LAICI DA TUTTO IL MONDO CHIEDONO AI VESCOVI: ROMPETE IL SILENZIO SULLA CRISI DELLA CHIESA! OGGI MANIFESTANO A ROMA.

19 Febbraio 2019 Pubblicato da --

Marco Tosatti

Oggi a Roma, una delle piazze più centrali, quella di San Silvestro, sarà occupata per un’ora, dalle 14 alle 15, da decine di fedeli cattolici provenienti da tutto il mondo. Un evento straordinario, per chiedere ai vescovi – quelli che si riuniscono dal 21 in Vaticano a discutere di abusi sui minori, ma non solo: a tutti i vescovi del mondo – di rompere il silenzio sulla crisi morale e dottrinale che sta devastando la Chiesa. Qui sotto pubblichiamo il manifestino di presentazione della manifestazione, che ci è stato inviato: e non è un caso che questo evento così straordinario e particolare si svolga a piazza San Silvestro, dove dal XII secolo è custodita una reliquia attribuita a San Giovanni Battista: l’uomo che non ebbe paura di parlare chiaramente, e che per il suo coraggio e sincerità perse la vita. Piazza San Silvestro è certamente uno dei luoghi più centrali del centro di Roma: a qualche decina di metri da Palazzo Chigi e da Montecitorio, alla base di via del Tritone e dietro il quartiere del lusso e dei commerci eleganti: Via Frattina, Via Condotti, Piazza di Spagna. 

Subito dopo, nella sede della Stampa Estera, si svolgerà un incontro con alcuni dei partecipanti e organizzatori della manifestazione, sotto il titolo: “Interrogativi sulla crisi morale della Chiesa cattolica”, così presentata: “Alla vigilia del summit vaticano sulla questione degli abusi sessuali i rappresentanti di diverse realtà internazionali che si battono per la difesa della vita e della famiglia risponderanno presso la Stampa estera di Roma – dopo una breve introduzione – alle domande in materia poste dai media”.

Intervengono:

. John Smeaton (GB), presidente della Society for the Protection of the Unborn Child

. Michael Matt (USA), direttore della rivista Remnant

. Scott Schittl (Canada), rappresentante del portale LifeSiteNews

. Julio Loredo (Perù), socio fondatore di Tradición y Acción por un Perú Mayor

. Jean-Pierre Maugendre (Francia), presidente di Renaissance Catholique

. Arkadiusz Stelmach (Polonia) – Vice-Presidente dell’Istituto Piotr Skarga

. Roberto de Mattei (Italia), presidente della Fondazione Lepanto

Modera: Giuseppe Rusconi.

In silenzio per abbattere il muro del silenzio!

Siamo laici cattolici, provenienti da tutta Italia e da ogni parte del mondo. Partecipiamo a questa manifestazione a titolo personale, o a nome di associazioni e testate giornalistiche accomunate dall’amore per la Chiesa, la sua dottrina e le sue istituzioni. Siamo riuniti per questo evento sotto il nome di Acies ordinata, un appellativo che la tradizione della Chiesa riserva a Maria SS.ma, che raccoglie l’esercito dei suoi fedeli e sconfigge i suoi nemici: terribilis ut castrorum acies ordinata (Cantico dei Cantici, 6, 3; 6,9). Figli della Chiesa militante, siamo qui per professare pubblicamente la nostra fede cattolica, ma anche per rompere il muro del silenzio. Il silenzio tombale dei Pastori della Chiesa di fronte ad una crisi dottrinale e morale senza precedenti.

La Chiesa di San Silvestro in Capite, in questa piazza, contiene la reliquia della testa di san Giovanni Battista. Il precursore del Messia fu ridotto al silenzio da Erode, ma la sua lingua muta continua a parlare ai nostri cuori. Siamo in piedi, in maniera rispettosa e ordinata, per esprimere simbolicamente la resistenza di chi davanti al silenzio non si piega. Abbiamo nelle mani il Santo Rosario e leggiamo dei testi della Tradizione cattolica, perché alimentiamo la nostra resistenza alla preghiera e allo studio, convinti che solo nel raccoglimento si prepara l’azione. 

 Il vertice dei presidenti delle Conferenze episcopali, che si apre il 21 febbraio alla presenza del Santo Padre, è un’occasione storica per affrontare non solo il tema degli abusi sessuali sui minori, ma il tema della corruzione morale, che comprende ogni violazione della legge divina e naturale, a cominciare dalla terribile piaga dell’omosessualità.

 Il nostro è un appello ai Vescovi silenziosi perché qualcuno tra loro, abbia il coraggio di rompere il silenzio. Ci sarà qualche Pastore che oserà dire la verità al Santo Padre? La Chiesa non teme la Verità, perché la Chiesa annuncia al mondo la Verità del Suo Capo e Fondatore, Gesù Cristo. E’ soprattutto a Lui che ci rivolgiamo con questo atto simbolico, affinché in questi tempi calamitosi, venga in soccorso della nostra debolezza e con una sola Parola, salvi la Sua Chiesa. 

Domine ne sileas (Ps 34, 22) Signore non tacere!



Oggi è il 170° giorno in cui il pontefice regnante non ha, ancora, risposto.

Quando ha saputo che McCarrick era un un uomo perverso, un predatore omosessuale seriale?

È vero o non è vero che mons. Viganò l’ha avvertita il 23 giugno 2013?

Joseph Fessio, sj: “Sia un uomo. Si alzi in piedi, e risponda”.


Questo blog è il seguito naturale di San Pietro e Dintorni, presente su “La Stampa” fino a quando non fu troppo molesto.  Per chi fosse interessato al lavoro già svolto, ecco il link a San Pietro e Dintorni.

Se volete ricevere i nuovi articoli del blog, scrivete la vostra mail nella finestra a fianco.

L’articolo vi ha interessato? Condividetelo, se volete, sui social network, usando gli strumenti qui sotto.

Se invece volete aiutare sacerdoti “scomodi” in difficoltà, qui trovate il sito della Società di San Martino di Tours e di San Pio di Pietrelcina


Libri di Marco Tosatti

Se siete interessati a un libro, cliccate sul titolo….




UNO STILUM NELLA CARNE. 2017: DIARIO IMPIETOSO DI UNA CHIESA IN USCITA (E CADUTA) LIBERA

FATIMA, IL SEGRETO NON SVELATO E IL FUTURO DELLA CHIESA

  SANTI INDEMONIATI: CASI STRAORDINARI DI POSSESSIONE

  PADRE PIO CONTRO SATANA. LA BATTAGLIA FINALE

  Padre Pío contra Satanás

Tag: , , , ,

Categoria:

Questo articolo è stato scritto da wp_7512482

50 commenti

  • virro ha detto:

    SILENZIO = atteggiamento imposto dall’uomo della
    misericordina privo di carità
    CARITA’ = la Virtù che produce la PACE -non come la
    dà il mondo- e apre il cuore di DIO.
    PACE = dono di Gesù Cristo ai suoi discepoli perché la
    donassero agli evangelizzati, per diventare
    pietre vive della Sua Sposa la Santa Chiesa
    DIO = Colui che E’ tutto, e di tutto dobbiamo rendere
    conto, compresi i silenzi privi di carità.
    GESU’ CRISTO = è la Parola di VERITA’ del Padre.
    VERITA’ = ci fa liberi.

    Resta con noi Signore…
    W Cristo Re dell’Universo

  • Mazzarino ha detto:

    Quando a Copacabana i vescovi sudamericani accolsero Bergoglio sculettando guidati da un animatore sui generis molti commenti sul web titolavano “storico”. Ero tristemente d’accordo. Si era vero. Era un evento storico. Mai visto prima. Il 28 febbraio 2013 era morta per mano di un Papa Santa Romana Chiesa. Nell’estate 2013 con Bergoglio era iniziata la demolizione e quegli ancheggiamenti gerarchici lo certificavano. Poi vennero i balli in chiesa i tango e lo zoo in Piazza S. Pietro etc etc. Tappe forzate della demolizione. Oggi avviene un altro fatto. Da chi scrive auspicato almeno quattro anni fa. Laici cristiani richiamano la gerarchia ai propri doveri contro un “papa”. Storico! Mai accaduto in 2000 anni di Cristianità. Presto potrebbe essere la volta di manifestazioni anti “papali” in Piazza S. Pietro. Purtroppo l’incurabile concilioma vaticanosecondista affligge l’intera gerarchia cattolica attuale. Ed è molto improbabile che qualche vescovo raccolga l’appello. Diverso è per i giovani sacerdoti. Loro hanno l’intera vita davanti. Hanno impostato la loro vita per Cristo e per le anime dei fedeli. Il CVII non lo conoscono neppure e di certo non hanno offero la loro vita per questo. Dunque potrebbero accogliere l’appello. E’ l’unca cosa che temono Bergoglio e i suoi mandanti. E’ una cosa che loro vaticansecondisti terminali non riescono a comprendere. Da quei giovani sacerdoti non malati verrà la nuova gerarchia. Quella che farà rifiorire Santa Romana Chiesa. Storico! Stiamo vivendo tempi formidabili e forse, per rabbia o tristezza, non ce accorgiamo neppure.

  • Falcometa ha detto:

    Da leggere:
    Vaticano II: Dal “mito della sostituzione” alla religione noachita”

    http://www.unavox.it/ArtDiversi/DIV2828_Laurigan_Dalla_sostituzione_al_noachismo.html

    • Adriana ha detto:

      FALCOMETA ,
      molto interessante . Ma visti i prodromi come procederà la cosa ?
      Ci vorrebbe il miracolo di Lazzaro per far risorgere la Chiesa .

  • Astore da Cerquapalmata ha detto:

    Gesù ha dato il potere delle Chiavi a Pietro dopo che lui ha confessato la FEDE, per cui l’autorità di Pietro si estende fin dove si estende la fede della Chiesa e nulla più, e perciò è bene ricordare questo al Papa.
    Ma per chi considera questo Papa legittimo (non ci sono prove che non lo sia), la protesta non deve diventare “politica”. Nessun colpo di stato.
    Non sto criticando questa iniziativa, l’importante è che non venga monopolizzata da anticonciliaristi, lefreviani, sedevancatisti, ecc.
    A volte affermare a voce alta la Verità, come ha fatto Muller, può essere molto significativo.
    Se ne risente chi ha la coda di paglia.
    Altre volte invece occorre fare come Paolo con Pietro o come Santa Caterina da Siena.
    Che i laici si facciano sentire è importante, perché forse stavolta la difesa della dottrina della fede spetta soprattutto a loro

    • Luigi ha detto:

      Due cose.
      1 la manifestazione è stata organizzata dal solito barone politicante De Mattei e almeno 3 delle associazioni aderenti sono a lui contigue. Sicuro quindi che il monopolio sia degli anticonciliaristi, quindi non cattolici.

      2 Muller dopo il manifesto è stato intervistato da un giornale tedesco e ha dichiarato chiaramente che il Papa è perfettamente ortodosso.

      Concludo con una riflessione. Ci si lamenta di una chiesa mondanizzata e sentiamo lezioni continue da persone come queste. Ma cos’è se non mondanità esibirsi in pubblico per parlare con Dio? Dio ha in mano il destino della Chiesa ed eventi come questi sono rivolti agli uomini, non a Lui. La prossima volta digiunino in silenzio e preghino in chiesa, senza twitter o altre trovate esibizionistiche. Come stiamo facendo in tanti, senza bisogno di metterci in mostra.

      • Mary ha detto:

        @Igino, non sono affatto d’accordo su quanto affermi si Plinio Correa de Oliveira.
        Voglio solo aggiungere che se ora in Brasile ha vinto la destra di Bolsonaro, forse è perché i semi che ha piantato lui a suo tempo, stanno germogliando. Finalmente.

      • GASTÓN ha detto:

        “anticonciliaristi, quindi non cattolici” Haría falta saber qué quiere decir Vd con eso de “anticonciliarista” y mientras no lo determine su afirmación es una tontería. ¿O es que pretende que nos tomemos todo el volumen de textos conciliares como una colección de dogmas de Fe? Y eso con un concilio pastoral y no dogmático.

      • Gian ha detto:

        “Come stiamo facendo in tanti, senza bisogno di metterci in mostra.” Ecco che in mostra ti sei messo…
        Cosa ci trovi di sbagliato ad una manifestazione silenziosa di 100 persone, che cercano di contrastare una massiccia deriva dittatoriale, dotata di tutti i mezzi per perfezionare l’inganno, compresi i media di ogni genere e grado? Stai aspettando che siano le pietre a gridare al tuo posto? O non è lecito piuttosto alzarsi in piedi e affermare con coraggio e schiena dritta che quello che ci stanno imponendo è contrario alla Verità?

      • Astore da Cerquapalmata ha detto:

        Luigi: che Muller dica che il Papa è super ortodosso mi fa piacere, ma sebbene stimi Muller non gli riconosco il carisma dell’infallibilità nell’interpretare il Papa.
        E’ vero, basta interpretare il Papa con un po’ di benevolenza, e tutto si può ricondurre, magari con qualche sforzo, alla retta dottrina.
        Per cui si può dire che il Papa non è eretico perché, al di là del suo autentico pensiero, non INSEGNA eresie.
        Ma ha comportamenti AMBIGUI, spero non voluti, che possono condurre molti all’errore.
        Ad esempio quando ha detto di avere spesso dei DUBBI DI FEDE!
        Oppure le interviste a SCALFARI in cui il giornalista arriva a far dire al Papa che l’inferno non esiste.
        Certo, certe espressioni papali riportate da Scalfari non erano letterali, ma mediate dal giornalista. Ma la smentita della Santa Sede è stata “moscia”.
        Ha precisato che quelle riportate da Scalfari non erano le citazioni letterali del Papa, ma nessuna smentita chiara.
        Certo, il Papa parla spesso dell’inferno, ma siccome molti che ne parlano lo considerano solo un simbolo, perché non chiarire?

    • Catholicus ha detto:

      @ Astore : “anticonciliaristi, lefreviani, sedevancatisti,”: che brutta gente, mica c possiamo mischiare con loro, vero signor Astore? ma non si riscorda le parole di NSGC “beati voi quando vi insulteranno, ecc…”, e chi è stato più insultato in questi anni di quella gente lì? e chi è stato più lodato ed osannato di Beroglio e dei suoi giannizzeri, apostati, eretici e traditori al 100%, anzi al 101% se fosse possibile violentare la statistica come loro stanno facendo con la razionalità , oltre che con 2000 anni di fede cristiana e cattolica. Alla larga dal conformismo conciliarista, lotta dura senza paura, come dicevano loro 60 anni fa (fa rivoluzionari a dittatori, come i giacobini, i bolscevichi, i maoisti, ecc.). L J C !

      • Astore da Cerquapalmata ha detto:

        CATHOLICUS:
        nessun disprezzo verso nessuno, semplicemente è bene non fare confusione.
        Perché quando si parla di scismi e di eresie non è cosa da poco.
        Essere strumentalizzati è da polli, strumentalizzare è scorretto.
        Io sono a favore del Concilio Vaticano II, che è stato distorto da teologi sessantottini, ma che ritengo abbia limitato, anche se solo in parte, i danni della rivoluzione del Sessantotto.
        Perché dovrei partecipare a una manifestazione che magari, con la scusa di contestare il Papa, contesta pure il Vaticano II?
        A ognuno le sue manifestazioni.
        Un po’ come la Marcia per la Pace: anche il Movimento per la Vita è per la pace, ma in mezzo a chi vuole la pace senza rispettare la vita non c’entra nulla.

  • Iginio ha detto:

    Lasciando perdere le pliniate di qualcuno dei relatori, comunico che al cardinale O’Malley, ossia colui che per primo propose un summit a Roma per discutere il problema degli abusi sessuali, non verrà dato modo di parlare nel summit in Vaticano. Il tutto perché verosimilmente è sgradito a Bergoglio dato che lo criticò per la sua copertura di vescovi colpevoli e gli insulti alle vittime che denunciavano.
    Altro che papa Francesco mandato dallo Spirito per risolvere tutto.

    • Mary ha detto:

      @Igino, che significa “pliniate”? Hai qualcosa contro Plinio Correia de Oliveira? Se si, cosa?

      • Iginio ha detto:

        Le sue ricostruzioni storiche fanno acqua. Il suo elitismo è snobismo mascherato. I suoi seguaci, poi, sono altrettanto fanatici ideologizzati della loro controparte progressista: si limitano a ripetere i loro luoghi comuni “tradizionalisti” esattamente come quegli altri ripetono le banalità progressiste, e alla luce delle loro convinzioni denigrano tutti coloro che non corrispondono ad esse senza rendersi conto né dei fatti contrastanti con la loro ideologia né del reale animo delle persone. Si vedano le grottesche critiche a De Gasperi (visto come un venduto ai comunisti) o l’acritica esaltazione delle destre italiane, come se allearsi coi missini fosse necessariamente più sano che allearsi coi socialcomunisti o come se a destra ci fosse necessariamente più religiosità. Oppure la demonizzazione di Maritain, che può aver peccato di ingenuità nel suo giudizio sul comunismo ma non era certo un filocomunista né un modernista (e piaceva agli intellettuali cattolici anticomunisti di Oltrecortina). Non parliamo poi dell’equivoco (voluto?) per cui i sedicenti tradizionalisti alla Evola sono transitati (o fingono di apparentarsi) al cattolicesimo, che è ben altra cosa.
        L’unico merito di Plinio è di aver rivendicato uno spazio politico cattolico a destra in un periodo in cui tutti si spostavano a sinistra credendo alle “magnifiche sorti e progressive”, e di aver mantenuto fermo il richiamo alla Chiesa preconciliare mentre tutti facevano a gara a denigrarla. Ma non basta per farne un profeta né uno studioso.

        • marcus ha detto:

          scusi Iginio, potrebbe dirci quali libri o saggi di Plinio lei conosce ? e a quali articoli si riferisce ?

  • rita ha detto:

    Sono molto commossa. Che meraviglia! finalmente i laici di tutto il mondo rompono il muro dell’omertà e iniziano a farsi vedere e sentire.
    Stiamo vivendo il tempo della grande tribolazione nella Chiesa cattolica e, purtroppo, questa atmosfera di confusione si riflette poi in tutti i vari settori della società.
    Molti anni fa gli agglomerati urbani, infatti, vivevano all’ombra del campanile dove ci si recava non solo per la S. Messa domenicale ma anche per confrontarsi con una figura luminosa ed esemplare, un faro cui tutti si relazionavano per consigli e dubbi, il sacerdote.
    Oggi il sacerdote è ridotto ad un automa che celebra la Messa senza entusiasmo, oppure balla in chiesa, oppure ha trasformato le navate in una passerella per sfilate di moda, oppure fa spettacoli poco consoni con la religiosità… Oppure, è depresso, inaridito, silenzioso…come bloccato da qualcosa che non gli permette di pronunciare una sola parola buona. CHE TRISTEZZA!!!
    Dove la causa di questo ginepraio diabolico?
    All’orgoglio, alla paura, alla superbia, al potere, alla cupidigia, all’invidia…insomma al maligno.

  • deutero.amedeo ha detto:

    Commento di Scarpe Grosse (poi ve lo traduco e ve lo spiego):
    L’è ura de finila con sta menada del pastur e de le pegore. Me so mia na pegora: so n’om cumpagn de lur e lur i è om cumpagn de me..
    Traduzione: E’ ora di smetterla con questa storiella del pastore e delle pecore. Io sono un uomo come loro e loro sono uomini come me.

    Questa manifestazione, alla quale il Signore non mancherà di dare il suo appoggio e la sua ispirazione, è un sussulto di dignità dei laici verso un clericalismo mai nella storia della Chiesa così manifesto come in papa Francesco e nei suoi accoliti ed epigoni. E’ ora di dire BASTA!

    • Rafael Brotero ha detto:

      Ok, ma smetterla con questa storia di pecore e pastori é smetterla con i Vangeli, da dove mi sembra essere tratta. Per non dire che senza pecore e pastori, cioe’, senza gerarchia, la Chiesa Cattolica é impossibile. Bisogna dire la verita’, che questi vescovi della falsa chiesa bergogliana non sono vescovi. Per una volta, “Sua Santita’” ha detto bene: bisogna una Chiesa in uscita, in uscita per molto lontano dal Vaticano.

      • deutero.amedeo ha detto:

        Certo la metafora del pastore, del gregge, delle pecore, dei lupi è biblica ed è parola di Dio. Ma agiografi ed evangelisti, riproponendo questa immagine, ci parlano di un Gesù vissuto venti secoli fa parlando ad un popolo di analfabeti e di pastori per far capire loro determinati concetti. Come quando parla di reti, di pesci e di pescatori. Queste immagini ancora oggi possono, anzi sono, molto suggestive, ma sono immagini sulla base delle quali occorre elaborare concetti teologicamente e antropologicamente validi ed attuali e non solo discorsi sentimentaloidi e pro domo di sé come fa il papa Bergoglio che nel suo modo di fare è più simile ad uno stregone con le penne di struzzo in testa, che ad un vicario di Cristo.

  • Tadeusz Zawadzki ha detto:

    Aggiungo la mia preghiera per la santità della Chiesa.

  • Marco Matteucci ha detto:

    Fin quando non si troverà il coraggio di chiamare le cose con il proprio nome e la forza di puntare il dito contro coloro che si queste eresie le insegnano o per viltà o interesse personale fingono di non vederle. Non si verrà mai a capo di nulla.
    Ci vuole un coraggio da LEONI per difendere la fede. Se a Lepanto il Papa avesse mandato 4 diplomatici per trattare con califfo oggi il problema della fede in Cristo non si potrebbe perché saremmo tutti quanti musulmani.
    Speriamo che questo ulteriore grande convegno possa servire a chiarire le cose una volta per tutte, anche se visti i precedenti non è escluso che tutto possa finire in un’altra gigantesca bolla di sapone.
    Perché unicamente di buone intenzioni “è lastricata la strada che conduce all’inferno”.
    Il Santo Padre per essere veramente Santo ha il dovere di proclamare le Cose Sante di Dio e non quelle comode ma false che preferiscono sentirsi dire gli uomini …e tutti questi esimi relatori lo sanno! …Perfettamente!!!

    • Marco Matteucci ha detto:

      Mi scuso per gli errori commessi confidando troppo nell’intelligenza del telefono. Comunque spero che quanto ho voluto dire sia chiaro a tutti.
      “Sia invece il vostro parlare sì, sì; no, no; il di più viene dal maligno” (Mt.5, 21-37)

      • Laico Luciano ha detto:

        Questo e’ il tempio del giudizio tra il Bene e il Male…..Satana contro Dio sulla appartenenza e Identità’ di Paterina’ Giovanni 8:44.
        Include tutta la umanità’ perche’ Cristo ritorna per Salvare tutti cattolici e non.
        A ognuno il proprio Giudizio.
        Cio’ che Legherete sulla Terra sara’ Legato anche in Cielo.

  • Sulcitano ha detto:

    Anche io, con la mia umile preghiera di figlio sofferente per la Chiesa assediata e tradita, sarò unito in preghiera in piazza San Silvestro con il fedele popolo che Dio ama,sotto la potente intercessione di Maria Santissima, nostra Regina e Madre.
    SIA LODATO GESÙ CRISTO!

  • MASSIMO S ha detto:

    Chi, come me è lontano e non può partecipare, può comunque pregare, e non solamente oggi, ma costantemente, perché il cuore di pietra di alcuni nostri pastori si lasci trasformare dalla Verità in un cuore di carne. Chiediamo la efficacissima intercessione della nostra Santa Madre Celeste.

  • Valeria Fusetti ha detto:

    Abito in montagna, quasi ai confini della Francia per cui essere presente a Roma non mi è possibile, ma posso fare tre cose a) inviare alla redazione di Radici Cristiane una e-mail di solidarietà e presenza spirituale; b) digiuno, c) pregare, dalle 14 alle 15 il Santo Rosario (le 3 Corone), e la Preghiera completa dell’ esorcismo di Papa Leone XIII. Aggiungendo, all’ Esorcismo, le frasi che furono levate durante il pontificato di Pio XI ” per prudenza, perché non fossero mal interpretate”, che a parere di Socci sono le stesse motivazioni per cui il 3 Segreto di Fatima non è stato interamente rivelato. ” Ecco la Chiesa, Sposa dell’ Agnello Immacolato, satura di amarezza e abbeverata di veleno da nemici molto astuti; essi hanno posato le loro empie mani su tutto quello che c’ è di più sacro. Laddove fu istituita la sede del beato Pietro e la cattedra della verità, là hanno posto il trono della loro abominazione nell’ empieta’; in modo che colpito il pastore, il gregge possa essere disperso”. Forse è arrivato il momento di ripristinare l’ esorcismo in tutta la sua integrità. Per chi avesse degli scrupoli può essere considerato come preghiera privata ( fonte http://www.piccolifiglidellaluce.it). In cordibus Jesus et Mariae.

    • Lucis ha detto:

      Leone xiii scrisse questa preghiera al tempo subito successivo della presa di Roma. Il papa era segregato in Vaticano, Roma era in mano ad empi massoni. Lui era il pastore ‘percosso’ e il trono delle abominazioni e dell’empieta al posto di là dove era la sede della verità era il governo ‘italiano’ che aveva occupato Roma.

      • Vittorio ha detto:

        @ lucis

        Questo potrebbe essere interessante per chi come voi pensate sempre a un eta’ dell’ oro. Se non erro dopo Leone
        XIII venne Benedetto XV e poi Pio XI due papi discussi a cui dal punto di vista della mera lobby omosessuale e non i papi sucessivi fanno un baffo. Furono i persecutori di padre Pio. Chissa’ se il libro bianco di Brunatto, CON LE documentazioni , potesse uscire. Forse il concilio fu una conseguenza di un ‘iniquita” prima?

        • Lucis ha detto:

          ???? Non capisco la sua obiezione. Io volevo semplicemente dire che a mio avviso la preghiera di Leone xiii che di solito è interpretata come profezia che si riferisce alla crisi della Chiesa dei nostri tempi, io credo che si riferisse invece alla realtà politica del suo tempo. Non una profezia, ma una preghiera che descriveva ciò che la Chiesa stesse allora subendo per mano dei massoni del Risorgimento.

    • Vittorio ha detto:

      La ringrazio della segnalazione.Se non erro pure papa Francesco ha consigliato questa preghiera o incompleta? Hrazie

    • Fabrizio Giudici ha detto:

      Brava Valeria. E si associano in tanti, compreso il sottoscritto, che purtroppo non hanno potuto esserci.

    • Catholicus ha detto:

      Mi associo anch’io, nel mio Rosario quotidiano e nella preghiera serale a S. Michele Arcangelo. Grazie Valeria

  • Rafael Brotero ha detto:

    Laici pastori guidano vescovi pecore, pecore anche dette lupi. E vuole chiamarsi Chiesa Cattolica.

  • Roberto Donati ha detto:

    Chi non potrà essere oggi in piazza San Silvestro si unisca nella preghiera, dalle 14 alle 15, recitando il Santo Rosario e meditando i Misteri Dolorosi. Come a Lepanto salverà la Chiesa Maria Santissima Regina delle Vittorie.

  • associazione mi dispiace per gli altri ma dio è cattolico ha detto:

    era ora.la prossima spero sia rumorosa in p.zza san pietro

    • franz ha detto:

      mi posso iscrivere anch’io ?

    • Vittorio ha detto:

      Ma se Gesu’ non era nemmeno cristiano…..il termine cattolico e’ tardo…comunque si Dio e’ cattolico. Nel senso che e’ universale, ha pagato per tutti gli uomini, pure quelli ante Cristo, i quali se non si sono salvati tutti, saranno stati “giudicati ” anche su altri criteri.

  • Ángel Manuel González Fernández ha detto:

    Caro Direttore:
    CATECHISMO DELLA CHIESA CATTOLICA
    “L’ultima prova della Chiesa
    675 Prima della venuta di Cristo, la Chiesa deve passare attraverso una prova finale che scuoterà la fede di molti credenti [Cf ⇒ Lc 18,8; ⇒ Mt 24,12 ]. La persecuzione che accompagna il suo pellegrinaggio sulla terra [Cf ⇒ Lc 21,12; ⇒ Gv 15,19-20 ] svelerà il “Mistero di iniquità” sotto la forma di una impostura religiosa che offre agli uomini una soluzione apparente ai loro problemi, al prezzo dell’apostasia dalla verità. La massima impostura religiosa è quella dell’Anti-Cristo, cioè di uno pseudo-messianismo in cui l’uomo glorifica se stesso al posto di Dio e del suo Messia venuto nella carne [Cf ⇒ 2Ts 2,4-12; 675 ⇒ 1Ts 5,2-3; ⇒ 2Gv 1,7; ⇒ 1Gv 2,18; ⇒ 1Gv 2,22 ]”:
    http://www.vatican.va/archive/ITA0014/__P1U.HTM
    Non esiste maggiore prova che il Papa sia
    ilprofetizzato “Pastore stolto e Falso profeta”!
    Saluti.

    • Vittorio ha detto:

      No e’ l anticristo non il falso profeta . Sbagli. 😎 Cerchiamo di smuoverlo così da questa ossessione non spiegata. Li si parla di anticristo!

    • Vittorio ha detto:

      Nella mia versione parla di un messianismo secolarizzato particolarmente perverso (non ho il testo ) e che il Regno viene al di la’ della storia. Dicono (l autore del libro KERIGMA) che Bergoglio gli abbia chiesto di pregare per il ritorno di Cristo.Natiralmente e’ una tattica. Appena metterete la bibbia al posto del codice civile e i sodomiti in galera(oppure la sharia)il Regno promesso lo faranno gli uomini applicando le leggi (meglio tardi che mai 🙄) Che ci fregadel ritorno di Cristo? Una barzelletta dei primi cristiani per indurli a farsi sbranare. Quando si converti Costantino venne il regno compiuto. Non ve ne siete accorti ?

      Tosatti continua a bannarmi il nomedell anticristo Fernandeziano, il che mi insospettisce 😜
      Peccato che a Fernandez una volta sia uscito. 😉

      • Fontana ha detto:

        Mi scusi, forse sono io che non capisco, ma può essere più chiaro quando ha da fornirci qualche suo contributo?

        Perchè penso che è questo che Lei intenda fare.

    • virro ha detto:

      ok. Il Santo Vangelo è sempre VERITA’.
      Aspettiamo il ritorno di nostro Signore Gesù Cristo con le lampade accese.

    • Ángel Manuel González Fernández ha detto:

      Caro Direttore:
      In Zaccaria profetizza un “Pastore stolto” e nell Apocalisse passa ad essere il “Falso profeta”: da il 2013 ho scritto con prove ed indizi di prova che Francesco è il profetizzato “Pastore stolto e Falso profeta” e non ho affermato mai né affermerò che che sia l’Anticristo.
      Il “Pastore stolto e Falso profeta” Francesco è quello che prepara la strada l’Anticristo.
      Francesco ha Potere ma l’Anticristo ha tutto il POTERE di Satana, che come ho scritto molte volte, il Potere di Francesco è come il potere di una pistola di acqua da un bambino comparato con le armi atomiche conoscenti e sconosciute degli Stati Uniti, Russia, Cina, Israele, Regno Unito e Francia: il POTERE dell’Anticristo è più di questo!
      Saluti.

      Estimado Director:
      En Zacarías profetiza un “Pastor necio” y en el Apocalipsis pasa a ser el “Falso profeta”: desde el 2013 escribo con pruebas e indicios de prueba que Francisco es el profetizado “Pastor necio y Falso profeta” y jamás he afirmado ni afirmaré que que sea el Anticristo.
      El “Pastor necio y Falso profeta” Francisco es el que prepara el camino del Anticristo.
      Francisco tiene Poder pero el Anticristo tiene todo el PODER de Satanás, que como he escrito muchas veces, el Poder de Francisco es como el poder de una pistola de agua de un niño comparado con las armas atómicas conocidas y desconocidas de Estados Unidos, Rusia, China, Israel, Reino Unido y Francia: ¡el PODER del Anticristo es más que eso!
      Saludos.

  • Luciano Motz ha detto:

    Iniziativa consolante. C’e solo un appunto da muovere: bisogna smettere di chiamare Santo Padre un bestemmiatore, nonché di appellare Eccellenza ed Eminenza quanti gli tengono il bordone.

    • Luigi Cazzola ha detto:

      L’ho sempre pensato anch’io !!!

    • Catholicus ha detto:

      Caro Luciano, è da tempo che consiglio di non attribuire più nessun titolo ecclesiastico a questi modernisti, eretici ed apostati, nemici di Cristo e dei cristiani, ipocritamente mascherati da pastori per fare più danno possibile (questo il loro compito, evidentemente). Basta citarli con il solo cognome, più che sufficiente. I pastori cattolici stanno altrove, spesso dove non immaginiamo nemmeno. Preghiamo per la Chiesa del silenzio, nella diaspora.

  • Roberto Donati ha detto:

    Io sarò presente.

  • robin ha detto:

    Tosatti , ci dica come possiamo appoggiare questa iniziativa , non potendo presenziare . Se fossi stato avvisato sarei andato anch’io

  • key ha detto:

    bene ,molto bene. E’ ora che siamo noi laici a responsabilizzare i vescovi. Che possiam fare ora Tosatti ?