SIT IN CAMPIDOGLIO PER ASIA BIBI. IL SINDACO RAGGI ESPONGA IL VOLTO DELLA DONNA PERSEGUITATA.

13 Novembre 2018 Pubblicato da --

Marco Tosatti

Cari Stilumcuriali, oggi dalle 14 alle 15, sulla piazza del Campidoglio a Roma si svolgerà una manifestazione d solidarietà con Asia Bibi, la donna pakistana condannata a morte per blasfemia, prosciolta dalla Corte Suprema di Lahore, ma ancora impossibilitata a lasciare il Paese a causa delle proteste dei partiti islamici, di una piazza che vuole la sua testa comunque, e della promessa del governo di accettare un ricorso contro l’assoluzione. Straordinario, disgustoso ma non sorprendente il silenzio delle varie associazioni di difesa dell donne, sempre così vocali in altre occasioni, e dei difensori dei diritti umani. Il sit in di oggi è anche per chiedere al sindaco, Virginia Raggi, quella che proibisce i manifesti contro l’utero in affitto (che è un crimine, punito dalla legge) di esporre sul Campidoglio, in segno di solidarietà, il ritratto di Asia Bibi. Come spiegano i due comunicati qui sotto. Chi ne ha la possibilità si trovi in Campidoglio oggi a dimostrare solidarietà con i cristiani perseguitati e con Asia Bibi in particolare, vittima dell’islam.

 

Al Sindaco di Roma Virginia Raggi:

Chiediamo di esporre la foto di Asia Bibi sulla facciata del Campidoglio, in segno di solidarietà verso di lei, la sua famiglia e tutte le minoranze cristiane e religiose perseguitate nel mondo.

Asia Bibi è stata incarcerata ingiustamente in Pakistan per 9 anni a causa di false accuse di blasfemia. In realtà, scontava la ‘colpa’ di essere cristiana. Condannata a morte in primo grado, è stata definitivamente assolta dalla Corte Suprema due settimane fa.

L’assoluzione ha scatenato l’ira violenta dei fondamentalisti islamici, che ora le danno la caccia per ucciderla con le loro mani.

Per questo, il Governo la trattiene in un luogo segreto ad Islamabad. Lei vorrebbe scappare dal Pakistan e rifugiarsi in Europa, ma il Governo non glielo consente perché altrimenti i partiti islamici più radicali lo farebbero cadere.

L’Occidente e il mondo intero devono mobilitarsi per salvare Asia Bibi. L’Italia, e la sua Capitale, non possono restare muti e indifferenti.

Chiediamo che l’immagine di Asia Bibi sia esposta in Campidoglio entro martedì 13 novembre, quando si svolgerà proprio in Piazza del Campidoglio, dalle 14 alle 15, un sit-in di solidarietà per Asia Bibi organizzato da CitizenGO.

Ed ecco il comunicato di ProVita:

 “In piazza con CitizenGO Italia per essere vicini ad Asia Bibi, assolta dall’accusa di blasfemia ma non ancora in salvo, e per testimoniare in favore dei diritti fondamentali, di cui il primo è quello alla vita. Saremo presenti anche per condannare e urlare contro la violenza e la crudeltà che i cristiani subiscono ancora nel mondo, ma che vengono ignorate a livello mediatico”: lo afferma in una nota Toni Brandi, Presidente di Pro Vita che ha aderito al sit-in di solidarietà per Asia Bibi in programma domani, martedì 13 novembre alle ore 14 in Piazza del Campidoglio insieme ai gruppi consiliari e diversi parlamentari di Fratelli d’Italia e della Lega che hanno annunciato la loro presenza.

“Raggi esponga la foto della donna sulla facciata del Comune anche se in ritardo clamoroso” continua Toni Brandi che poi attacca la prima cittadina di Roma ricordando a tutti che “noi lotteremo sempre per il diritto di dire la verità: con il male non si può venire a compromesso, né è giusto accettarlo. Penso, per esempio, alla censura che abbiamo subíto per mano del sindaco: Raggi non ha pensato di difendere i veri diritti, come per esempio quelli dei bambini, ma ha rimosso e censurato i nostri manifesti contro l’utero in affitto. Siamo stati puniti solo per aver combattuto la pratica della maternità surrogata che in Italia è vietata dalla legge 40. E’ il segno di una deriva che non va sottovalutata e che impegna tutti nella lotta: il male può e deve solo essere combattuto e vinto”.

Anche Pro Vita indosserà le magliette nere con la lettera “N” in arabo che CitizenGO Italia distribuirà al sit-in, ossia quel simbolo che i miliziani dell’Isis erano soliti segnare sulle case dei cristiani per indicare gli infedeli, destinati al martirio







Oggi è l’80° giorno in cui il Pontefice regnante non ha, ancora, risposto.

“Quando ha saputo che McCarrick era un uomo perverso, un predatore omosessuale seriale?”

“È vero, o non è vero, che mons. Viganò lo ha avvertito il 23 giugno 2013?”

Joseph Fessio, sj: “Sia un uomo. Si alzi in piedi e risponda”.




Questo blog è il seguito naturale di San Pietro e Dintorni, presente su “La Stampa” fino a quando non fu troppo molesto.  Per chi fosse interessato al lavoro già svolto, ecco il link a San Pietro e Dintorni.

Se volete ricevere i nuovi articoli del blog, scrivete la vostra mail nella finestra a fianco.

L’articolo vi ha interessato? Condividetelo, se volete, sui social network, usando gli strumenti qui sotto.

Se invece volete aiutare sacerdoti “scomodi” in difficoltà, qui trovate il sito della Società di San Martino di Tours e di San Pio di Pietrelcina.



LIBRI DI MARCO TOSATTI

Se siete interessati a un libro, cliccate sul titolo.



UNO STILUM NELLA CARNE. 2017: DIARIO IMPIETOSO DI UNA CHIESA IN USCITA (E CADUTA) LIBERA

FATIMA, IL SEGRETO NON SVELATO E IL FUTURO DELLA CHIESA

SANTI INDEMONIATI: CASI STRAORDINARI DI POSSESSIONE

PADRE PIO CONTRO SATANA. LA BATTAGLIA FINALE

Padre Pío contra Satanás

Tag: , ,

Categoria:

Questo articolo è stato scritto da wp_7512482

7 commenti

  • malibu stacy ha detto:

    ovviamente silenzio da andreonzo lekkalekka piegakukkiai sul sitino north-korea insider, che non legge nessuno ma che sta su coi soldi degli amici americani, e dei suoi compagni di merende. Papa Ciccio non vuole offendere gli islamici, se ci crepa una cattolica pazienza. Soluzione per Asia Bibi: rilasci un’intervista in cui dice che il card. burke è un porco che si è venduto a trump e putin per diventare papa, che il card sarah è un pazzo, il card. muller tiene in casa una foto di hilter, viganò un rancoroso carrierista.subito Papa Ciccio manderà Fidolin a prendere asia bibi con l’aereo vaticano, con andreonzo lekkalekka a fare paginate di articoli su quant’è santo papa ciccio su north korea insider, che tanto non gli legge nessuno e che sta su coi soldi degli americani. Quando Di Maio ha parlato di giornalisti puttane e pennivendoli, chissà se aveva in mente andreonzo

  • Iginio ha detto:

    Colpisce comunque che, se parli male dei gay o simili, susciti un pandemonio universale. Se condanni le Femen blasfeme (loro sì per davvero), sei tu il cattivo, non loro. Se una povera donna cristiana viene minacciata di morte ingiustamente dai musulmani, allora sono cavoli suoi.
    Del resto, anche quei pochi scrittori che ultimamente hanno continuato a criticare l’Islam, sono stati tacitati. In Occidente, non in Pakistan. “Sennò chissà che succede”, certo.

  • Elisa ha detto:

    Martedì 20 Venezia si tingerà di rosso per ricordare tutti i cristiani perseguitati in particolare modo per ricordare Asia Bibi.

  • Iginio ha detto:

    Il Comune di Roma nell’ultimo regolamento di polizia urbana ha tolto la bestemmia dal novero delle cose soggette a punizione amministrativa.
    Magari potrebbero pensare che una siffatta decisione sia geniale e andrebbe introdotta anche in Pakistan per salvare Asia Bibi. Della serie: tollera la bestemmia nostra e altrui, così ognuno può fare “quello che gli pare” e siamo tutti contenti. Questo è il livello mentale di chi controlla la politica e i mass media oggi. Purtroppo è vano aspettarsi un aiuto da costoro.

  • Alda ha detto:

    Se non lo fa il Vaticano figuriamoci se lo fa il Campidoglio!
    Loro sono laici, che c’entrano con ste “robe di chiesa?”

  • Ángel Manuel González Fernández ha detto:

    Caro Direttore:
    Fino a quando pensi che Dio tollererà tanta codardia, ipocrisia e malvagità nel Mondo …?
    Quanti fiumi di sangue Dio può ingoiare ogni anno … 20 anni … più …?
    http://www.worldometers.info/abortions/
    Dio non ha posto un limite alla sua Misericordia, ma ha posto un limite alla malvagità del Mondo: Matteo 24 Marco 13 Luca 21 e Apocalisse 6:10-11.
    Saluti.

    Estimado Director::
    ¿Hasta cuándo creen que Dios va a tolerar tanta cobardía, hipocresía y maldad en el Mundo…?
    ¿Cuántos ríos de sangre podrá tragarse Dios todos los años… 20 años… más…?
    http://www.worldometers.info/abortions/
    Dios no ha puesto límite a su Misericordia pero si ha puesto límite a la maldad del Mundo: Mateo 24 Marcos 13 Lucas 21 y Apocalipsis 6:10-11.
    Saludos.

  • Fabio ha detto:

    E bergoglio che ha fatto …… si è espresso su Asia Bibi?