SCHÖNBORN TWITTA A FAVORE DELLE DONNE DIACONO, MA CANCELLA IL CINGUETTIO. TIMOROSO? CHISSÀ PERCHÉ.

30 settembre 2018 Pubblicato da --

Marco Tosatti

Il cardinale Christoph Schönborn  di nuovo all’attenzione dei media. Dopo il discusso episodio della benedizione pre-prandiale a una coppia di amici omosessuali, ora è il momento del diaconato alle donne. Il porporato ha pubblicato su Twitter un cinguettio di questo tenore: “Di recente sono stato in grado di consacrare di nuovo dei diaconi. Una grande gioia. Forse un giorno potrò essere in grado di consacrare donne al diaconato…Cari preti, abbiate il coraggio di lavorare in squadra! Collaborazione, fiducia, sono l’A e la O”. (Immagino Alfa e Omega, n.d.r.).

Il Tweet è stato rapidamente cancellato, ma non così rapidamente che qualcuno non ne abbia fatto uno screenshot, per rilanciarlo.

Nel frattempo siti cattolici di lingua tedesca sottolineavano che il cardinale aveva di fatto marcato “l’apertura nel dibattito sul diaconato delle donne. C’erano diaconesse nella chiesa, in alcune chiese orientali, esistono ancora oggi, ha detto l’arcivescovo di Vienna, secondo l’agenzia stampa austriaca Kathpress sabato nella cattedrale di Santo Stefano”. “Fondamentalmente, è aperto”,  avrebbe detto Schönborn, che ha riferito di aver appena consacrato quattordici uomini sposati come diaconi permanenti solo pochi giorni fa. “Forse un giorno le donne come diaconi”, ha detto.

Il cardinale si è, secondo Kathpress, espresso così l’ultimo giorno di un’assemblea diocesana. 1.700 delegati delle parrocchie, delle comunità e dell’Ordine dell’Arcidiocesi di Vienna hanno dato il loro parere sui prossimi passi di un processo di riforma che va avanti da diversi anni .

Già a giugno Schönborn aveva in un’intervista detto cose a favore del diaconato femminile.  “L’introduzione di questa prima fase di consacrazione per le donne è quindi in discussione. Allo stesso tempo il cardinale ha escluso un’ordinazione sacerdotale per le donne. Le sacerdotesse non sono mai esistite nella Chiesa cattolica, ha detto. ‘Sarebbe una rottura troppo profonda nella tradizione di 2000 anni e anche papa Francesco ha detto: non è previsto’”, concludeva il sito cattolico tedesco.







Oggi è il trentaseiesimo giorno in cui il Pontefice regnante non ha, ancora, risposto.

Quando ha saputo che McCarrick era un uomo perverso, un predatore omosessuale seriale?

È vero, o non è vero, che mons. Viganò lo ha avvertito il 23 giugno 2013?




Questo blog è il seguito naturale di San Pietro e Dintorni, presente su “La Stampa” fino a quando non fu troppo molesto.  Per chi fosse interessato al lavoro già svolto, ecco il link a San Pietro e Dintorni.

Se volete ricevere i nuovi articoli del blog, scrivete la vostra mail nella finestra a fianco.

L’articolo vi ha interessato? Condividetelo, se volete, sui social network, usando gli strumenti qui sotto.

Se invece volete aiutare sacerdoti “scomodi” in difficoltà, qui trovate il sito della Società di San Martino di Tours e di San Pio di Pietrelcina.




LIBRI DI MARCO TOSATTI

Se siete interessati a un libro, cliccate sul titolo.



UNO STILUM NELLA CARNE. 2017: DIARIO IMPIETOSO DI UNA CHIESA IN USCITA (E CADUTA) LIBERA

FATIMA, IL SEGRETO NON SVELATO E IL FUTURO DELLA CHIESA

SANTI INDEMONIATI: CASI STRAORDINARI DI POSSESSIONE

PADRE PIO CONTRO SATANA. LA BATTAGLIA FINALE

Padre Pío contra Satanás

Tag: ,

Categoria:

Questo articolo è stato scritto da wp_7512482

35 commenti

  • Iginio ha detto:

    Dire che nelle Chiese orientali ci siano le diaconesse mi pare un’emerita scemenza.
    Per non parlare del fatto che le diaconesse protocristiane non c’entravano niente con quella roba che si vorrebbe introdurre adesso.

  • pier luigi Tossani ha detto:

    dice

    MARIA CRISTINA
    30 settembre 2018 alle 7:09 pm
    ” …Il Papa Francesco raccomandala recita del Rosario quotidiano a tutti i fedeli con alla fine la preghiera di Papa Leone XIII a San Michele Arcangelo che ci protegga e aiuti contro il Diavolo”.

    …lodevole raccomandazione… la tempistica lascia un po’ a desiderare, se lui pensa, come si evince, che il diavolo sia Mons. Viganò. Comunque, ormai il dado l’ha tratto: se noi fedeli gli diamo retta, ci sta che la Provvidenza ci ascolti, e si sblocchi qualcosa ;-)))).

    • Gaetano2 ha detto:

      Ottimo, io non avevo considerato quest’aspetto. Emmisà che comincio perfino io a dire ste preghiere…

      • Fabrizio Giudici ha detto:

        Comunque, ormai il dado l’ha tratto: se noi fedeli gli diamo retta, ci sta che la Provvidenza ci ascolti, e si sblocchi qualcosa ;-)))).

        Esatto, esatto: delle intenzioni sottostanti non ci interessa. L’importante è che si preghi. A volte qualcuno fa le cose giuste per i motivi sbagliati, ed è un modo con cui lo Spirito Santo riesce a far fare le cose giuste anche a coloro che non lo vogliono ascoltare.

        Quel che mi incuriosisce ora è vedere quanti vescovi e preti asseconderanno l’invito. Negli USA i vescovi – che già prima dell’invito papale avevano ripristinato la preghiera, alla fine della Messa e non solo per il mese di ottobre – sono intanto diventati otto.

        Mi perdoni il dott. Tosatti se instisto, ma è importante che ci facciamo sentire anche come fedeli. Ricordo la raccolta di firme per i nostri vescovi (nel frattempo anche LifePetitions, negli USA, ne ha lanciata una):

        https://www.change.org/p/vescovi-delle-diocesi-italiane-ripristiniamo-le-preci-leonine

  • Giovanni ha detto:

    Anche se non c’entra con l’articolo… Sapete dirmi dove posso trovare la Vulgata Sisto Clementina? Questa che ho trovato su Amazon è affidabile ( https://www.amazon.it/Biblia-sacra/dp/8821546586 )? Grazie in anticipo

  • Giovanni ha detto:

    Anche se non c’entra con l’articolo… Qualcuno sa dirmi dove posso trovare una Vulgata Sisto Clementina? Ci si può fidare di questa che ho trovato su Amazon ( https://www.amazon.it/Biblia-sacra/dp/8821546586 )? Grazie in anticipo

  • virro ha detto:

    S. Paolo dice “chi mi libererà da questo corpo mortale…..” io con tante lacrime mi ripeto “Signore quando libererai la tua e la nostra Chiesa da questo vertice mortale e menzognero?
    Come è possibile accogliere le loro parole?
    Parole studiate per incantare?
    Parole per confondere?
    Parole che non ci convincono più.
    Parole per riempire il silenzio?
    Grazie abbiamo bisogno di VERITÀ E COERENZA soprattutto di FEDELTÀ al VANGELO
    NON DI SOLO PANE VIVE L UOMO, MA DI OGNI PAROLA CHE ESCE DALLA BOCCA DI DIO

  • Franca ha detto:

    E pensare che Schonborn aveva perorato la causa di Medjugorie davanti a Papa Benedetto e tuttora ospita le testimonianze di uno dei veggenti nella sua Cattedrale, ma che faccia tosta!
    E’ evidente che si e’ adeguato velocemente al nuovo corso, un traditore come molti purtroppo. Basti il fatto che e’ stato indicato da Bergoglio portavoce per rispondere alle domande su AL.
    E poi che intende con questa premessa al suo tweet ” starke Beziehung “? ( Beziehung= relazione, attaccamento ) del tutto superfluo, o c e’ un secondo significato?

    • Mari ha detto:

      Non si potrebbe chiedere ai “veggenti” di Medjugorie cosa ne pensano delle uscite eterodosse di questo principe della Chiesa, o, anche, un’opinione su quanti deviano così allegramente dagli insegnamenti di quella Chiesa che, prima di loro, esortava insistentemente alla recita del Rosario perché lo riconosceva senza ombra di esitazione come una potentissima “arma” di difesa contro il nemico, principe di questo mondo?

      Difesa, è vero, recentemente riabilitata… a me però ha fatto tanto male vedere, in altre circostanze, una corona ridicolizzata come gingillo per le orecchie… per non parlare dei commenti, non proprio carini, sugli “sgranarosari”.

      Sarei proprio interessata a conoscere la loro opinione in merito, giusto per chiarirmi le idee e confermarmi, o meno, sull’opinione che mi sono fatta in merito al fenomeno Medjugorie (visto che neanche troppo recentemente l’ho completamente cambiata).

      Quanto alla richiesta che finalmente ci è giunta dal Vaticano di riscoprire quella che Padre Pio definiva “la sua arma” volentieri mi adeguo, ma la ritengo indispensabile, in questi frangenti, per TUTTI i mesi dell’anno.

      Quanto poi al fatto che “Il Santo Padre ha chiesto anche che la recita del Santo Rosario durante il mese di ottobre si concluda con la preghiera scritta da Leone XIII”, aderisco di tutto cuore a questo invito, precisando però che reciterò la preghiera di Leone XIII “originale” quella che i nostri bisnonni recitavano (prima degli anni’30) alla fine della S.Messa (ce ne sono più versioni, più o meno “amputate” di importanti passaggi che 100 anni fa erano oscuri ai semplici fedeli, ma che ora potremmo scoprire rispondenti, purtroppo, alla realtà della Chiesa).

  • Maria Cristina ha detto:

    Ma no guardate : la Chiesa in “ uscita” e’ precipitosamente
    “ rientrata” . Il Papa Francesco raccomandala recita del Rosario quotidiano a tutti i fedeli con alla fine la preghiera di Papa Leone XIII a San Michele Arcangelo che ci protegga e aiuti contro il Diavolo.
    Insomma.. pare un novello Pio XII ….piu’ preconciliare di cosi’ !

    • GMZ ha detto:

      La vecchia volpe sta cercando di ipnotizzarci con gli arnesi del cattolicesimo; peccato per lui che ormai abbiamo capito di che pasta è fatto: ‘sti giochetti da prestidigitatore da oratorio saranno buoni per strabiliare i suoi lacché e coccobelli di turno, ma noi non abbocchiamo.
      Quindi: sapeva o non sapeva di McCarrick?

  • rita ha detto:

    Ultimamente sto immaginando un prossimo futuro nella Chiesa.
    Tutte le “Chiese separate” dovrebbero riunirsi insieme: valdesi, evangelici, pentecostali,etc..etc..Cosa accadrebbe? Che la Chiesa Cattolica che fa solo Politica e poca evangelizzazione, fallirà.

  • deutero.amedeo ha detto:

    Prima di scrivere sta cosa ho fatto testamento, perché non si sa mai, di questi tempi.
    Piccola lezione di matematica applicata all’evangelizzazione.
    Bergoglio per cinque mattine la settimana da cinque anni e mezzo a questa parte fa la sua meditazione pubblica in Santa Marta. E 5*52*5,5 = 1430 .
    Ogni mercoledì fa un’omelia per l’udienza generale. E 52*5,5 = 286.
    Ogni domenica fa il discorso per l’Angelus. E fanno altri 286.

    Totale : 1430 + 286 +286 = 2002 prediche per dirci che per vedere Cristo dobbiamo guardare in faccia i migranti, per salvarci dobbiamo accoglierli fossero anche tignosi, e che il peccato più grave per la Chiesa è il chiacchiericcio. Senza contare i tre o quattro discorsi e messaggi quotidiani per la giornata del sordo, per il raduno mondiale dei mutilati della mano sinistra, e per i sofferenti di alluce valgo.

    E dire che per capire Gesù Cristo basta leggere un vangelo anche il più breve, quello di Marco : meno di 50 paginette….

    • Gaetano2 ha detto:

      Questa è logica! Bisognerebbe spiegarlo a quel prelato in Vaticano, sicuramente scelto con cura, che diceva che 2 più 2 a volte fa anche 5 (o qualcosa del genere)…

    • Adriana ha detto:

      Deutero,
      effettivamente il chiacchiericcio dà molto fastidio…specie al cinema.
      C’è stata anche la giornata dei ciechi ? Temo di no , perchè
      non sono in grado di vedere il migrante in faccia .

  • G. Gervasi ha detto:

    Povero Schönborn, ormai fá acqua da tutte le parti, talmente é aperto.
    Non riconosce gli impedimenti dogmatici al sacerdozio femminile, ma considera soltanto quelli storici e sociologici, che alla fine non sono argomenti di alcuna validitá, poiché quello che non é finora stato per ragioni storiche o sociologiche puó essere sia nel presente che nel futuro per le stesse ragioni.
    Certo, ci sono state diaconesse nel cristianesimo primitivo, ma non consacrate. Se la consacrazione delle diaconesse é dogmaticamente possibile, cosí sará un giorno la consacrazione sacerdotale delle stesse. Nulla potrá impedirla. La dinamica della cosa porterá inevitabilmente a questi effetti.
    Con la partecipazione delle donne agli stadi conducenti al sacerdozio consacrato verrá varcato il Rubicone.
    E’ la logica interna a questo fatto che condurrá necessariamente al sacerdozio femminile e alle donne vescovo e perché no? ad una donna papa, e fará della chiesa cattolica una setta protestante.
    Cosí il mistico Sposo della Chiesa diverrá la mistica Sposa della Chiesa, quando ci sará una donna all’altare “in persona Christi”.
    Perché no, dirá Schönborn? Sará il completamento e l’apoteosi del movimento LGBT nella Chiesa.
    Cristo sará sia eterosessuale come sposo della chiesa che lesbica come sposa della stessa, come osservava Hans Urs von Balthasar.
    Evviva l’apertura!
    Principiis obsta!

    • Adriana ha detto:

      G, Gervasi ,
      e finalmente – nell’immaginario di ” gargouille-Schonborn “- la
      futura Papessa Giovanna potrà partorire nel suo comodo letto ,non più per strada -povera donna-.

      • G. Gervasi ha detto:

        @ ADRIANA
        Questo sarebbe un bell’ argomento sociologico! 😉 lol

        • Adriana ha detto:

          G.Gervasi,
          anche storico . Basta pensare ai Tarocchi e alla presenza della Papessa…. :-)). Ma forse è meglio non far pervenire troppi stimoli a questo vescovo tanto proclive a stimolarsi da sé.

          • G. Gervasi ha detto:

            Schönborn mi ha sempre dato l’impressione di uno smidollato che si lascia trasportare dalla corrente dominante: conservatore durante il regno di Giovanni Paolo e di Benedetto, ultra-progressista sotto la dittatura del Bergoglioso.
            Boris Johnson, esagerando, lo definirebbe un invertebrato. Come molti altri esseri caraterizzati da tutta una gamma di colori che vanno dal nero al paonazzo al rosso porpora.

        • Adriana ha detto:

          G. Gervasi ,
          dal Polipo idrozoide alla Medusa acraspedota .. Insomma : Molluschi !….escludiamo i camaleonti che sono simpatici vertebrati…:-))

          • Nat ha detto:

            Non è la specialità di questo papato aprire processi che poi diventeranno irreversibili? Questo ne è semplicemente una ulteriore conferma.

  • Ángel Manuel González Fernández ha detto:

    Caro Direttore:
    Devono affrettarsi a lasciare la Chiesa cattolica allo stesso livello di divisione, apostasia e decadenza che le chiese uscite della Riforma: in pochi anni arriverà il suo padrone e signore l’Anticristo!
    Saluti.

  • Gaetano2 ha detto:

    Urca, leggendo meglio, questo altro che vescovo, è cardinale… siamo a cavallo!

    • EquesFidus ha detto:

      Più che altro, mi chiedo quale sia la differenza tra cattolici e protestanti, a questo punto. Se uno vuole diaconessere, “nozze” sodomite e tutte le altre eresie e stramberie liberali e moderniste si faccia direttamente luterano (con tutte le conseguenze del caso, sulla propria anina in primis) e non dia più noia alla Chiesa di Cristo!

      • Gaetano2 ha detto:

        Beh, è chiaro. Evidentemente si sta bene a fare st’attività… specialmente se non ci si crede

        • EquesFidus ha detto:

          Infatti: leggevo su “La NuovaBq” che nella diocesi di Utrecht, dove probabilmente si passerà nei prossimi 10 anni da 280 a 15 chiese aperte al culto (che è una cosa gravissima), non ci saranno più soldi per “pastori” (preti e vescovi) retribuiti, quindi il sostentamento toccherà ai fedeli direttamente. Quest’ultima cosa è bene. B-E-N-E; perché non ci sarà più posto per protestanti, eretici, arraffoni che al grido di “poco facere e tanto godere” si sono impadroniti di chiese, seminari e cattedrali: chi resterà saranno quei sacerdoti (come quelli “tradizionalisti”, cioè legati alla Messa tridentina) che hanno interesse a servire Dio. Questa è la vera Chiesa “povera”, infine resa ricca dalle cose di Dio, dalla Dottrina, dal culto divino, dalla preghiera e dalla Tradizione, non dagli uomini.

  • Sherden ha detto:

    Sarà una misura per limitare l’omosessualismo nei seminari……

  • Gaetano2 ha detto:

    ma ‘sto Sciombor è pure vescovo?…

  • EquesFidus ha detto:

    Ancora con questa storia? Le “diaconesse” non erano ministri ordinati, bensì delle laiche benedette che avevano funzione di catechizzare le battezzande e prepararle per il Battesimo stesso (all’epoca anche per immersione). Non erano delle “sacerdotesse” o delle “diaconesse” vere e proprie (mai esistite da nessuna parte, peraltro), erano diremmo oggi delle catechiste. In ogni caso, a furia di voler andare avanti costoro vanno indietro, e vanno a ripescare delle (inesistenti) tradizioni cadute in disuso nel V secolo per compiacere il mondo. Ma nessuno dice niente alla CdF dinanzi a tali affermazioni? Possibile che nessuno abbia il coraggio di ammonire pubblicamente un simile personaggio, ché tra “diaconesse”, benedizioni a coppie sodomite e Comunioni ai divorziati “risposati” ne ha già fatte abbastanza?

  • GMZ ha detto:

    Con tutti gli incipriati che popolano i collegi episcopali e il cardinalato, mi chiedo a cosa servano donne diacono: confrontate ai primi, sembrerebbero uomini!
    Ossequi.

  • carla ha detto:

    Vomitevole quanto ogni minuto che passa, apprendiamo di questi lupi travestiti! Cosa dobbiamo ancora sorbirci?
    Danno degli assatanati agli altri x coprire il loro verminoso stato: peggio dei tanti Giuda, scribi e farisei di 2000 anni fa!
    ed hanno pure il coraggio ipocrita di utilizzare la preghiera con secondi fini.

  • Adriana ha detto:

    Mmmmh , forse pensano che introdurre le ” Ierodule ” sia
    l’unico sistema per fermare la corsa all’omosessualizzazione del
    clero maschile progressista. Extrema ratio , come si dice .Però , se
    le signore ” cerbiattano ” il rimedio è nullo .