SCHNEIDER: IL PAPA CORREGGA PUBBLICAMENTE LA FRASE SULLE DIVERSE RELIGIONI FATTA AD ABU DHABI. PER TUTTA LA CHIESA.

10 Maggio 2019 Pubblicato da --

Marco Tosatti

Mentre si discuteva sui social e non solo della lettera-appello ai vescovi (che ha superato le ottanta firme di studiosi teologi, con buona pace degli usuali corifanti della Bergoglio Press Gang – mi è venuta agli occhi una coraggiosa presa di posizione del vescovo Athanasius Schneider, data a Gloria-TV e ripresa da LifeSiteNews. In essa il presule chiede al Pontefice di revocare o chiarire ufficialmente per tutta la Chiesa l’affermazione del documento sulla Fratellanza Umana firmato da papa Bergoglio e dall’iman di Al-Azhar secondo cui la “diversità delle religioni” è “voluta da Dio”.

Ora, è evidente a chiunque abbia un minimo di logica che se la diversità delle religioni è voluta da Dio, una religione vale l’altra; e allora non si vede perché uno debba essere cattolico, piuttosto che musulmano o buddista. E perché ci debbano essere dei vescovi, o un papa.

Il vescovo Schneider il 1 ° marzo, nell’udienza con i vescovi del suo Paese aveva chiesto un chiarimento al Pontefice, che gli aveva parlato di “volontà permissiva di Dio” nel campo della diversità delle fedi esistenti. Quanto questo possa essere convincente ciascuno può giudicarlo da solo. Ma comunque si trattava di una spiegazione private, e perciò non sufficiente. L’affermazione di Abu Dhabi “è ancora valida”, e così, dice Schneider, “viene proclamato un nuovo Vangelo, un Vangelo che non è quello insegnato dal Verbo incarnato di Dio, che è stato fedelmente predicato dagli Apostoli e trasmesso nella chiesa.”

“Non può esserci dubbio”, spiega Schneider, “che oggi san Paolo direbbe riguardo a questa formulazione controversa nella dichiarazione di Abu Dhabi “Ma quand’anche noi, quand’anche un angelo dal cielo vi annunziasse un vangelo diverso da quello che v’abbiamo annunziato, sia egli anatema. Come l’abbiamo detto prima d’ora, torno a ripeterlo anche adesso: se alcuno vi annunzia un vangelo diverso da quello che avete ricevuto, sia anatema’.(Galati 1: 8-9)”.

Papa Francesco ha firmato il controverso “Documento sulla fraternità umana per la pace e la convivenza nel mondo insieme” con il Grande Imam Ahmad el-Tayeb ad Abu Dhabi il 4 febbraio 2019. “Finora, né il papa, né un ufficio della Santa Sede parlando a suo nome, hanno fatto una correzione pubblica con riferimento diretto al dubbio passaggio riguardante la ‘ ‘diversità delle religioni’” nella dichiarazione di Abu Dhabi, spiega il vescovo Schneider. “Pertanto”, conclude, “la formulazione riguardante la diversità delle religioni è ancora valida”.

Nell’intervista, il vescovo Schneider illustra dettagliatamente i diversi sviluppi della sua discussione con Papa Francesco su questa dichiarazione di Abu Dhabi.

Insiste sul fatto che la correzione datagli dal papa durante un’udienza del 1 ° marzo ha solo un “carattere privato”, e spiega di aver consegnato al papa lo stesso giorno una lettera in cui gli chiedeva di “abrogare” la formulazione sulla “diversità delle religioni”. Papa Francesco, il 5 marzo, ha risposto in una lettera al vescovo Schneider, dicendo che nel documento di Abu Dhabi, l’espressione “è voluta da Dio” significa la “volontà permissiva di Dio”.

“Ho quindi scritto, il 25 marzo, ancora un’altra lettera personale”, spiega Schneider. In questa lettera, chiese al papa se poteva ripetere “pubblicamente per tutta la Chiesa” ciò che il papa aveva detto e scritto a Schneider in privato. Schneider gli ha chiesto di farlo “a causa della confusione nella Chiesa che cresce quotidianamente riguardo alla verità che la Fede in Gesù Cristo come unico Redentore dell’umanità sia l’unica religione voluta direttamente e positivamente da Dio”.

Alla domanda sul fatto che Papa Francesco, durante l’udienza generale del 3 aprile, abbia parlato esplicitamente della “volontà permissiva di Dio” riguardo alla diversità delle religioni, e se il papa non abbia così “rimosso il problema”, Mons. Schneider Dice: “Con questa formulazione, Papa Francesco non fa un riferimento diretto al tanto discusso passaggio della dichiarazione di Abu Dhabi”. Inoltre, afferma il presule, non esiste un insegnamento espresso che menziona che la Fede di Gesù Cristo “è l’unica la religione voluta positivamente da Dio “. Il vescovo Schneider ricorda che Papa Francesco gli ha inviato personalmente una copia di quella dichiarazione del 3 marzo durante l’udienza generale. Ma continua, dicendo che mentre questa dichiarazione del 3 marzo potrebbe essere un “piccolo passo avanti”,  resta il fatto che “la dichiarazione che è errata in sé e come si trova nel documento di Abu Dhabi continua a restare senza una correzione chiara e autentica all’interno della Chiesa” e che” si sta ancora diffondendo con la sua formulazione oggettivamente errata “. Ricorda che il Pontificio Consiglio per il dialogo interreligioso ha inviato una lettera il 21 febbraio 2019 “a tutte le università della Chiesa” con l’esplicita richiesta di contribuire a diffondere, a tutti i livelli, i principi contenuti nel documento di Abu Dhabi. Quella lettera cita anche il controverso passaggio sulla diversità delle religioni.

In tal modo,” afferma il vescovo Schneider, “la verità sull’unicità di Gesù Cristo come Redentore dell’umanità e, successivamente, la Fede in Lui come l’unica religione voluta da Dio, viene relativizzata. In questo modo, cresce sempre più il pericolo che l’essenza di tutto il Vangelo e, con essa, del depositum fidei [deposito della fede] venga negata “.

Di fronte alla crescente relativizzazione dell'”unicità di Nostro Signore e Redentore Gesù Cristo”, spiega il presule, è ancora più importante ora che “tutta la Chiesa e, in primo luogo, Papa Francesco” parlino apertamente di questa questione . “Il documento di Abu Dhabi, tuttavia, non è stato utile per quanto riguarda la missione principale della Chiesa”.

Parlando delle conseguenze dell’ulteriore diffusione del documento non corretto di Abu Dhabi, il vescovo Schneider sottolinea che “ulteriormente relativizzerà l’unicità di Nostro Signore e Redentore Gesù Cristo, e con essa anche l’essenza del Vangelo e della Divina Rivelazione”.



Oggi è il 252° giorno in cui il pontefice regnante non ha, ancora, risposto.

Quando ha saputo che McCarrick era un un uomo perverso, un predatore omosessuale seriale?

È vero o non è vero che mons. Viganò l’ha avvertita il 23 giugno 2013?

Joseph Fessio, sj: “Sia un uomo. Si alzi in piedi, e risponda”.


Questo blog è il seguito naturale di San Pietro e Dintorni, presente su “La Stampa” fino a quando non fu troppo molesto.  Per chi fosse interessato al lavoro già svolto, ecco il link a San Pietro e Dintorni.

Se volete ricevere i nuovi articoli del blog, scrivete la vostra mail nella finestra a fianco.

L’articolo vi ha interessato? Condividetelo, se volete, sui social network, usando gli strumenti qui sotto.

Se invece volete aiutare sacerdoti “scomodi” in difficoltà, qui trovate il sito della Società di San Martino di Tours e di San Pio di Pietrelcina


 LIBRI DI MARCO TOSATTI

Se siete interessati a un libro, cliccate sul titolo….


Viganò e il Papa


FATIMA, IL SEGRETO NON SVELATO E IL FUTURO DELLA CHIESA

  SANTI INDEMONIATI: CASI STRAORDINARI DI POSSESSIONE

  PADRE PIO CONTRO SATANA. LA BATTAGLIA FINALE

  Padre Pío contra Satanás

La vera storia del Mussa Dagh

Mussa Dagh. Gli eroi traditi

Padre Amorth. Memorie di un esorcista.

Inchiesta sul demonio.

Tag: , , ,

Categoria:

Questo articolo è stato scritto da wp_7512482

88 commenti

  • Andrea ha detto:

    Ammiro il candore e la genuinitá di questi vescovi che pazientemente soffrono senza perdere le speranze su Bergoglio… Vorrei avere la loro fede. Personalmente credo che egli sia come Terminator: “non si può patteggiare con lui” . Per un motivo molto semplice e cioè che non è cattolico ma ha sposato la religione della sapienza umana, (l’ideologia massonica) ed è convinto di esser nel giusto. Ma poi scusate, ma questi religiosi l’hanno visto o no il video ecumenico promosso dalla Santa Sede in tutto il mondo? Raffigura esattamente lo stesso messaggio qui contestato. Mi pare impossibile che non si rendano conto… che li e ci prende in giro. Probabilmente ciò che gli passa per la testa è: “so che il cattolicesimo, come tutte le religioni, è un bisogno spirituale dell’uomo; sto cercando di metterle tutte d’accordo, di smussare gli assolutismi per il bene dell’umanitá, per la pace. So anche che alcuni nella Chiesa credono in quegli antichi assolutismi e quindi devo cercare di rassicurarli circa la validità di essi, un colpo al cerchio e uno alla botte, lentamente, per il bene del mondo”.
    Il fatto di utilizzare la figura papale per questi scopi non è altresì sentito da lui come grave poichè egli pensa probabilmente di aiutare, dal punto di vista spirituale, degli indigeni ad evolversi. Se uno ha l’animo massonico, ossia integralmente superbo, o si converte o a nulla varranno lettere e letterine. Li considererà come bambini che scrivono a Babbo Natale: cercherá, per quanto possibile, di accontentare tutti, per il bene dei suoi piani. (Ai dubia evidentemente non era possibile rispondere perchè non vi era una scappatoia credibile).

  • Anima smarrita ha detto:

    A Giuseppe 11 maggio @ 8,05 pm
    Le rispedisco il suo stesso invito (rivolto al dott. Tosatti): «NON FACCIA LA SOLITA MARMELLATA!».
    Come al solito non entra mai nel merito della discussione e quando è in palese difficoltà -cioè sempre – si arrampica sugli specchi. È un complimento non aver capito il suo contorTo pensiero. In tanti le hanno già replicato; sono contenta di far parte di questa schiera di “tanti” che per lei sarebbe una schiera numericamente molto ridotta.
    Continui a cantarsela e a suonarsela, non pretenda di dare la sveglia ad altri con i rintocchi della sua “campana” stonata che, in tutta evidenza, come da sempre rilevato in risposta ai suoi commenti, le creano problemi non solo di udito, ma anche di vista, dal momento che non riesce a leggere e a capire gli scritti altrui.
    Non si aspetti altre risposte da me; non mi lascerò trascinare nel vortice della sua “filosofia” e su un piano “ideologico” che è di sua stretta pertinenza. Si rilassi, una buona volta, mi dichiaro contenta, se riesce ad apprezzare Bergoglio che, forse ha dimenticato, è a capo di quella Chiesa che lei osteggia e ripudia. All’ occorrenza: … tutto torna utile, anche tirare in ballo chi predica un Vangelo che lei rifiuta, con qualche scivolone da parte del papa che noi fedeli – esercitando il diritto-dovere riconosciuto anche da norma di diritto canonico – nel nostro “piccolo” facciamo presente, chiedendo si faccia chiarezza. Quella chiarezza che a lei non interessa – avendo idee chiare, secondo il suo punto di vista – e, per di più, non è in grado di offrire un contribuito valido al raggiungimento del nostro obiettivo. Siamo corazzati per evitare di lasciarci trascinare in un vortice che alimenta una confusione già sovrana.
    Stia bene!

  • Giuseppe ha detto:

    “Sarei grata a chi riuscisse a convincermi che questo sia il linguaggio di un operatore di pace, che smorza i toni per non gettare benzina su un “fuoco sociale” che si vorrebbe tanto fosse domato, per allentare tensioni e scontri, per placare animi fin troppo esasperati”.
    Dunque, vediamo… Può bastare il fatto che, sul piano ideologico, un pensiero opposto, esattamente opposto a quello di Bergoglio è propagandato (fra i cittadini comuni) da Casa Pound, Orban e compagnia fascista?
    È così semplice. A me basta e avanza. Ma in effetti non sono fascista.

    • Giuseppe ha detto:

      Riferito ad Anima Smarrita 9:58

      • Anima smarrita ha detto:

        Vincendo la tentazione di non risponderle, per sua informazione: sono costantemente aggiornata su quanto accade giorno dopo giorno, ora dopo ora e non ho letto né ascoltato in TG o Talk appelli a reciproca tolleranza e coesistenza pacifica da esponenti politici dell’area da lei indicata. E, comunque, mi aspetto un impegno oltre le prediche e le proprie possibilità da tutti coloro che si professano credenti cattolici; parole che si traducono in fatti a imitazione di Chi è morto per amore ed io quest’amore l’ho sperimentato e lo sperimento in varie circostanze. Ma tanto a lei questo non interessa…

        • Anima smarrita ha detto:

          E, inoltre: perché suggerisce il pensiero di una certa area politica, dichiarandosi nel contempo estraneo ad essa? Mi sembra sia in confusione. Si rilassi, anziché affaticarsi a “suonare un’altra campana” su questo blog, come ha scritto in qualche suo commento. Devo dedurre che non abbia altro da fare?

          • Giuseppe ha detto:

            Non ha capito proprio nulla, vedo. Ho detto che un buon motivo per apprezzare Bergoglio, in questa circostanza, è che ha detto parole che sono in netto contrasto con quelle dei fascisti sui rom.
            Fascista quale io NON sono.
            Nulla di più chiaro, come vede.

    • wp_7512482 ha detto:

      Questa è la sua opinione. Come vediamo in questi giorni settimane e mesi il fascismo oggi veste di rosso. O arcobaleno.

      • Giuseppe ha detto:

        Non faccia la solita marmellata, per cortesia!
        Il fascismo è ordine, stato di polizia, razzismo, retorica della patria, della famiglia e di dio.
        La sinistra le farà ribrezzo, ma non ha nulla anche vedere con tutto ciò.
        Il fascismo è stato il Ventennio e ha ha avuto come fratello ancor più degenere il nazismo.
        E oggi quella porcheria sta tornando, monta sempre più in Europa, Russia e Usa.
        Non è uno slogan che può essere appiccicato a chiunque, è una precisa ideologia ed è storia, anche e soprattutto dell’Italia. Quindi si sforzi di usare in modo proprio le parole.
        Vuole parlar male della sinistra? Lo faccia, ma non la definisca fascista. Peraltro, offenderebbe anche i nipotini del duce.
        Si legga le dichiarazioni di chi, anche in questi giorni, si è detto orgogliosamente fascista. Casa Pound, casa editrice Altaforte-Salvini… Le dicono qualcosa?
        E magari si legga il pezzo su il Venerdì che parla di cattolici integralisti e di chi li sovvenziona.

        • wp_7512482 ha detto:

          La sinistra, e studi la Storia, è stata massacri – che ancora continuano nei regimi di sinistra – in quantità inimmaginabile. E senza motivo. Studi, Giuseppe, studi che cosa è stato il bolscevismo, senza cui probabilmente non ci sarebbero stati né fascismo né nazismo; studi che cosa è stato l’Holodomor, che cosa sono state le purghe staliniane, i massacri degli oppositori democratici, la Rivoluzione Culturale in Cina, i massacri di presunti fascisti e non nel dopoguerra, i Gulag, i Lao Gai che sono ancora belli pieni adesso…tutti regimi atei, Giuseppe, ATEI per definizione. Studi come adesso la sinistra cerca di tappare la bocca, come fa da decenni nella cultura e nell’università, a chi ha idee diverse. Le idee si combattono con le idee, se se ne é capaci, non con i bavagli, Giuseppe. La porcheria che monta è il politically correct, il non poter chiamare le cose con il loro nome, le leggi liberticide che la gente come lei vorrebbe far passare. Questo è FASCISMO nella sua vera faccia. Come d’altronde profetizzava già Pasolini, che non mi pare fosse di Casapound. Poi se lei, insieme a non pochi altri diversamente ragionanti (!) vuole divertirsi con le tigri di carta del fascismo, e dire che un Ministro dell’Interno solo perché fa il mestiere di qualsiasi Ministro dell’Interno, in Australia o in America è un fascista, padrone. Ma sono colossali sciocchezze, menzogne e truffe ai danni dei diversamente ragionanti come lei, portate avanti dal PD e dai giornali ideologizzati di sinistra come Repubblica, Stampa e Corriere, pieni di ex Unità, Manifesto e va sinistrando, e finanziati da gente come Benedetti, che ha la tessera N.1 del PD e compagnia cantante. Si svegli Giuseppe, che è ora. E studi, studi e studi ancora. Sui libri, non su roba buona solo per avvolgere il pesce.

  • roberto ha detto:

    Chi scandalizza uno di questi piccoli è meglio che gli venga messa una macina al collo e gettato nel profondo del mare.Mamma mia quanti preti.

  • Pier Luigi Tossani ha detto:

    grande Schneider, uomo con gli attributi, che non si lascia prendere in giro.

  • Ángel Manuel González Fernández ha detto:

    Caro Direttore:
    L’ha detto nel suo 105 ego interviste:
    “Se io avessi impiccato cento curati nella Piazza di San Pedro prevaricatori…”:
    “Si yo hubiera ahorcado cien curas en la Plaza de San Pedro abusadores…”:
    https://noticias.caracoltv.com/mundo/papa-francisco-dice-entender-victimas-de-abusos-sexuales-cometidos-por-curas
    Ieri semplicemente lo girò a ripetere:
    https://www.lifesitenews.com/news/Pope-critics-would-be-happy-if-we-had-hung-100-priests-in-st-peters-square
    Saluti.

  • Monica ha detto:

    Ai bimbi del catechismo , a Natale e Pasqua, faccio sempre riprendere la frase del Credo che abbiamo scritto su un cartellone ” per noi e per la nostra salvezza discese dal cielo”.
    Crediamo che é venuto in Terra per noi, per salvarci, l unico che poteva , nel mistero pasquale, e crediamo che gli interessiamo, che gli interessa la nostra salvezza.
    É dunque contro la fede professata dire o pensare che Dio attivamente vuole e desidera altre religioni che sostengono di essere la via di salvezza, come se tutte fossero uguali (ma allira sarebbe inutile incarnazione e passione e resurrezione) o non gli importasse la nostra salvezza se solo una é giusta e le altre no, ma le vuole e desidera lo stesso.

    • Lucy ha detto:

      Premesso che sono fortunati quei bambini che hanno una catechista come te vorrei segnalarti , se non li conosci già , tre agili volumetti di padre Maurizio Botta e don Angelo Lonardo intitolati ” Le domande grandi dei bambini ” , Catechismo per la prima Comunione.Nel secondo e terzo libretto c’è anche una sezione per i genitori. I libretti sono dei veri e propri gioelli di insegnamento religioso e sensibilità pedagogica e padre Maurizio è un sacerdote e un catechista eccezionale Indirizzi utili
      itacaedizioni.it
      mauriziobotta@hotmail.it

      • Monica ha detto:

        Grazie per l informazione. Terrò presente i libretti come materiale da cui attingere. Purtroppo non posso consigliarlo ai genitori perché é in italiano ed io ho bambini francesi. Buona domenica

  • Adriana ha detto:

    ” Meritiamo le parole di Gesù : non ho bisogno di voi , non mi servite a nulla . Sarebbe meglio che spariste , buttandovi nel fondo del mare , per non scandalizzare ” .
    TG 3 Regione ( Lazio ) , ore 14 . ( 10/05/ 2019 ) .
    Servizio all’udienza della famiglia Rom di Casal Bruciato da papa Bergoglio .

    • Diana ha detto:

      Comunque a volte sembra avere qualche rotella fuori posto, dico nel modo di ragionare. Certe “catechesi” danno l’impressione di accedere ai vaneggiamenti e ai soliloqui di una mente un po’ sconnessa che si è imbattuta nella spiritualità gesuitica.

      • Adriana ha detto:

        DIANA ,
        diciamo che siamo di fronte a un ” virtuoso ” della catechesi che ha portato ai massimi livelli il precetto gesuitico di insegnare ” ad usum delphini ” . Traduzione moderna : storytelling per boccaloni .

  • anna maria ha detto:

    Gesù è l’ Unica Via che ci conduce al Padre !!!
    Se consideriamo il primo comandamento, esso afferma:” Non avrai altro dio all’infuori di Me” !!! Come si può dunque affermare che è addirittura volontà di Dio l’esistenza di più religioni e che la diversità di religioni è considerata una ricchezza” ! E’ assurdo.
    Quando il Signore ci donerà un vero Papa che ci indichi la Vera Via , quella che Cristo è venuta ad annunciare ad ogni uomo ?
    Egli disse : ” IO SONO LA VIA LA VERITA’ E LA VITA” .

    https://annamariadematteis.wordpress.com/2019/01/09/gesu-e-lunica-via-che-ci-conduce-al-padre/

  • Gaetano2 ha detto:

    Preparatevi per una colletta e regolatevi, che don Ciccio deve sbrigare sta faccenda e conta su voialtri:
    https://www.automoto.it/news/targa-inesistente-senza-assicurazione-sequestrata-l-auto-della-famiglia-rom-di-casal-bruciato.html

    • Anima smarrita ha detto:

      Il discorso che ha pronunciato giovedì scorso davanti ai rom ricevuti in Vaticano e che i media hanno strombazzato in chiave di appello alla “fratellanza”- dal pontefice additata quale antidoto al clima di odio, a quell’aggettivazione, da abolire dal linguaggio corrente in quanto causa di distanza e di disconnessione “fra il cuore e la mente” anche di chi ne fa uso per scartare “con la scopa” i cittadini ritenuti indebitamente di seconda classe – ha riservato la seconda “stoccata” contro una non meglio precisata organizzazione italiana che alimenta – a suo dire – rancore e vendetta.
      E questa fa il paio con quell’altra sulla “mafia made in Italia”.
      «Lasciarsi dietro il rancore – ha detto, fra l’altro – Il rancore ammala tutto, ammala la famiglia. Ti porta alla vendetta, ma la vendetta io credo che non l’abbiate inventata voi. In Italia ci sono organizzazioni che sono maestre di vendetta, voi mi capite bene. Un gruppo di gente che è capace di creare la vendetta, di vivere l’omertà: questo è un gruppo di gente delinquente, non gente che vuole lavorare».
      “Gente delinquente, non gente che vuole lavorare”; parole contro quel “gruppo”, innominato, che lascia intendere conosca bene, ma che nell’indeterminatezza finisce col colpire al cuore quel gruppo di cui si conosce invece la preoccupante consistenza numerica e che costituisce l’esercito dei “disoccupati”, in particolare giovani e lavoratori non più giovani che hanno perso il lavoro.
      Sarei grata a chi riuscisse a convincermi che questo sia il linguaggio di un operatore di pace, che smorza i toni per non gettare benzina su un “fuoco sociale” che si vorrebbe tanto fosse domato, per allentare tensioni e scontri, per placare animi fin troppo esasperati. A me non sembra il linguaggio di un “maestro” che vorrebbe educare a non giudicare, nei fatti e con intemerate per niente ispirate a quella “tenerezza” predicata e ostentata con gesti a beneficio di telecamere e servizi giornalistici. Di chi, giudicando, condanna; dimenticando il “non giudicate, per non essere giudicati…” con il seguito inflazionato a proprio uso e consumo.

      • Gian ha detto:

        E’ il linguaggio di uno sporco manipolatore, di un istigatore all’odio. Un vigliacco abile ad accendere fuochi, la cui prima improvvida azione – che dette il “LA” alla folle situazione in cui ci troviamo, situazione che ci sta portando tutti a fondo in un gorgo sempre più profondo – fu quella di fiondarsi a Lampedusa e tuonare l’anatema: VERGOGNA! VERGOGNA! VERGOGNA!… Senza precisare a chi fosse diretto, ma furbescamente prendendo dentro TUTTI (noi occidentali, ovviamente). Il molle Letta Jr, fresco di nomina, si sentì obbligato ad organizzare l’operazione Mare Nostrum, il seguito lo sappiamo. Non dico un’auto usata, da costoro nemmeno un bicchiere d’acqua accetto.

  • Ángel Manuel González Fernández ha detto:

    Caro Direttore:
    Accordo Cina comunista con la Chiesa di Francesco, il segreto:
    https://www.ucanews.com/news/plea-over-missing-underground-chinese-bishop/85130

  • Ángel Manuel González Fernández ha detto:

    Caro Direttore:
    LE DENUNCE DI ABUSI AL VESCOVO – E COSÌ NON SA LA POLIZIA, NÉ LA POLIZIA NÉ NESSUNO -: IL PROFETIZZATO “PASTORE STOLTO E FALSO PROFETA” FRANCESCO:
    http://w2.vatican.va/content/francesco/it/motu_proprio/documents/papa-francesco-motu-proprio-20190507_vos-estis-lux-mundi.html
    MIGLIORE PRIMO DENUNCIARE A LA POLIZIA, E COSÌ SA IN PRIMO LUOGO IL PREVARICATORE E DOPO IL VESCOVO.
    SOLO IN QUESTI TRE CASI DOVREBBE RICORRERE ESCLUSIVAMENTE AL VESCOVO: QUANDO NON ESISTA UNA LEGGE CIVILE, QUANDO LA LEGGE CIVILE È LASSISTA, E QUANDO LA LEGGE CIVILE INCLUDERE LA PENA DI MORTE.
    Saluti.

    Estimado Director:
    LAS DENUNCIAS DE ABUSOS AL OBISPO -Y ASÍ NO SE ENTERA LA POLICÍA, NI LA POLICÍA NI NADIE-: EL PROFETIZADO “PASTOR NECIO Y FALSO PROFETA” FRANCISCO:
    http://w2.vatican.va/content/francesco/it/motu_proprio/documents/papa-francesco-motu-proprio-20190507_vos-estis-lux-mundi.html
    MEJOR PRIMERO DENUNCIAR A LA POLICÍA, Y ASÍ SE ENTERA PRIMERO EL ABUSADOR Y DESPUÉS EL OBISPO.
    SOLO EN ESTOS TRES CASOS SE DEBERÍA ACUDIR EXCLUSIVAMENTE AL OBISPO: CUANDO NO EXISTA UNA LEY CIVIL, CUANDO LA LEY CIVIL ES LAXA, Y CUANDO LA LEY CIVIL INCLUYA LA PENA DE MUERTE.
    Saludos.

  • Lucy ha detto:

    Bergoglio è chiaro , limpido , cristallino solo su temi ambientali , sociali , politici mentre sui temi religiosi è vago , contradditorio , ambiguo e soprattutto amante del silenzio.Riguardo a questo punto , sempre sui temi di fede, è chiara la sua idiosincrasia anzi il rigetto per k’apologetica, parola ormai proibita, cioè la difesa con argomentazioni razionali , anche attraverso il dialogo vero (quello di confutazione) ,delle RAGIONI della Fede.È rimasta famosa la risposta che diede a uno studente polacco che gli chiedeva cosa potesse dire a un suo amico ateo per portarlo alla fede :”L’ultima cosa che devi fare – disse lasciandolo basito – è perlargli”.Ora è vero che per evangelizzare contano gli esempi di vita ma non bastano , anzi alle volte non servono se non sono accompagnati da altre “armi “come appunto la parola , il Logos.
    Troviamo conferma di questo rigetto verso tutto ciò che sa di ” argomentazione ” chiara e lineare in un discorso che Bergoglio fece nell’ottobre 2018 all’Augustinianum , un discorso sconcertante passato sotto silenzio ma che ora torna illuminante. A proposito della tramissione della Fede da parte dei nonni ai nipoti e in generale del rapporto educativo tra adulti e giovani , disse :” Mai cercare di convincere , ascoltare, accompagnare , MAI DISCUTERE , MAI , meglio dire – non so rispondere a questo , cerca da un ‘altra parte – sempre evitare la discussione diretta perchè questo allontana “.Nessun educatore degno di questo nome potrebbe far proprie queste ” perle ” perchè sono non solo destinate a un sicuro fallimento ma anche assurde. Se gli apostoli avessero seguito questo ” metodo ” il cristianesimo sarebbe morto a Gerusalemme dopo una o due generazioni e se ne parlerebbe come oggi si parla della religione degli Assiri o dei Greci che pure sono durate secoli. Questo sta anche a dimostrare , se ce ne fosse ancora bisogno , che Bergoglio è il capo di una religione di cui non gli importa nulla ; quella chiarezza su un punto fondamentale della Fede mons.Schneider non l’avrà mai.

    • deutero.amedeo ha detto:

      In realtà Bergoglio continua a parlare di dialogo, ma i suoi discorsi sono interminabili monologhi.

    • Anima smarrita ha detto:

      Partendo da questi presupposti, e non dimenticando la sua netta condanna del “proselitismo”, quali saranno orientamento e finalità del futuro dicastero per l’ Evangelizzazione, che – stando alle anticipazioni di stampa intorno alla costituzione sulla riforma della Curia, in attesa della sua firma – dovrebbe ricoprire il primo posto nel ridisegnato organigramma, quello finora occupato dalla Congregazione per la Dottrina delle Fede?

    • carlone ha detto:

      Domandi quanti maschietti oggi , passati i 50 , si guardano allo specchio e vedono l immagine riflessa di loro padre. Eppure da giovani avevano fatto grandi battaglie col vecchio. Uguali , uguali in quella immagine .Quelle parole sono passate , ma l esempio si è incarnato nel figlio. Sai chissenefrega se lo dice il Papa , o il Presidente ma se da l esempio allora la cosa resta. Lei confonde educatori con professori.

    • Stefania ha detto:

      Mi rivolgo esclusivamente a lei, Marco Tosatti, perché per puro caso ho aperto questo sito sul mio smartphone. Leggendo i vari commenti e non condividendo le critiche rivolte a Papa Francesco, ho anche scritto due giorni fa, un mio commento personale. Non l’avessi mai fatto…..sono stata aggredita da più persone che in sostanza dicevano le stesse cose, quasi fossero tutte ben indottrinate a puntino. Ora le chiedo per pura curiosità al fine di parlare circa la sua risposta al mio parroco:” Anche lei, sig. Marco, è come loro?”

      • wp_7512482 ha detto:

        Gentile signora Stefania, questo è un blog di informazione; dove sono ammessi commenti, e dove, come spesso accade, le opinioni sono divergenti. C’è uno scambio di pareri anche acceso. Come avrà visto io limito molto la mia presenza nel dibattito, proprio per lasciare la massima libertà. Tutto lì.

        • Stefania ha detto:

          Certo, capisco. Sa cosa mi dispiace veramente nel sentire tutte queste critiche verso Papa Francesco? Mi dispiace che non sia vissuto nel periodo del fascismo- nazismo. Se ci fosse stato lui al posto di Papa Pio ×Ii , con tutto il rispetto per quest’ultimo, i documentari che narrano di quei tempi, non tralascerebbero di nominare il Papa come una figura coraggiosa e contraria al regime, in difesa degli ebrei oppressi., degli zingari ,degli omosessuali, degli invalidi, degli scuri di carnagione e di capelli. E forse i campi di concentramento sarebbero stati scoperti prima della fine della guerra. E con questo chiudo senz’altro proferire perché il lavoro mi attende.

          • wp_7512482 ha detto:

            La Storia non si fa con i se. e su Pio XII, e i campi di concentramento Le consiglio di informarsi meglio. Gli Alleati sapevano dei lager da molto tempo; e, per esempio, non bombardarono le linee ferroviarie he vi conducevano. Su Pio XII po le consiglio di non credere alla leggenda nera creata dai comunisti, molto dopo, una vera fake news, che la storiografia recente sta provvedendo a smontare. Fino a “Il Vicario” tutti erano lì a ringraziare Pio XII, compresa Golda Meir, compreso Israele. Non si faccia fuorviare. In Chiesa ci si toglie il cappello, non il cervello.

          • Stefania ha detto:

            Non posso argomentare con lei che di cultura storica ne ha da vendere. Io potrei argomentare se lei avesse bisogno di cure mediche, vista la mia professione. Mi permetta di considerare che il vostro gruppo pecca di essere molto aggressivo e presuntuoso. Caratteristiche queste, poco evangeliche. È finito il tempo delle Crociate, che lei sa bene, non aver portato nulla di buono all’immagine della Chiesa
            Se il mondo andrà avanti, sarà ad opera di parole e opere pacifiche e rispettose dei nostri fratelli. Anche se papa Francesco fosse destituito da personaggi come voi, ne succederebbe un altro con caratteristiche simili, perché è questa la volontà di Dio. Che vi piaccia o no…..

          • wp_7512482 ha detto:

            Può argomentare quanto vuole.Basta leggere. Anche sulle crociate, sarà bene che legga qualche cosa. Se lei oggi non porta il velo, non è la seconda terza o quarta moglie di qualcuno è perché ci sono state un paio di crociate, una a Lepanto e una a Vienna. Poi, non so che cosa voglia dire con “gruppo”. Qua ci sono tutte persone singole, a quel che so io che scrivono de comment a delle notizie. Se le notizie non le piacciono, e spesso non piacciono neanche a me, non so che farci. A proposito di opere rispettose, la rimando a un commento di ieri o per l’altro che indicava quante decine di insulti il pontefice ha riservato ai cristiani e ai cattolici. Se lo legga, è interessante a proposito di aggressività e presunzione.

      • Catholicus ha detto:

        @ Stefania :”Anche lei, sig. Marco, è come loro?” : cara Stefania, se la sua domanda s riferisce a chi difende con zelo (forse anche un po’ eccessivo, ma che vuole, siamo uomini, e la lingua a volte va oltre il pensiero) la fede cattolica bimillenaria, opponendosi tenacemente a Bergoglio ed ala sua neochiesa gnostica e massonica (non più Cristocentrica ma antropocentrica, aperta a legalizzare tutti i vizi, tutti i peccati, tutte le dissacrazioni), allora sì, le dirò che anch’io sono come loro, e me ne glorio (in cristo, ovviamente, come dice l’Apostolo…). oltre a ciò, carissima Stefania, le dirò anche che raccomando al Cuore Immacolato di a Maria SS.ma lei e tutti i fratelli/sorelle che la pensano come lei, affinché l’Immacolata operi nel vostro cuore il miracolo che operò nel cuore di Alfonso Ratisbonne, ebreo anticattolica, a Roma, nella chiesa di S, Andrea delle Fratte, facendogli comprendere la Verità in un attimo.

        • Stefania ha detto:

          Una cosa ci unisce però, vede che volendo si può? Il valore inestimabile della preghiera. La ringrazio tanto delle sue parole gentili ed equilibrate che, sulle persone sensibili come sono io, hanno grande grande valore. Un caro saluto e un grazie per il confronto umano ed educato e per la preghiera.

  • Marco ha detto:

    PASTORI MODERNISTI CON JEANS E SCARPE SPORTIVE DI TENDENZA MA CON UNA FEDE USA E GETTA
    Prodotti delle riforme nocive introdotte dalla falange massonico-progressista che ha inquinato l’annuncio Apostolico del Concilio Vaticano II.
    Questa intervista è stata mandata in onda nel corso della scorsa Quaresima da TV2000 l’emittente telelevisiva della CEI.
    COMPLIMENTI!!!

    • Grog ha detto:

      Ovvero, come buttare al cesso 2000 anni di magistero.
      Ma sto tizio, se non crede al peccato, che si é fatto prete a fare?
      In questi casi io comincio a pensar male…

    • Carmelo G. ha detto:

      questo poveretto parla a di satana?

    • Davide ha detto:

      Che questo sedicente ” teologo” torni a studiare i Padri, prima di proferir amenità. -Se qualcuno vi annuncia un Vangelo diverso da quello che avete ricevuto, fosse anche un angelo, sia anatema.-

  • Carmelo G. ha detto:

    “Ora, è evidente a chiunque abbia un minimo di logica che se la diversità delle religioni è voluta da Dio, una religione vale l’altra; e allora non si vede perché uno debba essere cattolico, piuttosto che musulmano o buddista. E perché ci debbano essere dei vescovi, o un papa.”
    Vorrei correggere così questa frase:
    Ora, è evidente a chiunque abbia un minimo di logica che se la diversità delle religioni è voluta da Dio, una religione vale l’altra; e allora perché Dio ha sacrificato il suo unico Figlio sulla croce? Perché il suo unico Figlio ha detto ai suoi discepoli di andare in tutto il mondo ad annunciare il Vangelo? Perché il suo unico Figlio ha detto che chi crede in lui sarà salvo e chi non crede in lui sarà dannato? È talmente ovvio che affermare che la diversità delle religioni è voluta da Dio significa negare Gesù Cristo.

    • Rafael Brotero ha detto:

      Una religione vale un’altra e dunque tutte sono false. Viva la massoneria.

    • GMZ ha detto:

      È che costoro hanno perso la fede. Non saprei che altro dire per “giustificare” questa eresia che non potrà mai essere giusta…
      Che tristezza questo scampolo di Vaticano II: è partito male e finisce marcio.

  • Astore da Cerquapalmata ha detto:

    Siamo alle solite: il Papa dice e non dice.
    In pubblico dice una cosa, in privato cerca di rimediare… Sembra cercare la confusione per sguazzarci dentro.
    Io che sono un GARANTISTA estremo, ho ormai la quasi certezza che stia facendo di tutto per far passare dei concetti incompatibili con la dottrina infallibile della Chiesa.
    Ho difeso il Papa finché la ragione me lo ha permesso, e anche di più. Ma sono fatto così: voglio essere certo delle cose oltre ogni ragionevole dubbio.
    Ricordo che una volta a Medjugorje, sul sagrato della Chiesa, all’ora dell’apparizione, il Sole ha cominciato a roteare e cambiare colore. Un amico vicino a me si mise a gridare e a piangere chiedendomi se lo vedevo anche io, ma io, che pure lo vedevo benissimo, gli ripetevo ostinatamente di NO.
    Il giorno dopo, alla stessa ora (17 e 40 di metà luglio) ho provato a guardare il Sole e, dopo un secondo, mi lacrimavano gli occhi. Solo allora ebbi la certezza che non avevo sognato. Ma non l’ho mai detto al mio amico.
    Così faccio e ho fatto col Papa.
    Ancora non voglio dire con assoluta certezza che è eretico, nel senso che insegni eresie in modo CHIARO e OSTINATO, ma penso che lui, dentro di se, CREDA a delle eresie. Se pure crede con fede soprannaturale.
    Ad esempio penso che per lui il preservativo tra coniugi sia lecito e che l’omosessualità non è un peccato.
    Penso inoltre che nei riguardi di McCarrick sia colpevole di omertà: la mai avvenuta smentita a Viganò, che probabilmente ha delle prove da esibire all’occorrenza, può equivalere ad una ammissione di colpa.
    E penso anche che la sua fede sia ridotta a un’ideologia, o quasi. Lo si vede riguardo ai migranti, con delle prese di posizione che li condanna ed essere profughi a vita e, probabilmente, lo si vedrà col sinodo sull’amazzonia, a cui si vuole rispondere alla penuria delle vocazioni, non attraverso la preghiera e il digiuno, ma in modo umano.
    Quella dei preti sposati (e poi magari divorziati e risposati) non è direttamente una questione di fede, ma di opportunità. Ma, indirettamente, è anche una questione di fede, perché chi applica soluzioni solo umane ai problemi della Chiesa, sta probabilmente perdendo la fede

    • carlone ha detto:

      Cerca un alibi per peccare ?
      In Amoris Laetitia è detto chiaramente che non è consentito l uso degli anticoncezionali fra coniugi.
      Perché non legge prima ?

      Fin dall’inizio l’amore rifiuta ogni impulso di chiudersi in sé stesso e si apre a una fecondità che lo prolunga oltre la sua propria esistenza. Dunque nessun atto genitale degli sposi può negare questo significato,[86] benché per diverse ragioni non sempre possa di fatto generare una nuova vita.

      • Astore da Cerquapalmata ha detto:

        Ne prendo atto. Amoris laetitia n. 80
        Ma se il Papa ne è così convinto, perché non lo ripete ogni tanto?
        Se il Papa difende la fede della Chiesa, sono contento.
        A me poco importa se si considera di sinistra. Peggio per lui che non ha capito nulla di politica.
        Infatti, se uno è contro l’aborto, contro l’ideologia gender, per lla SACRA TRADIZIONE di fatto non è di sinistra anche se lo crede. Ma è per la TRADIZIONE che lo voglia o no.
        Ma Bergoglio è così ingenuo? Ne dubito.
        Infatti fermarsi alle parole dette di tanto in tanto può essere fuorviante. Occorre vedere i COMPORTAMENTI e i RISULTATI.
        Conosco personalmente dei giovani che sono rimasti totalmente FUORVIATI dalla dichiarazione di Papa Francesco sulle religioni.
        Il pericolo è che Bergoglio col suo dire e non dire, sia riguardo alle religioni, sia riguardo gli anticoncezionali, di fatto favorisce il modernismo.
        Non dimentichiamo che è lui stesso a definirsi REALISTA.
        Non mi meraviglierebbe che un REALISTA GESUITA badi al risultato più che alle parole. Anzi, che usi le parole, il dire e non dire, per ottenere il risultato.
        Naturalmente se mi sbaglio, cioè se il Papa fosse un accanito difensore del Concilio di Trento, oltre che del Vaticano II, sarei contento.
        Ma dica qualcosa che lo dimostri, invece di essere fissato in modo quasi schizofrenico sui migranti

      • Astore da Cerquapalmata ha detto:

        Forse non ha capito che a me delle fazioni non interessa nulla. Io sto col Papa che però deve stare con la Fede.
        Tradizionalisti e progressisti non mi interessano.
        Non ho bisogno di cercare alibi: poiché non ho parlato solo di anticoncezionali ma anche di omosessualità e di omertà nei riguardi di McCarrick, mio cita un riferimento in cui il Papa ha dichiarato che il VIZIO dell’omosessualità è peccato? Io ho cercato, ma non ho trovato. Se lei mi fa una citazione ne prenderò atto.

        • carlone ha detto:

          ?? Allora deve leggerla tutta l’Amoris Laetitia, perché quel passo citato in precedenza non condanna l uso degli anticoncezionali per il fatto che vengano usati da due coniugi , ma in quanto nega il fine di quell’ atto genitale. A maggior ragione quindi l atto genitale fra omosessuali non è consentito , anzi , nemmeno esiste, perché è impossibilitato a quel fine , o se preferisce è masturbazione
          Quindi questa è dottrina , è la stessa come lo era in precedenza , prima di Bergoglio . Se non la conosce ora , non la conosceva nemmeno prima e non può dare colpa all ‘ attuale Papa che è chiaro su questo ed in linea con il Magistero.

          • Astore da Cerquapalmata ha detto:

            Ma la parola peccato, è peccato pronunciarla in queste occasioni? Perché le assicuro che da un po’ di tempo c’è una forte percezione che Papa Francesco abbia fatto tana libera tutti. Glielo dico per esperienza diretta. Potrei fare vari esempi di persone che conosco.
            La crisi c’era già, ma un buon pilota in discesa non accelera, ma frena.

  • Nuccio Viglietti ha detto:

    Frankie dovevano farti presidente di quell”inutile verminaio di ONU non Papa della chiesa cattolica…https://ilgattomattoquotidiano.wordpress.com/

  • deutero.amedeo ha detto:

    Io temo che Papa Francesco sia veramente convinto che Dio sia uno solo per tutti e che non faccia distinzione fra religioni. Pone Cristo come riferimento per noi cristiani, ma in antitesi al cristianesimo pone l’idolatria, non le altre religioni.
    A partire da giugno del 2018 ha fatto tutta una serie di catechesi sui comandamenti che sono andato a rivedermi. Qui di seguito c’è il link all’intero testo della catechesi riguardante il “non avrai altro Dio” . Ne riporto anche un paio di citazioni tanto per dare un’idea del tenore del discorso. Il resto lo lascio alla curiosità e al giudizio dei lettori.
    http://w2.vatican.va/content/francesco/it/audiences/2018/documents/papa-francesco_20180801_udienza-generale.html
    Catechesi sui Comandamenti. 4. «Non avrai altri dei di fronte a me»
    Cari fratelli e sorelle, buongiorno!
    Abbiamo ascoltato il primo comandamento del Decalogo: «Non avrai altri dei di fronte a me» (Es 20,3). E’ bene soffermarsi sul tema dell’idolatria, che è di grande portata e attualità.
    Il comando vieta di fare idoli[1] o immagini[2] di ogni tipo di realtà:[3] tutto, infatti, può essere usato come idolo. Stiamo parlando di una tendenza umana, che non risparmia né credenti né atei. Per esempio, noi cristiani possiamo chiederci: quale è veramente il mio Dio? E’ l’Amore Uno e Trino oppure è la mia immagine, il mio successo personale, magari all’interno della Chiesa? «L’idolatria non concerne soltanto i falsi culti del paganesimo. Rimane una costante tentazione della fede. Consiste nel divinizzare ciò che non è Dio» (Catechismo della Chiesa Cattolica, n. 2113).
    Che cos’è un “dio” sul piano esistenziale? È ciò che sta al centro della propria vita e da cui dipende quello che si fa e si pensa.
    Allora si entra nella seconda fase: «Non ti prostrerai davanti a loro». Gli idoli esigono un culto, dei rituali; ad essi ci si prostra e si sacrifica tutto. In antichità si facevano sacrifici umani agli idoli, ma anche oggi: per la carriera si sacrificano i figli, trascurandoli o semplicemente non generandoli; la bellezza chiede sacrifici umani. Quante ore davanti allo specchio! Certe persone, certe donne quanto spendono per truccarsi?! Anche questa è un’idolatria. Non è cattivo truccarsi; ma in modo normale, non per diventare una dea. La bellezza chiede sacrifici umani. La fama chiede l’immolazione di sé stessi, della propria innocenza e autenticità. Gli idoli chiedono sangue. Il denaro ruba la vita e il piacere porta alla solitudine. Le strutture economiche sacrificano vite umane per utili maggiori.
    NON VI E’ UN ACCENNO ALLE ALTRE RELIGIONI.

    • deutero.amedeo ha detto:

      Per contro andate a leggere qui il messaggio del Vaticano ai Musulmani per l’inizio del Ramadam:
      http://press.vatican.va/content/salastampa/it/bollettino/pubblico/2019/05/10/0398/00811.html#it

    • Nuccio Viglietti ha detto:

      …e allora estragga minomo coerenza…se ne vada da soglio pontificio…https://ilgattomattoquotidiano.wordpress.com/

    • Giuseppe ha detto:

      “Io temo che Papa Francesco sia veramente convinto che Dio sia uno solo per tutti”.
      Quindi mi faccia capire, ognuno ha il suo dio? Ci sono più divinità?
      Diavolo di Greci e Romani! Avevano ragione loro!
      Per Giove: duemila anni passati invano!
      E come se li sono spartiti, tutti questi dei, gli umani?
      Hanno fatto la conta? Uno a me, uno a te, uno a quell’altro?
      E a me che sono ateo? Mi hanno scartato? Si vede che facevo schifo a tutti quanti.

      • deutero.amedeo ha detto:

        Sei orbo?
        “Io temo che Papa Francesco sia veramente convinto che Dio sia uno solo per tutti e che non faccia distinzione fra religioni.”
        NON FACCIA DISTINZIONE FRA LE RELIGIONI .
        Capito?

        • Mariano ha detto:

          no| non è orbo, ma MONA (alla veneta)

        • Giuseppe ha detto:

          Non creda che non le abbia risposto (come per la sciocchezza che va ripetendo sull’entropia) o che mi manchino le parole, caro il mio politeista .
          Purtroppo, o per sua fortuna, Tosatti censura solo me e – il blogger non si offenda per la schiettezza – anche un po’ a capocchia.
          Ma tant’è, mi astengo dal ripetere, non ne vale la pena.

          • deutero.amedeo ha detto:

            Sciocchezze sull’entropia? Ma lo sai cos’è l’entropia? E poi se sei ateo, che te ne importa del monoteismo e del politeismo? Se poi hai capito che io sono politeista sei proprio da curare.

    • GIORGIO VIGNI ha detto:

      E’ una magistrale, sinistra, tecnica, usuale per il porteno (cavolo, non mi viene la tilde sulla n). Il concetto si tira dove si vuole, per quel che serve, come la pelle dello scroto.
      L’idolo è il vitello d’oro, il totem……cose tangibili, esterne, altre. Bene, si cambia “paradigma” e si passa a cose volatili, la superbia, l’egoismo……si introitano, si cambiano le connessioni logiche, sino ad annullarle ed il gioco è fatto. Il vitello d’oro, divenuta figura erronea, è sparito e c’è “ben altro”, altissima correttezza politica. Quando il valore delle parole non vale più niente esse sono buone a tutto.
      Eva e la mela. Nobile frutto che allevia la fame dell’uomo. Mela, il grave di Newton. Il mito di Eva spiega la fame dell’umanità e la teoria dei gravi.
      Però, però c’è un fatto: “unicuique suum debetur. E’ questione di pazienza e tutto torna a posto.
      G.Vigni
      P.S. Mirabile, pregnante lirica, da me stilata, durante l’ora di lettere, al Liceo, un millanta fa:
      Senti il soffio tremendo, l’obnubilante ! Se sbucci le mele, le bucce son tante.
      I Quasimodo, gli Ungaretti……dattilografi di tribunale.
      Se capiterà vi darò anche quella sul senso della vita, da me stilata in Rotterdam, appunto: “Erasmo”

      • deutero.amedeo ha detto:

        Aquì el porteño parla anche del vitello d’oro
        http://w2.vatican.va/content/francesco/it/audiences/2018/documents/papa-francesco_20180808_udienza-generale.html
        Catechesi sui Comandamenti: 5. L’idolatria
        Leggi cosa dice:
        “Aronne non sa opporsi alla richiesta della gente e crea un vitello d’oro. Il vitello aveva un senso duplice nel vicino oriente antico: da una parte rappresentava fecondità e abbondanza, e dall’altra energia e forza. Ma anzitutto è d’oro, perciò è simbolo di ricchezza, successo, potere e denaro. Questi sono i grandi idoli: successo, potere e denaro. Sono le tentazioni di sempre! Ecco che cos’è il vitello d’oro: il simbolo di tutti i desideri che danno l’illusione della libertà e invece schiavizzano, perché l’idolo sempre schiavizza.”
        Capito ? L’idolo schiavizza, l’Islam no, anzi rende liberi.

  • Rafael Brotero ha detto:

    La distinzione tra volunta’ permissiva e positiva é sconosciuta da 99,99% dei cattolici e dunque Berggy se ne frega. E ovviamente ,come (falso, Deo gratias) papa, il rotariano puo decidere lui, e non un vescovo lambda, se la sua spiegazione pubblica é o no sufficiente. Se fosse veramente questa la piu seria minaccia a questo antipontificato, la partita sarebbe gia finita, con la vittoria dei satanisti.
    Ma non é: il Papa é Benedictus XVI PP, come lui stesso firma il suo ultimo libro. Berggy non é e non é mai stato papa.
    É questo il punto fragile del mostro bergogliano. Lo dimostrano le due scomuniche e la riduzione allo stato laicale di don Minutella.
    La disgrazia é che non si trova in tutta la Chiesa una sola monsignorina coi coglioni e il cervello per dirlo.

  • Tex ha detto:

    È un segno del Cielo che l’unico Vescovo che al momento ha affrontato con parresia il problema delle eresie dell’attuale Pontefice, porti lo stesso nome di quel S.Atanasio, che quasi da solo combattè l’eresia ariana, anche contro il Papa di allora , venendp persino scomunicato!!

  • natan ha detto:

    Il papa ha parlato chiaro stamani a S Marta. Lo riferisce Vatican Insider e Vatican NEw. Si va avanti , con testardaggine. La Chiesa deve cambiare. Noi davanti a questi cambiamenti non possiamo far altro che pregare …. a chi di competenza occorre eventualmente far altro. (Ma credo che non abbiano nessuna volontà). Qualora ne abbiano dimostrato in questi 6 anni.

  • Elia ha detto:

    Bruno Cornacchiola, 21 settembre 1988.
    “Quello che ho sognato non si avveri mai, è troppo doloroso e spero che il Signore non permetta che il Papa neghi ogni verità di fede e si metta al posto di Dio. Quanto dolore ho provato nella notte, mi si paralizzavano le gambe e non potevo più muovermi, per quel dolore provato nel vedere la Chiesa ridotta a un ammasso di rovine”.

  • Sucitano ha detto:

    Ringraziamo il Signore per il vescovo Mons. Athanasius (nomen omen) Schneider che con coraggio ha elevato la sua voce a difesa della sana dottrina Cristiana, sempre più minacciata da eretici inquinamenti, durante l’attuale Pontificato. Preghiamo Dio invocando il materno aiuto di Maria Santissima perché la Luce della divina Verità di Cristo Signore, risplenda nei cuori e riporti la gioia del bene e del giusto nella Chiesa e nel Mondo.
    SIA LODATO GESU’ CRISTO!

  • carlone ha detto:

    “Ora, è evidente a chiunque abbia un minimo di logica che se la diversità delle religioni è voluta da Dio, una religione vale l’altra; e allora non si vede perché uno debba essere cattolico, piuttosto che musulmano o buddista. E perché ci debbano essere dei vescovi, o un papa.”

    Appunto, basta una formuletta e si è subito religiosi.
    Cosa diversa è la fede in Gesù che è una chiamata.
    Qualcuno qui ha scelto di essere cristiano ?
    Se si è perché è stato chiamato.
    Per gli altri che non sono stati chiamati o non hanno risposto c’è la religione.
    Poi anche nel cristianesimo c’è il fatto religioso , ma il cristianesimo di per se non è una religione.

    • wp_7512482 ha detto:

      Conto per uno, sig. Carlone, ma devo rispondere di sì alla Sua domanda. Ho scelto.

      • carlone ha detto:

        Non credo, lei è stato attratto, come.davanti ad un bel gelato , che poi lei lo preferisca dolce o salato non spiega perché ne é attratto.

      • Giuseppe ha detto:

        “…e allora non si vede perché uno debba essere cattolico, piuttosto che musulmano o buddista. E perché ci debbano essere dei vescovi, o un papa”.

        Già, sante parole. Non si vede proprio il perché.

  • Salesio ha detto:

    Il fatto che Jorge Mario Bergoglio sia caduto in eresia è ormai una drammatica e palese realtà. E ci è cascato coscientemente, non una volta, ma diverse! Sembrerebbe spinto dalla volontà di seminare l’errore in mezzo al dubbio.
    Il problema adesso è: ma può l’eretico restarci seduto sulla Cattedra di Pietro? Sembrerebbe di no…

  • Nicola B. ha detto:

    Grazie per articoli coraggiosi e precisi come questo Dott Tosatti. Lei è uno dei pochi fari umani di luce nella notte oscura del silenzio e dell’errore nella Chiesa e nei media compiacenti . Lo credo bene che sia avversato ed emarginato. Ma avrà la sua ricompensa a tempo debito. Come detto nel precedente articolo, ribadisco la mia speranza che il Vescovo Schneider possa essere il prossimo Papa.

    https://images.app.goo.gl/SpiQjM8XNMcinMMw5

    https://images.app.goo.gl/XcxRt1YpHAe9opSXA

    https://images.app.goo.gl/KvpMdtoCAC3hjdPc6

    • wp_7512482 ha detto:

      Grazie, caro Nicola. Ma non vorrei proprio ricompense! Non avrei neanche l’energia per godermele! 😁 Mi basta sapere che quello che faccio è giusto secondo la mia coscienza.

      • Mazzarino ha detto:

        Concordo in pieno. Schneider sarà il prossimo Papa. Quello vero. Ma di un Chiesa che non sarà quella che ha intronato per usucapione Bergoglio. e che lo seguirà nel pozzo protestante. Lui succederà a Ratzinger e con lui Santa Romana Chiesa e il Papato, con buona pace dell’attuale gerarchia ormai interamente protestante,,continueranno l’azione salvifica di sempre. E’ proprio quello che Martini e compagnia protestante hanno sempre temuto. E grazie a Bergoglio si avvera.Non vi saranno più scalpi da esibire e vendere, a peso d’oro, al nemico. Tredici anni di Ratzinger avrebbero potuto “raddrizzare la rotta” dolcemente come dolcemente fu deviata. Ma lui non lo volle. Ed ora tutto avverrà con un crash duro ma sano. Stanno per finire finzioni e bugie centenarie. E’ giusto, ed è bene così. Finalmente.

      • Nicola Buono ha detto:

        Per ricompense intendevo quelle nel Regno dei Cieli a 100 anni Dott Tosatti. Come diceva Papa Giovanni XXIII :” Non cerco ricompense quaggiù ma nel Regno dei Cieli. Grazie ancora, Nicola.

  • Mazzarino ha detto:

    Mons Schneider è l’unico vescovo che ha già deciso. Al momento della certificazione definitiva dell’apostasia (sinodo dell’Amazzonia a completamento del sinodo farsa sui divorziati) egli sarà altrove. Invia questa sua lettera rompendo il “silenzio” impostogli recentemente proprio e solo per annunciare ciò. Per ora è il primo vescovo. Non credo saranno in molti ma credo non resterà solo. Bergoglio (e i suoi predecessori) hanno veramente distrutto tutto. Infatti ora è diventato più facile che un cammello passi per la cruna di un ago che un vescovo o un cardinale attuale entri nel Regno dei Cieli. Le anime dei religiosi, almeno di quei pochi credono ancora che l’anima esista, sono al si salvi chi può. Qualcuno ha detto che il riscaldamento globale bergogliano derivi proprio dal gran numero di anime di sacerdoti vescovi e cardinali che dagli ultimi cinquant’anni stanno bruciando all’inferno. O col vangelo Berggoliano di Greta, Boff, Clinton ed Obama o con NSGC. Ormai è questione di poche settimane.

  • Anima smarrita ha detto:

    L’ articolo riepiloga le numerose sollecitazioni avanzate da mons. Schneider in prima persona e direttamente al papa, in colloqui privati e con lettere formali; procedendo in solitaria su un’unica linea, senza disdegnare ma non limitandosi- come tanti altri alti prelati – a colloqui con giornalisti e interviste rilasciate a testate di vari Paesi.
    Chissà se, una buona volta, sarà accolto l’ennesimo appello a tutta la Chiesa, in primis al papa, affinché ” parlino apertamente di questa questione”. Intanto fra i commentatori (plaudenti) a tale notizia, ripresa da qualche altro sito on line, è spuntata anche l’ isolata critica di chi è tornato a riproporre quell’infallibilità che va riconosciuta al papa.
    Forse è opportuno non solo ricordare che il papa è infallibile quando parla ex cathedra, ma richiamare anche quanto prevede il Codice di Diritto Canonico al Can.212:
    §2. I fedeli hanno il diritto di manifestare ai Pastori della Chiesa le proprie necessità, soprattutto spirituali, e i propri desideri.
    §3. In modo proporzionato alla scienza, alla competenza e al prestigio di cui godono, essi hanno il diritto, e anzi talvolta anche il dovere, di manifestare ai sacri Pastori il loro pensiero su ciò che riguarda il bene della Chiesa; e di renderlo noto agli altri fedeli, salva restando l’integrità della fede e dei costumi e il rispetto verso i Pastori, tenendo inoltre presente l’utilità comune e la dignità della persona.

  • alessandro ha detto:

    Verità e VIta. Questo è Gesù Cristo. Gli uomini lo hanno dimenticato, ormai. Adesso sembra che Cristo abbia abbandonato la sua Chiesa, ma nessuno considera che il Cielo in un’ora rivoluziona il mondo. Vedremo quanto a lungo durerà questa situazione. Fino ad ora nessuno si è alzato con voce potente: questo accadrà molto presto. Glielo garantisco: Dio NON RIMARRA’ IN SILENZIO.

  • Donna ha detto:

    Mi auguro che Bergoglio risponda rendendo ragione della Speranza che è Cristo, ma temo purtroppo non sarà così, come non dirà nulla per la lettera che lo accusa di posizioni eretiche. Non ha compreso la gravità del suo silenzio, come papa, come uomo, come servitore di Cristo e pastore del gregge.
    Il suo silenzio non è il silenzio del Cristo perseguitato , come potrebbe pensare qualcuno, ma sembra piu l’atteggiamento di chi pensa non debba rendere conto a nessuno, meno che meno alla moltitudine di pecore che Dio gli avrebbe affidato.
    Così facendo non smarrisce solo le pecore, ma anche se stesso; Pietro se ne va e rimane solo Bergoglio.

  • Luigi ha detto:

    Mons. Schneider ha messo sotto scacco il Papa. Come al solito lui ha cercato di trovare una scappatoia con “la volontà permissiva di Dio”, ma è chiaro che è una scappatoia….
    Naturalmente non dirà mai pubblicamente che ha toppato. Lo conosciamo ormai.
    Segnalo un intetessante articolo scritto da Costanza Miriano. Anche lei ha manifestato il suo pensiero su questo pontificato:
    https://costanzamiriano.com/2019/05/09/come-questo-pontificato-mi-avvicina-piu-a-cristo/

  • Grog ha detto:

    Un Vescovo ha finalmente rotto il ghiaccio.
    Speriamo ne escano altri.

  • Gilberto ha detto:

    Egregio Tosatti
    La lego dall’inizio della sua avventura di stilum curiae.
    Non per piaggeria ma è doveroso riconoscere il valore del suo blog al fine di far valere le ragioni del cattolicesimo e della sua tradizione. In virtù di questo , la prego sentitamente, ogni volta che dobbiamo citare il pontefice chiamiamolo signor bergoglio ( minuscolo se si può ). Le ragioni sono molteplici ma per evitare polemiche non le stato a citare tutte. Una su tutte , è palesemente eretico.
    Cordialmente
    Gilberto