SUPER EX, LA RABBIA DI FALASCA E BENEDETTO. HA PARLATO PERCHÉ TACERE ORMAI È IMPOSSIBILE. UNA POESIA DI INDELICATO.

13 Aprile 2019 Pubblicato da --

Marco Tosatti

Cari amici di Stilum Curiae, Super Ex è rimasto colpito da alcune reazioni delle persone dell’entourage pontificio alla pubblicazione del breve saggio di Benedetto XVI sugli abusi, saggio preparato – è opportuno ricordarlo – dal settembre 2018 al febbraio 2019, in previsione e forse come strumento di supporto al Summit delle Conferenze episcopali su questo tema. Ecco che cosa ci ha scritto. E qualche cosa sulla stessa linea trovate anche sulla Nuova Bussola Quotidiana.

♠♠♠

La rabbia di Stefania Falasca

Molta tristezza e rabbia, tra i fan di Bergoglio. Benedetto non doveva parlare. Deve tacere, farsi in disparte, scomparire.

Lo fa capire, a modo suo, anche Stefania Falasca, l’amica di Bergoglio, nei suoi tweet molto espliciti pubblicati in queste ore (vedi qui sotto)

Ma chi è Stefania Falasca?

Falasca è la prima persona in Italia che Bergoglio ha chiamato dopo la sua elezione. Sin dall’inizio del pontificato l’amicizia tra i due è valsa alla giornalista una grande visibilità sul quotidiano Avvenire.

Così scriveva Maurizio Caverzan su Il Giornale del 15 marzo 2013, pochi giorni dopo l’elezione:

“È accaduto l’altra sera, era trascorsa un’ora dalla benedizione Urbi et Orbi quando, a casa di Stefania Falasca e Gianni Valente è squillato il telefono. Giornalisti entrambi, sposati e con due figli, Stefania e Gianni sono amici di vecchia data del cardinal Bergoglio. Ogni volta che passa per Roma va a cena a casa loro. L’ultima serata «in famiglia» è stata sabato scorso, pochi giorni prima dell’inizio del Conclave. E l’altra sera, non appena eletto, padre Bergoglio li ha chiamati «per salutarli».”

Una volta sul pulpito del quotidiano della Cei, la Falasca ci ha spiegato, a partire dal Sinodo sulla famiglia, chi sono i buoni e chi i cattivi nella chiesa; quanto sono bravi Kasper e gli innovatori, quanto “cattivi” gli altri.

Prima di scrivere per Avvenire, Falasca era una giornalista di 30 Giorni, con Andrea Tornielli, cioè l’altro punto di riferimento, tra i giornalisti italiani, di Bergoglio.

Come tutti sanno, l’ex ratzingeriano di ferro Tornielli, oggi è direttore della Direzione editoriale del Dicastero per la comunicazione della Santa Sede.

Ebbene, mentre tutti parlano, o sparlano  dello scritto di Benedetto, mentre Falasca preferisce non entrare nella sostanza del dibattito, ma solo ricordare al papa emerito, lei, le regole canoniche (come se in questo pontificato qualcuno le avesse mai osservate!) Tornielli, sui social media, tace.

Preferisce che del documento si parli il meno possibile? Oppure opta per la prudenza?

Sì, è ben vero che il capo è Bergoglio, ma è anche chiaro, sempre più chiaro, che il gregge cristiano riconosce il suo pastore, ama e ascolta Benedetto, e non sopporta più i discorsi ripetitivi, ambigui, mondialisti, dell’argentino.

Falasca si rassegni: anche se va a cena con Bergoglio, non è ancora previsto da nessuna parte che lei possa impedire a qualcuno, tantomeno ad un papa emerito, di parlare.

E’ vero che Benedetto aveva detto che avrebbe taciuto: ma se non lo fa è perché, come ormai è evidente a tutti, tacere del tutto è diventato impossibile.

♠♠♠

 

E poi, per lenire un poco la giusta asprezza di Super Ex, vi offriamo una poesia di Alfonso Indelicato sulla sorpresa fatta da Benedetto…

E SI FECE SILENZIO

E si fece silenzio.

E si fece stupore.

Con tono mite,

con voce sommessa,

il sorriso sospeso

agli angoli del labbro

lo sguardo suo mansueto

intento all’orizzonte

azzurro che lo attende

ha vibrato il colpo,

ed è colpo che schianta.

Si guardano sgomenti

i presuli profeti.

Ragionano: e adesso?

E la favola bella

della Chiesa che va incontro al mondo?

E noi ch’eravamo contenti

d’essere così bene accetti …

Le dolci cose

che noi dicevamo! Le gravi ferite

che noi lenivamo!

A discernere bene,

pietosi che siamo,

nessuno faceva peccato!

E questo, in luogo di starsi tranquillo

colà, col suo camerlengo,

ci dice che quanto facciamo

da or son sessant’anni

trascina la Chiesa a ramengo …

S’è fatto silenzio.

Imbarazzo, sgomento

d’ogni dove promana.

Mitemente sorride Benedetto,

rivolto al cielo azzurro

lo sguardo suo mansueto.


Tag: , , ,

Categoria:

Questo articolo è stato scritto da wp_7512482

85 commenti

  • Ira Divona ha detto:

    Pensate voi che intelligenza creativa hanno i Bergogliosi!

    Una visita di papa Francesco al papa emerito Benedetto XVI
    Francesco e l’ombra di Ratzinger, la coesistenza che pesa sul Vaticano
    Sei anni fa la rinuncia del pontefice tedesco al Soglio di San Pietro portò all’elezione di Bergoglio: un caso unico per la Chiesa

    CONDIVIDI

    SCOPRI TOP NEWS

    Pubblicato il 14/04/2019
    Ultima modifica il 14/04/2019 alle ore 07:00
    DOMENICO AGASSO JR
    CITTÀ DEL VATICANO
    Per la prima volta in sei anni il Vaticano diventa stretto per «due papi». O meglio, per il Pontefice e l’emerito. Gli «appunti» di Benedetto XVI sulla pedofilia rischiano di creare una frattura in questa situazione unica: la coesistenza di due successori di san Pietro dentro il «recinto di Pietro». Finora l’equilibrio si è mantenuto grazie al rapporto affettuoso tra i due papi, oltre alla prudenza dell’emerito, ma adesso la Santa Sede soffre per il peso di questa compresenza. Si pone dunque una questione «costituzionale» sul ruolo dell’emerito. Partendo dal presupposto che il papa è vescovo di Roma, chi la sottolinea si rifà alle indicazioni «per il ministero dei vescovi», in cui si legge: «L’emerito svolgerà la sua attività sempre in pieno accordo e in dipendenza dal Vescovo in modo che tutti comprendano chiaramente che solo quest’ultimo è capo del governo». Gli appunti di Benedetto XVI sulla pedofilia aprono la questione “costituzionale” e scatenano le accuse al suo entourage Al di là del contenuto del testo di Ratzinger – in cui critica la teologia progressista e scrive che il collasso spirituale causa della pedofilia è iniziato col ’68 – mai come in questa vicenda la sostanza diventa forma. Oltretevere il clima è teso. Perchè molti ritengono che con questa uscita irrituale Ratzinger non sia stato «nascosto al mondo» come aveva annunciato dopo la rinuncia al papato. E ad aggravare la situazione è il tema, decisivo per il pontificato di Bergoglio e per la Chiesa tutta. L’accusa è esplicita: il Papa emerito interviene con un testo che può rappresentare «una linea pastorale e teologica parallela a quella del Papa», e si presta così a essere usata come arma per gli avversari di Francesco.
    Le notizie più importanti della settimana e non solo. Scopri Top10 e La cucina de La Stampa
    E tra le «stranezze» rilevate c’è per esempio la trascuratezza nel documento di casi emblematici come quello di Marcial Maciel, fondatore dei Legionari di Cristo, che iniziò a compiere i primi abusi sessuali negli anni ’40, ben prima del ’68; ed era tutt’altro che della corrente progressista. Allo stesso tempo le affermazioni ratzingeriane vengono considerate dalla galassia conservatrice e tradizionalista come parole di verità necessarie e urgenti per salvare la «barca di Pietro» che starebbe affondando. Un po’ come twitta il cardinale Robert Sarah: «Dobbiamo ringraziare il Papa Emerito per aver avuto il coraggio di parlare. La sua analisi della crisi della Chiesa è di fondamentale importanza».
    Gli occhi sono puntati soprattutto sull’entourage di Ratzinger, accusato di voler insistere nel far proseguire in qualche modo il pontificato ratzingeriano, avvalorando la tesi che il vero e grande Papa è quello tedesco, non l’argentino. L’indizio numero uno sarebbe la modalità dell’operazione mediatica, con il coinvolgimento di media cattolici e non-cattolici che negli Usa fanno parte dell’apparato in continua propaganda contro papa Francesco.
    In più, viene messa in dubbio l’autenticità del lungo articolo. Come sostiene Luis Badilla, direttore del Sismografo, sito vicino al Vaticano: «Il cerchio ferreo attorno a Ratzinger non poche volte si è sostituto al Papa emerito». E come dichiara Gian Franco Svidercoschi, ex vice direttore dell’Osservatore Romano, autore per Rubbettino del pamphlet “Chiesa, liberati dal male. Lo scandalo di un credente di fronte alla pedofilia”: l’incertezza «sgorga obbligata, legata alle precarie condizioni di salute, non solo fisica, di Ratzinger». E poi emerge «un’acrimonia che non gli appartiene». E se «qualcuno potrà rispondere che non è così – prosegue – allora perché non si è limitato a trasmettere questi “appunti” a Francesco?». Per Svidercoschi «il fatto che ne siano stati informati sia Parolin sia Francesco non attenua la gravità di un gesto inevitabilmente interpretato come un attacco a Bergoglio». Anche perchè, «come si poteva rispondere “no” a una richiesta del Papa emerito?». Inoltre lo staff di Benedetto, con questo «coordinamento internazionale anti-Francesco, mette in difficoltà anche Ratzinger, costretto ad avere un ruolo che non vuole. Subisce così un’altra imposizione». Spiega: dopo le dimissioni «lui voleva chiamarsi padre Benedetto e non assumere il titolo di emerito, nè essere vestito di bianco e abitare in Vaticano. Ma poi qualcuno lo ha forzato».
    Licenza Creative Commons

  • Luca Antonio Lombardi ha detto:

    Ma siamo cosi’ sicuri che questa mossa sia stata fatta “contro” Bergoglio?. Nessuno si interroga su quello che ha scritto Massimo Franco ? : -papa Francesco era al corrente dell’esistenza del documento e della sua pubblicazione-.
    Partendo dall’ evidenza che
    Bergoglio ama il potere- sembra piu’ di Gesu’ Cristo, purtroppo-
    mi chiedo se per caso non abbia usato il documento per stoppare tutti coloro, vedi chiesa tedesca, che continuano a tirarlo per la tonaca cercando di forzarlo ad intraprendere, sulla questione omosessuale, una pericolosa fuga in avanti prima di aver consolidato altre riforme , quali ad esempio la comunione alle famiglie irregolari. Dette pressioni, oltretutto su una questione che non lo vede coinvolto – questo almeno, di vizio, sembra non averlo- devono averlo stancato e quindi non ha osteggiato la pubblicazione delle riflessioni del papa emerito.
    Le reazioni pavloviane dei suoi sgherri non debbono trarre in inganno, Bergoglio, a mio parere, puo’ aver tratto vantaggio dal documento , mettenddo a cuccia la nota lobby per un bel pezzo.

    • Vito ha detto:

      Ti invidio tantissimo (benevolmente) per il tuo ottimismo.
      Io la penso diversamente, ma spero sia come tu dici.

  • Vincenzo Costanzo ha detto:

    Vedi l’invidia che produce? Il tosatti messo da parte, sfrutta un commento per scatenare una guerra…. Complimenti! Ma non parli di amore per la verità è per la chiesa!!!!!!!

    • wp_7512482 ha detto:

      Un commento? Ha letto Ivereigh, Martin, Faggioli, Grillo ecc. ecc.? Ma perché scrive queste scemenze, mi scusi? E la guerra la scatenerei io? Ridicolo.

    • Il veritiero ha detto:

      Beh, non è un commento singolo, sono cose scritte su molte testate giornalistiche (le più serie e non sotto il soldo del “padrone” CEI) chi non legge solo “Topolino e paperino = Avvenire” queste cose le sa’. A me da’ più l’impressione che a qualcuno brucia il sedere perché non riescono più a difendere quello che ormai è diventato indifendibile se non con la prepotenza e l’aggressione ( vedi Falasca ) un papa amato da tutto il mondo è stata aggredito barbaramente e schifosamente, solo perché ha dato una sua opinione su un argomento importante. È una vergogna.

    • Il veritiero ha detto:

      Anzi’, sinceramente mi stupisco del fatto che la Falasca non abbia ancora fatto le sue più sentite scuse pubbliche a PAPA Benedetto xvi, è mi stupisco ancora di più che su questo fatto increscioso noi intervenuto Bassetti o Bergoglio a mettere una pezza, rimuovendo dal giornale la Falasca.
      Hanno rimosso persone dalle loro mansioni per molto molto meno.

  • Ángel Manuel González Fernández ha detto:

    Caro Direttore:
    Sembra un piano perfetto quello del profetizzato “Pastore stolto e Falso profeta” Francesco: “sembra”.
    Un esempio, nella Cina comunista si persegue alla Chiesa cattolica e non alla Chiesa di Francesco.
    In Europa passa la stessa cosa ma apparentemente non si nota tanto perché suolo esiste la Chiesa di Francesco, e la Chiesa cattolica meno due o tre il resto sta in silenzio.
    Caro Direttore, questo che gli scrivo a lei non posso scriverlo in nessuna web cattolica conosciuta della Spagna: non è permesso scrivere ne con prove niente contro Francesco, niente!
    Affermare con prove ed indizi di prova che Francesco è il profetizzato “Pastore stolto e Falso profeta” in Spagna suolo l’affermo io nel mio blog, nessuno più.
    E se si tace davanti il “Pastore stolto e Falso profeta”, “se Dio non accorcia i tempi” Matteo 24:22 // Marco 13:20, l’Anticristo sarebbe adorato per tutti.
    Saluti.

    Estimado Director:
    Parece un plan perfecto el del profetizado “Pastor necio y Falso profeta” Francisco: “parece”.
    Un ejemplo, en la China comunista se persigue a la Iglesia católica y no a la Iglesia de Francisco.
    En Europa pasa lo mismo pero aparentemente no se nota tanto porque solo existe la Iglesia de Francisco, y la Iglesia católica menos dos o tres el resto guarda silencio.
    Estimado Director, esto que le escribo a usted no puedo escribirlo en ninguna web católica conocida de España: no está permitido escribir ni con pruebas nada contra Francisco, ¡nada!
    Afirmar con pruebas e indicios de prueba que Francisco es el profetizado “Pastor necio y Falso profeta” en España solo lo afirmo yo en mi blog, nadie más.
    Y si se guarda silencio ante el “Pastor necio y Falso profeta”, “si Dios no acorta los tiempos” Mateo 24:22 // Marcos 13:20, el Anticristo sería adorado por todos.
    Saludos.

  • Il veritiero ha detto:

    Io sono ignorante, non so’ se fra di voi c’è qualcuno che sa’ darmi una risposta adeguata alla mia domanda (adeguata ma anche obiettiva e non per partito preso) il pontefice di roma ha sotto di se il “patriarca copto cattolico” e il “patriarca bizantino cattolico” , cioè sono delle chiese cattoliche che però riconoscono il primato di roma, è fino qui ci sono. Quindi in un certo senso loro anche se sono dei “patriarchi” sono dei subordinati al papa di roma. La mia domanda è questa… LA DICHIARAZIONE DI SCOMUNICA CHE IL PATRIARCA CATTOLICO BIZANTINO “ELIA” HA LANCIATO SU BERGOGLIO HA VALORE? Per esempio, il cardinale Parolin oppure il cardinale Muller possono scomunicare bergoglio se l’eresia é talmente manifesta e evidente? E il patriarca cattolico bizantino è più autorevole di un card. Parolin in quanto patriarca e quindi “un capo della chiesa cattolica”? In poche parole , la dichiarazione di scomunica che Bergoglio ha da 2 anni sulle spalle ha valore? Ecco il video della scomunica ( 1 video di 3-4 di scomunica lanciate a bergoglio)
    https://youtu.be/IOlmgByAQj8

    • carlone ha detto:

      No.

    • Il veritiero ha detto:

      Quindi lui può tranquillamente andare sul balcone e bestemmiare e nessuno può fare niente? Nemmeno il numero 2 del Vaticano in gerarchia di potere?
      Nemmeno quando è la sacra scrittura stessa e quindi Dio stesso che lo scomunica? Il nella lettera ai Galati è scritto ( e sia anatema su chiunque vi annunci un vangelo diverso da quello che vi abbiamo annunciato noi, anche se ad annunciarlo fosse un angelo del cielo sia anatema su di lui) quindi il numero 2 del Vaticano parolin non può scomunicarlo, papà benedetto non può scomunicarlo, i patriarchi CATTOLICI non possono scomunicarlo ( sono cattolici come noi, no ortodosso o protestanti) neanche la legge di Dio può scomunicarlo.. e chi è
      bergoglio ? Dio in persona?

      • Adriana ha detto:

        VERITIERO ,
        credo che tu ci sia andato molto vicino . :-)) Fochino , Fochetto …

      • carlone ha detto:

        Mi dispiace. …..ma il suo patriarca preferito era già stato scomunicato nel 2012 sotto il pontificato di Benedetto.

        • Il veritiero ha detto:

          Ho sbagliato, ho risposto sull’ultimo articolo è non su questo.

          • Carlone ha detto:

            Allora la metta così
            diffidi da tutti coloro che lo accusano di eresie citando le sacre scritture, il magistero, tradizione etc.
            Cerchi qualcuno che abbia qualcosa da dire sulla volontá di accogliere la grazia .Ma temo.riguardi solo lui e Dio .

          • Il veritiero ha detto:

            Stavo guardando meglio, effettivamente approfondendo questo Elia del patriarcato bizantino ha protestato contro il processo di beatificazione di Papa Giovanni Paolo II, non lo avevo notato prima. Io amo molto Giovanni Paolo II, il fatto che si è opposto al processo di beatificazione me lo ha fatto scendere in stima, sinceramente.

  • Maria Teresa Lezzi ha detto:

    e avete sentito Melloni intervistato ieri notte da Mensurati?
    Più o meno parlava di Benedetto comese fosse un ignorante rispetto all’epoca in cui si sarebbe diffusa la pedofilia, prima del ’68. Poi naturalmente quello che ne è scaturito riguardo alla liberzione sessuale nulla avrebbe a che fare con essa e naturalmente la pedofilia non c’entra con l’omessessualità. Poi ho spento la radio perché non lo digerivo.

    • Alda ha detto:

      …. E avete visto ieri sera il programma di Andrea Purgatori sul caso di Emanuela Orlandi? Quante connivenze tra mafia e chiesa? Dio mio, Dio mio, ti prego non ci abbandonare😭😭

  • Livio Giorgioni ha detto:

    Annuntio vobis gaudium magnum:HABEMUS PAPAM! (… meglio emerito che niente!)

  • virro ha detto:

    CEI, dove vi siete nascosti? vergognatevi !!!
    Avete paura di esporvi?
    Per le vostre porcherie infernali state uccidendo un uomo di 91 anni
    Magari foste così fedeli come lo ha dimostrato Benedetto XVI
    A chi avete consegnato le vostre capacità di pensare secondo vangelo?
    “…Non fate ad altri ciò che non vorreste fosse fatto a voi…”
    Ascoltate la voce dei fedeli che cercano il Signore Gesù !!
    e sarete ricompensati.
    Non è Bergoglio, l’uomo vestito di bianco, che proclama “costruire ponti e non muri”?
    Ma guardate che muri avete costruito tra voi e noi !!!
    Bugiardi !!!
    E distribuite anche i sacramenti ?!!
    ma quali, quelli di “bafonetto”?!!!
    Attori !!!
    la signora falaschi, la lasciamo da parte !!!

    Sarà Nostro Signore a fasciare le nostre ferite e asciugare le nostre lacrime, ma superata la prova, quanto sarà bella la nostra Chiesa!

    • Livio ha detto:

      Chi ha detto che la CEI non si è esposta? Certo, manca una dichiarazione ufficiale, ma l’astioso commento della falasca è molto utile, in realtà, perché rivela ESATTAMENTE quello che pensano bergoglio e al suo seguito la cei, un pensiero che, ovviamente, non avranno mai il coraggio di esprimere in prima persona

  • anonimo ha detto:

    hanno chiuso ratzinger nella sua stanza e non lo fanno più uscire, divieto di telefonate e di visite
    praticamente prigioniero
    maledetti gli andreonzi lekkalekka piegakukkiai e i loro compagni di merendasca

    • Gian Piero ha detto:

      Forse papa Benedetto fara’ la fine di Celestino V.
      Ma speriamo che Papa Francesco faccia la fine che Dante previde per Bonifacio VIII.

      • Mariano ha detto:

        ti prego, NON AUGURARE MALE A NESSUNO !!! Cristo ci vuole tutti in Cielo…Purtroppo molti, troppi, gli fanno resistenza,….lo odiano e scelgono l’altra soluzione. Ma non è questo che il nostro Signore auspica.

      • deutero.amedeo ha detto:

        Per me andrebbe bene anche che facesse la fine del buon ladrone (Luca 23,43 ). Non solo per lui : andrebbe bene anche per me, perché sono proprio stufo di questo mondaccio cane.

        • deutero.amedeo ha detto:

          A chiarimento
          Luca 23,43 : [Gesù] gli rispose: “In verità ti dico, oggi sarai con me nel paradiso”. Che bello!!!
          Fine della fiera per tutti.

      • Vittorio ha detto:

        Dante mando’ all inferno tutti. Morti e vivi che a scuola lo leggevano.

  • Vittorio ha detto:

    Sappiamo che Celestino V e’ stato fatto santo, dopo. E che il legittimo papa Bonifacio XVIII lo fece imprigionare per farlo alfin tacere.

  • anonimo ha detto:

    Dire, fare, baciare … un bel gioco da bambini, molto in voga ai miei tempi (anni ’50 del secolo scorso), oggi tornato in voga nelle altre sfere della gerarchia cattolica, addirittura a livello della “prima sede”, stando a quanto ci racconta e ci illustra Alessandro Gnocchi..
    https://www.riscossacristiana.it/dire-fare-baciare-e-non-adorare-teologia-delle-pampas-di-alessandro-gnocchi/

  • francesco parolin ha detto:

    @ALESSANDRO: Ratzinger non è solo, ha un fratello. Metti che per farlo dimettere abbiano minacciato il fratello, la sua vita o la sua reputazione. Com’è che ogni tanto quando Ratzinger parla e dice qualcosa che fa inc…..re papaciccio, gli andreonzi e le loro compagne di perende fanno saltar fuori la storia delle molestie dei bambini del coro che dirigeva il fratello di Ratzinger? Metti che qualche andreonzo coi soldi americani ha comprato qualche denuncia falsa. sai lo scandalo per la chiesa? allora gli hanno detto, papa ratzinger, se ti dimetti, va tutto in un cassetto profondo profondo. ecco come gli hanno fatto il colpo di stato. ma sui soldi vaticani che si dice sono andati alla campagna elettorale della filoabortista clinton, perchè north korea insider e andreonzo lekkalekka piegakukkiai con la sua compagna di merendasca non scrive qualcosa? finirà anche questo papato, e tornerete a spalar letame all’inferno

  • giandreoli ha detto:

    “Il Vescovo emerito avrà cura di non interferire in nulla nella guida della diocesi ed eviterà ogni atteggiamento e rapporto che potrebbe dare anche solo l’impressione di costituire quasi un’autorità parallela a quella del Vescovo reggente”. Osservo che:
    1 – “Il Vescovo emerito…”: Benedetto XVI è Papa emerito, non Vescovo
    2 – “avrà cura di non interferire…”: Benedetto XVI ha con rispetto e grande delicatezza chiesto al Papa e al Card Parolin di divulgare il suo scritto ottenendone il permesso
    3 – “nella guida della diocesi…”: lo scritto di Papa emerito Benedetto è indirizzato alla Chiesa universale
    4 – “eviterà anche solo l’impressione di costituire quasi un’autorità parallela…”: da quale comportamento le nasce questo timore, Sig.a Falasca? Cosa la rende sospettosa?
    La realtà è un’altra: le supposizioni fatte da lei, Sig.a Falasca sono solo nella sua testa; sono sue opinioni personali ipocritamente velate di una saccenza che offende non Benedetto XVI ma tutti i Fedeli che lo hanno stimato, lo leggono e lo apprezzano tutt’ora. Benedetto XVI conserva il diritto di parlare, di essere ascoltato per una sua competenza superiore a quella di molti Vescovi (e della sua stessa, Sig.a Falasca!) e con legittima libertà di esprimere il proprio pensiero alla pari di ogni Fedele. Trovo palesemente ipocrita, Sig. Falasca, che lei rivendichi per sé il diritto di scrivere quanto vuole e lo neghi nientemeno che ad un Papa Emerito della statura di Benedetto XVI. Si legga bene piuttosto, la Lettera di Benedetto XVI, la esamini e la commenti esponendo i suoi giudizi sulle eventuali valutazioni errate. Non so se ne troverà, ma almeno potrà vantarsi di essere chiamata una vera “giornalista” e non una risibile e fumosa e… lillipuziana “denigratrice”.

    • Vittorio ha detto:

      Osservo che il papa emerito canonicamente non esiste. Ripeto la tradizione era un altra. In galera. Oh e’ la storia! Penso perché Celestino V seppur diede un No netto
      1) o aveva ancora seguaci
      2) parlava ancora troppo

      Detto questo apprezzo le riflessioni di Ratzinger. Ma non si capisce se chi parla e’ un teologo un papa o che? Comunque come parla di queste cose, potrebbe pure dire se e’ papa o no. Chi tace acconsente.

  • Mariano ha detto:

    gentile dott. Tosatti
    ho riletto con attenzione la conclusione delle riflessioni di Benedetto, ritenute ironiche o addirittura spurie. Credo invece che Benedetto abbia scritto ciò che voleva dire. Infatti ringrazia il nostro Francesco per quanto di buono ha fatto… non per tutto ciò che ha fatto o detto o insegnato. A buon intenditore….
    Mariano

  • Astore da Cerquapalmata ha detto:

    FALASCA sembra alla disperazione. Divertente.
    Papa Benedetto più che ripetere che si è dimesso, che riconosce come Papa in carica Francesco, che deve dire?
    Deve rinunciare a parlare? Assurdo.
    Deve ripetere a pappagallo quello che dice Francesco? Assurdo.
    Deve rinunciare ad essere testimone di Cristo? Assurdo.
    Lui non fa nulla CONTRO Francesco. Annuncia solo il Vangelo.
    Se dice che l’omosessualità nella Chiesa non va bene e a Falasca gli viene un mezzo infarto, a me sembra che il problema non è di Benedetto, ma è tutto della Falasca.
    L’attività di Benedetto non è mica pastorale, che ha bisogno dell’ok del superiore. La sua attività è di semplice TESTIMONE di Cristo e testimone di fatti STORICI.
    La pretesa di Falasca di far tacere il Papa emerito ha la stessa valenza morale della pretesa di far tacere la Falasca. Anzi, ha una valenza morale inferiore, in quanto lo spessore intellettuale e morale di Benedetto è esente da ogni sospetto di PIAGGERIA

  • Ángel Manuel González Fernández ha detto:

    Caro Direttore:
    Quattro domande a Francesco e la seconda domanda con risposta censurata nella lettera.
    Domandi e risposte:
    http://w2.vatican.va/content/francesco/it/speeches/2019/april/documents/papa-francesco_20190406_istitutosancarlo-milano.html
    Risposta alla seconda domanda censurata nella lettera:
    https://www.youtube.com/watch?time_continue=66&v=QjaaO6QYVTg
    Saluti.

  • francesco parolin ha detto:

    @VIS, @ALESSANDRO, ma in Vaticano lo sanno pure gli scoiattoli che Ratzinger fu costretto a dimettersi da un colpo di stato foraggiato dagli americani, che non volevano rotture all’agenda obama e che erano convinti che avrebbe vinto la clinton. a proposito, ma i finanziamenti del vaticano di papa ciccio alla campagna elettorale della clinton, perchè north korea insider non scrive qualcosa?

    • Alessandro ha detto:

      caro francesco, anch’io ho pensato a lungo così. Ma poi mi sono detto: “E’ possibile che Benedetto abbia rinunciato a seguito di una qualsivoglia pressione esteriore?” Io stimo molto un uomo del genere, non credo che la minaccia della rovina abbia potuto turbare il suo cuore, tanto più che nella lettera egli torna a parlare del fatto che “Dio sopra ogni cosa, anche sopra la propria carne” Che dire? In ogni caso auguriamoci che Cristo operi al più presto per salvare quelli che, come noi, questo “regime terroristico” di Bergoglio e del suo entourage di pretucoli da quattro soldi lo subiscono. Tanto tutti bisognerà rendere conto delle nostre azioni, presto o tardi

  • Rafael Brotero ha detto:

    Curiosi questi rapporti tra CL, Tornielli, Falasca ecc e l’antipapa. Mi ricordo che poco dopo l’elezione (invalida, Deo gratias) , ho sentito dalla bocca di un prete ciellino amico che Bergoglio era membro di CL. “Non lo dica a nessuno”, ha aggiunto. Si tratta dunque di un segreto che chiedo agli amici di SC di rispettare.

    • Sherden ha detto:

      mah, tanto amico non si direbbe, visto che non ha perso occasione per bastonarli coram populo…

  • Lucy ha detto:

    Fin dai primordi di questo pontificato la Falasca diede subito ottima prova di fedeltà al nuovo corso precedendo tutti . Siamo nell’ottobre 2013 .Dopo che Bergoglio lanciò un anatema , senza nominarli , contro Gnocchi e Palmaro ” quando un cristiano diventa discepolo dell’ideologia ha perso la fede …etc”, la Falasca subito scrisse un articolo su Avvenire in cui diceva , con linguaggio prettamente bergogliano , che i sostenitori di idee tradizionali sono ” rigidi eticisti”,”adulteratori ideologici della fede”,” cultori di format ideologici in versione cristiana “,”estranei alle dinamiche sacramentali “( minaccia di scomunica?) e infine ” specialisti del Logos “.Guarda caso uno ” specialista del Logos ” era andato ad abitare in Vaticano.Infine concludeva tranchant “e la Grazia non li riguarda più ” (!!!).Allora forse unico giornalusta Ferrara prese le difese di Gnocchi e Palmaro e scrisse un art.sul Foglio del 19/10/2013 che si concludeva così “Caxxo ! Ma non state esagerando ? Chi siete voi per giudicare ?”
    Adesso la Falasca giudica anche Papa Benedetto .

  • Monica ha detto:

    Esiste un solo motivo per un cattolico per “disobbedire” all autorità : se si tocca la fede. A costo del martirio, mediatico, sociale, o fisico. BXVI ha ribadito la nostra fede: quel “credo nella Chiesa, Santa, cattolica..” nonostante la zizzania che é presente e convive nel grano; quel credo nella passione e resurrezione che pongono il mistero dell eucaristia al centro della vita di un cattolico, che dunque merita un accostamento in fede essendo presenza reale (parola ripetuta più volte).
    Affermare queste verità di fede é passato in secondo piano per taluni rispetto a discorsi di potere, di rappresentanza, e, ahimé ho letto anche questo, di leadership. Confermare i fratelli nella fede. Questo ha fatto emeritamente il Papa Emerito.

    • Rafael Brotero ha detto:

      Ma che autorita’?? Berggy? L’antipapa eletto invalidamente, eretico, scomunicato, mafioso e apostata? Ma per favore!

      • Monica ha detto:

        Ha dedotto male. Il riferimento alla disobbedienza non l ho riferito a B16 il quale ha sottoposto umilmente lo scritto in Vaticano (Parolin mi pare). Quella frase racchiude un principio generale, cioé che in extremis si può anche disobbedire all autorità (civile, religiosa..) se ciò compromette la fede. É ciò é la risposta sostanziale da sempre seguita nella dottrina, al post della giornalista basato sul formalismo normativo canonico.

  • La Verità vi farà liberi ha detto:

    Poesia bellissima, complimenti!

  • Mac ha detto:

    Il ” Direttorio ” mi ricorda la tragedia di 2 rivoluzioni dell’epoca moderna.

    Saluti.

  • Alessandro ha detto:

    caro Direttore, a quelli che si interrogano sulle dimissioni di Bergoglio: sono profondamente convinto che il mio Papa, l’unico vero e irripetibile Benedetto XVI, abbia lasciato perché gliel’ha ordinato Cristo, non c’è altra possibilità. Altrimenti perché dire nel documento (cito non testualmente): “Dio è di più anche della conservazione della propria vita”? Forse che uno che dice questo si preoccupa invece della propria incolumità? No, la Chiesa sta vivendo il suo Getsèmani, ma Bergoglio ha poco da esultare: se è vero che Gesù ha dato l’ordine a Benedetto, ha pronto anche il “dopo”. Stiamo fiduciosi, anche se i pastori pavidi hanno abbandonato il pastorale. “…Ma Dio aveva altri progetti” (Beata Katharina Emmerich)

  • Vincenzo Calabrese ha detto:

    Bella e verissima l’affermazione ‘TACERE del tutto E’ DIVENTATO IMPOSSIBILE’…
    Un giorno saremo tutti giudicati e bisognerà davvero giustificarsi del proprio atteggiamento di fronte allo scempio e allo scandalo in cui è ormai la Chiesa di Cristo.
    Il dolore di Benedetto XVI mi ricorda le parole della Madonna a Fatima:
    ‘…i buoni saranno martirizzati, il Santo Padre dovrà soffrire molto, diverse nazioni saranno annientate; infine il mio cuore immacolato trionferà’.
    COSI’ SIA!!

    Eppure tanti pastori continuano a far finta di niente, come se tanti scandali non fossero all’ordine del giorno e come se non fosse lampante la continua e drastica riduzione dei fedeli durante i riti liturgici. Eppure non possono essere sinceri di fronte all’evidenza… Io ho provato a parlare con un consacrato evidenziando tre o quattro evidenze lampanti e mi sono sentito rispondere che mai la tale chiesa era stata piena come in questi anni, neanche quando lui la frequentava da bambino… Secondo me è evidente la scarsa buona memoria ed una velata malafede:del resto in passato bastavano due cantori per accompagnare con grande dignità una celebrazione ordinaria in cui tutti i fedeli cantavano e ‘rispondevano’ al sacerdote, mentre oggi si invita sempre un gregge MUTO e DISTRATTO a ‘rispondere’, senza mai riuscire d evitare imbarazzanti pause di silenzio (veri e propri VUOTI DRAMMATICI) durante le celebrazioni… Insomma pochi anni fa bastavano due nonnine devote a fare di una messa ordinaria un piccolo grande evento, mentre oggi piccole folle di fedeli non fanno altro che tacere, dimostrando di fatto la loro scarsa religiosità e devozione… Esattamente come tanti loro pastori che continuano a tacere anche quando ormai è impossibile continuare a farlo… Ma forse in fondo aspettano che a gridare siano le pietre…

  • Gaetano2 ha detto:

    Tutta la mia solidarietà a don Ciccio, grazie a lui tutti sanno ora in che mani il Padreterno ha permesso che la Chiesa finisse! (E questo per l’ignavia etc. etc. dei sedicenti cattolici, che ancora ricordo come fremevano in vista delle “novità” di questi ultimi decenni…, ed io non centro perchè all’epoca ero gaudente praticante, o almeno ci provavo). Amen

  • Adriana ha detto:

    Questo signore uggiolante , che si prosterna a quattro zampe a baciare
    ( o leccare ) i piedi di un Gran Lup abbronzato , conferma la affermazione di Mons. Antonio Livi sull’attuale inquilino dell’Hotel S. Marta :
    ” L’eresia è al potere e
    abbiamo canonizzato anche l’ignoranza .”
    Ragion per cui non è strano che i suoi ” amici ” siano come lui :
    ” Ignorante nella dottrina ( non ha neanche conseguito il dottorato in teologia ) e nella storia . Non conosce nemmeno il latino ( e nemmeno l’inglese ) . Non crede in un Dio cattolico…pugni a chi gli offende la mamma , calci ai corruttori , braccia ciondoloni , pronto a schernire e a staccare le mani giunte di un chierichetto . Vendicativo…”
    https://www.ilgiornale.it/blog.ilgiornale.it/franza2019/04/12/lignoranza-di-papa-bergoglio

  • Donna ha detto:

    E proprio quando i modernisti,quelli della neochiesa pensavano di aver liberato il campo da Cristo, quale unica Via, Verità e Vita; quando pensavano di aver avuto l’ultima parola su comunione ai divorziati risposati, sull’omosessualità,sulla Eucaristia,;allontanato ogni possibilità di risposta ai famosi Dubia, ecco che spunta Papa Benedetto , voce di Dio. Meraviglioso!

  • pIgI ha detto:

    CARO TOSATTI , SUPER EX SI OCCUPA DELLA FALASCA , MA NESSUNO SI OCCUPA DI UNO DEI CERVELLI PIù GENIALI CHE ABBIAMO IN EUROPA , UNO DEGLI INTELLETTUALI PIù LUCIDI CHE TUTTE LE UNIVERSITà DEL MONDO CI INVIDIANO , UNO DEI MEMBRI PIU PRESTIGIOSI DELLA NOSTRA CHIESA : IL PROF.MASSIMO FAGGIOLI . L’INIMITABILE E IRRAGGIUNGIBILE FIUTO DEL PENTANARICIUTO PROFESSORE LO PORTA A SCIVERE SULL’HUFFINGTON POST : – La tesi di Ratzinger sugli abusi sessuali nella chiesa costituisce una contro-narrazione che va ad alimentare direttamente l’opposizione a Papa Francesco – ASPETTIAMO CIO’ CHE DIRA’ TORNIELLI OPPURE DIAMO PER CONCLUSA LA STORIA DEL PONTIFICATO DI BERGOGLIO DOPO LA DIFESA DI QUESTO FAGGIOLI ?

  • Enrico66 ha detto:

    È noto che Bergoglio non ha nessun discernimento nel scegliere le sue amicizie, imbarazzanti ed ambigue. Quindi, perché meravigliarsi della Falasca?
    Transeat, ci son parecchie cose ben più importanti.

  • Carlone ha detto:

    Evidentemente sia gli oppositori che i sostenitori si sentono investiti di un particolare mandato, mettendo al centro uno dei due Vescovi e non Dio..

    • VIS ha detto:

      Potrebbe spiegarsi meglio ? Tra i cosiddetti oppositori e sostenitori , c’è chi dice che è stato Dio a ispirare la rinuncia di Benedetto.C’è chi dice che è stato Dio a volere Bergoglio al soglio pontificio. C’è chi dice ,ora, che è stato Dio a ispirare il recente documento di Ratzinger . Lei Carlone ci può spiegare CHI si sente investito di questo particolare mandato di mettere al centro 2 vescovi e non Dio ? lei ?

      • Carlone ha detto:

        Certamente anch’io ho delle preferenze o delle simpatie per un Papa piuttosto di un altro . Ma teoricamente ogni battezzato può essere eletto Papa indipendente dalla sua cultura sapienza e anche morale perché ciò che lo rende degno di tale titolo è indipendente dalle sue capacità . Perché Pietro e non Giovanni come primo Papa.? E San Paolo ?
        Anzi , sarà proprio san Paolo a riprendere in modo deciso Pietro , senza però metterne in dubbio la sua elezione .

        • Vittorio ha detto:

          Oggi sono uscire, sulla stampa, le votazioni del conclave.
          Se sono vere possiamo almeno dire che il libro di Socci “non e’ Francesco” e’ un fake?
          Per trovare l articolo digitate sul motore di ricerca: Bergoglio, Scola…..

          • Il veritiero ha detto:

            Hanno nuovamente ammesso apertamente che hanno violato il diritto canonico, facendo 5 votazioni in un giorno, quando il massimo di votazioni che si possono fare sono 4 in un giorno. Il diritto canonico dice chiaramente che tutti i passaggi e le regole devono essere eseguite scrupolosamente, e se esiste anche un solo vizio nella procedura l’intera votazione è considerarsi nulla, e il papa eletto non ha nessun diritto di reclamare niente, in quanto non è legittimo. E dice anche che non solo le procedure devono essere perfette e seguire alla lettera, ma dice chiaramente anche che “non deve sussistere nemmeno il minimo dubbio sulla validità della votazione” la 5 votazione fatta in un giorno solleva “dubbi” quindi non è un elezione valida, per essere valida dovevano aspettare la mattina dopo per votare di nuovo.

  • RVC ha detto:

    Caro Super EX , la mia impressione è che Falasca stia facendo solo il suo mestiere e lo fa con i sentimenti che la ccomunano a Bergoglio : arroganza , ignoranza e supponenza. Ma almeno qualcosa ha tentato di fare, qualcosa che affossa ancor più Bergoglio ,ma ha tentato . Caro Super Ex , è il silenzio di Tornielli che mi sta preoccupando . Questo silenzio può essere spiegato da : – 1° sta preparando un complotto per dimostrare che il documento di Ratzinger è falso. – 2° sta rileggendolo per l’ottava volta , perchè ancora alla settima non l’ha capito. – 3° è stato licenziato per non esser riuscito ad intercettarlo e renderlo inoffensivo. – 4° si è andato a confessare dal Card.Sarah , si è pentito per tutte le sue “mancanze ” , si è convertito ed ha deciso di chiedere a Belpietro di poter scrivere da ora in poi su LaVerità. Tu che ne dici ?

    • GMZ ha detto:

      Io punto su: il pezzo fu sottoposto al suo giudizio, ma gli sembrò tanto caruccio e in ordine che si limitò a far aggiungere i ringraziamenti finali, a scanso di equivoci (quelli che poi son stati intesi qual “fine ironia”).
      E ora sta lì a fissare il telefono, in attesa che lo sciuscià lo chiami… Povero cucciolo!

    • guido ha detto:

      SE FOSSE VERA L’ULTIMA IPOTESI TORNIELLI RESTEREBBE DISOCCUPATO PER IL RESTO DEI SUOI GIORNI…

      • Mac ha detto:

        Il ” Direttorio ” mi ricorda la tragedia di 2 rivoluzioni dell’epoca moderna.

        Saluti.

  • Clizia ha detto:

    Si Benedetto ha abdicato ma non sappiamo perché. Tuttavia anche un pastore che sbaglia può redimersi e se ora si rifa sentire forse è un buon segno. Anche se l’avvenire e imprevedibile.

  • Franco ha detto:

    Falasca! L’orgoglio e la presunzione di insegnare ad un grande papa che cosa dovrebbe dire o non dire rasenta limiti inimmaginabili: è di una superbia satanica.
    Se per caso dovesse leggermi le consiglio un anno di silenzio sabbatico prima di aprire ancora la bocca.

  • Il veritiero ha detto:

    Questo è il clima che si respira in vaticano e a Roma, tutti vorrebbero urlare al cielo “Bergoglio vattene!” Ma hanno tutti paura di parlare perché l’aria è diventata irrespirabile. Tutti hanno paura di ritorsioni e vendette da parte della “gang di bergoglio” immaginate che se addirittura il papa Benedetto viene messo a tacere così” pensate a un semplice vescovo o sacerdote cosa possono fare. Quello della Falasca sembra tanto un avvertimento e un intimidazione in stile mafioso ( non sto’ dicendo che sia mafiosa) ma sto’ dicendo che le sue stesse identiche parole di avvertimento le ho viste nel film “Il padrino”. Perché quella della Falasca non era una semplice opinione, un opinione si esprime diversamente, quella era intimidazione velata.
    La gang di bergoglio colpisce ancora ! Al vaticano stanno tutti zitti per paura di subire ritorsioni, questa è la verità. Ma prima o poi giustizia sarà fatta e la tirannia di bergoglio e della sua gang finirà e saranno chiamati a pagare per le loro opere.

    • Gian Piero ha detto:

      caro Il Veritiero,
      io non sto in Vaticano e non sono un prete ne’un vaticanista, ma non capisco di cosa concretamente abbiano paura quelli che vorrebbero gridare Bergoglio vattene e non lo fanno. Di cosa hanno paura? P er la propria vita?Non credo. Per la propria carriera?Ma se antepongono la carriera alla verita’che preti sono, che cristiani sono?I cardinali poi la carriera l’hanno gia fatta, anche se c e’sempre la possibilita remota per ciascuno di loro di diventare papa. Ma di cosa hanno paura? Perche Bergoglio ela sua cricca seminano terrore? Stalin e Hitler facevano fuori i propri oppositori ma Bergoglio che puo ‘fare?
      Burke , Sarah, Vigano’sono sempre vivi, non marciscono in un lager. Quindi coraggio eminenze, preti, teologi, vescovi che vorreste gridare Bergoglio vattene e state zitti, gridate se avete a cuore la Chiesa!Se invece avete a cuore piu’voi stessi che la Chiesa allora siete come Bergoglio.

      • Il veritiero ha detto:

        Non scherzo, la gente ha il timore anche di farsi sentire che commentano queste situazioni perché subisco rappresaglie , nel vaticano non ci sono solo i cardinali, ci sono diverse categorie, si tratta di tutti. Dal seminarista, i formatori e insegnanti, ai sacerdoti, il laico che lavora dentro le mura, le guardie svizzere, la sicurezza,hanno tutti paura anche di respirare quando succedono tutte queste situazioni. Se sei seminarista ti stroncano la vocazione e ti mandano via ( solo perché hai commentato) se sei sacerdote a Roma ti mandano in una chiesetta di montagna lontano dal mondo e lontano dalla famiglia con 4 pecore come fedeli, se inveve ricoprì ruoli amministrativi o di lavoro ti silurano proprio, è dopo come lo dai da mangiare ai tuoi figli? C’è un aria dove la gente ha paura anche di commentare quello che tutti quanti leggono nelle prime pagine, Hanno paura anche di respirare in vaticano per non subire ritorsioni. Altro che misericordia ! Altro che scenette finte dove bergoglio bacia i piedi! Hanno sistematicamente silurato tutti quelli che non erano sulla loro stessa linea.

        • Adriana ha detto:

          ” scenette finte dove Bergoglio bacia i piedi …” Libro : ” La società della seduzione ” , del sociologo francese Gilles Lipovetsky ( ed. Cortina ) . Viviamo in una società che premia l’apparenza e si limita a piacere e a colpire senza andare in profondità , accontentandosi di trofei virtuali da condividere , perfettamente in linea con la cultura dell’individualismo dove tutto si misura in termini di soddisfazione di sé . Dal ruolo di Papa come Maestro di Fede al ruolo di Superpope come “Influencer ” .

          • Giuseppe ha detto:

            Viviamo in una società in cui un uomo di colore viene definito ABBRONZATO (così Adriana 8.52).

          • deutero.amedeo ha detto:

            Adriana, ocio che gh’è riat el Mastro Geppetto!

          • Davide ha detto:

            @Giuseppe: come oramai saprà non sono praticante e non ho mai creduto nei miracoli.
            Ecco perché dubito che riuscirà mai a scrivere qualcosa di minimamente intelligente.

          • Adriana ha detto:

            Certamente ; quel messaggio era scritto in tono ironico . Esistono differenti stili di comunicazione . A proposito : che significa ” uomo di colore ” ? Una delle definizioni più assurde che abbia coniato il nuovo linguaggio …e anche una delle più razziste . Forse che i cosiddetti ” bianchi ” sono privi di ogni colore ? Con gente così acuta Baudelaire e le sue ” Correspondences ” sono totalmente sprecati .

          • Tergestinus ha detto:

            Sempre meglio “abbronzato”, che significa “dalla pelle più scura dell’ordinario” che “di colore”, che non vuol dire assolutamente nulla e rappresenta la quintessenza dell’ipocrisia politicamente corretta: “colore” non è solo il marrone, colori sono anche il giallo, il verde, il rosa ecc. Anzi, dal punto di vista della fisica è una definizione proprio sbagliata, perché per l’ottica il nero non è un colore, ma è il “non-colore”, l’assenza di luce riflessa.

          • deutero.amedeo ha detto:

            @adriana
            Che cosa significa uomo di colore? Significa diversamente colorato.

        • deutero.amedeo ha detto:

          Dalla descrizione che lei ne fa, Veritiero, credo di poter legittimamente inferire che anche lei ci sia dentro fino al collo. Immagino che l’ambiente sia pressoché invivibile e, nel caso, ha tutta la mia solidarietà.
          Profilo per me ideale di un prossimo Papa:
          -Età tra i 50 e 60 anni
          -Costituzione fisica sana e robusta
          -Formazione di base classica
          -Formazione religiosa aristotelico tomaica
          -Conoscenza delle scritture al 100%
          -Fede incrollabile
          -Passione politica inesistente
          -Conoscenze scientifiche : psicologia, psicologia sociale, logica, antropologia culturale e scienza della comunicazione efficace
          -Spiritualità equilibrata tra il mistico e il razionale.

          • Davide ha detto:

            @DEUTERO AMODEO: per quanto possa valere l’opinione di un non credente, temo che Bergoglio rappresenti unicamente la classica punta dell’iceberg di quanto la fazione progressista sia radicata nella Chiesa…. ecco perché temo che un eventuale, futuro successore di Bergoglio con le caratteristiche da lei indicate avrebbe vita ben difficile.
            Dubito anche che possa diventare Papa.

          • Enrico ha detto:

            Profilo per me richiesto: essere semplicemente un uomo di Dio

          • Il veritiero ha detto:

            Io ho il fondato sospetto che se un qualcuno di stimato come Muller o anche un Viganò si immolassero a guida dei loro fratelli, Bergoglio cadrebbe in 1 giorno. Però tutti quanti noi siamo “ingannati dai media, che fanno passare il messaggio che Bergoglio è molto amato , quanto in realtà non lo è minimamente” però la gente viene ingannata, come quando il regime di Hitler diceva che la guerra la stavano vincendo e gente ci credeva, invece poi si sono ritrovati gli americani dentro la Germania. Stanno usando la stessa tattica di propaganda, dicono che Bergoglio è amato e che ha il consenso in larga maggioranza, quando invece non è vero. Se qualcuno di serio si immola come guida dei suoi fratelli, senza avere paura di ciò che può accadere la gente lo segue e bergoglio cade in 1 giorno.

          • Il veritiero ha detto:

            Bisogna state molto attenti a un prossimo eventuale conclave, Bergoglio ha fatto cardinali tutti progressisti, hanno la maggioranza in conclave adesso. C’è il serio rischio che ci fanno papa il card. Kasper. Se ci fanno papa Kasper bisogna per forza scendere in piazza a fare la guerriglia. L’unica nostra speranza è che i cardinali di papà Giovanni Paolo II e i cardinali di Benedetto xvi si uniscono. Per fortuna bergoglio ha avuto la grande idea di gettare secchiate di letame addosso a papà Giovanni Paolo II durante lo scandalo pedofilia , ha fatto la mossa più stupida che poteva fare, gettare secchiate di fango sul papa più amato degli ultimi 100 anni, se non di più addirittura. Che genio bergoglio 😂

          • Vittorio ha detto:

            Continuo a ricordarvi che al tempo del beato Pio IX sareste finiti decollati da mastro Titta. In quanto al papa emerito…non commento. Tanto non la vediamo uguale.

            Pero’ una cosa la posso dire frequentando a volte l azione cattolica: mai ho sentito difendere Bergoglio ne attaccarlo. E in chiesa pure. E così di Ratzinger.

            Per cui io da sinistra, voi da destra NON SIAMO LA MAGGIORANZA SILENZIOSA. Questa e’ la dura? verita’, dei praticanti (non so se credenti!). Secondo me.

  • Ángel Manuel González Fernández ha detto:

    Caro Direttore:
    Benedetto “pastore che abbandona il gregge”.
    Francesco: “pastore stolto e che abbandona il gregge”.
    Zaccaria 11: 15-17:
    “15. E l’Eterno mi disse: “Prenditi anche gli arnesi d’un pastore stolto.
    16. Perché, ecco, io susciterò nel paese un pastore che non si curerà delle pecore che periscono, non cercherà le disperse, non guarirà le ferite, non nutrirà quelle che stanno in piè, ma mangerà la carne delle grasse, e strapperà loro fino le unghie”.
    17. Guai al pastore da nulla, che abbandona il gregge! La spada gli colpirà il braccio e l’occhio destro. Il braccio gli seccherà del tutto, e l’occhio destro gli si spegnerà interamente”.
    Saluti.

    • Vittorio ha detto:

      Gonzalez ha un brutto vizio prendere una profezia tra 1000 e dire si avvera quando 999 no. Ratzinger avra’ perso un occhio ma non il braccio 😎