere, al suo sviluppo. Per quanto interessanti e rispettabili siano i problemi materiali, per quanto grandi siano il talento, la diligenza, la forza che si devono usare nel risolverli, non bisogna mai dimenticare questa verità fondamentale.

Evidentemente non si tratta di dedicare alla vita materiale meno di quanto meriti, dal momento che l’uomo è uomo e non un puro spirito angelico. Ma, anche quando si dia alla materia ampiamente quanto a essa si deve, è opportune, se si è cristiani e cattolici,  non violare la gerarchia dei valori e non concepire i problemi materiali dissociandoli dalla realtà umana piena e totale; cioè dal fatto che abbiamo anche un’anima, e che essa vale di più, incomparabilmente di più, del nostro corpo.

Il mondo moderno ha misconosciuto questi princìpi, ha elevato il corpo e l’aspetto materiale dell’esistenza all’altezza di un idolo e ha negato il primato dell’anima, quando non la sua stessa esistenza. Tutto è organizzato e pensato come se l’uomo avesse soltanto un corpo, e solo di corpo fosse costituito.

Il risultato è davanti a noi: le nevrosi, le psicosi, le perversioni sessuali mostruose, l’esistenzialismo, la cacofonia della grande confusione dei nostri giorni. L’opera di Alexis Carrel (1873-1944) — sulla quale, per altro, si possono secondo alcuni avanzare riserve — sta già diventando vecchia, ma può essere riletta con vantaggio da quanti desiderano informarsi su ciò che sta costando all’uomo la sottovalutazione o la negazione dell’anima nel progresso tecnico-materiale del nostro secolo.

Quindi si tratta — e molti lo riconoscono — di ristabilire il primato dello spirituale sulla materia, senza negare a quest’ultima i suoi diritti. Ma perché questa intenzione non resti soltanto nel mondo delle affermazioni verbali e si trasformi in un’azione tangibile, dai fini definiti, bisogna indagare in che consista, con la massima esattezza, la parte dello spirituale nella vita condotta dall’uomo in società”.

Questo libro può aiutare nella ricerca, ed è una lettura consigliata a tutti coloro che vogliano rimettere al centro l’essenziale.






Oggi è il 269° giorno in cui il pontefice regnante non ha, ancora, risposto.

Quando ha saputo che McCarrick era un un uomo perverso, un predatore omosessuale seriale?

È vero o non è vero che mons. Viganò l’ha avvertita il 23 giugno 2013?

Joseph Fessio, sj: “Sia un uomo. Si alzi in piedi, e risponda”.


Questo blog è il seguito naturale di San Pietro e Dintorni, presente su “La Stampa” fino a quando non fu troppo molesto.  Per chi fosse interessato al lavoro già svolto, ecco il link a San Pietro e Dintorni.

Se volete ricevere i nuovi articoli del blog, scrivete la vostra mail nella finestra a fianco.

L’articolo vi ha interessato? Condividetelo, se volete, sui social network, usando gli strumenti qui sotto.

Se invece volete aiutare sacerdoti “scomodi” in difficoltà, qui trovate il sito della Società di San Martino di Tours e di San Pio di Pietrelcina


 LIBRI DI MARCO TOSATTI

Se siete interessati a un libro, cliccate sul titolo….


Viganò e il Papa


FATIMA, IL SEGRETO NON SVELATO E IL FUTURO DELLA CHIESA

  SANTI INDEMONIATI: CASI STRAORDINARI DI POSSESSIONE

  PADRE PIO CONTRO SATANA. LA BATTAGLIA FINALE

  Padre Pío contra Satanás

La vera storia del Mussa Dagh

Mussa Dagh. Gli eroi traditi

Padre Amorth. Memorie di un esorcista.

Inchiesta sul demonio.

Tag: ,

Categoria:

Questo articolo è stato scritto da wp_7512482

I commenti sono chiusi.