DISPACCI DALLA CINA. HUAWEI, PAURA DI SPIONAGGIO. UNA LETTERA DI LAICI…

21 Gennaio 2019 Pubblicato da --

Marco Tosatti

Cari Stilumcuriali, il M° Porfiri ci ha mandato i suoi Dispacci settimanali dalla Cina. Molto interessanti, come di consueto. Ad essi aggiungiamo, in calce, la lettera che un amico cinese ci ha inviato, per parlarci di un’iniziativa presa da un gruppo di coraggiosi laici cattolici cinesi. Buona lettura.

Huawei

Ancora oggi sui giornali di Hong Kong notizie su istituzioni (a Taiwan, per esempio) che scoraggiano a usare telefonini di marca Huawei per paura di possiblle spionaggio da parte cinese. Io non so cosa c’è di vero, ma certamente è bene usare prudenza. Il CEO di Huawei ha detto essere vero che lui supporta il partito comunista cinese ma che non farebbe mai nulla per mettere in pericolo la sicurezza mondiale. Certamente non c’è nulla di male nel supportare il proprio governo, anche perché senza questo supporto molto difficilmente una compagnia potrebbe sopravvivere in paesi come la Cina. Quello che dovrebbe essere chiarito è cosa in effetti si richiede in cambio di questa sopravvivenza. Perché l’appoggio del governo non viene gratuitamente ma in qualche modo ai deve pagare.

Persecuzioni

Un articolo di Charles McDermid ci informa che l’Asia è il continente con più persecuzioni verso i cristiani, ci dice un articolo sul “South China Morning Post”. Le persone perseguitate sarebbero almeno 140 milioni e Cina e Indonesia sarebbero tra i paesi dove il livello di persecuzione è molto alto. Ma il primato spetta alla Corea del Nord.

Accordo sino vaticano

Sembra, e dico sembra, che ci siano voci di forte dissenso da parte cinese per quanto riguarda alcune parole del Pontefice, come per esempio quando ha affermato che l’ultima parola sulla nomina dei vescovi sarebbe la sua. Non so se queste voci siano vere (anche se sono dette da persone affidabili) ma sono certo verosimili, conoscendo la paranoia della Cina per le “ingerenze straniere” e constatando che l’associazione patriottica, la Chiesa parallela, ha festeggiato il suo sessantesimo con una certa solennità.

Futuro di Hong Kong

Mi veniva da pensare che il nuovo vescovo di Hong Kong sarebbe stato eletto in tempi relativamente brevi ma una voce ha paventato che l’amministrazione del Cardinale Tong potrebbe durare non poco. Personalmente non ne vedo ragione, anche perché sembrava che i giochi fossero abbastanza fatti e anche durante il magistero espiscopale di Mons. Yeung, ora scomparso, le voci su chi sarebbe stato il successore si concentravano sul nome del vicario generale Mons. Peter Choi. Il vescovo ausiliare Joseph Ha sembra avere anche un certo numero di sostenitori e nomi a sorpresa sono sempre possibili, anche se nella situazione cinese le sorprese andrebbero calibrate con molta cura. Ma la preparazione all’episcopato di Mons. Choi, da quello che so, era bene in carreggiata e la scomparsa prematura di Mons. Yeung ha un pochino scombussolato i piani, in quanto non si è fatto in tempo a nominare Mons. Choi vescovo ausiliare. In effetti, in questa prospettiva, anche la nomina del vescovo Yeung quando si sapeva che era già malato ed era oltre i 70 anni è un pochino strana e fa almeno pensare.


Ed ecco la lettera:

Buon giorno. Un gruppo di cattolici di Hong Kong ha pubblicato una lettera aperta, sicuramente anche alle autorità vaticane, in cui si legge che “… Dalla salita al potere di Xi Jinping, il governo cinese si è scatenato con un pugno di ferro sulla società civile. Croci bruciate, chiese distrutte, musulmani dello Xinjiang mandati in campi di detenzione, attivisti per i diritti umani arrestati, ‘popolazione dei livelli più bassi’ espulsa [dalle città] in modo forzato. Il governo di Xi adotta anche una politica dura verso Hong Kong. Attraverso il governo della Regione ad amministrazione speciale, esso opprime i dissidenti in nome del nazionalismo. Il principio ‘Una nazione, due sistemi’ è divenuto lo zimbello della comunità internazionale….”. Ma tutto questo peggioramento è accaduto in perfetta coincidenza con il ‘dialogo’ fortemente voluto da Bergoglio tra Roma e Pechino. In un’analisi inviata anni fa al Vaticano, si è previsto tutto ciò, perché il Vaticano che dovrebbe difendere i diritti umani, inclusa la libertà religiosa, si è inginocchiato a quella prepotenza, che – naturalmente – ora si sente più libera di far quanto vuole.



Oggi è il 144° giorno in cui il pontefice regnante non ha, ancora, risposto.

Quando ha saputo che McCarrick era un un uomo perverso, un predatore omosessuale seriale?

È vero o non è vero che mons. Viganò l’ha avvertita il 23 giugno 2013?

Joseph Fessio, sj: “Sia un uomo. Si alzi in piedi, e risponda”.


Questo blog è il seguito naturale di San Pietro e Dintorni, presente su “La Stampa” fino a quando non fu troppo molesto.  Per chi fosse interessato al lavoro già svolto, ecco il link a San Pietro e Dintorni.

Se volete ricevere i nuovi articoli del blog, scrivete la vostra mail nella finestra a fianco.

L’articolo vi ha interessato? Condividetelo, se volete, sui social network, usando gli strumenti qui sotto.

Se invece volete aiutare sacerdoti “scomodi” in difficoltà, qui trovate il sito della Società di San Martino di Tours e di San Pio di Pietrelcina


Libri di Marco Tosatti

Se siete interessati a un libro, cliccate sul titolo….




UNO STILUM NELLA CARNE. 2017: DIARIO IMPIETOSO DI UNA CHIESA IN USCITA (E CADUTA) LIBERA

FATIMA, IL SEGRETO NON SVELATO E IL FUTURO DELLA CHIESA

  SANTI INDEMONIATI: CASI STRAORDINARI DI POSSESSIONE

  PADRE PIO CONTRO SATANA. LA BATTAGLIA FINALE

  Padre Pío contra Satanás

Tag: , ,

Categoria:

Questo articolo è stato scritto da wp_7512482

10 commenti

  • deutero.amedeo - scarpe grosse ha detto:

    Meditazione quotidiana di Francesco .

    http://w2.vatican.va/content/francesco/it/events/event.dir.html/content/vaticanevents/it/2019/1/21/santamarta.html

    Ma caro Papa lu che l’è Papa el sa mia che a acusà chi acusa a l’è acusà? La regola per lu la val mia?

    Traduzione: ma caro Papa lei che è Papa non sa che accusare chi accusa è accusare? La regola per lei non vale?

  • deutero.amedeo ha detto:

    A me non risulta che nel vangelo di Matteo tra le beatitudini ci sia:
    beati voi quando farete politica e ve ne fregherete delle mie parole adulando i miei nemici e dando loro potere su di voi, su di me e sui miei fedeli e pastori.

    Forse io ho una edizione della Bibbia vecchia e superata.

    Buon pranzo!

  • Fabio ha detto:

    Brrgoglio fa tutto ciò che può per danneggiare la Fede, impedire la diffusione della Grazia e distruggere la Chiesa

  • Valeria Fusetti ha detto:

    Caro dott. Tosatti, è veramente impressionante il “talento” politico della Santa Sede. Risulta evidente che l’ humus marxista, che dovrebbe orientare in senso moderno il “vecchio” cristianesimo, irrobustito da forti dosi del pensiero massonico che, come si sa, è altamente illuminato, non sempre funziona… Anche se si potrebbe dire che, essendo un pensiero meramente ideologico, non funziona mai … Questa affermazione che può sembrare ingenerosa, la baso su molti fatti storici, e anche su due episodi che mi sembrano altamente significativi delle suddette ” capacità strategiche”. Uno è la lettera aperta da lei presentata del gruppo di cattolici di Hong Kong. Vi si afferma, senza troppi giri di parole, che gli accordi tra il Vaticano e il governo cinese non hanno aperto una ” nuova primavera” per i cattolici di quel Paese. Nemmeno per gli altri, a quanto pare. Anche i mussulmani, così cari al cuore del Santo Padre, respirano pure loro un bel po’ di quel “fumo di Satana” che sembra diffondersi, da un po’ di tempo, fuori dalle mura Leonine. Anche l’altro episodio ha come coronamento una lettera, si tratta dell’ invito, da parte del vescovo di Roma, alla concordia e pace sociale in Venezuela. Invito coronato – per così dire- dalla presenza del nunzio all’ insediamento di Maduro. Presenza non gradita né ai vescovi venezuelani, né da 20 leaders politici dell’ America Latina che, sentendosi in grado di giudicare, hanno inviato una lettera di protesta al vescovo di Roma, per spiegargli le condizioni in cui è stato gettato il Venezuela da un ceto politico degno della galera a vita. E considerando che il suddetto vescovo viene proprio da lì, dall’ America Latina, sembra impossibile che ignorasse le condizioni di quel Paese, e delle ragioni per cui un Paese ricco sia precipitato nelle condizioni del Burkina Faso. Francamente se l’ obiettivo è di candidarsi come leader di una super religione mondiale, che dovrebbe essere garante della Pace tra i Popoli in secula seculorum, beh non mi sembra convincente. Ha presente il film ” Fantasia” di Walt Disney ? L’ episodio in cui Topolino fa l’ aspirante stregone ? Ecco …

  • Ángel Manuel González Fernández ha detto:

    Caro Direttore:
    Video caso Zanchetta:
    https://www.eltribuno.com/salta/nota/2019-1-20-0-0-0–el-papa-francisco-fue-una-victima-mas-de-zanchetta
    “Francesco vittima”: caso risoluto. E così un altro, altro e un altro…
    Saluti.

  • Ángel Manuel González Fernández ha detto:

    Caro Direttore:
    “IN PERSECUTIONE”:
    La persecuzione di cristiani nel mondo ha aumentato fino a un totale di 245 milioni, e 4.305 furono assassinati a causa della sua fede nel passato 2018:
    https://www.europapress.es/sociedad/noticia-total-245-millones-cristianos-son-perseguidos-mundo-4305-fueron-asesinados-2018-informe-20190116122652.html

    CINA:
    30 Dicembre 2018 alle 4:53 pm Caro Direttore:
    Nella Cina comunista si persegue alla Chiesa del profetizzato “Pastore stolto e Falso profeta” Francesco…? Risposta: No!
    Nella Cina comunista si persegue alla Chiesa cattolica…? Risposta: Sì!

    2 Gennaio 2019 alle 5:08 am
    Caro Direttore:
    Chi non vuol vede è perché non vuole.
    Nella Cina comunista si persegue alla Chiesa cattolica e non alla Chiesa del profetizzato “Pastore stolto e Falso profeta” Francesco.
    Il profetizzato “Pastore stolto e Falso profeta” Francesco deve continuare a preparare la strada fino all’arrivo del suo padrone e signore l’Anticristo…: Più chiaro!
    Saluti.

    Estimado Director:
    “IN PERSECUTIONE”
    La persecución de cristianos en el mundo ha aumentado hasta un total de 245 millones, y 4.305 fueron asesinados a causa de su fe en el pasado 2018:
    https://www.europapress.es/sociedad/noticia-total-245-millones-cristianos-son-perseguidos-mundo-4305-fueron-asesinados-2018-informe-20190116122652.html