IL PAPA GUIDERÀ LA MARCIA PER LA VITA. (CI AVETE CREDUTO….?). A ROMA SABATO 19 PER LA VITA SENZA COMPROMESSI.

15 Maggio 2019 Pubblicato da 22 Commenti --

Marco Tosatti

Il Pontefice in persona sabato prossimo guiderà la Marcia per la Vita per le strade di Roma, in un gesto concreto di solidarietà verso i milioni di bambini in via di migrazione dal concepimento alla nascita il cui cammino viene crudelmente interrotto dall’aborto. Al suo fianco avrà naturalmente mons. Vincenzo Paglia, a reggere lo striscione gigantesco della Comunità di Sant’Egidio, sempre così sensibile quando si tratta di condanne a morte, in particolare di persone innocenti. Dietro di lui, recitando il Rosario con un viso espressivo, ci sarà mons. Galantino. L’apparato luci e suoni, e soprattutto amplificatori ed effetti mediatici speciali, sarà curato in particolare da Sua Eminenza Konrad Krajewski.

Va be’, abbiamo scherzato, ora parliamo di cose serie.

℘ ℘ ℘

Cari amici e nemici di Stilum Curiae, sabato prossimo avrà luogo a Roma la nona edizione della Marcia per la Vita, un’edizione resa particolarmente drammatica dalle notizie che ci giungono da oltre oceano, dove in alcuni Stati e città si è arrivati a permettere la soppressione del bambino eventualmente sopravvissuto all’aborto. La marcia sarà preceduta, venerdì sera, alle ore 20:00 dall’ Adorazione Eucaristica (Chiesa S.Maria in Campitelli | Roma)

Sabato 18 maggio il ritrovo di partenza della Marcia per la Vita” avverrà alle14:00 a Piazza della Repubblica (zona vicino alla Stazione Termini).

Alle 17:30 ci sarà la chiusura dell’evento a Piazza Venezia

 

 

Il Rome Life Forum ha organizzato una settimana internazionale per la vita con il Rome Life Forum (in allegato programma in italiano). Questi alcuni dei nomi presenti.

Il Rome Life Forum accoglierà partecipanti da tutto il mondo: oltre a un numero crescente di persone che vengono dall’Italia, ci sarà un numero di partecipanti provenienti da Regno Unito, Irlanda, Francia, Portogallo, Germania, Austria, Belgio, Paesi Bassi, Svizzera, Polonia, Ungheria, Croazia, Repubblica Ceca, Svezia, Estonia, Lettonia e, naturalmente, dagli Stati Uniti e dal Canada, ma anche dalla Nuova Zelanda, dalle Filippine, dalla Colombia, dal Venezuela e dal Sud Africa.

Alla Marcia parteciperanno alcuni dei maggiori leader di gruppi pro-life o pro-family internazionali:

Mercedes Arzù Wilson, presidente di Family of the Americas, Guatemala

John Batarelo, Presidente di Vigilare Foundation, Croatia

Hugo Bos, Presidente di Stichting Civitas Christiana, the Netherlands

Dr Paul Byrne, Presidente di Life Guardian Foundation, USA

Alejandro Geyer, responsabile della Marcia per la Vita, Argentina

Jeff Gunnarson, Executive Director of Campaign Life Coalition, Canada

Bradley Hahn, CEO of Solidarity HealthShare, USA

Michelle Kaufman, Direttrice di Family Life International, New Zealand

Jerzy Kwaśniewski, Presidente di Ordo Iuris Institute of Legal Culture, Poland

Steven Mosher, Presidente di Population Research Institute, USA

Mario Navarro da Costa, Director of the Washington Bureau of the Tradition, Family and Property, USA

Slawomir Olejniczak, Presidente di Piotr Skarga Institute, Poland

John Smeaton, the chief executive of the Society for the Protection of Unborn Children, the oldest pro-life campaigning organisation established in the world;

Edward Urban, Director of Family Action South Africa

Christine Vollmer, presidente di Asociacion Provida de Venezuela-PROVIVE, Venezuela

John-Henry Westen and Steve Jalsevac, co-fondatori LifeSiteNews, the largest pro-life and pro-family media outlet today;

Tutta la Marcia sarà seguita in diretta da EWTN, la televisione americana diffusa in tutta il mondo fondata da Mother Angelica.

Dopo la Marcia ci sarà il convegno della John Paul II Academy for Human Life and Family, di cui avete il programma più sopra.

Ecco il programma del Rome Life Forum:

ROME LIFE FORUM

16-17 maggio 2019, ANGELICUM

CITTÀ DELL’UOMO versus CITTÀ DI DIO

ORDINE MONDIALE GLOBALE versus CRISTIANITÀ

 

Programma

Giovedì 16 maggio

8.30    Santa Messa (Chiesa dei santi Domenico e Sisto, Angelicum)

9.15    Registrazione/Caffè

10.00  Preghiere d’apertura ed accoglienza

10.10  Saluti introduttivi di Padre Wojciech Giertych OP (Angelicum)

10.20  S. Em. il Cardinale William Jacobus Eijk

La teoria gender: una minaccia alla famiglia ed alla proclamazione della fede Cristiana

(in italiano)

11.10  Prof. Roberto de Mattei (Fondazione Lepanto, Italia)

Mysterium iniquitatis: dall’ordine del mondo al caos globale (in italiano)

12.00  Coffee break

12.30  Sessione di domande e risposte

13.00  John-Henry Westen (LifeSiteNews, Canada)

Cercando la speranza nel bel mezzo della rivoluzione (in inglese)

13.30  Pranzo

15.00  Rosario

15.30  S. E. mons. Athanasius Schneider

La disperazione della città dell’uomo senza Dio (video in inglese)

16.00  Anthony Murphy (Catholic Voice, Ireland)

Fede, vita, famiglia in Irlanda – un esempio dall’Occidente (in inglese)

16.45 Steven Mosher (Population Research Institute, USA)

Fede, vita, famiglia in Cina- esempio dall’Oriente (in inglese)

17.30 Sessione di domande e risposte

18.00 Preghiera di chiusura

19.00 Cena (solo per registrati)

Tutte le sessioni del forum sono moderate da John Smeaton (Society for the Protection of Unborn Children, UK)

Venerdì 17 maggio

8.30    Santa Messa (chiesa dei santi Domenico e Sisto, Angelicum)

9.15    Caffè/ Registrazione

9.50    Preghiere d’apertura

10.00 Padre Kevin O’Reilly OP (Angelicum, Italy)

Sacrificate sacrificium iustitiae: la trasformazione operata dalla croce di Cristo (in inglese)

10.50 Dr. Alan Fimister (St John Vianney Seminario Teologico, Denver, USA)

Una stabile dimora – la sfida di sant’Agostino (in inglese)

11.40 Coffee break

12.15 Padre Linus Clovis (Family Life International NZ)

Salve Regina, Mater Misericordiae (in inglese)

12.45 Sessione di domande e risposte

13.15 Pranzo

15.00 Rosario

15.30 S. Em. il Cardinale Jānis Pujats

Le domande attuali per la famiglia e la società (videomessaggio)

15.45 S. Em. il Cardinale Walter Brandmüller

Uno sguardo sulla preistoria di Humane Vitae (in italiano)

16.15 S. Em. il Cardinale Raymond Leo Burke

Pietà filiale e patriottismo nazionale come virtù essenziali dei cittadini del cielo al lavoro sulla terra (in inglese)

16.45 Sessione di domande e risposte




Oggi è il 255° giorno in cui il pontefice regnante non ha, ancora, risposto.

Quando ha saputo che McCarrick era un un uomo perverso, un predatore omosessuale seriale?

È vero o non è vero che mons. Viganò l’ha avvertita il 23 giugno 2013?

Joseph Fessio, sj: “Sia un uomo. Si alzi in piedi, e risponda”.


Questo blog è il seguito naturale di San Pietro e Dintorni, presente su “La Stampa” fino a quando non fu troppo molesto.  Per chi fosse interessato al lavoro già svolto, ecco il link a San Pietro e Dintorni.

Se volete ricevere i nuovi articoli del blog, scrivete la vostra mail nella finestra a fianco.

L’articolo vi ha interessato? Condividetelo, se volete, sui social network, usando gli strumenti qui sotto.

Se invece volete aiutare sacerdoti “scomodi” in difficoltà, qui trovate il sito della Società di San Martino di Tours e di San Pio di Pietrelcina


 LIBRI DI MARCO TOSATTI

Se siete interessati a un libro, cliccate sul titolo….


Viganò e il Papa


FATIMA, IL SEGRETO NON SVELATO E IL FUTURO DELLA CHIESA

  SANTI INDEMONIATI: CASI STRAORDINARI DI POSSESSIONE

  PADRE PIO CONTRO SATANA. LA BATTAGLIA FINALE

  Padre Pío contra Satanás

La vera storia del Mussa Dagh

Mussa Dagh. Gli eroi traditi

Padre Amorth. Memorie di un esorcista.

Inchiesta sul demonio.

Tag: , , , ,

Categoria:

Questo articolo è stato scritto da wp_7512482

22 commenti

  • Francesca ha detto:

    “Dio si propone, non si impone; illumina, ma non abbaglia”.
    Papa Francesco
    Che ne dite? Ha bisogno di commenti? Quanto all’illumina mi viene da ridere pensando al cardinale tagliatore di sigilli…

    • LucioR ha detto:

      Mah! Chissà da chi è stato abbagliato San Paolo al punto di perdere la vista…

      • Milli ha detto:

        Per qualcuno Dio è una lucina fioca, buona solo per illuminare l’albero di Natale , per qualcun altro un faro nella notte in tempesta.

      • Lucy ha detto:

        Le conversioni sono una diversa dall’altra , da quelli che arrivano alla Fede dopo anni di percorso come Chesterton , a quelli che Dio “abbaglia ” in pochi minuti.Oltre all’ esempio di San Paolo anche in tempi recenti un ” abbagliato ” da Dio è stato Andrè Frossard , ateo e di estrema sinistra.Così scrive nel suo libro “Dio esiste, io l’ho incontrato “. “….sono le 17/10 , tra due minuti sarò cristiano , la croce sull’altare ha al centro un disco bianco , ignoro di trovarmi di fronte al Santissimo Sacramento…..all’improvviso il cielo non si apre, si slancia , s’innalza , silenziosa folgorazione .Sono cattolico , apostolico , romano .Dio esiste ed è tutto vero “. Dio ” abbaglia ” eccome !

  • Gene ha detto:

    Ma quando mai Bergoglio si metterebbe in prima fila per rivendicare e tutelare un aspetto della religione cattolica così fondamentale…..è impegnato a mettere confusione cercata tra i fedeli non suoi ma di Gesù……ne vedremo mai il suo gruppo fidato che lo aiuta nelle sue uscite, affermazioni strampalate fatte ad arte.Non si era mai visto un pontefice a cui non piace manifestare la propria fede se non secondo i suoi rituali eretici.

  • Milli ha detto:

    Riceverà la stessa accoglienza del congresso di Verona? Per molti, anche cattolici, era una congresso fascista. Già il fatto di unire il concetto di patria e famiglia è qualcosa di arcaico e sconvolgente. Voler togliere il diritto alle donne di abortire un sacrilegio contro la democrazia e il progresso. Quello che ho trovato sconvolgente è stata l’informazione, non per il fatto che ci potessero essere opinioni differenti, ma esistevano fatti differenti e questo non è concepibile. Non si puo distorcere la realtà a seconda di cosa si vuol dimostrare. Questa sì, è dittatura.

    • Adriana ha detto:

      A proposito di Verona , la tattica dei movimenti lgbt ecc… si allarga . Schifati dal congresso per la Vita svoltosi a Verona , ora hanno lanciato appelli per boicottare il balletto Romeo e Giulietta all’Arena . Perchè ? Perchè il primo ballerino , l’ucraino Sergei Polunin – bravissimo – , porta tatuato sul petto il volto di Putin , ma SOPRATTUTTO perchè sostiene sul suo sito che è lecito e sano distinguere tra virilità e femminilità ,( compreso il ruolo di padre e madre ) . Per i lgbtecc… e per le femministe di riporto , Verona si dimostra la solita città sessista , retrograda e fassista ! Insomma : NON
      progressista ! ANATHEMA .

      • Davide ha detto:

        Già… ANATHEMA.
        Talemente tanto ipocriti da usare gli stessi identici metodi da inquisizione che rimproverano ai cattolici.

  • Astore da Cerquapalmata ha detto:

    Siamo arrivati al punto che si rischia di essere odiati dagli stessi cattolici a partecipare ad un evento del genere.
    Impensabile fino a poco tempo fa.
    Come è stato possibile? Eppure tante rivelazioni privare, da Fatima, ad Akita, ma anche profezie di anime sante, come Elena Aiello (tanto per rimanere in ambito di apparizioni APPROVATE e di santi e beato UFFICIALI), avevano avvertito di questa crisi morale che la Chiesa avrebbe attraversato!
    Io penso che, per la giusto e sacrosanto timore che le rivelazioni private non hanno nulla da aggiungere alla Rivelazione, che potrebbe sviare i fedeli dalla vera fede, si è caduti nell’errore di non prendere sul serio gli avvertimenti del Cielo.
    Ma se la Madonna parla, e noi crediamo che a Fatima e aad Akita ha parlato, non lo ha fatto per fare quattro chiacchiere, né, tanto meno, per “chiacchiericcio” come direbbe Papa Francesco.
    Troppa prudenza, significa imprudenza

    • Maria Cristina ha detto:

      Caro Astore oggi “ si rischia di essere odiati dagli stessi cattolici” non solo per la partecipazione alla Marcia per la vita ma anche per tante altre cose di cui faccio un elenco:
      Si rischia di essere odiati dagli stessi cattolici se :
      -si vuole ricevere la Santa Comunione in ginocchio e sulla bocca
      -si nega che si possa divorziare , risposarsi e ricevere la Comunione
      -si nega che i rapporti omosessuali siano un bene, anche se fedeli
      -si nega che la carita’ cristiana possa passare sopra leggi e regole e sconfinate nell’ illegalita’ e nell’ esproprio proletario
      -si vuole rimanere fedeli alla dottrina cattolica espressa dal CCC
      -si vuole credere che la fede in Gesu’ Cristo NON sia uguale ed equiparabile alle altre religioni es. musulmana
      -si vuole che la propria patria , l’ Italia , non sia invasa da orde di sedicenti bisognosi in realta’ Aggressivi ed invadenti islamici…
      -non si crede che Martin Lutero sia stato un bene per la Chiesa
      -non si crede che aborto, divorzio , eutanasia siano leciti in NESSUN CASO

      L’ elenco sarebbe lungo. In pratica oggi si rischia di essere odiati dai cattolici ( cattocomunisti al potere) solo se si pensa qualcosa di veramente cattolico.

      • Astore da Cerquapalmata ha detto:

        E’ proprio come dice lei…

      • Giorgio ha detto:

        Purtroppo, anche io, confermo quanto dice Maria Cristina. Quanta sofferenza, mi porta tutto questo! Per grazia di Dio, mi tengono in piedi le parole di Gesù (“Uno solo è il vostro Maestro!”)! La gente ‘dice di me tante cose’, “ma voi chi dite che Io sia?”. Per me Lui è stato, è e sarà sempre il mio Tutto, anche se crollasse il mondo fuori e dentro di me! Sempre Gesù: “Dio mio, perché mi hai abbandonato?”, ma “Nelle tue mani rimetto il mio spirito”!

    • Gaetano2 ha detto:

      Beh decenni di ignavia comportano questo. Si vedeva e capiva benissimo quello che accadeva e le conseguenze che ne sarebbero scaturite, i “cattolici” avevano la possibilità di difendersi o perlomeno di tentare di farlo, ma avevo l’impressione che non importava loro poi così tanto. Anzi si infastidivano se qualcuno toccava tali argomenti…

  • Mazzarino ha detto:

    Corre effettivamente voce che Bergoglio abbia accettato di guidare la Marcia e patto che essa si concluda con un intervento della Bonino e preveda in serata un communist-ecumenic-rave-party nel seminterrato discoteca riaperto dal suo cardinaletto elettricista. E così anche la mancanza del servizio buttafuori sarà risolto!

  • Davide ha detto:

    Volevo però segnalare l’appello del Vescovo di Reggio Emilia, Mons.Camisasc, pubblicato sul settimanale diocesano ‘La Voce’, in cui invitava a votare per chi sostiene la famiglia, come unione tra un uomo e una donna e per chi sostiene la vita.

  • Davide ha detto:

    Lo sa perché non ci ho creduto, fin dal primo momento ?
    Per il semplice fatto che ho individuato l’Easter egg che lei ha lasciato; Sabato 19 Maggio 🙂

  • Anima smarrita ha detto:

    È già tanto poter registrare lo svolgimento di tale simposio, con la partecipazione di oratori “fuori dal coro” e presso un’ Università Pontificia!!! Con i tempi che corrono…
    Il papa alla guida della marcia? A domanda risponderebbe che sa trattarsi di una delle … giornate per la vita…; per ogni altro quesito: chiedere al card. Parolin ed ogni sua risposta in merito lo troverebbe d’accordo…come per il Congresso di Verona…

  • Monica ha detto:

    Mi si perdoni il fuori tema. Ho guardato la lista dei candidati francesi alle europee. Mi sono soffermata su una lista: unione dei democratici musulmani. Sono andata a vedere il loro programma e mi ha colpito in modo particolare la loro politica al punto 6. Si intitola “lotta all odio” e vuole lottare contro l’islamofobia, gli attacchi terroristici anti-islam (???!), l aumento delle persecuzioni verbali e fisiche (fisiche?), difendere scuole e cimiteri islamici che sono presi di mira (mira?), dissolvere associazioni islamofobe e dissolvere i media che veicolano teorie complottiste anti musulmane.
    Vivendo in una nazione dove dall inizio dell anno sono innumerevoli le profanazioni di chiese, dove gli atti terroristici sono stati fatti oggettivamente da persone dichiarate musulmane che urlavano il nome del loro dio prima di sparare, dove alla mensa della scuola puoi avere il menu senza maiale e non mangiare durante il ramadam, ma non il pesce il venerdi santo (la responsabile del Comune alla mensa disse ” non possiamo, lo Stato é laico”), mi é parso quantomeno curioso il punto 6.

    Face à la montée des persécutions verbales, physiques et attaques terroristes anti-musulmans, il est de l’intérêt de chaque État de combattre l’islamophobie sur le sol européen en assurant la sécurité des communautés musulmanes d’Europe (au travers des mosquées, écoles et cimetières musulmans régulièrement pris pour cible). Une loi doit-être inscrite au sein du parlement européen afin de condamner toute diffusion de discours de haine envers la communauté musulmane en permettant la dissolution de toutes associations ou groupements islamophobes, tous médias qui exploitent cette littérature islamophobe pour se faire du profit en véhiculant des théories complotistes anti-musulmanes.

    • Lucy ha detto:

      @Monica
      Parlare delle discriminazioni contro i cristiani non è mai fuori tema. Altro che ” islamofobia ” siamo in piena ( non riconosciuta se non da valorosi giornalisti come Giulio Meotti) ” cristianofobia “. Perciò , dato che vivi in Francia , vorrei sapere da te se è stata definitivamente messa da parte la proposta arrivata alla scrivania dell’allora ministro Valls di un cambio di toponomastica per i circa 5000 comuni francesi che nel loro nome hanno ” saint ” o ” sainte “.La motivazione? Evitare il disagio della crescente popolazione musulmana derivante dalle appellazioni toponomastiche rappresentative di una cristianità trionfante e totalitaria Da qui l’imperativo politico di laicizzare “ab imis ” la Francia sopprimendo gli appellativi discriminanti .Forse il progetto è stato accantonato ma il fatto stesso che sia stato presentato è indice di un imbarbarimento nato e alimentato da un attacco di cristianofobia da far paura.

      • Monica ha detto:

        Per la mia esperienza personale qui, il laicismo é sostanzialmente un anti cattolicesimo, originato dal pensiero massonico rivoluzionario. Ed essendo – ismo é una ideologia, che pensa che esista il “neutro “. Invece ogni azione politica statale si svolge in un perimetro di idee e moralità che devono naturalmente rifarsi a dei valori condivisi : che siano slegati da valori ancorati in una fede non li rende necessariamente superiori o migliori, ma é il concetto di bene comune che dovrebbe far vagliare quali valori sono logicamente accettabili,senza discriminarli e rifiutarli a priori se legati ad un senso di trascendentale. E poiché l islam é una religione politica che aspira ad unire potere temporale e spirituale nella legge islamica, certe iniziative anti cultura cattolica sono spalleggiate da esso. Ne risulta che nel dialogo del “vivere insieme ” il cattolico deve stare muto (l esempio della mensa scolastica é piccolo ma emblematico).

  • Il veritiero ha detto:

    Tema veramente impegnativo quello sulla morte celebrale, si toccano argomenti di un certo livello, in un periodo dove negli ultimi 2 anni stanno spingendo molto per fare dell’eutanasia un diritto.
    Che cattivi gli organizzatori, vogliono far piangere la Emma Bonino? Speriamo gli organizzatori abbiano comprato abbastanza fazzolettini.

Lascia un commento