ECCLESIA DEI: PRONTO IL MOTU PROPRIO. DIVENTA UN UFFICIO ALLA “FEDE”.

26 Dicembre 2018 Pubblicato da --

Marco Tosatti

Il Motu Proprio che dispone la fine di Ecclesia Dei come Commissione indipendente, e la sua integrazione come Ufficio nella Congregazione per la Dottrina della Fede è pronto, firmato dal Pontefice, e avrebbe dovuto essere pubblicato giovedì scorso. Ignoriamo i motivi per cui il documento non è ancora stata pubblicato.

È un testo di stile giuridico, piuttosto breve, in cui si dice che dal momento che l’emergenza pastorale legata alla celebrazione del Vetus Ordo, e che ha portato trenta anni fa alla creazione della Commissione Ecclesia Dei è venuta a cessare, e di conseguenza anche la Commissione nella sua forma attuale non ha più ragione di esistere. 

Ricordiamo che il Motu Proprio di Giovanni Paolo II, del 2 luglio 1988, nacque in reazione alla consacrazione di quattro vescovi da parte di mons. Marcel Lefebvre. Alcuni suoi poteri e funzioni sono stati modificati da Benedetto XVI nel 2009. Il documento di Giovanni Paolo II dava alla Commissione la facoltà di “concedere a chiunque ne faccia domanda l’uso del Messale romano secondo l’edizione tipica in vigore nel 1962, e ciò secondo le norme già proposte dalla commissione cardinalizia “istituita a tale scopo” nel dicembre del 1986  dopo aver informato il vescovo diocesano”.

La Commissione era il punto di arrivo di quanti si appellavano ad essa per ottenere la revisione dei dinieghi opposti dai vescovi alla celebrazione della Messa secondo il Vetus Ordo.  

Inoltre, a seguito del motu proprio Summorum Pontificum di papa Benedetto XVI (2007), la commissione vigila sull’applicazione del Motu Proprio, studia i possibili aggiornamenti di cui testi liturgici del 1962 venissero ad avere bisogno: per esempio la presenza di nuovi santi nel calendario. Inoltre la Commissione era  l’ultima istanza per i fedeli che chiedessero la  celebrazione della messa secondo la forma straordinaria,  e non avessero una risposta positiva né dal proprio parroco né dal proprio vescovo.

Bisogna ora vedere quanti, e quali di questi poteri possano continuare ad essere svolti da quello che sarà il nuovo “Ufficio” Ecclesia Dei all’interno della Congregazione per la Dottrina della Fede; e il cui referente ultimo, evidentemente, non sarà più il segretario responsabile, come in precedenza, ma il prefetto a capo della Congregazione per la Dottrina della Fede.

E desta qualche dubbio più che legittimo l’affermazione iniziale, secondo cui l’emergenza pastorale sarebbe terminata. Nel momento in cui durante l’Assemblea della Conferenza Episcopale Italiana si levano voci di presuli e di specialisti a negare validità giuridica al Motu Proprio “Summorum Pontificum” di Benedetto XVI, e nel momento in cui ci sono vescovi che ostacolano direttamente o in maniera subdola la celebrazione della messa secondo il Vetus Ordo, dire che non esiste un’emergenza pastorale appare forse un po’ azzardato.



Oggi è il 121° giorno in cui il Pontefice regnante non ha, ancora, risposto.


“Quando ha saputo che McCarrick era un uomo perverso, un predatore omosessuale seriale?”

“È vero, o non è vero, che mons. Viganò lo ha avvertito il 23 giugno 2013?”

Joseph Fessio, sj: “Sia un uomo. Si alzi in piedi e risponda”.




Questo blog è il seguito naturale di San Pietro e Dintorni, presente su “La Stampa” fino a quando non fu troppo molesto.  Per chi fosse interessato al lavoro già svolto, ecco il link a San Pietro e Dintorni.

Se volete ricevere i nuovi articoli del blog, scrivete la vostra mail nella finestra a fianco.

L’articolo vi ha interessato? Condividetelo, se volete, sui social network, usando gli strumenti qui sotto.

Se invece volete aiutare sacerdoti “scomodi” in difficoltà, qui trovate il sito della Società di San Martino di Tours e di San Pio di Pietrelcina

Oggi è il 118° giorno in cui il Pontefice regnante non ha, ancora, risposto


“Quando ha saputo che McCarrick era un uomo perverso, un predatore omosessuale seriale?”

“È vero, o non è vero, che mons. Viganò lo ha avvertito il 23 giugno 2013?”

Joseph Fessio, sj: “Sia un uomo. Si alzi in piedi e risponda”.




Questo blog è il seguito naturale di San Pietro e Dintorni, presente su “La Stampa” fino a quando non fu troppo molesto.  Per chi fosse interessato al lavoro già svolto, ecco il link a San Pietro e Dintorni.

Se volete ricevere i nuovi articoli del blog, scrivete la vostra mail nella finestra a fianco.

L’articolo vi ha interessato? Condividetelo, se volete, sui social network, usando gli strumenti qui sotto.

Se invece volete aiutare sacerdoti “scomodi” in difficoltà, qui trovate il sito della Società di San Martino di Tours e di San Pio di Pietrelcina.



         LIBRI DI MARCO TOSATTI

Se siete interessati a un libro, cliccate sul titolo.



UNO STILUM NELLA CARNE. 2017: DIARIO IMPIETOSO DI UNA CHIESA IN USCITA (E CADUTA) LIBERA

FATIMA, IL SEGRETO NON SVELATO E IL FUTURO DELLA CHIESA

SANTI INDEMONIATI: CASI STRAORDINARI DI POSSESSIONE

PADRE PIO CONTRO SATANA. LA BATTAGLIA FINALE

Padre Pío contra Satanás

Tag: , , ,

Categoria:

Questo articolo è stato scritto da wp_7512482

36 commenti

  • Nicola.B ha detto:

    Buongiorno, sono appena tornato da Roma e quindi riprendo l’uso del tablet per inviare i miei commenti. Mi complimento per i commenti sempre acuti di BOANERGHES a cui mi associo. Aggiungo inoltre che sarebbe meglio anzi ci È RICHIESTO da Maria Santissima in persona di pregare il Santo Rosario per affrettare il Trionfo del Suo Cuore Immacolato. Più pregheremo e saremo a pregare e più affretteremo il Suo Trionfo e quindi la fine di questo Regime 2.0. Se i tempi per l’abbattimento di questo Regime saranno lunghi, sarà anche colpa nostra che non preghiamo Maria perché finisca . Ricordo che a Medjugorje la Vergine Santissima disse ai veggenti che se la tragica guerra durava ancora era per colpa loro perché non pregavano affinché finisse. La preghiera del Rosario recitata da tutto il popolo avrebbe affrettato la fine della guerra. E così fu. Lo stesso vale per affrettare la fine di questo scempio di Chiesa simil protestante. Un caro saluto a tutti voi ed in particolare al Dott Tosatti.

  • boh ha detto:

    Pare strano che si voglia procedere con la nullificazione della Ecclesia Dei e con la conseguente nullificazione del rito antico: è appena stato pubblicato dalla Libreria Editrice Vaticana l’Ordo divini officii per il 2019, ovviamente a cura della Commissione E.D…

  • Enza ha detto:

    Il Papa farà qualcosa di molto peggio che della soppressione della pontificia commissione Ecclesia Dei o di vietare la Santa messa tridentina: la cambierà. Sta per cambiare il Messale del 1962.

    Il Papa eserciterà la sua legittima autorità per l’aggiornamento del Messale del 1962. Forse sostituirà il lezionario con quello attuale di tre anni, cambierà alcune preghiere, permetterà la Comunione sulla mano, o qualche altra modifica che scandalizzerà le coscienze dei Cattolici tradizionali. In pratica, omologherà la Messa tridentina al dettato del Vaticano II. Possiamo già sentirli: «Il Papa non ha vietato la Messa in latino, ha semplicemente usato la sua legittima autorità sulla liturgia per renderla più significativa».

    Così il gioco è fatto. Qualsiasi gruppo approvato che resista ai cambiamenti o si lamenti troppo forte verrà sottoposto alla Visita Apostolica e verrà eliminato per aver rifiutato di sottomettersi al Pontefice.
    Quello che ci hanno fatto, quello che hanno fatto a ciascuno di noi, è stato farti credere, a piccoli passi, che non cambiasse nulla, anche se nei fatti stava cambiando tutto. E non solo le cose superficiali, ma anche la stessa dottrina, la morale, la liturgia, la spiritualità. Una truffa colossale, nella quale sono caduti non solo i fedeli ed il basso Clero, ma anche molti Vescovi e tanti Cardinali. Un inganno tremendo, condotto con un’astuzia luciferina.

  • Roberto ha detto:

    Desidero ricevere aggiornamenti

  • Patrizia ha detto:

    Vado fuori tema, ma cosi’ tanto per riflettere un po’ invito a leggere quanto scrive oggi Aldo M.Valli.

  • Iginio ha detto:

    Mons. Pozzo anni fa ebbe, se non ricordo male, una polemica col settimanale diocesano di Trieste – all’epoca in mano ai soliti cattolicoidi sinistreggianti – il quale aveva esaltato Schillebeeckx (o come diavolo si scrive), provocando la replica critica del monsignore.

  • Rafael Brotero ha detto:

    Don Minutella assolutamente geniale: Appello di don Minutella al cardinale Jorge Mario Bergoglio: https://youtu.be/Pe_33r2wWy4
    Santo Natale a tutti.

    • w minutella ha detto:

      In effetti, dove dice che se gli facessero gli esami del sangue gli troverebbero l’incenso al posto del sangue, è talmente geniale da dover essere pubblicato negli annali internazionali di ematologia clinica. Adesso che non è più un sacerdote cattolico, potrebbe farsi strada nel campo delle scienze mediche. Parallelamente potrebbe continuare nella sua attività di rabdomante di acque miracolose e di ventriloquo mariano.

      • Rafael Brotero ha detto:

        Non lo so, credo che quello sul rabdomante si potrebbe anche dire, e fu infatti detto, di Bernadette Soubirous. Quello dell’incenso, non é difficile capire che vuol dire che il sacerdozio é quello che lo fa vivere, é la sua stessa vita. E proprio per questo ha il coraggio della verita’, quella che manca alla stragrande maggioranza dei cattolici. Un Santo Natale anche per te. Keep swimming.

      • A volte tornano ha detto:

        Perché, sig, WMINUTELLA , trova più interessante la magia nera del lecca calzini passato in un battibaleno da LA STAMPA al Vaticano al posto di Vian? A fare ancor più da ventriloquo di BERGOGLIONE? Minutella sta perdendo tutto per la Santa Chiesa, i lecca lecca di BERGOGLIONI fanno carriera fulminante e non rischiano nulla anzi guadagnano…..veda un po’ lei…….

        • Gian ha detto:

          Nelle parole di don Minutella non trovo parole di menzogna. Io credo che dica la verità, me lo dicono la ragione – alla luce del Vangelo e del Catechismo che ho imparato da piccolo – e me lo dice anche il cuore. Al trollone che si insinua nei commenti come un fastidioso tafano e di chiara fede bergogliona dico: va’ in pace, non potete ingannare tutti, sempre. Avete dimenticato di fare adeguata scorta di coperchi.

  • anna maria ha detto:

    Mi permetto, sig. Tosatti, di suggerirle un consiglio : eviti di accogliere commenti con parolacce davvero non degne di un Blog così importante e serio come è il suo! Siamo cristiani e chi segue il suo Blog è gente credente. I suoi contenuti sono altamente culturali, per il bene della Chiesa e del Vangelo di Gesù. Accogliere commenti con parolacce, rabbia ed ironia gratuita , non dà lustro al suo Blog. La prego sig. Tosatti abbiamo bisogno di un Blog come il suo per tenerci uniti , ma lasciamo fuori chi desidera fomentare rabbia e chi è poco costruttivo. La ringrazio caldamente.

    • Boanerghes ha detto:

      .. e in Lui vidi e udii – la punta della lancia come una fiamma che si allunga  fino a toccare l’asse terrestre e questa sussulta: montagne, città, paesi e villaggi con i loro abitanti vengono sepolti. È la purificazione del mondo dal peccato in cui si è immerso.  Nel mio spirito udii risuonare una voce soave che diceva:  “Nei secoli, una sola fede, un solo battesimo, una sola Chiesa, santa, cattolica, apostolica. Nell’eternità, il Cielo!”      Suor Lucia di Fatima.

      Il mio intervento vuol dire di cercare di portare avanti di fatto quel che resta della Chiesa cattolica come la conoscevamo e come l’ha voluta nostro Signore.
      Senza superbia e presunzione, ma con infinita umiltà, senza porsi come migliori degli altri.
      Perché comunque a tutto ciò penserà Dio stesso, che non lascerà la sua Chiesa sopraffatta dalle forze del male.
      Se invece al Signore piace che il suo fedele offra nella mansuetudine il suo dolore per la situazione attuale e restando fedele alla verità, così sia.
      Attendiamo allora il momento di levare il capo con speranza, quando inizieranno ad accadere gli eventi preordinati per la purificazione del mondo.
      Fatima non è ancora conclusa, manca la parte più determinante e importante.
      Le pie omelie su terremoti o disastri o guerre contemporanee che talora si sentono, non hanno nulla a che vedere con la purificazione annunciata.
      Ma nessuno ne conosce il giorno e l’ora, soltanto si sa che sorprenderà il fatto di passare dalla pace alla guerra in maniera tanto rapida.

      • deutero.amedeo ha detto:

        I “silenzi” di Dio hanno sempre segnato nella plurimillenaria storia del popolo eletto, di cui noi cristiani, volenti o nolenti, siamo eredi e continuatori , hanno sempre fatto paura ed hanno indotto i peccatori a ravvedersi, a chiedere a Dio perdono, e ad implorare con fede nella sua giustizia/misericordia il suo intervento riparatore. Proprio quel Salmo 22 che inizia con le parole della preghiera/supplica di Gesù Cristo morente (“Dio mio, Dio mio perché mi hai abbandonato?”) ne è un esempio inimitabile.
        Nella presente, triste situazione, diciamo anche noi : Dio mio, Dio mio, perché mi (ci) hai abbandonato? … In te hanno sperato i nostri padri e tu li hai liberati; a te gridarono e furono salvati, sperando in te non rimasero delusi….. Annunzierò il tuo Nome ai miei fratelli, ti loderò in mezzo all’assemblea… Ricorderanno e torneranno al Signore tutti i confini della terra……
        Ps: questo ci dice la nostra fede, questo ci dice la Sacra Scrittura, e noi dobbiamo credere prima a Dio e poi agli uomini… e solo quando parlano non da ciarlatani ma da uomini di Dio.

  • deutero.amedeo ha detto:

    Organigramma della Nuova Chiesa Cattolica S.p.A.
    -Presidente, Amministratore Delegato e Direttore Generale : J.Mario Bergoglio.
    -Vice Direttore Generale : Pietro Parolin
    – Direttore Risorse Umane, Direttore Finanza Amministrazione e Controllo, Direttore Ricerca e Sviluppo, Direttore Commerciale Italia e Estero, Direttore Tecnico, Direttore Pubblicità e Propaganda: J. Mario Bergoglio.
    – Capi divisione : sigg. presidenti delle Conferenze Episcopali.
    – Capi sezione : sigg. Vescovi diocesani.
    – Capi reparto : sigg. Parroci.
    – Manovali, operai, impiegati: sigg. Laici, Frati, Suore e sigg. Preti senza incarico specifico.

    Decorrenza: il più presto possibile.

  • Grog ha detto:

    Il regalo di Natale di Ceccouno….
    A proposito: tanti auguri (in ritardo) a Tosatti e a tutti i lettori del blog 🙂

    • deutero.amedeo ha detto:

      Nell’omelia di mercoledì 19 dicembre 2018, il Santo Padre ha parlato delle sorprese che Gesù fa a Natale agli uomini, raccomandando di essere pronti ad accoglierle. E forse visto che ha usato il plurale oltre a questa non si può escludere che ne siano in arrivo altre. Magari nel Padre nostro, in cui, visto che più nessuno vuol più fare il fornaio perché è un lavoro pesante e bisogna lavorare di notte, invece che dire ” dacci oggi il nostro pane quotidiano” dovremo dire : “FACCI oggi il nostro pane quotidiano ” .
      Tutto serve per distrarre l’attenzione della gente dai reali problemi della Chiesa Cattolica.

      • GMZ ha detto:

        Prepariamoci, perché a febbraio Borgoglio si riproporrà alle genti come il papa della tolleranza zero, epico nemico del clericalismo e degli abusi che ne derivano.
        La nomina del Tornielli è strumentale alla preparazione di una campagna stampa senza precedenti (interviste ad libitum, un libro bello che pronto: volete scommettere?!): il nostro amato papa passerà da complice ad eroe. Dopo l’attacco di Viganò, il contrattacco del minculpap.
        Vediamo se le genti si berranno anche questa; e speriamo che accada qualcosa che scombussoli i piani del sedicente e che faccia precipitare in miseria questo osceno teatro.
        Ossequi.

        • deutero.amedeo ha detto:

          Parli del “maestro di verità” ?
          Bene.
          Più untuosa del burro è la sua bocca
          ma nel cuore ha la guerra;
          più fluide dell’olio le sue parole,
          ma sono spade sguainate.
          (Sal 55, 22)
          Disperdili, Signore,
          confondi le loro lingue,
          piombi su di loro la morte,
          scendano vivi negli inferi.
          Per essi non c’è conversione
          e non temono Dio.
          (Sal 55, 10.16.20)

  • Boanerghes ha detto:

    Qui si continua a discutere su ogni cosa negativa del papato attuale.
    È tempo perso.
    Papa Francesco (di spiritualità francescana non ha nulla) altro non è che un Giuda, uno dei tanti, ma molto importante per la Chiesa di oggi.
    Per me bisogna organizzarsi, e continuare con altri fedeli e sacerdoti e qualche vescovo, chi vuole, sulla via tracciata dalla Santa Tradizione e dai santi.
    Non è disobbedienza, ma obbedienza nella verità.
    Non è scisma, è perseveranza nella retta fede, con umiltà e senza presunzione

    • A volte tornano ha detto:

      Esattissimo Boanerghes, bisogna organizzarsi anche con le Catacombe e non è una battuta. Perché la maggior parte degli attuali cosiddetti consacrati sono conigli senza attributi quando non massoni sorosiani e quindi o ci difendiamo da soli tenendoci stretti ai pochi Santi Sacerdoti rimasti o ci trasformeranno in qualcosa di infernale che non è CHIESA.

  • Fabio ha detto:

    È evidente che hanno cambiato la liturgia per convertirci ad un’altra religione che si contrappone alla Fede cattolica

  • Anima smarrita ha detto:

    A Catania, a seguito delle scosse sismiche, è crollata la statua di Sant’Emidio, protettore proprio dei terremoti. Metafora continuata dello sconvolgimento in atto nella Chiesa? Ormai tutto corre ad un ritmo frenetico, anche nella rilassata atmosfera natalizia. O forse si approfitta proprio del clima sonnolento per far passare quasi in sordina un’ altra “innovazione” che rientra in un “progetto di riforma” personalistico, distraendo nel contempo l’attenzione da questioni irrisolte e convogliandola sul tema di giornata.
    Buon Natale, dott. Tosatti, ed auguri di pronta guarigione (avevo fatto in tempo a leggere il precedente articolo). Corre anche in condizioni sfavorevoli (?) sulla “bicicletta-omaggio” di Bergoglio… al quale non è balzata in mente l’idea di metterla all’asta e devolvere il ricavato ai poveri… Mi riferisco a quel commento- avvertimento che le è stato rivolto la vigilia di Natale.

  • EA ha detto:

    E’ nell’ordine delle cose che venga progressivamente ridotto lo spazio per i fedeli del vetus ordo. Siccome non sono particolarmente propensi al culto del capo, cioè di Bergoglio, meritano di essere progressivamente bolliti. Inoltre il fatto che siano in aumento è una critica implicita a Bergoglio, il quale tutto ciò che tocca è destinato a fallire. Un vero tiranno, dotato di potere assoluto, non può non abusarne per rendere la vita difficile a chi non lo adula a sufficienza. E Bergoglio è un vendicativo, inefficiente in tutto tranne che nell’autoritarismo.

  • laura cadenasso ha detto:

    Detto e fatto, semplificando per rendere l’ idea “E Francesco Papa vide che era cosa buona” Genesi nell’ anno di Francesco Papa 2018.

  • sicut dixit ha detto:

    Mons Guido Pozzo è l’ultimo vescovo di curia ancora legato a Benedetto XVI, di cui è stato fedele assistente per trent’anni. Non solo , è anche uno dei due o tre vescovi che crede che la Madonna era vergine, prima, durante e dopo il parto. Ma , non basta . pensate , crede persino alla “presenza reale ” nell’Eucarestia ! ma vi rendete conto ? Roba da medioevo , perbacco !! Ma siamo nel XXI secolo , Tosatti !! Meglio mettere in pensione Pozzo e mettere al suo posto ( o equivalente ) un mons .Ricca , così sostenuto da Sandro Magister . Dai !!

  • Cesare Baronio ha detto:

    La notizia, per quanto sconcertante, rientra nella strategia annunciata poche settimane fa da Patrick Archbold, nel suo articolo ACTUATING A SCISM (tradotto qui: https://opportuneimportune.blogspot.com/2018/12/provocare-lo-scisma-parte-v-actuating.html)

    “Penso che abrogheranno il Summorum Pontificum (in particolare il diritto individuale dei sacerdoti di celebrare la Messa antica) pur continuando a permetterne la celebrazione all’interno di una struttura di super-indulto creata dall’Ecclesia Dei. Sospetto che l’iniziale interesse a riportare la Fraternità San Pio X nell’ovile consistesse nel trasformarla in un vasetto di miele; ma dal momento che non ha funzionato, ho il sospetto che il piano sia solo leggermente modificato.

    Ci riporteranno all’era dell’Indulto e ci ammasseranno in alcuni gruppi (Fraternità San Pietro, Istituto di Cristo Re ecc.) e in alcuni centri di indulto esentati dalla liturgia ordinaria. Poi dichiareranno – e i loro servi leccapiedi nei media cattolici mainstream andranno in brodo di giuggiole – che questa non è una mossa anti-tradizionale: «Il Papa non ha abolito una sola Messa tradizionale, si tratta solo di un atto di governo».

    E quando il polverone si sarà diradato, sarà il momento in cui il Papa darà il colpo di grazia. No, non metterà al bando la Messa tradizionale in latino, non penso: troppo tardi per questo e c’è un modo molto più semplice per raggiungere i suoi obiettivi. Il Papa farà qualcosa di molto peggio che vietarla: la cambierà. Sta per cambiare il Messale del 1962.

    Il Papa eserciterà la sua legittima autorità per l’aggiornamento del Messale del 1962. Forse sostituirà il lezionario con quello attuale di tre anni, cambierà alcune preghiere, permetterà la Comunione sulla mano, o qualche altra modifica che scandalizzerà le coscienze dei Cattolici tradizionali. In pratica, omologherà la Messa tridentina al dettato del Vaticano II. Possiamo già sentirli: «Il Papa non ha vietato la Messa in latino, ha semplicemente usato la sua legittima autorità sulla liturgia per renderla più significativa».”

  • EA ha detto:

    il governo della chiesa di papa Francesco si rivela sempre più catastrofico. Quest’anno i dati auditel dimostrano che ha perso 500.000 spettatori rispetto all’anno scorso per la Messa di Mezzanotte. Un fallimento per un papato che è tutto giocato sui media e sull’immagine.

    https://www.tvzoom.it/2018/12/25/72201/ascolti-tv-24-dicembre-la-messa-di-papa-francesco-perde-500mila-spettatori-fedeli-una-poltrona-per-due-e-il-film-di-natale/

    Anche le immagini di piazza san Pietro mostrano un calo di fedeli. Se paragoniamo gli ultimi anni di papa Benedetto, con tutti i giornali contro di lui, ritenuto a torto responsabile della pedofilia del clero, con il pontificato di Bergoglio, con i media a suo favore, sebbene estremamente ambiguo in fatto di lotta alla corruzione del clero (basti pensare alla sue nomine negli USA), non si può fare a meno di osservare che si tratta di un fallimento.

    Io non capisco come faccia papa Francesco a non sentire il peso della responsabilità nell’avere condotto la chiesa ad uno stato di divisione, confusione e sfascio senza precedenti. Ha la presunzione di rimodellare la chiesa, ma la sta portando alla rovina.

    • GMZ ha detto:

      Da una parte c’era una poltrona per due, dall’altra una sedia gestatoria per due. Il primo faceva ridere, il secondo faceva piangere.

  • moriarty ha detto:

    scusi Tosatti, ma perchè insiste tanto su questa decisione ? come ha scritto qualcuno che non ricordo , nel 2011 hanno trovato in Palestina la tomba di Cristo , hanno avuto opinion sulla sua autenticità e veridicità da mille esperti archeologi e teologi (incluso i più credibili : Melloni, Tornielli , Andrea Riccardi , Paglia, Spadaro ,…) .Bene , poi han chiamato l’allora predestinato card. Bergoglio per avere da Lui l’attestazione finale . E lui sapete che ha detto ? ” ah ! ma allora Cristo è esistito davvero ?” . Ciò detto , informato di tutto ciò , Benedetto XVI , decide di rinunciare per non smentire quello che per anni aveva confermato . I saggi decidono di nominare “colui che sa e può spiegarlo la scoperta al mondo intero : Bergoglio” il quale stabilisce la strategia per dirlo progressivamente a quei quattro coglioni di cattolic che ci credevano, ma nello stesso momento tenere in piedi la chiesa, macchina economica mica da poco, Così , in accordo con Kasper e la Hillary Clinton decide di prender 6 anni per spiegarlo ai coglioni come lei , Tosatti , e me naturalmente , coglione reale fra i coglioni . Capito ? Tosatti caro, ma lei non si sente mai come mi sto sentendo io ?