ROMA DEVE RISPONDERE ALLA LETTERA CON LE ACCUSE DI ERESIA, DICONO I LEADER DELLA IGNATIUS PRESS IN USA.

2 Maggio 2019 Pubblicato da --

Marco Tosatti

Cari Stilumcuriali, pubblichiamo una dichiarazione del fondatore e del responsabile della più importante casa editrice cattolica degli Stati Uniti in relazione alla lettera aperta pubblicata nei giorni scorsi in diverse lingue.

La dichiarazione è stata fatta in un breve video, pubblicato da Life Site News, a cui vi rimandiamo.

Ecco il testo tradotto dall’inglese. 

Sia il fondatore che il CEO della principale casa editrice cattolica statunitense hanno rilasciato una dichiarazione in cui si afferma che la lettera aperta pubblicata questa settimana in cui si accusa papa Francesco di eresia non dovrebbe essere ignorata dai leader cattolici a Roma .

Il 30 aprile, p. Joseph Fessio e Mark Bromley di Ignatius Press hanno pubblicato un breve video che esprime la loro opiniona sull’importanza della “Lettera aperta ai vescovi della Chiesa cattolica”. Circa 20 eminenti sacerdoti e studiosi hanno pubblicato una lettera aperta in cui si accusa papa Francesco di essere “colpevole del delitto di eresia”. Hanno chiesto che i vescovi della Chiesa cattolica, a cui è indirizzata la lettera aperta, “prendano le misure necessarie per affrontare la grave situazione”verso un papa che commette questo crimine.

“È un documento importante”, ha detto Fessio del documento, pubblicato in numerose lingue “Penso che qualcosa debba essere detto al riguardo. Ci sarà tempo per riflettere dopo”.



Oggi è il 244° giorno in cui il pontefice regnante non ha, ancora, risposto.

Quando ha saputo che McCarrick era un un uomo perverso, un predatore omosessuale seriale?

È vero o non è vero che mons. Viganò l’ha avvertita il 23 giugno 2013?

Joseph Fessio, sj: “Sia un uomo. Si alzi in piedi, e risponda”.


Questo blog è il seguito naturale di San Pietro e Dintorni, presente su “La Stampa” fino a quando non fu troppo molesto.  Per chi fosse interessato al lavoro già svolto, ecco il link a San Pietro e Dintorni.

Se volete ricevere i nuovi articoli del blog, scrivete la vostra mail nella finestra a fianco.

L’articolo vi ha interessato? Condividetelo, se volete, sui social network, usando gli strumenti qui sotto.

Se invece volete aiutare sacerdoti “scomodi” in difficoltà, qui trovate il sito della Società di San Martino di Tours e di San Pio di Pietrelcina


 LIBRI DI MARCO TOSATTI

Se siete interessati a un libro, cliccate sul titolo….


Viganò e il Papa


FATIMA, IL SEGRETO NON SVELATO E IL FUTURO DELLA CHIESA

  SANTI INDEMONIATI: CASI STRAORDINARI DI POSSESSIONE

  PADRE PIO CONTRO SATANA. LA BATTAGLIA FINALE

  Padre Pío contra Satanás

La vera storia del Mussa Dagh

Mussa Dagh. Gli eroi traditi

Padre Amorth. Memorie di un esorcista.

Inchiesta sul demonio.

Tag: , , ,

Categoria:

Questo articolo è stato scritto da wp_7512482

76 commenti

  • Aldo ha detto:

    AD OGGI HO SOLTANTO UNA PREGHIERA DA RIVOLGERE A ” DIO PADRE” SIGNORE: HO PERSO LA FEDE CON QUESTO BERGOGLIO. RICORDALO QUANDO MI PRESENTERÒ ALLA FINE DEI MIEI GIORNI ALLA TUA PRESENZA SE NE SARÒ DEGNO DELLA TUA MISERICORDIA. SONO DI ESTRAZIONE CATTOLICA E CRISTIANA MA NON MI SENTO RAPPRESENTARE DAL TUO ODIERNO SUCCESSORE CHE NON DESCRIVO MA CHE TU STESSO SAI GIÀ TUTTO. MI APPELLO ALLA TUA VOLONTÀ AFFINCHÉ CON LA TUA POTENTE CAPACITÀ TU POSSA TOGLIERMELO DA QUESTO SUO INCARICO INDEGNO E INCAPACE DI RAPPRESENTARLO. NON LO GIUDICO MA QUANDO UN PASTORE ” SEGUACE DI CRISTO ” INVECE DI PREDICARE IL VANGELO E LA PAROLA DI DIO PREFERISCE FARE POLITICA SOLO DI PARTE E PER INTERESSI DI COMODO… ALLORA…!!! PROVA A PENSARE… BERGOGLIO SA PARLARE MA NON È COERENTE CON QUELLO CHE DICE. TU, DIO PADRE” SAI GIÀ TUTTO! NON MI PROLUNGO A DESCRIVERE QUELLO CHE DICE E CHE NON FA. GRAZIE PER L’ASCOLTO E CHIEDO VENIA!!!.

  • Margherita ha detto:

    Occorre usare un sano realismo per giudicare ciò che sta accadendo: i cardinali che vengono chiamati in causa per giudicare se il comportamento di Papa Francesco sia eretico, sono quelli che lo hanno eletto. Non credo ad una elezione casuale, ma preparata da tempo, con il mutamento progressivo e silenzioso di una parte del clero che faceva propria la “teologia della liberazione” e che ha ora in mano il potere.
    In manus tua Domine!
    Ciò che ci resta è implorare Nostro Signore di aiutarci a non perdere la fede.

    • Fabrizio Giudici ha detto:

      @Margherita
      La lettera aperta è indirizzata ai vescovi, non solo ai cardinali. I vescovi sono ben più di duemila. Se poi siano in maggioranza eretici od ortodossi è difficile saperlo, anche se la domanda più interessante è quanti sono sufficientemente coraggiosi.

      Detto questo non è necessaria una maggioranza. Non so neanche cosa dovrebbero rispondere sull’eresia – io non ho competenze per entrare nel merito della questione “papa eretico” – ma potrebbero almeno scrivere un documento ufficiale ribadendo la verità sui punti sollevati. Ne basterebbe una dozzina.

      Detto questo, sono scettico anch’io che qualcuno prenda l’iniziativa. Vediamo.

  • Gaetano2 ha detto:

    TITTOTAT Non farti fregare!
    Proprio quello che dici dimostra che la Chiesa è Altro e Santa, non appartiene al mondo, per questo è insidiata ed attaccata.
    Anche qui, guarda i commenti e vedi subito la pochezza di chi gli si scaglia contro. Ora con l’impostore, i suoi complici e mandanti cercano di distruggere anche la figura del Papato, oltre al resto. Ma ricordati vogliono te, la tua anima, e cercano di farlo togliendoti la speranza.
    Questa è l’occasione che ti è data per perseverare. E continua a dire il “Ti adoro mio Dio… Ti ringrazio di avermi creato e fatto cristiano…” esserlo è una Grazia (tutti termini, che un lavaggio continuo del cervello, vengono oggigiorno considerati desueti). E ricordati non esiste “ateo” che viva bene, io vengo da lì e li ho conosciuti bene… semplicemente squallidi (io almeno a quei tempi me la spassavo, con alti e bassi, o almeno ci provavo).
    Poi non dire “papa” se è un impostore, anche se fosse stato eletto “legalmente”, infatti ora sono “legali” perfino gli omicidi ecc.

    • TITTOTAT ha detto:

      Ma guarda che im primis non mi faccio fregare più da Bergoglio&pervertiti.
      Ringraziavo per essere cristiano: Per loro non è essenziale.
      Fa che le azioni siano fatte Secondo la tua santa volontà: sono un ipocrita, fariseo, tradizionalista e dall’animo cupo.
      Ho fatto gli studi classici e sono cresciuto con in sano amor di patria e per la grandezza della nazione italiana: adesso scopro che sono vissuto nel peccato mortale.
      Ho sempre sostenuto il clero (anche con la faccia tosta quando era indifendibile) contro i comunisti ora pd, che volevano davvero spazzare via ogni forma di devozione, adesso io sono emarginato e loro in compagnia festosa e non per lodare Dio.
      Cristiani che si accordano coi musulmani per fregare i propri fratelli, e conosco situazioni che davvero fanno vomitare.
      Apparizioni che basta un poco di senno per capire l’ imbroglio
      E basta dire che ci sono santi sacerdoti, è pieno zeppo di pedofili, ma ancora lo scandalo non scoppia perché i vescovi sanno come tenere a bada i procuratori.
      Io ringrazierò di essere cristiano ma ci sono i pastori che ringraziano qualcos’altro per avergli dato tutto questo gregge da sbranare.

  • Il veritiero ha detto:

    Beh certo, se poi confidiamo nei cardinali e nei vescovi per avete giustizia…allora stiamo freschi.
    Molti cardinali e vescovi sono peggio di bergoglio.
    Poco fa’ ho visto un video del CARD. Bagnasco che è presidente europeo dei vescovi, mi pare.
    Poco tempo fa’ il card. Bagnasco ha DATO LA COMINIONE A VLADIMIR LUXURIA durante la messa senza battere ciglio.
    Ora, proprio oggi parlavo del catechismo della chiesa cattolica e dei ” 4 peccati che gridano vendetta davanti a Dio”, 4 peccati gravissimi “GLI ATTI IMPURI CONTRO NATURA” che insieme all’omicidio volontario sono 2 dei 4 peccati più gravi che esistono e che forse non sono nemmeno perdonabili per un sacerdote normale, cerchi peccati solo il papa può perdonarlo, ( forse )
    Ce lo insegna il catechismo tutti i papi precedenti, gli apostoli di Gesù, e i santi.
    Ora che Vladimir Luxuria sia palesemente in peccato mortale è ovvio e palese, lo sanno anche i sassi chi è Vladimir Luxuria ( quindi il card. Bagnasco sapeva molto bene che Luxuria è transessuale o travestito e gli ha dato ugualmente la comunione a luxuria e anche all’altro transessuale xhe stava in fila dopo )
    La mia domanda è: chi ha più colpa in questa PROFANAZIONE DEL CORPO DI CRISTO ? Ha più colpa Luxuria che l’ha presa oppure ha più colpa il card. Bagnasco che gliela ha data?
    E NOI VOGLIAMO AFFIDARCI A GENTE COME IL CARD. BAGNASCO PER AVERE GIUSTIZIA?
    ormai sono quasi tutti eretici e apostati, non possiamo rivolgerci ai cardinali e ai vescovi per avere giustizia, perché loro sono come Bergoglio.
    Ecco il video della grave PROFANAZIONE DEL CORPO DI CRISTO:

    https://youtu.be/7AWHt6Pplfg

  • Andrea ha detto:

    http://www.ansa.it/sito/notizie/cronaca/2019/05/02/scuolastop-alle-note-sul-registro-per-gli-alunni-delle-elementari_b06cd9fa-db79-403d-b66a-fba46948c51e.html

    Qualcuno può pensare che questa notizia, appena letta, non c’entri nulla con l’articolo. Ed invece è tutto oscuramente collegato. Aleggia uno spirito satanico nelle coscienze che mira a deresponsabilizzare, a giustificare, a minimizzare… e questo continuo ed estenuante lavoro deve partire fin da bambini. Che devono crescere sempre più con il senso di onnipotenza e impunità. Sempre più con l’avere sempre meno col dare. La società occidentale è malata terminale. Una lettera che aveva il santo dovere di essere scritta e che finirà nell’oblio in quest’era dove il senso della vita si è ridotto ai selfie ed al volemose bene.

    • Adriana ha detto:

      Non è affatto fuori luogo , intendo : il tuo intervento . Non ero “gomblottista”, ma come non vedere in questo ” provvedimento ” il filo rosso che avvolge la società per strozzarne i frutti fin dai primi anni ? Quante Manduria ci saranno ancora ?

      • Andrea ha detto:

        Penso che in parte, minore, ci sia fisicamente la mano massonica in tante operazioni politiche, anche quelle apparentemente più piccole. Ma per la maggiore si tratta di una mafia spirituale. Non tutti i politici, dirigenti e capi vari sono massoni naturalmente. La maggior parte delle persone, in apostasia, è preda di questo spirito nichilista che la fa remare come una setta verso queste direzioni autodistruttive senza rendersene conto perchè accecata dal sentimentalismo. E’ solo di alcuni giorni fa la notizia dei ragazzini che hanno portato alla morte un pensionato per di più con problemi psichici, dopo lunghe torture; è passata quasi come una notizia delle tante… ma se qualcuno dice zi su un “migrante” apriti inferno… senza Dio non c’è oggi possibilità di sfuggire all’ideologia e alla dittatura del pensiero unico. Si diventa o succubi o carnefici. Ho letto qualcosa della prof che mi hai indicato che come al solito non conoscevo minimamente: raccapriciante, però mi par di capire che dopo abbia rinegato le sue azioni, o sbaglio?

  • Diana ha detto:

    «Volete essere figli della luce, ma non rinunciate ad essere figli del mondo. Dovreste credere alla penitenza, ma voi credete alla felicità dei tempi nuovi. Dovreste parlare della Grazia, ma voi preferite parlare del progresso umano. Dovreste annunciare Dio, ma preferite predicare l’uomo e l’umanità. Portare il nome di Cristo, ma sarebbe più giusto se portaste il nome di Pilato. Siete la grande corruzione, perché state nel mezzo. Volete stare nel mezzo tra la luce e il mondo. Siete maestri del compromesso e marciate col mondo. Io vi dico: fareste meglio ad andarvene col mondo ed abbandonare il Maestro, il cui regno non è di questo mondo». Sant’Atanasio, che oggi ricordiamo, lo scriveva ai semi ariani nel IV secolo. Coraggio, abbiamo un esercito in cielo.

  • deutero.amedeo ha detto:

    Non è Roma,Capitale dell’Italia e non più dello Stato Pontificio, ma il Vaticano, i Cardinali, i Vescovi, i Primati delle Chiese Ortodosse (Eminenze, Eccellenze, Beatitudini) che devono rispondere e, soprattutto, agire.
    Il Papa, direttamente o tramite qualche emissario, può fare solo una o alcune delle seguenti cose:
    – dichiarare che è tutto falso
    – dichiarare che è tutto vero
    – dichiarare che qualcosa è falso e qualcos’altro è vero
    – tacere e non far nulla
    – tacere e punire severamente gli estensori della lettera (nei limiti dei suoi poteri) e chi si allinea con loro.
    L’ultima ipotesi mi pare la più probabile perché Dio perdona, ma Bergoglio no.

  • Antonella ha detto:

    Roma dovrebbe rispondere, ma di fatto preferisce ignorare, sfuggendo ad ogni richiesta di confronto, come esige lo stile Bergoglio con tutta la sua compagnia, che parla di un vangelo di misericordia, di accoglienza, di apertura all’altro …, ma poi agisce con scaltrezza, sceglie astutamente interlocutori comodi e propositivi per le campagne sociali che gli raccomandano di sostenere e gira le spalle ai cattolici, facendo finta di non sentire quando si tratta di affrontare questioni impegnative sul piano dottrinale, ancora di più se si tratta di rispondere a domande che rischiano di incastrarlo pubblicamente come quelle di Viganò.
    In fondo lui il suo compito lo sta portando avanti, non è interessato ad esercitare un mandato, quanto a soddisfare le richieste per cui è stato eletto, cioè accellerarare la protestantizzazione della Chiesa omologandola al comune denominatore di tutte le altre religioni.
    Hanno ragione i firmatari della lettera a dichiararne lo stato di eresia, e se ne apprezza il coraggio, un passo importante che non gli sarà facile scavalcare, perché la verità alla fine si annuncia da sola. Veste un ruolo che non gli appartiene, ne è consapevole, ma persevera abusando di potere.
    A noi non basta più firmare l’ennesima dichiarazione di Fede, quanto capire giuridicamente come svincolarsi da questa farsa. E menomale che c’è Papa Benedetto !

  • maurizio rastello ha detto:

    Penso che il suo “contatore dei giorni” girerà, girerà, girerà……

  • Il veritiero ha detto:

    Ho avuto conferma, ho parlato con un sacerdote della parrocchia vicino casa mia, e loro di questa comunità non sanno assolutamente niente di quello che sta’ succedendo e della lettera con la richiesta di indagine.
    Chi non visita i siti internet dei così detti ” conservatori ” non è a conoscenza di nulla.
    Dei miliardi di fedeli e di sacerdoti quelli che usano internet sono veramente molto molto pochi.
    Se non ne parla la televisione o qualche giornale importante questa diventa una battaglia contro i mulini a vento.
    Se volete io sono disposto ad andare a protestare a piazza San pietro, e sono disposto anche a farmi arrestare e anche a farmi cacciare via dall’ordine per amore di Dio e per difendere la chiesa romana, se fate venire 300-400 persone con me a darmi manforte vi faccio vedere uno spettacolo mai visto a Roma.

    • virro ha detto:

      EVVIVA EVVIVA EVVIVA
      Veritiero👏👏👏👏👏👏👏👏👏👏

      abito un po’ lontano da te, ma pregherò per te, che tu ci possa riuscire.

      • Il veritiero ha detto:

        Dubito che qualcuno abbia il coraggio di venire a protestare a piazza San Pietro, la maggior parte sono commentatori da salotto.
        Pagherei oro per avere qualche centinaio di persone con me, per poter avviare qualche iniziativa seria e degna di nota.
        Da solo sarei solo un povero cretino.
        Io non sono Greta, che mi metto li’ con un cartello e poi la lobby mi manda le telecamere.
        Pochi mesi fa’ una vittima di pedofilia si è incatenata a San Pietro per avere giustizia, per sapere a che punto era la denuncia che aveva fatto, è dovuto arrivare a incatenarsi perché nessuno gli dava nessuna informazione “sulla stessa denuncia che proprio lui ha fatto”, come se ha chiedere informazioni fosse stato.un estraneo che non centra nulla.
        Morale della storia è che nessuno ha mai divulgato la notizia che questo poveretto si è incatenato per protestare per gli abusi che ha subito, oltre che nessuno ha divulgato la storia ( appare 2-3 giornalisti tramite internet) questo poveretto lo hanno pure portato in caserma e denunciato, e nessuno è mai venuto a sapere cosa è successo quel giorno a San pietro, a parte qualcuno che si è imbattuto per caso sul sito di quei giornalisti in internet.
        Bisogna andare almeno in 200-300, in modo che così non possono denunciare nessuno , perché non possono portare via 300 persone, e poi bisogna farlo nei limiti della legge, senza usare violenza o insulti pesanti, praticamente senza dargli un pretesto per poter denunciare nessuno, una protesta secondo il diritto e la legge.
        Se 300 persone si mettono in piazza a gridare ” bergoglio vattene! Non sei il papa leggittimi, sei eretico ” nessuno può dire niente, perché prima di tutto siamo su suolo italiano , e secondo poi c’è la libertà di espressione e di pensiero. Nessuno può denunciarli, siamo nei limiti della legge.
        Però servono almeno 200-300 persone, altrimenti 1 persona da sola non va’ da nessuna parte, anzi lo fanno passare anche per mezzo scemo.

        • Anima smarrita ha detto:

          Mi perdonerà, Il Veritiero, se oso proporre qualche spunto di riflessione, partendo dalla premessa che, dagli indizi da lei forniti nei vari commenti, presumo lei sia un giovane, non per fargliene una colpa, ci mancherebbe! Come tutti i giovani – e anche chi, come me, ha superato la verde età, ripenserà a quegli anni meravigliosi e insieme di non facile gestione, se ne ricorderà e potrebbe essere d’accordo – l’entusiasmo e l’irrequietezza tipici di quella stagione della vita spesso allontanano, se non travolgono, il vero obiettivo che ci si propone di centrare nell’impegno che deve restare costante e intelligente, contenuto nei limiti del “consentito”.
          Le rivolgo le stesse parole che rivolgerei e rivolgo ai miei figli al bisogno. Potrà anche ignorarmi come un inutile “commentatore da salotto”, ma se ci ritroviamo su questo blog a confrontarci non possiamo non riconoscere i limiti di un confronto che si presuppone e si propone essere strumento di conoscenza, approfondimento e azione pacifica.
          Determinate proposte, come quella che lei ha avanzato di una manifestazione a piazza San Pietro – oltre che palesemente irrealizzabile, come cercherò di spiegare – non solo finirebbero col rendere ancora più incandescente un clima già fin troppo infuocato, ma offrirebbero frecce agli archi dei nostri detrattori e “predicatori” vari che imperversano pure su questo blog (a mio avviso, al solo scopo di provocare reazioni avverse) e si volgerebbero a favore della causa che invece è nostra intenzione destrutturare e, possibilmente, concorrere a volgere al bene.
          Lei ricorda l’episodio che ha avuto come protagonista la vittima di abuso, incatenatosi in una strada limitrofa ad un ingresso del Vaticano e, per questo, tradotta negli uffici della Polizia come da prassi prevista. Ho seguito e seguo questa storia, come tantissime altre, sul sito della Rete l’Abuso. Ha sortito l’effetto ultimo, sperato, quel gesto? No! È servito a richiamare l’attenzione, questo sì! Ma quante altre occasioni e iniziative sono state programmate a tale scopo? Persino il summit di fine febbraio dei presidenti di tutte le conferenze episcopali sulla non più trascurabile piaga degli abusi! Eppure: non mi sembra si siano fatti passi avanti… Con ciò non intendo affatto invitare a starsene con le mani in mano… Intanto: anche con i nostri semplici commenti – rispettosi e moderati – possiamo sostenere al momento gli estensori della Lettera – Appello di denuncia (chiunque abbia un qualche interesse ne segue gli sviluppi, al di là dell’apparente indifferenza e della censura ed autocensura della maggior parte dei media nostrani, e monitora la Rete…) così come in futuro dovremmo incoraggiare ogni altra iniziativa del genere che possa essere portata avanti da altri, nel rispetto dei ruoli.
          Mi sembra che il ruolo di capopopolo, che lei vorrebbe assumere, non si concili con chi si prefigge – come deduco da quanto scrive – quella radicalità evangelica che è la sequela di Cristo.
          Le ricordo, inoltre, che piazza San Pietro è territorio della Città del Vaticano. Mai concederebbero il permesso per una dimostrazione – nello specifico contro il papa – come non fu concesso anni fa alla famiglia Orlandi, che dovette fermarsi a Piazza Pio XI. E col proposito di urlare quegli slogan che ha suggerito? Col prevedibile risultato di una retata della polizia e di una qualche accusa da codice penale per oltraggio al papa che – pur non riscuotendo affatto la mia simpatia; anzi! – è pur sempre un capo di stato, che piaccia o no.
          Non resta che: riflettere prima di ogni eventuale azione, confidando nell’onnipotenza di Colui che tutto può.
          Spero di non aver urtato la sua sensibilità. In tutta sincerità: non intendo dare lezione a nessuno; ho solo esposto il mio parere. La ringrazio per l’attenzione che mi avrà dedicato e mi scuso con il dott. Tosatti per la prolissità di questo commento.

          • Il veritiero ha detto:

            Ma si figuri , il ” commentatore da salotto, non era nel senso offensivo, ci mancherebbe, è una persona talmente squisita ”
            Io spesso con le mie parole cerco anche di spronare, di dare delle leggere spintarella 😁
            Ha presente quando una persona vorrebbe spaccare le m9ntagne in 2 ma non può perché la montagna è troppo lontana? 😁
            Io però protestare volentieri in piazza in maniera plateale

  • Ángel Manuel González Fernández ha detto:

    Caro Direttore:
    6 ottobre 2018 alle 5:50 am
    17 Febbraio 2019 @ 4:29 pm
    Jorge Mario travestito da San Francesco d’Assisi è seguito da tre classi di persone: i suoi scagnozzi, i spensierati e gli sciocchi.
    Devi sapere come riconoscere e sapere che devi preoccuparti e stare attento ai giorni e ai “segni dei tempi”.
    Riconoscere…:
    Riconosco che Dio ha creato gli Angeli…, come riconosco anche che un Angelo era “fin dall’inizio omicida e padre della bugia”.
    Riconosco che il Signore ha scelto e chiamato 12 Apostoli… come riconosco anche che uno di loro era “ladro, traditore e demone”.
    Santa Caterina di Bologna riconosce e io riconosco che una mattina quando ero nella chiesa pregando è arrivato Gesù Cristo crocifisso e la ha parlato… come riconosce anche Caterina cinque anni dopo e io riconosco che non era il Signore ma il Diavolo. E in un’altra occasione, Caterina riconosce e io riconosco che la Vergine le è apparsa e ha parlato…, e cinque anni dopo lei riconosce e io riconosco che non era la Vergine ma il Diavolo. E in un’altra occasione apparve la Vergine con il Bambino e la stessa cosa della stessa cosa.
    Conclusione:
    Riconosco che il gesuita Jorge Mario è passato dove la sua schiena finisce gli avvertimenti del suo santo fondatore Ignazio e che è venuto a Papa …, poiché riconosco anche che ha corretto Dio in Giovanni 8:11 ed è per questo che ha non è diventato un cattivo Papa o un Papa dittatore, ma il profetizzato “Pastore stolto e Falso profeta”.
    Saluti.

    Estimado Director:
    A Jorge Mario disfrazado de san Francisco de Asís le siguen tres clases de personas: sus secuaces, los despreocupados y los tontos.
    Hay que saber reconocer, y para conocer hay que preocuparse y estar atentos a los días y a los “signos de los tiempos”.
    Reconocer…:
    Reconozco que Dios creó a los Ángeles…, como también reconozco que un Ángel era “desde el principio homicida y padre de la mentira”.
    Reconozco que el Señor escogió y llamó a 12 Apóstoles…, como también reconozco que uno de ellos era “ladrón, traidor y demonio”.
    Santa Catalina de Bolonia reconoce y yo reconozco, que una mañana cuando estaba en la iglesia orando se apareció Jesucristo crucificado y la habló…, como también Catalina reconoció cinco años después y yo reconozco, que no era el Señor sino el Diablo. Y en otra ocasión Catalina reconoce y yo reconozco que se la apareció la Virgen y la habló… y cinco años después reconoce y yo reconozco que no era la Virgen sino el Diablo. Y en otra ocasión se la apareció la Virgen con el Niño y lo mismo de lo mismo.
    Conclusión:
    Reconozco que el jesuita Jorge Mario se pasó por donde termina su espalda las advertencias de su santo fundador Ignacio y que ha llegado a Papa…, como también reconozco que ha corregido a Dios en Juan 8:11 y por eso ha llegado a ser no un mal Papa ni un Papa dictador sino el profetizado “Pastor necio y Falso profeta”.
    Saludos.

  • Paolo G. ha detto:

    Nessuno risponderà. Bisogna organizzare una manifestazione a Piazza San Pietro. Solo così i mass media saranno costretti a parlare dell’eretico Bergoglio … e qualche papolatra potrà convertirsi e salvarsi l’anima!

  • Marco Matteucci ha detto:

    Speriamo che anche questa iniziativa, che personalmente reputo lodevole e doverosa, non finisca a tarallucci e vino come tutte le altre, dai Dubia su Amoris Laetitia a seguire.

    intanto invito tutti a leggere quanto scrive Roberto Cetera su L’Osservatore Romano di oggi:
    L’obbedienza della fede
    alla Parola – La fondamentale differenza tra realtà e simbolo nella «Confessione sulla cena di Cristo» di Lutero

    A quando l’omologazione della del Sacrificio Eucaristico come semplice Cena?
    Si sta cercando il modo di riabilitare Martin Lutero?
    Si sta cercando di cambiare il significato della Consacrazione Eucaristica?

    Lascio a chi legge il compito di interpretare il reale intendimento di questo articolo pubblicato oggi sul Giornale della Santa Sede.
    http://www.osservatoreromano.va/it/news/lobbedienza-della-fede-alla-parola

    • Anonima ha detto:

      Sono abbastanza turbata riguardo a questo articolo che lei segnala, caro Matteucci. Mi suona tutto come un atto di benevolenza nei confronti di Lutero del quale pare si voglia mettere in risalto il pio desiderio di trovare la verità sulla Eucaristica, come se dopo secoli di cristianesimo ancora fosse una questione aperta. D’altronde è da tempo chiaro come il sole e non lo vede solo chi non vuol vederlo, che l’intenzione è di avvicinare la Chiesa Cattolica a quella luterana, una operazione, cioè, che è tutto il contrario di ciò che l’apostolato richiederebbe; si prenda l’esempio di tutte le preghiere che negli ultimi tempi vengono fatte per l’unità dei cristiani, lontanissime dal ricercare il ritorno dei fuoriusciti in seno alla Chiesa di Roma, anzi, piuttosto propense al solo risalto dei punti in comune. Ben poca cosa, direi. La statua di Lutero in vaticano, la solenne commemorazione papale del quinto centenario della riforma, sono tutti pesanti indizi che parlano chiaro. Personalmente posso dire che sono avvilita da tanta spudoratezza e non mi aspetto niente di buono, anzi addirittura mi prefiguro a breve la sconfessione del Concilio di Trento. Una situazione mai ricordata nella Chiesa Cattolica. Come finirà? Il male certamente non prevarrà, ma fra quante e quali tribolazioni dovremo passare?

  • TITTOTAT ha detto:

    Io mi sto convincendo che tutto è falso, sono illuso, Dio non esiste, nemmeno nel modo più semplice che l’uomo ha immaginato. Tutto è frutto delle nostre fantasie.
    -Un papa che si dice essere contro la verità: pieno di seguaci.
    -Apparizioni mariane (Medjugorie) palesemente fasulle e coacervo di eresie: zeppe di seguaci e fonti di vocaziobi.
    – Parroci pervertiti e molestatori: tutti da loro.
    – Chiese evangeliche e luterane negano la verità cattolica: prosperano anche in ricchezze.
    – Musulmani bestemmiano Cristo: Pullulano di vita.
    – Indù e buddisti pagani: le sofferenze nostre nemmeno li sfiorano.
    Facciamocene una ragione, non c’è un Dio. Ci stiamo combattendo per niente, e il mio non è un artifizio letterario, fino a stamattino ho recitato il ti adoro.. faro esercizi per soffocare questo sospiro.

    • Mariano ha detto:

      per l’amor del Cielo, fermati e chiedi aiuto all’Immacolata. A meno che tu non stessi ironizzando… Ma in queste cose bisogna stare attenti…Qualcuno potrebbe seguire il tuo (spero ironico) esempio.

    • Diversamente abile ha detto:

      @Tittotat

      Lo ieronda Silvano del Monte Athos diceva ai monaci in difficoltà che si rivolgevano a lui per un consiglio: “Mantieni il tuo spirito agli inferi e non disperare.”

    • Giuseppe ha detto:

      Meglio tardi che mai.
      Guardi, glielo garantisco, si vive bene (o male) anche senza dio.
      Lo troverà certamente meno faticoso.

      • virro ha detto:

        Giuseppe il Dio Vivo, il Dio Vero, ti dice: SVEGLIATI TU CHE DORMI, RISORGI DAI MORTI E CRISTO TI ILLUMINERA’

      • Ira Divina ha detto:

        Ecco l’avvoltoio Giuseppe! Io invece prego per la tua anima. Puoi dire quello che vuoi, l’opera salvifica di Dio non la fermano le tue parole. Deo gratia!

      • Mariano ha detto:

        ma, Giuseppe, perché preoccuparsi per le nostre problematiche o credenze o difficoltà ? Non è che lei stesso le stia provando, ovviamente rovesciando l’oggetto in cui crediamo. Mi spiego: noi crediamo in Dio (uno e trino , Gesù etc.), lei CREDE che non ci sia Dio, ma ha bisogno di una conferma, che noi non possiamo certo darle… oppure vorrebbe
        credere in questo nostro DIO CATTOLICO (ahi ahi, sono eretico), ma non riesce a trovare il giusto appiglio per ragionarci con serenità…Se cerca un interlocutore, lo dica serenamente e, forse , grazie al dott Tosatti , lo potrà trovare, senza esporsi a critiche a volte dure.

    • Andrea ha detto:

      Nessuna religione ha i santi nel modo in cui ce li abbiamo noi. Guarda i film o leggi i libri su di loro. La libertà che Dio ci ha donato consiste anche in questo: poter scegliere. I relativisti poggiano proprio sul punto della pluralità delle cose e degli eventi per difendere le loro tesi. Ma una creazione davvero libera potrebbe precludere ciò? Saremmo realmente liberi se vivessimo in una dimensione dove non potremmo negare Dio? Egli è Padre non padrone e il suo amore lo dimostra con l’immenso rispetto per le nostre scelte. Ci ha indicato il modo di incontrarLo ma permette anche a chi vuole di ignorarLo.
      Invece satana non ha questo rispetto per noi, ed infatti se fatichiamo a vedere il bene spiritualmente, basta usare gli occhi per notare il male materialmente in questo mondo. Se Dio cì propone la libertà spirituale satana con i suoi servi costruisce la nostra schiavitù terrena: governi sempre più anticristiani, massoneria infiltrata negli ambienti religiosi, immoralità dilagante. Anche Dio ogni tanto ci manda dei segni visibili ma fa sempre in modo che possano essere rifiutati: perchè vuole essere amato liberamente, senza costrizioni. Il relativismo, il pluralismo, il caos è semplicemente il dono della libertà totale che ci è stato fatto insieme alla nostra coscienza. Siamo stati creati capaci di intendere e liberi di pensare tutto. Ecco perchè non esiste una sola religione, ma tante, esistono le sette… esiste praticamente di tutto. Ma se bevi l’acqua ti disseti, se bevi il fuoco ti bruci. Il caos è la libertà senza meta delle creature. La verità è una sola e per il cristiano è la schiavitù d’amore nel Creatore. Verità che non si può raggiungere per vie umane. Ma con l’abbandono di sè. Non esiste al mondo nè esisterà mai un Verbo più saggio e allo stesso tempo più difficile da accettare. Non esiste uomo e Dio più amato e odiato di Cristo. Non esiste chiesa più aggredita di quella Cattolica. Non esiste dolore che sappia tradursi in sensata offerta d’amore a Dio come quello cattolico. Ma tutto questo sempre in un modo che permetta all’uomo di riconoscere o rifiutare. Mi è venuto spontaneo scriverti. Comunque la preghiera vale più di mille parole.

    • Fabrizio Giudici ha detto:

      @TITTOTAT

      Pensa a come si saranno sentiti gli Apostoli al momento della Crocifissione. Il Maestro, il Figlio di Dio in cui avevano creduto preso e ammazzato come un malfattore, tra lo scherno della folla. È vero che il loro momentaccio è durato solo una settimana, mentre il nostro si misura in anni, ma è stato molto, molto più intenso. Dunque tieni duro.

  • virro ha detto:

    E’ vero, cadano pure nel precipizio, poiché in loro c’è il potere di decidere in un modo o in un altro, ma noi che siamo i “fratelli” senza potere, chi ci confermerà nella vita sacramentale?
    Confessarci, è un problema.
    Ascoltare le loro omelie, è un problema .
    Confrontarci con sacerdoti, per capire dov’è la verità, è un problema.
    Alla luce dei fatti e delle direttive bergogliane, il problema sembra siano loro.
    Chi manipola la Parola del Vangelo e la liturgia sono loro.
    Chi frantuma la chiesa sono loro.
    Chi ha detto “sarò ricordato come colui che DIVIDE..” è Bergoglio.
    Chi dimostra di amare la madre terra più che la Madre Chiesa è Bergoglio.
    Quanto ci sarebbe da dire!!!!!!
    🙏⛪🙏🙏🙏Vieni Signore, ti aspettiamo

  • VITMARR ha detto:

    Ma Benedetto XVI da laico firmerebbe la Lettera Aperta ? Dal suo ultimo scritto evidenziamo: “La peculiarità dell’insegnamento morale della Sacra Scrittura risiede ultimamente nel suo ancoraggio all’ immagine di Dio, nella fede nel unico Dio che si è mostrato in Gesù Cristo e che ha vissuto come uomo. Il Decalogo è un’applicazione alla vita umana della fede biblica in Dio. Immagine di Dio e morale vanno insieme e producono così quello che è specificamente nuovo dell’atteggiamento cristiano verso il mondo e la vita umana.”
    Quindi in aperto contrasto con la morale che Francesco vorrebbe si realizzasse anche se in maniera ambigua e surrettizia.
    Inoltre precisa:” Cosa dobbiamo fare? Dobbiamo creare un’altra Chiesa affinché le cose possano aggiustarsi? Questo esperimento già è stato fatto ed è già fallito. Solo l’amore e l’obbedienza a nostro Signore Gesù Cristo possono indicarci la via giusta.” Quindi si interpreta che la via giusta non è lo scisma ma la dichiarazione aperta di apostasia da mandare avanti con procedure regolate dal diritto canonico. Ma la conclusione è disarmante “ Alla fine delle mie riflessioni vorrei ringraziare Papa Francesco per tutto quello che fa per mostrarci di continuo la luce di Dio che anche oggi non è tramontata. Grazie, Santo Padre!”
    In accordo con questa conclusione ci sarebbe l’interpretazione di (Mc,9,42) in cui si traduce l’esser piccoli con l’essere umili nella fede, mente in altri passi del vangelo i piccoli sono chiaramente gli innocenti nel nome di Gesù e solo ad essi è riservato il regno dei cieli. Quindi l’esame per entrare o no nel regno dei cieli è ridotto a avere conservato o no la fede , concetto molto diverso dall’avere a no conservato l’innocenza. Va bene che questa dichiarazione è nel contesto di quale denominazione debba avere una Congregazione, ma quel saluto finale a Francesco fa nascere molti dubbi.

    • Paolo Giuseppe ha detto:

      Caro Vitmarr,
      scrivi: “quel saluto finale a Francesco fa nascere molti dubbi”
      Nessun dubbio sul pensiero di Benedetto. Si tratta di un saluto “politico” nel senso che, per una serie di motivi, Benedetto mai e poi mai accetterebbe di passare per l’anti-Bergoglio

      • VITMARR ha detto:

        Sicuramente si poteva risolvere l’ostacolo diplomatico nei confronti del papa effettivo in maniera meno calorosa. E’ evidente che il papa emerito cerchi in ogni modo di scoraggiare coloro che si sono orientati verso lo scisma , ma il gregge dei fedeli ha bisogno di guide sicure e si disorienta per certi ondeggiamenti. I pastori debbono avere come esempio il comportamento di Gesù che non ha esitato nel cacciare i mercanti dal tempio o di criticare con forza il fariseismo ebraico, ma anche il comportamento dei milioni di martiri cristiani che ancora oggi come duemila anni fa non hanno ondeggiato di fronte alle lusinghe di coloro che avrebbero voluto farli convertire o peccare ma che hanno affrontato la morte con fermezza e con Gesù nel cuore.

  • Andrea ha detto:

    Chissà come mai avviene sempre che dei “cattolici” spingano per protestantizzare la Chiesa Cattolica e mai che dei “protestanti” si adoperino per introdurre il Cattolicesimo dentro le loro di mura… Capita che un ateo si converta, che un credente perda la fede o cambi religione. Ma certi particolari professionisti, religiosi e laici, abbondano solo nella Chiesa Cattolica: c’è chi non crede a satana, chi all’inferno, chi che solo Cristo salvi; d’accordo… c’è il libero arbitrio e c’è un intero “libero mondo” contrario alla pesante dottrina cattolica pronto ad accoglierli a braccia aperte; ma, stranamente, loro insistono per stare nella Chiesa Cattolica e volerla cambiare. Il vero motivo è un profondo astio e rancore verso la Verità e verso Dio che sanno essere pienamente vero solo nella cattolicità e non altrove. Il motivo è il rifiuto della sofferenza terrena come via purificatrice per giungere alla felicità eterna in Cielo. Gli eretici però corrono un rischio davvero alto poichè col loro No alla Croce non si rendono conto di commettere forse la più grande offesa a Dio: quella di sminuirLo e soprattutto di sminuire il Suo amore per l’uomo; Dio che si è fatto uomo in Gesù e che si è fatto torturare e uccidere per cosa? Per il lavoro sicuro? Per i diritti lgbt? Per il diritto all’aborto, all’eutanasia, per le convivenze senza matrimonio? Per poter usare il preservativo? Per poter legalmente andare con le prostitute? E’ morto per darci il divorzio? Così finalmente quando si è stufi si passa ad un altro corpo? E’ morto per la democrazia? Per la politica, per farci votare e farci finalmente sentire importanti? Per l’uguaglianza e le quote rosa? E’ morto in pratica per darci qualche anno di libertà sfrenata e di compiacimento personale sulla terra e poi l’oblio… Per questo l’eretico è gravemente colpevole. Perchè non riesce ad andare oltre la sua visione terrena e bestiale di gioia e piacere e da ciò nè consegue la percezione di un Dio umanizzato che è misericordioso solo se gratifica le pulsioni temporali dei figli. Che bisogno avete, eretici, di disturbare Dio e la Chiesa Cattolica per vivere in tal modo? Vi rispondo: avete l’invidia di satana; che, già dannato, non sopporta che altri si possano salvare. Voi, eretici, non volete portare le vostre croci e vi disturba che altri possano riuscire a passare per quella porta stretta che avete rifiutato. Stoltamente, pensate che “nel caso” l’inferno esista vi possa dare qualche sollievo la possibilità di trascinarci altri insieme a voi. Invece perirete due volte, per voi e per chi avete arpionato. E dico tutto questo non da uomo forte, eletto, o chissà che. Ma da uomo comune, debole, di carne e di spirito. A stento cerco di camminare per la vie gradite a Dio, pieno di peccati. Ma… O con Dio o con satana. Pubblicamente. Ingannarsi e fingere di amare il primo quando si serve il secondo no. Non esiste bassezza peggiore. E soprattutto non esisterà delusione più tragica quel giorno. San Paolo ci ha avvertito. Ma non c’è peggior sordo di chi non vuol sentire.

    • Francesco ha detto:

      Complimenti. Lei ha capito praticamente tutto (la frase non è ironica o sarcastica ma seria).

    • Rafael Brotero ha detto:

      …ma, stranamente, loro insistono per stare nella Chiesa Cattolica e volerla cambiare.

      Si chiama massoneria ecclesiastica.

    • GMZ ha detto:

      Trovo le sue parole condivisibili, e mi pare che abbia fatto centro nell’indicare le motivazioni dei nostri pastori smarriti.

    • Catholicus ha detto:

      “avete l’invidia di satana; che, già dannato, non sopporta che altri si possano salvare. ” . “guai ai pastori che non voglio entrare (in Paradiso, e impediscono di entrarvi a coloro che lo desiderano”, dice il Vangelo” Per cui, la vedo molto brutta la sorte eterna per questo clero traditore ed apostata, dalla prima sede in giù, fino al curatino di campagna alla don Chichì. Ma se lo saranno voluto e meritato, peggio per loro !

    • Adriana ha detto:

      Andrea ,
      perchè mai non si pensa a certe infiltrazioni ? Risalenti , ormai , a quasi cento anni fa . Cerca sul Web il nome di Bella Dodd che . da sola , inserì 1200 preti e 4 cardinali comunisti nella Chiesa di Roma . E , fin da allora , con l’intento dell’alleanza tra grandi capitalisti e comunisti .

  • Il veritiero ha detto:

    Comunque volevo segnalare che nessuno sta’ divulgando quello che sta’ succedendo, stanno censurando tutto, nessuno sa’ dell’esistenza di questa iniziativa rivolta ai vescovi, e nessuno sa’ che per la prima volta nella chiesa i fedeli e sacerdoti stanno pubblicamente accusando il papa di eresia.
    Come avevo anticipato e immaginato, stanno nascondendo tutto, gli unici a parlarne sono pochi giornalisti, quei pochi che non hanno un conflitto di interessi.

  • GIORGIO VIGNI ha detto:

    Pie illusioni: “Roma deve rispondere”.
    Faciamus experimentum in corpore vili ( mai, come nella fattispecie, il “vili” è perfetto):
    ci si metta davanti ad un muro, completamente bianco, non importa molto, va bene anche fessurato e lordo e si ponga il quesito.
    La risposta arriverà mai ?
    Un particolare, il muro non sa di potersi vergognare.
    D’altronde, extra moenia, de minimis non curat praetor.
    Coraggio, che dopo i momenti brutti vengono, subito, quelli peggio.

    G,Vigni

  • IM ha detto:

    Carissimi, come siete posti all’interno delle vostre comunita’ parrocchiali, nelle diocesi, nelle famiglie, con gli amici? Io , alcuni giorni fa, nell’ascoltare una messa celebrata da uno stretto collaboratore di Bergoglio che crede e dice che Sodoma e Gomorra, gay compresi, non sono state distrutte, anzi!, ho visto la chiesa stracolma di suoi fans mentre esaltava s. Tommaso per la sua passione e la sua liberta’ (trasciando completamente la parte dove Gesu’ non lo indica certo come modello di fede) e faceva omelia incensando il papa e dimendicandosi di Gesu’. La mia critica a tutto cio’ mi ha fatto crocifiggere da parte di parenti stretti, amici e conoscenti. Signore, almeno tu, dai consolazione a noi, isolati ed incompresi, che veniamo disassociati da questa Chiesa impazzita.

    • Mazzarino ha detto:

      Tranquillo. Già visto e sperimentato nel triennio 1966-1969. Non c’erano i prrsepi coi migranti ma c’erano quelli con le statuine dei vietcong alla conquista di Saigon. Le opere parrocchiali erano piene di fazzoletti rossi al collo degli entusiasti neorarrivati. Ora come allora hi vorrà restare Cattolico dovrà andare a cercarsi il prioprio sacerdote altrove. Fra qualche mese gli occupanti comincerannno a litigare fra loro per ruoli e quattrini ed amoreggiamenti etero ed omo vari e poi ciascuno se ne andrà per la propria strada lasciando il vuoto. A quei tempi qualcuno provò a rattoppare e qualche pezza la si tentò di mettere. Oggi siamo ai rantoli finali di una chiesa a guida comunista e ciò non sarà più possibile, per cui è meglio scegliere bene con chi andare. La strada è senza ritorno.

    • marco bianchi ha detto:

      Come è evidente la chiesa è ormai in grandissima parte la neochiesa di Bergoglio. Decenni di deriva hanno preparato il terreno.

    • Monica ha detto:

      “Non crediate che io sia venuto a portare pace sulla terra; sono venuto a portare non pace, ma spada. Sono infatti venuto a separare l’uomo da suo padre e la figlia da sua madre e la nuora da sua suocera; e nemici dell’uomo saranno quelli della sua casa. Chi ama padre o madre più di me, non è degno di me; chi ama figlio o figlia più di me, non è degno di me; chi non prende la propria croce e non mi segue, non è degno di me.”
      Siamo messi così. Da secoli.

      • Valeria Fusetti ha detto:

        Perfetto e sottoscrivo. A ben vedere Gesù Cristo ci ha già spiegato tutto. Siamo messi cosi da 2000 anni, che per la Chiesa, e per noi oggi, sembrano tanti ma che per Dio sono come un giorno. I giornali importanti fanno finta di non conoscere la lettera ? Be’ stiamo sicuri che Dio, che l’ ha ispirata, la conosce. E Lui può far senza dei giornali per far procedere le cose. Comunque almeno il Washington Post ieri l’ ha pubblicata… Che i Vescovi la conoscono, e sono loro che la devono inoltrare ai loro parroci. Se non lo fanno si capisce, finalmente, in cosa veramente credono. Anche il papa la conosce, e risponderà. Anche se non risponde, perché i silenzi sono, in fondo una risposta, che lui lo voglia o no, poiché la domanda è stata posta. Non si può, né si deve perdere la speranza ed il coraggio, né tanto meno la fede, perché i nostri tempi non coincidono con i tempi di Dio.La Chiesa è nostra Madre, amandola di più per le violenze che subisce, ne soffriamo, mettiamo la nostra sofferenza nelle mani di Maria e chiediamo che anche a noi venga donata la sua fede, il suo tranquillo coraggio, la sua dolce determinazione. In cordibus Jesus et Mariae.

      • marco bianchi ha detto:

        Il mandato che Gesù dette ai discepoli.;la Chiesa che voleva costruire sulla pietra di Pietro è stata la Chiesa dei primi tempi.
        Da quando la chiesa ha avuto potere che rapporto con Gesù?

    • Lucy ha detto:

      La storia insegna che in certi momenti il numero non conta , conta la forza della Fede e la capacità di resistere.Mi è sempre piaciuta questa definizione della Chiesa del concilio di Trento “Ecclesiastica Hierarchia ut castrorum acies ordinata ” cioè come ” esercito schierato a battaglia “.

  • Astore da Cerquapalmata ha detto:

    Ovviamente il Vaticano NON risponderà.
    E’ vero, come dice Papa Francesco, che la LEGGE DELLA GRADUALITA’, da sempre ammessa dalla Chiesa, dice che generalmente l’uomo, compreso il fedele, possa conoscere, amare e realizzare il bene morale secondo tappe di crescita”, tanto che Papa Paolo VI ha ritenuto valida tale legge anche riguardo alla comprensione dell’enciclica “Humanae vitae”, ma per l'”Amoris laetitia” il problema è diverso, perché riguarda direttamente l’accettazione di un COMANDAMENTO.
    La “legge della gradualità” può essere applicata anche ai comandamenti di Dio, come, ad esempio, “Non commettere adulterio”?
    Se sì, perché non dovrebbe valere anche per tutti gli altri comandamenti, come, ad esempio: “Non uccidere”?
    Ovvero: può ancora essere considerato cristiano chi, anche senza propria colpa, non crede a uno dei Comandamenti solenni di Dio?
    La Sacra Tradizione a me sembra non dia nessuno spazio a ipotesi del genere, così come a me pare che una ragione illuminata dalla fede ben difficilmente possa considerare cristiano chi non crede a un comandamento che Cristo ha reso estremamente chiaro: “Non separi l’uomo ciò che Dio ha unito”.
    Perciò, sebbene il Papa possa sempre cambiare le norme ecclesiastiche su come ci si può accostare alla Comunione, queste, per essere considerate valide e vincolanti, non possono contrastare con la dottrina bimillenaria della Chiesa che la Sacra Tradizione definisce come sicura.
    Cosa dice in proposito la Sacra Tradizione? C’è

  • deutero.amedeo ha detto:

    Non è Roma, ma il Vaticano, i Cardinali, i Vescovi, i Primati delle Chiese Ortodosse che devono rispondere e, soprattutto, agire.
    Il Papa, direttamente o tramite qualche emissario, può fare solo alcune cose:
    – dichiarare che è tutto falso
    – dichiarare che è tutto vero
    – dichiarare che qualcosa è falso e qualcos’altro è vero
    – tacere e non far nulla
    – tacere e punire severamente gli estensori della lettera (nei limiti dei suoi poteri) e chi si allinea con loro.

    L’ultima ipotesi mi pare la più probabile perché Dio perdona, ma Bergoglio no.

  • Il veritiero ha detto:

    Ieri leggevo il catechismo della chiesa cattolica, in particolare ” I 4 PECCATI CHE GRIDANO VENDETTA DAVANTI A DIO” e ” I 6 PECCATI CONTRO LO SPIRITO SANTO”
    fra i PECCATI CHE GRIDAMO VENDETTA DAVANTI A DIO c’è il “commettere atti impuri contro natura” cioè la l’omosessualità è la sodomia” da notare che l’omosessualità e la sodomia sono paragonate all’omicidio volontario sul catechismo, chi insegna diversamente commette un eresia.
    Fra i PECCATI CONTRO LO SPIRITO SANTO c’è “avere la presunzione di salvarsi senza merito” proprio quello che cerca di insegnare Bergoglio da quando è arrivato, ci insegna una furba distorsione del vero senso della misericordia di Dio, una misericordia dove noi abbiamo presunzione di salvarci senza merito solo ed esclusivamente perché Dio è misericordioso e non condanna nessuno.
    È poi c’è ” l’impugnare la verità rivelata e conosciuta” cioè Bergoglio ha IMPUGNATO le decisioni di tutti i vecchi pontefici romani che erano stati ispirati dallo spirito Santo e alcuni inveve erano proprio santi e altri invece erano discepoli diretti degli apostoli, e bergoglio ha avuto.il coraggio di IMPUGNARE la verità rivelata e conosciuta e di insegnare il contrario.
    Cosa che non può accadere, perché il catechismo afferma che il “papa è infallibile” quindi Bergoglio insegnando il contrario di quello che hanno insegnato tutti i suoi predecessori e tutti i padri della chiesa implicitamente e anche esplicitamente ha affermato che loro hanno sbagliato e quindi hanno fallito, e questo non può essere, in quanto il papa è infallibile.
    Nel vangelo è scritto che i peccati contro lo spirito santo non possono essere perdonati , parola di Gesù ” io posso perdonare le bestemmie contro di me, ma non posso perdonare le bestemmie contro lo spirito santo”

    Siamo arrivati al punto che sono i seminaristi a dover insegnare catechismo ai cardinali.

    • Catholicus ha detto:

      “Siamo arrivati al punto che sono i seminaristi a dover insegnare catechismo ai cardinali.” : se lo fossero, veri papi, cardinali, vescovi, sacerdoti (cattolici), ma non lo sono, il vertice è quasi tutto composto da infiltrati, traditori forse fin dall’ingresso nel clero; diffondono eresie ed apostasia non perché sano ignoranti, non sappiano, ma perché il loro è un piani fatto a tavolino, viene da lontano, la loro è una lotta malvagia e ostinata, nessuno li fermerà, tranne il castigo divino repentino e decisivo. Una nostra rivolta aperta contro di loro ci vedrebbe subito sconfitti, dato che alle loro spalle ci sono i poteri forti massonici, i mondialisti anticattolici, gli adoratori del GADU (=Lucifero). La loro è una guerra contro Cristo, la Chiesa, la civiltà occidentale europea, l’umanità. E’ l’ultima battaglia del diavolo, come diceva il Reverendo Paul Kramer nel suo libro omonimo. Quindi sono inutili suppliche o correzioni, li sconfiggerà solo l’Immacolata, col trionfo del suo Cuore Immacolato. Noi stiamone lontani, dissociamoci da loro, in foro interno ed esterno.

    • Lucy ha detto:

      @Il veritiero
      Se posso darti un consiglio compra il libro “L’Opzione Benedetto ” di Rod Dreher. Tutto il libro merita di essere letto ma per te sarebbe molto utile perchè formativo il capitolo III , tutto dedicato all’incontro avvenuto nel monastero benedettino di Norcia , prima del terremoto ,tra Dreher e il priore Cassiano Folsom.Non è un seminario ma la vita di profonda religiosità che emerge con sfolgorante potenza è adattabile a ogni esperienza comunitaria.

      • Monica ha detto:

        Io consiglio al seminarista “l imitazione di Cristo”, specialmente per la parte in cui si spiega che a volte le anime convertite e quelle che hanno intrapreso l inzio di una via vocazionale religiosa hanno un rigore ed uno slancio che potrebbe diventare superbia, un sentirsi migliore rispetto agli altri. L umiltà é la scala che ci fà salire.

        • Il veritiero ha detto:

          Opsss, non era l’impressione che volevo dare 😫
          È che a volte nel difendere quello che mi sta’ a cuore perdo la mitezza, e potrei facilmente passare come ha fatto notare lei “superbo” ma non è così, anzi.
          Solo che quando difendo qualcosa che mi sta’ a cuore ci vado giù pesante, perché questo non è più il tempo del dialogo cordiale.
          Come dice anche il libro della sapienza ” c’è un tempo per il silenzio e un tempo per parlare, un tempo per tacere e un tempo per combattere”

  • franz ha detto:

    il saggio di sant’IRENEO è : CONTRO LE ERESIE

  • franz ha detto:

    Sant’IRENEO , nel suo saggio , parlando della divisione fra i cristiani, provocata dai cattivi pastori che diffondono errori , dice : – Parlano di pace e producono le guerre , davvero filtrano il moscerino e ingoiano il cammello. Per costoro non c’è castigo che equivalga al danno della divisione – Chi divide i cattolici oggi fra di loro , non è la pluralità , la varietà di caratteri ,ecc. ,ma è quello che sapara da Cristo che divide . Chi divide è chi fa concessioni al peccato . Reagire e rifiutarsi di accettarlo non è disobbedienza ai pastori che Cristo ha costituito per reggere la sua Chiesa. Chi divide in questo momento i cattolici è la chiesa di Carl Ranher incorporata in questo pontificato.

  • Rafael Brotero ha detto:

    Mi sembra che abbiano detto anche che la lettera non prova neanche la materialita’ dell’ eresia.
    Infatti, il bergoglismo, perversione ultima del modernismo, non é una eresia, é una meta-eresia. Berggy sta a Pelagio come il cancro al raffreddore. Pelagio, come Nestorio o Lutero, era satanico nel fondo, l’antipapa é satanico nel fondo e nella forma.
    L’eresia sono proposizioni false. Nella meta-eresia il linguaggio stesso é putrefatto.
    San Pio Xi l’aveva visto quando ha condannato i modernisti. I nostri illustri intellettuali, dopo 6 anni di riflessioni, sembra ancora di no.

  • Anima smarrita ha detto:

    È rimasta soffocata dal silenzio tombale l’esortazione dello stesso padre Fessio, riportata con il data timer scandito su questo blog, fin dalla pubblicazione del Memoriale di mons. Viganò:
    Joseph Fessio, sj: “Sia un uomo. Si alzi in piedi, e risponda”.
    Ed oggi si registra un altro richiamo biblico da parte di mons. Schneider, a seguito della sua ripetuta richiesta di un chiarimento inequivocabile sull’ affermazione del Documento di Abu Dhabi circa il pluralismo e la diversità di religioni “volute da Dio”,
    https://gloria.tv/article/8MJQRTPmf6tL49wquXasCzfRp

    • Adriana ha detto:

      ANIMA SMARRITA ,
      beh ! , sa …la richiesta : ” Sia UOMO “, oggi è molto ” out “. Avesse detto : ” Sia OMO “, invece …

  • fox ha detto:

    NON SO SE SIA POSSIBILE DIMOSTRARE CHE BERGOGLIO E’ ERETICO , TEMO DI NO, QUELLO CHE INVECE LUI HA DIMOSTRATO E’ DI AVER SAPUTO TOGLIERCI LA SPERANZA CRISTIANA . OLTRE CHE LA FIDUCIA NELLA CHIESA E NELLA FIGURA DEL PAPA.

    • Anonima ha detto:

      Non è che Bergoglio ci ha tolto la speranza cristiana e la fiducia nella Chiesa, ci ha privato (ma non lui per primo, in verità) del conforto di guardare, comunque, a un punto di riferimento sicuro, a un faro che indica la via giusta, punto fermo dove Cristo e la Sua parola sono immutabili e i paletti (purtroppo per gli adoratori del progresso) sono paletti e basta. È chiarissimo S.Paolo quando con insistenza avvisa: “Se anche noi stessi o un angelo vi annunciassimo un Vangelo diverso, sia anàtema”. Da qui non si scappa, Bergoglio & Co volenti o nolenti. Si è insediata nella Chiesa (che rimane pur sempre santa) una banda di eretici usurpatori del diritto di Dio con ramificazioni inimmaginabili, peggio dei tentacoli di una terribile piovra che si allungano in continuazione; ma la tremenda partita non è certo conclusa, ché i progetti di Dio passano anche attraverso il male degli.uomini. Viviamo un periodo di grandi sofferenze, ma ci sostenga la fortezza, una delle virtù cardinali che non si insegnano più, come non si insegna più che con la Cresima si diventa soldati di Cristo, là dove proprio è necessaria la fortezza. E verrà il tempo che tutto questo verrà ritrovato e riconsegnato a chi ne è stato privato, pur avendo il diritto di saperlo perché battezzato.
      Sursum corda!

    • Mariano ha detto:

      Cose da niente, a quanto pare….

    • Andrea ha detto:

      Più che altro non è possibile ammetterlo per una Chiesa oggi governata da massoni. Qualche sacerdote qua e lá, privatamente, la condividerá. Ma non ci sará nessun colpo di scena destabilizzante. Quando si dice per i politici” hanno il fondoschiena incollato alla poltrona”? Ecco, a confronto con il potere che si è insediato nella Chiesa, questi diventano frati francescani.