“DER SPIEGEL” E LE COPERTURE DEGLI ABUSI IN ARGENTINA AL TEMPO DI BERGOGLIO. UN’INCHIESTA DI 19 PAGINE.

22 settembre 2018 Pubblicato da --

Marco Tosatti

“Der Spiegel” pubblica oggi diciannove pagine di un’inchiesta dedicata al Pontefice regnante, intitolata “Non dire falsa testimonianza. Il Papa e la Chiesa nella sua crisi più grande”. Nell’articolo, di cui traduciamo qualche paragrafo dalla versione inglese pubblicata da Maike Hickson su LifeSite News si punta l’attenzione sulle mancanze di papa Bergoglio, soprattutto in tema di abusi sessuali.

Una larga parte dell’articolo è centrato su interviste a vittime di abusi clericali a Buenos Aires, la diocesi di cui Bergoglio era arcivescovo fino all’elezione nel marzo 2013. Scrive Maike Hickson che “Der Spiegel è sorprendentemente critico di papa Francesco per quanto riguarda il suo governo in generale, compresa la sua attitudine ambigua in molti campi – fra cui la comunione ai protestanti e la comunione per i divorziati risposati, e ricorda le parole attribuite al Pontefice, il suo timore “di passare alla storia come qualcuno che ha spaccato la Chiesa”. “Der Spiegel” ricorda inoltre il caso di padre Inzoli, il sacerdote abusatore condannato dalla giustizia italiana, e “graziato” per un certo periodo dal papa contro il parere del card. Müller, il party omosessuale con droga del segretario del fedele card. Coccopalmerio, lo scandalo della copertura a McCarrick e la posizione anomala di uomini di fiducia del Pontefice come i cardinali Maradiaga e Errazuriz. Questa disamina così impietosa e fattuale del giornale tedesco è interessante perché rappresenta una crepa nell’omertà giornalistica che i Main Stream Media hanno riversato sul Pontefice fino ad oggi.

I giornalisti di “Der Spiegel” hanno viaggiato in Argentina, a Monaco e altrove per raccogliere notizie. Hanno parlato con una donna di La Plata, Julieta Anazco vittima di abusi da parte di un prete, che come ha scoperto in seguito, era stato trasferito per le accuse di abuso sui minori. Julieta ha sofferto molto per questo episodio, è andata in terapia ed è membro adesso di una “Rete di sopravvissuti agli abusi ecclesiastici”.

Scrive il giornale: “Nel 2013, poco dopo che Bergoglio è stato eletto papa, Julieta Anazco e altre tredici vittime di padre Gimenez scrissero una lettera in cui descrivevano che cosa era accaduto loro, e perché ancora vivessero sotto depressione; e ci fossero stati tentativi di suicidio; o perché alcuni di loro si fossero dati a consumare droga, mentre il prete accusato continuava a celebrare messa ed era a contato con bambini”.

 La lettera è stata inviata con raccomandata e ricevuta di ritorno nel dicembre del 2013, e tre settimane più tardi giunse la conferma della ricezione. Poi, più nulla. Non una parola. Il prete accusato però fu trasferito in una casa di riposo per persone anziane, dove “ancora si mostra ai giornalisti vestito in talare. Continua a celebrare messa ed è rispettato” scrive il giornale.

“Der Spiegel” spiega che “durante il periodo in cui Bergoglio era cardinale, molte vittime d abusi a Buenos Aires si sono rivolte a lui per aiuto; a nessuno è stato permesso vederlo”. Attualmente sono in corso sessantadue processi contro preti argentini per abusi. “Il numero delle loro vittime potrebbe raggiungere le migliaia”. Spiega Julieta: “Per noi è difficile, perché nessuno ci crede. Vogliamo raggiungere il Papa, ma lui non è interessato a noi”.

Interessante una riflessione, contenuta nell’articolo, di Juan Pablo Gallego, un eminente avvocato difensore delle vittime, secondo cui “Francesco è ora in esilio a Roma, avendo trovato rifugio (con immunità), per così dire laggiù. In Argentina dovrebbe confutare il sospetto di aver protetto per anni violentatori e abusatori di minori”.

Gallego ha parlato con “Der Spiegel” del caso di padre Grassi, per cui vi rimandiamo a questo link. Secondo Gallego, Jorge Mario Bergoglio è stato per anni confessore di padre Grassi, e ha ordinato una contro-inchiesta per difendere il prete che sta scontando quindici anni per abusi, e “per criminalizzare le vittime”. Che è quanto il Pontefice ha fatto nel caso del Cile, definendo “calunniatori” quelli che chiedevano giustizia per gli abusi del vescovo Barros. En passant: questa frase dell’avvocato può contribuire a spiegare il mistero di un Pontefice che dopo cinque anni dall’elezione non sembra avere nessuna intenzione di fare un salto a casa…

Da Rosso Porpora del collega Giuseppe Rusconi abbiamo una notizia interessante:

“Da Accattoli è venuta un’indiscrezione di portata rilevante: secondo le sue informazioni la prospettata ‘risposta’ della Santa Sede al memoriale di Carlo Maria Viganò è stata presentata al Papa lunedì 17 settembre dal cardinale Parolin e approvata il giorno successivo. Dovrebbe dunque essere questione di ore o di pochi giorni per la sua pubblicizzazione”. Luigi Accattoli ex vaticanista del Corriere della Sera è uno dei colleghi più entusiasticamente filo-Bergoglio in una platea in cui questo genere di persone non fa difetto. Storicamente molto legato alla Segreteria di Stato e all’ala più progressista e sinistra della Chiesa (il suo grande amico e collega, il compianto Giancarlo Zizola, attribuiva il suo ingresso al Corriere al card. Achille Silvestrini, allora Ministro degli Esteri e in seguito king-maker per Bergoglio) un’indiscrezione del genere ha indubbiamente valore. Sarà curioso vedere se è come sarà corretto o smentito, o spiegato, il resoconto del colloquio fra Viganò e il Papa il 23 giugno 2013, quando Viganò spiegò chiaramente che genere di criminale fosse McCarrick, e come Benedetto XVI lo avesse sanzionato.







Questo blog è il seguito naturale di San Pietro e Dintorni, presente su “La Stampa” fino a quando non fu troppo molesto.  Per chi fosse interessato al lavoro già svolto, ecco il link a San Pietro e Dintorni.

Se volete ricevere i nuovi articoli del blog, scrivete la vostra mail nella finestra a fianco.

L’articolo vi ha interessato? Condividetelo, se volete, sui social network, usando gli strumenti qui sotto.

Se invece volete aiutare sacerdoti “scomodi” in difficoltà, qui trovate il sito della Società di San Martino di Tours e di San Pio di Pietrelcina.




LIBRI DI MARCO TOSATTI

Se siete interessati a un libro, cliccate sul titolo.



UNO STILUM NELLA CARNE. 2017: DIARIO IMPIETOSO DI UNA CHIESA IN USCITA (E CADUTA) LIBERA

FATIMA, IL SEGRETO NON SVELATO E IL FUTURO DELLA CHIESA

SANTI INDEMONIATI: CASI STRAORDINARI DI POSSESSIONE

PADRE PIO CONTRO SATANA. LA BATTAGLIA FINALE

Padre Pío contra Satanás

Tag: , , , , ,

Categoria:

Questo articolo è stato scritto da wp_7512482

76 commenti

  • Gaetano2 ha detto:

    Eppure c’è qualcosa di molto positivo in tutto ciò. Grazie alle “dimissioni” di Papa Benedetto XVI, ora molti sono coscienti che la Santa Madre Chiesa da tempo era stata profanata ed invasa dai nemici. A molti, così, è stata data la Grazia di capire, soffrire ed agire, almeno, con la preghiera; e senza paura, Lui ha già vinto (giusto per evitare malintesi, “Lui” non è Bergoglio) e buonasera a tutti, Oh come sono spiritoso…

  • Claudius ha detto:

    Confesso che non riesco a trovare una spiegazione per questo attacco a Bergoglio da uno degli organi di stampa piu’ massonici del mondo, che fino a qui si era sperticato in elogi e apologi del Bergoglio. Evidentemente qualcosa e’ cambiato nelle centrali del potere nei suoi confronti, ma non e’ facile per noi capire esattamente cosa.
    Non credo che il motivo sia che per costoro Bergoglio e’ troppo poco rivoluzionario per i loro gusti. Si sarebbero attivati con le campagne diffamatorie molto prima.
    Secondo me la spiegazione piu’ plausibile e’ un’altra. Si sono resi conto della irrimediabile stupidita’ del personaggio. Uno cosi’ e’ una mina vagante anche per loro, dal momento che perde credibilita’ giorno dopo giorno e diventa sempre piu’ chiaro che sia un personaggio con deficienze caratteriali e umane che lo rende inaffidabile per la rivoluzione che hanno in mente i suoi padroni.
    Per esempio, questo scandalo dei preti pedofili che si e’ fatto scoppiare fra le mani in modo cosi’ maldestro (ha fatto tutto da solo) puo’ essere stata la goccia che ha fatto traboccare il vaso della tolleranza dei suoi sostenitori.
    Questa e’ la spiegazione piu’ probabile, secondo me.

    • anonimo verace ha detto:

      Claudius scrive : si sono resi conto della stupidità del personaggio… Non sono d’accordo. Bergoglio non è stupido, è inaffidabile per chi ipotizzasse di poterlo strumentalizzare. Insomma cerca di fare il furbo, ovvero di fare fessi quelli che Claudius ipotizza essere i suoi mandanti. La mafia di san Gallo siamo sicuri che fosse una mafia massonica ? Personalmente ho molti dubbi. Probabilmente filo comunista. E negli ultimi mesi è venuto a mancare, oltre al paio dei cardinali dei dubia, anche un altro cardinale che di certo aveva lavorato, insieme alla mafia di San Gallo, per l’elezione di Bergoglio. Trattasi del cardinal Tauran, morto lontano, in un convento in America, se ho letto bene, in un convento di suore. La sua salma poi è stata trasportata a Roma dove sono state celebrate le esequie nella basilica di San Pietro, alla presenza di Bergoglio. Se l’unico fiancheggiatore veramente massonico della mafia di san Gallo fosse stato Tauran ? Si capirebbe l’ira dei confratelli.

  • Lucy ha detto:

    Quanto a falsificare le scritture Bergoglio è un maestro, nel male ;oltre al recente travisamento von la tecnica del taglia e cuci di cui ha parlato ieri Deutero c’è anche ( tra i tanti )questo che mi ero segnata
    Il4/9/2014 in base al cambiamento che voleva portare avanti riscrisse le parole di San Paolo attribuendogli testualmente queste parole che -disse- “scandalizzano ” e cioè :” io mi vanto soltanto DEI MIEI PECCATI ” e concluse invitando i presenti a VANTARSI DEI PROPRI PECCATI in quanto perdonati dalla croce di Cristo.
    Ora in nessuna delle lettere di san Paolo si trova una simile espressione.Piuttosto dice ;” se è necrssario vantarsi mi vanterò delle mie debolezze (2 cor.11/3) dopo aver elencato tutte le traversie della sua vita:incarcerazioni,fustigazioni , naufragi.Così pure 2Cor 12/5 e 12/9.
    Del resto i termini che Bergoglio traduce volutamente travisando , sono in greco ” asthenia” e in latino ” infirmitas” che indicano debolezza in senso fisico non morale.
    Non sono le parole di San Paolo a scandalizzare ma le sue.

    • deutero.amedeo ha detto:

      E non solo scandalizzare. Ormai più nessuno di noi può sentirsi confermato nella fede, e quando preghiamo per il Papa e per la chiesa non sappiamo più per chi e per che cosa preghiamo.

  • Ángel Manuel González Fernández ha detto:

    Caro Direttore:
    Tornare a ricordare:
    Il Papa Frencesco e l’abuso sessuale del clero in Argentina:
    http://www.bishop-accountability.org/Argentina/
    “Il Papa ha coperto il curato che abusò di mio figlio”:
    https://www.publico.es/internacional/papa-encubrio-al-cura-abuso.html
    JORGE MARIO, FRANCESCO, CO ME SATANA È “BUGIARDO DALL’INIZIO, E NON C’È VERITÀ IN LUI ” Giovanni 8: 44.

  • Monica ha detto:

    E accordo fu:

    http://press.vatican.va/content/salastampa/it/bollettino/pubblico/2018/09/22/0673/01468.html

    Addio Chiesa Cattolica Apostolica, ora c é l eccezione cinese.

    • Lucia ha detto:

      Quella cinese secondo me non e un eccezione , adesso “comandano” le singole conferenze episcopali che danno una connotazione ” statuale” diversa l una dall altra, le chiese italiane e francesi ad esempio sono ben diverse da quelle polacche e ungheresi.Siamo al nazionalismo delle chiese ormai e sinceramente non so quanti anni occorreranno per tornare ad essere UNA Santa, Cattolica , Apostolica .Ciao

  • Lucis ha detto:

    La mia impressione è che ora i poteri mondani vogliano togliere di mezzo Bergoglio perché per loro non fa abbastanza per distruggere la Chiesa uniformandola alla mentalità del mondo. Dando un’occhiata agli articoli passati di questa rivista tedesca mi sembra del tutto uniformata alle tendenze anticristiane.
    Insomma: vogliono affossare Bergoglio per metterne uno perfino peggiore!!
    Vedremo come va a finire

    • GMZ ha detto:

      Bergoglio non sta facendo abbastanza? Con il suo magistero ha fatto più di chiunque altro nel modernizzare la Chiesa: degno discepolo di Giovanni XXIII. O ci sfuggono: lo “sdoganamento” dell’adulterio effettuato in Amoris Sporcizia, la “pagliaccizzazione” del matrimonio colla ridicola celebrazione in volo, la benevola protezione accordata ai mariomieli in clergy, le pedate ai frati immacolati et contemplativi assortiti, la “episcopizzazione” del magistero, lo stravolgimento del messaggio di Fatima, i pranzi in cattedrali trasformate in latrine a tre navate, la manipolazione dei sinodi ricalcata sulla manipolazione del CVII operata dal massone pacioccone… Vado avanti? Altroché se il Bema sta portando avanti l’agenda del mondo, altroché…!

      • Lucis ha detto:

        Certo che lo sta facendo. Ma i progressisti ultra mondani non sono ancora contenti. Bisogna per loro essere ancora più chiari e veloci per ‘modernizzare’ la chiesa. Un esempio? Un libro recente: ‘la Chiesa immobile’. Basta leģgere la presentazione su internet per vedere che gli ultra progressisti mondani non sono ancora soddisfatti. Vedremo che farà il prossimo papa se il Signore non dice basta.

      • Vito ha detto:

        @GMZ
        Intervento da applauso.
        Condivido al 100%

  • Paolo Giuseppe ha detto:

    @Astore
    In genere condivido i tuoi interventi, ma questa volta mi permetto di dissentire su un punto. Quando parli di immigrazione scrivi: “senza nessun riferimento alle eventuali cause (neocolonialismo, Soros, multinazionali…)”.
    Su una popolazione africana di circa 1 miliardo e 200 milioni, gli stati di appartenenza di 1 miliardo e 150 milioni di persone (96%) ha ottenuto l’indipendenza PRIMA del 1969, cioè oltre 50 anni fa.
    E, per fare un esempio, la Nigeria (quasi 200 milioni di abitanti) naviga su un mare di petrolio, eppure l’Italia è piena di nigeriani clandestini (pardon: richiedenti asilo a vita) nullafacenti.
    Morale: gli africani la smettano di dare sempre la colpa agli altri e si rimbocchino le maniche. E i preti (papa compreso) la smettano di predicare accoglienza indiscriminata citando il Vangelo a sproposito e affermando a sopracciglio alzato: “se non accogliete, non siete buoni cristiani”.
    Proviamo a togliere i 35 euro al giorno per immigrato e poi vediamo se la solfa dell’accoglienza da parte del buon cristiano continua.

    • Claudio Gazzoli ha detto:

      sottoscrivo…

    • Valeria Fusetti ha detto:

      Mi dispiace ma devo dissentire. Lei, come molte persone sottovaluta ampiamente la gravità della bomba su cui siamo seduti. Grazie ad una sinistra composta da ineffabili deficienti e una Chiesa che gioca al Titanic. Mi spiego: mio genero è Ghanese, di Akra, e per tutta la sua vita lavorativa ha fatto il biologo negli USA, un’ ottima carriera. È una persona che ha sempre accolto ed aiutato amici africani, a due condizioni: che avessero voglia di lavorare e/ o studiare e che non fossero Nigeriani. In generale,a parte le debite eccezioni, non hanno nessuna voglia di lavorare e si dedicano, con grande impegno, allo spaccio e allo sfruttamento della prostituzione. Sono molto pericolosi e violenti, e le loro organizzazioni sono diffuse da molto tempo nelle nostre città. I giovani africani che o non riescono ad andare fuori dall’ Italia, o non vanno a lavorare in campagna per pochi euro, sono il serbatoio della manovalanza di questi figuri. Lei pensa che veramente i vari “buonisti” nostrani ed europei ignorino questa realtà ? Be’ io no.E sono molto preoccupata.

      • deutero.amedeo ha detto:

        Più che una pre_occupazione (visto che l’occupazione c’è già stata ed è ancora in corso) qui occorrerebbe una pianificazione, che non è un guardare nella sfera di cristallo, ma è un decidere oggi che cosa fare oggi in vista di un obiettivo da raggiungere domani. Ma qui tra governanti e predicanti mi pare che in maggioranza stanno tutti guidando guardando nello specchietto retrovisore per trovare a chi dare la colpa.

    • virro ha detto:

      E’ andato in Lituania a dire “non abbiate timore dei diversi…
      Quali diversi, è lui il razzista e schiavista,
      è lui che sta togliendo la DIGNITA’ a questi migranti, giovani e forti tra i 15 e 35 anni, che possono lavorare bene nei propri paesi con le proprie famiglie e far crescere il proprio Stato,
      è da lui che non traspare mai il rispetto per la loro ANIMA ,
      ormai i piani Kalergi, CCCP, omogenizzazione dei popoli, delle culture, delle lingue delle religioni, è la sua mèta.
      e questa è la SUA “evangelizzazione”, non la SALVEZZA Eterna delle anime,
      Quanto c’è da dire!!!!!!!!
      Ma quanto dovrà rendere conto a Dio per strapazzare così tanto i figli della Chiesa?
      Convertici Signore.

  • zuzzerellone alias belinun ha detto:

    e mentre noi continuiamo a domandarci perchè Bergoglio abbia coperto gli omosessuali, la Chiesa cinese viene venduta al nemico. Non parlate di massoneria, ma di filocomunismo. Forse per i massoni è importante che tutte le religioni siano egualmente libere, mentre per le dittature comuniste, ancorchè padrone di mezzo mondo, è necessario che le religioni siano sottomesse al potere statale. Per chi si occupa della Russia c’è una parola che indica questa situazione. La parola è sergianismo. Ma non importa a nessuno.

  • Teofilo ha detto:

    Bingo, Dott. Tosatti. Come avevo auspicato, ora alcuni giornalisti stanno incominciando a scavare in Argentina e stanno iniziando a venire a galla i primi schelettrini. E quando si inizierà a toccare anche l’enorme affaire di Don Virgilio Yorio e don Francisco Jalics ….

    • Ricardo ha detto:

      “Come crede possibile che con addosso accuse di questo peso, Bergoglio abbia potuto proseguire una carriera ecclesiastica di successo ?
      Nella sua storia c’è un fatto strano. Nell’89 si ritira in un monastero sulle colline fuori Cordoba. Chi lo ha visto in quel luogo dice che era taciturno isolato e soprattutto privo del potere che aveva accumulato fino a quel momento. È la fase meno nota della sua vita, poi, arrivò una lettera del cardinal Sodano, diceva : «Tutto a posto, puoi uscire, sei vescovo».

      Ed ora che pontificato si attende da uno come Bergoglio ?
      Il Vaticano deve affrontare molti problemi e lui è la persona più adatta a risolverli : non ha alcuna pietà e probabilmente questo gli servirà a fare ordine.

      Crede che il mondo sappia chi si trova davanti ?
      No, credo che non ne abbia la minima idea. È il papa e la gente piange e applaude, ma Bergoglio è un angelo e un demone al tempo stesso. Sarebbe capace di vegliare un infermo per notti intere o di tramare nell’ombra per eliminare un concorrente scomodo. Soprattutto per questo va temuto.”

      https://comune-info.net/2013/03/il-mondo-non-sa-davvero-chi-sia-il-nuovo-papa/

      • Ángel Manuel González Fernández ha detto:

        @RICARDO:
        “Posso farlo, posso farlo”:
        82ª ego intervista:
        14 de marzo de 2018, encuentro-entrevista con sacerdotes y párrocos:
        “Es curioso, esta etapa me encontró en el momento de dejar un cargo de gobierno. Apenas ordenado, me nombraron superior al año siguiente, maestro de novicios, luego provincial, rector de la facultad … Una etapa de responsabilidad que comenzó con cierta humildad porque el Señor fue bueno pero luego, con el tiempo, te sientes más seguro de ti mismo: “Puedo hacerlo, puedo hacerlo …” es la palabra que se me ocurre. Uno sabe cómo moverse, cómo hacer cosas, cómo administrar … Y todo eso se acabó, tantos años de gobierno … Y allí comenzó un proceso de “pero ahora no sé qué hacer”. Sí, ser confesor, terminar la tesis doctoral, que estaba allí y que nunca discutí. Y después empiezas a reconsiderar las cosas. El tiempo de una gran desolación, para mí. He vivido ese tiempo con gran desolación, un tiempo oscuro. Pensé que ya era el final de la vida; sí, era un confesor, pero con un espíritu de derrota. ¿Por qué? Porque creía que la plenitud de mi vocación…Y luego, una llamada telefónica del nuncio abrió otra puerta”:
        http://press.vatican.va/content/salastampa/es/bollettino/pubblico/2018/02/15/sac.pdf

  • Astore da Cerquapalmata ha detto:

    La malattia dei progressisti di oggi è, usando un temine amato da Papa Francesco, la MONDANITA’.
    Lui forse non è d’accordo, ma i progressisti sono i più mondani.
    La loro fede, ormai, non è più fede, cioè un dono SOPRANNATURALE a cui si dà l’assenso della volontà, ma è convinzione umana. Come la “fede” degli islamici. Infatti la fede dei progressisti assume le caratteristiche dell’ideologia, cioè si è ormai fatta IDEOLOGIA.
    Se così non fosse i progressiti cattolici sarebbero critici su molti temi coi laici come la Bonino, e invece aderiscono a tutto il “pacchetto” progressista.Basta paragonare le dichiarazioni dei Vescovi sull’immigrazione con quelle sull’ABORTO: la prima è un tema giornaliero, fino a rasentare l’ossessività, di aborto si TACE.
    E quando sono “costretti” a parlare di VITA, come per la Giornata della Vita, c’è sempre un riferimento agli immigrati, mentre quando si parla di immigrazione, nessun accenno all’aborto.
    Non solo: i Vescovi minacciano l’inferno a Salvini (“Ero forestiero e non mi avete accolto…”) ma si squagliano davanti alla Bonino, come se Gesù non intendesse dire anche: “Ero bambino e mi avete ucciso”
    E mentre il MOVIMENTO PER LA VITA cerca di salvare vite ma, anche, di rimuovere le cause dell’aborto attraverso la cultura della vita, i Vescovi italiani parlano di traversate su barconi come una prassi NORMALE (guai a dire che è un’emergenza), senza nessun riferimento alle eventuali cause (neocolonialismo, Soros, multinazionali…).
    Cioè, in pratica sembra che per i Vescovi se i migranti fossero morti di aborto, non ci sarebbe stato nessun problema, ma visto che non sono stati abortiti, si devono “accogliere” in Italia e lasciati marcire davanti alle stazioni… In fondo “ci si guadagna più che con la droga” (Buzi – Mafia capitale)

    • Adriana ha detto:

      Astore,
      dall’oro nero alla polvere bianca ,dalla polvere bianca all’oro nero.
      Un bel pendolarismo…

    • Lucia ha detto:

      Caro Astore al discorso che lei ha fatto su aborto e immigrazione , mi permetto di aggiungere leggendo i commenti sia su il Giornale che sulla pagina di Salvini che oltre al fatto che a causa della predicazione pro – migranti h 24 con relative accuse di razzismo da parte di zanotelli , biancalani & co , molti hanno perso la fede , perche si chiedono ” ma la fede adesso e questo: i migranti? “, c e un altra problematica , adesso per l Africa molti di destra chiedono che si sommerga l Africa di preservativi e si faccia pressione affinche si controllino le nascite con metodi alla cinese e non si diano aiuti anche alimentari finche le famiglie africane non smettano quasi in toto di avere figli , cose a cui prima quelle stesse persone erano contrarie ed e quello che le ong e l onu tra l altro gia fanno(!) obbedendo ai diktat di soros & co.

  • Astore da Cerquapalmata ha detto:

    Al di la del racconto di Mons. Viganò, del resto molto plausibile, anche perché gli ha cambiato la vita in peggio e avrebbe avuto tutto l’interesse materiale a tacere, che il Papa non potesse non sapere di McCarrick appare quasi scontato perché SICURAMENTE Papa Benedetto ha lasciato tutte le sue carte a disposizione di Papa Francesco.
    Alla luce, poi, dell’inchiesta di DER SPIEGEL, a quanto pare molto ben documentata e accompagnata da TESTIMONIANZE, l’omertà dell’attuale pontefice verso i degenarati è proprio un “vizietto”

  • deutero.amedeo ha detto:

    E intanto il DEMAGOGO ha colpito ancora, con i soliti tag .

    http://w2.vatican.va/content/francesco/it/speeches/2018/september/documents/papa-francesco_20180922_autorita-vilnius-lituania.html

    Sotto un noce secolare, seduto sulla panchina fatta da suo nonno (classe 1850), Scarpe Grosse non riesce nemmeno più a mangiare. Dai, fategli coraggio!….

    • Adriana ha detto:

      Deutero ,Deutero ,
      c’è una consolazione : letta una le hai lette tutte. La valigetta del piccolo mago ha un doppio-fondo ormai esaurito.
      :-)) ((-:

        • deutero.amedeo - scarpe grosse ha detto:

          Pota, gh’ét capìt o no che a lu dei lituani che i è quater gacc ghè n’importa ‘n fic, ma l’è indat là per dì ‘ste quater bale de l’acogliensa ?

          • Adriana ha detto:

            Deutero,
            credo che qua l’abbiano capito tutti. Il piccolo mago è immigrazionista ,buonista , globalista, islamofilo,democrat-generalista. Vive in mezzo a un nido affollato da cornacchie sinistre ,autoreferenziali e mediocri , aggrappate ai loro privilegi. Vive in un nido che puzza. La gente lo sente e -pare- ne sta alla larga sempre più. Per la Chiesa …oremus.

          • Paolo Giuseppe ha detto:

            Ha ragione Adriana: letta una le hai lette tutte.

          • anonimo verace ha detto:

            ma se i lituani fossero stati felici di avere dei russi tra loro, perchè, non appena è stato possibile, hanno cercato l’indipendenza dalla RuSSIA, PARDON, dall’URSS ?

          • deutero.amedeo ha detto:

            L’amico di Scarpe Grosse :- Pota! Con questo Papa qui, a forsa di farci dire pota, a Bèrghem c’è più gnà una pianta.-
            🙂

        • Adriana ha detto:

          Deutero,
          mi hai rimandato a un testo che, oltre a costituire la solita minestra,
          contiene una comicità intrinseca dovuta alla sua illogicità. In sostanza :
          il mago piccolo (Merlino era grande al confronto) incita ad abbattere la Porta della Madonna (porta sopravvissuta al muro di cinta difensivo) per costruire i soliti ponti per i soliti clandestini colorati ! Eh,certo : una cosa sono i MURI di una città o di uno stato -altro-, una cosa i Muri di casa sua da difendere con telecamere di sicurezza e ” soldataglia” come anche le MURA del Vaticano .:-)))

          • deutero.amedeo ha detto:

            L’osservatore di Bergamo news: La madonna MATER MISERICORDIAE compare a Caravaggio – confusione della madonna…

  • marco g. ha detto:

    Una pista da approfondire….
    Che ne pensa dott. Tosatti? Qualcosa sta subendo forse un’accelerazione?
    E l’accordo provvisorio con la Cina?

    Le news che circolano in Germania parlano di cose gravi, le lettere fra i 2 sono molte e dall’epistolario ogni tanto emerge qualche inquietante particolare, come il timore di essere avvelenato dopo che, dalle analisi del sangue eseguite per la sostituzione dei pacemakers, si notava una notevole presenza di tracce di piombo, dalla Baviera venne inviata una commissione apposita per controllare il tutto e a quanto pare qualcosa dev’essere emerso, parlo del gennaio 2013, in febbraio BXVI se ne va, PERCHE’? Pressioni di ogni tipo, timore di uno scisma che non poteva più essere evitato, non volere essere considerato storicamente il papa tedesco che distruggeva la chiesa cattolica, alla fine, nello stralcio della lettera pubblicata da Bild, dice testualmente ‘Avevi una soluzione migliore da prendere, ti prego, dimmelo’ poi invita a pregare per la chiesa……..

  • Astore da Cerquapalmata ha detto:

    Il sito ALETEIA dice che Papa Francesco è il Papa adatto ai nostri tempi.
    Può essere, ma l’affermazione è una pura illazione. Mi sembra più che fede, fideismo. Nel secolo X venne eletto Papa un bambino di 10 o 12 anni. Non era sponsorizzato dalla mafia di San Gallo, ma dalla madre. Forse anche lui era il Papa migliore per quel tempo.
    Io so solo che Dio agisce sempre in modo diverso, che alla fine tutto concorre al bene di coloro che egli ama e che Papa Francesco è il vero Papa. Spero sia il Papa più adatto…
    Lo ritengo in buona fede, ma ritengo anche che abbia sbagliato e che abbia coperto quello che dice di voler combattere con tolleranza zero: gli atti di pedofilia.
    E’ il vero Papa perché lui non ha partecipato a nessun complotto per essere eletto (tra l’altro non ci sono le prove).
    Io sono convinto che non è massone: semplicemente ha idee di sinistra compatibili con quelle dei massoni.
    Quello però che non capisco è perché TACE. Potrebbe dire: “Ho sbagliato, ma in buona fede. Non potevo credere che quel sacerdote fosse un pedofilo. Pensavo a delle calunnie contro la Chiesa come avvenute in passato…”.
    Ma preferisce tacere anche, forse, a costo di dare scandalo.
    Ma chi scandalizza anche uno solo di questi piccoli…

    • Adolfo ha detto:

      “Lo ritengo in buona fede, ma ritengo anche che abbia sbagliato”
      “Quello però che non capisco è perché TACE”

      Non lo capisci, perché ritieni Francesco in buona fede.

      Chi è davvero in buona fede, non solo non ha paura della verità, ma ha tutto l’interesse a parlar chiaro, e a operare alla luce.

      Chi è davvero in buona fede, non manipola sistematicamente il Vangelo per giustificare il proprio silenzio. Silenzio che, in certi contesti, non è virtù, bensì omertà.

      • deutero.amedeo ha detto:

        In quanto a falsificare le scritture J.M. Bergoglio SJ è peggio (ed è tutto dire ) dei Testimoni di Geova.

        • Mazzarino ha detto:

          Bergoglio: bugie e tradimento continue da quando è apparso sul balcone. Purtroppo è divenuto papa, anche se lui non ha mai voluto esserlo, per ignavia dei cardinali che lo hanno lasciato sul trono per troppo tempo. Ha già distrutto Papato e Santa Romana Chiesa. Passerà alla storia come Sua Falsità.

        • Mazzarino ha detto:

          Bergoglio: bugie e tradimento continue da quando è apparso sul balcone. Purtroppo è divenuto papa, anche se lui non ha mai voluto esserlo, per ignavia dei cardinali che lo hanno lasciato sul trono per troppo tempo. Ha già distrutto Papato e Santa Romana Chiesa. Passerà alla storia come Sua Falsità. E pensare che pentendosi potrebbe ancora salvarsi. Sono i cardinali che lo hanno reso papa che, dormendosela, rischiano di più.

  • Gino ha detto:

    L’rticolo di Der Spiegel sembra la descrizione del cap. 18
    di Apocalisse… “Caduta di Babilonia la grande” ….ma
    nn è questo papa l’anticristo…lui gli sta’ solo spianando la strada… a Gerusalemme è immininente la costruzione del terzo tempio…

  • Gino ha detto:

    L’rticolo di Der Spiegel sembra la descrizione del cap. 18
    di Apocalisse… “Caduta di Babilonia la grande” ….ma
    nn è questo papa l’anticristo…lui gli sta’ solo spianando la strada… a Gerusalemme è immininente la costruzione del terzo tempio…

    • deutero.amedeo ha detto:

      Rientrando di notte, silenziosamente, per no svegliare i genitori, il figlio ubriaco passa davanti al grande orologio a pendolo situato nell’ingresso. E l’orologio fa : Bong , Bong, Bong .
      Il giovanotto arrabbiato, dà un calcio all’orologio e dice: – Lo so che è l’una ed è inutile che me lo dici tre volte!-
      🙂

  • QB ha detto:

    EC: l’incipit del Der Spiegel è di un articolo di ieri (22.9) intitolato “pesanti accuse contro Francesco: non gli ho creduto sin dall’inizio”. Comunque riservato agli abbonati.

  • QB ha detto:

    Questo l’incipit dell’articolo di der Spiegel (il resto è in abbonamento, purtroppo).

    “A inizio pontificato, Papa Francesco aveva promesso un cattolicesimo rinnovato e aperto al mondo. Dopo cinque anni e mezzo e numerosi casi di abusi, la Chiesa si trova nel mezzo della sua più grande crisi.
    Lo stato Vaticano è scosso da un terremoto del quale non si è individuato l’epicentro. Dietro le alte mura, nello stato della Chiesa domina il silenzio. Le tende alle finestre dell’appartamento papale a Santa Marta sono chiuse, una guardia svizzera vigila l’ingresso, un gendarme pattuglia l’area. La stanza dei bottoni della Chiesa mondiale somiglia a una fortezza.
    Solo oltre le porte chiuse cardinali e vescovi si aprono. Parlano di quanto è accaduto e che sta scuotendo la Chiesa dalle sue fondamenta.”

    • Virro ha detto:

      E questo è IL Vicario di Gesù?!,
      I suoi porta voci: bisogna costruire ponti e demolire muri.
      Le sue omelie sono frecce infuocate contro coloro che LUI, li ha inquadrati “nemici”,
      Lui l’uomo della misericordia senza “la conversione ”
      Lui l’uomo che sollecita i migranti, e questi affogato in mare, ma sono “attori ” pagati
      Gesù È la Verità, ma lui LA nasconde continuamente , perché È complice di menzogne e abusi (e ciò che ancora non si sa’? )
      Non abbiamo ancora sentito parlare P. Bartolomeo Sorge,
      Mi piacerebbe sentire il suo pensiero. Chissà! !!!

  • a mano e in lavatrice ha detto:

    non dimentichiamo che inzoli era di COMUNIONE E LIBERAZIONE, era uno dei capintesta del BANCO ALIMENTARE, e era chiamato ‘don mercedes’ perché amava le cose di lusso, tipo rolex e vacanze in yacht di lusso

  • Donna ha detto:

    “…Ascolta, o Dio, la voce del mio lamento, dal terrore del nemico proteggi la mia vita. Tienimi lontano dal complotto dei malvagi, dal tumulto di chi opera il male. Affilano la loro lingua come spada, scagliano come frecce parole amare per colpire di nascosto l’innocente; lo colpiscono all’improvviso e non hanno timore. Si ostinano a fare il male, progettano di nascondere tranelli; dicono: «Chi potrà vederli?». Tramano delitti, attuano le trame che hanno ordito; l’intimo dell’uomo e il suo cuore: un abisso! Ma Dio li colpisce con le sue frecce: all’improvviso sono feriti, la loro stessa lingua li manderà in rovina, chiunque, al vederli, scuoterà la testa. Allora ognuno sarà preso da timore, annuncerà le opere di Dio e saprà discernere il suo agire. Il giusto gioirà nel Signore e riporrà in lui la sua speranza: si glorieranno tutti i retti di cuore (Sal 64 (63) 1-11)
    ….,..pian piano la verità esce , e chi non la vede è perché non vuole vederla.

    • deutero.amedeo - biblista ha detto:

      @Donna
      “pian piano la verità esce , e chi non la vede è perché non vuole vederla.” tu dici. Ma la verità non uscirà mai dalla bocca di Papa Francesco.
      Esempio?
      Stamattina il Papa in viaggio per la Lituania ha mandato un video messaggio ai PARTECIPANTI AL CONVEGNO INTERNAZIONALE SU
      “IL CATECHISTA, TESTIMONE DEL MISTERO”. Qui il link :
      http://w2.vatican.va/content/francesco/it/messages/pont-messages/2018/documents/papa-francesco_20180922_videomessaggio-catechisti.html

      Ad un certo punto del messaggio si legge: – Non si può, ad esempio, anteporre la legge, fosse anche quella morale, all’annuncio tangibile dell’amore e della misericordia di Dio. Non possiamo dimenticare le parole di Gesù: “Non sono venuto a condannare, ma a perdonare…” (cfr Gv 3,17; 12,47)-

      Bene. Vangelo di Giovanni alla mano andiamo a vedere:

      Gv 3,17 – Dio non ha mandato il Figlio nel mondo per giudicare il mondo, ma perché il mondo si salvi per mezzo di lui. –
      Gv 12,47 – Se qualcuno ascolta le mie parole e non le osserva, io non lo condanno; perché non sono venuto per condannare il mondo, ma per salvare il mondo. –
      Ma poi udite udite che cosa Gesù ha aggiunto ( e il Papa non ha detto )
      [Gv 12,48] -Chi mi respinge e non accoglie le mie parole, ha chi lo condanna: la parola che ho annunziato lo condannerà nell’ultimo giorno.-

      Perdono????? Sì ma non per tutti, men che meno per i bugiardi impeninenti, falsi annunciatori di Cristo. Mah

      • deutero.amedeo - biblista ha detto:

        PS : La parola “perdono” almeno fino ad oggi 22 settembre 2018 (82.mo post Bergolium natum) è presente 27 volte, ma nel Vangelo secondo Giovanni c’è 0 (dicasi zero) volte!

        AD MELIORA!!!!!

        • Donna ha detto:

          @ deutero
          Non mi riferivo alla verità di Bergoglio, ma alla Verita in senso ampio…. la Verità che non potrà essere tenuta nascosta, perché essa prima o poi rompe gli argini, rivelando il mistero di iniquità; quella verità che tutti aspettiamo, non per ergerci a giudici, ma per amore della vera e dico vera Misericordia, mai separata dalla vera Giustizia. Troppe le sofferenze inferte da pastori lupi travestiti da agnelli, la verità pian piano risale la superficie, e nessuno potrà impedirlo, ne Bergoglio (spero per lui non ci provi )ne altri, perché la Verità, quella con la V maiuscola appartiene solo a Dio.

          • deutero.amedeo ha detto:

            @Donna. Dici bene, ma ti sei accorta che questi furbacchioni piano piano stanno sostituendo la parola “Verità” con “Veridicità” che non sono affatto sinonimi?

  • GMZ ha detto:

    Chissà se l’inchiesta de Der Spiegel darà la sveglia ad altri giornalisti – rigorosamente non italiani, ché qui è fuori discussione che qualcuno solamente possa azzardare una domandina scomoda al misericodioso (eccezion fatta per i soliti Tosatti, Valli, Magister e compagnia bella).
    Ossequi.

    • Maria Cristina ha detto:

      Gia’ vedremo se questa inchiesta giornalisticamente e oggettivamente molto importante sara’ ripresa e rilanciata da qualche vaticanista italiano sempre pronto a scrivere di qualsiasi bazzecola e quisquilia ( per non dire pinzillacchere come Toto’ ) riguardi Sua Santita’ Francesco Primo.
      Non credo che il sito che fa capo a quello che qualcuno ha definito “ AndreonzoPiegakukkiai” ne fara’ cenno, ne’ tanto meno il Sismografo, o il buon Luigi Accattoli, o il giovane e volonteroso Paolo Rodari. Si parlera’ della entusiastica accoglienza in Lituania ( entusiastica di default come ogni viaggio del Papa) e delle entusiastiche manifestazioni di infine ammirazione ed affetto verso il caro pontefice da parte dell’ intero mondo,
      Qui da noi in Italia vige ancora la regola rinascimentale : del Principe l’ intellettuale non puo’ che essere Cortigiano.
      Tosatti ed altri non seguonoquesta regola : sorge un sospetto, ma sono davvero italiani?
      🙂

      • Zuzzerellone ha detto:

        Chissà… forse Tosatti ha respirato un po’ di aria di Zena… di quella di un tempo, però.

      • GMZ ha detto:

        Cara MC,
        ne faranno cenno, sì, per spiegare ai loro lettori che son calunnie e che tutto rientra nello schema di attacco dei plotoni conservatori guidati da Burke e Viganò!

        Ora godiamoci il volo di ritorno dalla Lituania, durante il quale il papa potrà schivare qualsiasi domanda “insidiosa” rimandando il renero Giacomo di turno al comunicato di imminente diffusione…
        Dopodiché, speriamo che escano le carte!

  • BrokenOutInLove ha detto:

    Magari è soltanto una mia congettura, ma sarà un caso che un giornale “mainstream” come Der Spiegel scarichi Bergoglio dopo che questi ha frenato i vescovi tedeschi sull’intercomunione?

    Resto ancora convinto che dietro agli ultimi scandali emersi, oltre all’indubbio coraggio di alcuni sacerdoti come Don Viganò, ci sia anche la regia di larghi settori massonici delusi da questo pontificato.

    Dato che il loro padrone (il demonio) è consapevole che prima o poi verrà clamorosamente sconfitto e deve quindi giocarsi in fretta tutte le sue carte, questi signori avvertono l’urgenza di distruggere quanto prima la Chiesa cattolica e rimproverano a Bergoglio una certa timidezza nel “portare avanti le riforme”, come se i disastri compiuti in questi 5 anni non siano abbastanza.

    Perciò ritengo che nessuno debba illudersi che una volta uscito il pontefice regnante dalla scena tutto ritorni come prima: la battaglia finale descritta in Apocalisse 12 tra la Donna Vestita di Sole e il drago infernale è appena entrata nella sua fase decisiva.

    La Chiesa dovrà ancora affrontare numerose e dolorose prove, a noi il compito di pregare e combattere perché i danni possano essere limitati e si accorcino i tempi che ci separano dal Trionfo del Cuore Immacolato di Maria.

    • GMZ ha detto:

      Dai, lei sta cercando di istillare il dubbio nella platea di Stilum: spettro o qualcos’altro, non abbocchiamo.
      L’agenda massonica va avanti spedita: due sinodi per spappolare il matrimonio, a breve due altri sinodi per omosessualizzare il magistero e mandare alle ortiche il sacerdozio.
      Ossequi.

      • Fabrizio Giudici ha detto:

        L’osservazione potrebbe essere pretestuosa, ma bisogna cercare di capire tutto nei dettagli. Può essere che i massoni abbiano un piano a tappe: una era instaurare una gerarchia corrotta che potesse causare danni così pesanti che ci vorrà lungo tempo per ripararli, e questa tappa è stata raggiunta con grande successo; ora, forse, si prosegue con un’altra tappa, che è quella di demolire le pedine che loro stessi hanno manipolato sinora, sperando che il loro crollo personale si porti dietro anche l’ufficio che rappresentano. In altri termini: può essere che ora inizino ad attaccare Francesco, che ormai ha quasi esaurito il suo compito, anche per attaccare l’Ufficio Petrino.

        Non a caso su certi blog “ortodossi” ogni tanto si infila qualche protestante che cerca di pescare con la rete a strascico.

        Noi dobbiamo stare molto tranquilli e non avere paura della verità; mantenere fiducia nelle promesse di Cristo, nella Chiesa Corpo Mistico che, Sua Sposa, è perfetta, e distinguere sempre tra la sua parte soprannaturale e quella umana.

        Dunque, che le inchieste facciano il loro corso e speriamo di essere liberati presto dai prelati indegni, di ogni ordine e grado. Stiamo semplicemente attenti a come le cose si evolvono, ricordando che non abbiamo molti amici là fuori: si seguono finché raccontano la verità, si mollano nel caso iniziassero a raccontare altre cose.

        • asdfsdfg ha detto:

          Io ho mollato quasi subito dopo l’elezione, don Livio Fanzaga, dopo qualche anno don Leonardo Maria Pompei. Vediamo in futuro se sarà necessario allontanarsi da altri.

      • BrokenOutInLove ha detto:

        Secondo il mio modesto parere credo che lei sottovaluti la furia distruttrice del maligno e il veleno satanico che sparge nelle anime degli eretici.

        Questi ultimi, istigati dal loro padrone, sono come belve fameliche, mai sazie di dare l’assalto alla sana dottrina cattolica.

        Pertanto io non trascuro gli aspetti che lei ha correttamente evidenziato, tuttavia le picconate date sinora e quelle che si stagliano all’orizzonte, sono soltanto l’inizio dell’assalto decisivo del demonio contro la Chiesa. Basta leggere con attenzione le Scritture e le profezie per rendersene conto.

        Io non voglio spargere nessun dubbio o confusione tra i lettori di Stilum Curiae, al contrario auspico di mettere in guardia sulle prove che ci attendono, in modo da intensificare le nostre preghiere affinché si possano salvare tante anime e si riesca ad abbreviare il tempo che ci separa dalla vittoria della Vergine Santa.

  • Sulcitano ha detto:

    Che tristezza e da veri Cristiani, che dolore cari amici di Stilum Curiae. Sta diventando ogni giorno di più una “endeless story”.È una mefitica storia che si espande a macchia d’olio “urbi et orbi”, creando scandalo, minando la fede di molti nella Chiesa. I filo bergogliani abbondano in tutti gli ambienti. Li rispetto ma non li comprendo. Mi auguro che anche loro si uniscano con la preghieta dei più, perché la Chiesa sia resa libera dai tanti personaggi che la stanno deturpando con i loro satanici scandali.
    SIA LODATO GESÙ CRISTO!

  • Adriana ha detto:

    Parolin….forse quel Pietro Parolin di cui il Card. Zen avrebbe chiesto le dimissioni per mancanza di Fede ? Vedasi la precedente comunicazione di Paolo .

    • Claudius ha detto:

      scusa ma quale sarebbe la “precedente comunicazione di Paolo”?

      • Adriana ha detto:

        Al termine delle risposte al precedente articolo di M,Tosatti : ” Un mese du Viganògate”,compare- sotto il nick Paolo- quanto riportato .

      • Adriana ha detto:

        Claudio,
        ho scoperto che ” Paolo” si riferiva al documentato articolo di Aldo Maria Valli del 22/09/2018. Ma l’avrai scoperto anche tu. Se per i Cinesi è ancora valido l’imperativo di ” non perder la faccia “,per loro la neo-chiesa l’ha persa !

  • Sconsolata ha detto:

    In attesa di leggere tale “risposta”, ricordando che a padre Spadaro confidò di aver letto tre volte ” I promessi sposi”, temo di ritrovarvi lo stile del «sopire, troncare… troncare, sopire…».
    Quanto alle lettere di Benedetto saltate fuori negli ultimi giorni e datate circa un anno fa, mi chiedo «cui prodest?». Forse che una qualche “manina” abbia voluto lanciare una ciambella di salvataggio a qualche naufrago in difficoltà?
    A proposito della lettera di Ratzinger, in un articolo su “La Verità” di ieri, il seguente stralcio forse lascia uno spiraglio alla speranza che in America si vada oltre “il silenzio e la preghiera”: “…è significativo che i vescovi statunitensi proseguano nell’intento di indagare, affidando il compito a «esperti laici in settori pertinenti, come le forze dell’ordine e i servizi sociali». Per di più l’indicazione arriva dopo che il presidente della Conferenza episcopale Usa, il cardinale Daniel DiNardo, è stato ricevuto dal Papa”.

    • Lucia ha detto:

      Cara Sconsolata credo che il povero Manzoni non avrebbe mai scritto quelle parole del conte zio se avesse saputo che qualcuno ne avrebbe fatto un uso concreto , per cosi dire , io non sono una buona lettrice , ma i Promessi sposi l ho letto credo 12 volte eppure non ho mai pensato di attuare nella mia vita i discorsi tra se e se di don Abbondio , ne le lagne di Perpetua e le prediche di Donna Prassede .Si vede che sono stupida !! Non onoro Manzoni! Ma secondo lei davvero il Papa ha come modello di governo della Chiesa il conte zio? Vabbe che entrambi parlano spagnolo , ma altri personaggi , un po meno “lecchini”
      scarseggiano nella letteratura internazionale? Mah.Ciao

  • deutero.amedeo ha detto:

    Dio solo sa quanto vorrei che fosse tutto un brutto sogno. Invece tutto converge nel far pensare male e far presagire il peggio. Pensare ad un domani senza più fede è un rivivere in noi pochi fedeli rimasti l’agonia di Gesù nel Getsemani.

  • Francesco ha detto:

    E’ davvero confortante constatare che, se pure in rarissimi casi, c’è ancora al mondo qualche giornale / rivista autorevole e diffuso /a in cui si ha ancora il coraggio della verità, anche nei casi in cui questa è scomoda e non alla moda …
    Meno male. Forse, non tutto è perduto …
    Il servizio menzionato valga pure da lezione ai tanti servi dei giornali e delle tv nostrane …