L’INCREDIBILE NOTIZIA DELLA FESTA DANZANTE DI HALLOWEEN NELLA CHIESA DI SAN GENNARO ALL’OLMO, NAPOLI, ITALIA.

10 novembre 2018 Pubblicato da 22 Commenti --

Marco Tosatti

Pensavamo di averle viste tutte, o quasi. E invece no. L’ultima notizia che ha dell’incredibile giunge da Napoli, dove nella chiesa – fortunatamente sconsacrata – di San Gennaro all’Olmo, nel cuore della città, a San Gregorio Armeno si è svolta una simpatica festa di Halloween di cui ci danno notizia sia H24.it che Messain latino. Notare nella foto l’uso disinvolto dell’altare sullo sfondo. Dal primo sito citiamo: 

 “Omaggiare il diavolo in una chiesa. Accade a Napoli nella parrocchia di San Gennaro All’Olmo. E’ la notte di Halloween e al posto dei fedeli, del coro e della messa va in scena nella casa di Dio una festa mascherata.

Il party lascivo si svolge nei luoghi dove si effettuano i riti, si dice messa, s’impartiscono i sacramenti. (Qui si sarebbe dovuto scrivere tutto all’imperfetto: la chiesa è sconsacrata, n.d.r.) Musica a palla, fumo e alcol con angolo bar. Una folla di giovani travestiti da zombie, diavoli che inneggiano a riti blasfemi. Giovani donne in abiti succinti e movenze peccaminose. E poi musica a palla e drink e cocktail. La festa ‘in’ e di tendenza va avanti tutta la notte nella chiesa di San Gennaro all’Olmo nel cuore del centro storico di Napoli, luogo di culto e non sconsacrato. E qui in via San Gregorio Armeno, strada nota per i maestri dei presepi ma soprattutto perchè è parte integrante del tessuto di chiese, conventi e monasteri dove è fervente l’adorazione dei santi e la partecipazione ai riti cristiani. Una festa che va avanti tutta la notte e divertimento assicurato. Fiumane di persone. Il rimbombo delle note investono i vicoli. E non si fa nulla per tenere nascosto l’evento. Anzi.

Vi consigliamo di leggere sul sito il resto dell’articolo, anche per vedere le foto, che noi non riportiamo per motivi di privacy, se non quella “coperta” della testata, e per leggere della simpatica impiccagione di una statua…

Scrive invece Messainlatino:

Premessa. Non possiamo (ne’ vogliamo) pubblicare le foto della “festa” di Halloween che ha avuto luogo all’interno dell’antica, pregevole e artistica Chiesa CONSACRATA di San Gennaro all’Olmo di Napoli .

Non è solo la legge infatti che ci vieta di pubblicare quelle foto, che pure stanno facendo il giro dei social ( pare che ci sia stato anche un “fotografo ufficiale” che ha scattato 200 foto), ma  la decenza e soprattutto il senso religioso ci impediscono di postare quelle immagini che sono ancor più ripugnanti perchè hanno come sfondo immagini e simboli della preghiera cristiana all’interno di una chiesa.

Diverse ragazze in microgonna hanno piazzato  i loro gluei sopra gli artistici altari policromi seicenteschi ( che hanno ancora al centro la PIETRA SACRA consacrata con alcune Reliquie di Santi); baci e posture diaboliche davanti alle statue dei Santi e all’interno dei confessionali; la simulazione di un’impiccagione sacrilega nell’alto della cantoria, dove c’è un pregevole Organo antico, proprio sopra l’area presbiteriale…

Diversi figuranti in talare con la  stola nera (autentica)  e donne con dei vistosi trucchi satanici… tutti i partecipanti rigorosamente vesti di nero di cui molti con una maschera nera in viso… una specie di “vendetta” nel nome dei “martiri” giacobini del 1799 interattiva con il satanismo.

In quell’artistica chiesa, tutelata dal Ministero per i Beni Culturali, ha predicato il Beato Mariano Arciero (Contursi, Salerno, 26 febbraio 1707 – Napoli, 16 febbraio 1788) : c’è ancora  il pulpito ( perfettamente restaurato) da cui il Beato impartiva il suo catechismo che fu preso a modello dal Cardinale Arcivescovo Antonino Sersale (Sorrento, 25 giugno 1702 – Napoli, 24 giugno 1775).

La chiesa di San Gennaro all’Olmo, anche se da tempo non adibita al culto, conserva gli altari (consacrati), le immagini sacre, l’organo e i confessionali.

Possiede involtre una statua unica: San Gennaro in gloria opera settecentesca napoletana. Un napoletano , sconvolto, ha commentato: “Omaggiare il diavolo in una

chiesa…Il party lascivo si svolge nei luoghi dove si effettuano i riti, si dice messa, s’impartiscono i sacramenti. Musica a palla, fumo e alcol con angolo bar” (come le foto testimoniano).

Sappiate che “al di sotto dell’edificio c’è un’altra chiesa e una piccola cripta dove hanno trovato sepoltura diverse persone del popolo”.(link sotto)

Ovviamente il tempio CONSACRATO ( affidato alle cure di una Fondazione Culturale) è tutelato dalla Soprintendenza: stiamo valutando per questo, assieme ad alcuni amici napoletani, la possibilità di inoltrare un esposto-denuncia agli organi statali preposti alla tutela dei monumenti e per conoscenza alla Curia Arcivescovile di Napoli.

Alcuni fedeli partenopei hanno scritto che l’ orrenda profanazione della chiesa artistica di San Gennaro all’Olmo “nel nome dei martiri giacobini del 1799” si è compiuta “nel silenzio assordante di un Arcivescovo, tre Vescovi ausiliari, un Moderatore, Monsignori vari e chi più ne ha più ne metta” secondo noi la responsabilità dell’atto sacrilego (vilipendio contro i simboli religiosi) va invece attribuita a chi gestisce l’accesso al monumento. Grave sarebbe che non si sia provveduto a sconsacrare la Chiesa pur permettendo eventi esclusivamente mondani e di dubbio gusto. La festa demoniaca è stata volutamente fatta in una chiesa, con l’intento di dissacrare il luogo e di creare una atmosfera ambigua dove imporre gesti e intenzioni anticristiane e demoniache.

Qualcuno ora dirà che la chiesa è “sconsacrata” ma l’indecenza di quel che è accaduto nei giorni scorsi non è tollerabile: ammesso che un edificio sacro antico e artistico possa essere del tutto “sconsacrato” ( l’antico cimitero sotterraneo  è rimasto) il vincolo  del Ministero per i Beni Culturali e Ambientali rimane a tutela delle opera d’arte conservate e della struttura architettonica. 

Vedremo come andrà a finire.







Oggi è il 77° giorno in cui il Pontefice regnante non ha, ancora, risposto.

“Quando ha saputo che McCarrick era un uomo perverso, un predatore omosessuale seriale?”

“È vero, o non è vero, che mons. Viganò lo ha avvertito il 23 giugno 2013?”

Joseph Fessio, sj: “Sia un uomo. Si alzi in piedi e risponda”.




Questo blog è il seguito naturale di San Pietro e Dintorni, presente su “La Stampa” fino a quando non fu troppo molesto.  Per chi fosse interessato al lavoro già svolto, ecco il link a San Pietro e Dintorni.

Se volete ricevere i nuovi articoli del blog, scrivete la vostra mail nella finestra a fianco.

L’articolo vi ha interessato? Condividetelo, se volete, sui social network, usando gli strumenti qui sotto.

Se invece volete aiutare sacerdoti “scomodi” in difficoltà, qui trovate il sito della Società di San Martino di Tours e di San Pio di Pietrelcina.



LIBRI DI MARCO TOSATTI

Se siete interessati a un libro, cliccate sul titolo.



UNO STILUM NELLA CARNE. 2017: DIARIO IMPIETOSO DI UNA CHIESA IN USCITA (E CADUTA) LIBERA

FATIMA, IL SEGRETO NON SVELATO E IL FUTURO DELLA CHIESA

SANTI INDEMONIATI: CASI STRAORDINARI DI POSSESSIONE

PADRE PIO CONTRO SATANA. LA BATTAGLIA FINALE

Padre Pío contra Satanás

Tag: , ,

Categoria:

Questo articolo è stato scritto da wp_7512482

22 commenti

  • Fedele ha detto:

    Bergoglio voleva una Chiesa in uscita, così è stato; la Chiesa se ne è andata,è uscita…e non ritorna

  • nicola.b ha detto:

    Sabato sono andato in una Chiesa di Roma per confessarmi .Prima della Santa Messa ho dovuto assistere allibito e basito alla piccola ”festicciola”( non so dare altro nome in merito a cio’ che ho visto) in Chiesa fornita da un gruppo numeroso di familiari e parenti di un cresimando : flash e filmati con smartphone, baci ed abbracci , minigonne ed abiti femminili aderenti, rituale chiacchericcio a tutto spiano, il tutto condito dall’alto volume delle chitarre elettriche della band che effettuava le ”prove” per accompagnare la Santa Messa e Comunione per il Cresimando——Poco prima della Santa Messa per onorare la Sacra Cresima e’ arrivato un Pezzo Grosso da 90 della Chiesa Cattolica……..La mia considerazione quindi e’ che anche nelle Chiese NON sconsacrate si effettuano quotidiane profanazioni. Di che ci meravigliamo quindi ?

  • Lucidator ha detto:

    Le “case di Dio” vendute e riciclate senza ritegno, i simboli profanati, il mercimonio, la desolazione dentro il cuore, la devastazione delle anime…
    Ma davvero “la messa è finita”?
    https://www.artribune.com/arti-visive/fotografia/2013/01/la-dove-cera-un-altare/

  • marco bianchi ha detto:

    Si è visto di peggio perché in chiese consacrate.Mi stupisco dello stupore. Dalla “chiesa ” di Bergoglio è normale aspettarsi di tutto.Quello che fanno e quello che dicono. Compreso l’invito dell’arcivescovo di Ferrara a diventare tutti mulatti.D’altra parte dalla “chiesa” che nega la sua ragione di essere cosa aspettarsi?Gesù dette mandato a Pietro per diffondere la Sua Parola.Se l’evangelizzazione è diventata una cosa che Bergoglio non farebbe mai che senso ha la stessa esistenza della Chiesa?L’ha abolita.

  • Maria Teresa Lezzi ha detto:

    Ho letto con profondo dolore la storia della scandalosa profanazione della chiesa. Faccio solo una precisazione : i santi non si adorano, si venerano, solo Dio, Gesù la Santissima Trinità si adora.

  • Helene Bronner-Fiorentino ha detto:

    Purtroppo il rispetto per i luoghi sacri manca a tanta gente. Ho cantato per tanti anni nella corale di una parrocchia nella diocesi di Milano. Quando le prove si svolgevono in chiesa, la gente era solita di usare le statue dei santi e l’altare come attacca panni e poggia borse e il direttore bestemmiava senza vergogna e tutto questo in presenza del parrocco che non faceva nessuna osservazione.
    hbf

  • Monica ha detto:

    Dove vivo io in Francia ho appena espresso contrarietà all utilizzo della chiesa parrocchiale come teatro ricevendo la risposta della responsabile laica per l animazione pastorale :” che l uomo viene prima del luogo” . Per intenderci parliamo di una chiesa consacrata e parrochiale dove si svolge quasi di tutto, anche uno spettacolo di tango argentino con tanto di danzanti con spacchi che dubito ispirassero pensieri di conversione. Il ricavato va in tasca ai figuranti, alcuna opera di bene. Si sono indignati del mio stupore, e non vogliono ragionare sul senso della dedicazione della chiesa.

  • anna maria ha detto:

    Non posso crederci ! Ma come si può cadere così in basso ?!?
    Perdonaci Signore , perdona le nostre terribili offese, ingratitudini al Tuo Cuore amabilissimo! E quei poveri giovani che ” noi ” abbiamo distrutto e resi insensibili . Poveri ragazzi, chi mai ha saputo parlar loro di Gesù e del Suo Amore ? Chi mai ha donato loro la Parola di Salvezza ? Chi più parla ai giovani di Dio , del Suo amore , di Maria, Sua Madre ? DOVE SONO I CRISTIANI ? Chi accompagna questi giovani verso la felicità che viene donata loro da Gesù Cristo , la felicità che . . . è Cristo! “E’ Cristo che cercate quando cercate la felicità !” diceva un Santo Padre, splendido il grande Giovanni Paolo II ! “Tutti ti cercano , o Gesù Cristo. Si tutti ti cercano .Molti ti cercano direttamente , chiamandoti per nome, con la fede, la speranza e la carità .Vi sono alcuni che ti cercano indirettamente , attraverso gli altri. E ci sono altri, che ti cercano senza saperlo. E ci sono pure coloro che ti cercano , anche se negano questa ricerca. Ciò nonostante , ti cercano tutti, ti cercano prima di tutto , perché tu li cerchi per primo: perché Tu sei diventato per tutti uomo , nel seno della Vergine Madre ; perché Tu hai redento tutti a prezzo della tua Croce.” ( 10 febbraio 1985 Angelus )

  • Ira Divina ha detto:

    La blasfemia ormai ha attecchito in primis nella gerarchia, visto che in questo Papa, Vescovi e Clero di sacro non c’è più nulla da quando la veste sacerdotale è stata gettata alle ortiche. Vescovi e preti si confondono con il mondo e cercano sempre più di appartenergli. Quello che accade, cioè la dissacrazione, ha origini più lontane! È figlia di un concilio, il Vaticano II, deviato e fatto deragliare dai binari della verità e della fedeltà. Quello che ho letto mi ha ricordato la festa del re Baldassarre, quando futuro usati i vasi sacri depredati dal tempio di Gerusalemme, con i quali brindarono il re e i suoi commensali, compiendo così un atto sacrilego. Manca solo ancora quella manina che scriveva queste parole: mene, tekel, peres! Questa gerarchia ha insolentito contro il Signore del cielo e della terra: MENE! Dio ha computato il tuo regno e gli ha posto fine. TEKEL! Tu sei stato pesato sulle bilance e sei stato trovato mancante. PERES! Il tuo regno è diviso. Temiamo uno scisma? Mi sa che già è in atto! Io non ho nulla da condividere con una chiesa del genere dove regna la blasfemia, il sopruso e la menzogna. Dunque,mettiamoci l’animo in pace e separiamo il grano dalla zizzania! Se il mistero dell’iniquità deve svelarsi, si compia ciò che il nostro Signore Dio ha stabilito. Di certo sarà necessario che i fedeli a Dio siano perseguitati fino al compimento del tempo di questo nuovo satanico paganesimo. Il fumo di satana ora, non è solo fumo, sta diventando arrosto…di tantissime anime.

  • Iginio ha detto:

    Beh, intanto chiarire se la chiesa sia sconsacrata o no. Poi, querela, querela, querela (a organizzatori, partecipanti, consenzienti). Non servirà – non credo, data la mentalità dominante anche tra i giudici – ma almeno si rompono un po’ le scatole a questi deficienti bamboccioni. Contemporaneamente urge ridicolizzarli in qualche modo: se si fa gli offesi, loro si divertono, è quello che vogliono con le loro provocazioni; quello che occorre invece è renderli ridicoli. Sfotterli, tanto per capirci.
    A parte ciò, qualcuno può spiegarmi una buona volta perché Napoli sia caduta in mano a questi pagliacci alla De Magistris? Da Bassolino in giù, è da anni che la città partenopea sta scivolando verso il basso. Col consenso attivo degli pseudointellettuali, ovviamente.

  • Januensis ha detto:

    mi sto domandando che cosa sia peggio per una chiesa non più officiata : ovvero in cosa sia meglio che venga trasformata.
    Mi viene in mente una chiesetta nascosta, nel quartiere del Carmine, con una facciata deliziosa. Linee sobrie e dolci. Non chiedetemi a che epoca risalga : semplicemente non lo so. Dentro non è più una chiesa : è stata divisa in due . C’è una parte superiore ed una parte inferiore. La parte superiore è stata mostrata ai genovesi in una delle giornate del FAI. E’ decorata con affreschi forse d’epoca barocca : affreschi che una volta non si potevano ammirare così da vicino, perchè erano la volta della navata. La parte superiore è in uso ad una società sportiva. La parte inferiore sembra sia occupata da uno dei tanti magazzini del Comune. Non è cioè visibile.
    Altre chiese, sempre in centro Genova sono state restaurate ed adibite ad usi profani : una, detta di santa Fede è attualmente occupata da un ufficio Anagrafe. Dentro la chiesa , pardon dentro l’ufficio dell’anagrafe è stato coperto con uno spesso vetro uno scavo fatto che metteva in evidenza l’esistenza di una chiesa preesistente, diversamente orientata rispetto all’ufficio anagrafe e risalente all’epoca paleocristiana. A poco distanza da questa chiesa più grande è possibile vedere altre due chiese : una romanica : perfettamente restaurata è attualmente occupata dall’Agenzia di una banca. C’è anche una terza chiesa : seicentesca : ovvero con dentro grandi statue . Qualche anno fa era stata adibita a palestra, per qualcuno degli istituti statali vicini. Mi domandavo se il gioco del pallone fosse compatibile con le grandi statue. Oggi il Comune l’ha affidata alla fondazione Migrantes, ed è diventata un dormitorio perfettamente organizzato.
    Se volete poi vedere una pregevole ultima cena, di epoca cinquecentesca, potete andare a stipulare un contratto negli uffici dell’IREN; cioè della società che si occupa della distribuzione di gas e luce. Un tempo, quei locali erano il refettorio del convento dei santi Filippo e Giacomo. Oggi non più esistente.
    Allora qual’è il destino migliore per le chiese non officiate ?

  • Flora ha detto:

    Credo che ormai nella chiesa non solo il fumo sia entrato ma satana in persona. E non solo in quei luoghi, sconsacrati o no che siano, ma dappertutto e nelle gerarchie e che si sia ben appollaiato su qualche scranno dorato e di lì si goda una continua festa di halloween che fa tanto pensare all’immagine che descrive suor Lucia riguardo ad una chiesa che faceva pensare all’inferno….. Non continuo quella descrizione che fa rabbrividire.

  • Alda ha detto:

    L’Italia annega, la California brucia e Petra si alluviona…..l’Apocalisse è alle porte…😕😕

  • deutero.amedeo ha detto:

    L’importante è che durante la festa non sia stato fatto del chiacchiericcio…. Altrimenti avreste sentito che tuoni in Santa Marta il giorno dopo.

  • Claudio Gazzoli ha detto:

    esibizione penosa che non meraviglia più di un branco di gatti randagi entrati da un pertugio a scorrazzare tra gli altari della chiesa dedicata a San Gennaro. Sono completamente “inconsapevoli”, in questa barbarie prodotta dal nuovo analfabetismo scolastico (dove peraltro si insegna pure la “Religione Cattolica”) che porta a non rispettare più neanche il Patrono di Napoli… il ché è tutto dire! Quello che meraviglia è l’indifferenza di quelli che dovrebbero indignarsi e che si nascondono dietro a maschere, come quelle della foto, con l’ipocrisia che “… tanto era sconsacrata…

  • Sulcitano ha detto:

    Son cose che accadono sempre più spesso ispirate dal compassionevole e misericordioso ministero petrino di papa Bergoglio. Dio abbia di noi pietà e del mondo intero.

  • Luigi Bonini ha detto:

    Purtroppo è quello che succede anche a Milano al Gattopardo, chiesa sconsacrata, dal 2001…

  • Adriana ha detto:

    Festa ” demoniaca” … e che nome vogliamo dare alla – da poco trascorsa – ” Festa ” al Metropolitan Museum , con tanto di Cardinalone sorridente e di Coro della Cappella Sistina ? ! ?
    Forse : ” Anteprima di Festa Demoniaca ” ?

    • Anonima ha detto:

      Sconsacrata o consacrata, poco cambia, quando di proposito vi si fa entrare satana con tutti gli onori del caso. Dire scandalo è dir poco. Ma poi, una cosa non ho mai capito: che si fa per sconsacrare una chiesa?

  • Massimo S ha detto:

    Beh, Paolo VI diceva che il “fumo di Satana” entrava da qualche fessura nella Chiesa, ma qui mi pare si sia presentato di persona !
    Avanti così che andiamo sempre meglio … per Satana, ovviamente !

  • terzoc ha detto:

    Non ho parole. O meglio le ho ma …

Lascia un commento